L'Angelo della Parrocchia Santa Maria Raccomandata - Agosto 2012

 

Embed or link this publication

Description

Periodico di informazione della Parrocchia Santa Maria Raccomandata di Giardini Naxos

Popular Pages


p. 1

santa maria raccomandata giardini naxos anno 2012 numero 2 agosto in maria raccomandata l unità della comunità ecclesiale e civile di giardini l editoriale un adagio popolare condito di una ecclesiastica ma bonaria ironia che lo trasforma in una storiella comica volta ad educare le persone più semplici definisce s anna donna e madre fortunata perché ebbe tante figlie e tutte divennero madonne a ben pensare il sorriso che in tanti di noi potrebbe sollevare la lettura o l ascolto del predetto adagio nasconde il rischio di un devozionismo che se pure sincero e sentito se pure retaggio popolare trasmesso di generazione in generazione ancor oggi rischia di emergere facendo sentire i suoi effetti negativi nella cultura religiosa meno avvertita e formata meno disposta a farsi permeare dalla ricchezza di novità culturale contenuta nella buona novella dalla novità di senso da spendere nella vita quotidiana secondo quanto emerge dalle azioni e dalle parole di gesù si tratta di un adagio che tra le pieghe del devozionismo popolare più semplice cela anche una conoscenza povera della grandezza di maria eppure proprio nel sentire popolare sono state colte le più belle e significative intuizioni dogmatiche riguardanti la vergine di nazareth a questo proposito basti pensare al dogma della assunzione di maria eppure dalla preghiera popolare dalla immedesimazione popolare nelle narrazioni spesso fantasiose della vita della giovane donna di nazareth che sempre hanno accompagnato e sostenuto le difficoltà le miserie e le sofferenze degli umili e dei semplici sono sgorgati i titoli più significativi e pregnanti di senso con i quali ci si è rivolti alla vergine santa da questo punto di vista non fa difetto il titolo tutto particolare se non unico con cui il popolo di giardini ha invocato e invoca segue a pag 2 in maria raccomandata alla scuola di maria raccomandata 1 1 alve a tutti rieccoci pronti e grintosi per dar inizio alla festa della nostra madonna la raccomandata patrona e signora della città di giardini riunioni confronti programmae scendi fra i tuoi 3 zioni tanto lavoro dietro le quinte ma specialmente tanto e tanto affetto e devozione verso colei che ci è speciale festa madre e maestra alla sua scuola di umiltà e di silenzio 5 della patrona generoso impariamo sempre come essere veri cristiani ed autentici testimoni di gesù suo figlio vita parrocchiale 9 quest anno la festa della raccomandata è contrassedon pino puglisi gnata da due eventi storici e nello stesso tempo di 14 fede il cinquantesimo anniversario dell apertura del concilio vaticano ii e l anno della fede indetto dal papa benedetto xvi leggere,vedere,ascoltare 15 il concilio ha dato impulso al xx secolo della cristianità e stato come una nuova pentecoste che ha rinnovato la chiesa rendendola più trasparente e più vicina al cuore ed alla vita quotidiana dei la spiritualità di 16 fedeli spianandole il cammino verso il terzo millennio ed oltre segue a pag 3 s la parola a don enzo sommario pag alla scuola di maria raccomandata

[close]

p. 2

pagina 2 in maria raccomandata patrona la vergine raccomandata ne è impegno per tutti i giardinesi per la testimone più fedele la devozione mariana comunità ecclesiale e per quella civile che i giardinesi nutrono sentono e vivono per la prima significa imparare a farsi nei confronti di maria raccomandata la gran signura alla quale affidare le anime alla quale ricorrere per ogni bisogno alla quale chiedere rifugio e riparo sotto il suo manto di madre ma un altro segno ne è prova un segno che rimanda alla fede dei padri fondatori di giardini e che racconta della dimensione mariana della quotidianità giardinese questo segno è quello dato dai portatori della vara della raccomandata non bisogna commettere l errore di guardare con superficialità di fermare lo sguardo solo su quanto emerge solo sulla esteriorità dei gesti e dei comportamenti si rischierebbe di ridurre tutto a valutazioni di ordine folkloristico-culturale di leggere in modo errato la antropologia e la religiosità che da questo segno l uscita dalla chiesa lo sforzo dei portatori emergono e traspaiono a ben guardare i portatori della vara sono carico del sacro che si vive e consuma anche metafora dello sforzo dell impegno in chiesa e percorrendo non senza che comporta l assunzione del sacro la fatica la via che dal tempio porta alla città comprensione della dimensione religiosa dell uomo trasformarlo in religiosità della persona umana in effetti i portatori quotidiana È questo un compito che della vara sono una particolarità giardi richiede sforzo anche fisico è gesto che nese rispetto a quelli presenti nelle tante contiene in sé facendosene immagine e feste zonali perché l impegno del portare metafora tutta la ricchezza e drammaticiil fercolo riguarda solo il tà della lotta condotta e subita da giacobbreve tragitto da percor be con l angelo del signore con il rere all interno della chie signore dio solo alla fine di quella lotta sa e poi lo sforzo finale dio consacrò giacobbe dandogli un del mettere sul carro lo nome nuovo israele solo a conclusione stesso fercolo da quel dello sforzo compiuto per portare la momento il compito dei vergine raccomandata dalla chiesa alla portatori della vara in città dell uomo è possibile riconoscersi certo senso si esaurisce persone nuove in cristo per la seconda perché il carro viene so significa imparare a sopportare il peso di spinto fisicamente da una quotidianità spesso contraddittoria quanti gli stanno attorno rispetto alla fede professata significa e dietro ma metafisica farsi carico del bisogno di giustizia di mente dalla preghiera legalità di bene comune che emerge incessante dei fedeli dalle vite degli ultimi e degli indifesi dagli sguardi di tutti i giardinesi dall entu significa dare consequenzialità a quella siasmo e dall emozione spirituale che vocazione sociale alla quale è chiamata almeno nel giorno della processione ab ogni persona soprattutto ogni cristiano batte là dove esistessero campanilismi così è per ogni giardinese così partigianerie divisioni di parte tutti in dovrebbe essere per ogni giardinese maria raccomandata sentono d essere in maria raccomandata sono tutte le sue finalmente figli della stessa terra deposi radici sono tutte le sue possibilità di tari di una tradizione religiosa e culturale crescita umana e spirituale tutta particolare tutta speciale sergio visconti la metafora dei portatori è il segno di un continua da pag 1 maria quale sua protettrice e patrona maria ss della raccomandazione delle anime ovvero maria ss raccomandata con questo titolo la pietà mariana degli abitanti del litorale sud di taormina già sul finire del 1600 riconosceva maria quale protettrice del luogo e di quanti per lavoro affrontavano i pericoli e le incertezze del mare a lei si levavano le preghiere di quanti erano bisognosi di salvezza soprattutto spirituale a lei facevano affidamento i pescatori e i lavoratori del mare a lei i pochi abitanti del borgo delli giardini concentrati soprattutto nel quartiere della giufaledda volgevano lo sguardo per declinare con semplicità la fede in gesù cristo professata e vissuta in un tempo di trapasso culturale sociale ed economico da queste radici fiorirono l identità e la specificità religiosa di giardini che ottenne nel 1847 l autonomia amministrativa da taormina ma che già da molto tempo aveva costruito un percorso di originalità sociale e culturale maria raccomandata fu al centro di quel percorso fu luogo di sintesi in cui maturò la consapevolezza della raggiunta emancipazione della locale popolazione da taormina considerata città troppo lontana dai bisogni del popolo del borgo come canta il salmista ogni giardinese non può non dire di maria raccomandata sono in te tutte le mie radici l editoriale quanti pensano che se mai tutto questo fosse vero si tratterebbe solo di un ricordo nostalgico di pensieri vuoti di senso autentico perché il presente offre altre indicazioni frutto di costruzioni recenti ma di fortunata ricezione presso la composita struttura sociale della giardini contemporanea commette un grave errore ne è testimone preziosa la delibera del consiglio comunale che nell agosto del 2008 consacrò la città di giardini naxos alla sua

