MAGNIFICAT n°08

 

Embed or link this publication

Description

Parrocchia Cuore Immacolato di Maria - Cerretti

Popular Pages


p. 1

n° 08 del 16 giugno 2013 Notiziario della Parrocchia CUORE IMMACOLATO di MARIA - Loc. Cerretti di S. Maria a Monte (PI) - 0587.473021 - 333.1926936 - www.parrocchiacerretti.com www.parrocchiacerretti.com DOMENICA 23 GIUGNO festeggeremo P. Ennio Castellano, ICMS nel 25° della sua Ordinazione Sacerdotale. S. Messa ore 11:00 N ato a Bisaccia (AV) il 9 novembre 1960, da Antonio Castellano e Assunta Solimine, P. Ennio è l’ultimo di 4 figli. All’età di 7 anni si traferisce con la famiglia nella città di Torino. L’8 ottobre 1973 entra nel Seminario di San Tommaso D’Aquino nella “Piccola Casa della Divina Provvidenza” detta “Cottolengo” in Torino. L’8 Ottobre 1976 muore la mamma Assunta e nell’aprile del 1980 il papà Antonio. Nel settembre del 1981 sentendo la chiamata alla Vita Religiosa, si traferisce a Roma per gli studi filosofici e teologici presso l’Università Pontificia “San Tommaso D’Aquino”. Viene Ordinato Diacono il 19 settembre 1987 e il 18 giugno 1988 ordinato sacerdote nel Santuario di N. Signora di Fatima in Roma (S. Vittorino) per le mani di Sua Ecc.za Mons. Lino Garavaglia, Vescovo di Tivoli. Dopo l’Ordinazione Sacerdotale P. Ennio è stato inviato in varie località: P. Ennio il giorno santuario “Madonna delle Grazie” in Carignano (TO); della Prima Comunione Parrocchia dei SS. Filippo e Giacopo in Jano di I genitori di P. Ennio il giorno Montaione e Montignoso (FI); Parrocchia di S. Giovanni Battista in Cassino delle Nozze (FR); Santuario N. S. di Fatima in San Vittorino Romano (RM); Parrocchia Sacra Famiglia in Roma; Parrocchia di St. David’s in Maple Toronto (CANADA); Parrocchia Cuore P. Ennio con i fratelli Immacolato di Maria in Cerretti - Santa Maria a Monte(PI). Oltre ad essere sacerdote è religioso dell’Istituto dei “Servi del Cuore Immacolato di Maria” (www.icmf.it). E’ l’uomo più amato e più incompreso; il più cercato e il più rifiutato. E’ la persona più criticata, perchè deve confermare con il suo esempio l’autenticità del messaggio. E’ il fratello universale, il cui mandato è solo quello di servire, senza nulla Prima S. Messa (19/06/1988) pretendere. Se è santo, lo ignoriamo; se è mediocre, lo dispreziamo. Se è generoso, lo sfruttiamo; se è “interessato”, lo critichiamo. Se siamo nel bisogno, lo assilliamo; se vengono meno le necessità, lo dimentichiamo. E solo quando ci sarà sottratto comprenderemo quando ci fosse indispensabile e caro. con Beato Giovanni Paolo II Il momento centrale della Consacrazone Sacerdotale: l’imposizione delle mani sul capo del candidato con l’invocazione dello Spirito Santo

[close]

