mondoreale66

 

Embed or link this publication

Description

mondoreale magazine numero 66

Popular Pages


p. 1

anno iii numero 25 1 ottobre 2010 n.66 politica latina il partito democratico punta su claudio moscardelli sindaco sezze ecco quel che resta della coalizione campoli attualitÀ sezze ennesima azione legale contro la dondi latina nexans proseguono senza sosta le trattative editoriale di simone di giulio premetto che la terminologia che utilizzerò per scrivere questo editoriale potrebbe non essere adatta a lettori particolarmente suscettibili se non volete urtare la vostra sensibilità fermatevi qui grazie attualitÀ priverno d arcangeli affronto frontale all amministrazione maenza al cimitero loculi in eterna attesa sermoneta il consiglio comunale sollecita il piano aziendale della corden pontinia il consigliere novelli torna ad esprimere dubbi sulla gestione del settore commercio cronaca di una morte annunciata della chiusura o smobilitazione o ridimensionamento lo possiamo chiamare come vogliamo si sapeva tutto da tempo da anni da quando il san carlo cominciò ad entrare in quell orbita malvagia fatta di tagli e di equilibri sempre più precari si sa che sarebbe arrivata la chiusura definitiva da quando si chiuse il primo reparto passando attraverso la chiusura della neonatologia del pronto soccorso fino ad oggi inutile adesso gettare la croce addosso alla polverini che se ne sbatte le palle dell ospedale di sezze a lei come alla classe politica intera che viene a cercare consensi in un territorio qualsiasi interessavano i nostri voti le nostre croci tutti nessuno escluso continuano a trattarci come oggetti rincoglioniti ed analfabeti la preferenza si esprime con una croce che tutti sanno fare anche i cattolici non frequentanti quindi è inutile adesso sbatterci alla ricerca di spiegazioni che non arriveranno e minacciare azioni che da anni aspettano solo di essere manifestate piuttosto pensiamo a chi ci abbiamo mandato lì a difendere i nostri sacrosanti diritti pensiamo ai vari di giorgi fazzone sciscione del balzo forte mentre un centinaio di setini si accomodavano per un quarto d ora sui binari cercando di non beccare un paio di denunce queste persone dove stavano guardavano al proprio orticello per non dire altro oppure non ritenevano opportuno farsi vedere perché la pubblicità non sarebbe stata uguale a quella dell ultimo consiglio straordinario tenutosi al costa quando tutti vollero salire sul palco e dimostrarci quanto siamo coglioni cultura parte il teatro per ragazzi al teatro moderno di latina sezze in teatro con il teatro e tra in teatro sicurezza stradale il lago dei poeti a s arsenio musica un viaggio siderale de profundis renata polverini firma la chiusura dell ospedale vani anche gli ultimi tentativi di salvarlo

[close]

