Il Picchiodi Torresina - mese di Marzo 2013

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

distribuzione gratuita giornale di quartiere anno 6 numero 59­ marzo 2013 associazione comitato per il parco di casal del marmo di ferdinando suraci presidente associazione t utti si ricorderanno la prima vera festa nel parco agricolo di casal del marmo una passeggiata favolosa nel nostro polmone verde produttivo del futuro parco agricolo incastonato nel tessuto urbano di roma nord-ovest era il 10 aprile del 2011 una festa popolare di centinaia e centinaia di partecipanti che partendo da vari punti dell area del parco torresina monte mario palmarola ottavia hanno raggiunto i terreni della provincia di roma gestiti dalla cooperativa cobragor colori musica balli allegria picnic e sottoscrizione della carta dei diritti del parco agricolo un impegno pubblico che si è sostanziato con la costituzione della associazione il 6 novembre del 2012 dieci soci fondatori e un progetto unico creare un movimento consapevole per promuovere una partecipazione di tanti cittadini alla concretizzazione del parco agricolo di casal del marmo il parco agricolo ha una superficie di circa 460 ettari di cui 70 di boschi a prevalenza di sughera di querceti e di latifoglie di robinia continua a pag.8 f urto al t eatro l a cas et ta unedi 18 febbraio abbiamo saputo che il teatro la casetta di via federico borromeo ha subito un grave furto e degli atti vandalici esprimiamo la nostra solidarietà a tutti gli coloro che operano in questo piccolo spazio il teatro la casetta offre al quartiere e al resto della città una importante e indispensabile esperienza di qualità ed alta professionalità e doloroso pensare che gli sforzi portati avanti da tanti anni in un quartiere dove le esperienze culturali sono sempre più difficili da realizzare possano essere cancellati per mano di qualche delinquente auguriamo agli operatori del teatro la casetta di andare avanti con lo spirito di sacrificio che li contraddistingue sperando che le istituzioni possano e vogliano contribuire l la redazione del picchio di torresina il tuo centro sportivo esercizio convenzionato con il c di q torresina

[close]

p. 2

il rumore del niente l l angolo della poesia l a r os a a forma del silenzio il rumore del vuoto fendono l aria statica da turbini frementi agitata disegnano cose e contorni il volto del niente di quello che è eppur non si vede ma esiste presente ancor prima che tu che io che il mondo di cose oggetti parole fosse creato voluto pensato esiste ed è guanto del tutto e forma del mondo il vuoto quel nulla ingombrante cara amata mia il rosso fuoco di questa rosa ti farà capire quanto arde il mio cuore per te aspetterò come una goccia di rugiada che si evapora ssotto i primi raggi di sole in un aurora colorata di mille colori ritornare su di te sotto i mille colori di un tramonto ed essere di nuovo una goccia di rugiada cristallina che accarezza col vento i tuoi giovani e morbidi petali e sotto il chiar di luna vegliare su di te fino al nuovo giorno in una maestosa eternità come il brillare delle stelle e vederti sbocciare in una notte come una rosa ed essere nel vento per trasportare il tuo profumo in questo breve ed eterno amore 19 12 2008 agnese g le dediche dei nostri lettori ernesto cicoria orreva il 24 marzo del 1952 quando nasceva una bambina dai capelli biondi occhi marroni di un nocciola intenso e due belle guanciotte da strizzare oggi quella bimba è diventata una donna energica che affronta la vita con coraggio e determinazione ma sopratutto la moglie e la mamma più paziente del mondo ti ringraziamo per tutto quello che fai per noi ogni giorno e anche per quello che farai nei giorni a venire oggi i suoi cari vogliono augurare tantissimi auguri di buon compleanno a maria annunziata albanese c a roberta e giuseppe 19 febbraio 2013 congratulazioni vivissime a due fantastici neogenitori partecipo di cuore alla vostra felicità augurando al piccolo jacopo vita piena d amore tantissimi auguri cinzia maurizio alessio e mauro 2

[close]

p. 3

sommario marzo 2013 l angolo della poesia le dediche dei nostri lettori lettere alla redazione le chicche del picchio cielo che spettacolo visti per voi rubriche 2 2 5 6 6 7 8 10 12 14 14 15 16 associazione comitato per il parco di parco di casal del marmo 1 furto al teatro la casetta 1 occorre essere tanto grandi da prendere sul serio le cose dei piÙ piccoli 4 9 canta in coro 1° edizione una leggenda alle porte di roma 11 tutti i mestieri danno il pane 13 le sorprese dell uovo di pasqua 15 diventa anche tu amico del picchio di torresina su facebook un pensiero per l intervista a paolo egizi un opera d arte con un biglietto atac letti per voi news dal comitato di quartiere torresina cucinati per voi news dalla redazione dopo la lettura il picchio ti invita a gettare il giornale negli appositi cassonetti per la carta perché il picchio è a favore della raccolta differenziata dove posso trovare ogni mese la mia copia de ll picchio di torresina tuttiine go zieglistudi biblioteca casa del parco professionali di torresina di via della pineta sacchetti 78 tutti gli inserzionisti esterni centro anziani torrevecchia le edicole via torrevecchia monte mario primavalle 87-242-342 ama di torrevecchia alcuni negozi di via pietro maffi santa maria della pietà alcuni negozi di via torrevecchia ·uffici municipali pad 29-30-31 e largo arturo donaggio ·padiglioni 13 26 e 32 le edicole di via pietro maffi ·centro antea atletica monte mario alcuni negozi di via andersen scuola di via andersen municipio 19° di via mattia battistini bar di via vittorio montiglio 21 xix gruppo vvuu via f borromeo bar di largo millesimo la biblioteca basaglia mercato rionale di via pasquale ii° via federico borromeo 67 anno 6 numero 59 marzo 2013 reg tribunale di roma n 559 del 17 dicembre 2007 sede viale indro montanelli 20 00168 roma editore associazione o.n.l.u.s noi di torresina viale indro montanelli 20 00168 roma cellulari 3338029862 3396531743 e-mail ilpicchioditorresina@yahoo.it direttore responsabile jean-luc giorda capo redattore stefania giannetto in redazione marcella speranza daniela moretti aurelia colarossi cinzia pezzola antonio picciau antonella salerno pierfederico poli antonio di siero luigi spagnoletti impaginazione progetto grafico-editoriale pubblicitario gestione internet roberto delle case hanno collaborato a questo numero agnese garufi giulio moscatelli fattino tedeschi michela fabbri ferdinando suraci ernesto cicoria gian carlo mattiacci cinzia del bello stampato presso tipografia river press group s.r.l via menalca 30 tel fax 062294420 062295925 e-mail rpg@mclink.it questo numero è stato chiuso in redazione il 28/02/2012 l associazione noi di torresina ringrazia tutti coloro che con le loro donazioni ci permettono di pubblicare il picchio invitiamo tutti i lettori che vogliono scrivere articoli poesie dediche o che vogliono raccontare momenti di vita lagnandosi o ringraziando ad inviarci i loro elaborati presso ilpicchioditorresina@yahoo.it oppure lasciando i loro scritti dal giocattolaio nuvoloni via pietro maffi 28/32 da roberto il tabaccaio di viale i montanelli o all edicola vidi di viale montanelli gli scritti dovranno essere accompagnati dalla firma dell autore che potrà scegliere di non essere citato sul giornale ma apparire solo con le iniziali o un nomignolo e un recapito telefonico 3