[close]

p. 3

alla scuola di maria raccomandata consumo che difende e supporta la nostra immoralità se non addirittura la nostra amoralità non voglio tediarvi ma solo spingervi a riflettere per conoscere meglio i lavori conciliari e viverne i frutti per un futuro più proficuo a beneficio dell umanità intera questa potrebbe essere l occasione per confrontarci insieme e porre le basi per un annuncio nuovo del vangelo in una società che cambia di continuo e c interpella come cristiani per un mondo nuovo l anno della fede che il santo padre ha indetto ci offre la possibilità del recupero della dimensione ecclesiale della nostra vita di singoli discepoli del cristo e di membri responsabili di una grande famiglia,la chiesa che si esplica concretamente nella vita di ogni comunità parrocchiale e un tempo assai prezioso di grazia per la preghiera,la conoscenza e l approfondimento della parola una sessione del concilio vaticano ii in s pietro di dio l accostamento ai sacramenti secondo l atavico e fedele insegio dalla parte della vita contro l aborto e l eutanasia dalla parte dell unicità del gnamento della chiesa il confronto ed il reciproco per crescere ed matrimonio e della sacralità della fami dialogo glia contro il divorzio e contro tutte quel essere lievito luce e sale della terra la le forme di convivenza pur nel rispetto carità operosa e concreta che ci induce delle persone che minacciano l essere al perdono e ci apre il cuore agli altri stesso della famiglia a buoni intendito non mancheranno certamente le occari poche parole dalla parte dei più sioni nel corso dell anno che ci vedrandeboli e dei più poveri nella difesa dei no tutti coinvolti in un cammino che cambiamento radicale diritti umani più basilari attraverso una richiede il politica né interventista né tanto meno di ognuno di noi e di ogni comunità pard invadenza invece di leggere studiare rocchiale bene penso che a tal propoed analizzare i testi conciliari sito la vergine maria raccomandata non facciamo altro che nascondere il madre di sapienza e donna di fede ci nostro capriccioso egoismo ed il nostro terrà per mano guidandoci ai lidi della elegante e subdolo individualismo quali santità e della comunione piena non sciupiamo nella banalità questi momenti forti e speciali che il signore ci dona bruciando il tempo della nostra esistenza e vanificando ogni tentativo di crescita della fede per essere un segno credibile per i fratelli che abbiamo accanto e per quelli che ­ magari non incontreremo mai e non conosceremo mai ­ si attendono da noi discepoli del cristo quella verità che non solo non inganni ma che anche promuova l uomo e la la concelebrazione del 7 settembre 2011 sua dignità figli del secolo dei consumi e dell edoni buona festa smo con un etica fatta a nostro uso e vostro don enzo continua da pag 1 spesse volte presumiamo di sapere troppo della chiesa ed invece non è così pecchiamo di troppa presunzione ci fermiamo sempre alla superficie magari ergendoci a giudici spietati pronti a condannare o nel migliore dei casi a contestare le scelte e le priorità di quella parte di essa preposta a governarla ed a guidarla nel mare tempestoso della civiltà moderna mi vien fatto di pensare a tutte quelle occasioni in cui la chiesa attraverso il suo magistero si è schierata con corag pagina 3 e scendi fra i tuoi a maria santissima raccomandata e aurora di speranza irrompi fra le tenebre e benigna regina scendi fra i tuoi servi e tenera madre torni fra i tuoi figli e sacramento sosti tra i tuoi fedeli o maria a noi da dio raccomandata specchio terso fonte inesauribile di grazia e lago prosciugato la chiesa di cemento si popola d anime di fiori di baci e arida conchiglia risuona d onde d altri tempi e cratere spento si accende improvvisamente di pianti di voti di canti e proda di nessuno diventa l oasi di tutti la mitica giardini sia sempre il tuo giardino dove profuma la zagara e dà frutti dove feconda la virtù e offre àncora a quanti naufraghi invocano tra irti scogli e chimere d ogni sorta lido di misericordia e pace senza confini domani ripercorrerai queste strade non sempre in sintonia con l altissimo nell alleluia implacabile dei bronzi affamati di cose che passano perché o dolcissima preziosa signora non abbiamo fame come te di realtà eterne vergine raccomandata tutta oro e bontà raccomandaci colombe alla deriva a chi grandi cose ha compiuto in te umile sua ancella sii tu il nostro soprannaturale ventilatore ora che il solleone assalta anche le battigie e il mondo vanta più maestri che discepoli non ci scoraggi mistero pasquale del frutto benedetto del tuo seno rendici membra vive del suo mistico corpo e con tutte le generazioni anche noi tra sudore di barche e alberghi tra luci di nights e lampare ti proclameremo beata in danza di sole e di stelle frate attilio franco ofm capp una poeisa a maria raccomandata

[close]

p. 4

pagina 4 solennita di s maria raccomandata patrona della città di giardini naxos programma dei festeggiamenti sabato 25 agosto annunzio della festa 05,30 piazza municipio dell aurora tu sorgi più bella preghiere musiche ed immagini all alba della festa 18,30 s rosario canto delle litanie s messa 20,00 presentazione del libro le madonne da catania a messina delle valli alcantara e agrò dell avv salvatore calabrò sabato 1 settembre 18,30 novena e s messa animate dalla comunità della parrocchia s maria raccomandata celebrazione della 7a giornata per la salvaguardia del creato tema di riflessione maria modello perfetto della spiritualità e dell apostolato laicale 20,00 l iconografia mariana tra arte e fede domenica 2 settembre 19,00 porticciolo saia novena rievocazione dell arrivo del simulacro della madonna s messa animate dall associazione culturale centro storico ­ raffaele raneri benedizione del mare e delle barche tema di riflessione maria madre della chiesa lunedì 3 settembre dalle 10,00 novena nelle case degli ammalati e all ospedale s vincenzo 18,30 novena e s messa animate dai ministri straordinari dell eucarestia con la presenza di disabili e ammalati tema di riflessione maria culla dell umanità redenta martedì 4 settembre 18,30 novena e s messa animate dalle famiglie tema di riflessione maria modello perfetto per ogni sacerdote mercoledì 5 settembre 18,30 novena e s messa animate dai giovani della città di giardini naxos conferimento del ministero dell accolitato al sig gaetano chinsi tema di riflessione maria maestra di ascolto della parola di dio giovedì 6 settembre 18,30 novena e s messa animate dai portatori della vara tema di riflessione:maria modello di preghiera e di contemplazione venerdì 7 settembre 9,15 s rosario canto litanie 10,00 discesa del simulacro della madonna offerta dei fiori 18,30 novena vespri solenni e celebrazione eucaristica tema di riflessione maria porta della fede sabato 8 settembre 7 8 9 10,30 -12 -17 ss messe 8,30 giro per le vie cittadine del corpo bandistico 10,15 p.zza municipio corteo con le autorità civili e militari verso la chiesa madre 10,30 concelebrazione eucaristica presieduta da mons tiziano gubetta cancelliere della diocesi di albenga im rinnovo dell atto di consacrazione di giardini naxos alla patrona ed offerta del cero offerta dei doni da parte dei pescatori 17,00 s messa 18,30 uscita del simulacro della madonna e processione 22,00 p.zza municipio concerto bandistico 24,00 porticciolo saia fuochi pirotecnici domenica 9 settembre 8,00 10,00 ­ 12,00 s messa 18,00 s rosario e s messa 19,30 salita del simulacro della madonna mercoledì 12 settembre 19,00 veglia mariana di ringraziamento speciale festa della madonna raccomandata s maria raccomandata incontra i giardinesi peregrinatio raccomandatae nei quartieri di giardini domenica 26 agosto lunedì 27 agosto 19,00 quartiere san giovanni parrocchia s maria immacolata martedì 28 agosto mercoledì 29 agosto 19,00 quartieri del territorio della parrocchia san pancrazio tutti i giorni dal 30 agosto al 7 settembre 18,30 novena e s messa presieduta da mons tiziano gubetta cancelliere della diocesi di albenga im dalle ore 17,30 alle ore 20,00 confessioni giovedì 30 agosto 18,30 novena e s messa animate dalla comunità della parrocchia s maria immacolata tema di riflessione maria sede di ogni virtù umana venerdì 31 agosto 18,30 novena e s messa animate dalla comunità della parrocchia s pancrazio tema di riflessione maria pienezza di tutte le virtù divine

