Dicembre 2010

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

distribuzione gratuita del comitato di quartiere nuovo quartaccio giornale di quartiere di stefania giannetto anno 4 numero 34 ­ dicembre 2010 quando il nuovo asilo nido a quartaccio amianto una rimozione lunga e difficile e strano vedere che quando si parla di opere pubbliche da realizzare nella zona quartaccio queste finiscano puntualmente nel dimenticatoio come già avvenuto per la realizzazione dell archeoparco la storia si sta ripetendo anche per la costruzione dell asilo nido previsto nell area del piano di zona quartaccio ii al momento dell approvazione del piano di zona fu accordata la licenza per la realizzazione di un edificio commerciale su via andersen in cambio della costruzione di un opera pubblica appunto una scuola materna tra via fratelli grimm e via podere fiume prima dell inizio dei lavori di costruzione dell edificio commerciale il costruttore però preferì versare i fondi corrispondenti al costo della costruzioni dell asilo nido nelle casse comunali più o meno nello stesso periodo il comune di roma nell ambito di un progetto indirizzato al potenziamento delle strutture scolastiche incaricò farmacap società di proprietà del comune di roma di realizzare un asilo nido in via sand continua a pag 8 r isale al 1992 la normativa che prevede il divieto di utilizzo dell amianto in italia si tratta infatti della legge n.257 del 27 marzo 1992 che per la prima volta si occupa non solo di stabilire termini e disciplinare procedure per la dismissione delle attività inerenti l estrazione e la lavorazione di questo mortale gruppo di minerali ma è anche la prima normativa per i lavoratori esposti ad esso da allora il tema riempie comunque le nostre cronache impegnate quotidianamente a riportare notizie di siti ancora inquinati l amianto non è un problema superato poiché il suo passato utilizzo si ripercuote costantemente sul nostro presente largamente usato a partire dagli ultimi decenni dell ottocento fino agli anni settanta fu apprezzato nel campo dell edilizia nelle fabbriche e in altri luoghi di continua a pag 8

[close]

p. 2

sommario quando il nuovo asilo a quartaccio amianto una rimozione lunga e difficile il servizio psicologico nel centro famiglie del giardino blu il picchio cresce tre anni tra amicizia e impegno il natale nel mondo l importanza del verde di torresina nel sistema delle aree naturali protette e non lady snowblood cicchetti il nuovo vice commissario che piace al cavaliere e a sua santità 13 9 11 3 4 7 1 1 le lettere dai lettori ricordo di annunci e non solo rubriche babbo natale torna a torresina 5 6 4 6 10 12 14 15 intervista a benito peri la curiosità del picchio news dal comitato di quartiere torresina le perle di zia pina dopo la lettura il picchio ti invita a gettare il giornale negli appositi cassonetti per la carta perché il picchio è a favore della raccolta differenziata dove posso trovare ogni mese la mia copia de ll picchio di torresina tutti i negozi e gli studi professio informagiovani di via della pineta nali di torresina sacchetti 78 tutti gli inserzionisti esterni centro anziani torrevecchia le edicole via torrevecchia 87 monte mario-primavalle 242-633 ama di torrevecchia i negozi di via pietro maffi santa maria della pietà le edicole di via pietro maffi ·uffici circoscrizionali pad 29-30alcuni negozi di via andersen 31 municipio 19° di via mattia batti ·padiglioni 13 26 e 32 stini ·centro antea atletica monte xix gruppo vvuu via f borromeo mario la biblioteca basaglia via federi scuola di via andersen co borromeo 67 gruppo volontari protezione civibiblioteca casa del parco e going le 19 via gianbattista soria anno 4 numero 34 dicembre 2010 reg tribunale di roma n 559 del 17 dicembre 2007 sede viale indro montanelli 20 00168 roma ilpicchioditorresina@yahoo.it editore associazione o.n.l.u.s noi di torresina viale indro montanelli 20 00168 roma/cellulari 3338029862 3383171087 e 3396531743 direttore responsabile jean-luc giorda capo redattore stefania giannetto in redazione marcella speranza emanuela monego daniela moretti aurelia colarossi cinzia pezzola antonio picciau antonella salerno pierfederico poli progetto grafico redazionale luigi spagnoletti roberto delle case gloria bucchèri hanno collaborato a questo numero francesco moneta barbara d amelio,gianni moretti sara pompei diego d angeli pina ladogana il comitato di quartiere torresina antonio di siero stampato presso tipografia river press group s.r.l via menalca 30 tel fax 062294420 062295925 e-mail rpg@mclink.it l associazione noi di torresina ringrazia tutti coloro che con le loro donazioni ci permettono di pubblicare il picchio questo numero è stato chiuso in redazione il 28/11/2010 invitiamo tutti i lettori che vogliono scrivere articoli poesie dediche o che vogliono raccontare momenti di vita lagnandosi o ringraziando ad inviarci i loro elaborati presso ilpicchioditorresina@yahoo.it oppure lasciando i loro scritti dal giocattolaio nuvoloni via pietro maffi 28/32 da roberto il tabaccaio di viale i montanelli o all edicola vidi di viale montanelli gli scritti dovranno essere accompagnati dalla firma dell autore che potrà scegliere di non essere citato sul giornale ma apparire solo con le iniziali o un nomignolo e un recapito telefonico 2

[close]

