N.86 - 2014

 

Embed or link this publication

Description

Giornale Italiano Num. 84 Anno 2014

Popular Pages


p. 1

68ª FESTA REPUBBLICA ITALIANA 86/2014 | GIORNALE ITALIANO DE ESPAÑA - GRATUITO | WWW.ILGIORNALEITALIANO.NET | D.L.: MA-884-2008 2 giugno 1946 - 2 giugno 2014

[close]

p. 2

2 GIUGNO 2014 - 68ª FESTA DELLA REPUBBLICA ITALIANA L’Ambasciatore Italiano in Spagna, Pietro Sebastiani, rivolge in occasione della celebrazione del 2 giugno 2014 - Festa della Repubblica Italiana - un saluto ai suoi ospiti in ambasciata to tan antiguo cómo cotidiano, el de la alimentación. EXPO tiene la ambición de hablar, debatir, reflexionar, proponer, apasionar, seducir durante seis meses a veinte millones de visitantes con temas como conservación y gestión atenta de las materias primas, bienestar y educación sobre salud, innovación industrial y tradición artesanal, alimentación e identidad cultural, lucha hasta su desaparición de la desnutrición, la falta de alimentación y la alimentación incorrecta. Ninguna acción por otra parte nos relaciona tan íntimamente con la naturaleza como la de alimentarnos. No hay necesidad fisiológica humana que haya cobrado una dimensión social y comunitaria como la de consumir una comida. Ninguno entre los gestos de nuestra cotidianidad está cargado de tantos significados simbólicos como sentarnos en una mesa rodeados de otros comensales. Si un filósofo del norte de Europa, Feuerbach, nos ha enseñado que “el hombre es lo que come”, en una alusión al vínculo indisoluble entre cuerpo y alma, el gran pensador latino y, en el fondo, español “ante litteram”, Séneca, nos ha legado palabras reveladoras acerca de un estilo de vida ideal en el que la alimentación ocupa un sitio relevante. ¡La comida satisfaga el hambre, las bebidas la sed, el placer se limite a fluir entre lindes necesarias – escribió Séneca en el De Tranquillitate Animi – aprendamos a mantenernos firmes sobre nuestras piernas y adecuemos nuestro estilo de vida y las pautas alimentarias no a las nuevas modas sino a lo que nos transmiten las costumbres de los antepasados”. La EXPO, con la participación de casi 150 entre Estados y Organizaciones, constituirá un escaparate único ante todo para Milán pero también para otras muchas ciudades, entre ellas precisamente Turín que podrá así afianzar su eje con la parte más productiva del País en pro de toda Italia. Será en el fondo también un escaparate extraordinario y privilegiado para otros Países que, al igual que España, están estrechamente vinculados a la agricultura y a la alimentación. Nos lo confirmará en unos minutos Diana Bracco, Presidenta de EXPO 2015, que nos honra hoy con su presencia aquí. EXPO brindará por lo tanto a Milán y a Italia una ocasión para 86/2014 MADRID di Paola Lungarini L’Ambasciatore d’Italia a Madrid Pietro Sebastiani con l’Ambasciatrice signora Maria Cristina Finucci Altezas Reales, Excelentísimas Autoridades, Señor Alcalde de Turín, Señora Presidenta de Expo Milán 2015, Colegas Embajadores, Señoras y Señores. Mientras preparaba este discurso estaba intentando imaginar las palabras que hubiera podido pronunciar un antecesor mío, hace unos cien años, en ocasión de la Fiesta Nacional del entonces Reino de Italia, posiblemente en la sede de la calle Mayor. En 1914 Europa, y el mundo, se asomaban a un abismo que iba a engullir a millones de vidas humanas, a las que recordamos aquí emocionados, a borrar del mapa una “belle époque” cuyo perfil se había ido desdibujando, a encender mechas nacionalistas, a abonar el terreno para ideologías y divisiones que han acabado afligiendo al Viejo Continente durante la mayor parte del siglo pasado. He imaginado las preocupaciones, la inquietud, el desasosiego, el miedo: sentimientos que sobrevolaban pesados y plomizos la Europa de aquel entonces. Contrariamente a esa época, y de ello estoy firmemente convencido, lo que hoy debe prevalecer es un espíritu de confianza reencontrada y de renaciente optimismo. Muchas señales en Italia, en España, en Europa, en el mundo, nos dicen que una de las crisis más dramáticas de las últimas décadas se está gradualmente difuminando, dejando espacio a perspectivas más positivas y a escenarios de mayor optimismo. Sois conocedores de lo mucho que para los Italianos, y me atrevería Pag. 2 a decir que para todo el mundo, evoca la palabra Renacimiento: un “renacer” completo, holístico, en el que la recuperación económica va de la mano de un nuevo empuje artístico, del desarrollo cultural, del crecimiento humano y social, de la aparición de nuevas relaciones y del reflorecimiento de toda una comunidad. Creemos profundamente en este renacer, vemos cómo se multiplican las señales que lo anuncian y queremos acrecentar y propagar sus efectos. Estoy por todo ello especialmente satisfecho de que esta tarde se encuentre aquí con nosotros Piero Fassino, Presidente de la Asociación de Municipios Italianos y Alcalde de Turín, que es para mí una ciudad emblemática, porque en la última década ha sabido reinventarse, dotarse de una nueva vocación, ubicándose de forma singular en el panorama de las ciudades inteligentes y globales. La ciudad que ha dado vida a la industria moderna italiana – y en gran parte también a la mundial – y que fue la primera capital de una Italia unificada ha, como os decía, renacido también a raíz de los Juegos Olímpicos de invierno del año 2006. Turín destaca ahora como ciudad de la cultura, del diseño, de la innovación, de la gastronomía y del gusto, manteniendo intacta su sólida base industrial y productiva. Ahora toda Italia tiene en su horizonte otra gran oportunidad. Se trata de la Exposición Universal de Milán 2015, que bajo el título “Nutrir el planeta. Energía para la vida” pondrá el foco en un argumen-

[close]

p. 3

2 GIUGNO 2014 - 68ª FESTA DELLA REPUBBLICA ITALIANA abrirse hacia el mundo. Ambas creen firmemente en el futuro y apuestan por él. Y es hacia el mañana que miran Italia, su Gobierno, sus ciudadanos. Para desempeñar un papel de protagonistas, con fuerza y determinación, en la Expo al igual que en las muchas grandes citas internacionales que tendrán lugar en los meses venideros. Dentro de muy pocas semanas Roma será nuevamente capital de Europa al asumir Italia la presidencia semestral de la Unión. Italia tiene los papeles en regla para revestir el rol de protagonista en el Continente en pro del interés y el bien de todos. Posee una inclinación hacia la integración, simbolizada por la firma de los Tratados fundacionales precisamente en el Capitolio romano. Mantiene su vocación europeísta incluso en la actual contingencia histórica y cuenta con un liderazgo que se ha visto reforzado en las recientes elecciones europeas. Apoyándose en estos puntos de fuerza, en coherencia con la historia milenaria del País, Italia, confiando en el apoyo de Países amigos como España, se propone situar al centro del debate europeo el crecimiento, la ocupación, la cooperación y la solidaridad para enfrentarse al drama de la inmigración en el Mediterráneo. La ciudadanía debe poder obtener de la Unión las respuestas a los dilemas que atenazan su cotidianidad (el trabajo ante todo, y las perspectivas de una vida digna especialmente para los jóvenes) para encontrar la salida definitiva de la crisis conjugando bienestar y competitividad. Esta tarde he querido hacer hincapié en la imagen de una Italia que se mueve y sale al encuentro del futuro. El movimiento - en sus formas distintas - también constituye el hilo que ata idealmente entre sí a nuestros partners de esta noche, de Ferrero a Maserati, de Piaggio a Technogym, todas marcas de renombre mundial, que incorporan un inconfundible e irrenunciable patrón italiano, y a quienes agradezco sinceramente su apoyo. Al igual que se lo agradezco a la Cámara de Comercio Italiana para España, a Mediaset España por su asistencia técnica, a las sociedades Negrini, Lavazza, Martini, Peroni y San Benedetto que con sus productos y con los de la ciudad de Turín nos recordarán la “Grande Bellezza” de la que Italia es capaz incluso en la mesa. Por último, querría dedicar la conclusión de mi intervención al momento histórico que justamente hoy vive el Reino de España, al que Italia se une con sentimiento de amistad fraternal. 86/2014 MADRID di Paola Lungarini Intervento del Presidente dell'Ass. Nazionale Comuni Italiani e Sindaco di Torino Piero Fassino Il Sindaco di Torino Piero Fassino, la Presidente EXPO Milano 2015 Diana Bracco e l’Ambasciatore d’Italia Pietro Sebastiani Signora Maria Cristina Finucci, Ambasciatore Pietro Sebastiani, Secretario de Estado de Asuntos Exteriores Íñigo Méndez de Vigo Il Ministro Consigliere dell'Ambasciata d'Italia a Madrid, Massimo Branciforte e Signora. Da destra: il Primo Consigliere Economico e Commerciale, Marco Riccardo Rusconi, la Sig. ra Rusconi, il Consigliere Mauro Campanella, la Sig.ra Campanella, la Consigliere Gaia Lucilla Danese e il consorte Juan Carlos Reche. La Signora Maria Cristina Finucci e l’Ambasciatore Pietro Sebastiani con il Presidente di Iveco España Jaime Revilla La presenza della Società Italiana Beneficenza L’Aprilia RSV4 Super Bike 2014 di Marco Melandri La Negrini ha offerto i suoi “gustosi” prodotti In Ambasciata anche la nostra prestigiosa Maserati Pag. 3

