mondorealenumero75

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero75

Popular Pages


p. 1

anno iii numero 34 3 dicembre 2010 n.75 politica il partito democratico sceglie enrico forte come leader a roccagorga bevilacqua e nardacci rompono con la amici vitelli vs zarra sulla questione della ex monte amiata latina prende il via ufficialmente il progetto life valiani interviene sulla nexans treni e pendolari il dossier di altroconsumo dipinge uno scenario disastroso editoriale di simone di giulio e possibile litigare quando si ha una maggioranza praticamente di diciassette membri su ventuno a sezze probabilmente sì visto e sentito quanto accaduto nello scorso consiglio comunale nonostante l importante appoggio di parte della minoranza nel voto per l assestamento di bilancio c è sicuramente qualcosa di rotto negli equilibri del centrosinistra vani e decisamente fuori tempo massimo i tentativi del presidente del consiglio comunale giovanni zeppieri di minimizzare sullo scontro avuto con sonia ricci durante la riunione per stabilire il nuovo ordinamento dei punti previsti in consiglio le urla dei due consiglieri del pd si sono sentite fino a porta pascibella e le facce dei protagonisti della animata discussione si spiegavano da sé un paradosso insomma per una maggioranza che sembra più che mai blindata e forse proprio questa sicurezza nei numeri ha aperto una falla all interno dello zoccolo duro del centrosinistra al governo della città dopo le alzate di testa dei mesi scorsi zeppieri sembra tornato tra i ranghi ma con un dente più avvelenato che mai insieme a lui rizzo e bernasconi con di raimo alla finestra ma anche di pastina si è visto in qualche modo ridimensionato dall avvicinamento di parte della minoranza alle proposte della giunta campoli insomma crisi e mal di pancia sono evidenti ma l impressione è che ci sia qualcuno più in alto moscardelli che dopo aver incassato il sì provinciale via enrico forte sta cercando di tenere a bada le ansie dei suoi fedeli setini si parla da mesi di un documento in cui il consigliere regionale richiami all ordine campoli e i vecchi ds ma tirarlo fuori adesso equivarrebbe ad un suicidio politico attualitÀ sermoneta la giovannoli rassicura sulla presenza di arsenico norma galetto e mancini sui fondi della regione per la pista ciclabile attualitÀ maenza opposizione ancora ignorata in consiglio comunale priverno l odissea continua della sanità e dei trasporti pubblici opportunitÀ campoli conferma il via libera per la piscina allo scalo e per la rotonda delle coste ma nessuno parla della monte amiata e dell ex campo di aviazione cultura sezze libri e teatro in primo piano pontinia arriva terra madre a firma di ermanno olmi priverno fari puntati nel weekend del borgo di fossanova

[close]

p. 2

onirika edizioni presenta a darne notizia il sindaco campoli nell ultimo consiglio decisivo il rapporto tra ente e amministrazione provinciale di simone di giulio sezze arriva la piscina mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattrice paola bernasconi redattori domiziana tosatti luisa belardinelli sabrina de filippis marco fanella roberto tartaglia mario giorgi responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito sketch[idea stampato presso artegraf via marittima 75 priverno contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione l 1 dicembre 2010 pubblicità primo piano dal consiglio comunale arrivano buone notizie intanto la buona tenuta finanziaria dell ente che dopo aver chiuso senza debiti l equilibrio di bilancio di qualche mese fa adesso trova anche qualche fondo ulteriore la maggior parte provento dell autovelox ed opera alcune modifiche al piano finanziario destinando oltre 400.000 alla manutenzione delle strade quelle della pianura ridotte a mulattiere ma non solo ma la seduta sull assestamento di bilancio è stata anche l occasione per alcune comunicazioni arrivate direttamente dal sindaco campoli sullo sbloccamento di importanti finanziamenti che permetteranno alla città almeno nelle intenzioni degli amministratori di crescere tra queste la nuova rotatoria che dovrebbe sorgere all imbocco di via ninfina le coste all altezza del distributore di benzina dopo decenni di tira e molla infatti sembrano essere stati superati tutti quegli ostacoli che finora avevano impedito la messa in sicurezza dell accesso più utilizzato dagli automobilisti da e verso sezze campoli ha assicurato che stavolta la rotonda si farà un altra buona notizia arrivata dal sindaco di sezze riguarda la piscina comunale anche in questo caso il tira e molla per la realizzazione dell impianto sportivo è stato lungo ed estenuante e in questa occasione la giunta ha dovuto lavorare il doppio di concerto con l amministrazione provinciale di latina per permettere che si sbloccassero quei finanziamenti circa 3 miliardi di vecchie lire approvati nel periodo in cui il presidente a via costa era paride martella campoli e gli assessori che 2 hanno trovato il sistema per superare tutti i vincoli che insistevano sul primo progetto quello di un polivalente in via sicilia e dirottare l importante finanziamento sulla realizzazione della piscina hanno sottolineato il lavoro svolto di concerto con il presidente cusani e hanno ringraziato anche esponenti delle minoranze che si sono spesi in favore della nuova struttura che sorgerà a sezze scalo nessuna indicazione finora sul luogo esatto in cui sorgerà anche se si ipotizza che la piscina comunale di sezze non prima di un paio di anni si costruirà tra il nuovo parcheggio dello scalo ferroviario e il cavalcavia luogo peraltro già segnalato in passato per la realizzazione di un mega impianto polivalente insomma sembra che finalmente anche sezze scalo che finora era stata tenuta in considerazione soltanto per l ecocentro di cui non si hanno più notizie da tempo e per il nuovo depuratore presto si doti di un servizio importante per i cittadini e per tutto il comprensorio quella piscina che dal lontano 1977 rientra nei programmi elettorali e nelle promesse di tutte le giunte che si sono succedute ma che ora sembra essere arrivata al momento buono per essere tirata su soddisfazione bipartisan è stata espressa da praticamente tutti i consiglieri un motivo in più per votare positivamente l assestamento di bilancio che è passato in aula con sedici voti favorevoli la maggioranza tutta e parte della minoranza vitelli cerrone di palma reginaldi mentre ha votato contro il pdl zarra ceccano e piccolo paolo casadei e claudio casalini.

[close]

