PB BOXE N°5 del 10.01.14

 

Embed or link this publication

Description

PB BOXE N°5 del 10.01.14

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

Eccoci tornati . Un saluto a tutti gli amici del Comitato Regionale FPI Puglia e Basilicata. Siamo usciti con il quinto numero di PB BOXE, il periodico di informazione on-line istituito per implementare lo spazio inerente alle notizie che caratterizzato l’attività del nostro territorio. Oramai ci accingiamo ad affrontare il 2014 e quindi anche il secondo anno di attività sotto la presidenza di Fabrizio Baldantoni: dopo un periodo soprattutto di rodaggio, siamo pronti ad affrontare le prossime sfide. BUONA LETTURA Sandro Turco 2

[close]

p. 3

PB BOXE A BARI, SI È SVOLTA LA PRIMA CONSULTA DEL 2014 Sabato 4 gennaio 2014, si è svolta a Bari – all’interno della Sala del Coni – la prima consulta riservata alle società presenti nel Comitato Regionale Fpi Puglia-Basilicata. Il presidente del Comitato, Fabrizio Baldantoni, ha illustrato dettagliatamente i numeri conseguiti nel 2013, tra i quali si registrano 73 riunioni pugilistiche organizzate; 45 società affiliate; 403 atleti tesserati. Successivamente si sono analizzati, i risultati conseguiti dai pugili appulolucani nei rispettivi appuntamenti nazionali: se il dato è apprezzabile nelle categorie Schoolboy, Junior e Youth, da contraltare l’andamento nei Campionati Elite continua ad essere particolarmente avaro di soddisfazioni. L’analisi affrontata dai tecnici presenti in sala, ha sottolineato alla difficoltà di poter essere competitivi, al cospetto degli atleti rappresentanti delle Forze Armate: i nostri ragazzi, devono conciliare lo sport con lo studio e in molti casi con gli orari di lavoro. Successivamente si passati a programmare l’attività giovanile, che sfocerà nella Finale della Coppa Italia Giovanile, peraltro vinta dai nostri rappresentanti nella passata edizione (dal 2006 al 2013, la formazione appulolucana, ha sempre raggiunto il podio). L’incontro è proseguito analizzando il calendario 2014 stilato dalla Federazione Pugilistica Italiana, con la possibilità di implementarlo grazie ad un Torneo riservato alla categoria Senior (ex Elite IIIª Serie). Tra le novità più interessanti, di certo la nuova normativa riservata agli oramai ex Elite Iª Serie: ovvero l’eliminazione del caschetto. Il Comitato Regionale FPI Puglia-Basilicata, inoltre è pronto per dare il via ad alcuni appuntamenti: il corso per aspiranti tecnici e quello riservato agli aspiranti commissari di riunione e arbitri. Grande interesse ha destato la presentazione di due progetti nazionali: il Torneo Talent League e Woman League, ideato per le categorie Elite maschile e femminile. La Talent League of Boxing (T.L.B.) è un campionato a squadre (Team) a carattere regionale e/o interregionale, con una fase di regular season, una di semifinale e una Finale. L’evento si propone di promuovere, organizzare e sviluppare l’attività agonistica del pugilato olimpico nel territorio nazionale, al fine d’innalzare il livello di qualità. . Dall’unione dei comitati Abruzzo-Molise e Puglia-Basilicata, nascono le truppe dei “Briganti del Sud, adottando come simbolo da combattimento il lupo. La gestione tecnica della formazione, sarà affidata a Francesco Stifani, il quale avvalendosi di una commissione tecnica, selezionerà in questi giorni, i pugili da inserire nella formazione. Nel progetto è stato coinvolto anche il pugile professionista Antonio De Vitis, Consigliere Federale. Per quanto concerne al Woman League, il progetto, è similare alla W.S.B. e la selezione delle atlete sarà a cura del maestro Antonio Portoghese, il quale ha illustrato, con dovizia di particolari, la nuova kermesse, istituita per sviluppare ulteriormente l’attività femminile. Ovviamente lo stesso Portoghese, ha esortato i responsabili delle società a collaborare fattivamente a questa iniziativa, sottolineando l’importanza del raggiungimento dell’obiettivo minimo, ovvero quello di entrare a far parte delle prime quattro formazioni classificate. La compagine diretta dal tecnico barese, avrà la denominazione di “Driadi”. A concludere l’incontro, alcune proposte presentate dai rappresentanti delle società presenti in sala, in attesa di tornare a vedere sul ring, i pugili impegnati nei prossimi appuntamenti. «È stato un incontro propedeutico per pianificare il cammino del 2014 – ha commentato il presidente del CR FPI Puglia-Basilicata, Fabrizio Baldantoni – Il calendario sarà particolarmente denso di eventi, quindi necessitiamo dell’impegno e della collaborazione da parte di tutte le realtà presenti sul nostro territorio di competenza». Interviste video su: http://www.youtube.com/ watch?v=Wsx2giPy-Dc 3

