Orizzonti Sintetici: memorie di tenente durante le Guerre Puniche II

 

Embed or link this publication

Description

Collana Orizzonti Sintetici: memorie di tenente durante le Guerre Puniche II

Popular Pages


p. 1

[ Orizzonti Sintetici ] Scopri le memorie sintetiche di LT della milizia nazionale durante le guerre puniche 2.x Printed in PDF b y: non_Edizioni “Il Cazz@ro 2009” d i 6502 1

[close]

p. 2

Note Legalesi. Il webmaster 6502 O;-) Terminetor Magnetico, sono contro la guerra, il sito esprime tacitamente il concetto che la guerra é sempre ingiusta, inutile, mai santa. É opinione personale del webmaster il fatto che le testimonianze dei veterani di tutte le guerre, abbiano una curiosa assonanza con le opinioni dei “pacifisti”. I primi (volontari o coartati) hanno imparato direttamente cosa sia la guerra. I secondi (sicuramente molto più fortunati dei primi) hanno imparato il significato dell’inutilità della guerra, apprendendo le altrui testimonianze?!. Le opinioni politiche e filosofiche espresse direttamente od indirettamente nel libro, così come le analisi storiche sono da ritenersi personali opinioni del webmaster. Tali opinioni non sono collegate in nessun modo alle persone, enti, organizzazioni e quant'altro citato direttamente od indirettamente nel website e nel libro, il contenuto del testo rappresenta esclusivamente la personale opinione del webmaster. É importante tenere presente che ogni riferimento esplicito od implicito a fatti o persone, enti, organizzazioni, eventi, circostanze future o presenti o passate che taluni lettori possono riconoscere od associare é del tutto casuale ed immaginario. L'ebook.pdf é no-profit l’a utore non persegue nessuno scopo di lucro o profitto diffondendo online il materiale assemblato. Il volume é liberamente stampabile in tutto od in parte, é inoltre distribuibile senza alcuna limitazione legale, purché non ne sia alterato il suo contenuto. Se ci trovate frasi troncate, vocali mancanti, abbiate pazienza, non è un prodotto commerciale. A tale proposito ricordo che questo documento non é un sito d'i nformazione e nemmeno un risultato di un prodotto editoriale, il volume, il forum blog, l'ebook.pdf, il sito non hanno una pubblicazione regolare, la loro evoluzione, articolazione e modifica si basa sulla volontà e l’interesse del webmaster che in modo gratuito, aleatorio decide di fare aggiornamenti o modifiche. L'ebook in PDF non contiene immagini (e la copertina é in cmyk) dovrebbe essere facilmente stampabile ed intuitivamente rilegabile o spillabile in un vero libro già correttamente impaginato. Le immagini non dovrebbero essere coperte da copyright, le ho trovate con google.images poi le ho sintetizzate artificialmente per gli scopi letterari di copertina. In ogni caso le fotografie originali restano di proprietà dei loro legittimi proprietari bla, bla, bla. Non é "garantita al limone" la resa grafica ed il processo di stampa di cui ogni utente ne assume la responsabilità. Il webmaster non si assume la responsabilità della completezza delle informazioni pubblicate, dei problemi, danni di ogni genere che eventualmente possono derivare dall'u so proprio od improprio, dalla stampa, dall'interazione e/o download di quanto disponibile online. Tutti i marchi, loghi, organizzazioni citati direttamente od indirettamente sono di proprietà dei loro legittimi proprietari bla, bla, bla... tutelati a norma di legge dal diritto nazionale/internazionale, bla, bla, bla… legalmente registrati ecc... sì insomma dai!, non dite che non avete capito é!! 8-D Questo file e tutta la collana Guerre Puniche 2.x [release v2.2] é tutelata dal COPYLEFT(BY-ND) http://creativ ecommons.org/licenses/by-nd/3.0/ 6502 & Terminetor Magnetico Per consigli, suggerimenti, critiche o quant'altro info @ omaha-beach.net 2

