mondorealenumero73

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero73

Popular Pages


p. 1

anno iii numero 32 19 novembre 2010 n.73 latina parco pubblico da sballo la denuncia di sergio sciaudone luciano ciocchetti benedice il nuovo piano casa provincia nuova articolazione per i collegi elettorali sezze ricci analizza gli ultimi equilibri in consiglio comunale casa dei giovani per vitelli servono investitori privati un progetto con l università per l usabilità del sito internet editoriale di simone di giulio ci risiamo qui l italia va a rotoli dall europa arrivano segnali preoccupanti circa la salute economica di irlanda e portogallo con tremonti che assicura tutti sullo stato di salute della nostra nazione non considerando affatto l ipotesi che presto o tardi qualcuno dovrà intervenire anche per salvare il nostro di mercato ormai allo sbando con i conti pubblici che naufragano le aziende anche grandi che chiudono i battenti i sindacati che litigano tra loro e la netta sensazione che qualcosa sta per rompersi e la classe politica cosa fa come ci si sta muovendo tra la campania sommersa dai rifiuti e il nord del paese sommerso dall acqua cosa si sta facendo per la cultura e per la scuola settori in cui i tagli ormai hanno ridotto tutto al lumicino cosa si fa per il sistema sanitario pieno di debiti e per incrementare la sicurezza sui posti di lavoro un bel nulla perché il problema come consuetudine non consiste nel risolvere i problemi ma guardare al proprio orticello come nella migliore tradizione si continua a `fare politica quando in realtà ci sono da risolvere situazioni che competono ad amministratori nazionali regionali provinciali o locali che siano si pensa al legittimo impedimento ad approvare il patto di stabilità sennò l europa ci tratta come la grecia a fare i soliti giochetti di poltrone per assicurarsi il vitalizio da parlamentare e da noi zaccheo è caduto e allora tutti in pista liste civiche che sorgono come funghi dopo la pioggia tutti che ci mettono la faccia salvo poi toglierla una volta raccolto il 2 di consensi perdite di tempo tra primarie e programmi scaricati da internet basta che poi nessuno si lamenti dei risultati e se ne esca con il classico io l avevo detto attualitÀ maenza salta la rassegna dei presepi ennesimo smacco per la cultura priverno la picozza lancia l allarme per il recupero delle mura medievali attualitÀ sermoneta la pioggia porta enormi disagi nelle scuole e per la viabilità pontinia teatro fellini la questione è ancora in alto mare tutti in campo nel capoluogo È giÀ corsa alle elezioni il centrodestra sempre piÙ spezzato si getta nella mischia con le liste civiche a sinistra ci si affida alle primarie del 16 gennaio cultura sezze 2 bandi per le associazioni borrelli presenta le mani sul tg1 al teatro moderno va in scena un tributo ad anna magnani telefono azzurro torna in piazza

[close]

p. 2

latina di sabrina de filippis mondore@le numero 73 19 novembre 2010 arriva anche futuro e libertÀ a guidare la truppa dei finiani salvatore de monaco e giuseppe mochi appena uscito dal pdl futuro e libertà si è presentato a latina lo scorso giovedì 11 novembre presso la sala conferenze del victoria palace la nuova corrente politica che fa capo a gianfranco fini è coordinata a latina da salvatore de monaco con al fianco giuseppe mochi in occasione del lancio di futuro e libertà a latina è intervenuto anche il coordinatore di futuro e libertà del lazio antonio buonfiglio non ci piacciono le dittature e berlusconi ha dichiarato buonfiglio ha scambiato il pdl per il suo giocattolo dove è solo lui a decidere strategie persone regole a questo ci contrapponiamo e a latina non intendiamo passare sopra a quanto accaduto non è plausibile che coloro i quali mandano a casa un sindaco del loro partito poi non abbiano alcuna conseguenza rispetto a questo loro comportamento anzi vengono rimessi in lista come se nulla fosse salvatore de monaco è più aperto al dialogo e dichiara ho scelto futuro e libertà perché finalmente abbiamo un partito in cui si torna a parlare di politica con il pdl siamo apertissimi al confronto ma sono loro che prima devono definire i loro problemi chi ha sfiduciato un sindaco ribadisce de monaco non può ripresentarsi agli elettori questo deve essere chiaro molti dirigenti del pdl conclude salvatore de monaco sono in attesa di segnali dal loro partito se non ci saranno sono pronti ad aderire a fli mochi auspica un nuovo inizio partendo dalla strutturazione del partito sul territorio io come molti altri spiega mochi ho lasciato il pdl perché non apprezzavo il modo in cui viene gestito il partito con futuro e libertà puntiamo a invertire la rotta a creare un partito che sia strutturato all interno del quale si discute e ci si confronta e solo alla fine si prendono le decisioni io e de monaco abbiamo fatto una scelta coraggiosa aderendo a fli abbiamo contatti con molti altri dirigenti che sono pronti ad aderire tra essi anche consiglieri comunali e sindaci loffredo e redi entrano in mischia il primo ha presentato la lista civica il patto l ex sindaco ha avanzato la sua candidatura di sabrina de filippis alfredo loffredo scende in campo con il patto una nuova lista civica che nasce da una concordata separazione con nuova area sulla scorta delle decise istanze provenienti dai sostenitori in funzione di una ragionata e definitiva scelta di non appartenenza partitica inconciliabile con i dettami organizzativi territoriali recentemente indicati dai vertici del pdl alle proprie formazioni locali il nuovo movimento intende continuare a perseguire il rigido percorso intrapreso sin dal principio caratterizzato da una precisa proposta proveniente dalla sola società civile volta alla creazione di una nuova e più meritevole classe politica formata da amministratori scelti ed eletti secondo criteri di trasparenza meritocrazia e capacità professionale il patto è quindi pronto a stringere un accordo federativo con tutte le aggregazioni che si riconoscano nei principi e linee programmatiche finalizzati alla sola crescita della città in ogni campo avendo come obiettivo finale la predisposizione di un articolato comune programma amministrativo e la condivisione nella scelta del candidato sindaco le linee guida del movimento sono volte al rilancio dell economia della città e del territorio e alla difesa dell occupazione attraverso l adozione di misure e provvedimenti necessari al consolidamento delle realtà industriali presenti sul territorio nonché a garantire un deciso e maggiore impegno politico-istituzionale assolutamente necessario per lo sviluppo socio-economico del nostro territorio quelli del patto propongono una politica determinata nel pretendere il 2 rispetto della legalità una politica che sia inflessibile nell assicurare l ordine pubblico e la sicurezza del cittadino e anche l ex sindaco delio redi è pronto per le prossime amministrative e si presenta con una nuova lista civica rimanendo in disparte spiega redi mi sembrava di tradire le aspettative e la fiducia di tanta gente la città è troppo ferma e ora di ripartire

