Gennaio 2011

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

distribuzione gratuita giornale di quartiere anno 4 numero 35 ­ gennaio 2011 il problema e non solo quando nevica e la sua soluzione i cittadini ogni mattina si organizzano per arrivare in tempo al lavoro nel xix municipio in attesa di decisioni sulla immobilità,

[close]

p. 2

sommario gennaio 2011 1 3 4 rubriche 5 6 7 8 9 13 il problema e la sua soluzione croce rossa torresina roma come londra natale la magia di una notte senza fine una bella lezione porco rosso apertura edificio commerciale in via andersen sicurezza e risparmio torresina un coro nell anima del quartiere addio al gigante buono regalo per un bambino 7 7 10 11 11 14 14 15 19 dicembre a torresina la curiosità del picchio le dediche dai lettori intervista a dr antonio posarelli news dal comitato di quartiere torresina le perle di zia pina dopo la lettura il picchio ti invita a gettare il giornale negli appositi cassonetti per la carta perché il picchio è a favore della raccolta differenziata dove posso trovare ogni mese la mia copia de ll picchio di torresina tutti i negozi e gli studi professio co borromeo 67 nali di torresina biblioteca casa del parco e going tutti gli inserzionisti esterni informagiovani di via della pineta le edicole via torrevecchia 87 sacchetti 78 242-633 centro anziani torrevecchia alcuni negozi di via pietro maffi monte mario-primavalle alcuni negozi di via torrevecchia ama di torrevecchia santa maria della pietà e largo arturo donaggio le edicole di via pietro maffi ·uffici circoscrizionali pad 29-30alcuni negozi di via andersen 31 municipio 19° di via mattia batti ·padiglioni 13 26 e 32 stini ·centro antea atletica monte xix gruppo vvuu via f borromeo mario la biblioteca basaglia via federi scuola di via andersen anno 4 numero 35 gennaio 2011 reg tribunale di roma n 559 del 17 dicembre 2007 sede viale indro montanelli 20 00168 roma ilpicchioditorresina@yahoo.it editore associazione o.n.l.u.s noi di torresina viale indro montanelli 20 00168 roma cellulari 3338029862 3396531743 direttore responsabile jean-luc giorda capo redattore stefania giannetto in redazione marcella speranza emanuela monego daniela moretti aurelia colarossi cinzia pezzola antonio picciau antonella salerno pierfederico poli progetto grafico redazionale luigi spagnoletti roberto delle case gloria bucchèri hanno collaborato a questo numero il comitato di quartiere torresina antonio di siero antonio giustiniani fattino tedeschi gian tonino ianitusi leonardo d inganna paolo alfonsini giordano parmeggiani pina ladogana stampato presso tipografia river press group s.r.l via menalca 30 tel fax 062294420 062295925 e-mail rpg@mclink.it l associazione noi di torresina ringrazia tutti coloro che con le loro donazioni ci permettono di pubblicare il picchio questo numero è stato chiuso in redazione il 29/12/2010 invitiamo tutti i lettori che vogliono scrivere articoli poesie dediche o che vogliono raccontare momenti di vita lagnandosi o ringraziando ad inviarci i loro elaborati presso ilpicchioditorresina@yahoo.it oppure lasciando i loro scritti dal giocattolaio nuvoloni via pietro maffi 28/32 da roberto il tabaccaio di viale i montanelli o all edicola vidi di viale montanelli gli scritti dovranno essere accompagnati dalla firma dell autore che potrà scegliere di non essere citato sul giornale ma apparire solo con le iniziali o un nomignolo e un recapito telefonico 2

[close]

p. 3

antonio giustiniani capogruppo donatori di sangue torresina s.faustina croce rossa torresina a torresina dicembre sarà ricordato come il mese della croce rossa non parliamo di quella struttura verticistica fumosa e commissariata recentemente finita sotto i riflettori della trasmissione televisiva report ma delle sue componenti vitali composte da decine di migliaia di volontari che onorano l uniforme che indossa nonostante tutto a tutti loro va il nostro più sentito ringraziamento sabato 11 dicembre la task force del referente nazionale e internazionale per le manovre di disostruzione e rianimazione cardiopolmonare pediatrica dott marco squicciarini ha tenuto una lezione interattiva gratuita sulle manovre di disostruzione pediatrica all interno del centro commerciale torresina come salvare la vita ad un bambino o neonato con le vie aeree ostruite da cibo o altro davanti ad un pubblico di un centinaio di persone sono state proiettate le slide del corso effettuate simulazioni col rilascio di attestato di partecipazione in dono ad ogni partecipante un dvd con filmati salva bimbi ed un manualetto più della metà dei partecipanti erano persone che lavorano coi bambini gli altri erano genitori e nonni attenti alla salute dei propri bambini pronti a diventare dei moltiplicatori delle pratiche di salvataggio dei fanciulli un risultato meraviglioso massiccia la presenza dello staff che gestisce il nidoludoteca jasmine all interno del centro commerciale torresina sotto tono la presenza di insegnanti e collaboratori delle altre strutture che operano nella zona ma noi da bravi moltiplicatori organizzeremo un nuovo incontro per coinvolgerli di più e soddisfare la domanda di partecipazione già una ventina gli interessati al prossimo corso quasi certo che la data sarà tra fine febbraio ed inizio marzo il luogo è ancora da stabilire sabato 18 dicembre è nato ufficialmente il gruppo donatori di sangue torresina santa faustina in una regione perennemente carente di sangue comitato di quartiere e parrocchia coordinati dal comitato provinciale della croce rossa hanno organizzato questo appello alla solidarietà un evento davvero storico per l intera zona all invito alla donazione hanno risposto quasi una trentina di persone che hanno resistito sia alla nevicata del giorno prima sia alle attese ed ai moduli da compilare il giorno della donazione questi anonimi eroi moderni sono per metà uomini e metà donne con un importante contributo di cittadini extracomunitari grande soddisfazione è stata espressa dai responsabili provinciali della croce rossa e dalla equipe medica dell ospedale s.filippo neri non era ancora finita questa prima donazione che già si stavano scaldando i motori per la prossima probabilmente alla fine di maggio gli obiettivi sono soltanto due preziosi e quasi irraggiungibili contribuire all autosufficienza di sangue nella regione lazio diffondere la solidarietà tra le persone di tutta la zona ringrazio a nome di tutti sia i donatori sia chi ha provato ad esserlo ma non ha potuto donare ci vediamo al prossimo appuntamento per essere dalla parte della soluzione e non del problema sangue nella nostra amata città 3

