Il Picchio di Torresina - mese di Luglio - Agosto 2014

 

Embed or link this publication

Description

.

Popular Pages


p. 1

Distribuzione gratuita di Stefania Giannetto Giornale di quartiere Anno 1 - Numero 7 - Luglio-Agosto 2014 #viviiltuoquartiere: I LOV E Q T BENVENUTA CULTURA! A giugno è stata intessuta una rete tra associazioni e cittadini, in cui la trama (chiamata impegno) e l’ordito (chiamato dedizione) hanno realizzato un nuovo contesto comune : la socialità della cultura. Il Logo dell’Estate Romana a Quartaccio e Torresina, suggerito dal team degli organizzatori degli eventi e creato dal grafico del nostro giornale. Per circa un mese, ogni venerdì e domenica, nel parco giochi di Torresina e nel parco di via Podere Fiume, è stato dato l’inizio ad una serie di eventi che hanno segnato una svolta per i due quartieri. Gli eventi, organizzati dal Circolo Letterario Franca Rame, dall’Associazione Noi di Torresina, dal Comitato di Quartiere Torresina e dai cittadini di Quartaccio, rientravano nell’ambito della manifestazione “I love Quartaccio Torresina - #viviiltuoquartiere”, una sorta di estate romana, patrocinata gratuitamente dal Municipio. Le for ze e le e ne rgie me sse in campo so no state tantissime e tutto è stato fatto per diversificare l’intrattenimento nei nostri territori. Un connubio nuovo per l’estate romana: divertimento e cultura. Un programma culturale di notevole spessore, con ospiti importanti e che non ha dimenticato nessuna fascia di età e tipo di gusto. Dibattiti e tavole rotonde sui temi più caldi per i nostri quartieri, presentazioni di libri di estrema attualità, l’attenzione alla poesia e alla musica in tutte le sue espressioni e, infine, gli immancabili eventi per i bambini, culminati con una caccia al tesoro letteraria molto divertente, hanno caratterizzato queste giornate di festa, Segue a pag. 8 A sinistra: Live dei “We2”, Tribute band U2 che ha regalato a tutti l’emozione di riascoltare diversi brani anni ’80 del più famoso gruppo Rock d’ Irlanda. A destra: esibizione del M. Gabriele Tosi e della calda ed armoniosa voce di Silvia Crescentini. Sotto: alcuni degli eventi culturali nelle manifestazioni. PRESENTAZIONE DEL LIBRO PRESENTAZIONE DEL LIBRO Stefania Giannetto Circolo Letterario “Franca Rame” Carlo Ruggiero Giornalista Free Lance Marco Della Porta Assessore Cultura XIV Municipio Pino Scaccia Giornalista Rai Inviato Speciale Giuseppe ( Pino) Acquafredda Fondatore Associazione “Albero Andronico”

[close]

p. 2

Esercizio convenzionato con il C. di Q. Torresina L’angolo della Poesia INSONNIA LUNARE AMO CAMMINARE A PIEDI NUDI La Luna disse al Sole: possibile che quando sorgi tu nù riesco a dormì dalla tanta confusione? Il Raggiante con aria pia replicò al forzato insonne: mica è corpa mia si soffri de fobia. E poi io do solo luce e calore, mai na’ parola ho pronunciato in vita mia te lo giuro sul mio onore. E’ l’omo terrestre, cor suo umore, che la mattina, alla mia vista, come se arza, comincia a fa rumore. Tutto il giorno fa così, core, s’affanna, nun se da pace è come se fosse l’ultimo di. Nun sa che domani io sto qua come tutte le volte sempre a lavorà, a vorte me chiedo chi me lo fa fa. La Luna ormai convinta che l’insonnia è corpa der terestre lasciò d’averla vinta. Ormai è sera osservò, me tocca annà a lavorà! Ma er Sole preoccupato la pregò: Me raccomanno stanotte nun te vendicà…famme riposà! Amo camminare a piedi nudi Sulla spaggia al mattino, controvento, far danzare il mio spirito contento con le ondate gigantesche e rudi. Mentre ascolto la musica del mare Le nubi si colorano d’argento E passano con lento movimento Sulle acque che son sotto il firmamento. DIEGO IBRAHIM MANCA UN RINGRAZIAMENTO A... Il 21 /6 /2014 si è concluso il Corso di "Balli di gruppo", che si è tenuto presso il Centro Anziani Monte Mario. Iniziato ad ottobre 2013 ha avuto come insegnanti volontarie alcune iscritte al centro stesso: Flavia, Adorna e Francesca alle quali vanno i nostri ringraziamenti. "Il Comitato" Maurizio Moretti

[close]

p. 3

Sommario I LOVE QT SICUREZZA, TERRITORIO E DONNE L’ALLEGORIA DEL LAGO VERDE SALUTE E BELLEZZA AFFITTI IN NERO UN VOCE E UNA CITTÀ L’ ARCOBALENO S.P.Q.R. MUNICIPIO BATTI UN COLPO… PARCO LINEARE…AL VIA!!! LUGLIO-AGOSTO 2014 1 4 5 6 7 8 10 12 13 Rubriche 2 2 6 8 9 10 11 11 11 15 L’angolo della Poesia Un ringraziamento a... News dala Parrocchia di S.Faustina Kowalska News dalla Redazione del Picchio A domanda...Risponde La voce dei giovani News dal Comitato di Quartiere Torresina Le lettere dei lettori Le dediche dei nostri lettori Cucinati per Voi 15 Diventa anche tu “Amico del Picchio di Torresina” su Facebook” Facebook” Rileggici su TORRESINA.NET-Archivio delle edizioni Dal 2007 ad oggi siamo qui ! Dopo la lettura, “il Picchio” ti invita a gettare il giornale negli appositi cassonetti per la carta, perché “il Picchio” è a favo re de lla raccolta differenziata. Anno 1 - Numero 7 Luglio-Agosto 2014 Reg. Tribunale di Roma n. 306 del 27 dicembre 2013 (già n. 559 del 17 dicembre 2007) SEDE: Via Paolo Rosi, 76 - 00168 Roma EDITORE: Associazione di Promozione Sociale “Noi di Torresina Onlus”-Via Paolo Rosi, 76 - 00168 Roma Cellulari: 3387078816 - 3396531743. e-mail: ilpicchioditorresina@yahoo.it DIRETTORE RESPONSABILE: Jean-Luc Giorda CAPO REDATTORE: Stefania Giannetto IN REDAZIONE: Marcella Speranza, Daniela Moretti, Cinzia Pezzola, Antonio Picciau, Antonella Salerno, Antonio Di S i e r o , L u i g i S p a g n o l e t t i , A nt o n e l l a Longobardi. IMPAGINAZIONE, PROGETTO GRAFICO-EDITORIALE, PUBBLICITARIO, GESTIONE INTERNET: Roberto Delle Case, HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO: Maurizio Moretti, Diego Ibrahim Manca, Sonia Luche, Ferdinando Suraci, Michela Fabbri, Roberto Ciavarro, Leonardo D’Ingianna, Alessio Cecera, Giordano Parmeggiani Andrea Delle Case, Danilo Zuliani. STAMPATO PRESSO: Tipografia River Press Group S.r.l. Via Menalca 30 - tel. & fax: 062294420 - 062295925 e-mail: rpg@mclink.it. Dove posso trovare ogni mese la mia copia de “ll picchio di torresina” ? T u t t i i n e go z i e g l i s t u d i Via Federico Borromeo, 67 professionali di Torresina Biblioteca Casa del Parco Tutti gli inserzionisti esterni di Via della Pineta. Sacchetti, 78 Le Edicole Via Torrevecchia Centro anziani Torrevecchia 87-239-348 Monte Mario - Primavalle Negozi di Via Pietro Gasparri 71-73 AMA di Torrevecchia Alcuni negozi di Via Pietro Maffi Santa Maria della Pietà: Alcuni negozi di Via Torrevecchia •Uffici Municipali pad. 29-30-31 e Largo Arturo Donaggio •Padiglioni 13, 26 e 32 Le Edicole di Via Pietro Maffi •Centro Antea - Atletica Monte Mario Alcuni negozi di Via Andersen Scuola di Via Andersen Municipio 19° di Via Mattia Battistini Bar di Via Vittorio Montiglio, 21 XIX Gruppo VVUU Via F. Borromeo Bar di Largo Millesimo La Biblioteca Basaglia Mercato Rionale di Via Pasquale II° Invitiamo tutti i lettori che vogliono scrivere articoli, poesie, dediche o che vogliono raccontare momenti di vita, lagnandosi o ringraziando, ad inviarci i loro elaborati presso ilpicchioditorresina@yahoo.it, oppure lasciando i loro scritti dal giocattolaio NUVOLONI , Via Pietro Maffi 28/32, da ROBERTO il tabaccaio di Viale I. Montanelli, o all' EDICOLA VIDI di Viale Montanelli. Questo numero è stato chiuso in redazione il 10/07/2014. Gli scritti dovranno essere accompagnati dalla firma dell'autore (che potrà L'associazione “Noi di Torresina onlus” ringrazia ,tuti gli inserzionisti e tutti coloro che con le scegliere di non essere citato sul giornale, ma apparire solo con le iniziali o un nomignolo) e un recapito telefonico. loro donazioni, ci permettono di pubblicare il Picchio. 3

