MJIF MAGAZINE

 

Embed or link this publication

Description

Primo Magazine ufficiale della no profit MJ Italian Foundation

Popular Pages


p. 1

Aprile 2014 n.1 1 Sui cieli di Cologno Prunus Kanzan for MJ Happy B-day MJIF Curiosity Fake Interviews Larry Nimmer & Charles Thomson Who’s BAD

[close]

p. 2

2 Il Presidente MJIF– Ada Tarchetti nasce e vive a Torino, lavora presso la Direzione cultura Educazione Servizio - Spettacolo Manifestazioni e Formazione Culturale del Comune di Torino, ha svolto attività presso il Centro CIDISS Interistituzionale (Ministero dell'Istruzione inserimento scolastico alunni stranieri), dimostrando una spiccata propensione per le relazioni umane. Ha deciso di fondare la MJ Italian Foundation per portare avanti gli ideali che Michael Jackson, suo mentore, le ha insegnato. Il Vice Direttore MJIF & Direttore artistico – Stefano Pugliara vive a Torino, come direttore artistico ha il compito di redigere spettacoli ed eventi definendoli in ogni dettaglio. È ideatore, organizzatore e produttore di eventi sempre nel rispetto della legacy di MJ, cura altresì la direzione artistica dei Black or White Dancers, corpo di ballo dell’associazione di cui è anche ballerino e coreografo.

[close]

p. 3

3

[close]

p. 4

4 SOMMARIO Pag 6 be Honest Pag 7 Who’s bad? Pag 10 Curiosity Pag 12 Prunus Kanzan for MJ Pag 14 Sui cieli di Cologno Pag 15 Interview Larry Nimmer Pag 19 MJ T-Shirt Pag 20 Fake Pag 22 I vostri auguri Pag 27 BlAcK oR wHiTe DaNcEr Pag 29 Interview Charles Thomson

[close]

p. 5

Mozart dichiarava che la musica “può prendere tutto, osare tutto purchè affascini”. Il nuovo mezzo comunicativo che MJIF ha scelto permetterà di scoprire il vero Michael Jackson, l’uomo che dietro alla propria aura di genialità artistica, nascondeva un aspetto umano e sensibile. Ci auguriamo che il magazine possa essere tanto “forte” da trovare spazio nei circuiti informativi e soprattutto all’interno di un format (quello giornalistico) spesso viziato e volgarizzato dal potere della revisione. Ci avvicineremo con perizia oggettiva e capacità analitica, in quel mondo dello establishment difficile da “perforare” se non dopo aver avuto accesso allo stesso, attraverso fonti accreditate e allo studio approfondito dei fatti. Tratteremo temi come la VITILIGINE, il lavoro screditante che i media hanno portato avanti negli anni su Michael, il NO GUILTY nei confronti Oggi la rete è divenuta un mezzo informativo, divulgativo e di relazione, uno strumento potente che MJ Italian Foundation ha fatto proprio per diffondere la sua mission. MJIF però non ha dimenticato quanto sia importante il contatto umano, il poter confrontarsi e disquisire con il pubblico che ama una cultura musicale, senza dimenticare come componente fondamentale la solidarietà e il rispetto per il prossimo. MJIF ha scelto così di essere al servizio di quella realtà che predilige la collaborazione, l’unione e l’aggregazione, con obiettivi semplici e alla portata di tutti, divulgando con entusiasmo e cognizione tematiche a lei care come ci ha insegnato Michael Jackson, il nostro più grande ispiratore. dei dieci capi d’accusa, l’ OMICIDIO colposo, questi, solo alcuni dei fatti che andremo ad approfondire. Buon viaggio! 5

