Carta Bianca n.4

 

Embed or link this publication

Description

Giornalino scolastico anno 2013-14, primo numero

Popular Pages


p. 1

Numero 4 Carta bianca 17-Dicembre-2013 Si ricomincia! Ciao a tutti! Anche quest'anno l'esperienza del giornalino scolastico è ripartita e quello che avete tra le mani è il primo dei tre numeri che usciranno, gli altri due saranno a Pasqua e per la fine dell'anno. All'interno troverete articoli che tratteranno degli argomenti più vari, dal menù natalizio serbo a GTA V. Sono tutti molto interessanti, scritti da una formidabile redazione composta da un gruppo di alunni della Scuola Secondaria di 1° grado "Pietro Maraschin" di Schio, che si sono impegnati molto per riuscire a "sfornare" questo giornalino in tempo. Un grande ringraziamento va anche al professor Danzo che con grandissima pazienza ci ha coordinati e sopportati. Per finire, a nome mio e della redazione intera, vi auguro i più sentiti auguri di buon Natale e di buon anno. BUONA LETTURA! E non dimenticate di andare sul sito ragazzi.iltessitore.it per rimanere costantemente aggiornati su tutte le attività scolastiche, pomeridiane e le ultime notizie di ciò che accade nel mondo. La redazione CARTA BIANCA WEBOLDÙ’ W E B O L D Ù ’ Pag. 2 Il Natale Serbo _ Marina Pag. 8 Pag. 9 Curiosando qua e là _ Davide Pop live _ Sara CARTA BIANCA Pag. 3-4 Progetto viabilità _ Sara Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 7 Un poster per la pace Intevista doppia _ Emma & Anna “Internet dipendenza” _ Marina Barzellette _ Elia & Sofia Piercing & tatuaggi _ Mattia Le Stranolimpiadi _ Amedeo Pag. 10 GTA V _ Matteo Pag. 11 Jennifer Lawrence _ Giulia Pag. 12 Pretty little Liars _ Chiara & Alison Pag. 12 I Leggings _ Angelica Pag. 13 Le Cimorelli _ Matilde Pag. 14 Ciak, si gira!

[close]

p. 2

Il Natale serbo Marina Il Natale è un periodo molto lieto per tutti per vari motivi: i regali, le visite dei parenti e le cene in famiglia. Nei Balcani le pietanze preparate dalle madri sono molto differenti da quelle che vengono preparate in Europa Occidentale. I bambini la mattina di Natale già dalle 2.00 del mattino riescono a odorare i profumi del pane, della carne che le madri preparano per rendere questo giorno ancora più speciale, cosicché quando i bambini si alzano per vedere i regali ricevuti dai genitori vengono anche “investiti” dal profumo del pane caldo … Anche i figli insieme ai loro padri si alzano intorno alle tre del mattino per andare a tagliare un albero che insieme agli altri componenti maschi della campagna che lo stesso giorno verrà bruciato in chiesa in segno del arrivò del nuovo anno ( che nei Balcani viene festeggiato il 13 gennaio, quindi sei giorni dopo Natale) . In tavola durante questo giorno speciale non può mancare la pogaca cioè un pane decorato con fiori . . Viene preparato anche il senca cioè l’avena che viene zuccherato con lo zucchero normale o con lo zucchero di canna. Un’ altra cosa che non può mancare è sicuramente la carne di maiale cotta un paio di giorni prima dai padri e dagli “uomini di famiglia”. Come contorni a Natale di solito si fanno le patate impanate nella farina di granoturco. È sicuro che ogni Natale viene reso speciale dalle proprie famiglie in vari modi, questi cibi che ho elencato sono soli i più importanti infatti c’è ne sono molti altri… ...Un secondo per riflettere…. Lei: Esci stasera? Lui: si Lei: Ah, con chi? Lui: Con la ragazza più bella del mondo… :) DUE ORE DOPO, SUONA IL CITOFONO… Lei: Ehi, cosa ci fai qui? Lui: Eh, te lo avevo detto che uscivo con la ragazza più bella del mondo! Lei: Oh, mio Dio, che dolce *-* Lui: Già… tua sorella è pronta?? Pagina 2 C A R T A B I A N CA

[close]

p. 3

PROGETTO VIABIITA’ A novembre è partito il “Progetto Viabilità” in tutte e tre le scuole secondarie di primo grado di Schio. Le principali classi coinvolte in tale attività sono le seconde (30 alunni per scuola). Per scegliere questi rappresentanti sono state svolte votazioni in tutte le sezioni. Le mattine di novembre, anche nelle prime e nelle terze, si è chiesto a tutti la domanda: COME VIENI A SCUOLA? - A Piedi - In Auto - In Autobus - In Bicicletta Le seconde continuano la rilevazione per tutto l’anno scolastico. Il progetto vuole rendere protagonisti i ragazzi nell’osservare l’ambiente urbano ed analizzare le modalità di spostamento da casa a scuola, ricercando sia degli aspetti positivi che quelli critici. Come fare per incentivare gli spostamenti a piedi, in bicicletta, con il mezzo pubblico e del car sharing fra genitori? Si svolgerà un percorso di formazione pratica agli alunni attraverso sopralluoghi, proposte individuali e collettive per rendere i percorsi casa-scuola più sicuri e piacevoli, nozioni di base sulla sostenibilità ambientale, concetti di impronta ecologica, stima della CO2 risparmiata per giungere a cambiare i propri comportamenti in tema di mobilità. Affronteranno alcuni concetti di base quali il bene comune, i processi di cittadinanza attiva, la sostenibilità e lo sviluppo sostenibile, con approfondimenti circa i consumi energetici. Al termine del percorso gli alunni presenteranno la proposta progettuale da sottoporre all’Amministrazione. Il primo step consiste nel: Questionario sulle modalità di spostamento e di rilievo delle criticità strutturali nei percorsi casa-scuola. Planimetria di sintesi dei percorsi utilizzati dagli alunni nei percorsi casa-scuola. Si riprenderà a gennaio e potrete rimanere informati anche dalle notizie pubblicate sul sito scolastico. Emissioni di CO2e delle attività sul territorio di Schio per settore Come si vede dal grafico, frutto delle rilevazioni del 2006 e in linea con le rilevazioni europee, la fetta maggiore delle emissioni deriva dalla mobilità e dai trasporti (34%), seguito dall’industria (29%), le abitazioni (27%) . A chi piace vivere in città piene di traffico, di rumore e di smog? Pagina 3