[close]

p. 4

Esercizio convenzionato con il C. di Q. Torresina di Sonia Luche SICUREZZA, TERRITORIO E DONNE UNA RETE SOCIALE PER FARE ED ESSERE UNA COMUNITÀ rispetto dei sentimenti. Il pr o ge tto si spo sa pe r fe ttame nte con il lavoro della Commissione Elette del XIV Municipio che, fin dall’insediamento, sta lavorando alacremente per accendere un faro sulla problematica, con l’ambizioso obiettivo di invertire completamente la rotta culturale. In tal senso, Loredana Parpaglioni, Presidente della suddetta Commissione, ha sottolineato che per poter avviare un processo di tale cambiamento è indispensabile avviare un lavoro in rete con tutti gli attori presenti e interessati nel territorio, attraverso il coinvolgimento non solo delle scuole, ma anche dei consultori, dei Pronto Soccorso degli ospedali di zona e delle associazioni di genere, attive nel Comune. Al tal proposito, è stato particolarmente prezioso l’intervento di Maria Grazia Passuello, Presidente di SOLIDEA, istituzione nata per volontà dell’Amministrazione Provinciale con l’impegno di contrastare il fenomeno della violenza contro le donne. La Dott.ssa Passuello è intervenuta in maniera attenta sui disagi femminili e ha promosso la cultura del mondo donna. Questo lavoro si articola nelle scuole e nei luoghi di lavoro, passando attraverso un adeguata formazione dei diversi operatori sociali. Parola d’ordine dunque: messa in rete di tutte le realtà, sinergia tra le persone, strato sociale da ritessere. La bella serata si è conclusa con l’impegno del Presidente del Municipio Roma XIV, Valerio Barletta, di non disto glie re mai l’attenzio ne dal de licato te ma e proseguire dritti verso la meta. Il 13 giugno, in occasione della festa Romana Municipale, al parco di Torresina si è svolta una tavola rotonda il cui tema è stata la sicurezza di genere nel nostro territorio. Le ospiti, rigorosamente tutte donne, hanno spiegato ciascuna per il proprio ambito di competenza, le dinamiche e le possibili soluzioni. L’apertura è spettata alla dott.ssa Francesca Monaldi, dirigente della PS; la sua forte esperienza sul territorio ha permesso di fare una fotografia corretta della situazione attuale: forte scetticismo, indifferenza, tendenza a vivere isolati. Un quadro sociale sul quale riflettere e che fa emergere i primi allarmanti dati. E’ purtroppo frequente sentir parlare di violenza, in tutte le sue articolazioni, che subisce la donna: si passa dalla disparità di trattamento nell’ambito lavorativo, segregazione del ruolo storico attribuitole, alla violenza verbale quotidianamente, utilizzata dai media, per concludere con la degenerazione nella violenza fisica. Dati allarmanti che tuttavia non sfuggono alle Istituzioni. L’onorevole Erica Battaglia, Presidente della Commissione Affari Sociali Capitolina ha evidenziato, durante il suo intervento, proprio la disgregazione sociale e i suoi catastrofici effetti. E’ stato interessante ascoltare l’analisi della consigliera comunale che ha attribuito le radici di questo quadro ad un retaggio culturale metabolizzato, sul quale occorre lavorare per cambiare rotta, proponendo un intervento serio e articolato all’interno delle scuole, fin dalle più giovani età, per rilanciare l’educazione di genere e il Da sinistra: Valerio Barletta, Maria Grazia Passuello, Sonia Luche, Francesca Monaldi, Erica Battaglia, Loredana Parpaglioni, durante la Tavola Rotonda “Sicurezza, Territorio e Donne”, nel quadro delle iniziative dell’Estate Romana-#viviiltuoquartiere. 4

[close]

p. 5

di Ferdinando Suraci L’ALLEGORIA DEL LAGO VERDE ... PARCO AGRICOLO CASAL MARMO “ Lago Verde” immaginario che bagna quasi tutti i quartieri: Palmarola, Monte Arsiccio, Ottavia, Monte Mario, Torrevecchia, Quartaccio, Torresina, Selva Candida. I più importanti “ porti “ di attracco sono: il Stefania S. Filippo Neri, la Co.br.ag.or, Il Carcere Giannetto Minorile di Casal del Marmo, il S. Maria della Pietà, il Liceo Pasteur, Liceo Alberghiero. Istituito nel 2008 con il Nuovo Piano Regolatore di Roma, il Parco è tutelato dalla Regione Lazio dal 2013 per le sue meravigliose risorse Archeologiche (Etrusche e Romane) e per le risorse di elevato livello naturalistico ambientale (Agro Romano con Boschi di Cerri, Sughere e Robinie). Migliaia sono i cittadini che, ogni anno, lo attraversano a piedi e in bicicletta lungo le “rotte“ (i sentieri interpoderali vicinali) per ammirarne il fascino della natura e respirare l’aria salubre. Famiglie e gruppi spontanei trascorrono ore di letizia e testimoniano la grande voglia di viverlo intensamente. Le feste che vi si sono svolte hanno visto una grandissima partecipazione popolare e rappresentano la volontà progettuale della società civile di vederne la sua salvaguardia e il suo sviluppo. I progetti messi in campo con la Creazione della Associazione per il Parco di Casal del Marmo e l’interessamento di tante Associazioni e Comitati di Quartiere sensibili hanno coinvolto i livelli istituzionali e amministrativi (Regione Lazio, Provincia e Comune di Roma , Municipio XIV) in una concezione futuribile e concreta del parco agricolo. Da menzionare: il Progetto presentato della pista Ciclo pedonabile, che da Ottavia-Palmarola-Torresina si collegherà al S. Maria della Pietà (pedonalizzata) innestandosi alla Parco lineare(pista ciclopedonale Monte Mario-Valle Aurelia) inaugurata solo due settimane fa. E IL DI DEL NEL NOSTRO M UNICIPIO XIV Il LAGO VERDE ha un’estensione di quattro milioni e trecentomila metri quadrati ed è posto al centro del territorio del municipio XIV, rappresenta una grande porzione di agro romano rimasto intatto ed inglobato dalla espansione urbanistica degli ultimi trent’anni. Questo lago verde è Il PARCO AGRICOLO di CASAL del MARMO. Un Ferdinando Suraci Il Progetto degli orti urbani della valle delle Campanelle – Fontanelle (oramai completamente bonificata dalla Provincia di Roma) che collega Monte Mario con Torresina. Un’ estensione di 23 ettari di orti gestiti da trent’anni dagli ortisti storici, un fiore all’occhiello della Associazione Parco di Casal del Marmo e della Cooperativa COBRAGOR. Con la Festa PARTECIPARCO del 2 giugno è stato lanciato il progetto partecipativo che pone la necessità di unire gli sforzi di tutti i portatori di interesse rappresentati dai privati (Massara, Vittorini, Mancini Unicredit Banca, pari al 70% della estensione del parco), dalle istituzioni pubbliche (Regione Lazio, Provincia di Roma per il 25 % dell’estensione, Comune e Municipio XIV) e dalle forze sociali locali (associazioni e Comitati di Quartiere). Un percorso inclusivo che si pone l’ambizione di trovare i finanziamenti attraverso i Bandi Europei per la realizzazione di due filoni progettuali. Il primo progetto, per la produzione di derrate alimentari biologiche e a Km0 (con la creazione di almeno 50-100 posti di lavoro per i giovani in ambito agricolo), tale da rendere autosufficiente tutti i quartieri limitrofi il “Lago Verde del Parco Agricolo”. Il secondo progetto, per il riutilizzo dei fabbricati rurali presenti nella tenuta Massara da trasformare nell’Università della terra e la banca dei semi un moderno centro studi e ricerche in campo agricolo. Difendiamoci il nostro LAGO VERDE-PARCO AGRICOLO lavorando tutti insieme per realizzarlo, rafforziamo l’associazione per il Parco di Casal del Marmo e in generale tutte le associazioni e Comitati di Quartiere dei nostri territori. UNITI X CONTARE TUTTI DI +. 5