[close]

p. 4

esercizio convenzionato con il c di q torresina occorre essere tanto grandi da prendere sul serio le cose dei piÙ piccoli di daniela moretti il minore ha diritto di essere educato nell ambito della propria famiglia legge 184/83 iniziato la professione di assistente sociale incontrando da tirocinante in quell anno che mi sembra tanto lontano il 1979 il dolore di una madre a cui erano stati tolti alcuni figli perché viveva in un borghetto di baracche uno dei tanti che in quegli anni popolavano le periferie romane simili ai tanti campi autorizzati e non che popolano il territorio del nostro municipio e della nostra città incontrando quegli occhi e quel cuore ferito ho giurato a me stessa che mai avrei allontanato un figlio dalla propria madre dalla propria famiglia senza aver prima tentato il possibile e l impossibile affinché potessero vivere con serenità quel rapporto nato in quello splendido periodo che per ogni donna per ogni coppia sono i nove mesi di vita in comune della gravidanza nei trent anni di professione mi sono trovata tante volte di fronte al dubbio se allontanare o meno un figlio dai propri genitori e in alcuni casi ho dovuto farlo cercando di ridurre al minimo il dolore che quello strappo provoca e che segna per tutta la vita gli attori coinvolti non avrei mai pensato di trovarmi a dover effettuare l allontanamento di un gruppo di fratellini sentendomi usata come un grimaldello per entrare in una famiglia e scardinarla punendola per non essere stata capace di ho nascondersi ai nostri occhi con un finto adeguamento a regole paradossali nel nome della difesa dell interesse dei minori abbiamo smembrato una famiglia ucciso due genitori di fronte ai propri figli dicendo che è per il loro bene e che forse un giorno dopo una vita passata girovagando per case famiglia costretti a trasformare in cattivo un genitore che hanno amato a pensare di essere stati traditi a cercare una ragione dell accaduto capiranno che lo abbiamo fatto per il loro bene e ci ringrazieranno ho amato questa professione ho creduto nella possibilità di costruire una società includente capace di dare a tutti pari opportunità di sostenere i suoi membri più deboli e davo per acquisiti oramai al patrimonio della comunità alcuni principi e valori ma non è così e oggi sento sulla mia pelle lo stesso dolore che ho provato in quel non più lontano 1979 anzi peggio perché a quel dolore raccontato dagli occhi di una madre si è aggiunto il dolore degli occhi di quei bambini che chiedevano perché continuo a chiedermi se abbiamo saputo ascoltare quei bambini o se ancora una volta abbiamo ascoltato solo il nostro orgoglio di adulti che non vogliono vedere i propri fallimenti i propri errori le proprie debolezze il proprio egoismo materializzarsi davanti ai loro occhi 4

[close]

p. 5

lettere alla redazione on la presente rispondo al sig r d che ha scritto sul numero di gennaio mi dispiace molto per la volpe che ha trovato investita a torresina voglio informare lui e tutti i lettori che quando si trova un animale investito non bisogna chiamare i vigili urbani ma c e un servizio apposito dell ama presso il canile muratella bisogna telefonare dal lunedi al c sabato dalle 10 alle 17 al numero 06 67109550 purtroppo io ho gia dovuto chiamare 3 volte per far rimuovere gli animali investiti sono anche stata richiamata per avere esatte indicazioni sulla posizione dell animale se dopo 2 giorni dalla prima chiamata non c e stato nessun intervento fate una seconda segnalazione spero di essere stata utile daniela mander caro picchio ho trovato sul web questa dedica un accorato appello di un padre al proprio figlio sono ormai una persona anziana e forse per questo mi sono emozionato nel mese di marzo ci sarà la festa del papà molti regaleranno distrattamente cioccolatini cravatte o profumi forse per molti padri o madri la storia non cambia sarebbe più gradito un attimo di attenzione o di tenerezza vorrei chiederti di pubblicare questa dedica grazie e s m dedica di un padre al proprio figlio se un giorno mi vedrai vecchio se mi sporco quando mangio e non riesco a vestirmi abbi pazienza ricorda il tempo che ho trascorso ad insegnartelo quando non voglio lavarmi non biasimarmi non farmi vergognare ricordati quando dovevo correrti dietro perché non volevi farti il bagno quando vedi la mia ignoranza per le nuove tecnologie dammi il tempo necessario e non guardarmi con quel so rrisetto ironic o ho avuto tutta la paz ienz a per insegnarti l abc se quando parlo con te ripeto sempre le stesse cose non mi interrompere ascoltami quando eri piccolo dovevo raccontarti ogni sera la stessa storia finché non ti addormentavi quando non riesco a ricordare o perdo il filo del discorso dammi il tempo necessario per ricordare e se non ci riesco non ti innervosire caro picchio come saprai la raccolta delle figurine dei calciatori è la collezione più amata dai bambini di tutti i tempi quest anno l editrice panini ha messo a disposizione dei suoi migliori collezionisti un campo di calcio tra tutti coloro che parteciperanno al concorso ne verrà estratto uno che avrà la possibilità di far realizzare un campo di calcio a tutti i concorrenti comunque verranno forniti porte tute e palloni per giocare al calcio ebbene ho letto con attenzione il regolamento già pensando a quanto possa essere utile un campo di calcio in un quartiere come quartaccio assolutamente privo di spazi attrezzati per bambini e ragazzi lo sgomento è arrivato quando ho letto che per accedere a questo sogno bisogna raccogliere 12.000 dico dodicimila bustine vuote delle figurine saranno ritenute valide ai fini del concorso solo le bustine autentiche della collezione calciatori panini 2012/2013 distribuite nei punti vendita autorizzati sono escluse le bustine omaggio solo se presentano il logo panini la cosa più importante non è quello che dico ma il mio bisogno di essere ascoltato da te quando le mie gambe stanche non mi consentono di tenere il tuo passo non trattarmi come fossi un peso vieni verso di me con le tue mani forti nello stesso modo con cui io l ho fatto con te quando muovevi i tuoi primi passi quandodicochevorreiesseremorto non arrabbiarti un giorno comprenderai che cosa mi spinge a dirlo cerca di capire che alla mia età non si vive si sopravvive un giorno scoprirai che nonostante i miei errori ho sempre voluto il meglio per te e che ho tentato di spianarti la strada dammi un po del tuo tempo dammi un po della tua pazienza dammi una spalla su cui poggiare la testa aiutami a camminare aiutami a finire i miei giorni con amore e pazienza in cambio io ti darò un sorriso e l immenso amore che ho sempre avuto per te sul fronte delle bustine integro non mi sono persa di coraggio ed ho informato tutti i miei conoscenti con figli che raccolgono figurine e una bella corsa ma da sola non ce la faccio vorrei chiedere a quanti leggono il picchio di aiutarmi non buttate le bustine vuote mettetene da parte più possibile scrivendo sulla mia e-mail potremo incontrarci e magari anche i nostri figli si conosceranno e si scambieranno i doppioni dodicimila sono tante ma insieme possiamo farcela che soddisfazione sarebbe regalare ai nostri ragazzi un campo di calcio e vederli tutti insieme giocare una partita la potremmo chiamare la partita delle forze unite e una favola ma non ci vuole la bacchetta magica ci vogliono tanti genitori che insieme contribuiscano a costo zero a far felici tanti bambini anche se non abitate nel mio quartiere vi prego aiutatemi ogni bustina vuota può diventare un emozione sono fiduciosa e ringrazio anticipatamente maria claudia dongu ciacia68@tiscali.it 5

