il marconi

 

Embed or link this publication

Description

settembre 2010

Popular Pages


p. 1

informazioni dall istituto vescovile g marconi in portogruaro anno x numero 2 settembre 2010 pubbl trimestrale poste italiane s.p.a sped in abb post d l 353/2003 conv in l 27/02/2004 n°46 art.1 comma 2 dcb venezia per non dimenticare ricordo di mons luigi padovese nel segno della croce ho conosciuto p luigi padovese diversi anni fa attraverso un libro da lui pubblicato nel 1988 lo scandalo della croce vi metteva a frutto i suoi studi sui padri della chiesa ma le pagine erano profondamente attraversate dalla sua sensibilità evangelica e francescana solo l amore crocifisso può essere testimonianza credibile il messaggio era limpido non sapevo ancora che la mamma era di summaga e il papà di concordia quand era piccolo per molti anni da milano dove s erano trasferiti i genitori per lavoro ritornava a summaga presso i nonni per le vacanze estive amava frequentare il santuario della madonna di fatima di portogruaro che sicuramente contribuì alla sua vocazione religiosa come frate cappuccino venne ordinato vescovo nel 2004 e designato come vicario apostolico in anatolia ispirandosi a giovanni crisostomo vescovo antiocheno di costantinopoli il neo-pastore scelse come motto episcopale in caritate veritas la verità nell amore sono parole che esprimono il mio programma di ricercare la verità nella stima e nel reciproco volersi bene se è vero che chi più ama più si avvicina a dio è anche vero che per questa strada ci avviciniamo al senso vero della nostra esistenza che è un vivere per gli altri su questa convinzione si fonda anche la mia volontà di dialogo con i fratelli ortodossi e con i credenti di altre religioni in questi anni ho avuto modo di continuare a leggere i suoi numerosi scritti e di ascoltarlo a pordenone e a concordia e anche di incontrarlo per preparare il viaggiopellegrinaggio in turchia una sua relazione al clero diocesano sui rapporti fra cristiani e musulmani mi sembrò veramente illuminata realistica rispetto alla situazione tutt altro che facile ma aperta alla speranza attraverso l invito ad essere discepoli coerenti del signore senza paura della croce fra agosto e settembre dello scorso anno un gruppo diocesano di preti e laici ha voluto fargli visita nella sua sede a iskenderum l antica alessandretta e insieme a lui precisamente dal 24 al 31 agosto da iskenderum fino al lago van vivere una parte del viaggio-pellegrinaggio nella pressoché sconosciuta turchia meridionale e orientale terra dei curdi e degli armeni custode di straordinarie e quasi invisibili memorie delle origini cristiane terra di resistenza nascosta e pacifica di piccolissime comunità cristiane nel segno della croce abbiamo potuto godere del dono della sua compagnia sorridente della sua competenza appassionata e del suo caffè una partecipante qualche giorno fa mi ha scritto così dell esperienza intensa di amicizia umanità e ricchezza spirituale e culturale vissuta nel pellegrinaggio in turchia terra santa della chiesa delle origini desidero ricordare e condividere l incontro con il vescovo luigi padovese con la sua fede forte e gioiosa con la sua speranza fiduciosa in dio e nell uomo in ogni uomo sempre con la sua generosità e disponibilità con la sua intelligenza acuta e la sua profonda cultura davvero un dono prezioso aver conosciuto padre luigi un dono che diventa impegno di coerenza personale e di apertura instancabile al dialogo e alla comprensione il percorso ci portò fino a trabzon-trebisonda sul mar nero nella chiesa nella quale fu ucciso nel 2006 don andrea santoro martire dell incontro e del dialogo mons luigi padovese ci ha lasciato il 3 giugno festa del corpus domini ucciso in circostanze che rimangono molto misteriose diversi aspetti fanno pensare ad un esecuzione rituale nel 2006 alla messa di suffragio per don andrea santoro aveva detto noi perdoniamo chi ha compiuto questo gesto non è annientando chi la pensa in modo diverso che si risolvono i conflitti l unica strada che si deve percorrere è quella del dialogo della conoscenza reciproca della vicinanza e della simpatia chi ha voluto cancellare la sua presenza fisica non sa che ora la sua testimonianza è più forte il messaggio cristiano dell amore crocifisso è diventato per mons luigi dono della vita e per tutti noi appello prezioso non ti chiediamo signore perchè ce l hai tolto ti ringraziamo di avercelo donato così il nostro vescovo ha concluso a summaga la sua omelia la sera del 10 giugno ai solenni funerali nel duomo di milano presenti circa 5.000 persone 300 preti concelebranti e 50 tra vescovi e vicari episcopali ha partecipato anche un gruppo numeroso di portogruaro concordia e summaga il corpo e il sangue di mons padovese sono caduti sulla terra di turchia come il seme che muore per portare frutto offerta viva di sé che padre luigi ha vissuto ogni giorno la celebrazione si è conclusa con un intervento dell arcivescovo di smirne ruggero franceschini hanno ucciso il pastore buono il piccolo gregge ora è colpito sgomento impaurito da qui l appello a sacerdoti religiose e religiosi perchè possano impegnarsi in terra turca in una missione difficilissima e ai mezzi di comunicazione perchè tengano aperta una finestra su questa terra e sul dolore della chiesa che la abita non possiamo dimenticare e non dimenticheremo don orioldo marson 1