[close]

p. 6

di Michela Fabbri SALUTE E BELLEZZA ritenzione è data da uno sbagliato stile di vita, per cui rimangono sempre validi i consigli di evitare il fumo, non abusare di farmaci, di caffè, non indossare abiti troppo stretti e soprattutto occorre camminare molto. Ideale sono le lunghe passeggiate, fatte costantemente e praticare con regolarità l’attività fisica, associata ad una dieta sana. Una dieta ad alto contenuto di fibra aumenta la motilità intestinale ed allontana il pericolo di stitichezza, un disturbo che ostacola il deflusso venoso a livello addominale. E' quindi necessario consumare molta frutta e verdura ed in particolare quella ricca di vitamina c, una vitamina che protegge i capillari sanguigni. L’acqua, infine, non deve assolutamente mancare, infatti una corretta idratazione combatte la ritenzione! Bisognerebbe rendere una routine bere almeno 2 litri di acqua al giorno. Sicuramente all’inizio, soprattutto se non siete abituati l’aumento di acqua aumenterà di conseguenza la diuresi, ma piano piano tutto si sistemerà. Mi raccomando, non parliamo solo di bellezza, ma anche e soprattutto di salute! Colpisce il 30% delle donne italiane ma non è soltanto un disturbo prettamente femminile. Scopriamo insieme di cosa stiamo parlando. La ritenzione idrica è un disturbo piuttosto diffuso, soprattutto tra le donne. Escludendo le gravi patologie che la causano, il principale responsabile è da individuare in uno stile di vita sbagliato e una scorretta alimentazione, elementi che possono entrambi facilmente essere modificati e migliorati. Ma cosa è la ritenzione idrica? E’ la nostra tendenza a trattenere i liquidi all’interno dell’organismo; liquidi che vanno, quindi, a ristagnare in zone tendenzialmente predisposte all’accumulo di grasso, come addome, cosce e glutei. La ritenzione è caratterizzata dall’edema, ovvero un gonfiore causato da un accumulo di liquidi, che, in concomitanza ad una circolazione venosa e linfatica alterata, provoca il ristagno di tossine che rovinano ulteriormente il metabolismo cellulare. A causa della sua diffusione, la ritenzione idrica è un problema molto sentito e troppo spesso sopravvalutato; si crede infatti che sia la ritenzione idrica a determinare il sovrappeso, invece è esattamente il contrario! Il sovrappeso rallenta la diuresi e favorisce la ritenzione. Una delle cause non patologiche della NEWS DALLA PARROCCHIA DI S. FAUSTINA KOVALSKA Orario delle S. Messe Orario Ufficio Parrocchiale Chiesa di Mazzalupo: Via Dronero 9 Mazzalupo: Da Lunedì a Sabato dalle 16.30 alle 19.00 FERIALE:Ore18.30-Domenica:Ore 8.00; Ore10.00 e Ore11.30 Chiesa di Torresina: Viale Indro Montanelli 7 Torresina: Da Lunedì a Sabato dalle 16.30 alle 19.00 FERIALE:Ore18.30-Domenica:Ore 10.00; Ore 11.30 e Ore 18. 30 Quartaccio:Da Lunedì a Sabato dalle 16.00 alle 18.30 Chiesa di Quartaccio: Via Thomas Mann 20 FERIALE: Ore 18.00-Domenica: Ore 10.30 PARROCCHIA SANTA FAUSTINA KOWALSKA DELLA DIVINA MISERICORDIA (MAZZALUPO – QUARTACCIO – TORRESINA) Via Dronero 9 – 00166 Roma Cell. 339-2369622 Tel/Fax 06-6240902 Padre Walter: Telefono 339-2369622 e-mail: waltermorini@libero.it 6

[close]

p. 7

di Rag. Antonella Longobardi CdL LA RECENTE SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE AFFITTI IN NERO C ontro il fenomeno degli affitti in nero il nostro legislatore ha cercato di intervenire con il decreto legislativo n.23/2011 sul federalismo fiscale entrato in vigore il 6 giugno 2011, che ha previsto la possibilità pe r gli in qu ilin i di den un ciare i pro pr i lo cato ri che non rispettano le regole dei contratti di locazione e affittano in nero. I casi in cui è possibile la denuncia sono quando: entro 30gg. dalla firma non è stato registrato il contratto di locazione; la registrazione è avvenuta ma indicando un canone di locazione inferiore a quello realmente pattuito; è stato registrato un contratto di comodato gratuito per celare una locazione immobiliare. Una volta effettuata la denuncia, l’affittuario potrà da sé registrare il contratto di locazione presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate ottenendo così notevoli vantaggi e benefici per sé, che si trasformano in sanzioni in capo al proprietario, in quanto, da una parte, si prevede l’obbligo di durata del contratto di locazione per 4 anni a decorrere dalla data di registrazione del contratto di locazione rinnovabili di altri 4, salvo deroghe previste per legge, e dall’altra, l’applicazione di un canone annuo di locazione, dal momento della registrazione, pari al triplo della rendita catastale, oltre l’adeguamento, dal secondo anno, del 75% dell’istat (importo che in genere è del 70-80% inferiore ai valori di mercato!). La Corte Costituzionale con la sentenza n.50 del 2014 ha dichiarato illegittime tali disposizioni sanzionatorie. L’illegittimità della n o r ma è da imputare ad un eccesso di delega: i contenuti del decreto legislativo emanato dal governo sono andati oltre il perimetro fissato dal Parlamento nella legge delega, violando l’art.76 della Costituzione. La conseguenza di tutto ciò è che i contratti registrati dagli inquilini in seguito alla denuncia del nero, dopo il 6 giungo 2011 (data di entrata in vigore del decreto legislativo n.23/2011), sono nulli e il proprietario di casa può richiedere la differenza dei canoni non pe r ce piti dal mo me nto de lla r egistrazione ad oggi e procedere allo sfratto dell’inquilino che ha denunciato la locazione irregolare per morosità provocando, come è facile immaginare, un intasamento delle aule di tribunale con migliaia di cause. Ovviamente tali conseguenze sono pesantissime e si aggiungono al dramma che migliaia di famiglie stann o viven do su l fro n te de l dir itto alla casa, rischiando, altresì, di provocare una forte battuta d’arresto del contrasto all’evasione fiscale nel settore delle locazioni immobiliari. La soluzione a tale caos è proprio nella motivazione della Sentenza della Consulta! Infatti essendo la motivazione per eccesso di delega, quindi non nel merito dell’articolato ritenuto illegittimo, il Governo ha potuto approvare, con un emendamento al cosiddetto “Piano casa di Renzi/Lupi” (D.L. 28 marzo 2014 n.47), una norma, con la quale sono stati fatti salvi gli effetti della riduzione del canone ad un importo pari a tre volte la rendita catastale, soltanto però fino al 31 dicembre 2015 per tutti i contratti registrati in base alle disposizioni precedentemente in vigore. Trattasi, quindi, di un provvedimento al momento solo a scopo dilatorio e lungi dall’essere risolutivo del grave problema di emergenza abitativa che affligge da anni il nostro Paese! 7

