Catanzaro City Magzine APRILE 2014

 

Embed or link this publication

Description

Mensile di attualità, informazione, sport, rubriche e servizi utili

Popular Pages


p. 1

Mensile di informazione, attualità, cultura, sport, rubriche e serizi utili. Anno II n.ro 11 aprile 2014 € 0,30 La Torre Cavallara ILARIA FARAGÒ La grande bellezza ...di casa nostra! GIOVANNI MARZIANO Realismo lirico del Caduceo Il giuramento e la Fondazione

[close]

p. 2

2 APRILE 2014

[close]

p. 3

L’editoriale di Pino Ruggiu SOMMARIO Mensile di informazione, attualità, cultura, sport, rubriche e servizi utili - Anno II - aprile 2014 - n.ro 11 T Decisione sofferta! utte le volte che porto il giornale appena uscito nelle varie edicole o nei bar dove in genere lo trovate, noto con piacere che la gente si avvicina subito per prenderne una copia. Qualcuno però e sono tanti, ho constatato che ne prende più di una. Come mai? Perchè è gratis, oppure (e voglio augurarmelo!) per farlo avere a qualche amico, fuori città o fuori regione? Vai a saperlo! C’è poi l’episodio di un signore che dopo avermi “lavorato ai fianchi” per mesi (voleva pubblicato un suo articolo), mi ha talmente sfinito, che alla fine ho accettato di pubblicarglielo. Mai l’avessi fatto, perchè quando è uscito il numero, gli edicolanti mi hanno detto che questi ha fatto letteralmente incetta di copie, prendendone “mazzi” interi... Ma l’episodio che mi ha particolarmente colpito è stato quando, un giorno che ero seduto al bar con un amico, ho notato un signore che appena entrato, si direge verso l’espositore del giornale, ne prende una copia e si siede proprio vicino a noi. E fin qui... Dopo una decina di minuti si alza e va verso l’uscita, non prima però di aver buttato il giornale nel bidone della spazzatura! Io e quell’amico ci siamo guardati in faccia esterrefatti, pensando sicuramente la stessa cosa. Poteva benissimo portarselo a casa, o lasciarlo sul tavolino, oppure riporlo di nuovo nell’espositore! Ma buttarlo nella spazzatura... Perchè? Mi è venuto spontaneo pensare, che se questi signori, avessero sborsato anche un solo centesimo, non si sarebbero di certo comportati così. Inevitabile quindi la (sofferta) decisione di dargli un valore, quasi simbolico: solo 30 centesimi! Una richiesta davvero irrisoria, che spero condividerete ma che di sicuro frenerà un certo malcostume. Buona lettura. (pinoruggiu.posta@gmail.com) NEWS MUSICA 4. Evvai, ce l’abbiamo (quasi) fatta! 26. Non seguitemi, vi perdereste... nel tempo! 6. Il giuramento e la fondazione del Caduceo 28. Amore di gruppo: Jordan Sax Group 9. Un nuovo presidente all’Unpli 29. Anfisia Letyago DJ 10. Servizio gratuito dal patronato Acli IN CUCINA 11. Parte da Catanzaro il Cammino di Porto 30. A tavola con Anna Aloi: Gli asparagi 13. Il premio Alda Merini 14. Giocare coi numeri SALUTE 16. Nonostante tutto 32. La dieta della mela PERSONAGGI 33. Hai naso? 18. Ilaria Faragò, la grande bellezza 34. Le allergie ...di casa nostra! ARTE 22. Il realismo lirico di Giovanni Marziano LUOGHI 24. La Torre Cavallara Catanzaro City Magazine È un periodico indipendente e apartitico. La collaborazione è libera e gratuita, gli articoli rispecchiano l’ideologia e il pensiero degli autori, i quali se ne assumono pienamente la responsabilità. Garantiamo a tutti, diritto di replica. La redazione si riserva di rifiutare eventuali articoli che ritiene non idonei alla linea editoriale del giornale. UTILITÀ 35. Farmacie di turno 36. Voli Sacal Lamezia Airport 37. Orari Bus A.M.C. Direttore editoriale: Pino Ruggiu pinoruggiu.posta@gmail.com Direttore responsabile: Pino Ranieri Relazioni esterne: Maurizio Comito Grafica e impaginazione: www.ruggiu.blogspot.it Stampa Stampasud s.r.l. Lamezia Terme (Cz) Per la pubblicità: Tel. 0961.702315 - 335470145 Per numeri arretrati: Tel. 0961.702315 - 335470145 citymagazineinfo@gmail.com Hanno collaborato: Anna Aloi, Giovanni Corrado, Luca Cirillo, Vincenzo Defilippo, Michel Dessi, Gil, Julia Garcia, Elisa Giovene, Giuditta Mattace, Giulia Panzarella, Antonio Perri, Anna Rotundo. I collaboratori di cui sopra, la cui partrecipazione è libera e occasionale, non sono membri della redazione e cedono a titolo gratuito ogni tipo di diritto, ivi compreso quello d’autore, dell’articolo pubblicato. L’Editore si dichiara pienamente disponibile a valutare - e se del caso regolare le eventuali spettanze di terzi per la pubblicazione di immagini e testi di cui non sia stato possibile reperire la fonte. Abbonamenti: N.B. (Gli importi comprendono anche le spese di spedizione.) Semestrale (6 numeri) euro 10,00; Annuale (12 numeri) euro 20,00; Abbonamenti sostenitore: N.B. (Gli importi comprendono anche le spese di spedizione e i redazionali (*) omaggio.) Editore: Giuseppe Ruggiu Redazione: Via Skilletyon, s.n.c. - Borgia (Cz); citymagazineinfo@gmail.com Tel. 0961.702315 - 335470145 Registrazione: Trib.di Cz, n.ro 314 del 16/4/2013 Silver (*1) (12 n.ri) euro 100,00; Gold (*2) (12 n.ri) euro 200,00; Platinum (*3) (12 n.ri) euro 300,00 Modalità sottoscrizione: Bonifico bancario c/o Conto BancoPosta Cod. IBAN: IT97 O 0760104400000044106292 Cod. Bic/Swift: BPPIITRRXXX Causale: Nome e cognome/tipo abbonamento APRILE 2014 3

