1996_54

 

Embed or link this publication

Description

Archivio

Popular Pages


p. 1

Introduzione allo studio del sogno* Ernst Bernhard Sento innanzi tutto il dovere di ringraziare la Società Psicoanalitica Italiana ed in special modo il suo presidente dott. Edoardo Weiss per avermi offerto la possibilità di uno scambio di idee. Considero un onore particolare il compito che mi è stato assegnato, e lo adempirò con vero piacere. L'essere passato attraverso la scuola freudiana prima e attraverso quella junghiana poi ha fatto sì che forse più di molti altri psicoanalisti mi sia posto il problema del vicendevole completamento dei due indirizzi: reputo sia mio compito personale tentare un'integrazione reciproca fra queste due concezioni della psicologia del profondo. Mi sono sempre rammaricato, e direi anche vergognato, dell'assurda barriera sorta fra le due schiere di psicologi, la quale, scindendo l'indagine in due campi, ha reso impossibile uno scambio di idee in forma accademica spregiudicata e naturale. Le ragioni che stanno all'origine di tale situazione, situazione impossibile e indegna di una scienza, e segnatamente della scienza psicologica del profondo, dovrebbero, senza alcun dubbio, essere a loro volta oggetto di analisi. L'incontro col dott. Weiss mi ha dato l'occasione di conoscere un collega privo di pregiudizi, aperto e coraggioso, che condivide i miei sentimenti e le mie opinioni. Nelle due conferenze da lui tenute il dott. Weiss ha gettato 11 * Conferenze tenute da Ernst Bernhard a Roma, nel 1937, su invito della Società Psicoanalitica Italiana, e pubblicate per la prima volta nel 1971, nel terzo volume della Rivista di psicologia analitica, ormai esaurito.

[close]

p. 2

le basi per la progettata collaborazione e mi sembra (a quanto ho potuto rilevare dal manoscritto che gentilmente egli mi ha fatto leggere) che l'abbia fatto in maniera chiara e convincente. Già nella seconda conferenza, e anche nel dibattito che ne seguì, avemmo un primo scambio di idee. 11 dott. Weiss mise in rilievo come nella psicologia di Freud e ugualmente nei suoi propri lavori, si rinvengano le radici della dottrina junghiana relativa alla duplice possibile inter-pretazione dei sogni: «sul piano del soggetto» e «sul piano dell'oggetto». Ma tanto più è forte il mio desiderio di sobbarcarmi l'impresa di farvi gettare uno sguardo nella psicologia junghiana, tanto più mi trovo in imbarazzo. Non che io tema che possano difettare l'oggettività, l'amore, la pazienza e la costanza necessario per colmare ed appianare con forze concordi il solco, così profondo e antico, che divide le due scuole. Sono convinto che l'importanza della materia e l'interesse concreto ci aiuteranno a superare certi punti morti. Mi preoccupa piuttosto il problema della forma e del materiale da scegliere per rendervi familiare qualche elemento essenziale della psicologia junghiana. Posso affrontare questo problema dal punto di vista freudiano. È stato proprio Freud, infatti, a postulare la necessità che siano rivissute impressioni scomparse, e ciò non può essere sostituito da una comprensione razionale o da un semplice ricordare. Nella psicologia junghiana il pericolo di operare con concetti non vissuti è anche maggiore, poiché essa è ancor più differenziata di quella freudiana. Mi è riuscito dunque difficile trovare il materiale adatto ad evitare che il nostro scambio di idee possa finire in una discussione meramente intellettuale intorno a fenomeni e a concetti psicologici. Ho scelto a questo scopo un materiale e una forma di esposizione che proponessero fatti piuttosto che concetti, e di conseguenza una viva raffigurazione della vita dinamica dell'anima umana. Pertanto vi parlerò di una serie di sogni portatimi da una paziente nel corso di tré mesi di analisi. Benché questo periodo sia solo un frammento, costituisce un materiale in sé concluso, in quan;o va dall'inizio del trattamento psicoanalitico e termina con la scomparsa dei sintomi, mostrando uno sviluppo psichico abbastanza definito. Ho scelto, del resto, questo 12

