Il Giornale d'Abruzzo edizione SANGRO-AVENTINO in stampa ottobre 2013

 

Embed or link this publication

Description

Il Giornale d'Abruzzo edizione SANGRO-AVENTINO in stampa ottobre 2013

Popular Pages


p. 1

Il Giornale d’Abruzzo Stampa quindicinale distribuzione gratuita edizione Sangro-Aventino * E d i z i o n e S A N G R O - AV E N T I N O * A n n o I ° - O t t o b r e 2 0 1 3 / n ° 0 4 * A s s o c i a z i o n e “ L a L u n a d i S e b ” e d i t r i c e d e I l G i o r n a l e d ’ A b r u z z o * w w w. i l g i o r n a l e d a b r u z z o . i t info@ilgiornaledabruzzo.it editoriale “ L’autunno che spoglia Non ci sono risorse. Non ci sono soldi. I piccoli comuni soffrono, in questo numero abbiamo raccolto il grido di dolore di alcuni sindaci. di Il FATTO Lo sfogo dei sindaci di Perano, Roccascalegna, Civitaluparella e Bomba all’INTERNO Val Di Sangro ” Il grido di dolore dei piccoli comuni di Barbara Del Fallo I sindaci: “ingenti i tagli” Destinatari di continui tagli, oggetto di continue prescrizioni fondate su un logorante formalismo..... Gioia Salvatore Tagli al sociale, alla cultura, alle manifestazioni, tagli e basta. E nel tagliare i servizi erogati si penalizzano le fasce deboli, quelle piu’ bisognose. E quindi a pagare lo scotto maggiore di questa crisi mondiale che parte da lontano ed arriva al comune piu’ piccolo e sconosciuto sono sempre gli stessi: i più deboli. Anziani, malati, disabili. Ed aumenta il divario tra ricchi e poveri. Da chi ha un po’ meno di prima e chi non ha piu’ nulla. Una crisi che , unico aspetto positivo, sta facendo crescere il volontariato che, in alcuni casi, si sostituisce, per quello che puo’, all’ente pubblico. Una situazione grave e difficile alla quale non bisogna abituarsi. Frase ricorrente “bisogna avere speranza”. Ma la speranza ha bisogno di essere alimentata da uomini capaci, da azioni concrete di tagli agli sprechi, da atti di coraggio per iniziare a cambiare le cose. E’ il momento di superare l’antipolitica, diventata una patologia diffusa, e di rinnovare la politica con uomini responsabili e che “realmente” e non solo con gli slogan si mettano a disposizione della comunità. Fra qualche mese in Abruzzo si tornerà al voto. Pensiamoci bene. S ono sempre più preoccupati gli amministratori dei piccoli comuni del Sangro di fronte alle difficoltà gestionali legate agli ingenti tagli dei trasferimenti statali e all'incertezza sui tempi di ricezione dei finanziamenti. A farne le spese l'economia dell'intero comprensorio. segue a pagina 2 pagina 2 Bomba edifici scolastici sicuri L'Amministrazione Di Santo riparte con il nuovo anno scolastico 2013/2014 ponendo ancora grande attenzione.... Strada provinciale a Piazzano di Atessa: rotonde o asfalto? Non è passato molto tempo da quando, sulle pagine di questo giornale e con tanto di foto esplicative, abbiamo evidenziato il pessimo stato e la relativa pericolosità della strada provinciale sangritana che attraversa l'abitato di Piazzano di Atessa. L'argomento torna di stretta attualità non perché nel frattempo l'Ente deputato, cioè la Provincia, abbia fatto qualcosa ma per una iniziativa del gruppo consiliare di minoranza del comune di Atessa, il Mau, Movimento per Atessa Unita. I consiglieri di questo movimento, facendo quindi con pieno merito il proprio dovere di oppositori, ha fatto notare, con tanto di pubblica assemblea, come la maggioranza dia priorità alla realizzazione di due nuove rotonde a scapito del rifacimento dell'asfalto nel predetto tratto di strada provinciale. Vediamo di fare, per quanto di nostra conoscenza, un pò d'ordine e magari di chiarezza. Un finanziamento regionale che dovrà essere attuato dalla Provincia prevede la realizzazione di due rotonde per favorire il deflusso del traffico e garantire maggior sicurezza in questi punti di snodo del traffico nella zona industriale. Si tratta di un incrocio tra la strada provePANORAMA di Angelo Lannutti niente da Lanciano, su cui affluisce anche il transito in uscita dalla Fondovalle, e la suddetta provinciale e di uno svincolo della strada proveniente da Atessa capoluogo in direzione della zona retrostante, ma pur sempre di accesso, alle industrie. Chi si alza presto al mattino per recarsi al lavoro conosce la reale portata dei volumi di traffico. Populismo vorrebbe che con questi fondi si provvedesse a rifare il disastrato asfalto nella zona di Piazzano. Ma perché ,si sostiene nella maggioranza, rinunciare ad opere importanti quando per la manutenzione ed, a maggior ragione ,alla messa in sicurezza di tale tratto deve provvedere un Ente che ha per delega questo compito? In realtà il pessimo stato della provinciale è tale da diversi anni, bisognava aspettare il finanziamento per la costruzione delle rotonde per provvedere ad un compito di propria competenza? Era forse meglio non darsi da fare: niente finanziamento niente rotonde e niente asfalto. Con il finanziamento delle nuove opere si è aperto il solito gioco delle parti che rischia di arrecare ancora più danni invece di trovare un fronte comune per chiedere un sacrosanto diritto quale la manutenzione di una strada provinciale da parte di chi è deputato a farlo. pagina 3 Viabilità collegamento Atessa Casalbordino Dopo 7 anni è stata riaperta alla circolazione il tratto della strada provinciale 216..... pagina 3 La storia del dott. Libero Di Paolo “Fare Territorio” di Egisto Rossetti Tornareccio: Premiato il miele dell’az. Luca Finocchio pagina 3 pagina 2 pagina 4

