Boves & Società N.01/2010

 

Embed or link this publication

Description

Periodico informaticìvo dell'amministrazione comunale

Popular Pages


p. 1

boves&società periodico informativo dell amministrazione comunale buona pasqua a tutti poste italiane ­ tassa pagata ­ invii senza indirizzo ­aut 1212/dc/dci/cn del 24 03/03

[close]

p. 2

dove la qualita il servizio e la professionalita fanno la differenza via marzabotto 63 boves via sebastiano grandis 18 cuneo tel 0171 380997 www.mobiligalfre.com info@mobiligalfre.com

[close]

p. 3

3 il saluto del sindaco periodico informativo dell amministrazione comunale boves società periodico informativo dell amministrazione comunale coordinamento editoriale aldo baudino michele baudino michelangelo pellegrino adriano toselli fotografie gian cerato adriano toselli redazione e-mail info@mariatv.it concessionaria pubblicitaria maria tv sas c.langhe 47 alba direttore di produzione wilma franchino 347-7632010 impaginazione gianluca vada 335 8181054 per si viaggiare sas beinette e-mail gianluca.vada@libero.it stampa tipolitoeuropa via degli artigiani 17 cuneo come promesso a fine 2009 eccoci puntuali all appuntamento con il secondo numero di boves società sono molteplici gli argomenti trattati in queste 24 pagine le notizie comunali lo spazio alle scuole informazioni oltre alle pagine autogestite dei gruppi di opposizione questo notiziario riprende in maniera dettagliata il la tematica dei rifiuti in questi mesi l amministrazione comunale ha attivato una serie di incontri con la popolazione nelle frazioni che si concluderà a boves alle quale saranno affiancati campagne di informazione e sensibilizzazione attraverso le parrocchie e le scuole mentre sono in fase di organizzazione giornate ecologiche durante gli incontri con i cittadini sono stati illustrate le corrette modalità di raccolta affrontando le problematiche inerenti una situazione che sta gravando non poco sulle casse comunali e si ripercuote direttamente sulle nostre tasche nell ultimo anno la produzione dei rifiuti nel nostro comune è aumentata del 7 un dato preoccupante i crescenti costi per la raccolta e lo smaltimento la chiusura della discarica di borgo san dalmazzo che ci costringe a maggiori spese di trasporto unitamente alle disposizione dello stato che impone una copertura della spesa da parte dell utenza di almeno il 95 del costo totale sono i motivi che hanno visto le bollette crescere del se si considera che il costo dei rifiuti è dato dal peso prodotto e che il 43 della produzione dei rifiuti delle utenze domestiche è composta dal cosiddetto umido che potrebbe tranquillamente essere riconvertito in compostaggio si comprende che se attuato da tutti attraverso questo semplice principio di smaltimento la tassazione potrebbe diminuire pertanto per poter contenere e ridurre i costi esiste una sola possibilità produrre meno rifiuti e differenziare correttamente un concetto semplice che ce lo auguriamo grazie alla sensibilità dei cittadini ed al nostro lavoro di sensibilizzazione inizi a dare buoni frutti.intanto abbiamo iniziato anche a realizzare alcune mascherature e coperture alle isole ecologiche di san giacomo e castellar per un miglior decoro alle quali ne seguiranno altre.prima di augurarvi una buona lettura segnaliamo che fra i primi risultati del nostro ancor breve lavoro la concessione di un finanziamento totale di 2 milioni e 250 mila euro relativo al bacino di raccolta che contribuirà a risolvere i problemi di irrigazione e che prevede contestualmente la realizzazione di un primo ed secondo tratto di distribuzione di acqua in pressione per l irrigazione a goccia e la sistemazione oltre alla manutenzione straordinaria di bealere per evitare inutili dispersioni nel prossimo numero sarà approfondita la situazione relativa ai lavori pubblici un cordiale augurio di buona pasqua a tutti i miei concittadini il sindaco prof mario giuliano boves società

[close]

