Giornalino No 5 (9)

 

Embed or link this publication

Description

2012/13

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

L’indice DAF HASHOMER - GIUGNO 2013 PRESENTAZIONE DEL MOVIMENTO “Che cos'è l’Hashomer Hatzair?”.......................................................................................Pagine e 2 2 Pagine 1 1 e LE PAROLE DELLO SHALIACH: Pagine 3 3 e “Dvar Shaliach”..................................................................................................................Pagine e 4 4 VI PARLIAMO DI: HERBERT PAGANI “Herbert Pagani: un artista, ma prima di tutto un uomo”................................................Pagine 4 e 5 Pagine 4 e 5 Pagine 5, 6, 7, 8 “Arringa per la mia terra”............................................................................................Pagine 5, 6, 7, 8 ATTUALITÀ ITALIANA “Brindisi, ad un anno dall'uccisione di Melissa”.........................................................Pagine 9, 10, 11 Pagine 9, 10, 11 ATTUALITÀ ISRAELIANA Pagina 11 “Sparatoria a Be'er Sheva”....................................................................................................Pagina 11 ATTUALITÀ ESTERA “Chi è davvero Viktor Orban?”.....................................................................................Pagine 13 e13 Pagine 12 e 13 DIAMO SPAZIO ALLE KVUTZOT DELL’ALEF: Pagina 14 “Bar’am”................................................................................................................................Pagina 14 Pagina 15 “Evron”................................................................................................................................. Pagina 15 “Maghen” .................................................................................................................... Pagine 15 e 16 Pagine 15 e 16 Pagine 16 e 17 “Kishor”.........................................................................................................................Pagine 16 e 17 DIAMO SPAZIO ALLE KVUTZOT DELLA BET: Pagine 17 e e 18 “Galon”..........................................................................................................................Pagine 17 18 Pagine 18, 19, 20 “Shavit”..................................................................................................................... Pagine 18, 19, 20 DIAMO SPAZIO ALLE KVUTZOT DELLA BOGRUT: Pagine 20, 20, 21, “Amir”............................................................................................................................Pagine21 ,22 22 L'HH CONSIGLIA: Pagina 23 -Campeggino (23-25 giugno per bambini dai 7 ai 12 anni)....................................................Pagina 23 -Concorso creativo centenario "100 anni di valori"..............................................................Pagina 24 Pagina 24

[close]

