Feder Notizie

 

Embed or link this publication

Description

Feder Notizie Settembre ottobre 2014

Popular Pages


p. 1

Feder sett-ott 2014 cav-mpv Notizie Pensiamoci! Il ruolo del volontario anziano Sono tanti i volontari anziani nei nostri Cav e nei nostri Mpv! Fra questi (e certo non si offende di essere così “classificato”), Ubaldo Camilotti. In questo numero di Federnotizie – dedicato soprattutto alla riflessione sul nostro presente e sul nostro futuro – vogliamo valorizzare la sua vasta e meditata esperienza. Ecco intanto la sua riflessione sul ruolo del volontario anziano: “Certamente il MpV e i CAV hanno bisogno di nuove energie, di giovani – costanti e fedeli agli impegni presi - che sappiano riproporre il messaggio di sempre con stile nuovo, più accattivante, ma sempre diretto al cuore delle persone. Di fronte a questa esigenza si deve evitare di commettere l’ errore di una forzata rottamazione o quello di una spontanea autoesclusione del “Volontario anziano”. Si assiste infatti spesso da una parte a penose polemiche sull’ operato di alcuni volontari invocando le loro dimissioni (dimenticando così il lavoro svolto e le fatiche che anni di impegno gratuito hanno comportato), dall’ altro l’ uscita silenziosa del Volontario anziano che, lasciando incarichi di responsabilità esce dall’ Associazione di appartenenza e, letteralmente, sparisce nel nulla. A me pare invece che si debba promuovere, da un parte la rinuncia ad incarichi di responsabilità e rappresentatività a favore dei Giovani e dall’ altra al recupero dei Volontari anziani:  negli innumerevoli Servizi di cui l’ Associazione ha bisogno  e, soprattutto, nella Formazione e reclutamento dei nuovi volontari. E’ proprio la formazione, l’ attività dove l’ esperienza accumulata in tanti anni verrà valorizzata e riscoperta come importante risorsa, vero patrimonio dell’ Associazione”. Mettere in calendario! A Padova → Convegno regionale Cav-Mpv 26 ottobre Sessualità, contraccezione, aborto: gli adolescenti interrogano Info: http://www.mpv-cav.veneto.it 1

[close]

p. 2

Il cammino che abbiamo davanti Al Meeting del volontariato Sabato 20 Settembre ho partecipato al Meeting annuale del Volontariato trevigiano sul tema “VOLONTARI E VIANDANTI - Per le strade del mondo e del tempo a fianco della persona “ scelto con l’obiettivo di “essere a fianco della persona in un mondo che cambia-Condivisioni di riflessioni e stimoli a 10 anni dal primo Meeting del Volontariato” . Ne sono venuto via prima che terminasse con delle suggestioni che i due viandanti per le strade del mondo , Moni Ovadia e don Giuseppe Stoppiglia, mi hanno lasciato dentro e mi hanno allargato il cuore e proiettato verso un futuro, associativo e personale, fatto di domande ed interrogativi come periodicamente mi capita di vivere. Non credo di essere l’unico che ogni tanto pensa al senso di quello che sta facendo e di dove sta andando. E’ da un po’ che questo mi capita riguardo al “servizio alla vita fin dal concepimento” espresso nel volontariato con il Movimento per la vita, nella Federvita Veneto e, oggi più di ieri, nel Cav ed Mpv di Treviso. Dove sto e dove stiamo andando con il nostro servizio di aiuto alla vita iniziata in una mamma, per la unione con un papà, affinchè la difficoltà che troppo spesso nasce per motivi economici o per mentalità e cultura individualista non conduca alla scelta abortiva? E’ un servizio che risponde coerentemente al bisogno di proteggere e garantire la vita concepita, oppure fa altro? Quando sappiamo che il numero degli aborti si suddivide pressochè a metà tra le donne immigrate e quelle italiane e quando sappiamo che i Cav, aiutando le donne che si presentano alla sua porta, arrivano a “toccare” solo questa di Guido De Candia metà del bisogno di vita, non possiamo non pensare a come cosa altro serve fare per essere volontari che camminano a fianco della persona . Ecco allora la risposta immediata: ma è il Mpv che deve fare questo, è suo compito fare volontariato per la cultura della vita nella popolazione, nei giovani, nelle comunità civili e religiose, in tutti i luoghi di vita che sono fuori della sede del Cav. Ebbene direi che soprattutto oggi non è più sufficiente illudersi che sia questa la soluzione. Per motivi concreti e per questioni di senso. L’esiguità delle risorse, umane e finanziarie, domande che vi sia l’unione di quelle esistenti. Andare oltre la sede, il luogo specifico è indispensabile per incontrare la gente, le donne, la mentalità, la cultura , le opinioni che si frappongono alla pienezza di vita. E’ quindi arrivato il momento di pensare e condividere proposte e scelte concrete, perchè le nostre storiche forme istituzionali possono essere adeguate e cambiate. Il convegno del 26 ottobre, e la assemblea che ne seguirà il pomeriggio e quella annuale con il rinnovo degli associativi ne saranno le opportunità per tutti. Un libretto ci è stato regalato al meeting del volontariato: “questo libro è dedicato a tutti i cercatori di arcobaleni… I cercatori di arcobaleni sono quelle rare persone che sconfiggono la pioggia e riescono sempre a incontrare la speranza e la gioia dopo la tempesta. Cercano gli arcobaleni per farli vedere a quelli che non possono o non vogliono vederli. E’ l’augurio che abbiamo bisogno di farci a vicenda: ”Essere volontari viandanti … cercatori di arcobaleni”. 2

