Parrocchia Madonna del Popolo

 
no ad

Embed or link this publication

Description

Storia ed immagini della comunità

Popular Pages


p. 1

Madonna del Popolo in Villafranca di Verona Storia ed immagini della comunità dalle origini ai nostri giorni

[close]

p. 2



[close]

p. 3

Ai sacerdoti ed alla gente del quartiere di Madonna del Popolo che in questi anni hanno dedicato il loro tempo e le loro energie alla comunità.

[close]

p. 4

Con il patroncinio del Comune di Villafranca di Verona Edizione a cura di: Coordinamento: Pasquale Cordioli Impaginazione: Giorgia Ferretto Documentazione fotografica Alfredo Aldrighetti, Giuseppe Benedetti, Renato Begnoni, Davide Biasi, don Gaetano Di Biase, Vincenzo Borromeo, Mario Bresaola, Davide Burei, Luca Castagna, Comune di Villafranca di Verona, Comunità Emmaus Villafranca, Pasquale Cordioli, Fabrizio Giacomelli, Studio Lucio Merlini, Giorgio Mezzani, Claudio Pezzini, Silvio Prezzi, don Raffaele Rizza, Fernando Zanetti. Presentazioni Comitato di San Rocco Parroci Madonna del Popolo Amministrazione Comunale Presidente Eugenio Turrini don Giuseppe Suman, don Luigi Sartori Sindaco, Mario Faccioli Assessore alla cultura, Maria Cordioli © Gianni Bussinelli editore Via A. Volta, 29 - 37030 Vago di Lavagno (Vr) Tel. +39 045 982112 - Fax +39 045 982369 Proprietà letteraria riservata. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta senza il permesso scritto dell’editore e dall’autore. isbn 978-88-98513-36-9 Prima edizione: agosto 2014

[close]

p. 5

Indice Presentazione Comitato San Rocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. Amministrazione Comunale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » Parroci e Consiglio Pastorale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » Una parrocchia sempre in cammino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sviluppo del quartiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Intitolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tradizione della venerazione della Madonna del Popolo a Villafranca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Quando la Madonna del Popolo aveva compagnia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Festa di tutti i Santi, 1 novembre 1977: nasce la nuova parrocchia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gli inizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 ottobre 1982. Benedizione della prima pietra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Fasi dell’edificazione della nuova chiesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Benedizione della cappella feriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nasce il gruppo della Terza Età . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nascono “SOS Casa” e “La Buona Terra” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La statua del Cristo Risorto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Portale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sistemazione degli ambienti parrocchiali e avvicendamento dei preti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Ventennale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La statua di Madonna del Popolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nuova porta e scivolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Anno della Missionarietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Trasferimento di don Raffaele Rizza a Manerba e arrivo di don Andrea Furioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » 7 8 9 11 15 16 18 19 24 27 28 30 38 42 46 52 58 60 61 62 64 65 67 71 72 77 5

[close]

p. 6

La Parrocchia di Madonna del Popolo Fonte Battesimale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Fabbricato polifunzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Arrivo di don Giuseppe Suman e don Luigi Sartori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L’interno della chiesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L’interno della chiesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Don Marco Preato ricorda la sua chiesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La cappella feriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le opere d’arte della chiesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I “preti” di Madonna del Popolo ................................................. » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » » 77 78 78 81 82 93 95 98 105 131 132 135 137 138 146 147 156 161 167 168 171 173 183 187 190 191 191 195 196 Viva la comunità viva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gruppo raccolta carta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I “manutentori” e le “Marte” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Associazione “ANSPI” “NOI” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Festa Patronale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lo scoutismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gruppo Scout Villafranca 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La parrocchia Madonna del Popolo e il suo spirito missionario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cappello e Pozzomoretto Gruppo Culturale e Carnevale . . . . . . . . . . . Emmaus possiamo rifare il mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Emmaus: una grande e significativa storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Abbè Pierre… pulce di Dio… cittadino onorario di Villafranca . . Emmaus a Villafranca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La cooperativa “La Buona Terra” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La cooperativa SOS Casa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Collaborazione con Emmaus Prato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La cooperativa “Madonna dell’accoglienza” di Pastrengo . . . . . . . . . . Iniziative diverse dal 2000 ai nostri giorni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Riferimenti a documenti, testi, notizie, foto Ringraziamenti ................................... ........................................................................... 6

