Catanzaro City Magazine GIUGNO 2014

 

Embed or link this publication

Description

Mensile di informazione, attualità, cultura, sport e servizi utili

Popular Pages


p. 1

Mensile di informazione, attualità, cultura, sport, rubriche e serizi utili. Anno II - n.ro 13 giugno 2014 € 0,50 € 0,30

[close]

p. 2

2 CATANZARO CITY MAGAZINE GIUGNO 2014

[close]

p. 3

L’editoriale di Pino Ruggiu È Ciao caro... SOMMARIO OMAGGIO A Mensile di informazione, attualità, cultura, sport, rubriche e serizi utili. Anno II - n.ro 12 giugno 2014 passato appena un mese da quando ci ha lasciati Maurizio Comito, un grande personaggio per tanti, ma soprattutto una grande persona, per me e per chi ha avuto il privilegio di averlo come amico. Se ci penso, non riesco a ricordare come e quando ci siamo conosciuti, ma so soltanto che quando capitava d’incontrarci, ci salutavamo sempre con molta cordialità, pur non avendo mai scambiato neanche due parole. Nel dicembre del 2012, periodo in cui ero particolarmente preso dall’imminente uscita del numero “zero” di questo giornale, mentre mi trovavo per caso su corso Mazzini, intravedo da lontano la sua inconfondibile sagoma e non so perchè, ma è stato un attimo pensare subito a lui come possibile testimonial per il lancio dello stesso. L’ho fermato e l’ho invitato a prendere un caffè, davanti al quale gli ho parlato del mio progetto editoriale e dell’incarico che volevo affidargli. Non conoscendolo ancora bene, mi aspettavo che alla mia richiesta, facesse il prezioso e mi rispondesse picche, come spesso fa chi crede di essere “arrivato” a chissà quale traguardo... Ma lui, che di traguardi importanto ne aveva raggiunti tanti, dimostrando umiltà e tanta generosità, sposò subito l’idea e accettò di buon grado (a titolo assolutamente gratuito!), di girare lo spot, che inutile dirlo, ebbe tanto successo! Da allora si mise subito a disposizione anche per supportarmi, tanto che divenne il “naturale” responsabile delle relazioni esterne del magazine. Dovevate sentirlo quando parlava con chiunque di questo giornale... sembrava fosse suo, tanto era l’entusiasmo e la foga che ci metteva e poi non perdeva mai occasione di presentarmi ai suoi tanti ed importanti amici, neanche fossi... Arnoldo Mondadori Editore! Abbiamo cominciato a frequentarci assiduamente e non c’era giorno che non ci si sentiva o ci si vedeva. Era il classico “compagnone” e in famiglia ricordiamo ancora le risate che ci ha fatto fare, durante una cena a base di morzello, a casa mia. ...Che vuoto che hai lasciato Maurì. Il mio personale saluto a Maurizio era più che doveroso e mi scuserete se non resta molto spazio per parlarvi delle novità che troverete in questo numero, come ad esempio, la pagina della MOVIDA, con in ordine alfabetico, ben 50 ristoranti e pizzerie con tanto di indirizzi, telefoni, prezzi e giorno di chiusura... Una ragione di più per sfogliarlo. Buona lettura. (pinoruggiu.posta@gmail.com) 5. Addio a Maurizio Comito 26. ‘U sciofferri MUSICA MEMORY NEWS PROPOSITI 8. Street-ART, la