Giornalino Parrocchiale 2010

 
no ad

Embed or link this publication

Description

giornalino con programmi festeggiamenti FestaPatronale 2010

Popular Pages


p. 1

INCONTRO Maggio - Giugno 2010 Bollettino di informazione e comunicazione della Parrocchia di S. Felice da Cantalice a Centocelle - Roma CONTIENE IL PROGRAMMA PER I FESTEGGIAMENTI DI S. FELICE

[close]

p. 2

Affiliato Studio Centocelle 1 Via F. Parlatore 40 00171 ROMA Tel.: 0645550101 Affiliato PRO.MO. s.r.l. Via dei Castani, 19 00172 ROMA Tel.: 06/23219040 Il nostro scopo è fornire servizi dando la massima attenzione alle persone OGNI AGENZIA E’ UN’IMPRESA 2 AUTONOMA Incontro - Maggio-Giugno 2010- Festa san Felice

[close]

p. 3

Carissimi, siamo in cammino verso il cinquantesimo giorno di Pasqua. Ci stiamo preparando ad accogliere il Dono promesso: il dono dello Spirito Santo. Nelle parrocchie in questo periodo siamo immersi nella luce della primavera che stenta ad arrivare in modo definitivo, ma siamo soprattutto immersi nella luce delle domeniche di Pasqua: il Signore insistentemente si manifesta risorto e ci fa vivere queste sette settimane in attesa del cinquantesimo giorno quello della pienezza che si conclude con le fiamme di fuoco che purificano, inviano, fanno uscire, testimoniare, e annunziare le grandi opere di Dio. Una delle grandi opere di Dio è San Felice Da Cantalice la cui festa quest’anno coincide proprio con la festa di Pentecoste. Quale occasione migliore per noi! Abbiamo l’opportunità di ritrovarci insieme per assaporare il Dono dello Spirito, per cogliere la Sua presenza nella nostra storia e nella Chiesa, nata da acqua e Spirito. Come San Felice per le strade della Roma di allora, in forza dello Spirito Santo, anche noi siamo chiamati a testimoniare e ad evangelizzare per chiamare alla fede tutti gli abitanti del mondo, vogliamo rispondere al grido di un’umanità smarrita e ferita e mostrare a tutti dove sta l’acqua che disseta davvero e dona la vita. La chiesa dona a tutte le genti la Parola e i Sacramenti ed in questo senso ci è “madre”, come Maria, che nel mese di maggio veneriamo in modo del tutto particolare. Rischiarati dalla luce splendente della Pasqua, prima e più della primavera, vogliamo essere testimoni di una vita nuova. Le cose vecchie non ci sono più, la nostra vita pasquale rischiara ogni vita umana, basta che gli uomini l’accolgano con l’ob- Incontro - Maggio-Giugno 2010 - Festa San Felice 3

[close]

p. 4

bedienza della fede. San Felice ci sia “maestro” di testimonianza. Egli ci chiama a raccolta. Ci vuole ai suoi piedi. Vuole che tutti insieme testimoniamo la sua santità e lo ringraziamo per i tanti benefici che nel tempo ha ottenuto da Dio per tutta la nostra comunità: per noi suoi figli a Lui affidati dalla Chiesa. Che risplenda nel cuore di ciascuno di noi la sua gioia, la consapevolezza di essere amato da Dio. Vi aspetto tutti…numerosi!!! Anzi San Felice vi aspetta perché insieme a noi desidera ringraziare il Padre ed intercedere per tutti grazie e benedizioni. Buona Pentecoste! Buona festa di San Felice! Deo gratias! Il Parroco P. Gianfranco PERCORSO PROCESSIONE P.za S. Felice –Via Castani – Via dei Glicini - Via delle Giunchiglie-Via delle Robinie- via dei Frassini-Via dei Glicini – Via Castani - P.za S. Felice. ADORNIAMO I BALCONI E LE FINESTRE AL PASSAGGIO DI SAN FELICE, PROTETTORE DELLA NOSTRA PARROCCHIA INIZIATIVE NON DIMENTICATE! Il 15 Maggio, alle Ore 20.30, ci ritroveremo a Capannelle, per iniziare il GRANDE PELLEGRINAGGIO AL SANTUARIO DEL DIVINO AMORE, a inizio della FESTA DI S. FELICE. Chi vuole può prenotare il pullman per il ritorno 4 Incontro - Maggio-Giugno 2010- Festa san Felice