[close]

p. 3

latina mondore@le numero 73 19 novembre 2010 isi terranno ilpunta alle primarie l pd prossimo 16 gennaio giansanti gli elettori avranno modo di selezionare la proposta migliore nei contenuti di sabrina de filippis onirika edizioni presenta direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattrice paola bernasconi redattori domiziana tosatti luisa belardinelli sabrina de filippis marco fanella roberto tartaglia mario giorgi responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito web sketch[idea stampato presso artegraf via marittima 75 priverno contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com le primarie diventano di coalizione e si terranno domenica 16 gennaio 2011 il partito democratico l italia dei valori sinistra ecologia e libertà e il partito socialista sceglieranno insieme il candidato alle primarie dopo l ufficializzazione delle primarie di coalizione del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco è intervenuto sull argomento il comitato per le primarie a latina siamo estremamente soddisfatti esordisce il coordinatore del comitato andrea giansanti che i partiti di centrosinistra abbiano concordato le primarie di coalizione fissandone inoltre la data al 16 gennaio e consentendo quindi la conclusione del percorso congressuale di alcune delle formazioni aderenti nelle ultime settimane consapevoli del lavoro che i partiti dell area progressista stavano svolgendo per arrivare al risultato condiviso abbiamo confidato nel fatto che si sarebbe arrivati ad un accordo positivo come in effetti è stato i segnali andavano nella giusta direzione del resto prosegue giansanti alcuni autorevoli esponenti di diverse formazioni si erano già espressi in favore delle primarie e ci sono già dei candidati in corsa ora si tratta di evitare che l appuntamento del 16 gennaio diventi solamente una scelta fra più individualità o peggio una conta e determinante che si lavori per le primarie delle idee in cui confrontare diversi modi di fornire alla cittadinanza le risposte che essa attende gli elettori avranno così modo di selezionare la proposta migliore nei contenuti valorizzando questi ultimi rispetto ai personalismi una fase caratterizzante per le aspirazioni del centrosinistra perché la coalizione di centrosinistra possa rappresentare un alternativa per il governo della città di latina aggiunge giansanti è fondamentale delineare ed esplicitare un progetto politico chiaro ed il più possibile partecipato per questo la strada verso le primarie dovrà essere tale da non arrivare a posizioni conflittuali ma ad un momento di condivisione che alimenti gli entusiasmi di tutto l elettorato pur nel rispetto dell esito della consultazione popolare le primarie sono un alto esercizio di democrazia e consentono di arrivare ad una sintesi trasparente e non figlia di scontri interni consumati nelle stanze di partito oppure di bassi compromessi da cui viene esclusa la volontà dell elettorato proprio questa rilevante importanza delle primarie non va messa a repentaglio dal rischio che i sostenitori dei candidati perdenti possano rimanere più delusi dalla sconfitta che orgogliosi di aver contribuito ad una forma partecipativa ed inclusiva di decisione collettiva in tal senso il percorso che porterà al 16 gennaio al di là della diversa caratterizzazione delle proposte dei singoli candidati dovrà essere coinvolgente e rispettoso di tutto l elettorato al fine di incoraggiarlo in vista delle elezioni di primavera in cui ci sarà la contrapposizione fra visioni diametralmente opposte di governo della città la sfida di qui al 16 gennaio è quella di motivare l elettorato di centrosinistra e di aprirci a quella cittadinanza che chiede con forza un cambiamento rispetto a chi ha malgovernato latina negli ultimi 17 anni e noi ci mettiamo sin d ora a disposizione per contribuire a raccogliere questa sfida 3 tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione il 17 novembre 2010 pubblicità primo piano 6

[close]

p. 4

latina di luisa belardinelli mondore@le numero 73 19 novembre 2010 ritrovate siringhe e aghi ovunque denunciato da sergio sciaudone lo stato di degrado un parco da sballo è così che definisce sergio sciaudone il parco comunale di latina il polmone verde della nostra città luogo di ritrovo e gioco dei bambini da ormai troppo tempo è diventato anche il luogo prediletto per siringhe usate e abbandonate e per disagiati che non avendo protezione e aiuto si abbandonano tra i verdi prati e i robusti alberi per confermare la tesi che ormai la storica area verde comunale è diventata un parco del buco i giorni scorsi alcuni sostenitori di rifondazione comunista armati di pinze per la raccolta dei rifiuti hanno bonificato il parco da tutte le siringhe e dagli aghi presenti una trentina le siringhe rinvenute abbandonate in terra tra i cespugli all interno dei tombini senza copertura che costituiscono di per sé un pericolo e assurdità delle assurdità ritrovate siringhe piantate anche sui tronchi degli alberi il rischio maggiore sottolinea rifondazione viene forse dagli aghi senza siringa sparsi nel parco se il pericolo di con giardini pubblici parco da sballo tagio da aids è molto ridotto quello da epatite in particolar modo la c è molto alto vista la resistenza del virus anche fuori dal corpo umano spiega sergio sciaudone segretario del partito di rifondazione comunista non stupisce continua sciaudone tanto il ritrovamento di siringhe in un parco pubblico quello che lascia veramente perplessi è che se il parco più importante della città al centro sotto gli occhi di tutti è ridotto in questa maniera possiamo immaginare gli altri in che condizioni siano sicuramente latina non è una città a misura di bambino ma questo ci pare superi il limite della decenza ciocchetti benedice il nuovo piano casa l assessore possiamo offrire incentivi a chi adegua gli edifici agli standard di sicurezza sismica di sabrina de filippis grazie al piano casa possiamo offrire incentivi importanti a chi adegua gli edifici agli standard di sicurezza sismica e semplificare la formazione di programmi integrati tesi al riordino delle periferie e alla riqualificazione ambientale con particolare riguardo al litorale laziale senza dimenticare che il tutto è stato appositamente riformulato per un efficace uso della leva urbanistica per favorire la realizzazione di alloggi di housing sociale questo il pensiero di luciano ciocchetti assessore all urbanistica della regione lazio e vicepresidente della giunta alla pisana tutto si basa su concetti efficaci come semplificazione riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente e delle periferie con minor spreco del terreno libero l incontro di martedì scorso sul nuovo piano casa al quale ha partecipato anche l assessore alle politiche sociali e famiglia aldo forte ha rappresentato un occasione per un confronto sulla legge proprio il consigliere regionale ha spiegato aldo forte oggi a differenza del precedente piano casa presentato come un pacchetto 4 calato dall alto siamo qui per un confronto diretto tra il territorio e la regione tra le istituzione e i cittadini perché la nostra intenzione è quella di favorire le trasformazioni attente alle istante e alle peculiarità di tutte le province come di quella pontina dello stesso avviso luciano ciocchetti che ha proseguito la vecchia stesura aveva creato tante aspettative fra i cittadini e tra la piccola e media impresa ma con le limitazioni poste di fatto si era rivelata inutilizzabile bocciatura pratica non politica della legge denominata misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l edilizia residenziale sociale che si è discostata dall originaria intesa statoregioni certamente in passato non si sono sapute cogliere le opportunità che quell accordo aveva introdotto con particolare attenzione alla possibilità di favorire il rilancio occupazionale e lo sviluppo economico attraverso interventi volti al sostegno dell edilizia con la nostra azione di governo abbiamo voluto rivalutare tutto questo

