N.81 - 2014

 

Embed or link this publication

Description

Il Giornale Italiano 81/2014

Popular Pages


p. 1

L'Ambasciatore Pietro Sebastiani e l’Ambasciatrice Maria Cristina Finucci 81/2014 | GIORNALE ITALIANO DE ESPAÑA - GRATUITO | WWW.ILGIORNALEITALIANO.NET | D.L.: MA-884-2008

[close]

p. 2

L’AMBASCIATORE AGLI ITALIANI Cari connazionali, Desidero formulare a Voi tutti ed alle Vostre famiglie i miei più sentiti auguri per l’anno che è appena iniziato. Sono certo che sarà migliore, per il nostro Paese e per quello che ci ospita. Lo auguriamo soprattutto ai tanti che hanno sofferto duramente per la crisi, una crisi dalla quale nel nostro Continente si inizia ad uscire e da cui se ne uscirà tanto più rapidamente e completamente, se si porterà avanti con determinazione un’azione comune europea per il rilancio della crescita economica e dell’occupazione. È infatti questo un anno che si preannuncia particolarmente importante per il nostro Paese, perché l’Italia dal 1º luglio avrà la presidenza di turno dell’Unione Europea. Si tratta di un appuntamento cruciale. Da una parte, servirà a ricordare a tutti noi quanto l’Europa e l’integrazione europea ci hanno dato negli ultimi decenni, a partire dalla pace, dalla solidarietà e dal riconoscimento di valori e di diritti che marcano la qualità civile delle nostre società; dall’altra, sarà l’occasione per il nostro Paese per proporre idee nuove sul futuro dell’Europa e per cogliere appieno le prospettive di ripresa che, in maniera sempre più incoraggiante, iniziamo ad avvertire in Italia come in Spagna e di cui abbiamo particolare bisogno. Gli italiani in Spagna si sentono a casa. E il merito è anche vostro, della collettività italiana, che ha saputo integrarsi nella società spagnola senza perdere le proprie radici o i propri valori che trovano nell’Ambasciata il loro riferimento. Ancora tanti auguri, “guardando”, come ci ha spronato il Presidente della Repubblica, “con serenità e con coraggio al nuovo anno”. Pietro Sebastiani Ambasciatore d’Italia in Spagna Pag. 2 81/2014 MADRID

[close]

p. 3

2013, UN’ANNO DI EVENTI IN AMBASCIATA Il Giornale Italiano de España dedica un riassunto alle attività dell’Ambasciata Italiana che ha visto oltre all’arrivo dell’Ambasciatore Pietro Sebastiani, anche l’assunzione dell’incarico, presso l’Ambasciata, del Ministro Consigliere Massimo Branciforte (ottobre 2013) e la Consigliere Gaia Danese (settembre 2013) 06/02/2013 - L'AMBASCIATORE PIETRO SEBASTIANI HA PRESENTATO LE CREDENZIALI A S.M. IL RE DI SPAGNA IN UNA CERIMONIA AL PALAZZO REALE DI MADRID - Durante l’atto, l’Ambasciatore Sebastiani si è intrattenuto in un cordiale colloquio con il Sovrano, assistito dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione spagnolo, José Manuel García-Margallo, che ha offerto l’occasione per riaffermare l’eccellente stato delle relazioni tra Italia e Spagna. 04/06/2013 - CELEBRAZIONE DELLA FESTA NAZIONALE 2013 IN AMBASCIATA. Il tradizionale ricevimento rivolto alle Autorità Spagnole, al Corpo Diplomatico e agli esponenti della società e dell’imprenditoria. MADRID I due Presidenti accompagnati dalle delegazioni si recano al centro stampa 06/05/2013 - INCONTRO A MADRID TRA IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, ON. ENRICO LETTA, E IL PRESIDENTE DEL GOVERNO SPAGNOLO MARIANO RAJOY - Il Presidente del Consiglio, On. Enrico Letta, è stato ricevuto questo pomeriggio alla Moncloa dal Presidente del Governo spagnolo Mariano Rajoy. L’agenda del colloquio è stata incentrata prevalentemente sulle tematiche europee. Al termine dell’incontro i due Presidenti hanno tenuto una conferenza stampa congiunta. 2-15/06/2013 - PASSIONE ITALIA 2013. Dal 6 al 15 giugno si sono svolte a Madrid numerose iniziative per celebrare la Festa Nazionale. Sabato 8 giugno l’Ambasciatore d’Italia, Pietro Sebastiani, ha rivolto un saluto ai partecipanti alla “Giornata a porte aperte” presso il cortile della Scuola Italiana. 17/06/2013 - IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO, MARIO GIRO, A MADRID. Cogliendo l’occasione della sua presenza a Madrid per partecipare al quinto Congresso Mondiale contro la Pena di Morte, il Sottosegretario di Stato, Dott. Mario Giro, ha avuto un cordiale e proficuo colloquio con il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Gonzalo de Benito Secades. L’incontro ha rappresentato l’occasione per un confronto di ampio respiro su alcune questioni dell’attualità internazionale, nonché sul condiviso impegno a favore dell’abolizione della pena di morte. Da sinistra in piedi: Autorità accademiche, Signora Eco, Prof. Javier Peña Pérez (padrino della cerimonia) - Da sinistra seduti: Prof. Alfonso Murillo Villar (Rettore della Università di Burgos), Prof. Umberto Eco, S.E. l'Ambasciatore d'Italia, Pietro Sebastiani. 23/05/2013 - L'AMBASCIATORE D'ITALIA PARTECIPA ALLA CERIMONIA DI CONFERIMENTO DELLA LAUREA HONORIS CAUSA DELL'UNIVERSITÀ DI BURGOS ALL'ILLUSTRE SCRITTORE ITALIANO, PROF. UMBERTO ECO, PRESSO L'AULA MAGNA DELL'HOSPITAL DEL REY. 81/2014 Pag. 3

