Dossier La didattica per competenze

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

dossier la didattica per competenze approcci e strumenti dell usr lombardia ufficio scolastico regionale per la lombardia

[close]

p. 2

dossier la didattica per competenze a cura dell ufficio scolastico regionale per la lombardia ufficio iv ­ rete scolastica e politiche per gli studenti 1

[close]

p. 3

il dossier a cura di maria rosaria capuano e umberto vairetti presenta l approccio alle competenze sviluppato in lombardia nel corso degli ultimi anni attraverso progetti di ricerca realizzati dall ufficio scolastico regionale in collaborazione con il mondo delle imprese e con le università l ambito privilegiato della sperimentazione è stato quello dell alternanza scuola lavoro che rappresenta uno strumento particolarmente adatto a tradurre concretamente gli elementi di innovazione didattica sollecitati dall unione europea e dalle più recenti politiche italiane in materia di istruzione e formazione il dossier affronta tuttavia le modalità con cui si progetta l intero curricolo per competenze condizione necessaria per riconoscere e valutare anche l attività di alternanza nel percorso curricolare l approccio e gli strumenti presentati sono stati in particolar modo studiati e sperimentati nell ambito dei percorsi di formazione realizzati dall usr in collaborazione con la rete alternanza e del progetto lo sviluppo di «reti di imprese» per il rilancio dell istruzione tecnica di assolombarda il dossier intende sostenere l impegno didattico delle scuole e degli insegnanti nella concreta progettazione delle attività e fornire strumenti utili alla strutturazione di un curricolo per competenze 2

[close]

p. 4

3

[close]

p. 5

1 la competenza i processi di riforma educativa in italia sia della scuola primaria che di quella secondaria di primo e secondo grado pongono all attenzione la necessità di sviluppare pratiche didattiche centrate sullo sviluppo di competenze come obiettivo di apprendimento ciò rispecchia il quadro comunitario che ha conosciuto un accelerazione rilevante nell ultimo decennio intorno al concetto di competenza attraverso passaggi normativi e raccomandazioni che introducono un nuovo paradigma della formazione sottolineando la necessità che l istruzione e la formazione offrano a tutti i giovani gli strumenti per sviluppare abilità per la società della conoscenza nonché competenze specifiche che li preparino alla vita adulta e costituiscano la base per la vita lavorativa e per ulteriori occasioni di apprendimento l ufficio scolastico regionale ha realizzato negli ultimi anni numerose esperienze rispetto alla diffusione di pratiche didattiche innovative centrate sull attività laboratoriale e sulla progettazione per competenze in particolar modo nell ambito dell alternanza scuola lavoro l approccio alle competenze adottato in lombardia che offre il punto di partenza per rimodulare la relazione tra apprendere e fare assume il concetto di competenza inteso come applicazione di un sapere in un dato contesto attuando i comportamenti più idonei alla produzione del risultato e nella relazione tra sapere e fare che si colloca la questione della competenza non una semplice capacità di fare non una semplice conoscenza ma un saper applicare più conoscenza consentirà di riconoscere una molteplicità di casi di possibile applicazione più applicazione consentirà di usare meglio le conoscenze nel caso specifico È il sapere a sviluppare potenzialmente l innovazione il sapere rappresenta per il fare un processo di organizzazione dei dati dell esperienza molto economico costruendo un sistema informazioni classificate in concetti posti in relazione tra loro mediante una teoria il sapere stabilisce molto più rapidamente dell esperienza cosa deve essere fatto e come per utilizzare al meglio le risorse disponibili e produrre il risultato migliore possibile mentre una prestazione è determinata dalle caratteristiche specifiche del contesto in cui viene resa la capacità di fornire la prestazione ha un campo di applicazione potenzialmente più ampio ciò che rende una competenza trasferibile è che le prestazioni richieste da differenti contesti applicativi presentano caratteristiche analoghe dunque la capacità di rendere la prestazione può essere in qualche modo isolata dalle specificità contestuali e può essere sviluppata almeno in parte indipendentemente dalle condizioni in cui essa viene applicata si può formare all esercizio di una competenza che troverà applicazione in differenti contesti si può applicare ad un processo di lavoro una competenza sviluppata esercitandola su un processo diverso 4