[close]

p. 4

PASSIONE ITALIA 2014 - edizione speciale 100º anniversario CCIS Il Presidente della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna Marco Pizzi in occasione degli eventi di “Passione Italia”, ricordando il centenario della sua fondazione ancora oggi li ricordiamo con ammirazione. Sono assolutamente convinto che chi ha avuto successo, e che quest’anno simbolicamente onoriamo, erano quei personaggi tenaci, capaci e sicuri delle loro qualità imprenditoriali. Così sicuri delle loro qualità che non hanno avuto paura di associarsi tra loro in una Camera di Commercio perché già un secolo fa erano convinti che l’unione fa la forza. Nel 1914 eravamo alla vigilia di una guerra mondiale che avrebbe modificato gli scenari di quel tempo, così come oggi abbiamo la certezza che la crisi attuale spazzerà via alcuni errori e debolezze del recente passato, ma chi saprà superare questo momento sarà più forte e pronto per sfide future. Chi mi conosce sa che da anni vado ripetendo che purtroppo, nascosta tra le pieghe della saggezza popolare di alcuni proverbi, ci sono anche delle gigantesche stupidità e a mio giudizio la crisi ha “distrutto” il motto: chi fa da sé fa per tre! NO assolutamente NO. Chi fa da sé rimane solo e debole e questo è il messaggio che i nostri predecessori ci hanno lasciato. Un messaggio chiaro raccolto dalle tante Camere di Commercio Italiane nel mondo, riunite sotto l’associazione Assocamerestero, che costituiscono oggi una rete di oltre 80 Camere presenti in 55 paesi, dove lavorano ed operano quotidianamente 600 professionisti della promozione italiana all’Estero. Una rete internazionale invidiata da molti paesi, che stabilisce ogni anno più di 300.000 contatti tra le 24.000 imprese associate. Sapete che come Presidente della Camera di Commercio e Industria per la Spagna sono particolarmente “nemico” di ogni forma di autoreferenzialità perché la Camera non deve mai celebrare i suoi risultati, ma essere invece sempre al servizio dei Soci, delle Istituzioni e del Paese, ma un centenario capita, passatemi la battutaccia, una volta ogni cent’anni e quindi devo dire con orgoglio che tutto lo Staff della Camera ha fatto un grande salto professionale in questi ultimi anni ed oggi gli operatori economici hanno nella Camera dei sicuri partner pronti a lavorare “codo a codo”. Ritornando ai “Padri fondatori” del 1914, sono sicuro che sarebbero orgogliosi almeno quanto lo sono io del percorso fatto dalla Camera che presiedo, che in pochi anni è riuscita a consolidarsi nel tessuto economico ed imprenditoriale spagnolo e nel sistema camerale italiano all’estero, tanto da essere oggi una delle prime 10 camere al mondo con uno staff stabile composto da 14 professionisti della promozione italiana guidati con energia dal Direttore Generale Giovanni Aricò. Nel 1914 sono state poste le fondamenta di un edificio che nel corso degli anni è cresciuto grazie alla lungimiranza di persone a cui tutti noi siamo ancora molto grati. Mi piace davvero pensare alle fondamenta di un edificio, perché sono convinto che le Camere di Commercio Italiane che oggi operano in Spagna hanno ereditato questo edificio le cui  fondamenta sono così solide, robuste e consolidate che ora tocca a noi, 100 anni dopo, riprendere quel bellissimo lavoro comune iniziato un secolo fa ed aggiungere altri piani a questa già ampia struttura, per convertirlo definitivamente in uno svettante grattacielo che possa guardare in alto verso nuove sfide. Marco Pizzi Presidente della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna MADRID di Paola Lungarini Il Presidente CCIS Marco Pizzi, l’Ambasciatore Pietro Sebastiani, il Preside della Scuola Italiana Cosimo Guarrino Sono molto felice che il mio mandato come Presidente, coincida con questo momento di celebrazione del centenario della fondazione della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna. Un’istituzione che, fin dalla sua nascita, ha avuto un ruolo determinante nello sviluppo e nel consolidamento delle relazioni commerciali tra Spagna e Italia. Di fatto, questo evento vuole essere in primo luogo un riconoscimento, più che mai doveroso, a quei pionieri che  hanno saputo individuare nei due paesi una solida base per lo sviluppo delle proprie attività imprenditoriali ed hanno visto nel sodalizio creato nel 1914 la risposta concreta alla crescente necessità di sostegno tecnico-istituzionale da parte dell’imprenditoria italo-spagnola. Anche grazie a questa chiara visione di futuro, Spagna e Italia sono diventati nel corso di questi ultimi 100 anni due partner strategici e commerciali di assoluto rilievo, che continuano ancora oggi a offrire solide opportunità per gli operatori economici delle due sponde del Mediterraneo. Le cifre dell’interscambio commerciale tra Spagna e Italia sono assolutamente di rilievo ed ancora oggi si attestano a valori complessivi vicini ai 34 Miliardi di Euro. 34 Miliardi di Euro sono una cifra importante, anche e soprattutto nella difficile congiuntura economica che stiamo attraversando. L’Italia è stabilmente da oltre 10 anni il 4° partner commerciale per la Spagna, così come la Spagna ha ormai raggiunto e consolidato la sua posizione di 6° partner per il nostro Paese, ma se leggiamo con attenzione il trend di questi dati, scopriamo che dal 2010 ad oggi i volumi di interscambio si sono contratti di oltre il 10%. È indubbio che la crisi ha colpito severamente  i nostri due paesi e ridimensionato, almeno in parte, quelle che prima del 2010 erano cifre ancora più eloquenti della grande importanza dei rispettivi mercati per le imprese e gli operatori (non vorrei sbagliarmi, ma nel 2007 avevamo raggiunto un interscambio record di oltre 43 Miliardi di Euro). Un altro dato che deve farci riflettere è quello relativo agli inve- stimenti diretti, dato che dobbiamo sempre seguire con grande attenzione perché in Spagna sono presenti con investimenti diretti oltre 600 imprese controllate da gruppi italiani, oltre a quelle nate direttamente in Spagna con capitale italiano finanziario ed umano (esportiamo anche imprenditori). Questo enorme bacino di imprese crea valore per il paese che ci ospita e garantisce migliaia di posti di lavoro. Gli investimenti diretti sono passati dal valore annuo di 1,32 Miliardi di Euro del 2010, all’esiguo importo di 160 Milioni di Euro del 2013. Queste cifre chiamano direttamente in causa il nostro ruolo di Camere di Commercio, in qualità di agenti promotori dello sviluppo economico e commerciale tra i due paesi. Spetta anche a noi duplicare gli sforzi affinché gli operatori tornino a guardare con fiducia ed ottimismo ai nostri mercati. È tempo di agire, senza tentennamenti, e  senza più nasconderci dietro la cortina della crisi, usata troppo spesso come facile pretesto per rimanere immobili. La crisi non è un qualcosa di interminabile, i migliori manager e imprenditori sapranno invece coglierne le opportunità. La Spagna per esempio ha registrato nel primo trimestre 2014 la crescita del PIB più forte degli ultimi 6 anni e mi piace sempre segnalare che oggi Spagna e Italia hanno un ulteriore fattore che le unisce: il maledetto spread contro il Bund tedesco che da ormai 3 anni (nel bene e nel male) ci vedo viaggiare in parallelismo. Lasciando per una volta da parte i numeri, in questi giorni ho cercato di immedesimarmi in quei compatrioti che cent’anni fa hanno fatto questo percorso e qualcosa mi dice che quelli che hanno avuto successo non erano semplicemente dei sognatori visionari, ma imprenditori concreti con la capacità di trasformare un sogno in realtà, pensavo anche ai tanti che probabilmente hanno fallito ed alle ragioni dei loro possibili insuccessi: mancanza di concretezza, mancanza di validi alleati, incapacità di avvalersi delle sinergie e competenze presenti in una Camera di Commmercio. Ma tanti, tantissimi hanno avuto successo ed Pag. 4 86/2014