[close]

p. 4

TANTI AUGURI PRESIDENTE BALDANTONI Il presidente del Comitatofesteggiato Regionale FPI Puglia-Basilicata, ha il conseguimento della laurea. Giovedì 19 dicembre, all’interno dell’Università degli Studi di Potenza, il 27enne Baldantoni, concluso l’intenso periodo di lavoro al termine del quale ha raggiunto l’obiettivo prefissato: Laurea in Ingegnaria Edile e Architettura, con il punteggio di 108/110; la Tesi di Laurea ha riguardato il seguente tema: “Recupero e rifunzionalizzazione dell’ex Convento Santa Maria degli Angeli di Castelgrande (Pz). «Finalmente ho concluso questo percorso universitario – commenta Baldantoni – Peraltro negli ultimi mesi non è stato alquanto semplice conciliare gli impegni di studio con le incombenze legate all’attività svolta all’interno del Comitato. Certamente adesso potrò dedicarmi con maggiore tranquillità, con la consapevolezza di aver già alle spalle un anno di lavoro e di confronto diretto con le società presenti nel comitato. Tornando al conseguimento della laurea, voglio ringraziare la mia famiglia, i docenti, la mia ragazza e tutti coloro i quali hanno condiviso la fatiche universitarie, a cominciare dall’amico e maestro Peppe Gruosso. Ringrazio anche tutti i rappresentanti delle società appulo-lucane che si cono complimentati per l’obiettivo della laurea». 4

[close]

p. 5

PB BOXE P resente a Potenza durante la discussione della Tesi di Laurea di Baldantoni, anche il tecnico della Boxe Potenza, Giuseppe Gruosso: «La mia presenza era d’obbigo – commenta Peppe Gruosso – Ho conosciuto Fabrizio quando è entrato nella mia palestra all’età di 14 anni; da quel giorno l’ho visto crescere sotto tutti gli aspetti, dalla carriera scolastica a quella federale della FPI. Sono certo che adesso potrà dare maggiore spinta propulsiva all’interno del COmitato Regionale, considerato che gli impegni universitar i oramai sono alle spalle. Auguri Presidente!».

[close]

p. 6

IL PUGILATO DILETTANTISTICO DIVENTA PUGILATO OLIMPICO (A.O.B.). CAMBIA COSÌ ACCEZIONE, E NON E’ SOLO UN CAMBIAMENTO FORMALE, MA SOSTANZIALE: I PUGILI CHE ASPIRANO ALLE OLIMPIADI TOGLIERANNO ORA IL CASCHETTO E SARANNO GIUDICATI TRAMITE CARTELLINI. IL PUGILATO OLIMPICO NON E’ SOLO QUELLO CHE SI VEDE IN TV OGNI 4 ANNI, MA ANCHE QUELLO CHE, CON SACRIFICIO E TENACIA, VIENE PRATICATO OGNI VOLTA SUL RING DA TUTTI GLI ATLETI CHE ASPIRANO ALLA MASSIMA RASSEGNA SPORTIVA INTERNAZIONALE: I GIOCHI OLIMPICI.