[close]

p. 5

pagina 5 dietro le quinte della festa della patrona altre autorità per garantire il sereno svolgimento dell evento in piena sicuè finita e con la celebrazione del solenrezza ne annunzio della festa giorno 25 agoquello della processione di certo è uno sto si dà il via all evento più atteso da degli aspetti più delicati ed impegnativi ogni giardinese vicino e lontano la soda organizzare e gestire la complessa lennità della patrona della nostra città macchina del servizio d ordine composanta maria raccomandata sta da un nutrito gruppo di persone la per arrivare pronti e preparati ai giorni maggior parte giovani fa sì che il cortedella festa il cammino è lungo e impeo si svolga in modo ordinato e solenne gnativo e richiede la dedizione di molti il gruppo del servizio d ordine di solito si fedeli che attraverso il loro lavoro per la riunisce all inizio della novena per preriuscita di questa storica manifestazione parare il materiale tecnico amplificatori vogliono dare un segno tangibile di devomicrofoni e carrelli ricetrasmittenti zione alla vergine maria venerata a giarcandele con le coppe libriccini con le dini col titolo di raccomandata in questo preghiere corda con anelli per le file numero dell angelo della parrocchia la etc in quell occasione il lavoro preparedazione desidera far conoscere ratorio si chiude con lo scampatutto quello che avviene prima e nio eseguito da tre componenti durante la festa ciò che avviene del gruppo che segna l avvio dietro le quinte ma che è fondadella novena di preparazione il mentale perché tutta la struttura gruppo torna a riunirsi giorno 7 organizzativa funzioni alla perfeziodopo la discesa del simulacro ne per definire gli ultimi dettagli senza ombra di dubbio il motore di contemporaneamente in sacretutto è la commissione della festa stia vengono distribuiti i pass presieduta dal parroco in collaborache assegnano i posti nella fila zione col vicario parrocchiale e comcon la corda degli anelli che apre posta da tutti i responsabili dei vari la processione in cui vi è una ambiti necessari all assolvimento dei rappresentanza delle associaziomolteplici aspetti che caratterizzano ni parrocchiali delle tre comunità la festa dall ambito liturgico ai portagiardinesi i ragazzi che hanno tori della vara dal materiale tecnifatto la prima comunione in quelco al consiglio per gli affari economi i giovani impegnati nello svolgimento della processione l anno i partecipanti al grest con ci dall organizzazione dei momenti i loro animatori e chiusa dalle di fraternità e accoglienza all arredo sa materiale informativo locandine mani suore e dalle associazioni di assistenza cro e decoro della chiesa inoltre della festi brochure presso le parrocchie ai malati e disabili le file vengono commissione fanno parte tutti i rappre della zona formate subito dopo la messa delle 17 sentanti delle associazioni presenti in in questa fase si intensificano anche i di giorno 8 precedute dalla bandiera parrocchia e due consiglieri onorari che rapporti della commissione con l ammi dell azione cattolica parrocchiale e hanno fatto la storia della nostra comuni nistrazione comunale che si occupa dagli stendardi delle parrocchie e assotà come la sig.na fortunatina corazzi edellemanifestazioniesterne ciazioni conclusa quest operazione il prof nino pala illuminazione artistica delle strade fuo avviene l uscita del simulacro e poco il lavoro della commissione comincia in chi d artificio spettacoli che arricchisco dopo si dà il via alla processione maria pratica subito dopo la fine della festa no la festa di un gioioso tocco di colore raccomandata torna di nuovo nelle precedente con l elaborazione di propo e contribuiscono a rimarcare la dimen strade della città che a lei si è consaste e iniziative per il nuovo anno e per sione cittadina che la solennità della crata e tra la sua gente che a lei affida predisporre il nuovo programma alcune patrona del paese possiede la collabo la propria esistenza ed è quello in mosituazioni richiedono infatti un largo razione con l amministrazione prosegue mento in cui tutte le preoccupazioni e anticipo ad esempio la scelta del predi anche nell ambito dell organizzazione le fatiche per organizzare un evento catore o la prenotazione degli spazi per della processione dell 8 settembre attra così importante e sentito lasciano il l affissione dei manifesti dell annuncio verso la conferenza dei servizi in cui posto ad una gioia immensa etc giunti al martedì di pasqua si co vengono convocate tutte le componenti dario allegra mincia a respirare il clima settembrino di forze dell ordine protezione civile e ormai ci siamo l attesa di un anno speciale festa della madonna raccomandata e il canto dell inno o giardini all inizio della messa vespertina ne è segnale per cui pian piano la fase progettuale cede il passo a quella esecutiva gli incontri della commissione si moltiplicano e ogni ambito si muove per realizzare le indicazioni del consiglio nella prima fase il protagonista è l ufficio di segreteria che si trova impegnato a preparare tutte le richieste di autorizzazione alla curia alla questura alle forze dell ordine del territorio vigili urbani carabinieri polizia stradale e capitaneria di porto subito dopo è il momento dell invio degli inviti alle autorità civili e militari ai sacerdoti del comprensorio e agli ex parroci e della divulgazione del

[close]

