I Curt da Vavar 2012

 

Embed or link this publication

Description

i cortili storici di Vaprio 2012

Popular Pages


p. 1

I Curt Da Vavar

[close]

p. 2

Quatar pas avonti par turnà indree. Quattro passi avanti per tornare indietro. Ci sono paesi che custodiscono gelosamente i loro tesori. Vaprio è uno di quelli. Riscopriamo assieme i nostri tesori che sono i vecchi cortili Seguite il percorso, e tuffatevi nel passato. Cumei Biciuletu Ciacata Masc-cet Pac Sioli Curt della Villa Sioli Guidoboni, via Sant’ Antonio Curt dei Masc-cet, piazza Cavour Curt di Pac, via Magenta Curt della Ciacata, via Solferino Curt del Biciuletu, via XX Settembre Curt di Cumei, via Matteotti

[close]

p. 3

Curt de la Villa Sioli Guidoboni 1946 Battesimo di Luigi Maria Colombo (prem bagai dal dutur), la signora piegata è Zdenka Raslic (la dona dal dutur). A sinistra il dottor Colombo Enrico a destra i nonni: nonno Enrico. Villa Sioli Guidoboni antica dimora patrizia risalente alla prima metà del XVII secolo. Fu ritratta da Bernardo Bellotto vedutista veneziano nel 1774 in un quadro commissionato all'artista dal conte Simonetta, che vi volle raffigurato l'ameno sito lungo il fiume Adda e che oggi é conservato al Metropolitan Museum of Art di New York. Fondazioni in pendenza con sfalsamento dei piani di fabbrica, la villa presenta elementi decorativi di pregio, riquadrature, aperture in pietra, lunette, timpani. La costruzione a pianta quadra con cortile centrale, risalente ad epoca barocca arricchisce l'architettura della parte più antica del paese. Il suo splendido giardino a tre balze degrada verso il Naviglio Martesana, antica via d'acqua che collegava la provincia alla città di Milano e alla cui realizzazione contribuì anche il genio di Leonardo da Vinci. Da sempre suddivisa ed abitata in molte sue parti fu dal 1946 al 1995 residenza del Dott. Enrico Colombo, storico medico del paese negli anni in cui esisteva ancora il " medico condotto" che poteva oltre a curare i malati anche far nascere i bambini, togliere i denti, constatare i decessi, dare i punti e fare lo psicologo. Figura di spicco per cultura, raffinatezza e professionalità e per un' innata classe, si era formato oltre che sui testi universitari di medicina anche e soprattutto alla scuola della guerra, la seconda mondiale, alla quale partecipò come ufficiale medico e da cui tornò dopo una lunga parentesi di prigionia in Yugoslavia con una moglie croata ed un bagaglio di esperienze di vita e di medicina che fece di lui un meraviglioso dottore d'uomini. Profuse il suo sapere e la sua grande capacità intuitiva generosamente per oltre 50 anni e lasciò un ricordo di sè che ancora oggi sopravvive intatto. La sua casa, nel cuore della Villa Sioli Guidoboni, é ancora come lui e dopo di lui sua moglie l'hanno lasciata ai loro figli.

[close]

p. 4

Villa Sioli le la ca di sciuri dal darsettesum secul. Fu piturada da Bernardo Belotto, pitur da Venesia, nel 1774, cumisiunaà dal cunt Simonetta, cal vureva un quader cunt al fiom (Adda). I fundament in pendensa e il curtil quadrà cun dei bei decori. L ’era la ca del dutur Colombo, dutur de la mutua cal fava un poo da tot, fava nas i bagai, tirava fora i denc, cuntrulava sa ta serat mort da bun, dava i punt di ferii efaseva al pisicologo. L ’era un om da cultura e tonta esperiensa, al so laurà là imparà specialment in geura /la segunda) come ufficial dutur. Finida la guera lè vignu a Vavar cun la sua dona croata conusuda in Jugoslavia dopu la prisunia. Chè a Vavar là faà al dutur per cinquonton e incò al Dutur Colombo lè ricurdà per la sua dispunibilità e dedisiun alla gent. La sua cà incò di bagai lè amò come là lasada la sua dona dopu de lu in villa Sioli Guidoboni. Luig Evelina e la loro mamma 1953 Luigi Maria Colombo in bicicletta con le rotelle La dona del dutur Enrico Colombo con Luigi al so bagai