p. 3

di barbara d amelio psicologa presso il centro per le famiglie il giardino blu il servizio psicologico nel centro famiglie giardino blu counseling psicologico è un servizio completamente gratuito che il giardino blu offre ai residenti del 19 municipio per dare orientamento e sostegno a singoli individui coppie o interi nuclei familiari favorendo lo sviluppo e l uso delle potenzialità dell utente al centro vengono portate molteplici situazioni che potremmo definire genericamente di crisi familiare la crisi è il momento in cui si interrompe la linearità e l omogeneità di un prima per andare verso qualcosa di altro di per sé non ha valore negativo o positivo è l emergere spesso dirompente di istanze che a volte maturano nel tempo in silenzio e che irrompono ad un tratto in tutta la loro evidenza le crisi che una famiglia può attraversare nella vita quotidiana e nelle varie fasi del suo ciclo vitale sono molteplici e differenti e meritano attenzione e attivazione di risorse interne ed esterne per il loro superamento l adolescenza è momento emblematico di crisi personale e all interno dei rapporti familiari in tempi rapidi quasi senza segnali premonitori quello che fino a poco tempo prima era un bambino i cui genitori erano eroi infallibili diventa irriconoscibile nei comportamenti negli atteggiamenti e nel modo di interagire in realtà fronteggia cambiamenti fisici non si sente più piccolo e non si riconosce adulto deve fare i conti con la propria sessualità prorompente con il desiderio di autonomia e nel contempo con la paura di allontanarsi con l odio e l amore nei confronti dei propri genitori ostacolo alla sua indipendenza ma anche protezione di cui ancora non può fare a meno pertanto la crisi adolescenziale evento fisiologico indispensabile per la crescita l individualizzazione e l autonomia del bambino/ragazzo può spaventare un genitore che può non riuscire a sostenere il proprio figlio in questa fase evolutiva ciò può dare origine a ulteriori crisi della comunicazione della relazione non solo tra genitore e figlio ma anche all interno il delle complesse dinamiche familiari con sofferenza per tutti e per i genitori sensi di fallimento di colpa di rabbia di impotenza rispetto al proprio ruolo genitoriale persino di chiusura verso l esterno il counseling psicologico in questi casi vuol dare l opportunità ai genitori che si trovano a vivere queste esperienze specie a quelli isolati e soli di uscire dall isolamento e di vedere la crisi come un opportunità di cambiamento molti nostri utenti sono genitori separati e/o divorziati la separazione è quasi sempre accompagnata da un senso di fallimento da delusione rabbia sentimenti di rivalsa senso di irrealtà e difficile presenti i figli distinguere il ruolo di partner da quello genitoriale spesso i figli vengono utilizzati all interno di dinamiche disfunzionali soprattutto per loro e la loro sofferenza è facilmente immaginabile sono triangolati utilizzati sottoposti a pressioni psicologiche e incastrati in patti di fedeltà ad uno dei due genitori spesso paradossalmente rivestiti del ruolo di genitore del proprio genitore anziché protetti aiutati rassicurati in tali situazioni la consulenza psicologica mira a far vedere la separazione non più come un fallimento ma come un evoluzione una scelta con lo stesso valore e la stessa dignità di quella di unirsi il passaggio mentale da fallimento a nuovo progetto di vita permette di superare l impatto emotivo della separazione sulla coppia e sui figli un altra situazione di crisi è quella del padre separato generalmente non affidatario e vittima della sindrome del padre alienato egli vive una profonda sofferenza veri o no che siano i comportamenti assegnati alla madre si sente inadeguato e perde ogni capacità genitoriale soprattutto quando i figli come dicono molti utenti non ragionano più con la propria testa ma parlano con le parole delle madre spesso questi padri chiedono aiuto proprio per non identificarsi definitivamente con un immagine fallimentare e negativa allora è importante partire proprio dalla loro richiesta di aiuto data la sua importanza intraprensegue a pag successiva 3

[close]

p. 4

continua da pag precedente dendo con loro un percorso di ricerca delle risorse che possono essere attivate proprio per migliorare le situazioni di dolore e importante sottolineare che nell ambito del counseling psicologico la persona è considerata come portatrice di soluzioni parte attiva nel processo di cambiamento e crescita ogni intervento è di breve durata mira al risultato e si concentra più sui bisogni della persona e sullo sviluppo delle sue potenzialità che sulla ricerca delle cause profonde del disagio portato il counseling è basato sull abilità di comunicazione e di relazione durante gli incontri l utente viene messo a suo agio in un clima accogliente amichevole e rispettoso delle difficoltà e delle problematiche che emergono in sintonia con i bisogni espressi il counseling psicologico è infatti caratterizzato da quel tipo di ascolto attivo proprio dello psicologo e sintonizzato sulle emozioni del cliente fiducia apertura ed empatia fanno sentire all utente che egli è accompagnato nella ricerca di soluzioni interne l intervento di counseling psicologico nel centro famiglie aiuta gli utenti ad uscire da semplicistiche definizioni dei comportamenti propri e altrui cercandone invece altre più rispettose e congruenti più aperte e morbide senza blu centro famiglie giardino blu un servizio pensato per la famiglia via giulio salvadori 35 ­00135 roma tel 0630683559 di stefania giannetto il picchio cresce tre anni tra amicizia e impegno sone ma anche come gruppo di lavoro ed è per questo che oltre a ringraziare voi lettori per averci accordato in questi anni la vostra preferenza oltre a ringraziare i nostri sostenitori io vorrei rivolgere un pensiero sentito e di cuore a tutti coloro che fanno parte che hanno fatto parte e che faranno parte del gruppo o forse dovrei dire di questa grande famiglia grazie amici per la possibilità che mi date di condividere con voi questa mia passione e a te mio caro picchio ti auguro di volare sempre verso cose più grandi e ccoci qui siamo giunti al fatidico terzo anno il picchio compie i suoi primi tre anni ma il nostro non è solo un compleanno la cabala ci insegna come il tre sia il numero della perfezione e dell equilibrio accostandolo simbolicamente ad un viaggio per la ricerca della saggezza e guardando all interno della redazione mi accorgo che il picchio rappresenta proprio questo un percorso quotidiano verso i nostri lettori lottando sempre affinché vinca l equilibrio e la misura in quello che diciamo e scriviamo ogni anno che il picchio compie rappresenta per noi un punto di partenza uno stimolo una riflessione per nuove mete ecco cos è il picchio per noi che lo viviamo e lo respiriamo tutti i giorni un bellissimo affanno un lavoro di volontariato che portiamo avanti con responsabilità e impegno senza eguali non tralasciando i nostri impegni di vita e i doveri di lavoro ma il picchio è soprattutto un gruppo di persone che ogni settimana si incontrano per dare vita a dibattiti scambi di idee di opinioni a volte non proprio pacifici e qualche volta anche di cibarie eh si il picchio è un gruppo di persone che oltre a stare unite per un impegno sentito verso i lettori sono unite da affetto sincero l una all altra con tanta voglia di stare insieme per crescere insieme non solo come per 4

[close]

p. 5

babbo natale torna a torresina giunti all viii edizione della manifestazione babbo natale torna babbo a torresina che negli anni ha riscosso un crescente successo torniamo ad invitarvi domenica 19 dicembre alle ore 16,30 in viale indro montanelli le letterine per babbo dovranno essere consegnate a roberto della tabaccheria di torresina che ringraziamo per la collaborazione un ringraziamento va a giuseppe giampà direttore del centro commerciale torresina sempre sensibile alle istanze del quartiere che anche quest anno ha interpretato in maniera molto elegante e moderna l illuminazione natalizia del suo centro babbo natale come negli anni scorsi premierà i balconi illuminati in maniera più originale grazie alla collaborazione della direzione di doc superstore superstore nello stesso pomeriggio verranno raccolti dal comitato di quartiere torresina i giocattoli usati che i bambini vorranno regalare ai loro coetanei meno fortunati i giocattoli verranno destinati ai piccoli ospiti del ceis centro italiano di solidarietà fondato da don mario picchi buone feste a tutti associazione noi di torresina 5