[close]

p. 4

MADRID 19-20/07/2013 - IL MINISTRO EMMA BONINO PARTECIPA ALLA RIUNIONE MINISTERIALE DEL GRUPPO DI RIFLESSIONE SUL FUTURO DELL’EUROPA A PALMA DI MAIORCA. ˂ La Signora Ministro Emma Bonino accompagnata dall'Ambasciatore Pietro Sebastiani 17/10/2013 - INCONTRO IN AMBASCIATA TRA I SOTTOSEGRETARI ALLA DIFESA, SEN. ROBERTA PINOTTI (ITALIA) E PEDRO ARGÜELLES SALAVERRÍA (SPAGNA). Da sinistra l’Ambasciatore Pietro Sebastiani, la Sottosegretario alla Difesa italiano, Roberta Pinotti, e il Sottosegretario alla Difesa spagnolo Pedro Argüelles Salaverría Da sinistra, Carmelo Di Gennaro, Michelangelo Pistoletto ed Alain Elkann 01/10/2013 - L'ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI MADRID ORGANIZZA LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "LA VOCE DI PISTOLETTO" IN COLLABORAZIONE CON IL MUSEO NACIONAL CENTRO DE ARTE REINA SOFIA. Michelangelo Pistoletto, uno dei punti di riferimento dell’arte contemporanea, si racconta per la prima volta nel libro “La voce di Pistoletto” di Michelangelo Pistoletto ed Alain Elkann. 10/10/2013 - A MADRID PRESSO L'AMBASCIATA D'ITALIA È STATO PRESENTATO DAL CONSIGLIERE ALESSANDRO FUSACCHIA IL PIANO DESTINAZIONE ITALIA. Il Dottor Alessandro Fusacchia, Consigliere del Ministro degli Affari Esteri per le Tematiche relative alla diplomazia economica e all’Internazionalizzazione, ha condotto, giovedì 10 ottobre, nel giardino d’inverno dell’Ambasciata, la conversazione Da “Restart, Italia!” a “Destinazione Italia”: perché e come dobbiamo puntare su innovazione, imprenditorialità e investimenti. All’incontro hanno preso parte rappresentanti del mondo imprenditoriale italiano in Spagna, i soci della BAA Madrid, che riunisce gli ex studenti dell’Università Bocconi di Milano, nonché numerosi giovani italiani “global” a Madrid (ricercatori, professionisti, studenti). In un clima informale, schietto e vivace si è discusso con grande interesse e passione del futuro del Sistema economico italiano dal punto di vista dell’imprenditorialità giovanile. Fusacchia ha presentato l’iniziativa partita il 9 ottobre su internet in relazione al piano “Destinazione Italia”, il programma in 50 misure del Governo per attrarre investimenti esteri e promuovere la competitività del Paese, che punta anche alla valorizzazione delle Start-up dei giovani italiani nel mondo, quale risorsa per il Sistema Italia. Per un mese è possibile infatti partecipare alla consultazione sul sito www.destinazioneitalia.gov.it. L’iniziativa vuole coinvolgere attivamente la cittadinanza che potrà inviare opinioni, idee e suggerimenti per contribuire ad individuare dove agire prioritariamente. L’ottica è quella di promuovere un reale incontro tra offerta di stimoli all’iniziativa economica da parte delle istituzioni e la domanda di cittadini e imprenditori. Questo progetto, che utilizza modalità nuove di dialogo tra istituzioni e cittadini, fa parte di una più ampia politica di rilancio del Paese che intende anche promuovere all’estero la cultura, i luoghi italiani e dare slancio alle opportunità di investimento. 19/10/2013 - MOSTRA "LA VILLA DEI PAPIRI" DI ERCOLANO PRESSO LA CASA DEL LECTOR DI MADRID. Una straordinaria mostra sulla Villa dei Papiri di Ercolano e la sua Biblioteca l’unica dell’antichità classica giunta ai nostri giorni. L’esposizione ricostruisce virtualmente le stanze della Villa e una selezione di opere artistiche e pezzi archeologici prestigiosi, attraverso i quali ci si avvicina alla lettura e alla scrittura nell’antica Roma e alla rilettura del secolo XVII, con gli scavi che portarono alla luce i tesori e li fecero conoscere in tutto il mondo. Inaugurazione della mostra “La Villa dei Papiri”. 21/11/2013 - SESTA EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL CINEMA ITALIANO DI MADRID organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia (21-28 novembre) Consegna del premio alla carriera a Marco Bellocchio - Da sinistra il Direttore dell'Istituto Italiano di Cultura, Carmelo Di Gennaro, l'attrice Ángela Molina, il regista Marco Bellocchio e l'Ambasciatore d'Italia Pietro Sebastiani. Pag. 4 81/2014

[close]

p. 5

MADRID 20/11/2013 - IL NUOVO IVECO EUROCARGO EURO 6, OSPITE ALL'AMBASCIATA D'ITALIA. L’Ambasciata d’Italia a Madrid ha ospitato la presentazione del nuovo Eurocargo Euro 6 dell’Iveco, il veicolo del segmento medio, leader del mercato europeo fin dalla sua nascita che combina oggi l’innovazione e le alte prestazioni con l’ottimizzazione dei consumi. Da sinistra: il Presidente della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, Marco Silvio Pizzi, l'Amministratore Delegato di Salini Impregilo, Pietro Salini, il Presidente del gruppo OHL, Juan Miguel Villar Mir, il Presidente della Comunidad de Madrid, Ignacio González, l'Ambasciatore d'Italia, Pietro Sebastiani, il Sindaco di Madrid, Ana Botella e il Presidente della Camera di Commercio di Madrid, Arturo Fernández. 12/12/2013 - PREMIO TIEPOLO 2013. L’Ambasciata d’Italia ha accolto nella sua sede la cerimonia di consegna del Premio Tiepolo 2013, quale riconoscimento alla carriera degli imprenditori di successo italiani e spagnoli. La manifestazione, giunta quest’anno alla diciottesima edizione, è stata inaugurata dall’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Pietro Sebastiani. La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna e la Camera di Commercio di Madrid hanno assegnato questo prestigioso riconoscimento a Pietro Salini, Amministratore Delegato del principale gruppo italiano nel settore delle costruzioni, Salini Impregilo, e Juan Miguel Villar Mir, Presidente del gruppo internazionale OHL, operante nello stesso settore. I premi sono stati consegnati dal Presidente della Comunità di Madrid, Ignacio González, e dal Sindaco di Madrid, Ana Botella. Un momento dell’incontro con la stampa 25/11/2013 - IL VICE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E MINISTRO DELL'INTERNO, ON. ANGELINO ALFANO, IN VISITA A MADRID. Il Vicepremier e Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ha incontrato a Madrid, presso la presidenza del governo, il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy. La visita si colloca in un quadro d’intensa collaborazione fra Roma e Madrid in ambito europeo sia per il rilancio della crescita e dell’occupazione che per il contrasto all’immigrazione clandestina, anche in vista della prossima presidenza italiana dell’Unione Europea. 17/12/2013 - PREMI ALL'ITALIANITÀ 2013 ASSEGNATI DAL COMITES DI MADRID. L’Ambasciatore d’Italia, Pietro Sebastiani, ha consegnato i riconoscimenti ai connazionali che più si sono distinti quest’anno nel valorizzare l‘eccellenza italiana nelle categorie Industria, Cultura, Sport, Imprenditorialità e Solidarietà Sociale. L'Ambasciatore d'Italia Pietro Sebastiani, Franco Frattini e Ramon de Miguel, ex Secretario de Estado de Politica Exterior y de Asuntos Europeos 02/12/2013 - VISITA A MADRID DEL PRESIDENTE FRANCO FRATTINI. Franco Frattini, attualmente Presidente della Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (Sioi) e già Ministro degli Esteri del Governo Italiano e Vice Presidente della Commissione Europea, ha realizzato una missione a Madrid per una serie di incontri con personalità del Governo spagnolo. Egli ha avuto colloqui con il Ministro degli Affari Esteri, José Manuel García-Margallo e con il Ministro della Difesa, Pedro Morenés nel corso dei quali sono stati affrontati temi dell’attualità internazionale, con particolare riguardo all’attuale momento politico-economico vissuto dall’Unione Europea, il futuro della NATO, e il ruolo dell’Unione per il Mediterraneo. I premi dell'edizione 2013 sono stati assegnati a Vittorio Colussi, Amministratore Delegato di Banco Mediolanum (Categoria Industria), Stefano Russomanno, giornalista responsabile della sezione di musica del supplemento culturale del quotidiano ABC (Categoria Cultura), Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid, plurivincitore di campionati e trofei internazionali sulle panchine di Juventus, Milan, Chelsea e Paris Saint Germain (Categoria Sport), Alberto Putin, da cinquant'anni imprenditore di successo nei settori della ceramica e dell'acciaio a livello mondiale (Categoria Imprenditorialità) e all’"Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII", che dal 2007 si adopera a Guadalajara e Madrid a favore dei più bisognosi (Categoria Solidarietà Sociale). Quest’anno, inoltre, il Consiglio del Comites di Madrid ha assegnato due Targhe speciali all’Italianità: una a Silvano Bonezzi, fondatore e Presidente dell’Ente Gestore Scuola Materna Italiana di Madrid, l'altra ad memoriam a Giulio Rosi, cronista parlamentare di lunga esperienza, venuto a mancare pochi mesi fa, nonché fondatore e Direttore de "Il Giornale Italiano" in Spagna. 81/2014 Pag. 5