[close]

p. 4

n questo mese natalizio in cui siamo tutti più buoni si assiste a scontri continui in piazza tra studenti e poliziotti sia a roma che a londra cerchiamo di capire quali sono le dinamiche principali del nostro paese la riforma gelmini per l italia ha come obiettivo quello di permettere un università più competitiva e agile ma secondo alcuni sicuramente la moltitudine a vedere la gente scesa a manifestare per strada meno meritocratica perche iniziamo con lo spiegare di cosa tratta questa riforma tagli tagli dei finanziamenti agli atenei del 20 in 5 anni trasformazione trasformazione degli atenei da enti pubblici a fondazioni private turn-over blocco del turn-over al 20 quindi su 10 pensionati solo due nuovi assunti tutto ciò a cosa porterà i tagli quindi i minori finanziamenti porteranno ad una più bassa qualità didattica e minore capacità di ricerca spingendo le università a cercare di finanziarsi trasformandosi in fondazioni ciò determina il venir meno del limite di tasse che le università possono imporre e inoltre la possibilità di finanziamento da parte di multinazionali che indirizzerebbero la ricerca esclusivamente sui settori di loro interesse 4 i roma come londra di pierfederico poli quindi potrebbero venirsi a creare strutture universitarie con 12.000 euro di retta e altre da 2.000 euro l anno quindi università di serie a e università di serie b in base non al merito bensì al patrimonio ma il diritto allo studio non dovrebbe essere al di là del censo il blocco del turn-over porterà in pochi anni alla chiusura di numerosi corsi di laurea per l impossibilità di sostituire i docenti con i nuovi ricercatori che continueranno a rimanere nella precarietà beh meglio così tanto gli studenti saranno di meno sono ovviamente ironico ma londra come sta a londra il problema è simile e rappresenta forse lo stadio avanzato della situazione italiana si passa infatti da 3290 sterline di tasse all anno a 9000 sterline circa 10 mila euro e quindi anche in questo caso i favoriti diventeranno i più ricchi e non i migliori giovani che non potranno permettersi di andare all università se non indebitandosi fino al collo una misura di ingiusta distribuzione sociale senza precedenti in cui si chiede un esborso economico eccessivo non a chi possiede un reddito elevato ma a tutti a prescindere dalle condizioni di reddito e solo alle giovani generazioni escludendole di fatto dal sistema educativo pubblico ciò comporterà inevitabilmente la fermata del mobilismo sociale infatti se i figli della working class faticano già a reggere il ritmo la competizione per accedere agli studi migliori dopo la riforma sarà impossibile cerchiamo di evitare che ciò accada

[close]

p. 5

a cura della redazione 19 dicembre a torresina foto autorizzata onostante il freddo pungente e la pioggerellina che non invitava ad uscire da casa anche quest anno babbo natale è tornato a torresina tanti bambini emozionati ansiosi di avere il regalo dalle mani del fantastico babbo e tanti genitori coinvolti dalla gioia dei figli un babbo natale grande grosso e allegro dopo aver distribuito i doni ai più piccoli ha premiato i tre balconi meglio illuminati scelti con la collaborazione di massimo e la vetrina più simpatica idea proposta da tiziana l evento organizzato dall associazione noi di torresina ha avuto come collaboratori molti cittadini e negozianti roberto della tabaccheria che per molti giorni ha ricevuto le letterine e i doni da distribuire ai bambini il direttore di doc superstore che ha offerto i buoni spesa da regalare ai proprietari dei balconi meglio illuminati maurizio del primo bar che offerto bevande calde molto apprezzate antonio che ha preparato la pergamena per la migliore vetrina la famiglia trancalini che ha fornito l energia elettrica per le luci e la musica remo e giacomo che hanno collaborato all allestimento e poi proprio lui roberto jacobazzi un maestoso e simpatico babbo natale affiancato dall aiutante francesca foto autorizzata n grazie a tutti loro e arrivederci all anno prossimo foto autorizzata 5 foto autorizzata

[close]

p. 6

di emanuela monego a zonzo fra le bancarelle del mercato di boccea del titolare e dell indicazione mercato via urbano ii roma oltre ai commercianti fissi ci sono gli ambulanti che si spostano fra mercati diversi a rotazione e ricompaiono qui ad intervalli regolari sono soprattutto extracomunitari con merci non alimentari e per la maggior parte hanno ottenuto permessi ufficiali per la loro attività anche se lamentano i venditori regolari spesso dietro un unico esercente con licenza ne lavorano altri irregolari o abusivi e talvolta occupano con i furgoni spazi pedonali che dovrebbero essere lasciati liberi nessun veicolo infatti dovrebbe stazionare all interno del mercato non immaginiamo folli guadagni dietro l attività di queste persone pochi vendono e solo in parte ortaggi e frutta di produzione propria i più comprano la merce ai mercati generali percorrendo decine di chilometri quando è ancora notte ed aggiungendo al costo della merce quello della benzina devono poi pagare anche l affitto dei magazzini dove alla fine dell orario di mercato viene riposta la merce avanzata in buone condizioni in attesa del giorno dopo insomma dietro le bancarelle variopinte ci sono tanti sacrifici ed una grande fatica soprattutto nel periodo invernale con il disagio evidente di trascorrere ore ed ore praticamente fermi in piedi e al freddo se paragonato ai grandi supermercati riscaldati lucenti e dotati di ogni confort questo tipo di commercio può apparire a molti ormai anacronistico nella realtà il mercato rionale è una preziosa eredità da tutelare non solo per i prezzi minimi e la freschezza della merce ma anche perché offre specialmente ai curiosi delle incredibili sorprese conoscete i cavoli-rapa o le rape lunghe a forma di carota per non parlare delle zucche di ogni forma colore e dimensione delle zucchine siciliane lunghe mezzo metro o di quelle rotonde come palline e spinose delle patate rosse e di quelle dolci dei cavoli viola e delle verze lunghe dei melograni e delle erbette più variate e sfiziose per le più incredibili insalate il tutto concentrato in poche decine di metri a portata di ogni mano e di ogni tasca d ifficile non odiarlo quando sgusciati via a fatica dal traffico di piazza giureconsulti ci blocchiamo di nuovo in coda per scavalcare furgoni evitare pedoni carichi e distratti e rispettare i lunghi tempi di salita e discesa passeggeri dagli autobus in corrispondenza del mercato rionale che si allunga dall incrocio fra via di boccea e via urbano ii fino a via paracciani difficile non adorarlo quando senza macchina e senza fretta ci avventuriamo fra le sue bancarelle incuriositi dalle mille occasioni e dai prezzi più che strepitosi invece di definirle bancarelle sarebbe appropriato parlare di botteghe all aperto fornitissime non solo di frutta e verdura di pane e pizza di uova carne pesce salumi formaggi e di tutti i prodotti gastronomici che ci servono ordinariamente ma anche di borse scarpe capi di abbigliamento nuovi ed usati articoli di merceria e profumeria piante e fiori biancheria per la casa per non parlare poi dei tantissimi negozi e negozietti alcuni ormai rari e per questo ancor più preziosi ugualmente convenienti che spalancano le porte al pianterreno dei palazzi in tutto l isolato il gruppo più nutrito fra i commercianti del mercato di boccea è sicuramente quello dei fruttivendoli alcuni di loro sono veri e propri veterani c è chi sta lì da vent anni chi da ancora di più ci dicono che il mercato esiste da 50 forse 60 anni anzi c era prima ancora che fossero costruiti i palazzi risale cioè agli albori del vero e proprio quartiere sono tutti autorizzati dal comune di roma che ha concesso loro regolare licenza di vendita con un posto fisso assegnato ad ogni esercizio e delimitato con precisi segni a terra per lo spazio occupato ciascun venditore fisso paga un affitto variabile in base alle dimensioni della bancarella un box standard di m.4 per 4 costa attualmente intorno ai 200 euro a trimestre e il comune si riserva di esercitare regolari controlli imponendo anche di esporre in modo evidente i prezzi al chilo dei generi venduti inoltre le bancarelle come tutti gli esercizi commerciali sono dotate di registratori di cassa ed emettono regolare scontrino completo di nome 6