p. 2

Parrocchia “Cuore Immacolato di Maria” Chiesa di Santa Cristina a “Le Pianore” Chi è il sacerdote? E' colui che ha ricevuto il Sacramento dell'Ordine, dalle mani di un Vescovo, validamente consacrato. Che cos'è il Sacramento dell'Ordine? E' uno dei sette sacramenti istituiti da Cristo, grazie al quale viene donata, a chi lo riceve, “una speciale consacrazione (Ordinazione), che, per un particolare dono dello Spirito Santo, permette di esercitare una sacra potestà a nome e con l'autorità di Cristo a servizio del Popolo di Dio” (Compendio del CCC, 323). Quali sono gli effetti del Sacramento dell'Ordine? Questo Sacramento dona una speciale effusione dello Spirito Santo, che configura l'ordinato a Cristo nella sua triplice funzione di Sacerdote, Profeta e Re, secondo i rispettivi gradi del Sacramento. L'ordinazione conferisce un carattere spirituale indelebile: perciò non può essere ripetuta né conferita per un tempo limitato. Con quale autorità viene esercitato il sacerdozio ministeriale? I sacerdoti ordinati, nell'esercizio del ministero sacro, parlano e agiscono non per autorità propria e neppure per mandato o per delega della comunità, ma in Persona di Cristo Capo e a nome della Chiesa. Pertanto il sacerdozio ministeriale si differenzia essenzialmente, e non solo per grado, dal sacerdozio comune dei fedeli, a servizio del quale Cristo l'ha istituito" (Compendio del CCC, 335-336). Perché è necessario il sacerdote? Perché così ha voluto Gesù Cristo, istituendo la Sua Chiesa. La volontà di Cristo è pertanto il motivo fondamentale e determinante. E' lo stesso Cristo che ha voluto che senza il sacerdote non ci possa essere la celebrazione di due essenziali Sacramenti: l'Eucaristia e la Penitenza. "Il carattere sacramentale che distingue i sacerdoti, in virtù dell'Ordine ricevuto, fa sì che la loro presenza e il loro ministero siano unici, necessari e insostituibili" (Giovanni Paolo II, Lettera ai sacerdoti, giovedì santo 2000). Qual è la missione del sacerdote? La sua missione è peculiare:  egli agisce nel nome e nella persona di Cristo Capo (in persona Christi capitis), per il bene delle anime. “Solo Cristo è il vero sacerdote, gli altri sono i suoi ministri” (San Tommaso D'Aquino, Commentarium in epistolam ad Hebraeos, c. 7, lect. 4);  è collaboratore del Vescovo, in una Chiesa particolare: egli riceve “dal Vescovo la responsabilità di una comunità parrocchiale o di una determinata funzione ecclesiale” (CCC 1595);  forma con gli altri presbiteri un 'unico presbiterio diocesano', in comunione e sotto l'autorità del Vescovo, a cui deve obbedienza (cfr. Concilio Vaticano II, Presbyterorum ordinis, 8) è consacrato per:  predicare il Vangelo,  celebrare il culto divino, soprattutto l'Eucaristia da cui trae forza il suo ministero,  e essere il Pastore dei fedeli" (Compendio del CCC, 328).  In virtù del sacramento dell'Ordine i sacerdoti partecipano alla dimensione universale della missione affidata da Cristo agli Apostoli. Il dono spirituale che hanno ricevuto nell'Ordinazione non li prepara ad una missione limitata e ristretta, bensì a una vastissima e universale missione di salvezza, " fino agli ultimi confini della terra " (At 1,8), pronti nel loro animo a predicare dovunque il Vangelo" (CCC, 1565). Quali caratteristiche ha la missione del sacerdote? La sua missione è:  ecclesiale perché nessuno annuncia o porta se stesso, ma dentro ed attraverso la propria umanità ogni sacerdote deve essere ben consapevole di portare un Altro, Dio stesso, al mondo. Dio è la sola ricchezza che, in definitiva, gli uomini desiderano trovare in un sacerdote;  comunionale, perché si svolge in un'unità e comunione che solo secondariamente ha anche aspetti rilevanti di visibilità sociale. Questi, d'altra parte, derivano essenzialmente da quell'intimità divina della quale il sacerdote è chiamato ad essere esperto, per poter condurre, con umiltà e fiducia, le anime a lui affidate al medesimo incontro con il Signore;  gerarchica e dottrinale: (tali aspetti) suggeriscono di ribadire l'importanza della disciplina (il termine si collega con discepolo) ecclesiastica e della formazione dottrinale, e non solo teologica, iniziale e permanente" (Benedetto Xvi, Discorso ai partecipanti alla Plenaria della Congregazione per il Clero, 16-3-09). Che cosa comporta lo speciale legame del sacerdote con Cristo? Il sacerdote è intimamente unito a Cristo a tal punto da essere e da agire "nel nome di Cristo", Sommo ed eterno Sacerdote, in forza dell'unzione dello Spirito Santo.  