Il Picchio di Torresina - mese di Ottobre 2013

 

Embed or link this publication

Description

.

Popular Pages


p. 1

Distribuzione gratuita Giornale di quartiere Anno 6 - Numero 65 - Ottobre 2013 SALUTE PUBBLICA E QUALITÀ DELLA VITA: un percorso virtuoso ma soprattutto collettivo L ’ i n t e r v i s t a a l l ’ Assessore del Comune di Roma alla qualità della vita, allo sport e benessere, dott. LUCA PANCALLI. di Stefania Giannetto M olti di noi ignorano che le condizioni di vita dipendono esattamente da come noi stessi percepiamo la vita. Fattori ben precisi quali l’occupazione, il reddito, l’istruzione e la salute tendono a modificare il grado stesso di soddisfazione, non solo della nostra vita, ma anche della qualità della società in cui viviamo. Potrebbe sembrare un concetto esagerato ma ce lo spiega egregiamente l’Assessore alla qualità della vita, allo sport e benessere Luca Pancalli, in un’intervista fatta nel corso della Conferenza stampa, Sopra: L’Assessore del Comune di che si è tenuta lo scorso 5 settembre, Roma, Luca Pancalli e il Presidente XIV Municipio, Valerio Barletta. per la presentazione del progetto pilota “Torresina nel cuore: primo Sotto: la sala e i partecipanti all’incontro. quartiere cardioprotetto di Roma”. L’Assessorato, infatti, è un’assoluta novità in un panorama in cui istituzionalmente la gestione della qualità della vita era deferita, al massimo, alla gestione di un singolo ufficio. Domanda: Assessore alla qualità della vita, allo sport e benessere... Penso che sia una novità questa nomina! Può spiegarci esattamente che cosa significa e che progetti ruotano intorno a questo incarico? Risposta: E' chiaro che noi partiamo da una novità, che credo sia in senso assoluto. E’ un concetto ripreso delle esperienze positive di tante città europee e non europee. Cioè dalla consapevolezza non solo di dare una dignità ad un assessorato, ma ad una tematica probabilmente sottovalutata dalla maggior parte di noi e che è legata all'intraprendere percorsi virtuosi, che possano aiutare i cittadini ad adottare degli stili di vita che regalino maggior benessere e migliore qualità nella vita. Ci sono, infatti, quelle che vengono definite, con un termine inglese, le "politiche del Nagging" che sono tutte quelle politiche, particolarmente care nei paesi anglosassoni, che in via indiretta tendono a condizionare gli stili di vita dei cittadini, per regalare loro benessere. Noi viviamo in un paese in cui, per garantire la salute pubblica, da un punto di vista del sistema sanitario, dobbiamo immaginare che le difficoltà di oggi cresceranno in futuro, per cui se oggi noi abbiamo Continua a pag.8

[close]

p. 2

Le lettere dei lettori S crivo queste poche righe da Via Ruggero Orlando incrocio via Indro Montanelli.. Ogni estate la storia si ripete: le scuole chiudono, i ragazzi si incontrano davanti l'edicola e incomincia la festa. Schiamazzi fino a tarda notte, partite a pallone neanche fosse l'Olimpico, motorini che "sgasano"... E tutto ciò non alle 21.00, ma anche alle 1.00. Ora io mi chiedo: la buona educazione dove sta? Possibile che debba essere costretto a dormire con le finestre chiuse, col caldo di agosto, perché questi ragazzi non capiscono che il quartiere non è un parco giochi? Eppure spostandosi un po’, c'è un gran parcheggio, quello del centro commerciale Torresina, dove poter giocare a pallone e ridere a crepapelle senza disturbare nessuno. Faccio un appello ai genitori di questi ragazzi: insegnate loro la civiltà, insegnate loro il rispetto. Almeno per la prossima estate!!! Caro Picchio,sono un abitante di Torresina, contento di vivere e lavorare in questo quartiere. Tutto sarebbe bello se….ogni tanto, troppo spesso, l’aria non diventasse irrespirabile! Fuochi accesi non so dove, appestano l’aria con un odore acre che impedisce la respirazione. Sembra che qualcuno bruci copertoni, gomme o cose simili. Su ppo r tato da tan ti altr i cittadin i distu rb ati da questa situazione, ho chiamato i Vigili Urbani, ho spiegato il problema e mi hanno risposto che, “…forse sono gli zingari…” Io non so, se sono gli zingari, però credo che questa situazione vada risolta. Forse un controllo, dietro la segnalazione dei cittadini, va fatta…o no? Dopo la mia telefonata il problema si è ripresentato più volte!Ma chi ci tutela? A chi dobbiamo rivolgerci? Un cittadino di Torresina Ciao, ho vissuto nel quartiere di Torrevecchia per 30 anni ed ora, pur non vivendoci più, mi capita spesso di tornare. Percorro via Pietro Maffi e poi, dopo aver percorso via di Val Favara, imbocco via di Torrevecchia. Sono una guidatrice esperta e prudente eppure ogni volta l’incidente è dietro l’angolo. Si, proprio dietro l’angolo perché a causa della sosta selvaggia di auto, e troppo spesso dei furgoni dei venditori ambulanti, prima di poter avere una visuale sufficiente per immettermi su via di Torrevecchia, mi trovo già in mezzo alla carreggiata. Decreto Legislativo N. 285 del 30/04/1992 Art.158 (stralcio): 1. La fermata e la sosta sono vietate: f) nei centri abitati, sulla corrispondenza delle aree di intersezione e in prossimità delle stesse a meno di 5 m dal prolungamento del bordo più vicino della carreggiata trasversale, salvo diversa segnalazione; h) sui marciapiedi, salvo diversa segnalazione. 2. La sosta di un veicolo è inoltre vietata: c) in seconda fila, salvo che si tratti di veicoli a due ruote, due ciclomotori a due ruote o due motocicli; d) negli spazi riservati allo stazionamento e alla fermata degli autobus n) davanti ai cassonetti dei rifiuti urbani o contenitori analoghi. G. P. ed altri Vorrei porre alla nuova amministrazione (visto che la precedente non li ha risolti), 2 ordini di problemi: 1- SICUREZZA e scorrevolezza del traffico: non è possibile percorrere via Pietro Maffi e via di Torrevecchia dovendo continuamente schivare auto e furgoni in doppia e tripla fila, e auto che si immettono dalle molteplici confluenze senza la minima visibilità. Inutile dire che rendere scorrevole la strada ridurrebbe il traffico nel quartiere. Il D.L 285 non vale a Torrevecchia? Dove sono i vigli urbani? Come mai non vedo MAI una multa su queste auto i n s o s t a s e l v a g g i a ? Sono distratti? Assenti? Oppure maliziosamente dovrei sospettare altro? 2- DECORO e opportunità: il marciapiede di Torrevecchia sembra un suk. Supponendo che i venditori siano tutti regolari, è mai possibile che percorrendo strade così commerciali, non si riescano a vedere le vetrine dei molteplici negozi, perché nascoste dietro i furgoni e le tendopoli? Non sarebbe più opportuno pensare di dedicare uno spazio di mercato quotidiano e restituire dignità ai marciapiedi, alle insegne e alle vetrine dei negozi, o almeno in via subordinata, eliminare la sosta dei furgoni? Gradirei una risposta, ma “Il problema è già noto” non la considererò tale. Grazie M.P. Salve, è con piacere che ho visto Via Valle dei Fontanili asfaltata di nuovo. Vorrei sapere quando succederà a Via Monte della Capanna. Una strada ormai molto frequentata, che è un pericolo costante per quanti la percorrono. Le buche sono talmente numerose che l’asfalto non c’è più. Percorrere quella strada di sera è come giocare alla roulette russa, la strada è sconnessa, buia, sporca. Incivili depositano i più vari materiali tra i marciapiedi e la strada, i tombini sono tutti otturati, i chiusini sono stati rubati e da troppo tempo sono transennati dalla rete arancione, quasi tutta strappata. Situazione da terzo mondo? No, sarebbe un’offesa per quel mondo! R.G. Caro Picchio, ti scrivo perché ho notato una situazione che, in tutta sincerità, potrei aver interpretato in maniera errata. Tempo fa, durante una delle mie uscite serali di camminata sostenuta, passando dietro il centro commerciale, ho notato una macchina posteggiata nei pressi del bau-park e poco distanti, seduti sulla panchina un adulto e un bambino, senza nessun cane. Fin qui nulla di strano, se non fosse stato che erano le otto e mezza di sera e la panchina sulla quale erano seduti era completamente al buio. Ho rallentato il passo un po’ allertata dalla situazione, perché mi sono chiesta come mai, tra tanti posti, fosse stato scelto proprio quello un po’ appartato. Per carità non voglio mettere sulla forca nessuno, ma la paura dell’orco non è poi un concetto così distante dalla nostra vita. Allora, mi sono domandata come mai i lampioni dietro il Centro Commerciale fossero spenti. Si è vero, lo sono sempre stati, ma ora con il bau park e le panchine sistemate nei pressi, perché non aumentare l’illuminazione ai fini della sicurezza di tutti? Sicuramente, quell’adulto non era l’orco nero e sicuramente quel bambino non era la sua ennesima vittima, ma se così fosse stato? A chi posso rivolgermi per far presente la situazione? Grazie per l’attenzione. Stefania 2