[close]

p. 3

3

[close]

p. 4

Iniziarono le guerre puniche 2.x, fu così che i mass media le chiamarono. La leva obbligatoria fu ristabilita, tu finisti per essere “arruolato come coartato” nella milizia nazionale. La Milizia Nazionale era un nuovo organo creato “ad hoc” che inglobava sia le armi di Terra, di Mare d’Aria. Milizia Nazionale sostanzialmente “truppe di massa” che si affiancarono alle armi di Terra, di Mare e d’Aria professionali e considerate ”armi di punta”. Fu subito chiaro che le “armi di punta” sarebbero state usate nell’offesa per attaccare Cartagine, quindi le “armi di massa” sarebbero servite sia per distribuire il rischio di morte, preservando le capacità di offesa future, sia per dare più efficacia alle azioni difensive. I piloti civili di diretta derivazione militare, furono immediatamente richiamati ed inquadrati nell’arma “area di punta” dopo un brevissimo corso di aggiornamento. I piloti civili che furono considerati abili, in funzione della quantità di aerei elevati dalla legge “affitti & prestiti OTAN” furono inseriti dentro la Milizia Nazionale e resi operativi dopo un corso di aggiornamento e riqualificazione. I marinai della Milizia Nazionale provennero per lo più dalla marina commerciale e furono inquadrati presso le unità litoranee con compiti d’intercettazione, interdizione ed evacuazione, usati con ruoli di fanteria marina. I ¾ degli arruolamenti andarono alla sezione di terra della Milizia Nazionale la fanteria mobile nazionale, definita “arma di massa”. Le truppe di terra composte da “truppe di massa” e “truppe di punta” più le forze dell’ordine, sostenevano de facto l’urto dell’invasione cartaginese. Le vicine basi OTAN erano basi logistiche che forgiavano con un rapido addestramento le unità della milizia nazionale, distribuendo direttamente i rifornimenti provenienti dalla legge “affitti e prestiti”. Come fu spiegato al briefing, il grosso problema fu l’interdizione degli sbarchi. Il blocco navale non era molto efficace e tantomeno era possibile effettuare robuste azioni d’ intercettazione aereonavale, data la vastità del teatro delle operazioni. Anche con tutta la buona volontà possibile, operativamente non era infrequente che gli sciami cartaginesi arrivassero indenni sulle spiagge di Euroma. Ragione per cui, il peso dell’invasione ricadeva sulle truppe di terra. Per ragioni essenzialmente d’ottimo impiego, alle “truppe di massa” spettava sia l’evacuazione dei prigionieri, quanto il rastrellamento dei predoni sfuggiti nelle azioni d’arginamento. Parte di tali azioni erano coordinate con le Forze dell’Ordine e porzioni delle truppe “di punta” elitrasportate, alias le unità “jumping jack flash”. Senza ombra di dubbio, le azioni di rastrellamento erano assai impegnative, la milizia nazionale poteva contare anche su “unità di punta” (tank o blindati) definiti unità SCIABOL A. Il brigadiere generale spiegò piuttosto chiaramente lo scenario operativo, aiutandosi con una mappa del territorio. Il quadro sintetico della situazione pareva molto serio, le zone che i cartaginesi chiamavano “colonie” erano essenzialmente zone euromane ad altissimo rischio urbano e montano e costiero, a causa delle tribù di predoni che vi si erano insediate. Tali tribù avevano ucciso o posto in schiavitù i cittadini euromani che non erano precedentemente scappati come profughi di guerra,intasando ogni via di comunicazione. Sul terreno, c’era da attendersi questi scenari operativi: 4

[close]