Questo significa e comporta:  il suo essere sacerdote non è merito suo, né viene da una elezione di una comunità o di un gruppo, ma è frutto della chiamata gratuita di Dio: "Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga" (Gv 15, 16). Tale chiamata viene riconosciuta e accolta nella libertà da parte del singolo, ed è confermata e autenticata dal Vescovo ordinante;  il sacerdote è segnato da uno speciale carattere spirituale indelebile, che lo configura a Cristo sacerdote, profeta e re. Partecipa in tal modo "dell'autorità con cui Cristo stesso fa crescere, santifica e governa il proprio corpo" (Concilio Vaticano II, Presbyterorum ordinis, 2);  il suo agire è un vero servizio. "Esso è interamente riferito a Cristo e agli uomini. Dipende interamente da Cristo e dal suo unico sacerdozio ed è stato istituito in favore degli uomini e della comunità della Chiesa. Il sacramento dell'Ordine comunica " una potestà sacra ", che è precisamente quella di Cristo. L'esercizio di tale autorità deve dunque misurarsi sul modello di Cristo, che per amore si è fatto l'ultimo e il servo di tutti" (CCC, 1551);  la missione ricevuta va dal sacerdote esercitata non a suo piacimento, ma nel nome di Cristo, di cui egli è ministro, segno, trasparenza soprattutto con la testimonianza della sua vita conforme sempre più a quella di Cristo. "Ricevi il Vangelo di Cristo, di cui ora diventi araldo. Credi ciò che leggi, insegna ciò che credi, vivi ciò che insegni” (Rito dell’Ordinazione);  “Comporta che (noi sacerdoti) non vogliamo imporre la nostra strada e la nostra volontà; che non desideriamo diventare questo o quest’altro, ma ci abbandoniamo a Lui, ovunque e in qualunque modo Egli voglia servirsi di noi” (Benedetto XVI,Omelia, giovedì santo 2009);  “ E’ Cristo stesso che agisce in coloro che Egli sceglie come suoi ministri; li sostiene perché la loro risposta si sviluppi in una dimensione di fiducia e di gratitudine che dirada ogni paura, anche quando si fa più forte l'esperienza della propria debolezza (cfr. Rm 8, 26-30), o si fa più aspro il contesto di incomprensione o addirittura di persecuzione” (Benedetto XVI, Messaggio per la Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, 20-1-09).  Lo stesso indossare il paramento liturgico, in particolare celebrando l’Eucarestia, indica visivamente che il sacerdote è e agisce “nel nome di Cristo”. In questo segno esterno, l’abito liturgico, si rende “evidente l’evento interiore e il compito che da esso ci viene: rivestire Cristo; donarsi a Lui come Egli si è donato a noi.(…) Il fatto che stiamo all’altare, vestiti con i paramenti liturgici, deve rendere chiaramente visibile ai presenti e a noi stessi che stiamo lì in persona di un Altro" (Benedetto XVI, Omelia, giovedì santo 2007). In che senso il sacerdote agisce “a nome di tutta la Chiesa”?  “Il sacerdozio ministeriale non ha solamente il compito di rappresentare Cristo – Capo della Chiesa – di fronte all'assemblea dei fedeli; esso agisce anche a nome di tutta la Chiesa allorché presenta a Dio la preghiera della Chiesa e soprattutto quando offre il sacrificio eucaristico.  « A nome di tutta la Chiesa ». Ciò non significa che i sacerdoti siano i delegati della comunità. La preghiera e l'offerta della Chiesa sono inseparabili dalla preghiera e dall'offerta di Cristo, suo Capo. È sempre il culto di Cristo nella sua Chiesa e per mezzo di essa. È tutta la Chiesa, corpo di Cristo, che prega e si offre, « per ipsum et cum ipso et in ipso » – per lui, con lui e in lui – nell'unità dello Spirito Santo, a Dio Padre. Tutto il corpo, « Caput et membra » – Capo e membra – prega e si offre; per questo coloro che, nel corpo, sono suoi ministri in senso proprio, vengono chiamati ministri non solo di Cristo, ma anche della Chiesa. Proprio perché rappresenta Cristo, il sacerdozio ministeriale può rappresentare la Chiesa” (CCC, 1552-1553). Che cosa s’aspetta la gente dal sacerdote? “Dai sacerdoti i fedeli attendono soltanto una cosa: che siano degli specialisti nel promuovere l’incontro dell’uomo con Dio. Al sacerdote non si chiede di essere esperto in economia, in edilizia o in politica. Da lui ci si attende che sia esperto nella vita spirituale. (…) Ciò che i fedeli si attendono da lui è che sia testimone dell’eterna Sapienza, contenuta nella Parola rivelata” (Benedetto XVI, Discorso al clero, Cattedrale di Varsavia, 25 maggio 2006). Per questo è quanto mai importante assicurare l’idoneità dei candidati al sacerdozio e garantire un’adeguata e integrale formazione sacerdotale a quanti stanno studiando per il sacro ministero. Chi può essere sacerdote?  Può esserlo soltanto il battezzato di sesso maschile. “La Chiesa si riconosce vincolata da questa scelta fatta dal Signore stesso. Per questo motivo, l’ordinazione delle donne non è possibile” (Giovanni Paolo II, Lett. Ap. Mulieris dignitatem, 26-27). 