[close]

p. 8

Segue da pag. 1 - I love QT tutte realizzate con lo scopo di portare la gente in piazza per vivere il proprio quartiere e per vederlo con un occhio diverso. E’ stato un obiettivo sfidante quello terminato, voluto con tenacia dagli organizzatori e raggiunto con successo e soddisfazione. La popolazione è scesa effettivamente in piazza per divertirsi, per ascoltare la musica, per ballare, per ritrovarsi semplicemente in una sera d’estate giù in piazza, per conoscere più da vicino i problemi del territorio. Altra cosa importante è che il proposito degli organizzatori è stato condiviso anche dagli ospiti che, di fatto, ci hanno accompagnato e si sono avvicendati sull’immaginario palco: tutti, nessuno escluso, hanno offerto la loro partecipazione in modo assolutamente gratuito, convinti del fatto che, arrivati ad un punto storico di aridità di Roberto Ciavarro culturale, questa andasse in qualche modo rilanciata e condivisa da tutti. Le difficoltà e le polemiche non sono mancate, non sono state né poche né facili ma l’impegno e la dedizione di ciascuno degli organizzatori, concentrati e diretti alla risoluzione dei problemi, hanno contribuito a formare una squadra, il cui spirito di collaborazione ha dato i suoi risultati: vivere il proprio quartiere. Si, abbiamo vissuto il nostro quartiere, oggi lo conosciamo meglio, alcune realtà non le vediamo più con timore, perché sappiamo che insieme possiamo affrontare tutto e dare risultati. Abbiamo fatto rete, per riprendere le parole della Dott.ssa Monaldi, ospite della prima Tavola Rotonda, per fare non solo qualcosa di concreto, ma per fare qualcosa di concreto per gli altri. A UN VOCE E UNA CITTÀ scoltare Trilussa, le sue poesie: un viaggio negli usi direttore del mensile romanesco “Rugantino”. e costumi di un popolo romano accompagnati da un Si è cercato di delineare la figura di Trilussa in maniera dialetto “ il romanesco” forse oggi meno parlato ma che ironica trovando spunti per divertire il pubblico, in parte ha radici e origini da tener presenti e vive. tracciato da un copione, in parte frutto di Un poeta vissuto fino al 1950, quasi un improvvisazione. contemporaneo, capace di cogliere Il tutto è stato possibile grazie all’impegno di persone che vivono ed spunto per le sue poesie dalla vita di operano sul territorio. tutti i giorni. E’stato come gettare un seme in un prato Ha trattato satira, comica, cronaca ed è Roberto Ciavarro che deve nascere. stato il poeta delle favole. Lillo Quello di venerdì 20 giugno è stato un Sotto questo scenario si è svolta la Bruccoleri Marco primo appuntamento: nell’ambito della serata del 20 giugno nell’ambito della Della Porta poesia e della cultura romanesca c’è Manifestazione “VIVI IL TUO QUARTIERE” ancora molto da dire. al Quartaccio: “Una Voce e una Città” in In questo quartiere, al Quartaccio, tra le cui ho proposto poesie di Trilussa e di tante cose che abbiamo in programma, è mia composizione, presentato da Marco mia intenzione coltivare anche questa Della Porta assessore alla cultura e con cultura la partecipazione di Lillo Bruccoleri direttore del “Rugantino”. Assessore Cultura XIV Municipio DAL 1° LUGLIO 2014 NUOVO SISTEMA TARIFFARIO NEI MUSEI STATALI E NEI SITI ARCHEOLOGICI. al 1° luglio 2014 cambierà il sistema tariffario dei Musei statali e dei siti archeologici. DALLA REDAZIONE Da questa data, infatti, le gratuità DEL P ICCHI O riguarderanno solo i giovani sotto i 18 anni ed alcune categorie (es. insegnanti), resteranno le riduzioni fino ai 25 anni, mentre scomparirà la gratuità per gli over 65 che, tuttavia, potranno usufruire (come tutti D gli altri) di ingresso gratuito ogni prima domenica del mese. Vengono infatti istituite “le domeniche del museo” che saranno affiancate da “due notti ad un euro nel corso dell’anno” e dalla “apertura serale dei grandi musei ogni venerdì”, verrà prolungato l’orario di visita di grandi siti (Colosseo, Uffizi, Pompei, ecc) fino alle ore 22. BIOTESTAMENTO, L'ASSEMBLEA CAPITOLINA APPROVA LA DELIBERA DI INIZIATIVA POPOLARE Assemblea capitolina ha approvato una delibera di iniziativa popolare che istituisce il Registro comunale delle dichiarazioni anticipate di trattamento. Nelle dichiarazioni il cittadino potrà scegliere a quali cure sanitarie intende sottoporsi in caso di malattia grave e irreversibile. L’ DONAZIONE ORGANI, È ORA POSSIBILE DEPOSITARE LA PROPRIA DICHIARAZIONE DI VOLONTÀ alla fine di giugno è stato dato l’avvio al progetto "Una scelta in Comune", che in questa prima fase sperimentale riguarderà il Municipio I del Centro Storico e dal prossimo autunno sarà esteso a tutti i Municipi: i cittadini romani potranno quindi, a partire da oggi, depositare le proprie dichiarazioni di volontà in materia di donazione degli organi e dei tessuti presso gli uffici anagrafici al momento 8 D del rilascio o rinnovo della carta d’identità, firmando un semplice modulo. Gli uffici anagrafe comunali si aggiungono agli altri punti raccolta e registrazione della manifestazione di volontà, affiancandosi alle Aziende Sanitarie Locali e ai Centri regionali per i Trapianti: un’opportunità per raggiungere in modo graduale e continuativo tutti i cittadini maggiorenni che ritirano o rinnovano il proprio documento d’identità.

