1974_10

 

Embed or link this publication

Description

Archivio

Popular Pages


p. 1

Lo sviluppo del bambino nel pensiero di Erich Neumann Aldo Carotenuto, Roma Una delle caratteristiche più importanti dell'approccio di Neumann ai problemi psicologici è l'enfasi posta sugli aspetti transpersonali. Infatti per Neumann ogni tentativo di delineare, da un punto di vista archetipico, le fasi dello sviluppo psicologico deve tener conto della divisione fra gli aspetti psichici personali e quelli transpersonali. I fattori personali appartengono alla singola individualità e non possono essere riscontrabili in nessun altro essere vivente mentre gli elementi transpersonali rappresentano delle modalità interne strutturanti situate alla base di qualsiasi sviluppo (solo in un secondo momento cioè, intervengono con la loro autonomia gli elementi personali). Dice Neumann a riguardo: « Proprio come l'organismo si sviluppa secondo un modello tranpersonale determinato, dall'inizio, insieme al sistema nervoso centrale incorporato dello sviluppo, così anche noi abbiamo una struttura archetipica della psiche che si dispiega da sola. In essa la predominanza di un archetipo è soppiantata da quella di un altro, costruendo cosi una struttura gerarchica. II dispiegarsi di un archetipo, ad esempio quello del padre, segue neces- 211

[close]

p. 2

sariamente il dispiegarsi di un altro, quello della madre. Allo stesso modo lo sviluppo del conscio segue quello dell'inconscio» (1). In analogia col fatto che l'inconscio precede il conscio, Neumann sottolinea che la presenza della madre caratterizza lo sviluppo iniziale della psicologia infantile. Nella specie umana la presenza della madre è importante perché alla nascita il bambino, a differenza dei piccoli mammiferi, continua il suo sviluppo come se fosse ancora all'interno dell'utero materno. È necessario all'incirca un altro anno di vita post-uterina per raggiungere quel grado di maturità che hanno i mammiferi al momento della nascita. Questa particolare posizione del bambino rispetto agli altri animali fa si che la sua educazione sia precocemente inserita nel contesto dell'umana esperienza. In caso contrario il bambino non avrebbe possibilità decrescere non solo nel senso biolo gico nel termine ma anche e soprattutto nel senso psicologico. Ora, se è vero che la madre permette al bambino di continuare una esistenza che il biologo Portmann definisce periodo sociale uterino, addossandosi quindi tutta la responsabilità di una vita futura del bambino sana o malata, è anche vero che a sua volta la madre, nel suo rapporto con il bambino, risente delle regole della società e della cultura in cui vive. Ciò significa che il bam bino riceve dalla madre, veicolo principale, la cultura dell'intera società per cui i suoi futuri eventuali disturbi non saranno soltanto il sintomo di una madre nevrotica ma rappresenteranno il segno di una società più vasta e malata. La teoria dello sviluppo psicologico del bambino, secondo il punto di vista della psicologia analitica. parte dal presupposto che l'inconscio venga prima della coscienza e che il Sé. inteso come personalità totale, esista prima dell'Io, per cui le leggi che governano Io sviluppo dell'Io dipendono dall'inconscio e dal Sé. Jung così si esprime a riguardo: « L'io è in rapporto al Sé nello stesso modo in cui ciò che è mosso e in rapporto con chi lo muove... Il Sé deve essere con (1 ) Erich Neumann, The significance of the genetic aspect for analytical psychology. The Journal of Analytical Psychology, vol. IV, n. 2, 1959 pag. 126. 212

