Incidenti domestici e del tempo libero (2005) - Dati I.S.S. elaborati dal SINIACA

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

istituto superiore di sanitÀ sorveglianza europea degli incidenti domestici e del tempo libero il caso dell italia 2005 alessio pitidis a lorenza gallo b eloïse longo a marco giustini a gianni fondi a franco taggi a e gruppo di lavoro idb a dipartimento di ambiente e connessa prevenzione primaria istituto superiore di sanità roma b igiene e sanità pubblica soc azienda ulss 18 rovigo issn 1123-3117 rapporti istisan 08/45

[close]

p. 2

istituto superiore di sanità incidenti domestici e del tempo libero la sorveglianza europea il caso dell italia 2005 alessio pitidis lorenza gallo eloïse longo marco giustini gianni fondi franco taggi e gruppo di lavoro idb 2008 x 122 p rapporti istisan 08/45 il progetto idb injury database riguarda la sorveglianza degli incidenti domestici del tempo libero e della violenza in europa in italia la sorveglianza campionaria ­ coordinata dall istituto superiore di sanità iss in collaborazione con nove ospedali distribuiti sul territorio nazionale ­ è stata inclusa tra le attività del sistema informativo nazionale sugli infortuni in ambienti di civile abitazione siniaca l 493/1999 lo scopo del progetto è quello di includere l attuale sorveglianza europea hla home and leisure accidentes in un sistema di informazione nazionale più ampio che integri le fonti di dati esistenti sugli infortuni domestici il progetto consente di fornire informazioni dettagliate sui prodotti come fattori di rischio dell incidente potendo così indirizzare le linee di sviluppo dei sistemi in questione verso studi analitici sulla sicurezza dei prodotti stessi il numero degli incidenti domestici e del tempo libero registrati dall idb in italia è aumentato dai 12.972 nel 2002 a 34.292 nel 2005 parole chiave incidenti domestici e del tempo libero sicurezza prevenzione incidenti ambiente casa sistema informativo trauma istituto superiore di sanità the injury database idb in europe surveillance of home and leisure accidents italy 2005 alessio pitidis lorenza gallo eloïse longo marco giustini gianni fondi franco taggi and gruppo di lavoro idb 2008 x 122 p rapporti istisan 08/45 in italian in the injury database idb the european home and leisure accidents surveillance hla in italy has been integrated in the national home injuries surveillance system the specific added value of idb is the information of products involved or causing the accidents the selected sample is distributed in northern central and southern territories 9 hospitals in total its reference population covers more than 1 percent of italian population and its age-sex frequency distribution is strictly concordant with the italian one the completeness of the surveillance has significantly increased the number of registered home and leisure injury cases increased from 12,972 in hla 2002 to 34,292 in hla 2005 the improved data quality consents us to calculate incidence rates for home and leisure injures key words home leisure accidents safety accidents prevention domestic environment trauma registry per informazioni su questo documento scrivere a darat@iss.it il rapporto è accessibile online dal sito di questo istituto www.iss.it citare questo documento come segue pitidis a gallo l longo e giustini m fondi g taggi f e gruppo di lavoro idb sorveglianza europea degli incidenti domestici e del tempo libero il caso dell italia 2005 roma istituto superiore di sanità 2008 rapporti istisan 08/45 presidente dell istituto superiore di sanità e direttore responsabile enrico garaci registro della stampa tribunale di roma n 131/88 del 1° marzo 1988 redazione paola de castro sara modigliani e sandra salinetti la responsabilità dei dati scientifici e tecnici è dei singoli autori © istituto superiore di sanità 2008

[close]

