I rischi principali dell'Altopiano di Poirino

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

i rischi principali dell altopiano di poirino federico trinchero gruppo radio emergenza poirino

[close]

p. 2

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft i rischi principali dell altopiano di poirino data pubblicazione autore revisione 12 maggio 2013 federico trinchero grp_d_09 00 ­ 2013 05 06 ­ federico trinchero revisione 2 revisione 3 referente distribuzione ft gruppo emergenza radio poirino popolazione del comune di poirino gruppo emergenza radio poirino presidente indirizzo telefono e-mail sito internet attilio viviani via indipendenza 48 10046 poirino to 011.945.29.72 gerp.poirino@libero.it www.gerp-poirino.it associazione iscritta al registro regionale del volontariato negli elenchi della prefettura e al dipartimento della protezione civile nazionale www.gerp-poirino.it 2

[close]

p. 3

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft 1 sommario 2 premessa 5 3 geografia e morfologia 6 4 comune di poirino 9 5 idrografia 11 5.1 il torrente banna e i suoi affluenti principali 11 5.1.1 torrente stellone 12 5.1.2 torrente rio verde 13 5.2 aree allagabili 13 6 geologia e idrogeologia 15 6.1 assetto idrogeologico 15 6.2 i sistemi acquiferi principali superficiale e profondo 19 6.3 campi di moto degli acquiferi 20 6.4 caratteristiche idrogeochimiche e inquinamento antropico 23 7 fattori di rischio 24 7.1 rischio sismico 25 7.2 rischio vulcanico 26 7.3 rischio meteo-idrogeologico e idraulico 27 7.3.1 il rischio idrogeologico e idraulico 28 7.3.2 alluvioni 29 7.3.3 frane 30 7.4 rischio incendio 31 7.5 rischio sanitario 33 7.6 rischio nucleare 34 7.7 rischio ambientale 36 7.7.1 inquinamento delle acque 37 7.7.2 inquinamento del suolo 40 www.gerp-poirino.it 3

[close]

p. 4

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft 7.8 rischio industriale 41 8 analisi dei rischi del comune di poirino 42 8.1 rischio sismico 43 8.2 rischio vulcanico 44 8.3 rischio meteo-idrogeologico e idraulico 44 8.3.1 vigilanza 45 8.3.2 preallarme 47 8.3.3 allarme 47 8.4 rischio incendio 49 8.4.1 certificato di prevenzione incendi 49 8.5 rischio sanitario 50 8.6 rischio nucleare 50 8.7 rischio ambientale 50 8.7.1 inquinamento delle acque 50 8.7.2 inquinamento del suolo 57 8.8 rischio industriale 57 9 bibliografia 58 www.gerp-poirino.it 4

[close]

p. 5

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft 2 premessa il presente documento dal titolo i rischi principali dell altopiano di poirino è redatto dai volontari del g.e.r.p gruppo emergenza radio poirino con lo scopo di descrivere i principali rischi soggetti ad attività di protezione civile relativi al territorio comunale di poirino che risulta incluso nella parte centrale del cosiddetto altopiano di poirino ovvero quella porzione di territorio sub-pianeggiante che si sviluppa per circa 400 km2 a sud dei rilievi della collina di torino e a nord-ovest dei rilievi del braidese a seguito di un necessario inquadramento geografico e morfologico viene riassunta la situazione idrologica geologica e idrogeologica dell area con particolare riferimento al territorio comunale di poirino in seguito vengono descritti e analizzati tutti i rischi associati ad attività di protezione civile approfondendo le tematiche di interesse legate al territorio di competenza www.gerp-poirino.it 5

[close]