p. 2

sezze treni fermi ospedale chiuso mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 manifestazione bipartisan per evitare la smobilitazione del san carlo politici e cittadini calano l ultima carta ma probabilmente non basterà di simone di giulio arriva un altra batosta sulla questione legata alla chiusura dell ospedale san carlo di sezze martedì mattina voci di corridoio poi confermate narravano di una renata polverini sul punto di firmare il documento definitivo per il riordino del sistema sanitario laziale la notizia dell iniziativa della governatrice del lazio è arrivata come una sorta di fulmine a ciel sereno in realtà un attenta analisi avrebbe dovuto far presagire che la chiusura definitiva si sarebbe realizzata a partire dall 1 gennaio 2011 ma la decisione sarebbe stata anticipata al 30 settembre la notizia è arrivata nella mattinata di martedì 28 settembre e la reazione degli amministra tori è stata univoca una manifestazione plateale con blocco della circolazione dei treni presso la stazione ferroviaria una doccia ghiacciata evidentemente per gli amministratori locali che pensavano di aver risolto la querelle e di aver salvato il nosocomio setino con il documento redatto e presentato nel consiglio straordinario sull ospedale tenutosi all auditorium mario costa vane quindi anche le prese di posizione dell amministrazione provinciale nei riguardi dell ex sindacalista pidiellina nel pomeriggio un discreto gruppo di cittadini e una solida rappresentanza dell amministrazione comunale si è radunata presso lo scalo ferroviario di sezze armata di megafoni e di striscioni contro il decreto in procinto di essere firmato dal commissario ad acta per la sanità laziale dopo circa un ora per organizzare il tutto in sicurezza si è passati al blocco vero e proprio il sindaco ha invitato i cittadini a considerare comunque che l azione potesse avere anche conseguenze di natura legale con le stazioni di latina e priverno-fossanova bloccate e con un collegamento telefonico con la regione lazio in attesa di essere messi in contatto proprio con renata polverini si è passati all azione a rimetterci solo un treno di pendolari diretto a napoli con gli occupanti che hanno subito perso la pazienza e sollecitato i manifestanti a spostarsi a margine dell occupazione dei binari le dichiarazioni del consigliere regionale claudio moscardelli che ha definito quello di renata polverini un atto vergognoso e del consigliere provinciale enzo eramo che ha ricordato come la azienda sanitaria locale di latina sia quella meno indebitata rispetto ad altre realtà regionali e come invece sia quella che più a pagato in termini di tagli eramo ha anche sottolineato il paradosso di voler ridimensionare l ospedale di sezze facendolo diventare una residenza sanitaria per anziani quando la stessa regione lazio da anni non riesce ad attivare strutture deputate allo stesso ruolo come sabaudia e l icot di latina in chiusura il sindaco di sezze andrea campoli ha confermato il mancato contatto telefonico con una polverini non rintracciabile ed ha annunciato ai cittadini che la battaglia per evitare la chiusura dell ospedale non si fermerà nemmeno nei prossimi giorni 2

[close]

p. 3

nuova battaglia contro la dondi il comitato di difesa dell acqua pubblica mette a disposizione un pool di avvocati per la questione delle tariffe applicate in bolletta di simone di giulio sezze mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 i cittadini di sezze avranno un altra possibilità di far valere i loro diritti nei confronti della dondi la concessionaria del servizio idrico integrato dal 1993 a sostenerlo è il locale comitato di difesa dell acqua pubblica che lo scorso sabato 26 settembre ha spiegato ai cittadini le questioni legate agli aumenti delle tariffe idriche illegittime secondo il tar del lazio che il 28 settembre 2009 si è espresso in merito all aumento attuato dalla società veneta a partire dall 1 gennaio 1997 i dieci anni di sospensiva del primo ricorso della dondi nei confronti dell upica non avevano mutato la scena con la società veneta che aveva continuato ad aumentare le tariffe di sbagliato invece c erano proprio i presupposti di quegli aumenti dettati da una libera interpretazione della convenzione stipulata nel 1993 con il comune di sezze non in base alle normative che regolavano le tariffe in tutta risposta alla decisione del tar la dondi aveva continuato ad emettere bollette con la tariffazione sbagliata costringendo il comune lo scorso 20 aprile a dichiararsi pronto a sostenere una class action nei confronti della società di rovigo concessionaria del servizio idrico integrato il silenzio durato 6 mesi è stato interrotto dal comitato di difesa dell acqua pubblica che ha deciso di intervenire per il ripristino delle tariffe che prevede la normativa vigente e il ricorso dei tantissimi utenti setini che per oltre dieci anni hanno pagato l acqua più del dovuto sulla sentenza del tar la dondi ha fatto ricorso che il prossimo 17 dicembre sarà discusso in consiglio di stato ma il rischio è quello che dopo la sentenza possa partire un ulteriore ricorso in cassazione con lungaggini burocratiche che potrebbero far perdere ai cittadini la possibilità di retroattività dei rimborsi proprio per questo motivo il comitato di difesa dell acqua pubblica dopo le battaglie sulle agevolazioni tariffarie per le utenze deboli e sul depuratore mobile entrambe vinte ha deciso di mettere a disposizione dei cittadini un pool di avvocati tra cui i setini vincenzo del duca ed enzo tosti per richiedere la restituzione delle quote eccessive pagate in bolletta negli ultimi dieci anni per informazioni ci si può rivolgere al portavoce del comitato di difesa dell acqua pubblica paolo di capua al numero 3477595135 patrizio lisi l amministrazione difende la societÀ che gestisce il servizio l acqua resta privata e l amministrazione non ha alcuna intenzione ad aprire un dibattito affinché torni pubblica questa la posizione emersa nel corso dell ultimo consiglio comunale e durissima la reazione del partito di sinistra ecologia e libertà che in una nota afferma quello che si è consumato rappresenta l ennesimo atto impositivo della classe politica setina privo di qualsiasi concertazione e gradimento da parte della cittadinanza la votazione unanime della maggioranza e della minoranza su due dei punti più delicati all ordine del giorno come la questione acqua e agricoltura va in netta controtendenza rispetto alle esigenze del territorio il partito sottolinea la bocciatura della mozione presentata dal comitato acqua pubblica di sezze con la quale veniva richiesto l inserimento nello statuto comunale di alcuni principi per la tutela delle risorse idriche siamo alle solite scarso interesse sul tema acqua estensione delle garanzie per il privato che gestisce il servizio idrico rispetto alle esigenze e alla volontà dei cittadini la dondi rafforza ancor di più la sua posizione all interno del consiglio potendo contare su alleati di un certo peso politico come l assessore bernabei e il gruppo udc 3