città cambia look 28.PFloyd’s Shadow. Una cover band? 30. Amore di gruppo: I Simpaty 10. L’associazionismo per una solidarietà globale SOCIAL 12. Ex Antiquitate Novum 31. Le mille sfumature dell’infedeltà 14. Catanzaro, una città senza confini 32. Ciarlatani a Catanzaru 16. Daniel T. Mellace. Controstoria dell’alimentazione in Calabria 18. La stranottura Cz 2014 SPORT PERSONAL SALUTE CATANZA...RISI L’INTERVISTA 33. Le monde de Petite Coco 34. Droga e alcol. Prevenire è meglio IN CUCINA BREVI 36. Le zucchine in cucina 20. Rinasce la Galleria Mancuso 20. Cani... volanti, in via Carlo V! UTILITÀ 21. Cresce l’offerta dei voli a Lamezia 38. Che fare stasera 41. Orario bus A.M.C. PERSONAGGI 22. Calabria Caput Mundi. Calcio 43. Orario voli Lamezia Airport 45. Turni farmacie SPROPOSITI 25. Non sempre il silenzio è d’oro. 46. Piantine stradali Catanzaro City Magazine È un periodico indipendente e apartitico. La collaborazione è libera e gratuita, gli articoli rispecchiano l’ideologia e il pensiero degli autori, i quali se ne assumono pienamente la responsabilità. Garantiamo a tutti, diritto di replica. La redazione si riserva di rifiutare eventuali articoli che ritiene non idonei alla linea editoriale del giornale. Direttore editoriale: Pino Ruggiu pinoruggiu.posta@gmail.com Direttore responsabile: Pino Ranieri Grafica e impaginazione: www.ruggiu.blogspot.it Collaborazioni a questo numero Anna Aloi, Ketty Catrambone, Luca Cirillo, Alberto Cocco, Vincenzo Defilippo, Mario Martino, Gianvito Fontanella Molea, Nino Gil, Elisa Giovene, Domenico Iozzo, Giulia Panzarella, Giuseppe Passafaro, Anna Rotundo, Paolo Stanizzi, Anna Veraldi. I collaboratori di cui sopra, la cui partrecipazione è libera e occasionale, non sono membri della redazione e cedono a titolo gratuito ogni tipo di diritto, ivi compreso quello d’autore, dell’articolo pubblicato. L’Editore si dichiara pienamente disponibile a valutare - e se del caso regolare le eventuali spettanze di terzi per la pubblicazione di immagini e testi di cui non sia stato possibile reperire la fonte. Abbonamenti: N.B. Gli importi sono comprensivi di IVA e di spese di spedizione. Semestrale (6 numeri) euro 12,00; Annuale (12 numeri) euro 24,00; Abbonamenti sostenitore: N.B. Gli importi sono comprensivi di IVA, delle spese di spedizione e dei redazionali (*) in omaggio. Editore: Giuseppe Ruggiu Stampa Tipografia Stampasud s.r.l. Redazione: Lamezia Terme (Cz) Via Skilletyon, s.n.c. - Borgia (Cz); Per la pubblicità: citymagazineinfo@gmail.com Tel. 0961.702315 - 335470145 Tel. 0961.702315 - 335470145 Per numeri arretrati: Registrazione: Tel. 0961.702315 - 335470145 Trib.di Cz, n.ro 314 del 16/4/2013 citymagazineinfo@gmail.com Silver (*1) (12 n.ri) euro 100,00; Gold (*2) (12 n.ri) euro 200,00; Platinum (*3) (12 n.ri) euro 300,00 Modalità sottoscrizione: Bonifico bancario c/o Conto BancoPosta Cod. IBAN: IT97 O 0760104400000044106292 Cod. Bic/Swift: BPPIITRRXXX Causale: Nome e cognome/tipo abbonamento GIUGNO 2014 CATANZARO CITY MAGAZINE 3