[close]

p. 6

le lettere dai lettori spett il picchio di torresina vi sembrerà strano in tempo di e-mail ricevere un manoscritto ma spero porterete pazienza data la mia non più giovane età non abito a torresina ma molto vicino la vedo ed è come se ci abitassi perché la frequento il centro commerciale l ufficio postale la banca la giornalaia con il cane il tabaccaio gentilissimo e molto professionale e il bar accanto ed il fornaio di fronte per venire debbo passare su un tratto di via del quartaccio dove veramente devo passare per andare da qualsiasi altra parte quando non piove ma soprattutto in estate bisogna pasgentile redazione del picchio vorrei proporre il limite di velocità a 30/h per tutta la zona di torresina con particolare attenzione a via andrea barbato dato che il grande traffico provocato dalla presenza del centro commerciale e dal senso unico spesso non rispettato moto e macchine provoca un grave rischio per gli abitanti e soprattutto per i numerosi bambini presenti in zona ricordo l urgenza di illuminare via valle dei fontanili soprattutto per salvaguardare le tre caro amico picchio leggendoti mi sono reso conto di quanto sei importante nel far sapere alla popolazione di torrevecchia e primavalle le problematiche dei nostri quartieri con la collaborazione dei cittadini riesci a mettere in risalto i problemi che affliggono i nostri territori spronando i presidenti ed i loro consiglieri ad attivarsi per risolverli approfitto della tua ospitalità per segnalarti l impegno del consigliere del 18°municipio nonchè farmacista della zona vittorio contarina nel venire incontro alle esigenze degli utenti e degli anziani del nostro territorio caro picchio scusa se approfitto per una domandina facile facile è possibile fare qualcosa riguardo al fatto che i nostri ragazzi che frequentano la scuola media pio la torre sita in via di torrevecchia uscendo alle 14 quando l autobus è appena passato 13,50-55 per tornare a torresina debbono sare di li in apnea per il puzzo nauseante in quanto il depuratore è vecchio obsoleto e insufficiente il comune il municipio 19 e quanti altri enti e burocrati vogliamo nominare lo sanno spero possa far udire la mia voceun po roca ma non per colpa dell insufficiente depuratore attraverso il picchio e spero che altri si uniscano a me fino a diventare un coro potente contro i potenti che possono debbono fare e non fanno g.r fermate degli autobus presenti che hanno visto persino morire un cittadino che si recava al lavoro e che per il buio non era stato visto attraversare credo che sia da poco passato il secondo anniversario dell incidente e l amministrazione municipale allora aveva promesso di sistemare l angoscioso stato delle fermate della strada e dell illuminazione con la speranza che la mia richiesta venga presa in considerazione aspetto una risposta monica p sollecitando con successo i vertici atac per incrementare la linea 546 nonostante lo sgombero dei rom promosso dal dr contarina ed effettuato il 1° settembre 2010 nel territorio di torrevecchia a ridosso del complesso case popolari una piccola parte di essi è di nuovo ritornata come comitato di quartiere ti ringrazio dell ospitalità in attesa di una più fattiva collaborazione porgo distinti saluti ilpr esidente del c om itato di q uar tier e torrevecchia primavale trieste pesci aspettare il bus per 25/45 minuti so che sembra una piccola cosa ma quei ragazzi minorenni in mezzo alla strada chiedono se è possibile aiutarli il municipio o l atac o la scuola chi li può aiutare m.p annunci e non solo vendo lettino divanetto con cassettino in legno massiccio con materasso usato 2 volte per bimbi fino a 5 anni e bicicletta per bambini media parisi 3923366846 6

[close]

p. 7

negli ultimi decenni la tradizione natalizia si è diffusa in tutto il mondo da occidente ad oriente bambini francesi la notte del 24 dispongo festa di santa lucia una bambina indossa un abito bianno le scarpe ordinatamente perché gesù co e una corona di candele deve poi svegliare la famibambino passerà e vi riporrà i sui doni glia e tutti insieme fanno una colazione tipica addobberà anche l albero con frutta e in russia nel giorno di natale la gente si ritrova a cantadolci e tradizione accendere un cep re inni sacri nelle chiese decorate con l albero di natale po di legna per scaldare il bambino fiori e luci baboushka è la figura tradizionale del natale che gira nella notte fredda che distribuisce regali ai bimbi del fieno viene sparpain spagna il giorno più festeggiato gliato su fiori e sulle tavole per augurarsi che il foraggio è il 28 dicembre arrivano los reyes per i cavalli non venga mai a mancare i re magi nel nord degli stati uniti le tradizioni sono molto simili su carri o cavalli sfilano per le città a quelle europee specie inglesi e francesi nel sud il distribuendo dolci e caramelle la natale cattolico è molto sentito vengono allestiti presefigura di babbo natale è meno senti pi si fanno processioni e si prega in california babbo ta natale arriva sul surf tra le onde in germania i festeggiamenti iniziano a washington la casa bianca è in festa e il presidente ha il giorno di san martino 11 novembre i il compito di accendere le luci di un gigantesco albero bambini portano in processione delle lanterne per illu in messico i giorni che precedono il natale sono caratminare la strada al santo e hanno nelle loro camerette terizzati da una tradizione popolare las posadas che ridei calendari con 24 finestrelle propone l episodio dell arrivo a betlemme di giuseppe e ogni giorno ne aprono una e promettono di compiere maria due bambini in abiti del tempo bussano a diverse una buona azione il 24 poi arriva gesù bambino o bab abitazioni finché non verranno ospitati in quella prescelbo natale a portare i tanto attesi doni il 6 dicembre in ta e iniziano i festeggiamenti si termina con il gioco delvece arriva san nicola a distribuire i dolci le case sono la pinata una pentola di terracotta appesa ad una corda addobbate a festa con ghirlande e candele nasce qui la che ogni bambino bendato dovrà rompere colpendola tradizione di allestire a festa l abete con un bastone le pignatte sono piene di frutta dolci e a londra in inghilterra viene allestito un altissimo al giocattoli bero di natale la notte del 24 i bimbi lasciano sul tavolo in egitto il natale si festeggia il 7 dicembre della cucina un bicchiere di latte e un pezzo di dolce per l avvento dura 40 giorni durante i quali non si mangiano babbo natale e una carota per la sua renna lui invece carne e latte si visitano i parenti portando in omaggio lascerà un sacco con i doni sotto l albero biscotti e kaik bevanda tipica sono usati per i festeggiamenti anche fuochi d artificio e in india le chiese cattoliche vengono addobbate a festa mortaretti mentre il dolce tipico è il christmas pudding e la messa di mezzanotte dura 2 o 3 ore in grecia la vigilia di natale viene vissuta tra canti e mu l albero di natale è il banano e viene allestito a festa siche tipiche lo scambio dei regali va dal 25 al 1° gen i cristiani si scambiano frutta dolci e fiori naio e vengono anche portati doni alle persone povere in giappone il natale è stato importato dall europa in in polonia la vigilia di natale è chiamata festa della tempi molto recenti si addobbano le città a festa con stella fin quando non compare in cielo la prima stella alberi di natale e lanterne illuminate non si inizia la cena si lascia sempre un po di spazio in ci si scambiano regali e le famiglie benestanti regalano qualcosa ai più poveri hoteiosha è la figura che sostituitavola in caso arrivi un ospite inatteso in molte case ancora oggi si mettono dei covoni di gra sce babbo natale no in memoria della stalla dove nacque gesù bambino infine in australia il natale si festeggia sotto un caldo in svezia dove il buio regna per mesi il natale è cele torrido alcuni organizzano pic-nic in spiaggia a base di brato con tanta luce il 13 dicembre si comincia con la tacchino freddo insalate e dolci il natale nel mondo di gianni moretti i 7