[close]

p. 4

NEWS Evvaiii! Ce l’abbiamo (quasi)fatta C’è mancato poco, ma ce l’abbiamo fatta! Stavamo per perdere uno dei nostri primati, quello dell’apatia! di PINO RUGGIU I primi di marzo abbiamo tentato l’esperimento di sfatare una peculiarità che ci caratterizza: l’apatia! La bieca manovra è cominciata con la pubblicazione su Facebook, di una lettera aperta (vedi box) dove abbiamo cercato in tutti i modi di sensibilizzarvi, affinchè offriste un “piccolo” segnale di sostegno al nostro giornale. Il rischio era grosso, perchè avevamo deciso di chiedere un solo euro, una tantum perdippiù. Anche il più “lindina” ci sarebbe cascato... 4 FEBBRAIO/MARZO 2014

[close]

p. 5

NEWS Cosa si compra oggi con un euro? Nulla! Neanche un quotidiano! Abbiamo ovviamente calcato la mano, cercando anche di motivare questa richiesta, raccontando che quando abbiamo avuto l’idea di fare questo giornale, pensavamo a qualcosa di utile quanto dilettevole, che fosse la voce delle istituzioni, degli enti, delle aziende pubbliche e soprattutto di tutti quei cittadini che avessero qualcosa da dire o da esprimere. Volevamo che fosse un mezzo che parlasse della città e dei vari personaggi che la rappresentano (a qualsiasi titolo), senza però mai scadere in critiche e/o posizioni politiche. Volevamo che fornisse anche tanti servizi. Volevamo insomma, dare a tutti uno strumento che mancava. Gratis! Per convinere anche i più tosti, ci siamo anche pianti un po’, spiegando che per fare tutto questo, sosteniamo costi non indifferenti, senza ricevere alcun contributo pubblico, contando solo su qualche imprenditore che, dimostrando di credere in noi, ha deciso di investire in pubblicità sul nostro giornale, ma non senza farci faticare al momento dei pagamenti... Ce l’abbiamo messa tutta per trarre in inganno anche il più smaliziato dei nostri concittadini, sicurissimi che un bel numero, violentando la naturale apatia, facesse un gesto di generosità sfatando miseramente questa diceria... Già pensavamo con orrore a quanti si sarebbero fatti fregare da questa subdola provocazione! Ovviamente, abbiamo anche fatto un po’ di conti e pensato che in fondo... un euro per uno, alla fine sono soldi, e tanti! Solo considerando il numero dei lettori e quello di tutti gli iscritti al gruppo “Sei di Catanzaro se...” e quello di chissà quanti altri, un’operazione del genere avrebbe potuto fruttare alle casse del nostro giornale, una somma tutt’altro che trascurabile. Si parla di almeno 20/30 mila probabili sostenitori! “Ajaddina”, proprio un bel gruzzolo! ...E chissà quanti avranno fatto lo stesso ragionamento! Con questi rosei presupposti, subito dopo aver “postato” in rete il nostro messaggio, che aveva per titolo: “E mo vidimu quantu siti!”, abbiamo atteso che comparissero i primi commenti, che inaspettatamente arrivano già da subito, ma per fortuna erano solo due amici che, plaudivano l’iniziativa. Ma per un momento abbiamo temuto il peggio. Dove avevamo sbagliato? Possibile che abbiamo pensato a male e stavamo per essere clamorosamente smentiti? Dov’è finita la nostra inarrivabile apatia? Ma per fortuna, man mano che passavano i giorni, ci siamo accorti che il messaggio, tolti una ventina di “mi piace”, veniva ignorato dai più, tanto che non è stato neanche “condiviso”, non sia mai, avrebbe significato anche solo averlo letto! Eravamo convinti che ci sareste cascati, ma per fortuna non vi siete fatti ingannare dalle nostre motivazioni e avete tenuto duro! Nonostante i nostri sforzi per “provocarvi”, avete resistito! Complimenti davvero. Alla fine volete sapere su 20/30 mila probabili ipotetici sostenitori, in quanti hanno risposto? In 20.000? Nooo. 10.000? Neanche. 5.000? Macchè. Ad onor del vero non sono stati neanche 1.000, ne 500, 100 e neanche 10. Sono stati in... 4! Quattro “signori” che meriterebbero di essere additati al pubblico ludibrio per aver “sporcato” quello che poteva essere un vero e proprio primato. Ma è certo che sono catanzaresi? Sarcasmo a parte, ci siamo davvero vergognati di questo comportamento, che accomuna anche noi beninteso, perchè non ci tiriamo certo fuori, in fondo pigrizia, apatia, indolenza e invidia, sono nel nostro DNA. A verità! Ogni fine mese sentiamo forte la Vostra presenza, che si manifesta con un’affettuosa sequela di telefonate ed email, tutte con la stessa richiesta: “Ma quando esce il nuovo numero?”. Al momento della distribuzione, poi, veniamo rimproverati dagli edicolanti anche loro fatti oggetto della stessa domanda. E non è finita, perché l’iter riprende con i primi del mese, questa volta per chiederci come possono fare per averne una copia visto che non ne trovano più in giro, concludendo sistematicamente con: “...ma perché non aumentate le copie?”. Questo giornale è stampato in ben 10.000 copie, insufficienti per una popolazione di circa 80.000 abitanti, lo sappiamo benissimo... ma cosa possiamo farci? I notevoli costi che affrontiamo ad ogni uscita, solo per dare Gratuitamente uno strumento che parla alla città... della città, che dà voce a chi ce la chiede e che fornisce anche tanti servizi utili, sono solo in parte coperti dalle entrate pubblicitarie e questo non farete fatica a crederlo, visto il momento particolare che stiamo attraversando e le difficoltà che hanno tutte le aziende ad incassare. Quindi a pagarci! Vogliamo inoltre precisare che NON riceviamo nessun tipo di aiuto da enti e/o istituzioni, questo nonostante forniamo loro un servizio che gli stessi non hanno esitato a definire (bontà loro) “eccellente” e che quindi, più che di contributo avrebbero dovuto intenderlo come un compenso! Pazienza, quando abbiamo avuto questa idea, non pensavamo certo che ci saremmo “arricchiti” con loro, anzi siamo orgogliosi di non aver nessun “CINGHIALE” che ci copra le spalle. E visti i tempi, mai ne vorremo! Vogliamo poi parlare dell’assoluta insensibilità, oltre che della totale mancanza di elasticità dei vari tipografi, cui ci siamo imbattuti? Questi, purtroppo, badano solo a far quadrare i loro conti, come dargli torto. Abbiamo anche provato a pagare con i Vostri “complimenti”, ma hanno sempre preteso i soldi! Ma vogliamo tranquillizzarvi, perché nonostante le grosse difficoltà, siamo fermamente decisi a continuare in questa avventura e a garantire la nostra presenza puntualmente ogni mese. Se sarà necessario, usciremo in forma ridotta, magari distribuendo il giornale solo nelle edicole, ma siamo certi che ci comprenderete. Se dovesse succedere, sarebbe comunque una decisione sofferta quanto necessaria, a meno che... A meno che non accettiate una... “provocazione”, quella di dimostrarci simbolicamente, ma tangibilmente, il Vostro interesse e visto anche che tanti ci hanno fatto notare che adesso ha un certo peso ed una certa responsabilità, perché percepito ormai, come “patrimonio della città”! E allora, siete disposti a fare la Vostra parte ed investire UNA TANTUM, per questo progetto, la somma di...“UN EURO”? Si, avete capito bene, solo un euro! E solo per una volta. Sappiamo benissimo che a conti fatti, è una provocazione per modo di dire, visto che siete in tanti ed un euro per uno... Siamo sinceri, non ci illudiamo più di tanto, perché alla fine sappiamo che prevarrà la nostra atavica indolenza di chi si aspetta che le cose le facciano sempre gli altri. Ma vogliamo crederci lo stesso! In fin dei conti in occasione dell’iniziativa “Sei di Catanzaro, se...”, abbiamo dimostrato a tutti di sentirci una cosa unica e di provare un forte senso di “appartenenza” alla città. Potrebbe essere l’occasione per metterci tutti alla prova, noi la nostra parte la stiamo già facendo e siamo curiosi di vedere quanti risponderanno a questo invito, anzi per dirla alla catanzarese... “Mo vidimu quantu...city!” Per chi volesse dare questo “segno”, può farlo ricaricando la Postapay n.ro XXXXXXXXXXXXX, oppure effettuando un bonifico intestato a Giuseppe Antonio Ruggiu, cod IBAN: XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX. Sono operazioni effettuabili on-line e perfettamente tracciabili. Naturalmente, ve ne saremo grati e riconoscenti.” Nelle due immagini sotto il titolo, copia degli estratti conto a testimonianza dei versamenti ricevuti: due da 10,00 euro, sul conto Bancoposta ed uno da 4,00 euro, sulla carta Postapay, per un totale di 24,00 euro a cui vanno aggiunte altre 10,00 euro consegnate di persona. Per un totale di ben... 34 euro, solo da quattro persone! Sarebbe stato comunque un successo e forse avrebbe lenito un tantino l’amarezza, se la stessa cifra l’avessimo ricevuta da 34 persone! LETTERA APERTA AI LETTORI DI CATANZARO CITY MAGAZINE • APRILE 2014 5