p. 6

pagina 6 la festa dietro le quinte una preparazione corale l impegno della schola cantorum speciale festa della madonna raccomandata per il coro come per gli altri organismi attivi in parrocchia un momento di particolare impegno e nello stesso tempo di piacevole aggregazione il periodo del novenario che culmina nelle celebrazioni dei giorni 7 8 e 9 settembre infatti costituisce un motivo di forte richiamo per tutti i componenti della schola cantorum della nostra comunità a questi si affiancano per l occasione anche altri elementi provenienti dalla comunità di santa maria immacolata in uno spirito di collaborazione e amore filiale per la patrona di giardini naxos il coro animerà tutte le novene con lo scopo principale di stimolare anche attraverso il canto la partecipazione attiva dell assemblea tutta la scelta dei canti dunque mirerà quanto più possibile a sottolineare gli spunti di riflessione offerti sia dalle sacre scritture che dalla tematica scelta per caratterizzare ogni singola novena appuntamento importante sarà la celebrazione eucaristica di domenica 2 settembre che si terrà nel suggestivo porticciolo saja e durante il quale sarà rievocato l arrivo del simulacro della vergine raccomandata per questa circostanza la schola cantorum eseguirà tra gli altri canti anche l ave maris stella di nino rota 1911 ­ 1979 per il grande pubblico il nome di quest ultimo è soprattutto legato alla composizione della sua musica per film nata dal fecondo sodalizio con il regista federico fellini per le colonne sonore di amarcord otto e mezzo la strada la dolce vita e con il regista francis ford coppola per la colonna sonora del film il padrino nino rota però si è anche cimentato con successo in altri ambiti musicali da quello per strumento solista a quello cameristico senza tralasciare l ambito sacro in cui rientra appunto il suddetto inno mariano piccolo gioiellino del genere lo sforzo maggiore sarà senz altro profuso per l animazione della messa solenne di giorno 8 settembre in cui il coro eseguirà le prove del coro per ciò che attiene all ordinario la missa brevis in do maggiore kv 220 composta da w a mozart 1756 ­ 1791 durante gli anni giovanili trascorsi a monaco si tratta di una composizione di tradizione tedesca vale a dire prevalentemente corale e strumentale talvolta con un ricco organico nella quale è presente qualche inserto di carattere operistico secondo la norma della musica sacra italiana da cui mozart fu certamente influenzato non a caso questa messa è anche nota come messa dei passeri proprio per l assonanza col cinguettio che affiora soprattutto nel sanctus il canto dell antifona alma redemptoris mater per coro polifonico a 4 voci dispari sarà poi l occasione per un omaggio al capostipite della scuola polifonica romana del cinquecento giovanni pierluigi da palestrina 1524/25 ­ 1594 olga limina la festa di santa maria raccomandata rappresenta anche liturgia paramenti e arredo sacro gni anno per la solennità della patrona santa maria raccomandata la macchina dell organizzazione si mette in moto perché la festa riesca sempre più bella tutta la comunità è coinvolta nella preparazione e ci si divide in tanti team ad ognuno dei quali viene affidato un settore specifico una sezione del gruppo liturgico si occupa in particolare della cura dell arredo sacro tante sono le cose da fare numerosi gli impegni da portare a termine con dedizione e cura ogni minimo particolare deve essere seguito con attenzione perché anche l aspetto del decoro dell arredo sacro è parte importante della sfera liturgica infatti in occasione delle celebrazioni eucaristiche che si svolgono nel corso della novena e specialmente nei giorni 7-8-9 settembre bisogna preparare le più belle tovaglie per l altare i vasi sacri più belli e preziosi patene pissidi calici ampolline i paramenti più pregiati da fare indossare ai sacerdoti e ai diaconi presenti i cassettoni dell antico armadio in legno della sacrestia che custodiscono tutto il vestiario e il corredo sacro vengono rovistati in cerca di manutergi purificatoi coprimensa che vengono utilizzati quasi esclusivamente per la festa e che quindi vanno rinfrescati lavati inamidati e resi perfetti perché così come avviene in occasioni dei tempi forti dell anno liturgico la mensa eucaristica e i paramenti dei celebranti e dei ministranti siano adeguati alla celebrazione eucaristica tanto più questo servizio viene svolto con particolare amore in occasione della festa quale segno accogliente per la nostra gran signura maria mattea boccellato o

[close]

p. 7

la festa dietro le quinte l associazione centro storico pagina 7 la vara e i suoi portatori È motivo di gioia è occasione di festa incontrarsi per preparare quanto occorre per accogliere nel migliore dei modi la nostra patrona maria ss raccomandata le ferie il riposo dal lavoro vengono prese nei giorni immediatamente precedenti l inizio della novena alla raccomandata perché c è da faticare perché c è da impegnarsi a fondo lucidare con olio di gomito le parti che compongono il regale fercolo che accoglie la statua della raccomandata verificare che il carro su cui esso verrà posto sia in ordine e sicuro cioè che l impianto frenante ed i contatti elettrici siano perfettamente funzionanti che i binari su cui il fercolo verrà fissato non presentino alcun tipo di problema convocarsi per dare vita alla presenza del coordinamento della festa ad incontri organizzativi finalizzati soprattutto a consegnare a trasmettere la devozione per la vergine raccomandata ai giovani a quanti nel volgere del tempo sostituiscono nel ruolo di portatori coloro che a ragione dell età non possono il montaggio della vara più sostenere lo sforzo fisico della nisciuta della vara la sagrestia ed i locali parrocchiali divengono il luogo in cui ferve il lavoro di tutti i portatori della vara ma anche il luogo in cui riaffiorano i ricordi di una giovinezza spesa in parrocchia ai piedi della raccomandata il tempo passato ed il presente divengono allora un tutt uno e se mentre si suda e fatica per rendere lucenti le colonne o la corona della vara si ricordano anche gli amici che ci hanno lasciati e ci precedono nella casa del padre non cessa l impegno a coinvolgere i nostri figli i giovani di giardini in un servizio in un impegno che è fondato su una devozione sentita e piena nei confronti di maria ss raccomandata nino foti tra le tante realtà che partecipano attivamente alla organizzazione della festa patronale c è l associazione centro storico raffaele raneri che sin dalla sua nascita è impegnata a riscoprire e valorizzare le radici storiche e culturali di giardini naxos il nome dell associazione non evoca motivi campanilistici ma richiama alla mente dei giardinesi il valore delle origini del paese che in maria raccomandata trovano la loro sintesi più efficace il centro storico svolge un ruolo particolarmente significativo in occasione della santa messa che viene celebrata presso il porticciolo saja allorquando viene ricordato l arrivo del simulacro della vergine raccomandata in questa circostanza i soci tutti sono coinvolti nella preparazione e nella organizzazione la graziosissima statuetta in terracotta opera del maestro turi azzolina che riproduce il simulacro della patrona ospitata per l intero anno nella nicchia ricavata nel muro del porticciolo già dalle prime ore del giorno viene portata in casa di uno dei membri anziani dell associazione per essere adornata dell oro dono di tutti i soci del centro storico la statua poi viene posta su un piccolo fercolo che viene portato in processione a bordo di una barca illuminata a festa e seguita da un corteo di altre imbarcazioni che ricordano la devozione di tutti i pescatori di giardini alla vergine raccomandata giunta al molo mentre viene fatta memoria dell evento storico dell arrivo del veliero che da napoli trasportò il bel simulacro della vergine raccomandata la statuina viene portata dai soci sul palco dove viene celebrata la santa messa ed impartita la benedizione al mare ed alla città di giardini ai pescatori alle loro barche e agli altri natanti presenti in rada in occasione della processione dell otto s ettembre la processione a mare l impegno del centro storico si concretizza soprattutto nella disponibilità a garantire il servizio d ordine attorno alla vara della madonna quest anno infine la ricchezza del programma dei festeggiamenti in onore della patrona di giardini naxos vedrà il centro storico impegnato su più fronti in occasione dell annuncio della festa quando all alba la statuina della raccomandata verrà portata processionalmente dal porticciolo saja sino alla piazza municipio e in occasione della peregrinatio della vergine raccomandata nei quartieri di giardini naxos per incontrare tutti i giardinesi saro meo i portatori della vara vecchie glorie e giovani leve speciale festa della madonna raccomandata

