Giornalino No. 3 (12)

 

Embed or link this publication

Description

Daf Haken Aprile 2014

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

MARZO .APRILE 2014 DVAR HA’SHALIACH ....................................................................................................................pagina 1 SAVE THE DATE ..........................................................................................................pagine 2, 3, 4, 5 ATTUALITÀ ESTERA “TENSIONI ALLE PORTE DELL’EUROPA” ....................................................................................pagina 6 ATTUALITÀ ITALIANA “QUESTO IMPEGNO IO LO ASSUMO” ........................................................................................pagina 7 ATTUALITÀ ISRAELIANA “UNA DONNA AL GOVERNO?” ...................................................................................................pagina 8 DIAMO SPAZIO ALLE KUTZOT DELL’ALEF ................................................................. pagine 9, 10 DIAMO SPAZIO ALLE KUTZOT DELLA BET ................................................................... pagina 11 DIAMO SPAZIO ALLE KUTZOT DELLA BOGRUT .......................................................... pagina 12 DAL MONDO “ADDIO DIEUDONNÉ”............................................................................................................... pagina 13 KEN NIRIM FIRENZE ....................................................................................................................................pagina 14 POESIA TRATTA DA “IO SONO EMOZIONE”.......................................................................................... pagina 15 PENSIERI LIBERI “BRASILE: IL POLMONE VERDE CHE STA RAPIDAMENTE SCOMPARENDO ” ................ pagine 16, 17 LA RUBRICA DI REMY .............................................................................................................. pagina 18 “UNA SHOMERET BOLOGNESE”.............................................................................................. pagina 19 “LE RADICI E GLI ASPETTI EDUCATIVI DELL’HH” .............................................................pagine 20, 21 “SEI DELL’HASHOMER SE….. DELL’HASHOMER SEI SE….”.............................................pagine 22, 23 “VISTI DA FUORI” ......................................................................................................................pagina 24

[close]

p. 4

GLOSSARIO DELLO SHOMER IL  GLOSSARIO  DELLO  SHOMER   Parole  da   conoscere     Achim  (‫ )אחים‬ =  fratelli;  urlo  tipico   Akshev  =  cerimonia  di  apertura  delle  attività  del   movimento   Aliyah  (‫ )עליה‬ =  salita;  emigrare  in  Israele   Bogher/et  (‫ )בוגר‬ =  adulto/a;  giovane  con  la   maggiore  responsabilità  nel  suo  percorso   shomristico   Bo  le’echol  (‫ לאכול‬ ‫ )בוא‬ =  urlo  per  richiamare  i   membri  del  movimento  ai  pasti   Chanich/a/im  (‫ )חניך‬ =  allievo,  apprendista;   membro  del  movimento  giovanile  non  ancora   bogher   Chaver  (‫ )חבר‬ =  compagno   Chazak  Ve’Ematz  (‫ ואמיץ‬ ‫ )חזק‬ =  forza  e  coraggio;   motto  del  movimento       Cheder  Ochel  (‫ אוכל‬ ‫ )חדר‬ =  stanza  da  pranzo,   mensa     Choref  (‫ )חורף‬ =  inverno     Chug/im  (‫ )חוג‬ =  circolo,  cerchia;  laboratori   artistici  e  culturali     Chultza  Shomrit  (‫ שומרית‬ ‫ )חולצה‬ =  camicia  dello   Shomer;  divisa  del  movimento  Hashomer  Hatzair.   Dibrot  (‫ )דברות‬ =  comandamenti   Dugma  Ishit  (‫ אישית‬ ‫ )דוגמה‬ =  esempio  personale   Hachshara  (‫ )הכשרה‬ =  formazione   Hadracha  (‫ )הדרכה‬ =  formazione   Hanhaga  (‫ )הנהגה‬ =  gruppo  con  funzioni   direttive;  gruppo  ristretto  di  bogrim     Kaitz  (‫ )קיץ‬ =  estate     Ken  (‫ )קן‬ =  nido;  sede  dell’Hashomer  Hatzair   Kibbutz  (‫ )קיבוץ‬ =  comunità  collettiva  in  Israele   nata  dall’ideale  sionista  e  socialista   Kolbo  (‫ )כולבו‬ =  spaccio,  piccolo  negozio   Kvutza  (‫ )קבוצה‬ =  gruppo   Machane  (‫ )מחנה‬ =  campeggio   Machsan  (‫ )מחסן‬ =  magazzino   Madrich/a  (‫ )מדריך‬ =  guida     Mazkir  (‫ )מזכיר‬ =  segretario   Medurà  (‫ )מדורה‬ =  falò.   Messibà  (‫ )מסיבה‬ =  festa   Mifkad  (‫ )מפקד‬ =  appello  (militare);  cerimonia  di   chiusura  delle  attività   Mifkad-­‐esh  (‫ אש‬ ‫ )מפקד‬ =  mifkad  con  scritte  di   fuoco   Mitbach  (‫ )מטבח‬ =  cucina   Moatzà  (‫ )מועצה‬ =  assemblea;  riunione  nazionale   dei  bogrim  per  organizzare  il  campeggio   Moetzet  (madrichim)  (‫ מדריכים‬ ‫ )מועצת‬ =   riunione  dei  bogrim       Nikkaion  (‫ )נקיון‬ =  pulizia   Peula  (‫ )פעולה‬ =  attività     Pluga  (‫ )פלגה‬ =  gruppo  misto   Precampo  =  preparazione  delle  attività  e  delle   strutture  nei  giorni  prima  del  campeggio   Rikudei’am  (‫ עם‬ ‫ ריקודי‬ )  =  balli  israeliani   Rosh  Ken  (‫ קן‬ ‫ )ראש‬ =  capo  del  ken;  coordinatore   dei  bogrim     Rosh  machanè  (‫ מחנה‬ ‫ )ראש‬ =  capo  del   campeggio;  coordinatore  dei  bogrim  nel   campeggio.   Semel  (‫ )סמל‬ =  simbolo   Shaliach  (‫ )שליח‬ =  delegato,  inviato  da  Israele  con   incarico  di  responsabile  del  movimento   Sheket  (‫ )שקט‬ =  silenzio   Shiron  (‫ )שירון‬ =  canzoniere,  raccolta  di  canti   Shlichon/a  (‫ )שליחון‬ =  bogher  che  ha  fatto  lo   Shnat  Hachshara  in  Israele  ed  è  tornato  a  lavorare   nel  movimento     Shmira  (‫ )שמירה‬ =  turno  di  guardia   Shomer/et  (‫ )שומר‬ =  guardia;  membro   dell’Hashomer  Hatzair   Toran  (‫ )תורן‬ =  di  turno   Toranut  (‫ )תורנות‬ =  turno     Toren  =  struttura  porta  bandiere   Tzofiut  (‫ )צופיות‬ =  scoutismo   Urlo  =  Motto  della  kvutzà  in  ebraico  (ogni  kvutzà   ha  il  proprio)   Va’ada  (‫ )ועדה‬ =  commissione;  gruppo  di  lavoro   Veida  (‫ )ועידה‬ =  congresso        

