Giornalino Febbraio 2014

 
no ad

Embed or link this publication

Description

Giornalino Febbraio 2014

Popular Pages


p. 1

ACCADEMIA DELL’ INFORMAZIONE CULTURALE RELIGIOSA www.parrocchiacittadella.it Giornalino Foglio della parrocchia “San Francesco di Paola” e del gruppo Poeti Nostri di Cittadella del Capo in Comune di Bonifati (CS) Esce in data non prestabilita ed è destinato ai fedeli cristiani praticanti ai sodali del gruppo dei poeti del capoluogo e delle frazioni bonifatesi ai compaesani appartenenti all’associazione “Radici” residenti a Roma FEBBRAIO 2014 Videbis poetas… Videbis poetas raros quidem, natura rerum disponente ut rara quae libet cara simul et clara sint Quella sopra riportata è la citazione di un’invettiva del grande poeta aretino trecentesco Francesco Petrarca contro un medico che aveva osato esprimere un giudizio negativo nei confronti dei cultori della nobile ars poetica del suo tempo. Traduciamola: Vedrai che i poeti son rari, poiché la natura fa sì che sian rare quelle cose che sono anche preziose e luminose. Videbis Videbis poetas… è il titolo che ho scelto per un opuscolo da me curato e fatto stampare dal benemerito Gruppo di Bonifati-Cittadella dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia (ANMI) organizzatore dell’evento culturale che ha avuto luogo al Grand Hotel San Michele di Cetraro la sera del 25 gennaio scorso. Nel libretto viene narrato lo svolgimento della manifestazione, così come l’ho ampiamente illustrata sul Giornalino dello scorso mese. Nell’opuscolo, di prossima distribuzione, sono altresì contenute alcune delle poesie in dialetto e in lingua lette dai rispettivi autori (ventisei in tutto) partecipanti all’incontro. Su questo numero del Giornalino sono riportati pochi componimenti poetici, i rimanenti saranno pubblicati in seguito. Pasquale Filippelli AUTUNNO Non canterò di te le foglie secche che cadono, ingiallite, nel letame; né la campagna brulla, tutta stecche, che, sembra, pianga senza il suo fogliame; né canterò gli uccelli migratori che lasciano deserti i loro nidi e cercano qualcosa sempre fuori per approdar sui più lontani lidi, ma te io canterò, cara stagione: il tuo colore dolcemente strano, quella stupenda, pia commozione che rende l’uomo veramente umano. Si sente poi nel cuore, in fondo in fondo, un velo trasparente di tristezza, qualcosa che affratella, poi, nel mondo la povertà con tutta la ricchezza. Nell’anima si sente un’ansia triste che l’essere pervade tutto quanto, un’ansia più pacata di conquiste e un gran desìo ch’è volontà di pianto. Un bisogno d’amore senza fine che irresistibilmente ci compiace e un’armonia d’un cantico sublime come preludio di solenne pace. E poi qualcosa dentro il sangue ancora, qualcosa che ribolle e non so dire: un fremito segreto che scolora come un bel canto che non vuol finire. Come una nenia sonnolenta e pura che infonde in ogni cosa la bontà; ma pur se tutta buona è la natura, l’uomo conserva la malvagità. Attilio Romano di Paola Tartarughe a Cittadella È na notti ‘i fin’i giugnu supr’a spiaggia ‘i Cittadella, dintr’u cielu c’è rimasta sulamente ‘ncuna stella ca spariscia dintr’a luci di na bella luna chjina: mò na granni forma scura ccà d’u mari s’avvicina. Silenziusa pù si ferma quannu tocca ‘u bagnasciuga: unn’è tunnu né delfinu, ma na granni tartaruga. Ha natatu ccu ri pisci dintr’u mari cchiù prufunnu, ppè l’oceani cchiù luntani ha giratu tutt’u munnu