p. 5

-i nemici erano uomini, donne, bambini soldato, per lo più armati con armi leggere, missili rpg, mitragliatrici pesanti e munizioni. Provenivano da gommoni, barchini di legno, vetroresina, motoscafi, motobarche, mas stracolmi di benzina che una volta raggiunto le coste euromane, venivano abbandonate. I cartaginesi non avevano nessuna logistica quindi quello che man mano serviva loro, lo procacciavano sul territorio. In genere erano nomadi, o predoni, si muovevano in modo casuale, mentre altri si trasformavano in tribù stanziali. L’uso di armi da fuoco talvolta diventava meno intenso ed i cartaginesi facevano uso di trappole, frecce, coltelli, lance e ogni tipo di armi da taglio. -i nemici erano motivatissimi, incazzati, affamati, barbaramente violenti, abituati ad una violenza gratuita della legge del più forte, a cui l'inedia verso problemi di molti anni, aveva probabilmente tolto il futuro e la speranza. Peculiarità da tenere presente, i cartaginesi non prendevano mai prigionieri ma ammazzavano sul posto le truppe euromane che per qualche ragione erano state sopraffatte.. -le vie di comunicazione tradizionali e terrestri sarebbero state intasate a causa della migrazione spontanea della popolazione civile. Gli scontri a fuoco erano quelli di una guerra asimmetrica e le zone nemiche erano “macchie di leopardo” sparse per la penisola italica in mano ai predoni. Le reti della telefonia mobile erano collassate od intasate, quindi si doveva usare le radio militari che operavano su frequenze diverse. Era un problema di ordine pubblico che era travalicava i confini di sicurezza interna, essendosi trasformato in un’invasione. La Milizia Nazionale di terra era raggruppata in unità INCUDINE. Queste erano dei gipponi più o meno blindati, più o meno armati cpm mitragliatrici pesanti, che venivano impiegati in azioni d’interdizione, ricognizione e rastrellamento. Le regole d’ingaggio erano semplici: sparare a vista, tenendo presente che i cartaginesi in caso di vincita non avrebbero mai fatto prigionieri. Al contrario alle truppe Euromane era fatto obbligo d’evacuare eventuali prigionieri e/o feriti e/o superstiti degli scontri. A tale proposito le unità litoranee era affidata tale funzione usando chiatte e pontoni e barche. C’era da resistere solo per un breve periodo di tempo, in quando il teatro delle operazioni sarebbe stato spostato ben presto sul suolo di Cartagine. Vi fu dato un dossier –GUERRE PUNICHE 2.X- che dovevate leggere molto attentamente. Maggiori informazioni ed ogni dettaglio li avrebbe aggiunti il capitano di turno che coordinava il dispiegamento delle unità INCUDINE sul territorio. Devi prendere una decisione adesso, che cosa fai?! Accetti la missione oppure chiedi il trasferimento oppure cerchi di fare obiezione?! Se accetti la missione, continua a leggere a pag.7 In ogni altro caso, vieni spedito a casa, con la minaccia legale che dopo le guerre puniche verrai perseguito penalmente (al momento ci sono ben altri problemi da risolvere). Per continuare a scoprire la “tua vera storia nella distopia futuribile delle Guerre Puniche 2.x”, se vuoi, devi leggere l’eBook sulle “memorie di un semplice civile”. 5

[close]

p. 6

6

[close]