p. 3

rapporti istisan 08/45 gruppo di lavoro idb injury database coordinamento centrale del progetto alessio pitidis lorenza gallo marco giustini cinzia cedri gianni fondi antonella crenca patrizia casale responsabile scientifico istituto superiore di sanità coordinatore della rete delle unità territoriali azienda ulss18 rovigo soc igiene e sanità pubblica analisi dei dati segretario scientifico del comitato organizzatore istituto superiore di sanità budget e amministrazione istituto superiore di sanità gestione della qualità dei dati rete di trasmissione assistenza on-line istituto superiore di sanità assistenza on-line istituto superiore di sanità analisi dei dati organizzazione dei convegni e degli incontri tecnici responsabile della comunicazione e del supporto ai coordinatori locali azienda ulss18 rovigo sos osservatorio epidemiologico sviluppo supporto e coordinamento dell assistenza on-line società 4a informatica di ariccia roma hla 2002 caricamento dati azienda ulss18 rovigo direzione medica ospedaliera supporto amministrativo al comitato organizzatore asur marche zona territoriale n 7 coordinatore locale formazione e supporto codificatori coordinatore locale formazione e supporto codificatori coordinatore locale formazione e supporto codificatori coordinatore locale it supporto formazione dei codificatori supporto ai codificatori valerio quarta federica fenzi paolo leone asl 4 medio-friuli franco pertoldi cosetta zolli asl thiene-schio gianferruccio righetto umberto di spigno azienda ulss18 rovigo giovanna casale gregorio mercadante asl 4 chiavarese cristina giordano paolo gesino katia licciardi rita pitingolo asur marche zona territoriale n 7 stefano berti coordinatore locale adolfo pansoni formazione e supporto codificatori asl 3 foligno patrizia dominaci azienda usl bari 2 barletta cosimo cannito domenico chicco ferdinando carpentiere tommaso leone coordinatore locale formazione e supporto codificatori coordinatore locale formazione codificatori supporto codificatori it supporto i

[close]

p. 4

rapporti istisan 08/45 ospedali partecipanti all idb 1 nome dell ospedale ospedale s antonio tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede san daniele del friuli bacino di utenza popolazione 47.687 posti letto 216 unità di chirurgia e ortopedia sì accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 2.214 hla idb staff 1 medico 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla 2 nome dell ospedale stabilimento ospedaliero boldrini tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede thiene bacino di utenza popolazione 88.385 posti letto 245 unità di chirurgia e ortopedia sì accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 7.805 hla idb staff 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla 3 nome dell ospedale stabilimento ospedaliero c de lellis tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede schio bacino di utenza 94.019 posti letto 300 unità di chirurgia e ortopedia sì accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 7.550 hla idb staff 1 md 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla 4 nome dell ospedale ospedale di rovigo tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede rovigo bacino di utenza 63.474 posti letto 461 unità di chirurgia e ortopedia sì accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 2.291 hla idb staff 1 medico 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla 5 nome dell ospedale ospedale san luca trecenta tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede rovigo bacino di utenza 23.951 posti letto 170 unità di chirurgia e ortopedia sì accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 441 hla idb staff 1 medico 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla ii

[close]

p. 5

rapporti istisan 08/45 6 nome dell ospedale presidio ospedaliero asl 4 chiavarese tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede lavagna bacino di utenza 98.951 posti letto 453 unità di chirurgia e ortopedia sì accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 2.582 hla idb staff 1 medico 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla 7 nome dell ospedale ospedale ss benvenuto e rocco tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede osimo bacino di utenza 45.975 posti letto 103 unità di chirurgia e ortopedia sì chirurgia accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 3.315 hla idb staff 1 medico 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla 8 nome dell ospedale polo ospedaliero di spoleto tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede spoleto bacino di utenza 45.975 posti letto 156 unità di chirurgia e ortopedia sì accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 6.507 hla idb staff 1 medico 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla 9 nome dell ospedale ospedale civile di barletta tipo di ospedale/specialità ospedale generale sede barletta bacino di utenza 93.210 posti letto 235 unità di chirurgia e ortopedia sì accessi nelle 24 ore al p.s durante l anno 1.587 hla idb staff 1 medico 1 infermiere o collaboratore tecnico tipo di lesione incidenti domestici e del tempo libero hla iii

[close]

p. 6

rapporti istisan 08/45 iv

[close]

p. 7

rapporti istisan 08/45 indice prefazione vii premessa ix 1 quadro di riferimento 2 struttura del sistema informativo 3 integrazione dei sistemi di sorveglianza 4 metodologia della raccolta dati 1 3 4 5 5 risultati 10 6 conclusioni 14 bibliografia 16 appendice a manuale di codifica v2000 per gli incidenti domestici e del tempo libero 19 appendice b manuale utente software progetto home leisure accidents hla rilevazione incidenti domestici e del tempo libero 115 v