[close]

p. 7

una bella lezione una mattina uggiosa condita da scrosci di pioggia intermittenti in macchina in fila lungo via cornelia a montespaccato ed ecco che ci sorpassate con piglio sicuro tu e tuo padre tuo padre è seduto in carrozzina la fa correre spingendo di polso sulle cornici cromate delle ruote lo sguardo fiero dell uomo che non si piange addosso che prende la vita per il collo e la trascina con sé comunque tu sei in piedi sul predellino posteriore della carrozzella lo zainetto in spalla e le braccine avvinghiate al collo di tuo padre e te lo baci tuo padre e te lo accarezzi mentre ti porta sicuramente a scuola piove ma non vi interessa tuo padre ha in testa un cappello da muratore tu sei contenuto appena in un impermeabilino che forse ti andava bene qualche tempo fa sorpasso dopo sorpasso ora siete spariti in fondo alla strada ed io a ben riflettere in questa mattina uggiosa ho ricevuto da voi due una bella lezione di coraggio e d amore di fattino tedeschi natale la magia di una notte senza fine le stelle la luna una notte quasi insonne di attesa di meraviglia il treno arranca nel buio freddo il rumore come un dolce frammento di musica sferraglia a tratti si ferma alle stazioni riparte lento scompare fra le ombre al suo arrivo il paese è come un presepe è quasi l alba in un futuro di luce la salvezza dell uomo le dediche dei nostri lettori chi avrebbe immaginato che a soli 22 anni ti saresti laureata con 110 e lode in tecnica della riabilitazione psichiatrica che immensa soddisfazione auguri sara da mamma diomira papà corrado e andrea a mamma e nonna marcella tantissimi auguri di buon compleanno da enrico tiziana simone mara angelo e lorenzo il 2 gennaio del 1.94 e nata una stella che ancora oggi brilla buon compleanno ti amo tanto tony per cinzia come una castagna stai chiusa nel riccio sappiamo che dentro c è tanta dolcezza noi vogliamo assaporarla auguri per il tuo compleanno sia pieno di stelle la famiglia del picchio leonardo d ingianna 7

[close]