[close]

p. 3

siderato un apriori dal quale evolve l'Io. Per meglio intenderci esso (2) C. G. Jung. Psychology rappresenta una prefigurazione inconscia dell'Io >» (2). and Religion C. W. 11. pag. 259. Facendo riferimento alla esperienza psicoterapeutica e all'emergenza di simboli mandalici che esplicano un'azione ordinatrice su di un lo in fase di disintegrazione, anche Edinger postula la possibilità che il Sé sia anteriore all'lo e che possa agire come un garante della sua integrità (3). (3) E. F. Edinger. The Ego- Tali affermazioni possono essere intese nel senso che, Self Paradox. Jour. Anal. come al momento della nascita, l'organismo esiste già per Psych. Vol. 5 n. 1, 1960 pag. poi svilupparsi secondo direttive preesistenti, cosi la vita 8. psichica si dispiega in base a premesse genetiche sotto lo stimolo dell'ambiente esterno. La funzione psichica svolta dalla totalità prende il nome di centroversione. Essa ha lo scopo principale di creare un centro della coscienza che sarà poi ereditato dal complesso dell'Io. Per meglio intendere questo concetto si può rappresentare l'Io come « il figlio » della totalità, del Sé. In questa prospettiva il Sé è legato all'archetipo dei genitori. Ora fra l'Io e il Sé intervengono una serie di relazioni che si evidenziano durante tutto lo sviluppo dell'uomo. Ad esempio, la prima parte dell'esistenza è tutta centrata sull'lo e la coscienza mentre la seconda parte della vita, una volta che siano esauriti i compiti biologici della sopravvivenza, tende a centrarsi sulla personalità totale. Naturalmente i due momenti non sono mai nettamente separati ma da un punto di vista unicamente descrittivo è indubitabile che la vita dell'uomo si svolga prevalentemente in funzione dell'affermazione dell'Io in una prima fase della sua esistenza, e nella ricerca della totalità psichica in un secondo momento. Dopo aver stabilito l'esistenza di una relazione fra i due più importanti centri della personalità, l'Io e il Sé, bisogna rendersi conto che l'individuo all'inizio della sua esistenza, sente il bisogno di realizzare la sua particolare condizione rispetto alla cultura circostante. Questa esigenza è chiamata da Neumann automorfismo. Si tratta della spinta che ogni indivi- 213

[close]

p. 4

duo ha per la realizzazione di tutte le proprie possibilità. La centroversione e l'automorfismo sono gli elementi base per lo sviluppo della personalità infantile. L'Io del bambino comincia a svilupparsi immediatamente dopo la nascita a contatto con la madre. Il rapporto che si genera rappresenta la « relazione primaria », Bisogna subito notare che questa esperienza è soprattutto pre-egoica e, come tale, è di difficile comprensione, anche da un punto di vista concettuale in quanto per l'adulto può esistere soltanto una esperienza collegata all'Io. Forse soltanto le condizioni di borderline riescono a dare una idea di quella che può essere un'esperienza pre-egoica. Comunque il mondo vissuto durante la formazione dell'Io rappresenta un fatto di importanza rilevantissima. Questa fase pre-egoica è stata chiamata da Neumann uroborica ed è per il bambino una situazione di assoluta identità con il tutto. Il dentro e il fuori, psiche e soma sono assolutamente indistinguibili. Ogni momento di sconforto o di pena è collegato, per la sua risoluzione, alla figura della madre. Ed è in questo momento in cui, essendo la madre la pro-tettrice che soddisfa tutti i bisogni, si forma una vera e propria unità psichica tra madre e bambino. Ci troviamo di fronte all'unione duale che ha come caratteristica l'esperienza di un duplice Sé. Da una parte esiste il Sé corporeo, vale a dire la totalità corporea del bambino che si libera dopo la nascita dal corpo materno. Dall'altra esiste il Sé materno: tale categoria psichica piuttosto di essere intesa come se fosse il Sé del bambino, va pensata tale e quale al Sé del bambino, tout-court. Ora il Sé presuppone la relazione lo-Tu nel senso che il Sé rappresenta da una parte quanto più ci appartiene, dall'altra prende la forma di un Tu. Secondo Neumann: questa natura duplice e paradossale del Sé è presente nella pri-missima infanzia; da una parte il Sé del bambino è il Sé corporeo, dall'altra il Sé (4) Erich Neumann. The come un « Tu » è la madre (4). ChiId. Putnam's Sons, New York, 1973, pag. 13. 214