[close]

p. 6

cari lettori da questo mese una nuova rubrica vi farà compagnia quattro chiacchiere tra amici nell aria si cominciano ad apprezzare odori e colori diversi marzo che si diverte ad alternare giornate freddissime ad altre tiepide e luminose ci introduce nella primavera il 2 marzo 1939 fu eletto papa eugenio pacelli anche quest anno in marzo verrà eletto un nuovo papa dopo la rinuncia di benedetto xvi l 8 marzo si celebra la festa della donna il 17 sarà il 152° anno dell unità d italia la festa del papà viene festeggiata il 19 marzo il giorno dedicato a s giuseppe padre putativo di gesù san giuseppe in quanto archetipo del padre e del marito devoto nella tradizione popolare protegge anche gli orfani le giovani nubili e i più sfortunati in alcune zone della sicilia il 19 marzo è tradizione invitare i poveri a pranzo in altre aree la festa coincide con la festa di fine inverno come rito propiziatorio si brucia l incolto sui campi da lavorare e sulle piazze si accendono falò da superare con un balzo quest anno marzo si chiude con la pasqua che per i cattolici ricorda la resurrezione di cristo per altri è la festa di rinnovamento e di rinascita della natura dopo il lungo inverno ed ecco alcuni semplici consigli per facilitare le tradizionali pulizie di primavera evitare il più possibile di usare prodotti troppo inquinanti la primavera fuori dovrebbe far pensare che dobbiamo amare il nostro pianeta e dobbiamo iniziare a pensare in modo più eco-sostenibile utilizziamo prodotti economici e poco inquinanti il bicarbonato e l aceto ottimi per disinfettare e pulire tutta la casa le finestre i lampadari e gli oggetti di di roberto delle case vetro possono essere lavati con acqua ed aceto poi sciacquati con acqua pura ed asciugati in questo modo si tolgono le tracce di mosche ed insetti vari qualche goccia di aceto su un panno inumidito aiuta a togliere la ruggine a lucidare il rame e a sgrassare e deodorare le pentole per il rame e l ottone conviene unire l aceto al sale grosso che dovrà essere solo inumidito con il bicarbonato si puliscono i tappeti cospargere uniformemente i tappeti con il bicarbonato lasciarlo agire per 24 ore alla fine batterli e passarci sopra l aspirapolvere per pulire i lavelli in acciaio o porcellana usare il bicarbonato perché non è abrasivo e toglie perfettamente il calcare e le macchie la caffettiera va pulita con una soluzione fatta da un bicchiere di aceto di mele e due cucchiai di bicarbonato un semplice rimedio per pulire e lucidare l argenteria consiste nel conservare l acqua di cottura non salata delle patate le patate devono essere rimosse dalla loro acqua di cottura e l argenteria deve essere lasciata immersa nel liquido tiepido per un ora prima di essere risciacquata hai accumulato tanti oggetti inutili non bisogna buttare tutto abituiamoci anche al ri-uso o all uso creativo degli oggetti restituiamo loro nuova vita con la fantasia e adesso respirate a lungo e dedicate un po di tempo a voi stessi cometa c/2011 l4 pan-starrs è stata scoperta dall osservatorio astronomico delle isole hawaii nel corso del programma di ricerca di asteroidi e comete del pan-starrs panoramic survey telescope rapid response system e una cometa non periodica che a partire da marzo sarà visibile anche ad occhio nudo con la stessa luminosità del pianeta venere sarà proveniente dall emisfero australe quello che noi non vediamo poiché è sotto l orizzonte e arriverà a quello boreale il nostro cielo visibile in un periodo compreso tra il 9 marzo e la metà di aprile 2013 è stata chiamata la cometa di pasqua sarà visibile di sera subito dopo il tramonto con un cielo ancora chiaro potrebbe essere necessario un binocolo o un telescopio amatoriale con cui si potrà vederla nitidamente la pan-starrs si avvicinerà alla terra a una distanza la da 102 a 164 milioni di km percorrendo un orbita intorno al sole compresa tra 28 e 45 milioni di km per poi ritornare nelle profondità siderali ci re galer à il su o spe ttaco lo di lu ce e la se r a del 12 marzo la cometa si troverà 4 gradi a destra di una falce di luna molto sottile sarà visibile nella parte bassa del cielo in direzione nord-ovest poco dopo il tramonto finora gli astronomi hanno confermato in anticipo ogni aspetto e caratteristica del volo della cometa orbita direzione magnitudine comportamento ma sottolineano che le comete sono oggetti bizzarri a causa delle loro caratteristiche fisiche non completamente note e in associazione al potente sole a cui si avvicinano potrebbero riservarci sorprese riguardo la loro luminosità e il loro comportamento 6

[close]

p. 7

di antonio di siero i l delinquente È come il maiale non si butta via niente ed È altrettanto gustoso ella raccapricciante utopia di taeter city il crimine è stato eradicato una volta per tutte all origine del fenomeno ci sarebbe la scoperta di una certa malformazione del cervello chiamata deformazione alfa le vittime della quale sono inevitabilmente portate a commettere atrocità la da può essere però sfruttata a fin di bene grazie allo zeed system un segnale radio diffuso in tutta la megalopoli il segnale zeed aggancia la da e spinge il portatore a uccidersi nei modi più atroci a porre fine alle sue sofferenze ci pensano gli agenti chiamati biker che dopo aver aiutato il criminale a farla finita portano i resti al mattatoio dove vengono confezionati e inviati ai fast food taeter burger dove diverranno hamburger di carne umana bibita energetica al sangue cervello bollito sederi arrosto sic e via così un effetto collaterale che l autorità l ente che gestisce l intero sistema cerca di negare è che lo zeed system porta alla creazione di mutanti la nemesi dell intero apparato sarà appunto un mutante di nome trevor covalsky che grazie a una mutazione ai polmoni può indurre in soggetti privi di da effetti simili a quelli indotti dal segnale zeed in soggeti affetti dalla deformazione alfa incluse le mutazioni al suo inseguimento verranno sguinzagliati i biker razor wank e smash pronti a scatenare una carneficina pur di cancellare la minaccia di trevor adam chaplin ci aveva sconvolto in senso positivo lontano dall essere angosciante o pseudo pornografico ci aveva regalato una storia semplice ma abbastanza eccessiva da supportare alla perfezione i deliri che scorrevano sullo schermo la necrostorm minuscola neonata casa di produzione indipendente romana ripete il miracolo con questo suo secondo lavoro se adam chaplin era eccessivo in tutto al punto da mettersi in diretta concorrenza con il cult di peter jackson brain death in it splatters ­ gli schizzacervelli taeter city polverizza ogni record in materia di sangue e pezzi di esseri umani sparsi nei punti più strani la regia si diverte a mostrarci stralci del palinsesto televisivo di tc in cui un viscido presentatore che si fa chiamare caronte ci illustra la politica di tc e il funzionamento del sistema zeed durante tutto il film siamo inoltre bombardati dalle pubblicità dei fast food taeter city n sotto forma di brevi cartoni animati che si avvicendano oltre che sul nostro schermo anche sulle pareti dei centri commerciali disegnando un sistema di propaganda ossessiva che richiama in molti modi il mondo di orwell in 1984 a proposito di citazioni gli appassionati di ultra-splatter asiatico si divertiranno unmondotra di giulio de santi italia 2012 le scritte in simil con monica munroz giulio de santi ideogrammi in realtà riccardo valentini christian riva sono caratteri wilmar zimoza ortaez santiago occidentali scritti luise di stefano pierluigi nitas con un strano stile e marzia maghi sorres enrique riferimenti ai classici del genere come la pubblicità della motosega creata apposta per tagliare la carne umana si vedeva qualcosa di simile nel minuscolo cult stacy di naoyuki tomomatsu un po di rimpianto per il finale sebbene taeter city non sia il genere di film che permette lunghi dialoghi due paroline in più al termine del film non avrebbero guastato vista l importanza del tema portato dalla protagonista per il resto funziona tutto funziona talmente bene che siamo tentati di mandare circa il novanta percento dei registi mainstream italiani a scuola alla ns magari nessun loro film uscirà mai più nelle sale ma almeno la finiremo con i trentenni in crisi nota dolente per la lingua adam chaplin infatti è passato pressoché sconosciuto nel nostro paese che è anche quello dello staff inoltre gli alti costi di un doppiaggio in italiano le perdite dovute alla pirateria e un acc oglienz a dec isamente miglio re all estero hanno spinto i creatori a distribuire la nuova creatura esclusivamente con doppiaggio e sottotitoli in inglese 7