[close]

p. 5



[close]

p. 6

MARZO .APRILE 2014 DVAR HA’SHALIACH ....................................................................................................................pagina 1 SAVE THE DATE ..........................................................................................................pagine 2, 3, 4, 5 ATTUALITÀ ESTERA “TENSIONI ALLE PORTE DELL’EUROPA” ....................................................................................pagina 6 ATTUALITÀ ITALIANA “QUESTO IMPEGNO IO LO ASSUMO” ........................................................................................pagina 7 ATTUALITÀ ISRAELIANA “UNA DONNA AL GOVERNO?” ...................................................................................................pagina 8 DIAMO SPAZIO ALLE KUTZOT DELL’ALEF ................................................................. pagine 9, 10 DIAMO SPAZIO ALLE KUTZOT DELLA BET ................................................................... pagina 11 DIAMO SPAZIO ALLE KUTZOT DELLA BOGRUT .......................................................... pagina 12 DAL MONDO “ADDIO DIEUDONNÉ”............................................................................................................... pagina 13 KEN NIRIM FIRENZE ....................................................................................................................................pagina 14 POESIA TRATTA DA “IO SONO EMOZIONE”.......................................................................................... pagina 15 PENSIERI LIBERI “BRASILE: IL POLMONE VERDE CHE STA RAPIDAMENTE SCOMPARENDO ” ................ pagine 16, 17 LA RUBRICA DI REMY .............................................................................................................. pagina 18 “UNA SHOMERET BOLOGNESE”.............................................................................................. pagina 19 “LE RADICI E GLI ASPETTI EDUCATIVI DELL’HH” .............................................................pagine 20, 21 “SEI DELL’HASHOMER SE….. DELL’HASHOMER SEI SE….”.............................................pagine 22, 23 “VISTI DA FUORI” ......................................................................................................................pagina 24

[close]