[close]

p. 2

istituto vescovile marconi al servizio delle famiglie per la crescita dei ragazzi erano 195 nell anno scolastico 2001/2002 sono saliti a 323 in quello 2009/2010 forse è questo il miglior biglietto da visita di una scuola vedere lievitare il numero dei propri allievi 60 al marconi scuola diocesana è successo oltre a un biglietto da visita è anche una prova di gradimento e stima da parte delle famiglie che continuano ogni anno di più a scegliere lo storico istituto vescovile di portogruaro certo alla crescita numerica ha contribuito l impegno della scuola di voler venire incontro alle esigenze delle famiglie così allo storico liceo classico si sono aggiunte la scuola media che sta per compiere vent anni essendo stata avviata con l anno scolastico 1992-93 e quella elementare che festeggia i dieci anni di vita primo corso nel 2001-02 siamo una scuola un centro di proposta culturale un luogo d incontro è il motto del rettore don orioldo marson ma una scuola innanzitutto e di ispirazione cristiana non ci consideriamo un impresa privata ma scuola delle famiglie del territorio delle parrocchie le famiglie stanno rispondendo scuola la realtà delle scuole paritarie si divide tra impegni didattici precisi e conti da far quadrare per quanto riguarda i primi il rettore ha le idee chiare vogliamo essere una scuola popolare e inclusiva vogliamo essere contemporaneamente una scuola di qualità e di eccellenza l intento è formare un ambiente educativo in cui operino in maniera convergente insegnanti e genitori gli insegnanti 31 di cui 21 a tempo indeterminato devono formare una squadra motivata coesa e stabile sostiene don marson solo così si può arrivare a dare quella varietà e ricchezza di proposte capaci di declinarsi sia attraverso una didattica di qualità sia attraverso varie attività dette extrascolastiche ma che in realtà concorrono alla formazione plenaria della persona e quando si parla della promozione dell individuo questa non è da intendersi solo come promozione a fine anno scolastico le medie per esempio si dedicano al giornalino e al coro delle voci bianche il liceo oltre al suo giornalino ha anche gli impegni della rete di solidarietà dell incontro del venerdì ci sono poi varie uscite tra cui un pellegrinaggio in visita alla sindone e i gemellaggi con la scuola di sirima in kenya dove la diocesi ha una sua missione e dove quest estate sei ragazzi e due insegnanti trascorreranno quindici giorni ospiti di don elvino e di vijayawada in india anche le famiglie si apprestano a far sentire la loro voce propositiva e collaborativa infatti da qualche mese si è costituito il gruppo genitori attenzione alle famiglie alle famiglie il marconi è sempre attento cercando forme di agevolazioni per quelle che hanno più figli iscritti all istituto o per quelle che si trovano ad affrontare difficoltà economiche ce lo chiede il vangelo ce lo chiede la realtà commenta il rettore e questo non perché la scuola non abbia a sua volta qualche difficoltà a far quadrare i conti l insufficienza dei sostegni economici pubblici pur con i recenti segnali positivi di cui abbiamo beneficiato nel 2009 mantiene le scuole paritarie in una situazione quasi impossibile rispetto alle finalità educative culturali e sociali che si potrebbero e dovrebbero perseguire con motivazioni cristiane per il bene comune dichiara il rettore È un dramma che continua non tanto rispetto alla sopravvivenza quanto rispetto alla possibilità di azione anche perché nuovi lavori si profilano all orizzonte il più importante è quello che riguarderà la consolidazione del tetto contesto ricco ma il marconi è anche un centro di proposte culturali e un luogo di incontro diceva il rettore la vicinanza di opportunità di sapere e di crescita come il polo universitario l istituto di scienze religiose il centro calasanzio e il centro maritain lo rendono unico e ancor più fecondo simonetta venturin pubblicato nel settimanale diocesano il popolo 4 luglio 2010 2