[close]

p. 8

rapporti istisan 08/45 vi

[close]

p. 9

rapporti istisan 08/45 prefazione l istituto superiore di sanità iss nell assolvimento dei propri compiti istituzionali quale principale organo tecnico scientifico del servizio sanitario nazionale da alcuni anni ha attivato tra le iniziative adottate nell ambito della prevenzione il sistema informativo nazionale sugli infortuni in ambienti di civile abitazione siniaca in adempimento dell art 4 della legge 493/1999 il progetto idb injury database avviato nel 2005 rappresenta il primo passo verso la costituzione di un sistema multilivello di sorveglianza epidemiologica sugli infortuni domestici la riduzione del numero e della gravità degli incidenti domestici rappresenta infatti uno degli obiettivi generali di promozione della salute indicati nel piano sanitario nazionale 2006-2008 gli infortuni domestici sono un fenomeno di grande rilevanza sia nazionale che europeo nell ambito del tema della prevenzione di quegli eventi evitabili che colpiscono soprattutto le cosiddette fasce deboli della popolazione i bambini e gli anziani e le donne in particolare le casalinghe obiettivo primario del progetto idb è stato dunque quello di includere l attuale sorveglianza europea hla home and leisure accidentes in un sistema nazionale di informazione più ampio che integri le fonti di dati esistenti sugli infortuni domestici e quelle di nuova creazione dati di mortalità dati delle schede nosologiche dati di sorveglianza di pronto soccorso su campione vasto nel sistema siniaca rispetto ad altri sistemi di sorveglianza il progetto idb si caratterizza con uno specifico valore aggiunto per la sua diretta comparabilità con le casistiche europee e la capacità di fornire informazioni dettagliate sugli oggetti e prodotti coinvolti nell incidente quali fattori di fattori di rischio dell incidente attraverso questo progetto è stato possibile conseguire importanti risultati quali ad esempio il raggiungimento di informazioni più dettagliate sui prodotti causa e in generale sugli infortuni domestici utili per il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla legge nazionale sulla sicurezza domestica conoscenza prevenzione valutazione e per lo sviluppo dei piani nazionali e regionali su questa problematica un livello di ingresso di identificazione del prodotto correlato a specifici gruppi a rischio di popolazione e ai conseguenti comportamenti infine si è conseguito il miglioramento della qualità dei dati che ha consentito di calcolare l incidenza degli infortuni domestici e del tempo libero rilevati al pronto soccorso dagli ospedali e quindi una più precisa quantificazione dell impatto di questo fenomeno sullo stato di salute della popolazione italiana dott alessandro di domenico direttore dipartimento di ambiente e connessa prevenzione primaria istituto superiore di sanità vii

[close]

p. 10

rapporti istisan 08/45 viii

[close]