[close]

p. 5

L'esperienza fondamentale del bambino sia nel periodo uterino sia nel periodo uterino sociale ha un carattere che la contraddistingue da qualsiasi altra situazione analoga. Ed è a questa esperienza che si riallacciano i miti del paradiso e dell'età dell'oro, durante i quali l'esistenza è vissuta senza contrasti. Infatti, nella situazione uroborica non esistono particolari tensioni in quanto non può verificarsi un'opposizione tra l'Io e il Sé e l'ambiente materno. Per Neumann tale esperienza è determinante di tutto lo sviluppo umano sia nel suo aspetto progressivo, per quanto riguarda, ad esempio, la creatività che nel suo aspetto regressivo. A questo riguardo il desiderio dell'autoritarismo sarebbe il desiderio di un ritorno alla situazione uroborica dove non esiste alcuna dialettica. Questa fase potrebbe in apparenza designarsi « autistica », ma secondo Neumann il termine autismo è inappropriato. Infatti il fenomeno dell'autismo può unicamente e soltanto riferirsi ad un lo che si distacca dall'oggetto non alla situazione della relazione primaria nella quale l'infante si trova immerso senza vivere quelle opposizioni fondamentali che rappresenteranno in futuro la caratteristica della vita adulta. Neumann rifiuta i concetti freudiani di « identificazione » e di « narcisismo primario » in quanto essi si riferiscono ad una situazione nella quale il soggetto dovrebbe essere attivo mentre l'osservazione empirica rende più probabile la presenza di un essere passivo capace però di vivere l'esperienza del rapporto materno attraverso la « participation mystique », un termine molto più vasto e che esprime meglio la situazione di « identità inconscia ». Si tenga anche presente che nel volume Origini e storia della coscienza, Neumann assimilava i concetti di fase uroborica e narcisismo primario, mentre nelle sue formulazioni più mature riserva al termine « narcisismo » un'accezione negativa dello sviluppo dell'Io. Come già detto la relazione primaria è caratterizzata dall'assenza di conflitto o tensione fra l'Io e il Sé. L'unione fra l'Io e il Sé, tra la madre e il bambino, 215

[close]

p. 6

avviene sotto il segno dell'Eros. La presenza simultanea del Sé corporeo e del Sé materno, per quanto paradossale, può ben essere compresa dalla coscienza adulta tesa, come sempre, alla creazione della polarità. La coscienza, per definizione, tende alla differenziazione e alla schematizzazione. Ciò ci permette di capire due fatti fondamentali. Da una parte esiste la totalità psicobiologica del bambino, esprimentesi nel suo schema corporeo; dall'altra la presenza della madre, indispensabile alla totalità del bambino per sopravvivere e per svilupparsi. Ma questa differenziazione è resa necessaria soltanto dalla coscienza adulta: nei fatti, il rapporto del Sé corporeo del bambino con la madre è assolutamente unitario nel senso che psiche, corpo, mondo esterno sono un tutto unico. A questo punto v'è un'importante obiezione da sollevare. La prima fase del bambino nell'ambito della esperienza uroborica è caratterizzata dall'assenza dell'Io e dall'unione mistica con la madre. Ma se non esiste l'Io, chi fa questa esperienza? Neumann cosi risponde; « Poiché l'Io è una filiazione del Sé, il Sé precede l'Io ed esiste indipendentemente da esso. La regolazione bio-psicologica della personalità totale esiste prima dello sviluppo dell'Io e delia coscienza, come può constatarsi quando quest'ultimi non sono operanti, ad esempio, durante il sonno. Perfino dopo che l'Io è venuto all'esistenza e la coscienza si è stabilita, essi non sono assolutamente necessari per la vita della totalità bio-psicologica. La vita del bambino va avanti senza di essi, come avviene nella persona dormiente, nell'estasi o nella grave malattia mentale. Quando l'Io ritorna da questa assenza nella coscienza, si trova nella posizione di aver attraversato un'esperienza durante la quale era 'sospeso'; in altre parole, in apparenza non era presente» (5). La dissoluzione del rapporto unitario con la madre rappresenta la seconda nascita del bambino, probabilmente la vera nascita dell'essere umano che emerge dalla fase socio-uterina. La dissoluzione del rapporto avviene contemporaneamente alla nascita di un particolare rapporto fra l'Io e il Sé cui Neumann da il nome di asse loSé. Nella situazione storica del bambino, al momento della (5) Erich Neumann, Narnascita il fattore più im- cissism, normal self-formation and the primary relation to the mother. Spring 1966, pag. 84. 216