[close]

p. 6

non apparire sulle pagine del magazine. Michael ha sempre cercato di tutelare i propri figli, noi seguiremo la sua scelta. Nello scorso numero dell’MJIF Magazine abbiamo chiesto il parere dei jacksoniani sulla linea editoriale da seguire per quanto concerne l’informazione sui bambini di Michael. Jackson ha sempre cercato di tutelare i propri figli dallo sguardo indiscreto, invadente, irrispettoso dei media, è giusto che la MJ Italian Il Senate Bill 606 in California prevede finalmente pesanti sanzioni per tutte le tipologie di molestie ai minori, tra le quali rientrano appunto gli scatti fotografici non autorizzati dai genitori a seguito di richieste da parte di alcune Vip come Jennifer Gardner e Kristen Bell, infastidite dai media che violavano la privacy dei loro figli. Spesso ci si chiede perché questo non avvenga anche nei confronti dei figli di Jackson troppo esposti mediaticamente per poter vivere la loro adolescenza in tranquillità. Ma qual è la situazione nel nostro paese? In Italia la Corte di Cassazione si è pronunciata nel mese di dicembre 2013 in merito alla questione della violazione della privacy, stabilendo che le immagini dei figli di personaggi noti, pubblicate all’interno di giornali e riviste, costituiscono un illecito ed una violazione del diritto della privacy, a meno che esse non vengano ritoccate in modo da nascondere il volto del minore. L’informazione è importante fino a quando non viola il rispetto della vita altrui. MJIF Magazine fa un sincero in bocca al lupo a questi giovani tornando a parlare di loro solo e se decideranno di Foundation e il Magazine rispettino tale volontà? Dal sondaggio nato sulle pagine di Face Book è emerso il consenso quasi totale dei fans a supporto della privacy di Paris, Prince e Blanket di diventare pubblici. personaggi 6

[close]

p. 7

7

[close]

p. 8

Dalla sentenza del mese scorso si evince che il giudice ha trovato prove sostanziali che conducono chiaramente alla colpevolezza di Murray e che lo stesso aveva mostrato "un cinico disprezzo" per il benessere della pop star. Il processo in prima battuta aveva già dimostrato che il medico somministrò farmaci pericolosi a Jackson "violandone la fiducia". Il giudice dichiara anche che non c'erano errori procedurali nel processo originale. Aprile 2013 Dal carcere il dottor Morte telefona ad Anderson Cooper della CNN e oltre a ribadire la propria innocenza si mette a cantare una canzone che racconta di un bambino dimenticato da Babbo Natale dicendo che era la sua storia. 8 13 Febbraio 2014 Un tribunale della California ha annunciato che non avrebbe concesso al dottor Conrad Murray, ulteriori giudizi d'appello sulla sua decisione in merito alla morte di Michael Jackson. Murray è stato giudicato colpevole di omicidio colposo nel 2011. Il mese scorso, una corte d'appello ha confermato tale condanna nei confronti del medico. L'avvocato di Murray aveva chiesto un chiarimento all’inizio del 2014 in modo da preparare un ricorso alla Corte Suprema della California, (fonte Billboard). Ottobre 2013 Murray condannato a quattro anni è stato rilasciato lo scorso ottobre dallo Stato della California per ridurre il sovraffollamento carcerario! . Il motivo della richiesta di una revisione, ha dichiarato l’avvocato, era quello di correggere errori di trascrizione e grammaticali nella sentenza originale. Ora, si legge nel documento che "il riesame è stato negato."

[close]

p. 9

9 La richiesta di Katherine Jackson per un nuovo processo di omicidio colposo contro il promoter dei concerti di Jackson, AEG Live, è stato respinto. Nel mese di ottobre 2013 la giuria non ha considerato infatti, la società AEG responsabile per la morte di Michael. Katherine Jackson lanciò un appello a dicembre dichiarando, con un testo di due pagine, che si tenesse un nuovo processo a fronte di presunte irregolarità nella sentenza precedente. Tuttavia Yvette Palazuelos della Superior Court di Los Angeles, ha stabilito che non ci sarà un nuovo processo. Katherine Ja- viduo la cui vita è stata strappata per il potere e il denaro, senza dimenticare l’enorme perdita che un gesto del genere rappresenta non solo per la famiglia Jackson, ma per l’intera umanità. ckson intende portare la questione alla Corte d'Appello della California sostenendo che AEG è responsabile per l'assunzione del medico Conrad Murray, che ha somministrato a Michael un'overdose fatale di Propofol nel giugno del 2009. I fan della pop star sperano che questa battuta d’arresto non fermi la madre del cantante e che prima o poi si arrivi a una conclusione che possa portare quella giustizia legale che merita ogni indi-