p. 3

sezze di simone di giulio mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 ex monte amiata colpa di zarra duro attacco del consigliere antonio vitelli che ripercorre le tappe del sito agricolo dello scalo all indomani del consiglio comunale in cui il delicato tema non è stato affrontato per il protrarsi del dibattito sul bilancio il consigliere del centrodestra setino antonio vitelli ricostruisce l intera vicenda della ex monte amiata con atti e documenti pubblici cercando di dare un quadro chiaro della questione questa spiega il consigliere di minoranza rappresenta l ennesima occasione persa dalla nostra città le cui responsabilità politiche e amministrative sono chiare ed evidenti siddera e la sua giunta di cui ero assessore al bilancio con delibera n.93 del 2002 presentarono un progetto importante per tutto il comparto agricolo setino sul sito denominato monte amiata una centrale ortofrutticola all interno dell intera struttura produttiva iscrivemmo l opera pubblica nel piano triennale per una somma di 9 miliardi di lire partirono le richieste di finanziamento e cominciarono gli espropri per l area interessata nei confronti degli occupanti poi prosegue il consigliere le elezioni del 2003 sancirono la vittoria di zarra e di una nuova coalizione che poteva contare sull appoggio di 16 consiglieri su 21 e che non condividendo quel progetto semplicemente e legittimamente lo cancellò cosi dal giugno del 2003 al febbraio 2006 si sono succeduti 62 consigli comunali di cui 1/3 andati deserti dove si sono discusse 249 delibere 159 giunte e 17 assessori hanno invece approvato 638 deliberazioni quindi i quasi 900 atti ufficiali di entrambi gli organi politici e amministrativi mai e poi mai hanno interessato la questione del monte amiata che viceversa venne cancellata immediatamente delibera di giunta n.216 del 15 novembre 2003 dal piano triennale delle opere pubbliche da qui la storia prende una piega decisamente diversa spiega ancora antonio vitelli quando l arsial scrisse sulla volontà di voler cedere la gestione del sito al comune il direttore generale nominato direttamente dall allora sindaco zarra dott caldarozzi rispose che il comune di sezze non aveva nessun interesse sulla proprietà e sulla gestione del sito industriale in questione dell intera vicenda vennero tenuti fuori inspiegabilmente la giunta e il consiglio comunale al disinteresse mostrato dall allora coalizione di governo si aggiunse anche il disinteresse delle minoranze di centrosinistra rappresentate in consiglio di raimo truini santia giorgi e ceccano che nello stesso periodo presentarono oltre 150 interrogazioni nessuna delle quali riguardò il sito industriale del monte amiata la vicenda di interesse pubblico finisce lì questa dunque la posizione di vitelli sull argomento nata dopo aver analizzato documenti ufficiali e scovato i responsabili dell affare che sembra essere arrivato al capolinea cacciare un imprenditore privato che oggi in base a validi titoli giuridici esercita la propria attività dando lavoro a decine e decine di operatori del settore è un ragionamento illiberale che per quello che mi riguarda mette la parola fine all intera vicenda 3

[close]

p. 4

latina di sabrina de filippis mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 l ex leader provinciale dei ds sbaraglia la concorrenza e torna a guidare il centrosinistra circa quattromila persone in tutta la provincia i due terzi degli iscritti al partito che in tutto sono circa seimila hanno votato per eleggere il nuovo segretario provinciale del partito democratico enrico forte è stato eletto al primo turno i congressi di circolo del pd lo hanno ufficialmente decretato vincitore con il 51,5 dei consensi È stato un grande successo ha dichiarato soddisfatto il nuovo segretario per tutto il pd anche in termini di partecipazione i candidati al ruolo oltre ad enrico forte erano salvatore la penna nazareno ranaldi e raffaele viglianti la presentazione di quattro candidati ha affermato forte è sinonimo di pluralismo e di ricchezza di un confronto che non resterà interno al pd ma andrà ad ampliarsi alla cittadinanza per il neosegretario oggi più che mai serve un partito unito ed in grado di offrire un progetto che tuteli i diritti dei cittadini forte continua spiegando le sue intenzioni per questo motivo l obiettivo cui ho intenzione di lavorare da subito è l archiviazione di un partito impegnato in lotte intestine piuttosto che a lavorare per il bene della società per fare questo non sarò un leader che solitario sta al comando ma che creerà un gruppo di protagonisti capaci di rilanciare davvero il pd il pd sceglie enrico forte no all osservatorio di cusani mauro visari consigliere provinciale del pd mette in discussione l utilità dello strumento mauro visari consigliere provinciale del pd mette in discussione l utilità dell osservatorio dell economia in provincia visari lo ritiene un iniziativa bizzarra messa in piedi con il vano tentativo di far credere che ci si adoperi per contrastare la crisi economica lo ha affermato commentando l istituzione del nuovo tavolo sancita da una delibera della giunta dello scorso 18 novembre quando la politica non sa cosa fare o non vuole fare inventa un osservatorio o istituisce un tavolo di confronto in questo sport del nichilismo e della creazione del niente l amministrazione provinciale sembra eccellere per l esponente del pd quei fondi dovrebbero essere riservati all accesdi sabrina de filippis so al credito di imprese e famiglie in difficoltà o per sostenere un progetto antiusura o ancora per favorire l anticipazione della cassa integrazione la nuova struttura avrà come funzione quella di fornire raccogliere e organizzare dati che consentano una corretta interpretazione dei fenomeni economici che coinvolgono le imprese pontine si è stabilito che i dati verranno raccolti a partire da enti pubblici istituti di ricerca e altre fonti con l obbiettivo di collaborare con gli attori locali per individuare punti di forza e debolezza di ogni settore di attività ma visari continua a dubitare tutto bene tutto ineccepibile se non per un particolare tutt altro che trascurabile un osservatorio simile già esiste dal 2003 gode di collaborazioni autorevolissime come l istituto di ricerca nomisma e soprattutto è finanziato dalla camera di commercio vale a dire che non costa nulla agli enti pubblici e privati che di questi dati vogliano fare tesoro questo osservatorio si chiama osserfare e nelle linee guida che sono alla base della sua istituzione spiccano per l analisi dei dati una razionale divisione per territorio e per settori economici il consigliere provinciale conclude sferrando un duro attacco al presidente cusani la struttura pensata da cusani nasce con linee guida generiche e inconsistenti che non lasciano intuire né l´utilità né eventuali punti di novità ma perché cusani vuole realizzare un doppione di questo osservatorio andando inoltre a spendere più di 60 mila euro solo per questo primo anno e chissà quanto in futuro la risposta è semplice cusani negli anni ha criticato aspramente i rapporti di osserfare poiché continuano a fotografare una provincia in condizioni economico-sociali davvero difficili così non potendo piegare la realtà alle proprie esigenze politiche e mediatiche decide di creare un osservatorio fatto in casa senza nessuna autorevolezza senza aver previsto né annunciato alcuna collaborazione con istituti di ricerca universitari o privati l importante per questa destra è avere uno strumento obbediente e addomesticato in grado di smentire i rapporti ufficiali di altre strutture più autorevoli e attendibile tutto questo a spese dei cittadini ci opporremo con forza a questa iniziativa che giudichiamo senza senso e per la quale temiamo venga perpetrato un vero e proprio imbroglio culturale mediatico ed economico a danno dei cittadini 4

[close]