[close]

p. 6

NEWS Il giuramento e la Fondazione del Caduceo naturale e consequenziale evoluzione della stretta e proficua collaborazione tra l’Ordine Professionale dei Farmacisti, Federfarma Catanzaro e l’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro, che da anni ha contribuito alla formazione d’eccellenza delle conoscenze e delle competenze necessarie alla moderna figura professionale del farmacista. Le specifiche competenze acquisite dagli studenti, non solo durante il percorso formativo svolto all’interno delle strutture didattiche della Facoltà, ma anche durante il periodo di tirocinio presso le varie sedi farmaceutiche della provincia, hanno permesso di creare una figura professionale di qualità, che ha piena corrispondenza sia a livello del territorio regionale che nazionale, garantendone un rapido inserimento nel mondo professionale/lavorativo. Questa stretta collaborazione ha generato la consapevolezza che aspetti fondamentali ed imprescindibili da ricercare nella formazione delle future figure professionali sono la qualità, l’eccellenza e la meritocrazia. Pertanto, per creare una coscienza studentesca basata su questi valori formativo-professionali I Si è svolta la V edizione della Cerimonia del Caduceo. Sempre nel corso della serata è stata presentata l’omonima Fondazione e per stimolare le future figure professionali sempre ad un maggior impegno formativo, si è pensato, di concerto tra le tre istituzioni, di valorizzare i percorsi di eccellenza istituendo dei premi di laurea da parte dell’Ordine e di Federfarma, per i migliori laureati di ogni anno solare. Durante la serata, oltre al giuramento solenne, prestato dai 44 neo iscritti all’Ordine nell’anno 2013, ai quali è stata consegnata la pergamena di benvenuto con il caduceo d’argento, sono state pertanto consegnate le borse di studio a tre neo laureati presso l’Università degli Studi di Catanzaro, distintisi per il loro percorso universitario coronato con la lode. Il premio di laurea è stato conferito ai dottori Antonino Scarcella, Isabella Romeo e Daniele Palazzo. Durante la serata è stata inoltre premiata con il caduceo d’oro, opera del maestro orafo Vincenzo Mellace, la dott.ssa Alberta Talarico per i quarant’anni di iscrizione all’Albo dei farmacisti. Proseguendo con il cerimoniale, è stata la volta del Ministro per gli Affari Regionali dottoressa Maria Carmela n un clima di armonia e allegria, si è svolta, giorno 15 marzo presso l’Hotel Guglielmo in Catanzaro, la quinta edizione della Cerimonia del Caduceo. L’evento, organizzato dall’Ordine Provinciale dei Farmacisti e dalla Federfarma Catanzaro, ha visto l’intervento di prestigiose personalità civili e militari, tra cui la dott.ssa Maria Carmela Lanzetta Ministro per gli Affari Regionali, S.E. il dott. Raffaele Cannizzaro Prefetto di Catanzaro, il dott. Vincenzo Carella Questore di Catanzaro, e il Col. Ugo Cantoni Comandante Provinciale dei CC, oltre ad una nutrita presenza di figure politiche locali e regionali che ormai da molte edizioni presenziano con viva e costruttiva partecipazione alla cerimonia. Non hanno potuto partecipare per imprevisti impegni istituzionali , pur confermando l’affetto che li lega alla categoria con un gradito saluto, i senatori Andrea Mandelli, Luigi D’Ambrosio, l’On. Wanda Ferro Commissario Straordinario della Provincia di Catanzaro, nonché il dott. Alfonso Misasi Segretario Federfarma Nazionale. L’iniziativa che rappresenta, quasi, la 6 APRILE 2014

