Bollettino ADI - AID Maggio 2013

 

Embed or link this publication

Description

News dal Dipartimento "Adozioni a distanza" delle Assemblee di Dio in Italia

Popular Pages


p. 1

bollettino informativo del dipartimento adi-aid delle chiese cristiane evangeliche assemblee di dio in italia speciale viaggio india e sri lanka 2013 visita ai centri sostenuti da adi-aid nei luoghi colpiti dallo tsunami andate per tutto il mondo e predicate l evangelo ad ogni creatura [marco 16:15]

[close]

p. 2

editoriale bollettino informativo del dipartimento adi-aid delle chiese cristiane evangeliche assemblee di dio in italia speciale viaggio india e sri lanka 2013 visita ai centri sostenuti da adi-aid nei luoghi colpiti dallo tsunami andate per tutto il mondo e predicate l evangelo ad ogni creatura [marco 16:15 n° 4 maggio 2013 speciale viaggio india-sri lanka 2013 mani a n c bollettino informativo senza periodicità ad uso interno del dipartimento adi adozioni a distanza delle chiese cristiane evangeliche assemblee di dio in italia direttore gaetano montante redazione via p.f spoto 2/b c.p 105 92015 raffadali ag tel fax 0922474228 0922472417 www.adiaid.it adozioni@assembleedidio.org hanno collaborato alla realizzazione di questo numero salvatore ciofalo giuseppe conserva fabio costanza cosimo sgrò offerte volontarie e designate possono essere inviate a adi adozioni a distanza per l infanzia c/c postale n° 68557719 iban su bancoposta it04 s 070601 16600 000068557719 carissimi amici questo numero di adi-aid news esce in concomitanza con l assemblea generale delle assemblee di dio in italia di cui adi-adozioni a distanza per l infanzia è un dipartimento adi-aid è l opera umanitaria ed evangelistica svolta per mezzo del sostegno a distanza di tanti bambini e ragazzi ma anche attraverso la realizzazione di specifici progetti complementari come la costruzione di scuole primarie e secondarie la fornitura di materiale didattico e di aiuti alimentari per le famiglie la realizzazione di pozzi la distribuzione di biciclette e quant altro possa essere utile e necessario per ottimizzare il nostro servizio ad oggi adi-aid è presente nel mondo · in collaborazione con la mfga maranatha full gospel association negli stati indiani dell orissa tamil nadu bihar andra pradesh karnataka con 715 bambini ospitati in 36 centri di accoglienza il fratello responsabile è il pastore charles finny joseph · in collaborazione con la ehso eben ezer home of social outreaches in tamil nadu con 238 bambini ospitati in 4 centri di accoglienza nella città di chennai il fratello responsabile è il pastore vijay stanley · in collaborazione con la aogi assemblies of god in india in orissa e bengala occidentale con 150 bambini ospitati in 4 centri scolastici in diverse città il fratello responsabile è il pastore ivan satyavrata · in collaborazione con le assemblée de dieu del burkina faso con 1744 bambini ospitati in 19 centri scolastici il fratello responsabile è il pastore douglas sidiyia ouedraogo · in collaborazione con le assemblée de dieu del niger con 200 bambini ospitati in 2 centri scolastici il fratello responsabile è il pastore simon bargo · in collaborazione con le assemblée de dieu in costa d avorio con 100 bambini ospitati in 1 centro nella città di dimbokro il fratello responsabile è il pastore jeremy nagalo 2

[close]