[close]

p. 8

segue quando il nuovo asilo nido a quartaccio continua da pag 1 segue amianto una rimozione lunga e difficile continua da pag 1 il progetto prevedeva l apertura per ottobre 2006 in realtà ci volle un po più di tempo ma il nido era comunque pronto per aprire intorno alla metà del 2007 da allora complici le rimostranze dei proprietari dei locali adiacenti per danni derivanti dai lavori o semplicemente per un cambio di strategia aziendale di farmacap il nido non aprì mai ad oggi rimane alla collettività una struttura ristrutturata con denaro pubblico e poi abbandonata e devastata che non fa altro che aumentare il degrado del quartiere a settembre del 2009 il presidente del xix municipio durante il consiglio municipale svolto a quartaccio nei locali della scuola elementare andersen illustrò ai presenti l impossibilità di spendere i soldi a disposizione per la riqualificazione del quartiere a causa di un contenzioso tuttora in corso tra il vecchio proprietario dei terreni su cui sorgono le case popolari ed il comune di roma.il presidente prospettò comunque la possibilità di poter realizzare in breve tempo un asilo nido nell unica zona a suo dire a disposizione del comune ossia il cortile della scuola andersen il comitato di quartiere nuovo quartaccio avanzò le proprie perplessità in merito a questo progetto chiedendo in alternativa che l asilo nido venisse realizzato nell area del piano di zona quartaccio ii ove era prevista la scuola materna ritenuta peraltro inutile vista la presenza della vicina scuola andersen tale progetto venne approvato dal presidente del municipio che comprese come questa soluzione raggiungesse il duplice risultato di recuperare un area ormai degradata e di mantenere l area di svago dei tanti bambini che frequentano la andersen sembrava che tutto si stesse muovendo per il meglio vi fu anche un sopralluogo congiunto tra il municipio ed il dipartimento ix responsabile del piano di zona e che a breve sarebbero partiti i lavori per la realizzazione dell agognato asilo nido purtroppo però come troppo spesso capita quando si parla di opere pubbliche è passato quasi un anno senza che nulla sia accaduto per l ennesima volta un intervento di riqualificazione per il nostro quartiere sembra essere stato abbandonato proprio quando sembrava prossimo alla realizzazione.un vecchio detto dice la speranza è l ultima a morire beh gli abitanti di quartaccio attendono fiduciosi e-mail:nuovoquartaccio@libero.it lavoro per le sue proprietà tecnologiche e ciò contribuisce a rendere il problema quanto mai attuale vista l alta probabilità per gli addetti a svariati settori di essere ancora oggi in contatto con materiali contenenti amianto e cronaca le malattie provocate dall esposizione alle fibre del minerale possono insorgere anche molti anni dopo il contatto fondamentali quindi appaiono il censimento la mappatura e soprattutto la bonifica delle aree in cui sono ancora presenti materiali contenenti amianto aree che nella maggior parte dei casi sono luoghi di lavoro zone industriali capannoni scuole edifici dotati di coperture o coibentazioni in cemento-amianto in cui molte imprese ancora oggi praticano la loro attività purtroppo nel territorio italiano secondo uno studio condotto da legambiente restano ancora 32 milioni di tonnellate di amianto da smaltire e i dati prendono in considerazione solo le onduline di cemento amianto per cui a distanza di 18 anni dalla legge n 257 ancora c è un nulla di fatto l articolo 10 della legge infatti imponeva un termine di 180 giorni per la realizzazione di piani di protezione dell ambiente di decontaminazione di smaltimento e di bonifica ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall amianto ma da allora sono poche le regioni che hanno dato effettivi riscontri nonostante la situazione sanitaria sia molto preoccupante e il lazio in questi anni non si è sicuramente contraddistinto per meriti anzi è notevole per demeriti ne è un esempio quello che è successo alla scuola maffi in via di torrevecchia in cui la situazione a rischio di amianto è stata per anni dal 1952 per l esattezza la quotidianità di tutti gli alunni e del personale docente e non dell intero plesso scolastico una quotidianità interrotta poco prima della riapertura della scuola con un episodio poco edificante per i nostri amministratori istituzionali in sede di bonifica infatti una ditta incaricata dal nostro municipio ha distrutto i vecchi serbatoi dell acqua lasciando che il materiale eternit si disperdesse nell edificio stesso purtroppo è toccato alle famiglie della scuola maffi pagare di persona per un importo pari a 1700 euro per affidare i lavori di bonifica questa volta veri ad una ditta specializzata e quindi di rimozione del materiale in eternit depositato nel sotterraneo dell edificio i soldi sono stati attinti dai fondi dell istituto scolastico derivanti dal risparmio sulla mensa e pensare che risalgono a poco tempo fa le parole con cui il ministro dell istruzione gelmini aveva annunciato che i 375 milioni di euro sbloccati dal cipe e destinati a interventi urgenti di edilizia scolastica sarebbero stati utilizzati proprio per bonificare gli istituti minacciati dal pericolo di materiale cancerogeno 8