[close]

p. 3

Contraccezione e aborto, secondo Camilotti Il Convegno del 26 ottobre ci aiuterà a percepire vissuti, disagi, atteggiamenti, comportamenti giovanili in ordine a sessualità, contraccezione e aborto, con l’aiuto – fra l’altro - del sessuologo Gregorio Pezzato, che vanta una notevole esperienza di dialogo con gli adolescenti proprio su questi temi. Il nostro consigliere nazionale, ginecologo e ricercatore universitario Bruno Mozzanega ha proposto di dare seguito a questa iniziativa affrontando adeguatamente la questione della posizione del MpV in materia di contraccezione e difesa della vita. Sull’argomento, ripubblichiamo le note di Ubaldo Camilotti apparse l’anno scorso in Federnotizie. Contraccezione = prevenzione dell’I.V.G.? No Abitualmente si sente dire che per prevenire l' aborto è necessario diffondere sempre più l' uso dei contraccettivi. Questa affermazione è sbagliata. Prevenire l' aborto significa ben altro; significa anzitutto accogliere la Vita, cioè accettare il figlio che c'è già. Con qualsiasi metodica finalizzata ad evitare il concepimento (o comunque a regolare la capacità riproduttiva), sia che si tratti di contraccezione che dei cosiddetti metodi naturali, non si ottiene questo risultato, ma solo quello, appunto, di evitare il concepimento. E' chiaro che una donna che non resta incinta non può abortire, ma è altrettanto chiaro che, se la sua intenzione è solo quella di evitare il concepimento (usando cioè la metodica solo come fine e non come mezzo), qualora la metodica usata non dia il risultato sperato è molto probabile che la donna ricorra all' aborto. Questa affermazione è confermata sia dalle statistiche (si abortisce di più laddove vi è un piu' alto uso della contraccezione) sia dalle affermazioni dei Ministri della Sanità che, nelle relazioni sulla Legge 194, concordano nel denunciare l' uso dell' aborto come "contraccettivo". Che fare concretamente per prevenire veramente l' aborto? Per il MpV è necessario anzitutto promuovere un' azione culturale che evidenzi il valore della Vita fin dal suo concepimento e dare risposte concrete alle donne in difficoltà per l' attesa di un figlio; è necessaria inoltre una vera e propria educazione alla Vita facendo capire che la premessa su cui si fonda una scelta responsabile circa la trasmissione della Vita, è l' importanza e la grandezza della Vita stessa. Nell' ambito di una "Educazione alla Vita" si dovrà anche, evidentemente, fornire una seria informazione sul tutte le "metodiche per la limitazione dei concepimenti" sia naturali che contraccettive (smascherando con chiarezza le metodiche abortive o cripto abortive quali la spirale, la pillola del giorno dopo ecc.). Tali metodiche devono essere presentate con obbiettività e secondo criteri rigorosamente scientifici, in modo che i genitori ed i futuri genitori siano messi nelle condizioni di fare scelte coscienti e responsabili sul numero di figli che vorranno avere. Si dovrà anzitutto far capire, come già sopra ricordato, che ogni metodica per la limitazione di concepimenti non deve mai essere considerata un fine , ma unicamente un mezzo per giungere ad una paternità e maternità veramente responsabile, e comunque che tutte le metodiche devono presupporre un atteggiamento di incondizionata accettazione della vita . In merito ai cosiddetti "metodi naturali", per quanto il MpV non possa e non debba esprimere pareri morali avendo come ambito di impegno il Diritto alla Vita e quindi i Diritti dell' uomo mentre la scelta delle metodiche per la limitazione dei concepimenti riguarda la morale sessuale -, è opportuno ricordare che i cosiddetti "metodi naturali", devono essere presentati non tanto come semplici metodi per limitare i concepimenti, ma come vere e proprie scelte di vita che, responsabilizzando la coppia, possono farla crescere e maturare, liberi i cattolici di attuare l'insegnamento della Chiesa (in un ambito così importante quale quello relativo all' uso responsabile della sessualità) e di propagandarlo come più coerente con le esigenza della dignità umana. In definitiva, per prevenire l' aborto occorre far capire che il massimo della difesa della vita sta nella mente e nel cuore di ognuno di noi ed in particolare dei genitori. 3