p. 6

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft 3 geografia e morfologia il termine altopiano di poirino viene utilizzato per descrivere in senso geografico l area subpianeggiante che si sviluppa per circa 400 km2 a sud dei rilievi della collina di torino e a nord-ovest dei rilievi del braidese margine nord-occidentale delle langhe esso appare sospeso tramite scarpate di altezza variabile rispetto ai rilievi dell astigiano a est ed alla pianura piemontese meridionale a ovest l altopiano si sviluppa nelle due direzioni con valori differenti oltre 50 km in direzione n-s mentre in direzione e-w la lunghezza massima è di circa 15 km la sua superficie si presenta debolmente ondulata e descrive dal punto di vista geologico una blanda sinclinale 1 con asse orientato in direzione e-w la zona assiale si trova in corrispondenza dell area di scorrimento del torrente banna cioè la parte di territorio contraddistinta dalla minima quota s.l.m compresa tra i 230 e i 240m s.l.m i due fianchi della sinclinale sono invece le porzioni maggiormente rilevate esse raggiungono i 380m s.l.m a se di sanfrè e i 290m s.l.m nell intorno di buttigliera d asti il margine settentrionale corrispondente al raccordo con la collina di torino è evidenziato da un graduale aumento dell acclività della superficie topografica il margine sud-orientale corrisponde anch esso ad un aumento dell inclinazione meno forte ma più pronunciato a loro volta questi rilievi appaiono delimitati da un alta scarpata in direzione se che li separa dai rilievi delle langhe a est l altopiano è delimitato dalla scarpata orientale che lo separa dai rilievi dell astigiano questi rilievi sono in realtà dei rilievi collinari negativi legati all erosione che ha colpito una superficie già in origine contraddistinta da quote leggermente inferiori a quelle dell altopiano la scarpata orientale è orientata in direzione n-s e ha un andamento che si può definire rettilineo nel suo insieme anche se piuttosto articolata nel dettaglio la sua altezza risulta decrescente da sud 120m a montà verso nord 80m a buttigliera per quanto riguarda il limite occidentale l altopiano di poirino è separato dalla pianura piemontese meridionale e dall incisione del paleo-tanaro tramite la scarpata occidentale orientata in direzione n-s e caratterizzata da un altezza complessivamente inferiore rispetto alla scarpata orientale la parte inferiore divide l altopiano dall incisione del paleo-tanaro con altezza decrescente da sud a nord il valore massimo di 45m si trova a sanfrè mentre si annulla nell abitato dei favari frazione di poirino nella porzione settentrionale invece il margine occidentale dell altopiano coincide con il limite della pianura piemontese meridionale la scarpata è orientata in direzione wnw e caratterizzata da un altezza piuttosto modesta rastremandosi da circa 3-7m in corrispondenza della collina di torino verso ssw 1 la sinclinale in termini geologici è una piega in cui la curvatura di strati rocciosi presenta normalmente la convessità orientata verso il basso nel suo nucleo si trovano rocce più giovani rispetto a quelle degli strati esterni www.gerp-poirino.it 6

[close]

p. 7

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft inquadramento morfologico dell altopiano di poirino www.gerp-poirino.it 7

[close]

p. 8

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft la superficie dell altopiano di poirino viene comunemente distinta in tre settori il settore meridionale è compreso all incirca tra il corso del r ripoglia il limite meridionale della zona in oggetto e il r ricchiardo con un inclinazione media pari all 1,5 verso nordovest la zona mostra ondulazioni sensibili con dislivello dell ordine dei 15÷20m il reticolo idrografico è costituito dagli affluenti del torrente melletta che drenano in direzione nordovest il settore centrale compreso tra il r ricchiardo e il torrente banna presenta un inclinazione media dell 1 verso nnw le ondulazioni in questa zona dell altopiano sono meno evidenti rispetto al settore precedente e sono dell ordine dei 10m il reticolo idrografico locale è formato dal torrente banna e dai suoi affluenti con incisioni variabili il settore settentrionale si trova tra i rilievi della collina torinese il limite settentrionale della zona in oggetto ed il corso del torrente banna l inclinazione media è dello 0,3 verso ssw con un ondulazione decisamente modesta dell ordine di qualche metro il territorio appare debolmente inciso dagli affluenti di destra del torrente banna e dal r tepice l altopiano essendo delimitato come descritto è in buona parte isolato il sistema di drenaggio è pertanto indipendente e convoglia oltre alle acque della zona in oggetto solo quelle del versante meridionale dei rilievi della collina torinese e delle colline del braidese il drenaggio caratterizzato da portate modeste fa capo a due collettori principali il torrente banna ed il torrente melletta il primo si trova nella zona più depressa dell altopiano e scorre in direzione ovest i suoi affluenti drenano parte del versante meridionale dei rilievi della collina torinese r santena r riassola r borgallo r banna e la parte centrale dell altopiano r stellone t rioverde r valgorrera r d isolabella r bottalino r robeirano il torrente melletta scorre con andamento principale da sud verso nord e i suoi affluenti drenano l area corrispondente ai rilievi del braidese www.gerp-poirino.it 8

[close]

p. 9

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft 4 comune di poirino poirino è un paese di circa diecimila abitanti situato al centro-nord del noto altopiano di poirino a sud della città di torino e a medesima distanza circa 30 km dalle città di asti e alba il territorio comunale presenta un estensione molto vasta e pari a 7570 ettari è il più vasto comune della provincia sud di torino dopo carmagnola anche se gran parte del territorio è destinata ad attività agricole e l area urbana è molto inferiore 221 ettari gli abitanti del comune di poirino risiedono per il 70 circa nell area del concentrico mentre il restante 30 risiede nelle frazioni circostanti e nelle case sparse le frazioni principali sono favari avatanei marocchi case sparse2 le principali attività produttive presenti sul territorio sono riconducibili alle seguenti categorie industrie metal-meccaniche aziende agricole piccole e medie imprese attività commerciali la viabilità urbana e è garantita da una serie di strade comunali statali provinciali e vicinali le arterie di comunicazioni principali sono essenzialmente dieci e collegano le aree urbane del comune di poirino ai comuni limitrofi di santena ss 29 chieri sp 128 carmagnola sp 129 villastellone sp 130 santo stefano roero sp 132 pralormo ss 29 isolabella sp 131 villanova d asti riva presso chieri 2 nelle case sparse rientrano oltre a tutte le cascine anche le frazioni minori di cereaglio tetti brossa banna torre ternavasso stuerda palazzo appendini masio e becchio www.gerp-poirino.it 9