[close]

p. 3

il senso di una mostra il prossimo settembre rientrando a scuola dopo la pausa estiva gli studenti del collegio marconi scopriranno che alcuni degli spazi da loro abitualmente frequentati quali la chiesa dei santi cristoforo e luigi e la sala delle colonne sono diventati dimora temporanea di alcune significative opere pittoriche e scultoree considerate dalla critica nazionale ed internazionale capolavori dell arte rinascimentale veneta e friulana la struttura dell antico seminario ha infatti il privilegio e l onere di ospitare dal 7 agosto al 17 ottobre 2010 la mostra rinascimento tra veneto e friuli 1450 1550 un evento culturale significativo per la città di portogruaro e per l area geografica compresa tra i fiumi livenza e tagliamento territorio storicamente riferito alla diocesi di concordia in cui le arti si sono espresse in forma singolare e con una propria peculiarità l evento espositivo è stato impostato secondo una logica progettuale di ricerca intesa a far conoscere ad un vasto pubblico italiano e straniero i turisti appassionati d arte sono sempre più numerosi le scuole artistiche che tra il 1450 1550 operarono in questo microcosmo in cui erano attivi artisti friulani del nord europa dei centri veneti e di venezia che reciprocamente si influenzarono fino a dar vita ad un modo autonomo di fare pittura scultura ed architettura la mostra resa possibile dalla sinergia tra istituzioni pubbliche e private è nel contempo occasione di crescita culturale e di riscoperta del nostro territorio uno dei più ricchi e raffinati centri artistici del veneto la città del lemene infatti tra il xv e il xvi secolo visse una stagione di naturale prosperità economica e di fervore culturale che si espressero in un deciso dinamismo architettonico ed in un fermento nella produzione artistica staccatasi nel 1420 dal patriarcato di aquileia per sottomettersi alla serenissima portogruaro in pochi anni grazie a privilegi e concessioni da borgo medioevale divenne una elegante cittadina rinascimentale con palazzi dalle facciate decorate a fresco meta di artisti di primo piano che si muovevano tra veneto e friuli sulla spinta della richiesta dei committenti in città o per la città operavano personalità di grande spessore quali andrea bertolotto noto come bellunello pietro di san vito gianfranco da tolmezzo martino di udine giovanni martini cima da conegliano etc grazie a questo evento noi possiamo conoscere e ammirare le opere che hanno prodotto per il nostro territorio anche quelle che in tempi diversi hanno trovato collocazione in musei o in collezioni private italiane o europee significativa la presenza dello scultore e pittore giovanni martini che mobilitò portogruaro con la sua presentazione di gesù al tempio realizzata tra il 1512 1513 per la chiesa di san francesco di cima da conegliano autore dell incredulità di san tommaso l opera più autorevole che portogruaro poteva vantare fino al 1879 quando fu venduta alla national gallery di londra viene proposta una parte del trittico di san martino di navolé del secolo xvi tra le opere scultoree di andrea bellunello tre madonne con bambino in trono in legno scolpito dorato policromo della fine del xv secolo in mostra trovano adeguata collocazione anche manufatti e testi di diversa natura l insieme uno spaccato interessante di una originale stagione artistica può costituire per le nuove generazioni un occasione per acquisire consapevolezza critica delle proprie radici e per scoprire l importanza del fatto artistico nella valorizzazione di una comunità e del suo ambiente flavia benvenuto strumendo collegio marconi portogruaro ve 3

[close]

p. 4

vita della scuola de classe quinta lla scuola pri maria classi terze m edie classe terza liceo santa messa di fine anno presieduta da don elvino ortolan prete diocesano a sirima-kenya 4