[close]

p. 5

Incontro - Maggio-Giugno 2010 - Festa San Felice 5

[close]

p. 6

 ALCOR CENTRO PER LO STUDIO E LA DIFFUSIONE DELLE TERAPIE ECOLOGICHE E PSICHICHE BELLA Via dei Castani, 68c 00172 Roma Dott. Marulli Fabrizio Dott. Abu-Eisheh Mah'd MEDICINA DELLO SPORT DIETE PERSONALIZZATE CON TEST EAV OMEOPATIA - PSICOTERAPIA AGOPUNTURA - KINESIOLOGIA 00172 Roma Via delle Sequoie, 45 Tel.. e Fax 06/23231894 CENTRO REVISIONI AUTO E MOTO di Alessandro D’Onofrio OFFICINA MECCANICA ELETTRAUTO BOLLINO BLU AUTO E MOTO SERVIZIO ARIA CONDIZIONATA 6 www.donofrioa.it 00172 ROMA - Via dei Platani, 100 a/b Tel e Fax 06/23.23.84.17 - Cell. 339/5212165 orario no-stop 8,30 - 17,30 Incontro - Maggio-Giugno 2010- Festa san Felice

[close]

p. 7

14 Febbraio 2010: Capodanno lunare cinese. Oggi per noi in Korea è l’inizio di un nuovo anno: l’anno della Tigre secondo il calendario cinese. In questa ricorrenza, la mattina presto, si è soliti celebrare in ogni famiglia il “Rito degli Antenati”. E’ un culto che ogni primo figlio maschio deve fare con cura, rispetto e devozione per i genitori morti. In cosa consiste? Spiegarlo in due parole non è facile perché è una realtà complessa ed importante e a ridurla a poche battute si rischia di non comprenderne il significato più profondo. Forse proprio per questo quando nel 1500 padre Matteo Ricci, grande missionario gesuita in Cina, astrologo, matematico e uomo di infinita cultura, parlò di queste tradizioni presso la Curia Romana fu frainteso e da allora fu proibito ai cattolici di celebrare tali riti perché considerati pagani. E la questione si complicò irrimediabilmente perché a partire da quell’episodio la Cina ha sempre visto la religione cattolica come nemica della propria tradizione ed ha rifiutato in modo perentorio ogni rapporto con la Chiesa di Roma. Solo negli ultimi decenni si e’ compreso che il culto degli antenati non è una forma di idolatria ma un rendere omaggio ai parenti che ci hanno preceduto in cielo e perciò è stato permesso anche ai cattolici di celebrarlo. Ed ora io, nel primo giorno dell’anno della Tigre, con i miei ragazzi della casa famiglia, alle 7 di mattina, mi trovo a preparare questo importante rito della cultura orientale. L’ho visto fare tante volte, ma non l’ho mai fatto in prima persona. Ma oggi che il mio impiegato esperto ha il giorno libero, mi devo ingegnare a gestirlo io stesso. E non è facile vista la complessità dell’atto che richiede molta attenzione nei gesti e nella forma. Si deve predisporre un tavolo con due candelieri, una piccola tavoletta con la scritta dei nomi delle persone scomparse e un incensiere. Sopra di esso, con un ordine ben stabilito, si mette una gran quantità di cibi prelibati da offrire agli antenati: bistecche, pollo, pesce, mele, pere, cachi, dolci, castagne, vino, riso, took-cook (una minestra speciale che si mangia solo in quest’occasione), polpette, frittelle…Quando tutto Incontro - Maggio-Giugno 2010 - Festa San Felice 7