[close]

p. 3

caso poiché riguarda la prima metà della vita, nella quale l'Io e il problema sessuale sono maggiormente dominanti, benché la psicologia junghiana riveli in modo più genuino le sue peculiari proprietà nella seconda metà della vita. Ho preferito soffermarmi su quella fase che per i freudiani è oggetto di maggiore attenzione, dimostrando la mia intenzione di presentarvi non già un saggio di trattamento jun-ghiano, bensì un materiale che più di altri si presti al nostro scambio di idee. Mi accingo dunque a esporre la serie dei sogni, circa 30, ma è ovvio che non mi sarà possibile interpretarli esaurientemente, dato che le mie conferenze saranno di numero limitato. E del resto non sarei nemmeno in grado di farlo, poiché mi mancano a questo fine le necessario associazioni della paziente, che a suo tempo trattai mirando soprattutto al successo terapeutico. E anche questo è un motivo che mi obbliga a servirmi di un'altra modalità interpretativa: una modalità interpretativa che si attiene alla dinamica propria della serie di sogni, e fa uso di un simbolismo in certo qua l modo oggettivo. Immaginate che le associazioni della paziente siano in parte sostituite da associazioni che dovrebbero presentarsi quasi ad ogni essere umano. Ma intanto, perché possiate seguirmi davvero, dovrete temporaneamente abbandonare il simbolismo freudiano e la tesi che i sogni rappresentino desideri alterati dalla censura. Nel corso della mia esposizione vi chiarirò in quale senso questi punti di vista hanno diritto di esistere. Cercate il più possibile di considerare le immagini del sogno assieme a me con animo semplice e spregiudicato, e presupponendo soltanto che il sogno sia una comunicazione che noi riceviamo da un'istanza che ha in ogni caso la facoltà e la volontà di fare tale comunicazione. Codesta istanza ci comunica, in un linguaggio figurato e da decifrarsi, dati importanti. E ora posso finalmente iniziare la relazione vera e propria. Si tratta di una paziente di 35 anni che mi consultò parecchi anni fa a causa di una grave insonnia. Era stata quattro anni in cura da medici diversi, senza trame alcun giovamento. Da allora aveva preso l'abitudine di andare a letto verso le 9 di sera, perché solo così poteva, anche se non sempre, riuscire a trovar sonno. Tutti i suoi conoscenti 13

[close]

p. 4

sapevano che lei non poteva prender parte ad alcuna occasione di svago serale o notturno. Aveva fatto uso di diversi sonniferi con risultati deludenti. Da parecchi mesi usava mettersi nelle orecchie dei tappi di ovatta, per non essere disturbata dai rumori. Venne da me col marito, di 8 anni più anziano di lei. Lui era molto preoccupato; erano entrambi disperati. Lei non sapeva assolutamente nulla circa l'esistenza della terapia psicoanalitica, e chiedeva a tutti i costi una medicina o un trattamento fisico che finalmente la guarisse. Temeva soprattutto di poter perdere il marito per via del disturbo che non le lasciava tregua, e sembrava molto affezionata a lui. Dopo un primo colloquio di carattere generale le consigliai di porre attenzione ai suoi sogni ed eventualmente di scriverli. A questo proposito colgo l'occasione per mettervi a conoscenza di un atteggiamento fondamentale della pratica analitica junghiana, atteggiamento che naturalmente non deve diventare un rigido schema: noi rinunciamo in un primo momento, e nel limite del possibile, a procurarci delle conoscenze personali sul caso che abbiamo davanti, così da evitare di usargli violenza in qual-siasi modo e di comprimerlo in un sistema troppo ristretto: lasciamo, per dir così, che l'inconscio stesso ci istruisca e ci guidi. Voglio dire che l'inconscio, se noi tentiamo in tal modo di consultarlo, cercando di dargli la massima considerazione, risponde sicuramente. Certo, anche nella tecnica freudiana si preferisce l'atteggiamento di vigile attesa, ed è stato proprio Freud che a questo riguardo ha parlato di un'attenzione di pari intensità, che l'analista deve rivolgere indistintamente a tutto ciò che il paziente gli offre: il termine usato da Freud gleichachwebende Aufmerk-samkeit [attenzione fluttuante] è invalso nella terminologia psicoanalitica junghiana. Tuttavia nella pratica psicoanalitica junghiana l'atteggiamento mentale è sostanzialmente diverso, conformemente alla diversa valutazione del materiale onirico e della funzione dell'inconscio in genere. Tornando al nostro caso, nella seduta successiva la paziente portò infatti i seguenti sogni, che aveva fatto la notte prima. Primo sogno: Mi trovavo in una cantina buia in compagnia di un uomo, mio coetaneo, che non conoscevo. Cercavo di raccogliere della biancheria per lavarla. All'improwiso entrava una vecchia che gridando chiese 14