[close]

p. 5

evasione o istruzione riflessione sulle cosiddette gite scolastiche si sente dire che è ormai impossibile portare i ragazzi in gita scolastica perché sembrano sempre più ingovernabili irrispettosi dell autorità e disinteressati a qualsiasi attività che non sia lo sfogo caciarone se non addirittura violento di chissà quali desideri repressi e molti docenti in italia non se la sentono di vivere qualche giorno di full immersion tra i loro studenti ma che scuola è quella in cui tra studenti e docenti non c è fiducia reciproca come si può imparare da chi non si stima che cosa si può insegnare a persone di cui si ha un opinione tanto bassa il marconi sta cercando di rompere questo sentire distorto e anche quest anno ha corso il rischio educativo di portare a firenze la i liceo a londra la ii a roma la iii a parte i dovuti ringraziamenti ai docenti don p.a colussi don f magro m golding l nicolosi f fontanella che si sono messi in gioco di giorno e di notte con i loro studenti dobbiamo ringraziare anche i nostri allievi che si sono dimostrati adulti e civili costruttivamente pronti a collaborare per il buon esito delle iniziative gli ingredienti per una buona gita sono essenzialmente due ricordare e ricordarsi che non si tratta di una vacanza ma di un viaggio di istruzione un modo più vivo e nel contempo rilassato di vivere la cultura costruire ogni giorno un solido e credibile rapporto personale con gli allievi che abbia senso anche oltre le formalità della vita d aula il marconi ha creduto a questi segreti e il risultato è stato confortante federico fontanella una scuola che boccia È facile bocciare basta fare sfoggio del proprio sapere sulla pelle degli studenti non è un vanto per la scuola bocciare molto ed è semplicistico identificare la tanto invocata serietà del sistema scolastico nazionale con un affossamento indiscriminato delle valutazioni in modo che i più deboli affondino definitivamente naufraghi che poi torneranno a farsi vivi negli anni successivi in cui la scuola avrà a che fare con un numero sempre crescente di ripetenti e di studenti con percorsi scolastici contorti ed inconcludenti e non potrà far finta che non esistano una scuola seria è una scuola che costringe gli studenti a farsi promuovere che non promuove per forza ma che fa sì che tutti opportunamente stimolati e seguiti ed aiutati possano avere i mezzi sufficienti per superare lo scrutinio finale o l esame qualche situazione critica resterà ugualmente per vari motivi familiari di motivazione o impegno personale di sfavorevoli contingenze ma lo scopo della scuola è formare persone e cittadini ed educare anche al compimento del proprio dovere personale sociale professionale una scuola seria è una scuola che costringe a studiare o meglio che cerca di risvegliare o creare motivazioni allo studio bocciare è facile per chiunque trovare le prove oggettive le griglie di valutazione che uno studente sa meno del suo insegnante anche solo in relazione al programma svolto è come sparare sulla croce rossa un bersaglio evidente indifeso già pieno di feriti per un insegnante bocciare è sempre difficile perché non sono riuscito ad insegnargli quel poco che gli sarebbe bastato per cavarsela i fallimenti nella vita esistono ed è giusto affrontarli senza tragedie ma non possono lasciarci indifferenti una scuola che boccia deve farsi carico di una profonda riflessione sulla sua funzione che non può essere una selezione che implica l espulsione da sé bocciare è un segnale serio lanciato allo 5

[close]