[close]

p. 2

2 approfondimento ottobre 2013 edizione Sangro-Aventino Il Giornale d’Abruzzo FARE TERRITORIO Il territorio è una risorsa preziosa e non riproducibile urbanistica” e “Patto per lo sviluppo dell’edilizia green” sono le strategie sulle quali puntare per sconfiggerla. Ciò trova riscontro nelle iniziative, ad esempio dell’Ance, la quale propone un “piano di riqualificazione del patrimonio edilizio pubblico e privato” che abbia come “leva” strategica “la premialità volumetrica per le imprese” e “l’implementazione degli interventi di rilevanza pubblica per i Comuni”. Se saranno previsti per le imprese aumenti di volumetria, cambi di destinazione d’uso di immobili, recupero delle iniziative immobiliari non concluse, gli Enti Locali potranno ottenere in cambio non solo flussi finanziari in entrata, ma anche la realizzazione di opere di rilevanza pubblica: aree a verde attrezzato, urbanizzazioni e servizi nel sottosuolo facendo così nascere veri e propri ECO-QUARTIERI. (continua sul prossimo numero) Dal suo utilizzo possono derivare consumo o compromissione di valori ambientali e paesaggistici, che determinano un abbassamento della qualità territoriale e della qualità della vita dei cittadini. di Egisto Rossetti Dal suo utilizzo possono derivare consumo o compromissione di valori ambientali e paesaggistici, che determinano un abbassamento della qualità territoriale e della qualità della vita dei cittadini. P urtroppo in Abruzzo, come nel resto d’ Italia, il territorio non è percepito come una risorsa esauribile, ma come terreno in attesa di essere edificato. Quella che fu la speculazione edilizia, ha originato l’allargamento del confine urbano edificato e ha favorito la proliferazione di capannoni e centri commerciali, collegati tra loro da strade, tangenziali, bretelle, svincoli e rotonde. La città storica, compatta, non esiste più. Il summit mondiale di Rio de Janeiro (1992) ha segnato un passaggio storico nella consapevolezza del problema ambientale, il quale non può essere affrontato riparando i danni a posteriori, ma orientando il modo di produrre e consumare verso la qualità ambientale e quella sociale in particolar modo. Risulta necessario riqualificare, restaurare, conoscere e riconoscere le risorse ambientali, al fine di tutelarle e perseguire uno sviluppo REALMENTE sostenibile. Oggi siamo tutti chiamati a combattere una crisi che ha molteplici sfaccettature; “Moneta Il FATTO Lo sfogo dei sindaci di Perano, Roccascalegna, Civitaluparella e Bomba La riflessione del primo cittadino di Bomba Donato Di Santo: "Lo Stato è distante", l'esasperazione dei sindaci del Sangro di Barbara del Fallo “In caso calamità naturale, nemmeno un euro in bilancio” “Non mi lamento di quel poco che ci danno ma del fatto che non c’è alcuna certezza né nei modi né dei tempi” sostiene il sindaco di Bomba Donato Di Santo che solleva la problematica dell’impossibilità organizzativa della gestione delle spese ordinarie e non. “Il sistema non funziona più – aggiunge – e non permette nemmeno di pianificare le spese quotidiane dell’ente”. Anche se i tagli non hanno intaccato la funzionalità dei servizi comunali essenziali, primo tra tutti quello scolastico, preziosa è la riflessione del primo cittadino che dice: “Se dovesse verificarsi una calamità naturale, non avremmo in bilancio nemmeno un euro da poter utilizzare”. E oltre al anno anche la beffa dato che, come