mondorealenumero76

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero76

Popular Pages


p. 1

anno iii numero 35 10 dicembre 2010 n.76 politica forte si presenta e lancia la sfida del partito democratico obiettivo primarie zingaretti sostiene giorgio de marchis faida pdl galetto bacchetta fazzone e i sudisti pontini sermoneta minniti-battisti duro scontro sul regolamento ambientale servizi sociali arrivano rimborsi per le fasce più deboli mostra itinerante per i paesi che erano sulla pedemontana editoriale di simone di giulio ci sono due modi per risolvere il problema di avere un sassolino o più sassolini dentro le scarpe il primo è quello di togliersi le scarpe sbatterle a terra ed infilarsele di nuovo il secondo è quello di continuare a camminare sopportando il fastidio e sperando che con la pressione esercitata i sassolini si frantumino e si possa camminare senza problemi sembra accadere questo ai piedi del sindaco di sezze che evidentemente è stanco di camminare sperando che i sassolini della sua maggioranza la mega coalizione che sbriciolò gli avversari tre anni e mezzo fa si frantumino ed ha optato per la prima ipotesi quella di togliersi le scarpe e soprattutto di sbatterle perché di sbattere si tratta leggendo tra le righe della missiva che annuncia le sue dimissioni ma siamo sicuri che questa azione porterà ai frutti sperati o invece la sua decisione a meno che non abbia deciso davvero di gettare la spugna ma personalmente non credo a questa ipotesi creerà ulteriore maretta all interno di una maggioranza che non si sente più tale perché se il presidente del consiglio comunale diserta i voti dell assise per due mesi presentandosi con una rabbia e una frustazione evidenti se alcuni alle regionali sostengono la polverini se altri a via costa stanno con cusani e a piazza de magistris con il centrosinistra e non mi si venga a dire che lo fanno per la piscina o per rattoppare le strade dissestate qualcosa evidentemente non va come dovrebbe e allora forse sarebbe il caso di andare da un calzolaio e decidere di acquistare un altro paio di scarpe perché probabilmente quei sassolini hanno fatto più danni di quanto a sinistra ci si sarebbe aspettato vedremo attualitÀ priverno san martino elvira picozza lancia l allarme sicurezza maenza lo sfogo di roberto ciccateri sui tagli alle iniziative culturali attualitÀ pontinia un altro nulla di fatto per la gestione del teatro fellini roccagorga la amici incontra i responsabili di poste italiane per i disagi addio campoli protocolla le dimissioni e apre la crisi politica fuoco di paglia oppure si torna alle urne cultura latina al moderno sabato arriva minchia signor tenente mostra alla casa del combattente sezze e sermoneta presentati gli eventi del periodo natalizio

[close]

p. 2

di simone di giulio campoli si dimette sioni che gli impediscono di governare nell esclusivo interesse della collettività gli esprimo la mia solidarietà decisamente più duro il consigliere e segretario comunale del popolo della libertà rinaldo ceccano che a caldo ha espresso il suo parere sulla vicenda quello che è accaduto è un chiaro segnale rispetto a quanto il sottoscritto ha segnalato nel corso di questi mesi nei quali la maggioranza e parte della minoranza hanno sempre cercato di far credere che tutto andasse per il verso giusto la decisione di campoli invece fa capire che i problemi ci sono tuttavia apprezzo l onestà politica e intellettuale del sindaco che ha preso una decisione coraggiosa anche se non credo che fra venti giorni confermerà le sue dimissioni questa situazione ha proseguito ceccano è figlia di enormi anomalie nell attività amministrativa questa coalizione dimostra la sua vera natura quella che tre anni e mezzo fa la fece nascere per combattere il nemico comune lidano zarra a questo si è ridotto il centrosinistra al governo della città ad essere sempre contro qualcuno mai in favore degli interessi reali di sezze e questa è la prova che chi ha deciso di sostenere questa maggioranza ha sbagliato ora per campoli arrivano i venti giorni più lunghi entro il 27 dicembre infatti il sindaco dovrà decidere se annullare le due dimissioni o confermarle lasciando il paese in mano ad un commissario prefettizio che sarebbe il secondo in due legislature in attesa delle elezioni sezze mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 le motivazioni che mi hanno spinto a prendere una tale decisione risiedono nella convinzione che la cifra originaria del progetto politico ha subito una involuzione che in questo momento impedisce di lavorare al meglio nell esclusivo interesse della città di sezze rivendico con orgoglio di aver lavorato in questi anni con l obiettivo di favorire la crescita e lo sviluppo della nostra comunità ottenendo storici risultati e avviando a soluzioni annose problematiche in questo momento di riflessione è mio desiderio ringraziare tutte le forze politiche i consiglieri comunali e gli assessori le associazioni i singoli cittadini che in questi anni hanno con lealtà e convinzione supportato l azione amministrativa della nostra giunta ribadisco la convinzione che il ruolo istituzionale di sindaco che ho esercitato con passione e dedizione abbia un valore se può essere utile per il bene della comunità altrimenti se tali presupposti vengono meno è necessario con umiltà e disinteresse personale rimettere il mandato e con questa missiva indirizzata al presidente del consiglio giovanni zeppieri e al segretario comunale protocollo numero 0033590 dello scorso 7 dicembre che il sindaco campoli ha rassegnato le sue dimissioni dall incarico un fulmine a ciel sereno la decisione del primo cittadino che una settimana fa aveva raccolto una sorta di plebiscito durante l assestamento di bilancio che aveva ottenuto 16 voti non contrari su 21 consiglieri un successo che evidentemente non ha risolto le grane interne alla maggioranza chiaramente turbata dalle ultime vicende che avevano creato un solco che campoli ha deciso di affrontare di petto con dimissioni che hanno lasciato esterrefatti esponenti della sua maggioranza e dell opposizione proprio dalle minoranze in consiglio comunale sono arrivate le prime impressioni a caldo sulla decisione del sindaco mentre la maggioranza si è trincerata dietro un silenzio frutto di perplessità e stupore per la decisione del primo cittadino nel centrodestra il primo a parlare è stato roberto reginaldi che ha espresso la massima solidarietà a campoli affermando credo che quella del sindaco sia stata una sofferta scelta dettata sicuramente dalle forti pres 2

[close]