p. 4

il bacino in zona molettino una prima risposta concreta alle esigenze del mondo agricolo bovesano finalmente come già è stato annunciato la sera del consiglio del 3 febbraio 2010 dopo anni di attese e aspettative si realizzerà un primo invaso per l accumulo di acqua l intervento è finalizzato a dare risposte concrete alle aziende orticole che operano nelle aree della rivoira e nella zona a sud della frazione san mauro il bando della regione piemonte prevede il finanziamento di infrastrutture irrigue di importanza strategica con una contribuzione pari al 95 della spesa prevista per la realizzazione di una parte dell intervento bacini di accumulo e rete distributiva principale l amministrazione comunale appena insediata consapevole dell importanza che riveste l irrigazione per le produzioni pregiate di fragole e piccoli frutti che si effettuano nelle nostre aree di montagna ha affrontato subito la questione nell ottica di presentare una proposta operativa in grado di ottenere i relativi finanziamenti per prima cosa si è valutato il progetto preliminare depositato presso gli uffici comunali relativo all intervento a tetto sablè prevista dalla precedente amministrazione questa ipotesi è stata tuttavia ritenuta poco interessante dall amministrazione comunale sia per l aspetto della sicurezza considerata l ubicazione del bacino di accumulo in prossimità dell alveo del torrente colla sia per le medio contenute dimensioni dell invaso massimo 18.000 metri cubi certamente non sufficienti a risolvere l annoso problema della carenza di acqua nelle aree del rivoirese consapevoli comunque che alle richieste del mondo agricolo era necessario dare risposte concrete si è deciso di valutare nuove soluzioni verificando le reali possibilità di effettuare il bacino di accumulo in altra area grazie alla collaborazione del funzionario comunale geom cavallo è stata formulata una nuova ipotesi di realizzazione di un invaso a raso di dimensioni ni maggiori nella zona alta di rivoira tra la strada provinciale che porta a castellar e via tetti molettino certamente 4 da parte dell amministrazione vi era consapevolezza che il cambiamento del sito su cui realizzare l invaso avrebbe comportato da un lato il rischio di non giungere in tempo a presentare il progetto preliminare alla scadenza del bando e dall altro che questa soluzione non in linea con i precedenti progetti di intervento avrebbe determinato una forte discussione a livello locale abbiamo tuttavia perseguito nel nostro obiettivo nella convinzione di operare per il bene del territorio ed a fianco delle aziende agricole che da anni attendono un intervento risolutivo del problema irrigazione dapprima sono stati contattati i proprietari dei terreni su cui si sarebbe dovuto andare a realizzare l invaso successivamente superate le prime difficoltà ed ottenuto la disponibilità i presidenti di sezione della coldiretti marchisio pietro e ramero valerio hanno raccolto 160 firme di operatori agricoli potenziali utilizzatori del servizio di distribuzione dell acqua disponibili ad utilizzare acqua in pressione ed a contribuire alla gestione economica della rete distributiva contestualmente il dott michele baudino del creso ha collaborato con l amministrazione e con lo studio tecnico cui era stato affidato l incarico di redigere il progetto preliminare fornendo una dettagliata relazione circa le effettive esigenze dell agricoltura specializzata che insiste sul territorio bovesano grazie a questi contributi lo studio di progettazione hanno redatto in brevissimo tempo un preliminare di un progetto per un invaso a raso con una capienza superiore ai 41000 metri cubi quindi decisamente superiore al primo progetto di intervento previsto nell area di tetto sablè il progetto prevede altresì un primo lotto di rete di distribuzione in pressione anche queste finanziate con bando dalla regione piemonte da cui le aziende potranno attingere acqua nei mesi estivi distribuendola alle colture specializzate quali fragole lamponi ortaggi con impianti di microirrigazione a nome dell amministrazione comunale e degli operatori agricoli riteniamo doveroso esprimere un grazie all assessore all agricoltura della regione piemonte mino taricco per l interessamento alla scorsa festa rivoirese la giunta presenta il progetto boves società

[close]

p. 5

ufficio tributi nella dichiarazione dei redditi del 2009 da presentare nel 2010 sarà possibile indirizzare il 5 per mille a enti impegnati nei servizi sociali tra questi anche i comuni tutti i contribuenti potranno in sede di compilazione delle loro denunce dei redditi modello unico cud o modello 730 scegliere di destinare il 5 per mille dell irpef al proprio comune di residenza apponendo la firma nell apposito modulo all interno del riquadro che riporta la scritta attività sociali svolte dal comune di residenza del contribuente questa scelta non si sostituisce a quella già in vigore della destinazione dell 8 per mille dell irpef allo stato o alla chiesa cattolica o alle altre confessioni religiose è semplicemente aggiuntiva e serve ad aiutare il comune ad essere più vicino ai suoi cittadini più bisognosi e meno fortunati se si sceglie di destinare il 5 per mille dell irpef al proprio comune questo avrà più risorse a disposizione e potrà sostenere la spesa sociale cioè gli interventi fatti dall amministrazione comunale per alleviare le situazioni di disagio sotto agli occhi di tutti ed in particolare avrà maggiori possibilità 5 scuole materne bovesane 5 per mille con l approssimarsi della dichiarazione dei redditi 2009 i cittadini possono decidere di destinare il contributo del 5 per mille per sostenere le scuole materne bovesane un piccolo gesto di solidarietà che non costa nulla ma che rappresenta molto per il mantenimento delle nostre strutture poni la tua firma e scrivi uno dei seguenti codici fiscali 5 per mille irpef al comune di boves di intervenire con servizi e progetti in favore di anziani portatori di handicap minori e famiglie in difficoltà e bene ricordare che il fondo nazionale per le politiche sociali che serve proprio a questo scopo e viene ripartito fra tutti i comuni risulta sempre più esiguo a causa dei continui tagli che subisce ormani da diversi anni dare al comune il 5 per mille aiuta a recuperare almeno una parte dei fondi che sono venuti a mancare per aiutare le fasce più bisognose della popolazione se non si firma per il 5 per mille non si risparmia nulla e non si aiuta nessuno le quote di 5 per mille che saranno realmente assegnate saranno esclusivamente quelle dei contribuenti che avranno fatto la loro scelta apponendo la firma sul modulo allegato alla dichiarazione dei redditi se non si firma quei fondi andranno allo stato se invece si firma per il proprio comune rimarranno a disposizione della comunità bovesana scuola materna centrale boves cod fisc 80002730044 asilo don perelli fontanelle cod fisc 80002710046 asilo inf divina provvidenza rivoira cod fisc 80002670042 boves società

[close]