p. 7

La legge “affitti & prestiti OTAN” permise con un basso costo, la distribuzione di molte dotazioni ed equipaggiamenti. Ancorché dispositivi obsoleti, questi furono ritenuti ancora validi ed efficaci contro i cartaginesi, i quali erano assai meno equipaggiati delle truppe di massa euromane. In breve ti affidarono una Jeep Cherokee, 4 coartati. Eravate tutti vestiti come i soldati del vietnam: con anfibi, borracce, elmetti M1, corpetti antiproiettili, pistole beretta, fucili mitragliatori M16+M203 tipo A1, oltre ad una mitragliatrice pesante M60. Il neoesperto balistico aveva un M16 tipo A1 con un bazuca m72.LAW. A bordo della Jeep c’era caricato come “supply” una radio fissa, una radio portatile, una cassa di razzi per il lanciarazzi m72, una cassetta di lanciagranate per gli m203, una cassa di mags per i fucili d’assalto. La missione iniziò circa a mezza mattinata, dopo che te e tutta la squadre, sparaste un paio di caricatori al poligono della base OTAN. Prendeste confidenza con pistole e fucili ed imparaste quel minimo essenziale delle armi da fuoco, da cui adesso tutte le vostre vite dipendevano. L’ordine del giorno era di andare a sud e pattugliare, vitale era restare in ascolto della radio e rispondere alle chiamate operative della base. -PAPABEAR AD INCUDINE.104, RASTRELLATE SPIAGGIA POST SBARCO CHARTAGINESE IN ZONA [… ] POSSIBILE RASSEMBLAMENTO CARTAGINESI IN QUANTITÀ ESIGUA, PROCEDETE CON ATTENZIONE, OVER-ROGER TH AT-SI Ok!, ma che ca zzo vuol dire in quantità esigua ? Puttana eva , ca zzo ma quanti saranno ?-É non lo so! conta dai 10 ai 15 per ogni barca che troviamo abbandonata in spiaggia- rispondesti aggiungendo anche che-c’é comunque da toglierci i feriti, i feriti gravi ed i morti ed i moribondi, insomma se sono esigui non saranno tanti! –Merda !, chiamiamo un’altra unità INCUDINE a supporto, puttana eva me lo sento, me lo sento, ques ti ca rta ginesi sono troppi !! Noi quì finiamo fri tti in padella, ci mandano noi perché siamo nuovi , nuovi !-Ma dai… non fare lo stronzo… ma che ti frega dei cartaginesi…-disse quello con l’M60 che intanto aveva aperto il tettuccio della cherokee e si era alzato in piedi appoggiando l’M60 sul tetto-Basta sparargli per primi a quelli stronzi!-E se sono donne e bambini? Oh! io a lle donne e bambini, non gli sparo!disse l’altro.-Basta!, finiamola, ci penseremo quando li troveremo e poi non sappiamo nemmeno se riusciremo a trovarli-. Era una spiaggia che un tempo era zona turistica, ora gli stabilimenti erano distrutti, non c’era nessuno in spiaggia, il gippone sul bagnasciuga marciava piuttosto bene. Spiegasti che avreste continuato così fino a quando non avreste avvistato (se mai avreste avvistato), le barche cartaginesi abbandonate in spiaggia. Appena trovato il punto di sbarco, avreste fermato la jeep a distanza di sicurezza e poi vi saresti avvicinati con cautela. Vitale l’osservazione delle tracce sulla spiaggia. Poi avreste deciso il da farsi, chiedendo anche direttive alla base (nome in codice Papabear). Sulla jeep, quello seduto sul sedile posteriore destro fumava una sigaretta e guardava con lo sguardo sperso nell’orizzonte del mare. Si vedeva che era distante anni luce e non era concentrato sulla missione. Quello in mezzo al sedile posteriore, guardava estasiato il suo M16A1, poi attaccava caccole a destra e sinistra sul soffitto della jeep, ridendo come un cretino immatricolato. L’altro seduto sul sedile posteriore sinistro era scuro in viso, aveva tirato giù il vetro della jeep ed aveva messo l’M16+M203 sopra lo sportello. Ave va lo sguardo rivolto verso le colline, la sabbia, i ruderi degli stabilimenti 7

[close]