p. 3

Presentazione   Presentazione CHE  COS’È  L’HASHOMER  HATZAIR?   del  Movimento del Movimen-­‐ to       Che  cos’è  l’Hashomer  Hatzair?   CHE COS’È L’HASHOMER HATZAIR Hashomer  Hatzair  (in  ebraico  ‫  ,השומר  הצעיר‬in  italiano  Il  giovane  guardiano)  è  un  movimento  giovanile  ispirato  al   socialismo  sionista  fondato  nel  1913  nell’attuale  Polonia.   -­‐Origini  storiche   Il  movimento  nacque  dalla  fusione  di  due  gruppi,  Hashomer  ("Il  guardiano")  un  movimento  scout  sionista,  e  Ze'irei   Zion  ("I  giovani  di  Sion"),  un  circolo  ideologico  che  studiava  il  sionismo,  il  socialismo  e  la  storia  dell'ebraismo.  Hasho-­‐ mer  Hatzair  è  il  più  antico  movimento  giovanile  sionista  tuttora  esistente.  Il  movimento  riteneva  che  la  liberazione  del-­‐ la  gioventù  ebrea  sarebbe  stato  raggiunta  per  mezzo  dell'aliya  in  Palestina,  dove  il  popolo  ebraico  avrebbe  vissuto  nei   kibbutzim.  Dopo  la  I  guerra  mondiale  il  movimento  si  diffuse  fra  le  comunità  ebraiche  in  tutto  il  mondo  come  movi-­‐ mento  scout.  I  primi  membri  del  movimento  si  insediarono  nel  Mandato  britannico  della  Palestina  nel  1919.  Nel  1927  i   quattro  kibbutzim  fondati  dal  movimento  si  unirono  per  dare  vita  alla  federazione  Kibbutz  Artzi.  Il  movimento  costituì   anche  un  partito  con  lo  stesso  nome  che  proponeva  per  la  Palestina  la  soluzione  dello  Stato  binazionale:  una  sola  na-­‐ zione  con  condizioni  di  uguaglianza  fra  arabi  ed  ebrei.  Nel  1936,  il  movimento  lanciò  negli  Yishuv  un  partito  politico  (la   Lega  socialista  della  Palestina)  concepito  per  rappresentare  i  membri  e  i  sostenitori  del  movimento  stesso  e  i  kibbutz   nelle  organizzazioni  politiche  di  Israele.  Negli  anni  trenta  del  XX  secolo,  insieme  al  Mapai,  scelse  di  aderire  al  Centro   rivoluzionario  marxista  internazionale.  Nel  1939  l’Hashomer  Hatzair  aveva  70.000  iscritti  nel  mondo.  Con  l'avvento   della  Seconda  guerra  mondiale  e  l'Olocausto,  l'attenzione  del  movimento  si  spostò  dagli  insediamenti  in  Palestina  alla   resistenza  anti-­‐nazista.     -­‐Il  movimento  oggi   Nel  1939  l’Hashomer  Hatzair  aveva  70.000  iscritti  nel  mondo  Mordechaj  Anielewicz,  shomer  e  leader  del  movimento  a   Varsavia,  divenne  capo  dell'Organizzazione  ebraica  di  combattimento,  e  guidò  la  rivolta  del  ghetto  di  Varsavia  durante   la  seconda  guerra  mondiale.  Altri  membri  del  movimento  furono  protagonisti  della  resistenza  in  Ungheria,  Lituania  e   Slovacchia.  In  Romania  i  leader  di  Hashomer  Hatzair  furono  arrestati  e  condannati  a  morte  per  attività  anti-­‐fasciste.   L’Hashomer  Hatzair  in  Italia  ha  quattro  kenim  (sezioni,  letteralmente  "nidi"):  a  Roma  (Yad  Mordechai),  Milano  (Holit),   Firenze  (Nirim)  e  Torino  (Deganià).  Il  ken  di  Roma  rimane  però  il  più  grande  contando  fino  a  200  presenze  il  sabato.  I   gruppi  (kvutzot)  sono  organizzati  per  età  e  portano  i  nomi  dei  kibbutzim  di  Israele.  Vengono  svolti  due  campeggi  l'an-­‐ no  durante  le  vacanze  invernali(machanè  choref)  e  durante  quelle  estive(machanè  haitz).     -­‐L’ideologia:  I  Tre  Pilastri  del  Movimento   L’Hashomer  Hatzair  è  basata  su  tre  pilastri  fondamentali:  Sionismo,  Socialismo  e  Ebraismo.  Il  concetto  di  Hagshamà   (autorealizzazione)  ci  richiede  di  mettere  in  pratica  la  nostra  ideologia  e  deve  includere  tutti  gli  elementi  di  questi  va-­‐ lori  in  cui  crediamo  fermamente,  poiché  è  la  combinazione  unica  di  questi  elementi  che  ci  fa  essere  ciò  che  siamo.  È   essenziale  per  il  nostro  credo  il  coinvolgimento  in  un  processo  costante  di  rivalutazione  (della  realtà)  che  possa  ri-­‐ spondere  all’evoluzione  del  contesto  e  dell’ambiente.   L’Hashomer  Hatzair,  in  quanto  movimento  basato  sulla  Tzofiut  (Scoutismo),  ritiene  che  sia  parte  integrante  del  ruolo   dello/a  Shomer/et  agire  responsabilmente  nei  confronti  dell’ambiente.  In  quanto  movimento  Chalutzista,  incoraggia-­‐ mo  la  realizzazione  della  nostra  ideologia  affinché  sia  innovatrice  e  rivoluzionaria  nella  natura.   -­‐Sionismo   Definizione:    Il  Sionismo  dell’  Hashomer  Hatzair  proviene  dal  credo  che  tutti  i  popoli  hanno  il  diritto   all’autodeterminazione  e  che  Israele  è  l’espressione  dell’autodeterminazione  ebraica.   La  terra  degli  ebrei  deve  essere  un  porto  sicuro  per  tutti  gli  ebrei  e  il  centro  dove  la  cultura  e  l’identità  ebraica  possano   fiorire.   La  nostra  visione  è  di  creare  e  mantenere  un  equilibrio  autocritico  tra  una  società  socialista  ebraica  e  uno  stato  plurali-­‐ stico,  democratico  e  laico  che  garantisca  la  giustizia  sociale  per  tutti.   Il  nostro  sionismo  consiste  in  una  relazione  reciproca  fra  Israele  e  la  Diaspora,  che  includa  dialogo  e  critica.   In  quanto  movimento  sionista,  crediamo  di  avere  una  grande  responsabilità  di  contribuire  all’Aliyah,  educando  i  nostri   Chanichim  a  fare  una  scelta  consapevole  e  personale  rispetto  a  questo.   Pratica  Educativa:  L’Hashomer  Hatzair  educai  i  suoi/le  sue  chanichim/ot  ad  avere  una  base  di  conoscenza  per  poter   capire  la  realtà  di  Israele  oggi,  la  sua  eredità  e  l’importanza  di  riferirsi  ad  entrambe.  I  programmi  devono  includere  il   dialogo  sviluppato  secondo  una  modalità  pluralistica  e  critica.  Incoraggiamo  soggiorni  e  programmi  a  lungo  termine  in   Israele  che  siano  rilevanti  rispetto  all’ideologia  del  movimento.     Educhiamo  i  nostri/le  nostre  chanichim/ot  all’Aliya  e  li  aiutiamo  a  intraprendere  un  percorso  che  permetta  loro  di  fare   una  scelta  consapevole  e  personale  per  il  loro  futuro.   Lo/La  Shomer/et  impara  esprimere  attivamente  la  propria  opinione  sulle  questioni  relative  ad  Israele.   -­‐Socialismo   Definizione:  Il  Socialismo  del  Hashomer  Hatzair  è  fondato  sul  credo  che  gli  umani  sono  liberi,  sono  esseri  creativi,  che   1