p. 7

GLOSSARIO DELLO SHOMER IL  GLOSSARIO  DELLO  SHOMER   Parole  da   conoscere     Achim  (‫ )אחים‬ =  fratelli;  urlo  tipico   Akshev  =  cerimonia  di  apertura  delle  attività  del   movimento   Aliyah  (‫ )עליה‬ =  salita;  emigrare  in  Israele   Bogher/et  (‫ )בוגר‬ =  adulto/a;  giovane  con  la   maggiore  responsabilità  nel  suo  percorso   shomristico   Bo  le’echol  (‫ לאכול‬ ‫ )בוא‬ =  urlo  per  richiamare  i   membri  del  movimento  ai  pasti   Chanich/a/im  (‫ )חניך‬ =  allievo,  apprendista;   membro  del  movimento  giovanile  non  ancora   bogher   Chaver  (‫ )חבר‬ =  compagno   Chazak  Ve’Ematz  (‫ ואמיץ‬ ‫ )חזק‬ =  forza  e  coraggio;   motto  del  movimento       Cheder  Ochel  (‫ אוכל‬ ‫ )חדר‬ =  stanza  da  pranzo,   mensa     Choref  (‫ )חורף‬ =  inverno     Chug/im  (‫ )חוג‬ =  circolo,  cerchia;  laboratori   artistici  e  culturali     Chultza  Shomrit  (‫ שומרית‬ ‫ )חולצה‬ =  camicia  dello   Shomer;  divisa  del  movimento  Hashomer  Hatzair.   Dibrot  (‫ )דברות‬ =  comandamenti   Dugma  Ishit  (‫ אישית‬ ‫ )דוגמה‬ =  esempio  personale   Hachshara  (‫ )הכשרה‬ =  formazione   Hadracha  (‫ )הדרכה‬ =  formazione   Hanhaga  (‫ )הנהגה‬ =  gruppo  con  funzioni   direttive;  gruppo  ristretto  di  bogrim     Kaitz  (‫ )קיץ‬ =  estate     Ken  (‫ )קן‬ =  nido;  sede  dell’Hashomer  Hatzair   Kibbutz  (‫ )קיבוץ‬ =  comunità  collettiva  in  Israele   nata  dall’ideale  sionista  e  socialista   Kolbo  (‫ )כולבו‬ =  spaccio,  piccolo  negozio   Kvutza  (‫ )קבוצה‬ =  gruppo   Machane  (‫ )מחנה‬ =  campeggio   Machsan  (‫ )מחסן‬ =  magazzino   Madrich/a  (‫ )מדריך‬ =  guida     Mazkir  (‫ )מזכיר‬ =  segretario   Medurà  (‫ )מדורה‬ =  falò.   Messibà  (‫ )מסיבה‬ =  festa   Mifkad  (‫ )מפקד‬ =  appello  (militare);  cerimonia  di   chiusura  delle  attività   Mifkad-­‐esh  (‫ אש‬ ‫ )מפקד‬ =  mifkad  con  scritte  di   fuoco   Mitbach  (‫ )מטבח‬ =  cucina   Moatzà  (‫ )מועצה‬ =  assemblea;  riunione  nazionale   dei  bogrim  per  organizzare  il  campeggio   Moetzet  (madrichim)  (‫ מדריכים‬ ‫ )מועצת‬ =   riunione  dei  bogrim       Nikkaion  (‫ )נקיון‬ =  pulizia   Peula  (‫ )פעולה‬ =  attività     Pluga  (‫ )פלגה‬ =  gruppo  misto   Precampo  =  preparazione  delle  attività  e  delle   strutture  nei  giorni  prima  del  campeggio   Rikudei’am  (‫ עם‬ ‫ ריקודי‬ )  =  balli  israeliani   Rosh  Ken  (‫ קן‬ ‫ )ראש‬ =  capo  del  ken;  coordinatore   dei  bogrim     Rosh  machanè  (‫ מחנה‬ ‫ )ראש‬ =  capo  del   campeggio;  coordinatore  dei  bogrim  nel   campeggio.   Semel  (‫ )סמל‬ =  simbolo   Shaliach  (‫ )שליח‬ =  delegato,  inviato  da  Israele  con   incarico  di  responsabile  del  movimento   Sheket  (‫ )שקט‬ =  silenzio   Shiron  (‫ )שירון‬ =  canzoniere,  raccolta  di  canti   Shlichon/a  (‫ )שליחון‬ =  bogher  che  ha  fatto  lo   Shnat  Hachshara  in  Israele  ed  è  tornato  a  lavorare   nel  movimento     Shmira  (‫ )שמירה‬ =  turno  di  guardia   Shomer/et  (‫ )שומר‬ =  guardia;  membro   dell’Hashomer  Hatzair   Toran  (‫ )תורן‬ =  di  turno   Toranut  (‫ )תורנות‬ =  turno     Toren  =  struttura  porta  bandiere   Tzofiut  (‫ )צופיות‬ =  scoutismo   Urlo  =  Motto  della  kvutzà  in  ebraico  (ogni  kvutzà   ha  il  proprio)   Va’ada  (‫ )ועדה‬ =  commissione;  gruppo  di  lavoro   Veida  (‫ )ועידה‬ =  congresso        

[close]

p. 8

LE PAROLE DELLO SHALIACH DVAR HA’SHALIACH All’introduzione della prima stampa delle 10 dibrot, nel 1916, è stato scritto: “I comandamenti per noi non sono rigidi dogma, ma virtù che provengono da un profondo bisogno spirituale. Ecco perché noi non vogliamo che nessuno li memorizzi o li segua religiosamente. Crediamo piuttosto che ogni persona che soggiorna frequentemente sotto la nostra bandiera sarà permeata dello splendore di quelle virtù e sceglierà di compierle quotidianamente. I nostri comandamenti sono la bibbia del cuore ed è per questo che dobbiamo essere molto precisi nel nostro lavoro educativo. I nostri capi non imporranno dei dogma con l’oppressione. Essi cercheranno di ispirare i chanichim sulla bella verità dei comandamenti con una saggia hadracha ed esplorando tutti i differenti aspetti. Loro li ispireranno con dugma ishit come realizzarlo nella vita quotidiana. La nostra speranza è che lo Shomer resterà fedele ai suoi ideali durante tutta la sua intera vita”. Tutto ciò è ancora vero anche oggi. Siamo un movimento che chiede ai suoi membri di vivere i loro ideali e di praticare i loro valori in ogni aspetto della loro vita. Eppure, durante il corso della nostra vita, tante volte le scelte non sono ben chiare e spesso troviamo l’ideali troppo astratti per guidarci verso la soluzione giusta. Per fortuna, abbiamo le 10 dibrot. Questo è il nucleo della nostra ideologia. Se volete, è l’ideologia dettagliata e spiegata in una serie di valori morali. I valori sono i componenti dell’ideologia, collegati al nostro comportamento. Sono, per esempio: la verità, l’attivismo, l’aiuto reciproco, l’amicizia, la risolutezza, la tolleranza ecc. Un valore è un criterio per comportamento. Cioè, ci dà un punto di riferimento al nostro comportamento. È come una bussola, che ci guida nella direzione giusta, verso il comportamento morale. Ed è quello per cui ci servono le dibrot – rappresentano i nostri valori, e perciò ci possono aiutare quando abbiamo una scelta da fare. Leggete le 10 dibrot, lasciatele guidarvi nelle vostre scelte, prendete l’ispirazione dai nostri valori ed incorporateli nella vita quotidiana. Chazak Veematz, A cura di Gilad Peled, Shaliach 1