[close]

p. 3

Sommario SALUTE PUBBLICA E QUALITÀ DELLA VITA VIA LIBERA AI CANI… “INSIEME SI PUO’…” NICOTINA OTTOBRE 2013 1 6 7 8 Le lettere dei lettori L’angolo della poesia Visti per voi Rubriche 2 4 5 7 7 12 15 15 FATT O RI P SICO LO G ICI DELLA SALUT E CARD IO VASCO LARE 9 SCHERZOSI CUPCAKES PER HALLOWEEN 9 10 MULTE “SCONTATE” IL CENTRO FAMIGLIE 14 IL POMPELMO 14 Congratulazioni a.. Un ringraziamento a.. News dal Comitato di Quartiere Torresina Le Chicche “del Picchio Cucinati per voi Rileggici su TORRESINA.NET-Archivio delle edizioni Dopo la lettura, “il Picchio” ti invita a gettare il giornale negli appositi cassonetti per la carta, perché “il Picchio” è a f avo re de lla racc olta differenziata. Diventa anche tu “Amico del Picchio di Torresina” su “Facebook” Anno 6 - Numero 65 Ottobre 2013 Reg. Tribunale di Roma n. 559 del 17 dicembre 2007 SEDE: Viale Indro Montanelli, 20 - 00168 Roma EDITORE: Associazione O.N.L.U.S. Noi di Torresina Viale Indro Montanelli, 20 - 00168 Roma Cellulari: 3338029862, 3396531743. e-mail: ilpicchioditorresina@yahoo.it DIRETTORE RESPONSABILE: Jean-Luc Giorda CAPO REDATTORE: Stefania Giannetto IN REDAZIONE: Marcella Speranza, Daniela Moretti, Aurelia Colarossi, Cinzia Pezzola, Antonio Picciau, Antonella Salerno, Pierfederico Poli, Antonio Di Siero, Luigi Spagnoletti, Antonella Longobardi, Sonia Luche. IMPAGINAZIONE, PROGETTO GRAFICO-EDITORIALE, PUBBLICITARIO, GESTIONE INTERNET: Roberto Delle Case, HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO: Dove posso trovare ogni mese la mia copia de “ll picchio di torresina” ? T u t t i i n e go z i e g l i s t u d i Via Federico Borromeo, 67 professionali di Torresina Biblioteca Casa del Parco Tutti gli inserzionisti esterni di Via della Pineta. Sacchetti, 78 Le Edicole Via Torrevecchia Centro anziani Torrevecchia 87-239-348 Monte Mario - Primavalle Negozi di Via Pietro Gasparri 71-73 AMA di Torrevecchia Alcuni negozi di Via Pietro Maffi Santa Maria della Pietà: Alcuni negozi di Via Torrevecchia •Uffici Municipali pad. 29-30-31 e Largo Arturo Donaggio •Padiglioni 13, 26 e 32 Le Edicole di Via Pietro Maffi •Centro Antea - Atletica Monte Mario Alcuni negozi di Via Andersen Scuola di Via Andersen Municipio 19° di Via Mattia Battistini Bar di Via Vittorio Montiglio, 21 XIX Gruppo VVUU Via F. Borromeo Bar di Largo Millesimo La Biblioteca Basaglia Mercato Rionale di Via Pasquale II° Ignazio Scafidi, Loris Di Marco, Marco Imbroglio, Invitiamo tutti i lettori che vogliono scrivere articoli, poesie, dediche o che Imma Libertino, Ass. “La casa sull’albero”, Antonella vogliono raccontare momenti di vita, lagnandosi o ringraziando, ad inviarci i Longobardi, Alessandro Mingarelli, Alesandra Gubbiotti, loro elaborati presso ilpicchioditorresina@yahoo.it, oppure lasciando i loro Ass.”Giardino Blu”, Michela Fabbri, Enza P. Mallecrara. STAMPATO PRESSO: Tipografia River Press Group S.r.l. Via Menalca 30 - tel. & fax: 062294420 - 062295925 e-mail: rpg@mclink.it. scritti dal giocattolaio NUVOLONI, Via Pietro Maffi 28/32, da ROBERTO il tabaccaio di Viale I. Montanelli, o all' EDICOLA VIDI di Viale Montanelli. Questo numero è stato chiuso in redazione il 30/09/2013. Gli scritti dovranno essere accompagnati dalla firma dell'autore (che potrà L ' a s s o c i a z i o n e N o i d i T o r r e s i n a r i n g r a z i a scegliere di non essere citato sul giornale, ma apparire solo con le iniziali o un nomignolo) e un recapito telefonico. tutti coloro che con le loro donazioni ci 3

[close]

p. 4

Esercizio convenzionato con il C. di Q. Torresina L’angolo della Poesia PURO L’OFFICINA PROGRAMMATICA ..'nà prece.... ...passorno davanti à què l'incrocio li sogni e le speranze dè la gente dè rivortà 'stò monno e le coscenze dè chi nun c'ha più voce e nun c'ha gnente... Il fiume la notte Le risate il caldo La certezza l’altro La vertigine il respiro Le risposte l’alto. MARCO IMBROGNO MardicoL ER FERROVIERE FINE D’ESTATE Declinano rapidi i giorni senz’ombra. Già accondiscende breve La luce al buio vorticoso Di precoce tramonto. Improvviso, il volo degli uccelli Mima composto la migrazione vicina, mentre divampano fecondi falò che nulla vogliono cedere alla stagione caduca. Q uanno ch’er Padreterno fece er monno, dopp’avè fatto ‘r celo co le stelle disse che pe’ fenì, poi pe’ contorno c’avrebbe messo tante cose belle. Te ‘mpasta ‘n po’ de tera e fece l’omo, pe nun lassallo solo fa la donna, poi quer famoso arbero der pomo che je fece conosce la vergogna. Je fece all’omo: “mo nun te lagnà, si voi pappà er cacio co le pere, sudanno sangue, te l’hai da guadagnà”. E da quer giorno… nacque er feroviere. Imma Libertino IGNAZIO SCAFIDI 4