p. 3

sezze di simone di giulio mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 cosa accade adesso gli scenari ipotetici alla luce delle dimissioni del sindaco fine della pazienza o lucida decisione per ottenere qualcosa di diverso e togliersi la zavorra rappresentata da alcuni e questa la domanda che si pongono tanti cittadini di sezze rimasti stupefatti dalla decisione del primo cittadino di dimettersi in uno dei momenti almeno a guardarlo da una certa prospettiva migliori dei suoi tre anni e mezzo di governo proprio nel momento in cui tutto sembrava tornato alla normalità dopo i tentennamenti di inizio mandato lodo dondi situazione politica frammentata autovelox piano regolatore che non decollava depuratore situazione spl ospedale con un bilancio senza debiti e con parte della minoranza che aveva deciso di iniziare a sostenerlo su alcune battaglie è arrivata la doccia fredda con le dimissioni protocollate martedì scorso un analisi più approfondita però rivela la seconda faccia della medaglia secondo alcuni proprio l avvicinamento di parte della minoranza lontana anni luce dalle idee fondanti dei rappresentanti del pdl setino avrebbe fatto prendere a campoli una decisione così radicale perché se da una parte il consiglio lo sostiene quasi all unanimità dall altra i problemi per il primo cittadino sono tutti interni alla sua maggioranza sopportato con fatica il sostegno alla polverini nelle scorse regionali da parte dei centristi setini e sopportato il ruolo di polidoro con cusani in provincia con campoli in comune il sindaco paga lo scotto di un ala del partito democratico visibilmente delusa da come stanno andando le cose le alzate di testa di zeppieri hanno evidentemente rotto qualcosa già estremamente fragile e la decisione del sindaco potrebbe essere stata quella di mettere in piedi un atto di forza proprio per ristabilire l ordine gerarchico all interno della sua maggioranza a questo vanno aggiunte alcune situazioni ancora irrisolte soprattutto quella della spl e dei concorsi indetti dal comune campoli potrebbe aver deciso di operare questa scelta drastica proprio per rimescolare le carte in tavola e per cercare di ricostruire laddove possibile la sua maggioranza con nuovi equilibri e con pugno fermo così potrebbero giustificarsi le dimissioni improvvise come un segnale lanciato ai suoi alleati qualcosa del tipo la situazione è questa voi da che parte state a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca e in questo caso sono molti a credere alle parole pronunciate qualche anno fa da giulio andreotti di certo la decisione ha avuto e sicuramente avrà una portata devastante nel panorama politico setino pochi invece credono che la decisione di campoli sia frutto di un ragionamento che lo ha portato a dare per conclusa la sua esperienza da sindaco per cause di forza maggiore anche se il tono della missiva protocollata sembra far percepire un addio del primo cittadino non un arrivederci tra venti giorni resta il fatto che le prossime settimane saranno determinanti o in un senso o nell altro per capire quale sia il futuro di questa amministrazione e se il fuoco sollevato sia soltanto un tentativo valido o meno non sta a noi dirlo di rimpasto di un governo che seppur supportato da numeri e cifre raramente ha visto realizzati i suoi progetti per lo sviluppo della città onirika edizioni presenta direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattrice paola bernasconi redattori domiziana tosatti luisa belardinelli sabrina de filippis marco fanella roberto tartaglia mario giorgi responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito sketch[idea stampato presso artegraf via marittima 75 priverno contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione l 8 dicembre 2010 pubblicità primo piano 3

[close]

p. 4

latina di sabrina de filippis mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 il pd riparte da enrico forte il nuovo segretario provinciale lo scorso 2 dicembre ha annunciato le linee programmatiche niente scontro tra tifoserie avverse ma confronto serio e posato su programmi e progetti enrico forte nuovo segretario provinciale del partito democratico lo scorso giovedì 2 dicembre presso la sede pd di via bonaparte ha annunciato alla stampa le linee programmatiche del pd provinciale niente scontro tra tifoserie avverse ma un confronto serio e posato sui programmi ed i progetti per la città durante la conferenza stampa il neo segretario si è espresso in merito alle primarie per il sindaco di latina le primarie sono una grande occasione per il nostro partito il dibattito deve essere solo ed esclusivamente politico il pd questa volta avanza due candidature autorevoli come quelle di claudio moscardelli e giorgio de marchis attendiamo l ufficializzazione di quelle degli alleati ma comunque già da adesso penso sia utile lavorare ad un confronto sui temi concreti se facciamo una campagna fatta di polemiche ed accuse incrociate ammonisce il segretario forte facciamo del male a noi stessi facendo allontanare gli elettori che ci stanno dando fiducia forte ha presentato anche la nuova assemblea provinciale e ha detto che si apre ufficialmente il cantiere del pd abbiamo l esigenza di costruire un partito unito e trasparente con regole chiare e condivise lo scorso sabato 4 dicembre si è tenuta la prima assemblea provinciale dell era forte con la partecipazione di oltre 250 delegati da tutta la provincia ma non ha ottenuto gli effetti sperati e da questa assemblea più che un partito unito è emerso un partito ancora frammentato a seguito degli adempimenti formali di registrazione dei delegati e dopo vari interventi si è proceduto all approvazione dell ordine del giorno dei lavori che proseguiranno domenica 12 dicembre alle 9:30 presso l hotel excelsior di latina scalo con il seguente ordine del giorno elezione presidente dell assemblea proclamazione del segretario enrico forte dibattito ed elezione del nuovo tesoriere del partito e della direzione secondo il presidente della provincia di roma sarebbe l uomo giusto per il rilancio del capoluogo di sabrina de filippis zingaretti sostiene de marchis il presidente della provincia di roma nicola zingaretti ha scelto giorgio de marchis come candidato sindaco di latina lo scorso venerdì 2 dicembre in vista delle primarie del centrosinistra al ritrovo di borgo carso il presidente ha incontrato de marchis ed i cittadini di latina tra i presenti titta giorgi domenico di resta rodolfo carelli sesa amici e maurizio calvi una cena di sottoscrizione spiega de marchis assieme a una grande personalità politica come nicola un amministratore popolare che ha ridato dignità a un ente prima poco considerato come la provincia di roma un momento importante 4 per riunire le nostre energie e le nostre idee per parlare di latina di come è oggi e di come vorremmo che cambiasse domani la campagna elettorale che abbiamo di fronte sarà lunga e impegnativa con la prima tappa delle primarie il 16 gennaio e poi con le comunali di primavera e ho bisogno di tutto il vostro entusiasmo di tutta la vostra forza di tutta la vostra voglia di cambiamento rivendico senza problemi anzi con orgoglio che noi non abbiamo dalla nostra parte i poteri forti non abbiamo a nostra disposizione enormi capitali non abbiamo correnti organizzate che ci sostengono dalla nostra parte abbiamo molto di più abbiamo le idee e la forza per cambiare la città abbiamo una visione del futuro abbiamo la volontà di restituire onore e dignità alla nostra latina sono questi i sentimenti che uniranno le persone che venerdì hanno partecipato alla cena di sottoscrizione dobbiamo essere consapevoli che il cambiamento dipende da noi e che a queste primarie possiamo scegliere un candidato che rappresenta e incarna la voglia dei latinensi di voltare pagina e tornare a guardare verso il futuro il contributo di ognuno di voi sarà decisivo è insieme unendo le nostre forze che possiamo davvero cambiare tutto per zingaretti de marchis è l uomo giusto per latina

[close]