[close]

p. 4

con i suoi 2,5 mwp di potenza rappresenta uno tra i più grandi parchi fotovoltaici della provincia di latina la struttura è stata realizzata dalla ditta ingaeta di simone di giulio sezze nasce il setia solar mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 park e stato inaugurato sabato 26 settembre il setia solar park che con i suoi 2,5 mwp di potenza rappresenta uno tra i più grandi parchi fotovoltaici della provincia di latina a realizzare la mega struttura sita in via roana è stata la ditta ingaeta che vanta un esperienza di oltre vent anni nel settore elettrico industriale alla continua ricerca di soluzioni tecnologicamente innovative e che ha deciso di investire fortemente nel settore dell energia fotovoltaica già a partire dall anno 2002 con l avvento della prima forma nazionale di incentivazione denominata 10.000 tetti fotovoltaici inizia l iter autorizzativo che porterà alla luce nell estate del 2004 i primi impianti che risultano tutt oggi perfettamente funzionanti a fine 2005 parte la prima forma di incentivazione basata sul conto energia nonostante le molte carenze di tale primo decreto nei due anni successivi ingaeta realizza diversi impianti ponendosi a livello nazionale quale pioniere di tale tecnologia il 19 febbraio 2007 il nuovo decreto in conto energia da una spinta energica al settore che in pochissimi anni si avvicina ai livelli della germania prima assoluta in europa la ditta con sede a sabaudia partecipa alla crescita investendo in maniera massiccia nel settore soprattutto grazie allo sviluppo di inseguitori solari biassiali e al numero sempre crescente di impianti installati a fine 2009 la potenza degli impianti installati ed entrati in esercizio sarà superiore a 3mwp l idea del setia solar park nasce nel marzo 2007 su richiesta di un potenziale investitore tedesco in italia viene formulata una prima offerta di un grande impianto fotovoltaico a terra inizialmente da 5 mwp negli sviluppi successivi tale proposta viene ridimensionata a 2,5 mwp e viene siglato un primo accordo in cui il ruolo dell azienda pontina è quello di sviluppare il progetto e le autorizzazioni ricercare e acquistare il sito realizzare l impianto tutto ciò sarebbe stato finanziato e acquistato da un fondo di investimento per un valore ipotizzato di 12 milioni di euro nel 2008 individuato un terreno di circa 6 ettari pianeggiante e libero da ostacoli ne viene formalizzato l acquisto 5 dei 6 ettari costituiranno l attuale sito di setia solar park subito dopo inizia l iter autorizzativo che si scoprirà sin dai primi momenti pieno di ostacoli le trattative con l azienda tedesca invece rallentano bruscamente con i teutonici che si rivelano sempre meno in grado di affrontare un investimento del genere trattandosi di uno dei primi impianti di questo genere l iter è particolarmente lungo e complesso e denota sostanzialmente l inesperienza nel settore di tutti i soggetti nonché il ruolo primario delle normative della burocrazia e dei relativi tempi vengono coinvolti un numero elevato di enti tra cui l amministrazione provinciale la regione lazio la soprintendenza dei beni archeologici il comune di sezze e l enel tanti i vincoli da superare durante la prima fase quello paesaggistico archeologico idrogeologico di attraversamenti idraulici e le caratteristiche scadenti del terreno tutto ciò comporta ulteriore lavoro altre conferenze dei servizi esecuzione di numerose trincee di sondaggio sul terreno necessità di rialzare il pavimento delle cabine per il rischio inondazione necessità di utilizzo di particolari tecniche di attraversamento idraulico con sistema teleguidato necessità di elevata profondità di infissione per i pali di fondazione il 24 giugno 2009 con prot n 42956 viene emessa dalla provincia di latina settore ecologia e ambiente l autorizzazione unica per la realizzazione e l esercizio dell impianto fotovoltaico da 2.502,5 kwp e relativo elettrodotto di connessione alla rete nazionale a favore di ingaeta nel secondo semestre 2009 i rapporti con gli investitori tedeschi già particolarmente difficili nell ultimo periodo si interrompono definitivamente anche due successivi timidi tentativi con aziende spagnole non hanno miglior sorte dopo 100 giorni di lavoro l impianto viene ultimato e finalmente il 30 agosto 2010 setia solar park viene connesso alla rete ed entra ufficialmente in esercizio sotto un ottimo auspicio già il primo giorno di connessione vengono toccate punte di generazione di oltre 2 mw 4