[close]

p. 7

NEWS Lanzetta a cui è stato consegnato, dai dottori Vitaliano Corapi e Vincenzo Defilippo, il riconoscimento “Il Caduceo” , opera del maestro orafo Attilio Benincasa, per l’integrità morale e professionalità che l’hanno sempre contraddistinta nella sua attività di farmacista e sindaco di Monasterace. Altra importante iniziativa, nella lunga e piacevole serata, è stata la presentazione della “Fondazione il Caduceo” da parte del Presidente dottor Carlo Barbalace. La Fondazione nata da una iniziativa di alcuni colleghi farmacisti che credono sinceramente nei professionisti sanitari calabresi, attraverso il loro costante aggiornamento tecnico, scientifico e culturale, promuovendo la realizzazione di iniziative rivolte alla formazione, alla qualificazione e all’orientamento professionale nella nostra regione. Istituita nel marzo 2013, la Fondazione ha ottenuto, nel giugno dello stesso anno, l’iscrizione presso il Registro Regionale delle persone Giuridiche Private della Regione Calabria, quale Ente di Aggiornamento e Assistenza Professionale dei Farmacisti Titolari, dei Laureati in Farmacia, Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, dei Laureati in Medicina, e Medicina Veterinaria, della Regione Calabria. Per garantire i migliori standard qualitativi per tali attività, nel gennaio dello stesso anno, ha ottenuto la certificazione EN ISO 9001:2008 per la formazione. La Fondazione, che non ha fini speculativi ne lucrativi, ha ottenuto l’adesione della Federfarma Catanzaro ed il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti e dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Catanzaro. Le iniziative formative sono state esaustivamente spiegate nell’intervento del Prof. Rocco Reina, Componente del Comitato Scientifico della Fondazione. Conclusivo l’intervento del Prof. Massimo Fresta, Coordinatore del Comitato Scientifico , che nell’annunciare l’istituzione del premio “Fondazione il Caduceo” ha reso noto i nomi dei tre eminenti professionisti sanitari vincitori del premio. Il Ministro dott.ssa Maria Carmela Lanzetta ha provveduto di seguito a consegnare il Premio “Fondazione il Caduceo” al Prof. Stefano Molica, al Prof. Alessandro Fioretti, ed al Prof. Giorgio Sesti, eccellenze nel campo sanitario, per la loro alta professionalità espresse nel territorio calabrese. Negli interventi conclusivi il dott. Vitaliano Corapi ha tenuto a sottolineare come i farmacisti non abbiano trascurato negli ultimi anni di collaborare fianco a fianco sia con le Autorità Sanitarie, Regione e ASP, per ottimizzare l’uso di risorse economiche sempre più esigue, cercando sempre di evitare che le difficoltà finanziarie degli enti preposti potessero ripercuotersi sull’(segue) Premiati i tre eminenti professionisti sanitari, per la loro alta professionalità svolta sul campo APRILE 2014 7

[close]

p. 8

NEWS incolpevole cittadinanza, sia con la Facoltà di Farmacia - Università Magna Graecia di Catanzaro - per organizzare corsi in grado di garantire a tutti, la possibilità di accedere ai crediti formativi oltre che a predisporre programmi organici in grado di ricoprire l’intero territorio. “Tutto ciò - ha tenuto a precisare il dott. Corapi - con l’obiettivo di assicurare ai propri assistiti quello standard qualitativo che i farmacisti si sono prefissati di garantire su tutto il territorio nazionale e che riscuote un costante generale apprezzamento”. Per il Prof. Massimo Fresta: “Le specifiche competenze acquisite dagli studenti, non solo durante il percorso formativo svolto all’interno delle strutture didattiche della Facoltà, ma anche durante il periodo di tirocinio presso le varie sedi farmaceutiche della provincia, hanno permesso di creare una figura professionale di qualità, che ha piena rispondenza sia a livello del territorio regionale che nazionale, garantendone un rapido inserimento nel mondo professionale/lavorativo”. Per il dott. Vincenzo Defilippo: “La professione di farmacista, senza voler fare retorica, è sicuramente non facile. Una professione che richiede costantemente un impegno e uno spirito di sacrificio - oserei dire - a volte disumano, per farsi trovare sempre pronto a rispondere alle più disparate e pressanti richieste di salute dei nostri concittadini ma che, allo stesso tempo, è anche in grado di dare tante soddisfazioni, piccole e grandi, proprio nel quotidiano contatto con gli assistiti. In quest’ottica, le borse di studio che sono state consegnate devono essere accolte come un concreto primo incoraggiamento ad intraprendere la professione di farmacista, nella certezza che i sacrifici che richiederà troveranno, in un modo o nell’altro, un giusto riconoscimento. La farmacia è sempre stata uno dei presidi più efficienti del Servizio sanitario nazionale, ma con i nuovi servizi è stato rafforzato ed ampliato il ruolo della farmacia, al punto da essere considerata uno dei fulcri intorno al quale costruire il futuro dell’assistenza sanitaria. La nuova farmacia dei servizi racchiude senza dubbio potenzialità enormi, forse nemmeno del tutto immaginabili, in vista delle quali la categoria ha delineato grandi iniziative che verranno molto presto concretizzate”. Ha concluso la Dott.ssa Maria Carmela Lanzetta – Ministro Affari Regionali. Il ministro, partendo dalla propria Nelle foto della pagina precedente, a cominciare dal basso a sinistra, in senso orario: Dott. Carlo Barbalace; Prof. Rocco Reina; Dott. Vincenzo Defilippo e Dott. Vitaliano Corapi, mentre consegnano il Caduceo al ministro Lanzetta; I prof.ri Alessandro Fioretti, Stefano Molica e Giorgio Sesti, mentre ricevono il premio dal ministro Lanzetta; Il tavolo dei relatori; Il pubblico con le autorià in prima fila esperienza di farmacista rurale, ha incoraggiato i colleghi a proseguire sulla strada del potenziamento dei servizi in favore dei cittadini, esprimendo la volontà di essere un ponte tra le istanze del territorio e il livello centrale, affinchè la farmacia continui a operare nel migliore dei modi. “Nel nostro settore - ha osservato Lanzetta - le regole servono a rendere ugualmente affidabile e efficiente il servizio fornito da una piccola farmacia sperduta come da quella nel centro di una grande città. Le farmacie private da sempre operano in uno spirito di servizio pubblico al cittadino”. Un ringraziamento speciale, infine , è stato rivolto al dott. Antonio Perri, Funzionario dell’Ordine dei Farmacisti, nonché componente del C.d.A. della Fondazione, che ha saputo ottimamente districarsi nell’organizzazione complessa della manifestazione. • 8 APRILE 2014