p. 3

o r a tese un opera che tende la mano verso chi è condannato alla miseria economica sociale e spirituale e soprattutto porta il messaggio dell evangelo la gloriosa missione della chiesa alcuni dei centri dell india saranno chiusi entro la fine di quest anno dopo aver portato a termine l impegno assunto in occasione dello tsunami del 2004 perché molti dei ragazzi presi in cura dalla nostra opera umanitaria hanno ormai raggiunto la maggiore età adi-aid ha avuto il privilegio di veder crescere tanti bambini raccolti nei nostri centri subito dopo il disastro che ha causato migliaia di vittime e la distruzione di tante famiglie molti orfani hanno avuto un riparo e un aiuto costante che ha permesso loro di dormire sotto un tetto essere nutriti regolarmente e soprattutto frequentare la scuola i familiari di molti bambini da noi sostenuti hanno potuto ascoltare per la prima volta il messaggio cristiano e l annuncio glorioso della persona del nostro signore gesù e tanti di loro hanno accettato cristo come personale salvatore dando a lui il loro cuore questo ci incoraggia ancor di più a proseguire nella nostra missione andate per tutto il mondo predicate l evangelo a ogni creatura marco 16:15 naturalmente tutti coloro che sin dall inizio di questa nostra opera si sono impegnati con sacrificio a sostenere adi-aid e i bambini colpiti dallo tsunami saranno contattati per proseguire il loro sostegno in favore di altri bambini il dipartimento adi-aid avvierà entro quest anno dei nuovi progetti nello sri lanka e ad haiti con questo numero del nostro bollettino vogliamo farvi sentire più vicini ai nostri bambini e più consapevoli del lavoro che viene svolto per loro mi preme sottolineare che abbiamo volutamente evitato di pubblicare delle foto struggenti che dipingessero lo stato di grande miseria e indigenza in cui essi vivono abbiamo preferito invece mostrarvi gli straordinari risultati del nostro servizio e la gioia di bambini e credenti che grazie a questo programma umanitario ed evangelistico hanno potuto realizzare la gioia profonda che viene dall amore di dio anche grazie all aiuto di tanti preziosi sostenitori potrete trovare una meravigliosa testimonianza di tutto ciò nelle foto del recente viaggio in india e in sri lanka dei fratelli giuseppe conserva fabio costanza e renato mottola che personalmente e a nome del comitato adi-aid ringrazio per la disponibilità e per la collaborazione auspico a tutti i sostenitori le più copiose benedizioni divine continuando ad esortare tutti voi a proseguire fiduciosi nel sostegno di un opera che tende la mano verso chi è condannato alla miseria economica sociale e spirituale e soprattutto porta il messaggio dell evangelo la gloriosa missione della chiesa infatti siamo opera sua essendo stati creati in cristo gesù per fare le opere buone che dio ha precedentemente preparate affinchè le pratichiamo efesini 2:10 gaetano montante 3

[close]

p. 4

speciale viaggio india e sri lanka 2013 diario di viaggio l opera di adi-aid è nata per aiutare i più indigenti nelle nazioni più povere del mondo dopo otto anni dall inizio di questa missione il nostro sguardo è rivolto ancora verso i più svantaggiati per aiutarli e dare loro la speranza di un futuro migliore in questo breve reportage proponiamo una raccolta delle esperienze degli incontri e delle emozioni più significative vissute dai fratelli in visita ai centri sostenuti da adi-aid nei luoghi devastati dallo tsunami del 2004 4

[close]

p. 5

5

[close]

p. 6

calcutta bengala occidentale 1° giorno arrivo a calcutta partiamo dalle nostre città alla volta di roma dove ci incontriamo per ripartire insieme verso l india destinazione calcutta arriviamo stremati da un lungo e duro viaggio notturno dopo qualche ora di riposo veniamo accompagnati alla sede delle assemblee di dio a calcutta aog da lì i fratelli ci invitano a partecipare alla distribuzione di riso che la comunità locale effettua giornalmente nei vari quartieri della rumorosa e caotica città vengono forniti 10.000 pasti al giorno 6 giorni su 7 veniamo accompagnati a visitare la cucina dove questo cibo viene preparato ben 1.000 kg di riso al giorno prima tappa nella stessa area dove sono presenti la comunità e la cucina si trovano anche una scuola cristiana la buntain school l edificio dove hanno sede gli uffici delle aog-calcutta una libreria cristiana ed un ospedale ci rechiamo a visitare la sede degli uffici e lì conosciamo il personale che si occupa del sostegno a distanza ben 25 impiegati per gestire materiale contatti e risorse economiche con una collaborazione che coinvolge ben nove associazioni diverse in varie nazioni del mondo incontriamo anche la sorella roberta jackson responsabile insieme a due collaboratrici dei rapporti con adi-aid il pastore ivan satyavrata responsabile della buntain school dal 2006 e pastore della comunità annessa ci dà dei cenni sulla nascita di questa realtà e sulla diffusione del cristianesimo nel bengala occidentale solo lo 0,17 è cristiano sommando tutte le denominazioni esprimiamo al pastore il piacere e la gioia della nostra collaborazione con la loro opera 6