p. 6

6 rifiuti in arrivo le sanzioni per chi non rispetta le regole dopo la fine delle serate di sensibilizzazione sulla raccolta dei rifiuti al fine di incrementare la differenziata con un consapevole e corretto comportamento la polizia municipale inizierà a perseguire chi non rispetterà la normativa sul conferimento rifiuti secondo il seguente prontuario art 30/c e art 36 r.c art 30/h e art 36 r.c effettuava la combustione di rifiuti indicare il tipo di rifiuto/i bruciati da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 la violazione può concorrere con quelle previste dai regolamenti comunali di polizia urbana e rurale e dalle norme sulla combustione durante le operazioni agricole boschive divieti art 30/a e art 36 r.c effettuava la cernita e/o rovistamento e/o prelievo di rifiuti collocati negli appositi contenitori e/o diversamente conferiti al servizio e/o presso gli impianti di recupero e/o smaltimento da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 spostava il/i contenitore/i della raccolta dei rifiuti dalla sede in cui è/sono stato/i collocato/i da 75,00 a 450,00 p.m.r 150,00 art 30/i e art 36 r.c abbandonava/depositava rifiuti indicare la tipologia fuori dal/dai contenitori da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/d e art 36 r.c creava intralcio e/o ritardo all opera degli addetti ai servizi descrivere l azione che ha determinato l accertamento di violazione da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 la violazione può concorrere con il reato previsto dall art 340 del c.p art 30/j e art 36 r.c insudiciava il suolo pubblico durante lo svolgimento di una propria attività da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 la violazione può concorrere con quella prevista dall art 15 del c.d.s art 30/b e art 36 r.c utilizzava impropriamente il/i contenitore/i utilizzato per la raccolta dei rifiuti compresi l imbrattamento l affisione di manifesti o altro da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 la violazione può concorrere con quelle previste dal regolamento per la pubblicità e pubbliche affissioni e con le previsioni dell art 24 del d lgs 507/1993 inoltre può concorrere nell ipotesi di reato prevista dall art 420 del c.p art 30/e e art 36 r.c depositava rifiuti negli appositi contenitori omettendo di separare merceologicamente gli stessi descrivere l azione che ha determinato l accertamento ad es depositava una bottiglia di vetro nel contenitore della carta ecc da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/j e art 36 r.c gettava piccoli rifiuti bucce pezzi di carta sigarette barattoli bottiglie e simili indicarne il tipo sul suolo pubblico o ad uso pubblico da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 nel caso i rifiuti vengano gettati da veicoli in movimento va applicato l art 15 del c.d.s art 30/c e art 36 r.c spostava il/i contenitore/i della raccolta dei rifiuti dalla sede in cui è/sono stato/i collocato/i da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/f e art 36 r.c conferiva al servizio di raccolta materiali voluminosi non precedentemente ridotti e/o che per dimensioni consistenza e altre caratteristiche possono recare danno al/ai contenitore/i e/o al mezzo/ai mezzi di raccolta e/o costituire pericolo per i cittadini e/o gli addetti ai servizi da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/k e art 36 r.c conferiva al servizio di raccolta ovvero abbandonava su area pubblica/ad uso pubblico/privata animali morti indicare il tipo di animale da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/c e art 36 r.c ribaltava il/i contenitore/i della raccolta dei rifiuti dalla sede in cui è/sono stato/i collocato/i da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/g e art 36 r.c conferiva al servizio di raccolta rifiuti liquidi o sciolti o in sacchetti non ben chiusi o materiali ardenti e/o tali da danneggiare il/i contenitori oppure costituire situazione di pericolo da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 la violazione può concorrere nell ipotesi di reato prevista dall art 420 del c.p boves società art 30/l e art 36 r.c conferiva al servizio di raccolta rifiuti speciali per i quali non era stata stipulata apposita convenzione da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/c e art 36 r.c danneggiava il/i contenitore/i della raccolta dei rifiuti dalla sede in cui è/sono stato/i collocato/i da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 la violazione può concorrere nell ipotesi di reato prevista dall art 420 del c.p.

[close]

p. 7

7 art 30/m e art 36 r.c danneggiava le strutture del servizio pubblico di smaltimento rifiuti da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/o e art 36 r.c nel centro abitato e a distanza inferiore a 50 metri da edifici e/o strade bruciava la frazione verde da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 la violazione può concorrere con quelle previste dai regolamenti comunali di polizia urbana e rurale compostaggio domestico art 31 e art 36 r.c avviava a recupero in proprio e a mezzo compostaggio domestico rifiuti diversi dalla frazione organica prodotta nell unità domestica di appartenenza è consentito avviare a recupero avanzi di cucina verdura frutta fondi di the e caffè scarti del giardino legno di potatura sfalcio di prati foglie secche tovaglioli e fazzoletti di carta cenere segatura e trucioli di legno non trattato i vegetali da manutenzione di giardino solo in piccola quantità indicare il tipo di rifiuto avviato a recupero da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 conferimento e raccolta dei rifiuti ingombranti e raee art 14 depositava rifiuti eterogenei di grandi dimensioni per i quali non è individuabile un materiale prevalente ovvero depositava raee di origine domestica presso il cassonetto rsu da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 art 30/n e art 36 r.c presso le aree ecologiche abbandonava rifiuti all esterno delle stesse accedeva in orario diverso da quello di apertura conferiva rifiuti all esterno degli mappositi contenitori conferiva rifiuti della tipologia diversa da quella a cui i contenitori sono destinati cerniva e/o rivistava e/o prelevava rifiuti all interno dei contenitori e/o in altro modo accumulati conferiva rifiuti speciali non assimilati danneggiava le strutture dell area stessa n.b indicare l ipotesi che ricorre specificando il genere di rifiuti da 25,00 a 155,00 p.m.r 50,00 l ultima fattispecie può concorrere con il reato previsto dall art 420 del c.p house co liste nozze via peveragno boves tel 0171 387840 la lista nozze house co mette a disposizione degli sposi tutto quello che serve per la nuova casa tavola bar cucina camera da letto bagno e per festeggiare i quindici anni di attività offre alle giovani coppie in omaggio insieme alla lista nozze sesto senso ­ wedding events nuovo servizio mette a disposizione degli sposi la consulenza di una professionista per aiutarli a organizzare al meglio l evento del pellegrino guido falegnameria mobili e arredamenti su misura lab in via milia 25 boves lab tel 0171 390.252 casa 0171 389.045 cell.328 7620667 matrimonio boves società