[close]

p. 5

sezze di simone di giulio mondore@le numero 73 19 novembre 2010 ricci sui nuovi equilibri in consiglio il segretario dei socialisti setini la maggioranza campoli è diventata bulgara il partito democratico e l udc ormai hanno raggiunto quota 70 come cambiano gli equilibri nel consiglio comunale a distanza di circa tre anni e mezzo dalle elezioni tanto questo è il parere del segretario comunale del partito socialista enzo ricci che spiega dopo tante ambiguità mezze parole tatticismi esasperati in consiglio comunale dopo il voto del riequilibrio di bilancio c è chiarezza la maggioranza è diventata bulgara il partito democratico e l udc hanno raggiunto quota 70 un ottimo risultato se si considera che il pd contava all inizio della legislatura neanche il 30 e l udc allora all opposizione otteneva circa l 1,3 qualche cosa sicuramente è successa e sta ancora succedendo o meglio qualcuno sta truccando le carte e nello specifico ricci continua può essere che la giunta organo di programmazione e di indirizzo abbia ben scelto i dirigenti che ben hanno gestito tanto da meritarsi il voto del 70 del consiglio comunale quale organo di controllo allora all esterno non dovrebbe apparire quello che appare un paese alla perpetua ricerca di una propria identità di un proprio sviluppo ormai non più agricolo il rilancio dell artigianato e dell industria pure chimere onnipresenti in tutti i programmi elettorali e destinate a rimanerci una depurazione da paese terremotato a quattro anni dal finanziamento del depuratore l amministrazione delibera la realizzazione di un depuratore mobile e neanche di sua iniziativa che vergogna roba da tendopoli e intanto prosegue l esponente locale dei socialisti i cittadini hanno continuato a pagare salate bollette di depurazione la decongestione del traffico e la riqualificazione dei quartieri della periferia è diventato solo un problema di rotonde e di muri a sasso la sicurezza è sempre un problema di autogestione della zona colpita da furti e poi basta stare in casa entro le 20 forse risolve non è tutto ma quanto basta per capire che ne la giunta e nei dirigenti stanno operando bene e allora come mai si chiede ricci in consiglio cresce il consenso È possibile che molti consiglieri ormai senza partito ragionano al meglio per se stessi stanno in maggioranza per coltivare meglio il loro personale elettorato qualcuno dovrà pure assumersi le responsabilità di tutto questo indicativa è anche la presa di posizione dell idv e di rifondazione comunista che denunciano quello che noi avevamo già denunciato da tempo la morte della politica voluta scientificamente da chi vuole solo tenere stretta la poltrona eppure nelle scorse elezioni quella che fu l unione denunciava l esperienza civica la mancanza dei partiti la mancanza di linearità politica il sindaco ha voluto estromettere i partiti in quanto titolari di interessi generali esclusi dalla dialettica politica per mantenere una cappa di piombo che ormai asfissia il paese la nostra proposta conclude enzo ricci è di rimettere al centro le istituzioni partitiche per operare e fare per sezze e non per qualche singolo cittadino fosse pure consigliere comunale dunque non il partito per il partito ma la politica contro l antipolitica che quest amministrazione sta perpetrando riceviamo e pubblichiamo sulla piazzetta di ferro di cavallo contemplo nel primo pomeriggio le pietre del passato vedo la chiesetta sant antonio che piange il suo stato di abbandono e il suo vecchio campanile la vecchia campana è lì muta a due passi dalla scalinata della chiesa senza più il suo timido rintocco della sera l antico portone è rimasto lo stesso e le sue antiche pietre si stendono tutte stanche corrose e disgregate m ha chiamato con voce debilitata e fioca guarda a che solitudine m han lasciato e m ha mostrato le finestre mute e dagli infissi vecchi e cadenti fili di luce illuminano l altare pieno di ragnatele e di ricordi di grazie ricevute la statua del santo ancora rivestita di doni d oro fa sentire l area antica del passato quando i fedeli l han sempre venerato si svegliano i ricordi una processione lunga senza fine una fede sacra ti entrava dentro il cuore al grido di evviva sant antonio protettore man mano il corteo s ingrossava per la presenza di successivi arrivi di donne a piedi nudi con i ceri accesi il tono dei canti era commovente e con viva voce partecipavano le genti elevando al cielo preghiere solenni i degenti del civico ospedale visitavano la chiesa e il santo a tutte le ore a chiedere grazia di futura guarigione ora il portoncino è trascurato e triste ha gioito nel risvegliarmi e m ha pregato di lottare per salvare lui così come la politica ha chiuso l ospedale la chiesa ha perduto i veri pastori e l uomo quasi tutti i suoi valori vittorio accapezzato 5

[close]

p. 6

sezze di simone di giulio mondore@le numero 73 19 novembre 2010 grenga critico sui tagli alle scuole l assessore il governo berlusconi non fa altro che creare cittadini di serie a e di serie b un provvedimento scandaloso con cui si va a penalizzare ulteriormente la scuola pubblica il governo berlusconi non fa altro che creare cittadini di serie a e di serie b e questo il duro sfogo di remo grenga assessore alle politiche scolastiche che si è espresso all indomani della decisione del governo di reinserire in finanziaria lo stanziamento di 245 milioni di euro per le scuole paritarie private che sommati agli altri 250 milioni già stanziati negli emendamenti precedenti fanno 495 milioni per gli istituti privati una cifra ottenuta grazie alla riformulazione del comma 47 del maxiemendamento al disegno di legge di stabilità con cui di fatto vengono sbloccati 800 milioni di euro utilizzabili per investimenti vari trovo assurdo continua grenga che le scuole private ricevano dei finanziamenti da parte dello stato considerando le condizioni in cui versa l istruzione pubblica la gelmini ha espresso grande soddisfazione per il piano approvato dichiarando che i fondi sulla scuola sono sufficienti probabilmente al ministro sfugge quanto invece è sotto gli occhi di tutti le scuole pubbliche sono ridotte all osso le strutture sono fatiscenti i docenti mal retribuiti nelle scuole pubbliche accogliamo il 90 della popolazione scolastica con 495 milioni di euro potremo dotare i diversi istituti scolastici delle risorse necessarie per offrire ai nostri ragazzi un offerta formativa pubblica migliore e servizi più efficenti oggi ci troviamo nella situazione in cui gli alunni sono davvero costretti a portarsi da casa la carta igienica grenga ha anche ricordato che l amministrazione comunale in più occasioni ha denunciato le azioni messe in atto dal governo centrale nell ambito delle politiche scolastiche quello che mi lascia stupito ha concluso grenga è l indifferenza spesso mostrata dai politici e amministratori di ogni colore politico di fronte a questa situazione disastrosa per il futuro del nostro paese si sta demolendo pian piano la conoscenza pubblica per lasciare spazio alla privatizzazione senza istruzione e soprattutto con molti precari cosa ne sarà della nostra nazione siamo tornati indietro al tempo in cui la scuola era un lusso e l istruzione era solo per pochi eletti