[close]

p. 5

cosa facevamo. Le risposi di calmarsi: avevamo il permesso di stare lì, dato che avevamo preso in affitto la cantina. Allora lei si rabbonì e cortesemente ci offrì il suo aiuto. Secondo sogno: Mi tolgo dall'orecchio i tappi d'ovatta. Dall'inconscio dunque, in risposta alle nostre aspettative, riceviamo un primo cenno indicativo sulla situazione. Cerchiamo ora di analizzarlo nel modo sopraindicato. La paziente stessa avverte che il sogno si riferisce alla nuova situazione analitica, e noi accettiamo la sua osservazione. Il secondo sogno, riferendosi così chiaramente al suo sintomo, corrobora la nostra convinzione. L'asserzione di Freud, che diversi sogni fatti nella stessa notte trattano il medesimo problema, abbiamo potuto certamente verifi-carla nella pratica quotidiana. Questa conoscenza ci porta spesso sulla giusta strada. Il lavoro sta avvenendo in una cantina buia. È comprensibilissimo che per il momento alla paziente manchi ancora la luce della coscienza. Comunque lei ha già trovato un luogo, la cantina appunto, che quantunque non ben differenziato, è tuttavia una delimitazione nei confronti dell'esterno, uno spazio in cui è ora possibile, indipendentemente da influenze esterne ed estranee, affrontare il proprio problema. Grazie alla scena onirica del raccogliere la biancheria, e grazie al contegno assunto nei confronti della vecchia, il sogno ci indica che la paziente prende parte attiva al lavoro analitico, ma ci mostra anche il punto preciso da dove iniziarlo, giacché il bucato è una chiara allusione al bisogno di lavare il proprio atteggiamento rispetto all'intimità sessuale. In un sogno successivo, che qui accenno anticipando l'esposizione che seguirà, la biancheria intima appare pulita, rivelando così che l'atteggiamento rispetto alla sessualità ha subito un mutamento proprio in seguito al manifestarsi di ricordi infantili riguardanti la sessualità e allo sperimentare di nuovo i relativi episodi nella propria psiche. In questo lavoro di pulizia la figura del coetaneo sembra avere una parte importante. Sembra che la sua presenza sia indispensabile per un lavoro di bucato, anche se lui non vi prende parte attiva. Muovendosi nell'ambito della concezione freudiana si direbbe certamente che quest'uomo rappresenta l'analista. E l'interpretazione è giusta in quanto quell'immagine è 15

[close]

p. 6

stata provocata dalla comparsa dello psicoanalista nella vita della paziente. Ma quell'uomo sconosciuto non è lo psicoanalista in persona. In base alla nostra esperienza, se il sogno avesse voluto indicare la persona dello psicoanalista, egli sarebbe apparso così come è in realtà. Più tardi parleremo di sogni in cui la persona dello psicoanalista appare nel suo aspetto reale, e solo allora potrà porsi il problema se tale immagine onirica debba interpretarsi sul piano del soggetto o sul piano dell'oggetto. Tale problema, come ho già detto altrove, può esprimersi così: la persona che appare nel sogno è l'espressione simbolica di una qualità dello stesso sognatore (interpretazione sul piano del soggetto), o corrisponde ad un atteggiamento, ad un aspetto, non sufficientemente cosciente, della reale persona sognata (interpretazione sul piano dell'oggetto)? In questo secondo caso occorre considerare a sua volta se l'idea che il sognatore si è fatta nel sogno di quella persona sia in realtà giusta, quasi una comunicazione ogget-tiva. Nel nostro caso però è inutile porsi un tale quesito, poiché la persona sognata è sconosciuta alla sognatrice e anzi non esiste neanche realmente. Per noi junghiani, data la concezione che abbiamo del sogno, è ovvio che si tratta di un'immagine interna della paziente. Il che ci obbliga però a indagare se tale immagine sia stata suscitata da una persona esterna o se, viceversa, si tratti di una proiezione. Nel nostro caso abbiamo già messo in chiaro che la figura dell'uomo sconosciuto è stata provocata dallo psicoanalista, così attraverso l'immagine di questi, l'inconscio ci indica chiaramente quale parte la figura dell'uomo sconosciuto assuma nel processo di sviluppo della paziente. Ricapitolando quanto finora detto, il sogno ci fa sapere che grazie all'incontro con lo psicoanalista è emersa in lei un'istanza virile ancora sconosciuta, un coetaneo, e quindi una figura non genitoriale, in grado di liberarla dalla nevro-si. L'emergere di questo soccorritore interno si evidenzia con più chiarezza nella veglia, nel senso di fiducia che la paziente prova per il lavoro analitico, per la nuova possibilità che le si offre di concentrarsi e di intraprendere qualcosa, che la riempie di curiosità (ed ecco perché nel sogno quella figura maschile le è sconosciuta). Nei sogni delle 16