[close]

p. 5

Curt di Masc-cet Al nom del curtil a gal davan i gent in base a quei aveniment succedu in dal cal post lé. La curt deì Mas-cet sembra che agon da cal nom inscè perché al papà di Chignoli tuti i volt che nasiva un bagaj al veniva fora da ca e al vusava: a mo un mascet; e in scè è nasù al nom de la curt. Al mas-cet al ga vu quatar mascc e una femina (Gineta) ma onca i Prospar (che abitavan ne la stesa curt) gon avu onca lur cinc mascc e una femina (Giulia). Il nome al cortile glielo dava la gente in base a quello che succedeva in quel posto. La corte dei Mas-cet (Maschietti) sembra che abbia questo nome perché il papà Chignoli, tutte le volte che nasceva un figlio, veniva fuori e gridava: ancora un maschietto; così è nato il nome della corte. Il Mas-cet ha avuto quattro maschi e una femmina (Gineta), ma anche i Prospar (che abitavano nella stessa corte) hanno avuto anche loro cinque maschi e una femmina (Giulia) La gent dala curt In curt a stavan:. Il mas-cet che ha avuto cinque maschi Chignoli Battista Mas-cet che là spusa Cremonesi Santina I so bagai: Luigia (Ginetta mas ceta), Mario spusaà cun Mafioletti Teresa, Stefano (Nino) che laà spusa Orlandi Giovanna , Giovanni che laà spusà Lozza Marisa, Ernesto che laà spusa Marcandalli Teresa. Carminati Aberto (Bertu) spusà cun Bianca I so bagai: Anna

[close]

p. 6

Famiglia Gross Cristina e Regina al centro Manzotti Francesca (Ceca) con Manzotti Cesare cunt al bagai Sandro Cremonesi Isacco (Zach) con Pirotta Ernesta I so bagai: Emilio spusaà cun Stucchi Silvia, Giuseppe (Pepino) spusa cunt Adriana Brambilla, Teresa marela (Casa del Mandorlo), Andrea che laà spusa Giuseppina Manzotti, Ernestina cha laà spusa Gorlani Bruno e Angela che laà spusà Pozzoni Daniele (Niel) Mariani Carlo (Prospar) spusaà cun Angelina I so bagai: Mario, Cesare spusaà Agostinelli Orsolina (Lina bidela), Angelino marel, Augusto spusaà, Giulia marela, Giuseppe spusaà cun Crippa Ambrogina (la bagaia del mutilato), Ambrogio (cinin) spusaà, Luigi spusa cun Maria Pirotta Mariani Gaspare (gaspar, respunsabil Vapriese balun. Al nost camp spurtif lè dedicà a lu) spusaà cun Pirotta Alice Mariani Mario (Ferramente cicetti) spusaà cun Chignoli Rosa (bel bambin) Mario lè staà un campiun di 100 metar Brambati Gaetano (Tanu) spusaà con Cristina Riva al so bagai Cesare infarmè Riva Zaccaria (Cai) con Regina (dal Gross) Cremonesi Cesare (Musca) (la sua mama che sa ciamava Celesta) spusaà cun Vitoria Papà e mama da Franco e Bianca La famiglia Motta: Arturo con Rinalda gestivano al cantinun, e al so bagai Franco spusaà cun Stefania i Galet: Galli Arturo e Irma Pirotta I so bagai: Giuseppe e Fiorella Galli Giovanni cun Gianina Villa (bacioca) I so bagai: Walter e Rosella Galli Maria marela

[close]

p. 7

Curt di Pac La Curt dei Fumagai In coo dei Fuciletti (via Magenta) Detta anche curt dei pac, perché in dal curtil arivavan i cavai cunt i pac e la posta. I cavai cun la posta arivavan dal stalas di foi, le aghera al guà dal nivili. Tut quel che arivava, veniva purtà in via Vittorio Emanuele, atraverso una curidura che culega col curtil di Turet (curt di Carminati, a la ghe a mò). L'ufisi de la posta l'era in via Vittorio Emanuele, in coo al sa ciama via Matteotti, ed era dove adess a ghe al negosi de Anna e Renato. La corte dei Fumagalli Oggi dei Fuciletti Detta anche corte dei pacchi, perché nel cortile arrivavano i cavalli con i pacchi e la posta. I cavalli con la posta arrivavano alla stalla delle foglie, li c'era il guado del naviglio. Tutto quello che arrivava veniva trasferito in via Vittorio Emanuele, attraverso un corridoio che collega con il cortile dei Turet (oggi corte dei Carminati in piazza Cavour). L'ufficio della posta era in via Vittorio Emanuele, oggi si chiama via Matteotti, ed era dove adesso c'è il minimarket Anna e Renato.