p. 5

latina di sabrina de filippis mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 faida pdl galetto attacca fazzone il consigliere regionale contro i vertici provinciali rappresentativi solo del sud pontino se da un lato una parte della classe dirigente del capoluogo non ha fatto altro che appiattirsi sulle posizioni di fazzone i cittadini continuano a mostrare una tendenza riluttante nei confronti del pdl modello fazzone a latina occorre fare delle scelte coraggiose e dare vita a un pdl ponderato in maniera differente rispetto all asse fazzone del balzo cusani simeone che è evidentemente rappresentativo del sud pontino la lettera di critiche al leader provinciale fazzone scritta dal consigliere regionale stefano galetto e indirizzata ai vertici nazionali e regionali del partito ha sortito i primi effetti dopo l ultima riunione del direttivo del pdl alla quale galetto era assente sarebbe stato presentato e approvato un documento nel quale sarebbe espressa la volontà di sospendere o addirittura estromettere galetto dal partito di cui attualmente è parte integrante nell organismo della dirigenza provinciale il consigliere cerca di difendere la sua libertà di fronte a questo tipo di imposizioni la direzione provinciale del pdl dice stefano galetto avrebbe approvato un documento nel quale il sottoscritto verrebbe sollecitato a non esternare la proprie posizioni in proposito tengo a precisare che non risulta che lo statuto del pdl contempli il reato di opinione o quello di lesa maestà È mai possibile che un partito come il pdl abbia a livello locale una gestione incapace di tollerare il dissenso tanto da minacciare la sospensione o addirittura l espulsione di chi lo esterna se ne facciano una ragione e prendano i provvedimenti che ritengono più opportuni non intendo limitare la mia libertà di pensiero e rinunciare alle mie idee o all esternazione delle stesse a maggior ragione se il tema che ho sollevato è quello di mettere in campo un pdl credibile e vincente alle prossime amministrative continuo a credere che la città di latina necessiti di una squadra di governo che sappia amministrare senza prendere ordini da fondi nasce rinascita civile sciaudone vs nardone di sabrina de filippis di sabrina de filippis prima assemblea pubblica per il segretario di rifondazione interviene l associazione presieduta da cetrone sull anagrafe dei defunti all ipogeo accesso alle informazioni e ai servizi poniamo particolare attenzione alla centralità dei temi relativi allo sviluppo e all´occupazione per arginare il declino e rilanciare il nostro territorio proponiamo prosegue la nota una gestione diretta dei servizi fondamentali acqua nettezza urbana cimitero per rendere ai cittadini servizi adeguati e tariffe eque senza ricarico di profitti privati in regime di monopolio riteniamo un dovere collaborare con le forze dell ordine e con la magistratura al fine di porre un freno all infiltrazione dei poteri criminali e alla microcriminalità per ristabilire legalità e sicurezza a latina se vogliamo provare ad invertire la tendenza concludono i rappresentanti della nuova formazione politica del capoluogo dobbiamo iniziare un processo di rinascita civile e di recupero della nostra città perché chiunque amministri torni ad essere al servizio dei cittadini e di latina nardone non doveva dare i soldi per creare l anagrafe dei defunti all ipogeo perché è illegittima la richiesta di rinnovo di parte delle concessioni la dura critica al commissario prefettizio arriva da sergio sciaudone segretario di rifondazione comunista che prosegue È scritto tutto sul verbale del 22 ottobre 2007 dell ufficio grandi opere e infrastrutture 1°settore di staff secondo la ricostruzione di sciaudone erano presenti tutti le donne rossi taglialatela volpe e marcheselli per il comune e con damiani c erano le avvocatesse cogo specchio conti È sarebbe stato proprio le donne a far presente a damiani l esistenza di circa 20.000 contratti mai stipulati nella stessa riunione le donne fa notare che sarebbe troppo oneroso il mantenimento della parte vecchia del cimitero con il pagamento dei 15 euro l anno a sepoltura 300.000 euro per il comune di latina ma allora si chiede sciaudone perché si è accettato il piano economico dell ipogeo zaccheo è diventato il capro espiatorio di tutto e di tutti ma la verità rivela sciaudone è che questa scelta scellerata è stata condivisa da tutte le forze presenti in consiglio e che ora arrivano addirittura a fare di una sentenza del tribunale una vittoria politica personale il partito della rifondazione comunista invita i cittadini a rivolgersi al proprio ufficio legale il mercoledì dalle 16:30 alle 18:30 e il sabato dalle 10 alle 11:30 in piazza a moro 37 5 siamo cittadini impegnati nell associazionismo e nel volontariato abituati ad adoperarci per il bene comune a nessun titolo rappresentanti dell attuale classe politica intendiamo realizzare un programma politicoamministrativo e culturale per la città di latina attraverso gruppi di lavoro aperti a tutti i soci si presenta cosi rinascita civile la nuova associazione culturale presieduta da ferdinando cedrone lo scorso venerdì 3 dicembre nell aula magna del liceo scientifico g.b grassi si è tenuta la sua prima assemblea pubblica dell associazione questi gli obiettivi miriamo allo sviluppo della programmazione e alla verifica della sostenibilità dei progetti per scongiurare il rischio di sprecare denaro pubblico e di reclamizzare promesse irrealizzabili siamo per la trasparenza amministrativa con tracciabilità e pubblicità degli atti per garantire a tutti i cittadini e agli operatori economici eguale

[close]

p. 6

sermoneta di domiziana tosatti mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 e scontro sul regolamento ambientale il consigliere nicola minniti ravvisa confusione nelle scelte dell assessore mauro battisti sembrerebbe un po confuso l assessore mauro battisti in materia di energie rinnovabili legate ai problemi ambientali ne è certo il consigliere di uniti per sermoneta nicola minniti preso atto delle ultime dichiarazioni nel merito da parte dello stesso assessore della giunta a guida giovannoli in un primo momento ha osservato il più giovane dei consiglieri della massima assise caetana ha affermato di essere favorevole all installazione di impianti fotovoltaici nel nostro territorio poi ha fatto riferimento ad un regolamento comunale che praticamente blocca la possibilità di installare detti impianti o comunque ne limita fortemente la possibilità regolamento tra l altro ha sottolineato superato da organi superiori al comune in ultimo non è stato chiaro quando ha affermato che nella conferenza dei servizi svolta per un progetto di parco fotovoltaico nel nostro territorio l amministrazione avrebbe espresso perplessità sul progetto mentre il tecnico comunale avrebbe dato solo un parere favorevole di massima forse non ha chiaro l assessore battisti che in una conferenza dei servizi l amministrazione comunale non fornisce un parere tecnico ed un parere politico ma solamente il parere dell ente che ricomprende entrambi gli aspetti l assessore su un tema così delicato ha dimostrato di essere in stato confusionale rischiando di confondere i cittadini fermi restando il parere positivo e la disponibilità ad un confronto per l elaborazione di un regolamento ambientale comunale proposta da battisti e volta alla redazione di uno strumento che miri a conservare il capitale natura e a consentite la bonifica di situazioni e di aree di degrado ambientale minniti ha ribadito come il gruppo di uniti per sermoneta resti ancora in attesa dopo mesi e dopo varie mozioni in consiglio di un piano energetico comunale di cui ha specificato ancora non si sa niente se non voci di corridoio una questione quella del piano energetico comunale che sta per compiere un anno iniziata allorquando la maggioranza approvò in consiglio un regolamento per l installazione di impianti fotovoltaici in aree agricole da quell occasione la minoranza ha sollecitato un confronto concreto per un elaborazione unanime di un piano energetico globale che affronti la questione da ogni prospettiva tante le promesse pochi secondo l opposizione i fatti arrivano i rimborsi per le fasce piÙ deboli attuando le delibere regionali in materia il comune prosegue nell impegno nei servizi sociali di domiziana tosatti azioni a tutela delle fasce deboli che affiancano le famiglie dalla nascita allo studio dallo svago fino al pagamento dei canoni di affitto attuando le delibere regionali in materia il comune di sermoneta prosegue nell impegno nell ambito dei servizi sociali per quanto riguarda le famiglie sono disponibili presso gli uffici dell assessorato ai servizi sociali diretti dal responsabile umberta pepe e coordinati dall assessore alberto battisti i rimborsi per i canoni di locazione anno 2007 per gli anziani invece si sta procedendo con i rimborsi delle spese effettuate nell ambito del progetto estate d oro 2010 in merito ai soggiorni climatici ai quali hanno partecipato gli stessi anziani per le giovani coppie che hanno avuto un figlio tra l 1 ottobre ed il 31 dicembre 2008 ed hanno presentato regolare domanda è in paga6 mento il cosiddetto bonus bebè per quanto riguarda gli studenti sempre presso l assessorato ai servizi sociali sono in pagamento le borse di studio per l anno scolastico 2009/2010 inoltre per l anno 2010/2011 è aperto il bando per richiedere la fornitura semigratuita dei libri di testo e la domanda per l assegnazione delle borse di studio a sostegno della spesa delle famiglie per l istruzione agli alunni della scuola primaria e secondaria una attenzione a 360 gradi hanno dichiarato il sindaco giuseppina giovannoli e l assessore al ramo alberto battisti per rispondere al meglio alle esigenze di ogni realtà sociale a dimostrazione di un lavoro proficuo portato avanti da questa amministrazione comunale per scuole anziani e famiglie svantaggiate le istanze dovranno essere presentate a mano presso l ufficio protocollo la biblioteca comunale o il centro civico di monticchio entro e non oltre il 10 dicembre 2010 i benefici sono rivolti esclusivamente alle famiglie il cui reddito isee non superi i 10.632,93 euro la dichiarazione isee può essere richiesta ad un caf e va allegata alla domanda per il rimborso bisogna allegare anche fatture o ricevute fiscali per le spese sostenute a partire dal 15 giugno 2010.

