mondorealenumero71

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero71

Popular Pages


p. 1

anno iii numero 30 5 novembre 2010 n.71 politica il partito democratico arriva a un doppio bivio guerra la penna-forte per la segreteria e moscardelli-de marchis per la candidatura a sindaco di latina attualitÀ da fossanova parte l input per la nascita della regione delle provincie ideata dai presidenti di latina e frosinone cusani e iannarilli editoriale di simone di giulio e bello vivere in italia soprattutto quando il belpaese ti mette davanti settimane come quella appena trascorsa la settimana del `bunga bunga è stata l ennesima dimostrazione che ormai l unità nazionale e il mazzo che si sono fatti i nostri avi per realizzarla sono nel dimenticatoio non voglio entrare nel merito delle abitudini sessuali di un 74enne il silvio nazionale di un 79enne il decano dei giornalisti emilio fede e di un 55enne mora già plurindagato per reati che vanno dall evasione fiscale al traffico di sostanze stupefacenti fino allo sfruttamento della prostituzione quello che voglio sottolineare è l atteggiamento di alcuni italiani che ormai sulla carta di identità nello stato civile dovrebbero avere la dicitura pecore gli italiani fanno spallucce dicono che la vita privata non deve essere condizionata da incarichi pubblici che silvio fa bene fin quando gli tira a portarsi in casa queste bimbeminkia che per un secondo di notorietà la danno via come se non fosse loro sono gli italiani che giustificano il problema vero non il cavaliere che se ne va in giro vantando la sua capacità di ospite o facendo intuire che per essere felici basta avere un pacco di soldi lecitamente o illecitamente guadagnati a questo punto fa lo stesso e una scatola di pasticche blu non voglio nemmeno parlare del suo solito gratuito attacco agli omosessuali cosa di cui dovrebbe vergognarsi quando ha finito di trombarsi le minorenni appena un attimo dopo o quando usa la sua posizione per tirare fuori da una procura una di queste sgallettate che farà un calendario un reality ed otterrà quello che cercava complimenti attualitÀ sezze emergenza rifiuti tra inciviltà e lacune varie i problemi restano nota di bernasconi e di raimo contro i tagli della pisana autovelox ceccano attacca attualitÀ priverno arriva laeta civitas centro commerciale naturale maenza restyling alle porte del centro ma si dimentica il resto agricoltura primi rimedi il partito democratico cerca soluzioni per risolvere la crisi che avvolge l intero comparto a pontinia un convegno prova a dare alcune risposte cultura sezze ricorda i caduti delle guerre seconda edizione dei venerdì letterari al museo comunicare il territorio adesso è diventata realtà

[close]

p. 2

agricoltura tra proposte critiche e omissioni il convegno agricoltura idee e proposte per il rilancio produttivo è stato organizzato dal partito democratico a pontinia lo scorso 28 ottobre di roberto tartaglia inchiesta mondore@le numero 71 5 novembre 2010 interessante iniziativa quella che si è tenuta lo scorso 28 ottobre presso l aula consiliare del comune di pontinia il tema trattato è stato quello dell agricoltura nel nostro territorio e ad organizzarlo è stato il gruppo consiliare del partito democratico in provincia l intento del convegno dal titolo agricoltura idee e proposte per il rilancio produttivo è stato espresso appieno nelle dichiarazioni che hanno preceduto l incontro dei rappresentanti del partito in provincia e necessario analizzare e discutere del settore agricolo componente nevralgica dell economia del nostro territorio che necessita l elaborazione di nuove idee e progetti per il rilancio e l innovazione della produzione relatori della discussione sono stati enzo eramo claudio moscardelli eligio tombolillo enrico tiero e lelio grassucci in qualità di consigliere del cnel la scelta di pontinia come sede di questo incontro è riconducibile oltreché allo stretto rapporto tra la maggioranza consiliare ed esponenti del centrosinistra del calibro di eramo e moscardelli anche alle caratteristiche rurali del comprensorio comunale pontinia da sempre ha fon dato la propria economia principalmente sulla qualità dell agricoltura e sulla lavorazione dei prodotti agricoli i riconoscimenti di qualità e le certificazioni a livello regionale nazionale e internazionale d altro canto parlano sa soli eppure nonostante questo sono stati riscontrati dagli addetti al settore diversi errori nella gestione di questa importante risorsa che oltre a problematiche immediate rischiano di innescare un effetto domino che potrebbe protrarsi per interi decenni per questo motivo tutti gli interventi delle autorità presenti al convegno hanno rimarcato l importanza di cambiare rotta il dibattito è stato aperto dal capogruppo del pd in provincia enzo eramo nonostante ci siano oltre 11mila aziende agricole attive sul territorio ha esordito eramo l impatto del settore sul bilancio provinciale è irrisorio occorre uno sforzo in più un nuovo modello di sviluppo dell economia locale e la centralità dell agricoltura in questo ambito abbiamo la fortuna di vivere in un territorio con una grande ricchezza ambientale approfittiamone il concetto è stato subito ribadito anche dal primo cittadino di pontinia elio tombolillo che ha aggiunto altresì le proprie apprensioni siamo preoccupati per questa crisi che sta investendo l agricoltura locale perché quando gente come la nostra abituata a lavorare senza soste decide di abbandonare il proprio posto di lavoro le proprie aziende per scendere in piazza vuol dire che la febbre è salita oltremodo dal canto nostro non dobbiamo aver paura di espandere il nostro mercato guardiamo alla capitale roma non è un avversario invincibile ma un importante bacino di mercato tombolillo ha poi lanciato il proprio appello facendo richiesta allo stato che prenda in seria considerazione questa crisi di settore ed intervenga in maniera risolutiva quanto prima faccio appello allo stato ha detto tombolillo e non al governo poiché questa richiesta non ha vincoli di colore e di bandiera è un appello che esula dalla questione politica l ultimo punto toccato dal sindaco è stato quello che poi ha lasciato la parola a lelio grassucci seppur sia importante evitare attriti con le altre nazioni ha concluso tombolillo è necessario che vi siano controlli più rigidi ed inflessibili sui prodotti importati che siano sottoposti a ferrei controlli di qualità al pari dei prodotti nazionali 2