[close]

p. 3

Parrocchia “Cuore Immacolato di Maria” Chiesa di Santa Cristina a “Le Pianore”    “Nessuno ha un diritto a ricevere il sacramento dell'Ordine. Infatti nessuno può attribuire a se stesso questo ufficio. Ad esso si è chiamati da Dio. Chi crede di riconoscere i segni della chiamata di Dio al ministero ordinato, deve sottomettere umilmente il proprio desiderio all'autorità della Chiesa, alla quale spetta la responsabilità e il diritto di chiamare qualcuno a ricevere gli Ordini. Come ogni grazia, questo sacramento non può essere ricevuto che come dono immeritato” (CCC, 1578). Ai sacerdoti nella Chiesa latina è richiesto il celibato (cfr. scheda: Celibato dei preti: perché esiste nella Chiesa latina?). "Pregate dunque il Signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!" (Mt 9, 38). “Nostro primo dovere è pertanto di mantenere viva, con preghiera incessante, questa invocazione dell'iniziativa divina nelle famiglie e nelle parrocchie, nei movimenti e nelle associazioni impegnati nell'apostolato, nelle comunità religiose e in tutte le articolazioni della vita diocesana” (Benedetto XVI, Messaggio per la Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, 20-1-09). Il Primicerio della Basilica dei Santi Ambrogio e Carlo in Roma Monsignor Raffaello Martinelli NB: Per approfondire l’argomento, si leggano:  Il Catechismo della Chiesa Cattolica (CCC), nn. 1562-1592;  Il Compendio del CCC, nn. 328-336. Domenica 16 Giugno 7:30 + Averardo, Cesira e Parigina 9:30 (le Pianore) + TOTI Gaspero e Teresa 11:00 + Def. INNOCENTI Samuel (trigesimo) Lunedì 17 Giugno 21:30 + Def. NOVELLI Marco - MORONI Lido Martedì 18 Giugno 19:00 + Def. GIOLLI Dino (anniversario) Mercoledì 19 Giugno 19:00 + Def. NUDO Samanta Giovedì 20 Giugno 19:00 + secondo intenzione offerente Venerdì 21 Giugno 19:00 + Def. CAROTI Bruno Sabato 22 Giugno 19:00 + Def. FRANCHI Renzo Signore, noi ti ringraziamo perché hai dato il tuo sacerdozio a un uomo e l’hai fatto nostro Pastore. Egli riconoscendo i propri limiti, ente un profondo bisogno di te. Illuminalo e fortificalo nella fede, guidalo e sorreggilo nella grazia, perché sia sempre per noi P. Ennio Parroco a Cerretti luce e forza, esempio e incoraggiamento. Chiamalo sempre più all’amore affinché sia tuo nella consacrazione sia nostro nella pastorale sollecitudine. Donagli idee chiare, concrete, attuabili, la sua azione sia duttile, tenace, discreta, la sua intenzione, retta e semplice. Fà che l’insuccesso non lo avvilisca e il successo non lo renda superbo. Egli sia il nostro fratello maggiore, padre, amico e maestro. Raduna intorno a lui la parrocchia nella generosità dell’impegno cristiano, nella collaborazione intelligente e cordiale, nella carità che ci salda in unità. Fà che in lui vediamo, stimiamo e amiamo te. E non permettere che si perda nessuna delle anime che gli hai affidato. Amen Domenica 23 Giugno Lunedì, ore 21.30: S. Messa e Adorazione Eucaristica. Martedì - Sabato, ore 18.30: S. Messa (il venerdì con Liturgia del Vespro) (ore 19.00 orario estivo) Domenica e Festivi: 7.30 - 9.30 (Le Pianore) - 11.00 Tutti i giorni (eccetto il lunedì e la domenica), ore 18.00: S. Rosario (ore 18.30 orario estivo) Primo Sabato del Mese (secondo la spirituale di Fatima), ore 17.30: S. Rosario, Adorazione Eucaristica e S. Messa (ore 18.30 orario estivo) Dal 18 giugno al 14 settembre (orario estivo), ore 18.30: S. Rosario e S. Messa 7:30 + Def. CATASTINI Darino 9:30 (le Pianore) + Def. PRIMIERI Isotta e Onelio 11:00 - S. Messa di ringraziamento per il 25mo anniversario di Ordinazione Sacerdotale del Parroco Padre Ennio Castellano I.C.M.S.