p. 8

turistici,. Osservava con circospezione e con apprensione ogni cosa. Te avevi le mani sudate e la salivazione azzerata e pensavi che l’M16+M203 che avevi appoggiato sul cruscotto, forse era troppo lontano da prendere in caso di necessità, per quanto l’M16+M203 fosse stato vicino. Quello seduto sull’anteriore destro, era in realtà in piedi, penzolava fuori dal tettuccio della jeep e sul tetto ave va piazzato l’M60 sulla rastrelliera. Era evidente: tutti e 5 nella jeep eravate nervosi ed ognuno a suo modo reagiva in modo differente allo stress crescente. Poi d’un tratto quello sul tetto esordì –porca troia, per un motivo o per un altro il cazzo di blocco navale non funziona mai, e la merda tocca spalarla a noi, ecco, é questa la verità… - coglione! il fatto é che le politiche d’immigrazione si dovevano fare prima, il 50% sul territorio di arrivo e l’altro 50% sul territorio di partenza…-Ebbbbravo il nostro quattr’occhi, sei un merdone lo sai?! Cosa vuoi dire che ormai la mandria éscappata é?!pppprrrrooooottt ! a ho! ma c he cazzo di discorso é?... iiihhhh!!!!- Pirla!, il rambo forse voleva dire che possiamo sempre provare a parlarci, prima di sparargli!-sticazzi aho! Quello stronzo ha detto che gli vuole sparare per parlarci meglio!-Sì, sì…minkia… ci vai te a parlare! ‘fanculo io l’africano o l’arabo non lo parlo!- Possiamo parlarci in inglese! Coglione!-gente, gente!, gente! guardate questa caccola !!!, non vi sembra un televisore!!!, minkia giuro sembra il televisore di mia sorella!, giuro é proprio uguale a quello nuovo che ha comprato mia sorella prima che… -sotuttoio, non lo parlano l’inglese e nemmeno il francese! E nemmeno il tedesco! Parlano l’africano!-ehi gente! gente! sentite, sentite, sentite questa… ppprrrrroooottt … iiiihhhhhhh…. oh! io l’africano non lo parlo come lingua e!! iiihhhhh!!!-Te si che sei un beota! non esiste l’africano! ma tante lingue a seconda della tribù- sì, sì… ping!-…gne.gne.gne coglione della tribù degli stronzi, il più migliore sapientone e comunista del cazzo!-…testadiazzo piantala di tirarmi le caccole, merda ti ho visto sai! porcogiuda! guarda che quando scendo ti rompo il culo a calci se non la smetti ti tirarmi caccole!!- stronzo d’un razzista fascista vai a studiare la grammatica, analfabeta- aho! ‘fabeta a chi? ping!... ma dai é uno scherzo, non te la devi pija!... ping!-…frocio di merda d’uno juventino del cazzo!-iiihhh… ping!puppamelo! milanista di merda… quest’anno l’avete preso nel culo… cazzo siete sprofondati in serie C prima che…- iiihhh…ping!...- juventino frocio d’un gobbaccio, l’avete rubati i campionati!iiihhh… ping!.... pprrrrrrrroooooooottttt…mmmhhh… che arietta fina… mmhhh rose e fiori… iiihhhhh- E che cazzo, gne.gne.fascista di merda quì…gne.gne.gne juventino di merda là… Siete proprio degli stronzi, e te caccola!, sei proprio un attaccacaccole immatricolato, sai!, SNIFF, SNIFF, PPUUUAAAA…. Senti che puzzaaa!… aho!, ma che cazzo hai mangiato? T’hanno dato un panino con un bimbo morto dentro?-iiihhh… buona questa… ping!.... pprrrrrrrroooooooottttt…iiihhhhhBASTA!-urlasti facendoti sentire-piantatela! con queste stronzate e guardate fuori dal finestrino!-Ma ‘vaffanculo anche a te!-ti risposero in coro. Poi risero tutti, anche te. La squadra sembrava sollevata e la discussione pareva avesse espulso lo stress a favore di un ritorno della concentrazione. La conversazione tra quello con l’M60 e quello con l’M16+M203 finì sul colpo e tutti i fanti nella jeep ripresero a guardare fuori dal finestrino, osservando con circospezione ogni possibile minaccia. 8

[close]

p. 9

L’unico incosciente, era quello seduto in mezzo al sedile posteriore, continuava ad attaccar caccole sul soffitto ed a ridere da solo, proprio come un cretino immatricolato!!. Dopo un pò all’orizzonte si profilarono le carcasse di 4 o 5 motobarche, -oh! ,Cazzo!, cazzo,! Cazzo!, ferma questo trabiccolo! Ecco i cartaginesi!!!!- fermasti la jeep di colpo, inchiodando sulla spiaggia. Prendesti il binocolo e scendendo rapido dalla jeep, riparato dallo sportello, iniziasti a scrutare preoccupato le barche, le colline sabbiose, le rovine dello stabilimento turistico che giacevano sulla tua sinistra. Più in là nell’interno, c’era una foresta di pini che nascondeva la visuale. Troppa fottuta macchia mediterranea!, non si scorgeva niente. Occhio e croce distavate almeno un chilometro, non c’era movimento diretto di cartaginesi. Nell’abitacolo era calato improvvisamente un silenzio di tomba. -tenente, c he cazzo facciamo adesso?!- domandò Caccola, che era l’unico dei 4 della squadra che pareva avesse ancora fiato per poter dire qualcosa. -mmhhh… non ci sono corpi di feriti, non ci sono morti, chiama PAPABEAR, dai subito la nostra posizione, poi sentiamo che dice di fare il comando operazioni-. L’ordine di papabear era semplice, continuare la ricognizione verso sud-sud-est. Guardasti la mappa preoccupato. Poco distante da voi, verso Est era segnato un casale forse una sorta di agriturismo. A Sud continuava la spiaggia; percorrendola sareste arrivati ad un grosso stabilimento balneare in prossimità di una cittadina che aveva anche un porticciolo turistico. Devi prendere una decisione adesso, che cosa fai?! Continui la ricognizione muovendo la jeep cherokee sulla spiaggia verso sud, oppure giri sulla sinistra muovendo verso Est, andando nell’interno dirigendoti con cautela verso il casale?Se vai verso Sud, continua a leggere a pag.11 Se vai verso Est, continua a leggere a pag.13 9