[close]

p. 9

da questo numero il botanico prof diego d angeli nostro lettore racconterà i siti la biodiversità la flora e la fauna delle zone a noi vicine che per il loro valore debbono essere protette da intenzioni di speculazione e distruzione di diego d angeli l importanza del verde di torresina nel sistema delle aree naturali protette e non tenuta agricola di casal del marnostro quartiere sorge al mo parco dell insugherata parco confine tra città e campagna e del pineto ma anche che sono in presenta aspetti comuni ad encontatto fra loro trambi i sistemi il contatto permette alle specie per capire meglio il valore del animali e vegetali di spostarsi da territorio di torresina dobbiamo un area all altra per nutrirsi riallargare lo sguardo alla città ed prodursi o per estendere il proalla campagna romana in generaprio areale sfruttando un corso le d acqua le chiome degli alberi il roma é nata e si sviluppa in un vento la pelliccia di un mammifeambiente naturale complesso e ro o un acquedotto romano ricco tanto che al suo interno soqueste aree urbane inoltre sono no presenti numerosi ecosistemi rana rospo libellula gheppio in contatto con la campagna roche ospitano tutte le classi di vertebrati pesci anfibi rettili uccelli e mammiferi e ben mana esterna all urbe così il flusso di specie animali e 1300 specie di piante ne sono state censite circa 3.000 vegetali diventa ancora più sostanzioso grazie a parchi come vejo un enorme cuneo verde che penetra nella nel lazio 6.000 in italia 12.000 in europa se confrontiamo questi dati con quelli delle città città costituendo un tessuto connettivo vivente insomma le aree verdi sono europee ci rendiamo conimportanti e lo sono ancora to della maggiore varietà di di più se sono connesse tra ambienti e della maggiore loro attraverso dei corridoi ricchezza di specie del noecologici canali di comunistro territorio cioè della cazione che permettono il grande biodiversità che lo movimento delle specie la caratterizza sopravvivenza delle comuin tutto il mondo la consernità e in definitiva la convazione della biodiversità servazione della biodiversifrutto dell evoluzione natutà se inquadriamo il verde rale come risposta delle di torresina nel contesto specie alla complessità amdei corridoi ecologici quebientale è prioritaria sto assume un grande valostrano re e la stessa dignità di non direi la biodiversità è qualsiasi parco naturale anche la ricchezza dei composti chimici che piante ed le frecce rosse indicano la possibile direzione del flusso istituzionalizzato negli spaanimali producono e che di specie verso la città nel circoletto rosso c è torresina zi scampati si mantengono bellissimi habitat naturali noi utilizziamo come sostanze alimentari curative costruttive etc è l asso nella ma nei prati nelle boscaglie e nei cespuglieti vivono le spenica che le specie usano per adattarsi ai cambiamenti cie provenienti dalla campagna questi animali e queste piante arricchiscono la città di continui dell ambiente questa grande varietà di forme viventi si è conservata in una componente che al di la dei numeri e delle considemodo del tutto autonomo all interno delle aree più o me razioni umane è importante in quanto vivente a riprova di quanto affermo fate no naturali non ancora soffocate una passeggiata sotto casa vostra da cemento ed asfalto troverete piante rare di cui para volte dei lembi di campagna leremo in un altra occasione sfuggono all edificazione per imcommestibili e medicinali sentipraticabilità per vincoli o per rete le rane gracidare vedrete l attività dei cittadini che intuito il affacciarsi uccelli variopinti ricci valore delle aree naturali si orgae volpi nizzano per tutelarle considerandole un bene comune inestimabiogni volta mi trovo a guardarli le come l acqua e l aria con gli occhi incuriositi di un stringendo il punto di vista ai bambino allora capisco che un quartieri adiacenti al nostro ci incontro silenzioso può valere rendiamo subito conto non solo più di mille parole che le aree naturali sono molte volpe luscengola coleottero riccio foto diego d angeli foto diego d angeli il 9

[close]

p. 10

d piazza pallotta una piazza a metà c è un asilo ci passa l autobus ma la piazza deve essere completata quando inizieranno i lavori di completamento r per quanto riguarda piazza pallotta sono stati stanziati 505.000euro per d sappiamo che la gestione delil secondo ed ultimo intervento che la scuola non è stata mai facile le difficoltà ci sono semsarà quello risolutivo appena inizieranno i lavori mi impepre state ma le carenze di sempre sembrano moltiplicate gnerò personalmente ad incontrare ed ascoltare i cittadini in questi ultimi mesi per poter accogliere dove possibile le loro richieste nel nostro territorio si chiudono scuole per mancanza di sicurezza ambientale amianto per mancanza di sicurez d ho letto con piacere che ad ottobre ha inaugurato il za strutturale infiltrazioni d acqua mancanza di messa a laboratorio teatrale miracolo dell arte a piazza guadanorma degli impianti ecc i cibi non sono garantiti igie lupe ottima iniziativa che oltre ad avere una forte valennicamente tutto insieme mi sembra troppo za culturale è anche un modo per prevenire i malesseri vorrei chiederle di chiarirci le varie situazioni con la dei giovanissimi rimarrà un caso isolato o se ne preveschiettezza e la sincerità che la contraddistinguono dono altre r considero le scuole luoghi dove si forma la coscienza r portare a termine l iniziativa presso la parrocchia di di una nazione perché in esse crescono i bambini patrimo guadalupe mi ha reso enormemente felice per vari motivi nio dell umanità per tanto ritengo vergognoso ogni tipo di lo scopo stesso del teatro ossia offrire ai giovani momenti strumentalizzazione sani di svago e interazione sia per il luogo dove è nata osspecifico quanto detto considerando che problemi quali sia la piazza del quartiere dove sono cresciuto e della quaamianto eternit sistemi antincendio ascensori impianti le conosco i gravi problemi giovanili che la popolano elettrici ecc sono stati ignorati per anni da genitori inse colgo l occasione per ringraziare stefano oddo delegato gnanti e corpo non docente che ne pretendono l immedia alla politiche giovanili del municipio per avermi aiutato in ta soluzione da quando il centro-destra governa questa questa iniziativa spero di riuscire a creare altri poli di agcittà malgrado siano in corso interventi mirati ad eliminare gregazione giovanile perché penso che i giovani rapprequesti problemi da parte del comune e della regione la sentino il nostro futuro e la nostra forza zio con significativi stanziamenti personalmente grazie all impegno dell on guidi presi spero che qualcuno pensi anche ai meno giovani che dente della commissione bilancio del comune di roma mi sono il passato perché non ci sono punti di aggregasono impegnato affinché diverse scuole del nostro munici zione nel quartiere per il tempo che mi ha dedicato pio venissero messe a norma stiamo calendarizzando altri la ringrazio il nostro giornale testimonierà sull atinterventi in ulteriori istituti del nostro territorio tuazione delle sue promesse grazie ndersen pavese maglione maffi sono alcuni nomi delle scuole che in questi ultimi mesi hanno avuto situazioni di disagio che pesano su ragazzi insegnanti genitori ognuno ha una sua verità io voglio sentire quello che hanno da dire gli amministratori che dovrebbero saperne più di tutti per questo ho incontrato il consigliere del municipio 19 benito peri vice-presidente della giunta municipale e assessore alle politiche scolastiche a intervista a benito peri di marcella speranza d per quello che riguarda torresina si era parlato del progetto della scuola elementare e media può dirci qualcosa ancora non sappiamo come finirà la materna già progettata e finanziata r riguardo questa domanda preferisco rispondere quando avrò dati certi alla mano 10