[close]

p. 4

FEBBRAIO/MARZO 2014 4

[close]

p. 5

OMAGGIO A Sul grande schermo aveva interpretato personaggi caratterizzati dalla grande esuberanza e carica espressiva. Nella vita è stata una persona capace, onesta, generosa e sempre sorridente, in grado di contagiare tutti con la sua innata simpatia di DOMENICO IOZZO Ciao Maurizio GIUGNO 2014 CATANZARO CITY MAGAZINE 5

[close]

p. 6

OMAGGIO A S ul grande schermo aveva interpretato personaggi caratterizzati dalla grande esuberanza e carica espressiva. Nella vita è stata una persona capace, onesta, generosa e sempre sorridente, in grado di contagiare tutti con la sua innata simpatia. Era conosciuto e apprezzato da tanti Maurizio Comito, interprete catanzarese doc, scomparso lo scorso 29 aprile a soli 57 anni a causa di una malattia che in pochi giorni ha minato gravemente la sua salute lasciando nei cuori un senso di profondo dolore e di incredulità. La grande disponibilità, unita all’innato carisma, ha rappresentato un talento speciale che gli ha consentito di farsi amare dai tanti amici che nella Basilica dell’Immacolata non sono voluti mancare ai funerali per rivolgergli l’ultimo saluto. A ricordare le sue doti umane è stato anche padre Nicola che, durante l’omelia, ha sottolineato come la capacità di sorridere e far sorridere sia stata la più grande qualità che Maurizio ha voluto trasmettere non solo nella vita reale, ma anche in quella dipinta con leggerezza e fantasia dai tanti personaggi da lui interpretati sul piccolo e grande schermo al fianco di celebri volti dello spettacolo. Tra le sue ultime esperienze, Maurizio ha annoverato anche la presenza nel cast delle fiction Rai “Il giudice Meschino” di Carlo Carlei con Luca Zingaretti e “Casa e Bottega” con Renato Pozzetto, Nino Frassica e Anna Galiena. Prima ancora era apparso anche in altre serie di successo come “Capri 3”, “Gente di mare 2” o “L’ispettore Coliandro”. Al cinema la sua “consacrazione” al grande pubblico è arrivata con la commedia grazie al poetico zio Cosimo di “Oggi Sposi” e, poi, al “politicante” scorretto e sgangherato che fa da spalla ad Antonio Albanese in “Qualunquemente” e che, usando le parole del regista Manfredonia, “incarnava l’anima vitale della Calabria”. Il nostro attore aveva così sostenuto e difeso il film quando, all’uscita nelle sale, fu criticato per la presunta immagine negativa che offriva della nostra regione: “A chi dice male solo per ideologia – commentò Maurizio - alla luce di quello che ritengo sia verosimile e attuale, rispondo come fa Cetto a Desantis: “Laviti i pedi e va’ curcati”. Non solo piccole apparizioni per grandi successi al botteghino: Maurizio Comito ha lavorato anche per tanti autori calabresi, giovani esordienti o affermati registi, lasciando il segno in lavori come “Prima che il gallo canti” di Mario Foglietti o il corto “Melissa 49/99” diretto da Eugenio Attanasio e Giovanni Scarfò fino 6 CATANZARO CITY MAGAZINE GIUGNO 2014

[close]

p. 7

all’ultimo omaggio al genio catanzarese di Mimmo Rotella, il docu-film “Rotella fuori posto” ora in fase di post-produzione. Inoltre, in questi giorni, è approdato nelle sale “La moglie del sarto” di Massimo Scaglione, protagonista Maria Grazia Cucinotta, in cui Comito fa parte del cast. Non stupisce, quindi, la grande commozione che ha pervaso i cuori di tanti amici e colleghi che hanno condiviso con lui, in tutti questi anni, un pezzo di vita, un’esperienza professionale o un semplice momento conviviale. Il messaggio letto dai figli durante i funerali ha ben rispecchiato la dimensione umana e affettiva che l’attore catanzarese è riuscito a creare con i suoi affetti più cari, fino alla piccola nipotina che ha avuto modo di conoscere solo per pochi giorni. A porgere un sentito addio a Maurizio sono stati, inoltre, gli amici di sempre della Cineteca della Calabria e della Casa del Cinema, ma anche le giovani calciatrici della WS Catanzaro che al fianco dell’attore hanno vissuto l’incredibile esperienza della serie A di calcio a cinque. Il loro pensiero è sempre stato rivolto al loro caro “papà” sul campo, dalle prime partite giocate in casa in un clima di festa fino agli ultimi match in cui le ragazze hanno cercato di colmare il vuoto lasciato da un’assenza pesantissima. Emozioni, sogni, speranze di vita e di sport che le atlete hanno voluto ancora una volta condividere con Maurizio donandogli la maglia numero 10 giallorossa per il suo ultimo viaggio. Alle istituzioni e a tutti coloro che intraprenderanno una nuova carriera artistica è affidato il compito di dare continuità al grande lavoro profuso da Maurizio per la sua terra anche dal punto di vista della promozione del territorio e della valorizzazione culturale. Il suo sogno era, infatti, quello di creare un gruppo tutto calabrese dedito al product placement e ai servizi per la produzione, in grado di coinvolgere le professionalità locali per dare impulso a chi vuole lavorare nella propria terra e per liberare l’immagine della Calabria dalle sue zavorre. Non per ultimo, tra le tante passioni della sua vita, Maurizio di recente aveva aggiunto anche quella per il nostro giornale, assumendo con grande entusiasmo il ruolo di responsabile per le relazioni esterne. La nostra redazione lo ricorderà sempre con grande affetto e gratitudine per l’impegno volto alla crescita e al consolidamento del nostro progetto editoriale. OMAGGIO A Nella prima colonna, da sopra, il compianto Maurizio Comito con Luisa Ranieri, Luca Zingaretti, Marco Bocci e Francesco Montanari; Nella colonna al centro, da sopra, sul set di “Qualunquemente, con Antonio Albanese, a seguire con Dario Bandiera e Isabella Ragonese, con Sergio Rubini, con tutta la squadra WS Catanzaro, con Carlo Carlei, durante la presentazione del libro “Il giudice meschino”, In questa colonna, da sopra, con Renato Pozzetto, con Nino Frassica, con Giuseppe Pambieri e diego Vedegliglio GIUGNO 2014 CATANZARO CITY MAGAZINE 7