[close]

p. 8

continua da pag 1 un patrimonio meraviglioso di biodiversità vegetale e animale ci sono tre grandi proprietà private i 120 ettari della provincia di roma sono gestiti in parte dalla cooperativa cobragor l associazione è in fermento e il consiglio direttivo ha lanciato quattro grandi direttive 1un documento di idee progetto da avviare nel 2013 re spo n sab ile pr eside n te fer din an do su raci ferdinando.suraci@libero.it 2una rete organizzativa territoriale da far nascere nei singoli quartieri resp antonio picciau a.picciau@gmail.com e luisa siani vanessadelcardo@tiscali.it 3il lancio della campagna tesseramento per il 2013 vice presidente responsabile rosina garritano rosinagarritano@gmail.com 4la seconda festa di primavera un appuntamento da creare attraverso la partecipazione dei quartieri con iniziative locali ed una centrale responsabile ferdinandosuraci ferdinando.suraci@libero.it le idee progetto vere sfide alla fantasia e alla creatività sono aperte alla collaborazione di tutti i cittadini che potranno scr iver e dir e ttamen te ai responsabili per partecipare ai gruppi di lavoro e alla vita della associazione accorciamento della filiera produttiva a km 0 nell ambito di un programma di valorizzazione delle produzioni agricole del territorio del parco agricolo al fine di determinare benefici economici ai produttori e co n te mpo rane amente valor izzare il r appo r to città-campagna consiste nell accorciamento della filiera produttiva tramite un sistema di vendita diretta dei prodotti agricoli in azienda in punti vendita collettivi e nei mercati rionali o dei gruppi d acquisto solidale gas come elemento di ricongiunzione con il territorio e le tradizioni agroalimentari una risposta alla domanda di campagna proveniente dalla città responsabile paolo ramundo cobragor@tiscali.it r ecupero degli insediamenti ad orti spontanei non autorizzati esiste nel fosso campanelle un insediamento di circa 150 orti urbani abusivi che saranno ristrutturati e autorizzati in concomitanza dei lavori di bonifica iniziati a febbraio 2013 da parte dell ama e della provincia di roma si tratta in sostanza di prevedere un assegnazione tramite concorso o bando pubblico di singole parcelle già interessate dal fenomeno di occupazione e di altre libere a fronte della quale il futuro ortista beneficiario accetta un previsto regolamento in discussione e si impegna ad effettuare interventi di recupero e di manutenzione secondo un disciplinare di buona pratica agricola la presenza stabile di persone in queste aree rappresenta una importante forma di presidio per la sicurezza e la pulizia del parco agricolo responsabile giacomo lepri lepri.giacomo@gmail.com i dee progetto per le strutture ricettive lo sport e lo spettacolo il grande centro aziendale della tenuta massara ha tutte le potenzialità per diventare per dimensione interesse architettonico e valore storico un potenziale centro servizi del parco agricolo di casal del marmo attraverso anche un offerta formativa universitaria specialistica come anche la facoltà di agraria legata alla potenziale economia agro-ambientale allo studio sul versante ricreativo ci sono due linee di intervento una pista ciclabile da ottavia a torresina e una pista di footing con aree di sosta attrezzate per esercizi ginnici inoltre sono allo studio campagne tematiche fotografiche per la conoscenza del territorio e delle sue peculiarità storiche vegetazionali morfologiche e percettive responsabile lidia angelini lid.ange@virgilio.it i dea p rogetto del recupero delle preesistenze urbanistiche e valorizzazione storicoarcheologica di c asal del marmo il comprensorio casal del marmo contiene ambiti storico-archeologici di grandissima importanza ed è percorso da gallerie sotterranee e da sistemi di cisterne risalenti agli etruschi e ai romani obiettivo è la tutela delle preesistenze la salvaguardia dell ambiente agro forestale e la creazione di un museo interattivo della civiltà contadina e di un parco archeologico responsabile nando maurelli nandomaurelli@inwind.it idea progetto per la riqualificazione ambientale delle acque della flora e della fauna andranno studiati e valutati la riqualificazione dei corsi d acqua e dei fondovalle seguendo i nuovi orientamenti tecnici e normativi in materia di gestione delle acque valutate le biodiversità esistenti nel sistema vegetativo e animale del parco agricolo responsabile antonio brunetti brunettimail@libero.it idea progetto normativa e regolamenti un gruppo di studio con competenze legaliammin istr ative ver ifich er à i pe r co rsi n or mativi e regolamentari applicati nella istituzione di altri parchi agricoli a livello regionale nazionale ed europeo responsabile stefania portaro stefania.portaro@alice.it siamo alla partenza di una esperienza meravigliosa che ci porterà in questo 2013 a tracciare le basi per il futuro della associazione e del parco agricolo di casal de l mar mo u n in vito a tu tti i cittadin i ambientalisti a mettersi in contatto con noi e partecipare alla vita democratica della associazione un pensiero per iovanna una donna che ispira serenità a quanti la conoscono ha perso il padre sig franco il comitato di quartiere torresina la redazione del picchio e quanti la conoscono le sono vicini e l abbracciano affettuosamente coinvolgendo armando nello stesso abbraccio g 8