[close]

p. 7

bassiano di domiziana tosatti mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 neppure la pioggia placa l emergenza idrica i cittadini continuano a svegliarsi con i rubinetti delle loro case a secco l allarme del vicesindaco palombo e ancora carenza idrica a bassiano dove non è la prima volta che i cittadini si svegliano e si accorgono che i rubinetti delle proprie abitazioni sono secchi ad evidenziare ancora una volta il problema è i vicesindaco bruno palombo in questi giorni tanta acqua scende da cielo ma ironia della sorte l acqua manca totalmente nelle tubazioni che servono i cittadini di bassiano È l ennesimo disservizio della società che gestisce il servizio idrico ci auguriamo ha osservato palombo che succeda anche al consiglio di amministrazione e ai responsabili del servizio di svegliarsi una mattina ed accorgersi di non potersi lavare di non poter espletare i bisogni naturali perché dal proprio rubinetto non scende una goccia d acqua di non poter preparare la colazione ai ragazzi che devono andare a scuola di non poter cambiare il pannolino ai bambini sperimentare di aprire un esercizio pubblico e non poter servire un caffè di non poter panificare o abbeverare il bestiame più volte il comune ha chiesto che la gestione venga riportata nelle proprie mani senza mai ottenere riscontro positivo gestione ha specificato il vicesindaco che ci è stata espropriata in base ad un atto secondo noi nullo poiché fondato sull applicazione di un ordinanza su un ricorso che ci ha in seguito visto vincenti altro argomento affrontato da palombo è quello dell arsenico le ultime notizie ci dicono che la comunità europea con decisione del 28 ottobre 2010 non ha rinnovato le deroghe richieste dall italia alla presenza di arsenico nell acqua destinata al consumo umano nella provincia di latina era stata chiesta la deroga per 9 comuni ed un totale di oltre 283mila cittadini interessati sul limite di arsenico che deve essere inferiore a 10 milligrammi per ogni litro se a questi cittadini si aggiungono quelli dei comuni che hanno denunciato carenze idriche allora si sfiorano i 500mila utenti non soddisfatti dal gestore nel caso di bassiano l acqua della sorgente sant angelo non ha presenze d arsenico ma al momento non è immessa nella rete di distribuzione questo comporta un aggravio di costi per la fornitura attraverso la fonte di ninfa e allora ecco qua che le tanto sbandierate competenze del gestore ci sembra che non esistano un invito quello di palombo alla mobilitazione di tutti i cittadini perché sostengano la moratoria sull affidamento del servizio al comune una mostra sui paesi della pedemontana evento itinerante con riproduzioni architettoniche grafici evocazioni mitologiche e promozione culturale di domiziana tosatti una miscellanea di riproduzione architettonica documentazioni storiche di archivio evocazione mitologica elaborazione grafica tutto finalizzato alla promozione della cultura attraverso il concetto di museo all aperto questo è la mostra che sarà inaugurata domani pomeriggio alle 17.30 presso l aula consiliare comunale intitolata i paesi della pedemontana lungo l antica linea ferroviaria velletri-terracina si tratta di una collezione itinerante di stampe patrocinata dal consiglio regionale del lazio e dalla provincia di latina che prevede 14 mostre permanenti in 14 comuni velletri rocca massima cori norma bassiano sermoneta sezze romano roccagorga maenza prossedi roccasecca priverno sonnino terracina che dal 30 ottobre sta portando alla scoperta ed alla catalogazione del territorio dei paesi della pedemontana la mostra realizzata dal prestigioso architetto sabaudiano luca falzarano consta di 170 foto storiche ad altissima risoluzione circa 70 prospetti di edifici storici rilevati e ridisegnati 14 agglomerati urbani con profilo dei monti lepini ed ausoni ridisegnati i nomi delle principali chiese e palazzi per ogni comune dati storici ed altimetrici di ogni singolo comune mondore@le lo trovi online sul sito www.onirikaedizioni.it 7

[close]