[close]

p. 9

SAVE THE DATE SAVE THE DATE Continua la nuova rubrica “Save the date” di Daf Hashomer. Nei futuri numeri del Daf di quest’anno verrà approfondito dai chaverim del ken un evento importante e memorabile avvenuto in una data specifica. Per il numero di marzo la “data da salvare” è l’8 marzo 1908, che ci ricorda la morte delle operaie che manifestarono contro le insostenibili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Che cosa è per noi l’8 marzo 1908? le associazioni femminili e femministe organizzano manifestazioni e convegni sull’argomento, cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi che pesano ancora oggi sulla condizione della donna nel mondo continuano ad accadere vari episodi di discriminazione e sessismo i fiorai attendono con gioia la giornata dell’8 marzo per vendere mazzetti di mimose, che gli uomini regaleranno alle proprie mogli e fidanzate. Forse alle mimose dovremmo pre- LE ORIGINI “I l giorno 8 marzo di ogni anno si festeggia la Festa della Donna. Le origini di questa ricorrenza risalgono al 1908, quando pochi giorni prima di questa data, a New York, le operaie di un’industria tessile scioperarono per protestare contro le insostenibili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero si prolungo’ per alcuni giorni, fino a quando l’8 Marzo il proprietario della fabbricablocco’ le porte per impedire alle operaie di uscire.La fabbrica venne incendiata e le 129 operaie che vi erano dentro, morirono. La giornata e’ stata poi accolta, grazie all’iniziativa presa alla Conferenza internazionale delle donne socialiste, durante il periodo della grande discussione riguardo al suffragio universale femminile, in America e in tutto il mondo come la giornata simbolo del riscatto femminile. Oggi la “festa” o meglio, la commemorazione, ha un significato storico-sociale quasi inesistente: ferire l’espressione sobria della riflessione ed del ricordo; la lotta delle femministe per i propri diritti e per il suffragio universale, le operaie rinchiuse nella fabbrica, la marcia di sciopero a New York delle donne che vedevano (e vedono?) riconosciuti i propri doveri di cittadino ma non tutti i suoi diritti. Accantonato il rametto di mimosa dovremmo ricordare che le donne non sono donne un giorno su 365, dovremmo concepire le lotte delle donne come proteste universali. Ricordarci che siamo contro l’immagine femminile che la societa’ spesso trasmette, contro il sessismo, le discriminazioni omofobe, ed il rigido modello maschile e disumano imposto dallasocieta’. Ricordiamoci di liberare i nostri desideri, far si che il corpo (soprattutto quello delle donne), possa parlare e raccontare cosa sogna, senza freni e inibizioni che centinaia di anni hanno imposto ai nostri orizzonti. Ricordiamoci che le donne in materia di violenza non sono l’oggetto, ma il soggetto della questione. Non trattiamo le donne e (noi donne) nonfacciamo(ci) trattare come oggetto di unaproprieta’ privata o pubblica, di un uomo o di una famiglia, di una tribu’, di uno stato. Stiamo attenti nell’individuare la discriminazione, la violenza e il sessismo che risiedono anche dentro le istituzioni, nel linguaggio, nei media. Sara’ difficile a volte, ci sembrera’ di non poter piu’apprezzare nulla, ma selezioniamo le nostre canzoni da quelle sessiste, i nostri videogiochi daivideogiochi pieni di stereotipi razzisti, gli autori che leggiamo dagli autori misogini di libri e riviste. None’ facile, ma ci sono giornate che iniziano bene, giornate che iniziano con pezzi di riappropriazione, giornate che fanno sentire le donne meno sole,magari giornate di sabati in Ken. Partiamo da questa bella giornata commemorativa, mettiamo insieme la nostra voglia e il coraggio di imboccare strade inesplorate, apriamo a noi stessi nuove possibilita’, impariamo a competere, non in quanto donne o uomini, ma in quanto persone! A cura di Amanda Assin, kvutzà Horshim 2