[close]

p. 8

NEWS C atanzaro cambia look! Con la manifestazione “Alt!rove”, che si è svolta nel mese di Maggio (dall’1 al 10 maggio), la nostra città ha in qualche modo rivalutato angoli e strutture un po’ in declino, non apportando restauri edilizi, ma eseguendo un restyling esclusivamente a livello “estetico”. Questa kermesse, ha raccolto giovani artisti sia italiani che internazionali, che hanno dato libero sfogo alla loro genialità artistica murale, con la famosa Street-art, ovvero “arte di strada”, dando la possibilità al passante, di poter ammirare delle vere e proprie opere d’arte. Si è mirato soprattutto a “rinnovare”, come abbiamo detto solo esteticamente, vecchi edifici, alcuni anche in disuso come per esempio il vecchio Mercato a Catanzaro Lido, oppure a rendere un po’ più innovative alcune strutture come il Palazzetto dello sport di Corvo o ancora il Caffè delle Arti a Catanzaro e poi ancora il muraglione del Campo Scuola, il nuovo campo Figc a Sala, i sovrappassi di Viale De Filippis, l’Assessorato alle Politiche Sociali ed il Porto di Catanzaro Lido. Più di venti artisti, si sono espressi con la loro arte e con i soli mezzi di: pennelli e colori, hanno letteralmente trasformato dei squallidi muri in “tele”, dando vita ad espressioni di arte contemporanea. Questi luoghi, resi quasi diversi da “sapienti pennelli” hanno attratto moltissime persone, che si sono interessate alla Street-art, volendone approfondire il significato. Infatti viene quasi spontaneo chiedersi cosa possa portare un ragazzo ad esplicare la sua arte con Street-ART una bomboletta o con dei pennelli, la voglia probabilmente di far conoscere ai più la propria arte, o cercare di migliorare zone dimenticate e degradate, che purtroppo fanno sempre piu spesso, parte della città. Sovente tutto ciò è accompagnato da netti dissensi, contrapponendosi a volte alla legalità, ma potrebbe essere una forte risposta ad una realtà che si scontra con criminalità e droga, bisognerebbe infatti fare una distinzione fra coloro che si avvicinano al graffitismo più che altro per una ricerca artistica e quindi svolgono ciò in zone deputate, mentre altri lo fanno per un mero atto di vandalismo, imbrattando anche edifici di interesse storico. Lo Street-art festival è stato completamente sovvenzionato dall’associazione “Wake-up” di Edoardo Suraci e Vincenzo Costantino e patrocinata gratuitamente dal Comune di Catanzaro. Fra gli artisti presenti, ricordiamo alcuni nomi come: Sbagliato, Moneyless, Bue 2530, Run e Massimo Sirelli. In queste foto, alcune delle opere realizzate dagli artisti, da sopra: il porto e a seguire, il campo scuola, uno dei cavalcavia di via De Filippis, l’ Assessorato alle Politiche Sociali 8 CATANZARO CITY MAGAZINE GIUGNO 2014