[close]

p. 8

”... CHE FORSE a È questa IL MOMENTO PIÙ ATTESOcon DAI RAGAZZI DOPODICHÉci , CON GRANDE GIOIA è CIA pronto, davanti mensa-altare, grande . devozione si inchina due , TUTTI CONSUMANO CIBI volta OFFERTI E SI FA FESTA più DEDICANDOSI E LETIZIA volte toccando laINSIEME fronte a terra, poi QUEI un terza con un inchino lieve. PerAI GIOCHI TRADIZIONALI IN GRANDE ALLEGRIA. IN QUESTO MODO OGGI, CELEBRANDO IL CULTO alcuni minuti si prega in silenzio affidando a quelle anime defunte tutti i desideri DEGLI ANTENATI CON I MIEI RAGAZZI, HO PASSATO IL MIO CAPODANNO CINESE. QUALCUNO e le speranze di un nuovo anno che sta per iniziare. Anch’io, insieme ai ragazzi, POTREBBE ARRICCIARE IL NASO E DIRE: “COME FA UN SACERDOTE CATTOLICO, CON TALI mi sono inchinato ricordando i miei cari che sono in paradiso e pregando per COMPORTAMENTI, A NON CREARE SCANDALO E CONFUSIONE NELLA FEDE DI QUESTI GIOVANI loro. CRISTIANI?”. Il Dio nel quale io credo e che la Bibbia ci rivela è un Signore Grande, Successivamente i giovani si chinano di nuovo con laun fronte a terra al conInfinito, Onnipotente, che può solo sorridere davanti ad rito fatto per davanti amore nei più anziano - che in questo caso sonoGesù io - in segno di rispetto e questi, dopo fronti dei genitori che ci hanno lasciato. non si scandalizzerebbe di certo per questi aver fatto un bel discorso di augurio e di esortazione per il nuovo anno, piccoli gesti pienamente umani e carichi di tanto affetto e devozione. Per chi dovesse elargisce loro una “mancia”... che forse il momento più atteso dai ragaz-in essere perplesso dibella fronte a tali affermazioni c’è è ancora una precisazione importante: zi. Dopodiché, contecnico, grande il gioia e letizia, tutti insieme consumano quei cibi senso strettamente cattolicesimo non è primariamente una religione, cioè un insieme di riti, preghiere, segni, norme etico-morali, atti di sottomissione alla offerti e si fa festa dedicandosi ai giochi tradizionali in grande allegria. In creatura questo divina che con devozione timorosa bisogna seguire alla lettera; in realtà è l’esperienza modo oggi, celebrando il culto degli antenati con i miei ragazzi, ho passato il sconvolgente dicinese. Gesù risorto e vivo. E’ una vita che si fa sua sequela. Un incontro mio capodanno Qualcuno potrebbe arricciare il naso e dire: “Come facon una persona viva e presente in mezzo a noi. un sacerdote cattolico, con tali comportamenti, a non creare scandalo e confusione nella fede di questi giovani cristiani?”. Il Dio nel quale io credo e che la INFATTI ,I PRIMI SEGUACI DEL SIGNORE NON SONO MAI STATI PREOCCUPATI DI FONDARE UNA Bibbia ci rivela è un Signore Grande, Infinito, Onnipotente, che può solo sorriNUOVA RELIGIONE MA SOLO DI TESTIMONIARE CIÒ CHE AVEVANO VISTO E VISSUTO: CHE IL dere davanti ad un rito fatto per amore nei confronti dei genitori che ci hanno MESSIA CHE AVEVANO AMATO, DOPO LA SUA VIOLENTA MORTE SULLA CROCE, ERA RISORTO E lasciato. Gesù non si scandalizzerebbe di certo per questi piccoli gesti pienaCHE LORO LO AVEVANO VEDUTO, TOCCATO E AVEVANO MANGIATO CON LUI. NE AVEVANO mente umani e carichi di tanto affetto e devozione. Per chi dovesse essere FATTO UNA COSÌ GRANDE ESPERIENZA CHE ORA INSEGNAVANO A TUTTI, SENZA PAURE, QUESTA Cristiani ia er ria c stcette a P aff C 8 195 dal AVV GERARDINA RUSSO PENALE-CIVILE- 00172 Roma - Via dei Platani, 123 Tel. 06/23232058 00172 Roma Via Tor de Schiavi 65 a/b Tel/Fax 062427491 cell 3339652265 avv.gerardinarusso@libero.it 8 Incontro - Maggio-Giugno 2010- Festa san Felice