[close]

p. 9

di gian carlo mattiacci pres ass lemuse c a n ta incoro 1 ° edizione al parco della cellulosa il 9 febbraio rassegna di cori dei bambini delle scuole del quartiere s fidando il freddo di una rigida giornata di fine inverno genitori maestri cantanti bambini si sono dati appuntamento al vecchio garage sottostante la biblioteca che per un giorno ha fatto da teatro a quell ora del pomeriggio una gamma di vibrazioni di luci e colori filtrava tra il verde degli eucalipti dalla bocca della saracinesca aperta contribuendo in modo del tutto gratuito e naturale alla scenografia nessun giardiniere era stato chiamato nessun elettricista persino le luci al neon esistenti sono state dimenticate spente e il calore delle grandi stufe accese quelle sì si è mescolato pian piano a quello delle voci delle persone convenute puntualmente che riempivano la sala straripando persino dalle griglie di legno messe a cornice di un arcobaleno dipinto e da file di palloncini colorati i 180 mq del locale non sono stati sufficienti a contenere il pubblico intervenuto oltre ogni previsione a questa manifestazione quando le note musicali hanno cominciato a farsi udire e le voci dei bambini a cantare la temperatura è salita e il freddo si è dimenticato i maestri alessandro valentini e manuela nobili hanno magistralmente preparato in pochissimo tempo i bambini di scuola elementare e media con brani scelti e significativi il maestro federico cacioni ha diretto dal vivo i piccoli cantori gian carlo mattiacci che ha ideato organizzato l evento ha accompagnato con il contrabbasso per il coro finale i bambini hanno cantato we are the world perchè l idea di questa manifestazione era nata appunto dall ascolto del famoso brano di m jackson che aveva avuto l idea di riunire le più celebri star della musica pop in un grande unico coro così è stato anche alla cellulosa senza le grandi stars ma con nostri bambini preparatissimi attentissimi ai loro maestri educati e pieni di brio le voci soliste erano di federico cacioni e della cantante lucia mita intervenuta per l occasione al coro dei bambini si sono aggiunte in un crescendo festoso ed emozionante le voci di tutto il pubblico tra un esibizione e l altra è stata data la possibilità ai bambini di fermare con disegni e/o parole la loro idea sui brani che avevano imparato e cantato i piccoli artisti si sono messi all opera con pennarelli e matite colorate riempiendo gli spazi delle lavagne approntate allo scopo i fogli con le impressioni buttate giù alla svelta e a caldo rimarranno patrimonio dell archivio dell associazione le m u se ch e h a in te n zio ne di svo lger e altre manifestazioni artistiche di vario genere sempre al parco della cellulosa l atmosfera di questa manifestazione era diversa da quella di una semplice recita scolastica ma anche di quella di una gara per intenderci l entusiasmo la partecipazione non era come quando sul campo gioca la squadra della propria città contro quella di un altra città ma era come se giocasse la nazionale quando gli entusiasmi si uniscono per formarne uno solo più grande doverosi ringraziamenti vanno a tutte le persone la cui partecipazione ha reso possibile lo spettacolo 9

[close]

p. 10

di marcella speranza l intervista a paolo egizi olti cittadini hanno deciso di lasciare la macchina in garage e di muoversi con i mezzi pubblici purtroppo il costo del biglietto è aumentato ma i servizi forniti sono insoddisfacenti ho incontrato il sig paolo egizi che per trenta anni è stato autista atac consigliere del municipio 19 con delega del presidente alfredo milioni per i rapporti tra municipio ­ atac ­ 7° dipartimento mobilità per rappresentare le istanze e le problematiche del servizio pubblico consigliere pdl municipio 19 m r bene allora diciamo che quella di far transitare il 46 all interno delle case ater di torrevecchia fu una richiesta del municipio 18 alla quale il municipio 19 rispose favorevolmente per dare un sevizio anche ai residenti delle case popolari visto che l utenza di zona è prevalentemente anziana d ma ci sono altre linee sullo stesso itinerario r si ci sono altre tre linee perché tutte quelle che transitano in via torrevechia modificano il percorso all interno delle case popolari ormai da tanto tempo bisogna considerare però che quel percorso impegna solo 3 minuti di orologio che credo non possano incidere negativamente sul tempo di percorrenza anche il doppio giro di via paolo rosi secondo me andrebbe rivisto spero che dopo un attenta verifica da fare a breve siano rivisti i percorsi per recuperare km riformulare il tracciato rendere i collegamenti più celeri e più alternativi di quelli odierni se ci sono proposte per migliorare i percorsi con progetti r iso lu tivi r ispetto all attu ale i cittadin i po sso no raccogliere le firme presentare il progetto al municipio che si interfaccerà con atac e dipartimento i cittadini sono i più diretti interessati e solo loro sanno se è meglio interrompere la corsa a boccea per accelerare la frequenza delle corse d vorrei sapere perché il servizio pubblico lascia così a desiderare r ogni giorno 6500 persone siedono al volante di un mezzo pubblico ci sono 245 linee urbane 14 linee bus express 37 linee festive 6 linee tram 2 linee filobus 3 linee metro questo nella città di roma e importante sapere per capire che il servizio pubblico non è un improvvisazione del momento e una catena di montaggio operativa 24 ore al giorno e sempre in funzione un servizio satellitare che intercetta tutte le vetture evidenziando ritardi incidenti traffico dietro ogni mezzo in attività c è una rete che controlla decide modifica a seconda delle necessità un lavorio continuo e preciso capace di gestire anche le emergenze a prescindere dalle esigenze locali queste sono informazioni utili per far conoscere l atac che svolge un d le richieste dei cittadini debbono essere ascoltate lavoro immane anche se a volte le difficoltà ci sono ma deve essere compito dell azienda sapere se una d i cittadini lamentano che troppo spesso il 46 non linea è utile o come migliorarla non deve essere il rispetta gli orari le corse saltano cittadino a dire all azienda come si deve comportare r il 46 è servito da 7 autobus costantemente viene r l utente del mezzo pubblico è il primo a stabilire se monitorato il servizio e l utenza gli orari possono saltare una linea funziona o no per vari motivi per il traffico cittadino per ragioni strutturali l agenzia della mobilità il 7° dipartimento e le forze magari perché una vettura ha avuto un problema politiche presenti nel municipio di appartenenza tecnico se al cambio del turno l autista non trova il collega sono sempre disponibili a condividere le richieste noi lo che magari ritarda per il traffico è costretto a portare la abbiamo sempre fatto vettura in rimessa significa che saltano due corse e i cittadini di via andersen avevano bisogno di anticipare realmente la linea soffre questo avviene di rado ma alle 5 del mattino la prima corsa del 916 il municipio ha quel giorno naturalmente bisogna sopportare il disagio ritenuto doveroso rispondere a questa richiesta che nascondeva un bisogno sociale quello di andare d ma succede troppo spesso la mattina presto a lavorare sono stati soddisfatti r non succede spesso mi permetto di dire che ho fatto e vero che l atac e il dipartimento sono i principali attori verificare la linea perché quando è uscito il vostro articolo però i cittadini fanno la differenza n.d.r il picchio di torresina sett 2012 ho inviato la altro argomento per quello che riguarda le vetture nota ad atac chiedendo di verificare immediatamente sporche mi impegno a richiedere maggiore attenzione e quanto riportato sul picchio perché se ci sono dei cura per le vetture in esercizio che però sono mezzi che reclami forti su un giornale di quartiere l azienda è dovranno essere dismessi progressivamente in dovere di dare delle risposte il 46 è arrivato in un quartiere nuovo come torresina d sono anni che abbiamo inoltrato la richiesta a dicembre 2005 è stato un grosso passo avanti per supportata da tantissime firme per avere un mezzo di collegamento tra torresina e m mario dove ci sono la mobilità di zona ospedale asl municipio ecc nessuna risposta d risposte che non ci sono arrivate r e vero sono a conoscenza di questo e pur avendo visto che riconosce che i mezzi possono avere ritardi e inoltrato questa istanza non abbiamo avuto riscontro ritiene un bel vantaggio avere dal 2005 una linea a l atac ha allo studio la ristrutturazione di tutta la rete torresina vorrei sapere perché questi autobus sono ho incontrato il sig antonio picciau presidente del sporchi e puzzolenti e fanno degli itinerari assurdi comitato di quartiere e l ho invitato a riproporre di nuovo facendo perdere tempo prezioso agli utenti la richiesta per iniziare un nuovo iter tornare alla carica e poi deve per forza arrivare a via paola non sarebbe dopo tanto tempo passato è doveroso per voi e per noi meglio attestarlo alla metro e potenziare la frequenza continua alla pagina successiva 10