[close]

p. 4

Avanti Cav! Vicenza: 35 anni! La presidente Francesca Comacchio ricorda il 35° del Cav di Vicenza. “In questi 35 anni di attività – scrive - il Centro ha aiutato circa 3400 mamme a dare alla luce i propri figli e molte altre mamme, con figli già nati, sono state sostenute concretamente, dando loro la possibilità di essere serene nel momento più bello della vita di una donna”. Schio: nuova sede! Il 24 settembre il Cav di Schio ha inaugurato nella Casa della salute, ex ospedale De Lellis, la sua nuova sede. “Ringraziando le autorità civili, militari e religiose presenti alla cerimonia - scrive Sara Panizzon per Il Giornale di Vicenza - la presidente del Cav Gabriella Toso Busellato ha espresso la sua riconoscenza all'Ulss4, ed in particolar modo al direttore generale Daniela Carraro, che ha concesso all'associazione l'uso dei locali della Casa della Salute. accompagnamento e proporre aiuti concreti". Un plauso all'associazione è stato fatto anche dal direttore generale dell'Ulss4 Daniela Carraro. "Era nostro desiderio dare una nuova vita all’ex Ospedale De Lellis - ha notato Daniela Carraro – e quindi dare spazio a importanti servizi, alcuni dei quali sono offerti direttamente dall’Ulss 4 in questa che è stata opportunamente ribattezzata Casa della Salute e altri sono espressione del principio di sussidiarietà e quindi l’Ulss agevola le spinte e le richieste della comunità locale. Il lavoro del Cav in questi anni è stato prezioso per aiutare la vita fin dai suoi inizi e l'Ulss, che con tutti i suoi servizi e operatori tutela la salute dei cittadini, è felice di dare a questa realtà nuovi locali per poter proseguire l'attività nel migliore dei modi". Il sindaco Valter Orsi ha espresso infine la sua soddisfazione nel veder occupati i locali dell'ex pronto soccorso. "Anche l'Amministrazione Comunale si unisce all'augurio di un futuro significativo per questo fondamentale servizio sociale - ha detto il Sindaco di Schio- ed è felice che la nuova sede del Centro trovi spazio in quello che è stato e sarà sempre più uno dei luoghi importanti per la vita e per la salute dei cittadini di Schio". "Da tempo il Cav desiderava disporre di più spazio per poter offrire alle donne un ambiente più rispettoso della privacy, con la possibilità di parcheggio, e che fosse più vicino alla fermata degli autobus per chi arriva da fuori Schioafferma la presidente Toso- Lo scopo principale del Centro è quello di poter incontrare ragazze o donne che stanno vivendo una gravidanza inattesa, indesiderata o comunque problematica per poter offrire ascolto, condivisione, 4