[close]

p. 9

perplesso di fronte a tali affermazioni c’è ancora una precisazione importante: in ERANO CONOSCIUTI COME COLORO CHE SEGUONO LA “NUOVA VIA” E NESSUNO HA MAI MENsenso strettamente tecnico, il cattolicesimo non è primariamente una religione, cioè ZIONATO UNA NUOVA RELIGIONE(GV. 14,6). un insieme di riti, preghiere, segni, norme etico-morali, atti di sottomissione alla creatura divina che con devozione timorosa bisogna seguire alla lettera; in realtà è l’esperienza sconvolgente di Gesù risorto e vivo. E’ una vita cheSEGUIRE si fa sua sequeESSERE CRISTIANI SIGNIFICA UNA PERSOla. Un incontro con una persona viva e NA VIVA E FARNE UNA ESPERIENZA DI VITA VISSU presente in mezzoLA a noi. TA: DI CONSEGUENZA CHIESA NON PUÒ RIDURSI Infatti, i primi seguaci del Signore non DI RITI SOLENNI E LITURGIE AD UN COMPLESSO QUANDO INVECE DOVREBBE ESSERE POMPOSE sono mai stati preoccupati di fondare IL DOVEreligione LA COMUNITÀ INCONTRA , PREGA, LUOGO una nuova ma SI solo di testimoCONDIVIDE I BENI , SPEZZA IL PANE , ASCOLTA LA niare ciò che avevano visto e vissuto: che PAROLA DI DIO E FA L’ESPERIENZA DI GESÙ VIVO il Messia che avevano amato, dopo la E PRESENTE. Il Concilio Vaticano II afferma che sua violenta morte sulla croce, era la Chiesa è un popolo in cammino e che noi risorto e che loro lo avevano veduto, tutti apparteniamo a questo popolo. Questo toccato e avevano mangiato con lui. Ne mettersi in cammino alla sequela di questo Signore sorprendente e fantasioso porta ad avevano fatto una cosìnuove grande esperienza che ora insegnavano a tutti, senza paure, incontrare persone che pongono interrogativi nuovi. Culture diverse che presentaquesta Nuova Via (At.16,17; 18,26). Nei primi decenni del cristianesimo i seguaci di no istanze diverse. Mondi impensati che ci sfidano a percorsi coraggiosi non preclusi da Gesù erano conosciuti come coloro che seguono “Nuova Via” e nessuno ha mai vecchi schemi religiosi. E’ fondamentale, quindi, la essere attenti e pronti ad un dialogo sinmenzionato unadi nuova religione(Gv. 14,6). cero; capaci ascoltare fino in fondo senza pregiudizi e remore fanatiche. E’ stata questa la sfida dell’apostolo Pietro con Cornelio (At. 10.30-48) e poi di tutti gli apostoli e i missionari di ogni tempo: non aver di mettersi in cammino, di dialogare, di accettare Essere cristiani significa seguire una paura Persona viva e farne una esperienza di vita le nuove sfide… Mi sembra che dobbiamo imparare a concentrarci grande vissuta: di conseguenza la Chiesa non può ridursi ad un complesso meno di riti sulla solenni e e ricca tradizione della chiesa per rivolgerci, con maggiore umiltà e fede coraggiosa, ad un liturgie pompose quando invece dovrebbe