[close]

p. 6

ma come può la scuola aiutare gli studenti ad acquisire buoni livelli di competenza ad imparare cioè ad utilizzare quello che apprendono anzitutto proponendo un attività didattica che · promuova l assunzione di una responsabilità individuale nei confronti dei risultati d apprendimento attraverso la valorizzazione dello studio e della ricerca personale rispettando le potenzialità le aspettative e le scelte vocazionali di ciascuno · sviluppi la capacità di lavorare con gli altri promuovendo una competizione orientata a conseguire il risultato a sconfiggere le difficoltà e i problemi non i compagni · scelga e valorizzi le strategie formative che meglio collegano l imparare al fare l alternanza l attività di laboratorio il progetto che sviluppa insieme creatività e responsabilità di risultato il lavorare su problemi la ricerca attiva delle informazioni e la loro autonoma rielaborazione 2 la valutazione l apprendimento per competenze sposta l attenzione sul risultato da raggiungere da misurare attraverso prestazioni osservabili e valutabili l accertamento delle prestazioni e la loro misurazione in modo aggregato permette di riconoscere il possesso di una competenza e quindi di valutarla e perciò fondamentale riconoscere il legame tra la competenza e la prestazione rilevata attraverso l osservazione dello studente alla prova o il prodotto del suo lavoro la valutazione della prestazione o della performance si riferisce infatti alla capacità di una persona di conseguire il risultato per valutare la competenza occorre osservare le prestazioni e rilevarne l idoneità rispetto al risultato il primo elemento da considerare è il risultato che la prestazione produce il prodotto del lavoro è sempre evidente e riconoscibile è possibile constatarne l esistenza la funzionalità il rispetto delle caratteristiche richieste una definizione precisa del risultato atteso è essenziale per poter valutare una prestazione il risultato ha valore in relazione al contesto in cui si produce e viene utilizzato ma il contesto può essere molto complesso soggetto a variabilità nello spazio e nel tempo il secondo elemento è il percorso seguito per ottenere il risultato può trattarsi di applicare una procedura o delle istruzioni oppure di operare una scelta tra diverse opzioni possibili o di procedere per prove e successive correzioni nel primo caso il criterio per valutare la prestazione sta nella puntuale applicazione di tutti i passaggi previsti nel secondo occorre considerare per quali ragioni e con quali criteri viene operata la scelta nel terzo caso infine quando si procede per prove ed errori il percorso risolutivo dovrà essere ricostruito e valutato alla fine in ogni caso il processo di lavoro lascia una traccia evidente l uso del manuale delle procedure o delle istruzioni la rispondenza di un risultato alla decisione presa la documentazione delle scelte delle operazioni dei risultati dei correttivi tracciabilità anche altre competenze entrano in gioco quando si lavora le competenze organizzative o comportamentali o trasversali si possono ricondurre queste competenze ad alcune tipologie 5

[close]

p. 7

1 la gestione delle informazioni sia l acquisizione di informazioni che rappresentano un input utile o necessario per il lavoro sia la produzione di informazioni come output derivato del lavoro stesso 2 la gestione delle risorse che si utilizzano per fare il lavoro 3 la gestione delle relazioni gerarchiche o funzionali 4 la gestione dei problemi imprevisti o anomalie che si verificano sul lavoro 5 la gestione degli atteggiamenti che consentono di inserirsi e progredire nel contesto in cui si lavora il rispetto delle regole la motiva-zione l apprendimento continuo per la valutazione del grado di possesso della competenza si fa comunemente riferimento ai livelli eqf european qualification frame-work nei quali il livello di competenza è espresso in termini di responsabilità e autonomia la responsabilità concerne la capacità di prendere decisioni in ordine al cosa fare o come farlo ma anche quella di eseguire nel modo più funzionale un compito assegnato da altri l autonomia può essere definita come capacità di rendere senza supporto le prestazioni richieste non semplicemente lavorare da soli ma essere in grado di ricostruire e giustificare il proprio processo lavorativo di riscontrare e segnalare le anomalie di modificare le operazioni per migliorare il risultato 2 gli indicatori di prestazione per poter misurare una prestazione è possibile individuare gli indicatori che consentono di valutarne l efficacia ad esempio considerando la prestazione «ricerca le informazioni necessarie all esecuzione di un compito» è possibile misurarne l adeguatezza considerando alcuni elementi · il numero delle informazioni cercate e trovate rispetto a quelle necessarie · le fonti utilizzate rispetto alle fonti utili disponibili · il tempo impiegato con il procedimento di ricerca utilizzato rispetto al procedimento di ricerca ottimale la prestazione può perciò essere valutata in funzione del risultato da conseguire se non si identificano e recuperano tutte le informazioni mancanti il compito non può essere eseguito correttamente oppure di una specifica consegna ricevuta oppure ancora in rapporto alla performance mediamente resa da un determinato gruppo di persone 3 la programmazione didattica per competenze il nodo cruciale per lo sviluppo della didattica per competenze è la capacità della scuola di ridisegnare il piano di studi in termini di competenze ripensando e riorganizzando la programmazione didattica non più a partire dai contenuti disciplinari ma in funzione dell effettivo 6