[close]

p. 3

inchiesta grassucci ripresa molto lenta ed intermittente di roberto tartaglia mondore@le numero 71 5 novembre 2010 gli ultimi dati sulla situazione economica del paese rilevano che è in corso una ripresa ma anche che essa appare molto lenta ed intermittente e non riesce a dissipare uno scenario caratterizzato da una complessiva incertezza ci vorranno almeno 7 anni per tornare a regime spiega grassucci e per questa ragione dal mondo delle imprese si torna ad insistere sull esigenza di una svolta nella politica economica dando vita a stimoli urgenti ed efficaci per rilanciare lo sviluppo anche perché senza un intervento pubblico stimoli efficaci non potranno arrivare dagli investimenti delle aziende a parlare è lelio grassucci consigliere del cnel che dipana numeri e percentuali estratti da indagini ocse prosegue grassucci più che opportuna dunque è l indicazione di confindustria lavorare per un piano per la competitività basato su ricerca ed innovazione maggiore produttività infrastrutture e grande attenzione al sud nella nostra regione il mondo agricolo rappresenta oggi più del 10 del pil eppure in provincia nonostante l agricoltura rappresenti addirittura il 24,3 delle imprese il valore aggiunto che ne deriva è del solo 4,6 da ciò risulta evidente che i fattori produttivi in agricoltura sono del tutto sotto remunerati questa conclusione tra l altro è confermata dal fatto che il reddito procapite in provincia di latina è tra i più bassi del centronord e sicuramente della regione c è da dire anche che il settore in questa fase sta attraversando una serie di emergenze da quelle del latte a quelle delle fitopatie ed infestazioni parassitarie da quelle del mercato del lavoro a quelle del credito su queste ed altre questioni le associazioni di categoria hanno aperto una vertenza con la regione e sono convinto che il gruppo consiliare del pd non mancherà di dare il sostegno necessario per una positiva conclusione della vertenza dopo questo messaggio di apertura grassucci affronta alcuni argomenti di natura più prettamente strutturale e di prospettiva partendo da una domanda cruciale è possibile ed in che modo porre riparo a tale situazione c è una via obbligata risponde grassucci ed è quella di abbassare i costi di produzione valorizzare la produzione e riorganizzare il contesto per potenziare le economie esterne specifiche in concreto si tratta di porre mano alla tutela del terreno agricolo in un quadro di riassetto generale del territorio potenziare le infrastrutture dedicate al settore avviare un progetto pluriennale per la salvaguardia delle falde acquifere per la depurazione dei corsi d acqua e per garantirne la quantità necessaria all irrigazione sostenere le iniziative di modernizzazione delle strutture aziendali ed elevare lo spessore culturale e l autostima degli operatori anche per favorire il ritorno dei giovani a lavorare nelle campagne sarebbe opportuno conclude anche spostare il peso dell irap sull irpef questo perché mentre il primo grava sui lavoratori il secondo pesa esclusivamente sul reddito finale pochi agricoltori ormai rassegnati È stato sin troppo facile nel corso nel convegno notare come questo sia stato disertato sia dagli addetti del settore che dai media locali forse perché la pubblicità non è stata usata a dovere e forse volutamente quasi questo convegno dovesse essere un obbligo cui il partito dovesse attenersi ma che in fondo non era poi il caso di pubblicizzare troppo per evitare l alzata di pericolosi polveroni nonostante ciò nel corso della discussione non sono mancati screzi tra gli agricoltori presenti ed i relatori in particolare modo è stato attaccato il discorso di ramati in merito alle responsabilità della crisi in atto gli agricoltori si sono scagliati contro l esponente dell udc con parole pesanti e senza mezzi termini accusandolo di fare demagogia e di tirare in ballo i soliti vecchi e sterili discorsi già affrontati troppe volte senza proporre soluzioni fattibili È strano inoltre come non siano stati toccati con attenzione argomenti delicati come la gestione del prg a favore dello sviluppo agricolo come la scelta a suo tempo della destinazione d uso di 45 ettari a favore di un area industriale sfruttata in maniera impropria dalle speculazioni della cassa per il mezzogiorno oppure come l impatto che l utilizzo di terreni per l installazione di impianti fotovoltaici potrà avere sulle coltivazioni locali argomenti tabù che forse nonostante la scarsa presenza di agricoltori avrebbe rischiato comunque di alzare un gran polverone r.t 3

[close]

p. 4

speciale di mario giorgi mondore@le numero 71 5 novembre 2010 un referendum potrebbe sancire la regione delle province il primo passo verso la secessione targata cusani-iannarilli si realizza a fossanova il tema era di quelli stuzzicanti decisamente e poteva dar adito anche a considerazioni non proprio gradevoli alle orecchie di qualcuno invece pur con battute e riflessioni talvolta pesanti tutto è filato liscio i presidenti delle province di latina armando cusani e di frosinone antonello iannarilli avevano convocato il 30 ottobre scorso nell antica infermeria del borgo abbaziale di fossanova una conferenza dei sindaci delle due province sul tema il federalismo roma capitale e il riordino istituzionale del lazio la risposta c è stata nella splendida sala della vecchia infermeria se ne sono contati già in apertura dei lavori una trentina sedici della provincia ciociara pofi fontana liri veroli anagni pastena colfelice ferentino vallecorsa sgurgola sora villa santo stefano frosinone vallerotonda arpino giuliano di roma e ripi e quattordici di quella pontina compreso il commissario prefettizio del comune capoluogo roccasecca dei volsci minturno monte san biagio campodimele lenola sezze sonnino roccagorga sabaudia fondi formia sermoneta itri e latina altri però sono arrivati nel pomeriggio aprendo i lavori cusani dopo aver ringraziato i presidenti delle province di rieti e viterbo presenti all assise ha voluto subito sgombrare il campo da qualsiasi equivoco fossanova non è la pontida del sud né qui si parlerà di secessione ha detto ma questa conferenza rappresenta soltanto un percorso un lavoro a più mani di natura istituzionale iannarilli ha ricordato come non si possa sottacere che la regione lazio è stata da sempre caratterizzata da una elevata centralità di roma che è andata sempre avanti facendo crescere il divario con il resto del lazio ma indubbiamente la sintesi della conferenza sta tutta nell intervento di giuseppe paliotta assessore al riordino istituzionale della provincia di frosinone a quarant anni dall istituzione della regione ha detto non si può non riconoscere che questo ente ha fallito nella programmazione e distribuzione delle risorse non ha senso criticare la polverini o badaloni storace o marrazzo o quanti li hanno preceduti ma non si può negare che tutti siano legati dal filo indistruttibile del romanocentrismo forse proprio per questo è ormai giunto il momento ha sottolineato paliotta di prendere coscienza della conclamata incapacità della regione lazio di assicurare uno sviluppo equilibrato a tutti i suoi territori non per niente la media della dotazione infrastrutturale di frosinone latina rieti e viterbo è 75,4 mentre quella di roma è 214,5 cifre che si commentano da sé ma anche da tutti gli altri interventi è uscito un messaggio chiaro alla regione per la definizione di un nuovo assetto del lazio che possa consentire capacità decisionale alle realtà territoriali ed anche una provocazione condivisa quella di un referendum popolare per far decidere i cittadini sul cambiamento dell assetto regionale e sulla nuova disposizione delle province che potrebbe portare alla richiesta di una vera e propria regione delle province con roma capitale ventunesima regione d italia 4