sostiene Di Santo: “Mentre ci confrontiamo con i cittadini su Imu e Tares, ecco che spunta all’orizzonte la Service Tax, la tassa del 2014”. Destinatari di continui tagli, oggetto di continue prescrizioni ordinamentali fondate su un logorante formalismo giuridico e burocratico, patto di stabilità, nuove e fumose forma di tassazione: i primi cittadini dei piccoli comuni dell'entroterra abruzzese sollevano il grido d'allarme IL SINDACO DI PERANO GIANNI BELLISARIO: “IL VERO SPRECO SONO I NOSTRI PARLAMENTARI” "Gli oltre mille parlamentari che occupano le aule di Montecitorio e le poltroncine annesse sono i veri sprechi del nostro Paese. Basta puntare il dito contro i piccoli comuni”. Durissime le parole di Gianno Bellisario, sindaco di Perano nel suo atto di accusa contro la poco oculata gestione dello Stato che, nonostante i tagli praticati alle amministrazioni locali, fa impennare la spesa pubblica. Testimonianza del fatto, come sostiene l’avv. Bellisario, che “qualcuno non vuole rinunciare ai propri privilegi”. “Stiamo vivendo – continua il Sindaco – non una crisi politica ma una crisi etica e morale che investe tutti gli organi dello Stato, tranne gli amministratori locali che lavorano sodo e volontariamente, rinunciando a ogni forma di indennità, così come accade nel nostro comune”. " Il 4, 5 e 6 ottobre prossimi - conclude - ad Ortacesus in Sardegna, in occasione della XIV Assemblea Nazionale dei Piccoli Comuni, andremo a rinvigorire e riaffermare il grido di allarme che partì proprio da Perano due anni fa". Roccascalegna, il sindaco Domenico Giangiordano: "Lo Stato è lontano dalle realtà locali" Domenico Giangiordano, sindaco di Roccascalegna, pone l'accento sull'impossibilità di programmazione in seguito all'ennesima proroga dell'approvazione del bilancio di previsione 2013 che cade al 30 novembre prossimo: "Come si può prevedere i progetti da mettere in cantiere per l'annualità 2013 a novembre dello stesso anno? E' una vera follia". "Ci chiedono di pensare e agire - dice - come un'azienda ma qualsiasi attività, con queste premesse, sarebbe già fallita". Roccascalegna, con il castello, è un paese che ha delle reali potenzialità turistiche ma "con la mancanza di fondi diventa tutto più difficile", ribadisce il primo cittadino. "Il nostro comune - aggiunge - è oltretutto soggetto al patto di stabilità. Non abbiamo inoltre strutture sul territorio dalle quali poter attingere per finanziare progetti nuovi e non". Poi conclude “viviamo il dramma di uno Stato che è distante anni luce dalle realtà locali". MARIANO FICCA, SINDACO DI CIVITALUPARELLA: ”PIU’ PUNTUALITA’ NEI TRASFERIMENTI ALTRIMENTI SIAMO COSTRETTI A CHIUDERE” Mariano Ficca, primo cittadino di Civitaluparella, accusa il Governo centrale dell’assenza di puntualità nei trasferimenti statali e dice: “Così rischiamo di chiudere i battenti e di riportare le chiavi a chi di dovere”. “Finora – aggiunge – abbiamo avuto solo acconti minimi che ammontano a un totale di 36mila euro che non bastano nemmeno per pagare le spese relative al personale. Ci auguriamo che entro novembre, quando dovremo affrontare il pagamento delle rate annuali dei mutui, qualcosa si sblocchi. Il recente D.L. 112 del 31 agosto dovrebbe prevedere altri stanziamenti, staremo a vedere”. “L’amore che nutro per il mio paese – conclude il sindaco Ficca – non mi fermerà ma a volte è davvero difficile amministrare con questi presupposti”.