[close]

p. 10

10

[close]

p. 11

La jeep mosse a velocità ridotta verso sud, sulla spiaggia non c’era nessuno; tutti sulla jeep guardavano verso Est dove colline di sabbia e macchia mediterranea celavano la vista dell’interno. La piccola foresta mediterranea che costeggiava la spiaggia pareva ostile quasi avvantaggiasse i nemici, qualora ce ne fossero mai stati. Non c’era traccia di cartaginesi da nessuna parte, di certo quelli che erano sbarcati se l’erano filata, non c’era ragione che fossero restati sulla spiaggia!!. Non c’erano segnali di fumo, non c’erano fuochi o segnali d’accampamento!. Non c’erano segni di scontri a fuoco. Non ti sentivi molto sicuro, la jeep in mezzo alla spiaggia procedeva lentamente sul bagnasciuga, poteva essere un facile bersaglio se attaccata dalla foresta. D’altra parte scendere ed andare a piedi in ricognizione, con il rischio di affrontare in 5 almeno 40 o 50 cartaginesi, non era saggio. Sarebbe stato meglio arrivare sino alla cittadina turistica e poi lì decidere sul da farsi. Gli abitanti della cittadina avrebbero potuto fornire indizi preziosi, sulla eventuale presenza dei cartaginesi. D’un tratto un’esplosione! BUM!! La jeep cherokee si ribaltò di 45 gradi, poggiandosi sul fianco destro, quindi oscillò pericolosamente per un po’. Dopo qualche attimo ti riprendesti dallo choc, sganciasti le cinture di sicurezza, quello con l’M60 era morto, spezzato in 2. L’urto, il mezzo cappottamento gli era stato letale. Avesti un conato e vomitasti, non avevi mai visto un uomo spezzato in due. L’udito man mano ti ritornò; udisti delle grida bestiali. Era Caccola, quello seduto dietro, era in una pozza di sangue, urlava come un forsennato. No, cazzo!, diceva che non era sangue suo, ma di quello accanto che era seduto sul sedile posteriore sinistro. Ti voltasti: sì, lui sì che era morto nell’esplosione!, oddio! non aveva più un braccio ed il viso era una maschera di sangue!. Il quinto che era seduto sul sedile posteriore destro, cercò di aprire lo sportello della jeep arrampicandosi sui sedili. Lui pareva Ok, non era ferito. Apristi lo sportello anteriore sinistro lato guida, t’issasti su. La jeep nella parte posteriore era in fiamme, qualcosa vi ave va colpito parzialmente, poco più in là c’era una ruota. Dalla macchia mediterranea uscì correndo un bambino di colore. Madonna Santa era piccolino avrà avuto 8 anni o poco più, aveva in mano un lanciamissili RPG, santa merda! Era persino più grande di lui. Il bambino soldato però non aveva un’altra ricarica RPG. Le urla di Caccola diventarono bestiali. Merda! ave va scoperto di avere una gamba rotta, l’altro lo stava aiutando a disincastrarsi con scarso successo. Quando ti riaffacciasti di nuovo dalla Jeep, vedesti una ragazzina cartaginese con un ak47, ti sparò una raffica a vista, ti ferì ad una spalla, ricadesti pesantemente giù nel vano della jeeep. Merda! c’era mancato poco. –figli di troia, sparano ‘sti cartaginesi del cazzo, merda ammazzali, ammazzali tuttiiii!!- disse l’infermiere.-É una bambina!, poi c’è un bambino!, sono 2 bambini soldato!!-. Caccola continuava ad urlare gridando come un forsennato, disse che voleva andare a casa, voleva andare a casa da sua sorella, voleva vedere la tv nuova e giocare con la playstation. Prendesti l’M16+M203 e risalisti sù, facesti appena a tempo a mettere la testa fuori che il bambino… La tua carriera di LT della Milizia Nazionale di terra, come fanteria é finita quì, un missile rpg ha centrato quello che restava della jeep cherokee in fiamme, le tue memorie sintetiche durante le guerre puniche 2.x finiscono quì. Se vuoi riprovare, puoi iniziare a leggere da pag. 4 11