[close]

p. 7

sezze di simone di giulio mondore@le numero 73 19 novembre 2010 la casa dei giovani cerca un privato l appello di antonio vitelli invito l assessore alla cultura e il dirigente ad andare avanti con l appalto all interno delle direttive e del progetto approvato in consiglio e finanziato dalla regione a.a.a cercasi privato per la casa dei giovani dopo l audizione tenutasi in commissione trasparenza del dirigente comunale responsabile del progetto finanziato dalla regione per più di 300 mila euro il consigliere del centrodestra setino antonio vitelli individua la questione centrale il progetto ha ricevuto un punteggio e relativo finanziamento perché insieme alla quota regionale e comunale era prevista la partecipazione di capitale privato per il 27 dell intero piano stiamo parlando di una somma superiore ai 100 mila euro spiega vitelli necessari per integrare gli investimenti pubblici e rendere la struttura operativa si capisce benissimo la difficoltà della ricerca di un partner privato disposto ad investire una somma importante per questo la vera priorità è quella di realizzare subito un bando chiaro che specifichi la futura destinazione dell opera e eviti apporti sostitutivi che spesso si riducono ad un semplice escamotage per non effettuare l esborso finanziario la destinazione culturale dell opera rende ideale anche la possibile realizzazione di un cinema già alcune richieste in tal senso sono arrivate all ente negli anni passati ma non si sono poi concretizzate e questa potrebbe essere la volta buona la casa dei giovani prosegue il consigliere di minoranza potrebbe essere punto di riferimento per attività sociali ludiche e culturali e allo stesso tempo potrebbe erogare servizi economicamente vantaggiosi per i privati che intendessero partecipare all appalto e investire nel progetto la casa dei giovani si inserisce nel contesto di un progetto complessivo che prevede la realizzazione della pista ciclabile all interno del parco dei cappuccini e al rifacimento del campo da basket opere tutte già finanziate l auspicio è quello di vedere consorziarsi le molte associazioni culturali che operano a sezze affinché la struttura possa essere punto di riferimento delle molteplici attività cui si spera si potrà aggiungere anche la realizzazione e la riapertura di un cinema locale invito conclude vitelli l assessore alla cultura grenga ed il dirigente responsabile ad andare avanti con l appalto per la ricerca del partner privato all interno delle direttive e del progetto approvato in consiglio comunale e finanziato dalla regione lazio uno studio sull usabilitÀ del sito il progetto sarà svolto da studenti universitari nell ambito del laboratorio di ergonomia cognitiva migliorare i servizi offerti e individuare le aree dove l interazione diventi problematica per gli utenti che ogni giorno accedono al portale web questo è quanto previsto dallo studio avviato dal comune sull usabilità del sito istituzionale il progetto avviato in collaborazione con il dipartimento di psicologia dell università la sapienza di roma sarà svolto da studenti universitari nell ambito del laboratorio di ergonomia cognitiva si andrà a misurare l effettiva usabilità del sito grazie alla valutazione diretta degli utenti che ogni giorno vi accedono scopo dichiarato della valutazione di usabilità sarà quello di offrire all amministrazione suggerimenti per migliorare le aree di interazione problematiche per l utente del sito e orientare eventuali scelte di re-design dello stesso cliccando sulla voce valuta questo sito presente sulla home page si accede ad un questionario i cui dati sono trasmessi direttamente al dipartimento universitario lo studio sarà effettuato su un campione di almeno 30 utenti in modo da garantire una stima attendibile dei dati rilevati dalla ricerca il processo di innovazione cominciato dagli anni 90 ha dichiarato l assessore agli affari generali bruno cardarello ha visto e vede ancora la pubblica amministrazione alle prese con il tentativo di ribaltare la sua immagine da struttura burocratica chiusa a organizzazione comunicativa e di servizi rivolta all utente-cittadino-cliente la capacità degli enti locali di fornire informazioni e servizi adeguati ai bisogni dei cittadini è legata alla presenza di strutture di comunicazione e portali web aticolati ed efficenti lo studio avviato consentirà di migliorare il nostro portale adeguandolo ai diversi bisogni e aspettative degli utenti e rendendolo accessibile ad un numero di persone sempre più vasto 7

[close]

p. 8

sermoneta di domiziana tosatti mondore@le numero 73 19 novembre 2010 servono interventi su viabilitÀ e servizi il consigliere scarsella chiede maggiore attenzione per le problematiche di borgata carrara e pontenuovo la frazione di borgata carrara e pontenuovo è stata oggetto negli ultimi anni di un fortissimo insediamento residenziale e commerciale divenendo una vera e propria città i miniatura a tale spinta insediativa tuttavia deve necessariamente corrispondere un adeguamento dei servizi e della viabilità non idonei alla condizione attuale della borgata a portare l attenzione sulla vicenda è antonio scarsella capogruppo consiliare del gruppo misto che lo ha fatto attraverso un interrogazione cui ha chiesto risposta in consiglio comunale sono diversi gli interventi di cui la borgata ha bisogno ad esempio l incrocio semaforico di carrara pecca della carenza di illuminazione tanto che i veicoli ed i pedoni hanno ad unico riferimento il semaforo mentre intorno è tutto buio ad altissima percorribilità poi è la strada via dell irto che nel tratto dall incrocio semaforico di carra a pontenuovo ha un illuminazione insufficiente così come assenti o insufficienti ha fatto notare il consigliere sono i percorsi pedonali su questa strada ha detto scarsella si affacciano numerosi esercizi commerciali pubblici e soprattutto due scuole il centro sociale e la chiesa l incrocio tra via dell irto e via le prata continua ad essere buio e non adeguatamente dotato di spartitraffico il tombinamento del fosso torno è previsto nel piano delle opere pubbliche 2012-2013 ma d oggi senza l indicazione di un effettiva copertura di spesa stessa problematica per l assenza di illuminazione e percorsi pedonali riguarda via carrara grande ritardo poi per i lavori di realizzazione del raccordo stradale con la stazione ferroviaria di latina scalo che nonostante le rassicurazioni dei mesi scorsi continuano ad essere fermi nell interrogazione che scarsella ha chiesto di discutere nel primo consiglio utile il consigliere ha chiesto di conoscere quali programmazioni ed atti di impegno siano stati concretamente predisposti per le problematiche oggetto del documento e quali siano i tempi per l ultimazione della viabilità di collegamento con la stazione ferroviaria di latina scalo ed il parcheggio previsto nel progetto del nodo logistico il maltempo sottolinea criticitÀ giÀ note maggiori disagi nella scuola del centro storico e di doganella di ninfa oltre che per la viabilità di domiziana tosatti al ritorno della stagione fredda e delle forti piogge peraltro non rare per il comprensorio lepino ecco tornare con puntualità sconcertante i soliti disagi per la viabilità così come alcune problematiche messe in evidenza da alcuni edifici scolastici nello specifico a sermoneta a risentire in modo particolare delle difficoltà causate dalle violente piogge degli ultimi due giorni sono state la scuola elementare del centro storico e quella della frazione di doganella di ninfa nella prima scuola in questione i bambini sono stati costretti a fare lezione nei corridoi a causa delle infiltrazioni di acqua dalla copertura e dalle finestre che facevano gocciolare acqua all interno delle aule i cui soffitti si sono quindi intrisi di macchie di umidi tà a doganella invece ancor più gravi sono stati i disagi per le infiltrazioni sia dal tetto che dalle finestre sul fronte della viabilità sono state rese impraticabili via del serbatoio a sermoneta scalo via dell irto e via carrara un intervento urgente è stato richiesto dal consigliere comunale antonio scarsella il capogruppo del gruppo misto ha chiesto un monitoraggio complessivo degli edifici scolastici per porre rimedio all emergenza ed assicurarne la sicurezza e l agibilità ed interventi urgenti sula viabilità per garantire la libera circolazione dei pedoni e dei mezzi nella speranza che venga finalmente posto rimedio ad una problematica che si ripete da anni mondore@le lo trovi online sul sito www.onirikaedizioni.it 8