[close]

p. 6

NELLE MIGLIORI GIOIELLERIE AL “EL CORTE INGLES” DI PUERTO BANUS ASSIEME ALLE È PRESENTE MIGLIORI MARCHE MONDIALI DI GIOIELLERIA, DIREZIONE VENDITA IN SPAGNA - CARMINA COSTA TEL.629820595

[close]

p. 7

12-19/12/2013 - MOSTRA DEL CINEMA ITALIANO DI BARCELLONA MADRID 25/01/2014 - VERTICE BILATERALE ITALIA-SPAGNA A ROMA. Sono terminati i colloqui bilaterali tra il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, e il Premier Spagnolo, Mariano Rajoy, iniziati questa mattina a Roma nell’ambito del 18mo vertice intergovernativo Italia-Spagna. Tra gli argomenti del vertice misure per uscire dalla crisi economica, l’immigrazione, l’occupazione e l’effettivo completamento dell’Unione bancaria, anche in vista della presidenza di turno dell’Unione europea nella seconda metà del 2014. Massimo Branciforte, Ministro Consigliere della Ambasciata Gaia Lucilla Danese, Consigliere Responsabile per la Stampa, Cultura e politica interna dell’Ambasciata PREMIO NAZIONALE PER LA TRADUZIONE 2013 Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBAC) ha assegnato i Premi Nazionali per la Traduzione 2013, destinati a traduttori ed editori italiani e stranieri che abbiano contribuito alla diffusione della cultura italiana all’estero e della cultura straniera nel nostro Paese. Nell'edizione di quest'anno, la Spagna ha ricevuto una particolare attenzione: i premi per l’attività complessiva sono stati attribuiti alla traduttrice italiana Ilide Carmignani, particolarmente specializzata nella traduzione di letteratura spagnola, e al traduttore spagnolo Juan Carlos Reche, che si è dedicato in particolare alla poesia italiana del Secondo Novecento. La casa editrice catalana “Edicions de 1984” ha ricevuto un premio speciale per la diffusione e traduzione in lingua catalana di autori quali Dino Buzzati e Claudio Magris. I premi sono stati così attribuiti: - Quattro Premi per l’attività complessiva a: ILIDE CARMIGNANI (foto 2) JUAN CARLOS RECHE (Spagna) (foto 1) CASA EDITRICE GUIDA EDITORI CASA EDITRICE AGRA PUBLICATIONS (Grecia) - Quattro Premi speciali a: MARIA TERESA ORSI (foto 3) CASA EDITRICE PONTE33 CASA EDITRICE EDICIONS DE 1984 (Spagna) CASA EDITRICE NOVOE IZDATEL’STVO (Russia) 81/2014 Pag. 7

[close]

