Conigli

 

Embed or link this publication

Description

Itas Alanno

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

Attualmente esistono circa 50 razze di conigli , di cui 41 sono classificate e descritte nello standard italiano delle razze cunicole , riconosciuto con D.M. del 19.1.76 e del 21.7.89 . Lo standard suddivide le razze a seconda della mole in : RAZZE PESANTI , in particolare l’ ARIETE e la GIGANTE ; nel complesso sono razze che possono interessare gli incroci come maschio terminale e non vengono mai utilizzate in purezza. RAZZE MEDIE , presentano un peso adulto fra i 4 e 5 kg , in particolare la Razza BIANCA di NUOVA ZELANDA e la razza CALIFORNIA , manifestano un buon accrescimento , buona qualità delle carcasse sono prolifiche e hanno una buona attitudine lattifera. Altre razze sono la FULVA di BORGOGNA , l’ ARGENTINA di CHAMPAGNE e la BLU di VIENNA . RAZZE A STRUTTURA di PELO SPECIALE impiegate per la produzione di pelo da filati RAZZA ANGORA o di pellicce , la più pregiata è la REX , e la più importante , la VOLPE e la SATIN . RAZZE LEGGERE hanno un interesse molto limitato per la produzione della carne dati i RIDOTTI accrescimenti e pesi vivi ( da 1,5 fino a 3,5 kg nell’adulto ) , a queste razze appartengono l’OLANDESE, la FOCATA , la FATA PERLATA , la FATA di AMBURGO le RAZZE NANE , la GIARRA BIANCA , l’HOTOT

[close]

p. 3

PRODUZIONE del CONIGLIO PESANTE : 2,52,9 kg di PESO NEL MONDO VIENE ALLEVATO PER VARI SCOPI : CARNE PELAME ANIMALE da CAMPAGNA SOGGETTO da ESPERIMENTO PRODUZIONE del CONIGLIO LEGGERO : 2,2 – 2,3 kg di PESO USATO in TESSITURA e in PELLICCERIA

[close]

p. 4

ARIETE Sono caratterizzate da una MOLE ADULTA molto sviluppata , da 5 a 8 kg , a cui corrispondono un elevata velocità di crescita e un notevole consumo di mangime. GIGANTE GIGANTE MARRONE GIGANTE BIANCO

[close]

p. 5

BIANCA di NUOVA ZELANDA CALIFORNIA PRESENTA una forma del corpo molto compatta e raccolta , il peso può variare da 3.5 a 5 kg . La pelliccia è uniforme, con pelo di colore bianco brillante , orecchie corte portate a V, buona velocità di accrescimento , ottima carcassa , è prolifica e ha un’ottima attitudine materna. E’ CARATTERIZZATA da muscolatura forte e soda, ossatura molto leggera , pelliccia fine, fitta, pelo corto e morbido di colore bianco con macchie grigionerastre su naso,orecchie,zampe e coda. Il peso varia da 4 a 4,5 kg, buona attitudine lattifera, ottima resa alla macellazione e qualità della carcassa.

[close]

p. 6

FULVA di BORGOGNA ARGENTATA di CHAMPAGNE BLU di VIENNA

[close]

p. 7

FATA PERLATA OLANDESE HOTOT

[close]

p. 8

PRODUZIONE di FILATI ANGORA Il peso varia da 4.2 a 5 kg , pelo lungo che viene utilizzato come fibra tessile. Esistono 2 ceppi : ANGORA FRANCESE ANGORA INGLESE

[close]

p. 9

PRODUZIONE di PELLICCE REX VOLPE SATIN

[close]

p. 10

Le soluzioni più razionali sono costituite da strutture nuove che si dividono in due tipologie : CAPANNONI PREFABBRICATI TUNNEL I ricoveri devono consentire di mantenere i parametri ambientali entro i limiti favorevoli alla salute e alle prestazioni degli animali : VOLUME INTERNO e TEMPERATURA.