[close]

p. 5

<> (finale di Cannibal Holocaust) <> (finale di Rec) A de s tr a: “ C ann i ba l Ho lo c au s t” di Ruggero Deodato (1980); A Sinistra:“The Blair Witch Project” di Daniel Myric e Eduardo Sanchez (2000); Sotto: “Rec” di Jaume Balaguerò, Luis Berdejo e Paco Plaza; “Rec 2” di Jaum LE ORIGINI MALEDETTE: “CANNIBAL HOLOCAUST” uesta storia comincia con un film maledetto, uno di quelli che la critica “vera” (almeno quella made in Italy) fa finta di non vedere. Il film è “Cannibal Holocaust”, interpretato, tra gli altri, da un giovane Luca Barbareschi. D'accordo con il regista, Sergio Leone ebbe a dire allo stesso Deodato <>. Così fu: il film fu girato in conseguenza dei fatti inerenti al Caso Moro, un periodo nel quale le televisioni si scatenavano a mostrare immagini di morte gratuite in prima serata. La trama era semplice: una equipe di documentaristi scompare in Amazzonia. Una spedizione viene inviata al salvataggio, ma recupera solo i cadaveri e i nastri girati. In questi si assiste alle crudeltà compiute dal gruppo contro i pacifici nativi: torture, stupri, fino ad arrivare a un villaggio incendiato. La vendetta degli indigeni non tarda ad arrivare. La prima accusa mossa fu omicidio. Deodato fu assolto dopo aver richiamato gli attori a cui era stato chiesto di sparire dalla circolazione per promuovere il film. La seconda fu importazione della corrida. Nel film infatti venivano torturati e uccisi veri animali. Deodato venne condannato a quattro mesi di carcere e al pagamento di una multa. Oggi il film è considerato un capolavoro del cinema estremo italiano, nonostante le censure in venti paesi del mondo. Di recente Deodato ha partecipato, tra gli altri, al cast del film “The hostel 2” nel ruolo del “Cannibale Italiano”. LA REDENZIONE: “THE BLAIR WITCH PROJECT” n gruppo di studenti si reca in un piccolo paese degli stati uniti in cui circola la leggenda (vera) di una strega che, nel '700, avrebbe costretto un povero contadino (un certo Rustin Parr) a rapire, torturare e uccidere diversi bambini della contea. Dopo alcune interviste (anche queste vere) agli abitanti del paesino, i ragazzi si inoltrano nei boschi dove perdono presto la strada. I membri del gruppo scompaiono uno dopo l'altro mentre qualcuno manda strani avvisi. L'odissea termina in un capanna diroccata sperduta in mezzo al bosco dove qualcuno li sta usando per rievocare le agghiaccianti imprese di Parr. L'intera avventura è vista attraverso una telecamera tenuta costantemente accesa da uno dei personaggi. La somiglianza con CH è palese e, grazie alla creatura di Myric e Sanchez molti spettatori andarono a cercare l'originale CH permettendo una revisione “a mente fredda” dell'opera di Deodato. E' interessante notare che, per anni, molti appassionati continuarono a invocare una spedizione di ricerca per i ragazzi scomparsi, incapaci di credere che quelli che rilasciavano interviste e partecipavano a conferenze stampa erano gli stessi visibili nel film. Balagerò e Paco Plaza (2009) “Rec 3 – La Genesi” di Luis Berdejo e Paco Plaza (2011); “Paranormal Activity/2/3/4” di Oren Peli, Tom Williams, Henry Joost e Ariel Schulman, Henry Joost e Ariel Schulman (2007/2010/2011/2012) Dopo il successo iniziale, l'uscita di un pessimo sequel raffreddò l'entusiasmo dato dalla “novità” facendo prevalere le ragioni dei detrattori. IL CULT CHE ARRIVA DALLA SPAGNA: “REC” ggi quando si vede un film girato come “Rec”, si parla di film “alla Blair Witch”. E in effetti BWP dette origine al ritorno del footage lost nelle sale. Un termine (letteralmente “materiale girato perduto [e ritrovato]”) che indica un film costituito tutto o in parte dalle immagini girate da una telecamera tenuta da un ipotetico cameraman in una ipotetica situazione disperata. In Rec una troupe è inviata a filmare una nottata tipica dei bomberos (pompieri in spagnolo). Una chiamata per un'emergenza in un condominio da origine all'orrore: una donna anziana ha cominciato a mostrare segni di squilibrio. Quando questa aggredisce uno dei soccorritori si scatena un'orripilante virus che trasforma i contaminati in feroci cannibali. Cosa peggiore, dopo che è scattato l'allarme, il condominio (gli appassionati riconosceranno lo stabile dello splendido “La comunidad” di A. De La Iglesia) è stato messo sotto quarantena. Il film ebbe un primo sequel in cui le immagini provenivano dalle telecamere montate sui caschi di alcune S.W.A.T. inviate a risolvere la crisi insieme a un esorcista. In “Rec3” si arriva alle origini dei guai del condominio: durante una festa di matrimonio lo zio dello sposo comincia a mordere gli invitati. Molto sangue, un po' di ironia... Un solo limite: se nei film precedenti si accusavano difficoltà a interpretare le immagini mosse o sfocate (specie in Rec2), in questo episodio le immagini sono chiarissime, ma l'audio è una tortura per i canali uditivi! TUTTO IL RESTO E' NOIA: “PARANORMAL ACTIVITI” nsopportabile tentativo di riprendere il filone FL. Una coppia si trasferisce nella nuova casa e, scoperta l'esistenza di fenomeni paranormali cerca di documentarli su pellicola. Il film si compone di alcuni dialoghi; alcune sequenze in cui sentono urla, ma la camera è voltata dalla parte sbagliata e su interminabili in qu adr atu re de l le tto de i du e . Al cinema la tensione nervosa era assicurata, guardare il film in televisione è un atto di masochismo! Tuttavia la pubblicità serrata e un successo decente al botteghino permisero la creazione di tre sequel... Tutti con le inquadrature del letto. Si hanno notizie anche di un “Pornormal Activity” (ehm...) ma non ci interessa! ALTRE MUTAZIONI egati alla creatura di Deodato sono anche il cult “A Serbian Film” di Spasojevic, di cui vi abbiamo parlato diffusamente in passato, e “ESP – Fenomeni Paranormali”: strana ibridazione tra Rec e PA, meno stressante per i nervi, ma anche più divertente. FOOTAGE LOST (LA REDENZIONE DI UN GENERE MALEDETTO) Q O U I L 5

[close]