[close]

p. 7

Presentazione I l comitato di San Rocco è stato fino dalla sua nascita un gruppo che ha accolto nel suo interno amici-volontari di altri quartieri della nostra cittadina e la presenza di questi ha sempre portato al gruppo linfa nuova ed ha arricchito lo stesso con nuove idee. Un gruppo consistente di amici della Parrocchia della Madonna del Popolo si sono sempre resi disponibili a collaborare con i nostri progetti e recentemente sono stati inseriti in modo ufficiale nel consiglio di Comitato. Non da ultimo ricordiamo anche la figura dell’attuale Coparroco della Madonna del Popolo, don Giuseppe Suman, ex curato al “Duomo” negli anni 1980-’85 che, oltre nostro educatore, è stato amico e confessore. Dato il rapporto collaborativo e di grande amicizia con la “gente” della Madonna del Popolo e la pubblicazione, nel 2009, del libro “La Fabbrica del Duomo di Villafranca di Verona”, ci ha fatto pensare che, sarebbe stato opportuno poter riflettere sulla stesura di uno scritto anche sulla storia della Chiesa e della Comunità della Madonna del Popolo. Già all’interno del nostro volume “San Rocco e i tesori di Villafranca” si parlava della chiesa della Madonna del Popolo come struttura fisica, ma ciò che ci premeva maggiormente esprimere era la valorizzazione della comunità della Madonna del Popolo, riflettere sulla sua storia, ricordare i suoi progetti e tutto il lavoro fatto in questi anni di vita. Pensiamo che sia importante non dimenticare le nostre radici e lo studio della nostra Storia, che dovrebbe entrare dentro di noi ed accompagnarci per la vita, e ha la funzione di inquadrare il nostro scritto, alla luce di ciò che è stato con il pensiero e l’animo rivolti sempre verso ciò che sarà. Eugenio Turrini Presidente del Comitato di San Rocco Comitato di San Rocco 7

[close]

p. 8

La Parrocchia di Madonna del Popolo Amministrazione Comunale O ccorre innanzitutto rendere merito ai curatori di questo prezioso lavoro che, dopo “La Fabbrica del Duomo di Villafranca di Verona”, con questo ulteriore impegno editoriale, proseguono nell’intento di divulgare storia e patrimonio culturale della nostra città. Questa edizione si propone di far conoscere l’altra grande chiesa del capoluogo villafranchese: la chiesa di Madonna del Popolo. Si tratta di una costruzione ricca di dettagli da scoprire: questa pubblicazione apre le sue porte e racconta la sua storia. La chiesa è anche il luogo in cui si conservano l’identità, il senso di appartenenza e la memoria di tutta una comunità. Per questo, a nome dell’intera Amministrazione comunale di Villafranca di Verona, ringraziamo quanti hanno partecipato e collaborato alla realizzazione di quest’opera che diventerà sicuramente un altro tassello a servizio della conoscenza e della valorizzazione del nostro patrimonio storico e culturale. Maria Cordioli Assessore alla Cultura Mario Faccioli Sindaco 8

[close]