[close]

p. 7

portante è il rapporto che egli può instaurare con la madre. Come già detto la madre rappresenta il Sé ed il bambino si relaziona ad essa come l'Io si relaziona al Sé. Nel successivo sviluppo e nella dissoluzione del rapporto primario l'esperienza storica con la madre si interiorizza. Neumann cosi si esprime: (6) Erich Neumann, The child, cit., pag. 18. « Nel corso dello sviluppo infantile il Sé incarnato nella madre... deve gradualmente ' muoversi ' verso il bambino » (6). II rapporto esterno con la madre, nella sua dimensione di nutrice, protettrice e fonte di sicurezza, si trasforma nel bambino in un rapporto con il proprio Sé. Si stabilisce un asse psichico che connette l'Io con il Sé. La stabilità di quest'asse rappresenterà poi la possibilità dello sviluppo e della sicurezza personale nei rapporti con il mondo. Abbiamo già fatto notare come Neumann tenda a sottolineare la presenza di un fattore aprioristico della psiche, il Sé, il cui svolgimento è alla base di tutta la vita psichica. La formazione sia medica sia filosofica di Neumann gli impedisce però di cadere nella sterile trappola della contrapposizione innato-ambientale, polemica, fra l'altro, che risente più delle convinzioni personali che di una rigorosa esigenza scientifica. Coerentemente con il pensiero biologico e psicologico moderno Neumann respinge l'una e l'altra tesi in quanto: « il primo punto di vista mette l'accento su di un fatto che si scontra con il mondo esterno, l'altro evidenzia l'azione formativa dell'ambiente che determina il modo d'essere delle forme viventi. Tutte e due i punti di vista sono tipologicamente unilaterali; soltanto se vengono considerati entrambi essi possono avvicinarsi alla realtà» (7) (7) Ibidem, pag. 19 Questi due punti di vista sono esemplificati, nell'ottica neumanniana, dal concetto della personalità totale che dirige, controlla e promuove la nascita dell'Io nel bambino, e dall'attivatore esterno, cioè la madre. Come già detto all'inizio, la madre assume un significato importantissimo per lo sviluppo del bam217

[close]

p. 8

bino. Essa può essere intesa « come la chiave della serratura » che permette al bambino di rispondere ai suoi stimoli con certe modalità di comportamento. La madre però è anche il risultato di tutte le forze politiche ed economiche che le sono attorno; essa esprime l'ambiente e si situa come « releaser » di alcune disposizioni infantili, quali ad esempio, il linguaggio. Nella relazione primaria, alcuni bisogni elementari come la fame. la protezione dal freddo, la sete, sono soddisfatti dalla madre. Ora il modo con il quale la madre si pone di fronte a questi bisogni riveste una particolare importanza. Il bisogno del cibo è lo istinto più importante che viene soddisfatto dalla madre e ciò comporta che l'automorfismo, l'esigenza di esprimere e di salvaguardare la propria natura e la relazione con il Tu, sono inseparabili nelle prime fasi dello sviluppo. Soprattutto l'ingestione di cibo assume un particolare significato perché essa, oltre ad essere una particolare espressione dell'automorfismo da vita a quella zona che Neumann chiama gnosogena, in quanto la bocca è un'apertura verso il mondo. La bocca, dice Neumann, «... fa parte di un mondo simbolico e della comprensione simbolica del mondo. Non è un caso che il bacio, come espressione di una situazione inter-umana, nel suo significato vada olltre la stimolazione della mucosa. Il fattore decisivo del bacio risiede nel fatto che permette l'esperienza di venire in contattto con l'esterno, con il mondo, con il Tu » (8). Per queste considerazioni Neumann è contrario a considerare che l'espressione « orale » cosi come è intesa nella psicoanalisi, esprima una fase infantile della libido. « Orale » invece, deve essere inteso come l'emergenza di un importante simbolo archetipico del (8) Ibidem, pag. 29. mondo. Anche Fano, come contrapposizione alla bocca appare essenzialmente creativo, soprattutto se si ha in mente la relazione fra i fertilizzanti e la terra. Se nell'educazione del bambino la defecazione non è valutata negativamente, il mangiare e il defecare diventeranno appunto la stessa cosa e rappresente218