[close]

p. 4

Presentazione del Movimento CHE COS’È L’HASHOMER HATZAIR   Presentazione   CHE  COS’È  L’HASHOMER  HATZAIR?   del  Movimen-­‐ to   meritano  di  vivere  in  un  società  che  li  spinge  a  sviluppare  il  proprio  massimo  potenziale.  Prendiamo  come  valore  cen-­‐ trale  l’uguaglianza  sociale,  economica  e  politica  e  la  giustizia.  Crediamo  che  il  capitalismo  e  altre  forze  oppressive  crei-­‐ no  modi  di  produzione  fondamentalmente  disuguali,  sfruttatori  ed  alienanti  che  generano  povertà,  guerra,  ignoranza,   distruzione  ecologica,  assenza  di  libertà  e  impediscono  alle  di  realizzarsi  in  tutto  il  proprio  potenziale.  Vediamo  il  socia-­‐ lismo  non  solo  come  un’alternativa  a  questo  tipo  di  società,  ma  come  una  società  completamente  nuova  e  rivoluzio-­‐ naria  che  si  possa  auto-­‐sostenere.  Noi  immaginiamo  un  mondo  di  comunità  piccole  e  cooperative,  fatte  da  individui  e   gruppi  che  praticano  relazioni  spontanee,  libere,  ugualitarie  e  intime.  Crediamo  che  queste  comunità  debbano  avere   un  equilibrio  fra  l’individuale  ed  il  collettivo  e  che  il  collettivo  è  in  verità  sia  la  forza  che  libererà  l’individuo.   Crediamo  in  una  società  dove  le  persone  nella  loro  interezza  possiedono  l’abilità  di  controllare  le  proprie  vite,  lavorare   liberamente  e  creativamente  e  partecipare  a  una  uguale  e  democratica  società.   Pratica  Educativa:  L’Hashomer  Hatzair  educa  la  persona  ad  essere  altruista,  responsabile,  critica  e  socialmente  attiva.   Noi  insegniamo  ai  Chanichim  a  vivere  secondo  i  valori  del  socialismo  umanista,  tanto  dentro  quanto  fuori  del  movi-­‐ mento,  promuovendo  l’uguaglianza  di  trattamento  delle  persone.   Richiediamo  a    noi  stessi  di  essere  critici  della  società,  non  temendo  di  essere  contro  corrente  e  sostenendo  le  nostre   opinioni.  Dobbiamo  essere  socialmente  responsabili    in  tutti  gli  aspetti;  per  raggiungere  questo  enfatizziamo   l’educazione  su  altre  culture,  il  ruolo  del  consumo  e  del  sovra-­‐consumo,  tanto  quanto  la  funzione  della  politica  globale   e  nazionale.   A  questo  scopo,  usiamo  metodi  come:  azioni  politiche  e  comunitarie  (Avoda  Kehilatit),  educazione  per  mezzo  dell’  e-­‐ sperienza,  lavoro  in  gruppo,  simboli  (come  la  Chulzah  e  la  Kuppah),  organizzazioni  in  Kvutzot  ed  addestramento  del   Chanichim.   -­‐Ebraismo   Definizione:  L’ebraismo  dell’Hashomer  Hatzair  è  un  ramo  dell’ebraismo  ed  è  radicato  nella  Cultura  Ebraica  e  nel  no-­‐ stro  approccio  umanistico.  Collochiamo  l’individuo  nel  centro  della  nostra  visione  ebraica  di  mondo.  Le  nostre  moralità   provengono  anzitutto  dal  nostro  senso  di  responsabilità  e  rispetto  all’umanità.  Crediamo  e  pratichiamo  una  forma  di   Ebraismo  attivo  che  incoraggia  tutti  a  dare  il  proprio  significato  personale  al  proprio  Ebraismo  all’interno  della  comuni-­‐ tà  shomrica.   Il  nostro  Ebraismo  esplora  una  cultura,  una  tradizione  e  una  storia  vibranti  e  ci  unisce  alla  nostra  eredità  di  Popolo  E-­‐ braicco.  Vediamo  le  fonti  Ebraiche  come  un’  ispirazione  e  come  aperte  all’interpretazione  critica.   La  nostra  visione  proviene  da  un  completo  comprendimento  dell’Ebraismo  e  dello  sviluppo  di  un  modo  contempora-­‐ neo  e  significativo  di  esprimere  il  nostro  giudaismo.   Pratica  Educativa:  Noi  diamo  i  nostri  chanichim  l’opportunità  di  trovare  il  proprio  accesso  e  visione  dell’Ebraismo  e  ci   sforziamo  per  molare  individui  fiduciosi  che  trovino  il  loro  posto  nell’Ebraismo  e  si  sentano  collegati  alla  sua  eredità   culturale.  L’Hashomer  Hatzair  stende  la  conoscenza  dell’eredità  Ebraica,  Letteratura  Ebraica  classica  e  moderna  e  in-­‐ segna  la  storia,  la  cultura  e  le  tradizioni  ebraiche.   I  membri  del  Hashomer  Hatzair  rivedranno  costantemente  e,  se  necessario,  rinnoveranno  le  tradizioni  Ebraiche  se-­‐ condo  la  filosofia  attuale  dei  Chaverim.   Il  nostro  Ebraismo  è  aperto  a  tutte  le  persone  che  si  sentono  parte  degli  ideali  e  sono  disposte  a  parteciparne.  Tutti  gli   atteggiamenti  che  non  seguono  i  principi  dell’Ebraismo  secolare  possono  essere  mantenuti  con  la  condizione  che  non   contraddicano  l’organizzazione  ed  il  progresso  delle  attività.     Le  10  Dibrot,  comandamenti   1. 2. Lo/La  Shomer/et  è  un/a  uomo/donna  di  verità  e  la  salvaguarda.   Lo/La  Shomer/et  è  parte  integrante  del  popolo  ebraico  ed  ha  un  forte  legame  con  lo  Stato  d’Israele.  Lui/Lei  è  radicato   nella  propria  cultura  ed  è  un/a  chalutz  del  nostro  ebraismo.   3. Lo/La  Shomer/et  attribuisce  significato  al  proprio  lavoro  e  lotta  per  creare  un  mondo  dove  il  lavoro  è  una  espressione   produttiva  della  creatività  umana  e  della  libertà.   4. Lo/La  Shomer/et  è  politicamente  attivo/a  ed  è  un/a  precursore/a  nel  perseguire  la  libertà,  l’uguaglianza,  la  pace  e  la   solidarietà.   5. Lo/La  Shomer/et  è  un/a  chaver/a  impegnato/ta  a  lavorare  insieme  agli  altri,  lotta  per  il  progesso  della  società  e  pro-­‐ muove  i  valori  shomristici.   6. Lo/La  Shomer/et  sviluppa  e  mantiene  attivamente  relazioni  intenzionalmente  libere  e  oneste  all’interno  della  Kvutza  e   di  tutta  la  comunità  shomrica.  Lui/Lei  si  assume  la  responsabilità  di  occuparsi  dei  suoi  chaverim.   7. Lo/La  Shomer/et  rispetta  e  protegge  la  natura,  lui/lei  impara  a  conoscerla,  impara  a  vivere  al  suo  interno  con  modalità   sostenibili.   8. Lo/La  Shomer/et  è  coraggioso/a,  indipendente,  ragiona  in  maniera  critica  e  prende  iniziative  di  conseguenza.   9. Lo/La  Shomer/et  fortifica  il  suo  carattere  ed  aspira  alla  totalità  fisica,  mentale  e  spirituale.   10. Lo/La  Shomer/et  è  condotto  dalla  sua  ragione  e  si  assume  la  totale  responsabilità  delle  proprio  e  azioni.    Lui/Lei  deve  essere  d’esempio.     2