[close]

p. 11

continua dalla pagina precedente d ma c è qualche speranza che la nostra domanda venga accolta r più che una speranza possiamo trovare una soluzione modificando qualche linea per agevolare i cittadini da torresina è arrivata la richiesta di prolungare il servizio del 46 fino alle 24 è stata inoltrata non abbiamo avuto risposte dall atac ma il 7° dip ha espresso parere positivo spero che a breve si realizzi il vostro desiderio ringrazio il picchio per il confronto colgo l opportunità per ringraziare il presidente del municipio 19 alfredo milioni per avermi dato l onore e l onere di rappresentare il municipio nei rapporti con atac e 7° dipartimento ringrazio l ing gianfranco taccari dirigente u.o del dipartimento e l ing luca avarello direttore roma servizi per la mobilità per la loro proverbiale collaborazione d lei è un assiduo utente dei mezzi pubblici cosa può dirci a proposito come cittadino r co me cittadino an ch e io a vo lte mi lamen to avendo fatto l autista tanti anni ed avendo ascoltato tante lamentele perché le prime rimostranze di solito vengono fatte agli autisti capisco le difficoltà dei passeggeri ma capisco anche che non tutti i disservizi dipendono dall azienda ma da quello che succede sulla strada invito tutti ad avere un po di pazienza e di segnalare al municipio le difficoltà sono sicuro che cercheremo insieme di migliorare il servizio perché questo è un dovere non politico ma morale la ringrazio e spero di incontrarla su un autobus pulito arrivato in orario di stefania giannetto una leggenda alle porte di roma la scoperta dell antica città di sabatia avvicina il lunedì dell angelo o pasquetta e tempo permettendo tiriamo fuori cestini e canestrelli per organizzare il primo dei picnic fuori porta che ci aspetteranno da qui a breve gli altri saranno il 25 aprile e il 1° maggio un idea simpatica con una meta facile da raggiungere perché non troppo lontana è quella di andare a visitare il lago di bracciano e i suoi dintorni spinti da una piccola curiosità verificare la leggenda di un antica città sommersa la cultura popolare ha tramandato nel tempo la leggenda di una città antica sommersa dalle acque del lago sabatia si narra di una città molto prospera che occupava un vasto territorio prospiciente il lago come in tutte le leggende che si rispettino poiché gli abitanti erano avidi e cattivi non tardò ad arrivare la punizione divina e dopo vari giorni di diluvio la città fu sommersa dalle acque del lago si salvò soltanto una bambina rifugiatasi su un altura presso l odierna bracciano dove ora sorge la chiesa del riposo le tradizioni locali tendono a identificare sabatia con trevignano romano la leggenda sarebbe avvalorata dalle testimonianze dei pescatori trevignanesi i quali riferiscono che nel fondale lacustre a cento metri dalla riva antistante il paese le loro reti restano sovente impigliate sul fondo riportando in superficie dalla coltre melmosa che li ricopre reperti di materiale edilizio il 12 luglio 1982 quando un improvvisa pioggia torrenziale causò allagamenti e valanghe di fango in alcune zone abitate di trevignano r fino a seppellire automobili e si trevignano romano locali del paese situati al pianterreno i cittadini temettero che la leggenda potesse ripetersi ma dove affonda le radici questa leggenda popolare sicuramente in tempi molto remoti una delle prime notizie di un luogo denominato sabatia o sabate risale a strabone e al filosofo alessandrino sozione i sec a.c inoltre anche lo storico filippo cluverio xvi sec racconta che nel fondale del lago si sarebbero potuti vedere i resti di una città sommersa il lago di bracciano poi è denominato lacus sabatinus anche da lucio giunio columella nel de rustica e tito livio fa un accenno alla popolazione di sabatia riportando che dopo la distruzione di veio nel 387 a.c fu incorporata a roma come tribus sabatina il nome sabatia compare infine nella tabula peutingeriana un antica carta romana che mostrava le vie militari dell impero tra le stazioni ad nonas e forum clodii del tracciato della via cassia-clodia a questo punto sarebbe fin troppo facile affermare la coincidenza di trevignano romano con la misteriosa città di sabatia ma non è così facile e semplice perché la via clodia dalla statio di careiae nome etrusco della moderna santa maria di galeria si dirigeva verso anguillara per cui trevignano risulta di fatto tagliata fuori da questo percorso confutando ogni tesi sulla sua identificazione con sabatia sicuramente la presenza di un oppidum etrusco una città fortificata per intenderci situato con molta probabilità sulla rocca l arx e sul pianoro alle spalle di trevignano potrebbe far pensare alla veridicità della leggenda purtroppo nessuno può oggi affermare che si tratti della leggendaria sabatia comunque sia la verità quest alone di mistero sicuramente non ci toglierà il sapore di una piacevole giornata di divertimento 11

[close]

p. 12

di giulio moscatelli un opera d arte con un biglietto atac piazza navona fontana dei fiumi di gian lorenzo bernini o ggi andiamo tutti al luna-park una specie di gardaland ma di tanti anni fa e proprio qui a roma per i romani dal 1647 nel bel mezzo di piazza navona la cosa andò così il papa innocenzo x pamphily sì la famiglia della grande villa di tanti pic-nic volendo abbellire la piazza di una fontana di valore indisse un concorso per i migliori progetti ma non presentandosi nulla di notevole la cognata donna olimpia fu costretta a raccomandare un lavoro di gian lorenzo bernini e meno male un marchingegno così fantasioso un parto dell immaginazione così ricco e stupefacente un divertimento e un piacere così alla portata di tutti tanto spassoso a roma non si era ancora visto perché si tratta di una fontana all epoca una cosa di pubblica utilità anzi di necessità ma non dimentichiamo che insieme all utile i romani della zona vi trovarono diletto tanto scoppiettante quanto raffinato una grande base rocciosa di travertino a simulare un isola circondata dall acqua però voi ci potete girare intorno essendo tutta l acqua contenuta da una vasca l isola è strutturata come un arco a quattro facciate quattro infatti sono le scene che si presentano alla nostra scoperta da qualunque facciata voi guardiate scorgerete uno spaccato un vuoto nella roccia e il bello è che proprio sopra quel vuoto poggia la mole svettante dell obelisco egizio che corona il tutto roba da non credere che potesse durare un granchè ma c è un ma a costruire il tutto non era solo uno scultore ma un architetto e che architetto e che aveva voglia di divertirsi per ogni inquadratura una storia una figura umana rappresentante un fiume e giù piante minerali animali scrosci d acqua zampilli cascate ogni acqua col suo rumore una scenografia teatrale meglio sarebbe dire cinematografica solo che il cinema non c era come non c erano i giornali le fotografie la tv vi immaginate quale effetto di prodigio e di stupore dovesse sortirne e non è che oggi passi inosservata facciamo un giro uno solo in questo luna-park la prima gigantesca figura umana rappresenta il gange con un grosso remo a significare la navigabilità di quel fiume l altro fiume accanto è il nilo dal capo velato perché ancora non se ne conoscevano le sorgenti scoperte solo in età vittoriana inglese tra i due una bellissima palma che si snoda dalle rocce a pelo d acqua fino a lambire sinuosa l obelisco nell anfratto sottostante una sorpresa inquietante un leone famelico si abbevera sulla pozza si sta preparando alla caccia o si sta dissetando per il pasto sanguinolento appena consumato dall altra parte c è la figurazione del rio della plata che ci ricorda che i gesuiti avevano da poco evangelizzato l america latina si tratta di un uomo buffo dal muso scimmiesco con lunghe basette filanti e il capo calvo ai suoi piedi alcune monete d argento che alludono al colore argenteo di quelle acque man mano lo spettatore gira attorno scopre nuove cose sotto le rocce sul lato occidentale sbuca un cavallo che rampa sulle acque ad evocare le praterie del danubio che è appunto l ultimo fiume raffigurato lì accanto dal capo riccioluto coperto dei fiori che allietano le sue sponde accanto al rio della plata c è un cactus con uno strano coccodrillo le sorprese e le novità non finiscono mai un serpente si avvolge attorno al remo del gange e un dragone di mare e un delfino nuotano a bocca aperta a raccogliere e a defluire le acque di risulta c è così un `enciclopedia anche per chi non sa nulla e che per enciclopedie e documentari dovrebbe attendere qualche secolo ma lo scopo del bernini è quello di meravigliare stupire sorprendere con gioia e quindi aggiunge peonie api fa scuotere dal vento rami e criniere il nostro trenino immaginario di spettatori non paganti scopre sempre un qualcosa in più e noi oggi ci perdiamo pure la vernice dorata che all inizio evidenziava le note di spicco il trionfo dell immaginazione dunque in realtà all epoca nessuno poteva sbagliarsi era anzitutto il trionfo della chiesa sui quattro continenti basta vedere i due stemmi dei pamphily scudo con colomba e delfinetti che sovrastano due fiumi e troneggiano sul mondo oggi ai nostri occhi è ancora una meravigliosa esotica illusione teatrale grazie gian lorenzo bernini 12