[close]

p. 4

INTERVISTA PROGETTO VIABILITA’ Bazzon Sara Da quasi due mesi, nella nostra scuola, è in corso il progetto Viabilità che prevede la collaborazione di tutte le classi seconde grazie all’aiuto di due ragazzi scelti per effettuare sondaggi riguardo a come gli alunni arrivano a scuola. Int.: Ciao Marina. Tu sei nella classe 2^ Giallo e, tra tutti i tuoi impegni, ti occupi anche di questo nuovo progetto. Cosa ne pensi? Marina: Penso che sia un progetto molto utile perché siamo noi ragazzi la parte “viva” della città di Schio e, specialmente, ci accorgiamo di più dei progetti riguardanti la mobilità delle persone. Int.: In classe avete eseguito delle elezioni per scegliere i vostri due rappresentanti in questo progetto. Cosa hai detto per essere eletta? Quali propositi hai espresso ai tuoi compagni? Marina: Ho esposto i miei giudizi riguardo al fatto di rendere partecipi tutti i ragazzi e ho assicurato che, nel caso fossi stata eletta, mi sarei occupata principalmente e con tutta me stessa di questo utile progetto. Int.: Sei stata eletta da quasi tutti i tuoi compagni. Quando hai saputo di essere la vincitrice di queste elezioni, cosa hai pensato? Marina: Ero felicissima e orgogliosa che gran parte dei miei compagni avessero riposto fiducia nei miei confronti e, allo stesso tempo, ero un po’ triste che i miei validi “avversari” avessero perso un’enorme occasione come questa. Int.: Come in tutte le elezioni, gli altri candidati che hanno perso avranno generato un po’ di polemiche … Che genere? Come hai reagito tu? Marina: Beh, riguardo a che tipo di confusioni hanno generato nella classe, direi che M. e P. hanno sparso la voce che io comprassi voti facendo la lezione per casa agli altri alunni; cosa assolutamente FALSA. Io, però, non ero molto arrabbiata con loro perché capisco ancora adesso che per loro deve essere stata una grande delusione aver perso. Int.: Come rappresentante della tua classe, i tuoi compagni devono averti fatto delle proposte da realizzare una volta arrivata in comune. Quali sono quelle più ricorrenti? Ce n’è stata una che ti ha fatto sorridere? Marina: Le più ricorrenti sono quelle che mi chiedevano di spostare cassonetti dalla propria via di casa e di aggiungere numerosissime piste ciclabili ovunque. Quella più divertente che mi è stata riferita è quella di M. riguardo all’ordinare degli scalda-gradini per evitare di gelarsi il fondoschiena sedendosi nelle scale all’interno e all’esterno della struttura scolastica. Int.: Il tuo compagno di lavoro è Niccolò. Come ti trovi a lavorare con lui? Cosa hai pensato quando, dopo il ballottaggio è stato scelto lui? Preferivi avere a che fare con qualcun’ altro? Marina: Sono stata contenta che fosse uscito proprio Niccolò. Non avevo particolari preferenze poiché ero felice che la rappresentante femminile fossi io. Sapevo infatti che ogni ragazzo sarebbe stato in grado di soddisfare la parte maschile della classe. Sono sicura, anche, che assieme a Niccolò e al suo entusiasmo ce la faremo a realizzare completamente questo importantissimo compito. CONCORSO “UN POSTER PER LA PACE” di Mattia Dalla Ca’ Quest’anno le classi terze con il prof. Ruaro hanno partecipato a un concorso “Lions” un poster per la pace. Consiste in un concorso artistico annuale per ragazzi di 11, 12 o 13 anni di tutto il mondo, per incoraggiare i giovani ragazzi ad esprimere la loro visione della pace. Negli ultimi 25 anni, al concorso hanno partecipato oltre 4 milioni di ragazzi provenienti da quasi 100 paesi diversi. Ogni anno vengono selezionati ventiquattro finalisti internazionali, che rappresentano il lavoro di circa 400.000 giovani partecipanti in tutto il mondo. I poster vengono pubblicati globalmente tramite Internet, stampa e mostre in tutto il mondo. I poster vengono giudicati in base a criteri di originalità, merito artistico ed espressività del tema. I poster passano attraverso diversi livelli di selezione: locale, distrettuale, multi distrettuale e internazionale. A livello internazionale, la giuria, costituita da esperti di arte, pace, giovani, educazione e media, sceglierà il vincitore del primo premio e i vincitori dei 23 premi di merito. Il finalista della nostra scuola è stato Dalla Fina Andrea della classe terza bianco, approfittiamo per fargli le nostre più sentite congratulazioni. All’ingresso della scuola, se alzate la testa al cielo, si può notare “L’aureola della Pace” con tutti i disegni degli allievi di 3^ del prof. Ruaro. Pagina 4 C A R T A B I A N CA