p. 5

latina di sabrina de filippis mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 prende il via il progetto life presentato il 24 novembre si propone di contribuire all adozione di strategie integrate per un uso più sostenibile della risorsa idrica nel distretto idrografico della pianura pontina lo scorso 24 novembre presso l aula consiliare del comune di latina si è svolta la conferenza stampa di presentazione dello stato di attuazione del progetto life approvato dalla commissione europea e finalizzato alla realizzazione di un sistema di fitodepurazione diffusa per il miglioramento della qualità delle acque della pianura pontina erano presenti il commissario straordinario del comune prefetto guido nardone l assessore provinciale alla pianificazione urbanistica fabio martellucci il direttore dell ente parco nazionale del circeo giuliano tallone il presidente del consorzio di bonifica dell agro pontino carlo crocetti con il direttore stefano salbitani e l arch stefano magaudda u-space il progetto life si propone di contribuire all adozione di strategie integrate per un uso più sostenibile della risorsa idrica nel distretto idrografico della pianura pontina attraverso l attivazione di sinergie tra enti tramite un approccio partecipato e con realizzazione di progetti pilota a scopo dimostrativo si tratta quindi di un iniziativa di area vasta per la programmazione e la razionale gestione del sistema delle acque esso prevede la predisposizione di un programma integrato di riqualificazione ambientale a scala vasta attraverso l applicazione di tecniche di fitodepurazione diffusa e presenta aspetti di complessità sia dal punto di vista procedurale che tecnico life mira a dimostrare l efficacia dei sistemi di fitodepurazione diffusa per raggiungere una buona qualità delle acque e in generale per migliorare la qualità dell ambiente ha un carattere sperimentale basato su due attività dimostrative principali la realizzazione del programma di riqualificazione ambientale e la realizzazione di quattro interventi pilota tali progetti pilota di fitodepurazione diffusa coinvolgeranno ambiti diversi della pianura pontina con l obiettivo di indagare e valutare l impatto la capacità e l efficacia di questa tecnica nel risolvere le varie problematiche nella riqualificazione ambientale di un area vasta valiani interviene sulla nexans iegretario della ugl chimici torna sulle polemiche che accompagnano le vicende dei lavoratori di sabrina de filippis quello che oggi chiediamo è una responsabilità sociale del territorio e di chi deve gestire queste delicate vertenze armando valiani segretario della ugl chimici torna sulle polemiche che continuano ad accompagnare le vicende dei lavoratori della ex nexans lo scorso giovedì 26 novembre si è svolta un assemblea nel sito di b.go piave in seguito alla quale è stato organizzato dai lavoratori nexans l incontro presso gli uffici della provincia i lavoratori spiega valiani si sono ritrovati presso gli uffici di via costa dopo aver avanzato telefonicamente una richiesta d incontro all assessore d arco che si è reso disponibile ad incontrarli nel tardo pomeriggio valiani in quanto lavoratore nexans ha assistito all appuntamento e ha descritto quel momento come un incontro caratterizzato da un clima civile e costruttivo l incontro ha dichiarato valiani si è svolto nella normale tranquillità ripercorrendo tutte le tappe che questa vertenza ha toccato rimarcando il ruolo dei vari tavoli aperti i dipendenti hanno fatto richiesta all assessore di riattivarsi affinché i tavoli istituzionali che si erano interrotti per motivi pretestuosi potessero essere riaperti per dare l opportunità ai lavoratori di avere nuove occasioni di lavoro l assessore ha dato la sua disponibilità a interpellare e convocare sia il ministero che la regione per un nuovo confronto con la nexans e con gli imprenditori interessati al sito per valiani questa è senza dubbio un opportunità di sviluppo e di reindustrializzazione per i lavoratori dell ex sito nexans e per tutti coloro che hanno a cuore il lavoro e il nostro territorio ed è per questo che chiede una responsabilità sociale di tutti non cadendo a percorsi pretestuosi che sviano la delicata trattativa dobbiamo impegnarci affinché non vengano generati nuovi disoccupati 5

[close]

p. 6

latina di luisa belardinelli mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 trenialtroconsumo traccia un bilancio decisamente negativo per i viaggiatori siamo uomini o pendolari l inchiesta di sfogliavo internet e ad un tratto sono incappata a leggere i miei diritti da pendolare da una curiosissima inchiesta su 25 tratte su milano roma e napoli emerge quanto i treni italiani siano in netto declino su tutti i fronti igiene tempo sicurezza e costi esorbitanti lasciate ogni speranza voi che entrate siete nel girone dei pendolari così esordisce l associazione altroconsumo la quale si impegna costantemente a fornire assistenza legale gratuita con lo scopo di sostenere una causa di risarcimento danni nei confronti di trenitalia l inchiesta ha coinvolto 1.407 viaggiatori su 25 tratte ferroviarie più interessate dal pendolarismo in tre aree cittadine milano napoli roma il catalogo dei disagi è ampio e sfaccettato ritardi e soppressioni sporcizia e cattivo odore riscaldamento rotto e gelo d inverno caldo rovente d estate insicurezza e sovraffollamento porte bloccate sedili sudici e sbrindellati bagni luridi o fuori servizio i pendolari sono esasperati da condizioni di trasporto così umilianti a dichiararsi insoddisfatto del servizio è il 72 quasi tre quarti degli intervistati spiegano da altroconsumo nel lazio il 79 dei pendolari è insoddisfatto e le linee più criticate sono la roma-frosinone fara sabina-roma e roma-avezzano in campania 70 di insoddisfatti suscitano proteste la napolisalerno la formia-napoli e la sarno-napoli ma andiamo per settori di interesse la sporcizia estrema lo sporco udite udite supera il disagio dei ritardi la puntualità diventa secondaria 63 di scontenti le condizioni sono peggiorate rispetto all analoga inchiesta svolta sempre da altroconsumo nel 2004 lo stesso per la climatizzazione gli insoddisfatti erano il 52 oggi sono il 71 gli impianti vanno sempre più frequentemente in panne diminuiscono i treni causa sovraffollamento un altro dei maggiori elementi di scontento è il sovraffollamento sette pendolari su dieci lamentano tale disagio l introduzione dell alta velocità ha coinciso con una diminuzione anche del 30 dell offerta di treni regionali stimano le associazioni dei pendolari strano visto che la tav libera delle tratte e aumenta la capacità di trasporto sulla rete normale i treni rimasti continuano ad avere la composizione di prima motivo per cui a bordo aumentano le chance di provare lo spiacevole effetto sardina inoltre le possibilità di rientro a casa la sera si sono ridotte con il risultato che se si perde la corsa giusta si arriva quando ormai il resto della famiglia ha finito di cenare lectio magistralis per fini il presidente della camera agli studenti occorre fare un po di restyling costituzionale di sabrina de filippis lo scorso 23 novembre gianfranco fini ha tenuto una lezione presso la facoltà di economia davanti a numerosi studenti e ad alcuni esponenti di futuro e libertà tra i quali il coordinatore pontino salvatore de monaco e l ex sindaco di latina vincenzo zaccheo occorre fare un po di restyling costituzionale mettere mano ad alcuni articoli ha affermato fini nel corso di una lectio magistralis all università di latina non dico quelli di cui si parla di solito precisa il presidente della camera ma parlo ad esempio dell articolo 117 della costituzione quello che stabilisce le competenze regionali secondo fini c è un eccesso di tattica e un difetto di strategia politica in italia comuni e provincie dovrebbero confrontarsi per dire quali sono le nostre priorità anziché rinfacciarsi le colpe di quanto non è stato realizzato fini prosegue sostenendo che in italia anche se in ritardo dovremmo mettere in cantiere un momento di confronto chiamare a raccolta tutte le intelligenze nazionali come avviene in francia e gran bretagna e confrontarsi su un quesito il pil continua ad essere il fattore determinante per valutare la qualità della vita di un popolo credo che bisognerebbe concentrarsi su fattori che non si misurano in pil ma che ugualmente determinano una migliore qualità della vita e una maggiore competitività del sistema paese queste le parole pronunciate all interno dell ateneo dal leader di fli in sala erano presenti molti suoi sostenitori ma fuori dall aula non sono mancate le contestazioni il malcontento nei confronti del presidente della camera viene espresso attraverso l esposizione di uno striscione che definisce fini un traditore 6