[close]

p. 9

A DOMANDA…. RISPONDE! G A , …“ ”! LI LBERI QUESTI ARREDI URBANI POCO SIGNIFICATIVI mese e mezzo fa circa si sono presentati, con “armi e bagagli”, in Via di Torrevecchia, all’altezza della Sede Inps RomaAurelio, tecnici del XIV Municipio, con un folto stuolo di operai e maestranze di ditte appaltatrici, per rifare circa centocinquanta metri di marciapiede, dal civico n. 611 al civico n. 665. L’area dei lavori è stata chiaramente transennata e sono cominciati i disagi per i passanti e per gli abitanti del posto. Si sarebbe potuto pensare che tali disagi erano funzionali rispetto al miglioramento dell’arredo urbano della zona, ma già si poteva e si può obiettare che lo stato del preesistente marciapiede non era certamente disastroso ma, anzi - come si può vedere dalle tre foto allegate, dando un’occhiata al marciapiede superstite che è identico a quello smantellato e poi rifatto - questo marciapiede non aveva nulla da invidiare ai marciapiedi delle strade romane più blasonate e quindi si sarebbero potuti spendere meglio - cioè per un obiettivo più urgente ed utile - i fondi pubblici per rifarlo. Ma ciò che “grida veramente vendetta” in questa vicenda è lo sradicamento di 15 alberi, quasi secolari (nelle foto allegate si può fare un confronto con gli altri alberi più fortunati di loro perché presenti sul marciapiede rimasto Un com’era) che erano ben piantati nel pezzo di marciapiede rifatto e che, quindi, sono stati evidentemente considerati, con tutta la leggerezza del vive re qu o tidiano di chi amministra denaro pubblico, arredi urbani …”poco significativi”! Sappiamo tutti invece che l’albero è un filtro che ci permette di respirare aria pulita. Difatti, attraverso il processo della fotosintesi l’albero trasforma l’acqua e l’anidride carbonica in ossigeno, utilizzando l’energia proveniente dai raggi solari che colpiscono le sue foglie. Si, certamente, sul nuovo marciapiede sono stati lasciati gli spazietti - con tanto di cornice di ferro a raggi per nuovi alberelli da piantare… chissà quando. Intanto, però, è stato distrutto un pezzo importantissimo del patrimonio verde della zona, che ha vissuto per quasi un secolo, regalando ai residenti “bellezza” per la vista ed “aria rigenerata” per i polmoni! Si, evidentemente, per il XIV Municipio gli alberi sono arredi urbani “poco significativi” e per questo motivo nella zona intorno alla Sede Inps Roma-Aurelio si respirerà d’ora in poi più smog di prima! Leonardo D’Ingianna RISPONDE AL NOSTRO LETTORE, L’ASSESSORE AI LAVORI PUBBLICI DEL MUNICIPIO XIV, ALESSIO CECERA Egregio Sig. Leonardo D’Ingianna Le rispondo in merito alla sua gentile lettera, evidentemente scritta per avere specifiche sull’o pera eseguita sui marciapiedi di v ia Torrevecchia nel tratto ricompreso tra v i a Paleotti e la sede INPS. Il progetto è nato circa 5 anni fa e fu inserito nel piano investimenti straordinari (titolo II del bilancio) grazie alla volontà politica di consiglieri che vollero puntare sulla riqualificazione di quel tratto di strada. Per sua conoscenza, le opere sono di due tipi: ordinarie e straordinarie. Le prime sono finanziate con fondi delle spese correnti, (titolo I del bilancio) e servono per l’appunto per sistemare o prevenire ammaloramenti dell’esistente; tutto ciò che è ricostruzione o costruzione ex novo rientra nei progetti straordinari come questo per l’appunto classificato come opera n. OP817810001 intervento D1.27. Per fare queste opere occorrono conferenze di servizi con tutti gli enti interessati che devono dare il loro preventivo assenso all’opera. Nello specifico , la rimozione di quegli alberi fu autorizzata dal servizio giardini (con parere consegnato in conferenza servizi) e non dal municipio, poiché l’opera afferisce per competenza al dipartimento Simu (sviluppo infrastrutture manutenzione urbana), in quanto ricade su strada di grande viabilità, del. C.c. 1022, le cui competenze appunto non sono municipali. Gli alberi vengono classificati secondo una prec isa no rmativa, ed ogni o pera c he ne prevede la rimozione deve passare al vaglio del servizio giardini. In secondo luogo, opere come quella, dovrebbero essere decuplicate nel nostro municipio in quanto l’obiettivo è quello di definire una spazialità fortemente orientata verso le esigenze del pedone, favorendone lo spostamento, la sosta e il passaggio protetto e continuo, ovvero senza ostacoli e barriere. Un marciapiede ampio e protetto è utile per tutti nessuno escluso: per bambini, mamme con passeggini, anziani che deambulano con difficoltà, portatori di handicap e normodotati. Grazie a quest’opera, quel tratto della Torrevecchia è oggi percorribile senza barriere e restituito al quartiere. L’intervento si pone all’interno di un più ampio programma intrapreso da Roma Capitale e Municipio XIV, indirizzato verso una riqualificazione dei percorsi veicolari (strade) e dei percorsi pedonali (marciapiedi), quali ad esempio quelli in essere in via Gasparri angolo via Bembo e quelli già effettuati in via Pineta Sacchetti di fronte al Policlinico Gemelli o a piazza Capecelatro. Entro la prima decade di luglio, partiranno i lavori per un’altra opera similare in via della Pineta Sacchetti agli incroci con via San Cleto Papa, via Francesco Marconi, via Montiglio. Commenta e intervieni anche tu, su Facebook: https://it-it.facebook.com/ilpicchioditorresina 9

[close]

p. 10

di Andrea Delle Case LA VOCE DEI GIOVANI La Q UANDO LA FINZIONE MOSTRA UNA REALTÀ NON TROPPO LONTANA L'obiettivo del gioco è quello di tecnologia e il web sono farci divertire e riflettere su due compagni di vita come i nostri dati siano "essenziali". facilmente manipolabili. Ci semplificano la vita e ci Il giocatore, infatti, con lo rendono "felici". smartphone in dotazione al Ma queste sono solo una delle protagonista, puntandolo su un facce di questi mondi. cittadino , pu ò ve de rn e gli O meglio, questo è quello che ci interessi, spiarne le conversazioni vuole far credere chi gestisce e vederne il reddito. questi business. In realtà c'è un altro lato, quello per così dire "maligno". Ma il cellulare non si limita solo a queste funzioni. Tutto nella Chicago "virtuale" può essere manipolato. L'obiettivo? La sottrazione dei dati sensibili dell'utente, per scopi Dalle luci dei semafori per creare incidenti e distrarre o ostacolare la polizia, alla sottrazione di dati bancari, per ambigui e molto spesso sconosciuti. Dopo lo scandalo delle intercettazioni telefoniche della poi andare al bancomat e prosciugare una parte del NSA (l'Agenzia di Sicurezza Nazionale Americana), conto del malcapitato. il bisogno di privacy (che dovrebbe essere un diritto) Una realtà ancora piccola e nascosta, nella società di oggi, poiché al mondo non esiste ancora una città è cresciuto. Ma ancora tante sono le persone che continuano a connessa come quella del videogame. Nonostante i difetti tecnici, le critiche non mancano, immettere sul web le proprie informazioni sensibili. Senza preoccuparsi di ciò che potrebbe accadere in futuro. gli elogi neanche, ma la domanda sorge spontanea. Per farcelo capire, Ubisoft, ha lanciato sul mercato il suo Come è po ssibile ev itare e difendersi da questi veri e propri furti d'identità, nel mondo di oggi? nuovo prodotto video ludico targato "Watch Dogs". Il videogame ci cala nei panni di Aiden Pierce, un Un a de lle po ssib ilità ch e ab b iamo e qu e lla di disconnetterci. soggetto dalla moralità ambigua, Ma nel mondo odierno questa che dopo la perdita della nipote possibilità è impensabile quanto diviene una sorta di investigatore. impossibile. Il tutto in un futuro non troppo Ultimamente si parla della lontano, in una rappresentazione democrazia della rete, di quanto virtuale di una Chicago Internet sia uno strumento libero (ad oggi una delle città più e sicuro. sorvegliate al mondo), dove Ma quanto di tutto ciò è vero? tutto è connesso al web e Stiamo aprendo la strada ad manipolabile semplicemente un futuro di tipo “Orwelliano”? eseguendo un click. “ WATCH DOGS” 10