[close]

p. 8

8 possibili soluzioni per far funzionare sempre meglio l istituto soprattutto dal punto di vista gestionale le anticipazioni musicali che fin d ora gli appassionati possono inserire in agenda riguardano il tradizionale appuntamento ormai di levatura internazionale vie di jazz ancora in agosto dal 20 al 22 e il concerto di gianmaria testa il 5 giugno in piazza dell olmo con l organizzazione dell associazione emmaus l apporto fondamentale della cassa rurale ed artigiana di boves e la collaborazione degli assessorati alla cultura e alle manifestazioni con il mese di marzo ha preso il via una nuova preziosissima collaborazione con la neonata associazione equinozio d autunno un gruppo di insegnanti bovesani in pensione che hanno dato la loro disponibilità ad occuparsi dell accoglienza turistica locale e della valorizzazione del patrimonio storico artistico il gruppo provvede all apertura del museo della resistenza sito nei locali del municipio vecchio e che di norma è aperto al pubblico ogni prima domenica del mese dalle 15 alle 17 oppure prenotando la visita allo 0171391850 ma l aiuto fondamentale del gruppo di volontari equinozio d autunno sarà rivolto all accoglienza e alla guida sul territorio delle sempre tante delegazioni del cosiddetto i primi passi culturali di quest anno sono stati mossi sul piccolo palcoscenico dell auditorium borelli si è infatti ripetuta la sesta edizione di un sipario tra cielo e terra organizzato dagli assessorati alla cultura e alle manifestazioni con la direzione artistica della compagnia il melarancio di cuneo al di là della bontà della proposta strutturata su un ciclo di tre rappresentazioni teatrali a cadenza quindicinale la novità rispetto al passato è stata la gratuità dell ingresso a tutti gli spettacoli una scelta dettata dalla precisa volontà di permettere a genitori e figli di avere accesso alla cultura anche in un momento di crisi economica persistente come quello attuale nel quale anche nelle nostre famiglie è facile pensare a tagli al bilancio proprio in direzione della cultura il proseguimento naturale della rassegna teatrale una sorta di appendice è stata organizzata in autonomia dagli stessi assessorati ed ha visto l arrivo a boves per la prima volta delle marionette un arte antichissima rappresentata da maurizio lupi la cui tradizione di famiglia è secolare in un auditorium gremitissimo ci sarà modo in futuro di dedicarsi ancora al teatro e il tentativo sarà per le prossime edizioni di riuscire ad attivare nuovi corsi di teatro oltre a consolidare quelli già esistenti in collaborazione con compagnie già operanti sul territorio di boves e a esclusivo favore dei nostri ragazzi con l obiettivo di far loro sperimentare il teatro non solo come spettatori ma anche come attori È proprio sul coinvolgimento delle nostre forze interne associazioni e gruppi culturali e musicali che da tempo sono attivi nei loro specifici ambiti che verranno impegnate gran parte delle forze e confezioni uomo e donna biancheria per la casa piazza dell olmo 19 boves tel 0171.380.487 dell impegno È di questi giorni la redazione della convenzione per regolamentare l utilizzo dei locali comunali siti presso la scuola media dove abitualmente svolge la sua attività la banda musicale cittadina grazie alla stipula di questo documento la nostra banda tornerà ad essere punto fermo delle ricorrenze istituzionali come il 25 aprile e il 19 settembre oltre a confermare la tradizionale performance del sabato di san bartolomeo e la presenza di una rappresentanza di musicisti in occasione della ricorrenza del 4 novembre nella convenzione è pure contemplata la concessione degli stessi locali in determinate sere della settimana all orchestra amatoriale italiana con elementi anche bovesani la quale s a r à disponibile ad esibirsi sul territorio comunale per due volte all anno per quanto riguarda la musica altre sono le novità quella che più riempie di orgoglio è che in un periodo in cui gran parte degli istituti musicali non solo della provincia di cuneo hanno accusato flessioni a volte preoccupanti del numero di iscritti il nostro istituto musicale ha invece consolidato le presenze ai sempre più numerosi corsi questo grazie alla riconosciuta preparazione dei docenti e al lavoro instancabile del direttore giovanni selvaggi con il quale si stanno valutando tutte le boves società

[close]

p. 9

9 turismo resistenziale associazioni combattentistiche e d arma scolari studenti gruppi in genere italiani e stranieri che continuano numerosi a giungere a boves il numero di visitatori e di turisti che costantemente raggiungono la nostra città è costantemente aggiornato dal personale della biblioteca civica del ricetto che svolge anche mansione di ufficio turistico del comune e si attesta sulle circa tremila presenze annue per il solo turismo resistenziale la collaborazione del gruppo di volontari equinozio d autunno è ancora più prezioso se si considerano le imminenti celebrazioni del 25 aprile periodo nel quale abitualmente giungono a boves il maggior numero di delegazioni in particolare la festa della liberazione di quest anno vedrà un fitto calendario nel quale spiccano la rappresentazione teatrale di venerdì 23 all auditorium borelli dal titolo sentieri partigiani messa in scena dalla compagnia bovesana teatro degli episodi e l orazione ufficiale di domenica 25 tenuta dal regista e documentarista stefano savona sul tema la resistenza degli altri partendo dallo spunto offerto dalle sue ultime pluripremiate realizzazioni primavera in kurdistan e soprattutto piombo fuso girato quest ultimo nella striscia di gaza durante l omonima operazione israeliana di circa un anno fa e che gli è valso il premio della giuria all ultimo festival del cinema di locarno il programma completo verrà illustrato nei particolari attraverso gli organi di stampa e le pubbliche affissioni nell imminenza della ricorrenza come di consueto è un programma curato in collaborazione con la scuola di pace che nel frattempo sta continuando la fitta serie di incontri sempre pubblicizzati e promossi di volta in volta intorno al tema la conoscenza dell altro per sconfiggere la paura a salvaguardia dei diritti umani una parola per i giovani in particolare quelli della consulta rappresentati dal suo attivissimo presidente gabriele giordano una realtà che sta trovando sempre maggior vigore e a favore della quale si sta lavorando per trovare presto una sistemazione stabile gli appuntamenti proposti dalla consulta che normalmente hanno luogo all auditorium borelli sono rivolti a tutti sono rivolti a tutti anche ai meno giovani e sono a ingresso libero in questi primi mesi dell anno di notevole risalto e qualità è stato l appuntamento organizzato in collaborazione con libera durante il quale è stato proposto un cineforum intorno al tema delle mafie mentre il 12 marzo vi è stata una interessante proposta teatrale-musicale interamente ideata dai ragazzi della consulta e dedicata all universo femminile pochi giorni dopo la festa della donna il luogo in cui dovrebbe trovare spazio un locale da concedere appositamente in uso alla consulta è lo stabile della ex filanda favole intorno al quale si stanno facendo tutti i passi necessari per risolvere il problema della destinazione d uso complessiva il consiglio comunale ha approvato nella seduta del 10 marzo la convenzione che affida in uso gratuito la struttura alla comunità montana alpi del mare conlo scopo di evitare qualsiasi rischio connesso al mancato rispetto del cosiddetto patto di stabilità e quindi all acquisizione e all utilizzo dei fondi ancora necessari per portare a compimento il progetto proposto dall associazione fabbrica dei suoni e consistente nell allestimento denominato l atlante dei suoni complementare alla struttura già esistente a venasca in valle varaita e gestito dalla medesima associazione franchino roberto impianti elettrici carpenteria in ferro impianti elettrici tv sat antifurti cancelli automatici cell 347.7173588 via aldo viglione 12 boves via degli artigiani 43 boves cn telefono e fax 0171/380679 cell 335-5465504 boves società