[close]

p. 10

Il Centro per grandi scimmie in Wauchula, gestito da un’organizzazione no profit in Florida, è il luogo dove ad oggi vive Bubbles, il famoso scimpanzé più volte ritratto insieme a Michael. MJ ha dovuto rinunciare a lui intorno al 1990 perché era divenuto troppo grande, anche se qualcuno crede che lo abbia fatto all’arrivo del primo figlio, Prince, il simpatico Bubbles ha dovuto invece lasciare la tenuta molti anni prima. 10 Negli anni abbiamo visto spesso Michael fare uso di caramelle o lecca lecca… alcuni fanno risalire il lecca lecca all'inizio del XIX secolo, altri alla guerra civile americana. Il lecca lecca come lo conosciamo oggi è stato inventato da George Smith nel 1908 che ha registrato il marchio nel 1931 con il nome inglese di lollipop, un nome preso da una corsa di cavalli, la Lolly pop. I California Raisins erano un immaginario gruppo musicale di rhythm and blues. Intorno agli anni ’80 esplose per loro il successo grazie a speciali effetti animati e spot televisivi, arrivarono persino a vincere un Emmy Award e una nomination con una serie di pubblicità a tema. Ogni volta le prugne vestivano i panni di un personaggio famoso. E’ toccato anche a MJ di essere trasformato in una prugna della California che balla il Moonwalk. La società Kleiser-Walczak (Jeff e Diana) famosa ad Hollywood per la sua computer grafica che ha realizzato gli effetti speciali in pellicole come “L’esorcista la genesi” (2004), “Scary movie” (2006), “Xmen conflitto finale” (2006) è la compagnia che realizzò per Michael la statua 3D raffigurata nell’Album History.

[close]

p. 11

Michael iniziò a seguire corsi di canto nel 1973, alla Dick Grove School of music (a Van Nuys, nella periferia di Los Angeles). Dopo l’inizio della sua carriera da adulto MJ lavorò sulla sua voce con Seth Riggs, professore di canto. È lui ad aver insegnato a Michael il suo famoso falsetto, per intenderci quello che utilizzava per parlare e cantare. Molti sanno invece che la sua vera tonalità era molto più grave, quella per esempio che ha quando indossa i panni del sindaco nel video di Ghost. 11 Forse pochi ci pensano ma tutte le case utilizzate nei film, in questo caso in un video clip, sono abitazioni abitate da persone reali. Questa è la casa in stile vittoriano in cui fu girato “Thriller”, si trova al 1345 Carroll Ave in Los Angeles. Michael ha avuto un cameo nella famosa serie Sesame Street, è il 1978 quando passando sulla 123 street, regala a Oscar, il peloso che vive in un bidone della spazzatura, sempre burbero, un libro sui fantasmi augurandogli buon Natale. Il tempo passa per tutti, spesso ci si chiede che aspetto possano avere quegli attori che non si vedono da tanti anni, possiamo togliere questa curiosità per quanto riguarda i bambini che hanno recitato al fianco di MJ nel film “Moonwalker” dell’88, diretto da Jerry Kramer, con un parallelo di come erano a come sono. Dal settembre del 1971 all’ottobre del 1972, il sabato mattina la ABC ha mandato in onda il cartone animato dei Jackson 5, prodotto da Rankin-Bass in collaborazione con la Motown Production. L’animazione è stata realizzata tra Londra e Spagna poiché il regista era ispanoamericano.

[close]

p. 12

12 Il 25 Febbraio 2011 è stata una giornata speciale per i fans italiani di Michael Jackson e la MJ Italian Foundation, perché tre Cherry Blossom, (alberi da ciliegio), hanno preso dimora davanti allo stadio comunale di Torino, luogo dove MJ si esibì nell’88. Ma cosa ha spinto l’associazione di Tarchetti e Pugliara a dedicare tre alberi dai fiori rosa a Michael Jackson? Non solo portare avanti il nome dell’artista e il suo messaggio d’amore per ogni forma di vita, ma sottolineare il coinvolgimento della MJIF nei confronti di una natura a rischio. Troppo spesso ci si dimentica che gli spazi verdi sono indispensabili, non solo come "arredo" della struttura urbana, ma proprio perché essi costituiscono il polmone della città spesso invasa dall’inquinamento. MJ Italian Foundation ha dimostrato che si può toccare argomenti importanti e portare l’attenzione su tematiche poco trattate. I tre alberi della famiglia Prunus Kanzan, conosciuti per i loro fiori rosa, saranno il messaggio che Michael Jackson ha voluto lasciarci attraverso l’associazione torinese e il contributo dei fans.