[close]

p. 9

ranno una delle maggiori caratteristiche della relazione primaria. L'armonia con la madre, l'armonia con la funzione protettiva a tutti i livelli che essa svolge generano nel bambino sicurezza e conforto. La nascita dell'asse lo-Sé, ha il suo antecedente storico nel rapporto con la madre. Un sano asse lo-Sé può nascere solo se vi è un buon rapporto fra madre e figlio. In caso contrario la madre si trasforma nella « Terribile madre », la cui più drammatica conseguenza si traduce nel sorgere della schizofrenia. Infatti l'archetipo della terribile madre, necessario in una fase dello sviluppo dell'Io perché questo si distacchi dall'archetipo materno, quando compare troppo anticipatamente semina lutto e distruzione. Anche per Neumann il disturbo nella relazione primaria è alla base delle sindromi schizofre-niche. Secondo Edinger durante la relazione primaria il nascente asse lo-Sé ha molte probabilità di essere vulnerabile e danneggiabile da situazioni ambientali negative: « Durante questo periodo ciò che è interno e ciò che è esterno non può essere distinto. Perciò l'incapacità di sperimentare il rapporto è vissuta come se vi fosse una perdita di accettazione del Sé. E ciò significa che a causa di una frattura dell'asse lo-Sé, si è generata un'alienazione dell'Io dal Sé. Quasi tutti i pazienti in psicoterapia presentano nella loro anamnesi l'esperienza di essere rifiutati dai genitori... Il Sé, come centro e totalità della psiche che è capace di riconciliare tutti gli opposti, può essere considerato come l'organo dell'accettazione... Un sintomo di frattura in questa area è la mancanza dell'accettazione di se stessi... La psicoterapia, in questi casi, può offrire la possibilità di sperimentare l'accettazione. In certi casi questa esperienza ripara la frattura dell'asse lo-Sé che permette un contatto con forze interne offrendo ai paziente un nuovo senso dell'esistente) Edinger, cit. pg. 9 In linea generale si può affermare che la madre si presenta di fronte al bambino come un elemento evocatore. Questo fenomeno può essere chiamato « evocazione personale dell'archetipo » e significa che tutta la struttura trans-personale del bambino deve (9) Edinger, cit.. pag. 9. 219

[close]