[close]

p. 5

fronti aperti nel pd moscardelli e de marchis aprono la corsa alle primarie non senza polemiche di luisa belardinelli latina mondore@le numero 71 5 novembre 2010 le difficoltà e le emergenze di latina possono essere superate solo se c è fiducia e partecipazione da parte dei cittadini firmato claudio moscardelli la serie di sostenitori imprenditori è ormai fatta francesco damiani gianrio falivene pasquale gagliardi e leonardo viviani hanno annunciato l ambiziosa lista civica sì per latina e per il consigliere regionale del pd un altro piccolo passo verso la candidatura a sindaco della città ringrazio gli amici della lista per aver deciso di sostenermi alle prossime elezioni comunali loro sì afferma moscardelli che hanno il coraggio di spendersi per una proposta di governo di cambiamento che è essenziale per avere una nuova amministrazione comunale credibile e all altezza delle difficoltà che sono sotto gli occhi di tutti il fiorire di numerose liste e di associazioni che vogliono prestare attenzione o partecipare direttamente in vista delle elezioni comunali continua il candidato esprime a mio avviso un patrimonio positivo di energie su cui tutta la comunità può contare per risollevarsi e ripartire e conclude lancio un appello a cittadini associazioni e liste civiche affinché vogliano essere protagonisti insieme a noi di una stagione di cambiamento e di un nuovo governo che sia risposte ai problemi dei cittadini e che svolga il proprio compito con trasparenza e per il bene comune immediata è arrivata anche la risposta di quello che sarà l avversario di moscardelli nelle primarie del pd giorgio de marchis segretario comunale del partito tutto ciò che si muove nella società è sinonimo di partecipa zione e quindi non può non suscitare nell animo di chiunque tenga veramente a questa città che un sentimento di estrema positività ma credo molto francamente stiamo parlando solo di aria fritta temo il rischio che anche nel centrosinistra si stia percorrendo una strada che non è quella incentrata sulla urgente necessità di un programma forte in grado di far uscire latina dal pantano in cui ce l hanno lasciata piuttosto sul bisogno di mettere in campo a tutti i costi forze fisiche e poteri economici e poi mi chiedo dal momento che le primarie devono ancora essere convocate cosa faranno gli imprenditori che oggi sono pronti a sostenere moscardelli qualora non sia lui il candidato scelto democraticamente dalle primarie saranno pronti anche in quella eventualità a sostenere tutta la coalizione o si tratta solo di sostegno ad personam a prescindere dall esito ha concluso de marchis le primarie che dovremmo svolgere rappresentano una svolta storica per il partito e per la città di latina e chiaro però che uno strumento così importante in un contesto storico così decisivo dovrà essere caratterizzate in primo luogo dall aspetto della trasparenza ogni candidato dovrà chiarire ogni aspetto della campagna elettorale e dei mezzi economici che intende mettere a supporto del suo impegno dovranno essere primarie svolte in un contesto di parità assoluta perché altrimenti c è il rischio concreto che si alimenti ulteriormente questo concetto di scontro tra tifosi a cui mi sembra di assistere la penna vs forte per la segreteria contestualmente alla corsa per la candidatura a sindaco di latina della prossima primavera in casa partito democratico è arrivata anche la fase congressuale con le candidature per la segreteria provinciale quattro i nomi per la carica ricoperta fino a qualche mese fa da loreto bevilacqua enrico forte salvatore la penna nazzareno ranaldi e raffaele viglianti dalla segretaria provinciale attraverso il suo coordinatore claudio lecce si coglie questa occasione per ribadire ai dirigenti amministratori ed iscritti del pd che devono essere pronti a sostenere al meglio questo momento fondamentale nella vita del partito occorre lavorare per promuovere una significativa adesione la candidatura che si propone come alternativa ad un rigido schema di mozioni è quella di salvatore la penna sulla quale si è registrata la convergenza sia dell area bersani all unanimità sia di esponenti dell area marino che hanno avuto l avallo del coordinatore nazionale e regionale della mozione e soprattutto nel sud anche di esponenti che avevano sostenuto franceschini nella corsa a segretario nazionale i sostenitori della candidatura di la penna hanno promosso all interno del partito un dialogo affinché si giungesse a una soluzione unitaria a cui non si è arrivati l idea di la penna è quella di un partito aperto capace di dialogare e confrontarsi con le categorie produttive con le forze sociali economiche e culturale di tutto il territorio provinciale in cui un maggiore radicamento del partito dovrà necessariamente passare attraverso una riorganizzazione dei circoli delle strutture territoriali l.b 5

[close]