p. 8

SERATA CULTURALE AL COMITES MADRID di Paola Lungarini che se non tutto quel che viene scritto è stato vissuto in prima persona dallo stesso. In effetti, non concepisco il “disamore” descritto nella sezione BUIO della mia silloge. Non è il mio modo di vedere l’amore, mentre per alcuni, quella, evidentemente, è l’unica maniera che hanno per amare sebbene si tratti di un amore malato. E, fortunatamente, questa parte non l’ho vissuta in prima persona, ma ho agito come un’attrice immedesimandomi nelle donne che subiscono soprusi, per poter scrivere quei versi che leggete nella silloge. Quanto è cambiato, se è cambiato, lo stile dello scrivere? È cambiato molto se non moltissimo. All’inizio avevo quasi il timore di mettermi a nudo e di gridare la mia “Voce” (il titolo della mia prima raccolta di poesie). La paura era quella di essere giudicata, criticata... Anche gli scritti erano un po’ frenati da questi sentimenti. Ma ora sono riuscita un po’ a superare questo mio limite essendo più consapevole di me stessa e dei miei propri limiti, dando pertanto più sfogo alla mia scrittura diretta nella quale mi sento IO. Hai scritto un libro per bambini, cosa piace oggi ai giovani e quale secondo te bisogna trasferire attraverso la letteratura ? Il libro per bambini s’intitola “Mina, la fatina del Lago di Cristallo”, Il Villaggio Ribelle Edizioni. È un libro per bimbi delle elementari nel quale si narra la storia d’amicizia di due bambine che un giorno vengono in contatto con Mina, la fatina che vive vicino al Lago di Cristallo che le aiuterà a riflettere sulla loro amicizia e sulle loro capacità. Il Parco in cui si svolge il racconto è un chiaro riferimento al Parque del Retiro, meraviglioso polmone verde al centro della splendida città che mi ospita. Il messaggio da trasmettere ai bimbi e ai ragazzi deve essere sempre positivo, per aiutarli a divagarsi senza perdere mai d’occhio la propria strada. I tuoi prossimi libri cosa ci racconteranno? I miei prossimi libri racconteranno ancora di bambini, ma anche di ragazzi al loro primo amore, di adulti alle prese con la vita quotidiana, familiare e con i figli. Naturalmente ci sarà spazio per la poesia e anche per dei racconti a stampo diverso. Credo fermamente che la letteratura in genere e, soprattutto, la poesia sia “un arma cargada de futuro” (un’arma carica di futuro) esattamente come diceva Gabriel Celaya en su celebre poesia. Staremo a vedere. Elisabetta Bagli, “Dietro lo sguardo”; Alberto Bonomo, “L’Eremita tra la folla”. I due autori si scambiano i libri. intervista di Paola Pacifici Elisabetta Bagli, hai presentato presso il Comites di Madrid il tuo ultimo libro “Dietro lo sguardo”, di che cosa tratta? Il mio libro è rivolto a tutti, ma principalmente alle donne e ai loro sogni d’amore. A volte, questi sogni si riescono a raggiungere, altre volte sono di difficile realizzazione e rimangono come tali nel loro animo. Dall’osservazione della realtà che mi circonda ho cercato di sviscerare i desideri d’amore più reconditi, descrivendo la rabbia per alcune situazioni nelle quali la sottomissione all’uomo rende le donne nude e, quindi, più vulnerabili. Ho cercato di comprendere le donne che soffrono, che vivono all’ennesima potenza e quelle che non si abbattono e continuano ad andare avanti per riuscire ad affermarsi e poter proseguire una vita nella quale la speranza e i sogni di un amore passionale e vero siano sempre il motore della loro esistenza. Mi sono immedesimata nelle donne che muoiono per amore e in quelle che rivendicano la loro condizione di donna, in quelle che amano in silenzio per l’impossibilità di gridare il loro amore per implicazioni troppo grandi nella vita e ho cercato di entrare nell’anima di coloro che hanno la forza di iniziare di nuovo, di quelle donne che hanno il coraggio di essere soprattutto donne, perché per esserlo bisogna essere molto coraggiose. Le immagini ricreate nei versi sono attuali e vive, immagini nelle quali ogni essere umano, non solo le donne, possono ritrovarsi: sono fragili e forti, delicate e violente, bianche e nere, proprio come la luce e il buio che è dietro lo sguardo di ognuno di noi. Che cosa significa per te e cosa ti da scrivere un libro? I libri sono da sempre la mia passione. Sono accanita lettrice di classici e amo Pirandello e Oscar Wilde, due generi completamente diversi, ma che hanno in comune un’analisi approfondita della condizione umana di tutte le epoche: determinata dal voler essere e dalla paura di essere. Per questo poi nascondersi dietro le maschere risulta essere necessario per poter proseguire nella vita. Entrambi gli scrittori descrivono l’universalità dei sentimenti e dei comportamenti dell’uomo in modo talmente affascinante che è sorto in me il desiderio di leggere e rileggere i loro libri più volte e ancora lo faccio. Questo è ciò che mi deve dare un libro quando lo leggo: non solo evasione (anche se è una sua componente necessaria), ma anche e soprattutto mi deve fornire spunti per una sorta di riflessione introspettiva che mi aiuta a capire meglio chi sono. L’esperienza della scrittura non è diversa da quella della lettura, secondo il mio modo di essere. Per me scrivere non è solo sfogo ed evasione, ma è anche comprendere meglio quello che si racchiude dentro di me e poter portarlo alla luce attraverso storie o versi che rappresentano il mio sentire. È vero che i libri sono sempre anche un po’ autobiografici? Uno scrittore ha un filtro che, come dicevo prima, è il nostro modo di sentire e percepire le cose che ci sono intorno. Quindi, condivido il fatto che si dica che uno scritto sia autobiografico in quanto sempre si parla di qualcosa che è proprio dell’autore, an- Eventi mercoledì 19 febbraio 2014 - venerdì 28 marzo 2014 Disordine a palazzo - Negli ultimi tre anni, lo spazio del Palazzo d’Abrantes, sede dell’ Istituto Italiano di Cultura di Madrid, si è riempito di opere d’arte contemporanea di artisti che hanno realizzato progetti site specific sull’uso dello spazio, in un palazzo di grande belleza e ricco di storia. Nasce così la mostra DISORDINE A PALAZZO di Diana Sirianni, che si inaugura in occasione della Fiera internazionale d’arte contempoaraneo, ARCO. I collage di Sirianni ci propongono una composizione dello spazio attiva, che si desintegra e si ricompone in ogni istallazione e continua in tutti i suoi lavori. Ogni collage comprende centinaia di variazioni, derivazioni digitali di altri spazi e lavori, collocati in uno spazio determinato. I suoi collage dipendono dal movimento dello spettatore e dalla capacità di delineare connessioni ta lo spazio architettonico, l’istallazione e il corpo dello spettatore. Le sue installazioni immaginano il corpo come un’entità, un essere, che si rapporta con gli oggetti al di là di una consapevolezza fisica o di una ricerca formale. Il corpo abita gli spazi che crea Sirianni, costruendosi in continuazione a seconda delle sue possibilità, sempre mutevoli, e degli ambienti che lo circondano sempre precari. L’ esperienza è visivamente affascinante e nuova, e in un certo senso identificabile con la realtà di oggigiorno e con il vortice di informazioni che continuamente plasma il nostro spazio. Lo spettatore entra in un luogo fisico fatto di materialità sciolta, frammentata, privo di riferimenti, dove l’essere lotta per incontrare una prospettiva coerente. Pag. 8 81/2014

[close]