[close]

p. 10

SAVE THE DATE LA VIOLENZA SULLE DONNE DEVE ESSERE UN REATO numero di episodi che registrano i maltrattamenti e violenze subite dalle donne da parte degli uomini, evidenzia lo squilibrio di potere tra l’universo femminile e quello maschile. 
 Questo fenomeno è indubbiamemte una violenza di genere, che rappresenta quella volontà di controllo che gli uomini vogliono continuare ad esercitare, nascondendo le reali intenzioni. Quindi, quale può essere una soluzione? Ad un problema così complesso é necessario dare risposte altrettanto complesse. Gli interventi possono essere di vario tipo, come ad esempio la repressione, che è necessaria, ma da sola non basta.
 A questa bisogna aggiungere la punizione, sempre necessaria, è infatti sempre di molta efficacia, interviene a seguito del fatto compiuto, quindi deve essere affiancata da altre misure che abbiano la capacità di prevenire la violenza o comunque di scemarla prima che si manifesti in tutta la sua brutalità. Le date,particolarmente tardive, che riporterò qui sotto, rappresentano l’espressione della resistenza e della difficoltà di estirpare le L a violenza sulle donne è un fenomeno universalmente presente, e che interessa, in modo più o meno grave, qualsiasi classe sociale.
 L’alto radici delle differenze tra i sessi. - solo nel 1956 la Corte di Cassazione ha deciso che al marito non spettava nei confronti della moglie e dei figli, il potere educativo e correttivo del padre di famiglia; - solo tra il 1968 e il 1969 la Corte Costituzionale ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l’adulterio della moglie; - solo nel 1975 il nostro ordinamento giuridico ha sostituito la famiglia strutturata gerarchicamente con un nuovo modello di famiglia paritaria; -solo dopo la legge del 1981,la commissione di un delitto per salvaguardare l’onore proprio e della propria famiglia, non sarebbe stato più sansionato con pene, cancellando così il presupposto che l’offesa all’onore arrecata da una condotta “disonorevole” costituisse una provocazione gravissima tanto da giustificare la reazione dell’“offeso”; - sempre nel 1981 non avrebbe trovato più spazio nel nostro ordinamento l’istituto del “matrimonio riparatore” , che prevedeva l’estinzione del reato di violenza nel caso in cui lo stupratore di una minorenne accondiscendesse a sposarla, salvando l’onore della famiglia; - solo nel 1996 sarebbe stata approvata la legge che, nel dettare nuove “Norme sulla violenza sessuale”, trasferiva questo reato dal Titolo IX (Dei delitti contro la moralità pubblica e il buon costume) del codice penale al Titolo XII (Dei delitti contro la persona). Oggi quell’immaginario patriarcale non è più presente nelle leggi, nei codici e nella giurisprudenza, ma ha lasciato segni profondi ed evidentemente continua a sopravvivere nei comportamenti di molti uomini. A cura di Michela Venezzia, kvutzà Shavit 3

[close]

p. 11

SAVE THE DATE LE DONNE NEL TEMPO piace pensare che questo significa solo che la donna rimane sempre fianco a fianco dell’uomo, come una cosa sola, percorrendo insieme il viaggio della vita. In Oriente la situazione è ben diversa. Le donne sono senza diritti, senza un ruolo, senza futuro. Ultimamente ci sono molte campagne di sensibilizzazione a riguardo,ma forse qualcuno non sa il perchè. Eccoci arrivati al punto dolente della religione, quando l’uomo non si rende più conto che è uomo, quando la sua umanità viene meno e prevale il suo ego, male di tutti i mali. Secondo la religione musulmana, seguendo quindi il Corano, la donna è inferiore rispetto all’uomo anche se spiritualmente, cioè davanti a Dio, sono tutti e due uguali. I principi teorici di uguaglianza tra i due sessi si scontrano molto con la realtà sociale dei paesi in cui è praticato l’islamismo. In Afghanistan ad esempio, il burqa, velo che copre tutto il corpo ed ha una specie di grata all’altezza degli occhi per consentire la vista, è obbligatorio. Il foulard che ricopre il viso delle bambine durante la loro infanzia diventa elemento della quotidianità nella maturità, fino a scordarsene completamente nella vecchiaia. Spesso viene considerato come un simbolo di disuguaglianza sociale tra uomini e donne, dell’assenza dei diritti delle donne, di arretratezza culturale ma per chi lo indossa è un metodo di protezione dagli occhi altrui, per salvarsi dal giudizio dei propri mariti, per ricordarsi per sempre che loro sono donne destinate alla subordinazione all’uomo. L’istruzione delle ragazze nell’islam è un’altro dei motivi principali per cui l’islam è considerato una religione arretrata ed eccessivamente tradizionalista. Nei testi “la ricerca del sapere è un obbligo per ogni mussulmano ed ogni mussulmana” perché un sapere vasto è la condizione di una fede profonda. Nella realtà l’ignoranza delle donne è diffusa e spesso mantenuta così che esse non riescono a conoscere i loro diritti. Per esempio in Egitto troviamo molte studentesse nelle università egiziane e donne professori di università, al contrario in Afghanistan la regola è la negazione totale dell’educazione e dell’istruzione per le donne. E’, oltretutto, estremamente vietato per le donne l’adulterio, mentre gli uomini hanno spesso più di una moglie. Spesso viene addirittura punita con la pena di morte. E’ evidente quindi l’assenza di pari diritti per gli uomini e per le donne, noi continueremo sempre a sperare in un mondo migliore fatto di donne e uomini uguali. A cura di Micol Fischer, Kvutzà Shavit “O gni fiocco di neve era il sospiro di una donna infelice da qualche parte del mondo. Che tutti i sospiri che si elevavano al cielo si raccoglievano a formare le nubi, e poi si spezzavano in minuti frantumi, cadendo silenziosamente sulla gente.” Khaled Hosseini, Mille Splendidi Soli Donne figlie, donne mogli, donne madri. Qualsiasi sia il loro ruolo nella religione è importante in tutti e tre i casi. E’ difficile descrivere quanto il ruolo della donna abbia influenzato la storia e il corso dei tempi, ma è certo che senza la donna non c’è vita. Già dai tempi del paleolitico venivano venerate statuette raffiguranti donne con grandi seni che rappresentavano l’abbondanza e la fertilità chiamate “veneri”, proprio per la bellezza delle loro forme sinuose e attraenti. La donna era gioia, ricchezza, splendore, regina della famiglia e degli affetti. Nella cultura greca l’immagine della donna si trasforma diventando sempre più simile alla figura maschile: basti pensare ad Hera, moglie di Zeus, donna severa ma capace, guerriera e contemporaneamente madre. A mantenere nel corso del tempo una linea di pensiero più attaccata alle origini è l’induismo, secondo cui la donna è l’incarnazione della divinità in quanto donatrice di vita. La religione indù essendo la più antica tra tutte ha avuto la possibilità di subire grandi trasformazioni ed evoluzioni che l’hanno portata a divenire una religione attaccata sia alla natura, secondo le tradizioni del passato, sia all’anima, seguendo i principi dei diritti dell’uomo sviluppati nel presente quindi estremamente moderna nella sua classicità. Da questa concezione ne derivano la religione cristiano cattolica ed ebraica secondo le quali la donna è in una posizione di primaria importanza. Dalle sacre scritture è considerata la colonna portante della famiglia e ha il compito di trasmettere ai figli l’insegnamento e il ricordo delle tradizioni religiose. Nella religione ebraica in modo particolare è la madre a trasmettere il sangue del popolo da figlio in figlio mentre nella religione cristiana la donna ha pari diritti dell’uomo. Ciò non toglie che la donna nasca dalla “costola” dell’uomo e faccia automaticamente parte di lui. Le interpretazioni sono varie: si può pensare che in questo modo la donna sembri proprietà dell’uomo, un suo oggetto che egli può prendere,utilizzare e gettare come vuole, ma a me 4