[close]

p. 8

pagina 8 lafes ta diet ro l e qu intel ufficio stampa er meglio servire la festa dedicata alla vergine raccomandata cioè per far sì che tutte le iniziative sia di natura religiosa che civile vengano portate a conoscenza del più ampio numero possibile di persone già da qualche anno opera in parrocchia l ufficio stampa si tratta di una piccolissima struttura di servizio il cui orizzonte di impegno è quello che deriva dall ufficio parrocchiale di pastorale della cultura l ufficio si relaziona con i giornalisti ed i corrispondenti dei quotidiani locali a più grande diffusione sia attraverso la carta stampata che il web perché il programma generale del festa ed ogni più significativa iniziativa particolare specialmente se di valore culturale possano trovare la giusta e coerente eco nel mondo locale dei mass-media per questa ragione l ufficio interagisce ed opera a stretto contatto con il coordinatore della festa e con tutti i responsabili dei vari ambiti di impegno infatti è solo da una efficace relazione tra le parti che è possibile portare a sintesi questo è un altro importante compito dell ufficio stampa la complessità del lavoro che per più di due mesi impegna l intera comunità parrocchiale il dietro le quinte è per questa ragione la normalità la ordinarietà dell operare dell ufficio stampa è un agire discreto apparentemente defaticante rispetto a tante altre tipologie di impegni svolti con puntualità e dedizione ma che richiede attenzione e continuo confronto tra quanti ne fanno parte e lo animano rendendolo struttura di servizio il cui fine autentico è quello di onorare la vergine maria raccomandata sergio visconti gli oggetti sacri la chiesa e noi giardinesi l 8 settembre veneriamo con speciale amore la beata vergine maria madre di dio e madre nostra con il titolo di santa maria raccomandata la devozione a maria ci fa accorrere numerosi a questo tanto atteso annuale appuntamento con la speranza di non cadere in un vago sentimentalismo pronti ad accogliere la parola spezzata vivendo il comandamento dell amore nell eucaristia che è vita e nutrimento dello spirito come ogni anno i componenti di questa comunità parrocchiale si impegnano con fervore per la riuscita dei festeggiamenti il mio impegno insieme a quello delle altre collaboratrici è quello di preparare con accurata scelta tutto ciò che concerne l oggettistica sacra da proporre a quanti con esigue offerte la richiedono tra queste in particolar modo è da apprezzare il lavoro manuale di icone quadretti medaglioni ecc decorati con passione con la tecnica del decoupage dai ragazzi e dalle catechiste la celta è varia collane bracciali rosari colorati ed anche i fazzoletti azzurri da indossare per la processione e le bandiere per adornare i balconi ricordandoci sempre però che vivere da buoni cristiani non è portare al collo medagliette e rosari della madonna o possedere immagini sacre come portafortuna ma vivere come testimoni credibili e autentici figli di maria caterina mancari p speciale festa della madonna raccomandata il gruppo dei ministranti s francesco al rintoccare del 25 agosto si sentono già le note dell inno o giardini che sfogliano i cuori dei devoti della gran signura maria piccoli e grandi,giovani e meno giovani annunciandogli l arrivo della festa durante l anno ,ogni gruppo del tessuto parrocchiale si prepara per questo importante momento di fede e di gioia con intenso lavoro e con grande impegno fra questi vi è il gruppo dei ministranti che dopo ferragosto si riunisce per parlare del programma della festa dal punto di vista liturgico e per discutere della disponibilità di ogni membro del gruppo,dal più piccolo al più grande a questa riunione seguono due importanti appuntamenti la celebrazione eucaristica del 25 agosto durante la quale viene fatto l annuncio della festa e il 30 agosto ,giorno in cui tutti i ministranti si ritrovano per servire la prima novena e per stilare il calendario dei turni per il novenario che rappresenta ,per il nostro gruppo in modo speciale un cammino spirituale mano nella mano con la nostra mamma raccomandata la meta del 6 settembre è la fine di un percorso e l inizio di un altro quello del triduo ,che vede i ministranti occupati con le prove delle celebrazioni e coinvolti emotivamente dal clima della festa l `8 settembre è il giorno più importante e impegnativo la mattinata è dedicata alla solenne celebrazione eucaristica delle ore 10,30 alla quale i ministranti partecipano con grande pathos e fede mentre in serata si svolge l insigne processione che funge da forte richiamo per tutti i giardinesi e che rappresenta un momento significativo per i ministranti i quali trovandosi davanti la vara del simulacro della raccomandata sentono la distanza fra cielo e terra diminuire e l abbraccio materno di maria farsi più avvolgente la festa di s maria raccomandata è un importante evento di comunione e fede per tutto il paese e in particolar modo per i giovani che pur vivendo in realtà parrocchiali diverse partecipano a questa festa con un forte spirito comunitario infatti in questo periodo il nostro gruppo si allarga accogliendo i ragazzi delle altre parrocchie che desiderano offrire il loro servizio ai piedi della gran signura maria i ministranti del gruppo s francesco a lei rivolgono i loro cuori e a lei vestita dai raggi guardano come girasoli miriam longo

[close]

p. 9

vita par rocchiale sacramenti formazione attività la festa delle mamme in attesa pagina 9 la prima comunione domenica 6 maggio 2012 giorno in cui la chiesa fa memoria della figura di san domenico savio la comunità parrocchiale ha ricordato nella preghiera e nella celebrazione eucaristica delle ore 10.00 tutte le mamme in attesa san domenico savio infatti è conosciuto come particolare protettore delle gestanti e divenuto per questo anche il santo delle culle alla celebrazione sono state invitate le future mamme alle quali dopo la speciale benedizione impartita da don enzo la comunità ha fatto dono di un grazioso capezzale da appendere alla culla del nascituro la redazione il 3 giugno 2012 solennità della santissima trinità nella nostra parrocchia s maria raccomandata durante la celebrazione eucaristica delle ore 10 è stato conferito il sacramento della comunione a cinque bambini della nostra comunità angela sterrantino antonio silvestro francesca culoso,marta munafò e rosaria sterrantino sono arrivati a questo giorno seguendo un percorso di catechesi previsto dalla chiesa che è diviso in due momenti il primo anno i bambini hanno fatto esperienza della misericordia di dio padre e hanno ricevuto il sacramento della confessione durante la festa del perdono il secondo anno questi bambini sono stati preparati per il loro primo incontro con gesù eucaristia finalmente ,poi il giorno è arrivato È stato un momento davvero speciale e pieno di emozione in modo particolare per i bambini e le loro famiglie ma anche per l intera comunità parrocchiale raccolta intorno a loro perché l eucaristia come ha detto il santo padre è il sacramento dell unità È il mistero dell intima vicinanza e comunione di ogni singolo col signore ed è al tempo stesso l unione visibile fra tutti egli ci rende tutti una cosa sola mirella mazzullo don enzo con le mamme partecipanti alla s messa la festa del perdono il sacramento della confessione amministrato per la prima volta ai bambini l 26 maggio 2012 la festa del perdono giornata conclusiva dell intero percorso catechistico portato a termine dai nostri ragazzi affinché potessero accostarsi al sacramento del perdono ovvero la confessione segno efficace in quanto lui i è vero presente ti viene incontro ti accoglie e ti comunica la vita nuova nel suo figlio gesù siamo di fronte al mistero dell amore di dio siamo forse alla ricerca di sguardi che ci confermino e sostengano per questo credo sia stato di fondamentale importanza trasmettere ai ragazzi l autenticità di questo primo incontro che li accompagnerà durante il corso della loro vita e mediante il quale potranno in ogni momento sperimentare l amore di dio ci siamo così posti l obiettivo di compiere qui primi passi che ci hanno avviato ad una totale consapevolezza dell amore quello non costruito quell amore completo e totalizzante che non si pone dei limiti e si traduce in pienezza che entusiasma e dona invece energie nuove permettendoci di sognare in grande perché il suo amore non costringe rende liberi e ci lascia partire in una nuova direzione attratti dalla bellezza del suo volto come in uno scambio reciproco l abbiamo appieno sperimentato ed ha acceso in noi un desiderio ardente di restare con lui e insieme tra noi mariangela licosi i vita parrocchiale