p. 6

di Marcella Speranza VIA LIBERA AI CANI… MA CON REGOLE PRECISE! columità di persone o animali. n.3) Vanno raccolte, sempre ed in ogni caso le feci (sulla strada, nel verde, nel bau-park) che sono veicolo privilegiato di infezioni, batteri e virus. I proprietari devono avere con se tutti gli strumenti adatti per raccogliere gli escrementi (e li devono usare! N.d.r.). n.4) Chi ha problemi con la giustizia non può possedere né condurre cani considerati aggressivi, così come non potranno farlo i minorenni, gli interdetti e gli inabili per infermità mentale. Oltre alle norme, servirebbero anche i controlli! Purtroppo senza controlli o, peggio, l’in capacità di ch i do vr eb be controllare, tutte le norme sono inutili Tutti i cani devono essere iscritti all’Anagrafafe canina, per legge, ed avere il microchip identificativo. Comunque basterà rispettare poche regole (tenere il cane al guinzaglio in luoghi frequentati da uomini o altri animali, mettergli la museruola se persone o animali mostrano paura, esercitare una costante vigilanza) per evitare inconvenienti e soprattutto per scoprire lo sguardo grato e compiacente di chi incontrerà voi e il vostro cane! Ricordo che i proprietari di un animale sono i diretti responsabili in sede civile (art.2052 C.C.) ed in sede penale (art.672 C.P.) dei danni che questi potrebbe causare. Un cane ha bisogno di un padrone consapevole, saggio ed equilibrato, che sappia essere previdente (sapervedere-prima); queste norme, che sono dettate dal buon senso e dalla buona educazione salveranno i proprietari dal rischio di dover pagare danni provocati dal cane. E poi, tutti assieme a passeggiare, cani, bambini, uomini e donne… ono ormai tanti coloro che convivono con un cane: “mi fa compagnia”, “mi regala affetto”, “è un essere vivente che ha bisogno di me e mi dimostra la sua gratitudine”. Non sempre, però, la convivenza con gli altri umani è semplice: forse perché la soglia di tollerabilità, nei confronti dell’altro, si è abbassata di molto, forse perché alcuni proprietari di cani non rispettano le regole di buona convivenza. E si sa, per colpa di qualcuno… Chiunque abbia un cane come compagno di vita, non deve mai dimenticare che vanno rispettate e tutelate anche quelle persone che provano fastidio (o fobia) nell’essere avvicinate, annusate o leccate dal loro protetto. Il buonsenso e il rispetto per il prossimo dovrebbero essere i fondamentali per una civile convivenza. Dal 7 settembre scorso, sono in vigore nuove regole per i proprietari dei cani. Il Ministero della Salute ha pubblicato un’ordinanza, sulla Gazzetta Ufficiale, in cui detta norme di comportamento per i proprietari di questi amici a quattro zampe per “adottare disposizioni cautelari volte alla tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani a causa del verificarsi di incidenti, soprattutto in ambito domestico, legati alla non corretta gestione degli animali da parte dei proprietari”. Ecco alcuni punti della normativa semplificati: n.1) I proprietari, o chi accompagna un cane anche non di sua proprietà, dovranno sempre utilizzare un guinzaglio, lungo al massimo un metro e mezzo, in tutte le aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico. Potranno toglierlo solo nei luoghi a loro dedicati (bau-park). n.2) il padrone, o chi detiene il cane, dovrà avere con se la museruola che dovrà far indossare al cane su richiesta delle autorità competenti o ppure n e l caso ve n ga messa a re pe ntaglio l’in- S 6

[close]

p. 7

Ass.”La Casa sull’Albero” “INSIEME SI PUO’…” extrascolastici dell’I.C. Boccea 590. Questo servizio comprende diverse attività tra cui i laboratori studio, lo sportello d’ascolto nelle scuole, il sostegno alla genitorialità, ed altri ancora. I risultati sono stati di circa 2000 contatti dal solo mese di Gennaio a Luglio 2013. In seguito a questo c’è stato l’intervento di una delle mamme, la Sig.ra Graziana Sangiovanni, che ha usufruito dello stesso. Infine sono stati presentati i nuovi servizi che partiranno dal mese di Ottobre tra cui: il corso per il Linguaggio dei Segni, il corso di Bioenergetica, i laboratori “Muoversi per danzare la vita”, “La mia esistenza ha un cancro” e “Cenerentole o Principesse?”. A l l ’ e v e n t o h a n n o partecipato circa 100 persone provenienti dal territorio di riferimento dell’Associazione. Si ringrazia per l’ospitalità l’Associazione Culturale “Casalotti Insieme”, in particolare l’Assessore Cinzia Giardini, Presidente del Consiglio Comunale del Municipio XIII. Si ringraziano per la partecipazione gli Assessori Martino e De Venuti Municipio XIII, e Funari, Municipio XIV. Il P re side n te de lla Co mmissio ne affar i sociali Municipio XIV Ascani, i consiglieri del Municipio XIII Mele, Fabbri, Quarta, Saponaro, Fuselli, il Dirigente Scolastico dell’I.c. Boccea 590 Dott.ssa Esposito, la Dott.ssa Celli responsabile per le Asl delle scuole, la Co mun ità di S. Egidio con Livia di Le glio e la Cooperativa il Sentiero Passo dopo Passo con Leandro Bianchini. giorno 14 settembre 2013 si è svolto l’evento “Insieme si può…” organizzato dall’Associazione La Casa sull'Albero Onlus e dalle sue famiglie, come momento di incontro e di confronto con la comunità del territorio. L’obiettivo principale era quello di offrire altre possibilità sulle tematiche della prevenzione del disagio giovanile e la cura e riabilitazione delle situazioni problematiche. La Casa sull'Albero si occupa prevalentemente del disagio e de lla pre ve n zio ne n e ll’amb ito de lla dipendenza da s o s t a n z e , i n particolare l’alcol. Questa realtà associativa opera dal 1991 nei territori dei Municipi XIII e XIV ed ha attivato, nel tempo, vari servizi in favore delle famiglie multiproblematiche su tutto il territorio. Attu alme n te La Casa sull’Albero Onlus segue circa 500 famiglie con problemi alcol correlati ed ha attivato 6 Club Alcologici Territoriali (CAT); questi sono comunità multifamiliari che si riuniscono una volta a settimana in una sede fissa e ad un orario fisso. Questo per il raggiungimento dell’astinenza e, soprattutto, per il cambiamento dello stile di vita dell’intera famiglia. Il primo a prendere la parola è stato il Dott. Giovanni Battista Testa, attuale Presidente dell’Associazione, ch e h a pre sen tato i r isu ltati dell’attività svolta durante gli anni, successivamente la parola è andata alla Sig.ra Alfonsina Quilli, referente ACAT di zona, che ha meglio specificato la metodologia dei club. La Dott.ssa Federica Petrini ha presentato i nuovi servizi, in particolare il Centro Famiglie presso i locali Il el numero di settembre, nell'ambito delle informazioni sulle commissioni consiliari municipali, è stato erroneamente indicato il nome del Cons. Fabrizio Modoni come Presidente della Commissione Urbanistica, Mobilità, Ambiente verde e Parchi. In realtà, la Presidenza è della Consigliera Stefania Portaro La Redazione Ci scusiamo con i diretti interessati e con i lettori . ERRATA CORRIGE: N 7

[close]

p. 8

Continua da pag.1 - Salute pubblica e qualità della vita: un percorso virtuoso ma soprattutto collettivo intercetta e organizza le sinergie, un maggior numero di persone, di riesce a stimolare le corresponsabilità cittadini, soprattutto giovani, più tra pubblico e privato, mettendo in avvezzi a corretti stili di vita, domani moto una bella iniziativa si ammaleranno di meno e quindi (l’installazione dei defibrillatori saranno un onere economico in n.d.r.) che mi auguro non serva mai, meno, per lo Stato, che avrà più però la vita c'insegna che purtroppo disponibilità per altri servizi certe co se acc ado no , ma c he assistenziali. Lo stesso dicasi per i nostri anziani, Un momento dell’intervista e sotto: potrà salvare qualche vita in più i quali, attraverso un corretto stile di i relatori alla presentazione del progetto. all’occorrenza. Mi auguro che iniziative spontanee vita impostato su più movimento e utili co me questa, c he è nata fisico , anc he graz ie all’apertura spontaneamente, possano nascere di palestre a loro dedicate, si su tutto il territorio come esempio rivo lgeranno meno al sistema per riuscire, in collaborazione con sanitario e quindi anche in questo gli impianti sportivi, a mettere caso ci sarà un risparmio economico insieme delle organizzazioni che, in per lo Stato. maniera volontaria, garantiscano ai "L'Assessorato alla qualità della vita, cittadini anziani e non, di questo allo sport e benessere" vuole quartiere, la giusta attività fisico in qualche modo provare a motoria che regali loro un po’ di benessere. sperimentare in una grande città Tutte iniziative che in qualche modo complessa, complicata come Roma, rappresentano dei piccoli mattoni la possibilità di intraprendere sui quali costruire una solida casa.” questo percorso, destinato ai E su queste parole di fiducia verso giovani e ai meno giovani. il futuro e verso la corresponsabilità di Io credo che quello che avete fatto voi, ciascuno di noi nel trovare i percorsi più qui oggi nel quartiere Torresina virtuosi per il benessere di tutti, ringraziamo (Torresina nel Cuore n.d.r.), sia un po’ l’Assessore per la sua disponibilità e per il suo l'esempio di ciò che noi intendiamo. impegno nel promuoverli. Nel momento in cui la buona volontà dei cittadini NICOTINA I portici parlano d’arte…2013! “Comitato di quartiere Torresina” e “Associazione Noi di Torresina” promuovono Nicotina - I PORTICI PARLANO D’ARTE rassegna d’arte contemporanea. Sabato 12 ottobre dalle ore 15, sotto i portici di Viale Indro Montanelli a Torresina. Da un’idea del critico Fattino Tedeschi e di Maresa Stramacci, si è giunti alla 2° edizione. La rassegna si pone l’obiettivo di promuovere la ricerca artistica, che silente, si sviluppa nel territorio del XIV municipio. “In un’epoca di desolazione, dove il nichilismo risulta la matrice dominante, ora più che mai, un evento culturale come Nicotina, si pone come prova di testimonianza fondamentale, capace di indirizzarci verso la riconquista del nostro posto nel mondo” Marco Della Porta Assessore alla cultura 14° Municipio. Pittura Scultura Poesia Fotografia Musica Coordinatori responsabili dell’evento: Alessandra Taborra e Josè Eduardo Serpetti 8