[close]

p. 5

Intervista doppia DA QUANTO INSEGNA IN QUESTA SCUOLA? Emma & Anna MARA ROCCHETTI LORELLA TESTOLIN “Insegno in questa scuola da 12 anni”. “Si, soprattutto se si comportano bene e sono responsabili”. “Si, sono sempre stata promossa, senza debiti ma ovviamente ero più brava in matematica e scienze che in italiano”. LA MATEMATICA ERA LA SUA MATERIA PREFERITA? “Insegno in questa scuola da 3 anni”. “Si, anche se dipende dalle classi”. SI TROVA BENE CON I SUOI ALUNNI? E’ SEMPRE STATA BRAVA A SCUOLA? “Si”. “Si, lo è sempre stata”. “Si, anche se ho sempre preferito scienze alla matematica”. “Ho lavorato 5 anni in laboratorio, ma mi resi conto che non mi piaceva. Anzi amavo interagire con i ragazzi e decisi di diventare professoressa”. COME LE È NATO IL DESIDERIO DI DIVENTARE PROFESSORESSA? “Ho sempre avuto il desiderio di diventare professoressa e avendo avuto la possibilità di frequentare la facoltà di matematica, mi ha permesso di realizzarlo”. “Secondo me non ci sono preferenze, anche se c’è ovviamente più feeling con gli alunni più bravi”. CAPITA A TUTTI GLI INSEGNANTI DI FARE PREFERENZE PER I PIÙ BRAVI. COSA NE PENSA? “Può capitare di avere delle preferenze, l’importante è accorgersene e valorizzare tutti allo stesso modo”. SE I SUOI ALUNNI DOVESSERO SCEGLIERE UN ANIMALE CHE LA RISPECCHI … COSA GLI PIACEREBBE SCEGLIESSERO? “Mi piacerebbe scegliessero il cavallo, per portarvi in groppa”. Mi piacerebbe scegliessero il gatto”. SI RICORDA UNA GAFFA O ERRORE DI QUALACHE ALUNNO CHE L’HA FATTA RIDERE? “Sicuramente tante, ma la più recente è successa in terza quando chiesi loro cos’è la circonferenza e il cerchio e mi risposero: la circonferenza è il contorno del cerchio, mentre il cerchio è la parte interna della circonferenza”. ...Un secondo per riflettere... “Le gaffe che mi fanno più ridere e che mi capitano spesso sono quando gli alunni sbagliano un termine dicendo un’altra parola di tutt’altro senso”. C A R T A B I A N CA Pagina 5

[close]

p. 6

TEST: SEI DIPENDENTE DA INTERNET? Marina Questo rapido test composto da 10 domande vi aiuterà a scoprire come realmente vi ponete nei confronti di Internet. Molti lo considerano come un nuovo mezzo di comunicazione, utile per fare nuove conoscenze o passarci qualche ora , altri come un utile strumento di lavoro e/o di studio; al contrario alcuni soggetti ne diventano dipendenti, magari senza rendersene conto. -1-Sei sul punto di connetterti a Internet, cosa pensi? A. Finalmente, non vedo l'ora! B. Mi auguro di trovare quello che cerco. C. Faccio un tentativo, tanto per provare. . -2- Non riesci a connetterti, che cosa pensi? A. Tutto a posto esco e faccio altre cose B. Mi rassegno, tanto lo uso spesso C. Riprovo a connettermi, con insistenza -3- Sei registrato a qualche servizio di chat o community? A. Si, ed ho molti profili. B. No, preferisco la comunicazione orale. C. Si, ma non ci passo molto tempo. -4- Come giudichi Internet? A. Unico e insostituibile. B. Utile, ma dispersivo. C. Molto irritabile. -5- Perché utilizzi Internet? A. Gioco, chat e tempo libero. B. Lavoro, studio e interessi occasionali. C. Per informazioni e servizi utili. -6- Rinunci a impegni per collegarti? A. No, mi collego solo nel tempo libero. B. Qualche volta. C. Spesso. -7- Accade mai che qualcuno ti dica di sconnetterti? A. Spesso, ma mi chiedo che cosa vogliono? B. Qualche volta, ma poi esco subito. C. Mai, anzi avvolte mi consigliano il contrario. -8- Quanto tempo rimani connesso? A. Pochissimo. B. Non sopra le 2 h al giorno. C. Oltre le 3 h al giorno. -9- Con quale frequenza ti connetti per controllare i messaggi delle Chat? A. Quando capita. B. Più di 5/6 volte al giorno. C. 2/3 volte al giorno. -10- Ti capita mai di minimizzare il tempo che trascorri su Internet? A. Qualche volta. B. Spesso. C. No. RISULTATI: Maggioranze risposte A e C: Sei equilibrato e riconosci il tempo adeguato per navigare in Internet. Maggioranze risposte B: Non sei proprio equilibrato devi sapere anche disconnetterti per dedicarti ad altre attività. BARZELETTE “Mamma è vero che le api fanno il miele?” “Certo” “Allora come fanno a chiudere i barattoli?” In arrivo dal treno express, la 2-3-4 barzelletta! “Sai che cosa vince la persona più brutta del mondo?” “Il premio no-bel !” Un maiale va a farsi leggere la zampa : “COSA VEDI NEL MIO FUTURO?” Pagina 6 Sofia & Elia E il cartomante “SALAMI, COTECHINI E PROSCIUTTI” Il mio navigatore satellitare è di quelli che costano poco. Ieri mi ha detto: ”Se non ci sono i vigili, fai inversione a U!” PROF: ”Dettato” ALUNNO: ”Cosa ha detto prof?” PROF: ”Non lo ripeto un'altra volta” ALUNNO: ”Stupido screanzato” PROF: ”Come hai detto?” ALUNNO: ”non lo ripeto un'altra volta!” C A R T A B I A N CA