[close]

p. 10

pagina 10 vita parrocchiale progetto pier giorgio frassati una proposta per l educazione attraverso lo sport parocchialevita la tensione formativa ed educativa dell azione cattolica italiana ha l esigenza di declinarsi in tutti gli ambiti della vita personale sociale e civile dell individuo per questa ragione il centro nazionale per l anno associativo 2011-2012 ha proposto alle associazioni parrocchiali e diocesane il progetto pier giorgio frassati ­ una proposta per l educazione attraverso lo sport lo sport è infatti un grande strumento educativo in grado di accogliere allenare orientare accompagnare e donare speranza inoltre lo sport è divenuto un elemento ormai pregnante della società moderna non vi è giorno in cui notiziari e canali tematici non passino notizie sportive personaggi del mondo sportivo sono divenuti sempre più modelli culturali e di immagine soprattutto per le nuove generazioni ed infine milioni di persone giovani e meno giovani dedicano diverse ore del loro tempo libero alla pratica sportiva agonistica ed amatoriale la pratica sportiva può essere in parrocchia e nella vita associativa un elemento importante della formazione e per la crescita nelle relazioni il consiglio di azione cattolica con il prof don giovanni russo e può contribuire in maniera significativa anche ad avvicinare persone in ricerca spirituale che nella pratica sportiva nella vita di squadra possono trovare guide e punti di riferimento lo sport può essere anche un modo per avvicinare i lontani non solo giovani che spesso fanno fatica a fare un percorso strutturato e continuo mentre potrebbero essere coinvolti attraverso la pratica sportiva allo sport possiamo senz altro legare il tempo libero e un sano rapporto con il creato poiché insieme possono essere la fonte di una stessa spiritualità che completi la persona e la arricchisca per tutti questi motivi il settore giovani dell a.c parrocchiale in sinergia con il gruppo di pastorale giovanile ha voluto sposare questo progetto intitolato a p.g frassati quale figura di riferimento e testimone simbolo in quanto giovane innamorato dello sport inteso come strumento educativo in grado di allenare corpo e spirito orientare ed esercitare la volontà e donare speranza attraverso una serie di iniziative culminate in due eventi nello scorso mese di maggio domenica 13 nel salone di villa raneri si è tenuto un incontro pubblico-dibattito sul tema etica dello sport con l intervento del relatore prof don giovanni russo ordinario di bioetica all istituto teologico san tommaso di messina e alla presenza di alcuni tra i responsabili e atleti delle società sportive del territorio attraverso i vari contributi degli intervenuti è stato sottolineato come ogni pratica sportiva ad ogni livello prevede e necessita il rispetto di alcune regole che si rifanno all etica sportiva che non è solo fair play ma in senso più ampio rispetto di tutta una serie di valori e di principi capacità di rifiutare la corruzione il doping il razzismo e ogni forma di violenza rifiutare insomma ogni elemento che possa screditare e danneggiare lo sport stesso e soprattutto la dignità della persona umana due domeniche dopo invece giorno 27 è stato il momento della festa dopo la celebrazione eucaristica delle 10 siamo saliti tutti dai giovanissimi ai più attempati sulle nostre bici per dare vita alla prima edizione del ciclo tour giardini naxos per un gioioso e divertente giro per le strade della nostra cittadina in i partecipanti al primo ciclo tour di giardini naxos organizzato dall azione cattolica una splendida giornata primaverile in questo tour ci siamo messi idealmente a ruota di gino bartali storica figura dello sport italiano che con la sua vita e il suo impegno sportivo ha offerto una splendida testimonianza di fede e altro grande testimone del progetto certi della bontà della proposta e sostenuti dalla testimonianza delle figure che abbiamo scelto come modelli vogliamo far sì che il traguardo finale di questa manifestazione non sia punto di arrivo ma rappresenti il momento in cui rilanciare la fuga per raggiungere vette sempre più alte ileana d agostino

[close]

p. 11

vita parrocchiale n spirito di comunione le comunità parrocchiali della chiesa madre s maria raccomandata e della chiesa s maria immacolata hanno festeggiato il 30° anniversario di ordinazione sacerdotale di don enzo grasso lunedì 16 luglio al termine della s messa presieduta da s ecc mons calogero la piana i parenti gli amici e numerosi fedeli hanno espresso il loro affetto a don enzo partecipando con gioia ad un semplice ma intenso momento celebrativo al saluto del parroco è seguito quello del presidente del consiglio comunale quindi il pensiero augurale dettato da giuseppe d amore a nome della comunità parrocchiale a don enzo sono stati donati una targa ricordo ed un calice dopo il saluto di don enzo e la proiezione di un video che ha ripercorso le tappe più significative della sua vita sacerdotale il buffet offerto da don enzo e allestito nella piazza antistante la chiesa pagina 11 l anniversario sacerdotale di don enzo i un momento della celebrazione eucaristica presieduta da s e l arcivescovo,mons calogero la piana la redazione un passo oltre il cammino di formazione per gli adulti una fede che non diventa cultura è una fede non pienamente accolta non interamente pensata non fedelmente vissuta con queste parole il santo padre giovanni paolo ii nel gennaio dell 82 salutava i partecipanti al congresso nazionale del movimento ecclesiale di impegno culturale ribadendo come già asserito nella esortazione apostolica post-sinodale christifideles laici l importanza di una formazione integrale dei fedeli laici che educhi ad una fede da vivere in unità in perfetta sintesi tra vita terrena e vita spirituale con questo spirito il consiglio pastorale della comunità ha accolto e sostenuto la proposta della pastorale degli adulti che per il terzo anno consecutivo ha condotto una serie di incontri di formazione rivolti ai giovani-adulti e agli adultissimi della parrocchia anche quest anno il consiglio ha scelto di affidare la cura degli incontri ai responsabili del settore adulti dell azione cattolica e di adottare il sussidio associativo un passo oltre il testo organizzato in maniera organica e suddiviso in 5 sezioni offre l opportunità di compiere un percorso formativo che educhi a una lettura sapienziale e profetica della vita e della storia cfr testo formativo ac e così grazie all impegno costante di quello che all inizio era un una parte dei partecipanti al cammino di formazione piccolo drappello sparuto si è riusciti di settimana in settimana a coinvolgere un numero considerevole di persone che ha seguito con regolarità gli incontri bisettimanali del giovedì guidato dal vangelo dell anno marco il gruppo è stato sollecitato a riflettere e ad interrogarsi sulle ragioni della propria fede sui propri bisogni sulle proprie paure che spesso segnano i veri ostacoli alla crescita interiore e in definitiva a compiere quel passo oltre rispondendo alla chiamata del signore che invita a non fermarsi all orizzonte puramente umano ma ad aprirsi all orizzonte di dio all orizzonte della fede per superare i propri limiti e non restare ai margini della vita e della storia nella propria personale ricerca di senso ogni uomo prima o poi arriva a trovarsi sull orlo di un precipizio di fronte ad un baratro ed è proprio li sull orlo dell abisso oscuro che viene lanciata la sfida dell oltre credere allora significa abbandonarsi oltre ogni ragione oltre ogni dubbio oltre ogni paura credere è sopportare il peso di tutti i propri interrogativi e abbandonarsi alla fede in gesù che non è un idea un concetto astratto ma l incontro con una persona viva che dà senso alla nostra esistenza particolarmente piacevole è stata poi la festa finale del 17 giugno durante la quale in una serata più leggera fatta di giochi e intrattenimento gli organizzatori hanno voluto consegnare a tutti i partecipanti un attestato di frequenza una medaglia ricordo è stata infine consegnata ai primi 3 classificati cioè coloro che hanno totalizzato più presenze franca falanga dario allegra e gaetano chinsi 2° posto ex aequo e franca allegra carla buda vitaparocchiale