[close]

p. 12

SAVE THE DATE HO IMPARATO A VIVERE SEMPLICE E SAGGIA F orse vi chiederete quale sia il bisogno di dedicare un intero numero del “Daf” alle donne. Una domanda che magari sorge spontanea a molti lettori, a me la risposta sembra semplice; nonostante sia stata fatta molta strada per i diritti delle donne, il cammino è ancora lungo perché il più importante diritto, quello di voto, è stato ottenuto poco tempo fa in fondo, nel 1945. I passi che però vanno fatti “con le donne” sono in ambito sociale e nelle coscienze delle persone. Per questo motivo qui di seguito sono descritti film e libri che si impegnano per portare avanti questa lotta. We want SEX Regia di Nigel Cole. (Gran Bretagna 2010) La storia di Rita O’Grady, che nel 1968 guidò lo sciopero delle 187 operaie della fabbrica Ford nell’Essex (Inghilterra), ed il film è tratto proprio da questo avvenimento accaduto realmente. Il titolo può far immaginare bene la lotta che combattono i protagonisti del film. Infatti narra la storia di alcune donne che lavoravano nella fabbrica Ford nel reparto tessile. Dopo tanto tempo in cui sono costrette a continui sfruttamenti iniziano a pensare e realizzare che loro non devono obbligatoriamente sottostare alle decisioni prese dagli uomini, alti dirigenti della fabbrica, perché scioperando potranno far valere i loro diritti e saranno necessariamente ascoltate perchésenza loro le macchine non potevano essere prodotte. La loro protesta però supera i confini della fabbrica e non solo si diffonde in tutto il paese ma smuove le coscienze delle donne Virginia Woolf Una stanza tutta per sé (Milano Feltrinelli 2011) Virgiania Woolf una scrittrice inglese della prima metà del ‘900, è stata invitata a tenere due conferenze sulle donne e il romanzo in un college femminile. Quanto ha detto in quella occasione è stato raccolto in un libro dal titolo “Una stanza tutta per sé”. Questo testo ha rappresentato un punto di riferimento fondamentale per tutte le donne occidentali che nel corso del novecento hanno lottato per i diritti civili al femminile e per la libertà di espressione delle donne. La scrittrice si domandava come una donna poteva riuscire ad esprimere sé stessa senza indipendenza economica e senza uno spazio “tutto per sé”. La risposta a queste questioni ha accompagnato le scelte di lotta di tutte le donne dal Novecento in poi. Il libro può ancora ispirarci e finalmente ci fa capire perché le donne artiste hanno avuto così poco spazio espressivo. A cura di Gaia Fiorentino, Kvutzà Horshim 5