[close]

p. 9

Dott. Alessandro Mingarelli Psicologo della Salute FATTORI PSICOLOGICI DELLA SALUTE CARDIOVASCOLARE "Date parole al dolore: il dolore che non parla bisbiglia al cuore sovraccarico e gli ordina di spezzarsi" Macbeth atto IV. scena III (1605) di William Shakespeare C he la salute cardiovascolare di un individuo dipenda da come vive è un aspetto certamente noto, spesso però i servizi sanitari si sono concentrati quasi esclusivamente su comportamenti evidenti sul piano delle attività, come una corretta alimentazione in rapporto al fabbisogno energetico giornaliero, un'adeguata attività fisica o l'abuso di sostanze. Finalmente dallo scorso anno le Linee Guida Europee per la Prevenzione dei Disturbi Cardiovascolari, recependo le conoscenze scientifiche presenti nella letteratura internazionale da circa quaranta anni, hanno esplicitato alcuni fattori psicologici collegati alla salute cardiovascolare. Questi fattori agiscono sia aumentando il rischio patologico sia sull'andamento di un eventuale disturbo. Possiamo organizzare la disamina di questi fattori partendo da alcune caratteristiche manifeste nell'umore, passando poi per i comportamenti, fino a focalizzarci su alcuni a s p e t t i strutturali della personalità. L'umore Comunemente definiti sintomi quali ansia, depressione e rabbia, sono delle manifestazioni estreme di una emotività incontrollabile che deprimono o attivano eccessivamente l'organismo rompendo il suo stato di equilibrio. I comportamenti Passiamo ora a una serie di comportamenti e atteggiamenti definiti "tipo A" e "tipo D". Il comportamento di tipo A si caratterizza per impazienza, co mpetizion e co n gli altr i, gr an di amb izio n i, atteggiamenti aggressivi e ostili, e una difficoltà a rilassarsi anche nei momenti di quiete. Il comportamento di tipo D si presenta nelle persone con una spiccata insicurezza in presenza di altri, questi individui rifuggono le situazioni sociali e mantengono quindi pochissimi rapporti con gli altri, raramente condividono i loro stati emotivi negativi per paura che per questo essi vengano rifiutati. Se nella persona con comportamento di tipo A, sono evidenti le implicazioni della sua vita frenetica sul sistema cardiovascolare sottoponendo il cuore ad un alta reattività, nell'individuo con comportamento di tipo D, la quasi completa assenza del supporto sociale degli altri, produce uno stato di costante percezione di vivere in condizioni stressanti. La struttura di personalità Descriviamo ora due caratteristiche specifiche della personalità: il senso di padronanza rispetto a eventi e situazioni e il rapporto con i propri stati emotivi. Questi aspetti non sono evidenti a una indagine diretta ma solo attraverso un colloquio. La sensazione di poter, attraverso le proprie azioni, incidere sugli eventi della propria vita predispone le persone a un atteggiamento positivo, la sensazione opposta, che qualsiasi comportamento che si mette in atto non potrà influenzare gli eventi personali, incide negativamente sulla salute cardiovascolare. La letteratura scientifica ha evidenziato la presenza di persone, che anche inconsapevolmente, hanno difficoltà a entrate in contatto con le loro emozioni, i loro discorsi con gli altri tendono a basarsi solo su fatti concreti e in loro non appare nessun coinvolgimento emotivo anche quando si riferiscono a situazioni che li riguardano personalmente. Queste persone vivono le situazioni attorno a loro in modo freddo e razionale. La loro difficoltà a pensare le emozioni non gli permette di modulare le emozioni che si manifestano nell'organismo incidendo anche sul sistema cardiocircolatorio. di A. Gubbiotti SCHERZOSI CUPCAKES PER HALLOWEEN opo la prima bella esperienza fatta per la festa della mamma, con la collaborazione del Comitato di Quartiere, sarò a disposizione dei bambini di Torresina, per aiutarli a creare i dolcetti decorati, per la festa di Halloween! Ci divertiremo a creare soggetti di pasta di zucchero tridimensionali, con le forme tipiche di questa festa. Il 26 ottobre 2013, alle ore 15, sotto il gazebo del parco di Torresina, insegnerò D ai bambini, come manipolare la pasta di zucchero per creare piccole opere d’arte. Per partecipare all’evento è obbligatorio iscriversi telefonando al n.3384231942 – I bambini devono avere almeno 5 anni di età – Per permettere a tutti i bambini di essere ben seguiti, verranno accettate solo venti richieste. In caso di condizioni meteorologiche sfavorevoli, a tutti gli iscritti, verrà comunicato un luogo alternativo, sempre in zona. 9

[close]