p. 6

studente non si può giocare con gli impegni presi bisogna mettercela tutta per superare le difficoltà se la bocciatura ha questo spessore pedagogico allora passato il primo comprensibile sconforto è utile e stimolante se invece è un modo di tutelare il proprio piccolo prestigio da parte di un sistema scolastico disorientato e demotivato allora è un male che si aggiunge ad altri mali bocciare sì quando è necessario ma con una mano sulla coscienza e solo in vista della crescita umana e culturale dello studente federico fontanella riapre la biblioteca generale del marconi non tutti forse sanno che l istituto vescovile marconi oltre al piccolo patrimonio librario fatto di vocabolari enciclopedie manuali che circola quotidianamente sui banchi di scuola e che vediamo sistemato negli armadi delle aule e dei corridoi oltre alla preziosa per quanto limitata collezione di testi del seicento e del settecento conservata nella biblioteca antica marco belli possiede ad uso di allievi e insegnanti una ricca biblioteca generale ospitata provvisoriamente nell aula studio del polo universitario presso il palazzo calasanzio la biblioteca generale ha subito negli ultimi mesi un radicale lavoro di riordino pulizia e catalogazione per renderla davvero fruibile da parte di tutti gli interessati si tratta di una raccolta di alcune migliaia di volumi creatasi negli anni tenendo conto delle specifiche esigenze scolastiche specializzata cioè in opere di consultazione e collane di classici in particolare i suoi punti di forza sono le numerose enciclopedie generali sempre aggiornate dalla gloriosa enciclopedia italiana treccani alle pregevoli opere utet le grandi collezioni di classici italiani latini e greci ricciardi utet loeb integrate da opere di consultazione generale storie letterarie enciclopedie specifiche come l enciclopedia dantesca virgiliana opere relative alla storia dell arte cataloghi dei grandi musei d italia e d europa opere queste di grande pregio editoriale e non sempre di facile reperibilità opere di consultazione relative alla storia locale e italiana dal medioevo alla seconda metà del novecento la biblioteca dispone ora di un catalogo sia informatico che cartaceo redatto secondo la classificazione decimale dewey secondo questo metodo i libri sono classificati e materialmente disposti per grandi aree del sapere opere generali letteratura storia per cui la ricerca di un testo può avvenire anche solo consultando l armadio specifico ci auguriamo che nell era di internet e di wikipedia cioè del dato veloce ed insoddisfacente questo strumento possa avviare i nostri studenti almeno i grandi del liceo classico ad un approccio più organico ed approfondito alle grandi questioni della cultura spingendoli a recuperare la curiosità per il sapere la pazienza della ricerca la soddisfazione per aver conquistato una scienza che non sia solo estemporanea informazione associazione amici del collegio marconi dopo un periodo di riorganizzazione quest anno l associazione amici del collegio marconi ha ripreso le proprie attività sostenendo due importanti eventi che si sono svolti ad aprile a portogruaro la presentazione del libro il resto del giorno di laura lauzzana ex allieva del marconi e la conferenza su mons marco belli tenuta da don pier aldo colussi entrambi gli appuntamenti hanno suscitato vivo interesse con ampia partecipazione di pubblico e unitamente al significativo numero di iscrizioni che l associazione ha raccolto fino ad ora sono motivo di soddisfazione ma soprattutto di stimolo in relazione alla programmazione delle future iniziative nel ringraziare tutti coloro che hanno collaborato alla buona riuscita di quanto proposto quanti si sono iscritti e chi ha deciso di devolvere il 5 per mille all associazione rilanciamo l invito ad aderirvi e a diventare parte attiva nella realizzazione delle prossime attività quote di iscrizione soci ordinari 1 euro soci sostenitori 100 euro il modulo di iscrizione scaricabile dal sito internet www.amicidelmarconi.org si invia o si consegna in segreteria del collegio marconi 6

[close]

p. 7

vita del collegio olimpiadi elementari 2010 genit osta dai dia prop ton comme anna fan a prof.ssa dall ori guida ti conferenza su mons.marco belli tenuta da don pier aldo colussi in data 16 aprile 2010 con intitolazione della biblioteca antica pierabech 2010 campo in montagna dei ragazzi della scuola media con un numeroso gruppo di animatori di genitori e di collaboratori 7

[close]