[close]

p. 13

13

[close]

p. 14

14 MICHAEL JACKSON CHANGE CHARGES TO MURDER l’opinione pubblica verso una morte ingiusta. Oltre ad aver perso il più grande entertainer di tutti Da un’idea nata da un membro dell’Associazione MJ Italian Foundation, Maria Giuseppa Guzzardi, si decise di realizzare il 29 gennaio 2010 un evento che ripercorresse in maniera similare ciò che era già avvenuto in quei giorni a Los Angeles. La città americana era stata protagonista infatti, di un volo aereo che portava con sé un messaggio ben preciso, “No Justice No Peace”, il monito che ha fatto alzare più di una testa, la scritta campeggiava al fianco di un’immagine di Michael Jackson. Il motivo? L’inizio dell’udienza preliminare che vedeva la famiglia Jackson in tribunale per appurare le responsabilità sulla morte del Re del Pop avvenuta il 25 Giugno 2009. MJ Italian Foundation non poteva restare indifferente al particolare momento ecco perché ha voluto come i fans americani, dare il suo supporto morale alla famiglia Jackson attraverso un messaggio portato da un aereo sui cieli di Cologno Monzese. La zona fu scelta proprio perché sito di studi televisivi e si voleva che il messaggio sensibilizzasse i tempi, una famiglia ha perso un proprio caro. La MJ Italian Foundation ama la verità, nessun potere politico, mediatico, economico, deve ergersi al di sopra del rispetto della vita umana.

[close]

p. 15

cesso del 2005, conclusosi con la totale assoluzione di Michael, il film girato da Nimmer presenta uno sguardo dietro le quinte della vita personale del cantante. Ma come possiamo raccontare la vita nella società di oggi? Con la pellicola? Con i documentari? Forse semplicemente con la verità dei reportage. Hai avuto diverse nomination agli Emmy… (Ndr. il più importante premio televisivo a livello internazionale) per quali filmati li hai ricevute? "Uno era un breve documentario intitolato "Tony Melendez" trattava di un musicista senza braccia che suonava la chitarra con le dita dei piedi. L'altro è stato chiamato "Sulle orme di Pietro e Pao“Penso che il giornalismo investigativo sia un bene... perché è molto di più di un notiziario che dedica alle storie meno di 3 minuti.” Filmati: le verità ai processi del 2005 lo", raccontava la storia di Roma cristiana.” Come organizzi il lavoro? "Beh, cerco di lavorare almeno 8 ore al giorno e in alcuni fine settimana... ma anche di divertirmi e mi prendo pause per il caffè e per il pranzo. Faccio tutto ciò che è necessario per ottenere il massimo per i miei clienti e non mi risparmio a Larry Nimmer ha iniziato la sua carriera come produttore tv per la CBS, tv di San Francisco. Da allora ha realizzato video musicali per le trasmissioni di MTV, documentari e una varietà di altri programmi e spot promozionali. Nimmer veste i panni di produttore, regista, cameraman, sceneggiatore e montatore video. Come specialista nella produzione di video per uso legale nelle aule di tribunale, ha guadagnato un accesso senza precedenti a Neverland Ranch, tenuta di Michael Jackson in Santa Ynez Valley. Insinuazioni e pettegolezzi sono sempre stati sinonimo dell’immagine pubblica della Pop Star, nel prospendere anche tutta la notte se necessario, per ottenere un buon risultato.” Cosa pensi del giornalismo investigativo? "Penso che il giornalismo investigativo sia un bene... perché è più di un notiziario che dedica spesso alle storie meno di 3 minuti. Inoltre deve essere leale verso il soggetto e gli spettatori." Come hai fatto a realizzare il film su Neverland, il Ranch di Jackson durante il processo del 2005? 15

[close]

Comments

no comments yet