[close]

p. 3

Il Giornale d’Abruzzo di IlGdA edizione Sangro-Aventino ottobre 2013 3 Collegamento Atessa- Casalbordino: dopo 7 anni riaperta la Sp 216 anni è stata riaD opo 7 alla circolazione perta il tratto della strada provinciale 216 che collega Atessa a Casalbordino. Era stato interdetto alla circolazione nel settembre 2006, a causa di frane e smottamenti che avevano gravemente danneggiato la carreggiata. Erano presenti il Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, il Vice Presidente e Assessore alla Viabilità, Antonio Tavani, l’Assessore regionale Luigi De Fanis, i Sindaci dei Comuni di Atessa e Casalbordino, Nicola Cicchitti e Remo Bello, i Consiglieri provinciali Federico Fioriti e Giovanni Staniscia, la Polizia Municipale e il Comando dei Carabinieri di Atessa oltre ad altre autorità. La cerimonia si è svolta presso la chiesetta di Madonna a Mare, al bivio per Casalbordino - Casalanguida. La chiusura dell'arteria, strategica per i collegamenti tra Atessa e Casalbordino, nei sette anni ha causato davvero molti disagi a studenti e lavoratori che ne usufruivano quotidianamente, poiché strada di riferimento per quella zona. La Provincia, nel corso degli anni ha realizzato opere importanti lungo l’intera tratta Panorama Archi Una vita dedicata alla medicina riassunta nella citazione dannunziana: "Io sono quel che ho donato" La storia del dott. Libero Di Paolo, quando il lavoro diventa missione di red. IlGdA da più di C lasse 1915, medico luminare mezzo secolo, della pediatria italiana, omeopata, autore di numerose pubblicazioni scientifiche, Libero Di Paolo è l'esempio più calzante di quando il lavoro diventa passione e si impossessa della gran parte della propria esistenza. stradale per 1 milione e 430mila euro al fine di consentire la riapertura al traffico del tratto stradale: si è trattato essenzialmente di interventi puntuali finalizzati alla sistemazione degli smottamenti presenti e al consolidamento del corpo stradale. Tante iniziative per ricordare “Donna Concetta” Santa C on la celebrazione della dalla Messa nel giorno del secondo anniversario morte di Concetta Salvatore Satalia, si è chiuso un anno denso di momenti importanti con cui il Colonnello Davide Satalia ha voluto tenere vivo il ricordo della Bomba sua adorata moglie. Una donna che si è fatta conoscere in vita per le sue numerose azioni di generosità verso il prossimo. Di origini peranesi, oggi il dott. Di Paolo si divide tra Foggia, residenza di una vita e Archi, paese natale della moglie Elvira Carpineta, scomparsa l'anno scorso, dove trascorre i mesi estivi. "Un tempo il medico svolgeva la sua professione per passione - dice con orgoglio nostalgico il dott. Di Paolo - era una missione a servizio della vita umana, una dedizione assoluta al rispetto della vita. Il medico pativa insieme al malato con disponibilità, pazienza ed empatia. Oggi i capisaldi della professione si sono perduti. L'evoluzione politica e culturale che il nostro Paese sta subendo ha fatto gettare nel dimenticatoio valori quali spirito di servizio, senso del dovere, responsabilità e merito". Commozione e coinvolgimento avvolgono lo sguardo del professore quando aggiunge: "Non mi sono dedicato alla ricerca, anche se avrei potuto, perchè ho sempre voluto