[close]

p. 7

da via costa anche quest anno presso l ex chiesa santae mariae di sperlonga si è svolto il consueto incontro tra il presidente armando cusani e i dirigenti scolastici provinciali oltre settanta i dirigenti scolastici presenti all appuntamento consapevoli della opportunità di cogliere una preziosa occasione di miglioramento e potenziamento dell offerta formativa del resto i risultati parlano chiaro la provincia dal 2007 ad oggi su 400 progetti presentati ne ha finanziato 140 per un importo totale di 1.600.000,00 euro con l 80 di questa somma già anticipata agli istituti scolastici progetti strutturati sulla formazione dei docenti l orientamento degli studenti l integrazione degli alunni stranieri l educazione civica la dispersione scolastica la valorizzazione delle eccellenze la qualità della ricerca e dei servizi al territorio il dibattito è stato aperto dal presidente cusani che a più riprese ha rilevato in ossequio al principio del federalismo il ruolo fondamentale degli enti locali rispetto alle tematiche della scuola chiamati sempre più a farsi interpreti e a dar voce alle esigenze del mondo scolastico e culturale nonché il ruolo fondamentale della scuola a tutti i livelli di docenza quale strumento di eccellenza nella formazione dei più giovani in seguito i diversi relatori hanno illustrato un report sulle attività programmatiche di competenza della provincia di latina in materia di edilizia scolastica esposizione di dati statistici rilevanti ed informativa sulle principali attività di manutenzione ampliamento completamento e nuova realizzazione di edifici scolastici provinciali pubblica istruzione esposizione di dati statistici mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 scuole bilancio positivo per l ente anche quest anno presso l ex chiesa santae mariae di sperlonga si è svolto il consueto incontro tra il presidente armando cusani e i dirigenti scolastici provinciali rilevanti della proposta di dimensionamento della rete scolastica provinciale a.s 2011/2012 dei nuovi indirizzi proposti per le scuole secondarie superiori di ii grado e delle statistiche relative all accordo triennale 2010-2012 tra la provincia di latina ed l usp di latina cusani ha inoltre posto l accento su un dato incontrovertibile l innalzamento dell offerta formativa non può prescindere oltre che dalla preparazione del personale docente anche dalla realizzazione di strutture e spazi adeguati e sicuri capaci di accogliere e garantire agli alunni di ogni grado la possibilità di esprimersi al meglio nel proprio ambiente scolastico ben consapevole di ciò la provincia di latina ha destinato in questi anni e continuerà a farlo in futuro una significativa parte delle proprie risorse nella realizzazione di interventi sugli istituti scolastici di competenza unanime l apprezzamento da parte dei dirigenti scolastici intervenuti nei confronti della provincia di latina avvertita quale unico ente locale vicino e sensibile alle tematiche del mondo della scuola che concretamente con iniziative ed interventi di tipo diverso ha saputo e continua ad interpretare al meglio le esigenze del mondo scolastico e a supportare materialmente gli istituti scolastici pontini hanno partecipato tra gli altri all incontro il direttore scolastico provinciale maria rita calvosa il dirigente provinciale del settore politiche della scuola prof vincenzo mattei il dirigente del settore egov attuazione del programma dott ciro ambrosino e l assessore delegato dott giuseppe schiboni 7

[close]

p. 8

sermoneta arsenico la giovannoli rassicura il primo cittadino l acqua che sgorga dai rubinetti è pienamente rispondente ai dettami di legge di domiziana tosatti mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 i cittadini di sermoneta possono essere tranquilli e bere come sempre hanno fatto l acqua che sgorga dai rubinetti delle proprie abitazioni a dare rassicurazioni in proposito dopo il clamore suscitato dal caso dell arsenico nelle acque è il primo cittadino giuseppina giovannoli che ha garantito che la situazione nella cittadina dei caetani è del tutto sotto controllo nonostante anche sermoneta in passato abbia dovuto far fronte ad una elevata concentrazione di arsenico nelle proprie acque oggi ha detto il sindaco il problema è stato superato i limiti di legge di 10 microgrammi per litro sono infatti rispettati anche senza la deroga concessa negli ultimi sei anni dall unione europea che portava a 20 microgrammi il limite di arsenico al quale attenersi sermoneta ha nel proprio territorio due sorgenti in quella di via delle vigne acqualatina rileva una concentrazione di arsenico pari a 3 microgrammi per litro mentre nella sorgente di via romana vecchia la concentrazione di arsenico si attesta in 16-17 microgrammi per litro comunque al di sotto del valore di 20 microgrammi stabilito dalla legge in deroga tuttavia il gestore del servizio idrico ha spiegato il primo cittadino ha da tempo provveduto a miscelare le acque delle due sorgenti per abbassare il valore di arsenico al di sotto dei 10 microgrammi/litro anche per la porzione di territorio servita dalla sorgente di via romana vecchia l acqua che dunque sgorga dai rubinetti delle abitazioni della pianura di sermoneta è pienamente rispondente ai dettami di legge anche senza bisogno di deroghe acqualatina sta tra l altro per iniziare i lavori per risolvere definitivamente la questione arsenico con la riduzione al minimo dell approvvigionamento idrico dalla sorgente di via romana vecchia attraverso la realizzazione di una nuova condotta il progetto esecutivo è stato approvato e questa amministrazione è da sempre in contatto con il gestore attraverso il quale si informa periodicamente sulla qualità dell acqua per questo posso rassicurare con certezza i miei concittadini rassicurandoli che la situazione è sotto pieno controllo sta per nascere il regolamento ambientale l assessore battisti occorre sensibilizzare e sviluppare progetti insieme alle associazioni di domiziana tosatti progettare uno sviluppo sostenibile a lungo termine è l unico modo per armonizzare il nostro standard di vita con l ambiente in cui viviamo il nostro compito come amministratori è quello di conservare il capitale natura e la conseguente bonifica delle situazioni e delle aree di degrado ambientale parole di mauro battisti assessore all ambiente di sermoneta intenzionato a far passare il messaggio della necessità di un lavoro sinergico tra amministratori e cittadini che consenta di tutelare l ambiente in questo senso si sta operando con l elaborazione del primo regolamento ambientale comunale ambiente significa aver cura del proprio territorio ma è anche ha osservato sensibilizzare e sviluppare progetti insieme ad associazioni tutela delle nostre montagne zone verdi e delle molte sorgenti di acqua ambiente tuttavia significa anche lavorare alle fonti di energia rinnovabili argomento per il quale il comune ha redatto 8 un regolamento per l installazione di impianti fotovoltaici siamo favorevoli all energia rinnovabile ma vogliamo poter dire la nostra se si parla del nostro territorio recentemente l amministrazione ha espresso perplessità sul progetto di un parco fotovoltaico presentato in provincia da installare su un terreno agricolo di pregio siamo lieti di avere impianti fotovoltaici sul nostro terreno ma in zone dismesse in zone industriali o su terreni di basso pregio il nostro ente ha poca voce in capitolo sul fotovoltaico ci sono enti superiori che decidono anche sul nostro territorio la politica smetta di portare fuori strada i cittadini come si è fatto nelle scorse settimane proprio su questo argomento il nostro tecnico ha dato solamente un parere tecnico favorevole di massima in quanto non contravveniva alle leggi vigenti sul piano energetico comunale l ufficio ambiente ed un tecnico esterno sono da tempo al lavoro e a breve verrà presentato.

