Gli avicoli

 

Embed or link this publication

Description

Tesina Itas

Popular Pages


p. 1

GLI AVICOLI La carne avicola è povera di grassi e ricca di proteine facilmente digeribile e si adatta a tutti i tipi di dieta. Il grasso è facilmente asportabile poiché concentrato principalmente al livello della pelle.

[close]

p. 2

LA GALLINA OVAIOLA • La produzione di uova è ottenuta esclusivamente dalla femmina del pollo domestico (Gallus gallus) RAZZA LIVORNESE • Il piumaggio è di colore vario la cresta è semplice con cinque denti semplici . • Il gallo raggiunge un p.v. di 2,7 kg la gallina 1,8 /2,0 kg

[close]

p. 3

• Razza Ancona Sotto razza livornese • Il piumaggio è nero con macchie bianche a forma di V all’estremità delle penne. • Il gallo pesa 2,7/3,0 kg La gallina 2,2/2,7 kg • Spiccata attitudine nella produzione di uova a guscio bianco • Razza Padovana • Il gallo è dotato di protuberanza ossea nella parte anteriore del cranio dalla quale spunta un ciuffo di penne lunghe a lancetta , presenta un ciuffo di penne sotto il mento e due ciuffi sotto gli occhi . • La Gallina ha un ciuffo rotondeggiante • Il gallo pesa 3,0/5,0 kg • La gallina 2,0/2,5 kg

[close]

p. 4

RAZZA RHODE ISLAND • • • • Il corpo è piuttosto lungo e rettangolare Peso 3,0 kg nei galli e 2,0 kg nelle galline Due sotto razze : Una più diffusa con piumaggio rosso mogano e l’altra è di colore bianco Anticamente veniva sfruttata per la produzione di carne e per le uova di colore rossiccio

[close]

p. 5

Oggi le razze pure sono limitate all’allevamento rurale ed amatoriale. • Nell’allevamento intensivo sono impiegati i tipi genetici «artificiali ibridi» ottenuti con un’attenta selezione di razze. Nel consumo di uova sono impiegate galline di tipo leggero con uova dal guscio bianco (LEGHORN) e i tipi semi pesanti con uova a guscio rosso . Il tipo leggero viene preferito per la maggiore produttività e il miglior indice di conversione alimentare circa 284 uova in circa 50 settimane di deposizione. Il tipo semi pesante depone 281 uova in 50 settimane Le uova a guscio bianco non sono apprezzate sul mercato italiano ma sono utilizzate solo per l’industria alimentare Inizio deposi zione Fine deposi zione Produz ione totale di uova 284 281 • • • • Peso medio uova Peso vivo finale Consu mo alimen tare in deposi zione 118 134 leggere semipe santi 21-22 21-22 70-75 70-75 61 63 1,600 2,200

[close]

p. 6

Avicoli da carne • Pollo da carne 1. 2. 3. 4. plymouth rock, new hampshire, Delaware, Cornish, 1 2 3 4

[close]

p. 7

• Tacchino 1. Meleagris gallopavo 1 • 2. Faraona Numida meleagris 2

[close]

p. 8

• Quaglia • Anatra • Piccione Columba livia

[close]

p. 9

Nel nostro paese la produzione di carne avicola e di uova , ha una forte specializzazione geografica. Il 50% del pollame d’ingrasso è concentrato in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Per le uova , il Veneto realizza 1/3 della produzione nazionale ed insieme alla Lombardia e l’Emila Romagna il 70% della produzione totale

[close]

p. 10

ALLEVAMENTO OVAIOLE • Negli allevamenti , le uova passano agli incubatoi che consegnano i pulcini femmine ad allevamenti di pollastre e i pulcini maschi ad allevamento da ingrasso. In 20 settimane le pollastre sono pronte ad iniziare l’ ovodeposizione. Le uova selezionate vengono mandate agli impianti di confezionamento. Le uova danneggiate passano agli impianti di lavorazione e di preparazione in forma liquida surgelata o essiccata

[close]

p. 11

• L’allevamento comprende dalla schiusa dell’uovo fino all’inizio dell’attività produttiva. I giovani vengono separati dagli adulti per esigenze sanitarie, i futuri riproduttori vengono allevati su lettiera con tecniche di termoregolazione, cura dell’alimentazione, programmi luce , controllo dell’umidità tramite ventilazione , densità di allevamento. • Controllo della lettiera durante il periodo (tutto pieno) e asportazione , lavaggio, disinfezione e aerazione di tutte le strutture ed attrezzature durante il periodo (tutto vuoto).

[close]

p. 12

Alimentazione-ingrasso • La quantità media giornaliera varia in funzione del tipo e del sesso degli animali e della formulazione del mangime. • Può essere inserito un anticoccidico fino a non oltre le quindici settimane di età. • A circa venti settimane è necessario modificare la dieta delle galline per esigenze di maggior calcio ma anche del contenuto lipidico, aminoacidico e vitaminico. • In genere l’aumento dell’alimentazione fornita è fino a circa 40 settimane, dopodichè si inizia a ridurla per evitare l’ingrassamento.

[close]

p. 13

Alimenti principali • Fra gli alimenti energetici troviamo i cereali i semi di leguminose e i grassi. Tra i cereali il mais è impiegato per l’alimentazione del pollo con pelle gialla. Il frumento e usato per il pollo a pelle bianca e per il tacchino l’orzo è poco usato nel nostro paese. • I semi di leguminose oltre a contenere l’energia derivante dall’ olio contengono anche le proteine • I grassi hanno un elevato tenore energetico e aumentano il valore nutritivo del mangime. La loro presenza richiede l’impiego di antiossidanti e di aggiunta di vitamina E. I grassi contenuti si aggirano al 3-6% del mangime. • Gli alimenti proteici possono essere sia di origine vegetale che animale. tra i primi troviamo le farine di soia, di girasole, di colza e di mais tra i secondi troviamo le farine di pesce e di carne

[close]

p. 14

Apparato riproduttore • L’apparato riproduttore degli uccelli è molto differente da quello dei mammiferi. L’ovaia è la sede di formazione della cellula uovo e del tuorlo.

[close]

p. 15

Controllo ambientale dell’attività riproduttiva • L’attività riproduttiva è controllata dai fattori ambientali e principalmente dal fotoperiodo. • Negli allevamenti intensivi è necessario creare programmi luce aumentando l’illuminazione quando ci si avvicina alla maturità sessuale per sviluppare la produzione di semi e di uova. • Questa attività non deve essere diminuita!

[close]

Comments

no comments yet