[close]

p. 13

ATTUALITÀ TENSIONI ALLE PORTE DELL’EUROPA D a un po’ di tempo a questa parte l’Ucraina è in fermento, già dall’inizio di dicembre potevamo leggere sui giornali di manifestazioni nelle piazze ucraine, che subito degenerarono in violenza. Gli stessi motivi che, solo pochi mesi fa, fecero scaturire quelle manifestazioni ora potrebbero portare a degli scontri armati in suolo ucraino. Infatti la Russia, successivamente alla richiesta di intervento nella regione, per restaurare la pace e la calma, da parte della Repubblica autonoma di Crimea (una regione che ha una particolare indipendenza all’interno dell’Ucraina a causa della sua Storia), ha mosso le sue truppe nella parte sud est dell’Ucraina, dove già era in possesso di alcune basi militari, tra cui un’importante base navale a Sebastopoli che ne garantisce l’egemonia del Mar Nero. L’intervento della Russia non si è solo limitato alla Crimea ma ha interessato tutta l’area che si trova nel sud est del paese. Adesso la tensione è alta tra Ucraina e Russia ma anche in tutto il resto del mondo, poiché quest’intervento militare alle porte dell’Europa ha attirato l’attenzione dei mass media e sta cambiando gli equilibri tra Europa USA e Russia. Il fermento è iniziato alla fine di novembre momento in cui l’ex premier Viktor Yanukovich aveva interrotto il processo di avvicinamento all’Unione Europea che già da un po’ di tempo era in atto in Ucraina, infatti, tempo fa, si incominciava a vociferare di una possibile entrata nell’Unione da parte del paese. A seguito di questa decisione di interrompere questo processo, molte manifestazioni hanno scosso il paese, inizialmente hanno interessato solo la piazza Maidan nel cuore di Kiev (la capitale dell’Ucraina), ma poi le manifestazioni hanno iniziato ad interessare tutta la parte occidentale del paese e molto velocemente sono diventate sempre più violente fino a quando il premier Viktor Yanukovich non è scappato dalla sua residenza, della quale sono state scattate molte foto in quei giorni ed assomigliava molto ad una reggia, con campi da golf e zoo privati, e si è recato prima in Crimea per poi riapparire in Russia. Tutte le sedi del governo sono state abbandonate e sono state subito occupate dai mauna possibile esclusione della Russia all’interno del G8 ma per adesso non sembra che sia una proposta molto gettonata. Gli interessi della Russia nell’Ucraina potrebbero non consistere solo nel difendere la parte sud est del paese, ma un obbietivo di interesse potrebbero essere i gasdotti che collegano la Russia all’Europa. La spaccatura che c’è in Ucraina non spunta dal nulla, l’Ucraina è storicamente uno stato con una popolazione divisa a metà: nella parte nord ovest, la parte del paese che attualmente è filo-occidentale, che è la parte attualmente sotto il controllo del nuovo governo Ucraino, vive una maggioranza di popolazione ucraina, mentre nel sud ovest del paese la maggioranza della popolazione è una popolazione russofona e conseguentemente filorussa, questa parte del paese ha una così alta concentrazione di popolazione di origini russe poiché a suo tempo molti abitanti di quell’area hanno subito una deportazione messa in atto dall’URSS e sono stati “rimpiazzati” da cittadini dell’URSS. La situazione in Ucraina è critica, metà del paese è schierato con la Russia, metà con il nuovo governo che chiede aiuti all’Europa, alla NATO ed agli USA, sicuramente un intervento militare è una mossa molto azzardata che non potrà evitare spargimenti di sangue alle porte dell’Europa A cura di Nathan Campioni, Kvutzà Horshim nifestanti ormai divenuti insorti ed è stato formato un nuovo governo. Alcune regioni nel sud est del paese però sono rimaste fedeli al vecchio premier e conseguentemente, come già citato sopra, la Repubblica autonoma di Crimea ha richiesto alla Russia aiuti al fine di ristabilire la pace nella regione. Dopo l’avanzata delle truppe Russe in suolo Ucraino, l’esercito del paese è in stato di allerta e per fortuna ancora non è stato sparato un colpo tra i due s c h i e r a m e n t i . Per adesso gli Stati Uniti e l’Europa non hanno intenzione di intervenire fisicamente ma hanno programmato un intervento principalmente politico, infatti sono stati interrotti i preparativi per il futuro G8 di Sochi, si è addirittura parlato di 6

[close]