[close]

p. 9

Un nuovo presidente all’Unpli di GIUDITTA MATTACE* NEWS Inoltre, Capellupo ha nominato Pietro Grande della Pro Loco di Montauro - responsabile del Portale provinciale UNPLI, che a breve sarà arricchito nei contenuti. Pressocchè totalmente rinnovato ed eletto alla successiva riunione è il nuovo consiglio direttivo, composto da: due vice-presidenti, Michele Bruni (Pro loco Miglierina) e Anna Catanzaro (Curinga-Acconia); segreteria Amministrativa e Tesoreria Angelino Greco (Cropani); Segreteria Daniela Cristofaro (Squillace). Gli altri componenti del comitato provinciale sono: Elisabetta Garieri (Pro Loco di Argusto); Pietro Piroso (Badolato); Margherita Scalfaro (Cortale); Pietro Grande (Montauro); Saverio Rocchino (Nocera Terinese); Rosetta Mazza (San Pietro Apostolo); Domenico Colosimo (Soveria Mannelli). Per il Collegio dei Revisori dei Conti ci sono: presidente, Peppino Muraca (Pro Loco di Petrona’); membri: Andrea Cosco (Amato), Pietro Scicchitano (Girifalco) e Pietro Maida (Sellia Marina). Per il Collegio dei Probiviri: presidente, Antonio Verre (Settingiano); membri: Giuseppina Fragale (Gizzeria) e Domenico Marinaro (San Pietro a Maida). I consiglieri regionali eletti, invece, sono: Monia Barbieri (Caraffa - Arbereshe), Francesco Costabile (Maida), Vitaliano Marino (Pentone) e Giovanna Scalese (Martirano). In occasione dell’elezione di Capellupo, V. Ruberto nel suo accorato intervento ha sottolineato il nuovo ruolo che le Pro Loco dovranno svolgere, con comunione di intenti, e facendo sempre più “rete” tra loro. Inoltre egli si è detto “inorgoglito per l’unanimità nella scelta del presidente provinciale” , evidenziando l’attestato di stima dimostrato da parte di queste ultime nei confronti del neo eletto, con cui si trova in forte sintonia. “Sono certo - ha concluso il presidente regionale che i due livelli (provinciale e regionale) collaboreranno proficuamente”. Capellupo da parte sua si è detto onorato di presiedere una forza associativa così utile per il nostro territorio e per la promozione del turismo calabrese, ricordando come nel tempo le Pro Loco siano diventate sempre più punto di riferimento per la collettività. Ha precisato, inoltre, che il suo impegno sarà da subito rivolto alla realizzazione di progetti concreti, non solo in un’ottica prettamente turistica ma anche in termini di più servizi da offrire a soci ed turisti. Al nuovo comitato provinciale auguriamo buon lavoro. (*Portavoce provinciale UNPLI) Filippo Capellupo presidente provinciale dell’Unpli e la sua nuova squadra È stato scelto all’unanimità dei presenti il dott. Filippo Antonio Capellupo per guidare il Comitato provinciale di Catanzaro dell’Unione Nazionale delle Pro loco Italiane (UNPLI), per il prossimo biennio. Già presidente della Pro Loco di Catanzaro, nonchè per 9 anni assessore al Turismo, Attività produttive e Sport per la Provincia di Catanzaro, Capellupo, conosciuto come Pippo, è stato eletto per guidare le 50 associazioni turistiche di promozione del territorio iscritte all’Unione, subentrando al dimissionario Vincenzo Ruberto (oggi presidente regionale UNPLI). All’assemblea provinciale per il rinnovo degli organismi UNPLI (il Comitato provinciale appunto ma anche i consiglieri regionali), tenutasi lo scorso mese di Febbraio a Catanzaro, erano presenti anche il cons. reg. Mario Magno - che sta seguendo l’iter della legge regionale sulle Pro Loco in discussione in Consiglio regionale - nonché il dott. Emilio Verrengia, segretario generale dell’AICRE (ass. consigli dei comuni e delle regioni d’Europa), lo stesso pres. Ruberto ed il vice presidente regionale dell’UNPLI, Pino Maiuli, oltre ad essere pervenuti i saluti di diversi personaggi rappresentativi a livello regionale, provinciale e nondimeno comunale. Il neo presidente Capellupo ha da subito nominato Portavoce provinciale dell’UNPLI l’avv. Giuditta Mattace, già componente del direttivo della Pro Loco di Pentone, istituendo anche un apposito Ufficio stampa - dalla stessa G. Mattace diretto - che si occuperà, tra l’altro, di veicolare le informazioni tra le varie Pro Loco del territorio. • APRILE 2014 9