[close]

p. 7

2° giorno visita a maslandapur ci rechiamo nella junior school a royd street la sede da cui il pastore mark buntain ha avviato la sua attività missionaria in india dove incontriamo gli scolari vengono dati ai bambini e agli insegnanti i saluti dei sostenitori dell ufficio adi-aid e delle nostre comunità in italia dopo una breve visita agli uffici del pastore buntain partiamo alla volta della scuola sostenuta da adi-aid a maslandapur ai09 villaggio nello stato dell orissa a 2 ore e mezzo di macchina da calcutta lungo la strada vediamo scorci della vita di tutti i giorni incontriamo delle piccole botteghe dove degli artigiani svolgono le loro attività oltre ai tanti ven ditori ambulanti e alla gente che affolla le strade indiane giunti nella scuola incontriamo i responsabili e i bambini i quali ci riservano un benvenuto caloroso lanciando dei petali di fiori visitiamo la scuola compresi cucina e refettorio la scuola accoglie ben 248 alunni di cui 25 sono sostenuti dai nostri credenti i bambini eseguono dei canti e recitano dei salmi dopo di che il fratello mottola legge un verso dalla bibbia luca 2:52 per invitare i bambini a crescere sotto ogni punto di vista proprio come gesù dopo questo piacevole incontro facciamo qualche foto di gruppo con i piccoli gli insegnanti e lo staff rientriamo a calcutta felici di aver visto la gratitudine dei bambini ed i risultati che gli sforzi dei sostenitori italiani stanno producendo in questo paese così lontano e diverso dal nostro 7

[close]

p. 8

vera eccellenza sanitaria con medici preparati e un pastore che si occupa dell assistenza spirituale dei malati 3° giorno il mercy hospital incontriamo il pastore ivan satyavrata che ci ringrazia e si augura che l opera missionariaumanitaria sostenuta da adi-aid possa proseguire ed ampliare il suo impegno in favore dei tanti bambini bisognosi in india dopo aver visitato la scuola biblica i fratelli ci portano a visitare l ospedale delle assemblee di dio il calcutta mercy hospital una vera eccellenza sanitaria del bengala occidentale con medici preparati e un pastore che si occupa dell assistenza spirituale dei malati un aspetto curioso è che un piano di questo ospedale è adibito a clinica privata attraverso questo sistema i fratelli riescono a raccogliere i fondi per sostenere le cure mediche dei più indigenti nel pomeriggio il fratello j.s.k rao responsabile della gestione risorse delle assemblee di dio a calcutta ci porta a visionare un interessante progetto la realizzazione e la distribuzione di depuratori naturali per l acqua alle familglie povere con l auspicio che anche adi-aid possa contribuire a questa nobile attività salutiamo i fratelli in vista della tappa successiva del nostro viaggio lo sri lanka secondo fonti dell organizzazione mondiale della sanità sono più di 140 milioni le persone che nel sub-continente asiatico bevono ogni giorno acqua proveniente da falde acquifere contaminate con arsenico ogni anno l esposizione cronica a questa sostanza fa ammalare di cancro migliaia di persone in india attraverso i depuratori l acqua viene privata dalle sostanze tossiche come l arsenico dannose alla salute e che causano un elevata mortalità infantile 8