p. 8

pontinia di roberto tartaglia mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 fellini ancora un altro nulla di fatto saltata la delibera di giunta per l assegnazione della gestione teatrale a arte&teatro ad un anziano fingendosi sua nipote un altro nulla di fatto per il teatro fellini di pontinia saltata infatti la delibera di giunta prevista per l assegnazione della gestione teatrale all associazione arte&teatro di paola sangiorgi la nuova delibera avrebbe dovuto marciare sulle orme della numero 9 del 14 gennaio 2010 avente ad oggetto approvazione programma ed attivazione collaborazione con l associazione arte e teatro di pontinia l atto aveva lo scopo di riconoscere all associazione l esclusività di gestione della struttura ma ancora vige anarchia e comunque qualora la delibera fosse passata sarebbe mancata ancora la figura di un direttore artistico con esperienza nel mondo del teatro la figura di ambrogio sparagna definita come consulente artistico comincia a pesare anche a chi lo aveva proposto come sostituto di clemente pernarella i suoi contributi in termini di consulenza sono minimi ed il suo compenso generoso 20mila euro annui la presenza di un direttore capace e attivo è necessaria per la stesura di un programma di spettacoli e la pubblicizzazione dello stesso dentro e fuori la provincia la struttura teatrale non è e non deve essere una sala conferenze in affitto né a solo appannaggio delle scuole il grande edoardo disse che per fare buon teatro bisogna rendere la vita difficile all attore non è che qualcuno ha preso questo aforisma troppo sul serio e intanto novelli provoca tutti mi ricandiderò solo nel caso in cui a guidare la lista come candidato a sindaco ci sia clemente pernarella nessuno si pronuncia in proposito né alleati né avversari forse ritengono la proposta assurda ma potrebbe non esserlo si potrebbe far leva proprio sulla gestione teatrale che a moltissime persone non è andata giù nell ultimo periodo per sconfiggere tombolillo l attore e regista è una persona sempre pronta per nuove sfide come ha dimostrato ed è molto legato al territorio specie a pontinia dove oltre alla famiglia ha un lavoro inconcluso dopo la triste vicenda dell adescamento da parte di un uomo di due ragazzine dell acr che ha sconvolto le coscienze del paese e ha dato il via inevitabilmente ad un infinito totonome sull identità del sospetto i carabinieri di pontinia si sono trovati davanti ad un altro singolare caso di criminalità qualche giorno fa un uomo anziano di 79 anni mentre si recava in bici da casa a pontinia è stato l involontario protagonista di una scena da commedia monicelliana mentre era in bici sulla migliara 45 ½ vicino casal traiano un auto di colore bianco che veniva in senso inverso gli si è fermata accanto nell auto due giovani ragazze una di loro è scesa e facendo suo l effetto sorpresa ha abbracciato l uomo senza lasciargli il tempo di riflettere la ragazza ha detto di essere sua nipote e evidentemente esperta in questo tipo di truffa ha arricchito il discorso con particolari che le regalavano autorevolezza indebolendo sempre più le difese e la diffidenza dell uomo pochi secondi però e l anziano si è ritrovato solo in strada sulla sua bici a pensare chi fosse quella sua strana nipote appena sfrecciata via in auto in direzione latina e con molti altri dubbi che gli frullavano nel cervello tanto che ripresosi ha subito portato la mano sul retro dei pantaloni pensando subito al peggio lì l amara scoperta niente più portafogli niente più soldi né documenti personali nient altro da fare per il povero malcapitato che andare dai carabinieri e denunciare il tutto ovviamente le descrizioni fornite sono state approssimative ma il trucco sta proprio lì nell agire di sorpresa crearsi una finta autorevolezza che abbassi le difese dei malcapitati ed agire velocemente la polizia di stato ricorda in tal senso agli anziani non fermatevi con sconosciuti e non fatevi distrarre non aprite la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un uniforme o dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità verificate sempre con una telefonata da quale servizio sono stati mandati gli operai che bussano alla vostra porta e per quali motivi per qualunque problema e per chiarivi qualsiasi dubbio non esitate a chiamare il 113 r.t ruba il portafogli roccagorga la amici incontra poste italiane si è concluso nella mattinata di lunedì 6 dicembre l incontro voluto dalla direzione di poste italiane con il primo cittadino di roccagorga dott carla amici in seguito alla nota di protesta inviata dal sindaco stesso all ufficio postale di priverno responsabile del coordinamento degli addetti alla consegna in tutto il territorio rocchigiano dopo aver preso atto dei gravi disagi denunciati dai cittadini nella consegna della posta e precisamente mancato recapito della corrispondenza privata e soprattutto delle bollette per l erogazione dei servizi di base erano presenti all incontro il responsabile della comunicazione dott cesarini il capo area dott tortosa e il responsabile di zona dott malgeri che hanno concordato con la dott amici l elaborazione di una comunicazione da distribuire e recapitare a tutti i cittadini in cui si chiede una maggior collabo8 razione nel comunicare i nuovi indirizzi stradali alla luce del nuovo progetto della toponomastica in vigore dallo scorso anno che il comune già tempestivamente aveva provveduto ad inviare a tutti gli enti sovra comunali nonché alle società che erogano determinati servizi telecom italia poste italiane inps enel nel corso della riunione è stata ribadita la volontà da parte dell ente comunale e di poste italiane di mettere in campo tutti gli strumenti necessari per ripristinare l ordinario servizio di consegna postale su tutto il territorio interessato il sindaco ha chiesto espressamente a nome della popolazione che tali gravi disagi vengano risolti nel minor tempo possibile mettendo in evidenza che la garanzia di un servizio postale regolare necessita non solo dell esperienza e della memoria storica dei portalettere più anziani ma anche di una maggiore attenzione da parte degli enti pubblici di riferimento verso i nuovi indirizzari in vigore dal maggio 2009 già comunicati dall amministrazione.

[close]

p. 9

tanti auguri di buone feste un natale sereno e felice anno nuovo aperti anche la domenica vi aspettiamo presso il centro commerciale le fontane in località zoccolanti sezze lt

[close]

p. 10

priverno di mario giorgi mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 parco e castello senza custode È polemica elvira picozza il provvedimento mette a rischio sia i beni naturali che quelli materiali il provvedimento di interruzione del servizio di guardianìa nel parco e nel castello di san martino con l allontanamento del custode deliberato proprio un anno fa fu adottato dall amministrazione comunale si disse allora per liberare i locali vicino al cancello d ingresso perché destinati ad altro uso si parlò di turismo sociale ma a dodici mesi di distanza non si è saputo ancora nulla l estate scorsa esattamente il 6 luglio temendo che l assenza del custode potesse agevolare in qualche modo l azione di malintenzionati il gruppo consiliare del pd presentò una specifica interrogazione al sindaco di priverno umberto macci mettendo in guardia l amministrazione comunale dai rischi connessi ad una tale decisione nei giorni scorsi è accaduto quello che tutti temevano furto con scasso al castello di san martino i soliti ignoti indisturbati si sono introdotti nel parco e dopo aver scassinato una delle porte esterne del castello sono entrati nei locali del museo per la matematica dal quale hanno sottratto alcuni computers la vicenda al di là del puro fatto di cronaca che peraltro si inserisce in un contesto di furti in civili abitazioni messi a segno nel centro collinare lepino negli ultimi tempi riveste un evidente valore politico a denunciare la situazione è il capogruppo consiliare del pd elvira picozza il fatto gravissimo dichiara conferma lo stato di abbandono e di degrado nel quale oggi versa l importante sito che fino a qualche anno fa rappresentava un polo culturale di eccellenza per la molteplicità e varietà di servizi in esso presenti e per essere mèta di migliaia di cittadini che vi si recavano e in verità vi si recano ancora oggi quotidianamente nel tempo libero oggi continua picozza nonostante l impegno degli operatori si registra un attività culturale fortemente ridotta a causa del sensibile calo dei visitatori sia presso il museo per la matematica oggetto di scelte e cambiamenti rivelatesi nel tempo del tutto sbagliate e irresponsabili sia presso il laboratorio di educazione ambientale che nato con una vocazione provinciale a malapena riesce a coinvolgere nelle sue attività le istituzioni scolastiche locali ma picozza non si ferma qui e ricorda la gestione fallimentare del bar annesso che ha provocato ingenti danni economici al comune di priverno e quindi ai cittadini che pagano in prima persona i danni provocati da un amministrazione a dir poco distratta e scarsamente accorta nella gestione del proprio patrimonio naturalmente lancia la sua stoccata finale il capogruppo consiliare del pd nonostante il sindaco non perda occasione per rilevare che la minoranza non collabora in modo costruttivo l invito a ponderare adeguatamente il pericolo di esporre l intera struttura e i beni naturali e materiali in essa presenti ad atti di vandalismo e di possibile intrusione sono caduti nel vuoto con il risultato che oggi purtroppo dobbiamo constatare una sola nota a margine al di là della polemica politica il problema esiste anzi in verità è addirittura doppio sicurezza di parco e castello ma anche di quell edificio una volta casa del custode e in futuro forse ambiente destinato ad un non meglio specificato turismo sociale allarme randagismo nei luoghi di ritrovo de santis il comune spende 90mila euro l anno ma la regione ne stanzia 200mila per tutto il lazio di mario giorgi il fenomeno del randagismo è purtroppo molto diffuso in diversi centri del comprensorio collinare lepino e la città di priverno non fa certo eccezione anzi capita sempre più spesso di vedere cani randagi talvolta anche spelacchiati e non in buona salute da soli o in piccole colonie nei posti di maggior ritrovo della gente o in prossimità di cassonetti per la raccolta dei rifiuti quello del randagismo è diventato insomma praticamente un problema sociale con tutte le conseguenze che si possono facilmente immaginare responsabilità naturalmente spesse volte debbono essere ricondotte a persone insensibili che abbandonano il loro cane vecchio e malato dopo averlo magari ostentato per anni come qualcosa 10 di cui vantarsi gli enti pubblici sempre più alle prese con bilanci ridotti all osso spesso non riescono a tamponare la situazione il comune di priverno per la sola questione randagismo spende ogni anno qualcosa come novantamila euro allora il consigliere delegato al problema vincenzo de santis ha elaborato un progetto che ha visto coinvolti anche altri comuni sonnino prossedi e roccasecca dei volsci per la realizzazione di un canile intercomunale ma ahimé il problema è sempre quello finanziario pare infatti che la giunta regionale abbia previsto per combattere il randagismo in tutto il lazio appena 200 mila euro e così cade ogni speranza di realizzare sui lepini un canile intercomunale.