p. 9

Presentazione Q uando il Comitato di S. Rocco ci ha proposto di scrivere in un libro la Storia e le “Avventure” della Comunità e della Chiesa di Madonna del Popolo, noi parroci siamo rimasti subito entusiasti di dare il nostro assenso positivo a questa splendida iniziativa. La Parrocchia di Madonna del Popolo è una comunità molto giovane e quasi ci sembrava non ci fossero tante cose sufficienti a completare un volume, ma, via via che si aprivano opuscoli preparati per varie ricorrenze o anniversari, venivano alla luce fatti, aneddoti, fotografie e volti di persone che hanno costellato la storia di questi 37 anni. Sono soprattutto i volti e i nomi delle tantissime persone che hanno fatto la storia materiale e, in primo luogo, soprannaturale della Comunità Parrocchiale di Madonna del Popolo: la realtà più bella che abbiamo trovato arrivando in questa Comunità è che tutti la sentono come la propria casa e la propria famiglia. Ascoltando le persone ci si accorge che senti parlare come di una cosa personale che ognuno ha contribuito a costruire non solo esternamente, ma con tutto il cuore. Ci sembrava bello e interessante, visto che qualcuno si offriva per un lavoro molto impegnativo quale è scrivere un libro di Storia, accogliere immediatamente una tale offerta anche per dare inizio ad altre iniziative editoriali per illustrare la vita della Comunità e dei gruppi e persone che ne fanno parte. Con questo invitiamo altri a proseguire su questa strada in modo che la storia della Parrocchia di Madonna del Popolo si arricchisca di nuovi aspetti e di nuovi volti che esprimano la gioia di appartenere alla nostra Comunità Parrocchiale. Con questo libro, inoltre, si vuole sottolineare tutto il bene che tantissime persone hanno operato per la Comunità, compresi gli sforzi e le fatiche che spesso affrontano quelli che offrono una parte della loro vita per costruire i piccoli ed i grandi fatti della vita comune E c’è un altro motivo che ci ha spinto a dare il nostro assenso alla stesura di un libro riguardante la Nostra Storia Cristiana: dire un grandissimo Grazie a tutte le persone di cui vedremo la foto o il gruppo o qualche opera compiuta. Prima di tutti il Grazie va a tutti i Sacerdoti e Diaconi che sono passati da Madonna del Popolo e che hanno dato l’impostazione comunitaria che si respira a pieni polmoni in questa Parrocchia. Non scriviamo qui i loro nomi perché li troveremo in un’altra parte del libro, ma, soprattutto, perché sono impressi molto vivamente nel cuore e nell’affetto di tutti: Grazie a tutti! E poi vorremmo ringraziare tutti coloro, e sono innumerevoli, che hanno partecipato nei modi più vari Parroci e Consiglio Pastorale 9

[close]

p. 10

La Parrocchia di Madonna del Popolo possibili alla preparazione e alla costruzione della Parrocchia di Madonna del Popolo fin dalle sue origini nel 1977. Nel libro potremo trovare i volti di alcuni, ma non vedremo tutti perché sono ancora più numerosi coloro che hanno lavorato in silenzio e nel nascondimento. Siamo una Comunità Cristiana e, come tale, sappiamo che la nostra ricompensa viene dal Signore; però è doveroso far arrivare anche il grazie concreto e palpabile alle persone che si sono impegnate per il bene della nostra comunità. Abbiamo pure pensato che c’è un’altra categoria di persone che è all’oscuro della Nostra Storia di Parrocchia, alla quale sarebbe utile leggere questo libro: sono le nuove generazioni cresciute in questi anni e tutti coloro che sono entrati in seguito, per matrimonio o per cambio di residenza, a far parte della Parrocchia. La lettura della Storia potrebbe essere l’occasione per interrogarsi sulla bellezza di essere parte viva di una comunità cristiana e di sentirsi chiamati ad entrare anche attivamente nello sviluppo della stessa Storia. C’è posto per tutti in questa bellissima comunità di Madonna del Popolo. Noi parroci siamo felicissimi di essere arrivati a Madonna del Popolo e speriamo, a Dio piacendo, di rimanerci più a lungo possibile perché con voi stiamo proprio bene! don Giuseppe Suman don Luigi Sartori È con immenso piacere che saluto il nascere di questo volume che racconta i primi 37 anni di vita della comunità Parrocchiale di Madonna del Popolo. Lo faccio a nome mio, ma anche e soprattutto in qualità di vice-presidente del Consiglio Pastorale Parrocchiale, a nome di tutto il CPP attuale, che è stato eletto nell’autunno scorso, ed anche a nome del precedente CPP che era rimasto in carica circa 5 anni e di cui ero sempre vice-presidente. Il Consiglio Pastorale Parrocchiale si riunisce, con i sacerdoti, per organizzare le attività della Parrocchia. Anche questo Libro ci farà conoscere le idealità e le motivazioni profonde che hanno animato tutti coloro che hanno edificato la nostra Comunità: siamo tutti contenti che ci accompagni per il futuro. Giulio Nalini Vice-presidente C. P. P. 10