[close]

p. 5

Abbiamo pensato e invitato a pensare/1 Violenze in Irak e dintorni “Davanti alle recenti atrocità compiute sulle popolazioni cristiane in Iraq e Siria, e di fronte alle molte violente mortificazioni di bambini, donne, uomini, anziani in varie parti del mondo, i sostenitori della vita – afferma Guido De Candia, Presidente della Federazione veneta dei centri e movimenti per la vita - non possono che inorridire, e chiamare a raccolta tutte le persone e tutte le associazioni animate da sincero spirito umanitario, perché nazioni e organizzazioni, responsabili della cosa pubblica e operatori della comunicazione, e la comunità internazionale intervengano con decisione ed efficacia”. Parlando a nome delle 64 realtà associative locali aderenti alla Federveneta-Vita, De Candia ha evidenziato che in questa presa di posizione a favore della vita di tante persone e di tante collettività sofferenti le comunità religiose e le associazioni culturali sono chiamate ad essere in prima linea. Riferendosi in particolare alle violenze subite dai cristiani in Irak, De Candia esprime l’auspicio che le donne e le famiglie musulmane del Veneto, che i Centri di aiuto alla vita assistono quotidianamente in gran numero, sappiano suggerire alle loro comunità religiose o alle associazioni culturali cui fanno riferimento chiare prese di posizione di dissociazione dalla linea di comportamento di gruppi che, richiamandosi all’Islam, compiono atti crudeli e disumani, disonorando la loro religione” (Comunicato-stampa della Federazione). Essere oggi Volontari per la Vita “A volte ho l’ impressione – ci scrive Ubaldo Camilotti - che anche nei CAV, come in molte altre Associazioni di Volontariato, si dimentiche che il ruolo del Volontariato non è quello di sostituire l’ Ente pubblico, ma di integrarlo - laddove l’ Ente non potrà mai arrivare -, privilegiando nella propria azione l’ aspetto umano rispetto a quello tecnico-burocratico. Si dimentica cioè che il Volontario, ed in particolare il Volontario per la Vita, deve essere anzitutto un Esperto in umanità che sa soprattutto ascoltare e, se serve, parlare direttamente al cuore delle persone che incontra. Esperto in umanità che crea attorno alle persone un clima familiare, sa prenderle per mano ed accompagnarle in un cammino solitamente breve ma pieno di difficoltà, usando le sole armi della gratuità e della solidarietà, la capacità di dialogo, l’ autonomia che le è propria, la capacità di inventare, la valorizzazione delle risorse e sfruttare al meglio i collegamenti operativi con gli altri CAV e MpV ai vari livelli (provinciali, regionali, nazionali). […] Il Volontario per la vita è ben consapevole della necessità di una sua formazione che viene curata in specifici e qualificati corsi di formazione, ma sa che la sua professionalità sta soprattutto nella capacità di mantenere gli impegni presi. Per questo si avvale di una rete di bravi consulenti esperti in ambiti specifici che lo aiutano a dare le risposte ai bisogni della donne che si rivolgono al CAV. Agli Enti pubblici spetta invece un compito più tecnico e burocratico finalizzato ad assicurare, in sinergia con il Volontariato, la giustizia sociale, obiettivo primario dello Stato”. Fecondazione eterologa Da News Cav Legnago una piccola riflessione... “Stiamo assistendo ad una corsa "sfrenata" all'applicazione della fecondazione eterologa. Molti chiamano questo come segno di civiltà, come possibilità di donare felicità a molte coppie. Ma […]Pur vicini e attenti a chi si trova nella difficoltà di avere un bambino, non possiamo accettare la fecondazione come alternativa, senza se e senza ma. Nel nostro cuore e nella nostra mente il bene di ogni bambino e la possibilità che possa avere una famiglia...basterebbe questo a trovare molte risposte....”. 5

[close]