[close]

p. 5

LE PAROLE DELLO SHALIACH Dvar Shaliach: Fra poco finirà il 67° anno dell'Hashomer Hatzair Italia, il 100° anno dell'Hashomer Hatzair mondiale. Poi inizierà l'estate del centenario. Sarà un'estate piena di eventi grandi e importanti: un campeggio italiano, il nostro secondo campeggino, La decima Shomria in Israele, come anche il Seminario Hadracha, il viaggio in Israele e l'Europeo Masa Le'Polin. Eppure, il progetto più importante è probabilmente la Veida mondiale che si svolgerà durante il Machane Israel. Durante la Veida (una convention) si incontreranno Shomrim da tutto il mondo per discutere, e poi decidere insieme, quale forma avrà l'Hashomer Hatzair nei prossimi decenni. La Veida potrebbe sembrare molto lontana dal ken, ma non è così. Infatti, le decisioni della Veidà avranno probabilmente effetto su tutti noi nel ken, sui Bogrim come anche sui Chanichim. Cinque anni fa, nella Veida di 2008, sono passati le mozioni che definiscono la nostra ideologia – il Sionismo, l'Ebraismo e il Socialismo del movimento Hashomer Hatzair. Questa volta facciamo un passo avanti: definire insieme come poter vivere questa ideologia nei kinim in tutto il mondo. Il tema della nostra Veida è l’Autonomia Giovanile e l’Attivismo, che sono i due lati dello stesso stile di vita , il primo in Ken, il secondo fuori dal Ken. Abbiamo davanti a noi tante domande riguardo ciò, ma prima dobbiamo decidere se veramente vorremmo prendere questa responsabilità. Avere l'autonomia, decidere per noi stessi ma più che altro condividere la responsabilità con tutto il ken – Chanichim e Bogrim – questa non è una decisione facile. Vuol dire avere chanichim coinvolti nella vita del ken, a fianco ai Bogrim (anche se, ovviamente, in un modo diverso). Vuol dire creare assieme in ken una società giovanile che impiega e occupa i suoi membri durante la settimana intera, non solo durante le quattro ore del Sabato. Immaginate un Ken dove vengono i membri solo perché preferiscono essere là piuttosto che stare a casa (e non perché la casa è brutta), dove a loro piace stare insieme perché è l'unico posto dove possono veramente essere coinvolti, decidere per se stessi e contribuire per gli altri, l'unico posto dove potete formare la vostra vita comune. In altre parole – l'unico posto dove potete essere voi, come veramente volete. 3