essere il luogo dove la comunità si inconpresente che ci interpella e ad un futuro chedi si Dio intravede carico di attese tra, prega, condivide i beni, incessantemente spezza il pane, ascolta la parola e fa l’esperienza e di vivo domande. Questa èConcilio anche la mia piccola umile esperienza: ho accettato l’invito di Gesù e presente. Il Vaticano IIed afferma che la Chiesa è un popolo in dello Spirito a mettermi in cammino, e in questi 20 anni di vita tra i poveri ho incontrato un cammino e che noi tutti apparteniamo a questo popolo. Questo mettersi in cammino Dio di bellezza e libertà, un Signore d’amore e giustizia, uno Spirito di gioia e di fortezza là alla sequela di questo Signore sorprendente e fantasioso porta ad incontrare persone proprio dove tutti dicevano che c’era solo un ambiguo paganesimo da evitare. Gli uomini nuove che pongono interrogativi nuovi. Culture diverse che presentano istanze e le donne anelano alla felicità, alla gioia e all’amore vero. Valori assoluti che il Redentore diverse. Mondi impensati che ci sfidano a percorsi coraggiosi non preclusi da vecchi ci ha donato, ma che, io, noi uomini di chiesa, spesso non siamo in grado di testimoniare schemi religiosi. E’ fondamentale, quindi, essere attenti e pronti ad un dialogo sincee proporre in maniera adeguata: altrimenti tutti, fedeli e non, invece di lasciare vuoti i ro; capaci di ascoltare fino in fondo senza pregiudizi e remore fanatiche. E’ stata banchi delle nostre chiese, ci verrebbero incontro chiedendoci di parlare della Persona questa laabbiamo sfida dell’apostolo Pietro Cornelio (At. 10.30-48) poi di tutti gli che incontrato e che hacon cambiato la nostra esistenza. e La quaresima, appena iniziata sia, per me di e per tutti voi, amici una occasione di autentica conversione apostoli e i missionari ogni tempo: non amati, aver paura di mettersi in cammino, di (=cum vertere: volgere verso) passando da uno stile vita fatto di piccole a e coninfantili dialogare, di accettare le nuove sfide… Mi sembra che di dobbiamo imparare rinunce classicamente quaresimali (evitare peccati di gola, divertimenti, beni superflui; asticentrarci meno sulla grande e ricca tradizione della chiesa per rivolgerci, con magdalla carne) che hannoad poco (Is.ci 58,5) ad una incessantemente esperienza di vita volta giorenenza umiltà e fede coraggiosa, un significato presente che interpella e ad a NUOVA VIA (AT.16,17; 18,26). NEI PRIMI DECENNI DEL CRISTIANESIMO I SEGUACI DI GESÙ cercare il Signore vivo e presente tra gli uomini e le donne di oggi con una propensione 9 al Incontro - Maggio-Giugno 2010 - Festa San Felice dialogo sincero, capaci di mettersi in discussione fino in fondo per testimoniare a tutti