[close]

p. 7

Dalla Cà Mattia Oggi va di moda e sempre più diffuso farsi tatuaggi e piercing… Ma noi sappiamo veramente quali sono le loro origini? Il tatuaggio è stato impiegato presso moltissime culture, sia antiche che contemporanee, accompagnando l'uomo per gran parte della sua esistenza; a seconda degli ambiti in cui esso è radicato, ha potuto rappresentare sia una sorta di carta d'identità dell'individuo, che un rito di passaggio, ad esempio, all'età adulta. Tra le civiltà antiche in cui si sviluppò il tatuaggio fu l'Egitto ma anche l'antica Roma, dove venne vietato dall'imperatore Costantino, a seguito della sua conversione al Cristianesimo. È peraltro da rilevare che, prima che il Cristianesimo divenisse religione lecita e, successivamente religione di Stato, molti cristiani si tatuavano sulla pelle simboli religiosi per marcare la propria identità spirituale. Il piercing, invece, ha origini antiche o preistoriche. Lo scopo principale era quello di distinguere i ruoli assunti da ogni membro all'interno della tribù, al fine di regolare i rapporti tra i vari individui sia nel quotidiano che durante le cerimonie, rendendo immediatamente palese tutta una serie di informazioni sull'individuo e al suo rapporto con il gruppo di appartenenza. Molte sono le "storie del piercing" che circolano su Internet riguardo alle presunte origini di ogni singolo tipo di piercing, in qualche caso si tratta di origini fantasiose, dovute all'immaginazione del solo Doug Malloy, pioniere del piercing moderno. Per me una persona che si fa una tatuaggio o un piercing vuole far vedere agli altri un lato di se o dire qualcosa che gli altri di se che gli altri non notano. È un nuovo modo di comunicare attraverso il corpo in questa società sempre più basata sull’ immagine e sull’ apparenza … attenzione a non tralasciare la sostanza! Le Stranolimpiadi Cari amici voi pensate che Londra 2012 sia stata noiosa? Beh, allora cosa ne direste di vedere Le altre olimpiadi? Mezzo fondo sui trampoli: Gara di corsa sui trampoli. È una disciplina tipica dei Miao, minoranza etnica che vive in Cina. Ogni 4 anni si disputano questi sport tradizionali. Calcio in alto Lo scopo del gioco consiste nel colpire con i piedi una palla posta all’altezza di 3.05 metri di altezza dal suolo (la stessa altezza di un canestro da basket). A volte gli atleti, cadendo, si infortunano perché prendono troppa rincorsa e, superando la palla, cadono di testa. Galoppo nella steppa In Mongolia, l’11 e il 12 luglio, si festeggia il Nadaam, una tradizionale festa che risale fin dai tempi di Gengis Khan, quando la popolazione si riuniva insieme all’esercito. Quasi 1000 cavalli partecipano a questa competizione che è piena di scorrettezze ma proprio per questo è una gara emozionante. Spesso il primo cavallo arriva senza il fantino (che di solito è tra i 6-7 anni) e quindi la corsa non vale. Vince il primo che, bene o male, arriva montato a cavallo. Le olimpiadi della vergogna A Shanghai (Cina) nel 2011 si sono svolti gli “Animal game”, crudeli “sport” (per così dire) che hanno come bersaglio dei poveri animali indifesi. Il pubblico, purtroppo, trova divertente vedere degli animali soffrire. Ecco alcuni numeri cui sono sottoposti gli animali: uno scimpanzé viene costretto a esibirsi agli anelli, un leone deve rimanere in equilibrio su una palla e un canguro è obbligato a fare boxe con un pugile. Molte associazioni animaliste, come il WWF, si sono attivate per mettere un freno a questi eventi incivili. Speriamo quindi che le persone imparino a rispettare tutti gli animali evitando di sottoporli a queste cattiverie ed umiliazioni. Spero che questo piccolo viaggio tra gli sport più strani sia stato di vostro gradimento. Corsa sul cammello Edizione invernale del Nadaam. Per le corse, al posto dei cavalli, vengono usati dei cammelli. Vincono i primi 5 cammelli con il fantino. A volte, tragicamente, alcuni fantini vengono disarcionati e i loro corpi non vengono più ritrovati. Amedeo Santin C A R T A B I A N CA Pagina 7

[close]