[close]

p. 7



[close]

p. 8

REGOLAMENTO (in via di definizione) Art.1 Disposizioni generali 1.1 La Talent League of Boxing (T.L.B.) è un campionato a squadre (Team) a carattere regionale e/o interregionale, con una fase di regular season, una di semifinale e una Finale. 1.2 I combattimenti si effettuano sulla distanza delle tre (3) riprese da tre (3) minuti l’una, e senza l’uso del caschetto. 1.3 Il verdetto è emesso tramite la somma dei cartellini dei giudici, che tengono conto anche del comportamento corretto dei pugili oltre al giudizio tecnico. Art.2 Partecipanti 2.1 I Team della T.L.B. sono composti dai comitati regionali che hanno almeno 20 società sportive iscritte alla Federazione Pugilistica Italiana (F.P.I.) nel proprio territorio. 2.2 La T.L.B. si riserva di poter far iscrivere al proprio campionato anche i Team che unendo più comitati regionali garantiscono una sufficiente garanzia tecnica (numero pugili) ed economica. 2.3 I pugili che possono partecipare devono essere Prima serie e avere al massimo 30 anni (anno solare). 2.4 Possono partecipare tutti gli atleti stranieri tesserati Prima serie in Italia. 2.5 Sono esclusi i pugili che, italiani o stranieri, hanno vinto con la propria nazionale qualsiasi medaglia nei campionati Europei, Mondiali e Olimpici. Art.3 Composizione dei Team 3.1 Ogni Team è formato da un presidente, un direttore tecnico e dai pugili iscritti ad esso. 3.2 Il presidente è lo stesso del comitato regionale e il direttore tecnico è il rappresentante tecnico del comitato regionale, o uno nominato da queste due figure. 3.3 Il presidente e il direttore tecnico hanno potere decisionale nei confronti dei pugili appartenenti al proprio Team. 3.4 Il Team si compone di otto (8) categorie di peso (sono esclusi i 49 kg e 52 kg per mancanza di atleti), ovvero i 56, 60, 64, 69, 75, 81, 91 e +91 kg. 3.5 I pugili vengono iscritti dalle proprie società di appartenenza, affiliate alla F.P.I., e al proprio comitato regionale. 3.6 I pugili di ogni singolo Team sono reclutabili su tutto il territorio italiano, dando però precedenza al comitato di appartenenza. 3.7 I pugili in rosa al proprio Team potranno gareggiare solo per esso, almeno di trasferimento nel periodo predisposto (art.6). 3.8 La partecipazione minima dei pugili del proprio Team è di 5 elementi appartenenti al proprio comitato regionale, con un massimo di 3 pugili appartenenti ad un altro comitato regionale o ai gruppi sportivi militari. Art. 4 Iscrizioni 4.1 L’iscrizione alla T.L.B. è a carico sia della società che del pugile di ogni Team: 30 euro per il pugile, a cui sarà dato un personale completino. 4.2 L’iscrizione garantisce ad ogni pugile almeno un match durante il campionato della T.L.B. Art. 5 Premi 5.1 I premi di giornata per il pugile è di 200 euro in caso di vittoria, 150 euro per il pareggio, 100 euro per la sconfitta, 50 euro per vittoria per w.o. (walk over), nulla per il n.c. (non contest). 5.2 Al Team vincente della Finale viene corrisposto un premio vittoria finale: 200 euro per ognuna delle società del Team e 100 euro a tutti i pugili appartenenti al Team. Art.6 Gare 6.1 Il campionato, da 3 gironi, si sviluppa in 6 giornate d’incontri per girone, tra andata e ritorno (regular season).