p. 10

essere stimolata, evocata dall'incontro con un essere umano. Però: « l'evocazione dell'archetipo è un avvenimento personale nella storia individuale e perciò soggetto a possibili perturbazioni. Si viene a creare un fenomeno di incastro tra l'archetipo che deve essere fatto scattare nella psiche del bambino e la figura umana che provoca lo scatto: essi devono combaciare perfettamente. Questo fenomeno è paragonabile a quanto avviene nel mondo animale dove J meccanismi innati di scatto sembrano funzionare come congegni ad orologeria regolati su punti precisi corrispondenti alla attitudine formativa dell'imprinting. Nel regno umano, invece, lo scatto personale dell'archetipo, benché debba avvenire, non è, a quanto sappiamo, legato ad alcun momento preciso nel tempo. È solo l'apertura della struttura psichica del bambino ad essere intensificata dal periodo embrionale trascorso fuori dall'utero. Esso non segue poi uno sviluppo autonomo praticamente indipendente da ogni influenza esterna. ma è subito aperto ed esposto alla relazione primaria». (10) Ecco perché l'ambiente umano, nella sua specificazione prima materna e poi paterna, si innesta come agente (10) Erich Neumann. The culturale sulla struttura umana psichica del bambino. Sia la significance, cit., pag. 128. madre che 11 padre però attivano un mondo molto più vasto di quanto sia nelle loro intenzioni, e che non può derivare della loro figura personale. In questa fase di evocazione personale dell'archetipo materno un disturbo che si può presentare è il senso di colpa primitivo, da non confondersi con il senso di colpa che emerge nella situazione edipica. Il senso primitivo di colpa nasce come reazione al non sentirsi amati. È da notare che il bambino sperimenta la sensazione di essere abbandonato in senso mitico perché la madre, nel suo carattere archetipico, rappresenta il Tu, il Mondo e il Sé uniti. In questa situazione dell'Io integrato capace di sopportare le frustrazione di ogni genere, si sviluppa l'Io angosciato, che porta in sé l'esperienza dell'abbandono e del disamore. Ed è in questa fase che la Grande madre prende l'aspetto della Terribile Madre. L'Io angosciato è il segno che l'Io del bambino si è sviluppato in maniera prematura senza avere le giusta fondamenta per affrontare il mondo. Si cela in questo lo angosciato l'insicurezza, l'aggressività gratuita, la mancanza 220

[close]

p. 11

di fiducia in sé e negli altri. Si tratta di un lo isolato che non ha potuto sviluppare un rapporto con la grande madre (conseguentemente l'asse lo-Sé si è fratturato nella fase del suo sviluppo). L'asse lo-Sé rimane l'elemento determinante per affrontare il mondo esterno, soprattutto nelle sue contraddizioni. È esperienza comune incontrare in età adulta questi individui che danno l'impressione di essere completamente sradicati, dal profondo della loro personalità. Sul piano fenomenologico essi danno la concreta impressione che non esista un punto di riferimento (il Sé) nella loro psiche. Questo è il motivo per cui sono vittime del mondo esterno che diventa la loro misura e non viceversa. La « maggioranza silenziosa ». i fascisti, le personalità autoritarie, coloro che debbono ciecamente credere nel verbo divino o umano, sono gli squallidi ed amari rappresentanti di una drammatica situazione psicologica infantile che non ha permesso loro, in un certo senso, di diventare veri uomini, attraverso il distacco dalla madre e con l'instaurarsi della relazione lo-Sé. La relazione lo-Sé è il fondamento della vita e dell'uomo autentico. Il senso di colpa che si genera nella relazione primaria entra comunque in contrasto con la tendenza di ogni bambino a formare una personalità differenziata (centroversione) e con la tendenza del bambino a realizzare le proprie potenzialità (automorfismo). Ma l'automorfismo deve fare i conti con l'adattamento culturale in quanto ogni società, per poter sopravvivere, ha bisogno di porsi certe regole con le quali i singoli individui prima o poi si scontrano. In questa prospettiva quanto più una società è democratica ed aperta tanto più l'automorfismo ha possibilità di realizzarsi. A livello psicologico questa apertura per lo sviluppo è data dalla madre nell'ambito della dissoluzione del rapporto primario. L'Io, nella sua evoluzione, dopo essersi nutrito alla Grande Madre ed aver avuto un atteggiamento praticamente passivo, si distacca progressivamente dalla dimensione nella quale predominano l'inconscio, la madre, i valori cosi detti 221