[close]

p. 10

Un servizio gratuito dal Patronato Acli Servizio gratuito di consegna mod. CUD e certificato ObisM, comodamente scaricabili dal proprio computer NEWS A 18 milioni di pensionati non saranno più spediti a casa i modelli CUD e ObisM, il certificato annuale della pensione. Sarà il pensionato stesso a doversi attivare per scaricarli e stamparli tramite il sito istituzionale dell’Inps o richiederli tramite canali alternativi. La misura è imposta dalla legge di stabilità 2013 la quale ha previsto che le Pubbliche Amministrazioni utilizzino la modalità telematica per l’invio di comunicazioni e certificazioni al cittadino allo scopo di abbattere tempi e costi di consegna. Oltre a questo e altri canali, i cittadini possono ottenere i modelli CUD e ObisM avvalendosi del servizio offerto dagli Enti di Patronato. Il servizio del Patronato Acli è gratuito ed è rivolto a tutti i pensionati e ai cittadini che hanno ricevuto nel 2013 prestazioni a sostegno del reddito quali la disoccupazione o la mobilità. Sono abilitati a rilasciare il modello CUD anche i Centri di Assistenza fiscale, come il CAF-Acli, presso i quali il pensionato si potrà rivolgere per le dichiarazioni dei redditi o fiscali. Tra le altre novità, anche quest’anno l’Inps ha elaborato un modello CUD unificato, che attesta in un’unica certificazione tutti i redditi derivanti da pensioni erogate dall’Inps stesso o dagli altri Enti previdenziali Inpdap, Ipost ed Enpals. Anche questo modello sarà reso disponibile solo per via telematica. Si tratta d i un certificato utile per verificare la correttezza dell’importo della pensione in pagamento. In esso si trovano indicate tutte le informazioni riguardanti l’adeguamento dell’importo della pensione al costo della vita, la tassazione mensile applicata (trattenute Irpef, addizionali regionale e comunale) e le detrazioni fiscali riconosciute. Uno specifico riquadro riporta l’importo mensile spettante per l’anno in corso specificando gli eventuali benefici accessori (trattamenti di famiglia, maggiorazioni sociali e incremento della maggiorazione al “milione”) e le diverse trattenute operate (le quote di pensione non cumulabili con redditi, l’eventuale contributo associativo, ecc.). MODELLO ObisM ONLINE IL MODELLO CUD 2014 INAIL Il lavoratore, a cui è stata corrisposta direttamente dall’Inail l’indennità economica giornaliera per un periodo di inabilità temporanea assoluta al lavoro, conseguente ad infortunio o a malattia professionale in fase acuta, è tenuto a versare l’imposta fiscale per il reddito complessivamente percepito nell’anno. Dal 2013, anche l’INAIL, come previsto dalla Legge di stabilità per tutte le Pubbliche Amministrazioni, mette a disposizione la certificazione fiscale utilizzando il canale telematico ed eliminando, quindi, l’invio cartaceo. Il modello CUD, pertanto, può essere scaricato dai lavoratori interessati secondo le istruzioni pubblicate nel sito istituzionale dell’Inail. I lavoratori privi di un proprio indirizzo e-mail dovranno recarsi agli sportelli locali dell’Inail per farsi stampare il CUD. Per i lavoratori provvisti di indirizzo e-mail è invece possibile avvalersi dell’assistenza offerta dagli Enti di Patronato. Presso gli sportelli del Patronato Acli è disponibile servizio gratuito di assistenza per il collegamento telematico e la stampa del modello Cud 2014 Inail. Il Patronato Acli lo trovi a: • Catanzaro – Sede Provinciale C.so G, Mazzini, 251 – Tel 0961 741358 Soverato Via Solforino, 2 – Tel 0967 25595 Lamezia Terme Via Aldo Moro – Tel 0961 741358 10 APRILE 2014

[close]

p. 11

S NEWS A Catanzaro, due donne hanno dato inizio al “Cammino Di Porto”, un pellegrinaggio mensile non verso un Santo, ma verso quel sublime volto materno di Dio che è la Madonna e la parola “Europa” evoca oggi principalmente spread e crisi economica, troppo ci si dimentica che l’Europa dei popoli, decisamente più vera e bella di quella delle banche, si è formata lungo la strada di un immenso pellegrinaggio: quello che portava a Santiago di Campostela, luogo della tomba di San Giacomo. Questo cammino è stato il motore del primo movimento europeo di unità perché per raggiungere Santiago si sono mosse persone da ogni parte dell’Europa. Camminando hanno diffuso cultura; si sono ritrovate genti con lingue diverse che hanno imparato a parlare tra di loro; camminando si sono diffuse la cultura artistica del romanico e del gotico, le leggende e la “chanson de geste”. Camminando si è dato impulso al commercio e favorito la nascita di nuove città; lungo le strade che portavano questi viandanti del sacro, si sino aperti ospedali e confraternite per l’ospitalità, si è diffusa non solo la fede ma anche la cultura cristiana. Ancora oggi sui sentieri di Campostela passa tutto il mondo, con tanta gente che si incontra in una ricchezza infinita. Con la bellezza dei paesaggi attraversati, la natura, le città, i paesini. Con le meraviglie dell’arte e della storia. Ecco perché vale la pena camminare tantissimi giorni per arrivare alla meta, quando con l’aereo o l’auto ci si potrebbe arrivare subito: per la bellezza di una conquista faticosa, per dedicare energie a qualcosa o a Qualcuno che ci sveli chi siamo. Tutta la ricchezza spirituale, la bellezza di questo senso Parte da Catanzaro il Cammino di Porto del camminare, ha preso corpo anche in terra di Calabria: a Catanzaro, due donne hanno dato inizio al “Cammino Di Porto”, un pellegrinaggio mensile non verso un Santo, ma verso quel sublime volto materno di Dio che è la Madonna: nei primi sabati del mese si va a piedi verso la Madre di Dio venerata nella sua Basilica-Santuario di Porto, a Gimigliano. Ricordiamo l’evento fondatore del santuario di Porto, ossia l’apparizione (segue) di ANNA ROTUNDO APRILE 2014 11