p. 6

Abbiamo pensato e invitato a pensare/2 Eterologa “veneta” “Le prospettive aperte dalla legalizzazione della fecondazione assistita eterologa non possono non preoccupare i pro-life veneti”, dichiara il Presidente della Federazione veneta dei Movimenti e dei Centri di aiuto alla vita Guido De Candia, che innanzitutto commenta la dichiarazione del Presidente Zaia resa a Repubblica “Queste non sono norme per la morte, ma per la vita”, facendo notare come in generale la fecondazione medicalmente assistita metta in essere una procedura che, secondo i dati forniti dall’ultima relazione ufficiale del Ministero della salute sulla legge 40 - riferiti al 2012 - ha portato alla formazione di 114.276 embrioni, di cui 18.957 sottoposti a congelamento e 93.634 impiantati in utero, e alla nascita di 11.974 bambini. confessionale, cattolico, ma un tema ampiamente e genuinamente umano”. Che non riguarda solo il modo in cui gli esseri umani sono generati (e “sprecati” o “scartati”), ma anche la vita di coppia, che l’eterologa mette a rischio per evidenti dinamiche psicologiche consce e inconsce connesse al “tradimento biologico”, nonchè il rapporto tra le generazioni (con la sofferta e problematica ricerca dei genitori biologici). Eterologa “atto di civiltà”? Quanto umana l’eterologa? “Anche nella generazione naturale una percentuale di embrioni è soggetta a non continuare il suo sviluppo – dichiara De Candia – ma nella PMA è in gioco con forte evidenza statistica un intervento umano di pianificazione che implica – con le tecniche e procedure attuali - la soppressione di circa otto embrioni per ogni nato”. Nella citata intervista a Repubblica, il Presidente Zaia ha affermato che il suo convinto sostegno all’eterologa (che fa seguito all’estensione da 43 a 50 anni del limite per accedere alla PMA, orgogliosamente da lui ricordata come atto significativo del suo esordio come governatore) è nato dalla sua identità di “cattolico e persona che ha avuto una formazione cristiana”. “Ma autorevoli esponenti del mondo cattolico – replica De Candia – mostrano un approccio ben diverso al tema in questione. L’arcivescovo Cesare Nosiglia, ad esempio, ha ammonito che ‘La generazione di una persona non può essere confusa con la produzione di un oggetto fatto a dimensione dei propri bisogni’ e il segretario della Conferenza Episcopale italiana Nunzio Galantino ha dichiarato al “Corriere della sera” ‘Il desiderio di un figlio è bello e legittimo. Farlo diventare un diritto è cosa diversa. Un diritto si può cercare di raggiungerlo con ogni mezzo’”. “In ogni caso – ha dichiarato ancora De Candia – non è affatto in gioco un problema Anzi, la questione “Fecondazione eterologa” tocca l’intera società, investita da logiche a deriva eugenetica e in senso lato “consumistica”, ha puntualizzato ancora De Candia, citando il tagliente giudizio del sociologo Bauman ‘La nostra è un’ epoca nella quale i figli sono prima di ogni altra cosa e più di ogni altra cosa, oggetti di consumo emotivo’, e segnalando l’enorme traffico dei materiali genetici dei “donatori” diffuso nel mondo, che certo pone sotto assedio anche il caso-Italia. “Un atto di civiltà”, dunque, l’impegno profuso dal Governatore Zaia per l’eterologa, come ha riportato il “Corriere della sera”? Negativa la risposta del Presidente della Federazione veneta dei Movimenti e dei Centri di aiuto alla vita De Candia, che ricorda, invece, come un importante e genuino “atto di civiltà” sia stato finora omesso dalla Regione Veneto, ovvero l’approvazione del Regolamento attuativo della legge n. 27 del 27 luglio 2012 sulla diffusione e divulgazione sull'etica della vita negli ambienti ospedalieri e sociosanitari, “con evidente sottovalutazione del ruolo del volontariato che lo Statuto regionale invita solennemente a voler “riconoscere e favorire”” (Comunicato-stampa della nostra Federazione). 6

[close]