[close]

p. 9

sermoneta di domiziana tosatti mondore@le numero 73 19 novembre 2010 trasporti gratuiti per gli under 25 i giovani potranno così viaggiare gratis sui mezzi di trasporto pubblici regionali e locali per i giovani residenti a sermoneta con età compresa tra i 10 ed i 25 anni è possibile viaggiare gratuitamente sui mezzi di trasporto pubblico regionale e locale una possibilità offerta dalla regione lazio già qualche anno e di cui possono beneficiare coloro che hanno un reddito isee familiare o personale non superiore ai 20mila euro annui per beneficiare del titolo di viaggio gratuito è necessario per tutti gli utenti compresi coloro che hanno usufruito dell agevolazione nel 2010 registrarsi sul siset alla voce richiesta per il 2011 compilare correttamente la domanda elettronica e consegnare il modulo prodotto dal sistema informatico presso i centri civici di pontenuovo o monticchio unitamente al codice fiscale e documento di identità in corso di validità la certificazione attestante il reddito isee fino a 20.000 euro la certificazione o autocertificazione di iscrizione/frequenza rilasciata dall istituto scolastico se studente dell attestato di servizio rilasciato dal datore di lavoro se lavoratore o dell iscrizione ad un centro per l impiego se inoccupato o disoccupato e possibile presentare la domanda entro il prossimo 30 novembre si tratta di una possibilità che la regione offre a tutti coloro che utilizzano i mezzi pubblici per motivi di studio o di lavoro ha spiegato l assessore alle politiche giovanili mauro battisti un aiuto in più alle famiglie un modo per riuscire a risparmiare in questo momento in cui è necessario tirare la cinghia provincia di latina nuova articolazione per i collegi elettorali il decreto di gennaio convertito in legge a marzo ridisegna la distribuzione su base di ventimila abitanti lo scorso 11 novembre 2010 il consiglio provinciale ha approvato la proposta del ministero dell interno per l articolazione delle circoscrizioni dei ventiquattro collegi elettorali della provincia di latina in seguito alla riforma adottata con decreto legge 25 gennaio 2010 n 2 convertito in legge 26 marzo 2010 n 42 in sostanza prima bastavano 15.000 abitanti per formare un collegio adesso ne servono 20.000 nella provincia di latina aprilia conserva i suoi tre collegi causa aumento della popolazione al collegio di cori si uniscono roccamassima sermoneta bassiano e norma sezze avrà un collegio proprio latina ne avrà cinque più un sesto che racchiuderà parte di cisterna il resto della città sarà collegio a sé pontinia e sonnino saranno unite così come sabaudia e san felice circeo insieme a priverno andranno anche i comuni di prossedi roccasecca dei volsci roccagorga e maenza terracina sarà suddivisa su due collegi al secondo dei quali sarà unita monte san biagio fondi sarà divisa in due collegi nel secondo sarà unita con sperlonga lenola e campodimele gaeta sarà collegio a sé formia è divisa in due collegi nel secondo sarà unita con itri divisa anche minturno con ponza e ventotene nel primo collegio e castelforte santi cosma e damiano e spigno saturnia nel secondo le prime reazioni politiche parlano di perfetta linea con il centro nord anche se le isole sembrano penalizzate c è infine chi non condivide la riduzione dei consiglieri provinciali che da 30 passeranno a 24 un risparmio considerato irrisorio la proposta delle 24 nuove circoscrizioni che sostituiranno le 30 precedenti è stata inviata al termine del consiglio provinciale alla prefettura quale ufficio periferico del ministero dell interno compente per la proposta 9

[close]

p. 10

priverno di mario giorgi mondore@le numero 73 19 novembre 2010 mura medievali altra grande incompiuta il capogruppo consiliare del pd elvira picozza sottolinea i nodi di un progetto rimasto a metà il progetto di recupero delle mura medievali rappresenta l esempio più eclatante di come trasformare un opera importante per la città in un groviglio di carte e spreco di denaro pubblico la considerazione che in fondo è una denuncia non è nostra ma del capogruppo consiliare del partito democratico di priverno elvira picozza il progetto è tra quelli che iniziati con la giunta di centrosinistra ma non ultimati alla scadenza del mandato avrebbero dovuto essere completati a partire dal 2003 dalla giunta di centrodestra subentrata all esecutivo di mario renzi purtroppo come tanti altri progetti importantissimi per lo sviluppo della città l area archeologica di mezzagosto il parcheggio alla stazione fs di fossanova i palazzi zaccaleoni e san giorgio è sempre picozza a parlare è finito su un binario morto a causa di liti contenzioso e azioni legali che la giunta macci ha ingaggiato con imprese progettisti e tecnici vari secondo picozza fin dall inizio numerose sono state le anomalie nella gestione del progetto delle mura medievali in cui l ente locale non sembra aver agito nell ottica dell interesse collettivo a giustificazione di questa tesi vengono addotte da picozza almeno tre considerazioni che sono altrettante accuse a chi da oltre sette anni gestisce la cosa pubblica a priverno la prima anziché adoperarsi per il recupero di tutti i terreni di proprietà comunale adiacenti la cinta muraria determinanti per la realizzazione dei giardini pubblici previsti nel progetto originario se ne sono sottratti pezzi lasciandone ad esempio più di 1000 metri quadrati all affittuario senza che questi si trovasse nemmeno nelle condizioni di vantarne l uso capione la seconda il disinteresse totale verso la questione urgentissima di mettere in sicurezza l intero percorso lungo la cinta muraria obbligando i proprietari che avevano rifiutato l intervento del comune a provvedere per il consolidamento delle strutture pericolanti della torre rettangolare come relazionato con sopralluogo effettuato dai vigili del fuoco la terza anziché chiedere conto all impresa per aver abbandonato il cantiere per oltre due anni il risolutore sindaco macci gli fa regalare con un accordo bonario 55.000 euro in contrasto anche con quanto suggerito dai legali chiamati per far luce sulle avances dell impresa per completare il quadro preoccupati di trovare un responsabile per tale incresciosa situazione gli amministratori privernati cacciano il direttore dei lavori unico a tutelare gli interessi del comune colpevole forse solo di simpatizzare per l altra parte politica a questo punto sempre secondo il capogruppo del partito democratico ci si sarebbe aspettato che la nuova direzione dei lavori rimettesse le cose in ordine invece dopo il sesto e settimo stato di avanzamento dei lavori per qualche altro intervento l impresa torna all attacco e abbandonando di nuovo i lavori non solo firma ancora con riserva ma chiede addirittura la rescissione del contratto in danno del comune nel frattempo i mesi e anche gli anni passano il finanziamento rischia la revoca e soprattutto i lavori rimangono a metà con i conseguenti rischi per la sicurezza dei cittadini così con il fiato sul collo da parte della regione lazio e con il rischio di revoca anche dei soldi spesi il comune oltre a quanto già sborsato con i fondi propri per l accordo bonario 55.000 euro per le cause di rescissione per le riserve ancora appese fa predisporre un progetto di completamento e miglioramento per interventi che già erano previsti nel progetto originario pertanto sempre a carico del comune conclude picozza si prevede una ulteriore spesa di 84.000 euro per opere che in ogni caso non potranno rendere fruibili i lavori realizzati almeno fino a quando non si provvederà ad eliminare lo stato di pericolo nella parte di percorso sottostante la torre rettangolare tuttora pericolante in quel tratto dove per evitare danni agli operai prima e ai pedoni dopo è stato vietato l accesso 10