[close]

p. 12

NEWS in sogno della Madonna a Pietro Gatto, nella zona di Gimigliano, avvenuta nel lontano 1751 e riconosciuta dall’allora ordinario diocesano monsignor Troyli che autorizzò il giovane a edificare la storica “Cona”, ove ancora oggi la Madonna di Porto dispensa grazie ai suoi figli.Perché se solitamente immaginiamo Dio come un Padre, incarnato nell’uomo Gesù, venerare la Madonna significa arricchire la nostra esperienza di fede con quel volto femminile e materno di Dio, quella sua presenza misericordiosa che significa accoglienza e tenerezza . Il“Cammino Di Porto” è iniziato nel 2006 e ce ne parlano le fondatrici Pina Donato e Nuccia Brofferio: “ Riflettendo sul Cammino di Santiago di Compostela e sulla forza ed il coraggio di tante persone che riescono a camminare per 800 km. pur di arrivare davanti alla tomba di San Giacomo, ci siamo ritrovate a pensare che anche al Santuario Madonna di Porto si poteva arrivare in pellegrinaggio a piedi per venerare un’immagine mariana tra le più miracolose: a pensarci bene, i Km. da percorrere a piedi erano un po’ meno di 20!Camminando, il percorso non ci sembrò molto difficoltoso e quindi decidemmo di ripeterlo: da qui l’idea di impegnarci per ogni primo sabato del mese. Pian piano il gruppo è cresciuto, e ogni primo sabato del mese, affrontando qualsiasi situazione climatica, rosario in mano, si parte! e a fine giornata, ci ritroviamo tutti più carichi e felici di prima. La devozione alla Madonna di Porto è sicuramente qualcosa che ci è stato trasmesso dalle nostre famiglie: mia madre- racconta Pina- mi ha raccontato che anche la mia nonna materna si recava a Porto ogni primo sabato del mese, ma lei da sola. E poi il posto è veramente suggestivo e il silenzio che regna, aiuta alla meditazione. Nell’ottobre del 2008, in occasione della ricorrenza della fondazione del Santuario di Porto, durante la celebrazione della Santa Messa, Don Erminio Pinciroli presentò a Mons. Cantisani il nostro gruppo e in quell’occasione il Vescovo ci consegnò i fazzolettoni con l’effige della Madonna di Porto e la scritta “Cammino di Porto” che rappresentano per noi il nostro simbolo di riconoscimento. Don Erminio è il nostro direttore spirituale e ci sta “addestrando” con le sue splendide catechesi ad affrontare al meglio il nostro cammino spirituale ed esistenziale”. 12 APRILE 2014 •

[close]

p. 13

Il premio Alda Merini NEWS A Il Capo dello Stato Napolitano, conferma all’Accademia dei Bronzi il suo segno di rappresentanza per il premio Alda Merini un’ulteriore prova della sua elevatissima qualità, ma soprattutto serietà”. Sulla stessa lunghezza d’onda è Maria Teresa Infante di San Severo (Foggia), seconda classificata lo scorso anno. “Ursini, ancora una volta - dice la poetessa - conferma grande serietà e professionalità. È sempre un onore immenso essere parte del team”. E ancora Francesco Troyli di Roma: “la medaglia del Presidente Napolitano è un riconoscimento ormai ricorrente che premia giustamente le iniziative dell’Accademia dei Bronzi e delle Edizioni Ursini”. Ma tantissimi altri poeti e pittori, tra i quali Ludovico Abenavoli, Matilde Altomare, Barbara Tarzia, Salvatore Babuscia, Giampiero Beccari, Sabina Biasuzzo, Alfredo Bianchi Scalzi, Miriam Bruni, Lorella Borgianni, Sergio Camellini, Fabrizio Carollo, Marianeve Casciello, Patrizia Caruso, Maria Rosaria Colicchio, Francesca Evoli, Colombo Conti, Therry Ferrari, Ela Gentile, Loredana Giannuzzi, Grazia La Gatta, Susanna Grimaccia, Giovanni Pistoia, Franco Maccioni, Francesca Martire, Fausto Marseglia, Veronia Mihai, Angelina Russo, Ausilia Minasi, Josè Nuzzo, Pasqal Pudano, Sofia Ruta, Maria Scruci, Paola Toto, Maria Rosaria Teni, Stefano Zangheri, condividono e sostengono gli scopi dell’iniziativa dell’Accademia dei Bronzi: persone che amano la poesia e che attraverso il premio Merini lanciano importanti messaggi d’amore e di pace. Le loro opere, già selezionate dalla giuria, saranno pubblicate nella nuova antologia del premio dal titolo “Ho conosciuto Gerico” che sarà ufficialmente presentata nel corso della cerimonia di premiazione. “La medaglia del presidente Napolitano - conclude Vincenzo Ursini - premia tutti i nostri sforzi e vale sicuramente molto di più di quei contributi pubblici che non abbiamo mai ricevuto”. nche quest’anno il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha voluto confermare la sua vicinanza al Premio “Alda Merini” di poesia, promosso dall’Accademia dei Bronzi e dalle Edizioni Ursini di Catanzaro, inviando la sua medaglia ufficiale che sarà consegnata ad uno dei vincitori della terza edizione la cui cerimonia conclusiva è programmata per sabato 3 maggio. “Tale riconoscimento - ha commentato Vincenzo Ursini premia non solo i nostri quotidiani sforzi a sostegno della cultura del nostro territorio, ma anche quelli di tutti coloro che continuano a credere nella poesia più autentica e viva e partecipano con entusiasmo alle iniziative dell’Accademia dei Bronzi. Se il premio “Alda Merini”, in sole tre edizioni, è diventato il primo concorso in Italia per numero di adesioni, è soltanto perché, sin dall’inizio, abbiamo effettuato scelte oculate, premiando solo autori di altissima qualità, spesso anche sconosciuti al grande pubblico. La medaglia del Presidente Napolitano ci stimola a continuare con determinazione sulla strada intrapresa, quella del merito; l’unica che da 30 anni ha caratterizzato l’attività culturale dell’associazione che ho l’onore di presiedere unitamente a Titta Scalise, Mario Cosco, Mauro Rechichi, Antonio Benefico, Silvestro Bressi e a tanti altri amici che quotidianamente offrono gratuitamente il loro alto contributo culturale. La conferma della grande fiducia che gode ormai tra gli addetti ai lavori il nostro sodalizio culturale arriva anche dalle pagine Facebook di nostro riferimento, sulle quali ogni giorno numerosi poeti e cultori della poesia postano centinaia di messaggi di condivisione e apprezzamento”. “Il Premio Merini - dice Maria Pia Furina di Soverato - ci dà • APRILE 2014 13