[close]

p. 9

6.2 Le semifinali sono tra le vincenti dei 3 gironi più la migliore seconda in assoluto (come punteggio), con andata e ritorno. Gli accoppiamenti si effettueranno nel seguente modo: il Team che ha totalizzato il miglior punteggio totale nella regular season si confronterà con il team ripescato quale migliore secondo classificato nei tre gironi. L’altra semifinale si effettuerà tra gli altri due team qualificati. 6.3 La Finale è unica tra le vincenti delle semifinali. C’è una classifica a punti nella regular season, così formata: match vinto 2 punti, match pari 1 punto, match perso 0, match vinto per w.o. 1 punto, match perso per w.o. -1, match col verdetto di n.c. 0 punti. 6.4 A parità di punti in classifica si guarda: 1) più matches vinti negli scontri diretti, 2) il maggior numero di matches vinti, 3) maggior numero di pugili utilizzati. 6.5 Nelle semifinali e nella Finale ci sono solo i verdetti di vittoria e sconfitta. 6.6 Ad ogni vittoria corrisponde un punto. 6.7 In caso di parità di punteggio, tra andata e ritorno, si effettua un match supplementare di spareggio in una categoria sorteggiata prima delle semifinali e un ulteriore categoria prima della Finale. 6.8 Passa il turno e vince la Finale il Team che ottiene più punti. 6.9 Il Team che vince la Finale conquista lo scudetto della T.L.B., che metterà sulla propria tenuta di gara l’anno successivo. 6.10 I pugili dei gruppi sportivi militari possono gareggiare una sola volta nella regular season, una volta nelle semifinali e una volta nella Finale. 6.11 Tra la fase di regular season e le altre due fasi di semifinali e Finale è possibile sostituire, nella misura massima di 5 pugili, alcuni elementi del Team. 6.12 Ogni pugile di un Team indossa la stessa tenuta di gara, fornita dalla T.L.B. Art.9 Punteggio Federale 9.1 Ai pugili che partecipano alla T.L.B. viene assegnato il punteggio di 10 punti in caso di vittoria, di 6 punti in caso di pareggio e di 4 punti in caso di sconfitta nella fase di regular season. Nelle fasi di semifinale e Finale i punteggi sono di 12 punti in caso di vittoria e 6 punti in caso di sconfitta. 9.2 Alle società organizzatrici delle singole giornate viene assegnato il punteggio di 200 punti. DALL’UNIONE DELLE REGIONI ABRUZZO, MOLISE, PUGLIA E BASILICATA NASCONO LE TRUPPE DEI BRIGANTI DEL SUD. ADOTTANO COME ANIMALE DA COMBATTIMENTO IL LUPO. La nostra formazione è stata inserita nel terzo girone e dovrà affrontare la compagine degli SQUALI BORBONI (Campania e Calabria) e quella delle PANTERE ARAGONESI (Sicilia e Sardegna) Il referente tecnico del Comitato PugliaBasilicata per la squadra dei LUPI BRIGANTI sarà coach Francesco Stifani

[close]

p. 10

NEL 2001, LA BOXE FEMMINILE VIENE LEGITTIMATA COME SPORT GRAZIE AL MINISTRO DELLA SANITÀ VERONESI SU CONSIGLIO DEL MINISTRO PER LE PARI OPPORTUNITÀ KATIA BELLILLO E DA ALLORA, IN FORTE E COSTANTE CRESCITA, VIENE RICONOSCIUTO AI GIOCHI DI LONDRA 2012 COME DISCIPLINA OLIMPICA. NEL 2014 IL PUGILATO DILETTANSTICO FEMMINILE SI TRASFORMA A TUTTI GLI EFFETTI IN PUGILATO OLIMPICO (A.O.B.): QUESTA IMPORTANTE SVOLTA CONTRIBUIRÀ A MIGLIORARNE LA VISIBILITÀ E, AL TEMPO STESSO, PERMETTERÀ ALLE ATLETE DI PREPARARSI AI MASSIMI LIVELLI IN VISTA DELLE PIÙ IMPORTANTI RASSEGNE SPORTIVE INTERNAZIONALI. LA IWBL NASCE CON LO SCOPO DI SOSTENERE L’ATTIVITÀ DELLE ATLETE ITALIANE SUL TERRITORIO NAZIONALE, PROMUOVENDO ED ORGANIZZANDO IL “CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE”, ITINERANTE E SUDDIVISO PER REGIONI. L’ORGANIZZAZIONE DELLE FASI ELIMINATORIE DELLA INTERNATIONAL WOMEN BOXING LEAGUE VIENE ASSEGNATA ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE MEDIANTE RICHIESTA DI AFFIDAMENTO. 2014: L’EVOLUZIONE DELLA BOXE FEMMINILE DRIADI: (SICILIA - CALABRIA - PUGLI IN ORIGINE LE DRIADI ERANO LE NINF DI ERANO NINFE CHE VIVEVANO NEI B NO RAFFIGURATE COME BELLE, GIOVA TE IN UNA SORTA DI ARABESCO CHE IM Il referente tecnico sarà il Maestro