[close]

p. 11

un po di confusione a differenza di quanto si può immaginare guardando film e cartoni animati giapponesi il samurai non è una casta guerriera ma nobiliare d accordo con attenzione quanto riferisce james clavell nel romanl autore dell articolo si impegna a non zo shogun la gerarchia samurai sascrivere mai che lady snowblood è il rebbe la seguente imperatore shofilm che ha ispirato il cult kill bill di gun generale supremo delle forze quentin tarantino armate superiore de facto all imperatore daymio il feudatario e hm no come non detto samurai un nobile di provincia intorno al 1870 una donna è ragionando aristotelicamente costretta a assistere all uccisione del quindi si giunge alla conclusione marito e del figlio a opera di quattro di antonio di siero che una donna nobile è a sua volta truffatori che imbrogliano una folla di un samurai contadini spingendoli alla rivolta conla differenza fondamentale consiste tro gli emissari del governo ma in realnel fatto che una donna non poteva imputà si appropriano dei loro beni la donna gnare le spade da samurai katana e wakiverrà sequestrata e usata come schiava da zashi l unica arma concessale era un pugnale uno dei criminali la donna ucciderà il suo aguzzida piantarsi di punta in gola nel caso in cui il samurai no e per questo verrà arrestata per omicidio di ordine superiore per gli uomini il daimyo o lo in prigione farà di tutto per farsi ingravidare dai shogun per le donne il padre o il marito emetta propri secondini la donna morirà di parto dando l ordine di seppuku o hara kiri suicidio rituale alla luce una bambina che verrà chiamata yuki insieme alle spade vengono meno i doveri militari una compagna di galera della donna si assume la responsabilità di portare la bambina presso un crudele le donne giapponesi non andavano in guerra monaco buddista che sottoporrà la bambina a un durissi proponendo una donna samurai violenta vendicativa mo addestramento volto a trasformare yuki in una spieta brutale e onorevole come e più dei colleghi maschi ta vendicatrice e il 1890 una bella ragazza di vent anni snowblood colma il gap tra samurai donna e samurai uomo eviterei di tracciare un parallelo con il teatro taesce dalle tenebre di un vicolo innevato sfodera una spada dall ombrello e uccide uno dei bastar karazuka teatro giapponese sorto in reazione alle forme tradizionali di teatro kabuki e no in cui i ruoli femminili di che uccisero il marito di sua madre e suo fratello erano interpretati da uomini mentre nel takarazuka la vendetta è cominciata inutile prendersi in giro il novanta percento delle vendi avviene l opposto i ruoli maschili sono interpretati da te del dvd sarà dovuto agli appassionati di kill bill di donne yuki non nasconde la propria identità di donna tarantino sebbene chi vi scrive abbia visto entrambi i ma qualcosa di molto più profondo sentimenti pietà film di tarantino fino a consumare i dvd un po di ama tutto ciò che la rende donna dentro in effetti suppongo uno psicanalista potrebbe vedere facilmente nella sparezza rimane da l involontaria rappresentazione di un fallo decisail film di fujita infatti è veramente molto interessante mente da vedere sia che amiate kill bill sia che lo detepotete fare un film in molti modi stiate anche se non lo avete mai sentito nominare alcuni esempi sono i seguenti 1 budget hollywoodiano stratosferico con effetti specia nota storica il film è ambientato nell epoca meiji vale a li alla george lucas e mega superstars dire nel periodo tra gli ultimi trent anni del xix secolo e 2 indipendente chiamate amici e parenti e fate gli effetti la prima decade del xx il periodo coincide con la fine speciali con quello che trovate in cucina dello shogunato di tokugawa cominciato nel xvii seco3 budget irrisorio ma attori che sanno fare il loro me lo e la salita al potere dell imperatore meiji il periodo è stiere e tanta fantasia per gli effetti speciali caratterizzato dalla fine del governo dei samurai non abbiamo niente contro il primo genere il secondo ci guardate il film sotto questa luce e l amaro romanticismo della figura di yuki diverrà evidente incuriosisce il terzo ci entusiasma anima e corpo il cofanetto che contiene i due film verrà infatti realizzacon snowblood siamo decisamente nel terzo caso la recitazione di meiko kaji e soci è particolare ma inte to un sequel nel 74 love song of vegeance contiene ressante non muove un muscolo facciale per la maggior anche un fascicolo con un esauriente spiegazione dei parte del film fatto salvo per le occhiate glaciali che lan retroscena storici della storia cia ai propri avversari.sembra infatti che lo stereotipo nota musicale il brano che abbiamo ascoltato in kill del samurai cinematografico imponga che il protagonista bill dopo lo scontro tra uma thurman e lucy liu apparnon sorrida mai per fare un esempio più accessibile tiene alla colonna sonora originale di lady snowblooddate un occhiata ai protagonisti degli anime seri uno blizzard from the netherworld ed è cantato dalla stessa per tutti kenshiro di ken il guerriero in cui i personag meiko kaji che interpreta yuki gi maschili sorridono solo per contrazioni spasmodiche nota tecnica poi abbiamo finito del viso.una recitazione prettamente maschile è quindi l unica edizione italiana del film è distribuita dalla keyfilms in un elegante cofanetto di due dvd custodia in trasferita a un personaggio femminile la cosa assume un senso decisamente profondo se pro cartone e fascicolo con le note i film blizzard from the viamo a scartabellare in giro cercando la definizione netherworld e il sequel love song of vegeance sono entrambi in giapponese con i sottotitoli in italiano stessa di samurai in effetti sul termine samurai e non solo su quello gira non vi lasciate intimidire di toshya fujita con meiko kaji kurosawa toshio daimon masaaki akaza miyoko nakaya noboru chil takeo nakada yoshiko negishi akemi tratto da un manga di kazuo koike giappone 1973 e 11