[close]

p. 10

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft identificazione delle principali arterie di comunicazione il territorio si presenta morfologicamente pianeggiante la quota media può essere considerata pari a 249 m s.l.m per quanto concerne la rete idrografica il territorio comunale di poirino è segnato dalla presenza di numerosi corsi d acqua torrenti rii e invasi per il cui approfondimento si richiama al capitolo successivo www.gerp-poirino.it 10

[close]

p. 11

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft 5 idrografia l altopiano di poirino presenta tre corpi idrici superficiali principali in cui confluiscono diversi torrenti inferiori e rii di media grandezza elencati in seguito torrenti principali banna tepice melletta affluenti principali torrente rio verde rio santena rio riassola rio borgallo rio banna rio stellone rio valgorrera rio d isolabella rio bottalino rio robeirano nello specifico solo i torrenti banna e melletta sono attribuibili all area dell altopiano di poirino in quanto il tepice nasce in un area collinare tra baldissero e pino torinese e percorre una porzione di territorio esterna alla stessa area nord esso è però riportato anche nell ambito di questo documento poiché affluendo nel po appena a valle della confluenza del banna i due torrenti vengono analizzati insieme nei documenti ufficiali della regione piemonte i due corsi d acqua costituiscono insieme il sottobacino idrografico di riferimento banna-tepice 5.1 il torrente banna e i suoi affluenti principali il torrente banna nasce nell area collinare del comune di buttigliera d asti ad una quota di circa 300 m s.l.m il corso d acqua si sviluppa dapprima in direzione sud entrando nel comune di villanova d asti e quindi verso ovest raggiungendo poirino santena e cambiano il torrente sfocia nel fiume po poco a sud della frazione bauducchi di moncalieri dopo un percorso di circa 20 km e un dislivello complessivo di una decina di metri la pendenza media è quindi molto bassa pari a circa 1 m ogni 2 km di sviluppo orizzontale le criticità del torrente per quanto concerne il territorio comunale di poirino e santena si manifestano durante gli eventi meteorici intensi quando la pioggia insistente sull intero www.gerp-poirino.it 11

[close]

p. 12

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft sottobacino idrografico 336 km2 con pendenza media del 4,9 3 viene convogliata verso il corso d acqua ad esclusione delle infiltrazioni sotterranee e delle perdite per evapotraspirazione e evidente come il modesto valore di pendenza dell asta fluviale sia correlabile alla minor velocità del flusso idrico con conseguente diminuzione della portata e incremento del livello idrometrico la portata media del corso d acqua è pari a 5,7 m3/s con variazioni di elevata entità in relazione ai diversi periodi dell anno portata media mensile del torrente banna confluenza po 1951-1991 gli affluenti principali del banna sono i corsi d acqua stellone e rio verde che affluiscono nel torrente ricettore a valle del comune di poirino il rio verde si immette nel banna subito a ovest del centro abitato nei pressi della discarica comunale mentre lo stellone dopo aver attraversato anche il comune di villastellone affluisce nel banna a moncalieri entrambi i corsi d acqua presentano le proprie maggiori criticità in quanto attraversano ad altezze differenti una delle arterie principali della viabilità locale la sp 129 poirino-carmagnola 5.1.1 torrente stellone il torrente stellone nasce a circa 300 m di quota da un lago di ceresole alba esso riceve gli apporti idrici di diversi corpi idrici minori mentre attraversa i territori comunali di poirino carmagnola presso casanova e villastellone il torrente presenta poco a monte dell attraversamento della strada provinciale sp 129 un andamento controcorrente rispetto al normale senso di deflusso questo comportamento è in particolare dovuto al fatto che il corso d acqua utilizza in alcuni tratti il 3 dati da regione piemonte piano di tutela delle acque ­ monografie ­ sottobacino banna-tepice www.gerp-poirino.it 12