[close]

p. 10

10 ecco alcuni suggerimenti per risparmiare denaro in maniera più diretta e immediata oppure evitando sprechi o spese inutili e magari limitando anche la produzione dei rifiuti e l inquinamento in generale le pile ricaricabili hanno costi maggiori delle comuni usa e getta ma si possono ricaricare per centinaia di volte con un caricatore universale dal costo di pochi euro sono molto convenienti specie se usate per le torce per le apparecchiature elettroniche i giocattoli ecc fanno risparmiare anche indirettamente perché non finiscono subito nei rifiuti gli aeratori per rubinetti e docce sono dispositivi che miscelano aria al flusso d acqua creando un getto più leggero ma altrettanto efficace ci fanno risparmiare anche il 50 d acqua senza che ce ne accorgiamo in molte delle nostre case sono già presenti ma nel tempo possono essere intasati da incrostazioni di calcare o altre impurità e vanno quindi sostituiti quando necessario occorre prestare attenzione nella scelta del prodotto in quanto i vari modelli presenti sul mercato hanno prezzi e caratteristiche di durata molto diversi per risparmiare sulla bolletta dell enegia elettrica È banale ma il primo risparmio si ottiene spegnendo ogni lampada della casa o altro utilizzo quando questo non è strettamente necessario ma per ottenere di più si può pensare a diversi dispositivi come le lampade a basso consumo che costano decisamente più delle lampade ad incandescenza ma hanno una durata che è di circa otto volte maggiore di quelle tradizionali e permettono di avere la stessa illuminazione con un consumo ridotto dell 80 circa la maggiore durata va a vantaggio del volume dei rifiuti ma devono essere smaltite con le stesse modalità delle apparecchiature elettroniche lo stand by stop dispositivo elettronico che permette di eliminare i consumi di energia elettrica che tutti gli elettrodomestici dotati di radiocomando hanno anche quando sono spenti tv lettori dvd decoder video registratori ecc l intervento più importante ma anche più impegnativo dal punto di vista economico e tecnico consiste nell installazione di pannelli fotovoltaici i quali permettono di produrre energia elettrica direttamente sul tetto di casa la spesa iniziale è considerevole ma grazie agli incentivi statali ed alle diverse formule di contratto offerte dal mercato possono risultare un buon investimento per il futuro oltre ad un risparmio immediato sulla bolletta per risparmiare sulla tassa rifiuti come sappiamo occorre innanzi tutto cercare di ridurre la quantità di rifiuti che produciamo ma è importante anche dividere i rifiuti in base alla loro tipologia questo perché per smaltire rifiuti indifferenziati è molto più costoso È possibile però risparmiare subito il 10 della tassa dovuta se si utilizza un composter si tratta di un contenitore da collocare nell orto o giardino di casa dove possiamo smaltire l umido e non solo prodotto in casa questo particolare contenitore può essere acquistato per poche decine di euro anche tramite il comune ufficio lavori pubblici esiste poi un modo per evitare la fatica di recapitare al cassonetto del verde l erba del prato e di pagarne poi lo smaltimento si tratta di lasciarla sparsa a terra senza raccoglierla questo è possibile senza danneggiare il manto erboso con un sistema denominato mulching esso si ottiene con gli appositi rasaerba oppure con un comune rasaerba appositamente attrezzato di lama particolare che sminuzza finemente l erba e la distribuisce a terra in modo uniforme per risparmiare sulle spese del riscaldamento degli ambienti e dell acqua per usi sanitari che sono tra le principali voci di spesa di ogni famiglia È da tenere presente prima di tutto che ogni grado di temperatura in meno fa risparmiare circa il 5 sui consumi pertanto indossare una maglia in più può fare risparmiare nell arco della stagione anche un centinaio di euro È possibile però ottenere dei risparmi ben più consistenti attuando alcuni provvedimenti più o meno costosi come i seguenti -le valvole termostatiche di facile installazione permettono di avere una regolazione indipendente su ogni radiatore e quindi la temperatura desiderata per ogni ambiente della casa evitando così sprechi del riscaldamento il miscelatore termostatico permette di prendere dalla caldaia solo la quantità minima necessaria di acqua bollente di miscelarla e farla circolare nell impianto già alla temperatura desiderata evitando così inutili dispersioni di calore nelle tubazioni per evitare sprechi è necessario prestare particolare attenzione all isolamento termico delle abitazioni come per esempio i cassonetti delle tapparelle avvolgibili sono spesso uno dei punti deboli dell isolamento termico e acustico applicare all interno del cassonetto uno strato di materiale isolante spesso è possibile con una piccola spesa e può dare vantaggi immediati l installazione di vetri doppi a bassa emissività termica e delle guarnizioni spesso possibile anche sui vecchi serramenti può eliminare buna parte degli spifferi e migliora decisamente l isolamento termico ed anche acustico della casa infissi a bassa trasmittanza termica di diverse tipologie e di diversi materiali montano sui battenti doppie o triple guarnizioni e sono sempre dotati di doppi vetri bassi emissivi contenti nell intercapedine un gas che ne aumenta l efficienza isolante isolamento del solaio nei casi in cui l abitazione confini con un solaio non riscaldato può dare notevoli vantaggi distendere sul pavimento superiore un adeguato strato di materiale isolante per impedire la dispersione di calore attraverso il soffitto boves società