p. 8

di marcella speranza consigliere del pd membro della commissione mobilità municipio 19 intervista al dr antonio posarelli l traffico nel nostro territorio è ormai fuori controllo le auto si moltiplicano le strade molte sono disastrate non sono diverse da quelle di 40-50 anni fa a torrevecchia l unico miglioramento fatto è l eliminazione del passaggio a livello tutto il resto è rimasto invariato tutti ne risentono noi che abitiamo a torresina rischiamo ogni giorno di rimanere sequestrati nel nostro quartiere i do che gli abitanti di torresina che affacciano sul parco condividano totalmente questo ragionamento d ­ della torrevecchia bis che sembrava la panacea a tutti i guai del traffico cosa si sa sappiamo che sono iniziati gli espropri ma che ci sono delle difficoltà arriverà fino alla boccea o si attesterà a via valle dei fontanili aggravando ancora di più la situazione quanto dovremo aspettare r ­ la cosiddetta torrevecchia bis dovrebbe collegare direttamente la zona di monte mario a via boccea esiste un progetto che ci risulta essere finanziato che prevede la realizzazione del primo tratto dell arteria stradale da via s vinci a via valle dei fontanili l iter è però ancora lungo e complesso se non ci saranno imprevisti i lavori potranno cominciare nel 2012 e dovrebbero durare circa 14 mesi faccio queste previsioni dopo aver parlato con i tecnici del comune e però evidente che se ci si limitasse a questo tratto senza prevedere il completamento dell opera fino a via boccea i benefici per la mobilità di zona sarebbero piuttosto ridotti il rimanente tratto è una delle opere previste dalla cittadella dello sport questo programma di intervento urbanistico adottato con delibera comunale nel 2006 sta seguendo l iter previsto negli uffici di comune e regione seguirà forse tra un paio d anni la firma di una convenzione tra comune e proprietari delle aree in cui saranno fissati impegni e modalità di realizzazione di tutte le opere previste le disponibilità finanziarie del momento sia della parte pubblica che di quella privata non consentono purtroppo alcun ottimismo una situazione complessa di cui è difficile prevedere i futuri sviluppi d per rendere meno caotica la circolazione cosa si prevede di fare a breve termine che accoglienza hanno avuto i suggerimenti che i comitati di quartiere e le organizzazioni del territorio hanno proposto piccole modifiche da fare subito per alleggerire il traffico r ­ il mio giudizio è preoccupato e severo la situazione del traffico è peggiorata ma comune e municipio non intervengono la grave situazione di torrevecchia va invece affrontata e con il contributo della polizia municipale e dei tecnici del comune vanno studiati alcuni provvedimenti da sperimentare sul campo non si parte da zero perché alcuni comitati ed associazioni hanno avanzato già parecchi mesi fa proposte scritte che giacciono in municipio senza aver trovato ancora nessuna risposta qualche vantaggio sarebbe derivato anche a chi proviene da torresina da modifiche dello schema di circolazione su via tebaldi e strade limitrofe per rendere più scorrevole e sicuro il traffico in quella zona queste modifiche volute da associazioni e comitati di cittadini sono state approvate in consiglio municipale il 15 febbraio ma ancora non sono state attuate una d ­ altro sgravio per il traffico è il prolungamento della chiara manifestazione di incapacità ed impotenza da parte metro fino a torrevecchia si favoleggia ormai da alcuni del municipio anni per veder realizzata questa opera realisticamente d ­ gli abitanti di torresina hanno una sola strada che li quanto tempo dovrà passare collega col resto della città via torresina via valle dei r ­ anche qui i problemi non mancano i tecnici hanno confontanili credo che nessuno che si trovi per quella strada cluso la fase progettuale per il collegamento da battistini a la mattina per andare al lavoro o a scuola riesca ad esse torrevecchia ed attualmente stanno lavorando ad una sture indulgente con l immobilismo degli amministratori dio di fattibilità per un ulteriore prolungamento fino a casaresponsabili dell imbottigliamento che sono costretti a lotti si vuole innanzi tutto capire se la consistenza numerica subire ora che verranno consegnate le case di via del po della futura utenza per questo nuovo tratto giustifichi la dere fiume gennaio 2011 che succederà cosa si preve scelta della metro che prevede costi elevatissimi o quella de di fare della creazione di nuovi collegamenti di superficie va poi r ­ effettivamente la situazione diverrà per voi nei prossimi ricordato che il comune ha deciso che qualsiasi prolungamesi ancora più critica per questo bisogna intervenire co mento delle linee metro sarà realizzato a roma in projet me dicevo per decongestionare torrevecchia e per garan financing un sistema che sollecita l intervento di capitali di tire collegamenti alternativi verso via boccea e la zona di s privati garantendo loro in cambio la gestione diretta dei maria della pietà che evitino di percorrere quella arteria servizi o nuove concessioni edilizie collegate all opera stradale la torrevecchia-bis potrà svolgere questo ruolo d ­ per un servizio pubblico più utile è previsto un piano d ­ si era parlato della trionfale bis può spiegarci il percorso previsto e perché non se ne sente più parlare non era un opera già finanziata r ­ il completamento dell allargamento della via trionfale da via chiarugi fino al g.r.a è assolutamente indispensabile esiste già un progetto preparato dai tecnici del comune nel 2007 e finanziato dal governo dell epoca purtroppo l amministrazione alemanno pur mantenendolo sulla carta lo ha definanziato quasi completamente siamo così tornati in alto mare voglio ricordare che quel progetto aveva anche il pregio di collegare la via casal del marmo con via trionfale senza attraversare ottavia e senza violare i confini dell area verde di casal del marmo quella superficie di circa 400 ettari tutelata dal nuovo piano regolatore che l ha destinata a parco agricolo urbano è un enorme valore ambientale per tutto il territorio e va difesa ad ogni costo cre di ristrutturazione delle linee degli autobus più efficiente e più adatto alle esigenze degli utenti r ­ c è la necessità di disincentivare l uso della macchina offrendo servizi di trasporto alternativi efficienti a partire da chi li potrebbe usare quotidianamente per raggiungere il lavoro o la scuola mi pare che atac ed il trasporto pubblico stiano invece vivendo un periodo di estrema difficoltà se abitassi a torresina punterei tutto su un buon funzionamento del 46 la scelta di farlo transitare dentro le case popolari di torrevecchia allunga i tempi di percorrenza e ne dirada le corse un errore che penalizza chi parte da torresina la cattiva gestione ed il progressivo peggioramento del grave deficit di atac hanno frenato i progetti per una razionalizzazione della rete autobus sul territorio una proposta di miglioramento del servizio fatta dai tecnici che su molti punti coincideva con quelle fatte dai cittadini è stata stralciata dal 8

[close]