p. 11

rapporti istisan 08/45 premessa in italia come negli altri paesi industrializzati i traumi costituiscono un problema di fondamentale importanza per lo stato di salute della popolazione paragonabili perfino alle altre malattie proprie delle società industrializzate È per questo motivo che il servizio sanitario nazionale ssn ha incluso nel piano sanitario nazionale 1996-1998 la prevenzione degli incidenti stradali domestici e occupazionali tra i principali obiettivi di salute della popolazione italiana per assicurare la concreta attuazione di questo provvedimento a livello nazionale e regionale la conferenza stato-regioni ha concordato l adozione di un piano preventivo nazionale per gli anni 2005-2007 questo piano viene attuato per mezzo dei piani preventivi regionali i cui obiettivi e mezzi sono in linea con gli standard nazionali tuttavia fino all avvento della l 493 del 3 dicembre 1999 art 4 che ha istituito il sistema siniaca sistema informativo nazionale sugli infortuni in ambienti di civile abitazione presso l iss le stime di mortalità e morbosità relativamente alla causa esterna di incidente che potevano essere ricavate dai dati correnti risentivano della frammentarietà delle fonti utilizzate e della cattiva qualità dei dati con il progetto idb injury database in italia abbiamo avuto la possibilità di includere l attuale sorveglianza europea hla home and leisure accidents in un sistema nazionale di informazione più ampio che integra le fonti dei dati sugli infortuni domestici esistenti in particolare la mortalità ed i ricoveri ospedalieri con la sorveglianza di pronto soccorso sviluppata per il siniaca secondo un sistema semplificato di rilevazione su un vasto campione lo specifico valore aggiunto delle informazioni idb rispetto agli altri sistemi di sorveglianza dati integrati nel sistema siniaca es dati di mortalità dati delle schede di dimissione ospedaliera dati di sorveglianza semplificata del pronto soccorso è la possibilità di avere dati specifici sui prodotti come fattori di rischio dell incidente in tal modo è possibile fornire informazioni di carattere generale sulla tipologia dei prodotti a rischio e indirizzare le linee di sviluppo dei sistemi di sorveglianza verso studi analitici sulla sicurezza di specifici prodotti testimonianza dello specifico valore aggiunto è infatti la partecipazione dell iss a numerosi gruppi di lavoro nell ambito complessivo del progetto europeo a livello di raccolta dati l iss ha organizzato la raccolta dei dati hla per l italia caricamento dati l iss ha supportato il leader del gruppo nella verifica della qualità e caricamento dei dati hla italiani negli anni 2002 e 2003 popolazione di riferimento l iss ha supportato il leader del gruppo nella definizione e applicazione dei metodi per il calcolo dei tassi di incidenza e dei bacini di utenza ospedalieri alla luce di queste considerazioni uno dei primi obiettivi del progetto idb è stato quello di migliorare la qualità dei dati del sistema di sorveglianza hla tutto ciò ha richiesto un investimento di personale tecnologie e risorse finanziarie considerato che l hla è un tipo di sorveglianza molto analitico e con un alto costo unitario per caso rilevato investimento ripagato dal livello di dettaglio molto elevato e dalla buona qualità della rilevazione non ultima la registrazione in linguaggio naturale dell evento accidentale che permette di comprendere nei particolari le modalità dell incidente ed approfondirne le cause entrando nel merito del progetto il campione selezionato nove ospedali presenta un livello sufficiente di rappresentatività essendo uniformemente distribuito sul territorio nazionale nord centro e sud la popolazione di riferimento copre più dell 1 della popolazione italiana e la sua frequenza di distribuzione per sesso ed età concorda strettamente e significativamente con quella dell italia inoltre la distribuzione delle frequenze degli incidenti domestici dell iss ad ix

[close]

p. 12

rapporti istisan 08/45 esempio nell anno 2003 in relazione all età e al sesso è altamente concordante con quella derivata da altri campioni di sorveglianza degli incidenti domestici integrati nel siniaca il numero degli incidenti domestici e del tempo libero registrati è aumentato dai 12.972 nell hla 2002 a 34.292 nell hla 2005 per poter valutare con più precisione il miglioramento della qualità della sorveglianza è stato sviluppato un indicatore di qualità iq basato sul numero dei centri di sorveglianza e il numero medio dei casi registrati per centro l iq è passato da un punteggio di 3,6 nell hla 2002 a un punteggio di 7,1 nell hla 2005 valore base in italia 1 nell anno 1986 all inizio dell ehlass european home and leisure accidents surveillance system il miglioramento della qualità dei dati ha così permesso di calcolare l incidenza degli infortuni domestici e del tempo libero rilevati presso i centri di ps pronto soccorso i significativi risultati ottenuti rappresentano già una solida base conoscitiva del fenomeno ben più solida di quella disponibile in passato tuttavia non va dimenticato che solo con l ulteriore sviluppo e paralleli approfondimenti epidemiologici sarà possibile far sì che l informazione necessaria per attivare le più appropriate azioni di prevenzione come pure la loro valutazione diventi maggiormente fruibile sia a livello locale che nazionale a questo fine stiamo già operando sia con le regioni sia in stretta collaborazione con gli altri paesi europei dott franco taggi direttore reparto ambiente e traumi dipartimento di ambiente e connessa prevenzione primaria istituto superiore di sanità x