p. 6

riapre lo storico palazzo delle poste la struttura avrà arredi più moderni e funzionali spazi più ampi e maggiore luminosità di luisa belardinelli latina mondore@le numero 71 5 novembre 2010 la nostra storia racconta che in occasione della fondazione dell allora littoria il palazzo delle poste fu inaugurato assieme alla città pontina alla presenza di benito mussolini nel 1932 su progetto dell architetto angiolo mazzoni il sopralluogo per scegliere l area su cui costruire il palazzo fu effettuato oltre che dall architetto mazzoni dal commissario cozzolini dell amministrazione delle poste e telegrafi e dall ingegnere pappalardo dell associazione nazionale combattenti in questo frangente oriolo frezzotti inviò a mazzoni i disegni del suo piano regolatore per littoria ed in particolare uno schizzo dell area in cui si prevedeva l insediamento del nuovo edificio postale per l esecuzione dei lavori fu messa a disposizione dal ministero la somma di 890.000 lire oggi finalmente l importante lavoro di restauro e di ristrutturazione dell intero edificio e dei meravigliosi marmi dei pavimenti e degli scrittoi hanno ripreso il loro aspetto originario e l edificio è divenuto più fruibile al pubblico alcuni numeri ben 17 sportelli 7 per i servizi bancoposta 4 per quelli postali 5 dedicati ai titolari di conto bancoposta e 1 dedicato ai prodotti filatelici inoltre sono state realizzate 4 aree prodotti finanziari completamente in vetro e in grado di coniugare la privacy per la clientela con il rispetto per le linee originali del progetto architettonico della struttura all interno delle aree personale qualificato fornirà una consulenza dettagliata sui prodotti di risparmio e investimento offerti da poste italiane nella sala al pubblico anche posteshop un area dove poter visionare ordinare o acquistare direttamente prodotti di cartoleria libri cd musicali dvd merchandising di poste italiane giochi per bambini ricariche telefoniche e carte telefoniche internazionali ricaricabili presso la nuova sede sono inoltre disponibili 2 sportelli automatici atm postamat in uno dei quali accessibile 24 ore su 24 è possibile effettuare oltre alle comuni operazioni di uno sportello bancomat il pagamento di bollettini di oltre 2.000 tipologie di conto corrente postale e la ricarica della carta prepagata postepay infine i locali infatti saranno sorvegliati 24 ore su 24 da un sistema di telecamere a circuito chiuso collegate a centri di controllo e ogni sportello è provvisto di cassetto antirapina roller cash un dispensatore di denaro a tempo che consente di ridurre la presenza di contante in cassa alcune utili informazioni la sede di piazzale dei bonificatori è aperta al pubblico dalle 8 alle 19 dal lunedì al venerdì e dalle 8 alle 13:15 il sabato rischio chiusura per il morbella molti consorziati non pagano da tempo le quote previste e ovviamente mancando gli introiti di luisa belardinelli correva l anno 89 anno di nascita del primo centro commerciale di latina e provincia ero una bambina ma lo ricordo come fosse ieri quel centro così colorato frenetico elegante che donava un senso di modernità ad una provincia ancora troppo legata alla sua palude centro di riferimento per l acquisto di ogni genere e prima realtà commerciale a coinvolgere negozi alla portata di tutti o quasi il centro morbella divenne presto il luogo di ritrovo di giovani e famiglie nel 2009 il primo segno di cedimento evidente del centro la scandalosa chiusura dell amatissima coin a seguire una escalation di chiusure cambio di servizi ed attività insomma una vera e propria schizofrenia commerciale la realtà è una molti consorziati del centro non pagano ormai da molto tempo le quote previste ed ovviamente mancando gli introiti verranno sospesi i servizi di pulizia e ridotti quelli di manutenzione la società global service che fa capo a tali servizi ha informato che si limiterà ad aprire e chiudere il centro ancora per poco tempo nei mesi a venire la struttura potrebbe restare chiusa come è stato annunciato in una nota testata nazionale il centro commerciale gestito dal consorzio operatori morbella guidato dal presidente vittorio lepori è probabile chiuda totalmente i battenti all interno del consorzio formato da circa 60 operatori è scoppiata una guerra a colpi di ricorsi e reclami motivo la richiesta di liquidazione del centro da parte di lepori il ricorso diretto ad ottenere in via cautelare la nomina di un amministratore giudiziario o di un liquidato6 re provvisorio sino al passaggio in giudicato dell accertamento in ordine alla composizione soggettiva del consorzio come anche la richiesta di un amministratore giudiziario per indire l assemblea è stato però bocciato dal giudice guido marcelli aspettiamo pertanto che si faccia luce nella vicenda che tanto ci sconforta e che possiamo definire lo specchio di un ennesima crisi quella del commercio al dettaglio nella nostra città.

[close]

p. 7

conferenza dei sindaci per il piano casa oltre a favorire il fabbisogno abitativo l obiettivo è quello di rilanciare il mercato dell edilizia uno dei settori maggiormente in crisi sul territorio di luisa belardinelli latina mondore@le numero 71 5 novembre 2010 onirika edizioni presenta iniziata proprio in questi giorni la delibera per la proposta di modifica della l.r 21/2009 sul piano casa oltre a favorire il fabbisogno abitativo l obiettivo del piano casa era proprio quello di rilanciare il mercato dell edilizia uno dei settori maggiormente in crisi sul territorio il piano casa sostiene l assessore all urbanistica fabio martellucci e in particolare il provvedimento iniziale del governo approvato nel corso della conferenza stato regioni del marzo 2009 aveva creato positive aspettative da parte di tante famiglie e aziende del settore tali attese però continua martellucci legittime alla luce del provvedimento iniziale del governo sono state disattese dall attua direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattore alessandro mattei redattori domiziana tosatti luisa belardinelli paola bernasconi marco fanella roberto tartaglia mario giorgi responsabile web alessandra carconi zione proposta dalle regioni in fase di recepimento tutte nessuna esclusa hanno attribuito al provvedimento una valenza urbanistica introducendo una normativa particolarmente restrittiva che ne ha svalutato l efficacia e l attuabilità infatti prosegue martellucci dopo un anno dall entrata in vigore della legge dall intero territorio regionale sono arrivate ai protocolli degli uffici preposti soltanto un centinaio di domande da parte dei cittadini per questo la regione lazio come altre in tutta italia sta avviando un processo di modifica di tale provvedimento il presidente armando cusani per tali gravi motivi ha convocato una conferenza dei sindaci per discutere le eventuali modifiche da apportare alla legge regionale tale conferenza alla quale hanno partecipato i responsabili delle amministrazioni comunali è servita per porre le basi in merito alle eventuali proposte destinate alla regione lazio unanime condivisione rispetto al documento predisposto dall ufficio di piano della provincia afferma il presidente armando cusani e nel quale emerge la filosofia di favorire il fabbisogno abitativo rivolgendosi al solo edificato esistente senza pertanto l utilizzo di altro suolo libero rilanciando in tal modo il patrimonio edilizio esistente ed evitando i fenomeni tristemente noti dell abbandono e del degrado 7 progetto grafico e sito web sketch[idea stampato presso arti graficheciverchia via del pantanaccio latina contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione il 3 novembre 2010 pubblicità primo piano 6