[close]

p. 12

12

[close]

p. 13

La radio gracchiò, era PAPABEAR, diceva che erano stati avvistati dei cartaginesi, questi erano accampati vicino alla nostra posizione. Era un piccolo gruppo nei pressi di quel fottuto agriturismo, c’era da fare la massima attenzione perché erano armati e pericolosi. Scendeste dalla jeep a circa 500mt, poi vi avviaste silenziosamente disposti a V verso il casale. Distesi a terra ad un centinaio di metri al coperto nella vegetazione mediterranea, vedeste nitidamente un gruppetto di donne e bambini. Tutti giocavano accanto ad un fuoco. C’erano delle pentole e dei polli a cuocere, vari fucili e lanciamissili rpg riposti a fianco dell’improvvisato accampamento. C’era anche un furgone, ma questo aveva le gomme a terra. Davanti all’entrata del casale c’erano 4 corpi riversi di gente bianca,forse erano morti. Dentro la casa si sentivano dei rumori come di vetri rotti e pentole di ferro che cadevano, c’erano sicuramente altri cartaginesi dentro l’agriturismo e si stavano dando al saccheggio!. Quattrocchi disse che lui non avrebbe sparato sulle donne e bambini; Caccola stava zitto da una parte e non diceva più niente, non aveva più tanta voglia di ridere adesso. M60 era piazzato sulla destra mosse nervosamente la testa a destra e sinistra guardando il casale e guardando te. Si vedeva da un chilometro che M60 aveva una strizza come tutti quanti. Ovulo, l’altro con l’M16+M203 taceva in silenzio, era impegnato a caricare il lanciagranate. Tu proponesti di bazucarli, Caccola appoggiò l’M16 in terra e caricò il bazuka. Ovulo disse che il lanciagranate dell’M203 non ci sarebbe arrivato sin là. Quattrocchi si oppose all’idea, disse che era da merde sparare a delle donne e dei bambini che non avevano fatto niente!. Gli dicesti che doveva abbassare la voce!, che erano in troppi, che non potevate fare altro!. Quattrocchi disse che potevate dire che non avevate incontrato nessuno, che potevate tornare alla jeep senza sparare un colpo. M60 disse che i suoi zii erano morti e sua cugina era stata violentata e poi ammazzata, sentenziò che secondo lui bisognava ammazzarli tutti quei cartaginesi di merda!. Caccola non disse niente, continuò a scaccolarsi ed a appiccicare caccole fuori dal tubo del bazuca dopo averle ripiegate in 2 o 3 pezzi. Te dicesti che bisogna farsi coraggio, prima o poi sarebbe accaduto, era meglio prenderli a cannonate con il bazuca e le granate. Meno rischi per la squadra e meno sofferenze per loro. Ma Quattrocchi disse che avreste potuto dare la posizione all’aereonautica e lasciar fare a loro. L’idea di Quattrocchi non ti sembrò malvagia, dopotutto era davvero da merde sparare a donne e bambini e sentisti che se tu avessi mai fatto questo, di certo i sensi di colpa non ti avrebbero più fatto dormire la notte. Devi prendere una decisione adesso, che cosa fai?! Dai l’ordine di bazukare pesantemente il casale con granate e lanciarazzi, oppure prendi la radio e chiami PAPABEAR per richiedere un’incursione aerea?Se dai l’ordine di bazucare, continua a pag.17 Se prendi la radio, continua a pag.15 13