[close]

p. 9

india un tipico mercato rionale 9

[close]

p. 10

colombo ja-ela sri lanka 4° e 5° giorno una nuova collaborazione oggi partiamo alla volta di colombo in sri lanka il viaggio con tappa da calcutta a chennai e da lì verso la capitale cingalese è molto lungo e ci impegna per tutta la giornata arrivati in serata incontriamo il fratello vernon perera pastore nella comunità calvary centre a ja-ela città poco distante dalla capitale la giornata successiva inizia molto presto è domenica e ci aspettano due culti mattutini ma veramente mattutini il primo culto in lingua cingalese è alle 7:00 e predica il fratello renato mottola dopo una breve pausa inizia il secondo culto questa volta in lingua inglese la predicazione è affidata al fratello giuseppe conserva dopo i culti il fratello perera ci spiega il motivo che lo ha spinto a chiedere l intervento di adi-aid in sri lanka c è stata la necessità seconda tappa 10

[close]

p. 11

di costruire una scuola perché quelle già presenti appartenenti ad altre confessioni religiose non accettano i credenti di fede cristiana nei certificati di nascita viene indicata la religione di appartenenza quella prevalente in sri lanka è il buddismo e questo ne preclude l iscrizione in quegli istituti adi-aid potrà così sostenere i bambini nel loro percorso formativo e garantire loro un avvenire migliore una tappa importante del nostro viaggio da più di un anno il direttore di adi-aid gaetano montante aveva ricevuto l invito da parte del pastore vernon perera di andare a visitarlo nello sri lanka per avviare un progetto tra adi-aid e la chiesa del calvary centre di ja-ela in favore di un centinaio di bambini in questo viaggio dio ci ha concesso di passare per questa tappa importante lo sri lanka ha la forma di una gigantesca lacrima che cade dalla punta meridionale del vasto subcontinente indiano conta una popolazione di circa 21 milioni di abitanti e le sue dimensioni sono paragonabili a quelle dell irlanda in questa terra definita da marco polo la più bella al mondo ricordiamo tutti che nel dicembre 2004 lo tsunami ha coinvolto e devastato quasi l 80 della linea costiera più di 30.000 persone hanno perso la vita nel disastro circa 100.000 abitazioni sono state altresì distrutte grazie agli aiuti internazionali nei mesi successivi al disastro le macerie sono state eliminate e la popolazione senzatetto ha ricevuto un rifugio provvisorio nonostante la lentezza del processo di ricostruzione lo sri lanka si sta risollevando e i turisti stanno tornando a visitare le sue splendide coste giungiamo a colombo capitale dello sri lanka il sabato sera dopo un lungo ed estenuante viaggio arrivati e amorevolmente ospitati a casa dei coniugi perera abbiamo subito realizzato una piacevole comunione fraterna il fratello illustra il programma da seguire la domenica un primo culto alle 7:00 in lingua cingalese un secondo culto alle 9:30 in lingua inglese in entrambi i culti su richiesta del fratello vernon abbiamo cantato dei cantici in italiano che la chiesa poi ha innalzato nella propria lingua È stato davvero emozionante quando la mattina presto abbiamo incontrato per strada centinaia di credenti che si recavano in chiesa a piedi in bici in moto con l ape tre ruote in auto o con i pulmini ci siamo trovati davanti a un grande edificio con tante sale per le varie attività della comunità siamo rimasti meravigliati quando entrando nella sala culto abbiamo trovato più di 1.500 credenti che stavano lodando il signore in una delle sale adiacienti si è tenuto contemporaneamente un culto in lingua tamil una delle lingue principali dello sri lanka la presenza di dio era tangibile e coinvolgente la preghiera e soprattutto la parola predicata ci hanno fatto sentire la benedizione divina le riunioni si sono svolte in una bellissima atmosfera di sincera e genuina spiritualità nonostante la distanza della nostra cultura da quella cingalese il pastore vernon e gli altri 18 pastori che collaborano con lui ci hanno accolti con tanto amore cristiano e fatto sentire davvero fratelli tra fratelli il lunedì alle 5:00 abbiamo partecipato alla preghiera mattutina che i fratelli svolgono dal lunedì al sabato certamente non sono gli orari a cui siamo abituati in italia ma è stato edificante vedere come un centinaio di credenti prima d iniziare la loro giornata lavorativa erano lì per pregare voglio incoraggiare tutti i sostenitori e quanti vorranno diventarlo a pregare per l opera di dio nello sri lanka e per il prezioso lavoro di adi-aid sri lanka alcune note generali le mie impressioni 6° giorno nuove conversioni il nostro ultimo giorno di permanenza in sri lanka inizia ancora più presto del solito nella chiesa curata del pastore perera si svolge ogni mattina alle 5:00 un incontro di preghiera e decidiamo di partecipare tra le varie richieste di preghiera abbiamo anche pregato per una famiglia del pakistan fuggita dalla propria nazione perché convertita al signore gesù il capo famiglia è stato ucciso dal proprio fratello per aver proclamato la fede in cristo ed aver evangelizzato tra i musulmani ora vivono in sri lanka come rifugiati politici la nostra visita in sri lanka è stata breve ma molto intensa sia per il lavoro svolto che per le grandi benedizioni e la comunione fraterna che il signore ci ha dato modo di godere giuseppe conserva 11

