Rapporti tra parole e misure

 

Embed or link this publication

Description

Giochi logici e linguistici

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

OBIETTIVI ORGANIZZAZIONE TEMPI Scoprire i meccanismi di funzionamento della lingua attraverso il gioco linguistico. ☻ Produrre testi creativi a partire dai giochi fatti con le parole. ☻ Ampliare il lessico. ☻ Principali unità di misura ☻ Equivalenze ☻ Aree ☻ Perimetri ☻ Disegnare spazi ☻ Riprodurre uno spazio in base a una descrizione Lavoro in Cooperative Learning ☻ Variabili e collegati al procedere del progetto “Periferie al centro”

[close]

p. 3



[close]

p. 4

ATTIVITA’ INTERDISCIPLINARI ITALIANO: Giochi di parole Anagrammi Acrostici Tautogrammi MATEMATICA_GEOMETRIA: Principali unità di misura Equivalenze Aree Perimetri Disegnare spazi Riprodurre uno spazio in base a una descrizione

[close]

p. 5

IMMAGINE _ TECNOLOGIA: creazione di un libro POP_UP Sintesi dei raccordi tra discipline In attuazione del progetto, che si proponeva di liberare gli spazi adiacenti all’edificio scolastico e di riprogettarli con e per i bambini, sono stati proposti: giochi di parole, creazione di acrostici che definissero e descrivessero gli spazi, misurazione dei perimetri e delle aree delle aiuole riprodotte in base alle descrizioni scaturite dai testi contenenti anagrammi e tautogrammi.

[close]

p. 6



[close]

p. 7



[close]

p. 8



[close]

p. 9



[close]

p. 10



[close]

p. 11



[close]

p. 12

N.B. Si è lavorato in modo interdisciplinare inserendo questa UDA nel progetto “ ”. Le attività di Periferie al Centro a San Donato si sono concentrate sullo spazio intorno alla scuola primaria e hanno avuto come obiettivi principali: Liberare, anche parzialmente, la piazza dalle auto in sosta (che impedivano di fatto ai bambini di giocare) Avviare insieme alla scuola, ai genitori e agli abitanti un percorso di riflessione e ripensamento degli spazi pubblici Stimolare l’attenzione dell’amministrazione comunale e della città sul quartiere e sui suoi problemi

[close]

p. 13

Il progetto – realizzato sotto forma di un grande gioco/mobilitazione inquadrato all’interno di una narrazione interattiva, giocata fra presente e futuro – si è concluso a giugno con un evento al quale ha partecipato un gran numero di persone.

[close]

p. 14

In sintesi, i maggiori risultati, i limiti e le potenzialità del progetto possono essere così riassunte: grande successo “mediatico” e maggiore attenzione ai problemi del quartiere  limite: questa attenzione non è costante e sono ancora molte le mancanze del Comune (problema maggiormente sentito dal quartiere: pulizia); potenzialità: il progetto è stato capace di mettere gli amministratori con le spalle al muro e di spingerli a “compromettersi”; l’amministrazione ci considera inoltre ormai come un tramite fra il quartiere e la politica. nascita del comitato dei genitori  potenzialità: momento importantissimo di partecipazione, che va valorizzato in questa edizione, dando ai genitori maggiore spazio e responsabilità. volontà di intervento sullo spazio, ribadita dal sindaco e da noi stoppata (almeno nei termini da lui previsti) perché il progetto ha evidenziato la necessità di trovare, prima di ogni azione di liberazione della piazza dalle auto in sosta, una soluzione alternativa per gli abitanti.  limite: tempi più lunghi; potenzialità: maggiori possibilità di costruire soluzioni insieme agli abitanti.

[close]

Comments

no comments yet