[close]

p. 5

PASSIONE ITALIA 2014 - edizione speciale 100º anniversario CCIS MADRID di Paola Lungarini Successo della sesta edizione di “Passione Italia” Il Presidente Marco Pizzi, durante gli "Open days", ha dichiarato: "Passione Italia coincide quest'anno con le celebrazioni del Centenario della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna. Vorrei quindi approfittare dell'occasione per rendere omaggio a quei "pionieri" che cento anni fa, con coraggio, determinazione e visione di futuro, hanno visto nella Spagna un mercato dove poter sviluppare e consolidare la propria attività di imprenditori." cooking dello chef calabrese Manfredi Bosco, e dei laboratori gastronomici realizzati dal kitchen bar Grazie Mille, la pizzeria Pizzamore, l’impresa  Trigoduro e lo chef sardo Cristiano Cugusi. I concerti del gruppo Million Dollar Mercedes Band e dell’artista italiano Raffaello, accompagnato durante la serata del 1º giugno dalla special guest Bimba Bosé, sono stati molto apprezzati dalle numerose persone presenti durante le due giornate. Importante anche la partecipazione dei rappresentanti delle principali istituzioni italiane in Spagna nel pomeriggio del sabato, culminato con gli interventi dell’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Pietro Sebastiani, del preside della Scuola Italiana di Madrid, Cosimo Guarino, del presidente della CCIS, Marco Pizzi e del presidente delle Camere di Commercio di Cosenza e Crotone, Donatella Romeo. Durante il suo intervento, Marco Pizzi ha presentato al pubblico il romanzo CENTO, pubblicato dalla CCIS in occasione del proprio Centenario, approfittando la presenza dell’autore,  Giorgio Silvestri.   “Italia in Piazza”  sin.: Marco Verna, direttore dell’ufficio ICE di Madrid; Piero Fassino, Sindaco di Torino; Pietro Sebastiani, Ambasciatore d’Italia in Spagna; Dolores Flores, direttrice generale di Commercio e Mercati del Comune di Madrid; Giovanni Aricò, Segretario Generale della CCIS; Anna Sacco, resp. Servizi alle Imprese per i Mercati Esteri della Camera di Commercio di Cosenza. La gran kermesse per la promozione dell’eccellenze del made in Italy in Spagna si è svolta dal 31 maggio al 6 giugno in differenti location della capitale spagnola. Anche quest’anno l’Italia e le sue eccellenze sono state protagoniste della gran kermesse “Passione Italia”, che la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna - CCIS - organizza dal 2009 con l’obiettivo di  avvicinare il pubblico alle eccellenze gastronomiche, turistiche e culturali del Belpaese. L’edizione di quest’anno, che si è svolta dal 31 maggio al 6 giugno 2014, è coincisa con la celebrazione del centenario della CCIS, fondata da un gruppo di imprenditori italiani nel 1914. Open days L’appuntamento con le eccellenze del “made in Italy” si è in seguito trasferito nella famosa e centrica plaza de Callao, una delle zone commerciali e culturali più importanti di Madrid. Con lo slogan “Italia in Piazza”,  dal 3 al 5 giugno sono stati allestiti stand per la promozione del turismo e della gastronomia italiana, insieme al tunnel Italian design & Industry, che ha ospitato un’esposizione di alcune delle marche più emblematiche dell’industria e del design italiani, realizzata in collaborazione con ICE – Agenzia Italiana per il Commercio Estero. “Italia in Piazza” è stata inaugurata nel pomeriggio del 3 giugno alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Pietro Sebastiani, il Segretario La prima delle iniziative organizzate nell’ambito di questo grande evento ha visto la celebrazione dei tradizionali  Open days nel patio della Scuola Italiana di Madrid. Per due giorni (31 maggio e 1º giugno), in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia e la Scuola Italiana di Madrid, sono state organizzate diverse attività tra degustazioni, concerti, animazione, musica, aperitivi italiani, lotterie, show cooking, in una grande festa che ha visto la presenza di più di 4.000 persone. La presenza di stand gastronomici ha permesso al pubblico di degustare alcuni dei prodotti più emblematici della tradizione enogastronomica italiana, tra cui formaggi, pasta fresca e secca, insaccati, conserve, dolci, liquori, vini e olii. Particolarmente importante la presenza di prodotti enogastronomici delle province di Crotone e Cosenza, grazie alla partecipazione delle rispettive Camere di Commercio che hanno coinvolto alcune delle principali imprese del territorio.  Sono stati inoltre allestiti stands di esposizione e vendita di prodotti artigianali e info point  di promozione turistica con informazione sugli itinerari per scoprire le province e territori del Centro e Sud Italia, tra cui le province di Cosenza, Crotone, Matera, Brindisi, Foggia, Siracusa e Salerno e la regione Sardegna. Tra le diverse attività proposte, bisogna menzionare il grande successo dello show 86/2014 Pag. 5

[close]