p. 8

riceviamo e volentieri pubblichiamo scuola e fisco tutti dobbiamo pagare le tasse compito della politica è anche quello di saper mettere le mani nelle tasche dei cittadini prelevando risorse per poi impiegarle e ridistribuirle per il bene e i bisogni di tutta la comunità ad ogni livello dallo stato alle regioni dalle province ai comuni come potrebbe un singolo cittadino provvedere a far funzionare sanità istruzione trasporti previdenza sociale e tanti altri servizi pubblici l articolo 53 della nostra costituzione afferma chiaramente tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva l evasione e l elusione fiscale sono un peccato grave che va contro il settimo comandamento quel non rubare che vale come dovere civile e morale per tutti diceva don sturzo se non entrano nella coscienza nazionale i valori fondanti della nostra costituzione verrà a mancare il terreno sul quale sono fabbricate le nostre istituzioni ed ancorate le nostre libertà parole sante perché per costruire una società giusta quindi anche un fisco più equo è fondamentale un impegno condiviso da parte di chi deve far bene le leggi e da parte di quanti queste leggi sanno rispettare utopia arrendersi significherebbe accettare che l arbitrio prevalga sulla regola e che l egoismo e l interesse personale soffochino il bene comune far bene le leggi e saperle rispettare dunque non sempre però chi ha il compito di fare buone leggi o di emanare disposizioni applicative concorre a rasserenare gli animi un esempio sempre per restare in tema di tasse È recente la notizia che l agenzia delle entrate starebbe per approntare un nuovo redditometro chiamato indicatore sintetico per contrastare l evasione fiscale uno strumento che farà riferimento alle spese per l abitazione a movimenti di capitali e assicurazioni all acquisto di grosse auto o barche a viaggi all estero e crociere etc per permettere così un confronto tra quanto si dichiara come reddito e gli acquisti effettivi di beni e servizi di lusso tra questi compare anche la voce scuole esclusive quindi particolarmente costose viene da chiedersi una scuola paritaria molti continuano a chiamarle private può essere considerata un bene di lusso se guardo ad esempio al collegio marconi per fermarci solo a portogruaro credo sia un offesa al buon senso e per diverse ragioni È possibile che i concetti di lusso e di privilegio finiscano per coincidere con la libertà e la scelta educativa di una famiglia no proprio perché stiamo parlando di scuola e sappiamo bene quanto questa rappresenti per molti genitori l investimento di una vita e per la vita dei 8 figli quindi ritengo assurdo equiparare l istruzione in qualsiasi tipo di scuola ai costi di certi circoli per vip o ad acquisti di beni extralusso un chiarimento si impone proprio per non istigare come qualcuno ha detto all odio sociale già da tempo nel nostro paese è aperto un confronto non sempre sereno e costruttivo tra scuola privata e scuola pubblica non è qui il caso di ritornare sull argomento ma almeno dovrebbe essere chiaro a tutti che la scuola pubblica italiana è fatta da due realtà complementari quella promossa dallo stato e quella promossa dalla società tra cui anche la scuola di ispirazione cattolica come il marconi È la legge stessa che le riconosce pubbliche ma solo in termini di principio perché ancora c è una grande disparità sotto il profilo del trattamento economico domando cosa succederebbe se domani chiudessero tutte le scuole paritarie da quelle per l infanzia alle superiori immobili a parte lo stato dovrebbe reperire altri sei miliardi di euro a tanto ammonta il risparmio annuale per le casse statali con la presenza della scuola paritaria veramente un grande grandissimo risparmio intanto le scuole paritarie continuano ad andare avanti tra mille difficoltà praticamente risultano dimezzate negli ultimi trent anni un tempo anche dalle nostre parti quasi ogni paese aveva un proprio asilo infantile parrocchiale oggi scuola per l infanzia ma negli anni molte sono state le inevitabili chiusure a portogruaro resistono ancora le scuole di s nicolò e di beata maria vergine regina eppure dai dati del ministero relativi all anno 2007/08 sono 2.180 le scuole dell infanzia gestite da enti pubblici ed ancora ben 7.921 quelle paritarie gestite dal privatosociale perché continuare a perdere questo grande patrimonio non solo di formazione/educazione ma anche di aggregazione sociale si pensi a cosa hanno rappresentato per generazioni e generazioni di portogruaresi il marconi e il calasanzio la storia si costruisce ogni giorno se necessario anche indignandosi quando sono in gioco valori fondanti quali la libertà educativa e la giustizia sociale per questo mi auguro davvero si tratti solo di una forzatura che sottende quanto meno un chiarimento sul concetto di scuola esclusiva capisco si debba fare ogni sforzo per combattere l evasione fiscale ma con altrettanta forza va affrontato il nodo della imparità scolastica e sconfitta l eventuale idea di far tassare la scuola libera come un lusso la questione riguarda tutti soprattutto chi le tasse le paga davvero gigi villotta

[close]