[close]

p. 11

IA) FE DELLE QUERCE, COME RIVELA IL LORO NOME (DRYAS, QUERCIA). LE DRIABOSCHI E NE INCARNAVANO LA FORZA E IL RIGOGLIO VEGETATIVO. VENIVAANI E SOLARI DONNE, CON LA PARTE INFERIORE DELLA PERSONA TERMINANMITAVA UN TRONCO D’ALBERO. o Antonio Portoghese

[close]

p. 12

T ORNEO FEMMINILE A SQUADRE - REGOLAMENTO ARTICOLO 1 E’ istituito il Torneo Femminile a Squadre denominato “International Weman Boxing League”, di seguito abbreviato in WBL per l’organizzazione del Comitato Organizzatore “Power Boxing Team” di seguito abbreviato in “PBT”. ARTICOLO 2 Il torneo sarà diviso in 02 (due) Gironi denominati: Girone Centro Nord e Girone Centro Sud. ARTICOLO 3 Le squadre dovranno, assumere una “denominazione” che dovrà essere utilizzata per tutto il Torneo, e dovranno presentare obbligatoriamente uno “logo”. Ogni Squadra dovrà indicare, obbligatoriamente, un Team Manager e due Tecnici Responsabili. ARTICOLO 4 Possono partecipare al Torneo a Squadre WBL, solo atleti classificati dalla A.I.B.A. Elite Femminili, regolarmente affiliati alla F.P.I. o di un’altra Federazione Pugilistica Internazionale affiliata all’A.I.B.A., provvisti di nulla-osta della Federazione di appartenenza ed in regola con le visite di Idoneità Medico Sportive previste per Legge in Italia. ARTICOLO 5 Ogni Squadra dovrà essere composta da un minimo 2 a un massimo di 4 atlete per ogni singola categoria di peso nelle categorie sotto elencate, con un massimo di 04 (quattro) atlete Tesserate ad una Federazione Nazionale Straniera. Configurazione minima della squadra N. Categoria di Peso Classificazione: 2/4 51 Kg Elite I/Elite II; 2/4 54 Kg Elite I/Elite II; 2/4 57 Kg Elite I/Elite II; 2/4 60 Kg Elite I/Elite II; 2/4 64 Kg Elite I/Elite II; 2/4 69 Kg Elite I/Elite II ARTICOLO 6 Ogni Squadra all’atto dell’iscrizione, dovrà comunicare alla “PBT” i nominativi e la relativa categoria di peso delle atlete almeno 20 (venti) giorni prima dell’inizio del Torneo. Per effettuare la registrazione della squadra deve inviare per via telematica i seguenti documenti: una foto formato Tessera delle Atlete inserite nella Formazione, del Team Manager e dei due Tecnici Responsabili; Copia di un documento valido; Copia del Libretto Personale rilasciato da altra Federazione Affiliata all’AIBA; Per i pugili Tesserati a Federazione Straniera, sarà inoltre obbligatorio il Nulla-Osta delle Federazione di appartenenza (rilasciato almeno 5 giorni prima dell’incontro). Al termine delle iscrizioni, ad insindacabile giudizio della “PBT” verranno formati i 02 (due) Gironi, tenendo conto della disposizione geografica delle Squadre. Dopo di che, sempre sotto il controllo della “PBT”, saranno effettuati i sorteggi per la composizione dei Gironi di Andata e Ritorno, ai sorteggi potranno partecipare un delegato per ogni Squadra. ARTICOLO 7 Saranno permesse variazioni della formazione con un massimo di 02 (due) atlete per ogni categoria Peso, solo al termine dei gironi di andata/ritorno, prima delle finali e comunque entro le date comunicate dalla “PBT”. Ogni squadra dovrà essere presente sul campo di gara almeno tre (3) ore prima dell’orario di inizio della competizione, per effettuare il peso ufficiale e le visite mediche. Presentare la lista delle sei partecipanti nelle mani del Commissario di riunione prima delle operazioni di Peso e Visita Medica. ARTICOLO 8 Fasi preliminari (gironi): Nelle fasi preliminari, il peso viene effettuato a bordo ring 3 ore prima della competizione con la tolleranza di kg 1 (uno). Fasi finali (semifinali e finali): nelle fasi finali il peso sarà effettuato la mattina senza tolleranza. Le singole atlete potranno sostenere, per la sola fase Regionale a Girone, un massimo di n.2 (Due) incontri consecutivi. Per le Fasi di Semifinali e Finali le singole atlete potranno sostenere anche più incontri. ARTICOLO 9 Diramato il calendario degli incontri, ogni Squadra che combatte in casa, dovrà organizzare, (attraverso una Società affiliata alla FPI) e richiedere tutti i permessi necessari. Gli incontri dovranno essere necessariamente effettuati nelle date stabilite dalla “PBT”. Le gare di Andata e Ritorno, fatto salvo accordi tra le parti, dovranno essere disputate esclusivamente nelle date del Week-End (Venerdì-Sabato-Domenica) indicate dal calendario. Per motivi organizzativi, tramite accordo tra le Squadre, le gare disputate in casa o in trasferta potranno essere invertite. La Squadra che organizzerà la gara in casa, dovrà comunicare per tempo alla “PBT” e alla Squadra Ospite tutte le necessarie informazioni su data, ora e luogo di svolgimento della gara.