p. 6

PASSIONE ITALIA 2014 - edizione speciale 100º anniversario CCIS GIORGIO SILVESTRI: “CENTO” Paolo Luisetto ha intervistato l’autore del libro presentato in occasione del centenario della Camera di Commercio durante le manifestazioni “Passione Italia 2014” Che cosa hai provato quando ti è stato chiesto di scrivere un libro per il Centenario della Camera? L’entusiasmo e in un certo senso lo stupore per l’importante incarico sono stati all’inizio smorzati dal timore di non riuscire a terminarlo in tempo, non tanto per una possibile assenza di ispirazione o motivazione, bensì perchè gli impegni lavorativi mi avrebbero permesso di scrivere il libro solo in tarda serata o nel fine settimana. Per questo motivo, il processo di ricerca, scrittura e revisione del libro è risultato incessante già dal febbraio 2013, periodo in cui mi è stato commissionato dal direttore della CCIS, Giovanni Aricò, fino alla consegna definitiva. In ogni caso, man mano che la narrazione prendeva forma, la soddisfazione per i risultati via via raggiunti ha reso gli sforzi restanti sempre meno significativi. Il romanzo fa riferimento ad aneddoti, personaggi ed episodi relativi alla comunità italiana in Spagna. È stato difficile documentarsi? Solo fino a un certo punto. Nonostante molti dei personaggi e degli eventi raccontati risalgano a oltre un secolo fa, molti sono i saggi e i romanzi dedicati almeno in parte alla comunità italiana in Spagna, per non parlare degli archivi digitalizzati di quotidiani storici come Abc o La Vanguardia, accessibili a costo zero su internet e fonti di diversi aneddoti e fatti di cronaca in apparenza minori. Ho quindi realizzato diverse interviste ai membri piu longevi della colonia italo-spagnola, e visitato archivi e biblioteche per approfondire la storia della CCIS attraverso i verbali e le riviste pubblicate negli ultimi decenni. Laddove infine non ho potuto documentarmi fino in fondo, non ho esitato a ricorrere a un pizzico di fantasia... MADRID di Paola Lungarini Generale della CCIS, Giovanni Aricò, il direttore dell’Ufficio ICE di Madrid,  Marco Verna, la direttrice generale di Commercio e Mercati del Comune di Madrid, Dolores Flores, ed il sindaco di Torino, Piero Fassino. Il capoluogo piemontese è stato protagonista del grande evento organizzato nell’Ambasciata d’Italia a Madrid, il 2 giugno, in occasione della celebrazione della Festa della Repubblica Italiana, e lo stesso Fassino ha preso parte il giorno successivo all’evento di presentazione dell’offerta turistica di Torino organizzato nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura da Turismo Torino e dall’ufficio  ENIT  de Madrid. Sempre il  3 giugno scorso, all’interno del tunnel Italian design & Industry, la Camera di Commercio Italiana per la Spagna ha organizzato un evento di presentazione dell’iniziativa “La CCIS per il sociale” per la promozione del turismo etico e accessibile. Tra i progetti presentati ai giornalisti e gli operatori convocati, da segnalare quello portato avanti dalla associazione siciliana Addiopizzo Travel che, come specificato dal suo portavoce  Ermes Riccobono, appoggia gli operadores turistici locali che, dando mostra di grande coraggio, si sono rifiutati di pagare il “pizzo” alle organizzazioni mafiose locali, dando così vita a interessanti circuiti e proposte di viaggi  pizzo-free. Durante le tre giornate di “Italia in Piazza” è stata inoltre valorizzata e promossa  Expo Milano 2015, con la consegna del materiale informativo e divulgativo sulla tematica dell’esposizione universale “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita”.   “I Mercati in festa”  L’atto conclusivo di  Passione Italia  si è svolto il giorno  6 giugno, all’interno del Mercado de la Paz di Madrid, nell’ambito dell’evento “I Mercati in festa”, durante il quale la CCIS ha organizzato attività di promozione delle eccellenze gastronomiche italiane. Durante il concerto di  musica italiana “Bella Italia”, organizzato dallo stesso Mercado de la Paz, lo chef calabrese Manfredi Bosco ha realizzato uno show cooking per la preparazione di piatti e ricette italiane a base di prodotti forniti da Barilla, la multinazionale italiana leader mondiale nel mercato della pasta secca, e Artesano de la Pasta, impresa di produzione di pasta fresca e distribuzione di prodotti italiani in Spagna. Inoltre, lo chef ha preparato piatti tipici della provincia di Cosenza, utilizzando i prodotti delle imprese locali selezionate dalla Camera di Commercio della provincia calabrese. Pag. 6 In seguito alle ricerche effettuate, che idea ti sei fatto dei “pionieri” che hanno fondato la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna nel lontano 1914? Soprattutto nella prima parte del libro, ho cercato di trasmettere al lettore il bisogno di unità e il senso di frustrazione regnanti in una comunità italiana in Spagna all’epoca sempre più numerosa, ma assai eterogenea e divisa per una serie di dispute interne. Spesso provenienti dalle prime forme di associazionismo e beneficenza sviluppatesi intorno alle autorità diplomatiche italiane a Barcellona e Madrid, i “pionieri” della CCIS dimostrarono che l’unione fa sempre la forza, dando vita ad un protagonista di primo livello della scena economica italo-spagnola dell’ultimo secolo di storia. Dopo tanto tempo, nel 1914 erano insomma riusciti a creare un organismo che ne interpretasse al meglio tutte quelle ambizioni commerciali e corporative prima frustrate sul nascere. Oltre alle origini genovesi, c’è qualcos’altro che ti accomuna con il protagonista della prima parte del libro, Giovanni Picasso? Ogni libro è almeno in parte autobiografico e cerca di affrontare concetti familiari all’autore, soprattutto nel caso di esordienti come il sottoscritto: non sono casuali nè i riferimenti a settori lavorativi come il giornalismo e il turismo alberghiero, nè quelli a Genova, mia città natale, e Madrid, mia città d’adozione. Amante delle lettere, Giovanni Picasso emigra all’estero trovandovi l’amore e un impiego solido, similitudini che senz’altro riguarderanno 86/2014

[close]

p. 7

PASSIONE ITALIA 2014 - edizione speciale 100º anniversario CCIS molti altri giovani espatriati un po’ ovunque negli ultimi anni. Il libro rappresenta così da un lato una sorta di ricerca di sè e della propria strada nella vita, dall’altro una storia della comunità italiana in Spagna e delle relazioni politiche, economiche e culturali tra i due Paesi, così come una biografia della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna mai realizzata prima, e tutt’altro che semplice da tracciare. Nel romanzo c’è spazio per il dramma, l’amore, il tradimento e anche l’omosessualità. Come sei riuscito a inserire queste tematiche in CENTO? Dal 1872 a oggi, l’Europa e il mondo in generale hanno sperimentato una lunga serie di cambiamenti sociali e culturali: l’universalità del diritto allo studio, la progressiva accettazione dell’omosessualità, la maggior tolleranza verso temi come il divorzio, l’infedeltá coniugale o l’aborto, l’emancipazione femminile, erano tendenze impensabili fino a non molti decenni fa. Non è un caso che nell’ultima parte del libro le protagoniste siano Lorena e Isabel, donne forti e sicure di sè in un mondo del lavoro ancora troppo coniugato al maschile pure nei Paesi industrializzati. Trattandosi poi di questioni quotidiane, non è stato affatto difficile inserirle nella narrazione. Interessante è stato infine mostrare l’evoluzione di queste e altre tematiche in parallelo ai traumi politici e istituzionali via via prodottisi in Italia e in Spagna. lo scorso 17 aprile, le sue opere sono destinate all’immortalità della letteratura universale. Progetti futuri? La proposta della CCIS mi ha offerto l’occasione di cimentarmi con un’ambizione, la narrativa, che covavo da tempo e che fino a quel momento non avevo avuto il coraggio di intraprendere, limitandomi alla scrittura di sporadici diari e una manciata di racconti brevi. La preparazione di un romanzo storico si è rivelata un’esperienza entusiasmante, lontana da ambiti a me più familiari come la prosa giornalistica o la saggistica di tesi e ricerche universitarie, ma non per questo meno stimolante. Nonostante il tempo e le energie che ciò richiede, mi piacerebbe dedicare più tempo alla scrittura come metodo per scoprire sè stessi, oltre che come evasione o analisi e denuncia della quotidianità che ci circonda. Ho in testa almeno un paio di spunti letterari che mi piacerebbe sviluppare fino in fondo... chissà che non li riesca a concretizzare in una nuova intervista! Paolo Luisetto MADRID di Paola Lungarini Giorgio Silvestri Le allusioni all’opera di Gabriel García Márquez, Cien años de soledad, all’inizio e alla fine del libro fanno pensare ad una predilezione da parte tua nei confronti dell’autore colombiano.... Cien años de soledad è un libro che ho letto a diciott’anni e che da allora non mi ha mai lasciato, come sarà senz’altro accaduto a numerosi altri lettori di tutte le latitudini. Sin dalle prime battute di CENTO, avevo chiaro che l’inizio e la fine del romanzo dovevano in qualche modo costituire un omaggio all’opera di Gabriel García Márquez, così come il susseguirsi di cinque generazioni di Picasso-ReinaStoico voleva riprendere l’epopea della famiglia Buendía, con i suoi numerosi José Arcadio e Aureliano. Nonostante Gabo ci abbia lasciato Giorgio Silvestri è nato a Recco (Genova) il 14 dicembre del 1984. È laureato in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Genova e in possesso di un Master Ufficiale in Giornalismo concesso da El Mundo-Unidad Editorial S.A. e l’Università San Pablo CEU di Madrid. Residente nella capitale spagnola dal 2008, dopo una breve esperienza presso l’ufficio ANSA in Spagna ha collaborato con Unidad Editorial S.A. (gruppo RCS), nella redazione di articoli (cronaca e cultura) per il periodico elmundo.es, il principale quotidiano di informazione digitale in Spagna. Ha inoltre collaborato presso l’Ufficio Stampa dell’Ambasciata d’Italia in Spagna, il Diprtimento di Comunicazione della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna e le case editrici Grupo Intramuros e Outside Comunicación Integral, S.L. Attualmente è impiegato nel settore turistico alberghiero. Particolarmente interessato alle tematiche relative all’immigrazione italiana del XIX secolo e dei primi decenni del XX secolo, è anche autore del libro “I media della diaspora italiana. Dal bollettino al blog”. (Marenostrum, 2009). CENTO - Edito dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna – CCIS -, in occasione del suo Centerario, CENTO è la storia di una famiglia italo-spagnola il cui capostipite, Giovanni Battista Picasso, arriva in Spagna in cerca di fortuna nel lontano 1872, quando il Paese era governato da un sovrano appartenente alla casa dei Savoia. Attraverso le memorie dei membri della famiglia Picasso, il lettore rivive le principali vicende che hanno caratterizzato la storia dell'Europa e della Spagna in particolare, in un’epoca caratterizzata dai continui e profondi cambiamenti politici, istituzionali e sociali: dalla dittatura alla democrazia, dalla guerra alla pace, dalla Barcellona di fine ottocento alla Madrid della "movida". In CENTO si alternano pertanto tre strutture narrative: quella biografica, di una famiglia di origine italiana radicata in Spagna; quella istituzionale, che comprende dalle prime forme di associazionismo e assistenza tra italiani in Spagna alla nascita della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna; e quella storica (1872-2014), che comprende un periodo caratterizzato da cambiamenti di regime, due guerre mondiali e un conflitto civile, dal ritorno alla democrazia, prima in Italia e poi in Spagna e da una crescente cooperazione tra i due Paesi, in particolare in ambito economico. CENTO è disponibile (nella versione tradotta in spagnolo, dal titolo “CIEN”) in tutte le principali librerie in Spagna. La versione originale in italiano è acquistabile presso la sede della CCIS, nella “Libreria italiana” di Modesto Lafuente 47 e anche attraverso il portale Amazon. 86/2014 Pag. 7