[close]

p. 11

maenza di luca morazzano mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 niente presepi niente crespelle niente lo sfogo del presidente del venerdì santo roberto ciccateri così si buttano via anni di lavoro un ultima goccia a far traboccare un vaso stracolmo da tempo il vaso in questione è quello di roberto ciccateri presidente dell associazione del venerdì santo che adesso è un autentico fiume in piena nei confronti dell amministrazione comunale cui non le manda certo a dire l ultima goccia invece è rappresentata dai lavori di abbellimento operati in piazza lepri e alle porte del centro storico non le manda quindi a dire ciccateri che dichiara siamo davvero oltre i limiti di tollerabilità consentiti non riesco a capire se nessuno ha pensato a cosa stessero facendo oppure ci ha pensato ma non gli è importato non voglio entrare in merito al gusto estetico degli interventi operati alla bellezza dei simil sanpietrini montati oppure alla distribuzione dei parcheggi che sono meno di prima e uno arriva fin davanti all entrata di un abitazione privata diciamo che mi accontento di prendere in questione i paletti e la catena montate sul lato di ferdinando lepri anche di questi non scendo in merito all estetica perché il giudizio sarebbe soggettivo ma come sono stati montati mi rammarica molto sono stati gettati nel cemento per renderli solidi senza pensare che nel periodo pasquale la piazza diventa il palcoscenico della rappresentazione del venerdì santo gli stessi paletti impediscono invece i movimenti le scenografie e quanto altro mi potranno dire che verranno tolti per l occasione ma bisognerà tagliarli con spreco di soldi per poi metterli di nuovo era troppo pensare ad una soluzione semimobile capisco il voler preservare l area parcheggio ma soluzioni ce ne sono a iosa come quelle adoperate nei passi carrabili a muovere la reazione di ciccateri però è il modus operandi dell amministrazione alcuni nostri politici sono soliti agire in totale distacco dall opi nione pubblica e il risultato è quello di risultare lontani dalla gente ma quando i tuoi stessi rappresentanti non vivono il paese non può essere altrimenti in questi ultimi lavori sono stati tagliati alberi come fossero delle erbacce lo scorso anno una settimana prima della passione hanno abbellito il piazzale del cimitero con i loculi che ancora si possono ammirare oltre a storpiare il piazzale con ridicole ringhiere alla faccia della storia questi non ricordano quando andavamo a giocare a pallone la sopra questi metterebbero i vetri al colosseo dopo averlo asfaltato dentro e intonacato fuori altri motivi di attrito nascono per un evento concordato con confesercenti per il centro commercial naturale si continuano a spendere soldi e parole per tentare di promuovere un fantasma ma come si fa a parlare di centro commerciale naturale a maenza qui le attività chiudono e in centro storico è in stato di abbandono continuano a fare iniziative di facciata raccogliendo numeri ridicoli di partecipanti e sbugiardando prodotti tipici e tradizioni locali alla faccia di chi come noi si è adoperato per anni per far riconoscere un dolce tipico dal ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ovvero le crespelle recuperando la ricetta originale documentandone ingredienti preparazione e quanto altro e loro immolano tutto al ccn con una festa fatta di quattro espositori una settantina di visitatori e volantini riportanti una ricetta pure sbagliata suona davvero come una presa in giro insomma oltre ai presepi il natale maentino dovrà fare a meno anche della sagra delle crespelle a riprova del deserto culturale che questa amministrazione sta dipingendo inseguendo chimere assurde e falsi profeti 11

[close]

p. 12

astral mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 pilot4safety la sicurezza stradale in ottica europea il lazio con astral unica regione pilota in italia l azienda strade lazio spa ottiene il co-finanziamento del progetto dell unione europea che prevede una serie di controlli di sicurezza tra cui la formazione e la certificazione di ispettori della sicurezza stradale la regione lazio diventa protagonista di un iniziativa molto importante e qualificante sulla sicurezza stradale per le strade extraurbane secondarie il lazio infatti è regione pilota in italia nel progetto denominato pilot4safety partecipando con altre quattro regioni europee grecia spagna danimarca e repubblica ceca e ottenendo il benestare al cofinanziamento del 50 dei costi dal parlamento e dal consiglio europeo è stata emessa la direttiva 2008/96/ce relativa alla sicurezza delle infrastrutture stradali che prevede una serie di controlli di sicurezza tra cui la formazione e la certificazione di ispettori della sicurezza stradale che avrà applicazione sulle strade della rete tent-t autostrade e strade tipo a e che prevede la raccomandazione di estenderla anche su altre strade poiché le strade su cui oggi si verifica il più alto numero di incidenti mortali sono quelle extraurbane secondarie regionali e provinciali l astral spa lavorerà al progetto attraverso l area commerciale e sviluppo e con il coordinamento di fehrl la federazione europea dei laboratori di ricerca stradale il progetto che avrà una durata di 24 mesi dalla data di decorrenza dell atto si propone di applicare parte della direttiva in alcuni tratti stradali extraurbani secondari delle regioni europee al fine di condividere le buone pratiche e definire di comune accordo criteri di formazione e strumenti per la qualificazione e la certificazione di personale preposto alla sicurezza per questo tipo di strade l idea è stata quella di utilizzare la direttiva 2008/96/ce sulla sicurezza delle infrastrutture stradali come un modello per la sicurezza sulle strade regionali e di creare una qualifica di ispettori reciprocamente riconosciuta in via sperimentale dalle regioni europee partecipanti in particolare il progetto prevede la definizione di un curriculum comune per gli ispettori della sicurezza stradale audits ed inspections e l invio dei propri tecnici a seguire i relativi corsi di formazione a bruxelles si prevede inoltre che successivamente in ciascuna delle cinque regioni europee vengano effettuate road safety audits e road safety inspections utilizzando gli esperti locali precedentemente formati insieme ad un tecnico di una delle altre regioni partecipanti al fine di verificare l effettiva efficacia del curriculum comune e previsto un rapporto finale con la valutazione delle attività svolte ed un modello di cer tificazione internazionale idoneo a definire uno standard comune e una figura professionale certificata a livello europeo ai corsi di road safety audits e road safety inspections che si svolgeranno a bruxelles parteciperanno due tecnici astral a costi interamente imputabili al progetto corso retribuzioni spese di trasferta sarà altresì possibile richiedere la partecipazione ai corsi per altri due tecnici per meglio garantire nel tempo l investimento astral sull iniziativa 12