p. 14

ATTUALITÀ LA LOTTA CONTRO LA MAFIA “QUESTO IMPEGNO IO LO ASSUMO” I l Presidente del Consiglio, Matteo Renzi risponde all’appello di Saviano fatto su Repubblica. A pochi giorni dal suo insediamento, avevamo già visto un Matteo Renzi impegnato nelle scuole di Trieste e ora risponde ad appelli fatti sul web dall’ipersonificatore della lotta alla mafia, Roberto Saviano. Questa volta il Presidente non risponde con un tiepido “provvederò” (come hanno fatto in molti, riguardo molti temi scottanti come questo), ma anzi si assume al 100% la responsabilità di dire che il Governo agirà, per il bene dei comuni cittadini. Nella lettera di risposta di Renzi,rivolta a Saviano, viene fatto un riferimento a un “meraviglioso esercito di piccoli grandi eroi civili, che abbiamo imparato a conoscere anche grazie ai tuoi racconti, che lavorano nelle associazioni e nei movimenti contro le mafie; questi sono gli imprenditori e i negozianti che hanno denunciato le estorsioni rinunciando per sempre a una vita normale”. Questa gente, a mio avviso, è la gente che ha davvero a cuore l’Italia, quella vera, di cittadini onesti “che non ci stanno” e che “ hanno detto la loro” ad ogni costo. Renzi promette di aggredire l’economia di questa strana società, la Mafia S.p.a, che purtroppo per noi, è presente “al Sud come al Centro e al Nord”, come scrive Matteo Renzi. Ogni volta che sul giornale leggo articoli riguardanti questo tema mi vengono in mente, Falcone e Borsellino a parte, quei piccoli grandi eroi a cui fa riferimento il Presidente del Consiglio, per esempio Ignazio Cutrò e Gianluca Calì, imprenditori anti-mafia, e mi rendo conto che dire no al pizzo, non vuol dire soltanto rifiutare di essere soggiogati e vittime di un sopruso, vuol dire far rivivere e ridare onore ad una bellissima terra come l’Italia. Sicuramente ogni volta che qualche “piccolo grande” partecipante di questo esercito si fa avanti, sa perfettamente che il suo impegno o anche una sua ipotetica, totale dedizione non potranno porre fine a questa battaglia contro le mafie.. Allora mi chiedo noi cittadini non coinvolti direttamente che dobbiamo fare? Dobbiamo rimanere in seconda fila ripetendo che tutto ciò è ingiusto o possiamo fare di più? “Nelle fiabe non si insegna ai bambini che esistono i draghi, quello lo sanno già, si insegna ai bambini che i draghi si possono sconfiggere. Ed è quello che fanno scrittori come Saviano. Non dicono che la mafia c’è, ma dicono che la mafia può essere sconfitta” (Roberto Benigni). Spero attraverso questo mio piccolo testo di non avervi raccontato l’ennesima storia sui draghi, spero che invece abbiate capito che insieme possiamo farcela per vincere finalmente questa battaglia, colgo quindi l’occasione per dire che “questo impegno io lo assumo” e invito tutti voi a fare lo stesso. A cura di Sharon Zarfati, kvutzà Horshim 7

[close]

p. 15

ATTUALITÀ UNA DONNA AL GOVERNO? S himon Peres, l’attuale presidente israeliano novantunenne, è giunto alla fine del suo mandato. Quando questo scadrà il prossimo giugno, la Knesset, il parlamento, dovrà eleggere un nuovo presidente. Adina Bar Shalom ha dichiarato di essere interessata a candidarsi per il partito fondato da suo padre, lo Shas. La candidata, che si sposó giovanissima, voleva studiare psicologia, ma il marito, un rabbino ultraordosso, glielo proibì affermando che l’università non era un posto per donne. Oggi ha 68 anni, ed è una famosa attivista per i diritti delle donne. Stando alle indiscrezioni apparse sulla stampa israeliana, potrebbe diventare il prossimo presidente d’Israele. Potrebbe essere il primo presidente donna nella storia di Israele, dopo i due primi ministri Golda Meir negli anni settanta e Tzipi Livni, che ha riscoperto il ruolo di premier ad interim nel 2006. Sarebbe, inoltre, il primo presidente ultra-ordosso nella storia del paese. La sua candidatura, peró, deve essere ancora formalizzata, e il suo partito, lo Shas, non è attualmente al governo; eppure, pensare a lei come prossimo presidente non è assurdo: in Israele è attualmente in corso una profonda tensione tra destra e sinistra, laici e religiosi, e, nonostante sia la figlia di un rabbino di estrema destra, è una delle poche figure pubbliche che godono di una discreta popolarità trasversale, che uniscono anziché dividere. Durante il governo di Netanyahu gli ultraortodossi hanno goduto di una sorta di statuto speciale all’interno della socie- tà israeliana, essendo esenti dal serivizio militare, che in Israele è obbligatorio per tutti gli israeliani indipendentemente dal sesso, e poco presenti nella forza del lavoro. Molti uomini ultra-ortodossi dedicano infatti il tempo allo studio della Torà, lasciando alle mogli il compito di mantenere le famiglie, spesso numerosissime: il risultato di ció è che molte famiglie religiose vivono sotto la soglia della povertà, ricorrendo agli aiuti governavi per riuscire a sopravvivere. Il governo attuale sta cercando di includere maggiormente i religiosi nella vita politica e sociale del paese, creando una riforma che rende obbligatoria la leva militare anche per gli uomini ultra-ortodossi, e nel mondo del lavoro. Questo è il campo di Adina Bar Shalom, che nel 2001 ha fondato la prima università ultra-ortodossa per paese; che, pur andando fiera delle sue tradizioni religiose, ritiene preoccupante il sistema in cui un vasto numero di famiglie deve ricorrere agli aiuti dello Stato per nutrire i propri figli. Da anni, la candidata, si rivolge alle giovani coppie, spiegando loro che si deve trovate il modo per unire le tradizioni e la spiritualità con l’indipendenza economica. Il punto di forza di Bar Shalom sta proprio nell’essersi battuta per i diritti delle donne, per l’istruzione dei giovani senza mai rinnegare le sue origini; e nell’aver dimostrato che ebrei laici e ultra-ortodossi possono lavorare e studiare insieme. È forse questo di cui lo stato d’Israele ha bisogno? A cura di Martina Di Nepi, Kvutzà Shavit 8

[close]

Comments

no comments yet