[close]

p. 11

11 isolamento delle pareti nei casi in cui i muri perimetrali della casa di vecchia costruzione sono doppi ma privi di isolante nell intercapedine è possibile inserire del materiale isolante attraverso pochi e piccoli fori praticati nel muro e poi richiusi isolamento a cappotto nel caso i muri perimetrali siano pieni tipici delle vecchie costruzioni è possibile ottenere un efficace isolamento tramite la copertura di tutta la facciata con una pannellatura di materiale isolante poi ricoperto con intonaco e nuovamente tinteggiato caldaia a condensazione per chi utilizza il gas metano oppure il gpl installate in sostituzione di caldaie tradizionali e regolate in modo adeguato all impianto garantiscono risparmi importanti sui consumi tramite un impianto a pannelli solari termici installati sul tetto di casa la produzione dell acqua calda per usi sanitari può essere ottenuta direttamente dal sole per buona parte dell anno con un risparmio pari al 60 della spesa specifica tutti gli interventi sopra elencati per il risparmio sul riscaldamento degli ambienti e dell acqua se documentati e realizzati secondo alcune semplici procedure danno diritto ad un risparmio sull irpef pari al 55 dei costi sostenuti chi desidera avere ulteriori informazioni in merito a questi incentivi o sui risparmi energetici che può realizzare nella propria casa può rivolgendosi allo sportello energia disponibile gratuitamente presso il comune riceve previo appuntamento al numero 0171 391.811 oppure all indirizzo di posta elettronica gabriella.maccario@comune.boves.cn.it l amministrazione comunale intende sensibilizzare i cittadini al rispetto dei regolamenti comunali ed in particolare alle norme in essi contenuti riguardanti comportamenti ritenuti per la civile convivenza molto importanti in questo contesto si ricorda che il regolamento di polizia urbana prevede art 68 nelle vie e nei luoghi pubblici o aperti al pubblico comprese le aree giochi i cani non devono essere abbandonati a se stessi ma condotti dai proprietari mediante guinzaglio nei parchi e aree verdi qualora non si verifichino condizioni di pericolosità per la pubblica incolumità i cani possono essere lasciati liberi ma sotto la costante custodia dei detentori.i conduttori di cani devono essere muniti di appositi mezzi per la raccolta degli escrementi prodotti dai propri animali allorchè li conducano per le via piazze parchi ed in genere in tutti i luoghi aperti al pubblico e devono ripulire i siti dalle deiezioni le prescrizioni del presente comma non si applicano nei confronti dei non vedenti accompagnati dal proprio cane-guida le violazioni al presente articolo comportano l applicazione della sanzione amministrativa del pagamento della somma da 25,00 a 500,00 ai sensi dell art 49 è altresì vietato consentire ai cani bagnarsi nelle pubbliche fontane introducendosi nelle stesse il comando polizia municipale è stato incaricato di intensificare i controlli per tali violazioni spazio legno s.n.c e giuliano c la ditta è presente sul mercato da vari anni la specializzazione in questo settore e le tecnologie costruttive permettono di produrre praticamente qualunque foggia di porta e finestra primario è l impegno ad individuare e realizzare prodotti che possano soddisfare qualsiasi esigenza con una produzione ampia e diversificata av i bil i olg v una gamma di prodotti sempre aggiornata funzionalità manuale o con telecomando ottima qualità del prodotto prezzo e servizio avvolgibili nei vari materiali plastica legno alluminio acciaio con i vari tipi di manovra avvolgitori a cinghia tradizionali e a cassonetto arganelli a fune ad asta oscillante ecc spazio legno di pellegrino valerio e pellegrino massimo snc via cuneo 20/b 12012 pianfei cn tel 0174.585194 fax 0174.585194 info@spaziolegno.eu www.spaziolegno.eu sono inoltre disponibili tutte le prestazioni accessorie comandi multipli ­ sensibilità al vento e alla pioggia ­ programmazione degli orari ecc in caso di urgenza per quantitativi limitati è possibile fornire l avvolgibile nuova in 24 ore preventivi gratuiti con la posa in opera su richiesta effettuata da personale qualificato e nel tempo garantiamo assistenza veniteci a trovare via milia 4 boves tel 0171 38 02 34 38 03 71 fax 0171 38 74 06 www.giulianoinfissi.com info@giulianoinfissi.com boves società