[close]

p. 7

donne, che già varie volte hanno fatto l'esperienza interiore di questa guida, l'immagine che appare è maschile e, anche se non esiste nella realtà, esse la sentono come familiare. Si può dire che qui siamo di fronte a quell'immagine che rappresenta la relazione fra l'Io e l'inconscio, che Jung ha chiamato «Animus» per le donne e «Anima» per gli uomini. Torniamo ora al sogno. La solidità del nuovo luogo viene messa in evidenza ancora una volta: la vecchia entra nella cantina, manifesta dei sospetti, e vuole disturbare il lavoro. La paziente associa a questa immagine ricordi che si riferiscono alla madre, la quale la trattava con molta severità, non le concedeva alcuna libertà, e cercava di toglierle ogni possibilità di svago e di divertimento. L'immagine della vecchia ha dunque relazione con la madre. Si tratta peraltro di un'immagine del tutto impersonale, al pari di quella dell'uomo. Secondo l'interpretazione junghiana non si tratta quindi di un'alterazione onirica dell'immagine materna, bensì dell'immagine generale, interna, della madre (il cosiddetto archetipo della madre), che si è attivata nella paziente, ed esattamente nella maniera che il sogno indica. La vecchia è, anche secondo la nostra esperienza in materia, la rappresentazione dell'inconscio considerato globalmente. L'inconscio può essere assai pericoloso per l'individuo, e può finanche condurlo, destrutturando l'Io, alla psicosi. Ma proprio il sogno in questione ci fa comprendere che l'inconscio, dopo una certa opposizione, può anche mostrarsi soccorrevole, aiutando, come in questo caso, a fare il bucato. I suoi contenuti sono le immagini interne, che esso sembra alla fine disposto ad offrire alla paziente quale materiale di lavoro, senza incalzarla e senza dar luogo a un allagamento che potrebbe sommergere l'Io. L'episodio onirico della vecchia indica dunque il conflitto attraverso il quale la paziente deve passare per arrivare infine ad una catarsi. La decisione è stata presa: la sognatrice ha risposto che ormai la cantina le appartiene, anche se in affitto. Vale a dire, la paziente è disposta a pagare il prezzo di tale catarsi, ed è quindi disposta a investire libido, sottratta per lo più ad altri investimenti. Il pagare implica sempre una rinuncia e rappresenta un impegno. Anche l'impegno di 17

[close]

p. 8

pagare l'analisi può avere lo stesso significato simbolico, ed essere una prova che il paziente prende davvero sul serio il lavoro analitico. Nel caso di questa paziente l'episodio del sogno si riferiva in parte, come ci rivelarono le associazioni, ad alcuni aspetti esterni del problema, e a questo proposito fu necessario discutere con la paziente il problema della sua possibilità di affrontare le spese inerenti alla cura. Ritorniamo adesso al secondo sogno portato dalla paziente all'inizio. A questo riguardo l'interesse di sapere se l'inconscio ha ancora da dirci qualcosa sulla situazione iniziale è per me molto vivo. Il sogno come ricorderete era il seguente: Mi tolgo i tappi dalle orecchie. Il sogno si riferisce palesemente all'insonnia della paziente, e ai rimedi cui si era sinora sottoposta al fine di alleviarla. Ci si rende conto, a questo punto, che tali rimedi rappresentano un trattamento meccanico, al quale lei adesso, eliminandolo, rinuncia. Con questa decisione la paziente dichiara di voler d'ora innanzi ricercare il significato dei sintomi e sottoporsi a una cura che si fondi su tale ricerca. Ma il sogno dice ancora qualche altra cosa, se consideriamo il significato che ha nel primo sogno il mutamento di contegno della vecchia: la paziente apre ora le orecchie per dare ascolto a quanto dicono le immagini, che non sono più ostili, ma piuttosto propizie. Prima di passare all'esposizione di una serie ulteriore di sogni, vorrei trattare un problema di carattere teorico, al fine di procedere più speditamente in seguito: alludo al problema del simbolismo freudiano. A questo proposito il secondo brevissimo sogno ci offre un'ottima occasione. Dal punto di vista freudiano, credo che l'interpretazione sia, nel suo motivo fondamentale, evidente. L'orecchio rappresenta i genitali femminili; togliere l'ovatta dall'orecchio significa liberare i genitali, e quindi anche il loro accesso. Il che darebbe al sogno e al nostro caso un senso possibile e pertinente alla situazione. Quanto a me sarei senz'altro disposto a utilizzare anche questo significato al fine di ampliare l'interpretazione esposta poc'anzi, qualora la paziente mi avesse, con le sue associazioni, fatto un accenno qualsiasì alla sfera sessuale. Non posso tuttavia familiarizzare col simbolismo unilaterale di Freud. 18