[close]

p. 4

Parrocchia “Cuore Immacolato di Maria” Chiesa di Santa Cristina a “Le Pianore” Continua anche questa settimana la bellissima esperienza per i ragazzi dell’oratorio che dal lunedì al venerdì giocano e imparano insieme alle Suore e gli animatori della Parrocchia. Speriamo che tali attività possano continuare anche durante la stagione invernale ad orari compatibili con gli impegni scolastici. Via p.le Francesca sud, 112 d/e - Castelfranco di Sotto (PI) tel. 0571.489522 - idroduesse@alice.it giovedì 20 Venerdì 21 ore 19:00 - Intrattenimento e Cena con i genitori FUSARO ANDREA Via Cerretti, 37/39 0587.473015 ALIMENTARI ore 18:30 - Santa Messa conclusiva Buon compleanno a Valentina Iacomelli che compie gli anni il 16 giugno Questo spazio è gratuitamente a disposizione di tutti i parrocchiani che nelle prossime settimane vorranno far gli auguri a parenti e amici per compleanni, anniversari, etc. oppure ricordare qualche ricorrenza particolare. CONTATTATE PADRE ENNIO E SEGNALATE L’EVENTO DA RICORDARE APERTE LE ISCRIZIONI PER IL PELLEGRINAGGIO DIOCESANO A ROMA NEL “L’ANNO DELLA FEDE” 03 e 04 settembre 2013 Rivolgersi in ufficio parrocchiale Si ringrazia per la collaborazione gratuita nell’attività di progettazione, realizzazione grafica ed impaginazione: Vuoi far del bene alla tua Parrocchia ed hai un’attività commerciale? Mettiamo a disposizione questo spazio (anche in differenti forme e misure) per la pubblicità della tua ditta o impresa, così grazie alla tua gentile offerta possiamo aiutare la Parrocchia a sostenere le spese necessarie e tu potrai far conoscere il tuo lavoro da tutti coloro che leggono il nostro giornalino... Un’ottima opportunità per sviluppare nuovi clienti e fidelizzare quelli attuali! Santa Maria a Monte - www.visividea.it - 0587.365190 Periodico a diffusione interna - Composizione e stampa in proprio Attività editoriale a carattere non commerciale ai sensi previsti dall’art. 4 DPR 16/10/1972 n. 633 e successive modifiche e-mail: parrocchiacerretti@gmail.com Redazione: Frazione Cerretti 46 - 56020 S. Maria a Monte (PI) - 0587.473021 visividea AIUTARE... TI AIUTA! Fatti vedere e fatti trovare sul nostro giornalino parrocchiale!!!

[close]

p. 5

Lunedì, ore 21.30: S. Messa e Adorazione Eucaristica. Martedì - Sabato, ore 18.30: S. Messa (il venerdì con Liturgia del Vespro) (ore 19.00 orario estivo) Domenica e Festivi: 7.30 - 9.30 (Le Pianore) - 11.00 Tutti i giorni (eccetto il lunedì e la domenica), ore 18.00: S. Rosario (ore 18.30 orario estivo) Primo Sabato del Mese (secondo la spirituale di Fatima), ore 17.30: S. Rosario, Adorazione Eucaristica e S. Messa (ore 18.30 orario estivo) Dal 18 giugno al 14 settembre (orario estivo), ore 18.30: S. Rosario e S. Messa

[close]

Comments

no comments yet