[close]

p. 9

norma il pd nelle mani di luigi mazzoli di domiziana tosatti mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 il 23enne è stato eletto segretario comunale del partito prende il posto di alfonso cappelletti a soli ventitré anni è il segretario comunale del partito democratico più giovane della provincia di latina luigi mazzoli è stato nominato dalla maggioranza del direttivo alla carica di segretario del circolo cittadino enrico berlinguer e prende il posto dell uscente ed altrettanto giovane alfonso cappelletti primo segretario dalla costituzione del partito cappelletti ha preferito lasciare la carica che il direttivo gli aveva riconosciuto ormai due anni fa e non è escluso che proporrà la propria candidatura a sindaco per le prossime comunali proprio cappelletti è stato tra i maggiori sostenitori di mazzoli che è stato responsabile dei giovani democratici ed è il presidente del consiglio comunale dei giovani sostenere una candidatura così giovane è il segnale forte e consapevole di un circolo che guarda al futuro politico con spirito di rinnovamento ed apertura verso un paese intero sono certo che per la voglia che ha per come ha intenzione di disegnare elaborare e comunicare la linea politica del partito il nuovo segretario potrà solamente fare bene esistono ha osservato il segretario uscente all interno della sezione grandi qualità politiche esperienze e tante risorse umane importanti su cui il segretario può e deve contare per continuare a consolidare consenso attorno ad un partito che in questi anni di minoranza ha fatto comunque sempre sentire forte la propria presenza sul territorio in un paese in cui la destra dopo quasi cinque anni di amministrazione ha completamento fallito la propria missione governativa tocca proprio al partito democratico si è detto certo cappelletti lavorare ad un valido progetto politico-amministrativo che miri al rilancio alla crescita e allo sviluppo del paese offrendo alla gente la possibilità concreta di tornare a credere in un futuro migliore ora ha detto ancora il segretario e tutto il gruppo dirigente dovranno lavorare per unire attorno al partito democratico idee forze progetti e volti nuovi capaci di imprimere ad un paese stanco e svilito da anni di politica fatta di denunce e di delegittimazione personale dell avversario un cambio di passo indispensabile per rimettere al centro della questione l interesse generale del paese e non l interesse di pochi a livello provinciale invece a riscuotere la maggioranza dei consensi è la candidatura di salvatore la penna galetto e mancini sulla pista ciclabile consigliere regionale e sindaco benedicono lo stanziamento di 200mila euro per l opera di domiziana tosatti solo qualche giorno fa l assessorato ai lavori pubblici e alle infrastrutture della regione lazio ha stanziato 200mila euro per la realizzazione di una pista ciclabile nella zona nord est del sito archeologico dell antica norba un elemento essenziale secondo il consigliere regionale stefano galetto per il miglioramento della qualità della vita dei residenti e per lo sviluppo turistico del sito non posso che esprimere la mia soddisfazione ha dichiarato il consigliere tra i maggiori referenti in regione dell amministrazione comunale lepina perché la bicicletta ha assunto un ruolo di particolare importanza quale mezzo di trasporto alternativo nelle aree urbane anche rispetto a quello pubblico non bisogna sottovalutare la possibilità di utilizzo di questo mezzo da parte delle categorie sociali protette come nel caso del comune di norma il comune lepino ha previsto infatti un servizio di bike sharing e di affitto con servizi di deposito e riparazione che permette l uso di biciclette elettriche anche a persone disabili ed anziane È sempre più diffusa la domanda di turismo e tempo libero che privilegi la scoperta dei territori con mezzi ecologici di svago e attività fisica dichiara galetto la realizzazione di ciclovie di media e lunga percorrenza a fini prevalentemente ricreativi e turistici è quindi un esigenza sentita dalle amministrazioni soprattutto per quanto riguarda le economie su piccola scala l ospitalità il ristoro l assistenza tecnica l accompagnamento di gruppi turistici traggono beneficio dallo sviluppo delle ciclovie soddisfatto anche il primo cittadino sergio mancini che ha colto l occasione per invitare la presidente renata polverini l assessore luca malcotti ed il consigliere galetto a visitare il sito dell antica norba questo provvedimento ha detto il primo cittadino segna un importante inizio di collaborazione per il territorio lepino con i suoi rappresentati alla regione sono felice che le amministrazioni e in particolare galetto che è stato un importante sostenitore dell iniziativa abbiano capito l importanza di questo sito che riserva ancora delle sorprese come dimostrano gli scavi in corso che stanno portando alla luce nuove domus dalle pregiate decorazioni 9

[close]

p. 10

pontinia di roberto tartaglia mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 i politici sono in cerca di alleanze trattative in corso tra tombolillo pdl e fli basta che si rimedi un posto al sole e una poltrona seduta consiliare complessa l ultima tenutasi la scorsa settimana nel comune di pontinia una seduta dai toni forti annunciata già dalla lettera inviata da novelli al presidente del consiglio comunale marcello calisi datata 22 novembre novelli per l ennesima volta denunciava ritardi nella consegna dei documenti necessari per il dibattito consiliare delle planimetrie nello specifico la risposta di calisi non s è fatta attendere ho fatto presente che da parte della presidenza della maggioranza e della struttura amministrativa non c è nessuna volontà di osteggiare il lavoro dell opposizione consiliare novelli credo ricordi che il comune è sprovvisto della macchina per fare copie della planimetria È sempre stato così per questo non possiamo mettere a disposizione tutti gli atti prima della discussione in consiglio per ovviare a queste difficoltà gli uffici comunali sono aperti e lo stesso funzionario dell ufficio tecnico è a disposizione sua e degli altri consiglieri nel caso in cui vogliano prendere visione degli atti È previsto anche che possano portare un tecnico esterno per la visione degli atti stessi l apertura da parte nostra è totale nonostante questo atteggiamento conciliatorio però la discussione del punto sulla variante al piano regolatore per la zona b è saltato a causa della mancanza del parere tecnico che dovrebbe accompagnare il provvedimento ma l ingegner corradi non ha ritenuto opportuno fornirlo non si può sempre parlare di ripresa dello sviluppo economico e dell occupazione ma poi non far nulla in concreto dichiara paolo torelli mi dispiace ma per certe tematiche a mio avviso viene in risalto un obiettivo molto più alto della semplice contrapposizione a priori cioè il benessere della città e della popolazione basta con le contrapposizioni da politica medioevale pensiamo a progettare le soluzioni ai problemi i cittadini vogliono risposte altro punto spinoso della seduta per la maggioranza comunale sono stati i ritardi per motivi burocratici imputabili alla regione lazio dell apertura del museo demo etno antropologico che ora sembra fissata al prossimo mese di giu gno un punto a favore del centrosinistra però lo porta il sindaco personalmente tombolillo infatti ha annunciato l imminente attuazione dello svincolo presso l incrocio della migliara 48 con la statale pontina da qualche mese argomento di accesi dibattiti per lo più sollevati da giuseppe anitori consiliare difficile di roberto tartaglia un altra seduta nuove riorganizzazioni nel centrodestra a pontinia e la parte del leone la fa la neonata fli il centrodestra a pontinia si divide tra temerari e prudenti da un lato ex piddiellini coraggiosi che vedono nel nuovo partito la vera marcia in più per fronteggiare il ben quotato tombolillo dall altra gatti sornioni che stanno a guardare ed aspettano che la giostra ingrani bene prima di scegliere il giro giusto nel quale salire ma i problemi non mancano di certo anzi la nascita di fli ha solo rafforzato le già forti discrepanze all interno dell attuale opposizione comunale l udc non nasconde la propria tendenza ad appoggiare tombolillo nelle prossime comunali e gli storaciani belli e del bono continuano a battere su un tamburo che canta la verità dolente fatta di una realtà frammentaria e da ricostruire ma allo stesso tempo c è la possibilità che anche questo misero e leggero equilibrio salti sì perché se fli riuscisse nell intento di pro10 porre un valido avversario l udc non ci penserebbe due volte a sostenerlo abbandonando l idea filotombolilliana insomma voci di corridoio o verità oggettive la questione è sempre la stessa basta conquistare la poltrona alla coerenza ideologica e alle alleanze politiche ci si penserà dopo la vita è fatta di priorità ma a pontinia c è anche chi si chiama fuori dai giochi come già ha fatto novelli e chi fa sentire la propria fievole voce riemergere dai ricordi di un ormai lontano passato come scirocchi negossi sciscione e verdecchia questi ultimi due potenziali alleati di tombolillo ma solo nel caso in cui resti il favorito logico c è anche chi parla di una probabile ricandidatura di mochi forte del nuovo partito ma la realtà è che a pontinia il centrodestra sembra non avere molte carte da giocare ed affrontare in questi termini un avversario come tombolillo fa poco ben sperare esponenti e sostenitori dell attuale opposizione comunale.