[close]

p. 8

esercizio delle competenze da parte degli studenti e dell accertamento della loro capacità di raggiungere i risultati richiesti nell ambito dei percorsi di formazione proposti alle scuole che realizzano alternanza scuola lavoro sono state studiate e sperimentate alcune ipotesi partendo dall esigenza di includere l attività di alternanza all interno del curricolo e non considerarla un esperienza a sé i piani di sviluppo delle competenze della classe sono stati progettati a partire dall individuazione dei processi di lavoro che definiscono il contesto in cui lo studente rende le proprie prestazioni e dall insieme di tutte le attività disciplinari interdisciplinari ed extradisciplinari che permettono allo studente di mobilitare le proprie risorse individuali e di allenarsi all esercizio delle competenze la programmazione della didattica per competenze richiede che il percorso formativo consideri le azioni che gli studenti realizzano e mediante le quali apprendono la competenza infatti si mobilita si sviluppa e si dimostra facendo applicando cioè le proprie conoscenze e abilità all esecuzione di un compito o alla soluzione di un problema svolgendo una certa attività lo studente è impegnato a rendere una prestazione che consiste di una o più operazioni più o meno complesse che lo porta a ottenere un risultato le modalità con cui esegue la prestazione e il risultato ottenuto sono oggetto di osservazione ed è possibile verificarne la rispondenza rispetto ad un procedimento corretto e a un risultato adeguato rispetto cioè ad uno standard gli insegnanti sviluppano la programmazione didattica per competenze solo se procedono alla costruzione di un percorso formativo articolato nelle diverse attività disciplinari e interdisciplinari e sui diversi anni di corso che evidenzi per ciascuna delle competenze obiettivo quali prestazioni sono richieste allo studente nell ambito di quali attività quali indicatori ne consentono la verifica e come rilevarli quale peso ogni prestazione assume nello sviluppo della competenza 4 le schede per la programmazione didattica le schede allegate sono uno strumento per progettare per competenze tutta l attività didattica ­ l alternanza come l attività delle singole discipline o l attività interdisciplinare ­ e di produrre una programmazione dell intero curriculum che ricostruisce la corrispondenza tra le diverse attività e le competenze obiettivo le prime 3 schede scheda alt per la progettazione dell alternanza scheda pro per la progettazione delle attività interdisciplinari scheda dis per la progettazione delle attività disciplinari sono costruite in analogia proprio per favorire il confronto tra le competenze sviluppate dalle diverse attività 7

[close]

p. 9

la quarta scheda scheda pia facilita derivandola da una delle schede precedenti la pianificazione operativa delle diverse attività producendo un calendario per ognuna di esse la quinta scheda scheda curr è lo strumento con cui il consiglio di classe assembla ed eventualmente integra o rettifica le diverse progettazioni per verificare se l insieme delle singole attività garantisce la copertura di tutte le competenze previste questo passaggio essenziale consente anche di economizzare tempo e energie perché rilevando la presenza rispetto ad una stessa competenza di un insieme ridondante di attività permette di eliminarne alcune liberando risorse per altre attività opportunamente destinate ad altre competenze meno rappresentate la sesta scheda scheda cal che non si riporta di seguito riportando la pianificazione operativa di tutte le attività delle singole discipline e progetti consente di disporre di un «diagramma di gantt» che evidenzia la distribuzione di tutte le attività didattiche a calendario nell anno l attività di programmazione usando le schede prevede i seguenti passaggi preliminarmente condividere nel cdc l impostazione proposta e definire gli accordi generali quali attività interdisciplinari prevedere e chi se ne occupa quali criteri seguire per la scelta delle attività che caratterizzano i diversi segmenti disciplinari in questa fase si compila la prima colonna competenze della scheda curr inserendo le competenze obiettivo ogni docente imposta la propria programmazione disciplinare compilando le apposite schede schede dis e pia i docenti responsabili dei diversi progetti interdisciplinari procedono allo stesso modo per ciascuno di essi schede alt o pro e scheda pia il coordinatore di classe assembla anche le diverse pianificazioni operative scheda pia nella scheda cal e la inoltra a tutti i docenti del cdc perché verifichino l equilibrio della distribuzione delle attività nell anno e propongano gli eventuali correttivi il cdc esamina ed eventualmente acquisisce i correttivi proposti e procede all approvazione della programmazione e del calendario le variazioni approvate vengono riportate sulle relative schede di progettazione schede alt pro e dis anche le pianificazioni operative scheda pia vengono modificate di conseguenza ogni docente svolge la propria attività seguendo la pianificazione prevista scheda pia e registra le eventuali variazioni intervenute periodicamente il cdc riesamina la programmazione considerando le variazioni intervenute nella realizzazione ed eventualmente riaggiusta la parte non ancora realizzata del programma la revisione della programmazione può riguardare l anno in corso o prevedere attività che andranno realizzate negli anni successivi 8