p. 8

CURIOSANDO QUA E LA’ Perché la Gioconda si trova in Francia? Davide Lorenzi La Gioconda, opera del genio di Leonardo da Vinci, il ritratto più famoso del mondo, è conservata al Louvre di Parigi, in Francia. Il motivo per cui si trovi in Francia e non a Firenze è semplice: fu lo stesso Leonardo, nel 1517, a portarla con se quando si trasferì Oltralpe per trascorrere gli ultimi anni della sua vita, al servizio di Francesco I. Il re acquistò il dipinto. Successivamente Luigi XIV la volle a Versailles mentre Napoleone la fece mettere nella sua camera da letto. Nei restanti periodi fu sempre al Louvre, eccezion fatta per il periodo della Guerra Franco-Prussiana e delle Guerre Mondiali, e dei due anni successivi al 1911, anno nel quale fu rubata. Quante sono le costellazioni? Le costellazioni sono apparenti raggruppamenti di stelle sulla volta celeste. Quelle riconosciute dalla IAU, l'Unione Astronomica Internazionale, sono 88. Ciò che noi vediamo dalla Terra è soltanto il nostro punto di vista. Stelle che appaiono molto vicine tra loro possono essere separate da distanze molto maggiori rispetto ad altre che dal nostro punto di osservazione sembrano lontanissime. Questo perché abbiamo una visione "schiacciata" di uno spazio tridimensionale. Se osservassimo il cielo da un altro punto della nostra galassia vedremmo una disposizione stellare completamente diversa. Il fatto che l'uomo abbia "identificato", già in tempi antichissimi, le costellazioni trova spiegazione nella pareidolia, ovvero la sua tendenza istintiva e automatica a trovare forme familiari in immagini disordinate. Perché i tiratori scelti sono detti cecchini? Il termine cecchino deriva dal soprannome Cecco Beppe ed ebbe origine e si diffuse durante la Prima Guerra Mondiale. Gli italiani chiamavano in tal modo i tiratori scelti austro-ungarici perché combattevano per l'Imperatore Francesco Giuseppe I d’Asburgo, noto appunto con il soprannome di Cecco Beppe. Il termine assumeva una chiara connotazione dispregiativa, ritenendo i tiratori scelti dei vigliacchi, in quanto rinunciavano ad un combattimento corpo a corpo. Con il passare del tempo la connotazione dispregiativa è andata persa ma il termine è rimasto vivo nell'uso comune della lingua italiana. Perché si dice che le cicogne portano i bambini? La tradizione che sia la cicogna a portare i bambini, nasce in Europa ai tempi in cui le cicogne erano molto diffuse e solevano fare il nido sui tetti delle abitazioni. All'epoca, a causa di una povertà piuttosto diffusa e degli elevati costi della legna per il camino, il riscaldamento delle case era ridotto al minimo indispensabile. In primavera, periodo del ritorno delle cicogne dall'Africa, soltanto nelle case in cui era presente un neonato si accendeva ancora il camino. Le cicogne, attirate dal calore proveniente dai comignoli, sceglievano proprio i tetti di queste abitazioni per costruire il proprio nido. Per questo motivo la gente cominciò ad associare l'arrivo di un neonato con la presenza delle cicogne, ma in realtà erano i neonati a portare le cicogne e non viceversa. ...Un secondo per riflettere... NON VEDERTI COME UNA BRUTTA PERSONA... MA COME UNA BELLISSIMA SCIMMIA!! C A R TA B I A NC A Pagina 8

[close]

p. 9

POP LIVE! Per un inverno degno di questo nome ci vuole necessariamente freddo, buio e noia. Perché, allora, non svagarci ascoltando un po’ di buona musica?! Ecco a voi la nuova e fantastica proposta per fare in modo che vinca sempre la musica sulla noia! AVRIL LAVIGNE ALBUM – AVRIL LAVIGNE Avril Lavigne è il nuovo album dell’omonima cantautrice canadese. Dopo la posticipazione dell’uscita, prefissata per il 24 Settembre 2013 (spostata a causa del matrimonio che ha coinvolto la cantante e il leader dei Nickelback, Chad Kroeger), è stato infine pubblicato il 5 Novembre 2013. Su i-Tunes, però, tutte le canzoni sono state rese disponibili per tutti i fan di Avril Lavigne sin dalla data iniziale d’uscita. Alcune canzoni (come Rock N Roll, Let Me Go ed Here’s To Never Growing Up) sono state create in collaborazione con il neo marito della cantante. Sono ben tredici canzoni fantastiche, consigliabili a tutti perché parlano di realtà alle quali anche noi ragazzi a volte non pensiamo. Wake Me Up è un singolo del DJ svedese Avicii, preso dal suo album chiamato True. Sara Bazzon Il brano ha ottenuto un enorme successo a livello i n te rn a zi on a le , diventando il secondo singolo più ascoltato. La canzone è stata composta da Avicii, Aloe Blacc e Mike Einziger. La parte cantata è opera della voce di Aloe Blacc. Ha ottenuto anche il primo posto di ascolti in ben 19 paesi del mondo. Un successo a dir poco estremo. Sono anche tenuta a consigliare le traduzioni delle canzoni alle persone non proprio espertissime e dotate nell’inglese. Riguardo all’uscita del nuovissimo omonimo album, la cantautrice canadese ha dichiarato: «Scrivo da sola le mie canzoni, quindi mi serve più tempo prima di andare in studio e registrare i brani. È la mia vita la mia fonte d’ispirazione». Sebbene Avril si presenti con un temperamento più rock, è ormai scontato che dovrà “battersi” contro le altre pop star (come Lady Gaga, Katy Perry e Briteny Spears) per la corona di reginetta di vendite, nonostante il suo nuovo capolavoro sia già al secondo posto anche in Giappone. WAKE ME UP – AVICII Kitty 2014_25 gatti per 12 mesi Il calendario Kitty 2014 nasce all'interno di un progetto rivolto a giovani con disabilità. Esso continua una storia iniziata quasi tre anni fa. quando si è voluto festeggiare il 10° anniversario del Servizio Disabilità del Distretto Socio Sanitario di Schio attraverso "Hyppo". Un progetto sviluppato intorno a 25 disegni di cavalli, realizzati da persone che usufruiscono dei diversi interventi offerti. Successivamente, artisti del territorio sono siali chiamati a reinlerpretare i disegni in loro creazioni. Il calendario, prodotto grazie alla collaborazione con Joseph Rossi, e la mostra dei lavori hanno sorpreso la cittadinanza per la loro energia, allegria e vitalità. Mostra a Schio, Spazio Shed, Lanificio Conte_via Pasubio, 21 dicembre ore 19.00 22 / 28 / 29 dicembre e 4 / 5 / 6 / 11 / 12 gennaio 2014. Un grane abbraccio a Luca Dalla Pozza di terza rosso che ha partecipato. Chi vuole il calendario può richiederlo alla prof. Teresa Bravo