[close]

p. 9

La città ha in qualche modo rivalutato angoli e strutture un po’ in declino, eseguendo un restyling esclusivamente a livello “estetico di ELISA GIOVENE Quest’ultimo ha regalato un po’ di vita ai grigi blocchi di cemento del molo del Porto di Catanzaro Lido, egli ha usato esclusivamente dei colori ,senza apportare alcun disegno puntando sulla cromaticità, evidenziando come la semplicità dei colori possa generare emozione, il bello senza significato, il bello che possa emozionare attraverso i colori, come ha dichiarato in una piccola intervista. Il suo intento era anche quello di creare una similitudine, con i famosi mattoncini della Lego, un’immagine tridimensionale di colori che finisce in acqua. È d’obbligo precisare, visti alcuni dissensi in merito all’uso dei colori che potevano essere causa d’inquinamento, che le vernici usate sono a base d’acqua con certificazione ambientale, quindi del tutto innocue e lontane da poter essere nocive alla fauna marina ed al contesto naturale. Il successo dello Street-art festival si deve principalmente a tutti gli artisti che vi hanno partecipato, che hanno reso luoghi in genere abbandonati e squallidi, vivi e particolari, facendo sì che la città si vestisse a nuovo non solo di arte, ma anche di quell’entusiasmo che è dettato in genere dai giovani che con la loro creatività spingono anche il semplice passante a voler interessarsi al “nuovo” ed al “bello”. Vogliamo sperare che questa voglia di cambiamento si concretizzi e diventi in futuro un lancio per un rinnovo materiale per quei luoghi, che nella nostra città rappresentano il degrado e l’abbandono… Noi vogliamo crederci. NEWS GIUGNO 2014 CATANZARO CITY MAGAZINE 9

[close]

p. 10

NEWS L’ Associazionismo per una solidarietà globale Questa è l’accorata raccomandazione di Papa Francesco di GIULIA PANZARELLA L’ indifferenza è uno dei mali più grandi che invade il corpo della nostra società. L’altro pericolo che avanza sempre di più verso le nostre comunità, sono il culto dei beni materiali e il denaro, che diventano il centro della vita, ci afferrano e ci rendono schiavi. Con Papa Francesco, Jorge Mario Bergoglio, ogni omelia diventa occasione di crescita spirituale e solidale nei confronti del prossimo. Ogni omelia diventa uno scrigno di cariche positive, una rinascita di commoventi emozioni interiori, un rinvigorimento del nostro credo, un incoraggiamento a migliorare, avvicinandoci a Dio, la nostra vita terrena. “La carità, la solidarietà, sono tesori bellissimi, e quando li hai, vuoi condi- viderli con gli altri”. Il Leo Club Catanzaro “Rupe Ventosa” si fa portatrice, tra i tanti, dell’ideale di vita che questo pensiero, espresso da Papa Francesco, racchiude. Ed in nome di questi “tesori bellissimi”, in nome dei valori che sostengono e per i quali promuovono importanti iniziative e donazioni, il Leo Club, ha partecipato all’udienza del Papa nel mercoledì della settimana santa a Roma, portando il saluto da parte della città di Catanzaro tutta. La raccomandazione del Santo Padre, il 16 Aprile scorso, ci ha “vestito” di conforto e sostegno, così da non perdere il senso cristiano e positivo della vita ed “è proprio nei momenti bui che non dobbiamo mascherare il nostro fallimento ma aprirci fiduciosi alla speranza in Dio, come ha fatto Gesù.” Piazza San Pietro, si è ritrovata ad accogliere migliaia di pellegrini provenienti da tutte le parti del mondo e a riempirsi di speciali e intimi consigli, che solo un dolce e attento Papa può donare.Papa Francesco, nel rivolgere un sincero appello ai giovani, ai novelli sposi, augurandosi che questi ultimi riempino le loro mura domestiche, di quella gioia vera che solo in Dio possono trovare, ha salutato tutti i pellegrini, i partecipanti al Congresso Univ per studenti universitari sull’ecologia della persona e del suo ambiente, promosso dalla prelatura dell’Opus Dei. Hanno ricevuto saluto tutte le Associazioni religiose, le numerose Associazioni umanitarie, la Comunità Romena in Italia, e tra le tante altre appunto, anche il lodevole “Leo Club “Rupe Ventosa”. Momento di ineguagliabile soddisfazione ed emozione per il Club, ma anche per noi cittadini. A volte, è importante che il nome della nostra città venga ricordato in momenti così significativi, anche per far rinascere quel senso sano di appartenenza. Vincenzo Aiello, il presidente del Club, ha espresso la volontà e il piacere nel partecipare a manifestazioni “speciali” come questa. “E’ importante per i giovani impe- 10 CATANZARO CITY MAGAZINE GIUGNO 2014