[close]

p. 11

maenza di luca morazzano mondore@le numero 73 19 novembre 2010 epifania un altra festa non portarti via con la decennale rassegna natalizia di presepi e tradizioni se ne va un altro tassello di cultura al peggio non c è mai fine e dopo i buchi nell acqua nelle riunioni organizzative se dovesse essere confermata l indiscrezione che la rassegna natalizia di presepi quest anno non si farà maenza avrebbe perso un altra vetrina l ennesima per mettere in mostra le sue bellezze le sue tradizioni e le sue produzioni tipiche la manifestazione che ha avuto genesi nel 1999 sotto l egira dell amministrazione anelli nel giro di pochi anni era riuscita a ritagliarsi uno spazio tutto suo grazie a caratteristiche pregnanti che ne chela contraddistinguevano il fatto di adoperare come spazi espositivi di macro presepi le cantine nel centro storico addobbato per l occasione da vessilli natalizi non ultimi splendidi angeli in ferro battuto di affiancare agli stessi presepi le esposizioni di dolci tipici locali e altri prodotti della tradizione in un contesto arricchito da posticci alberi imbiancati e un portone all arco di ingresso al centro storico con filodiffusione di musiche natalizie in tutto il paese creava infatti quella suggestione che riscuote successo nei turisti che grazie al passaparola di anno in anno crescevano poi però è iniziato il declino dapprima sempre meno espositori e meno cantine poi gli addobbi in giro per il paese ridotti ai minimi termini miscelati da un calendario di apertura ballerino da tutti i giorni a tutte le ore dall 8 dicembre al 6 gennaio con tanto di visite guidate perle suole si era passati a qualche giorno sporadico ad orari di comodo hanno compromesso la situazione nel volgere degli ultimi anni il tanto da disinnamorare sia chi i presepi deve farli che chi da le cantine che chi viene a vederle e dopo il flop dell edizione 2009 ecco che nel 2010 il rischio di non vedere nulla è quanto mai concreto certo sarebbe un peccato e si aggiungerebbe a una scia di perdite dai teatri nelle piazzette l estate al cinema nei grandi spazi sempre nella stagione calda dal premio di poesia dario bellezza a tante altre iniziative culturali che ha ridimensionato l offerta maentina ormai arroccata in mostre ed eventi tutti concentrati nel castello e riservato a pochi i pochi che si giovano di forme troppo elitarie di fare cultura ei pochi che riescono a saperlo vista la carenza del sistema informativo di cui è dotata l amministrazione che spesso si reduce a manifestini appiccicati qua e la per il paese i rifiuti sulla carpinetana sono sempre lÌ i cumuli resistono anche alla due giorni di raccolta rifuti ingombranti ed anzi sono in aumento di luca morazzano rien a faire nemmeno la due giorni ecologica con la raccolta dei rifiuti ingombranti è riuscita a sensibilizzare contro il disfacimento fai da te ai bordi della via i cumuli improvvisati di immondizia ai bordi di via carpinetana continuano a starci ed anzi sono in aumento a sottolinearlo è ancora una volta l avvocato alessandro pucci segretario di rifondazione comunista maentina avevamo denunciato circa un mese fa che lungo la strada statale carpinetana ci sono dei rifiuti ingombranti abbandonati da tempo ai bordi della via da un lato all imbocco della valle s maria in pieno territorio di maenza stazionano tre vecchi materassi abbandonati dall altro lato della strada in una piccola piazzola si è formata una discarica di rifiuti di ogni genere abbandonati da tanto tempo e che continua a crescere non interviene nessuno non importa questo incivile spettacolo non interessa questa forma di indecente spettacolo extraubano cosa dobbiamo fare se non appellarci alla sensibilità dei tutori dell ordine e alle capacità degli addetti e dei responsabili della raccolta dei rifiuti e dire che non ci troviamo in zone degradate ma in posti di assoluta bellezza paesaggistica e ambientale suvvia uno scatto di orgoglio e di dignità in caso contrario saremo costretti a organizzare squadre di volenterosi per fare una bonifica ambientale 11

[close]

p. 12

pontinia di roberto tartaglia mondore@le numero 73 19 novembre 2010 la cultura continua ad andare a picco riprende la tarantella del teatro fellini le associazioni ci provano ma i malumori restano riprende la tarantella del teatro fellini nonostante gli sforzi infatti continuano i tonfi per la cultura a pontinia associazioni culturali come cantiere creativo ed ecologia e territorio ce la mettono tutta per rialzare il livello degli spettacoli che vede protagonista la struttura del teatro fellini ma i malumori sono ancora molti primi fra tutti quelli delle famiglie dei bambini spettatori degli spettacoli teatrali che continuano a lamentare un prezzo troppo alto oggi di 7 euro nettamente superiore ai 4 euro del 2008 arte&teatro ha più volte difeso questo aumento con la qualità degli spettacoli offerti ma a dire il vero con 7 euro i bambini potrebbero avere accesso a strutture più capienti ed un carnet di spettacoli più sostanzioso al di fuori del territorio comunale ma si sa bisogna privilegiare la struttura di pontinia sia per giustificare le scelte di gestione operate dal comune sia per giustificare i 9mila euro di compenso elargiti a favore del nuovo direttore artistico il musicista ambrogio sparagna un musicista a direzione di un teatro e allora si pensa ad un nuovo ennesimo cambio di rotta prima la gestione privata poi la gestione pubblica ora l assegnazione della struttura ad un associazione stavolta tramite bando ufficiale sin da subito e l assegnazione del ruolo di direttore artistico ad un professionista del settore ora sì qualcuno potrebbe spiegare il perché di questa tarantella se si vuole davvero pensare che le motivazioni della cacciata di pernarella non ricadono su mere questioni personali tra l attore e gli amministratori comunali come se questo non bastasse a mettere ko l aspetto culturale del paese si registra ancora un nulla di fatto per il museo demo etno antropologico di pontinia mancano i fondi e così scuole curiosi ed appassionati dovranno ritardare i loro progetti di visita nella struttura di piazza kennedy una volta adibita a mercato coperto il materiale c è già ed altro ancora è in arrivo ha più volte assicurato il giovane direttore del museo alessandro cocchieri ma i soldi no e senza soldi si sa nemmeno la cultura e l arte sopravvivono ultime sfuriate e nuovi assestamenti nel pdl novelli attacca la maggioranza sulle varianti al prg intanto spuntano voci di nuovi equilibri di roberto tartaglia l ultimo consiglio comunale di pontinia ha visto un nuovo show di novelli stavolta sulle varianti al prg proposte dalla maggioranza seppure con le parole il sindaco tombolillo nel corso dell ultima campagna elettorale per le comunali abbia elogiato il mio operato da assessore all urbanistica con i fatti negli anni ha distrutto tutto quanto era stato fatto non solo ha revocato il contratto di quartiere che ero faticosamente riuscito a far approvare ma ha approvato anche la costruzione del megastore di mesa contro la volontà delle associazioni di categoria e dei commercianti di pontinia e continua che fine hanno fatto i 20mila euro per il piano urbanistico commerciale È o non è un atto propedeutico all individuazione delle zone sul comprensorio questa che si sta mettendo in piedi è un urbanistica ad orologeria e ad personam dopodiché novelli lascia l aula consigliare la quiete dopo la tempesta nonostante questa sfuriata che stando alle sue parole dovrebbe essere una delle ultime prima di lasciare la politica pontina la variante urbanistica viene approvata all unanimità nemmeno i suoi compagni di partito e consiglieri dell opposizione hanno danno peso alla sua ennesima baruffa freudiana nel corso della 12 seduta l assessore battisti ha fornito anche alcune precisazioni in merito ai temi degli ultimi giorni non esistono motivi per cui la veterinaria di mesa passi altrove in questi giorni sono state diffuse informazioni errate relative addirittura a pericoli tra l altro non reali che avrebbero corso i dipendenti stessi della asl a breve sarà possibile addirittura pagare qualsiasi prestazione veterinaria direttamente in comune e mentre novelli continua ad imbracciare l artiglieria e a sparare gli ultimi colpi il pdl sembra poter gioire di nuovi importanti cambiamenti le prossime elezioni infatti vedranno nuovi collegi elettorali che vedranno pontinia insieme a sonnino staccando così il territorio tombolilliano dall altrettanto rossa sezze che ora fa collegio a sé le prime stime vedono la possibilità per il pdl di poter raggiungere un buon 70 di voti in entrambi i comuni del nuovo collegio pontinia 1 ma servirà coesione nell attuale opposizione se novelli lascia la posizione di belli non sembra migliore nonostante qualcuno parli della fondazione con sciscione senior di pontinia a noi pontiniani sempre più voci sembrano dare l esponente de la destra alleato di tombolillo per le prossime comunali voci o indiscrezioni?