[close]

p. 13

rapporti istisan 08/45 1 quadro di riferimento per quanto riguarda il background della raccolta dati esistente in italia le ultime informazioni disponibili sugli infortuni domestici per il nostro paese provengono dallo studio italiano sugli infortuni 1989-1993 sisi istituto nazionale italiano della salute si tratta di uno studio campione su tre regioni italiane liguria per il nord italia marche per il centro e molise per il sud basato su 60.000 infortuni assistiti dai pronto soccorso ospedalieri ps sulla base di questo studio abbiamo potuto calcolare a suo tempo progetto studio italiano sugli incidenti anno 1989 il peso sanitario delle lesioni domestiche in circa 1.800.00 casi visitati presso i dipartimenti di emergenza ospedalieri sin dal 1986 era stato attivato il sistema di sorveglianza ehlass european home and leisure accidents surveillance system però questo era stato fortemente inficiato da evidenti problemi di rappresentatività e qualità dei dati se è pur vero infatti che sotto la gestione diretta del sistema da parte del ministero dell industria la qualità è andata via via migliorando tuttavia dal 1999 si è registrato un progressivo peggioramento in concomitanza con il passaggio del sistema di sorveglianza hla sotto la competenza del ministero della salute nel 2002 è iniziata così la messa a punto del sistema e nel 2003 l iss ha assunto la gestione di questa rilevazione all interno del sistema siniaca proprio con lo scopo di rilanciarla gli infortuni domestici e del tempo libero hla rappresentano quindi nella maggior parte dei paesi industrializzati un problema di salute pubblica e questo emerge soprattutto dalla valutazione quantitativa della mortalità e della morbilità derivanti da queste lesioni l attenzione prestata al problema è accresciuta progressivamente nei programmi di salute pubblica negli ultimi venti anni infatti in molti dei paesi tecnologizzati del mondo e dell unione europea sono stati attivati sull argomento molti progetti di ricerca iniziative di sorveglianza e programmi di prevenzione il crescente interesse è correlato al peso sociale delle lesioni contratte in ambiente domestico in termini di vite umane cure ospedaliere e ambulatoriali disabilità permanenti e temporanee corrispondenti all impiego di una considerevole quantità di risorse che gravano sul servizio sanitario pubblico anche in italia questo problema è particolarmente sentito tanto che il servizio sanitario nazionale ssn nel suo piano sanitario nazionale 1996-1998 ha incluso la prevenzione degli infortuni stradali domestici e lavorativi fra gli obiettivi primari di salute della popolazione italiana con l intesa stato-regioni del 23 marzo 2005 al fine di assicurare la realizzazione concreta di questa programmazione il governo e le regioni hanno previsto per gli anni 20052007 l adozione di un piano nazionale di prevenzione pnp il pnp a livello generale si propone di affrontare i rischi di salute all interno di una cornice nella quale le azioni si presentano con carattere unitario e coordinato questo piano è stato attuato attraverso i piani regionali di prevenzione i cui obiettivi e mezzi sono armonizzati attraverso standard nazionali È forse opportuno ricordare che l intesa ha affidato il coordinamento tecnico del pnp al centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie tra i vari compiti del centro vi è anche quello di certificare la realizzazione delle attività previste nei piani regionali segno questo di una volontà a livello centrale di spingere le regioni affinché attuino progetti realizzabili conformi ad obiettivi reali la frammentarietà e l incompletezza dei dati sugli infortuni domestici è stata quindi in parte colmata grazie all istituzione del sistema siniaca di cui si detto sopra uno sguardo alle fonti di dati esistenti permette di cogliere le deficienze nella rilevazione degli incidenti domestici 1

[close]