p. 9

GUSTI NEGRINI PER DIFFONDERE LA NOSTRA “CULTURA” IN SPAGNA MADRID di Paola Lungarini L’Ambasciatrice Cristina Finucci ha consegnato il premio durante il corso di cucina creativa organizzata per l’ottavo anno dalla importante azienda di importazione di prodotti italianoi, durante l’evento di Madrid Fusión. Nicoletta Negrini, durante il concorso, ha spiegato le caratteristiche più importanti di ogni prodotto utilizzato. Il concorso di cucina creativa Gusti Negrini, si è svolto, per l'ottavo anno consecutivo nella cornice di Madrid Fusión. Questo evento é organizzato da Negrini, importante impresa dedita alla commercializzazione e promozione di prodotti di alta gastronomia italiana, in Spagna e Portogallo. Durante il concorso ha ricevuto un premio speciale David Muñoz , chef del ristorante Diverxo de Madrid , con tre stelle Michelin; per l'utilizzo di ingredienti italiani nell'elaborazione dei suoi spettacolari piatti. Il premio è stato consegnato da Cristina Finucci Sebastiani, moglie del Excmo. Sr. Pietro Sebastiani attuale ambasciatore d’Italia in Spagna. I finalisti hanno presentato i loro piatti a una giuria formata da: Nicoletta Negrini, direttrice di Negrini e ambasciatore della cultura gastronomica in Spagna e Portogallo, Samantha Vallejo Nágera, imprenditrice e chef giurata di Masterchef Spagna, Ignacio Medina, critico gastronomico, Juan Manuel Bellver, giornalista de El Mundo, Alberto Luchini, capo redattore de la guida Metropoli e Cristina Finucci Sebastiani architetta di prestigio e moglie dell'ambasciatore italiano in Spagna. Concha Crespo, giornalista, ha presentato il concorso. Il fine del concorso era quello di elaborare un piatto innovativo con materia prima italiana e accompagnarlo con un vino armonico. Nicoletta Negrini, durante il concorso ha spiegato le caratteristiche più importanti di ogni prodotto utilizzato, contribuendo a diffondere la nostra cultura in Spagna, l'evento e stato ripreso da diverse televisioni spagnole. Il premio è stato vinto da Luis Valls, chef del ristorante Quique Dacosta, che ha presentato i “ravioli di mozzarella e pomodoro con olio tostato”. Il secondo premio è stato riconosciuto a Igñigo Almenara per il miglior abbinamento cibo-vino. I vincitori hanno ricevuto un viaggio premio in Emilia Romagna, dove visiteranno le cantine ed i produttori con le migliori referenze gastronomiche della zona. Il duro lavoro di Nicoletta Negrini di diffondere la cultura gastronomica italiana si consolida sempre più, gli spagnoli stanno imparando ad apprezzare e riconoscere la vera cucina italiana. “Il cammino è ancora lungo, ma siamo sulla buona strada” ha dichiarato Nicoletta Negrini. sin.: Nicoletta Negrini e l’Ambasciatrice Cristina Fanucci durante la premiazione del concorso Gusti Negrini Juanma Bellver, Cristina Finucci Sebastiani, Nicoletta Negrini e Pino Cuttaia I premiati 81/2014 Pag. 9

[close]

p. 10



[close]

p. 11

INAUGURATO LO SPAZIO PER I BAMBINI NELLA SALA D’ATTESA DELLA CANCELLERIA CONSOLARE DI MADRID nuova carta di identità, richiedere il passaporto o altri servizi, in questo modo, sono piacevolmente intrattenuti con giochi, colori, fogli per disegnare etc. Inoltre, sempre in sala d’attesa, è stata riattivata la filodiffusione, sono state cambiate le sedie grazie al fondamentale contributo dell’ICE, risistemato il mobilio favorendo in primo luogo la visibilità di un pannello con le indicazioni sugli uffici ed i principali servizi consolari e sono stati messi a disposizione dei connazionali che lo desiderino dei libri da leggere durante l’eventuale attesa o addirittura portare con sé qualora fossero di interesse. Un’altra informazione è quella comunque di sempre di consultare la pagina web del consolato (http://www.consmadrid.esteri.it/Consolato_Madrid) prima di recarsi personalmente agli uffici magari per acquisire solo informazioni. Ricordiamo che molte pratiche si possono realizzare per posta elettronica evitando a tutti perdite di tempo non necessarie. Inoltre, è in atto la campagna: COMUNICACI IL TUO INDIRIZZO E-MAIL! Con l’obiettivo di facilitare la comunicazione tra le istituzioni consolari e diplomatiche e i residenti italiani nella circoscrizione consolare di Madrid. Scrivi un messaggio a madrid.email@ esteri.it con il seguente oggetto: “Comunicazio- MADRID di Paola Lungarini ne indirizzo mail”. Nel testo dell’email devono essere indicati: nome, cognome, luogo e data di nascita dell’intestatario della mail. L’indirizzo email deve essere strettamente personale e regolarmente controllato. In tal modo potrai ricevere per posta elettronica, all’indirizzo comunicato, informazioni di carattere generale, comunicazioni relative alle pratiche in corso presso l’ufficio consolare, e potrai fruire - in prospettiva - di servizi consolari online, anche in vista delle nuove modalità informatiche di voto previste per le future elezioni dei Comites. P.S. l’indirizzo madrid.email@esteri.it è dedicato esclusivamente alla raccolta di indirizzi email. A richieste relative ad altri servizi non verrà dato seguito. Noi del Com.it.es ci complimentiamo con tutti i funzionari della Cancelleria Consolare per queste novità e per nuovo modo di concepire la qualità dei servizi ai connazionali. Sono previste altre iniziative di miglioramento nei prossimi mesi di cui vi terremo informati. Pietro Mariani Consigliere Esecutivo Comites Madrid Dallo scorso 14 gennaio la sala d’attesa della Cancelleria Consolare ha un angolo dedicato ai più piccoli, realizzato grazie al contributo della scuola materna italiana e che fa parte di un nuovo modo di pensare ed avvicinarsi ai connazionali che visitano la Cancelleria Consolare per una qualsiasi gestione burocratica, ci confermano Aurora Russi, Primo Segretario dell’Ambasciata, e Gilda Santangelo, Capo della Cancelleria Consolare. Grazie a questa lodevole iniziativa i bambini che accompagnano i propri genitori che giornalmente si avvicinano agli Uffici della C/Augustin de Bethencourt nº3 di Madrid, per ottenere una IL MINISTRO ALFANO ALLA CONVENCIóN DEL PARTIDO POPULAR DE ESPAñA A VALLADOLID Il vice presidente del Governo ha salutato i partecipanti dicendo che l’Italia e la Spagna hanno un destino comune. Angelino Alfano ha ricordato ai giovani presenti l’importanza di appartenere alla Comunità Europea e la necessità di attuare un grande lavoro di pace per un’Europa unita che è la grande conquista del nostro tempo. Inoltre, si 81/2014 è poi congratulato con Rajoy per il suo lavoro al Governo. Il ministro inoltre, ha dichiarato: “che il primo punto del nostro programma politico in Europa deve essere il lavoro. Oggi abbiamo un grande avversario politico che è il populismo e l’anti-europeismo”. Si è poi congedato dai convenuti con “Viva Italia, Viva España y Forza Mariano”. Pag. 11