[close]

p. 13

di cinzia del bello ripresento un argomento di cui si è fatto davvero un gran parlare i giovani e il lavoro italia ormai trovare lavoro è un po come i ragazzi vengono accusati di essere bamboccioni o choosy andare alla ricerca del sacro graal dopo anni di studi anni di sacrifici da m a co me si fa a pr en der e in parte di genitori e anche degli studenti considerazione l idea di andare a università specializzazioni master si inizia vivere da soli senza la certezza di con la ricerca del lavoro si spediscono diligentemente i un lavoro che ci faccia pagare regolarmente l affitto curricula preparati si cerca online ci si iscrive alle le bollette e i beni di prima necessità agenzie interinali ed inizia l attesa per essere chiamati restare a casa e vivere con i genitori è l unica scelta per un colloquio la speranza è di trovare il lavoro dei fattibile non lo si fa per non doversi assumere le proprie sogni quello per cui si è studiato ma per la maggior responsabilità ma semplicemente perché non c è parte dei giovani questa speranza viene spazzata via materialmente la possibilità di farlo immediatamente se ci si laurea senza andare fuori corso ci sono altri stati europei in cui le università ti inseriscono nell ambito lavorativo dove a 18 anni si può andare a vengono proposti stage servono a fare esperienza dicono ma di soldi se ne ve vivere da soli ci sono sovvenzioni per i giovani e chi perde lavoro non viene abbandonato a se stesso dono pochi o niente tutti richiedono esperienza ma se non li fanno lavorare lo stato paga l affitto le spese e si impegna a cercare un nuovo lavoro le persone vengono aiutate e supportate come fanno i giovani a fare esperienza se si esce fuori corso e ci si impiega più tempo a laurearsi lo stato investe nei giovani e questo sistema funziona beh allora si è un po troppo vecchi sia per lo stage che per perché i soldi investiti sono restituiti allo stato attraverso l apprendistato e allora no loro non vengono presi nemmeno detrazioni sugli stipendi dei primi anni di lavoro in considerazione si lavora molto per raccomandazioni ci si lamen ta de lla fuga de i cer ve lli all e ste ro se si conosce qualcuno d influente magari c è la basta guardare come sono possibilità di accedere anche a dei considerate le menti brillanti nel nostro paese e all estero lavori importanti la meritocrazia molto spesso non si conosce nemmeno l età per la pensione è sempre più lontana un miraggio per il significato del termine merito e allora le speranze finiscono dentro chi si è appena affacciato al ad un cassetto ci si accontenta di fare mondo del lavoro un lavoro qualsiasi purché ci permetta un utopia per chi ancora deve iniziare a lavorare di essere un po indipendenti tutti i mestieri danno il pane in esercizio convenzionato con il c di q torresina 13

[close]