[close]

p. 9

Ho difficoltà a capire perché il sogno alluda ai genitali femminili, una volta mediante l'immagine dell'orecchio, un'altra volta, per fare un esempio, con un pozzo, oppure infine con un qualsiasi oggetto concavo, rotondo. L'esperienza clinica non mi consente di ammettere un'alterazione onirica che si serva di un resto diurno casuale o di un'immagine mnemonica che si offre casualmente, senza connettervi un senso particolare. Come ho potuto già mostrare nel sogno precedente, ogni pur minimo dettaglio del sogno ci rivela un senso ben determinato. D'altra parte l'osservazione di Freud, verificata e confermata in mille e mille occasioni da vari ricercatori, e anche da me, in base alla quale ogni eventuale immagine può, ma non per forza deve, rappresentare un oggetto della sfera sessuale, non può non avere un fondamento reale. In sostanza, credo che le cose stiano in questo modo: A mio avviso, se si considera il sogno un commento alla situazione cosciente del paziente, questa situazione si riferisce assai di frequente, com'è logico, ad esperienze relative alla vita sessuale. E così ogni immaginabile rappresentazione del sogno può corrispondere agli organi e ai processi sessuali. Il genio di Freud ha scoperto tale relazione, ma gli è sfuggito il criterio di differenziazione delle cose sessuali. Egli se ne è servito come di una conferma dell'ubiquità della sessualità, e ha scoperto così un'importantissima verità. Sarà bene che io chiarisca questo concetto con un esempio. Scelgo a questo scopo un sogno tratto dalla bella esposizione di Weiss, Elementi di psicoanalisi. Una donna, che si trova al quinto mese di gravidanza, sogna di trovarsi davanti ad una casa mal costruita, la cui facciata presenta una lieve incurvatura. Teme che la casa possa crollare. L'immagine cambia e diventa una botte di vino, e anche la botte presenta la stessa incurvatura della casa e lo stesso pericolo di sfasciarsi. Secondo la convincente interpretazione di Weiss, interpre-tazione che parte dal punto di vista freudiano, la paziente ha paura del parto. La censura onirica usa una volta la casa, un'altra volta la botte, per rappresentare la sognatri-ce. Infatti la relazione fra la sognatrice e la sua gravidanza da un lato, e l'immagine della casa e della botte dall'altro, è molto evidente. Il sogno indica inoltre chiaramente la 19

[close]

p. 10

preoccupazione della paziente per il suo stato. Non intendo svalutare l'interpretazione freudiana, ma mi sembra che sia stata trascurata una comunicazione dell'inconscio più dettagliata. Tengo a dirvi, d'accordo con il dott. Weiss, il quale ora condivide questo punto di vista, ch'egli stesso cercherebbe in questo sogno dei significati particolari più profondi, secondo i criteri che vi ho esposto. La prima parte del sogno commenta la paura della paziente mediante l'immagine della facciata di una casa che è in pericolo di crollare. Si tratta dunque della parte esteriore, rivolta alla gente, ai passanti sulla strada, ognuno con le proprie opinioni generali e collettive. Per i fini didattici mi accontento di questo aspetto. L'inconscio dice dunque, mediante il sogno, che la paziente teme, assumendo il punto di vista dell'uomo della strada, che il parto possa essere un pericolo e quindi danneggiarla. Se la paziente riuscisse a rendersi conto che si tratta di un punto di vista non suo ma dell'uomo della strada, abbandonerebbe quell'atteggiamento nei confronti del suo problema e si porrebbe nelle condizioni di guardare alla nascita del suo bambino in un'altra prospettiva. La seconda parte del sogno, stando all'interpretazione freudiana, non sarebbe che un doppione della prima parte. In realtà essa ci consente di gettare uno sguardo ulteriore sulla situazione della paziente. Il vino, la bevanda inebriante, che scioglie le inibizioni, il dono di Dioniso, tende a versarsi sulla terra senza essere consumato. Questo è dunque il secondo motivo soggiacente alla paura che la paziente ha del parto. Dopo questi due esempi, sia pure appena sfiorati, torniamo al simbolismo sessuale freudiano, per comprendere quanti enunciati della psiche riguardanti la sessualità, per altro tutti molto differenziati, siano stati ignorati perché si strutturasse l'immensa e geniale costruzione della dottrina freudiana. Andiamo adesso avanti nell'esame della serie di sogni. Abbiamo visto come l'inconscio illustrasse nei due sogni 20