[close]

p. 10

progettazione formativa dell alternanza scheda alt anno scolastico aziende coinvolte docenti e operatori aziende indirizzo classe da compilare a cura di tutti i docenti e gli operatori aziendali coinvolti sotto la responsabilità del coordinatore attività didattica ordinaria attività riconducibile alle prestazioni 1a 1b 1c 2a 2b 2c competenze prestazioni prestazioni nel contesto indicatori di prestazione metodi di rilevazione scala di valutazione 1 1a 1b 1c 2 2a 2b 2c legenda le voci della legenda con piccole differenze ricorrono in tutte le schede competenze inserire in ogni casella una competenza del riordino da certificare riportandole dalla scheda curr inserire per ogni competenza le prestazioni che la dimostrano derivandole da repertori richieste delle aziende o standard professionali ove disponibili adattare se necessario le prestazioni rispetto alla situazione concreta e alle necessità delle aziende coinvolte prestazioni prestazioni nel contesto attività did ordin attività inserire le attività che già fanno parte della programmazione disciplinare e possono concorrere alla realizzazione dell alternanza inserire in corrispondenza di ciascuna prestazione le attività che si propongono agli studenti concordandole con le aziende specificare s se l attività si fa a scuola s o in azienda a inserire gli indicatori con cui misurare la prestazione in relazione all attività proposta anche gli indicatori sono concordati tra scuola e azienda inserire per ciascun indicatore come si intende rilevarlo e con quali strumenti griglie di osservazione da allegare controllo della documentazione esame dei risultati inserire per ciascuna prestazione e per gli indicatori corrispondenti il peso che essa assume per la valutazione della competenza il peso di una stessa prestazione può variare a seconda dell attività indicatori di prestazione metodi di rilevazione scala di valutazione 9

[close]

p. 11

progettazione formativa di azioni extra o interdisciplinari scheda pro anno scolastico progetto indicare il titolo del progetto formativo interdisciplinare o extra disciplinare indirizzo classe da compilare a cura di tutti i docenti e gli operatori aziendali coinvolti sotto la responsabilità del coordinatore competenze prestazioni attività indicatori di prestazione metodi di rilevazione scala di valutazione 1 1a 1b 1c 1a 1b 1c 2a 2b 2c 2 2a 2b 2c programmazione disciplinare scheda dis anno scolastico disciplina indirizzo classe da compilare a cura del docente titolare della disciplina competenze conoscenze abilità prestazioni attività indicatori di prestazione metodi di rilevazione scala di valutazione 1 1a 1b 1c 1a 1b 1c 2a 2b 2c 2 2a 2b 2c 10

[close]

p. 12

pianificazione operativa della singola azione scheda pia anno scolastico studente inserire il nome dello studente qualora la progettazione operativa si diversifichi individualmente indirizzo classe progetto/programmazione didattica disciplinare indicare il titolo del progetto formativo interdisciplinare o extra disciplinare o la disciplina oggetto della programmazione da compilare a cura del docente titolare della disciplina o responsabile di progetto attività prestazioni corrispondenti indicatori di prestazione metodi di rilevazione periodo di effettuazione durata setting aula laboratorio aula speciale azienda 1 2 3 4 5 6 programmazione curricolare scheda curr anno scolastico indirizzo classe da compilare a cura del consiglio di classe alternanza scuola lavoro competenze 1 prestazioni 1a 1b 1c 2 2a 2b 2c attività 1a 1b 1c 2a 2b 2c progetto p1 disciplina d1 es italiano indicatori disciplina d1 indicatori attività 1a 1b 1c 2a 2b 2c indicatori attività 1a 1b 1c 2a 2b 2c attività 1a 1b 1c 2a 2b 2c indicatori 11

[close]

p. 13

ufficio scolastico regionale per la lombardia ufficio iv ­ rete scolastica e politiche per gli studenti dossier la didattica per competenze www.istruzione.lombardia.gov.it www.requs.it 12

[close]

p. 14

ufficio scolastico regionale per la lombardia dossier la didattica per competenze www.istruzione.lombardia.gov.it www.requs.it 13

[close]

Comments

no comments yet