[close]

p. 8

da via costa mondore@le numero 71 5 novembre 2010 settimana europea della democrazia locale studenti consiglieri per un giorno nell ambito della settimana europea della democrazia locale tenutasi lo scorso 14 15 e 16 ottobre la provincia di latina ha aperto le porte del consiglio provinciale ad un gruppo di ragazzi di latina sostenibile e il no excuse progetto portato avanti dall associazione culturale di latina alessandro mammucari i ragazzi hanno preso parte ad una lezione sui meccanismi delle scelte politico amministrative attraverso la simulazione di un consiglio provinciale ad aprire i lavori la dott.ssa paola papadia che ha tenuto una lezione sulla democrazia locale la dirigente della presidenza del consiglio provinciale ha illustrato magistralmente le funzioni dell ente locale provincia e del decentramento politico mentre al vice presidente del consiglio provinciale renzo scalco il compito di presentare al consiglio dei giovani di latina pontinia cori giulianello i capigruppo paolo graziano pdl paolo francesco panfili udc enzo eramo pd e gli assessori gerardo stefanelli ambiente marco tomeo fondi europei fabio bianchi cultura all interessante iniziativa di via costa hanno partecipato i rappresentanti degli istituti scolastici superiori del capoluogo il liceo pedagogico a manzoni liceo artistico liceo scientifico g b grassi liceo scientifico e majorana it g marconi ist superiore sani salvemini ipsia e mattei itc l einaudi la settimana europea della democrazia locale è un evento annuale che prevede l organizzazione di iniziative locali e nazionali messe in atto nello stesso periodo dagli enti locali di tutti gli stati membri del consiglio d europa per rafforzare la conoscenza della democrazia locale e promuovere la partecipazione democratica in ambito locale nella simulazione della seduta di consiglio gli studenti hanno rivolto delle interroga zioni all assessore provinciale all ambiente gerardo stefanelli in quanto tema principale di quest anno della settimana della democrazia locale era l ambiente i giovani e l assessore stefanelli hanno così interloquito in merito alla sostenibilità e in particolare al lavoro svolto dal competente assessorato provinciale come lo studio finanziato dalla provincia per il potenziamento energetico i tanti progetti avviati in materia di tutela dell ambiente dei corsi d acqua dei rifiuti e dei parchi argomento trattato nello specifico la salvaguardia dell ambiente quale tutela della salute di ogni cittadino ma si è parlato anche di sostenibilità efficientamento energetico ed energie rinnovabili prima della consegna degli attestati di partecipazione ai ragazzi in ricordo del loro lavoro istituzionale durante la settimana europea della democrazia locale con l augurio che siano nel futuro amministratori del proprio territorio è stato presentato il manifesto delle province di città educative a conclusione il presidente del consiglio giovani di latina luca bracchi ha presentato alla provincia di latina l interrogazione la particolare seduta consigliare tenutasi in un clima di partecipazione e condivisione ha portato in ogni ambito decisionale sicuramente un valore aggiunto e di sostegno al futuro della stessa democrazia locale questo evento è per la provincia di latina un alto valore simbolico inteso come responsabilità sociale nei confronti del proprio territorio 8

[close]

p. 9



[close]

p. 10

sezze autovelox l attacco di ceccano mondore@le numero 71 5 novembre 2010 il consigliere del pdl adottare procedure di autotutela e nominare una commissione d indagine interna per accertare responsabilità amministrative e omissioni di simone di giulio non si placano le polemiche sulla questione autovelox mentre dal giudice di pace proseguono le udienze sulle migliaia di ricorsi presentati con i ricorrenti che continuano a vincere le cause contro i rilevatori di velocità anche la politica fa i suoi passi tra i più attivi il consigliere del popolo della libertà rinaldo ceccano che nel prossimo question time previsto l 8 novembre torna a chiedere spiegazioni sulla gestione dei due rilevatori posti sulla 156 dei monti lepini nella nota ceccano ripercorre alcune tappe della vicenda premesso che a suo tempo l amministrazione ha deciso di installare i rilevatori di velocità sulla strada regionale 156 fissando il limite a 70 km/h che nonostante le contestazioni e la stessa relazione del ctu che dettagliatamente illustravano tutte le inadempienze e le illegittimità delle procedure adottate sia gli assessori competenti che gli uffici difendevano in modo reiterato e insensato le scelte compiute e gli atti adottati che tra le diverse contestazioni imputate e dibattute emergeva la mancanza dell ordinanza relativa al limite di velocità abbinata alla scarsa determinatezza della segnaletica che nella stessa sede dibattimentale il dirigente della polizia municipale produceva una ordinanza del 1978 dell anas che ben presto si rilevava non rispondente preso atto che il 19 ottobre 2010 diciannove mesi dopo l installazione dell autovelox il dirigente chiede all astral quale ente gestore della strada oggetto della controversia di sapere la classificazione della strada regionale 156 il limite di velocità al km 43.100 e 43.930 a quali soggetti compete l apposizione della segnaletica in considerazione che nel retro della stessa alcuni cartelli non hanno alcun riferimento altri riportano la scritta provincia di latina mentre altri riportano il nome della ditta fornitrice constatato che il dirigente formula gli stessi quesiti che il sottoscritto aveva formulato nel corso delle sue numerose interrogazioni all amministrazione e per il suo tramite allo stesso dirigente ritenuto che tali quesiti andavano formulati all astral prima di avviare le procedure di installazione dell autovelox per rendere legittimo e idoneo l iter amministrativo che la presentazione di tali quesiti solo adesso dimostra per l ennesima volta solo l urgenza dell amministrazione di fare cassa all epoca e la confusione in cui vera in questo momento si rinnova all amministrazione l invito di adottare le procedure di autotutela e di nominare una commissione d indagine interna per accertare responsabilità amministrative e omissioni e se non ritiene opportuno valutare l ipotesi di costituirsi parte civile nell indagine penale in corso allacci irregolari alle fognature ciocca minaccia provvedimenti di alessandro mattei multe in arrivo per i trasgressori a breve il comune di sezze effettuerà una ricognizione su tutto il territorio per verificare la presenza di allacci non consentiti alla fognatura pubblica parola di marcello ciocca assessore alla viabilità a causa di allacci alla pubblica fognatura delle raccolte delle acque plu10 viali derivanti dai piazziali cortili corti delle abitazioni nei periodi di maggior precipitazioni ha dichiarato l assessore ciocca la rete fognaria comunale non è sufficiente a supportare il flusso delle acque l eccessiva immissione di acque bianche infatti provoca l apertura dei tombini stradali con conseguenti danni alla condotta fognaria pregiudicando seriamente la viabilità e la sicurezza stradale e causando disagi di natura igienico sanitaria l ente comunale ha già individuato le strade comunali che risultano essere particolaremente colpite da queste problematiche via bassiano via melogrosso via roccagorga via gattuccia e piagge marine su tali arterie e su tutto il territorio ci saranno controlli a tappeto proprio per verificare la presenza di irregolarità il comune di sezze pertanto invita i cittadini possessori delle abitazioni siti nelle strade suddette a mettersi in regola eliminando le immissioni degli scarichi delle acque bianche provenienti da piazzali cortili corti e pluviali nella pubblica fognatura la mancata osservanza di tale disposizione chiude l assessore comporterà l applicazione di pesanti sanzioni amministrative nei confronti dei cittadini trasgressori