[close]

p. 13

ARTICOLO 10 I risultati delle gare dovranno essere comunicati entro 24 ore dallo svolgimento, alla “PBT” tramite invio dell’apposito modulo sottoscritto dai rappresentanti delle due Squadre. Comunque in qualunque caso, farà fede il Sistema Informatico della Federazione Pugilistica Italiana. ARTICOLO 11 La “PBT” stilerà la classifica ufficiale, con il seguente metodo: FASI PRELIMINARI (gironi): confronto tra due squadre : Vittoria 3 Punti in classifica confronto tra due squadre : Parità 1 Punto in classifica confronto tra due squadre : Sconfitta 0 Punti in classifica In caso di pari posizione di classifica al termine delle giornate di Gara di Andata e Ritorno, si applicheranno i seguenti criteri per il passaggio alla fase successiva. Primo criterio: Valutazione scontri diretti. Secondo criterio: Maggior numero di vittorie conseguite. In caso di ulteriore parità si procederà all’individuazione dell’atleta più giovane che abbia gareggiato e la rispettiva Squadra accederà di diritto alla fase successiva. ARTICOLO 12 In caso di mancata disputa, per causa di forza maggiore, di uno o più incontri dei sei previsti, la gara sarà comunque valida e la vittoria sarà assegnata al Pugile presente sul campo di gara ed in regola con il peso. In caso di mancata presentazione, per causa di forza maggiore, di una delle due Squadre o per mancata organizzazione della gara da parte della Squadra che gioca in casa, la vittoria sarà assegnata a tavolino, alla Squadra ed ai pugili, a cui non è imputabile il mancato svolgimento della gara (il risultato sarà di 6-0). ARTICOLO 13 Al termine delle giornate di andata e ritorno, le prime due squadre classificate di ogni girone, accederanno alla semifinale, con la formula ad eliminazione diretta. Il primo classificato di un girone affronterà il secondo classificato dell’altro girone. L’organizzazione delle semifinali e finali sarà a totale carico della “PBT”. Le squadre vincitrici delle semifinali accederanno alle finali per il 1° e 2° posto mentre le squadre perdenti si affronteranno per l’assegnazione del 3° e 4° posto. Le semifinali e le finali saranno ad eliminazione diretta e sarà sorteggiata una categoria supplementare (compresa fra le 6 categorie) come incontro di spareggio che sarà effettuato solo in caso di parità (3-3). ARTICOLO 14 L’iscrizione al Torneo sarà ammessa, fino al raggiungimento della quota massima di 04 squadre per ogni girone geografico. L’ordine di iscrizione al torneo, sarà dato dalla data di versamento della quota di iscrizione. La “PBT” potrà ridurre la partecipazione delle squadre per ogni girone in caso di mancato raggiungimento del quorum. In caso che le Squadre iscritte saranno inferiori a 06, si procederà con un Girone unico e, le prime quattro Squadre