[close]

p. 6

Herbert Pagani VI PARLIAMO DI... E poi, questo gruppo, che condivide la sua vita in Ken, dovrebbe diventare attivo anche nel mondo esterno. Se avrete creato uno stile di vita che non c'è in nessuna altro luogo a parte il Ken, avrete qualcosa di autentico, genuino, da portare fuori. Non è più solo dare una mano a qualcuno che soffre o a una cosa giusta, ma invece offrire una soluzione originale per i problemi e all’ingiustizia di questo mondo attorno a noi. Se riuscissimo a creare la nostra società interna, basata sui ideali shomristici di giustizia, amicizia e attivismo, non ci sarebbe niente a cui non saremmo in grado di offrire rimedio. La cosa più bella di tutto questo è che tutti noi possiamo prendere parte nella veida, anche se non saremo tutti là. Esprimete adesso le vostre opinioni sull'Autonomia Giovanile e l'Attivismo shomristico e lasciate il vostro segno sul movimento. CVE, A cura di Gilad, lo shaliach Herbert Pagani: un artista, ma prima di tutto un uomo Herbert Pagani, per chi non lo sapesse, è stato un famoso artista ebreo nato a Tripoli nel 1944 che fu attivo dalla fine degli anni sessanta fino alla sua morte nel 1988 negli Stati Uniti. Artista, si, ma poliedrico. Fu, infatti, scultore, poeta, pittore, scrittore, autore, ma conosciuto principalmente per essere un cantautore. Fin da piccolo, a causa delle liti tra i genitori divorziati, viaggiò molto in giro per l’Europa, trascorrendo gran parte della sua gioventù in Francia e Germania. Lavorò anche presso la allora nuova emittente Radio Monte Carlo. Scrisse molte canzoni, ma la più famosa 4 fu “Albergo a ore”, che ebbe anche dei problemi di censura. Egli,infatti, fece una grande lotta con la rai a

[close]

p. 7

VI PARLIAMO DI... Herbert Pagani causa della censura, vinta nel ‘69. Molte delle sue canzoni sono traduzioni di altre in italiano, anzi, “adattamenti del testo”, come diceva lui. I suoi testi esprimono il quotidiano e cercano di trasmettere le sensazioni di tutti i giorni, di ogni genere. Egli non fa passare messaggi politici, religiosi o di altro genere, bensì decide solo di rappresentare con le sue canzoni la vita di tutti i giorni, di persone qualsiasi, per far comprendere all’ascoltatore l’umore di persone appartenenti a varie classi sociali. In questo modo Herbert intende rappresentarci la realtà ,realtà che delle sue canzoni ha una rappresentazione quasi pittorica. La sua musica fu, infatti, strettamente legata al suo interesse per la pittura, alla quale si dedicò sin da piccolo. Quando usci il suo primo album, fu lui a disegnarne la copertina. Herbert conosceva bene il francese quanto l’italiano e scrisse in francese un testo poetico in difesa del sionismo e del popolo ebraico. Durante il periodo trascorso in Francia, ebbe un grande successo del tutto inaspettato. Un poeta francese disse: “Ho la sensazione che Pagani abbia inventato un genere nuovo di canzone e questo non succede tutti i giorni. È impossibile, secondo me, parlare di canzone contemporanea senza tenere conto della sua esistenza. La sua comparsa è analoga all'apparizione dei più grandi”. Purtroppo Herbert Pagani morì di una forma di leucemia a soli 44 anni nel 1988 a Palm Springs. Quello che ci ha lasciato è un'idea forte e chiara. Un messaggio di umanità, fratellanza, amicizia, sincero e mai scontato. L' amore come unico mezzo - unica arma per il riscatto, la lotta, la sopravvivenza delle idee che danno dignità e senso alla vita di ognuno. A cura di Nathan Campioni, Horshim Arringa per la mia terra “Di passaggio a Fiumicino sento due turisti dire, sfogliando un giornale: “Fra guerre e attentati non si parla che di ebrei, che scocciatori” È vero, siamo dei rompiscatole, sono secoli che rompiamo le balle all’universo. Che volete. Fa parte della nostra natura. 5

[close]

p. 8

Herbert Pagani VI PARLIAMO DI... Ha cominciato Abramo col suo Dio unico, poi Mosè con le Tavole della Legge, poi Gesù con l’altra guancia sempre pronta per la seconda sberla, poi Freud, Marx, Einstein, tutti esseri imbarazzanti, rivoluzionari, nemici dell’ordine. Perché? Perché l’ordine, quale che fosse il secolo, non poteva soddisfarli, visto che era un ordine dal quale erano regolarmente esclusi; rimettere in discussione, cambiare il mondo per cambiare destino, questo è stato il destino dei miei antenati; per questo sono sempre stati odiati da tutti i paladini dell’ordine prestabilito. L’antisemita di destra rimprovera agli ebrei di aver fatto la rivoluzione bolscevica. È vero. C’erano molti ebrei nel 1917. L’antisemita di sinistra rimprovera agli ebrei di essere i proprietari di Manhattan, i gestori del capitalismo… È vero ci sono molti capitalisti ebrei. La ragione è semplice: la cultura, la religione, l’idea rivoluzionaria da una parte, i portafogli e le banche dall’altra sono stati gli unici valori mobili, le sole patrie possibili per quelli che non avevano una patria. Ora che una patria esiste, l’antisemitismo rinasce dalle sue ceneri, o meglio, scusate, dalle nostre, e si chiama antisionismo. Prima si applicava agli individui, adesso viene applicato a una nazione. Israele è un ghetto, Gerusalemme è Varsavia. Chi ci assedia non sono più i tedeschi ma gli arabi e se la loro mezzaluna si è talvolta mascherata da falce era per meglio fregare le sinistre del mondo intero. Io, ebreo di sinistra, me ne sbatto di una sinistra che vuole liberare gli uomini a spese di una minoranza, perché io faccio parte di questa minoranza. Se la sinistra ci tiene a contarmi fra i suoi non può eludere il mio problema. E il mio problema è che dopo le deportazioni in massa operate dai romani nel primo secolo dell’era volgare, noi siamo stati ovunque banditi, schiacciati, odiati, spogliati, inseguiti e convertiti a forza. Perché? Perché la nostra religione, cioè la nostra cultura erano pericolose. Qualche esempio? Il giudaismo è stato il primo a creare il sabato, il giorno del Signore, giorno di riposo obbligatorio. Insomma il week-end. Immaginate la gioia dei faraoni, sempre in ritardo di una piramide. Il giudaismo proibisce la schiavitù. Immaginate la simpatia dei romani, i più grossi importatori di manodopera gratuita dell’antichità. 6