[close]

p. 2

e nissunu po’ sapiri quale forza l’ha purtata a vinì a posari l’ova supr’a spiaggia adduv’è nata. Escia ‘i l’acqua, guarda ‘ntuornu, vida ‘u Grecu e ‘a Marinella, vida i pini, vida ‘a Turri, ricanuscia a Cittadella. Supr’a spiaggia chianu chianu a fatica si trascina sinca trova ‘u postu buonu addui scava dintr’a rina. Quannu ‘u juornu sta spuntannu e tramunta ‘a luna chjina piglia ‘u largu ‘a tartaruga, s’alluntana d’a marina, ogni tantu pù si vota, guarda ‘u capu ‘i Bonifati addui sa ca sutt’a rina tutti l’ova cci ha lassati. Nu cinquanta juorni dopu si sù aperte l’ovicella ‘ntra na notti ‘i menz’agustu supr’a spiaggia ‘i Cittadella, sunnu nate i tartarughe e su mise a caminari affidannusi all’istintu ca s’i raga dintr’u mari, e si sa ca ‘ncuna ‘i loru ppe luntani munni viaggia ma si vò posari l’ova si ricoglia a chissa spiaggia. Dicìva ‘nu scarpàru ca m’era caru caru : mìttiti bbeni ‘ntesta , puru òji ch’è festa si non muvu ‘sta ssùglia mangiàmu cap’ i’ ndùglia ! Cumi, puru a Natali ? ‘U cori mi fa mali a ti vida chjicàtu tuttu stancu e sudàtu , senza mancu paròli a cusa menzi soli ! Figliu, tèniti ‘mmenti ca chi non tena nnenti da Ddìu è perdunatu puru s’ha lavuratu ‘u iùrnu ch’è cchiù billu ch’è natu ‘u Bambinillu ! Pasquale Filippelli di Cittadella del Capo GRANELLI DI SABBIA Camminando a piedi nudi sulla sabbia bagnata, cerco appena di socchiudere gli occhi e penso a tantissimi granelli di sabbia. Li conto piano: uno, due, tre… sono i giorni, gli attimi che ho trascorso con te. Rappresentano le lunghe ore felici, del nostro amore. Riapro piano gli occhi, guardo il cielo e vedo dei gabbiani in volo: “Beati loro” sussurro e poi guardo il mare, il sole, la spiaggia e ricomincio ancora una volta a contare quei piccoli granelli di sabbia: uno, due, tre… e poi penso ancora, ma capisco che è finita e resto lo stesso a contare i miei bellissimi granelli di sabbia: uno… due… tre… restando sospesa in un mare infinito, restando sospesa in una giornata che via via finisce con un velo di malinconia. Franco Calomino di Cosenza DONO E MISTERO Dono e Mistero il tuo volto, segnato dalle fatiche, segnato dalle sofferenze, segnato dall’amore di Dio. Dono e Mistero il tuo volto, volto di pace, volto di perdono, volto di sorriso. Dono e Mistero il tuo volto, dono del Padre, dono di Gesù, dono di Maria. Dono e Mistero il tuo volto. Dono e Mistero la tua parola. Dono e Mistero il tuo coraggio. Ines Favorita di Cittadella del Capo Ti parlerò Forse un giorno Ti parlerò Di desideri Celati nelle pieghe dell’anima Di traguardi che solo il pudore conosce Sempre più lontani e difficili da raggiungere Di amore Che il vento sradica e disperde Che continuamente semina e distrugge Ti parlerò di guerra Insulsa e crudele Di giovani vite Sofferenti can. don Giovanni Celìa parroco di Cittadella (Poesia del ‘98, dedicata a papa Giovanni Paolo II) ‘U POVIRU SCARPARU