[close]

p. 8

PASSIONE ITALIA 2014 - edizione speciale 100º anniversario CCIS MADRID di Paola Lungarini SOCIETÀ ITALIANA DI BENEFICENZA A PASSIONE ITALIA La Società Italiana di Beneficenza (SIB), fondata nel 1891, è un' associazione senza fini di lucro, riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri, che opera su tutto il territorio spagnolo. Gli ambiti nei quali la SIB opera sono quello sociale, economico e sanitario, dedita al supporto degli italiani che si trovano in situazioni disagiate o che sono bisognosi di aiuti concreti ed imminenti. Il nome Società Italiana di Beneficenza riflette il momento storico della sua creazione. All’origine, la SIB, si trovava in C/ Factor, 1, uno stabile dato in affitto dall’Istituto Italiano di Cultura, ma per mancanza di contributi si dovette spostare in un altro edificio accanto al Consolato, dove rimase per 20 anni. Durante questo trasloco, la SIB, perse tutta la sua documentazione, documentazione che sarebbe dovuta arrivare nella nuova sede, ma che non arrivò mai. Il nome del padre fondatore non si é mai conosciuto, in quanto all’inizio non era una società con una sede e un lavoro ben preciso. Le uniche fondatrici che si conoscono risalgono al 1960 e sono la sig.ra Caprile e la sig.ra Novajra - due aristocratiche. È proprio in questo anno che la Società Italiana di Beneficenza viene registrata al Ministero degli Esteri e riconosciuta a tutti gli effetti. Dopo dieci anni, nel 1970, si assunsero i primi responsabili: un amministratore e un assistente sociale. In tutti questi anni la SIB, si è occupata, e si continua ad occupare, degli italiani che si trovano in tutto il territorio spagnolo, affrontando varie problematiche: alimenti, trasporti, alloggi, lavoro e accessibilità alle risorse sociali, con un elevato incremento di richieste di assistenza da parte di latini americani (con cittadinanza italiana). Inoltre, si é cercato di effettuare un coordinamento con gli Organi Sociali spagnoli con lo scopo di coinvolgere le diverse amministrazioni pubbliche, nella responsabilità di assistenza sociale come diritto di ogni cittadino. Oggi la SIB è un’organizzazione perfettamente "moderna" e strutturata, che opera nel campo dell'assistenza sociale instaurando un contatto diretto con i propri assistiti. L’Ente come ogni anno partecipa alle manifestazioni per il 2 di giugno, Festa della Repubblica Italiana, della Camera di Commercio con la vendita di oggetti e una lotteria di beneficenza Il Presidente della Società Italiana Beneficenza Francesco Perniciaro con la Vice-Presidente Fernanda Valderas e il Consigliere del ComItEs Liliana Amadio durante la lotteria benefica La SIB oggi Negli ultimi anni, a causa della profonda crisi che stiamo attraversando e dell’assenza di qualsiasi altro organismo di sostegno sociale sul territorio spagnolo, la SIB ha dovuto aumentare in maniera esponenziale le sue aree d’intervento, cercando sempre di assicurare una risposta immediata ed un primo aiuto ad una comunità, quella italiana in Spagna, che oggi raggiunge le 158.000 persone ed è in continua crescita. Il lavoro congiunto con la Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia permette di valutare tutte le problematiche e le richieste di assistenza che arrivano direttamente alla SIB o agli stessi uffici consolari, grazie anche all’attività e all’impegno di un personale altamente specializzato come gli assistenti sociali e i soci volontari. Dall’altra parte, l’assenza di sovvenzioni pubbliche impone un impegno fortissimo nella raccolta di fondi e nuovi finanziamenti privati. La SIB si finanzia in maniera autonoma ed indipendente, grazie alle quote annuali dei soci e alle varie iniziative, organizzate dalla stessa SIB, destinate alla raccolta di fondi da impiegare nelle attività socio-assistenziali. Nel pieno rispetto della propria missione istituzionale, la SIB, non può permettersi di ridurre l’ammontare dei propri interventi. Per questo la SIB ha continuamente bisogno di "nuove energie", sia umane (nuovi volontari), sia economiche (identificando altre fonti di aiuto). L’Ambasciatore e la consorte con la Vice Presidente mentre visitano lo stand della Società Italiana Beneficenza Lo stand della Società Italiana Beneficenza mette in vendita gli oggetti che le vengono regalati Pag. 8 86/2014

[close]

p. 9

PASSIONE ITALIA 2014 - edizione speciale 100º anniversario CCIS ENIT nella “Passione Italia” L’ENIT PRESENTA TORINO La settimana Italiana a Madrid “Passione Italia” si è svolta nella centralissima Piazza Callao della Gran Via della capitale spagnola, dal 3 al 5 giugno 2014. L’iniziativa organizzata dalla Camera di Commercio Italiana a Madrid, dall’Ambasciata d’Italia e dall’ENIT ha coinvolto a numerose aziende italiane che operano nel paese iberico (Lavazza, Negrini, Inglesina, Vespa...). L’evento è stato dedicato alla promozione delle eccellenze turistiche, enogastronomiche, culturali e del disegn italiano. Una tipica piazza italiana è stata ricreata come area di riposo e relax per tutti gli amanti del Belpaese. C’era anche un tunnel del disegn & fashion industry, dove si trovavano diversi articoli tra i quali cartelli, libri e opuscoli storici dell’Enit. L’inaugurazione ufficiale è stata realizzata dall’Ambasciatore d’Italia a Madrid, Pietro Sebastiani, dal Sindaco di Torino Piero Fassino e dal Direttore della Camera di Commercio Italiana a Madrid, Giovanni Aricó. Alla manifestazione, hanno partecipato oltre 8.000 persone che hanno visitato il nostro stand “Italia”, dove sono state fornite al pubblico informazioni ed è stato distribuito materiale promo-pubblicitario sulle varie destinazioni turistiche e sui luoghi di interesse storico e moderno. MADRID di Paola Lungarini L’ENIT di Madrid in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid ha organizzato una conferenza stampa della città di Torino e Provincia presso il Palazzo Abrantes, sede dell’Istituto Italiano di Cultura. Dopo un breve saluto di ben venuto agli ospiti, sia da parte del Dirigente dell’Istituto Ita liano di Cultura Carmelo Di Gennaro che dell’Ambasciatore d’Italia On.le Pietro Sebastiani, ha preso la parola il Sindaco di Torino Dott. Piero Fassino e la Marketing Manager di Turismo Torino e Provincia Dott.ssa Marcella Gaspardone che hanno illustrato ai presenti le bellezze della città “Torino, una città da scoprire: cultura, arte, economia, turismo e in novazione” ed il video “Happy Mob”. A seguito il Sindaco di Torino in qualità di Presidente del Teatro Regio ha presentato anche il programma 2014-2015 con la proiezione di un video “Torino Opera lives here”, il flash mob registrato a Porta Pa lazzo con il coro del Teatro Regio e un documentario sull’o pera “I vespri siciliani”. La manifestazione è stata un grande successo, con la partecipazione di 120 persone tra giornalisti, tour operator, agenzie di viaggio e opinion leader. Prima della conferenza è stato offerto un aperitivo italiano con pro dotti tipici ed accompagnati dagli ottimi vini della regione. 86/2014 Pag. 9