p. 9

dalla cattedra alla strada È in fase di stampa presso la voce il nuovo libro di don primo paties dalla cattedra alla strada verrà presentato e distribuito alla festa del marconi di ottobre dopo la pubblicazione di anni duri parecchie persone mi invitarono a scrivere il seguito dopo un periodo di perplessità decisi di tentare l impresa non facile presi penna e carta e senza alcun particolare progetto o schema incominciai a scrivere con l intento di ripercorrere con la memoria quasi trascrivere le vicende più significative della mia lunga vita il titolo dalla cattedra alla strada sintetizza il contenuto del libro e ne esprime il senso dalla cattedra in senso scolastico come luogo d insegnamento al marconi e altrove dalla cattedra in senso ecclesiale liturgico nell attività pastorale in parrocchia e altrove alla strada come luogo d incontro con tutti senza distinzione in particolare con i carcerati con i clochard sulle strade si cammina ebbene l immagine del camminare caratterizza il racconto in più sensi le mie escursioni alpine in più zone in carnia alla ricerca di conoscere avvenimenti che sfiorano la leggenda anche il mio itinerarium spirituale ed intellettuale narrato negli ultimi due capitoli è caratterizzato dall immagine del camminare in compagni di viaggio racconto il mio cammino sul sentiero del grande logos da socrate ai nostri giorni alla ricerca dell assoluto nel mio testamento filosofico si va verso la conclusione del cammino mi sento di poter affermare che il libro per un verso è un documento storico per un altro verso un messaggio ai lettori di buona volontà don primo paties caro don primo le pagine che mi ha gentilmente consegnato per la lettura meritano d essere pubblicate per molte e valide ragioni la memoria di fatti persone vicende aiuta a capire il passato e il presente quando non è addomesticata il suo stile asciutto ma non di didascalico distaccato ma non indifferente fa vibrare la realtà di luce propria lasciandola parlare in maniera eloquente si tratta di momenti e passaggi non irrilevanti per il loro significato umano e storico raccontati con pennellate essenziali e colori attenuati e pur vivi riescono a diventare trasparenti di significati e valori importanti alcuni fili profondi si intrecciano nella trama della narrazione che così esprime il suo carattere di testimonianza discreta e insieme intensa la vita la storia e la cronaca sono attraversate come in filigrana dal senso del mistero e della provvidenza in maniera non apologetica o artificiale il percorso diventa un elogio della saggezza di quella saggezza che considera il rapporto umano più importante di ogni ideologia compresa anche la presunzione teologica siamo nell anno sacerdotale e queste pagine raccontano di un prete originale e fedele testardo e cocciuto nelle sue convinzioni e nelle sue scelte ricco di intuizioni maestro di strada più ancora che dalla cattedra o dal pulpito di sicuro interesse anche se non facile è il capitolo sui filosofi come compagni di vita nella ricerca inesausta della verità e del bene guai a trascurarlo saluti cordiali e riconoscenti don orioldo marson 9

[close]

p. 10

un altra opera di un nostro ex allievo nino orlandi verrà presentata al pubblico nel tardo autunno tra le attività di arte e cultura abbiamo ricevuto in redazione l ultima recente fatica letteraria a dell amico avvocato nino orlandi nostro ex allievo accompagnata da dedica al mio marconi delle scoperte e delle prime gioie ginnasiali il sottotitolo chiarisce subito il contenuto del libro storie di avvocati friulani del secolo appena trascorso storie non storia l autore non si avventura a decifrare ratio causaeque rerum come direbbe tacito di un secolo di storia della patria del friuli bensì a far memoria per usare ancora le parole tacitiane della virtù di uomini i illustri conosciuti o di cui ha sentito parlare dei loro facta moresque lungo sedici ritratti di avvocati orlandi coglie aspetti del loro animo delle loro convinzioni e dei valori cui si ispiravano scendendo annche in aneddoti rivelatori di un modo di essere l autore non lo dichiara ra in apertura ma lo lascia capire frequentemente quei sedici hanno in comune un sigillo di umanità che si può scorgere già in illustri antichi chi friulani come erma rufino sigeardo paolino la fierezza l orgoglio la tenacia il rigore bene ha fatto l autore a evidenziare anche che non pochi tra i sedici avvocati furono ottimi politici talché la frequenza del diritto e dei casi umani che arrivano nelle aule dei tribunali diede loro capacità decisionali non comuni rivelandosi nella società uomini delle istituzioni e non della parte politica di appartenenza quasi ogni pagina del libro e ciascuna delle storie ci dicono come eravamo ed è il titolo dell opera non però attraverso il sentimento crepuscolare della nostalgia del passato ma attraverso il sentimento della fiera consapevolezza di quel che siamo franco girotto altare antico della chiesa restaurato e collocato al centro del presbiterio collegium musicum con le voci bianche della scuola media 10

[close]