[close]

p. 11

I CONIGLI sono alloggiati in GABBIE di RETE METALLICA e ZINCATA a CALDO . E’ molto importante il fondo delle gabbie , che deve permettere una pronta eliminazione delle deiezioni solide e liquide. Queste gabbie garantiscono una facile pulizia e disinfezione , lunga durata, poco intaccabili dai denti e di costo contenuto . Le gabbie sono dotate di ABBEVERATOI e di MANGIATOIE facilmente smontabili e pulibili e avere una capacità di mangime pari al consumo di 3 giorni . A seconda della categoria di appartenenza possiamo distinguere diversi ti pi di GABBIE : GABBIE delle FATTRICI Sono disposte su un solo piano FLAT – DECK che consente una ottimale aerazione , una migliore sorveglianza degli animali anche se comporta un elevato investimento per il limitato numero di animali / metro quadro ( gabbie singole ) . Le gabbie del reparto maternità comprendono il NIDO ispezionabile e pulibile con buon isolamento termico agganciato all’esterno e collegato alla gabbia.

[close]

p. 12

GABBIE per SVEZZAMENTO e INGRASSO , possono essere disposte con : SISTEMA CALIFORNIANO : 2 piani non sovrapposti SISTEMA PIRAMIDALE : 3 piani sovrapposti SISTEMA a BATTERIA : 3 o 4 piani sovrapposti I soggetti in ACCRESCIMENTO – INGRASSO sono tenuti in gabbie da 1 o 2 soggetti , oppure in gruppi fino a 6 soggetti ( ingrasso in COLONIE ) è poco diffuso in Italia perche inadatto alla produzione del coniglio macellato giovane

[close]

p. 13

Lo STOMACO del coniglio è praticamente sempre pieno e vi si trova circa il 30 – 40 % del contenuto totale del tubo digerente. In esso avviene una digestione enzimatica a carico delle proteine , favorita da una secrezione di acido cloridrico continua , che mantiene il PH su valori molto bassi 1,5 – 2 , e anche dei lipidi , inoltre è presente una microflora che porta alla produzione di ACIDO LATTICO L’INTESTINO TENUE è molto lungo , ma il suo contenuto è piuttosto limitato poiché il transito è molto rapido . In esso avvengono processi digestivi enzimatici a carico delle proteine e dei lipidi Il CONIGLIO è un animale monogastrico e presenta un apparato digerente così suddiviso : Nell’ APPENDICE hanno luogo altre funzioni quali la SECREZIONE di BICARBONATO e la SINTESI di VITAMINA B12 da parte dei microrganismi. L’INTESTINO CIECO ha un contenuto cospicuo ed in esso il bolo alimentare staziona per un tempo piuttosto lungo ( 8 – 12 ore ). Ospita una popolazione microbica che esercita un’azione fermentativa a carico dei costituenti alimentari non digeriti nei tratti precedenti con produzione di ACIDI GRASSI VOLATILI.

[close]

p. 14

L’ALIMENTO RESIDUO dalla digestione nello stomaco e nell’intestino tenue viene separato, a livello della giunzione fra colon e cieco , dalle parti più grossolane , che vanno a costituire le feci dure rapidamente eliminate attraverso il retto. Le parti residue più fini vengono inviate al cieco dove , dopo essere state fermentate , formano il CIECOTROFO, che è arricchito in proteine e in vitamine derivanti dalle sintesi microbiche e viene ricoperto di muco nel colon e poi eliminato rapidamente attraverso il retto . Le PILLOLE del ciecotrofo , più molli di quelle delle feci vere e proprie, vengono assunte direttamente al momento dell’escrezione e, senza un’apprezzabile masticazione , sottoposte nuovamente ai processi digestivi lungo il transito nel tubo digerente. ASSUNZIONE del CIECOTROFO CIECOTROFO

[close]

p. 15

Il VALORE NUTRITIVO degli ALIMENTI per CONIGLI e i RELATIVI FABBISOGNI sono espressi come ENERGIA DIGERIBILE o METABOLIZZABILE che diminuisce con l’aumentare del TENORE di FIBRA o CARBONATI STRUTTURALI. Il CONIGLIO possiede una capacità limitata di digerire i costituenti fibrosi degli alimenti , e quindi l’aumento del contenuto di cellulosa grezza delle diete e dei mangimi ne riduce la digeribilità. Tuttavia un fabbisogno di FIBRA minimo pari al 14 – 15 % di CELLULOSA GREZZA TOTALE negli alimenti in accrescimento e all’ 11 – 13 % nelle coniglie in lattazione e anche di CELLULOSA GREZZA NON DIGERIBILE , pari almeno al 10 % , deve essere soddisfatto per assicurare una normale funzionalità dei processi digestivi ed EVITARE l’ aumento dei problemi sanitari e una eccessiva mortalità .

[close]

Comments

no comments yet