[close]

p. 10

GTA V Grand Theft Auto V, abbreviato ufficialmente in GTA V, è un videogioco actionadventure open world sviluppato da Rockstar North e pubblicato da Rockstar Games. È il settimo capitolo della serie Grand Theft Auto e complessivamente (includendo gli spin-off) il dodicesimo. È stato pubblicato il 17 settembre 2013 per PlayStation 3 e Xbox 360. Per quanto riguarda PlayStation 4 e Xbox One, non ci sono piani per lavorare ad un' ulteriore sviluppo del gioco poiché il titolo è stato interamente concepito per la settima generazione di console come affermato da Dan Houser. Il gioco è ambientato nello stato fittizio di San Andreas (controparte della California e del Nevada), più precisamente nella città di Los Santos (ispirata a Los Angeles) e dintorni. A differenza dei capipersonaggio ogni volta che si desidera usando un apposito menù. Quando si cambia personaggio, la visuale si sposta in alto in stile Google Earth, zoomando poi verso la locazione del personaggio scelto. Quando un protagonista non è sotto il controllo del giocatore, si occuperà automaticamente di alcuni suoi impegni giornalieri e si scoprirà in cosa si stava cimentando solo nel momento in cui il giocatore ne riprende il controllo. Ogni personaggio avrà i propri soldi, rifugi, armi, automobili (che ritroverà sempre al rifugio, anche se il giocatore le lascia in giro per la città), beni materiali, minigiochi e missioni, ma è possibile che i protagonisti s’ incontrino in alcune di queste. Durante le missioni in cui sono presenti almeno due dei tre personaggi, il giocatore può cambiare personaggio attraverso un menu radiale, e la transizione avviene in maniera immediata. In questo modo si può gestire la missione da diverse prospettive, per esempio si possono eliminare nemici all'esterno dell'edificio Matteo Bjeliarevic utilizzando il personaggio che si trova all'esterno, per poi ritornare all'interno utilizzando il secondo personaggio. Un'altra novità è quella legata agli eventi casuali che sono simili a quelli di Red Dead Redemption, altro titolo di Rockstar Games. Girando per la map- toli precedenti, GTA V non ha un singolo protagonista ma ben tre: Franklin, Michael e Trevor. Questo capitolo contiene numerose novità, una di queste è la presenza di tre personaggi giocabili, anziché uno. È possibile cambiare ...Un secondo per riflettere... pa potremmo imbatterci in diversi eventi del tutto casuali con cui potremo decidere se interagire o no; ad esempio, può capitare di trovare in mezzo al deserto un veicolo abbandonato che presenta a bordo dei cadaveri, assistere allo scippo di una vecchietta, trovare qualcuno che chiede un passaggio in auto e molto altro. Durante il tempo libero è possibile fare diverse attività secondarie come la corsa in Jet Ski, il triathlon, corse in bicicletta, battute di caccia nei boschi e il paracadutismo ma sono presenti anche minigiochi come golf e il tennis. IL MIGLIOR MOMENTO PER DORMIRE?? 10% QUANDO SEI STANCO 90% QUANDO TI SVEGLI Pagina 10 C A R T A B I A N CA

[close]

p. 11

JENNIFER LAWRENCE: UN’ATTRICE DA OSCAR BIOGRAFIA Giulia Dalla Vecchia Jennifer è nata il 15 agosto 1990 e cresciuta a Lousiville, figlia di Karen e Gary Lawrence, ha due fratelli: Ben e Blaine. Fin da piccola recitava nel teatro locale e, all’ età di 14 anni, decise di intraprendere la carriera di attrice convincendo i suoi a portarla a New York per trovare un agente. Prima di trovare lo straordinario successo a Hollywood, Jennifer si diplomò con 2 anni di anticipo per iniziare a fare l’ attrice. IL SUCCESSO E I SUOI PROGETTI Ha iniziato la sua carriera nella serie televisiva “ The Big Engvall Show”, successivamente ha partecipato nelle serie televisive “Cold Case” e “Detective Monk”. Nel 2007 fece un provino per il ruolo di Bella Swan in “Twilight” poi affidato a Kristen Stewart. Nel 2008 è apparsa nel film “Garden Party” e nello stesso anno ha anche recitato nel film “The Burning Plain” con Charlize Theron. Sempre nel 2008 ha recitato nel film “The Poker House” e ne è valsa la pena: per tale ruolo, infatti, è anche stata premiata ai Los Angeles Film Festival. Nel 2011 è co-protagonista nel film “Like Crazy” e, sempre nel 2011, Jennifer ha ricevuto l’ offerta di recitare il ruolo di Katniss Everdeen nel famosissimo film “Hunger Games” tratto dal romanzo di Susanne Collins. Il film è uscito il 23 Marzo 2012 con un grandissimo incasso: e’ stato proprio questo film a far conoscere Jennifer in tutto il mondo e farla amare al pubblico che vede in lei un’eroina contemporanea oltre ad essere conosciuta come un’attrice semplice e socievole nella quale le ragazze riescono a riconoscersi. Nel 2011 ha interpretato il ruolo di Mystica nel film “X-Men L’inizio” prequel della famosa serie “X-Men”. La Lawrence ha anche recitato nel film “Hates-House at the end of the street” rilasciato nel settembre 2012. Sempre nello stesso anno è stata protagonista del film “Il lato positivo”. Ancora nel 2012 ha recitato nel thriller “Serena” e ha iniziato a lavorare per “La ragazza di fuoco”, secondo romanzo della trilogia di “Hunger Games”. Nel 2014 riprenderà il ruolo di Mystia in X-Men Giorni di un futuro passato. Il 15 febbraio 2013 è stato annunciato il suo ruolo di protagonista nel film “American Hustle”- Jennifer riprenderà inoltre il suo ruolo di Katniss Everdeen nell’ ultimo film della trilogia diviso in due parti: la prima uscirà il 21 novembre 2014, mentre per la seconda bisognerà aspettare il 20 novembre 2015. Nel settembre 2013, la Lawrence è stata scelta per recitare nel film “La valle dell’ Eden”. FINO ALL’ OSCAR Nel 2013 Jennifer ha vinto il premio Oscar come miglior attrice con il film “il lato positivo”. Sito ufficiale : www.jenniferslawrence.com C A R T A B I A N CA Pagina 11