[close]

p. 11

iniziali la situazione della paziente. Ma il compito dell'analisi stava adesso nel tradurre anche in pratica le indicazioni del sogno. Dall'analisi di ogni sogno scaturiscono infatti per noi dei compiti concreti: tanto il terapeuta che il paziente devono prendere posizione sia di fronte alla situazione interna che di fronte al mondo esterno. Solo nel caso che questa realizzazione concreta sia stata effettuata, i sogni successivi mostreranno uno sviluppo graduale e costante del problema. La paziente doveva dunque afferrare con la coscienza il contenuto dei sogni, traendone le conseguenze pratiche relative alla sua condizione. In primo luogo doveva decidersi nuovamente, e per intima convinzione, ad accettare l'analisi. Inoltre, grazie a quei sogni iniziali, lei aveva fatto la prima esperienza della funzione di guida e di aiuto propria dell'inconscio. Non di rado avviene che il sogno non solo ci indichi lo sfondo inconscio della situazione, ma ci dia per giunta delle dirette indicazioni su quanto ci conviene fare sia per quanto concerne il presente che il futuro. Data l'importanza di ciò vorrei farvi un esempio. Una paziente venne un giorno da me in uno stato di grave disperazione, di cui anche io non riuscivo a penetrare bene il senso. Le chiesi se avesse da riferirmi un sogno. Lei aveva sognato che si trovava su una strada bagnata e camminava con difficoltà su delle botti. La strada era quasi un ruscello. Ad un tratto il piede sinistro le scivolò nell'acqua, la quale successivamente si prosciugò, lo le stavo accanto per aiutarla, e dopo aver riflettuto un istante le dissi: «Oggi farò con lei una cosa molto diversa dal solito». E, nel sogno, le feci osservare, come attraverso una specie di telescopio, la veduta di una magnifica regione alpina illuminata dal sole. Poi sempre in sogno, le mostrai, facendo io stesso le mosse che le sarebbe convenuto fare, come doveva distendersi prona su un piccolo carrello, in modo da risparmiare le forze ed avanzare senza bagnarsi. Io compresi il significato del sogno, e ottenni così una diretta indicazione pratica del come avrei dovuto comportarmi con lei. Vorrei soffermarmi su questo sogno, anche perché ci permette, in vari punti, di intravedere importanti diversità fra le due procedure terapeutiche, la freudiana e la junghiana. Il sogno inizia con la constatazione che lo psicoterapeuta si trova sulla stessa strada e nelle stesse difficoltà della 21

[close]

