Mobilex - Normative e certificati prodotti

 

Embed or link this publication

Description

Mobilex - Normative e certificati prodotti

Popular Pages


p. 1

CERTIFICAZIONI CERTIFICATIONS UNI EN 1335 DLgs 81 UNI EN 13761 EN 15373 UNI EN 1728 1 IM UNI EN ISO 16000-9 TONICA MEMO BASIC MEMO SOFT T.ONE BLUES RYTHMO NEW AGE FOCUS ELECTA VOGUE TIFFANY MODIA DE LUXE XALTO ALOHA FLYING SMARTY SKY CHICA BEL PEPITA PER CHARME VERVE ENJOY RAP SPATIO B-WING FESTIVAL

[close]

p. 2

NORMATIVE E CERTIFICAZIONI 1 SEDUTE GIREVOLI DA LAVORO PER UFFICIO – UNI EN 1335-1 (tipo A-B-C) – Parte 1a - dimensioni e determinazione delle dimensioni – UNI EN 1335-2 – Prte 2a - requisiti di sicurezza – UNI EN 1335-3 – Parte 3a - metodi di prova per la sicurezza Obiettivo Sicurezza e Salute: le condizioni di lavoro e la protezione delle persone che lavorano in ufficio, devono tener conto dei principi ergonomici e dei requisiti minimi prestazionali e di sicurezza. N.B. Non è valida la presentazione “separata” di certificati di materiali anche se ignifughi classe 1 (es. imbottitura e rivestimento). E’ valida solo quando i 2 materiali (es.imbottitura e rivestimento) sono sottoposti alla prova in forma “congiunta e accoppiata”. 4 SEDUTE IMBOTTITE NON DOMESTICHE Tipo A o B sedute girevoli per operatori “videoterminalisti” con ruoli impiegatizi, e una attività prevalente dell’utente seduto superiore a 20 ore settimnali al VDT. Tipo C Sedute girevoli per operatori “non videoterminalisti” con ruoli direttivi e con una attività al VDT inferiore a 20 ore settimanali. D.Lgs 81/08 (ex 626) La conformità alle prescrizioni del D.Lgs 81/08 per videoterminalisti, è garantita dai prodotti che soddisfino i requisiti delle norme UNI EN 1335 per le sedute di tipo A o B con supporto schienale regolabile. Prescrizione di legge: il sedile di lavoro deve essere stabile, permettere all’utilizzatore una certa libertà di movimento e una posizione comoda. I sedili debbono avere altezza regolabile. Il loro schienale deve essere regolabile in altezza e in inclinazione. – EN 15373 – Resistenza – Durabilità – Sicurezza La nuova normativa Europea prevede 3 livelli (1-Leggero, 2-Generale. 3-Severo) con una severità di prova in relazione agli utilizzi. Il livello 2 (tipo di uso generale) è indicata per sedute che hanno un uso collettivo rivolto a: Hotel, Caffetterie, Ristoranti, Sale pubbliche, Banche, Bar, Sale per riunioni. N.B. Per questi ambiti il cliente richiede frequentemente che, oltre alla citata certificazione EN 15373 (o alla paritetica UNI EN 13761) venga presentata l’Omologazione 1IM. 5 RIVESTIMENTI IN TESSUTO É buona norma che le parti rivestite in tessuto delle sedute rispondano a dei requisiti(ritenuti) minimi e garantiscano “resistenza”, “durabilità” e “immutabilità” nel tempo. – Resistenza all’abrasione (sistema Martindale) >25.000 cicli (più cicli significano maggior resistenza e durabilità) > 5 indice della scala dei blu (indice più alto significa maggior solidità alla luce). Grado 4 è appena accettabile. (grado più alto significa maggior resistenza al pilling e una minor formazione di palline. Ignifugo classe 1 (grado ottimale di reazione al fuoco) 2 SEDUTE PER VISITATORE E RIUNIONI – UNI EN 13761 – dimensioni e requisiti di sicurezza Sono sedute generalmente fisse (o girevoli ma solo UNI EN 1335 tipo A-B-C) utilizzate nell’ambiente d’ufficio in aggiunta alle sedie da lavoro. La sedia visitatore è utilizzata per riunioni o consultazioni così come per leggere, scrivere, parlare, ascoltare o per aspettare. – UNI EN 1728 – determinazione della resistenza e della durabilità. E’ una prova per verificare la solidità delle strutture di ogni tipo di seduta indipendente, per interno(anche di uso collettivo), a prescindere dai materiali, dalla costruzione o dai processi di fabbricazione. – Resistenza alla luce (sistema Xenotest) – Resistenza al pilling – Partecipazione alla combustione 3 REAZIONE AL FUOCO Viene definito così “il grado di partecipazione di un materiale ad un fuoco al quale è sottoposto”. La suddivisione prevede le seguenti classi: 0-1-2-3-4-5. Quelli della classe 0 sono i “non combustibili” (es.metalli). Tutte le altre classi sono riferite a materiali “combustibili” (es. legno). La classe 1 è la migliore. Le sedie imbottite, invece, sono divise in: 1IM, 2IM o 3IM. Negli uffici, il D.M. 22/2/2006 impone l’utilizzo della classe 1IM. Omologazione 1IM Per i mobili imbottiti, e in determinati ambiti, sussiste l’obbligo di fornire prodotti di classe 1IM omologati dal Ministero dell’Interno. La classificazione 1IM, assegnata dal Ministero dell’Interno a materiali combustibili, prevede per i soli mobili imbottiti, che la prova di “reazione al fuoco” sia effettuata con imbottitura in forma “congiunta”. 6 INQUINAMENTO DELL’ARIA IN AMBIENTI INTERNI – UNI EN ISO 16000-9 – determinazione delle emissioni inquinanti nell’aria. La normativa, detta anche VOC o COV, prevede una serie di prove per misurare l’emissione nell’aria delle sostanze volatili inquinanti in ambienti interni. VOC deriva da “Volatile Organic Compounds”. Il certificato ottenuto non è altro che il superamento della prova con la determinazione delle emissioni di componenti organici volatili emanati da prodotti da costruzione o da prodotti di finitura.

[close]

Comments

no comments yet