[close]

p. 11

gnati nel mondo dell’associazionismo, farsi ambasciatori di forti messaggi che predichino ideali di fratellanza e solidarietà tra i popoli.” “La Calabria, - continua il Presidente del Club - nel mese di Giugno avrà l’onore ed il sincero entusiasmante piacere di ospitare l’illustrissimo Papa Francesco, che verrà in visita alla diocesi guidata dal Segretario della Cei, Nunzio Galantino e noi ancora una volta saremo lì ad accoglierlo”. Il Segretario generale della Cei, tra- mite Radio Vaticana, intervistato da Amedeo Lomonaco, ha annunciato la presenza del Santo Padre, sabato 21 Giugno, nella piccola comunità di Cassano allo Jonio, in provincia di Cosenza. Questo viaggio verrà svolto in nome di una missione: “missione scusa”, così, dal Papa battezzata, tramite la quale, il Santo Padre, chiede “perdono” per aver sottratto il vescovo Galantino ai suoi fedeli, impegnandolo nell’incarico di Segretario Cei. “La presenza del Santo Padre, - ha commentato Galantino - è un segno forte e concreto della vicinanza del Signore a un territorio, il nostro, che sente forte il bisogno di essere “confermato nella fede” e recuperato in maniera sempre più forte a una vita degna di essere vissuta. Gli episodi che hanno recentemente insanguinato in maniera efferata il nostro territorio, l’ultimo, la morte violenta di padre Lazzaro, sono solo la spia eclatante di un disagio che attende risposte; e la nostra Chiesa non può limitarsi a contare vittime o a celebrare funerali. Una missione improntata nel chiedere perdono ai poveri, - continua Mons. Galantino - per averli, molto spesso, non sostenuti, lasciati soli e “senza voce”; ai giovani, per non aver dato sempre possibilità per realizzare i loro sogni”. Noi calabresi ed in particolare tutti i responsabili dell’Associazionismo, ricorda ancora il Presidente Aiello, “dobbiamo farci promotori di un ideale di territorio, che miri a fruttificare per il bene comune, partendo da noi stessi, dal nostro atteggiamento nei confronti dell’altro e di ciò che ci circonda, perché, come dice il Santo Padre: “L’odio, l’invidia e l’ingratitudine sporcano la vita”. NEWS GIUGNO 2014 CATANZARO CITY MAGAZINE 11

[close]

p. 12

L’evento, che sarà messo in scena nel mese di agosto è un vero e proprio colossal che prevede la ricostruzione a dimensioni reali dell’abbazia di Scolacium con spettacolari scenografie virtuali di GIUSEPPE PASSAFARO NEWS S Ex Antiquitate Novum i Chiamerà “Ex Antiquitate Novum” (musica danza parole scienza e tecnica) la XIV edizione di “Armonie d’Arte Festival”. Ancora una volta il grande parco archeologico di Scolacium di Borgia, consentirà l’ennesimo trionfo di Chiara Giordano, direttore artistico del festival che riesce sempre a stupire ed entusiasmare le migliaia di frequentatori del festival estivo. “In una regione dove nulla è scontato, il nostro Festival - ama dire la Giordano - è un contenitore di idee, di arte, cultura e bellezza. Nonostante le tante difficoltà con le quali inevitabilmente dobbiamo fare i conti.” L’edizione di quest’anno sarà particolarmente significativa in quanto il pubblico potrà godere di un’opera musical sulla storia del Sud ideata e prodotta dallo stesso festival: “l’ultima notte di Scolacium”, un vero e proprio colossal che prevede la ricostruzione a dimensioni reali dell’abbazia di Scolacium con spettacolari scenografie virtuali; un mix tra tradizione e innovazione, dove si incontreranno storia e modernità, arte e tecnologia, che sarà messo in scena nel mese di agosto. Un’idea nata alla stessa Giordano insieme al direttore del MIBAC Francesco Prosperetti, con la sceneggiatura del giornalista Francesco Brancatella e le musiche originali del Premio Oscar Nicola Piovani, tra gli attori Gerard Depardieu. L’evento è realizzato in collaborazione con il Ravenna Festival e vanta quindi un cast d’eccellenza.. “Dobbiamo far capire che nel passato c’è un insegnamento che deve diventare patrimonio dell’oggi, ha tenuto a precisare Fran- 12 CATANZARO CITY MAGAZINE GIUGNO 2014