[close]

p. 11

roccagorga di simone di giulio mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 centrosinistra la crisi È servita rottura tra i banchi in maggioranza con bevilacqua e nardacci che si astengono dal voto daco della città e gianpiero nardacci ex segretario comunale del pd di astenersi dal voto sull assestamento di bilancio una presa di posizione forte da parte di due illustri esponenti del partito di maggioranza chiaro ed evidente epilogo di una storia che si trascinava da molto tempo e che nonostante apparenti segnali di schiarita non si è mai definitivamente risolta a commentare quella che viene ritenuta una delle pagine più nere della politica rocchigiana è il gruppo consiliare del partito democratico ovviamente vicino alle posizioni del sindaco che in una nota afferma i personalismi hanno preso il sopravvento oscurando il senso autentico della politica e soprattutto l attenzione verso le problematiche della comunità il primo punto all ordine del giorno in merito all assestamento del bilancio di previsione 2010 operazione contabile che ha dimostrato il perfetto equilibrio delle maggiori entrate a copertura delle maggiori uscite ha visto in maniera strumentale e con obiettivi ben diversi da quelli professati il voto di astensione dei consiglieri di maggioranza loreto bevilacqua e giampiero nardacci il sindaco carla amici dal momento che esprimere un voto di astensione equivale ad esprimere un voto contrario alla maggioranza di appartenenza ha preso atto dell auto-collocazione tra le file della minoranza del consiglio comunale dei consiglieri bevilacqua e nardacci alla luce anche del fatto che la non approvazione la rottura è servita all interno del partito democratico di roccagorga nel corso dell ultimo consiglio comunale infatti le premesse che negli scorsi mesi avevano fatto intendere una crisi all interno della maggioranza di carla amici sono state confermate dalla decisione di loreto bevilacqua ex sin dell assestamento di bilancio equivale alla non approvazione del bilancio di previsione la cui conseguenza per legge è lo scioglimento del consiglio comunale insomma uno strappo insanabile che avrà sicuramente strascichi intanto il congresso dei democratici di roccagorga ha eletto all unanimità il nuovo segretario del circolo cittadino erasmo spaziani priverno di mario giorgi la ricetta del pdl per traffico e parcheggi le xx settembre dall area riservata allo stazionamento degli autobus adibendo tale spazio ad aree di parcheggio il vantaggio così secondo d arcangeli e miccinilli sarebbe duplice si potrebbe raggiungere comodamente a piedi grazie ai collegamenti verticali la caotica via giacomo matteotti si creerebbero parcheggi a ridosso di via consolare inoltre sempre a servizio di via consolare e dell intero centro storico si potrebbero ricavare altri parcheggi istituendo via circonvallazione nord san benedetto-via casa tonda a senso unico di marcia e un altra idea chissà 11 come pdl di priverno congiuntamente ai ragazzi della giovane italia abbiamo sviluppato delle idee per la realizzazione a costo zero di parcheggi e di flussi veicolari che porteranno sicuri vantaggi alla comunità a dichiararlo sono matteo d arcangeli ed alessandro miccinilli si potrebbe trasferire il capolinea del servizio urbano di trasporto da piazzale xx settembre al terminal e istituire il senso unico in via della stazione dall intersezione con via della grotta a piazzale xx settembre in questo modo si ricaverebbero parcheggi sul lato destro della carreggiata e si libererebbe piazza-

[close]

p. 12

priverno di mario giorgi mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 sanitÀ e trasporti pubblici un odissea il regina elena non è più un ospedale e la stazione di fossanova è la croce per i pendolari fino ad un paio di anni fa fiore all occhiello almeno per alcuni reparti della sanità pontina il regina elena di priverno non è ormai più un ospedale e forse nemmeno un ex ospedale viste le condizioni in cui si trova e i servizi al cittadino che riesce a fornire tra la gente ancora oggi c è rimpianto ma anche rabbia e vero ormai sono in pochi a sperare che qualcosa cambi ad illudersi che ci saranno restituiti almeno dieci posti di osservazione breve nella struttura di via madonna delle grazie dove peraltro pare si stia aprendo un contenzioso tra l azienda sanitaria e la ditta che sta eseguendo i lavori ma tra i cittadini specie i più anziani c è sempre l amara considerazione probabilmente suggerita dall età su dove si andrà a morire e sì perché chi non ha la fortuna di morire in casa bene che gli vada potrà dire addio a questa terra all ospedale fiorini di terracina bene che gli vada perché c è anche il fondato rischio di chiudere gli occhi in una stanzetta del san giovanni di dio di fondi o forse in un nosocomio del sud della provincia pontina e quindi lontano decine e decine di chilometri da casa allora la questione che si pone ora non è tanto quella di stare ad individuare responsabilità di uomini e di partiti politici di ieri e di oggi che pure ci sono ed anche gravi per lo smantellamento di quello che una volta era un ospedale generale di zona ma problema reale è diventato il collegamento tra la città di priverno ed altri centri del comprensorio collinare lepino che in passato gravitavano sull ex regina elena e il fiorini di terracina se mi togli una struttura ospedaliera ed alcuni importanti servizi tu stato tu regione tu asl tu ente locale mettimi almeno nelle condizioni di poter raggiungere la struttura sanitaria pubblica che mi hai imposto come riferimento questa è la considerazione della maggior parte dei cittadini della zona collinare soprattutto di quelli che non possono permettersi e purtroppo ce ne sono oggi più di ieri data la grave crisi che ha investito le famiglie l uso del mezzo privato andare da priverno al fiorini di terracina per una visita specialistica o per un esame diagnostico è davvero una sorta di odissea orari cotral e fs alla mano se l appuntamento è fissato nella mattinata il cittadino utente deve uscire di casa praticamente all alba senza peraltro avere certezze di poter tornare appena finito l esame se invece la visita medica è di pomeriggio si rischia di tornare a casa a notte fonda solo per cronaca riportiamo gli orari cotral e fs collegamento cotral privernoterracina ore 7:20 ore 8:20 ore 14:45 collegamento cotral terracina-priverno ore 7:20 ore 13:40 collegamento fs dalla stazione di priverno-fossanova per terracina ore 7:25 ore 15:53 ore 18:48 ore 19:59 ritorno in treno da terracina a priverno-fossanova qui va un po meglio ore 7:32 ore 13:50 ore 16:35 ore 19:27 se poi si ha la ventura di avere un parente ricoverato in uno dei reparti del fiorini la situazione diventa ancora più difficile perché l ingresso visitatori all ospedale terracinese è previsto dalle ore 13:00 alle ore 14:00 e dalle ore 18:00 alle ore 19:00 e come si evince dai numeri il cosiddetto riassetto sanitario non è stato supportato in alcun modo da un riassetto della mobilità sul territorio in verità qualche comune dell entroterra lepino ha risolto in proprio il problema mettendo a disposizione dei cittadini un mezzo comunale da priverno finora è arrivato solo l impegno ad intervenire sul cotral ma la speranza è l ultima a morire questa davvero in ogni luogo senza distinzione di latitudine 12