[close]

p. 12

Fraccaro Alison & Molinari Chiara Pretty Little Liars è una serie televisiva statunitense di genere a metà tra teen drama e giallo. È basata sull'omonima serie di libri scritta da Sara Shepard pubblicata in Italia con il titolo di Giovani, carine e bugiarde. Parla di quattro amiche che indagano sulla morte dell’amica che le legava (la leader del gruppo). Un anno dopo la sua scomparsa iniziano a ricevere messaggi ricattatori da un numero anonimo che si firma “A” e che stranamente conosce tutti i loro segreti, compresi alcuni che solo Alison conosceva. Sospettando che Alison sia ancora viva, le quattro ragazze iniziano a pensare che “A” sia lei e che le stia prendendo in giro. Ma quando il corpo di Alison viene ritrovato, le ragazze scoprono che tutto questo non è affatto un gioco … Nel tentativo di scoprire chi sia realmente “A”, le ragazze incorreranno in una serie di pericoli, che per quanto sembrino avvicinarle alla verità, e quindi anche alla persona che ha commesso l’omicidio di Alison, in realtà fanno solo parte di un piano architettato da “A” per vendicarsi di loro. È una serie molto avvincente, piena di sorprese e suspance. Le ragazze sono: Aria Montgomery interpretata da Lucy Hale, Spencer Hastings interpretata da Troian Bellisario, la ragazza scomparsa che tutti credono morta Alison Di Laurentis interpretata da Sasha Pieterse, Hanna Marin interpretata da Ashley Benson, Emily Fields interpretata da Shay Mitchell. I LEGGINGS Via di mezzo tra pantalone super aderente e collant, i leggings calzano sempre e sono iper comodi: un vero e proprio jolly da indossare in tutte le situazioni informali, dalla scuola al tempo libero. Per giovani, giovanissime, ma non solo … ABBIGLIAMENTO: Creatività e freschezza in primo piano! I leggings sono il must per le ragazze giovani che desiderano u capo informale da abbinare in svariati modi diversi. Ecco qualche suggerimento per chi è studentessa. Innanzitutto abbandonate il look “quattrocchi” e puntate a essere trendy: scegliete un abbinamento pratico e femminile e definite il tipo di borsa in base alla quantità libri da portare. Se la vostra facoltà è economica o scientifica, abbinate i leggings in colore scuro a una camicia maschile. Per avere un’immagine più seriosa indossate un piccolo blazer in jeans di dimensioni minute. Se frequentate una facoltà nel campo umanistico o creativo, scegliete invece i leggings con maxi t-shirt e gilet in denim. Per un look più semplice e naturale: indossate i leggings con scarpe da ginnastica e maglietta, avendo cura di abbinare bene i colori. In alternativa, gonna o pantalone in tessuto jeans e camicia scozzese. In inverno non dimenticate il collant colorato. Per un look più elegante indossate i leggings con una gonna dritta o un vestito,entrambi lunghi fino sopra al ginocchio. COME INDOSSARLO: Se le vostre gambe sono un po’ robuste, al posto dei leggings indossate il pantalone a sigaretta. ACCESSSORI: Piuttosto che portare zaini di serie, optate per una borsa shopper in tessuti tecnici come il nylon; Indossate braccialetti con fili colorati portafortuna; Preferite mocassini e ballerine in colori scuri agli stivali. CON COSA INDOSSO I LEGGINGS? Sì: con un capo di volume sopra. Mai: il tutto aderente! E’ troppo scontato e misero. Pagina 12 C A R T A B I A N CA

[close]

p. 13

LE CIMORELLI Il gruppo musicale delle Cimorelli è formato da sei ragazze e tutte sorelle! In tutto in famiglia sono in 11 persone perché hanno anche tre fratelli minori, ma adesso vi dico un po' di più su queste fantastiche e soprattutto bravissime Cimorelli: innanzitutto si chiamano Christina (21 anni), Katherine (19 anni), Lisa (17 anni), Danielle (11 anni), Amy (16 anni) e infine Lauren (13 anni); vivono in California precisamente a Los Angeles. Nell'aprile del 2010 hanno firmato un contratto con la Hollywood Records, che gli ha permesso di fare alcuni album, tra cui il più famoso “Made in America”. Matilde Meneghini Le ragazze non sanno solo cantare, ma anche suonare: Christina e Lauren il piano , Amy suona la chitarra ritmica, Katherine suona il basso, e Lisa suona la batteria. Le sorelle Cimorelli hanno conquistato YouTube con le loro bellissime cover dei più grandi successi del momento. Hanno iniziato a caricare i loro video su YouTube a partire dal 2009, quando erano ancora in 5: la prima cover è stata “Party in the USA” di Miley Cyrus che ha subito conquistato numerosissimi fan! Fino ad adesso il video musicale più cliccato e visitato su internet è sicuramente “Believe It” e personalmente piace molto anche a me... In questi ultimi anni sono state nominate ai Teen Choice Awards nella categoria "Miglior star sul web", purtroppo hanno perso, ma hanno ottenuto molto successo. Fanno parte di una campagna "Don't text and drive" che sprona i ragazzi a fare attenzione quando sono alla guida. Le sorelle Cimorelli sono molto legate tra loro, passano molto tempo insieme, molto spesso a creare nuovi testi per le loro canzoni …  E alla fine fu Michele... Tempo di talent, questo. Non fai in tempo di digerire la vittoria del giovane diciottenne Michele che già inizia Masterchef Italia. L’istrionico Morgan lascerà il palco al severissimo Joe Bastianich. Sembra che gli italiani si siano buttati testa e cuore nello spettacolo, a sognare un attimo di gloria tra le lacrime degli eliminati come Violetta, che chiedeva solo “Dimmi che non passa…”. Sempre sull’orlo di una crisi economica, a rischio di eliminazione dall’Europa, per molti di noi è meglio vedere cosa passa su cielo che non osservare cosa brulica per le strade. Complimenti comunque al giovane Michele Bravi, esempio di umiltà e tenacia e stimolo per tutti noi. Pagina 13 C A R T A B I A N CA