p. 12

paziente; il che corrispondeva alla realtà. Tuttavia il sogno indica anche che il terapeuta ha già assunto la parte di guida e di soccorritore e che, nonostante le difficoltà, fa fronte alla situazione. Il fatto che in sogno la paziente fosse scivolata col piede sinistro nell'acqua fu per me un chiaro indizio che le sue maggiori difficoltà presenti risiedevano più nel suo intimo che nei suoi rapporti col mondo esterno. L'arto che poggia sul saldo terreno della realtà viene bagnato dall'acqua dell'inconscio. In seguito, avremo occasione di parlare esaurientemente dell'acqua quale simbolo dell'inconscio. Per ora dirò soltanto che, come mi ha rammentato il collega Weiss, lo stesso Freud utilizza questa similitudine quando, nelle sue lezioni, parla dell'opera di trasformazione che avviene quando l'inconscio passa alla coscienza. Freud paragona infatti questo passaggio al prosciugamento dello Zuydersee: dove prima c'era acqua, vale a dire inconscio, c'è poi terra asciutta, vale a dire conscio, ossia l'Io. Per quanto riguarda il valore simbolico della parte destra e della parte sinistra, Jung scorge nella parte destra la relazione dell'individuo col mondo esterno, con il conscio e il maschile, e nella parte sinistra una relazione col mondo interno, con l'inconscio e il femminile. Ovviamente questi due simboli rispettivi dell'estroversione e dell'introversione non devono diventare uno schema rigido. Nel caso in questione, l'immagine del piede sinistro mi fa supporre che la paziente trasporti nel mondo esterno difficoltà interiori, disturbi provenienti da paure interne, da contenuti interni, più di quanto non giustifichi la situazione reale. Per trarla fuori da quello stato di angoscia nevrotica occorreva che io le offrissi prima di tutto un appoggio morale ed emotivo tramite una visuale che andasse oltre la pura e semplice osservazione dei fatti concreti. Le alte montagne che io le mostravo nel sogno rappresentano il significato simbolico di una elevazione spirituale. Il sogno ci indica che la paziente aveva bisogno di essere sorretta. Ma compenetrarsi in alti e arcani destini non bastava a risolvere la situazione. Occorreva infatti che io le mostrassi come poteva muoversi, in pratica, nella realtà. Un sogno di questo genere è impegnativo da capire; esso anticipa l'atteggiamento che si dovrà assumere. A questo punto io dovevo innanzitutto chiarire che parte prendere 22

[close]

p. 13

nella situazione. Questo sogno mostra in modo evidente il considerevole divario esistente fra il modo di procedere junghiano e quello freudiano. Secondo Freud è proibito severamente comunicare ai pazienti un qualsiasi elemento personale. Nell'analisi freudiana un comportamento siffatto turberebbe lo schermo bianco del transfert. Anche gli junghiani, ovviamente, procedono in questo modo, specie se emerge una precisa indicazione ad agire in tale maniera, e quindi il comportamento degli junghiani si adatta volta per volta alla singola situazione. A quella paziente infatti dissi: «Lei forse intuisce che anch'io non sono in una situazione migliore della sua». Dovevo quindi indicarle soltanto una visuale (le montagne), che ci fa sentire come, dietro al caos del momento, si celi un ordine profondo e pieno di senso. Solo dopo averle detto questo, potevo addentrarmi nella situazione attuale, concreta, e mostrarle, col mio proprio esempio, come si può progredire, magari lentamente, senza sprecare le proprie energie. Potrei riportare un gran numero di sogni che indicano in anticipo allo psicoanalista l'atteggiamento da prendere nei confronti del paziente. È ovvio che occorre esercitare una critica cosciente su quanto il sogno ci comunica, così da accertarsi che il nostro procedere non sia errato e quindi da rettificare. Un bellissimo esempio che illustra questo comportamento è stato riferito dal dott. Weiss nella sua seconda conferenza. Alludo a quel sogno in cui il padre di un paziente lo aveva invitato a salire nella propria automobile da lui guidata. Il paziente era seduto accanto al padre sicché non poteva vedere lo psicoanalista, che prese posto sul sedile posteriore. L'interpretazione e l'atteggiamento concreto assunto in conseguenza dal collega Weiss concordano perfettamente con quello che sarebbe stato il mio. E infatti, come ho appreso dal dott. Weiss, l'aver egli compreso il sogno e l'averne applicato, nella pratica, il significato, fece fare un gran passo avanti all'analisi. Dopo questa breve digressione, che ha mostrato divari e somiglianze fra le procedure delle due scuole, torniamo al nostro caso. Consolidata la situazione analitica, grazie alla realizzazione dei due sogni iniziali, l'inconscio fornì un altro sogno. 23