p. 14

di fattino tedeschi a d ie ci ce ntim e tri dal cuo re sono donne che nella vita combattono ogni male altre invece si arrendono ad ogni segnale di malessere la scrittrice cecilia vedana appartiene a quelle donne che non hanno paura e con coraggio e determinazione sfidano ogni malattia a dieci centimetri dal cuore è un romanzo che nasce dopo i postumi del male dalla sua esperienza personale un male che sembra cancellare nel suo percorso doloroso ogni aspettativa e ogni forma di vita cecilia fa il punto della sua sofferenza da quando esce dalla sua casa per entrare in una stanza d ospedale un cammino difficile dove la vita sembra finire per sempre ma il buonumore la forza psichica insieme alla fede e alla speranza possono aprire la strada per un lieto fine in ogni storia l autrice vive da anni nella capitale è un esperta di comunicazione laureata all università cà foscari di venezia ma essendo nata a belluno nel suo cuore c è il cadore da buona veneta è orgogliosa delle dolomiti che segnano la vita dei montanari pieni di saggezza e diffidenza di orgoglio e dignità nel rispetto della natura in tutte le forme espressive e delle tradizioni del passato e da ci queste parti tutti si ritrovano uniti per cecilia ora finalmente il dramma è veramente finito e lei si racconta liberamente il dolore ha fatto un passo indietro per far posto alla gioia ed il cuore che si è liberato della sofferenza fa se ntire tutti vicin i a die ci centimetri dal cuore in questo romanzo c è la sintesi di tutto è commovente con uno stile unico cecilia vedana autentico dove il lettore ritrova ed perrone tra le righe il risveglio della vita l autrice si rivolge in particolare a tutte quelle donne che lottano per non morire che non devono mai credere di aver perduto tutto si veste di nuovo e tra profumi e colori rispunta la primavera e tutto torna a far parte dell universo con i suoi delicati equilibri ora che ha vinto la sofferenza e il dolore l autrice avverte intorno a se un vero rinascimento della vita ora la sua vita è sicura come una nave legata al suo ormeggio nel porto della sua anima news dal comitato di quartiere torresina prevenzione oncologica si terrà lunedì 15 aprile la prima conferenza sulla prevenzione oncologica organizzata dal comitato di quartiere torresina appuntamento alle ore 17.00 presso il polo intermundia di via del podere trieste 20 scuola andersen torresina nel cuore l associazione onlus diagnosticare ed il comitato stanno lavorando a questo progetto che ci permetterà di diventare il primo quartiere cardioprotetto di roma tutti gli abitanti del quartiere che vogliono partecipare come volontari al corso di formazione di primo soccorso abilitati all uso del defibrillatore dae sono invitati a recarsi presso il box sito presso piano -1 del centro commerciale torresina nei giorni di martedì e giovedì orario 10-12 e 16-18 per compilare la domanda di preselezione al corso le iscrizioni potranno effettuarsi anche on-line compilando il modulo reperibile sul blog www.torresina.net info 392.1239179 le domande do vr ann o e sse re pre se n tate e ntro e no n o ltr e il 26/3/2013 i corsi saranno effettuati dal dott stefano gambioli istruttore di american heart association in collaborazione con la onlus diagnosticare e si svolgeranno presso il centro sportivo daily traning in un sabato intera giornata da definire torresina ufficio e aperto dal lunedì al sabato il box informativo al piano interrato del centro commerciale oltre al comitato di quartiere torresina in giorni ed orari prestabiliti al suo interno sono disponibili gratuitamente consulenze legali condominiali fiscali patronali e sul lavoro sono presenti tre professionisti già convenzionati col comitato oltre che una vetrina per le associazioni onlus il sorriso il calendario aggiornato di attività ed orari è disponibile in loco e sul blog www.torresina.net partnership torresina-daily e stato siglato un accordo di partenariato fra il comitato torresina ed il daily training sporting club oltre alle agevolazioni già presenti per i soci l accordo prevede un attività congiunta per la valorizzazione del parco del fosso delle campanelle l organizzazione di eventi sociali la sensibilizzazione alla donazione del sangue e la partecipazione del daily al progetto torresina nel cuore tesseramento 2013 il comitato è lieto di invitare tutti coloro che vogliono aderire in qualità di soci ad iscriversi recandosi presso la nuova sede sita al piano interrato del centro commerciale torresina nei seguenti orari martedì e giovedì dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00 salvo r iun ion i a tal pro posito si rammenta che in previsione delle prossime elezioni per il rinnovo del consiglio direttivo del comitato previste per domenica 19 maggio 2013 potranno accedere al voto solo coloro in possesso della tessera di socio da almeno 30 giorni prima 19 aprile 2013 il tesseramento prevede il contributo di 5 certi della vostra partecipazione vi aspettiamo numerosi info il comitato di quartiere torresina si riunisce a martedì alterni dalle ore 17.30 alle 19.30 presso i locali parrocchiali le riunioni sono aperte a tutti siamo presenti nel box informativo al piano interrato del centro commerciale torresina tutti i martedì e giovedì dalle ore 10,00 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 19,00 salvo riunioni del martedì potete contattarci anche attraverso l indirizzo mail comitatotorresina@gmail.com oppure inviare sms al nuovo numero 392.1239179 il numero telefonico del comitato viene utilizzato prevalentemente per invio di sms o info sul progetto torresina nel cuore sconsigliamo quindi di utilizzarlo per altri motivi per segnalazioni urgenti chiamare direttamente i consiglieri i cui numeri sono reperibili sulla pagina web www.torresina.net/comitatotorresina grazie 14

[close]

p. 15

di michela fabbri le sorprese dell uovo di pasqua l uovo di pasqua è un dolce tipico della tradizione pasquale che pian piano è diventato simbolo della festività stessa ma quali sono le origini dell uovo di pasqua sarà interessante sapere che in origine le uova non erano di cioccolata ma semplici uova di gallina l uovo ha assunto vari tratti simbolici sin dai tempi più antichi basti pensare che gli antichi egizi hanno dato all uovo il ruolo simbolico della vita in sé perché lo consideravano la massima espressione il fulcro dei quattro elementi essenziali acqua aria terra e fuoco ma la vera tradizione del dono delle uova sembra sia merito dei persiani che regalavano uova di gallina con l avvento della primavera con la l arrivo del cristianesimo l uovo come simbolo della rinascita primaverile divenne simbolo della rinascita dell uomo in cristo di conseguenza nacque l usanza di donare le uova nella festività della pasqua nel medioevo nacque anche un altra tradizione ovvero la creazione di uova artificiali e non più di gallina fatte con materiali rari e preziosi come oro argento e platino ovviamente destinata ai nobili o alla popolazione di più alto rango ma la più ricca e famosa tradizione dell uovo decorato con preziosi è dovuta all orafo peter carl fabergè che alla fine dell `800 creò per la zarina maria un uovo davvero speciale il primo di una lunga collezione di colore bianco con smalto opaco all interno vi era un tuorlo tutto d oro contenente una gallina d oro con gli occhi di rubino quest ultima racchiudeva a sua volta una copia in miniatura della corona imperiale contenente un piccolo rubino a forma d uovo nell ultimo secolo invece si è fatto largo nella nostra tradizione e soprattutto sulle nostre tavole l uovo di cioccolata arricchito solitamente con un dono al suo interno sicuramente più gradito soprattutto ai più piccini rispetto all uovo sodo l u o vo di cio cco lata un tempo er a un preparato assolutamente artigianale mentre da qualche decennio è prodotto su larga scala reperibile facilmente e con largo anticipo rispetto alla festività il cioccolato si sa è la gioia di tutti i palati ma attenzione non è tutto oro ciò che luccica tranne l uovo di fabergè le uova di cioccolata hanno dimensioni molto variabili partono dai 200 grammi fino a 1 o 2 chili per le uova commerciali e adesso facciamo due conti l uovo mediamente più piccolo quello di 200 gr apporta 1100 calorie se fatto con cioccolato al latte e 1030 calorie se di cioccolato fondente e tutte queste calorie sono racchiuse in 200 grammi ciò di cu i b iso gn a far e atte n zio ne non è tanto l introito calorico ma in qu ant o t e mpo que st o v ie ne assunto spesso e volentieri tra pasqua e pasquetta un nucleo famigliare di tr e pe rson e co n su ma u n intero uovo anche in un solo giorno quindi amanti della cioccolata gustatevi le uova più buone dell anno ma mi raccomando a piccole dosi giornaliere buona pasqua a tutti di marcella speranza pizza al formaggio ingredienti per preparare il lievito gr.200 di farina ­ gr.200 di latte ­ gr.30 di lievito di birra fresco ­ gr 30 di zucchero inoltre gr.600 di farina 9 uova gr.150 di strutto ­ gr 60 di zucchero gr 400 di formaggio grattugiato parmigiano e pecorino gr.5 di pepe sale quanto basta preparazione preparate il lievito unendo in una terrina lievito zucchero e latte m e sco late e qu an do gli in gr edien ti si saran no amalgamati unite la farina e mescolate tutto lasciate lievitare per circa 1 ora e 1/2 a temperatura ambiente e il lievito sarà pronto quindi versate in una ciotola capiente il lievito la metà della farina rimasta circa gr.300 e il pepe lavorate da ora in poi l impasto energicamente sbattendo l impasto con un cucchiaio di legno unite le uova una per volta e quando l impasto sarà ben lavorato lo strutto e il sale aggiungete la restante farina e il formaggio che dovrà essere ben assorbito fate riposare l impasto per circa 1 ora quindi dividetelo in due parti che metterete in due stampi alti oleati ed infarinati dove dovrà lievitare fino a raddoppiare di volume circa un paio d ore quindi infornate a 170 c per 45 minuti questa tenera pizza viene servita a fette per la colazione pasquale accompagnata da uova sode salumi o frittate buon appetito 15

[close]

Comments

no comments yet