p. 10

MULTE “SCONTATE” di Antonella Longobardi CdL DE C R ET O DEL FA R E E S A NZ I ONI P R EV I ST E DA L CODI C E DEL LA STR A DA decreto legge del fare n. 69 del 21 giugno 2013 convertito in legge con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale in data 21/08/2013 ha finalmente previsto riduzioni significative alle sanzioni previste dal Codice della Strada per coloro che effettuano il pagamento della multa entro 5 giorni dalla data di contestazione o di notifica del verbale. I 5 giorni decorrono infatti: dal momento della contestazione se si viene fermati subito e viene contestualmente redatto il verbale; da quando viene notificato il verbale presso l’indirizzo del proprietario del veicolo. La circolare del Ministero dell’Interno n.6399 del 19 agosto ha inoltre chiarito che: se il termine dei 5 giorni cade in un giorno festivo la scadenza slitta al giorno successivo; se il destinatario è assente, il termine del 5 giorni decorre dall’undicesimo giorno dalla data di spedizione della comunicazione di avvenuto deposito (la Cad), sempreché l’interessato non ritiri l’atto prima del termine dei 10 giorni. Si ricorda, a tal proposito, che la Cad è inviata subito dopo il mancato recapito. Alla stessa segue la raccomandata con la quale si comunica l'avvenuta notifica per compiuta giacenza, che si perfeziona 10 giorni dopo. Nel caso di divieto di sosta, infine, viene rilasciato un preavviso (comunemente, quello che si trova sotto il tergicristallo), che non ha alcun valore formale, in quanto allo stesso deve seguire la notifica del verbale. Occorre prestare molta attenzione nel calcolo dell’importo da pagare e sono pertanto sconsigliati calcoli fai da te. Ad esempio, una volta notificato il verbale a casa, non si dovrà semplicemente considerare l’importo totale da pagare e ridurlo del 30%: si deve ricordare infatti che la riduzione riguarda solo le sanzioni e non anche, ad esempio, le spese di notifica ed accertamento. Gli importi “scontati” dovranno essere versati senza arrotondamento: proprio per conoscere l’importo “al centesimo” la circolare del ministero dell’interno n.6333 del 12 agosto 2013 fornisce una tabella riassuntiva degli importi delle sanzioni previste. Lo sconto si ritiene applicabile: anche alle violazioni commesse dopo le ore 22 e prima delle ore 7 di cui all’art. 195, comma 2-bis. L’articolo in questione prevede, infatti, in alcuni casi, una maggiorazione di un terzo per le violazioni commesse nelle ore notturne; all’importo, già ridotto del 75% come previsto dall'articolo 193, comma 3 del Il Codice della Strada. Si ricorda che detto articolo prevede uno sconto del 75% per chi viene colto senza assicurazione Rc auto e si mette in regola entro 15 giorni da quando è scaduto il periodo di tolleranza per il rinnovo (che è di altri 15 giorni). Sono invece escluse dallo sconto: le violazioni non previste dal Codice della strada ma dalla disciplina complementare, salvo che non vi sia in tali norme un espresso rinvio alle disposizioni del titolo VI del C.d.S.; le violazioni del Codice della Strada per cui è prevista la sanzione accessoria della confisca del veicolo e la sospensione della patente. Sembra invece essere stata dimenticata, tra le gravi sanzioni accessorie, la revoca della patente, ragione per cui sembrerebbe essere ammessa al beneficio anche l’ipotesi in cui scatti quest’ultima sanzione accessoria. le violazioni per cui non è ammesso il pagamento in misura ridotta (come, ad esempio, non seguire le indicazioni del vigile o non fermarsi al posto di controllo). Lo sconto riguarda inoltre solo le sanzioni: pertanto non si applica alle cauzioni. Si ricorda infatti che per alcune violazioni ritenute particolarmente rilevanti sono stati introdotti meccanismi di pagamento immediato per i conducenti di veicoli con targa estera e per autisti di mezzi pesanti Qualora il conducente intenda fare ricorso è comunque tenuto a versare all'agente accertatore, a titolo di cauzione, una somma pari alla metà del massimo della sanzione pecuniaria prevista per la violazione. La cauzione dovrà essere versata integralmente e non nella misura ridotta del 30%. Tuttavia, con le modifiche introdotte all’art.202 del Codice della strada, se il conducente non intende pagare, dovrà versare una cauzione pari non più alla metà del massimo edittale, ma al minimo. Altra novità del Decreto del fare riguarda le modalità di pagamento in quanto viene introdotta la possibilità di pagare con carta di credito o bancomat direttamente all’agente e quindi ogni pattuglia dovrà dotarsi di apposito terminale Pos e sarà inoltre necessario attendere che vengano firmate le convenzioni degli organi di polizia con istituti bancari e Poste italiane. In attesa delle convenzioni, la circolare del ministero dell’interno n.6399 del 19 agosto ha stabilito che il pagamento della sanzione ridotta può essere effettuato: Continua a pag. seguente 10

[close]

p. 11

Continua da pag. precedente in contanti, presso la Sezione Polizia Stradale oppure mediante versamento sul conto corrente postale intestato alla medesima sezione. Il soggetto che ha ricevuto il bollettino postale, in questo caso, dovrà riempirne uno nuovo (modello 123), se vuole fruire dello sconto. Il pagamento elettronico rimane invece possibile in tutti quei casi in cui era già così stabilito dal Codice della strada, ovvero allorquando l’infrazione sia stata commessa con veicolo immatricolato all'estero o dagli autotrasportatori (ma, in quest’ultimo caso, so lo pe r de te rmin ate violazioni). Quando sarà possibile pagare c o n i n u o v i strumenti si dovrà comunque tener conto che la commissione bancaria è pari a 5 euro, più altri 2 di imposta di bollo se la transazione (multa più commissione) supera i 77,47 euro. Infine la legge prevede che con un decreto interministeriale da adottarsi entro quattro mesi dovrà essere disciplinata la notifica dei verbali tramite posta elettronica certificata, stabilendo per chi sceglie di ricevere per via telematica l’azzeramento delle spese di notifica. Le multe saranno notificate a me zzo P e c almen o ne i riguardi dei soggetti già tenuti per legge a munirsi di una casella, mentre per i normali cittadini la creazione di una casella Pec sarà facoltativa, ma sicuramente favorita da eventuali risparmi nei costi di spedizione delle multe. CONGRATULAZIONI A… … a Paola Ottaviani ed alle sue compagne di avventura teatrale che ci hanno regalato la visione di una commedia divertente e coinvolgente… Un cast tutto al femminile, una pièce interpretata da quattro bravissime attrici, che in PARTITA DOPPIA, una storia ambientata in due tempi e per due generazioni di donne, mette a confronto modi diversi di essere tali…. di emanciparsi…. e di riuscire ad essere felici!!! Ci auguriamo che presto si ripetano con nuovi spettacoli…. magari con una programmazione teatrale realizzata all’interno del nostro quartiere!!! Complimenti a tutte!! Un RINGRAZIAMENTO A… ... a quei cittadini che il 14 settembre, hanno reso più bello il nostro quartiere, ripulendo le aiuole e i marciapiedi di Viale Montanelli. ...Che il vostro esempio sia da sprone a chi ama il territorio dove abita. Grazie. 11

[close]