[close]

p. 13

cultura di paola bernasconi mondore@le numero 73 19 novembre 2010 a sezze si presenta le mani sul tg1 venerdì 19 all auditorium san michele arcangelo giulio borrelli spiega il suo ultimo libro il tg1 giulio borrelli i dietro le quinte le ingerenze politiche e minzolini di tutto questo e di molto altro ancora si parlerà durante la presentazione del nuovo libro dello storico giornalista rai le mani sul tg1 da vespa a minzolini l ammiraglia rai in guerra edito da coniglio editore l appuntamento è per venerdì 19 alle 10:30 presso l auditorium comunale san michele arcangelo a sezze in via garibaldi zona palazzo comunale fautrice dell evento l associazione leonardo onlus in collaborazione con l i.s.i.s.s pacifici-de magistris di sezze durante la presentazione è difatti prevista la presenza di alcune classi dell istituto mentre l introduzione verrà affidata al prof giancarlo loffarelli presente all evento lo stesso autore che risponderà alle domande del pubblico una manifestazione di sicuro interesse vista l attualità del tema nel libro sono infatti sviscerati gli ultimi quindici anni del telegiornale che per decenni è stato il più seguito del palinsesto tv fatti mai rivelati pressioni politiche aneddoti e riunioni redazionali mai raccontate prima sono il cuore pulsante di un libro che analizza la storia recente di un tg1 ormai poco seguito se non duramente criticato dai vecchi telespettatori una testimonianza autobiografica quella di giulio borrelli scritta da chi la rai la conosce da tempo e nel profondo giornalista e saggista borrelli è stato infatti conduttore del tg1 inviato speciale direttore della testata ammiraglia dal giugno del 1998 al giugno del 2000 nonché capo dell ufficio di corrispondenza degli stati uniti d america da dieci anni chi meglio di lui potrebbe raccontare come le lobby politico-editorial-giornalistiche così le definisce lo stesso autore hanno potuto influenzare la linea seguita dal telegiornale di rai1 così scrive borrelli non è pensabile di poter scrivere una storia onesta veritiera della rai senza tener conto dei partiti dei mastodonti industriali e delle lobby giornalistiche quando si accenna ad assunzioni collaborazioni ed avanzamenti di carriera le ingerenze politiche non mancano mai all appello È vero che con governi di destra di centro di sinistra i partiti contano moltissimo ma se ci fermassimo a loro non capiremmo tutto il meccanismo se non si racconta l arcana simbiosi politicoindustrial-editoriale si scrive una storia monca della comunicazione italiana È per questo che la presentazione di venerdì dovrebbe essere seguita da tutti non solo dagli studenti peccato solo che si svolga in orario lavorativo a chi non potrà seguirla non resta che leggere il libro.

[close]

p. 14

cultura di paola bernasconi mondore@le numero 73 19 novembre 2010 due bandi per le associazioni setine nuovi bandi per le associazioni setine il comune di sezze nella persona dell assessore alla cultura e associazionismo remo grenga propone anche per il 2011 un iniziativa volta a dar vita a nuovi progetti da attuare sul territorio restituire senso di appartenenza ai suoi cittadini voglia di abitare la città valorizzando i beni culturali presenti e rendendola più bella con l aiuto di più soggetti ciò spiega grenga è il motivo per cui l amministrazione comunale ha riproposto anche per il 2011 questi bandi l iniziativa denota una ormai consolidata politica del fare basata sulla programmazione e non sull improvvisazione capace di promuovere nuove energie creatività e innovazione senza però dimenticare le tradizioni del nostro territorio un modo di operare che ha richiesto e richiederà ancora del tempo ma che darà i suoi frutti perché fondato sul dialogo e sulla condivisione di comuni intenti due le sezioni la prima con scadenza 10/12/2010 è rivolta alle associazioni iscritte all albo comunale e/o alla consulta delle associazioni le seconda con scadenza 30/12/2010 è invece rivolta alle compagnie teatrali che vogliono partecipare alla iii edizione della rassegna sezze in-con-tra il teatro obiettivo dichiarato quello di favorire una partecipazione effettiva da parte di quelle realtà associative che popolano il territorio setino un adesione che quindi dovrà essere concreta e tesa a contribuire attivamente alla politica culturale del paese per i bandi è possibile visitare il sito istituzionale del comune di sezze www.comune.sezze.lt.it o recarsi presso l ufficio servizi culturali in piazza margherita mostra di artisti vari fino al 28 segni diversi un percorso tra archeologia e arte contemporanea questo il titolo della mostra inaugurata sabato 13 novembre presso il museo archeologico di sezze ad ingresso gratuito resterà aperta fino al 28 novembre martedì mercoledì e giovedì dalle 09.00 alle 13.00 venerdì e sabato dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00 domenica dalle 09.00 alle 13.00 una rassegna che raccoglie circa quaranta opere di artisti che differiscono per età e formazione segni diversi appunto che esporranno i loro lavori in un percorso diviso in tre sezioni tematiche il primo presso l atrio del museo il secondo nella sala dell ercole e l ultimo nella sala del mosaico una scelta di artisti di età e formazione diversa capaci non solo di animare un dialogo collettivo tra i reperti del museo ma di documentare le posizioni attuali dell arte nostra ultima questo dichiara il curatore giuseppe massimini ad aprire la mostra riccardo paolucci con la sua imponente scultura e a seguire la natura fantasiosa di maurilio cucinotta per passare a nuccia amato mocchi e i suoi dipinti del periodo emozionista fino ad arrivare a igina colabucci balla nella seconda sezione si passa dai lavori realizzati su polistirene bruciato di cecilia bossi ai disegni di vincenza costantini si prosegue con le sculture in bronzo di annita mechelli e quelle in ceramica raku di maria felice petyx sempre nella sala dell ercole sono invece esposte le opere di angela scappaticci ed elisabetta fontana nella terza ed ultima sezione trovano spazio i lavori di anna seccia i dipinti di marco diaco i lavori su carta di cristina messora e la pittura dell artista parmense stefano sorrentino per informazioni 0773/88179 oppure e-mail museoarcheologico@comune.sezze.lt.it p.b kledi danza al d annunzio con la bianchini di luisa belardinelli una domenica che continua ad essere ricca di eventi al teatro d annunzio di latina spazio alla danza con non solo bolero carmen carmina burana e amores con kledi kadiu ed emanuela bianchini insieme alla compagnia mvula sungani e accompagnati dalle musiche di orff e ravell con una scena essenziale e stilizzata luci d avanguardia che conferisco allo spettacolo una visione quasi cinematografica e moderna non solo bolero è uno spettacolo pensato per raccontare le diverse storie di vita di uomini e di donne che si incontrano in diversi luoghi quali l osteria per la carmen la taberna per la carmina burana la taverna nel bolero di milloss oppure in un antico luogo come amores di ovidio mvula sungami importante coreografo italo-africano molto noto per la raffinatezza e l innovazione dei suoi lavori negli ultimi anni ha creato opere per stelle del calibro di raffaele paganini e giuseppe picone la piece prodotta dal coreografo è un intreccio di storie dal forte sapore etnico che vengono caratterizzate da una scansione ritmica costante crescente la trama coreografica è un caleidoscopio di colori ed emozioni creato dal movimento che naviga tra le più disparate varianti di forme e di ritmi teatro d annunzio l intento del raffinato mvula sungani attraverso la sua ricerca così nobile moderna e sublimata in un vortice di fisicità e dinamicità è infatti proprio quello di dare corpo alle emozioni attraverso la musica e la danza ad esaltare la piece le splendide melodie di maurice ravel e carl orff intervallate da musiche originali e canzoni popolari mondore@le lo trovi online sul sito www.onirikaedizioni.it 14