[close]

p. 12

12

[close]

p. 13

chennai è un emozione poter vedere quelli che anni fa erano dei bambini adesso essere dei ragazzi istruiti ed educati ma soprattutto vederli pregare il signore terza tappa tamil nadu 7° giorno festa con i bambini arrivati a chennai il pastore charles finny joseph ci porta ad incontrare circa 150 bambini provenienti da vari centri nello stato del tamil nadu i bambini ci riservano un accoglienza calorosa con fiori e canti sono arrivati dai vari centri in autobus alcuni sono partiti già con le prime luci dell alba dopo il pranzo i bambini ci intrattengono con dei giochi organizzati e al termine consegniamo con grande gioia dei doni a tutti è un emozione poter vedere quelli che anni fa erano dei bambini adesso essere dei ragazzi istruiti ed educati ma soprattutto vederli pregare il signore ed esprimere la loro gratitudine prima a dio e poi alle tante famiglie italiane che li sostengono la sera partecipiamo al culto nella comunità di royauram a chennai curata dal pastore james paulraj segretario generale delle chiese maranatha cipalmente nelle coscienze degli indiani nonostante sia passato così tanto tempo in mezzo alle macerie vivono tuttora migliaia di persone questi resti sono diventati un triste monumento al ricordo di quel tragico evento estremamente toccati da quanto visto proseguiamo la nostra giornata recandoci in uno dei centri eh01 poonamallee curati dall associazione eben ezer home of social outreaches gestita dal fratello vijay stanley qui incontriamo alcuni dei ragazzi sostenuti e distribuiamo dei beni di prima necessità per le loro famiglie incontriamo anche delle donne che hanno partecipato ad un corso di sartoria patrocinato dalla ehso e che adesso contribuiscono nel loro piccolo all economia familiare grazie alle abilità apprese 8° giorno per non dimenticare la giornata successiva inizia con un giro nelle zone costiere della città di chennai lo tsunami del 2004 ha causato moltissimi danni e soprattutto la perdita di tante vite umane ancora oggi a distanza di nove anni sono ben visibili i segni che ha lasciato non solo tra gli edifici sventrati ma prin 13

[close]