[close]

p. 14

La paziente raccontò: Camminavo in compagnia di parecchia gente, probabilmente facevamo una gita in montagna. In ogni caso si saliva su per un monte erto; gli altri erano già arrivati alla vetta, ma io non riuscivo a salire così rapidamente, e anzi mi chiedevo di continuo se sarei riuscita ad arrivarvi: era molto difficile. Dietro di me saliva, ultimo, un uomo; notai che anche lui stentava molto. Finalmente fummo in cima, l'altra gente era sparita, e io ero sola con quell'uomo. Quindi ci ritrovammo entro un rifugio; era alquanto buio e non c'era anima viva. Per cui mi misi a gridare. Apparve allora un uomo e il mio compagno ordinò del vino, invitandomi a bere con lui; ma io rifiutai ringraziando. Di questo sogno considereremo soltanto quegli elementi che possano farci capire le caratteristiche della psicologia junghiana. Vediamo che la paziente procede già, seppure con gran fatica, sulla nuova via. La libido ha trovato una nuova direzione. La gente che arriva in cima prima di lei sono i nostri simili, dei quali supponiamo sempre che tutto ciò che è arduo per noi sia un'inezia per loro. Ma stavolta la paziente non si lascia scoraggiare, per quanto la strada sia molto erta e difficile. Finalmente arriva in cima. Ma che cosa significa la cima? Ritengo che rappresenti un livello psichico più alto, che si eleva al di sopra del piano del collettivo indifferenziato, che rappresenti cioè il raggiungimento di un modo di vedere individuale, analogo anche se opposto alla cantina del primo sogno, che aveva anch'essa una funzione isolatrice. Dietro all'immagine del collettivo indifferenziato stanno le immagini dei genitori o, con altra espressione, il Super-lo. Com'è ovvio, non appena lei stessa arriva in cima, gli altri scompaiono. Quanto al compagno sconosciuto, appare di nuovo in questo sogno; in un primo momento la segue nella ripida ascensione; poi le si avvicina come fosse il suo abituale compagno e la invita a bere del vino. Qui emerge l'elemento centrale del sogno. La paziente stessa se ne rese subito conto, e infatti, dopo avermi raccontato il sogno, si domandò perché avesse rifiutato di bere il vino. È un fenomeno ricorrente che all'inizio dell'analisi la situazione nevrotica si fissi su un problema ben determinato e facile da afferrare. Nella vita conscia del paziente questa particolare costellazione psicologica si esprime in un sentimento di tono piuttosto elevato, un sentimento di speranza e di fiducia nella vicina guarigione, anche se nel contempo 24

[close]

p. 15

vi è la consapevolezza dell'ostacolo non ancora superato. La nostra esperienza ci dice che il significato profondo di questo fenomeno sta nell'atteggiamento che il paziente ha già assunto, atteggiamento non ancora del tutto cosciente ma che si rivelerà in seguito con maggiore chiarezza nel lavoro analitico successivo. Ci converrà allora analizzare con più attenzione e cura dei particolari tale problema. Un aspetto ci è subito chiaro: l'episodio vuole dimostrare che alla paziente è stato impedito di godere del vino della vita: il che, ovviamente, significa molto di più che non aver goduto il puro e semplice atto sessuale. E c'è un altro aspetto ugualmente facile da comprendere: e cioè che l'uomo sconosciuto è un'immagine che, pur essendo suscettibile di proiezione, è tuttavia una realtà psichica inferiore: il cosiddetto «Animus» di cui parla Jung. L'unione con l'Ani-mus significa una profonda influenza di questo sulla sogna-trice. Nel sogno della nostra paziente l'Animus esprime evidentemente una visione secondo la quale ci si dovrebbe aprire ai piaceri della vita. Questo principio a lei ancora sconosciuto, come lo è anche l'uomo, vuole compenetrarla, unirsi a lei, al fine di liberarla dall'inibizione nevrotica che le impedisce di godere la vita. E qui possiamo vedere come i fenomeni della vita sessuale possano a loro volta assumere un significato simbolico. Se il sogno si fosse concluso con un vero e proprio rapporto sessuale fra la paziente e quell'immagine di Animus, ciò avrebbe significato che la paziente era stata effettivamente compenetrata dalla nuova sensazione vitale e che, sotto questo aspetto, era guarita. È facile comprendere, adesso, quale può essere il significato simbolico di un sogno in cui una donna subisce una violenza sessuale da parte del padre. Questa immagine può significare che quella donna, contro la sua volontà, e in contrasto con la propria individualità, è posseduta e soverchiata dalle idee collettive rappresentate dai principi e dalle concezioni, consce e inconsce del padre. Un'interpre-tazione di tal genere, voglio dirlo espressamente, non esclude per nulla l'interpretazione sessuale letterale, che accetto in pieno. Gli elementi e le esperienze della prima infanzia sembrano indicare il punto preciso in cui quelle immagini, che in seguito diventano più o meno autonome, furono stabilite e, per esperienza personale, sono convinto 25

[close]

Comments

no comments yet