accederanno alle Semifinali con la formula la prima contro la quarta e la seconda contro la terza. L’iscrizione al Torneo potrà comportare il versamento della quota di iscrizione stabilita dalla “PBT”. La quota di iscrizione non potrà essere rimborsata in caso di ritiro volontario,in qualsiasi momento della squadra già iscritta. ARTICOLO 15 Saranno previsti premi di partecipazione per le prime quattro squadre classificate avranno diritto ai premi, solamente le squadre che disputeranno le finali con 06 (sei) atleti e che non daranno forfait. Sono previsti i seguenti Punteggi Federali per le Fasi Preliminari: Alle Atlete che partecipano IWBL viene assegnando il seguente Punteggio : Vittoria 10 punti; Pari 6 punti; Sconfitta 4 punti. Sono previsti i seguenti Punteggi Federali per le Semifinali e Finali: Vittoria 12 punti; Sconfitta 6 punti. Sono previsti i seguenti Punteggi Federali a favore delle Società Organizzatrici delle manifestazioni per ogni singolo evento: 200 punti. ARTICOLO 16 Per tutta la durata del Torneo, comprese semifinali e finali , le squadre partecipanti, non potranno pretendere alcun rimborso spese sia dalla “PBT” ne dalle altre squadre partecipanti, con la formula che ognuno provvede alle proprie spese. Le spese di organizzazione delle gare, saranno a carico delle squadre ospitanti. A partire dalle semifinali le sole spese organizzative saranno a carico della “PBT”. ARTICOLO 18 Tutte le comunicazioni saranno fatte per via telematica e su e-mail assegnata ad ogni squadra dall’organizzazione e tramite il sito internet www.iwbl.it.

[close]

p. 14

91° ITALIAN ELITE BOXING CHAMPS GALLIATE 201 I NOMI DEI 10 ALFIERI kg 49 Andrea Guagnano (classe ’91) Elite IIª Serie (Gymnasia One, Bisceglie): 41 match (10v-5p-26s); kg 52 Luigi De Filippo (classe ’93) Elite IIª Serie (Pug. E. Iovannelli, San Paolo di Civitate): 17 match (8v-4p-5s); kg 56 Antonino Sponziello (classe ’88) Elite Iª Serie (Pug. Rodio, Brindisi).: 57 match (23v-9p-25p); kg 60 il due volte Guanto D’Oro (2011-2012) Michele Valentino De Filippo (classe ’91) Elite Iª Serie (Pug. E. Iovannelli, San Paolo di Civitate): 44 match (34v-4p-6s); kg 64 Matteo Marchetti (classe ’92) Elite Iª Serie (Acc. Pug. Panettieri, Matera): 44 match (21v-14p-9s); kg 69 Benito Ruggiero (classe ’93) Elite Iª Serie (Acc. Pug. Andriese, Andria): 77 match (46v-7p-24s); kg 75 Saverio Gena (classe ’91) Elite Iª Serie (Acc. Pug. Portoghese, Bari): 39 match (25v-2p-12s); kg 81 Francesco Castellano (classe ’86) Elite Iª Serie (QueroChiloiro, Taranto): 9 match (7v-1p-1s-1nc); kg 91 Giuseppe Claudio Squeo (classe ’91) Elite Iª Serie (Quero-Chiloiro, Taranto): 49 match (21v-10p-18s-1nc); kg 91+ Angelo Di Bari (classe ’79) Elite Iª Serie (Team Boxe, Bari): 49 match (20v-5p-24s-1nc) 14