[close]

p. 5

pur restando solida dal punto di vista numerico la maggioranza ha perso tutti i connotati politici e partitici che l avevano caratterizzata nella corsa alle amministrative del 2007 di alessandro mattei ecco quel che resta della coalizione campoli sezze mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 onirika edizioni presenta paolo casadei è subentrato in consiglio comunale al compianto lino de angelis la sua collocazione in aula però è all opposizione differentemente dal ruolo politico e istituzionale che ha occupato sino alla prematura scomparsa il consigliere de angelis la maggioranza consigliare dunque perde un voto e da 12 passa a 11 pur restando solida dal punto di vista numerico è politicamente che ha perso tutti i connotati politici e partitici che l avevano caratterizzata nella corsa alle amministrative del maggio 2007 e vediamo il perché per quanto riguarda il partito democratico a parte la surroga del consigliere enzo eramo con l ingresso in aula di giovanni bernasconi la situazione resta immutata unica voce fuori dal coro quella del presidente del consiglio comunale giovanni zeppieri allontanatosi negli ultimi tempi dalla linea del pd e della stessa maggioranza su alcune tematiche ritenute improcrastinabili per il resto i partiti della coalizione che hanno portato alla vittoria andrea campoli al primo turno sono evaporati e restano solo dei rappresentanti comunali che in realtà rappresentato solo se stesse o gli interesse della piccola cricca a loro vicina incominciamo dal defunto/risorto udeur che nelle amministrative del 2007 aveva eletto il consigliere enzo polidoro e luciana lombardi la loro collocazione oggi è sparsa polidoro dopo un passaggio veloce da leader dell idv ha aderito all udc mentre la lombardi resta nella rosa degli indipendenti l italia dei valori che aveva fatto eleggere il consigliere ernesto di pastina è rimasta anch essa orfana di rappresentati istituzionali dato che il di pastina fa parte anche lui degli indipendenti venendo ai socialisti allo sdi non si può più dire che sia rappresentato dal consigliere comunale salvatore leggeri in rotta da anni con il segretario e il resto del partito per quanto riguarda l italia di mezzo che aveva eletto l attuale assessore pietro bernabei al quale era subentrato lino de angelis oggi non ha più un consigliere casadei come già detto è all opposizione con il nuovo polo resta la lista civica tutti per sezze che è sempre stata solo unica espressione del consigliere comunale giovanni orlandi in continuità del resto con la politica dell orticello partorita dalla coalizione dell ex sindaco lidano zarra di cui orlandi ne è stato rappresentante tiriamo le somme la coalizione politica del sindaco non ha colore né rappresentanti politici eccetto per il pd che visto così ha un atteggiamento egemone su tutti gli altri dal punto di vista numerico anche se andrea campoli può continuare a dormirne sonni tranquilli in quanto nessuno sarà tentato di voltargli le spalle per disciplina di partito o per ossequioso rispetto di ordini di scuderia anzi ma il problema al contrario è tutto politico quali partiti si siederanno intorno ad un tavolo per parlare della prossima coalizione di governo l udeur lo sdi l idv e il resto della sinistra che ha sostenuto la squadra ed è stata tagliata fuori dai giochi di palazzo ad oggi non ci sono le condizioni per realizzare una grande coalizione che possa dare continuità all azione di governo della giunta campoli sempre se il candidato per il 2012 sia sempre l attuale sindaco direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattore alessandro mattei redattori domiziana tosatti luisa belardinelli paola bernasconi marco fanella roberto tartaglia responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito web sketch[idea stampato presso arti graficheciverchia via del pantanaccio latina contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione il 29 settembre 2010 pubblicità primo piano 5 5 6