[close]

p. 11

Presentazione C hi è nato alla fine degli anni Settanta, e vive in questo quartiere, custodisce nel suo album dei ricordi la foto del battesimo celebrato da don Giuseppe Righini in un capannone della vecchia segheria Borromeo. Lì trovò la sua prima sede la parrocchia nata nel 1977 e successivamente battezzata Madonna del Popolo. Due porte d’ingresso, le pareti coperte di legno e all’esterno un sobrio crocifisso tra due finestroni. La seconda comunità parrocchiale di Villafranca cominciò così, in un edificio in via Tione, che oggi non c’è più. Di fronte, c’era una vecchia carrozzeria e un complesso di case – anch’esse sostituite da nuove lottizzazioni – dove per qualche tempo svolserò la loro attività le prime Coccinelle del gruppo Agesci Villafranca 2. Poco distante, all’incrocio tra via Custoza e via Marsala, alla “Casa bianca” c’erano i Lupetti. In quei luoghi, oggi, ci sono case nuove. L’urbanistica delle città ha cambiato volto ai quartieri, che non muoiono però nei ricordi di chi ha vissuto quelle strade, quegli edifici poco confortevoli, forse, ma carichi – nella loro sobrietà – di valore: come i primi passi per un bambino, quelli erano i primi passi di un lungo percorso di crescita, per la parrocchia, che tuttora non è concluso e proseguirà, passando il testimone di generazione in generazione. L’urbanistica cambia, dunque, il volto ai luoghi. Così, libri come questo svolgono una funzione preziosissima, fissando sulla carta ricordi e immagini cancellati nella realtà dai cambiamenti della società e della città, ma che foto e racconti sanno ancora rievocare. In questo volume, gli anni e il percorso della parrocchia di Madonna del popolo sono messi in salvo per sempre. E non solo. Raccontare questa storia significa anche narrare quella di una spinta a costruire qualcosa di nuovo che andò oltre le difficoltà oggettive e logistiche e la carenza di spazi. Le attività furono disseminate un po’ ovunque. All’ex falegnameria; alla “casa bianca”; nel cortile del convento dei frati Cappuccini, dove, quasi in concomitanza con la nuova parrocchia, nasceva, da una frangia del gruppo Agesci di Villafranca, il Villafranca 2; e, infine, all’ex mercato delle pesche, che al termine dell’estate si accendeva per la festa parrocchiale. Le attività proseguirono disseminate in edifici concessi a prestito, mentre pian piano, maestosa nella sua struttura di cemento armato – secondo il gusto dell’epoca – si ergeva la nuova chiesa. Giovane, dal punto di vista anagrafico, la parrocchia di Madonna del popolo è cresciuta con le sue peculiarità, fondandosi su un bagaglio Una parrocchia sempre in cammino 11

[close]