p. 9

piano del traffico del municipio 19 approvato dalla giunta comunale nel novembre scorso bisogna quindi ricominciare già parecchi mesi fa un associazione di cittadini ha depositato in municipio una proposta organica di revisione delle linee dalla quale si può partire verificandone analisi e soluzioni sono però necessari maggiore capacità ed impegno su tutti i temi della mobilità da parte di comune e municipio.vi ringrazio per lo spazio che mi avete concesso e rimango a disposizione per qualsiasi confronto ed approfondimento in municipio o nel vostro quartiere sono io che la ringrazio per le informazioni che ha voluto darci.purtroppo lungaggini burocratiche difficoltà economiche e una certa superficialità nell affrontare i problemi ci costringeranno a fare la coda smoccolando ancora per un bel po news dal comitato di quartiere torresina illuminazione di via della valle dei fontanili all alba di sabato 16 ottobre 2008 veniva investito un uomo mentre attraversava la strada senza luce di via della valle dei fontanili in seguito a questo episodio si mobilitarono i comitati di zona e raccolsero le firme per avere l illuminazione nei mesi successivi la strada venne asfaltata furono rifatte le strisce pedonali e furono potati gli alberi che coprivano le poche fonti di luce presenti nelle vicinanze ma il fatto che via della valle dei fontanili sia stata asfaltata e sia priva di buche ha peggiorato la situazione di chi l attraversa poiché moto e automobili la percorrono a velocità più elevata aggravando il pericolo per i pedoni avvolti dall oscurità la sera del 22 dicembre la strada è stata illuminata per la prima volta dai lampioni dell acea si ringrazia l assessore ai lavori pubblici del comune di roma fabrizio ghera per aver mantenuto l impegno preso coi comitati di torresina e quartaccio e le migliaia di cittadini che hanno firmato nel 2008 la petizione per illuminare quel tratto di strada di via della valle dei fontanili in ricordo di chi lì ha perso la vita e per chi l attraversa tutti i giorni lavori parco a gennaio si concluderanno i lavori acea per l allaccio di luce ed acqua all interno del parco la conclusione dei lavori per il parco salvo imprevisti è prevista per i primi mesi del 2011 piantumazione alberi a torresina quercia secca e vecchio albero monumentale il comitato di quartiere ringrazia l on fabio de lillo assessore all ambiente del comune di roma ed il responsabile di zona dell ufficio giardini per aver destinato al nostro quartiere 50 alberelli rimasti inutilizzati in occasione della festa dell albero dello scorso 21 novembre siamo felici che de lillo abbia ripristinato la festa dell albero una magnifica opportunità per educare i bambini della città all amore ed al rispetto per la natura un ringraziamento anche agli amici armando e roberto che hanno provveduto a fissare dei sostegni a tutti gli alberelli piantati vorremmo festeggiare l arrivo degli alberelli insieme ad un altro importantissimo evento l ufficializzazione dell individuazione di un vecchio e rarissimo albero monumentale a torresina su quest ultima informazione tornerà il bravissimo diego d angeli suo individuatore vorremmo infine rivolgere un affettuoso saluto alla vecchia quercia all inizio delle abitazioni di via paolo rosi che ormai secca è stata tagliata dall ufficio giardini che ringraziamo ludoteca jasmine che ha dimostrato una grande sensibilità sull argomento si sperava in un affluenza maggiore degli insegnanti provenienti dalle altre scuole della zona.il corso a grande richiesta sarà replicato verso la fine di febbraio la data dell appuntamento sarà fissata in base alla disponibilità dei volontari della croce rossa e dei pionieri questi ultimi a causa di un imprevisto dell ultima ora non hanno potuto presenziare all incontro di sabato 11 dicembre un grande ringraziamento va a vincenza e marcella che si sono occupate dei bambini dei genitori che hanno partecipato al corso al termine dell incontro sono stati raccolti 230 euro libere donazioni dei partecipanti la somma non è sufficiente all acquisto né di un manichino per fare altri corsi di rianimazione né di un defibrillatore quindi in accordo coi volontari della croce rossa sarà accantonata fino al prossimo incontro donazione sangue sabato 18 dicembre si è costituito il gruppo donatori sangue torresina santa faustina della croce rossa italiana a darne il lieto annuncio è stato il capogruppo antonio giustiniani insieme ai due vice sergio coresi ed antonio picciau si ringrazia padre walter per aver creduto nella creazione del nuovo gruppo e per averla sostenuta un particolare affettuoso ringraziamento va inoltre a tutti coloro che hanno raccolto l invito alla donazione e si sono recati presso i locali della chiesa sfidando il freddo e l inesperienza degli organizzatori il commissario provinciale della croce rossa italiana dottoressa rita ugolini si è complimentata per la buona riuscita della raccolta raccolta giocattoli usati domenica 19 dicembre il comitato di quartiere torresina e la parrocchia di santa faustina kowalska hanno organizzato un punto di raccolta di giocattoli usati ma in buono stato l iniziativa si è svolta sia la mattina davanti alla chiesa che il pomeriggio vicino al punto in cui si è svolta la festa di babbo natale sono stati raccolti i giocattoli che i bambini hanno voluto regalare ai loro coetanei meno fortunati ogni bambino ha messo la sua firma su un grande foglio dove saranno ricordati tutti quelli che hanno partecipato alla raccolta i giocattoli sono già stati consegnati alle seguenti strutture che ospitano bambini ceis centro italiano di solidarietà fondato da don mario picchi la casa di cristian centro di prima accoglienza per madri con bambini senza fissa dimora scuola ospedaliera del san camillo si ringraziano tutti coloro che hanno aderito all iniziativa ed il coinvolgente entusiasmo di rosy ed alessia che hanno reso possibile questo evento visto il grande successo ottenuto e corso disostruzione pediatrica si ringraziano tutti coloro l ottimo stato dei giocattoli raccolti l iniziativa sarà replicata in che hanno contribuito in ogni modo alla riuscita del corso di primavera con abbinata una raccolta di vestiti dell infanzia disostruzione pediatrica di sabato 11 dicembre dall edicola di viale montanelli che ha raccolto per settimane le adesioni al nido ludoteca jasmine che ha ospitato i bambini dei partecipanti al corso dal centro commerciale che ci ha ospitato alla parrocchia di santa faustina kowalska dall associazione noi di torresina all amico roberto di alleanza assicurazioni un particolare ringraziamento va a franco che ci ha aiutato col suo furgone dei cento partecipanti più della metà erano persone che lavorano a contatto coi bambini numerosissimo il personale proveniente dalla cooperativasociale lemilleeunanotte che gestisce il nido 9

[close]

p. 10

porco rosso di hayao miyazaki studio ghibli giappone 1992 la grande guerra è alle spalle e in italia è cominciato il regime di mussolini il mediterraneo è minacciato dalle azioni dei pirati aerei che minacciano le navi in viaggio porco rosso è un tipo strano una maledizione ha trasformato il suo volto nel muso di un maiale si guadagna da vivere cacciando i pirati per il resto ha stabilito un quartier generale su una spiaggia barricata da una scogliera su un isolotto a largo della costa orientale trascorre le sue serate presso l hotel adriano dove può ammirare da lontano la cantante da piano bar gina qui cominciano i guai un pilota americano è molto interessato a gina e per provare il suo valore sfida porco rosso a un combattimento aereo in un primo scontro è porco il cui vero nome è marco ad avere la peggio e così costretto a portare l aereo a milano per farlo riparare dall amico meccanico piccolo qui incontra oltre a piccolo la sua giovane nipote frio che fa di tutto per ripartire con il nostro pilota ormai finito sul libro nero del regime il cinema occidentale è in crisi l america è occupatissima a rifare tutto ciò che è riuscito a vendere nel passato mentre il cinema d autore è l eco dell eco dell eco di una sterile agiografia di qualche personaggio famoso la disney è in caduta libera complice il patto d acciaio con la pixar e l ossessione per il motto squadra che vince non si cambia vale a dire un riciclaggio continuo di vecchie glorie lo stesso capolavoro avatar di cameron si è rivelato nient altro di antonio di siero che un insulso giocattolone privo di una qualsiasi sostanza in italia siamo divisi tra commedie scollacciate e vuote e una costante e praticamente necrofila rievocazione del neorealismo alla rossellini lo spettatore che ambisca a qualcosa di nuovo e fresco deve quindi rivolgersi al mercato asiatico dai purtroppo inediti ultrasplatter di sono suicide club e iguchi machine girl ai film d animazione di otomo akira e myiazaki princess mononoke porco rosso è uno di quei film che non si vedono più un racconto ambientato durante la seconda guerra mondiale senza parlare peccato gravissimo in occidente né di olocausto né di guerra il contesto ritorna funzionale alla trama la trama non è più il pretesto per una lezione di storia da terza media sullo scenario di un italia stereotipata ma convincente si snoda una favola dal sapore antico ingenuo che richiama palesemente il classico la bella e la bestia in cui la bestia nutre un affetto puramente genitoriale per la bella qui il ruolo è coperto da frio mentre l amore sessuale è riservato a gina una bestia diversa però una bestia che non si rinchiude in un tetro castello aspettando una persona che possa liberarlo dalla maledizione ma un uomo che esce la sera per intraprendere relazioni sociali e concentrarsi su ciò che ha gli amici il lavoro senza togliere il tormento represso del non poter avere una compagna per via del suo aspetto 10