[close]

p. 6

sezze antonio vitelli il bicchiere mezzo pieno mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 dopo tre anni di consiliatura sembra naturale tracciare un bilancio amministrativo dell esperienza che governa sezze cercando di valorizzare i risultati positivi che certo non annullano i problemi del nostro territorio ma che incoraggiano a guardare con fiducia al futuro mi riferisco ad un giudizio globale amministrativo basato su 4 caratteristiche innovazione cambiamento coraggio e rinascita 1° l innovazione coincide con l operato dell assessorato dei settori produttivi di raimo che grazie a un sistema di aiuti e sollecitazioni al settore economico locale bandi per l assunzioni nelle aziende contributi alle imprese femminili agli investimenti aziendali stages formativi alle produzioni locali ha interagito con quasi 100 imprese setine il centro commerciale naturale la navetta per il centro storico la valorizzazione della sagra del carciofo che l anno prossimo sarà realizzata esclusivamente con i carciofi setini grazie ai contributi assegnati a 30 produttori in totale parliamo di una platea di quasi 200 attività economiche del nostro territorio che finalmente sono state messe al centro di un azione amministrativa anche grazie all operato delle commissioni bilancio e settori produttivi 2° il cambiamento riguarda l operato dell assessore ai lavori pubblici bernabei che ha saputo rendere più efficiente e trasparente l ufficio tecnico comunale realizzando consegnando e appaltando opere pubbliche per oltre 12 milioni di euro i nuovi campi da tennis il rifacimento di via dei templi i nuovi marciapiedi in via cappuccini palazzo pitti via roma gli interventi conclusi in 3 plessi scolastici gli interventi sulla rete viaria da via boccioni fino alle migliare 45 46 e via maina il nuovo depuratore le rotatorie realizzate e quelle in fase di definizione un risultato possibile anche grazie all operato dei consiglieri provinciali eramo e polidoro e del delegato provinciale alla protezione civile di palma che hanno potuto contare sulla lungimiranza del presidente cusani portando a casa finanziamenti importanti la futura piscina comunale il rifacimento del piazzale della stazione ferroviaria il distaccamento di alcuni uffici comunali allo scalo rappresentano gli obiettivi futuri di un ragionamento complessivo tuttavia il risultato che segna un cambiamento radicale nell azione amministrativa è dato dal nuovo rapporto amministrativo che l ente comunale ha instaurato con la dondi spa i quasi 500 mila euro impiegati in tre anni per i lavori straordinari sull acquedotto e una verifica puntuale delle utenze pubbliche hanno creato le basi per porre fine a quel meccanismo perverso che periodicamente ha portato l ente a riconoscere debiti fuori bilancio alla concessionaria oggi come certificato dal lodo le voci che determinavano più dell 80 delle somme richieste dalla dondi sono state messe sotto controllo l adozione di un meccanismo più trasparente favorito dall informatizzazione dell ente ha portato numerose ditte e fornitori locali a interagire con il comune nel rispetto delle normative e della legge 6

[close]