[close]

p. 12

matriarcali. È la fine di un archetipo mentre all'orizzonte nasce un nuovo archetipo, quello del grande padre, della coscienza e del Logos. Ma l'Io non può logicamente rimanere lo stesso. Il suo porsi in maniera dialettica di fronte al Sé, rende mutevole se stesso come mutevole è l'archetipo che forma il rapporto duale lo-Sé. Nella concezione neumanniana l'asse lo-Sé, in un primo tempo è un asse che collega l'Io con il Sé materno, ma durante la sua evoluzione, l'Io verrà progressivamente collegato al Sé Paterno. Questo significa in termini psicologici che l'uomo « non si sentirà più governato dagli ist inti ma, a differenza degli altri animali, sperimenterà se stesso come essere spirituale » (11). (11) Erich Neumann, The child, cit., pag. 197. Le mutazioni dell'Io in rapporto al Sé hanno un valore gerarchico nel senso che una manifestazione dell'Io si evolve sempre da una manifestazione precedente. Secondo Neumann l'Io prende le seguenti forme 1) fase fallico-ctonica dell'Io a) vegetale b) animale 2) fase magico-fallica dell'Io 3) fase magico-bellica dell'Io 4) fase solare-bellica dell'Io 5) fase solare-razionale dell'Io La fase fallico-ctonica dell'Io è caratterizzata dal predominio dell'inconscio sulla coscienza. Questa fase è chiamata anche matriarcale non per alludere alla condizione sociale nella quale le donne hanno il potere ma per indicare che in questa fase l'Io è in rapporto di dipendenza dal mondo materno. Si ricordi che nell'accezione di Neumann matriarcale e patriarcale indicano situazioni psicologiche e non sociologiche. L'una indica il predominio dell'inconscio, la altra evidenzia la presenza della coscienza e del Logos. L'Io ha anche un aspetto « vegetale » in quanto può essere considerato come un seme che sorge dalla 222

[close]

p. 13

madre terra ed ha un aspetto animale perché non ha raggiunto quel rapporto con la coscienza che è presumibile esista solo nella specie umana. In questa fase l'Io del bambino vive la relazione primaria secondo quella modalità che Lévy-BruhI designa come « participation mystique ». L'esperienza mistica infatti è tale che: « in tale situazione di mescolanza di uomo e di mondo, uomo e gruppo e lo e inconscio, si manifesta l'elemento mistico come indissolubilità dell'Io dalle istanze del non lo. Per il sentimento del mondo originario, ciò che noi chiamiamo mondo esterno è fuso in un atto unitario con ciò che noi chiamiamo interiorità psichica » (12). (12) Erich Neumann, II mistico. Si trova in: Evoluzione culturale e religione. Armando, Roma 1974, pag. 124-125. L'aggettivo « fallico » non denota un'accezione sessuale ma un'attività dell'Io dipendente dall'esperienza corporea. Infatti per la personalità non ancora centrata su una relativa stabilità della coscienza, il fallo esprime in maniera perfetta l'autonomia dell'inconscio e del corpo. Il potere del fallo non viene vissuto in questa fase come una forza personale ma come transpersonale. In questa fase dello sviluppo la psiche non ha raggiunto il suo grado di polarizzazione, non esiste cioè la contrapposizione conscio-inconscio ed il senso della propria identità non è ancora presente nel bambino, in quanto l'Io è ancora un complesso. L'autonomia del complesso dell'Io in questa fase viene sperimentata e vissuta come qualcosa che trascende, che spinge e che agisce al nostro posto. Questa prima fase dell'Io è quindi fallica e ctonica perché è vissuta dal bambino come autonoma, vegetativa e dominata dalla costellazione matriarcale. La situazione primaria permette in un secondo momento lo sviluppo di un senso magico di onnipotenza nel bambino, soprattutto se si riflette su di un fenomeno che nell'uomo adulto non ha lo stesso significato dell'età infantile. Ci riferiamo cioè al modo in cui il corpo agisce nelle sue espressioni motorie al volere della persona. Secondo Neumann questo fenomeno è la radice più importante del pensiero magico perché non esiste ancora una netta divisio- 223