[close]

p. 9

VI PARLIAMO DI... Herbert Pagani Nella Bibbia è scritto: “La terra non appartiene all’uomo, ma a Dio”; da questa frase scaturisce una legge, quella della estinzione automatica dei diritti di proprietà ogni 49 anni. Vi immaginate la reazione dei papi del medioevo e degli imperatori del Rinascimento? Non bisognava che il popolo sapesse. Si cominciò quindi col proibire la lettura della Bibbia, che venne svalutata come Vecchio Testamento. Poi ci fu la maldicenza: muri di calunnie che divennero muri di pietra: i ghetti. Poi ci furono l’indice, l’inquisizione e più tardi le stelle gialle. Ma Auschwitz non è che un esempio industriale di genocidio. Di genocidi artigianali ce ne sono stati a migliaia. Mi ci vorrebbero dieci giorni solo per fare la lista di tutti i pogrom di Spagna, Russia, Polonia e Nord Africa. A forza di fuggire, di spostarsi, l’ebreo è andato dappertutto. Si estrapola il significato e eccoci giudicati gente di nessun posto. Noi siamo in mezzo ad altri popoli come gli orfani affidati al brefotrofio. Io non voglio più essere adottato, non voglio più che la mia vita dipenda dall’umore dei miei padroni di casa, non voglio più affittare una cittadinanza, ne ho abbastanza di bussare alle porte della storia e di aspettare che mi dicano Avanti. Stavolta entro e grido; mi sento a casa mia sulla terra e sulla terra ho la mia terra. Perché l’espressione terra promessa deve valere per tutti i popoli meno che per quello che l’ha inventata? Che cos’è il sionismo? …si riduce a una sola frase: l’anno prossimo a Gerusalemme. No, non è lo slogan di qualche club di vacanza; è scritto nella Bibbia, il libro più venduto e peggio letto del mondo. E questa preghiera è divenuta un grido, un grido che ha più di duemila anni, e i padri di Cristoforo Colombo, di Kafka, di Proust, di Chagall, di Marx, di Einstein, di Modigliani, e di Woody Allen l’hanno ripetuta, questa frase, almeno una volta all’anno: il giorno della Pasqua. Allora il sionismo è razzismo ? Ma non fatemi ridere. Il sionismo è il nome di una lotta di liberazione e come ogni movimento democratico ha le sue destre e le sue sinistre. 7

[close]

p. 10

Herbert Pagani VI PARLIAMO DI.. Nel mondo ciascuno ha i suoi ebrei. I francesi hanno i corsi, i lavoratori algerini; gli italiani hanno i terroni e i terremotati; gli americani hanno i negri, i portoricani; gli uomini hanno le donne; la Società ha i ladri, gli omosessuali, gli handicappati. Noi siamo gli ebrei di tutti. A quelli che mi chiedono: “e i palestinesi?” Rispondo “io sono un palestinese di duemila anni fa, sono l’oppresso più vecchio del mondo, sono pronto a discutere con loro ma non a cedergli la terra che ho lavorato. Tanto più che laggiù c’è posto per due popoli e due nazioni” Le frontiere le dobbiamo disegnare insieme. Tutta la sinistra sionista cerca da trent’anni degli interlocutori palestinesi, ma l’OLP, incoraggiata dal capitale arabo e dalle sinistre europee, si è chiusa in un irredentismo che sta costando la vita a tutto un popolo, un popolo che mi è fratello, ma che vuole forgiare la sua indipendenza sulle mie ceneri. C’è scritto sulla carta dell’OLP: “verranno accettati nella Palestina riunificata solo gli ebrei venuti prima del 1917″ A questo punto devo essere solidale con la mia gente. Quando gli arabi mi riconosceranno, mi batterò insieme a loro contro i nostri comuni oppressori. Ma per oggi la famosa frase di Cartesio penso, dunque sono non ha nessun valore. Noi ebrei sono cinquemila anni che pensiamo e ci negano ancora il diritto di esistere. Oggi, anche se mi fa orrore, sono costretto a dire mi difendo, dunque sono.” Testo scritto nel novembre del 1975 da Herbert Pagani, all’indomani della mozione ONU che assimilava il sionismo al razzismo. L’autore lo diffuse l’11 novembre 1975. 8