[close]

p. 13

NEWS In queste foto, da sinistra, i ruderi della Basilica Normanna di S. Maria della Roccella, l’attore Geraed Depardieu ed infine, il musicista Nicola Piovani cesco Prosperetti, direttore generale del MIBAC ( ministero per i beni culturali e soprintendenza dei beni archeologici della Calabria), L’archeologia - afferma Prosperetti - è resa viva con il linguaggio moderno ed è quello che il Festival intende fare attraverso tutta la rassegna e in modo particolare attraverso la produzione “l’ultima notte di Scolacium.” Armonie d’Arte Festival, prende il via sabato 19 luglio, lo spettacolo più atteso è fissato per il dieci di agosto alle ore 22,00. Una produzione particolarissima, di sicura suggestione sotto il profilo spettacolare e narrativo e di grande interesse storico. Attra- verso le nuove tecnologie, nella magica cornice dello Scolacium, le ricostruzioni virtuali ed affidato all’occhio del visitatore la maestosa armonica compostezza e la bellezza silenziosa della “signora del Parco Scolacium”, l’abbazia che continua ad incantare tutti gli ospiti del festival. La vedremo ricostruita così com’era. La narrazione, affidata al grande attore Depardieu, oscilla tra la verità dei fatti ed una più libera interpretazione di quelle vicende e di quei personaggi lontani nel tempo. Un progetto storico di grande impatto che consentirà ala gente del sud di esprimere poesia ed energia, voluttà e volontà. Sotto le pietre del Parco inondato di ulivi sono sepolti non solo i corpi ma, anche i destini di uomini e donne di questa terra, in attesa però, di una nuova storia. GIUGNO 2014 CATANZARO CITY MAGAZINE 13

[close]

p. 14

N PROPO egli scorsi giorni la bella firma del Quotidiano della Calabria, Edvige Vitaliano, si è confrontata sui possibili sviluppi della Città di Catanzaro e del suo Territorio, nel momento più difficile (escluso quello del post – terremoto) che il capoluogo di Regione, sia dal punto di vista economico che dal punto di vista “politico - etico – morale”, ha forse mai dovuto affrontare. E, suggestionato da quanto di interessante scritto dalla giornalista, chiudo per un momento gli occhi e nella mente mi compare una splendida opera d’arte che, più di ogni altra, cattura la mia attenzione e la mia ammirazione ogni qualvolta passeggio nel Parco delle Biodiversità della Scuola Agraria: “L’ Uomo che misura le Nuvole” di Jan Fabre!!! Immagino l’Artista che, transitando da Catanzaro, decida di misurare le potenzialità della nostra Città racchiudendole in un’enorme nuvola che ha origine dal sottosuolo e raggiunge gli estremi confini del nostro Mar Ionio e della nostra splendida Sila, il tutto sovrastato dal meraviglioso cielo azzurro che per lunghi mesi illumina la nostra realtà cittadina. Ma sono sicuro che il cuore pulsante di questa nuvola anche il Maestro Jan Fabre non potrà che collocarlo nel Centro Storico della Città, Città che dovrà tornare ad essere quella che è stata nel passato: il luogo della Cultura, il luogo della Convivialità, il luogo delle Professioni, il luogo del Commercio, il luogo della Piccola Imprenditoria, senza le quali né la ricchezze marine né quelle montane potranno mai portare alcun benessere economico. E per raggiungere questo obiettivo di rivitalizzazione del Centro Storico sarà necessario ed imprescindibile il coinvolgimento di tutte le Associazioni di categoria e degli Ordini Professionali. La nostra Amministrazione Comunale dovrà, perciò, farsi promotrice, assieme a tutti gli altri soggetti pubblici e Catanzaro una città senza confini 14 CATANZARO CITY MAGAZINE GIUGNO 2014