[close]

p. 11

dubbi sui tagli per le opere pubbliche nota congiunta di bernasconi e di raimo sulla decisione della giunta regionale di alessandro mattei sezze mondore@le numero 71 5 novembre 2010 in una nota congiunta il consigliere comunale giovanni bernasconi e l assessore sergio di raimo entrambi espressione del pd esprimono dubbi sulla decisione della giunta regionale di annullare dei finanziamenti per importanti opere pubbliche abbiamo appreso con grande perplessità la decisione attuata dalla governatrice polverini di definanziare una serie di opere pubbliche deliberate dalla precedente giunta regionale di centro sinistra a favore del comune di sezze nello specifico sono stati tagliati i fondi necessari per la realizzazione del marciapiede di via cappuccini del percorso benessere e della ristrutturazione della chiesa di santa paresceve pari a un valore complessivo di euro 600.000,00 circa nonostante questo comunicano l amministrazione comunale con l impegno sinergico dei propri uffici e con una strategia politica decisa è riuscita a reperire risorse proprie sufficienti affinchè almeno il marciapiede di via cappuccini potesse essere realizzato i rappresentanti della maggioranza e della giunta campoli si riferiscono all ultimo consiglio comunale nel quale è stato votato lo stanziamento di 150.000 euro necessari a coprire il costo dell opera e l anticipazione dell inizio dei lavori al 2010 anziché nel 2011 come si era precedentemente stabilito nel piano triennale delle opere pubbliche un plauso a questa amministrazione scrivono bernasconi e di raimo che nel momento in cui sono iniziate a circolare le voci di un possibile taglio dei fondi si è subito attivata per garantire la realizzazione di quest opera che migliorerà la viabilità e la vivibilità di una zona del paese che ad oggi è un area suggestiva e nevralgica che necessita di essere valorizzata questa maggioranza inoltre si impegnerà con ogni mezzo a sua disposizione affinché possano essere recuperati quei finanziamenti necessari all attuazione di interventi ritenuti indispensabili per lo sviluppo sociale e turistico della città ci auguriamo che la politica posta in essere da parte della giunta regionale di centro destra sicuramente poco attenta alle necessità del nostro paese possa modificarsi nel tempo evitando di penalizzare ulteriormente le aspettative di questo territorio

[close]

p. 12

rifiuti e discariche tra inciviltÀ e lacune varie l idv prova a proporre agevolazioni tariffarie sulla tarsu per i cittadini virtuosi di alessandro mattei sezze mondore@le numero 71 5 novembre 2010 a sezze rispetto ad altri paesi del comprensorio lepino la raccolta differenziata fa difficoltà a decollare per una evidente scarsa collaborazione da parte degli utenti del servizio non tutte le colpe quindi sono dell amministrazione comunale e della spl sezze che di certo non possono cambiare di colpo le pessime abitudini dei cittadini setini spesso poco propensi all urbanità e al rispetto del territorio in cui vivono il porta a porta infatti seppur gradito dalla stragrande maggioranza degli utenti viene ostacolato da altri che non ci tengono proprio a rispettare il regolamento comunale e l ambiente sovente infatti e in alcune località del territorio l immondizia viene lasciata per strada a tutte le ore e non nella mattinata come prescrive il regolamento in altre zone invece non si rispettano i giorni di raccolta e capita che l indifferenziato l organico la plastica o il vetro vengano buttati in strada quando si vuole se non è possibile cambiare subito le cattive abitudini dei cittadini si può però iniziare a cambiare il modo di operare commutando ad esempio multe salate ai trasgressori e agli incivili comunque sempre a sezze non ci si accontenta di lasciare le buste in strada quando e come si vuole c è chi ancora illegalmente deposita rifiuti ingombranti a bordo strada o nella prima area verde che trova e successo in passato ed è successo anche recentemente pochi giorni fa in località longara gli agenti della polizia locale a seguito di un sopralluogo hanno scoperto una discarica a cielo aperto e hanno accertato in loco la presenza di una notevole quantità di copri sedili di colore verde prodotti dall aviointeriors di latina e di proprietà della compagnia di bandiera alitalia al fine di dover provvedere con urgenza alla 12 rimozione del consistente materiale di scarto il comandante lidano caldarozzi ha emesso una ordinanza di rimozione immediata pena una pesante sanzione pecuniaria sono tante le zone dove gli operatori ecologici della città verificano la presenza di rifiuti ingombranti abbandonati tra le strade più colpite dal fenomeno via della pace le diverse migliara e stradine di campagna poco trafficate discorso diverso quello degli aumenti della tarsu aumento che ha fatto polemiche e che è stato bocciato dall italia dei valori di sezze il segretario patrizio salvati oltre ad evidenziare una serie di lacune nel servizio di raccolta dei rifiuti chiede al comune di sezze di concedere ai cittadini più virtuosi ossia quelli che rispettano le regole del porta a porta almeno un agevolazione tariffaria sul pagamento della tarsu proprio in virtù di una collaborazione fondamentale all espletamento del servizio salvati passa in rassegna la lista delle problematiche e delle difficoltà sinora riscontrate una lista che va dall insufficienza del servizio di raccolta dei rifiuti di tipo indifferenziato sino alla difficoltà per la popolazione anziana di operare nel corretto smistamento dei rifiuti alla luce di queste problematiche note sia agli operatori che ai responsabili del servizio raccolta rifiuti afferma salvati l idv chiede e propone la raccolta differenziata richiede prima di tutto una puntuale informazione per orientare i comportamenti dei cittadini che possono così essere coinvolti direttamente affinché riescano con successo è indispensabile la partecipazione attiva e consapevole di ognuno di noi chiediamo infine di concedere ai cittadini che effettuano la differenziata un agevolazione tariffaria sul pagamento della tarsu