[close]

p. 12

CAMERA DI COMMERCIO BARCELLONA E L’EXPò 2015 BARCELLONA di Maria Santini Il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, e la Presidente della Camera di Commercio Italiana a Barcellona, Emanuela Carmenati, hanno presentato l’Esposizione Universale Milano 2015 ruolo di ponte tra Catalunya e Lombardia. Nel corso della riunione è stata presentata la prima bozza di un documento contro la falsificazione alimentare che verrà proposto a tutti i partecipanti a Expo 2015. Lombardia e Catalunya godono di una lunga tradizione di scambi e collaborazioni, sviluppatasi soprattutto nell’ambito dell’associazione “Quattro Motori per l’Europa”, costituita anche da RhôneAlpes e Baden Württemberg e presieduta dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. PrESIDEntE EMAnuElA CArMEnAtI Gentili invitati, È un grande onore e piacere per la CCIB darvi il benvenuto nella incomparabile cornice della sala “La Cupola” del MNAC (Museu Nacional d'Art de Catalunya). Come sapete, questo museo custodisce la collezione di arte romanica lombarda più importante del mondo. Si tratta del primo movimento artistico medievale che raggiunse un certo grado di internazionalità in Europa, e ora ci troviamo qui con la grande opportunitàa di condividere questo spazio con la Regione Lombardia e con il suo Presidente, il nostro invitato Roberto Maroni, nell’obiettivo di rafforzare la collaborazione tra Lombardia e Catalogna e percorrere assieme il cammino verso l’Expo Milano 2015, che si terrà dal 1 Marzo al 31 Ottobre 2015. Mancano 470 giorni all’inizio di questo grande evento. Più di 130 paesi hanno già confermato la loro partecipazione e tutti contribuiranno a sviluppare il tema “Alimentare il pianeta. Energia per la vita”. L’EXPO darà particolare risalto al ruolo delle donne nel progresso sociale, dando loro l’opportunità di proporre la propria “ricetta per la vita” attraverso la rete “WE-WOMEN FOR EXPO”. Quest’anno la CCIB celebra il suo centenario. La sua fondazione, avvenuta nel 1914, si colloca esattamente a cavallo tra le due Esposizioni Universali del 1888 e del 1929. La prima portò a Barcellona 400.000 visite, cifra molto significativa se consideriamo che allora aveva 530.000 abitanti, e rappresentò il motore di un grande progresso tecnologico, economico e culturale. Nel 1913 un gruppo di impresari catalani e italiani capiscono l’importanza di associarsi e nasce così la Camera di Commercio Italiana a Barcellona. Oggi, 100 anni più tardi, riceviamo con rispetto il testimone di coloro che ci hanno preceduto e la CCIB intavola un solido ponte tra Barcellona e Milano. È con questo spirito che abbiamo organizzato questo incontro, ed è con la vostra presenza che si misura l’importanza dello stesso. Il Console di Barcellona Stefano Nicoletti, il Direttore Generale dell’ISNART Giovanni Cocco, il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e il Presidente della CCIB Emanuela Carmenati Grande successo di partecipazione per la prima tappa del World Expo Tour tenutosi lo scorso 16 Gennaio a Barcellona e promosso dalla Camera di Commercio Italiana – Barcellona e dalla Regione Lombardia. Parte da Barcellona il programma di iniziative, eventi e incontri dedicati alla promozione della Esposizione Universale, che avrà luogo a Milano dal 1 Maggio al 31 Ottobre 2015 e il cui tema sarà “Alimentare il pianeta. Energia per la vita”. L’incontro é stato presieduto e moderato dalla presidente della CCIB Emanuela Carmenati, che ha aperto la presentazione sottolineando la centralità dell’EXPO 2015 nel programma del Ministro Italiano per lo Sviluppo Economico Flavio Zanonato, la cui linea di intervento principale è la bioeconomia, tema strettamente connesso con quello dell’EXPO. Sono intervenuti poi, in quest’ordine, il Console Generale d’Italia a Barcellona Stefano Nicoletti, il presidente della Camera di Commercio di Varese Roberto Scapolan, il Sottosegretario all'EXPO 2015 e all'internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala, il direttore alle Relazioni Internazionali dell’Expo 2015 Roberto Arditti, il segretario alla Competitività e Impresa del Dipartimento di Impresa e Occupazione della Generalitat de Catalunya e il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni. Come sfondo per l’evento, che ha avuto luogo nell’elegante sala “La Cúpula”, la CCIB ha scelto il MNAC (Museu Nacional d'Art de Catalunya), che custodisce la collezione di Arte Romanica Lombarda più importante del mondo. L’atto ha visto la partecipazione di più di Roberto Arditi un centinaio di persone tra imprenditori, rappresentanti istituzionali e giornalisti e si è concluso con una conferenza stampa e un cocktail offerto dalla Regione Lombardia. Successivamente, alcuni impresari catalani e italiani e rappresentanti istituzionali si sono ritrovati al ristorante Massimo, uno dei ristoranti certificati col Marchio Ospitalità Italiana, un programma mondiale di certificazione di ristoranti italiani promosso dall’ISNART (“Le Vetrine del Made in Italy”) in collaborazione con la CCIB e altre Camere di Commercio Italiane nel mondo. Alla cena, che si colloca nell’ambito del ciclo di cene “MOMENTO ITALIANO organizzate periodicamente dalla Camera di Commercio Italiana - Barcellona, ha preso parte anche il direttore generale dell’ISNART, Gianni Cocco, che ha evidenziato l’importanza di questo progetto nella promozione dei prodotti italiani. Il giorno successivo, 17 Gennaio 2014, si è svolta un’importante riunione tra i rappresentanti Catalani e Italiani. Per la Catalunya sono intervenuti il Consigliere all’Agricoltura, Pastorizia, Pesca, Alimentazione e Ambiente Josep Maria Pelegrí, il Sottodirettore dell’Agenzia Catalana del Consumo, Albert Melià, il Direttore Generale di Alimentazione, Qualità e Industrie Agroalimentari del Dipartimento di Agricoltura, Pastorizia, Pesca, Alimentazione e Ambiente, Domènec Vila, il Consigliere Delegato di Prodeca, Jordi Bort, il Capo di Gabinetto dell’Assessorato all’Agricoltura Iban Rabasa, il Direttore Generale dell’IRTA, Josep Mª Montfort, il Presidente della Federazione Catalana DOP e IGP, Toni Torrent, e il Presidente del Consiglio Regolatore della Denominazione d’Origine Catalana, Xavier Piè. Per l’Italia hanno partecipato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, l’Assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia, Gianni Fava, il Presidente di Coldiretti Lombardia, Ettore Prandini, il Sottosegretario all'EXPO 2015 e all'Internazionalizzazione delle imprese, Fabrizio Sala, il Presidente della Camera di Commercio di Varese, Roberto Scapolan, e il Presidente della CCIB, Emanuela Carmenati. Quest’ultima ha sottolineato come, nell’anno del suo centenario, la Camera di Commercio Italiana - Barcellona confermi il suo Emanuela Carmenati e Roberto Maroni Pag. 12 81/2014