[close]

p. 10

Dal 14 giugno al 30 luglio Dal 30 agosto al 10 settembre Dal lunedì al venerdì Orario: 7,30 – 16,30 Età : 4 / 12 anni (personale qualificato differenziato per fasce d’età) Costo a settimana: •60,00 Compreso di iscrizione, assicurazione e primo piatto Per iscrizioni ed informazioni Associazione Treno a Vapore Via degli Aceri 133 – 06 23 24 86 87 333 77 86 859 10 Incontro - Maggio-Giugno 2010- Festa san Felice

[close]

p. 11

un futuro che si intravede carico di attese e di domande. Questa è anche la mia piccola ed umile esperienza: ho accettato l’invito dello Spirito a mettermi in cammino, e in questi 20 anni di vita tra i poveri ho incontrato un Dio di bellezza e libertà, un Signore d’amore e giustizia, uno Spirito di gioia e di fortezza là proprio dove tutti dicevano che c’era solo un ambiguo paganesimo da evitare. Gli uomini e le donne anelano alla felicità, alla gioia e all’amore vero. Valori assoluti che il Redentore ci ha donato, ma che, io, noi uomini di chiesa, spesso non siamo in grado di testimoniare e proporre in maniera adeguata: altrimenti tutti, fedeli e non, invece di lasciare vuoti i banchi delle nostre chiese, ci verrebbero incontro chiedendoci di parlare della Persona che abbiamo incontrato e che ha cambiato la nostra esistenza. La quaresima, appena iniziata sia, per me e per tutti voi, amici amati, una occasione di autentica conversione (=cum vertere: volgere verso) passando da uno stile di vita fatto di piccole e infantili rinunce classicamente quaresimali (evitare peccati di gola, divertimenti, beni superflui; astinenza dalla carne) che hanno poco significato (Is. 58,5) ad una esperienza di vita volta a cercare il Signore vivo e presente tra gli uomini e le donne di oggi con una propensione al dialogo sincero, capaci di mettersi in discussione fino in fondo per testimoniare a tutti l’amore e la gioia del Risorto. Buona quaresima a tutti. p.Vincenzo Bordo omi PS: per conoscere e vedere qualcosa in piu’ della nostra opera visitare il sito nella sezione inglese: www.annahouse. or.kr Caritas Parrocchiale Ti aspettiamo qui: Gioved’ 21 Maggio ore 17.00 Festa dei nonni: Nella settimana dei festeggiamenti per la festa patronale di S. Felice, la Caritas organizzerà una festa per tutti i nonni della parrocchia. Troverete sul programma giorno ed orario. Vi aspettiamo numerosi!! CARITAS PARROCCHIALE: Mercoledì, Ore 16.00 - 18.00. Tel 0623231646 Incontro - Maggio-Giugno 2010 - Festa San Felice 11

[close]

p. 12

- colori con tintometro BOERO - forniture per autofficine BETA ROMA - VIA DEI PIOPPI, 22/24/26 TEL. E FAX 06/23233020 Compagnia teatrale “Latte & Champagne L’amore non si Strozza” “L’amore Una commedia in due atti scritta, diretta e interpretata da Massimo Testa SINOSSI: In un pittoresco angolo di roma si trova “Piazza delli sordi farzi”. E’ famosissimo, quanto la piazza il bar di Carmelo Frega- con omonima insegna e la troneggiante pubblicità del mitico caffè in uso:”Mikafrego”. Il bar,tra l’altro è luogo deputato da sempre dello strozzino Ubaldo Trepinze per i suoi “intrallazzi”. In questa piazza si avvicendano personaggi buffi,strampalati,furbi,tonti sfortunati,ecc. che daranno animo ad una grottesca ma autentica vita di quartiere. Ma i veri protagonisti di questa storia saranno il DENARO e l’AMORE, che cercheranno un punto di equilibrio tra di loro .. E allora vieni a scoprirlo il: 21 Maggio alle ore 21.00 nel teatro parrocchiale 12 Incontro - Maggio-Giugno 2010- Festa san Felice

[close]

p. 13

Vuoi giocare e diVer tir ti insieme a noi? diVertir tirti Cosa aspetti? La scelta è ampia e le iscrizioni sono già aperte… Ore 16:30 Corsa per i piccoli (6 – 12 anni), 400 metri in allegria con partenze differenziate Ore 17:00 Maratona di circa 3,5 km per il quartiere di Centocelle per adulti, gara non competitiva, iscrizioni aperte a tutti. Percorso: Piazza San Felice da Cantalice – via dei Pioppi- via delle Azalee-Via dei Platani- Piazza dei Mirti – Via dei Castani – Piazza San Felice - Piazza delle Camelie – Via degli Anemoni – Via delle Begonie - Via dei Pioppi- via delle Azalee- Via dei Platani- Piazza dei Mirti - Via dei Castani - Piazza San Felice. Per informazioni ed iscrizioni: Segreteria parrocchiale San Felice da Cantalice Piazza San Felice da Cantalice dal lunedì al venerdì dalle ore 17:00 alle ore 19:00 06/23231646 Oppure direttamente in piazza San Felice da Cantalice il giorno della gara presso lo stand della maratona. (costo iscrizioni € 5,00 – pacco gara per tutti i partecipanti) Incontro - Maggio-Giugno 2010 - Festa San Felice 13