[close]

p. 13

scarsella critica la giunta sulle opere pubbliche gli unici interventi concreti sono sempre e solo quelli messi in cantiere nella passata legislatura di domiziana tosatti sermoneta generali e che riguarderanno il futuro del territorio la scuola media quella che in tempi elettorali era già pronta ha osservato rimane una nuova richiesta di fondi mentre i bambini sono ospitati nell edificio che avrebbe dovuto ospitare la materna nessun intervento economico perché evidentemente l amministrazione comunale rinuncia a dire la sua e a proporre un progetto di riutilizzo del sito ex mistral e la possibile riconversione del sito stesso per uso edilizio abitativo nessun intervento neanche nel settore energetico e delle energie rinnovabili nel 2011 gli incentivi diminuiranno e sermoneta avrà perso una nuova occasione dato per imminente nel piano delle opere anche il collegamento attraverso un ponte pedonale tra i due parchi sul fiume ninfa a pontenuovo non si tratta del frutto ha osservato ancora scarsella dell accordo urbanistico datato 2005 che tanto aveva fatto gridare allo scandalo e che fu addotto tra le principali motivazioni della scelta del sindaco giovannoli di metter fuori dall allora maggioranza diversi esponenti e me per primo mondore@le numero 71 5 novembre 2010 e di qualche giorno fa la notizia dell approvazione da parte della giunta municipale del piano annuale e triennale delle opere pubbliche milioni di euro investiti e richiesti per la realizzazione di interventi volti al potenziamento dei servizi ed al miglioramento della qualità della vita dei residenti ma non è tutto oro quel che luccica almeno non secondo antonio scarsella consigliere di opposizione e capogruppo del gruppo misto gli unici interventi concreti come accade ormai da qualche anno sono sempre e solo quelli messi in cantiere nella passata legislatura si tratta ha spiegato scarsella dell intervento sulle facciate del centro storico del completamento delle opere pubbliche già avviate come il parcheggio presso la stazione ferroviaria la scuola elementare di doganella il tombinamento del fosso monticchio la pista ciclabile delle prata la sistemazione di via rojo le altre opere indicate come le manutenzioni stradali o l intervento sull area fieristica sono solo richieste di finanziamento e secondo il consigliere il programma delle opere pubbliche lascia irrisolte non affrontandole alcune problematiche bassiano guidi rimette la delega all urbanistica di domiziana tosatti forse uno strappa o forse solo un modo abbastanza crudo di dare una scossa di certo la decisione di domenico guidi ex sindaco ed oggi consigliere delegato all urbanistica lavori pubblici e centro storico di riconsegnare nelle mani del primo cittadino la delega avuta verbalmente al momento dell insediamento del consiglio nel giugno 2009 non è una notizia che riesce a passare inosservata negli ultimi tempi sono state diverse le situazioni di illegalità o almeno di scarsa chiarezza nel settore urbanistico pubblico e privato e domenico guidi non si sente a sufficienza tutelato dal proprio sindaco quest ultimo ha adottato una posizione tesa quanto più possibile a gettare acqua sul fuoco ma il fuoco è evidente c è e se non si vuole farlo divampare violentemente è bene che si intraprendano scelte ed iniziative diverse da quelle finora attuate in realtà quella di guidi è stata una delega verbale data in occasione dell insediamento del consiglio lo scorso anno erano stati predisposti gli atti per l ufficializzazione a forse per qualche disguido o ritardo tecnico non sono ancora stati presentati al consigliere per la firma non è nulla di grave ha chiarito il primo cittadino costantino cacciotti tanto più che quella di domenico guidi è una delega da consigliere e non da assessore sarà anche da consiglie re ma è forse tra le più importanti in seno alla macchina amministrativa e alla gestione del territorio nel suo complesso soprattutto in un comune come quello di bassiano in cui manca un piano regolatore aggiornato e dove lo sviluppo urbanistico e quindi economico è tra le voci prioritarie in programma la comunicazione al sindaco è raccolta in una lettera priva di fronzoli e asciutta ma chi vuole intendere ha tutti gli strumenti per farlo stante le vicende che si sono e si stanno manifestando in merito a situazioni particolari nel settore edilizio quali autodenunce di direttori dei lavori mai evase e mai conosciute fascicoli edilizi nei quali non vengono rinvenuti atti utili e indispensabili al mantenimento dell archivio ritengo per impegni sopraggiunti di non poter più prestare la mia volontaria opera di eletto situazioni poco chiare sia nel pubblico che nel privato che non mi sembra che il primo cittadino abbia avuto intenzione fino ad ora ha dichiarato guidi di risolvere non mi sento a sufficienza tutelato e soprattutto esigo una chiarezza che fino ad adesso non ho ottenuto la volontà dichiarata tuttavia è quella di dare una scossa e creare la l occasione di un confronto a viso aperto sulle varie posizioni si deve capire da quale parte si sta l appoggio alla maggioranza comunque rimane immutato almeno per ora 13

[close]