[close]

p. 13

cultura di luisa belardinelli mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 al moderno c È minchia signor tenente a latina si racconta la mafia attraverso la rappresentazione di coloro che l hanno vissuta e combattuta a latina si racconta la mafia attraverso la rappresentazione di coloro che l hanno vissuta odiata combattuta si ride riflettendo e alla fine si piange con rimorso come eduardo de filippo esprimeva la sua essenza nel fare teatro nicola pistoia noto regista e attore di film all italiana anni ottanta proporrà sul palco del moderno temi forti che parlano di mafia e legalità in chiave ironica e brillante minchia signor tenente spettacolo che andrà in scena al teatro moderno sabato 11 e domenica 12 dicembre e che fa parte della rassegna serale ideata da gianluca cassandra non racconterà la mafia attraverso gli occhi dei grandi e amati personaggi come falcone borsellino dalla chiesa ma rappresenterà la quotidianità dei cosiddetti eroi minori i carabinieri troppo spesso anonimi ma che quotidianamente lottano affinchè tale piaga sociale venga totalmente debellata si alterneranno sul palco del teatro moderno giovani e promettenti attori come daniele antonimi antonello pascale josefia forlì alkis zanis fabrizio d alessio inoltre sul palco maria antonietta tilloca natale russo e antonio grosso autore della rappresentazione la storia è ambientata in una caserma in sicilia regione ricca di contraddizioni e bellezze ma anche imprigionata da un male istituzionalizzato dal nome mafia un gruppo di lo spettacolo parla di tutti coloro che ogni giorno rischiano la vita per cercare di sconfiggere questo male che oramai da troppo tempo affligge la società uomini con una storia uomini che hanno paura un male che purtroppo negli ultimi anni ha preso piede anche nella nostra provincia procurando disagi instabilità e paure nelle persone minchia signor tenente vuole dare coraggio a tutti coloro che dicono no alla malavita organizzata e che desiderano promuovere la legalità esaltando gli uomini e le donne che ogni giorno incessantemente urlano il loro coraggio e rischiano la vita la rappresentazione inedita prende spunto infatti da fatti di cronaca realmente accaduti e raccontati all autore antonio grosso da suo padre ex maresciallo dei carabinieri per il quale il concetto di legalità era all ordine del giorno il giovane autore è stato ispirato dal testo di signor tenente la canzone presentata da giorgio faletti al festival di sanremo del 1994 durante la finale all ascolto di signor tenente il padre dell autore commentò se quest anno vince faletti l italia cambia la cronaca di quel sanremo racconta che la canzone signor tenente si piazzò al secondo posto ma rimase nella mente del piccolo antonio per diventare la sua ispirazione oggi info orari e biglietti 0773 47 19 28 carabinieri vive un ordinaria lenta e divertente quotidianità interrotta da un evento che sconvolgerà la loro monotonia la notizia della possibile presenza in paese di un pericoloso latitante e l improvvisa morte di alcuni giovani militari daranno il via ad un profondo spunto di riflessione sulla mafia per un profilo etico ed estetico liliana vinci espone alla casa del combattente le sue opere frutto di anni di `laborioso silenzio di luisa belardinelli dopo alcuni anni di laborioso silenzio interrotto da significative partecipazioni a mostre collettive in italia e all estero liliana vinci torna ad esporre con una personale pittorica e scultorea nella casa del combattente edificio storico a latina sua città d adozione liliana vinci è nata in sicilia a butera cl ultimati gli studi artistici a palermo si trasferisce a latina per insegnare educazione artistica nella scuola media g cena negli anni 60 appena si trasferisce a latina frequenta l ambiente artistico della città partecipando a mostre collettive e personali nel 1975 la sua attività artistica si svolge a pieno ritmo negli anni 80 diviene socio fondatore del gruppo arti figurative 80 tra le mostre più significative che ha sostenuto si ricorda l esposizione nel palazzo dei congressi di strasburgo nel 1983 riceve il premio della critica nazionalee nell 88 le è stato conferito il ii premio di pittura città di latina nel 2004 e nel 2005 è stata premiata alla mostra nazionale di pittura contemporanea di santhià vc le sue opere figurano in collezioni private in italia e all estero le figure le nature morte gli scorci naturalistici pregni di sensibilità ecologica e velati talvolta da un atmosfera fiabesca documentano infatti i più recenti sviluppi della sua pittura che evoca lo splendore della natura assieme all angoscia dell uomo contemporaneo temperata però dalla fede e da una giusta dose di tensione simboli ca e costruttiva che lascia intravedere esiti esaltanti ed edificanti prof serafino borgia la produzione in parte inedita fruibile in questa personale pontina si propone non soltanto per una lettura estetica o per un tentativo di analisi del presente ma soprattutto per una condivisione emotiva che trascenda le specifiche problematiche dell arte per giungere a quelle dell essere umano se l impostazione formale delle composizioni pittoriche della vinci rimanda a un illusoria tridimensionalità pressochè indispensabile all esternazione dell idea nelle sculture l autrice diversifica i punti di vista recupera il fascino numismatico di un recto e di un verso imposta la differenziazione stereometrica dell impianto realizzando opere che mostrano nello stesso lavoro più facce e una compresenza di soggetti profili essenziali modellati nelle cere e nelle terre interagiscono con l aria e con la luce ritmando i tempi e le pause di un plasmare lento e ragionato talvolta memore delle grandi lezioni del passato azzurra piattella storico e critico d arte attraverso una breve intervista subito mi sono resa conto della grinta di liliana vinci del suo voler denunciare attraverso una nobile arte le ingiustizie nel mondo e il diritto di ogni uomo a raggiungere la pace e la libertà i temi forti che affronta li esprime attraverso il suo senso cromatico raffinato e incisivo e sempre a passo con i tempi mondore@le lo trovi online sul sito www.onirikaedizioni.it 13

[close]