[close]

p. 13

maenza di luca morazzano mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 un consiglio atroce per la minoranza relegata al ruolo di comparsa oltra alla presenza l opposizione non può nulla contro l autorità di mastracci velocità risolutezza e autorità tali da far impallidire esempi monarchici di altri tempi quattro punti all ordine del giorno liquidati in circa venti minuti effettivi riducendo al minimo le discussioni e chiamando l assise a votazioni dall esito quanto mai segnato nel giro di qualche giro di lancette questo è stato l ultimo consiglio comunale di maenza emblema sommo di un amministrazione quella mastracci bis che legittimata da numeri importanti una maggioranza intoccabile anche se figlia dell assenza alle urne del centrosinistra estromesso dal famoso vizio di forma che ha escluso dalla competizione la lista di paola cacciotti si muove spedita facendo dell opposizione un sol boccone proprio alla faccia del consiglio ebbene sì perché se l assise comunale dovrebbe essere il massimo luogo di confronto in cui confrontarsi e partorire decisioni per la collettività chiunque quest ultima abbia deciso di votare a maenza questo non accade proprio l approvazione dei verbali della seduta precedente diventa immediata i punti vari ed eventuali vengono azzerati e le variazioni al bilancio preventivo operate con la delibera 156 del 29/10/2010 si trasformano in una presa d atto a fronte di una spiegazione ermetica e sommaria l opposizione vota contro e daniele marchetti prova anche a sottolineare votiamo no e anche con rammarico senza entrare nel merito ma per l atteggiamento stesso come avviene da un anno e mezzo non entriamo nel merito in quanto non siamo stati minimamente informati sulle decisioni prese e delle linee seguite la legge lo consente ma crediamo che il dialogo possa sempre servire magari avremmo avuto qualche idea di cui discutere in questo comune tranne che per il piano particolareggiato due riunioni non c è una riunione dei capigruppo l ostracismo verso la minoranza pare davvero eccessivo ma mastracci liquida in fretta anche questa pratica con un perentorio ci sono altri interventi allora votiamo per la cronaca l unica assente era il consigliere di maggioranza rosalba napoleoni tenuta lontana da impegni di lavoro inderogabili la maggioranza però non ha minimamente accusato il colpo ma ciò non meraviglia considerando che sebbene risulti come seconda degli eletti pochi voti di distanza dal vice sindaco cimini napoleoni non ricopre cariche assessorili o ruoli focali e poi una conclusione constatata tanta autorità al termine della legislatura nel tirare le somme maenza potrà tributare onori oppure critiche ad una persona specifica il sindaco mastracci che di fatto considerata la forza dei numeri che lo sostengono ha piene facoltà di fare e disfare certo non lo potranno esprimete al voto visto che dopo due mandati l attuale sindaco diventerà ineleggibile magari potranno tenerne conto i vertici di partito ammesso che il primo cittadino ne abbia uno per sue stesse ammissioni per decidere un eventuale avanzamento ad altri livelli cosa sono le marocchinate fauttilli chiede al sindaco il perchè dell assenza a roma a margine del consiglio comunale l esponente di opposizione sergio fauttilli ha chiesto ottenendolo uno spazio per un punto fuori ordine del giorno sono stato ad una manifestazione a roma dell associazione nazionale delle vittime delle marocchinate è l associazione di coloro che ricordano i morti ammazzati in italia dall antisemitismo seguito alle campagne d africa ndr maenza era stata invitata ma c ero solo io propongo avendo avuto qui dei caduti di dimostrare la sensibilità del nostro paese a questo tema roccagorga lo ha già fatto il sindaco ancora una volta è lapidario so che ci pd cacciotti bis esiti primarie maentine plebiscito per forte hanno inviato via fax che io non ho visto il mercoledì per il esclusa per un vizio di forma venerdì poco preavviso non nella corsa alla poltrona di sinsiamo riusciti ad andare l.m daco paola cacciotti è stata confermata segretaria del pd di maenza nell ultimo congresso proprio la cacciotti unica candidata ha ottenuto 30 voti per quanto riguarda la segreteria provinciale 29 voti sono andati a enrico forte e 3 a salvatore la penna per un totale di 32 rinnovato e ringiovanito il direttivo nel quale entrano teodorico colorito aurora centra katia valle maria polidoro claudio sperduti sonia iagnocco alberto centra nico carpentieri ed ennio di girolamo l.m 13

[close]

p. 14

cultura di paola bernasconi mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 sezze weekend tra teatro e libri sezze in-con-tra il teatro è arrivato al suo settimo appuntamento venerdì 3 dicembre alle ore 21,00 è infatti la volta de il bar delle meraviglie per la regia di annamaria ricci a calcare le scene la compagnia teatrale nuovi orizzonti di latina nata nel 1990 come risposta all immagine stereotipata del bancario serioso ed impettito gli attori sono per lo più bancari ed ex bancari in pensione la nuovi orizzonti ha al suo attivo diversi spettacoli come si rapina una banca e il settimo si riposò di samy fayad l opera dei pupi e napoli ogni anno punto e daccapo di fabio carbone fino a le voci dentro e natale in casa cupiello del grande eduardo de filippo con il bar delle meraviglie la compagnia trae spunto dal teatro di stefano benni e di achille campanile così dichiara la regista i due autori distanti sia nel tempo che nel carattere hanno in comune un tipo di comicità surreale e fantastica legata alla parola al significato ed all uso che ne fa assisterete all umanizzazione delle macchine a fronte della disumanizzazione dell essere umano al commovente sogno di un muratore al litigio di due coniugi alquanto nervosi alle disgrazie di una strega ormai in decadenza non potrete che condividere le considerazioni di una dignitosa topastra e vi stupirete dell arguzia di un invadente barman nel pomeriggio continua invece presso il museo archeologico in largo bruno buozzi la rassegna dei venerdì letterari a cura dell assessorato alla cultura del comune di sezze a presentare il suo libro intitolato milano non esiste l autore dante maffia un romanzo che vede protagonista un operaio calabrese a milano da quarant anni a poco dalla pensione e vicino al suo più grande sogno tornare al suo amatissimo sud dovrà però fare i conti con una moglie e sei figli ormai grandi che di emigrare in calabria non ne vogliono sapere un testo arrabbiato tormentato e denso di quella malinconia che affligge chi lascia la propria terra d origine la presentazione del libro è affidata al professor giancarlo loffarelli mentre marina eianti leggerà alcuni brani tratti dall opera a coordinare la serata come le altre ad ingresso gratuito ci penserà jeph anelli mentre alla fine dell evento verrà offerta ai partecipanti una degustazione di dolci tipici a cori concerto di napolincanto domenica 5 dicembre l associazione culturale napolincanto presenta lo spettacolo napolincanto in concerto luogo dell evento il teatro comunale di cori insignita nel 2005 della targa d oro del premio nazionale histonium per l impegno artistico e culturale finalizzato alla riscoperta della bellezza e del messaggio della canzone napoletana napolincanto vanta apparizione anche in rai la formazione vede gianni aversano alla voce chitarra e recitazione nando piscopo al mandolino e domenico de luca alla chitarra solista e alla percussione un trio di ottimi professionisti della musica il primo è insegnante di filosofia e storia studioso di storia e tradizioni partenopee nonché autore di canzoni e testi e voce solista dell orchestra popolare italiana diretta da ambrogio sparagna il secondo compositore di musica elettronica è stato uno dei membri del noto gruppo i virtuosi di san marino ed ha suonato con sergio bruni il terzo è invece direttore di uno studio di registrazione compositore e arrangiatore di musica leggera e folk il gruppo proporrà eccezionalmente a cori un excursus della tradizione musicale partenopea lo spettacolo ha inizio alle ore 17,00 e l ingresso è di 7 per chi volesse avere altre informazioni o prenotare biglietti il numero da contattare è lo 06/9679808 p.b terra madre ermanno olmi a pontinia il film-documentario del maestro del cinema sarà proiettato al teatro fellini domenica 5 di paola bernasconi È iniziato domenica sette novembre il cinedocuforum al teatro fellini di pontinia organizzato dall associazione cantiere creativo in collaborazione con l associazione ecologia e territorio la rassegna ha visto la proiezione di pellicole dal forte impatto sociale dal draquila di sabina guzzanti a rifiuti l incubo nucleare di eric gueret passando per belle verte di corinne serrau dopo gomorra presentato venerdì scorso domenica cinque dicembre sarà la volta di terra madre il nuovo film documentario di ermanno olmi l appuntamento è alle ore 18,00 e sempre ad ingresso gratuito per la visione di un film che fa parte di un movimento più grande la data della proiezione non è difatti casuale visto che il dieci dicembre ricorre il terra madre day oltre mille eventi in 120 paesi hanno dato vita a una delle più grandi occasioni collettive mai realizzate su scala globale per celebrare la 14 diversità alimentare e proclamare il diritto a un cibo buono pulito e giusto così si legge nella homepage ufficiale della manifestazione pontinia farà parte di tutto questo attraverso un film che non è un film di ermanno olmi come ha dichiarato lo stesso regista ma un film dove si sono concentrate molte energie e dove l odore della terra è quasi palpabile non è stato pensato prima nella sua struttura ma è nato da un percorso molto libero ci sono tante realtà che dialogano e offrono l idea complessiva di qual è il nostro rapporto con la terra quelle dei personaggi in particolare quelle dello strano uomo che viveva dei suoi prodotti non erano condizioni miserabili ma condizioni che mettono uomo e terra sulla stesso piano oggi invece la terra è ormai un supporto il suolo è diventato parte di un processo produttivo di cui è una delle componenti e non più la condizione irrinunciabile