[close]

p. 13

Roberta Martin proprietaria di I.B.P., Slu è stata invitata dalla Camera di Commercio Italiana di Barcellona alla presentazione di Expo Milano 2015. La serata è continuata con “Momento Italiano”, evento al quale ha partecipato il Signor Gianni Cessel coordinatore a livello territorio spagnolo delle attività di IET, associazione inglese di ingegneri e collaboratore nei programmi di stage organizzati in collaborazione con le Università. I.B.P., Slu è una società focalizzata nello studio, viabilità e seguimento iniziale di progetti Profit e No Profit. Delle attività svolte o Roberto Maroni con il segretario Pere Torres nelle quali abbiamo partecipato durante il mese di gennaio abbiamo preparato una news. Roberta Martin e I.B.p., Slu fanno parte di un gruppo di organizzazioni e persone di referenza a livello europeo nella realizzazione di progetti di carattere economico e sociale che toccano i paesi europei e non (dipende dal progetto) interessati ai benefici delle attività realizzate. Nel caso di Rete Sportello Donna Europeo, Roberta Martin ne è la fondatrice insieme ad un’altra donna italiana che vive e opera direttamente in Italia, Isa Maggi. In questo progetto, tra le varie cose, viene dato risalto a tutte le informazioni relative ad attività economiche, sociali che riguardano la donna organizzate dal propio sportello e da altre organizzazioni che chiedono il nostro aiuto nella divulgazione. È il caso di WE Women for Expo. Per questa nuova iniziativa daranno notizie degli itinerari tematici che si organizzeranno per Expo 2015: turismo, enogastronomia e così via. A gennaio sono stati presenti all’evento EXPO 2015 a Barcellona mentre per i prossimi mesi si avvieranno una serie di attività riguardanti Rete Sportello Donna Europeo. BARCELLONA di Maria Santini la più grande celebrazione del nuovo anno cinese dedicato al cavallo è stato celebrato nella città, che vedrà per la prima volta la collaborazione di tutte le federazioni cinesi in Catalogna. 800 persone sfileranno per la strada nel quartiere della sagrada familia, con icone di folclore cinese, come leoni, dragoni e maschere. Ma parteciperanno durante la sfilata associazioni catalane (Grupos de Castellers, “de Giagntes” y “de Diables”) che “daran visibilidad alla diversidad”. Il Museu de les Cultures del Mòn aprirà nel 2015 con 557 oggetti originali della collezione permanente procedente dal Museu Etnològic, la Colecció Folch, la Fundació Arqueològica Clos y la Colección Duran/VallLlosera nei Palazzi Nadal e Marquès de Liò, lo ha dichiarato il direttore generale del patrimonio, museo y archivos Josef Lluìs Alay. Eventi giovedì 6 febbraio 2014 Presentazione del n. 18 della rivista catalana di italianistica Quaderns d’Italià. - Il dossier monografico di questo fascicolo è dedicato a “Dante e Llull”. Interventi di: Albert Soler (professore di letteratura catalana medievale dell’Università di Barcellona), Elena Pistolesi (professoressa di Linguistica italiana dell’Università di Modena e Reggio Emilia), Raffaele Pinto (professore di Letteratura italiana dell’Università di Barcellona), Gabriella Gavagnin (condirettrice di Quaderns d’Italià). mercoledì 5 febbraio 2014 Volume. la canzone d’autore in cinquanta fotografie di Fabrizio Fenucci - Cogliere in pochi minuti, in un pugno di scatti l’essenza dell’uomo e del musicista, far trasparire un senso che ci racconti cosa significa fare e vivere di musica non è certo facile. Molti di questi ritratti sono stati scattati prima, durante o dopo la musica, durante la rassegna della canzone d’autore del Club Tenco o nei retropalchi di teatri e festival estivi. Il lavoro della musica prova a incarnarsi in queste belle fotografie di Fabrizio Fenucci l’Associazione SOS Monuments ha dedicato parte dei suoi premi annuali per “regañar” il comune per la riforma della plaza de las Glóries. Anche se ancora non è terminata, dichiarano che i due grandi edifici inaugurati e destinati a diventare icone, il Museo del Diseño e il nuovo Encants Vells, non favoriscono una piazza a “Hescala Umana”. Le altre due opere negative menzionate sono la Torre Pelli e “Las Setas” di Sevilla. Pag. 13 81/2014

[close]

p. 14

BARCELLONA di Maria Santini CONFERENZA “LA STORIA DELLA PASTA DAL MACCU AI MACCHERONI”, A CURA DI ALESSANDRO CASTRO tà. Fin qui, la sfoglia. E gli spaghetti? La forma fu importata da Marco Polo, che dal Qatai ne importò una che aveva visto piuttosto spesso: lo spago. Da qui nacquero gli spaghetti. È possibile quindi affermare, secondo Castro, che l’origine della pasta si deve agli Arabi mentre la forma più famosa – gli spaghetti appunto – si deve ai Cinesi. Da qui, la pasta fu per vari secoli un alimento molto mangiato in Italia ma non “egemone”: questa nacque solo con Federico II, quando la famiglia Spadaccini a Gragnano produsse macchinari per la produzione industriale, che portarono la pasta a tutti gli strati sociali, anche ai più umili. Castro ha inoltre dato ai presenti alcuni consigli con cui cuocere al meglio la pasta: il sale va messo mentre l’acqua bolle, il tempo di cottura dipende dall’acqua ed è sempre indicativo, quando si parla di pasta ripiena se il ripieno è “forte” e saporito il sugo dev’essere il più neutro possibile, il “dente” è soggettivo. Ma soprattutto uno in particolare: con un gioco di parole, si può dire che in cucina comanda sempre chi cucina. Al termine, una degustazione di pasta al pesto per tutti. La pasta è uno dei simboli del nostro Paese nel mondo. Ma come ha fatto ad arrivare sulle tavole di tutti gli italiani? A questa e ad altre domande ha risposto Alessandro Castro nel corso della sua conferenza “La storia della pasta dal maccu ai maccheroni”, svoltasi lo scorso 16 Gennaio presso il Salone della Casa degli Italiani. Castro ha raccontato come, nonostante risalgano già ai tempi dei Romani scritti sull’elaborazione del grano, la “scoperta” della pasta si deve agli Arabi che arrivarono in Sicilia nei primissimi secoli del Mille. Gli Arabi avevano infatti l’abitudine di preparare delle ottime creme bollendo e triturando i legumi: l’hummus, fatta con i ceci, è una delle più famose. In Sicilia in quell’epoca si faceva il maccu, una crema di fave. Visto il grande “successo” del maccu, gli Arabi cercarono di fare la stessa cosa con il grano: si resero conto però che triturandolo e aggiungendoci acqua questo si solidificava e diventava una “pasta” di grano. A questo nuovo prodotto, gli Arabi diedero il nome di “tria” ma che nel linguaggio comune era noto come “maccu”. Il “nuovo maccu” iniziò a diffondersi nel resto d’Italia, fin Pag. 14 quando arrivò a Napoli, dove con una nuova forma, allungata e con un foro nel centro quasi come i bucatini, assunse un nuovo nome: i “maccaruni”. A Genova si aggiunse invece la semola e a Bologna l’uovo, che conferisce alla pasta maggiore elasticità e lavorabili- 81/2014