[close]

p. 13

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft letto di un torrente che in tempi passati presentava un percorso totalmente differente il corso d acqua sfocia nel banna dopo un percorso di circa 25 km e presenta una portata media annua di 2,3 m3/s 5.1.2 torrente rio verde il rio verde sfocia nel banna dopo un percorso di circa 19 km in cui attraversa i territori comunali di pralormo e poirino la portata del corso d acqua è nulla in varie parti dell anno poiché il corso d acqua non ha affluenti in grado di dare apporti costanti nel tempo il livello idrometrico si innalza però notevolmente durante gli eventi meteorici intensi poiché il suo sottobacino presenta un estensione piuttosto elevata pari a circa 77 km 2 e una pendenza media del 5,1 la portata media annua del torrente è pari a 0,8 m3/s soggetta a variazioni dovute all intensità delle precipitazioni il rio verde presenta possibili criticità oltre che in corrispondenza della sp 129 anche in località appendini dove attraversa la sp 132 ternavasso 5.2 aree allagabili a seguito degli eventi alluvionali degli anni 1994 e 2000 che hanno caratterizzato il territorio comunale di poirino e tutto il piemonte sono stati realizzati diversi interventi per ridurre il rischio idrogeologico relativo agli allagamenti della parte di centro abitato più prossimo al corso del torrente banna in particolare sono due gli interventi principali per la messa in sicurezza del torrente nuovo ponte sulla strada ss 29 ingresso del paese la nuova opera realizzata a sostituzione della precedente presenta due campate per una lunghezza totale di 60 m l opera è codificata dalla provincia di torino con il codice 22-01-0-029-00-3-1 e consente di superare il corso del torrente e l area allagabile delimitata con la nuova arginatura nuova arginatura del torrente banna e affluenti gli argini realizzati in argilla sono stati progettati in base a eventi meteorici con tempo di ritorno stimato in 500 anni i nuovi argini consentono di limitare le esondazioni che possono dar luogo a danni alla popolazione e delimitano i corsi d acqua centro abitato di poirino lato sinistro del torrente banna da nord a ovest del centro abitato sp 128 lato destro del rio santena valle masio area allagabile dal rio santena le aree allagabili e relativi flussi sono ben chiari nella tav 02 aree allagabili e rischio incendio boschivo del piano di protezione civile del comune documento e di cui ne riportiamo in seguito uno stralcio di poirino 2010 allegata al presente www.gerp-poirino.it 13

[close]

p. 14

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft aree allagabili territorio comunale di poirino stralcio tavola 02 aree allagabili e rischio incendio boschivo piano di protezione civile del comune di poirino aggiornato al novembre 2010 www.gerp-poirino.it 14

[close]

p. 15

i rischi principali dell altopiano di poirino grp_d_09 ­ maggio 2013 autore federico trinchero rev 00_2013_ft 6 geologia e idrogeologia l altopiano di poirino presenta un assetto geologico relativo alla successione plio-pleistocenica del bacino terziario piemontese occidentale al di sopra dei depositi della formazione della vena del gesso si riconoscono tre principali tettono-sequenze separate da importanti discontinuità che vanno a delimitare i tre allogruppi principali4 allogruppo lm late messinian allogruppo ep early pliocene allogruppo lp late pliocene l idrogeologia dell area è caratterizzata da due sistemi acquiferi principali l acquifero superficiale e l acquifero profondo quest ultimo più produttivo del primo nonché migliore dal punto di vista della caratteristiche idrogeochimiche delle acque si trova posizionato tra gli orizzonti inferiori del villafranchiano b e i livelli più superficiali e permeabili delle sabbie d asti b la superficie piezometrica5 caratteristica risulta condizionata dalla geometria delle discontinuità tra i vari allogruppi principali in generale il flusso idrico sotterraneo si muove verso la valle versa asti l acquifero è in pressione per tutta l area dell altopiano di poirino mentre a valle della scarpata orientale da luogo a sorgenti naturali ed è possibile realizzare pozzi di tipo artesiano 6.1 assetto idrogeologico sulla base della ricostruzione stratigrafica della successione plio-pleistocenica del bacino terziario piemontese si individuano una serie di unità idrogeologiche dal basso verso l alto unità idrogeologica delle alluvioni quaternarie dei fondovalle unità idrogeologica delle alluvioni quaternarie dei terrazzi alti unità idrogeologica del villafranchiano c unità idrogeologica del villafranchiano b unità idrogeologica delle sabbie d asti b l acquifero profondo si trova compreso tra le unità idrogeologiche delle sabbie d asti b e del villafranchiano b l acquifero superficiale si attesta invece nei depositi più recenti relativi al quaternario alluvioni quaternarie dei fondovalle e terrazzi alti 4 allogruppo zone geologiche che presentano identiche caratteristiche di formazione e trasformazione nelle diverse ere geologiche ogni allogruppo è caratterizzato da una successione sedimentaria depositatasi in periodi e ambienti differenti 5 nelle generiche condizioni di piano campagna orizzontale la superficie piezometrica è la superficie ideale al di sotto del piano di campagna in cui il valore della pressione interstiziale è nullo e coincide con il pelo libero della falda www.gerp-poirino.it 15

[close]

Comments

no comments yet