[close]

p. 8

La curt de la Ciacata (Feroli) La Ciacata l'era la mama dela rapita, Giuseppina (Pina) ciamada inscè perché un bel de l'è sparida per quatar de, la ciarcavan da par tot: carabinie, parent e amis, ma Pina la sa truava minga. La gent dal paes la cumincià a de che l'hon rapida, invece sa truava in una ca adibida a ripustili insema al so murus, quindi la sentiva tot al trambost dal curtil ma la sa vardava beè da vegn a untra. Dopu quatar de, forse par la fom o perché la sera stufida da sta sarada dentar là, lè vegnuda fora e ha la fa cret che al so murus l'era rapida. La Ciacata era la mamma della “Rapita”, Giuseppina (Pina), chiamata così perché un bel giorno questa è sparita per 4 giorni; la cercavano da per turro: carabinieri, parenti e amici, ma la Pina non si trovava. La gente del paese ha incominciato a dire che l'avevano rapita, invece si trovava in una stanza del suo cortile , adibita a ripostiglio, insiema al suo fidanzato. E quindi sentiva il trambusto che c'era per cercarla, ma si guardava bene dal venire fuori. Dopo quattro giorn, forse per la fame o forse perché s'era stufata di stare chiusa dentro, è uscita allo scoperto e ha fatto credere che il suo moroso l'avesse rapita.

[close]

p. 9

La gente del cortile: Crippa Luigi (Gin) con Ruseta (Ciacata) Si bagai: Mariuccia, Giuseppina e Mariella Crippa Mario (Gubet) fava al paruchè e al barbè Famiglia Quadri Mario con Gineta (Risina) detti “Usciun” perché avevano la porta più grande di tutti gli altri I so bagai: Luigi con Colombo Rosa (Paia) Cremonesi Carlo con Maria Mariani (Marianela) I so bagai: Ernestina e Luigi (califfo per via del motorino) Beloni Serafino e sua sorela Emma Bagai in da la curt La famiglia dei “Sciabalet” la mamma Gina e i so bagai : Adele, Geolamo, Mariuccia e Rita Pirotta Maria (la Negra) Colombo Gaetano (Tanin) Barzaghi Palma (Palmina) Nava Cesarina con la sua mama. Al curtil al ga una curidura picinina che la va a finè in un curtil picinin (forse un tempo era un convento) che sa trova in via XX Settembre. In dal curtil sa trouava la famiglia Lisbona La famiglia Pellorini Alessandro so fradel Evangelista con Ruseta Bestetti (Sanela) Umberto e so fradel. Dopu lè rivà la famiglia Mattavelli: Carlo con Colombo Teresa Giacomo con Zanchetti Maria Oggi Pierangelo e sua surela Lucia che lè spusada ed l'è andada fora dal curtil. Tanin

[close]

p. 10

Cortile Feroli (Ciacata) Cortile di Pierangelo Barzaghi Carla (Palmina) e Maria Negra Lucia Mattavelli e sua mamma Teresa Bambini in cortile Mattavelli Giacomo e Zachetti Maria

[close]

p. 11

La curt del Biciuletu (curt di Lupi) Sacchi Amos Aniceto lè rivà inturnu al milaevot (1800) da Valera un paesin vicin a Lot, là spusa Carulina Sacchi ca la vigniva dala familia da Cec da Lena, da questa discendenza lè saltà fora al non da Omus: Sacchi Amos Aniceto è arrivato intorno al 1800 da Valera, un paesino vicino a Lodi, ha sposato Carolina Sacchi, che veniva dalla famiglia di Cec de Lena, da questa discendenza è saltato fuori il soprannome di Omus (da Amos profeta biblico) Lupi Giovanni (Giuanin prestinè) con Della Vedova Maria Papà e mama da: Antonietta, Pepino, Angela e Carla Sacchi Piero (Omus) Orlandi Rosa la sua dona (Rosa dela Cruseta) I so bagai: Teresa (suora) Angela, Elena, Ermina e Guglielmo Sacchi Gugielmo là spusà Rosa Caligola (Rosa Casaà) I so bagai: Carlo, Erminia , Luisella (suora) tempi odierni Carlo spusaà Mariuccia Casachina Erminia spusaà al Pai Carluccio

[close]

p. 12

Sala Carlo con Teresa Pirotta (Teresa Grasa) Papà e mama da: Emma Francesco Verginia Luigia Augusta Anna Perego Pietro (Pedar Guarin) con Tavecchio Antonietta (cicci) I so bagai: Gaetana (suora) Giorgio e Rino Tavecchio Anselmo (Delmo) con Stella (Stela Bugiota) I so bagai: Paola, Pepino, Ivana e Teodolinda (Dodi) Motta Battista (Tista stradin) con Brambilla Ida I so bagai: Olga, Bertina, Gino dopu inturn al 1950 i rivà Pietro Chignoli (Piero) con Alda Perego Papà e mama da: Teresa, Adele, Rita, Clotilde, Carla e Simonetta Riboni Pietro (Piero Ribun) con Cardani Ida (Ida Gepa) I so bagai: Celestina (suora) e Teresina (l'unica ca sta a mo che) Margherita dona del Tinel (Rita dal Cavalasch) mama da Felice Fumagalli Enrico (Ricu soculè) con Dina (soculè da Trascioò) I so bagai: Maria (Maria Tabachina la mama da la Rosanna), Giovanni (Giuanun soculè papà da Delfina e Giuseppina), Fumagalli Leonardo, Fumagalli Ernesta (mama da Carlo , Franco, Marisa e Enrica), Fumagalli Piero om da Piera Pustiuna (papà e mama da Enrico) Colombo Rachele (Zaneta) surela dal Zanin infarmè Adele Giuseppina e Antonella