[close]

p. 15

Il Giornale Italiano dedica questa pagina alle notizie della Comunità Europea La Commissione Europea ha approvato che la Grecia sia il quindicesimo paese dove si applicano le norme della comunità, che permettono alle coppie internazionali, quale legge nazionale deve applicarsi nel caso di divorzio o separazione legale. Il regolamento ha come scopo quello di offrire una sicurezza giuridica alle coppie ed impedire che si “ricorra nei tribunali” alla ricerca del foro più favorevole per i divorzi, evitando così processi emozionali ed economicamente molto costosi. Barcellona, Expoo, Grenoble, Groningen, Malaga e Parigi sono le sei città che si disputeranno il primo premio della capitale europea dell’innovazione. Il premio sarà di 500mila euro e andrà per la città che avrà creato il miglior ecosistema di rinnovamento mettendo in contatto ai cittadini, gli organismi pubblici, il mondo accademico e le imprese. La città vincitrice sarà annunciata durante la convention del rinnovamento. Maire Geoghegan-Quinn Commissaria Europea dell’investigazione, innovazione e scienza ha dichiarato che il concorso ha suscitato una risposta impressionante e si sono ricevute le candidature di 58 città europee, dimostrando così il vero grande interesse da parte delle amministrazioni pubbliche europee, per rinnovare e modernizzare, i servizi per i cittadini. L’Agenzia Europea di Cibersicurezza ENISA pubblica un rapporto con le raccomandazioni sulle misure per il controllo delle industrie europee. Oggi i sistemi di controllo industriali, come ad esempio SCADA per l’energia, l’acqua ed il trasporto utilizzano le tecnologie per l’informazione (TI). Queste migliorano l’efficienza, riducono i costi e permettono l’automazione dei processi. Però questa a volte si accompagna ad una pianificazione deficiente e di una grande mancanza di informazioni e di configurazioni di sicurezza, oltre ad implicare l’inserimento del giorno “zero” nei sistemi ICS/SCADA. I sistemi ICS possono avere una vita di oltre 20 anni, quindi sono stati disegnati con sistemi insufficienti di sicurezza, lo ha dichiarato il professor Udo Helmbrecht, direttore esecutivo di ENISA. BRUXELLES - La Commissione Europea, su proposta del vicepresidente responsabile per la politica industriale Antonio Tajani, ha adottato oggi l’"Industrial Compact", ovvero la strategia di rilancio per l'industria europea che fissa come obiettivo il raggiungimento del 20% del Pil dal manifatturiero entro il 2020. A disposizione per l'innovazione e la competitività dell'industria almeno 150 miliardi di fondi Ue. È un "segnale chiaro", ha detto Tajani, sottolineando la necessità di un "forte impegno" per "assicurare la coerenza" delle politiche in tutti gli altri settori trasversali all'industria. La comunicazione "per un rinascimento industriale europeo" che ha ricevuto il via libera dal collegio dei commissari invita gli stati membri a "riconoscere l'importanza centrale dell'industria per la creazione di occupazione e crescita, e ad integrare le preoccupazioni di competitività relative all'industria in tutte le politiche di settore". Il Piano Ue prevede quindi azioni per tagliare la burocrazia e facilitare l'imprenditorialità, come per esempio tre giorni per avviare un'azienda al costo di 100 euro e un mese per ottenere i permessi necessari, ma anche per facilitare l'accesso al credito, alle materie prime e all'energia, massimizzare il potenziale del mercato interno Ue, promuovere l'internazionalizzazione delle imprese, stimolare la mobilità e migliorare la formazione. A disposizione - in particolare per sei settori chiave quali le auto verdi, le ecocostruzioni, le materie prime, le tecnologie abilitanti, le reti intelligenti, bioprodotti e manifatturiero avanzato - circa 100 miliardi di euro dai fondi strutturali Ue, poi un'altra quarantina dal programma per innovazione e ricerca Horizon 2020 e un'ulteriore decina dal programma per le imprese Cosme. L’Unione Europea coofinanzia con più di 6,6milioni di euro il programma TEN-TI, uno studio diretto ad analizzare metodologie per conseguire un trattamento più rapido di dati di volo al fine che la gestione del traffico aereo sia più efficace in Europa. Lo studio sarà supervisionato dall’Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti e si prevede che si completi per il 2015. 81/2014 La Commissione Europea ha presentato l’edizione 2014 dei premi europei per la promozione d’impresa. Un concorso che premia le iniziative più originali ed efficaci di organizzazioni pubbliche, associazioni pubbliche e private dell’Unione Europea che incoraggiano ed appoggiano le piccole e medie imprese. La premiazione avverrà a Napoli con il Gran Premio della Giuria. Antonio Tajani, vice presidente commissione europea e commissario industria e commercio, ha dichiarato che in questi 5 anni le Pyme hanno contribuito con le loro idee all’accrescimento. Siamo ansiosi di conoscere i nuovi progetti che presenteranno i candidati al premio europeo della promozione d’impresa del 2014. L’Oficina del Parlamento Europeo in Spagna e la Representación en España de la Comissión Europea sono state premiate nella categoria institucional per il loro lavoro a favore del movimento sociale dei disabili. I premi sono stati consegnati da Luis Cayo, presidente del CERMI, Alberto Duran sevcretario generale del CERMI e Isabella Bayonas de Ibarra, commissario di affari internazionali del CERMI. Sono stati ritirati da Miguel Ángel Martínez vice presidente del Parlamento Europeo, Ignacio Samper direttore de l’Oficina del Parlamento Europeo in Spagna e Francisco Fonseca direttore de la Representaciòn en Espagna. Quest’anno ci sono state 115 candidature per le 10 categorie: inserimento del lavoro, investigazione sociale e scientifica, azione sociale e culturale, accessibilità universale, migliori azioni a beneficio delle donne disabili, mezzi di comunicazione, immagini sociali, migliori azioni autonomie locali, responsabilità dell’impresa a favore dei disabili, traiettoria associativa e istituzionale. Pag. 15

[close]

Comments

no comments yet