p. 12

La Parrocchia di Madonna del Popolo di valori importanti proprio quando la società – quella degli anni Ottanta e Novanta – sembrava abbandonare l’essenziale e il significante, in corsa verso lo sviluppo. Invece, qui, trovò una prima sede la comunità di Emmaus, che in pochi conoscevano e che oggi, per il quartiere, è divenuta una realtà strettamente connessa alla parrocchia. Nata come campo di lavoro a Pozzomoretto, trovò riparo – prima di trasferirsi nella sede attuale lungo il Tione – nella “chiesa grande” ancora in costruzione. Il pavimento al grezzo, le luci al neon, spifferi e spiragli dai quali talvolta filtrava la pioggia… In questo immenso spazio rimbombante, iniziò il mercatino dell’usato. Sotto la chiesa grande, invece, il gruppo scout Villafranca 2 trovò finalmente luoghi per riunirsi, con tutte le sue branche, ponendo fine alla diaspora nel quartiere. Madonna del Popolo era la parrocchia “di campagna”. Lontana dal centro storico, sorta in un terreno non ancora circondato da condomini, strade e parchi urbani, le domeniche mattina vibravano al rumore dei trattori che giravano per le strade per la raccolta della carta, che vedeva decine e decine di giovani e ragazzi ronzare attorno ai grandi container rossi e bianchi. A settembre, ultimo sprazzo di vacanza prima dell’inizio delle scuole, arrivavano i tre giorni di sagra, sotto la grande barchessa del mercato delle pesche di via Calatafimi, che apriva il grande cancello alla comunità, con luci e musica. Non è forse uno scrigno di antichità, né di opere d’arte secolari, ma la parrocchiale racconta la società traghettata dalla semplicità degli anni Settanta, verso lo sviluppo dei decenni successivi, fino all’ingresso del nuovo secolo. Ed è questa la sua peculiarità, abbozzata quando monsignor Ireneo Aldegheri destinò alla nuova parrocchia l’eredità Martinelli. Il lascito consentì di permutare il terreno vicino a via Labriola, dove nel 1982 si procedette alla benedizione della prima pietra dell’originale chiesa, interamente di cemento armato, che rompeva gli schemi dell’architettura villafranchese. Anche la decisione del nome porta con sé una storia. Il culto mariano era profondamente radicato a Villafranca, ma influì anche il ritrovamento, nel 1963, durante i lavori di rifacimento di piazza Giovanni XXIII, di una medaglietta con l’effige della Madonna, oggi conservata in Duomo. Monsignor Aldegheri suggerì quindi il nome «Madonna del Popolo». E così fu. 12

[close]

p. 13

Presentazione Mosse in quel momento il primo passo la parrocchia sempre in cammino, portando con sé un particolare testimone: la Via Crucis in plastilina, colorata e fatta a mano dai ragazzi del catechismo guidati da don Giuseppe Righini. Era nell’ex falegnameria, passò nella prima chiesa del nuovo complesso (sottostante all’attuale) e ora campeggia su una fiancata in quella grande. È il tratto di continuità di una parrocchia nella quale il lavoro di definizione, degli spazi e delle strutture, sembra sempre in evoluzione, quasi accompagnando i parrocchiani passo dopo passo, coinvolgendoli e rendendoli consci di quanto, nel partecipare a questa crescita, se ne vedano poi i risultati. Giorno dopo giorno, anno dopo anno, traguardo dopo traguardo… Maria Vittoria Adami 13

[close]

p. 14



[close]

p. 15

Premessa Premessa Da tempo, con il progressivo aumento della popolazione del centro di Villafranca si era venuta prospettando la possibilità di smembrare la storica parrocchia del Duomo. Mons. Aldegheri, parroco, e il concittadino mons. Antonio Ceriani, rappresentante e portavoce della Curia di Verona, avevano intrapreso una serie di incontri con l’Amministrazione Comunale per la definizione del territorio di competenza della nuova parrocchia, tenendo presente anche le indicazioni del piano regolatore comunale degli anni settanta che aveva inserito una chiesa ed un cimitero nel quartiere ovest del paese. La sintesi delle proposte per definire il territorio e la guida della nuova parrocchia fu piuttosto laboriosa. Per la localizzazione si trovò ben presto la sede nel territorio ad ovest del centro da via Prina verso Custoza mentre per la gestione in un primo tempo furono contattati i Padri Scolòpi (una congregazione religiosa non presente nella diocesi di Verona) che ben presto declinarono l’invito, come pure successivamente i Padri Cappuccini di Villafranca. Fu allora che Sua eccellenza, il vescovo di Verona, mons. Giuseppe Carraro, decise di affidarne la gestione a don Giuseppe Righini di ritorno, dopo i dieci anni di mandato previsto per i sacerdoti diocesani “Fidei donum”, dalla missione di Teresina in Brasile. La foto degli anni trenta, qui sotto, evidenzia il notevole sviluppo dell’abitato di Villafranca verso ovest mentre ad est è stato bloccato dalla ferrovia Verona Mantova. 15

[close]

Comments

no comments yet