[close]

p. 14

CIAK, SI GIRA! Ormai è inverno e fuori a giocare e chiacchierare non si può più stare …. e allora cosa fare? Perché non andare a vedere un bel film su maxischermo al cinema? Quindi preparatevi con popcorn e amiche a trascorrere interi pomeriggi davanti a quelli che diventeranno i vostri film preferiti …… Ecco cosa ci propone il cinema in questi giorni: Per ridere un po’: FROZEN IL REGNO DI GHIACCIO Ecco qui come ogni Natale il film della Walt Disney, basato sulla favola della regina delle nevi, che con a profezia intrappola il suo regno in un eterno inverno. Così Anna e Kristoff tra magia e strane creature partono alla ricerca della cattiva regina per salvare il regno. I SOGNI SEGRETI DI WALTER MITTY Walter e’ un moderno sognatore e editor fotografico che compie regolarmente dei viaggi mentali dalla sua noiosa esistenza entrando in un mondo di fantasia, relazioni amorose e trionfi contro i pericoli. Ma quando lui e la sua collega, della quale è segretamente innamorato, rischiano di perdere il lavoro Walter sarà costretto a passare veramente all’azione partendo per un vero viaggio intorno al mondo. Con Ben Stiller, Sean Penn. PIOVONO POLPETTE 2: LA RIVINCITA DEGLI AVANZI L’inventore Flint crea una macchina che trasforma l’acqua in cibo in realtà sta creando un pasticcio: gli Animacibi. Dovrà quindi combattere con esseri mai visti e famelici per salvare il mondo, con l’aiuto del suo braccio destro Chester. Per fantasticare: LO HOBBIT 2 LA DESOLAZIONE DI SMAUG Ecco la seconda parte dell’avventura dello Hobbit che precede la trilogia del “signore degli anelli” a compagnia procede verso est dopo i ragni giganti e la cattura da parte degli Elfi,i nani devono affrontare il pericoloso drago Smaug che possiede il loro tesoro. Di Peter Jackson, con Martin Freeman, Richard Armitage. HANSEL & GRETEL E LA STREGA DELLA FORESTA NERA Nel sequel del primo film omonimo i due fratelli dovranno combattere contro una strega che per mantenersi giovane e bella deve nutrirsi di giovani corpi Con Molly Quinn, Michael Welch. Per avere qualche brivido di paura: CARRIE Nuovo adattamento tratto dal libro di Stephen King: la ragazza timida e solitaria oppressa dalla madre rilascia terrore ovunque nella sua cittadina. Con Chloe Moretz, Julianne Moore. Buona visione! Giulia Dalla Vecchia C A R T A B I A N CA Pagina 14

[close]

p. 15

Dalla redazione... Ringraziamo il nostro caporedattore Giovanni, che si è impegnato al massimo perché tutto andasse per il meglio; Sara, la vice; l’impaginatrice Chiara che ha dovuto fare gli extra e chiedere aiuto ad Alison, la correttrice di bozze e a tutti i ragazzi che si sono prodigati e scervellati per trovare articoli che potessero interessare al “grande pubblico”. Ringraziamo i ragazzi della redazione, in particolare quelli di terza che pieni di compiti, alle prese con la scelta della scuola futura, col pensiero degli esami, hanno fatto di tutto per la riuscita di questo numero 4 di Carta Bianca. Ringraziamo quelli che con dispiacere hanno saltato ore di lezione per ritirare le prenotazioni e i soldi, anche dei ritardatari, le ragazze di seconda che hanno trascurato l’appassionante studio per trovare il tempo di fare le “strillone”* di classe in classe. *>> Grazie a Marina che non si risparmia mai e che ha cercato in tutto Schio la tipografia più adatta ed economica per la stampa del giornalino e per i volontari ad ingraffettare, Come avete capito, dietro a queste pagine c’è un discreto lavoro, che speriamo voi possiate apprezzare!!! Ancora Auguri di Buone Feste! e rilassatevi perché... tutto finisce… anche le vacanze (purtroppo). Saluti e al prossimo numero! Chi è interessato a inserire articoli nei prossimi numeri e ad aiutarci con il sito e i giornalini, siete i benvenuti! Ci troviamo un giovedì ogni 15 giorni dalle 14.00 alle 15.00. http://ragazzi.iltessitore.it Le immagini di questo numero sono state prese dal Web e perciò sono di proprietà di chi le ha pubblicate. Pagina 15 C A R T A B I A N CA

[close]

Comments

no comments yet