[close]

p. 14

Giocare coi numeri Al Liceo Scientifico Luigi Siciliani si gioca con la... matematica! NEWS di GIOVANNI CORRADO “L ogica, intuizione e fantasia” è lo slogan dei Giochi Internazionali di Matematica promossi dalla Bocconi di Milano. Lo slogan vuole comunicare con immediatezza che i giochi sono delle gare matematiche ma che, per affrontarle, non è necessaria la conoscenza di nessuna formula e nessun teorema particolarmente impegnativo. Occorre invece una voglia matta di giocare, un pizzico di fantasia e quell’intuizione che fa capire che un problema apparentemente molto complicato è in realtà più semplice di quello che si poteva prevedere. Un gioco matematico è un problema con un enunciato divertente e intrigante, che suscita curiosità e la voglia di fermarsi un po’ a pensare. Meglio ancora se la stessa soluzione, poi, sorprenderà per la sua semplicità ed eleganza. Concretamente, i “Campionati internazionali di Giochi matematici” sono una gara, articolata in tre fasi: le semifinali (che si sono tenute nelle diverse sedi il 22 marzo 2014 tra cui Catanzaro), la finale nazionale (che si svolgerà a Milano, in “Bocconi”, il 10 maggio 2014) e la finalissima internazionale, prevista a Parigi a fine agosto 2014. In ognuna di queste competizioni (semifinale, finale e finalissima internazionale), i concorrenti saranno di fronte ad un certo numero di quesiti (di solito, 8-10) che devono risolvere in 90 minuti (per la categoria C1) o in 120 minuti, per le altre categorie. La storia dei “Campionati” comincia a essere... lunga. Quella del 2013-14 è la ventottesima edizione del mondo e la ventunesima edizione organizzata in Italia (sempre dal Centro PRISTEM dell’Università “Bocconi”). Nel mondo sono più di 200.000 che si sfidano, negli stessi giorni e con gli stessi “giochi”. Sono concorrenti di 4 continenti che provengono da Francia, Italia, Tunisia, Marocco, Niger, Russia, Ucraina, Svizzera, Belgio, Polonia, Lussemburgo, Canada, ecc. In Italia, alla prima edizione, parteciparono poco più di 400 “giochisti”; gli iscritti all’edizione 2012-2013 sono stati oltre 45.000! Le difficoltà dei “giochi” sono previste in funzione delle diverse categorie: C1, per gli studenti di prima e seconda media; C2, per gli studenti di terza media e prima superiore; L1, per gli studenti di seconda, terza e quarta superiore; L2, per gli studenti di quinta superiore e del primo biennio universitario; GP, “grande pubblico” riservato agli adulti, dal 3° anno di Università... ai classici 99 anni di età!. A Catanzaro lo scorso anno sono stati 900 i “giochisti” provenienti da tutta la provincia e ancora da fuori provincia. È il terzo anno consecutivo che circa 60 alunni di Mormanno Calabro (CS) accompagnati dalla professoressa Santina D’Alessandro si sobbarcano 2 ore e mezza di autobus per venire a svolgere i giochi presso il Liceo Scientifico L. Siciliani brillantemente diretto dalla Dirigente Scolastica prof.ssa Silvana Afeltra, e presso l’Istituto Comprensivo Pascoli-Aldisio diretto dalla dott.ssa Maria Murrone. Responsabile provinciale per Catanzaro, il prof. Giovanni Corrado, docente di Matematica e Fisica presso il Liceo Scientifico L. Siciliani che si avvale della preziosissima collaborazione delle prof.sse Kira Sculco e Annamaria De Marco ex docenti della Pascoli. Ma per gli alunni di Catanzaro finalisti per Milano, prima del viaggio in Lombardia, c’è un appuntamento importante fortemente voluto ed organizzato dal prof. Corrado. Il 30 aprile 2014 alle ore 15.00 presso la sala “Il Cenacolo” dell’Istituto Tecnico Industriale “E.Scalfaro” di Catanzaro, si terrà il Sesto Premio Ugo Libri indimenticato Preside anche del Liceo Scientifico “L.Siciliani”, nonché grande uomo di cultura che tanto ha dato alla città di Catanzaro. Durante la manifestazione, in suo ricordo si svolgerà la premiazione dei finalisti nazionali dei Giochi Internazionali di Matematica che giorno 10 maggio, difenderanno i colori di Catanzaro alla finale Nazionale preso la Bocconi di Milano. 14 APRILE 2014

[close]

p. 15

NEWS Gli alunni finalisti, accompagnati da genitori, referenti e docenti della scuola di appartenenza, riceveranno ricchi premi offerti da importanti sponsor della città. Lo scorso anno sono stati messi in palio, come primo premio: 4 Tablet 10”, offerti dalla Caffè Guglielmo, come secondo: 4 Tablet da 7” offerti da Confindustria, come terzo: 4 sacche sportive della Lonsdale, offerte da Impronte Calzature di Romolo Belpanno, come quarto: 4 pen Drive da 16”, offerte da Disotek Computer, infine come quinto: 4 calcolatrici scientifiche, offerte da Cartoleria Talarico. Altri premi in libri sono stati offerti dalla Zanichelli di Gilberto Mauro, e per tutti i finalisti una pergamena ricordo personalizzata offerta da ElicopArt tipografia. Anche per quest’anno gli stessi sponsor hanno dato la loro entusiastica adesione e ad essi si aggiunge Assitur di Adriano Marani che “vestirà” i finalisti con bellissime magliette che li contraddistinguerà durante la finale nazionale di Milano riportando lo stemma della nostra provincia. In genere il 10% dei partecipanti alle semifinali di Catanzaro avrà l’onore e l’onere di rappresentare i colori giallorossi a Milano, dove negli anni passati non sono mancati brillantissimi piazzamenti che dimostrano come a cultura matematica il sud non è nelle ultime posizioni di questa classifica. Vi aspettiamo quindi il 30 aprile per vedere e festeggiare da vicino questi ragazzi che grazie alla matematica riescono a portare a casa anche un bel premio. In bocca al lupo a tutti e ricordatevi che l’importante è partecipare ma vincere è ancora meglio. Nell’immagine in apertura, la locandina del premio dello scorso anno; in queste foto, dall’alto: un momento della premiazione; gli alunni finalisti a Milano; foto di gruppo daventi alla Bocconi; alunni e docenti davanti il Castello Sforzesco • APRILE 2014 15

[close]

Comments

no comments yet