[close]

p. 12

di emanuela monego anni ormai nelle strade di roma i contenitori color giallo brillante collocati spesso accanto ai cassonetti dei rifiuti e destinati alla raccolta di vestiario scarpe borse tende e coperte usate inghiottono con un colpo di maniglia i pacchi della roba che non ci serve più e un modo intelligente e veloce di liberarci del vestiario che ingombrerebbe inutilmente ripostigli e cantine senza rischiare di umiliare nessuno e senza esporci a giudizi sullo stato di ciò che scartiamo qualcuno però esprime dubbi e riserve sulla destinazione del materiale raccolto c è chi dice che vada in ogni caso al macero chi sostiene che venga rivenduto nei mercatini dell usato magari a scopo di lucro piuttosto che di beneficienza specialmente a queste persone comprensibilmente diffidenti segnaliamo un iniziativa di raccolta a fini totalmente benefici in atto da qualche mese sul territorio della xx circoscrizione lungo le strade della periferia settentrionale romana sono infatti visibili dalla fine dell estate scorsa dei nuovi contenitori gialli con la stessa forma degli altri ma di una tonalità più scura tendente all ocra destinati anch essi alla raccolta dell usato in questo caso però logo ed intestazione ci informano che promotrice della raccolta è la chiesa cristiana cattolica ortodossa di cui vengono riportati l indirizzo e-mail il recapito telefonico ed ulteriori numeri di cellulare a cui rivolgersi per eventuali sgomberi di materiale ingombrante il picchio curiosone ha seguito la pista ottenendo così in modo sempli da ce e veloce di parlare con monsignor lucas giacalone vescovo vicario in italia della chiesa ortodossa di san paolo del brasile abbiamo quindi saputo che il materiale raccolto nei cassoni giallo scuri 60 in tutto frutto di una donazione posizionati sul territorio della xx circoscrizione solo dopo aver ottenuto tutti i permessi necessari dalle autorità competenti viene inviato direttamente quando ancora fruibile alle comunità operanti in america latina per essere distribuito a chi ne ha bisogno altrimenti viene riciclato come possibile devolvendone il ricavato per il medesimo fine tutta l iniziativa poggia sul lavoro volontario monsignor giacalone sta preparando un sito in lingua italiana per dare a chiunque in piena trasparenza una visione completa di donazioni ed attività relative alla sua comunità dalla borgata di prima porta dove attualmente risiede spera di poter operare sempre più lontano per questo vi trasmettiamo il suo indirizzo di posta elettronica info@iobe.it sperando che la concretezza esauriente delle informazioni date possa indurre anche le persone più riluttanti a liberarsi di ciò che è per loro superfluo anche accumulare il superfluo è infatti uno spreco i capi di abbigliamento oltretutto non serviranno di sicuro ai nostri nipoti che aspireranno come è ovvio e naturale a comprarne di nuovi seguendo la moda del momento meglio beneficare allora le persone piuttosto che le tarme utilizziamo l usato in modo utile adesso 12

[close]

p. 13

di sara pompei cicchetti il nuovo vice commissario che piace al cavaliere e a sua santita cosa unirà mai il policlinico gemelli alla città de l aquila scopriamolo insieme onsiderato che con l ordinanza 3898 è stato nomi tà iniziative e tecniche editoriali nato vicecommissario per la ricostruzione il dottor sottolinea come dalla sua postazione di comando in catantonio cicchetti rilevato che gli enti locali costantemente tolica cicchetti è in grado di orientare le scelte economiesautorati dalle proprie funzioni dovrebbero tornare ad co-amministrative non solo dell università ma soprattutto amministrare il proprio territorio e che la nomina di un della vasta area di istituti sanitari che gravitano intorno al nuovo commissario allontana questo processo di riappro policlinico agostino gemelli di roma la «clinica dei papriazione delle funzioni statutarie degli enti locali che pe pi» raltro il dottor cicchetti non ha mai ricevuto una legittima più che direttore amministrativo del policlinico zione democratica e popolare per rivestire l incarico di gemelli più che gestore di un lussuoso complesso turivicecommissario che inoltre il dottor cicchetti è stato stico con campi da golf utile da jet set per coltivare rapcoinvolto nelle vicende della perdonanza che si riassu porti qui in città lo ricordiamo per la sua presidenza alla mono in una produzione di debiti fuori bilancio e inchieste perdonanza quella stagione della perdonanza celestigiudiziarie oltre che per la vicenda del premio perdonan niana con il centro-destra al potere che si ricorda eza non pagato al vescovo di sarajevo il consiglio comunale sclusivamente per i numerosi debiti lasciati per la granimpegna il sindaco a rappresentare al presidente del con diosità della gestione che si concluse con un premio per siglio dei ministri e al commissario per la ricostruzione la la pace che prevedeva una grossa somma di denaro contrarietà della massima assemblea elettiva del comune il primo anno fu consegnato a giovanni paolo ii l assedell aquila alla nomina del dottor antonio cicchetti a vice gno fu consegnato ed il premio onorato commissario per la ricostruzione e pertanto ne chiede la i vincitori degli anni successivi come il vescovo di sararevoca» questo è il testo dell emendamento votato a jevo furono meno fortunati al posto dell assegno fu inmaggioranza dal consiglio comunale dell aquila lo scor viato un fax da quel momento in poi il premio della perso 27 settembre sulla recente nomina del nuovo vice donanza fu battezzato a livello internazionale premio patacca la tragi-vicenda si concluse con il direttore commissario ma andiamo per gradi l ultimo colpo di scena di questa tragica fiction è stata della perdonanza che pagò per tutti il tutto nella logica l ordinanza di nomina del terzo vice commissario ad un che il povero presidente antonio cicchetti non sapeva dei guai che combinavano gli altri anno e mezzo dal sisma del 6 aprile 2009 antonio cicchetti il nuovo vice commissario dell aquila in realtà i veri requisiti per la sua nomina di vice commissario sono altri esponente dell opus dei uomo di è tutt altro che uno sconosciuto qui in città ci piace chiamarlo l uomo del fare paragonandolo ad fiducia del vaticano amico di gianni letta si dice che sia uno dei pochi in italia che si possa perun altro che fa miracoli silvio berlusconi e proprio come quest ultimo la sua rete di rapporti eco mettere di chiamare direttamente al telefono gianni letta o il segretario di stato vaticano nomico-familistici è fitta ricca e sterminata giuseppe saracina giornalista del corriere della sera in e se da un lato il nostro sembra avere le qualità per assiun suo recente articolo ricostruisce mirabilmente il curare la fiducia dello stato e del vaticano che nella dio curriculum vitae scrive antonio cicchetti oltre alla cesi dell aquila possiede numerose proprietà tra chiese carica di «procuratore dell università cattolica» ottenuta il palazzi storici e terreni dall altro i maligni pensano che 14 febbraio 2008 figura come presidente del consiglio di la sua nomina serva a coprire eventuali buchi lasciati dalamministrazione della «rio forcella spa» sede all aquila la protezione civile sempre i maligni secondo le nostre amministratore unico della s.c.a.i società chirurgica ad informazioni si indignano per la retribuzione nel nuovo dominale italiana sede a roma consigliere della fonda vice-commissario antonio cicchetti che dovrebbe amzione poliambulanza consigliere di progettare per la sani montare a 40 mila euro al mese «c 13