[close]

p. 11

di gian tonino ianitusi apertura edificio commerciale in via andersen arà inaugurato tra poche settimane l edificio commerciale in fase di completamento all inizio di via andersen ospiterà due esercizi commerciali eurospin ed acqua sapone eurospin è il più grande discount italiano con oltre 850 punti vendita in italia e slovenia e una delle poche realtà economiche nel settore distributivo in continua espansione che mira a una rete di punti vendita sempre più capillare sul territorio nel 2010 il gruppo ha festeggiato 17 anni di attività e successi eurospin è leader nel settore per numero di punti vendita fatturato e numero clienti e lavora quotidianamente per rafforzare il suo primato in italia e diventare una delle realtà più significative in europa acqua sapone è presente sul mercato dal 1992 con più di 660 negozi distribuiti su tutto il territorio nazionale è la più grande catena italiana della bellezza e dell igiene l unica che nel suo settore offre un servizio completo ai suoi clienti l edificio commerciale è ubicato a roma nel piano di zona b 33 quartaccio 2 tra via andersen e via fratelli grimm e costituito da due piani per circa 2000 mq di superficie commerciale si accede ai due livelli dai parcheggi posti su via andersen e su via grimm s in pratica i due livelli si trovano entrambi quasi a raso rispetto ai rispettivi ingressi posti a quote diverse la morfologia del fabbricato è di stampo razionalista con riferimenti futuristi nella slanciata rampa automobilistica di accesso al parcheggio in copertura finestre a nastro corrono per tutto l edificio interrotte da grandi aperture funzionali quali ingressi pedonali carrabili e merci l involucro è rivestito di mattoni rossi pieni murati con un gioco di chiaro scuro decrescente verso la sommità dell edificio nel prospetto su via andersen si segnala in alto a sinistra la finestratura degli impianti di elevazione mentre il lato verso destra è dominato da tre drammatiche aperture che lasciano a vista la rampa aerea enfatizzata sullo sfondo dal rivestimento in tessere di mosaico di colore azzurro il prospetto su via fratelli grimm è invece caratterizzato da una maggiore linearità da cui emergono sia le strutture metalliche della rampa pedonale di accesso al piano superiore e del montacarichi sia l ampia l apertura di accesso alla rampa carrabile il prospetto sul lato sud presenta in corrispondenza della scala di emergenza un grande ve tra t a strutturale previsti sessanta posti auto coperti e quaranta scoperti 11

[close]

p. 12

fonte cna libretti di uso e manutenzione durante la stagione fredda siamo portati a passare più tempo in casa ad aprire meno le finestre ad accendere il termosifone o comunque apparecchi di riscaldamento dovremmo fare tutti più attenzione alla funzionalità degli impianti di erogazione di gas acqua e luce per la nostra e l altrui sicurezza e anche per risparmiare un impianto efficiente ci fa spendere meno e opportuno ricordare alcune operazioni di manutenzione e di controllo che chi vive in una casa deve fare pena sanzioni da 500,00 a 3000,000 euro secondo l art.15 del d.lgs.311/2006 dovrà essere fatto il controllo dei parametri e del rendimento della combustione leggi controllo dei fumi per tutte le caldaie per il riscaldamento secondo il seguente schema impianti a gas autonomi potenza<35 kw generatori da più di 8 anni generatori a focolare apertotipo b non a camera stagna istallati all interno di locali abitati ogni 2 anni generatori con meno di 8 anni ­ generatori a focolare chiuso tipo c a camera stagna e a focolare aperto tipo b non a camera stagna istallati all esterno dei locali abitati ogni 4 anni impianti a gas con potenza 35kw ­ impianti a combustibile liquido o solido di qualsiasi potenza ogni anno quanto sopra riportato è valido per i controlli dei fumi mentre per la sicurezza e la funzionalità dell impianto e dei suoi componenti le tempistiche per la manutenzione sono riportate nei libretti d uso e manutenzione per gli apparecchi di cottura a gas se il collegamento dell apparecchio a gas di cottura non a incasso è stato realizzato con tubazione non metallica occorre controllare periodicamente lo stato di mantenimento del tubo in caso di danno dovrà essere sostituito così come quando si sia raggiunta la data di scadenza su di esso riportata i bruciatori dei piani cottura dovranno essere sottoposti ad una periodica pulizia secondo le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore e comunque ogni volta che la fiamma dovesse assumere un colore giallognolo i filtri della cappa aspirante i vapori cottura dovranno essere sottoposti a una periodica pulizia nel caso si senta odore di gas bisogna evitare assolutamente di accendere fiammiferi accendini sigarette azionare interruttori o apparecchi elettrici o elettronici in queste occasioni occorre chiudere immediatamente il rubinetto di intercettazione generale del gas e poi procedere ad aprire lentamente porte e finestre che danno all esterno anche l impianto elettrico deve essere controllato perché con il tempo a causa dell uso e del normale decadimento dei materiali può ridursi il livello di sicurezza ecco alcuni consigli per l uso corretto dell impianto elettrico non manomettere le prese di corrente è necessario che gli elettrodomestici siano provvisti di spina omologata col connettore di messa a terra sicurezza e risparmio di marcella speranza è necessario che l interruttore differenziale sia sempre efficiente per cui ogni trenta giorni bisogna farlo scattare manualmente premendo il tastino di prova solitamente indicato con la lettera t nel caso che l interruttore differenziale scatti di frequente senza apparente motivo interpellate il vostro installatore di fiducia prima di mettere le mani su parti elettriche come ad es cambiare una lampada occorre interrompere la tensione dall interruttore generale evitate per quanto possibile l uso di prolunghe e in caso di necessità utilizzatele per il più breve tempo possibile le prolunghe in bobine devono sempre essere svolte completamente prima dell uso i cavi di alimentazione di ferri da stiro aspirapolvere lucidatrici ecc sono costantemente sollecitati durante l uso e possono deteriorarsi pertanto è fondamentale controllare la loro integrità evitare l utilizzo di prese multiple e riduzioni se non potete farne a meno ricorrete a sistemi omologati tipo ciabatta ed evitate di collegare ad esse stufe elettriche lavatrici ecc non staccare la spina dalla presa a muro in maniera brusca e ricordatevi di spegnere sempre prima l elettrodomestico collegato ogni volta che rifornite d acqua il ferro da stiro a vapore assicuratevi che la spina sia staccata dalla presa di corrente evitate di usare apparecchi elettrici in locali umidi come il bagno la doccia e in prossimità di lavandini e vasche non coprite con panni o carte le lampade il calore prodotto dagli apparecchi potrebbe innescare incendi due parole anche sull impianto idrico ed ecco alcuni consigli per un buon funzionamento e anche per risparmiare controlliamo che non ci siano perdite di acqua anche piccole perdite debbono essere subito riparate occorre sostituire rubinetti valvole e diffusori usurati e comunque decalcificare almeno una volta l anno le cipolle delle docce e i rompigetto dei rubinetti controllare almeno ogni 6 mesi la pressione di esercizio delle eventuali autoclavi controllare i depuratori dell acqua se presenti con cadenza annuale far pulire almeno ogni due anni i sifoni sotto i lavandini lavelli ed eventuali scatole sifonate non gettare nel lavello cucina oli e grassi erivanti da frittura mantenere nei lavelli la retina per evitare che pezzi di cibo troppo grandi vadano ad ostruire lo scarico non usare il wc come discarica di prodotti tossici vernici lacche prodotti chimici per la casa o di altri oggetti utili per l igiene personale come assorbenti bastoncini per la pulizia delle orecchie ecc far pulire almeno ogni due anni i pozzetti presenti ai piedi delle colonne di scarico ed infine quando ci si assenta per lunghi periodi da casa è buona regola chiudere il rubinetto centrale dell acqua evitando perdite o disagi dovuti a rotture improvvise nell impianto 12