p. 7

sezze 3° il coraggio di adottare e portare avanti politiche dal forte impatto sociale mi riferisco a quelle sulla sicurezza stradale costituite dal binomio autovelox e guida al futuro fortemente sostenute dalla commissione tematiche sociali 30 morti e 500 feriti questo il bollettino di guerra che in questi ultimi 10 anni ha insanguinato la nostra città oggi i dati ufficiali parlano di una diminuzione di oltre un terzo tra i decessi e della metà degli incidenti tra tutte le azioni a sostegno delle fasce socialmente più deboli quella di maggior rilievo riguarda i progetti realizzati negli ultimi 3 anni con il servizio civile che ha consentito a quasi 150 ragazzi setini compresi tra 18 e 29 anni di compiere importanti esperienze sociali e/o professionali garantendo loro una minima fonte di reddito 400 euro al mese per un anno sicuramente d aiuto in tempi di crisi 4° la rinascita culturale fa riferimento all operato di grenga aiutato sicuramente dalla giovane età che ha regalato a sezze una nuova svolta qualitativa e partecipativa un calendario di eventi estivi ed invernali di buon livello il coinvolgimento e la valorizzazione delle personalità pubbliche setine da martufello a daniele nardi da simeoni e tutti i vari campioni nelle diverse discipline le diverse convenzioni realizzate con le università per stages formativi per studenti l impegno per la difesa del sistema scolastico setino la promozione mediatica e culturale della sacra rappresentazione di cristo come l evento a santiago di compostela il successo del documenta film festival con le sue collaborazioni internazionali l associazionismo ha visto il consolidamento di una serie di iniziative già collaudate la valorizzazione di alcune realtà storiche come l associazione le colonne il grillo mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 un rilancio basato su 4 caratteristiche innovazione cambiamento coraggio e rinascita matutateatro acta teatro noi di suso colli tutto l anno la nascita e l affermazione di nuove come la compagnia s.giorgio il giardino dei sogni karibù e buna seara romania senza dimenticare tutti i comitati di zona e le diverse parrocchie operanti sul territorio insomma la ricostruzione di un patrimonio culturale sociale e civico condiviso finalizzato alla riscoperta di un nuovo concetto di comunità in cui ciascuno possa sentirsi legato e pienamente rappresentato il raggiungimento di questi risultati è stato possibile anche grazie all atteggiamento di una minoranza responsabile che ha messo da parte vecchi schemi e false contrapposizioni a favore di scelte ed atti amministrativi finalizzati al recupero del tempo perduto e delle occasioni perse ponendo fine alla guerra tra guelfi e ghibellini che a partire dal 1990 fino al 2006 ha caratterizzato la storia amministrativa di sezze rispondenti più alle logiche del teatrino della politica che alle esigenze vere della città un gruppo di responsabilità che di volta in volta ha condiviso le scelte di campoli e la sua maggioranza composto dal sottoscritto u dall ultimo candidato a sindaco della casa della libertà di palma dai consiglieri cerroni e casalini fino ad arrivare al consigliere reginaldi unico eletto di forza italia in definitiva campoli con i suoi 37 anni rappresenta il vertice di una piramide di una nuova classe dirigente che facilmente individuabile e in modo trasversale sta consentendo a sezze di uscire fuori dalle secche amministrative economiche sociali e culturali in cui era fini ta avendo di fatto abolito il potere di veto e ricatto di ogni ipotetico 11° consigliere declassando le beghe personali le richieste di poltrone e i giochetti di palazzo a residuo obsoleto di una prima repubblica partitocratica destinato ad essere smaltito con la raccolta differenziata che infatti in tre anni è passata dall 8 a quasi il 40 un altro risultato positivo di cui va dato atto all assessorato all ambiente maurizi 7

[close]