p. 11

ci hanno lasciato per la casa del padre cais rinaldo papà di pier paolo il 22 marzo 2010 cervesatto pier sante papà di matteo il 28 marzo 2010 berti luigi papà di rosanna e di roberto il 20 aprile 2010 pizza vittorio papà di massimiliano marcello e marco il 30 aprile 2010 pascutti lucilla ved zorzetti mamma di marcello il 20 luglio 2010 assicuriamo per tutti loro il ricordo nella preghiera banziol ester laurea in chimica per restauro e conservazione specialistica il 23 luglio 2010 a quanti si sono uniti in matrimonio zadro laura e criscione francesco il 15 maggio 2010 michelutto lisa e campana gabrio il 16 maggio 2010 bezzan jessica e bozzato andrea il 22 maggio 2010 a tutti congratulazioni vivissime ultimissime questo è lo spazio riservato a tutte le comunicazioni le notizie che voi vorrete inviarci relative ad eventi lieti e tristi che segnano la vita È un modo per partecipare condividere e per creare famiglia fra tutti noi felicitazioni vivissime a quanti sono diventati papÀ o mamma girotto stefania e milidone rocco mamma e papà di bianca il 30 novembre 2009 zanet cristina e nicolò guggia mamma e papà di carlos il 7 dicembre 2009 poles roberta e roggio salvatore mamma e papà di filippo il 14 maggio 2010 a quanti hanno conseguito la laurea fassetta max laurea in lettere filosofia specialistica il 12 febbario 2010 scriveteci scriveteci scriveteci scriveteci dunque attraverso una e-mail info@collegiomarconi.org oppure attraverso fax 0421 281199 indirizzando a don sergio deison come aiutare il marconi il marconi vuole essere sempre più una scuola della comunità e delle famiglie si può aiutare il marconi in tanti modi si può dare una mano concreta in occasione di iniziative attività e feste per piccoli servizi e lavori quanti hanno un attività commerciale produttiva artigianale o agricola possono contribuire secondo le loro possibilità per le diverse esigenze materiali prodotti allestimenti mensa interna strumenti ci sono anche altri modi che la fantasia e la generosità possono suggerire abbiamo sempre bisogno del vostro aiuto approffittate del bollettino allegato vantaggi fiscali per chi sostiene le scuole paritarie tutti i contribuenti persone fisiche possono detrarre il 19 dell importo della donazione dall irpef dovuta nella propria denuncia dei redditi qualsiasi sia l importo della donazione in pratica il meccanismo ricorda quello delle spese mediche che tutti sono abituati a detrarre la donazione deve essere effettuata per il tramite di una banca o della posta anche le aziende possono effettuare donazioni alle scuole ma il meccanismo di vantaggio cambia queste possono dedurre dal reddito d impresa l importo della donazione con il limite del 2 del reddito d impresa dichiarato la segreteria è a disposizione per informazioni pratiche 5 associazione di promozione sociale riconosciuta dalla regione veneto amici del collegio marconi tutti per uno per mille 92028250279 aiutaci anche tu a realizzare progetti come borse di studio per studenti meritevoli con difficoltà economiche attività di sostegno gratuito per studenti diversamente abili gemellaggi con i ragazzi di sirima kenya e vijayawada india lavori di ristrutturazione della storica sede in particolare del tetto ringraziando quanti vorranno darci il loro contributo e sostegno rinnoviamo l invito ad aderire all associazione e a partecipare anche direttamente alle sue future attività indica nell apposita sezione della dichiarazione dei redditi il codice fiscale dell associazione al marconi adesso si può anche collaborare attraverso il 5 per mille www.amicidelmarconi.org www.collegiomarconi.org le spese per la spedizione de il marconi sono raddoppiate il vostro sostegno È importante 11

[close]

p. 12

festa dei bambini vii edizione festa del marconi ione animaz tenza e assis mbini per i ba eri enti lib nei mom domenica 3 ottobre 2010 collegio marconi via seminario 34 portogruaro ore 8.30 ritrovo e accoglienza ore 9.00 e 9.30 visita guidata alla mostra rinascimento tra veneto e friuli 1450 1550 ore 10.30 incontro pubblico su cosa ci insegnano i bambini intervento e testimonianze presentazione del libro di don primo paties ore 12.00 celebrazione della s.messa presieduta dal vescovo s.e mons ovidio poletto ore 13.00 pranzo comunitario con riconoscimenti in onore degli ospiti speciali partecipazione alla processione cittadina della madonna del rosario in caso di pioggia il programma si svolgerà in ambiente al coperto vi aspettiamo numerosi tipografia mascherin snc cusano di zoppola pn istituto vescovile g.marconi scuola paritaria via del seminario 34 · 30026 portogruaro ve c.c.p 14926307 · iban it75v0896536240003001010502 tel 0421 281111 · fax 0421 281199 e-mail info@collegiomarconi.org internet www.collegiomarconi.org orario di segreteria lun ven 8.30-13.00 16.00-18.00 · sab 8.30-13.00 12 il marconi periodico trimestrale della fondazione collegio marconi portogruaro direttore responsabile don leo collin coordinatore di redazione federico fontanella tip mascherin via ellero 13 cusano di zoppola pn reg al tribunale di venezia n.1421 del 22-5-2002 redazione via seminario 34 portogruaro ve questo numero è stato chiuso il 06.08.2010

[close]

Comments

no comments yet