[close]

p. 14

ne fra interno e esterno. L'attività magica dell'Io rappresenta quella fase abbastanza vicina all'automorfismo che, come già detto, rappresenta il bisogno di sviluppare la propria natura personale. Inoltre il Sé, nella sua totalità, è anche sperimentato come se appartenesse all'lo che esercita una magica autorità. Ciò è analogo all'esperienza che l'Io fa quando si accorge di poter muovere a suo piacimento le membra del corpo. In questo dominio del corpo l'Io sperimenta il suo potere ed avverte inoltre di essere il centro del mondo dopo essersi sentito tutt'uno con esso. Si capirà che questa nuova fase dell'Io è completamente differente della fase dell'Io passivo e dipendente dal Sé materno. Infatti sentirsi centro del mondo significa anche opporsi all'uroboro matriarcale e contemporaneamente significa sentire la propria differenza dall'archetipo della madre: subentra la fase magico-bellicosa dell'Io. Il passaggio dal matriarcato al patriarcato, nel suo valore psicologico coincide con lo sviluppo della coscienza maschile che si libera progressivamente dal mondo femminile nella sua connotazione magica. Ciò che un tempo era sottomissione e dedizione all'immagine della grande madre nutritrice diventa ora ostilità e lotta. In questa situazione l'aspetto bellico dell'Io è necessario per opporsi all'archetipo materno perché questo, come avviene in tutte le fasi di transizione dell'archètipo, si trasforma nel suo opposto, cioè nella terribile madre divoratrice che si oppone con tutti i mezzi allo sviluppo dell'Io e al conseguente distacco. È il momento dell'ansia e dell'angoscia, sintomo della centroversione, perché la caratteristica dell'essere umano di svilupparsi come totalità, evoca la resistenza della psiche che tende a rimanere, per forza di inerzia, nelle posizioni acquisite. Il bambino, per potersi sviluppare, deve rivoltarsi contro i valori rappresentati dall'elemento materno, a prescindere da come, nella realtà, la madre realmente si comporta. Infatti: « Uno dei problemi centrali della psicologia infantile è dato dalla palese disarmonia esistente fra la realtà personale dei ge224

[close]

p. 15

nitori e la sua appercezione psichica da parte del bambino. Esiste un dispositivo interno archetipico di guida dello sviluppo psichico, e se ad esempio, per un bambino, nei corso della sua evoluzione, è giunto il momento di staccarsi dalla madre e dal materno, costei si trasforma in strega; quale che sia il suo comportamento nella realtà. In rapporto all'evoluzione del bambino, quindi, tutti gli elementi di fatto sono necessariamente significativamente elaborati e indirizzati nel senso della ' strega '. Se la madre è realmente cattiva, è incontestabilmente una strega; se di fatto è buona, è sempre una strega la cui bontà alletta il bambino a rimanere tale » (13). (13) Erich Neumann, II mondo archetipico di Henry Moore. Boringhieri, Torino 1962. pag. 78. Questa fase contrassegnata da profonda angoscia comunque svolge una funzione strutturante e rafforzante dell'Io contro il predominio dell'uroboro matriarcale. Non bisogna confondere questa angoscia con il cosi detto lo angosciato, caratteristico invece di una situazione nella quale l'Io non era sufficientemente forte per affrontare l'uroboro negativo materno. Sempre in questa fase di lotta, l'Io acquisisce una maggiore quantità di libido necessaria per una maggiore autonomia e per il passaggio allo stadio dell' lo solare del patriarcato. La fase solare dell'Io corrisponde non più alla relativa passività degli stati precedenti, ma si caratterizza per una maggiore autonomia e per il senso di dipendenza da valori spirituali. È il momento più critico di distacco dalla fase matriarcale che corrisponde anche alla differenziazione dei sessi. Infatti, sino a questa fase, in cui tutto si è svolto nell'ambito del predominio matriarcale, lo sviluppo della bambina e del bambino sono una sola cosa. Nel momento di opposizione alla madre, ora nel suo aspetto di terribile madre, per la forza di inerzia della psiche che tende a mantenere nello stato di quiete, il sesso fa sentire la sua presenza per il modo differente di porsi di fronte al distacco. Mentre per il bambino lo sviluppo non può prescindere dal distacco della terribile madre, la bambina può evolversi psicologicamente pur rimanendo all'interno dei valori matriarcali. Neumann si è interessato in ma225

[close]

Comments

no comments yet