[close]

p. 3

Falciate dall’insofferenza Di silenzi parlati Di memorie stanche Di corse affannose per incontrarti Di indossate corazze di coraggio per vivere Ti parlerò di solitudine Della sua seduzione Ogni giorno ci aspetta Ci cattura come prede inermi E ci fa compagnia Ti parlerò vita Del mio incontro con Cristo Abbraccio carnale Luce sfolgorante Poesia della vita. Sento urlare il vento fra corrosi massi: il mare in tempesta li sfiora vibrante. Sembra voglia strapparli alla sua riva e dalle mani degli uomini. Pensavano d’imbrigliarlo. Stolti! Il mare è libero come il pensiero… Niente può fermare la sua furia. Danzo fra i suoi flutti, lasciandomi trasportare sulle sue onde nel blu reale, disseminando frasi poetiche sulla bianca spuma. Elvira Lanzaro di Guardia P.se Su’ stracquàt’ i juri marin’ Mi lass’ annacà e ngiungiulià duci duci di l’unn’ ca ianch’ schiumìjn’ e arrivn’ arraggiàt’ alli mass’, misi lla ppi salvà ‘a cost’, ca da semp’ cummòglid’ ‘u mari e lli vicìll’ vùlun’ assùp’ ndu cil’ arravugliàt’ di nùvul’ ca van’ addùv’ pònid’ ‘u suli, vers’ chilla lìnia ca non finìscia mai. ‘U cil’ è ‘na cupèrt’ di curàll’ sup’ ‘a cap’ mia e mi caudìa d’ ‘u vint’ fridd’ di luntàn’. Alla ntrasàtt’ cumpàrid’ ‘na luci e attùrn’ attùrn’ si spann’ l’addùr’ fort’ d’ ‘u mari. L’unn’ amminazzùs’ s’arravòglin’ e pàssan’ ‘u purticìll’ stracquànn’ sup’ ‘a rina ‘na spasèr’ di simintèll’ e juri marin’, varchicèll’ trasparènt’ di culùr’ viol’, e tutt’ a ‘na vot’ mi truv’ cumi ppi ‘ncant’ a Diamant’, addùv’ guagliunèlla ngènua d’ ‘a vit’ mi chjicàv’ a cogl’ chilli juri ca mi su’ rimast’ ‘mpress’ ‘nda ment’ e ‘ndu cor’. Gaetanina Iazzolino di Intavolata LA STORIA DELL’ANIMA Il mio paese è il sud dove l’anima dopo la morte solo per tre giorni mangia il pane e l’acqua a lume di lampada ad olio il mio paese è il sud povero come la terra dei Navajos libero come l’idea dei briganti Calabresi il mio paese è il sud seduto al bivio del vicolo cieco guarda oltre il muro l’infinito il mio paese è il sud vestito di bianco e di nero rammenda filo spinato pantaloni strappati racconta illusioni di leggende disegnando sentieri di speranze il mio paese è il sud il mio paese è il vento il vento che ha vinto la morte. Maria Rosaria Marra di Cittadella del Capo (La poesia è composta nel dialetto di Diamante, paese d’origine dell’autrice) Sarajevo ‘93 Sanguina sul pane dei bambini sole assassino dall’alto sui dirupi. Non cresce neanche un fiore a Sarajevo, dalle finestre ti aspettano i cecchini. L’area è un grande cimitero perché i vivi sono morti e i morti pure, perché vivere è come morire e morire è come morire a Sarajevo. Alessandro Sicilia di Rende Semel in anno licet insanire… Questa la locandina pubblicata dal Gruppo Arcobaleno di Cittadella del Capo presieduto da Antonio Rossano: Carnevale 2014 Domenica 2 marzo e martedì 4 marzo dalle ore 18 nella sala polivalente comunale ingresso libero UNA PROGRAMMAZIONE INVERO AMBIZIOSA Salvatore Filippelli di Cittadella del Capo Quando il mare è in tempesta

[close]