p. 12

NEWS dal Comitato di Quartiere “Torresina” Torresina nel Cuore. Il Comitato di Quartiere Torresina e l'Associazione DiagnostiCare onlus, ringraziano l’Assessore allo sport ed alla qualità della vita, Luca Pancalli, il Presidente Valerio Barletta ed i Consiglieri di Maggioranza e di Minoranza, per la partecipazione alla presentazione del progetto Torresina nel Cuore. Si ringraziano inoltre le altre autorità presenti, a partire dall’ARES 118, il Policlinico Agostino Gemelli e l’AVIS Comunale di Roma. Il Progetto Torresina nel Cuore ha come obiettivo la realizzazione di un quartiere cardio protetto a Roma; promotori del progetto sono il dott. Stefano Gambioli, la DiagnostiCare ed il Comitato Torresina, la formazione dei volontari è affidata alla Acaya Consulting(American Heart Association), sponsor ufficiale è la Banca di Credito Cooperativo, partner del progetto è l’AVIS Comunale di Roma; partner tecnici sono la Two Bee Solution di Roma e la Airtelco di Ferrara, mentre il supporto logistico è offerto dal Centro Daily Traning. Ringraziamo per il patrocinio il Municipio di Roma Monte Mario che ha donato due defibrillatori; altri fondi stanno arrivando dalle donazioni dei condomini del quartiere ed attraverso il finanziamento di una brochure informativa. Entro il mese di ottobre sarà operativo il progetto. Una rete di volontari saranno pronti ad intervenire in caso di necessità nelle strade coinvolte nella sperimentazione; i defibrillatori oltre ai volontari, saranno disponibili per le ambulanze del 118 qualora ne avessero bisogno. Ricordiamo che la conferenza della mattina di giovedì 5 settembre era finalizzata alla presentazione del progetto alle istituzioni ed alla stampa. I condomini interessati alla sperimentazione troveranno dei fogli illustrativi in bacheca qualche giorno prima della partenza; così come prima della partenza è prevista una presentazione al quartiere, sotto al gazebo. Presentazione del progetto e dei fantastici volontari che vigileranno sulla nostra salute (senza i quali nulla sarebbe stato possibile): GRAZIE ! Bus scolastico verso Monte Mario. Si informa che da lunedì 16 settembre 2013 è attiva anche a Torresina la linea scolastica 916 che permetterà ai nostri ragazzi di poter andare a scuola verso Monte Mario prendendo un solo autobus. La linea 916DSL è già operativa sul territorio da tempo, parte da Casalotti, attraversa Quartaccio per arrivare poi alle scuole in zona via Barellai. La novità è che passato Quartaccio, devierà verso Torresina per raccogliere i ragazzi e dirigersi poi verso Monte Mario. Con il nuovo itinerario, le due corse previste al mattino da largo Mombasiglio partiranno alle 6.35 e alle 6.50 (dal lunedì al sabato). Il pomeriggio, invece, gli orari da via Barellai resteranno invariati: dal lunedì al venerdì partiranno alle 13.15 – 14.25 e 15.15, il sabato alle 12.45 e alle 13.15. Il Comitato Torresina ringrazia ATAC, il Comune ed il Municipio (nelle persone dell’ex consigliere Paolo Egizi e della nuova giunta, che ha immediatamente avallato le decisioni prese) perché stanno onorando gli impegni che si erano assunti quando gli furono consegnate le 750 firme che chiedevano un autobus da Torresina verso Monte Mario. La speranza è che la linea scolastica verso via Barellai diventi, col tempo, una linea per tutti, aumentando il numero di corse giornaliere. Dopo questa bella novità, l’estensione dell’orario serale e le vetture nuove, attendiamo buone notizie sulla richiesta d’installazione di fermate in prossimità di Torresina 2. Ringraziamento ai Cittadini Attivi. Il Comitato di Quartiere Torresina ringrazia il signor Silvano, che si è occupato per tutta l’estate dell’innaffiamento delle nuove aiuole (e del prato) dell’area cani di via Barbato. Con grande fatica e spirito di sacrificio, a giorni alterni, ha trasportato il tubo dell’acqua per centinaia di metri su e giù per la collina per irrigare il verde appena seminato; lavoreremo al completamento dell’area attraverso l’arrivo di una fontanella, indispensabile per un’area cani. Cittadini per il decoro. E' stata una mattinata davvero speciale quella di sabato 14 settembre per Torresina. Alcuni cittadini si sono dati appuntamento su viale Indro Montanelli, per il taglio dell'erba selvatica sui marciapiedi ma anche per la pulizia approfondita dell'aiuola e la potatura degli alberi. L'appuntamento è stato organizzato da Domenico e Fabio, che in questo modo hanno festeggiato la fine dell'estate, con un grande gesto d'amore e rispetto per il quartiere dove vivono dalla sua fondazione (2003); non poteva mancare l'inossidabile Demetrio. Già nei giorni precedenti Fabio, aiutato da Nicola ed altri amici (Peppe e Nicholas), avevano pulito e sistemato marciapiedi ed aiuole della parte finale del viale (dove gira l'autobus). Hanno perfino sistemato un cipresso, che era rimasto piegato dalla nevicata del 2012 ! Non possiamo che ringraziali a nome di tutti! I cittadini attivi sono una cosa rara e preziosa e ci auguriamo che la loro bella iniziativa abbia un effetto contagioso sul resto del quartiere (e di chi ci legge, anche se abita in Australia!). Un ringraziamento anche agli operatori AMA che erano di pulizia quel giorno, e hanno cercato di agevolare il compito dei volontari. Quest'anno le erbacce si sono impadronite dei marciapiedi, non solo a Torresina. Basta farsi un giro in zona e si notano cespugli e fili d'erba su ogni marciapiede. L'evento può avere due cause diverse (ma sommabili), la riduzione dei finanziamenti ad AMA per interventi di disinfestazione straordinari e l'annata particolarmente ricca di giorni in cui al sole si sono alternate pioggia ed umidità, condizioni ideali per far crescere la vegetazione. Continua a pag. seguente 12

[close]

p. 13

Continua da pag. precedente Donazione Sangue. Il Gruppo Donatori Sangue Torresina Santa Faustina informa che Domenica 27 ottobre avrà luogo la prima donazione di sangue del n uo vo an no ; la r acco lta sar à cur ata dall’AVIS Comunale di Roma ed avverrà davanti alla chiesa dalle ore 7.30 alle 11.30 e s’invitano tutte le persone che godono di buona salute a partecipare. Il tuo quartiere non è una discarica. Domenica 13 ottobre, primo appuntamento dopo l’estate con l’iniziativa “Il tuo quartiere non è u n a d i s c a r i c a ” p e r i M u n i c i p i e x D i s p a r i . La raccolta straordinaria gratuita dei rifiuti ingombranti e “particolari” avrà luogo dalle ore 8.00 alle ore 12.30 nel parcheggio di via Andrea Barbato, sul lato opposto al capolinea del 46/. Campo da Bocce. E’ prevista a breve l’ultimazione del campo da bocce. Si ricorda che la conclusione degli interventi (sia sul campo, che sulle zone d’ombra) si basa sulla disponibilità (e quantità) di volontari a lavorarci; volontari che mettono a disposizione tempo ed energie per il quartiere incastrando tale attività con gli impegni lavorativi e familiari. Attività dei Soci. E’ partito a fine settembre il lavoro delle commissioni istituite durante l’assemblea dei Soci di giugno, che si occuperanno dei seguenti argomenti: riforma dello Statuto, Parco di Torresina e Trasporto Pubblico. Al termine del lavoro delle commissioni, sarà indetta una nuova assemblea dei Soci. Torresina Ufficio. Ha riaperto a settembre il Box Informativo al piano interrato del Centro Commerciale. In esso sono disponibili gratuitamente, in giorni ed orari prestabiliti, consulenze legali, condominiali, fiscali, patronali e sul lavoro oltre che una vetrina per le associazioni. Il calendario aggiornato di attività ed orari è disponibile sul blog www.torresina.net. Il Comitato di Quartiere si scusa per non aver potuto garantire l’apertura nel periodo estivo, ringrazia tuttavia i volontari che hanno messo a disposizione il loro tempo per garantire il servizio durante l’anno ed il Centro Commerciale per la disponibilità del Box. A settembre è tornata anche … Libera Libri ! A cura dell’Associazione H2, in collaborazione con il Comitato di Quartiere e l’associazione Scaffali scambieremo liberamente libri, ogni martedì e giovedì, dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 18 presso il Box al piano interrato del Centro Commerciale Torresina. Come sempre chi vuole porta, chi vuole prende, ma si può anche solo prendere o portare, tutto completamente gratuito. Vi aspettiamo! I N F O . Po te te con tattarci attr aver so l’in dir izzo mail: c o mit at o t o r re si na @ gm a il .c o m o ppu re per segnalazioni urgenti chiamare direttamente i consiglieri i cui numeri sono reperibili sulla pagina web www.torresina.net/comitatotorresina . Grazie Esercizio convenzionato con il C. di Q. Torresina 13

[close]