[close]

p. 10

PASSIONE ITALIA 2014 - edizione speciale 100º anniversario CCIS MADRID di Paola Lungarini ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA: Regina; fuori Torino: la Reggia della Venaria Reale e l’adiacente Castello della Mandria, la Palazzina di Caccia di Stupinigi, il Castello di Rivoli, il Castello Ducale di Agliè, il Castello di Moncalieri, il Castello di Racconigi, il Castello di Pollenzo, il Castello di Govone e la Reggia di Valcasotto a Garessio. 3. Torino Città di natura e del fiume Po - Più di 21 milioni di metri quadrati di verde e 300 chilometri di viali alberati fanno di Torino una delle città più ricche del mondo, dal punto di vista ambientale. Nella “città con la più bella posizione naturale” – come Le Corbusier ha detto una volta – i nuovi progetti restituiscono ai suoi cittadini un ambiente ancora più incontaminato. Grandi filosofi come Rousseau e Nietzsche hanno definito il panorama torinese come uno dei più incantevoli. Si riferivano alla straordinaria cornice delle Alpi, alle colline ondulate – a due passi dal centro della città -, al Po e ad altri fiumi: la Dora Riparia, la Stura e il Sangone che scorrono nel capoluogo della regione. Ci sono 17 parchi della città, il più famoso dei quali è il Parco del Valentino, con i suoi 450.000 metri quadrati che include l’Orto Botanico del 18° secolo, il Castello e il Borgo Medievale. Un’altra straordinaria area verde è il Parco della Pellerina (oltre 1 milione di metri quadrati), lungo le sponde della Dora Riparia, con numerosi servizi dedicati allo sport come piste di pattinaggio e campi da tennis, così come i luoghi (soprattutto nei mesi estivi) di eventi e spettacoli dal vivo. Dietro il Palazzo Reale, nel centro della città, ci sono i Giardini Reali, progettati nel 1697 da André Le Nôtre, lo stesso architetto che ha progettato i giardini di Versailles. 4. Torino Città di sport - Torino è la città delle squadre di calcio Juventus e Torino e delle Olimpiadi Invernali del 2006 e di tanti, grandi eventi sportivi internazionali, dalla scherma al golf, dal pattinaggio di velocità short track alla ginnastica ritmica, dal basket all’atletica, ai World Master Games nel 2013 e Torino Capitale Europea dello Sport 2015. Torino è anche la culla dello sport italiano. Qui sono nati sport competitivi e qui sono stati inventati sport di straordinaria tradizione, come la canoa, la scherma, l’atletica, il ciclismo e la ginnastica. Il Club Alpino Italiano è stata fondato nel 1863, il primo club di tennis nel 1880, la Federazione di Canottaggio nel 1889, il primo Ski Club nel 1898 e nel 1959 sono state fondate le Universiadi estive, seguite da quelle invernali nel 1966, un evento che è tornato a Torino nel 2007. 5. Torino Città di vita notturna - Intere zone della città sono state riportate in vita in modo da offrire mille occasioni per stare insieme, andare a ballare e stare fuori fino a tardi: il Quadrilatero Romano, ad esempio, un quartiere nel centro della città vecchia con il suo fascino antico, è ora pieno di luoghi di incontro, gallerie d’arte, cantine, ristoranti e negozi che rimangono aperti fino a tardi. I vicini quartieri di Borgo Dora e Porta Palazzo sono sedi di grandi mercati e il cuore multietnico della città di giorno, trasformati in una terra di creatività e movida di notte. Il quartiere San Salvario sta rapidamente diventando protagonista della vita notturna della città senza abbandonare la sua essenza di quartiere di affari (il mercato di piazza Madama Cristina è il suo punto focale e uno dei più piacevoli della città), grazie ai locali aperti di recente, in aggiunta ai tanti ristoranti che già vi erano, e ad un vivace programma di eventi. Infine, anche la parte più tradizionale della città è abituata ad accogliere ospiti e turisti, sperimentando ciò in qualsiasi ora del giorno o della notte: piazza Castello, piazza San Carlo, piazza Vittorio Veneto e piazza Bodoni sono ora splendidi salotti pedonali aperti a tutti tra i monumenti e le caffetterie con dehors. Il Sindaco di Torino Piero Fassino presenta la sua importante città Presso l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, il Sindaco di Torino, Piero Fassino, ha presentato la città e la nuova stagione della Fondazione del Teatro Regio, che si è inaugurata il 7 di maggio. La regione Piemonte è un territorio di una bellezza straordinaria fra l’arte e la storia, la natura, la cultura, le tradizioni e lo sport. Dopo la presentazione si è avuta la proiezione di un video della città e del Teatro Regio, con un flash mob girato a Porta Palazzo con il coro del teatro. Un bellissimo documentario, inoltre, sul backstage de “I Vespri Siciliani” che comprende interviste ai musicisti, al direttore di scena, al direttore artistico e al sovrintendente. 1. Torino Città di arte e di cultura - Torino è una città dal patrimonio storico-artistico straordinario: dagli edifici Barocchi al Liberty e all’eclettismo; dalle 15 Residenze Reali dichiarate dall’UNESCO Siti Patrimonio dell’Umanità al Museo Egizio – il più importante del mondo dopo il museo del Cairo – da Palazzo Madama al Museo del Cinema. Un panorama artistico sconfinato per scoprire e vivere in città più di 40 musei, tra cui il nuovo MAO – Museo da Arti Orientali, come pure una mostra dedicata all’arte e alla cultura dei paesi asiatici e il Museo Lombroso dedicato al criminologo che abbracciava il pensiero positivista della fine del XIX secolo. La ricchezza di tradizioni non è stata un ostacolo per la città e suoi artisti nel guardare avanti, nella costante ricerca di nuove forme di espressione. Oggi Torino è riconosciuta come una delle capitali europee dell’Arte Contemporanea, grazie a una rete ben tessuta di enti pubblici e privati​​ , collezioni e fondazioni, musei e gallerie – la GAM-Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, il Museo d’Arte Contemporanea presso il Castello di Rivoli, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo la Fondazione Mario Merz , eventi e mostre e una tradizione di sperimentazione e ricerca. Impossibile quantificare le occasioni che questa città offre per il confronto tra le più diverse forme di espressione artistica, dall’arte alla musica, dal cinema alla fotografia. Torino Film Festival, MiTo Settembre Musica, International Jazz Festival, Natale coi Fiocchi (eventi natalizi) Contemporary Art Torino Piemonte con Artissima e Luci d’Artista sono punti di riferimento per un pubblico ormai internazionale e sono solo alcuni dei fenomeni culturali presenti a Torino. 2. Torino Città Reale - Le Residenze Sabaude sono state trasformate da luoghi di svago, di battute di caccia o di villeggiatura in un percorso straordinario di interesse storico, artistico e ambientale. La Corona di Delizie, come è stato definito il circuito delle case di campagna, sono le diciassette Residenze Reali della Regione Piemonte che sorgono su tutto il territorio, formando un insieme di grande interesse storico, artistico e ambientale dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità nel 1997. Con la città come protagonista e gioiello della corona – come immagine simbolica della grandezza della Casa di Savoia – queste proprietà che si estendono oltre i limiti della città, erano luoghi esclusivi di svago per le battute di caccia e le vacanze, la prova del potere e del prestigio dei Savoia. Oggi i Castelli e i Palazzi di Casa Savoia sono stati trasformati in musei e siti espositivi, sale da concerto, set cinematografici occasionali e palchi per spettacoli e festival, centri per la formazione avanzata e le attività culturali, che offrono molte e diverse occasioni per una visita (come se il fascino della loro bellezza architettonica non fosse abbastanza!). A Torino si possono ammirare i seguenti luoghi d’interesse: il Palazzo Reale, il Palazzo Madama, il Palazzo Carignano, il Castello del Valentino, la Villa della Intervento di Carmelo Di Gennaro, Direttore IIC di Madrid Pag. 10 86/2014