[close]

p. 14

14

[close]

p. 15

Il casale era vicino ad una strada, passò un furgoncino proveniente da Sud. Ovulo ti disse ti dare un’occhiata e ti passò il binocolo, c’era del fottuto movimento al casale. Uscirono dalla porta centrale 10, anzi 25 cartaginesi, tutti uomini armati di ak47, RPG, 4 o 5 avevano pure dei missili SAM spalleggiabili. Tutti corsero sulla strada, nascondendosi dietro ad un cespuglio. Quando il furgone fu vicino, lo accerchiarono e lo bloccarono poi fecero scendere il conducente. Questi scese subito a mani alzate, pareva parlasse con un cartaginese vestito con un turbante rosso in testa. Fatto sta, un altro cartaginese che era accanto a quello con il turbante rosso, lanciò una raffica di ak47 ed ammazzò il povero guidatore del furgone. Questo cadde giù come un sacco di patate, con l’espressione degli occhi stralunati, sembrò non crederci nemmeno lui a quello che gli accadde. -Merda, ho aspettato troppo… dovevo bazucarli, lo hanno ammazzato come un cane!M60 prese una gomma,tirò una bestemmia che se l’avesse sentita Dio, sarebbe piovuto giù il diluvio, poi offrì il pacchetto di gomme da masticare a Caccola. Questi ne prese una ed usò la cartina della gomma per attaccarci una caccola nera e secca. Quattrocchi continuò a ripetere di chiamare il supporto aereo, chiamare il supporto aereo, c’era da chiamare le cannoniere, gli elicotteri, gli aerei, l’aviazione. –Sì l’aviazione, l’esercito e pure i marines… merda!, ho sbagliato, dovevo bazucarli subito quegli stronzi di cartaginesicommentasti colpevole. Ovulo taceva in silenzio, ti guardava con uno sguardo triste di chi non sapeva proprio cosa dire. Poi guardò in terra e prese a farsi il segno della croce ripetutamente senza mai smettere. Non aveva tutti i torti, dopo tutto, era proprio un inferno in quello in cui eravate capitati. I cartaginesi parcheggiarono il furgone in mezzo all’aia, poi si raccolsero in cerchio attorno al fuoco per mangiare il pollame che forse doveva essere cotto. Caccola lanciò 4 missili di m72 LAW, fu molto veloce e preciso. Un paio nei pressi del fuoco, uno sul furgone parcheggiato, uno dritto all’entrata della casa. Un denso fumo nero e fiamme si levarono alte, forse si udì qualche urlo e qualche gemito sparso qua e là. M60 iniziò contemporaneamente a fare fuoco, anche te con l’M16+M203 sparasti un po’ a cazzo di cane quà e là. Anche Ovulo sparò. Quattrocchi no!, prese il binocolo e guardò. Quattrocchi non sparò un colpo. Caccola era steso a terra e guardava con uno sguardo allucinato le cime degli alberi. M60 ci finì un caricatore intero sparando ovunque sul casale. Te e gli altri ci consumaste un paio di caricatori di M16, sparando un po’ a cazzo di cane, tra morti, feriti e su quell’ammasso informe del furgone in preda alle fiamme. Poi ordinasti di rientrare alla jeep, facendo attenzione. C’era da correre veloci, tenendosi bassi.- Merda come fai a sapere che i cartaginesi nell’agriturismo son tutti morti e gli abbiano beccati tutti?! Non hai nemmeno guardato con il cannocchiale!.- Non avevi voglia di fare polemica con Quattrocchi, anzi ave vi voglia di vomitare, così non gli rispondesti e tornaste tutti alla jeep cherokee, che era stata parcheggiata poco lontano sulla spiaggia. continua a leggere a pag.19 15

[close]

Comments

no comments yet