[close]

p. 12

pagina 12 vita parrocchiale il grest ovvero gruppo ricreativo estivo la fine dell anno catechistico e la fine dell anno scolastico segnano l inizio di un tempo diverso più libero atteso con gioia dai ragazzi con preoccupazione dai genitori che impegnati nel lavoro devono cercare delle agenzie alternative cui affidare i loro figli ecco allora che i grest ovvero gruppi ricreativi estivi parrocchiali diventano un esperienza che tranquillizza le famiglie e fa divertire i ragazzi i grest nati negli oratori salesiani ben presto si sono diffusi anche nelle parrocchie che ne hanno fatto uno strumento importante per strutturare il tempo estivo dei ragazzi aiutandoli a scoprire nuove modalità di vivere e nuovi valori dopo una importante esperienza parrocchiale lunga più 40 anni da qualche anno a questa parte la nostra parrocchia ha accolto la sfida di dare al grest un volto diverso cambiando la formula organizzativa tradizionale siamo un piccolo gruppo di volontari abbiamo iniziato tre anni fa con pochi ragazzi che di anno in anno però sono diventati sempre di più e quest anno sono trentacinque son in maggioranza i ragazzi della catechesi parrocchiale e vanno dalla prima elementare alla terza media ma abbiamo accolto con gioia anche alcuni loro amici che timidamente hanno cominciato a frequentare il nostro grest e ora sono felici di esserci fino a metà luglio abbiamo avuto delle richieste ma data la limitata disponibilità dei ictav ict h i epsaar o n ci h ia al li e a locali e delle persone che se ne occupano abbiamo dovuto con dispiacere rifiutare le attività hanno avuto inizio il 2 di luglio per arrivare all 11 di agosto la giornata inizia alle 9.30 con la preghiera le indicazioni per la giornata e via per il mare pranzo breve pausa di riposo momento di per offrire un servizio alla parrocchia e su alcuni adulti che si occupano della cucina e dei laboratori e un grosso impegno ma l entusiasmo è tanto le famiglie sono contente e ce lo dimostrano continuamente questa riconoscenza da parte loro ci aiuta a dimenticare le fatiche del giorno foto di gruppo a mongiuffi per il raduno zonale dei grest formazione e inizio di varie attività giochi balli lavoretti lo scopo è unico stare insieme imparare a socializzare a faticare a divertirsi a portare avanti un progetto comune a crescere nell amore tra noi e con dio non è facile perché come già scritto il progetto poggia tutto sulla buona volontà di pochi giovani animatori perlopiù ragazzi delle superiori che stanno rinunciando alle loro vacanze prima e ci stimola ad affrontare con rinnovato entusiasmo la nuova giornata il 18 luglio è stata una giornata particolarmente piacevole perché i ragazzi hanno partecipato al primo raduno dei grest al santuario maria ss della catena di mongiuffi melia condividendo con altre comunità parrocchiali momenti di gioco di preghiera e di gioia franca allegra il consiglio pastorale ed il comitato festa subito dopo pasqua il cpp si è riunito per elaborare il programma relativo alla solennità di s maria raccomandata alla presenza del parroco don eugenio tamà e del vicario don enzo grasso il cpp ha tracciato un itinerario di lavoro che ha visto impegnate sin dal primo momento tutte le componenti della comunità parrocchiale e quelle realtà associative che pur esterne alla parrocchia con essa collaborano soprattutto in occasione della festa patronale così il cpp è stato la fucina di tutte le iniziative religiose e caritative che saranno realizzate a partire dal 25 agosto giorno dell annunzio della festa la redazione il recente incontro del cpp e del comitato festa

[close]

p. 13

vita parrocchiale per le squadre partecipanti e degli animail secondo anno consecutivo tori del grest che dopo essersi nell ambito delle attività del grest schierati a metà campo hanno 2012 la parrocchia santa maria ascoltato emozionati le note del nostro raccomandata ha organizzato il torneo di calcetto per ragazzi dai 6 ai 12 anni con la sapiente guida di mister saro meo tante le novità di questa edizione a partire dall aumento del numero delle squadre partecipanti dalle 4 dell anno scorso alle 7 di quest anno anche perché le squadre partecipanti sono state divise in due categorie in base alla fascia d età la le squadre schierate nel giorno delle finali prima dai 6 ai 9 anni la inno nazionale poi la parola è passata seconda dai 10 ai 12 l altra novità è al campo tre sfide intense seguite stata l apertura del torneo alle ragazze con passione da un pubblico che hanno risposto con entusiasmo e composto non solo dai genitori che voglia di misurarsi in questa sfida nulla ha avuto da invidiare agli insolita per loro il torneo si è svolto spettatori delle categorie professioninel campetto comunale in erba stiche hanno dato la seguente classifisintetica di calcarone nell arco di un ca finale per le squadre 6 9 anni me s e c on un appunt amento prima classificata naxos baby del settimanale al venerdì a partire dal 6 capitano salvatore le mura che si è luglio scorso l atto conclusivo ha pure aggiudicato il premio di avuto luogo venerdì 3 agosto con le capocannoniere con 11 gol seconda partite finali delle due categorie l e classificata smile and go capitanavento si è aperto con la sfilata di tutte pagina 13 torneo di calcetto grest santa maria raccomandata ta da david parisi e al terzo posto la squadra composta dai piccoli partecipanti al grest parrocchiale guidata da una ragazza adele culoso tra i più grandi invece al primo posto si è classificata la squadra del fiumefreddo anche quest anno il torneo ha coinvolto partecipanti non solo giardinesi del capitano francesco calandra al secondo posto i degni avversari del real giardini capitanati da davide mazzeo miglior goleador della categoria con 17 gol medaglia di bronzo per i leoni di calcarone seguiti dell altra squadra dei grestini a completare la lista dei premi vi sono i due miglior portieri daniele nicolosi tra i piccoli e ivan petrera per i 10 ­ 12 alla fine della premiazione condotta dalla sig.ra carla buda che ha pure curato la sezione torneo nel sito internet parrocchiale un momento di festa per tutti i ragazzi animatori e tifosi e appuntamento all edizione 2013 dario allegra il cammino di formazione dei portatori della vara i responsabili pastorale degli adulti vita domenica 6 maggio scorso quinta domenica di pasqua i portatori della vara convocati da don enzo grasso e dai responsabili della pastorale degli adulti hanno vissuto un altro intenso momento del cammino di formazione pensato per loro e a loro rivolto con l attenzione e la cura che si prestano ai figli prediletti si tratta di un cammino che ha visto la luce più di un anno addietro e sta sempre più consolidandosi avendo trovato positiva accoglienza presso coloro che vuole coinvolgere in quel protagonismo personale e comunitario proprio della formazione a misura di adulti maria madre della chiesa il tema proposto agli intervenuti che hanno inteso non solo vivere una importante occasione di preghiera e di formazione ma anche evidenziare che il mese mariano per eccellenza è un tempo in cui la loro devozione l incontro con i portatori della vara domenica 6 maggio 2012 nei confronti della vergine raccomandata viene vissuta con particolare impegno ed emozione a conclusione dell incontro don enzo ha dato appuntamento alla due giorni di spiritualità che si terrà nel periodo immediatamente antecedente l inizio della novena di preparazione alla festa della raccomandata parocchiale