[close]

p. 11

10 ragioni per venire a Torino PASSIONE ITALIA 2014 - edizione speciale 100º anniversario CCIS MADRID di Paola Lungarini Marcella Gaspardone, Responsabile di “Torino Turismo e Provincia” 6. Torino Città del gusto - Cibo e ristoranti sono i protagonisti indiscussi della vita a Torino e dintorni, nonché parte integrante della loro cultura. Ogni due anni l’appuntamento si rinnova con il Salone del Gusto e Terra Madre, un incontro internazionale per la comunità della buona tavola. Torino è anche la Città di Eataly, il più grande emporio europeo di cibo e vino con 10.000 metri quadrati dedicati ai migliori prodotti italiani, esposti presso l’ex stabilimento del vermouth Carpano. Il capoluogo della regione Piemonte è terra di grandi vini: Barolo, Barbaresco, Spumante e molti altri; del tartufo bianco e di piatti della tradizione italiana. E’ anche la città dei tre grandi rituali: aperitivo, cioccolato e caffè. Tra le ricche proposte gastronomiche mondiali: dai tipici agnolotti ripieni di carne, ai formaggi, ai grissini croccanti e deliziosi. Sono questi gli ingredienti principali presenti sui tavoli dei ristoranti che soddisfano tutti i gusti: dai Ristoranti di antica fondazione, alla cucina creativa dei ristoranti più all’avanguardia che combinano il sapore e il design, ai ristoranti segnalati dalla guida Michelin presenti nelle Residenze Reali, il “combal.zero” al Castello di Rivoli Museo d’Arte contemporanea e il “Dolce Stil Novo alla Reggia” alla Venaria Reale, passando per centinaia di ristoranti e taverne tipiche. 7. Torino Città in metamorfosi - L’ambiziosa rivoluzione nella pianificazione urbanistica, avviata negli ultimi anni e accelerata dai Giochi Olimpici, ha restituito una città che è più bella e più vivibile per i suoi cittadini, oltre ad una rete stradale più scorrevole. Il punto di partenza è stato la creazione di oltre 7 chilometri di metropolitana e il collegamento delle due sezioni della città, con la nascita della “Spina Centrale”, un ampio spazio aperto continuo che va da Sud a Nord, il fulcro delle principali opere di trasformazione urbana: un’opportunità di concepire e progettare un progetto a favore della qualità dell’ambiente e della vita dei cittadini. Simboli di una Torino che cambia si susseguono lungo il layout della “Spina”: parchi urbani, stazioni, parchi tecnologici, nuove sedi universitarie, l’ampliamento del Politecnico, l’aggiunta di spazi dedicati all’arte, alla cultura e le opere di artisti come Per Kirkeby, Mario Merz e Giuseppe Penone. La città ha anche ricevuto in eredità dai Giochi Olimpici: una reinterpretazione del PalaVela di Gae Aulenti e Arnaldo De Bernardi, nonché il PalaOlimpico progettato da Arata Isozaki e Pier Paolo Maggiora. Altri edifici sono stati costruiti – o sono in corso di progettazione – con altri nomi importanti della scena architettonica internazionale: Renzo Piano, che ha già ridisegnato l’ex stabilimento Fiat “Lingotto” e lo ha trasformato in uno dei più grandi centri multifunzionali d’Europa, sta lavorando al grattacielo per la banca Intesa Sanpaolo, Massimiliano Fuksas, dopo aver progettato il mercato coperto di Porta Palazzo, è occupato con la sede della Regione Piemonte, Mario Botta è l’autore della futuristica Chiesa del Santo Volto, Norman Foster è uno dei designer che ha ideato il nuovo sito per i dipartimenti di Giurisprudenza e Scienze Politiche dell’Università e Jean Nouvel creerà una parte del nuovo complesso della “Spina”. Il programma di trasformazione di Torino sta prendendo in considerazione nuovi valori del territorio, insieme alla capacità dimostrata dalla città di rapido adeguamento agli scenari in movimento. Si tratta di una trasformazione concepita per le persone e quindi, soprattutto in funzione della fruibilità dei luoghi. 8. Torino Città dei Giovani - La rinnovata immagine internazionale collegata al periodo post-Olimpiadi invernali, il vasto programma di iniziative previste in tutta la regione Piemonte, la cultura, la partecipazione, la mobi- lità internazionale, l’educazione informale e la responsabilizzazione verso le associazioni giovanili sono stati i fattori che hanno permesso l’elezione di Torino a Capitale Europea dei Giovani 2010. L’obiettivo di Torino Campus, fondato nel 2007, è quello di promuovere la città come spazio di formazione avanzata, favorendo così l’arrivo di studenti non residenti e la loro permanenza sul territorio, mettendo una serie di strumenti di integrazione a loro disposizione. Il progetto è stato iniziato da Torino Internazionale e dalla Città di Torino, in collaborazione con le Università, le agenzie di formazione delle Nazioni Unite (Staff College, ITC – ILO International Training Centre of the International Labour Organisation, UNICRI – United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute), la Scuola di Applicazione e l’Istituto di Studi Militari dell’Esercito. L’Università di Torino (che ha appena celebrato il suo 600° anniversario), il Politecnico e l’Università del Piemonte Orientale preparano ogni anno laureati in materie che vanno dall’Ingegneria dell’Autoveicolo a Scienze internazionali e diplomatiche, da Scienze Strategiche al giornalismo, dalla comunicazione all’Architettura. 9. Torino Città di eventi - Torino è oggi una città moderna ed emozionante di Arte che non si ferma. Al contrario, guarda sempre avanti, verso il domani. Il futuro di Torino è già iniziato: la città è attrezzata per ospitare fiere, congressi e convegni ed è in grado non solo di garantire infrastrutture e servizi per il business, ma di garantire un’offerta a 360°, che ha permesso alla città di essere inclusa nella classifica di città a 3 stelle della prestigiosa guida Michelin. Questo perché Torino è una città che ha saputo rinnovare e reinventare se stessa, pur rimanendo fedele alle sue tradizioni, che ha saputo investire in cultura e innovazione, che ha saputo essere lungimirante e pronta ad agire come protagonista ancora una volta di grandi eventi: nel 2011 Torino è stata il cuore delle celebrazioni del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, essendo stata la prima capitale, con un programma sorprendente di mostre, esposizioni tematiche, convegni e spettacoli dal vivo. Nel 2015 Torino ospiterà il 9° Congresso Mondiale delle Camere di Commercio ed il Congresso Mondiale della Federazione Internazionale di Architettura del Paesaggio (IFLA) nel 2016. 10. Torino Città di eccellenza imprenditoriale - La grande industria italiana è nata a Torino. Il gruppo FIAT, fondato nel 1899, ha fatto la storia del settore automobilistico e ancora oggi è protagonista sul mercato, con modelli FIAT insieme ad altri marchi famosi del gruppo. Il risultato di una secolare cultura scientifica e la passione per il know-how hanno visto la nascita e lo sviluppo di un mondo degli affari di altissimo livello: Pininfarina e Italdesign-Giugiaro, dai satelliti per la conquista dei cieli di Alenia Aerospazio agli yacht di lusso Azimut, dai gioielli Mattioli ai profumi per il corpo e per l’ambiente di Laura Tonatto. Stile e gusto si incontrano a Torino, dando vita a realtà commerciali come Kristina Ti – un marchio imponente della moda di lusso - Lavazza - il marchio più popolare del caffè italiano nel mondo - Martini & Rossi - la società che produce l’ampiamente conosciuto Vermouth - e molte altre aziende specializzate in prodotti di alta qualità, dai vini pregiati al cioccolato di Guido Gobino, Peyrano e Ferrero. 86/2014 Pag. 11