curare il malato. Forse ho perso occasioni importanti dal punto di vista renumerativo ma sono nato povero, morirò povero e ne sono orgoglioso". Poi spiega la scelta di volersi dedicare ai bambini raccontando di un'infanzia difficile con la perdita del padre a soli due anni e di una giovinezza rubata dalla guerra. Sono proprio gli occhi e i sorrisi di quei milioni di bimbi curati durante la sua lunga carriera che oggi, dice, lo fanno sentire ricompensato. Ricordando il Vate asserisce: "Io sono quel che ho donato". Parole forti, profonde che sollevano spiacevoli riflessioni su come la professione medica si sia evoluta in senso palesemente negativo. Parole che evocano la necessità imprescindibile di ritornare con le emozioni e soprattutto con le azioni al tempo in cui il medico aveva il dovere morale, oltre che professionale, di ridare la speranza, e con essa la vita, agli ammalati L'Amministrazione Di Santo riparte con il nuovo anno scolastico 2013/2014 ponendo ancora grande attenzione per il servizio alla persona, quale quello educativo-scolastico, compartecipando sia economicamente, con notevole impegno per il bilancio del comune, sia nell'organizzazione gestionale. “Il momento e' particolarmente difficile, richiede un notevole impegno e sforzo da parte di tutti i portatori di interesse per difendere, salvaguardare e promuovere que- “ Tutti a scuola. Riaperti asilo nido, scuola per l’infanzia e primaria ste realta' che rappresentano l'aspetto qualificante per l'intera comunita'. Riaprono, con grande soddisfazione ed orgoglio da parte di tutti, l'asilo nido, la scuola per l'infanzia "Sofia Spaventa e la scuola primaria. Realta' che rivestono ormai carattere intercomunale e rappresentano, per Bomba, delle vere eccellenze grazie alla competenza e alla particolare dedizione dei responsabili”. Spiega il primo cittadino Donato Di Santo. L'Amministrazione ha voluto porre attenzione anche verso la sicurezza degli edifici scola- stici con opere di riqualificazione ed ammodernamento. Ultimo, l'ottenimento di un finanziamento per l'edificio scolastico in Via Roma pari ad euro 150.000,00 per adeguamento sismico, ammodernamento ed efficientamento energetico. “ E’ con la speranza di aver risposto alle attese delle famiglie -ha aggiunto il Sindaco- che a nome mio e dell'Amministrazione auguro a tutti i ragazzi un proficuo anno scolastico”. ” “Donna Concetta” è stata anche una patronessa della Croce Rossa, qualche mese fa le è stato intitolato il premio costituito da ben 5 elargizioni concesse ad altrettanti giovani ufficiali che annualmente viene istituito dall’ Associazione Nazionale Amministrazione Militare del Ministero della Difesa a Roma, per la prima volta intitolato ad una donna. Il suo gran cuore caratterizzava la sua vita ogni giorno ed è per questo che la prima edizione del Premio Donna Bontà è stata dedicata a lei, e si è concluso con una bellissima manifestazione presso la Sala Mazzini in Lanciano. Ricordiamo le belle parole espresse da ospiti importanti che hanno conosciuto la signora Concetta, a partire dal ricordo fatto dalla Principessa Elettra Marconi a Roma, e dalle belle parole espresse dal Generale Gaetano Cigna generale di Corpo D’Armata, e dal Generale Vito Caporaso intervenuti al Premio Donna Bontà.