[close]

p. 15

PB BOXE 13: IL CAMMINO DEI 10 ALFIERI APPULO-LUCANI A Galliate (No) dal 10 al 15 dicembre scorsi, si è svolta la Fase nazionale dei Campionati Italiani Elite Iª e IIª Serie 2013. Presenti sul ring, anche i dieci pugili rappresentanti del Comitato Regionale FPI Puglia-Basilicata. Nella giornata inaugurale, ad essere impegnato per primo è stato (nella categoria dei kg 69) Benito Ruggiero (Pug. Andriese, Andria), battuto ai punti (3-0) Federico Bellancini (Emilia Romagna). Nei kg 75 Saverio Gena Elite Iª Serie (Acc. Pug. Portoghese, Bari) supera il toscano Enea Castelli (3-0). Affermazione anche nei kg 81 con Francesco Castellano Elite Iª Serie (Quero-Chiloiro, Taranto) protagonista nella vittoria (2-1) contro il ligure Mattia Danzo. Nella seconda giornata di gare, si parte con la vittoria (3-0) nei kg 56 con Antonino Sponziello Elite Iª Serie (Pug. Rodio, Brindisi) di scena contro il marchigiano Gianmarco Campanari. Buona la prova anche nei kg 60, per Michele Valentino De Filippo Elite Iª Serie (Pug. E. Iovannelli, San Paolo di Civitate), impreziosita dal risultato di 3-0 contro il piemontese Fabio Reitano. Sconfitta invece nei kg 64, subita da Matteo Marchetti Elite Iª Serie (Acc. Pug. Panettieri, Matera) al termine del match contro il laziale Sebastian Mendizabal Y Rosa (3-0). Infine, nei kg 91+ Angelo Di Bari Elite Iª Serie (Team Boxe, Bari), ha dovuto prematuramente concludere la disputa contro il calabrese GIuseppe Mancuso, alla seconda ripresa (KoT). Nella quarta giornata, nella categoria dei kg 49 Andrea Guagnano Elite IIª Serie (Gymnasia One, Bisceglie), non è riuscito a superare il toscano Francesco Barotti (3-0). Nei kg 52 Luigi De Filippo (classe ’93) Elite IIª Serie (Pug. E. Iovannelli, San Paolo di Civitate) batte il ligure Andrea De Monti per 3-0. Nella categoria dei kg 56 Alessio Di Savino (CS Esercito) ha interrotto le ambizioni di Tony Sponziello Elite Iª Serie (Pug. Rodio, Brindisi) con il finale di 3-0. Infine, nei 60 kg Michele Valentino De Filippo Elite Iª Serie (Pug. E. Iovannelli, San Paolo di Civitate) ha battuto (3-0) Alex D’Amato (Emilia Romagna). Nella giornata riservata alle Semifinali, nessuno dei tre pugili in gara, è riuscito ad approdare all’atto conclusivo della kermesse. Nei 52 kg, il lombardo Iuliano Gallo ha battuto (2-1) Luigi De Filippo Elite IIª Serie (Pug. E. Iovannelli, San Paolo di Civitate). Anche per il fratello non è andata bene: nei 60 kg Michele De Filippo Elite Iª Serie (Pug. E. Iovannelli, San Paolo di Civitate), difatti è stato superato (2-1) da Donato Cosenza (Fiamme Oro). Infine, sconfitta anche nei kg 75: Saverio Gena Elite Iª Serie (Acc. Pug. Portoghese, Bari), è stato battuto dal siciliano Giuseppe Ranno (3-0). 15

[close]

Comments

no comments yet