[close]

p. 13

La Curt di Cumei Curt di Cumei In cò curt de la pustina La curt de la pustina l'era una curt con tonta gent e come tuti i curtil dal paes, con pusè piò, a trovum i cà sott e i stons da sura, quindi per andà in lecc, duevum vegn fora da cà, andà da sura fa tuta la ringhera e spess con una sosta prima da anda a durmè al cess, che da solit l'era sistemà a metà scala o appena all'inisi (questa curt lè propi inscè). La corte della postina era una corte con tanta gente e come tutti i cortili con più piani, c'erano le case (cucine) sotto e le stanze sopra, quindi per andare a letto, dovevano uscire fuori dalla cucina fare le scale tutta la ringhiera esterna. Spesso prima di andare a dormire, bisognava fare una sosta al cesso, che era sistemato a metà scala o appena all'inizio. Questo cortile è ancora così.

[close]

p. 14

In dal curtil truaum Nel cortile abitavano: La Pustina- nona Gina Brusa Pietro (Pedar) spusaà cun Gina, papà da Luigi (Gino) spusaà con Carla Crippa I so bagai: Lionella (Nella) e Giorgio A piò tera a ghera al negosi di giurnai (apunto la Pustina parchè la nona Gina la purtava in gir la posta e dopu la guera a vendiva onca i giurnai) Castellazzi Massimiliano con Gina papà e mama da Martino spusaà cun Carla maestra da musica: nel 42 al derva una cartoleria fina al 1953 che subentra la sciura Speroni Agostina, che insema ala cartoleria la derva una tipografia (Nino capela a 10 on – Buzzi Gaetano là cumincià che a laurà) Nel cinquantanof lè rivà al Giumbell a fa al sart epo al Mundell cunt i scarp Castellazzi Eugenio bai da Martino e Carla Bonfanti Vincenzo casular dopu Amalia Sangalli cun la lavanderia e dopu Rosella cunt l'intimo, Peppino Pirotta cun l'erboristeria, Tommaso cunt ai giochi per il computer e adess Paolo cunt i lavatris. Ernesta Biffi (Palosa) e Manzotti Pietro (Pedar), al so fradel Angelo (Angiulin) I so bagai: Franco Anna e Gaetana Brusa Manzotti Carla e Pinuccia

[close]

p. 15

Margutti Luigi con Rosa Colombo (Rosa Farera) Margutti Attilio (Mustasin) con Maria Gambirasio la so bagaia Giuliana I Tavecc papà e mama della cicci Fumagalli Francesco (Cech) con Galli Angela (Galet) I so bagai: Stefano e Raffaele Pozzoni Daniele (Niel) cun Gina I so bagai: Angela e Luigi Angiulin (Angelo) andava a Tress ala mutua par i riset dal dutur La Giasina I runchet: Ronchi Mario (pitur) e la sua dona I so bagai: Rina, Giuseppina e Fabiana Quadri Gianluigi (om da Ottorina) cun la sua mama Marco Narconti cun Ruseta e la sua mama Togn (Antonio) sacrista cun Nite (Anita) La nona Caterina (un po castigmat per i bagai) Manzotti Piero cun Orlandi Rosa I bagai: Renato Carla e Pinuccia Verna Gaetano (Gaetò) cun Bice I bagai: Giovanni Antonio e Carlo Paleari Maria cun Colombo I bagai: Giulio Carluccio Suor Maddalena Biffi cun Ester I bagai: Mario (Merlu) Giovanni cun la Zina Rosa e Ernesta Al bel dala curt l'era che a una cert ura i don dal curtil sa tiravano sota la porta, chi laurava chi ciciarava e num bagai giugaum al cip, a teatar, al munt a bandiera a pèrdala, a cur gio ala bala, ma al divertiment pusè bel l'era quont a fiucava: pupazzi di neve e bal da nef. In estaa come premi quont a favum i bravi, 10 fronc per cumprà al gelato dal Feroli Il bello della corte era quando ad una certa ora, le donne del cortile si trovavano sotto la porta, chi lavorava chi chiacchierava, con noi ragazzi che giocavamo a cip, a teatro a mondo. A bandiera a perderla e a correre giù, a correre dietro alla palla, ma il divertimento più bello era quando nevicava: pupazzi di neve e palle di neve. D'estate come premio quando facevamo i bravi, c'erano 10 centesimi per comprare il gelato dal Feroli.

[close]

Comments

no comments yet