p. 14

rapporti istisan 08/45 l istituto nazionale italiano di statistica istat ad esempio conduce un indagine multiscopo periodica sulle abitudini di vita delle famiglie viene intervistato un campione di 53.000 soggetti rappresentativi di 23.000 famiglie italiane dall analisi di questo campione si può dedurre che in italia durante il 2001 ci sono state 2.848.000 di persone infortunate in casa il 5 della popolazione italiana con un incidenza di 50 casi ogni 1.000 abitanti per anno nell indagine sono coinvolti quei gruppi di popolazione che trascorrono più tempo in casa le donne incidenza 68.0/1.000 ab/anno rispetto al 30.4 per gli uomini gli anziani incidenza 97.2 al di sopra dei 75 anni e 66.0 dai 65 ai 74 anni e i bambini in età prescolare incidenza 62.4/1.000 i casi più frequenti riguardano le donne anziane 28.2 sopra i 65 anni le donne adulte 15.9 per età dai 25 ai 64 anni e gli uomini anziani 9.6 sopra i 65 anni per quanto concerne le cause degli infortuni le più comuni sono le cadute 28.4 degli incidenti gli utensili da cucina o le attività in essa svolte 33 fra gli utensili da cucina i più pericolosi sono i coltelli che determinano il 12.8 del totale degli infortuni ciò che manca in questa analisi tuttavia è il tipo di lesione e il tipo di cure che l incidente determina in senso lato la gravità dell incidente se si considera dunque questo aspetto le proporzioni cambiano in modo considerevole per esempio osservando gli accessi ai pronto soccorso ps registrati nello studio hla che saranno descritti più dettagliatamente in seguito notiamo che durante il 2005 la proporzione di cadute determinanti lesioni è aumentata fino al 41 dei casi di infortuni domestici il 39 di tutti gli infortuni domestici e del tempo libero e più dell 80 considerando solo i ricoveri per infortuni domestici mentre gli infortuni avvenuti in cucina sono scesi al 14 essendo proprio questo ambiente uno dei posti più pericolosi della casa gli elettrodomestici nel loro complesso non hanno causato più del 6 degli infortuni non più del 4 di tutti gli hla da quanto sin qui detto emerge come sin dall avvio del siniaca vi fosse una mancanza di informazione esaustiva sulle modalità di incidente o violenza determinanti le lesioni e le relative cure la causa esterna di trauma osservata nei pronto soccorso ospedalieri ps non era registrata in formato codificato e standardizzato a livello ospedaliero per di più quei dati non erano raccolti sistematicamente a livello nazionale l assistenza dei ps è un informazione chiave per quanto riguarda in particolare l organizzazione dell assistenza sanitaria in italia questo aspetto sarà illustrato nel paragrafo materiali e metodi 2

[close]

p. 15

rapporti istisan 08/45 2 struttura del sistema informativo il sistema informativo degli incidenti domestici in italia è stato concepito dalla legge con un ruolo attivo e non come un passivo collettore di dati per questo nello sviluppo del sistema abbiamo sempre tenuto in considerazione questo ruolo dinamico correlandolo direttamente agli obiettivi del sistema conoscenza prevenzione valutazione degli incidenti del sistema il monitoraggio degli incidenti domestici e la valutazione dell efficacia delle azioni di prevenzione rappresentano i due obiettivi primari del siniaca la strutturazione del sistema è stata concepita innanzitutto come strumento generale di informazione a supporto dei decision-makers nel processo decisionale e funzionale a un tipo di conoscenza semplice e lineare in grado di cogliere le dimensioni del fenomeno e la sua evoluzione piuttosto che una puntuale sorveglianza epidemiologica destinata ai soli operatori della salute pubblica per questo motivo abbiamo adottato un approccio informativo a più livelli con lo scopo di integrare le informazioni provenienti da diverse fonti di dati i registri esistenti e i nuovi sistemi di sorveglianza entrando nel merito della strutturazione del sistema per quanto riguarda la raccolta dati dai ps abbiamo in prima istanza integrato quella esistente hla piccolo campione di centri di approfondimento in rete con il nuovo sistema allargato di raccolta dati dai ps il siniaca ed i sistema informativi regionali di emergenza già esistenti il principale scopo per la raccolta dati hla era infatti quello di acquisire informazioni analitiche sugli infortuni direttamente confrontabili a un livello più generale di codifica con il più vasto campione nazionale in grado di fornire informazione sintetica in tal modo la comparabilità tra il sistema italiano e quello europeo hla poteva essere mantenuta e l osservazione essere estesa a una scala più ampia senza costi informativi eccessivi per fare questo sono stati consolidati i punti di forza del sistema di codifica hla registrazione dei prodotti causa o comunque coinvolti nell infortunio e una dettagliata descrizione dell evento all interno del siniaca il sistema hla è diventato la principale fonte di dati per questo tipo di informazione una volta che il sistema generale ha identificato una categoria di eventi rischiosi per esempio nel caso di un dinamica di infortunio identificata come caduta l hla fornisce un informazione dettagliata sui prevalenti tipi di caduta dallo stesso livello da grande altezza da altezza minore ecc l hla è strutturato per individuare informazioni più dettagliate la complessità della strutturazione del siniaca su più livelli e l assegnazione degli obiettivi spettanti a ciascun livello di raccolta dati ha quindi imposto con urgenza il rinnovo del sistema hla e di conseguenza il miglioramento della qualità dei dati 3

[close]

Comments

no comments yet