p. 7

Pensiamo alle nostre case (di accoglienza) Il continuo aumento delle spese e soprattutto la drastica riduzione delle risorse - a causa della crisi economica che non accenna ad attenuarsi -, mette in evidenza le difficoltà dei CAV nella gestione della Case di Accoglienza strumento importantissimo (ma non indispensabile) nell’ attività dei CAV. A ciò si aggiunge che, per usufruire dei contributi pubblici viene sempre più spesso richiesto ai CAV l’ assunzione di personale specializzato il cui costo non trova riscontro nei rimborsi previsti dalle relative Convenzioni in quanto si riduce il numero delle donne inviate dagli Enti ai CAV anche per l’ ormai endemica scarsezza di risorse di cui gli stessi Enti possono disporre. In altre parole i CAV rischiano di accollarsi delle spese per il costo di personale richiesto da ASL e ULSS a cui non corrispondono altrettante entrate. case di accoglienza. Sul versante pubblico si dovrà insistere perché gli Enti Pubblici, nelle convenzioni con i CAV, non avanzino richieste troppo gravose che rischiano di far “morire” il Volontariato e di far sparire importanti servizi alla persona. Non mi stancherò mai di ripetere che alle Associazioni di Volontariato non si deve imporre l’ obbligo della assunzione di personale, ma solamente di avere: strutture adeguate e costruite secondo le Norme vigenti; formazione dei Volontari; bilanci in regola; rendiconti periodici sui risultati raggiunti. Ubaldo Camilotti Piove di Sacco a Loreto Ne emerge una evidente emergenza a cui la fantasia del Volontariato per la Vita deve urgentemente porre rimedio. Sul versante interno si dovrà a mio avviso: coordinare le attività di accoglienza tra i CAV delle varie provincie e della stessa regione, concentrando l’ accoglienza nella case gestite direttamente dai CAV, dove i costi di gestione sono compatibili con le risorse disponibili; usufruire, per l’ospitalità, di comunità disponibili a collaborare con i nostri CAV senza che gli stessi debbano necessariamente gestire specifiche e proprie I volontari del Mpv - CAV di Piove di Sacco (PD) hanno visitato visita la S. Casa di Loreto sabato 14 giugno 2014. Hanno fra l’altro incontrato – ci riferisce la presidente Luciana Pigazzi - i volontari del CAV di Loreto “L’Ascolto” con i quali hanno condiviso “un momento di riflessione e approfondimento guidato da don Francesco Pierpaoli (responsabile della pastorale giovanile delle Marche e direttore del centro Giovanni Paolo II di Loreto) sul fondamentale tema "Il Limbo c'è ancora o non c'è mai stato? Il destino degli innocenti e dei giusti che muoiono senza Battesimo". E’ stata una bella occasione – aggiunge Luciana – “per conoscere e collaborare fra Cav con un indubbio piacere e arricchimento vicendevole”. 7

[close]

p. 8

What’s CAV? Il Centro Aiuto Vita ha a cuore la “promozione” e la formazione di volontari. Per questo ha previsto un momento formativo per aspiranti volontari “WHAT’S CAV?” (Che cosa è il CAV ?) che si è svolto il 27 settembre. Nelle due ore previste le persone sono state “ospiti” dell’associazione per una formazione “fuori aula”, un vero percorso itinerante con stand, video, testimonianze alla scoperta dei singoli settori dell’associazione. Volontari e referenti dei 5 settori (Sostegno, Sensibilizzazione, Supporto, Formazione e Rapporto Enti) sono stati presenti per condividere le esperienze. Il presidente Giovanni Buoso ha segnalato il buon numero di aspiranti volontari. Interessante! Un figlio da dono a diritto? No Gino Soldera ha commentato di recente la sentenza della magistratura di Roma che permette l’adozione di un bambino ad una coppia omosessuale, scrivendo fra l’altro – nel settimanale L’Azione – che “Il bambino sta diventando oggetto del contendere. Per venire incontro ai discutibili desideri degli adulti di avere un figlio ad ogni costo, il bambino viene sempre meno considerato un dono, una persona umana: è sempre più un diritto, un prodotto, una cosa”. Soldera lamenta la mancata distinzione tra “una medicina del bisogno” e una “medicina del desiderio”, che vede occupare spazi sempre più grandi. “Quanto sta accadendo in questi giorni con l’introduzione dell’eterologa in Italia – scrive – ha dell’incomprensibile; le Regioni pensano di fare entrare questa procedura nei Lea (livelli minimi di assistenza), togliendo di fatto risorse a chi ne ha veramente bisogno e si trova nell’indigenza”. E continua: “Se vuole avere un futuro, la società dovrebbe concentrare i suoi sforzi e investire le sue risorse sulla famiglia naturale e sui bambini, curando la loro formazione e soprattutto i loro diritti. Diritto alla vita, diritto a essere accettato, rispettato e considerato fin dal concepimento, diritto ad avere un padre e una madre. Quest’ultimo perché, come ha dimostrato la ricerca, il sistema triadico madre-padre-figlio è un sistema completo, in grado di garantire uno sviluppo armonioso ed equilibrato del figlio”. 8

[close]

Comments

no comments yet