p. 14

9° e 10° giorno la missione continua sono gli ultimi giorni di visita la mattina è libera da impegni i ragazzi del centro ehso hanno gli esami e i fratelli responsabili sono molto impegnati ne approfittiamo per visitare la caotica e variegata chennai nel pomeriggio incontriamo i responsabili ehso e tutto il personale ci soffermiamo nel dare chiarimenti su come fornire una collaborazione migliore ad adiaid e ai suoi tanti sostenitori aver conosciuto tutto lo staff ed aver visto con i nostri occhi la buona qualità del lavoro svolto ci spinge ad incoraggiare i fratelli e le sorelle a fare sempre meglio per il bene dei bambini e per onorare l opera di dio subito dopo ci rechiamo nel centro principale della eben ezer home dove sono ospitati circa 200 bambini visitiamo la struttura alla quale i responsabili hanno apportato delle migliorie e tutte le aree intorno al centro reso più confortevole e piacevole i bambini eseguono dei canti e recitano dei salmi a memoria portiamo i saluti dei fratelli italiani dei membri del consiglio generale del comitato adi-aid del direttore gaetano montante e di tutti i sostenitori a distanza mentre distribuiamo dei doni ai bambini abbiamo una bellissima sorpresa una mamma presente all incontro si fa avanti spontaneamente per esprimere la sua gratitudine ai sostenitori italiani per l aiuto dato in questi anni grazie al contributo delle famiglie sia il figlio nel passato che il nipote in questi anni hanno avuto la possibilità di studiare presso il centro curato dalla eben ezer home di frequentare il college e diplomarsi ora entrambi hanno un lavoro il fratello vijay ci comunica inoltre che tra i ragazzi sostenuti in passato tre sono attualmente alla scuola biblica lasciamo la struttura molto inco raggiati e commossi fiduciosi che il lavoro di adi-aid con l aiuto di dio possa ancora continuare e crescere l indomani avremmo lasciato l india con tanti ricordi e meravigliose esperienze nel cuore la fatica è stata grande ma grandi sono state anche le benedizioni che cristo ci ha concesso in questo viaggio ritorniamo alla vita di tutti i giorni con la consapevolezza che quest opera nata per aiutare i più indigenti nelle nazioni più povere del mondo può e deve fare ancora tanto per il bene dei più svantaggiati questa porta che cristo ci ha aperto per recare il messaggio di grazia dell evangelo a partire dai più piccoli non può e non deve chiudersi con la fiducia che colui che ha cominciato in voi un opera buona la condurrà a compimento fino al giorno di cristo gesù filippesi 1:6 fabio costanza grazie al contributo dei sostenitori tanti bambini hanno avuto la possibilità di studiare di frequentare la scuola diplomarsi trovare un lavoro e sopratutto accettare gesù quale signore e salvatore 14

[close]

p. 15

riflessioni date loro voi da mangiare [marco 6:37 un mandato da adempiere n ell ultimo rapporto annuale dell unicef sulla condizione dell infanzia si rileva che ogni giorno nel mondo ben 26 mila bambini sotto i cinque anni muoiono per cause del tutto evitabili come malattie infettive e fame nel 2006 la mortalità infantile è notevolmente diminuita ma le cifre rimangono pur sempre allarmanti 9,7 milioni di morti l anno praticamente un bambino muore ogni 3 secondi vedere le immagini di bambini denutriti e il pensiero che molti di loro potrebbero non sopravvivere ci spezza il cuore non possiamo fare altro che riconoscere la nostra insufficienza di fronte a una simile realtà ma cosa possiamo fare è gesù a rispondere attraverso la sua parola date loro voi da mangiare marco 6:37 grazia di ricevere per il bene anche degli altri avendo ciascun di voi riguardo non alle cose proprie ma anche a quelle degli altri filippesi 2:4 2 date loro voi il pane della vita spesso si corre il rischio di dimenticare che l uomo non vive soltanto di pane deut 8:3 e che anzitutto c è la necessità di cercare il regno e la giustizia di dio matteo 6:33 milioni di persone ancora oggi non conoscono il pane della vita che è disceso dal cielo cristo gesù il signore in questi ultimi anni grazie all intervento di adi-aid intere famiglie hanno dato il cuore a cristo e sono passate dalla stregoneria alla fede nel signore gesù la manna celeste dell evangelo ha dato speranza a queste popolazioni non solo per un futuro prossimo ma per l eternità tramite quest opera di evangelizzazione ogni sostenitore sta adempiendo non solo ad un dovere sociale e morale ma al mandato che gesù cristo ha affidato alla chiesa andate dunque ammaestrate tutti i popoli insegnando loro d osservar tutte quante le cose che v ho comandate matteo 28:19 20 1 date loro voi il pane quotidiano non dobbiamo lasciarci scoraggiare dalle tante e troppe cose che non vanno intorno a noi e dimenticare una cosa fondamentale il popolo di dio è chiamato a fare le buone opere per la gloria di dio e per l avanzamento del suo regno ogni credente è chiamato ad investire quello che il signore gli ha dato salvatore ciofalo 15

[close]

Comments

no comments yet