[close]

p. 13

consigli e non solo envenuto gennaio primo mese del calendario di ogni anno che i romani dedicarono a giano dio dalle due facce delle quali una guardava il passato l anno vecchio e l altra l avvenire l anno nuovo il suo segno zodiacale è l acquario chiamato così dai tempi degli antichi egizi perché questo era il mese in cui il nilo allagava beneficamente la sua valle depositando le sue acque limacciose e fertili sulle terre circostanti così noi quasi come il nilo abbiamo inondato questi ultimi giorni dell anno con fiumi di spumante augurandoci siano portatori fertili di ricchezza amore e salute ma le feste non sono finite e lo sanno i bambini che aspettano la befana l antica figura della tradizione popolare che ricorda in ambito cristiano l omaggio che i re magi offrirono a gesù bambino essa però ha radici più lontane che risalgono addirittura all antico paganesimo il suo aspetto di brutta e vecchia è così perché raffigura l anno vecchio ormai terminato dal xiii al xvi secolo la befana non è un personaggio ma solamente una festa nel 1500 si cominciò a parlare di befana come figura che va in giro di notte a far paura ai bambini in seguito essa diventa benefica a cavallo di una scopa per portare doni una leggenda spiega così la nascita di questa figura quando i re magi partirono per portare i doni a gesù bambino solo una vecchietta si rifiutò di seguirli pentitasi poi cercò di raggiungerli ma non ci riuscì e da allora nella notte tra il 5 e il 6 gennaio volando su una scopa con un sacco sulle spalle passa per le case a portare ai bambini i doni che non riuscì a dare a gesù bambino la parola befana è una corruzione di epifania cioè manifestazione i regali che porta simboleggiano un valore propiziatorio per l anno nuovo perché in molte parti il fantoccio di paglia che raffigura la befana viene bruciato perché tale rito significa dare la fine a tutti i mali ed ora colgo l occasione per salutare anna che nella sua mail mi racconta questo simpatico siparietto a cura di pina l b una mattina trovandosi al bar a fare colazione chiese al barista di porgerle un paio di bustine di zucchero per metterle nella formaggiera una signora lì presente sorridendo esclamò anche lei legge le perle di zia pina sul picchio di torresina e così dialogando tra loro è nata una nuova amicizia che mi rende felice ed orgogliosa vediamo ora se con quest altro nuovo consiglio sarò in grado di far nascere un altra nuova amicizia e ancora tempo di castagne ma come poterle sbucciare facilmente per poi poterle bollire detto e fatto si pongono in un recipiente pieno d acqua fredda e subito si comincia a togliere la loro buccia oramai ammorbidita terminata questa semplice operazione queste si mettono nella pentola di cottura sul fuoco con acqua e del sale con alcune foglie di alloro per insaporirle le candele accese sulla tavola addobbata a festa lasciano tracce sulle belle tovaglie allora prima di utilizzarle basta immergerle in acqua salata per circa due ore e,così facendo non dovrete faticare dopo per togliere la cera che è colata a conclusione un ultima chicca di cucina che riguarda le amatissime fritture che sono gioia e delizia del nostro palato ma anche causa di fastidio per il cattivo odore dell olio e del grasso che si sono bruciati cadendo sul fornello acceso allora mentre accanto facciamo bollire dell aceto fino alla sua completa evaporazione con un foglio di giornale asciutto puliamo velocemente quanto caduto così diminuirà e scomparirà il cattivo odore aspettando le vostre e-mail in cui mi racconterete se la vecchina vi ha fatto trovare nella calza carbone o dolcetti vi saluto calorosamente dandovi appuntamento al prossimo mese la vostra zia pina 13

[close]