p. 14

priverno ccn e in arrivo laeta civitas iniziano le manifestazioni per promuovere l iniziativa ormai imminente di luca morazzano mondore@le numero 71 5 novembre 2010 il centro commerciale naturale di priverno laeta civitas è in procinto di diventare realtà un progetto che vedrà la luce grazie ad un finanziamento della regione lazio e la collaborazione tecnica della confesercenti provinciale di latina i lavori già iniziati da tempo stanno giungendo ad una fase viva e concreta grazie anche alla collaborazione tra l assessorato alle attività produttive del comune di cui è delegato claudio giorgi e l associazione dei commercianti laeta civitas che si è costituita intorno al progetto dandogli il nome il progetto nasce come strumento di tutela e di valorizzazione del centro commerciale naturale e di protezione verso la concorrenza della grande distribuzione con lo scopo di rivalutare le piccole attività commerciali locali il centro commerciale naturale infatti è un luogo naturale un insieme di vie ben delineate del centro storico della città che mettendo a sistema tutti i negozi coinvolti arriva a presentarsi come un unico grande centro commerciale all aperto le attenzioni del progetto sono rivolte anche alla valorizzazione delle bellezze architettoniche ed artistiche della città ad una più attenta comunicazione di tutte le attività in cantiere legate al centro di cui usufruiranno sicuramente gli esercizi commerciali e al miglioramento delle condizioni di acquisto emozionali del consumatore il progetto rappresenta una estrema sintesi tra attenzione e valorizzazione del territorio tutela dei piccoli esercizi commerciali e fidelizzazione del consumatore domenica 7 alle ore 11 in piazza giovanni xxiii la piazza del comune si svolgerà una manifestazione gastronomi ca allo scopo di promuovere l iniziativa non si tratterà solo di un momento caratterizzato da degustazioni tipiche ma anche di un occasione di presentazione dell artigianato locale con musica e tanto divertimento se la mattina si potranno gustare deliziosi assaggi di prodotti tipici il pomeriggio dalle ore 15 alle ore 17 si svolgerà uno spettacolo di musica jazz per poi riprendere subito dopo con le degustazioni alimentari un occasione per trascorre una domenica diversa in compagnia di degustazioni di prodotti alimentari con la possibilità di visitare il mercatino di prodotti artigianali che per l occasione sarà allestito nel centro della città la presentazione ufficiale del centro commerciale naturale avverrà venerdì 19 novembre con una conferenza stampa nella quale verrà presentato il materiale che sarà poi distribuito agli operatori commerciali in vista del periodo natalizio roccagorga ciarmatore elogia la protezione civile tommaso ciarmatore delegato alle politiche di prevenzione e protezione ambientale alla protezione civile ed alle politiche di inclusione sociale evidenzia l alta efficienza raggiunta dalla protezione civile rocchigiana nell opera di controllo e di sicurezza territoriale la protezione civile locale si è infatti distinta durante l estate scorsa in materia di prevenzione degli incendi boschivi grazie al pattugliamento costante del territorio reso possibile da una convenzione stipulata con la provincia di latina in cui era previsto il monitoraggio ambientale nelle fasce di orario ad alto rischio ciarmatore ha ringraziato tutti coloro che hanno dato il loro contributo ed in particolare i signori concetto orsini alessandro fusco e biagio ciotti componenti del direttivo della protezione civile che hanno coordinato tutte le operazioni di monitoraggio del territorio vorrei sottolineare l ottimo lavoro svolto dalla componente femminile del gruppo che si è distinta in seno alle operazioni di controllo della aree sensibili il coordinamento delle operazioni ha visto il contributo decisivo del polizia municipale del comandante imperia tolfa e del cerimoniere giulio cammarone il cui prezioso contributo è risultato sempre decisivo nella pianificazione di tutti gli eventi pubblici un ringraziamento va anche all associazione privata di protezione civile lupi dei lepini ed al suo coordinatore andrea macera il consigliere ha spiegato poi che già nel novembre 2009 ci fu un incontro presso la regione con l allora dirigente del dipartimento dott pucci il quale già a conoscenza delle richieste rocchigiane chiese che venissero formalizzate per iscritto come fecero sia il presidente ciotti sia il delegato ciarmatore nessuna risposta però arrivò dalla regione questo atteggiamento di disinteresse si protrae ancora oggi nonostante gli impedimenti burocratici continueremo a lavorare con l intento di migliorare quello che è la protezione civile comunale di roccagorga 14

[close]

p. 15

maenza continua il restyling urbanistico intrapreso dall amministrazione comunale e che la seconda giunta mastracci sta trasformando in realtà dopo piazza santa reparata all arrivo del paese il belvedere piazza ferdinando lepri e la parte finale di via circonvallazione è proprio la via che da il giro al centro storico ad essere di nuovo interessata dai lavori stavolta nella parte sovrastante il nuovo parcheggio le transenne delimitano l area all interno della quale divelti gli alberi sono iniziati i lavori di rifacimento del muretto ma le transenne campeggiano anche in via e piazza della repubblica dove la costruzione di un marciapiede e di una sorta di piazzetta in stile donerà un nuovo volto all area in questione purtroppo ciò significa che per qualche giorno ci saranno disagi per gli automobilisti in cerca di parcheggio non solo l ingresso alto alla nuova area di sosta lungo la circonvallazione è interdetto per i cantieri al muretto che la sovrasta ma anche i parcheggi nella parte alta sono stati invasi dai cantieri mercoledì con il mercato settimanale i disagi si sono fatti sentire non poco ma come recita un famoso proverbio se bella vuoi apparire un pochino devi soffrire e per rifarsi il look maenza per un po dovrà soffrire dei problemi di normale viabilità con la speranza dei cittadini di vedere preso cadere i veli trovandovi sotto qualcosa di bello magari per questo natale e magari anche con qualche bel lifting al centro storico l.m mondore@le numero 71 5 novembre 2010 continuano i lavori di restyling cantieri sulla circonvallazione oltre che in via e in piazza della repubblica ma anche il centro storico ha bisogno di interventi di luca morazzano se davanti si sta provvedendo ad un rifacimento del look senza dubbio suggestivo oltre l arco della loggia dei mercanti il centro storico di maenza per il momento rimane com è ovvero un po trasandato e che reclama interventi a gran voce nulla di trascendentale ma che comunque rovina l impatto di un paese che se ben tenuto potrebbe davvero apparire come un bijoux e competere a livello attrattivo con gli altri paesi dei monti lepini che proprio del loro centro storico fanno il perno di un offerta attrattiva per i turisti soprattutto un tale discorso acquisisce un maggior valore in prospettiva del progetto albergo diffuso che sta per prendere il via proprio a maenza e che grazie ad un protocollo con la camera di commercio di latina verrà presentato proprio oggi pomeriggio presso l ostello san tommaso d aquino la pavimentazione in sanpietrini è sempre più sconnessa in corso d italia e l immagine globale non è certo aiutata dalla presenza spesso di residui di campagne pubblicitarie volantini e manifesti inzuppati e residui organici lasciati dagli animali in qualche via per ovviare a quest ultimo problema sono state addirittura posizionate delle bottiglie di acqua che con il loro luccichio dovrebbero infastidire cani e gatti nel momento del bisogno vicino piazza bouffemont poi la situazione della pavimentazione stradale è veramente al limite farsi male con quelle disconnessioni non è per nulla difficile e considerata anche l età media dei cittadini che abitano quella zona un intervento risulterebbe assai funzionale così come una pulizia delle strade più assidua e più in profondità 15

[close]

Comments

no comments yet