[close]

p. 15

L’artista Jan Fabre, misurava forse la nuvola di Catanzaro? Verso il mare, verso la montagna ma il suo cuore resta il centro storico di PAOLO STANIZZI privati, dello studio di soluzioni innovative per la rigenerazione del contesto edilizio degradato nell’ area del Centro Storico, secondo la visione strategica integrata di cui al modello Smart City and Smart Communities seguito oggi da tante Città Europee.La volontà di estendere il processo di rivitalizzazione alle aree del centro storico dovrà essere un obiettivo della nostra Amministrazione Comunale, obiettivo che non potrà essere raggiunto senza un effettivo coinvolgimento di tutte le parti attive che insistono nel tessuto sociale, economico e professionale di Catanzaro.In questo senso l’Ente comunale dovrà presentarsi quale soggetto promotore attorno al quale poter coagulare energie, idee e buoni propositi provenienti dai vari soggetti che a diverso titolo possano risultare direttamente interessati ad affrontare le problematiche relative a tali contesti. Ed allora, pur non essendo un tecnico di urbanistica ma un orgoglioso Amante di questa Città, anch’ io sento il dovere di dare il mio piccolo e modesto suggerimento ai nostri Amministratori. Innanzitutto, e mi riallaccio a quanto già scritto su questo quotidiano lo scorso 14 novembre 2013, dovrà aprire un costruttivo dialogo con l’ “Università Magna Graecia” di Catanzaro e far tornare la Facoltà di Giurisprudenza nel Centro Storico di Catanzaro: ciò al fine di creare una continua sinergia tra gli studenti universitari ed i loro futuri luoghi di lavoro, tutti situati nell’area urbana. E poi: PROPO 1. Rivitalizzazione dell’ area commerciale ex Standa di Piazza Matteotti e della Galleria Mancuso, quest’ultima, oggi semplice corridoio di transito tra le vie laterali ed il Corso Mazzini. Qui, i nostri Amministratori dovranno veramente impegnarsi a costruire un dialogo costruttivo tra le Proprietà ed i potenziali fruitori dei locali.Stop ad esosi (ma non onorabili) canoni di locazione ma canoni adeguati tempo per tempo ai risultati economici raggiunti dalle singole attività economiche; coinvolgimento di più e qualificati imprenditori interessati alla fruizione, all’interno delle grandi superfici,di limitati spazi commerciali sul modello aereoportuale. 2. Realizzazione del parcheggio multipiano all’interno della rotatoria “Architetto Gualtieri” per soddisfare le richieste di parcheggio di chi vorrà vivere il Centro Storico. 3. Apertura e riapertura di centri di aggregazione culturali, fruibili da tutti i cittadini, quale ad esempio il Museo del Rock, già ospitato nei vecchi edifici della STAC, nato dalla gratuita iniziativa di veri Amanti della Città di Catanzaro come Piergiorgio Caruso, Giampiero Ferro, Rino Amato, Antonio Ludovico, Geppi Panella ed altri. anche alla patrimonalizzazione di tutti gli investimenti in questi anni effettuati nel settore culturale- Marca, Museo del San Giovanni, MUSMI, Parco delle BiodiversitàForse solo così nascerà quella nuvola ipotizzata dal Maestro Fabre: ma sarà una nuvola strana che potrebbe portare non un diluvio ma uno splendido Sole sulla nostra Città di Catanzaro. 4. Da ultimo, grande operazione di marketing turistico finalizzato GIUGNO 2014 CATANZARO CITY MAGAZINE 15

[close]

Comments

no comments yet