p. 14

Ass.”Giardino Blu” Un ser vizio per il territorio, dal benessere della persona al benessere della collettività. aprile 2013 il Centro Famiglie “Il Giardino Blu” è giunto al suo quinto compleanno. Sono stati cinque anni di costante attività con le famiglie e la cittadinanza, di intenso lavoro con le istitu zion i e il ter r ito r io de l XIV Municipio. L’equipe del Centro ha così pensato di offrire una restituzione di questa esperienza raccogliendo memorie e r ifle ssio n i in un picco lo libro , “Il Gi a r di no Bl u s i ra cco nt a : l’esperienza di un Centro Famiglie sul territorio”. Gli articoli contenuti, scritti dall’equipe, trattano delle principali esperienze del Centro Famiglie in questi anni. La pubblicazione, gratuita, sarà diffusa in occasione di un apposito evento, organizzato in concerto con i servizi pubblici, che si terrà il 24 ottobre presso la sala Basaglia, padiglion e 26, co mple sso de l S. Maria della Pietà. L’evento vuole essere anche un momento nel quale il Giardino Blu chiederà ai vari attori istituzionali e privati, formali e informali, di portare un contributo ad una riflessione di interesse collettivo IL CENTRO FAMIGLIE INCONTRO PUBBLICO GIOVEDÌ 24 OTTOBRE 2013 ORE 9-13 SALA BASAGLIA, PADIGLIONE 26, S. MARIA DELLA PIETÀ Ad sull’integrazione tra i servizi del territorio e la loro rispondenza ai bisogni della cittadinanza, in un momento storico in cui si assiste alla ricerca di nuove soluzioni che possano accordare i bisogni della comunità con la disponibilità di risorse. E’ prevista così la partecipazione all’evento delle istituzioni municipali e comunali, insieme al contributo di riflessione e di esperienza di una nutrita schiera di attori territoriali, quali rappresentanti dei genitori, del privato sociale, del servizio sociale, de i ser vizi so cio sanitar i, de l volontariato e del mondo della scuola. Inoltre sarà illustrata anche l’esperienza d’oltralpe del Centro Sociale e Familiare St. Gabriel Bon Secours di Marsiglia, quale esempio di una esperienza ricca di suggestioni per il nostro territorio. Infine, sarà dato spazio ai contributi spontanei di quanti desidereranno essere presenti. Ch ie diamo qu in di a tutti co lo ro ch e le ggon o di partecipare e di intervenire. M aggio r i appr o fo ndime n ti su gli or ar i e su gli interventi saranno disponibili sul sito www.centrofamigliailgiardinoblu.it. un albero da frutto appartenente alla famiglia dei citrus. Il pompelmo è un frutto che contiene molta vitamina c, è ipocalorico, diuretico e ha molte fibre. Addirittura, sembra che riduca l’appetito se consumato come succo senza zucchero o, meglio ancora, come frutto prima di un pasto. Inoltre la varietà rossa di pompelmo è quella che favorisce maggiormente la perdita di peso. Un frutto indispensabile per la dieta! Tra i numerosi benefici possiamo trovare il fatto che aumenta il livello del colesterolo cosiddetto buono, e in particolar modo, il pompelmo rosa e quello rosso hanno un maggior contenuto di vitamina A e di minerali, quindi un maggior numero di antiossidanti. Ma perché il pompelmo aiuta nella perdita di peso? Allora, innanzi tutto dobbiamo dire che è un frutto ricco di acqua, ha molte fibre e pochissime calorie. Inoltre il pompelmo pare che stimoli la funzione epatica per cui può essere considerato come uno “spazzino” per il fegato, stimolando anche la digestione degli acidi grassi. Oltre a questo, il pompelmo ha un effetto depurativo, elimina quindi le tossine dai reni e dall’intestino, migliora la combustione delle calorie e riduce la pressione sanguigna. E’ IL POMPELMO di Michela Fabbri Però attenzione, non è tutto oro ciò che luccica! Dobbiamo fare molta attenzione a quella che è l’interazione con i farmaci. Infatti l’assunzione di pompelmo insieme ad alcuni tipi di farmaci può variare o aumentare l’effetto (anche pericolosamente) di questi ultimi. Infatti il pompelmo causa l’incremento dei livelli plasmatici di alcuni farmaci, creando cosi una situazione di sovradosaggio che può portare a effetti collaterali lievi, come cefalea, disturbi gastrici o affaticamento; a volte ci possono essere effetti collaterali un po’ più gravi, ma in questi casi, le case farmaceutiche tendono a riportare sul foglietto illustrativo tale interazione. Ovviamente non dovete entrare nel panico, questo articolo non vuole spaventare, ma solo informare, ed evitare (magari s o t t o consiglio medico) il pompelmo quando si assumono determinati farmaci… magari preferendo un altro frutto… un mandarino o un’arancia, per rimanere nel mondo degli agrumi! 14

[close]

p. 15

di Enza P. Mallecrara Carissimi, ecco Ottobre, decimo mese dell’anno. Il nome deriva dal latino october, perché era l'ottavo mese del calendario romano che iniziava con il mese di marzo. In Francia, durante la rivoluzione francese ottobre aveva due nomi: fino al 22 si chiamava Vendemmiaio, perché era il periodo della vendemmia, successivamente Brumaio, per le giornate più corte e uggiose. Quest'anno, dopo 5467 anni, Ottobre avrà 5 martedì, 5 mercoledì e 5 giovedì. E' un evento rarissimo che i cinesi chiamano SHU TAN TZU cioè "anno della gloria nella fortuna" Auguri a tutti!!! L’autunno avanza, anche se a Roma sono famose le Ottobrate romane, quasi una coda dell’estate. Tanti sono i giorni importanti da ricordare: la prima ferrovia italiana, la Napoli-Portici, fu inaugurata il 3 ottobre 1839; il 6 ottobre 1924 l’Italia iniziò le trasmissioni radiofoniche; il 9 ottobre ci ricorda che, nell’anno 1963, ben 1917 persone persero la vita nella strage del Vajont: una frana caduta nel bacino della diga, produsse una gigantesca onda che si riversò a valle portando distruzione e morte; nel 1967, il 9 ottobre, venne giustiziato Che Guevara; il 12 ottobre 1492 Cristoforo Colombo scoprì l’America, il 12 ottobre del 1946 l’Italia adottò l’Inno di Mameli come inno nazionale, di Marcella Speranza il 31 ottobre 2002 una potente scossa di terremoto nel Molise, provocò il crollo della scuola elementare di S. Giuliano di Puglia uccidendo 27 bambini e una maestra. Il 4 ottobre si festeggia S. Francesco, patrono d’Italia, il Santo poverello d’Assisi. Ricordiamo che il 5 ottobre è stata dichiarata santa Faustina Kowlaska, suora polacca, apostola della Divina Misericordia. Il 31 ottobre si festeggia Halloween, streghe e zucche riempiranno la notte. Domenica 27 ottobre termina l’ora legale e le lancette dovranno essere riportate indietro di un’ora. Durante questo mese sono molti i lavori da fare in giardino o sul terrazzo. Se vogliamo porre a dimora nuove essenze questo è il mese più adatto per ottenere una fioritura abbondante dalla prossima primavera. Seminiamo in piena terra calendule, fiordalisi, gypsofile, papaveri, camelie ecc. Prepariamo le talee di rose, ortensie, boungaville e lantana utilizzando rami vecchi. Prepareremo i contenitori riempiti con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, interreremo per pochi centimetri le talee, dopo averle immerse nell’ormone radicante; queste piantine potranno essere lasciate all’aperto proteggendole, però, dal gelo e dal sole. In questo mese possiamo dividere le piante perenni da fiore, ottenendo nuovi esemplari. In ottobre potremo riseminare il prato, il clima fresco e le piogge autunnali ci daranno una mano. Potiamo gli arbusti che hanno terminato la fioritura e anche le piante da frutto evitando potature troppo drastiche. Ottobre è anche il tempo di rimettere a posto gli armadi, di sistemare gli indumenti per la prossima stagione. Ma ne parleremo la prossima volta. INVOLTINI DI TACCHINO E OVOLI INGREDIENTI per 4 persone: 4 fette di tacchino da circa gr.100 l’una, 5 ovoli di media grandezza, 1 spicchio di aglio, 2 cucchiai olio e.v.o., farina, prezzemolo, vino bianco, sale e pepe q.b. di tacchino e arrotolatela su se stessa. Fermate l’involtino con uno stuzzicadenti e infarinate leggermente all'esterno. Rosolate in padella gli involtini sfumandoli prima con il succo di limone e poi con il vino, salate e pepate e fate cuocere per 6 minuti circa. Servite tagliando gli involtini a metà, decorando con i funghi crudi tenuti da parte e la buccia del limone tagliata a julienne e accompagnando con un’insalatina fresca. ....Buon Appetito! PREPARAZIONE: Pulite gli ovoli ed eliminate la parte terrosa del gambo, tagliateli poi a lamelle. Scaldate una padella antiaderente con l'olio e l'aglio schiacciato, unite i funghi (tenetene da parte una manciatina crudi, che userete per decorare il piatto) e trifolateli a fiamma vivace per 6/7 minuti. Spolverizzate con il prezzemolo e aggiustate di sale e pepe. Battete la carne tra 2 fogli di carta da forno e salatela leggermente; distribuite i funghi trifolati sulla fetta 15

[close]

Comments

no comments yet