[close]

p. 11

L’ ARCO RCOBALENO C’è C’è qualcosa di nuovo oggi nel cielo di Torresina… Un festoso arco di allegria e speranza di una bella estate, dopo la passata tempesta. Un regalo del Signore dei Cieli che, dopo averci ricordato che Egli è l’unico padrone dei nostri destini, vuole finalmente aprire il Suo prezioso Scrigno Celeste per il godimento del sospirato Sole, Sole, da parte del Suo Popolo? Speriamo bene e che Dio ce la mandi buona… buona… Auguri a tutti per una Buona Estate!!! G. Parmeggiani NEWS dal Comitato di Quartiere “Torresina” DONAZIONE SANGUE. Il Gruppo Donatori Sangue Torresina Santa Faustina e l’AVIS Comunale di Roma ringrazia i numerosi donatori che hanno partecipato alla raccolta di giugno, stabilendo un bellissimo primato che speriamo di superare già con la prossima raccolta. FESTA D'INIZIO ESTATE ED ESTATE ROMANA. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato alla “Festa d’Inizio Estate” ed all’Estate Romana organizzata da comitati ed associazioni di zona (Torresina Quartaccio). Grazie alle lotterie ed agli sponsor privati, sono state organizzate ben otto giornate di eventi, senza finanziamento pubblico, ma con molta passione civile e partecipazione di volontari, senza i quali non si sarebbe potuto fare nulla: a loro va come sempre il nostro più sentito ringraziamento. LIBERA LIBRI. L’appuntamento col libero scambio di libri potrà subire dei cambiamenti improvvisi ed imprevisti, in base alla minore disponibilità di volontari nei mesi di luglio ed agosto. A loro va il nostro più sentito ringraziamento, perché se non ci fossero non sarebbe possibile organizzare lo scambio di libri neanche nei rimanenti mesi dell’anno. TORRESINA NEL CUORE. E’ in corso il reclutamento di altri Volontari per il servizio di cardio protezione di quartiere. I corsi sono curati dall’Acaya Consulting e viene rilasciata certificazione internazionale a cura dell’American Heart Association. Gli interessati devono compilare ed inviare il modulo presente sul sito www.cuore.torresina.net (ci scusiamo per il ritardo con il quale è stato pubblicato il modulo). Per partecipare al corso è prevista una piccola partecipazione alle spese. I NFO . Potete contattarci attraverso l’indirizzo mail: comitatotorresina@gmail.com oppure per segnalazioni urgenti chiamare direttamente i consiglieri i cui numeri sono reperibili sulla pagina web www.torresina.net/comitatotorresina. Grazie LE lettere dei lettori. Caro Picchio, sappiamo tutti che i Vigili Urbani (Polizia Urbana di Roma Capitale)sono sotto organico, senza mezzi sufficienti per svolgere un lavoro abbastanza difficoltoso e forse anche un po’ disamorati. In qualche modo li capisco… Vorrei, però, sapere perché i nostri Vigili Urbani non si vedono quasi mai quando: - risulta difficile immettersi su alcune strade (vedi Torrevecchia) a causa di veicoli parcheggiati in maniera assurda; - quando gli autobus non possono girare a causa di auto in sosta e quindi viene interrotto un servizio pubblico (vedi Montanelli, dove i parcheggi per sostare regolarmente, certamente non mancano); -quando gli ambulanti occupano tutti gli spazi pedonali con i loro banchi e le carreggiate stradali con i loro mezzi, rendendo difficoltosa la circolazione stradale e pedonale; -quando i posti riservati agli invalidi sono occupati da chi non ne ha diritto; -quando davanti alle strisce pedonali e in particolare agli scivoli per le carrozzine vengono parcheggiate macchine che impediscono la libera circolazione a mamme, disabili ecc. Per fortuna, però, qualcuno lavora alacremente: se il gestore di un chiosco di fioraio (regolare, anche se a gestirlo è un extracomunitario) osa esporre qualche piantina sul ciglio e sotto il bordo del marciapiede antistante il chiosco, ecco che gli viene fatta la multa per “occupazione di suolo pubblico” senza aver pagato la relativa tassa. Non vorrei essere fraintesa: se si viola la legge è giusto e sacrosanto che si venga sanzionati, però mi domando: perché essere “forti con i deboli” e non “vedere” cose più importanti? E’ solo una mia sensazione? Chi può rispondermi? Grazie. M.S. LE DEDICHE DEI NOSTRI LETTORI LAUREA Discutendo una tesi su "Autismo e psicosi infantile, dalla definizione al trattamento" il 20 giugno si è laureata con 110 e lode Giulia ASNAGHI. Tanti auguri da 12 luglio 2014 la nostra cara ZIA PINA compirà gli anni. Il "Picchio di Torresina" che per molto tempo l'ha vista collaboratrice amata dalla redazione e dai lettori, ringraziandola per quanto ha dato in esperienza, sapienza e capacità, si stringe a Lei augurandole Il papà Renato, mamma Gabriella e Simone. BUON COMPLEANNO! 11

[close]

p. 12

di Danilo Zuliani S.P.Q.R. ...ovvero “Sono Poeti Questi Romani” Un viaggio nella romanità attraverso le opere dei tre maggiori poeti romani trillo del cellulare, un messaggio “Ti va di scrivere Così pure come giustificare la scelta di declamare due righe sulla vostra partecipazione alla serata da “Villa Gloria” di Cesare Pascarella, poema serio basato sulle memorie di un trasteverino partecipe della triste pubblicare sul Picchio?” La risposta non può che essere: “Certo che si! Per quando?” impresa dei Cairoli che dettero la vita nel tentativo di Ulteriore cinguettio e la ferale notizia: “Entro domani”. liberare il popolo romano. Panico! Da dove partire? Cosa scrivere? Come scriverlo? Come cercare di spiegare, nell’angusto spazio di pochi Un turbinio di idee e pensieri che si accavallano, si caratteri, che il romanesco non è solo lingua adatta al spintonano, costringendo al lavoro le affaticate sinapsi, comico e al triviale ma riesce a descrivere anche il dramma del giovane sangue versato in nome dell’ideale oramai orientate verso il riposo estivo. Potrei iniziare parlando della nostra associazione risorgimentale. culturale, la Nomen Omen, attiva dal 2007 e che opera Ideale che, già agli albori del 1900, appare svilito, maggiormente in campo teatrale, degli spettacoli messi stemperato, ridotto oramai ad artificio retorico come ben in scena sia per ragazzi sia per un pubblico adulto, descritto negli arguti e pungenti quadretti satirici del degli spettacoli programmati nella prossima stagione, Trilussa. delle cene spettacolo da cui il nostro piccolo contributo Ed ancora, come cercare di descrivere l’ironia di quest’ultimo, la sua capacità di inquadrare l’ipocrisia di all’iniziativa “vivi il tuo quartiere” parte. Troppe cose da concentrare nello spazio di mezza una Roma non più popolare ma borghese, dei suoi vizi e delle poche virtù. pagina. Come cercare di esprimere in poche righe i motivi che ci Beh, non credo di essere capace di condensare in poche hanno spinto a lavorare sul patrimonio romano, o meglio parole tutto questo. Non mi rimane che ringraziare: in primis il pubblico romanesco? Come far capire la difficoltà nell’affrontare la monumentale che ci ha seguito, nonostante il ponentino pungente, opera di Giuseppe Gioacchino Belli, dell’addentrarsi sperando di aver lasciato in loro un lieto ricordo dell’ora nell’analisi dei suoi duemiladuecentosettantanove sonetti, trascorsa insieme. carpirne la bellezza e l’attualità, pur se composti Dopodiché ringrazio i nostri ospiti, gli organizzatori, che attorno alla metà del 1800, da cui il forte desiderio di con il loro impegno hanno reso possibili queste serate, da replicare sicuramente per vivere in modo diverso il condividerlo in pubblico. Condividerlo si, ma senza fusciacche, pantaloni al proprio quartiere. In ultimo, ringrazio i miei compagni di avventura, polpaccio e scialli. Senza, cioè, relegarlo al folklore di una Roma sparita ma Sara Trainelli e Stefano Germani, per la pazienza, cercando di restituirli ancor vivi e riconoscibili nelle la passione e la dedizione a questo lavoro. esperienze quotidiane dei romani di oggi. Un Con il Patrocinio di HANNO PRESENTATO Gli Organizzatori, i Volontari e i Partecipanti, Vi salutano e Vi ringraziano per la Vostra partecipazione ! 12 ARRIV ED ERCI AL PROSSIMO ANNO!