[close]

p. 15

cultura di luisa belardinelli mondore@le numero 75 3 dicembre 2010 al d annunzio c È lo shylock il mercante di venezia riletto da andò e ovadia con il ritorno sulle scene di shel shapiro un multimilionario sbruffone e presuntuoso che ha cominciato cantando sulle navi da crociera che si scopre commerciare con esseri umani e organi l ambiguo produttore ingaggerà il regista a mettere in scena un testo il mercante di venezia di w.shakespeare il dialogo tra il regista e il produttore si farà sempre più intenso nel momento in cui emergerà la storia di shylock un ricco usuraio che nella venezia cinquecentesca fa affari prestando denaro disprezzato dai cristiani da lui odiati a sua volta in particolare antonio che lo insulta e lo umilia accordando prestiti gratuitamente sarà proprio antonio per aiutare l amico bassanio a cui servono soldi per poter corteggiare l ereditiera porzia che dovrà chiedere un prestito a shylock il quale glielo accorderà chiedendo in cambio in caso di mancato pagamento una libbra della carne di antonio nell affrontare il mercante di venezia ovadia ha voluto cercare e valorizzare quei temi che oggi come cinquecento anni fa lo rendono complesso e inquietante durante lo spettacolo alle parole si mescolano musiche e canzoni dai queen who wants to live forever al gospel when israel was in egypt land let my people go da money a suggestioni klezmer e balcaniche con un orchestrina e in scena questa domenica alle ore 21:00 al teatro d annunzio di latina shylock il mercante di venezia in prova di roberto andò e moni ovadia un nuovo spettacolo ispirato al mercante di venezia di shakespeare firmato nuova scena arena del sole teatro stabile di bologna nel ruolo di shylock l antesignano della musica rock in europa e della canzone italiana negli anni sessanta il leader dei the rokes shel shapiro shylock il mercante di venezia in prova ripercorre la vicenda shakespeariana attraverso le prove di una compagnia che deve mettere in scena la vicenda di shylock in forma di teatro musicale l ambientazione è dei giorni nostri in un luogo post-industriale che potrebbe essere un loft adattato a teatro ma ancor più un ospedale psichiatrico squallidi letti da ospedale muovono lo spazio di questa stanza della tortura mattatoio in cui un regista è alle prese con le prove da qui il titolo dello spettacolo di una grottesca compagnia diretta da un impresario senza scrupoli moni ovadia musicista attore e scrittore dedito al recupero e alla rielaborazione del patrimonio artistico letterario religioso e musicale della cultura yiddish e mitteleuropea interpreta un regista ebreo che incontra un produttore ruggero cara dal vivo la moni ovadia stage orchestra luca garlaschelli massimo marcer albert florian mihai vincenzo pasquariello paolo rocca la scrittura teatrale coinvolge più lingue per superare barriere geografiche italiano inglese tedesco spagnolo ebraico rom sempre comprensibile o tradotto sul muro di fondo una babele linguistica informazioni spettacolo domenica 10 dicembre ore 21:00 teatro d annunzio di latina telefono 0773.652626 a fossanova si apre il sipario all arte nel borgo antiche suggestioni di alfredo malferrari e assolo di elisabetta femiano di luisa belardinelli l associazione culturale muse presenta questa domenica alle 17:00 nel borghetto di fossnaova la mostra personale di alfredo malferrari con le sue antiche suggestioni e a seguire alle 18:00 lo spettacolo teatrale nel refettorio di fossanova assolo atto unico per una donna di e con elisabetta femiano per la regia di danilo proia riscoprire il valore del tempo e l essenza del nostro territorio questo è il nobile obiettivo che l associazione culturale muse si prefigge di raggiungere una location d eccellenza il noto borgo di fossanova patrimonio raffinato e storicamente importante un incontro quindi tra la storia l arte contemporanea e il teatro proteso a valorizzare il nostro patrimonio architettonico artistico e culturale saranno esposte pertanto per tutto il mese di dicembre presso il museo medievale-archeologico di fossanova le opere di alfredo malferrari artista bolognese malferrari propone una ricerca costante sulla tecnica dell affresco era il 1983 quando fondò con andrea neri e sergio ban il gruppo arti visive mediterraneo tale per corso artistico gli permise di perfezionare la sua personalissima tecnica pittorica rifacendosi a diversi e raffinati elementi visivi risalenti ad antiche chiese abbazzie la sua arte si carica di quella potenza espressiva dell invisibile che dissolve il visibile fino all elaborazione di una archeologia del percettibile retinico oltre alla personale di malferrari sarà possibile assistere allo spettacolo teatrale assolo portato in scena e scritto da elisabetta femiano per la regia di danilo proia assolo è la storia di teresa che lasciata dal marito si ritrova sola in una casa che diventa l unica superstite di un sogno d amore infranto lo spettacolo inizia denunciando con forza la rottura di un rapporto d amore durato anni quello schiaffo all anima di cui teresa ne è la destinataria le consente di vedere tutto ciò che è stato con un linguaggio concreto asciutto ironico teresa racconta un passato vivo solo nelle parole uniche sopravvissute allo scorrere del tempo l ingresso alla mostra e allo spettacolo è libero per informazioni chiamare al 392.8253700 15

[close]

Comments

no comments yet