p. 4

Ben supportato sul piano organizzativo dall’architetto Antonino Apreda, dagli altri soci e dalle patronesse, il Gruppo cittadellese dell’Associazione Nazionale dei Marinai d’Italia, presieduto dal solerte signor Marcello Filaci, ha programmato di massima per i restanti mesi del 2014: febbraio = torneo di burraco; marzo = giornata della Donna; aprile = gara cinofila; maggio = giochi della tradizione popolare; giugno = 2° raduno di auto storiche; luglio = estemporanea di pittura; agosto = gara di pesca fisso-lancio-barca; settembre = tiro con l’arco arcieri; data da destinarsi = sfilata di moda; data da definire = concorso di bellezza per cani. I dettagli delle varie manifestazioni saranno di volta in volta comunicati attraverso pubblici manifesti. Ricordiamo che nei decorsi mesi Filaci, Apreda e soci hanno organizzato tre ottimi eventi i quali hanno suscitato attenzione e interesse: sfilata di automobili d’epoca per le vie di Bonifati e Cittadella; saggio di tiro con l’arco nell’anfiteatro di palazzo del Capo; recital di poesie all’Hotel “San Michele” di Cetraro. Congratulazioni e auguri! _______________________________________pieffe LIBRO DI STORIA ELETTORALE BONIFATESE Ogni vota ca si vota zì Viniciu a Bunifati - ‘u sapìmu, è cosa nota no cci dorma lli nuttati. Alli cincu d’ ‘a matina s’apprisènta cum’ a Màiu: prisidè, mi càcciu ‘a spina, ti salùtu e mi ndi vàiu! Zì Vinì, cca su’ dulùri; ziarì, guàrditi ‘nturnu: no cci su’ lli scrutaturi e pur’ ìja m’indìsciu e turnu! “Chistu c’è, chillu no c’è”… signu ccà ch’è già ‘na vita, dam’ ‘a scheda, prisidè, e facìmula finita! Dai prospetti del libro di Filippelli e Rugiero apprendiamo: Sindaci di Bonifati eletti nel 2° dopoguerra 1946 Valentino Ferrari, dimissionario nel ‘49 (gli subentrò Carmine Fiorillo); 1952 Guglielmo Cammarella; 1956 Giovanni Rizzo; 1960 Giovanni Rizzo; 1964 Federico Engels; 1970 Franco Barbieri; 1973 Nino Gerace; 1978 Carmela Sanguedolce in De Gregorio; 1983 Mario De Brasi nei verbali di scrutinio, poi Carmela Sanguedolce per sentenza del TAR; 1988 Carmela Sanguedolce; 1993 Roberto Gerace; 1997 Roberto Gerace; 2000 Giuseppe Cristofaro; 2005 Antonio Goffredi; 2010 Antonio Mollo; 2013 Antonio Mollo. La dott.ssa Sanguedolce, finora unico sindaco donna del Comune di Bonifati, vanta il record dei mandati svolti: 3 e consecutivi (’78, ’83 e ’88). Chapeau! Il dottor Mario De Brasi detiene il primato delle candidature alla carica di primo cittadino o di consigliere: 8 negli anni 1970, 73, 78, 83, 88, 93, 97, 2000. Complimenti! È stato già stampato, e sarà distribuito gratuitamente quanto prima, il volume (cm 15 x 21, pagine 220) “Le elezioni comunali a Bonifati dal 1946 ad oggi” di Pasquale Filippelli e Mario Rugiero, entrambi bonifatesi, di Cittadella del Capo il primo, del capoluogo l’altro. Il volume contiene anche “paginette elettorali in libertà”, tra cui questa di Filippelli intitolata ZI’ VINICIU: Molte volte - non esagero se dico una ventina da metà anni Ottanta a fine anni Novanta ho fatto il presidente, oltre che nei seggi di Cittadella e Torrevecchia, anche in quelli di Bonifati capoluogo, per ogni tipo di elezioni: politiche, regionali, provinciali e comunali, europee, referendum. Dirigente del delicato servizio elettorale era a quel tempo il rag. Enzo Ferrante, a cui subentrò Pierino De Brasi quando l’altro andò in pensione. Quali straordinarie capacità e competenze, quelle espresse all’epoca dai due! Anche Pierino è ora un pensionato, mentre Enzo è passato a miglior vita due anni orsono. Ma il protagonista di questa “paginetta in libertà” è un’altra indimenticabile persona, un anziano elettore bonifatese, ormai scomparso, il quale è stato per anni ed anni il più sollecito a votare, ‘u cchiù pressarùwu: Zì Viniciu il Giornalino viene anche pubblicato nei siti www.parrocchiacittadella.it www.assradicijelefella.it www.assgruppoarcobaleno.it www.cittadelladelcapo2.it

[close]

Comments

no comments yet