[close]

p. 15

cultura di luisa belardinelli mondore@le numero 73 19 novembre 2010 al moderno la mazzamauro È nannarella appuntamento da non perdere domenica in via sisto in un cartellone ricco di grandi firme il teatro moderno diretto da gianluca cassandra porterà in scena questa domenica alle 17:30 il recital magnani anna in arte nannarella con anna mazzamauro per la regia pino strabioli vestire i panni della magnani una dolce e amara sfida della poliedrica anna mazzamauro nota anche al grande pubblico come la signorina silvani amante irraggiungibile del ragionier ugo fantozzi che lascerà tutti senza fiato ho tentato di entrare nelle pieghe della sua nera sottoveste di donna con delicatezza senza mostrare mai la presunzione di chi vuol far credere di aver fatto suoi i grandi sentimenti degli altri spiega l attrice in una nota introduttiva con versatilità esperienza e talento la mazzamauro con i suoi quarant anni di carriera teatrale e cinematografica si calerà nel personaggio di nannarella gatta randagia e selvatica che tramuta in comicità i graffi dati e ricevuti solcando elegantemente il palcoscenico del moderno omaggiando senza mostrare mai la presunzione di chi vuol far credere di aver fatto suoi i grandi sentimenti degli altri una delle più grandi attrici del neorealismo italiano anna magnani attraverso l originalità di tale spettacolo la stagione del teatro moderno conferma così l esigenza di portare in scena autorevoli artisti e di trasmettere forti emozioni coinvolgendo sempre più il variegato pubblico tornano in piazza le candele di telefono azzurro sabato e domenica volontari presenti in 1500 centri per la campagna accendi l azzurro di luisa belardinelli con la candela di telefono azzurro è possibile sostenere le attività e i progetti dell associazione che da ventitre anni dedica il suo impegno alla tutela dell infanzia e dell adolescenza e alla difesa dei più piccoli da ogni forma di violenza una lotta continua quella di telefono azzurro volta a donare nuova luce ai bambini che vivono costantemente situazioni di forte disagio drammi invisibili e silenziosi che necessitano di interventi mirati e di azioni forti si pensi solo alla violenza tra le mura domestiche spesso nascosta agli occhi della gente alla pedopornografia in internet alle manifestazioni di bullismo che provocano violenza fisica e psicologica sui bambini e adolescenti e al loro abbandono e sfruttamento la difficile ma non impossibile sfida di telefono azzurro per la protezione e il rispetto dei diritti dei bambini prosegue con la forza di sempre arricchendosi di nuovi progetti e interventi concreti a partire dal riconoscimento del diritto di ogni bambino ad essere ascoltato in questi anni l azione di telefono azzurro si è fortificata raggiungendo obiettivi importanti coinvolgendo attivamente la gente comune all interno delle nostre battaglie sempre nell interesse dei bambini per fare in modo che gli abusi non passino più inosservati e perchè a richieste di aiuto di qualsiasi minore in difficoltà ci siano risposte concrete nel 2010 attraverso le linee telefoniche d ascolto oltre 5000 sono stati i casi gestiti da telefono azzurro su tutto il territorio nazionale in collaborazione con le reti dei servizi territoriali tra coloro che hanno chiamato telefono azzurro in questo periodo 1 bambino 3 ha denunciato una grave forma di maltrattamento tra i disagi spiccano le percentuali legate a situazioni più gravi di abuso il 13,9 delle consulenze interviene su problematiche di abuso fisico il 12 su situazioni di abuso psicologico il 5,4 per abuso di tipo sessuale e il 2,7 per situazioni di trascuratezza significative le difficoltà vissute in famiglia legate in particolare alle situazioni di separazione dei genitori 12,7 dato in linea con l andamento crescente del numero di separazioni e divorzi nel nostro paese oltre che alla presenza di un elevata conflittualità all interno del nucleo familiare 10,9 e a una diffusa inadeguatezza delle figure genitoriali 10 tali dati così come un diffuso disagio emotivo 16 la manifestazione di paure 15 i problemi sentimentali 9,7 mettono in evidenza difficoltà nei rapporti intra ed extrafamiliari e denunciano una mancanza di ascolto da parte degli adulti di riferimento che in maniera abbastanza diffusa sembrano incapaci di riconoscere e decodificare i bisogni dei più piccoli aderendo all iniziativa si può contribuire al sostegno delle linee telefoniche 1.96.96 e 199.15.15.15 attive 24 ore su 24 365 giorni l anno telefono azzurro presente a latina sabato 20 e domenica 21 novembre nei seguenti luoghi centro commerciale panorama piazza del popolo piazza san marco sede anap confartigianato via fante palumbo per informazioni sulle altre piazze visitare il sito www.azzurro.it o chiamare il numero verde 800.090 335 15

[close]

Comments

no comments yet