[close]

p. 14

news dal comitato di quartiere torresina donazione di sangue a torresina sabato 18 dicembre 2010 dalle ore 8,00 alle 11,00 presso la chiesa di santa faustina kowalska a cura del costituendo gruppo donatori di sangue torresina santa faustina prenotazioni presso l edicola di viale indro montanelli oppure online su torresina.net a volte sono proprio loro i primi a pagare le conseguenze della maleducazione altrui però le cose possono cambiare e loro vogliono prendersi cura di un aiuola dove sarà affissa l immagine del proprio amico a quattro zampe ilcomitato di quartiere torresina augura a tutti buone feste nella certezza che il 2011 ci porterà il parco una farmacia e si spera il completamento di piazza gino pallotta all inizio del nuovo anno saranno dovrebbero essere consegnate le nuove edificazioni in via del podere fiume con le annesse strutture sportive e la sistemazione del fosso delle campanelle aprirà entro gennaio la struttura commerciale in fase di completamento all inizio di via andersen in essa sarà sicuramente presente il più grande discount alimentare italiano eurospin totem pubblicitario su richiesta del nostro comitato il municipio ha autorizzato l installazione di un totem pubblicitario con le insegne dei negozi del quartiere lungo via andrea barbato l obiettivo è quello di rendere più visibili le attività commerciali all interno del quartiere i negozi che aderiranno all iniziativa s impegneranno ad torrevecchia bis nuove costruzioni e strutture comaiutarci nella pulizia ed il decoro del quartiere merciali aumenteranno il traffico già critico della zona diventerà sempre più critico il problema della mobilità e partirà a gennaio l iniziativa fidoadottal urgenza della realizzazione della torrevecchia bis da u n aiuola la proposta accolta con entusiasmo monte mario a via boccea e del collegamento di torresidal comitato e dall associazione noi di torresina nasce na al gra importante continuare a lavorare all apertura da una proposta dei proprietari di cani gruppo amici via barbato su via virgilio testa dei cani che ci tengono a vivere in un quartiere pulito senza perdere di vista l opera che può cambiare la mobiquante volte passeggiando coi loro cani si sono sentiti lità della zona il prolungamento della linea a della guardati e giudicati come insozzatori di marciapiedi metropolitana fino a via torrevecchia 14

[close]

p. 15

consigli e non solo a cura di pina l ed eccoci a dicembre decimo mese dell antico calendario romano il suo segno dello zodiaco è il capricorno simbolo di ambizione e di desiderio di innalzarsi la festività più importante è il santo natale le fredde e piovose giornate sono incominciate e chi soffre il freddo rimpiange forse quelle belle calde e soleggiate apprezzando meno il calore dei termosifoni o dei camini per le strade anche se il cielo è scuro vi è un allegoria di luci e di colori che richiamano l attenzione a soffermarsi ad ammirare le vetrine addobbate a festa il personaggio caratteristico di questa festività è babbo natale che lo si vede ovunque ma sapete voi quale è la sua origine secondo la tradizione folcloristica dei vari paesi viene chiamato con diversi nomi molte sono le leggende di questo robusto allegro vecchietto in russia il suo nome è nonno gelo e come da noi è sempre vestito di rosso con una lunga barba bianca secondo dove si trova e della fantasia delle persone si ritiene che abiti in luoghi diversi gli americani ritengono che venga dal polo nord gli europei dalla lapponia gli svedesi dalla groenlandia ecc le origini di babbo natale da noi coincidono con la figura cristiana di san nicola di mira noto come san nicola di bari dove sono conservate le sue reliquie ma lui è sempre stato vestito di rosso all inizio era rappresentato con abiti di vario colore ed il rosso divenne predominante a partire solo dalla sua comparsa sulle prime cartoline di auguri natalizi nel 1885 uno dei primi artisti che fissò l immagine di santa claus come noi la conosciamo fu thomas nast specie per i bambini questa figura è molto attesa poiché porta regali doni e strenne richiesti con le loro letterine strenne a cosa è legata l origine di questa parola di certo è molto antica si parla di tito tazio re sabino o meglio di romolo quando avendo cinto con un muro il piccolo centro abitato gli abitanti come simbolo di gioia e prosperità regalarono al fondatore un grande fascio di rami verdi provenienti dal bosco sacro dedicato alla dea strenia divinità di origine sabina dea della fortuna e della potenza e da qui il termine strenna di ciò che è in dono romolo avendo gradito volle che ogni anno si ripetesse il gesto a ricordo dell evento scambiarsi i doni in ricorrenze particolari è usanza molto antica e senza confini in oriente ricchi doni venivano offerti ai potenti come la regina di saba fece al re salomone ed i re magi a gesù in quanto nato re dei giudei potrei scrivere tante cose ancora cari lettori ma non voglio volutamente dilungarmi quindi colgo l occasione per augurarvi un buon natale e felice anno nuovo raccomandandomi di non abusare delle tentazioni delle ricche tavolate di questi prossimi giorni un carissimo saluto dalla vostra zia pina 15

[close]

Comments

no comments yet