[close]

p. 12

merca lo d e l fa g i o to 12 il comune di boves è sede da molti anni di un mercato alla produzione del fagiolo sino al 2003 ­ 2004 altre realtà mercatali caraglio castelletto stura cuneo contendevano al mercato bovesano il primato per quanto attiene ai quantitativi commercializzati i nuovi scenari commerciali hanno determinato in particolare in questi ultimi anni la chiusura di alcuni di questi attualmente nell areale cuneese operano due sole aree di contrattazione centallo su cui vengono convogliate le produzioni di fagiolo ottenute nelle zone pianeggianti del cuneese principalmente confezionate in sacchi e boves dove la produzione viene commercializzata ormai dalla metà degli anni 90 esclusivamente in cassetta consentendo quindi al prodotto di mantenere stabili nell intera filiera distributiva gli aspetti di qualità che lo contraddistinguono nel 1998 grazie a interventi finanziari della c.e obiettivo 5b per tramite della regione piemonte l amministrazione comunale ha potuto realizzare alcuni interventi sulla struttura mercatale di via borella offrendo maggiori servizi all utenza ampliamento dell ara coperta acquisto di attrezzatura idonea per il movimento delle merci il finanziamento erogato al comune presupponeva tuttavia che la gestione del mercato un tempo gestita direttamente dal comune fosse affidata direttamenteai produttori nel 1999 è stato quindi costituito con atto notarile il consorzio produttori agricoli bovesani cui è stata affidata la gestione del mercato in collaborazione con gli assessorati all agricoltura del comune di boves ed i funzionari incaricati è proseguita l attività di commercializzazione di questo tipico prodotto cuneese con interessanti risultati nel 2009 hanno usufruito di questo servizio 114 aziende agricole provenienti da un areale particolarmente ampio dal monregalese al dronerese annualmente le aziende che intendono far transitare le proprie produzioni per le operazioni di vendita sul mercato bovesano aderiscono al consorzio pagando una quota associativa stabilita dal consiglio direttivo e contribuendo a partire dal 2009 anche alla copertura dei costi inerenti le operazioni di controllo e gestione diretta del mercato per la copertura dei costi il consorzio usufruisce altresì di un contributo economico nell ordine di 1.000 ­ 2.000 anno elargiti dall amministrazione comunale il mercato è operativo a partire dalla metà di luglio sino a fine ottobre tutti i giorni della settimana esclusa la domenica le contrattazioni iniziano alle ore 14,00 e terminano entro le 15,00 il mercato vede poi la partecipazione attiva nella fase di contrattazione di 10 ­ 12 operatori commerciali locali i quali giornalmente si confrontano con il mondo produttivo acquisendo le partite di prodotto stabilendo contestualmente una quotazione i prezzi rilevati giornalmente sul mercato di boves vengono resi pubblici all utenza agricola tramite una segreteria telefonica 0171 ­ 380774 attiva nel periodo di apertura del mercato a partire dalla sua costituzione è stato affidato il ruolo di presidente al dott michele baudino ricercatore del creso il consiglio direttivo ha gestito in questi anni il mercato cercando di migliorare da un lato gli aspetti qualitativi del fagiolo rosso e dall altro cercando di consolidare i rapporti tra il mondo della produzione e gli stessi operatori commerciali nelle tabelle e grafici allegati si riportano i quantitativi commercializzati sul mercato di boves a partire dal 1999 tabella 1 e grafico 1 dove si evidenziano volumi importanti di prodotto commercializzato solo nel 2009 sono stati accertate produzioni superiori ai 13.000 quintali ed un valore di produzione significativo sempre nel 2009 il valore della produzione ha superato 1,5 milioni di certamente le oscillazioni dei quantitativi di prodotto negli anni risentono di particolari situazioni ambientali ad esempio le elevate temperature del 2003 hanno determinato una scarsa allegagione su una vasta area produttiva con conseguente forte flessione dei quantitativi commercializzati i prezzi medi di vendita nel corrente anno si sono attestati su livelli leggermente inferiori ai dati dell ultimo quadriennio mentendo comunque alla luce delle situazioni che caratterizzano i vari comparti produttivi ortofrutticoli un interessante valore 1,25 kg al lordo dei costi di imballaggio boves società

[close]

p. 13

13 riteniamo doveroso rivolgere un ringraziamento particolare alle aziende agricole ed agli operatori commerciali che utilizzano il mercato di boves per la contrattazione del fagiolo fresco un grazie particolare va rivolto alla sig.ra maddalena tardivo ed al marito giancarlo baudino per la preziosa collaborazione fornita in questi anni al consorzio tabella 1 volumi commercializzati mercato boves 1999 2009 evoluzione dei prezzi e dei quantitativi commercializzati nel 2009 evoluzione quantitativi commercializzati nel periodo 1999 2009 e prezzi medi di vendita espressi in kg tende pellegrino claudio tende da sole tendaggi per interni zanzariere tende a rullo e veneziana via marzabotto 61 boves tel 0171.389388 cell 348.4551765 boves società

[close]

p. 14

spazio autogestito dal 14 ed a mantenere viva l attenzione della mag gruppo consigliare noi per boves ­ consigliere maria peano gioranza vogliamo ricordare qui in rapido riepilogo tematiche come l invaso e la queun impegno responsabile per il bene della città sono passati quasi nove mesi dalle elezioni il lavoro fatto è stato tanto ci sentiamo di affermarlo con autentica soddisfazione e forse è stato anche più faticoso di quanto ci saremmo aspettati ma di una cosa in particolare siamo ancora più soddisfatti che gli impegni presi con i nostri elettori sono stati mantenuti nel metodo innanzitutto avevamo detto di tenere in modo particolare alla correttezza politica a essere propositivi piuttosto che polemici a non scadere mai nei toni inutilmente provocatori di certi modelli televisivi della grande politica a non voler condurre battaglie sterili di principio ma di aver sempre come obiettivo primario l interesse dei cittadini di boves e così è stato abbiamo sempre continuato ad intendere la politica basandoci sul confronto e non sulla contrapposizione nel solo modo che il nostro gruppo consiliare crede giusto per stabilire un rapporto sincero con la popolazione nel contesto territoriale nel quale opera riteniamo che il cammino intrapreso insieme all attuale maggioranza nel saper cogliere istanze e proposte dei bovesani nel condividerne i problemi nell ascoltarne le richieste si stia dimostrando la strada giusta per far sentire i cittadini vicini a noi in quanto rappresentanti delle istituzioni ma anche alla politica in generale cioè a quella forma di dialettica civile e democratica che non si pone come fine il mero raggiungimento del consenso elettorale ma che ha per scopo ultimo la ricerca di soluzioni ai problemi attraverso il contributo e la partecipazione diretta di tutti gli esempi di questa nostra attività e della veridicità di quanto abbiamo detto sono sotto gli occhi di tutti ma ci teniamo a sottolinearne alcuni che ci sembrano prevalere sugli altri in questi mesi come attività consiliare abbiamo infatti portato avanti tutta una serie di importanti proposte tese a stimolare al meglio l attività amministrativa stione irrigua di rivoira e san mauro i lavori sui canali naviglio-vermenagna la variante strutturale al piano regolatore il tema dell acqua come bene pubblico la viabilità a fontanelle l importanza dell analisi dei problemi nelle varie commissioni rappresentative di tutte le parti politiche il disagio arrecato ai cittadini da decisioni prese con troppo ritardo com è avvenuto per la chiusura scuole per la neve su alcuni temi anche molto importanti le nostre proposte sono state accolte ad es la questione invaso e la richiesta di creare una commissione p.r.g in altri casi no ma la proposta è servita come stimolo per una riflessione più approfondita in merito da parte della maggioranza il tema dell acqua come bene pubblico è un esempio la maggioranza ha presentato successivamente la nostra proposta che non aveva votato precedentemente e questo non può che boves società