[close]

p. 14

FESTA DI SAN FELICE DA CANTALICE 2010 PROGRAMMA RELIGIOSO SABATO 15 MAGGIO PELLEGRINAGGIO (notturno a piedi) al Santuario del Divino Amore. Ore 20.00: Raduno a Capannelle (parcheggio caserma VVFF). Ore 20.30: Partenza - Ore 24.00 previsto arrivo. Devozione alla Madonna e celebrazione Eucaristica. Ore 01.00: Ritorno. (Per coloro che lo desiderano, bus a disposizione, previa prenotazione con biglietto, presso la segreteria parrocchiale ). MARTEDÌ 18 MAGGIO Ore 19.00: Festa solenne di San Felice Celebrazione Eucaristica Comunitaria. Pellegrinafggio a Cantalice GIOVEDÌ 20 MAGGIO Ore 19.00: In Chiesa, I° giorno del Triduo in preparazione della Festa di S. Felice. Ore 21.00 Spettacolo teatrale VENERDÌ 21 MAGGIO ORE 19.00: In Chiesa, II° giorno del Triduo in preparazione della Festa di S. Felice. Ore 21.00 Spettacolo teatrale “ L’amore non si strozza...!” SABATO 22 MAGGIO Ore 11.00: Benedizione e distribuzione del Pane della Carità di San Felice. incontra gli alunni delle scuole elementari Ore 19.00: In Chiesa, III° giorno del Triduo in preparazione della Festa di S. Felice. DOMENICA 23 MAGGIO Durante la giornata distribuzione del Pane della Carità di San Felice Ore 09.30: Esibizione, per le vie del quartiere, della banda musicale Ore 10.30: Celebrazione Eucaristica Comunitaria. Presieduta da Padre Gianfrano Palmisani Seguirà la solenne Processione accompagnata dalla banda musicale per le vie del Quartiere:P.za S. Felice –Via Castani-Via dei GliciniVia delle Giunchiglie-Via delle Robinie-Via dei Frassini-Via dei Glicini– Via Castani - P.za S. Felice. . Al termine della processione Omelia e benedizione con le Reliquie del Santo. Ore 19.00: Celebrazione Eucaristica di ringraziamento. Presiede Parroco P. Gianfranco Palmisani. LUNEDÌ 24 MAGGIO Ore 19.00: Celebrazione Eucaristica per tutti i defunti . Presiede Parroco P. Gianfranco Palmisani 14 Incontro - Maggio-Giugno 2010- Festa san Felice

[close]

p. 15

FESTA DI SAN FELICE DA CANTALICE 2010 PROGRAMMA RICREATIVO DOMENICA 16 MAGGIO APERTURA MOSTRA FOTOGRAFICA 75° PARROCCHIA ORE 09.30 -12.30 Pesca di beneficenza Pesca di beneficenza ORE 16.00 - 20.00 ORE 16.30 “MARATONA DEI BAMBINI” ORE 17.00 “MARATONA DEGLI ADULTI” Esibizione scuola di Karate ORE 17.30 DA LUNEDÌ 17 MAGGIO A VENERDÌ 21 MAGGIO ORE 16.30 - 19.00 GIOVEDÌ 20 MAGGIO ORE 17.00 SABATO 22 MAGGIO ORE 09.30 - 12.30 ORE 15,30 - 23,30 ORE 15.30 - 18.30 Pesca di beneficenza Festa dei Nonni organizzata dalla CARITAS PARROCCHIALE Pesca di beneficenza Pesca di beneficenza Spettacolo in piazza per bambini con Clow Giochi Truccabimbo OFFERTO DA TEMPOCASAVIA DEI CASTANI 19- VIA F.PARLATORE Cena in piazza Spettacolo musicale in piazza con il gruppo musicale ORE 19.00 ORE 20.30 UNA TANTUM DOMENICA 23 MAGGIO ORE 09.00 -23.30 ORE 19.00 ORE 20.30 Pesca di beneficenza Cena in piazza serata musicale con il gruppo musicale BARAONDA L’incaricato del Municipio provvederà all’estrazione dei numeri vincenti della ORE 22.30 SOTTOSCRIZIONE A PREMI DI SAN FELICE ORE 23.00 Effetti pirotecnici a chiusura della Festa. Incontro - Maggio-Giugno 2010 - Festa San Felice 15

[close]

Comments

no comments yet