Poesie

 

Embed or link this publication

Description

Attimi di emozioni

Popular Pages


p. 1

Ai miei genitori Le mie poesie

[close]

p. 2

A mio padre Mi guardi senza vedermi ascolti la mia voce senza più emozionarti ti lasci abbracciare, ma non sai più darmi calore Sei come un bambino perso in mezzo alla vita frastornato da mille colori non distingui più le mie lacrime dai sorrisi Ti guardo cercando di capire ma vedo solo la tua prigionia Vorrei tanto giungere al tuo cuore e regalarti un po’ di me ma non so più come arrivare a te Mi mancano i tuoi occhi Mi mancano le tue risate Mi manca soprattutto la tua timida tenerezza che sapeva darmi tanta sicurezza Ti voglio bene papà

[close]

p. 3

Amicizia Quando parla il cuore il tempo non ha spazi i cammini si ricongiungono i valori si consolidano le parole si armonizzano come melodia che si libera in più toni le mani si uniscono e si sorreggono gli occhi s’incrociano con i sorrisi l’energia dilaga fino in fondo all’anima che leggera brilla come una stella.

[close]

p. 4

Felicità è… Aprire gli occhi e vedere il sole e tutte le cose che sotto i suoi raggi prendono colore sorridere e sapere di trasmettere calore, fiducia, benessere e allegria coccolarsi un po’ per darsi tutto il bene di cui si ha bisogno e che troppo spesso non si trova intorno festeggiare la vita lasciando la nostra impronta su questo giorno che nasce nuovo per noi

[close]

p. 5

Ogni giorno per sopravvire ogni giorno cercare di opporre la speranza al dolore, l'altruismo alle ingiustizie, la saggezza alle balordagini, la fantasia alla grettezza mentale, l'amore all'odio e sperare che basti

[close]

p. 6

A mio marito I tuoi occhi mi parlano…. solo io riesco a capire. E’ una lingua…. non di parole, parole, parole, ma di fatti, teneri e silenziosi. Gesti d’amore, timidi e schivi talvolta quasi negati dal tuo profondo ed innato pudore. Nei tuoi occhi, lievemente velati, rivedo i nostri giorni…. Giorni amari, riparati dalla coperta dalle tue braccia . Giorni gai, festeggiati dal contagio della tua risata . Giorni, mai uguali, spesi a costruire un futuro senza spine pieno dell’amore che il nostro cuore porta in sé dal primo improvviso tuffo nel lago della tua anima.

[close]

p. 7

Castagne Castagne dorate, arrostite e profumate, le mani scaldate e calore e allegrie ci date. Che buone che siete, sul fuoco scoppiettante, con allegria, saltate e risaltate, buone da mangiare, prima sbucciate e poi in compagnia mangiate

[close]

p. 8

Campana di paese Campana che scandisci le ore quante emozioni scorrono per queste vie Dall’alba a sera i tuoi rintocchi arrivano a chi, pensieroso, è intento al lavoro Fai compagnia a chi è solo e resta a casa, entri e annunci, con i tuoi rintocchi, gioie e dolori e una preghiera nasce nel cuore

[close]

p. 9

di chi ascolta e si sente meno solo

[close]

p. 10

Inverno Pizzi, trine, merletti, ricami fantastici e irridescenti che svaniscono sotto i raggi di un sole lontano. Striature di ruote magiche che creano colonne, arabeschi, farfalle, pupazzi

[close]

p. 11

divertenti e diversi. Lastre di ghiaccio senza tempo che aspettano la carezza calda dei giorni che verranno

[close]

p. 12

Alla mia principessa Vorrei tingere di azzurro, ogni giorno, il cielo, stendere tappeti di prato, spargere petali profumati, illuminare il buio delle tue paure, cullare i tuoi sogni , proteggere le tue speranze, impastare miele per nutrire le tue giornate e irrobustire le tue ali per i voli dell’anima su sentieri albeggianti … quello che non ti mancherà mai è il mio amore infinito

[close]

p. 13

Il tempo va tra famiglia e lavoro e negli occhi rimane la voglia di fermare un attimo di sogni sognati tra strade non raggiunte volute, pensate e mai veramente solcate

[close]

p. 14

Dedicato Dedicato a chi pensa a chi corre a chi si ferma a chi non a tempo a chi si annoia a chi lavora a chi studia a chi legge a chi sogna a chi non si arrende a chi sorride a chi piange a chi ama a chi si sveglia a chi rende questo mondo migliore

[close]

p. 15



[close]

Comments

no comments yet