p. 14

di fattino tedeschi torresina un coro nell anima del quartiere n el cuore verde di torresina c è un moderno quartiere di case architettonicamente belle e che ormai è quasi maggiorenne un quartiere in cui il quadro dei servizi sociali è quasi completo e al servizio di una comunità orientata alla cultura e alla tutela dell ambiente ma se tutto questo non bastasse a completare il paesaggio urbano e sociale c è la chiesa dedicata a suor faustina del gesù misericordioso che ha il suo affaccio sulla piazza che spesso ospita gli spettacoli che vengono organizzati dai volontari del quartiere la chiesa tra le sue attività di sostegno pastorale ha anche un coro composto da tenori contralti e bassi che danno il meglio del loro repertorio nei momenti salienti delle celebrazioni delle 11,30 officiate come sempre da don walter la struttura prefabbricata rappresenta un luogo di incontro di culto e preghiera per la comunità e si inserisce con armonia nell impianto urbano ed è per tutti un riferi mento chiave ma torniamo al coro e all importanza di cantare per il signore sant agostino diceva che cantare è pregare due volte e grazie al cielo i coristi hanno eccellenti doti vocali ma chi sono per ordinanza ecclesiale vi daremo solo i nomi i chitarristi aldo e damiano massimiliano organista e direttore del coro i coristi giada,monica pina aurelia tullia susanna natalia eleonora roberta piera clara demetrio giancarlo sergio e gabriele chi volesse partecipare ed ha il dono del dolce saper cantare e riesce a tempo per trovare questo spazio di preghiera e d incontro può farlo serenamente presentandosi ogni venerdì al le ore 21 nella sala parrocchiale della chiesa mettendo così la propria voce al servizio della comunità vi aspettiamo opo il trasferimento nella mia nuova residenza di via paolo rosi facendo un giro nel nuovo quartiere mi colpì la maestosità della quercia che troneggiava nel prato e mi ritenni particolarmente fortunato ad abitare in mezzo al verde della campagna in compagnia di un così bell esemplare di vecchio albero pregustavo il piacere di sedermi su una panchina all ombra della sua folta chioma leggendo il giornale immerso nella pace bucolica della campagna circostante con vista su mandrie di mucche e greggi di pecore pascolanti purtroppo trascorso poco tempo la signora delle ghiande incominciò a dare i primi segni di insofferenza ambientale e a perdere la sua folta chioma chissà pensavo forse non ha digerito bene tutte quelle palazzine che l hanno circondata in poco tempo togliendole il silenzio e la pace a cui era abituata da tanti anni tutte quelle persone gironzolanti ai suoi piedi o forse tutti quei cani che facevano continuamente omaggio dei loro effluvi fatto sta che un bel giorno si è seccata e si è messa in quiescenza in attesa della sistemazione finale dopo lunga attesa probabilmente dietro segnalazione del comitato di quartiere il servizio giardini si è accorto che la presenza di questo grosso relitto rinsecchito costituiva un pericolo per le persone circolanti ai suoi piedi e ne ha decretato l abbattimento contemporaneamente ha provveduto a piantumare nelle vicinanze alcune essenze arboree per creare in futuro una zona d ombra per gli abitanti di torresina d addio al gigante buono di giordano parmeggiani disgraziatamente però viviamo in tempo di crisi per cui le piantine messe a dimora data la loro modesta altezza un mt scarso per diversi anno saranno appena visibili per cui sarebbe opportuno munirle di catarifrangenti le persone anziane non potranno certamente ahimè rinfrescarsi alla loro ombra ma se la potranno godere gli attuali bambini sempre che nel frattempo non siano state rovinate da qualche vandalo o qualche cane vagabondante nei paraggi vorrà dire che veglieremo sulla loro salute e ringraziamo comunque chi ha provveduto vorrei ricordare però che quando si andava alle riunioni al consorzio montecoccia nella sala riunioni troneggiava un bel quadro raffigurante il piano architettonico del nostro quartiere in cui si vedeva un bellissimo viale alberato che ornava tutta via paolo rosi e che nei diversi progetti più o meno veritieri circolanti successivamente si annunciava la futura creazione di un parco attrezzato nella valle sottostante con insediamento di vegetazione arborea compatibile con l ambiente primitivo lecci roveri e sugherelle la creazione di sentieri pedonali per l attraversamento ed infine udite udite una passerella pedonale aerea che unisse via paolo rosi con viale indro montanelli abbandonando i fantomatici progetti faraonici difficilmente realizzabili dal comune di roma a causa della sua cronica lentezza burocratica e scarsità di fondi non ci rimane che sperare in una maggiore attenzione da parte delle autorità verso i numerosi problemi del nostro bellissimo quartiere felice anno nuovo a tutti 14

[close]

p. 15

na sedia a rotelle uno sguardo spento che vaga assente dentro una stanza perso nel vuoto un corpo segnato da un dramma e minato fino alla profondità della sua anima questa immagine rimane fissa nella mia memoria di una domenica plumbea quella passata del 12 dicembre scorso quando a roma si è tenuto un motoraduno di beneficenza che si è diretto diviso in 3 diversi gruppi presso le strutture pediatrico oncologiche della capitale per consegnare dei regali ai piccoli degenti in cura presso le stesse per poi riunirsi nuovamente nel magnifico scenario delle terme di caracalla e da lì dirigersi verso una casa famiglia al divino amore non è mia intenzione dilungarmi sul percorso da noi effettuato e nemmeno su quanto sia stato bello lo spettacolo offerto da un coro gospel all interno dell aula magna del policlinico di roma vorrei tornare su quello sguardo e cercare di comprendere e fare comprendere quello che i miei occhi hanno visto e la sensazione di impotenza che mi ha pervaso di fronte ad un qualcosa di terribilmente grande che aveva colpito quel bambino troppo piccolo per non vivere la vita come i suoi coetanei ma già troppo grande per capire il dramma che lo ha colpito chissà quanti pensieri in quel mom ento correvano nella sua mente intrecciandosi e cercando il bandolo di una matassa che gli potesdi paolo alfonsini se far capire almeno il perché di tutto consapevole che non esiste mai un perché un individuo debba soffrire un cristo di legno appeso di fronte a lui si ergeva a simbolo dell umana sofferenza quanti e quanti bambini saranno passati davanti il suo volto triste come il suo e quanti di loro si sono persi nella sua divina speranza anche per me ateo c è un cristo ovunque si soffra u nelle guerre come nelle carestie nella povertà e nella malattia sempre lì e sempre anche lui impotente come me come se la natura debba obbligatoriamente fare il suo inesorabile corso in cuor mio volevo gridarlo a quel bambino urlargli che non è solo che nulla è impossibile nella vita e che c è sempre un filo di speranza un qualcosa di invisibile che ci tiene a galla e che vorrei un giorno rivederlo correre felice perché tutto è stato lasciato alle spalle perché anche lui possa dire siiiii sono felice il peggio è passato è solo un brutto ricordo sono tornato a casa la sera ho visto mia figlia che sana e felice studiava ed uno sguardo complice si è insinuato tra noi spero che quello stesso sguardo possa materializzarsi al più presto anche nella sua famiglia ma un ringraziamento a lui lo voglio fare grazie per avermi fatto capire quanto di grande mi ha dato il solo farmi capire che in fondo nella vita non siamo mai soli che esiste tanta solidarietà che nei momenti bui della vita di ognuno di noi sempre prima o poi saremo attraversati da un raggio di luce così da poter illuminare il nostro intricato cammino in quel percorso irto di ostacoli incredibilmente tortuoso ma dannatamente bello che si chiama vita vorrei altresì ringraziare enrico d aurelio presidente dell associazione motociclistica della polizia di stato per avere organizzato l evento e per averci regalato una giornata riflessiva sul senso della nostra esistenza 15

[close]

Comments

no comments yet