[close]

p. 15

rappresentare per noi una conferma della bontà nello specifico di quell iniziativa e in generale dello spirito con cui portiamo avanti il nostro lavoro e su questa strada vogliamo proseguire come attività sul territorio abbiamo organizzato incontri pubblici con la popolazione per il momento rivoira e fontanelle alla presenza di tecnici e amministratori esterni ingegnere capo dell acda assessori regionali presidente di comunità montana convinti che i problemi e le scelte sul territorio debbano essere portati avanti in un clima di totale condivisione con chi su quel territorio vive questo è un punto molto importante nel quale crediamo fermamente le scelte che riguardano una determinata categoria o una certa parte di territorio devono rispecchiare prima di tutto le istanze di quella categoria o di chi vive in quella zona ci sentiamo infine di rivolgere un augurio a questa amministrazione che sia capace di portare avanti i valori e l alto profilo che hanno caratterizzato la vita politica bovesana nei 60 anni precedenti dialogo condivisione delle scelte rispetto dei più deboli accoglienza integrazione attenzione non al bene del singolo ma a quello della collettività lungimiranza nelle scelte massima valorizzazione di tutte le realtà vive presenti sul territorio tanto associative quanto di volontariato rispetto dell ambiente e mantenimento a boves di quella vivibilità fatta di spazi e momenti d incontro e di percezione di sicurezza e fiducia nel prossimo senza i quali non può esserci serenità 15 vieni con la tua bottiglia e aiuti l ambiente uniti per boves ­ udc ­ pdl ­ lega nord consiglieri comunali maurizio paoletti sergio giordano e luigi soffietti -non ci ha soddisfatto la scelta di non condivisione delle posizioni nella nuova comunità montana soprattutto da un gruppo che dovrebbe essere sensibile al dialogo e da un sindaco che negli anni 80 ha ricoperto ruolo di giunta pur facendo parte di un gruppo di minoranza ove anche altre minoranze avrebbero potuto essere elette garantendo una forte rappresentatività bovesana non solo dei due principali gruppi bovesmia con il 38 dei voti e uniti per boves con il 36 ma anche della sinistra noi per boves con il 15 dei voti mandando in consiglio i rappresentanti dei tre gruppi la giunta ha ritenuto di non voler concedere nulla alle minoranze la maggioranza è riuscita ad imporre un assessore ed il sindaco ad essere eletto vicepresidente della conferenza dei sindaci della comunità montana anche il nostro gruppo ha fatto la sua parte con l inaspettato riconoscimento della presidenza del consiglio che per una minoranza rappresenta un segnale di attenzione da parte di segue pag.16 gruppo consiliare dopo la tornata elettorale dello scorso anno il gruppo uniti per boves-udc-pdllega nord ha assunto nei confronti della nuova giunta le scelta dell attesa per permettere ad una squadra composta quasi per l intero da persone che non conoscono la macchina amministrativa di prendere consapevolezza dell impegno ed attivare le prime linee guida degli anni che verranno nei primi sei mesi abbiamo limitato le interpellanze ed interrogazioni per evitare che ci si potesse accusare di ostruzionismo anche se pare inverosimile che tre consiglieri possano in qualche modo ostacolare l attività di una maggioranza forte di ben dodici componenti ecco in sintesi alcune osservazioni sui primi 9 mesi di gestazione della giunta giuliano abbiamo appoggiato la mozione presentata da una consigliera mi minoranza sulla realizzazione dell invaso in valle colla perché riteniamo la scelta strategica per l economia agricola bovesana e cogliamo positivamente il fatto che la maggioranza abbia deciso di eseguire l opera grazie al finanziamento regionale anche se rimangono immutate le nostre perplessità sulla individuazione del sito ove verrà realizzato abbiamo sollecitato a febbraio l assessore all agricoltura silvana dutto a convocare la commissione canali per far ripartire il lavoro di revisione del catastino che la precedente amministrazione aveva avviato dopo sei mesi la commissione è finalmente stata convocata per l esame delle relative problematiche abbiamo apprezzato la scelta di eliminare l incarico del direttore generale così come dei costosi telefonini ad assessori e consiglieri di maggioranza mentre abbiamo criticato la scelta di non ragguagliare lo stipendio del vicesindaco a quello degli altri assessori come fatto dalla precedente giunta in un momento in cui si chiedono sacrifici ai cittadini ci pare giusto che il buon esempio venga da chi ci amministra con tagli agli emolumenti boves società

[close]

Comments

no comments yet