[close]

p. 13

di Daniela Moretti M UNI CI P I O BATTI UN COL PO … “ CAMBIARE E’ POSSIBILE: “ Il Quartiere, la Riqualificazione,la Legalità, La gioia di stare insieme, il piacere di essere comunità,…………” re 17,00 cittadini e istituzioni sotto il sole, in scuola polo culturale sempre aperta, di avere vie illuminate un angolo ventilato, di quell’area a metà tra una e sicure, di vedere finalmente aperto l’Archeoparco e frupiazza e un parco che si trova tra via Fratelli Grimm, via ibile l’area cani. Andersen e via del Podere Fiume, che gli abitanti Altri quartieri della nostra città sono oggi all’attenzione conoscono come lo spazio del “Casale” , mai consegnata dei media, per gli effetti che gli interventi di street art dai costruttori a Roma Capitale, ricomincia il dialogo e di rigenerazione urbana, come il progetto SAN.BA a San Basilio o il campo per il calcio sociale a Corviale, interrottosi negli anni passati. Siamo nel cuore di “Quartaccio”, fino a pochi anni fa hanno attivati sulla qualità della vita dei cittadini che li quartiere di sole case popolari e oggi quartiere di abitano. edilizia residenziale agevolata e case popolari, che vede Lì all’organizzazione dei cittadini per la gestione di beni convivere da vicini che si osservano e poco condividono, comuni, le istituzioni hanno risposto investendo. se non la scuola dei propri figli, cittadini della classe media Qui i cittadini, dagli abitanti ai commercianti e artigiani e cittadini che vivono sotto la soglia di povertà assoluta. presenti, hanno investito per creare dal 7 giugno al 6 Cittadini di Quartaccio e di Torresina insieme per dire alle luglio, una serie di momenti di incontro/dibattito e istituzioni, che loro sono qui e sono pronti a far vivere incontro/festa auto organizzati e auto finanziati, per questi quartieri, sia animandoli che portandoli all’attenzione sollecitare le istituzioni a prendere atto che qui, le di chi governa il territorio, per avere e costruire risposte comunità sono vive e pronte a riprendersi i loro quartieri ai bisogni di socialità, cultura, sicurezza, legalità, che e chiedono alle istituzioni di “BATTERE UN COLPO”. Il Municipio ha risposto, illustrando ai cittadini il percorso ogni giorno vivono. Mentre i grandi dialogano, i piccoli giocano tra gonfiabili che ha attivato per la fruibilità dello “spazio del Casale” e vecchi giochi, nello spazio animato dai ragazzi di e dell’Archeoparco, così come i lavori per i marciapiedi “Scialla”, centro di aggregazione giovanile presente a via Andersen, impegnandosi a mantenere aperto nella scuola Media Statale Ranaldi, conosciuta come la il canale di dialogo con i cittadini e alta l’attenzione per i bisogni di queste zone. “scuola dei bulli”. Il confronto termina, E’ insieme ad operatori scende la sera, arriva il vecchi del territorio, fresco e con il sottofondo come Antonio Antolini, musicale di Radio Officina, “conosciuto come quello parte la festa, con le persone della ”mediazione “, che che chiacchierando, girano dal 1999 al 2008 ha percorso tra le bancarelle degli queste strade e vissuto Hobbisti e il chiosco degli con i loro abitanti momenti “arrosticini”. di vita grandi e piccoli, E’ mezzanotte e facciamo per aiutarli a sentirsi fatica ad allontanarci, da comunità e nuovi, come qu e llo che ab b iamo responsabile di Libera Anscoperto essere un luogo timafie che sta incontrando i “magico”, nascosto com’era ragazzi di “Quartaccio”, dall’erba alta. che ripercorriamo la storia Si fa fatica a riconoscerlo, di questa comunità, le ma a renderlo così ospitale diversità e le ricchezze che sono stati gli abitanti che lo la caratterizzano e rinnoviamo hanno curato nel loro agli amministratori presenti, tempo libero, per metterlo il Presidente del Municipio a disposizione di tutti. Valerio Barletta , L’Assessore Da operatore abituato a alla cultura Marco Della Porta scrivere progetti, vi dico e l’Assessore alle Opere GRAZIE! Pubbliche Alessio Cecera, Sapete qual’è stata la magia la richiesta di innalzare più grande? la qualità della vita di Incontrare, da cittadino che queste zone. vive in questo territorio, Occorre avviare al più fuori dalla veste ufficiale e presto interventi di dagli orari di ufficio, come riqualificazione che diano uno tra tanti, tante belle finalmente alla g e n t e l a persone che scoprendo il p o s s i b i l i t à d i usufruire piacere di stare insieme, dello “spazio del Casale”, hanno cambiato la faccia di camminare su marciapiedi In alto: i presenti fino a tarda notte . In basso: i volontari che hanno del quartiere. accessibili, di avere una reso possibile la realizzazione della festa al Casale di Quartaccio . 13 O

[close]