[close]

p. 11

ATTUALITÀ ITALIANA Amir Brindisi, davanti alla scuola Morvillo Falcone ad un anno dall'uccisione di Melissa In occasione del primo anniversario dell'attentato alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi in cui morì Melissa Bassi e rimasero ferite altre nove persone tra passanti e studenti, i ministri dell'Istruzione e dei Beni Culturali, Maria Chiara Carrozza e Massimo Bray, hanno partecipato, la mattina del 19 maggio, alla cerimonia di commemorazione che si è svolta davanti all'istituto professionale per i servizi sociali. I ministri hanno indossato delle t-shirt con su scritto “io non ho paura”. La maglietta fu il simbolo della manifestazione che, subito dopo l'attentato, fu organizzata dall'unione degli studenti della provincia di Brindisi. 9 E proprio alle 7.42, nel momento preciso in cui esplose l'ordigno, azionato dal reo confesso Giovanni Vantaggiato, i ministri e le altre autorità, tra cui il vicepresidente del Senato Valeria Fedeli, hanno deposto un fascio di fiori bianchi davanti alla stele che ricorda Melissa. "Un gesto di follia ha portato via Melissa Bassi. Dedico alla sua famiglia, ai ragazzi, ai docenti l'abbraccio di tutto il Senato", ha detto il vicepresidente Valeria Fedeli portando a Brindisi il "cordoglio di tutto il Senato". "Spero che il calore di tutta la comunità nazionale arrivi in particolare alla signora Rita e al signor Mas-

[close]

p. 12

ATTUALITÀ ITALIANA simo e sia loro d'aiuto - ha detto per trovare il coraggio di non cedere al dolore. Quel gesto di follia in un istante vi ha sottratto il futuro e la speranza, ciò che è successo in questa scuola un anno fa ha dilaniato, dovete esserne sicuri, il cuore di tutto il Paese". "La violenza insensata, indiscriminata, ingiusta - ha proseguito il vicepresidente del Senato - ha colpito nel profondo in quel luogo intimo in cui ciascuno di noi mette al riparo le cose che ha più care, i propri figli. Pensavamo di aver conservato un tessuto di comunità solidale che stigmatizza ed evita i gesti isolati di terrorismo disperato, ma quei gesti purtroppo accadono. Quello di un anno fa non è il gesto di un pazzo ma di una persona lucida e disperata. La lucidità disperata può portare a gesti di follia. Gesti vigliacchi che squarciano un tessuto sociale indebolito". Rivolgendosi agli studenti, ha poi detto: "Siete la migliore risposta alla violenza senza ragione. Siete un esercito pacifico, il baluardo della legalità di questo Paese". "Mai più, mai più violenza nella scuola che è un luogo sacro dove i ragazzi e le ragazze devono formare il proprio futuro". E' l'auspicio espresso dal ministro per i Beni cultu10 rali, Massimo Bray. "Troppo a lungo - ha detto il ministro - abbiamo trascurato quelli che dovrebbero essere i principali punti di forza di un Paese che, nei secoli scorsi, del sistema di formazione scolastico e universitario, del patrimonio artistico e culturale, ha fatto motivo di orgoglio invidiato da tutto il mondo". "Troppo spesso - ha proseguito siamo stati sordi alle dimostrazioni di disagio, alle testimonianze sul grado di abbandono delle strutture scolastiche, alla nostra incapacità' di dare il giusto riconoscimento sociale agli insegnanti: questi devono essere il punto prioritario dell'agenda del nostro governo". "Episodi come quello di Brindisi - ha concluso - non devono accadere mai più". "I ragazzi non devono aver paura di andare a scuola, che penso sia la cosa più terribile che possa capitare, poiché la scuola è un posto in cui si va ad imparare, per stare insieme agli altri, per entrare nella società'". Così il ministro dell'Istruzione, Maria Chiara Carrozza. "Ci sono - ha spiegato - tutti i problemi della scuola italiana e anche le speranze. Noi ministri dobbiamo dimostrare di essere vicini agli studenti di tutta Italia". Riferendosi poi all'intervento

[close]