[close]

p. 12

SOCIETÀ ITALIANA DI BENEFICENZA A noi il lavoro non manca. Viviamo tempi di crisi, ma il nostro lavoro aumenta in maniera più che proporzionale, perché esiste purtroppo un’equazione perversa per cui quanto maggiore e dura è la crisi economica e sociale che viviamo, tanto maggiore è il numero di richieste di aiuti che quotidianamente riceviamo dai cittadini italiani che, per diversi motivi, fanno appello alla nostra solidarietà e richiedono il nostro intervento. Nella totalità dei casi l’intervento ha natura monetaria: richieste di pagamento di bollette scadute per evitare la sospensione della fornitura di acqua, gas o elettricità; pagamento dell’affitto arretrato per evitare procedure di sfratto; pagamento di spese mediche; pagamento di biglietti aerei per operazioni di rimpatrio nel paese di origine (anche questo è un modo di risolvere il problema); e richieste di fondi per poter acquistare generi alimentari. Tutti casi di fronte ai quali è impossibile poter chiudere gli occhi e far finta di niente. Ma i nostri fondi purtroppo sono limitati e a volte non è possibile soddisfare tutte le richieste. Per questo abbiamo bisogno degli aiuti di tutti. Dicevo prima che la crisi è economica e sociale. Non a caso. Dal punto di vista economico, poco possiamo fare, ma socialmente sì. Socialmente possiamo dimostrare che la responsabilità nei confronti di chi è più sfortunato ci dà la possibilità di far tornare il sorriso a chi da tempo l’ha perso. In Spagna ci sono 180.000 italiani residenti, ufficialmente iscritti all’AIRE dei consolati italiani. Se poi consideriamo anche i non iscritti, arriviamo a circa 300.000. Se ognuno di questi desse 1 € alla SIB, potremmo davvero risolvere moltissime situazioni. È un’utopia, certo. Ma se leggendo questa lettera riuscissimo a toccare la sensibilità e la solidarietà di alcuni dei 300.000, stimolandone l’associazione alla SIB, con una piccola donazione annuale, molta strada avremmo fatto. Se poi a questi si aggiungessero le centinaia di aziende italiane presenti in Spagna, facendo appello alla responsabilità sociale che tanto di moda è adesso (e che peraltro offre anche benefici fiscali), allora avremmo fatto bingo. Anche a loro chiediamo semplicemente di associarsi alla SIB. La quantità richiesta è davvero irrisoria, ma invito tutti a pensare che un piccolo gesto può davvero fare tanto. A quelli che avranno deciso di leggere questa comunicazione, dico che siete davanti a un bivio: o fare come gli struzzi e mettere la testa sotto la sabbia, facendo finta di niente; o dimostrare di essere cittadini responsabili. Qualunque sia la vostra scelta, state pur certi che ogni euro donato andrà a risolvere problemi concreti. Perché questo è l’impegno che abbiamo preso sia con i nostri assistiti, sia con i benefattori che decidono di appoggiare la nostra causa. E questo è il modello di gestione che la SIB ha adottato dal lontano 1894, anno della sua costituzione. Un grazie di cuore a tutti, in anticipo, perché l’ottimismo e la fiducia nella solidarietà del prossimo non devono mai venir meno. Il Presidente Francesco Perniciaro SIAMO CITTADINI RESPONSABILI? Opera su tutto il territorio spagnolo. La SIB si finanzia con le quote dei soci e con le varie iniziative. Collabora con la Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia, valuta le richieste di assistenza che arrivano direttamente o attraverso lo stesso ufficio consolare. L’attività del personale specializzato (assistenti sociali) e l’impegno dei soci volontari permettono che molte persone ricevano un aiuto. La progressiva riduzione (ed attuale sospensione) dei finanziamenti pubblici impone un impegno fortissimo nella raccolta di fondi e finanziamenti privati. La SIB ha bisogno sempre di energie umane, con nuovi volontari. La SIB, non può permettersi, soprattutto in tempi di crisi, di ridurre il numero dei propri interventi solidali. c/Agustín de Betancourt, 3 - www.beneficenzaitaliana.es (0034) 91 5333106 - (0034) 91 5348423 - (0034) 690 065577 Società Italiana di Beneficenza

[close]

p. 13



[close]

p. 14



[close]

p. 15

BARCELLONA: FESTA DEL 2 GIUGNO In occasione della Festa della Repubblica, il Console Generale, Stefano Nicoletti, ha inaugurato la nuova Piazza Italia dell’IIC come oasi di pace e di cultura nel cuore di Barcellona e ha dichiarato: Il Console Generale di Barcellona Stefano Nicoletti moglie Dott.ssa Gloria Battaglia Nicoletti, la Direttrice Dott.ssa Roberta Ferrazza ed il Funzionario Vicario, responsabile del settore Amministrativo, Dott.ssa Emilia con la dell’IIC, nonché Luciani. La Festa della Repubblica che abbiamo quest’anno celebrato a Barcellona è stata particolarmente ricca di contenuti. Su indicazione del Ministero degli Affari Esteri, essa è stata prioritariamente dedicata all’Esposizione Universale del 2015 che l’Italia avrà l’anno prossimo l’onore di ospitare a Milano sull’importante tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. Tale evento vedrà riuniti dal 1 Maggio al 31 Ottobre 2015 a Milano oltre 140 Paesi, chiamati a mettere in mostra il proprio potenziale economico e industriale per fornire risposte credibili alle sfide dell’accesso globale alla nutrizione e della sostenibilità energetica. Con riferimento alla sicurezza alimentare, da parte italiana si auspica che Expo 2015 possa divenire un’opportunità per un esame del processo globale della catena alimentare e dei canali distributivi: per questo l’Italia intende coinvolgere i leader mondiali in una discussione pubblica per rispondere a una semplice, ma cruciale domanda: come assicurare che vi sia un accesso per tutti ad alimenti di qualità, sani, disponibili e prodotti in maniera sostenibile? L’Italia, sede delle Agenzie ONU che si occupano di food security, dalla FAO al Programma Alimentare Mondiale all’IFAD, vuole contribuire al dibattito stimolato da Expo con la forza della propria tradizione agricola e industriale. Nel corso del ricevimento per la Festa Nazionale, cui hanno preso parte da più di 400 membri della collettività nonché da Autorità catalane e spagnole, membri delle forze dell’ordine e militari, imprenditori sia spagnoli che italiani, esponenti del mondo della cultura e delle scienze, perso- nale docente dell’Istituto scolastico italiano, ho inoltre inaugurato, assieme alla Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura, Roberta Ferrazza, un nuovo spazio-giardino a lato dell’IIC che, simbolicamente, è stato denominato “Piazza Italia”. L’intenzione è quella di far divenire questo luogo silenzioso e verde, localizzato nel cuore di Barcellona, un’oasi di pace e di cultura  aperta a tutti gli appassionati della cultura italiana e specialmente ai giovani che qui potranno trovare uno spazio aperto per leggere un buon libro; consultare il proprio tablet in collegamento Wi-fi; ascoltare concerti all’aperto durante l’estate o   vedere un buon film del nostro apprezzato cinema. Già nelle prossime settimane l’IIC organizzerà nella “Piazza Italia” alcuni concerti all’aperto che permetteranno di sfruttarla come luogo di aggregazione e di cultura. Vi aspettiamo numerosi anche per vedere, nella sala conferenze dell’Istituto una bella mostra di fotografie di Luca Capuano che ritraggono alcuni siti italiani repertoriati nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. 86/2014 Pag. 15

[close]

Comments

no comments yet