p. 14

cultura di paola bernasconi mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 natale setino dedicato al centro storico con le babbo girls il 22 presso il centro sociale u calabresi l associazione la casa di pulcinella terrà lo spettacolo per bambini arriva babbo natale mentre il giorno dopo sezze sarà animata dalla musica gospel con il coro gospel rising sound la vigilia sarà animata da babbi natale e cornamuse fino ad arrivare alla chiusura del 2010 a suon di musica il 28 alle ore 21,00 protagonisti saranno band musicali locali all interno di una rassegna che si terrà presso l auditorium mario costa mentre il 29 alle ore 18,00 in piazza iv novembre si esibirà il gruppo b-express sempre qui ma il 30 alle ore 18,00 tutti riuniti per una tombola in dialetto a cura dell associazione il giardino dei sogni mentre l ultimo dell anno la ludoteca orso rosso riproporrà il classico sasso di capodanno dalle ore 18,00 nel centro storico il 2011 si aprirà il 4 gennaio alle ore 18,00 presso l auditorium mario costa con il duo viglianti vannucchi che si esibirà in un repertorio di canzoni francesi fino alla premiazione del vincitore del concorso sui presepi il giorno della befana ancora una volta protagonista la ludoteca con una delle tradizioni maggiormente apprezzate dalla popolazione la discesa della befana dai tetti in piazza de magistris dalle ore 15,00 in poi la sera sarà invece dedicata al concerto dell epifania presso dall 8 dicembre al 7 gennaio tanto durerà il natale setino inaugurato il giorno dell immacolata concezione con l accensione delle luminarie il programma prevede una serie di iniziative tutte tese a valorizzare il centro storico promosso dagli assessorati alla cultura e alle attività produttive del comune di sezze la manifestazione vedrà la collaborazione dell associazione centro commerciale naturale via grande oltre che di tutte quelle realtà che hanno voluto aderire sabato 11 dicembre alle ore 16,00 verrà inaugurata presso il museo archeologico la mostra i comuni della pedemontana mentre giovedì 16 e venerdì 17 il museo del giocattolo in via umberto i proporrà un laboratorio di natale per i bambini sempre venerdì aprirà i battenti la mostra di disegni un mondo di auguri presso il museo archeologico sabato 18 giornata all insegna dei canti natalizi con cornamuse in giro per le strade del paese canti e poesie di natale al museo archeologico e l inaugurazione dell iniziativa sui presepi nel centro storico che verranno allestiti in un percorso prestabilito con l individuazione di siti caratteristici il giorno successivo sarà la volta invece della banda di babbo natale dell associazione raffaele viviani che se ne andrà in giro per i vicoli riproponendo la rappresentazione martedì 21 a sezze scalo l auditorium mario costa a cura dell orchestra internazionale di roma diretta da antonio pantaneschi il 7 gennaio il natale setino si concluderà con uno spettacolo di solidarietà per save the children sempre presso il costa da non dimenticare le manifestazioni dedicate interamente all infanzia con l animazione per le vie del paese dal 19 al 24 a cura della cooperativa la città del divertimento ed il tour in trenino con babbo natale dal 21 al 23 lungo via resistenza via cappuccini e il centro storico con orari 16,00 19,00 e nel weekend solita incetta setina di teatro e libri ancora un fine settimana all insegna della cultura a sezze continuano infatti le due iniziative promosse dall amministrazione dedicate a libri e teatro venerdì 10 dicembre alle ore 18,00 presso il museo archeologico in largo bruno buozzi prosegue la rassegna dei venerdì letterari sempre ad ingresso gratuito e con degustazione finale di dolci tipici locali a presentare la sua opera stavolta c è lucia viglianti autrice attrice regista teatrale e insegnante che propone in questa sede senza fine e altri racconti volume appunto di racconti che narrano l anima con parole musica e mani abili così scrive filomena cecere nella prefazione insieme a lei gian luca campagna e pierluigi felli che coordinati da piero formicuccia si occuperanno di questo incontro dedicato all autrice setina durante l evento alcuni brani tratti dall opera verranno letti da valerio vittori feliciano iudicone e marina tufo tutti componenti della compagnia acta teatro fondata nel 1987 dalla stessa viglianti sezze in-con-tra il teatro propone invece lo spettacolo la vendetta è il racconto con inizio alle ore 18,00 di domenica 12 dicembre sempre presso l auditorium mario costa in località anfiteatro siamo quindi giunti all ottavo appuntamento di questa rassegna teatrale che si concluderà il 5 gennaio sul palco l associazione culturale moliart di campobasso in un testo scritto e diretto da adelchi battista e interpretato da marco caldoro uno spettacolo che è storia con la esse maiuscola basato su uno degli episodi più sanguinosi della nostra seconda guerra mondiale l attentato di via rasella un tema delicato affrontato con l aiuto di materiale audiovisivo ed interviste in un tentativo di memoria condivisa che ripercorra quello che è accaduto quel 23 marzo del 1944 p.b a sermoneta un natale pieno d arte È stata inaugurata l 8 dicembre l iniziativa natalearte a sermoneta presso il palazzo caetani museo delle ceramiche l evento è stato curato da eugenia marchioni e enzo agiuoni presidenti rispettivamente delle associazioni culturali il lago dei poeti di latina e arteuropa di avellino una manifestazione patrocinata dal comune di sermoneta che vede anche la partecipazione di diverse realtà associazionistiche del territorio giunta alla sua terza edizione si concluderà il 6 gennaio dopo una lunga lista di iniziative si è partiti l 8 con l inaugurazione della mostra d arte per continuare domenica 12 con un salotto storico-culturale condotto da tonino pagani e promosso dall associazione il lago dei poeti in collaborazione con l archeoclub di sermoneta dalle ore 16,30 si parlerà della necropoli di caracupa si continuerà il 13 con la festa 14 santa lucia a sermoneta mentre dal 17 al 19 si potrà visitare un esposizione di gioielleria artistica allestita insieme al consorzio orafo laziale domenica 19 sarà la volta dell omaggio ad addis pugliese uno dei maggiori sostenitori della campagna pluriennale ed itinerante la strada d asfalto per cercare la vita condotta dall associazione il lago dei poeti a favore della sicurezza stradale degli adolescenti gli auguri di natale verranno dati invece giovedì 23 con l accompagnamento del gruppo folk sermonetano dell associazione culturale lepanto mercoledì 29 dicembre sarà invece dedicato alla cucina con l evento l arte in cucina un percorso artistico e storico culturale che vedrà la partecipazione di adriana vitali veronese il palazzo caetani osserverà i seguenti orari di apertura dalle ore 11,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00 p.b

[close]

p. 15

musica di marco fanella mondore@le numero 76 10 dicembre 2010 modÀ grandi live e ottime composizioni eccoci di nuovo al consueto appuntamento col recensore pazzo che scrive di musica e vi tartassa le orecchie a suon di canzoni oggi rimarremo nello stivale come per la settimana scorsa per ascoltare con la solita avidità musicofila una band che gira da parecchio e che fa parlare di sé per le sue esibizioni live e per le sue composizioni i modà l ambito in cui si muovono i ragazzi è quello del pop italiano da classifica quindi ritornelli da stadio e melodie che si incollano ai padiglioni auricolari ma lo fanno con garbo nel senso che non ci dispiace affatto farli entrare nella testa le canzoni viaggiano il leader ha un ottima padronanza della voce ed è coadiuvato da una band che pur facendo musica pop ha il rock nel sangue e si sente soprattutto negli arrangiamenti pieni di chitarre distorte batterie pestone ma anche parti melodiche con suoni cristallini complice anche una buona produzione alle spalle a livello armonico ci muoviamo in territori collaudatissimi che sanno molto del cantautorato italiano quello buono vedi battisti condito con suoni moderni quasi a voler rivestire la vecchia canzone italiana ormai obsoleta l esperimento peraltro già portato avanti dagli amichetti negramaro riesce nel senso che il loro prodotto ovvero l album sala d attesa si muove in territori consolidati ma lo fa con grinta e buone idee alcune volte cadendo nel già sentito ma se non altro con un ottimo gusto nella fase strumentale anche perché questi ragazzi non più giovincelli suonano molto bene si passa da pezzi scanzonati come la mia ragazza ha detto che a ballad strappatutto come ma tu non passi mai adatte a pubblici più adolescenziali altre più ricercate come l ultimo viaggio o le luci della notte insomma il popparolo incallito può stare tranquillo dall alto della loro esperien za e della loro età i modà hanno confezionato un bel prodotto non un miracolo di discografia e perizia compositiva ma tanta voglia di emergere strizzando l occhio alle classifiche con sonorità rassicuranti e qualche bella idea sparsa per il cd che in un certo modo li caratterizza andate tranquilli se volete un disco che suoni spensierato dall inizio alla fine e vi tenga compagnia che vi faccia da sottofondo mentre guidate e sentite il bisogno di canzoni fatte in casa come si faceva una volta questo cd fa al caso vostro 15

[close]

Comments

no comments yet