p. 14

di Anto- nio “CROSSED” E LO SPLATTERPUNK L'APOTEOSI DI UN GENERE FANTASMA “Splatter”: dall'inglese “To splat”(spiaccicare); nel gergo della letteratura, del cinema, dei fumetti e dei video games, situazione o intera storia particolarmente ricca di scene sanguinolente. con la scrittura di quel genere, quindi può provare a umanità è vittima di un raccapricciante virus. Il contagio è trasmesso attraverso i fluidi corporei e darne una definizione personale: l'orrore “standard” si manifesta da prima con una cicatrice a forma di croce cerca di tenere lontano il consumatore dalla storia nel mezzo del viso, successivamente con la perdita di presentando personaggi e situazioni totalmente alieni al lettore e sfruttando cliché ripetitivi. tutti i freni inibitori. I contaminati (detti “scrociati”), si danno a selvagge orge Esempio: quanti di voi (se siete frequentatori del genere) di violenza, cannibalismo e stupro liberando ogni hanno mai passato la notte in una catapecchia priva desiderio represso e delirante, inclusi necrofilia, bestialità e di telefono, nel mezzo di un bosco, in compagnia di una “giochi” sadici e sanguinari. In questo quinto volume prosperosa e sessualmente MOLTO attiva compagna di della serie (composta da episodi auto conclusivi) università e un atleta biondo che fa di tutto per farvi pesare la vostra inettitudine? seguiamo le disavventure di Edmund, detto “Pisciasotto”. Durante una serata al circo con il padre e il fratello Un bosco in cui si dice che un maniaco deforme uccida i Edmund assiste a un attacco da parte di uno scrociato. campeggiatori con la motosega? Incapace di intervenire il ragazzo è costretto a testimoniare Questi e molti altri, sono tutti artifici che, complice anche impotente lo stupro del padre e della madre e il massacro la loro connotazione ormai “standard” stabiliscono una del fratello. L'alleanza con una banda di motociclisti non distanza rassicurante tra il lettore/spettatore e la situazione gli basterà a trovare quel coraggio di cui ha bisogno, mostrata: non importa quanto atroci siano le situazioni che ci vengono proposte, non siamo coinvolti nella storia. gli esiti saranno catastrofici. Nella seconda storia Clooney e la sua compagna vengono Lo splatterpunk, al contrario fa di tutto per coinvolgere coinvolti nell'esperimento del folle scrittore Gideon Welles. l'emotività del lettore. Welles, ricco sfondato in una città in miseria, convince Secondo esempio: avete mai sorpreso la/il ragazza/o Clooney e alcuni altri giovani a interpretare nella vita per cui avevate un debole a limonare con un(')altro/a? reale dei personaggi di finzione basati sulle visioni che Se sì, quante fantasie di tortura, omicidio e stupro avete fatto nell'arco di una frazione di secondo? hanno di se stessi gli “attori”. Per Clooney comincia una lunga serie di lancinanti Non c'è bisogno di mentire, è tutto normale! umiliazioni, la vendetta arriverà con l'attacco degli scrociati. L a m e n t e è u n p a r c o g i o c h i i n c u i o g n u n o p u ò Come avrete sicuramente immaginato stiamo parlando sperimentare tutte le emozioni che desidera. di un prodotto riservato ad un pubblico adulto che non si Un analista che frequentavo tempo fa diceva il “cervello impressiona di fronte alle scene di violenza più contorte rettile” (la parte più primitiva della mente umana) è sempre pronta non solo ad uccidere, ma anche a commettere stragi. ed estreme. Tornando a “Crossed”, l'algoritmo che muove gli Possiamo così parlare di “Splatterpunk”. L'argomento è complesso visto che lo splatterpunk non è scrociati è semplice e cristallino: nella situazione descritta un genere con regole codificate e solo pochissimi autori, nel secondo esempio, l'ipotetico osservatore tortura Lui e pur riconosciuti come maestri del genere, hanno stupra Lei costringendo il partner a guardare. P o i, tanto pe r no n far e in giu stizie , “co n tro lla” ammesso di frequentarlo “intenzionalmente”. La storia comincia negli anni '80 con il grande classico anche Lui (provare per credere!)! Se tutto ciò vi stomaca, lasciate perdere “Lib r o di San gue ” de l br itan n ico non solo “Crossed”, ma anche questo C. Barker in cui si annida il racconto intero articolo e passate al successivo. breve “Macelleria mobile di mezzanotte”. Se vi intriga, sappiate che Ennis ci aveva Primo di una trilogia, l'autore non ha mai già introdotto nel lato oscuro dei supereroi riconosciuto affinità con la corrente con la serie “Max” del “Punitore” (ve ne splatterpunk. Sempre negli anni '80 abbiamo parlato alcuni numeri fa). Bret E. Ellis pubblica il disturbante Se vi ha gasato la crudeltà e la volgarità “American Psycho”, di cui vi parlammo di quelle storie, allora non potete alcuni anni fa. perdere “Crossed”, un concentrato di Negli anni '90 esce in libreria l'antologia vio len za, tur pilo qu io , e o scen ità “Splatterpunk”(“Splatterpunk extreme (gli artisti si ritrovano a disegnare horrors”, pubblicato in Italia da Mondadori, situ azion i e “dettagli an ato mici” ma oggi difficilmente reperibile). che pensavamo non avremmo mai E' errato confondere lo splatterpunk con più visto fuori dai fumetti erotici o il genere splatter (in realtà solo uno stile, pornografici!) che vi farà vibrare il una matrice applicata a determinate “cervello rettile”. storie, anche fuori dall'ambito Il sottoscritto si è ritrovato a leggere il dell'orrore propriamente detto), lo volume alle ore 1.00 del mattino, incapace splatter pu nk è qu alco sa di più complesso, vista anche la sua natura “Crossed Vol. 5: La via scrociata” di fermarsi ha continuato fino alle 2.00: “fantasma” (appare senza preavviso di David Lapham, David Dine, più eccitante di un litro di caffè! nelle storie dell'orrore, solitamente Jacen Burrows, Eduardo Vienna. Conclusione Barker e Ellis, Garth Ennis si Personaggi creati da Garth Ennis presenta come il nuovo profeta dello condite con molto, molto sangue). (Panini Comics) splatterpunk. L'autore di questo articolo si è cimentato 14 L'

[close]

p. 15

di Marcella Speranza foto Rita Longobardi PARCO LINEARE…AL VIA!!! S abato 14 giugno, è stato inaugurato il Parco lineare, la pista ciclopedonale “più bella di Roma e forse d’Italia” (vedi Picchio di maggio 2014). Cinque chilometri di percorso che, ripercorrendo il ve cch io tr acciato de lla fe rr o via metro po litan a Roma-Viterbo, collega Monte Mario ad Appiano, per ricongiungersi alla pista ciclabile del Parco di Monte Ciocci. Se ne cominciò a parlare nel 2000, quando la ferrovia venne fatta passare in galleria. Dopo tanta attesa una folla incredibile, ha voluto presenziare all’inaugurazione fatta dal Sindaco Ignazio Marino e dal Presidente del Municipio Valerio Barletta. Dopo il taglio del nastro una lunga processione di ciclisti di tutte le età è sciamata sul tracciato, seguita da una moltitudine di pedoni. Un altro passo avanti verso una mobilità sostenibile. E dal 1° agosto sarà possibile accedere con la bici a bordo di 17 linee di superficie. Il trasporto pubblico diventerà così più “bike friendly” e permetterà a tutti di usufruire delle piste ciclabili esistenti, in attesa che i progetti previsti per le nuove (ce ne sono nel nostro territorio) non restino “progetti” per troppo tempo. Il tempo non si è mostrato favorevole: improvvisi scrosci di acqua hanno caratterizzato tutto il pomeriggio ma quest’opera, finalmente fruibile, bella, attrezzata e comoda, ha reso tutti i cittadini soddisfatti e gioiosi. Dopo quindici giorni, il 28 giugno, la passeggiata si è replicata: il Presidente Barletta, numerosi consiglieri e assessori municipali hanno fatto da apripista a tanti ciclisti e pedoni in una giornata piena di sole. A Monte Ciocci l’Orchestra Giovanile di Monte Mario (OGMM) ha eseguito un concerto meraviglioso. Davanti ad un panorama a tutto tondo di Roma, diretti dal M. Alfredo Santoloci, direttore del Conservatorio di S. Cecilia, l’OGMM ha proposto brani di immortali capolavori Vivaldi, Bach). I giovani musicisti con i loro virtuosismi strumentali, hanno mostrato tutti grande talento. La giovane soprano Giorgia Costantini, con l’esecuzione dell’Ave Maria di Caccini, ha reso unica una serata tutta speciale. Un concerto che ha emozionato, che ha reso magica l’atmosfera ed indimenticabile la serata. E Roma, di notte, vista da Monte Ciocci è spettacolare! foto Paola Belluscio di Marcella Speranza INGREDIENTI: gr.200 orzo perlato – gr. 200 farro perlato – gr.50 rucola – gr. 250 pomodori ciliegini – gr. 150 mozzarella ciliegine – sale e olio e.v.o q.b. PREPARAZIONE: Ponete in una pentola capiente l'orzo e il farro e lessateli seguendo le indicazioni sulla confezione (normalmente cuociono in meno di 20 minuti). Una volta cotti i cereali, scolateli e passateli sotto acqua fredda corrente per raffreddarli quindi trasferiteli in una ciotola capiente. Occupatevi ora degli altri ingredienti: lavate e tagliate a piccoli spicchi i pomodorini; INSALATA FREDDA DI ORZO E FARRO scolate i bocconcini di mozzarella e tagliateli a dadini; lavate e asciugate la rucola e tagliatela grossolanamente. Mescolate tutti questi ingredienti nella ciotola con i cereali e irrorate con abbondante olio extravergine di oliva. Regolate di sale. Mescolate il tutto in modo che i cereali si insaporiscano con il condimento. La vostra fresca insalata di farro e orzo è pronta. Volendo potete aggiungere pepe o peperoncino. Buon Appetito! 15 Foto Rita Longobardi foto Andrea Maurizi

[close]

Comments

no comments yet