[close]

p. 14

pagina 14 sarà beatificato don pino puglisi i l pa pahaautorizzatoildecretomondo testimone del sorriso di dio quando il potere qualunque sia la sua natura per legittimare se stesso usa la violenza allora significa che la ragione della forza ha preso il sopravvento sulla forza della ragione e quanti esercitano il potere non possono non essere definiti come sconfitti da quanti usano la parola soprattutto se ragionevole È vero esiste un potere quello dello stato che è anche legittimato all uso della violenza per difendere il bene comune le istituzioni la società generalmente intesa eppure anche nel caso dello stato la legge dello stato ­ specie quella fondamentale che è espressa dalla costituzione e la dottrina sociale della chiesa insegnano che esistono limiti che non possono essere valicati e che esistono diritti dei cittadini che non possono essere violati dal potere dello stato tutto questo è vero ancor più quando il potere che esercita la violenza anzi che si fonda sulla violenza è quello espresso da quella struttura criminale e culturale oltre che economica che porta il nome di mafia quando il 15 settembre del 1993 ­ giorno del suo cinquantaseiesimo compleanno ­ il sicario assoldato dai boss del quartiere brancaccio di palermo esplose i colpi di pistola che interruppero la vita di don pino puglisi fu la mafia ad essere sconfitta a risultare perdente fu il sorriso di don pino amichevolmente noto nel quartiere come zio pino a squarciare il cuore del killer nel momento stesso in cui questi premeva il grilletto della pistola un sorriso che mentre i boss mafiosi brindavano procurava inquietudine e poi pentimento e infine conversione in un uomo il cui cuore era carico già degli omicidi di più di 30 persone don pino donava la sua vita per amore dei più deboli dei più poveri dei più emarginati dei più bisognosi un amore profondo e intenso denso della gioia di vivere come quello dell amore della sua vita gesù cristo don pino era un sacerdote della chiesa di cristo radicata nel territorio diocesano di palermo era un uomo di dio e perciò stesso innamorato della giustizia appassionato dell uomo e impegnato a costruire il regno di dio con la concretezza propria dei santi nel qui ed oggi senza alcuna fuga in avanti ma con la consapevolezza di quella riserva escatologica zione non ha compreso non ha capito don pino era un prete non contro qualcuno o qualcosa ma a favore di un prete per la vita la promozione della persona la legalità la diffusione del lavoro e della cultura la salvezza delle anime di tutti dei buoni e dei cattivi il suo agire è costruito su una personalità che può essere definita da alcuni tratti peculiari povertà sobrietà e mitezza radicamento nella parola servizio alla chiesa disponibilità all ascolto di ogni uomo don pino rappresenta una di quelle figure del secolo passato che proprio a motivo della grandezza della umiltà predicata e vissuta hanno segnato una via che è percorribile da ogni uomo di buona volontà in ogni tempo finché il tempo avrà dimora presso l uomo il martirio di don pino avvenuto come scrive benedetto xvi nell autorizzare l emanazione del decreto per la beatificazione del sacerdote palermitano in odio alla fede è un segno di speranza forte intenso per tutti specialmente per i giovani che privati del loro futuro sono allettati dal potere mafioso a corrompere i loro cuori e le loro menti sono tendenzialmente costretti a subire la cultura mafiosa perché le loro vite sono immerse nella povertà e miseria della cultura mafiosa così come segno forte di speranza è stato il sacrificio di mons oscar romero ucciso con violenza dagli squadroni della morte inviati dai proprietari terrieri mentre celebrava la s messa romero difendeva i poveri e gli oppressi i campesinos honduregni privati di ogni prospettiva di bene e di futuro dalla prepotenza del latifondo egoista come don pino aveva a cuore la promozione della persona umana una promozione che passava per le vie dell annuncio della buona novella della indicazione di gesù cristo quale unico signore della storia ma mons romero mi sembra questa una differenza importante si caricò di una drammaticità di vita che invece segue a pag 15 sguardosul il sorriso mite di don pino puglisi di cui deve essere caratterizzata ogni azione di cui devono essere contraddistinti ogni comportamento e gesto un uomo e un sacerdote consapevole dell urgenza della promozione umana e dell annuncio evangelico da affermare come cultura diffusa della legalità come ambiti privilegiati di educazione del popolo perché questo possa progredire e sollevarsi dalle condizioni di miseria soprattutto culturale certamente anche economiche dalle quali a volte si trova ad essere schiacciato ad essere oppresso lo scontro col potere mafioso fu senza quartiere e irriducibile così come è irriducibile lo scontro tra cristo che salva l uomo definendone e proclamandone la dignità di figlio di dio ed il peccato la violenza la persecuzione dell orfano e della vedova da parte del potente la prepotenza del denaro e della ricchezza posseduti con sfrontatezza e senza misericordia e carità l affronto del potere politico detenuto non per servire ma per offendere la persona umana e il creato intero don pino come don diana sacerdote ucciso dalla camorra è stato definito prete antimafia certamente chi ha scovato questa defini-

[close]

p. 15

pagina 15 leggere vedere ascoltare per approfondire nativity un film che racconta maria cui esistenza viene trasformata dalla rivelazione divina e con essa tutta la storia dell umanità questa ragazza ovviamente è maria donna mite sensibile generosa ma non per questo priva di determinazione o di forza il racconto della sua vita nel film si snoda attraverso un percorso narrativo sobrio e asciutto basato sui vangeli di luca e matteo con una rigorosa attenzione alle scritture e alla storia senza libertà narrative ambienti costumi tradizioni gesti preghiere del periodo vengono riprodotti con grande cura per favorire la partecipazione personale dello spettatore all evento più significativo della storia la natività di cristo vista da un punto di osservazione speciale maria nel suo ruolo di madre con sguardo intimo e profondo la regista catherine hardwicke ci restituisce la figura di maria nella quotidianità della sua vita a nazareth nel suo rapporto con giuseppe nella sua umanità nelle difficoltà di tutti i giorni che diventano specchio e metafora della umana fatica di credere e dell accettazione impegnativa del mistero il film uscito nel 2006 proprio in forza di questo messaggio offre spunti di elevato spessore e ricchezza spirituale per riflettere sull azione di dio che si individua in maria ma che per estensione si riverbera su tutta l umanità redenta carla buda antonio fallico l irresistibile fascino dell educatrice di nazaret note di antropologia mariana ed san paolo 2012 con il suo stile sobrio e asciutto e fortemente impregnato della pratica pedagogica don antonio fallico partendo dalle pagine del vangelo che ci tramandano la figura della madonna offre al lettore una riflessione insolita sulla vita della madre del buon pastore maria modello dei modelli chiaro riferimento spirituale di ogni cristiano viene qui considerata nel suo aspetto umano sul versante della sua vita casalinga lavorativa e comportamentale le riflessioni di don antonio prendono spunto proprio da questo aspetto per interrogarsi sulla metodologia educativa adottata da maria modello concreto di laicità e sulla sua prassi pedagogico-pastorale attraverso una riflessione ben strutturata il lettore viene condotto verso le considerazioni conclusive circa il segreto della riuscita spirituale alla scuola di maria che consiste nel cercare trovare e vivere insieme il mysterium l amore di dio nel ministerium l azione pastorale nell esercizio delle attività quotidiane svolte in servizio del padre e dei fratelli carla buda testimone del sorriso di dio continua da pag 14 don pino non aveva perché il sorriso di dio così come racconta l antico testamento nell episodio della visita dei tre personaggi misteriosi ad abramo non può che generare vita come accadde a sara il sorriso di don pino ha generato vita e vita in abbondanza nella chiesa perché il sangue dei martiri arricchisce e rafforza la chiesa nella società perché l esempio dei liberi e forti è seme di un futuro migliore per le giovani generazioni quando nell autunno prossimo a palermo città dove nacque il 15 settembre del 1937 don pino puglisi verrà proclamato beato la mafia ed ogni struttura di esercizio violento del potere potranno veramente dirsi sconfitti il sorriso di dio vince il mondo anche quando il mondo non si accorge d essere stato sconfitto e redento È questo il mistero della croce di cristo che vince il peccato e la morte sergio visconti i nostri li i nostri film nativity è la storia straordinaria di una semplice ragazza di un umile villaggio la

[close]

Comments

no comments yet