[close]

p. 4

4 ottobre 2013 edizione Sangro-Aventino Il Giornale d’Abruzzo Brevi di red.IlGdA Atessa Prima abruzzese Regia dell’abruzzese Pierluigi di Lallo, il film, girato tra Atessa, la costa dei Trabocchi e Ancona, affronta il tema dell'eterno conflitto tra universo maschile e femminile attraverso una divertente storia di incroci, equivoci e colpi di scena . Alla proiezione, oltre al regista, di Melania Zizi Successo per la prima del cortometraggio “Punti di vista” prodotto dalla Guasco Libri e Cinema. ce televisiva e attrice, Riccardo Graziosi, attore e autore di spettacoli teatrali con Maurizio Battista. Nella foto li vediamo sul palco insieme al sindaco Nicola Cicchitti ed all’assessore regionale alla cultura Luigi De Faniis. Il progetto è stato realizzato con il contributo del Comune di BENESSERE&SALUTE Il miele di agrumi di Luca Finocchio è il secondo d’Italia Guardiagrele si prepara ad un Natale di grandi eventi erano presenti i principali attori del cast: Matteo Branciamore, Marco della fortunata serie televisiva I Cesaroni, Emy Bergamo, cha ha recitato nel ruolo di Rosetta a fianco di Enrico Brignano nel musical Rugantino di Garinei e Giovannini, Laura Freddi, showgirl, conduttri- Atessa, MuseAte Fondazione culturale Atessa, Camera di Commercio di Chieti, Regione Abruzzo e in collaborazione con la Fondazione Marche Cinema Multimedia-Marche Film Commission. Tra le aziende coinvolte la Sangroservizi s.r.l, l’Italprogetti e l’azienda Masciarelli. che ha L ’Apicoltura Luca Finocchioaggiudicasede a Tornareccio, orgogliosa, si nuovamente dopo ben 15 anni di grandi successi, il podio: il secondo posto fra i vincitori assoluti del concorso “Roberto Franci” di Montalcino con il miele di Agrumi. Miele che ha “stregato” i giurati, che già lo scorso anno in occasione dell’importante concorso “Grandi Mieli d’Italia - Premio Giulio Piana”, lo avevano premiato con il massimo riconoscimento: le “Tre gocce d’Oro”. Oltre a ciò sono stati premiati per l’occasione anche il miele di Ciliegio (2° posto nella categoria “mieli rari”) e l’attestato di qualità per il miele di Millefiori, prodotto nell’incontaminata zona di Tornareccio. La premiazione è avvenuta il 7 settembre scorso a Montalcino. L’intento che l’azienda si pone è quello di perseguire la qualità creando un prodotto di nicchia, raggiungendo l’eccellenza che passa attraverso la costante attenzione ai numerosi fattori che influenzano ogni singola fase della filiera del miele. L’obiettivo può dirsi ancora una volta raggiunto. apicolturalucafinocchio.it calendario D efinito ildel prossimodelle manifestazioni Natale organizzate dall'Associazione “Il Tempio della musica moderna”. Il 21 dicembre grande evento con Susanna Rigacci (soprano di Ennio Morricone). Il 26 dicembre Spettacolo Cabarettistico con Federico Perrotta (Colorado Caffè, Bagaglino, Ottovolante, Camera Smile ecc ecc). Il 29 dicembre Concerto degli Anima 60. Ed il nuovo anno inizierà con la prosa. Infatti il 3 gennaio ci sarà uno Spettacolo di Prosa con l'Associazione Culturale Paolo Vanni intitolato "ma non andare in giro tutta nuda" di Georges Feydeau. Il Giornale d’Abruzzo Periodico in stampa e quotidiano online Associazione La Luna di Seb editrice de “Il Giornale d’Abruzzo” www.ilgiornaledabruzzo.it redazione@giornaledabruzzo.net Edizione SANGRO AVENTINO sangroaventino@ilgiornaledabruzzo.it Redazione Sangro Aventino C.da San Tommaso - 66040 Perano (Ch) tel.320.8186340 Direttore responsabile Gioia Salvatore Testata giornalistica Reg.Tribunale di Lanciano n° 01/2012 Associazione culturale “La Luna di Seb” editrice de “Il Giornale d’Abruzzo” fondatrice del Premio “DONNA Bontà” Via Ferro di Cavallo, 29 - 66034 Lanciano (Ch) tel. 0872.632490 - P.I. 02394730697 www.lalunadiseb.it - info@lalunadiseb.it Stampa Tipografia Angolana via Lungofino, 7 65013 Città Sant’Angelo (Pe) tel.085.95888 - fax 085.9500014

[close]

Comments

no comments yet