p. 13

ATTUALITÀ ISRAELIANA del suo ministero subito dopo l'attentato in cui morì Melissa Bassi e rimasero ferite altre 9 persone tra studenti e passanti, Carrozza ha detto che "la scuola ha reagito cercando di stare vicino ai ragazzi con tutto il sostegno possibile, anche di psicologi, di tutti coloro che potevano riuscire ad aiutare gli studenti a superare la tragedia". All'iniziativa hanno preso parte il papà di Melissa, Massimo Bassi, il nonno della studentessa, alcuni studenti della scuola e gli alunni della scuola Melissa Bassi di Scampia. La madre della ragazza, Rita, non è riuscita a reggere l'emozione e non è potuta essere presente alla cerimo- nia dopo non aver perso nemmeno un'udienza del processo. Le iniziative commemorative si sono susseguite fino a sera terminando con una fiaccolata svoltasi per le strade di Mesagne, città dove la ragazza morta nell'attentato esplosivo viveva e dove vivono molte delle sue compagne ferite. Inoltre a Melissa è stata dedicata la ciclo passeggiata partita proprio davanti all'ingresso della scuola Morvillo Falcone, tradizionale iniziativa che ha segnato la conclusione della cerimonia per l’anniversario dell’attentato alla scuola. A cura di Debora Spizzichino, Amir Quattro persone uccise da colpi di arma da fuoco in una banca a Be'er Sheva Due impiegati della banca e due clienti tra cui una donna incita sono stati uccisi oggi (lunedì 20-05-13) in una sparatoria in un’agenzia della banca Poalim a Sdrerot Jabotinskij a Be'er Sheva. Riportati quattro feriti, di cui uno in grave condizioni. Da un primo esame dei particolari dell’evento è emerso che colui che ha sparato si è suicidato dopo l’evento. Alcune ore dopo l’incidente, la polizia ha autorizzato la pubblicazione dei nomi dei quattro uccisi. Dai primi interrogatori sui dettagli dell’incidente si rivela che la mattina il sospettato è giunto alla filiale della banca dove lavorano i quattro impiegati. Il cliente si lamentava che la banca avesse bloccato la sua carta di credito. La polizia sospettava che l’uomo avesse superato il suo fido di 6000 shekel. Dopo che l’impiegato ha negato di 11

[close]

p. 14

ATTUALITÀ ESTERA rinnovare il suo fido, il sospettato ha chiesto di parlare con il direttore, ma anche quest’ultimo gli ha negato il fido. Nelle ore del primo pomeriggio si è presentato di nuovo alla filiale e ha estratto una pistola dalla sua borsa e ha iniziato a sparare, ha ucciso una donna incinta, un cliente, il direttore della filiale e l’impiegato, ha ferito un’ impiegata ed infine ha sequestrato un’altra impiegata per poi rinchiudersi in una stanza. Dopo l’arrivo delle forze dell’ordine il criminale ha liberato la donna e si è sparato in testa. A cura di Rachel Arbib, Horshim Chi è davvero Viktor Orban? “Angela Merkel è come Hitler, tratta la nostra Patria come Hitler quando ci invase nel 1944” Queste non sono le parole di qualche partito radicale europeo, nè di qualche media fazioso, nè di Grillo. Sono bensì le parole del capo di governo di un paese facente parte dell’Unione Europea e della NATO. Il paese in questione è l’Ungheria, e il capo di governo è Viktor Orbàn. Con queste parole rischia un grave incidente diplomatico, se non bastasse che l’Ungheria è gia sotto esame da parte della Commissione europea di Bruxelles a causa del suo alto debito e deficit, e a causa di alcuni cambiamenti costituzionali che secondo molti andrebbero contro lo spirito e i valori descritti nei tanti trattati europei. Forse, è il caso di capire chi è veramente Orbàn. Inizia la sua esperienza politica facendo parte dell’opposizione durante il governo Antal, diventato uno dei leader di Fidesz, partito liberale e progressista, impegnato nei diritti civili. Antal muore, e lui riesce a diventare primo ministro (1998-2002), cercando 12

[close]

p. 15

DIAMO SPAZIO ALLE KVUTZOT DELLA BOGRUT Ein-dor di mettere in pratica le sue nuove idee per abbattere la disoccupazione e incrementare l’economia ungherese, senza pero avere successo. Finito il mandato passa circa 8 anni da parte dell’opposizione, accogliendo nel partito figure non liberali e nostalgiche di molti aspetti dell’Ungheria nazionalista e fascista degli anni ’20-’40. Nel 2010 è risalito al potere, e usa in modo sempre più esplicito e spregiudicato slogan ultranazionalisti, ad esempio l’esaltazione della nazione come “patria e sangue”. Questo perche Orbàn intende la patria non come comunità che condivide cultura e valori, ma come un’entità etnica. Si è anche avvicinato molto a fazioni razziste, antisemite e neonaziste, affermando di voler combattere “capitalismo e finanza internazionali” comandate, secondo lui, da una lobby ebraica. Orbàn, inoltre, ha gettato nel baratro l’economia ungherese con la sua politica protezionistica, ha ridotto il numero dei telegiornali nazionali a uno ponendo anche una Commissione Governativa di Controllo Televisivo, ente che controlla e applica il bavaglio su tut- ti i programmi televisivi. Ha messo sotto stretto controllo l’apparato giudiziario del paese e messo nelle mani dell’esecutivo la Banca Centrale Ungherese. Tutto ciò creando un clima di paura e oppressione nel paese. Ha inoltre riabilitato l’ex dittatore Horthy, che durante l’olocausto fu più cooperativo con Hitler che Mussolini, e che attuò una politica fortemente antisemita. Orbàn nei suoi discorsi insulta gravemente la Merkel paragonandola a Hitler, nonostante il fatto che l’Ungheria sia il paese in cui la Germania abbia investito di più, e se non fosse cosi la disoccupazione e l’economia ungherese si troverebbero in uno stato ancora più disastroso. Forse presto la Germania, la Commissione di Bruxelles e tutta l’Europa e i capi di governo si renderanno conto del pericolo che rappresenta Orbàn per l’Europa e l’Ungheria, e della minaccia di questo autocrate nazionalista. A cura di Daniel Colasanti, Amir 13

[close]

Comments

no comments yet