p. 8

latina di luisa belardinelli mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 il pd punta tutto su moscardelli il congresso sarà l occasione per formalizzare la candidatura del consigliere regionale nei giorni scorsi a latina all hotel europa si è svolta un iniziativa in previsione dei futuri congressi comunali e provinciali targata partito democratico in particolare il congresso comunale di latina sarà l occasione per discutere non solo dell organizzazione del pd del suo radicamento e del rilancio dei circoli ma anche e soprattutto del profilo e del contributo programmatico del partito in vista delle elezioni comunali di latina tornando all incontro all hotel europa è emersa l esigenza di sostenere claudio moscardelli alle primarie per la candidatura a sindaco e di costituire pertanto un gruppo forte e coeso per la ricostruzione della zoppicante e debole città di latina spiegano claudia bottan e gli altri iscritti presenti che è in grande difficoltà sia a livello sociale che economico e dopo 17 anni di governo del centrodestra che presenta un bilancio fallimentare il pd deve candidarsi per la guida della seconda città del lazio nuovi sistemi di mobilità legalità trasformazione modernizzazione e velocizzazione della macchina amministrativa maggiori servizi ai quartieri una politica con e per giovani e maggiore sicurezza inoltre si è parlato dello sviluppo dei due poli di latina scalo per logistica e servizi della marina del capoluogo al fine di incentivare il turismo del nuovo piano regolatore generale e del piano per l edilizia residenziale pubblica infine sempre durante l incontro molto sentito il tema dell autonomia di latina rispetto al tentativo di fazzone di mettere le mani sulla città il passo indietro di mauro visari il pd oggi esprime una personalità vincente quella di claudio moscardelli il quale avrà bisogno di forza politica e di un piano di lavoro innovativo per la città di latina questo è quello che in una nota ha sottolineato mauro visari consigliere provinciale un visari deciso e fermo nelle sue idee in vista poi di una sua potenziale candidatura al consiglio comunale egli sottolinea ho dubbi anche in merito a questo dato che l eventuale elezione si sommerebbe al ruolo di consigliere provinciale che come è noto ricopro da appena 1 anno una scelta forse non approvata da tutti calcolando che il giovane visari sul territorio ha sempre avuto un ottimo riscontro di consensi ed è sempre stato in prima linea non intendo comunque scappare dai temi cruciali che affliggono la nostra città sostiene sempre visari sono molto attivo nella costruzione di una strategia vincente su questi temi sono determinato e intransigente -continua e pronto a sfidare chiunque dobbiamo uscire dalla logica dei nomi e dai dibattiti teorici sulla coalizione e alla domanda cirilli o rifondazione egli risponde domanda inutile il primo è tempo che decida anche perchè il candidato buono per tutti non può essere buono per il pd i secondi sono persone serie privilegiano il programma ai nomi e allora grinta e ricostruzione delle relazioni sociali a latina secondo visari il quale propone il suo piano di radicale trasformazione suddiviso in quattro punti fondamentali burocrazia più imparziale più giovane più moderna urbanistica incentivare i piccoli imprenditori edili maggiore vivibilità servizi sociali negli ultimi anni la spesa per il settore è cresciuta del doppio purtroppo però il numero degli assistiti è più che triplicato in questo settore bisogna rivoluzionare la logica passando dalla semplice assistenza alla cura completa del soggetto servizi pubblici non accetterò mai una logica per cui le società in perdita vanno municipalizzate slm e terme perdono 250 mila euro l anno ciascuna mentre i parcheggi che producono solo utili vanno privatizzati con l urbania la grande stagione delle privatizzazioni dei servizi pubblici ha prodotto tariffe maggiori e servizi scadenti questo sistema va ripensato ma il vero candidato a questo punto chi è nasceranno delle gelosie e frustrazioni politiche certo è che dopo tale programma la linea che separa un candidato dal suo sostenitore è veramente sottile l.b nexans le trattative proseguono analizzati e discussi i progetti industriali relativi alle società mixer imq e consorzio alliance si è svolto martedì scorso nella sede del ministero dello sviluppo economico il primo dei due incontri previsti per la vertenza nexans analizzati e discussi i progetti industriali relativi alle società mixer imq e consorzio alliance massimo impegno di tutte le istituzioni affinchè si dia una risposta soddisfacente e concreta a tutti i lavoratori che oggi attendono un posto di lavoro questo è quello l ugl rappresentato da armando valiani segretario provinciale chimici non e nostra intenzione sostiene sempre il segretario scartare niente a priori ma società come mixer e imq disposte ad assorbire solamente 14 lavoratori complessivamente non ci sembrano delle realtà di una certa rilevanza e solidità industriale la nexans prosegue valiani come sottoscritto nell accordo del 26/07/10 siglato in regione lazio dovrà una volta per tutte uscire allo scoperto e dichiarare quanto già sottoscritto ossia che non ha nessuna pregiudiziale affinchè venga accettato un piano industriale riguardante la produzione di cavi elettrici cosa che fino ad ora a noi risulta non essere avvenuta l.b 8

[close]

p. 9

il senatore del pdl traccia le norme comportamentali per favorire il rilancio del partito di luisa belardinelli i 5 comandamenti di fazzone latina mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 dopo la tempesta la quiete secondo il senatore claudio fazzone pronto ad entrare in campo a latina la crisi nel comune di latina sostiene il senatore del popolo della libertà una volta metabolizzata dovrà essere considerata come una occasione per rilanciare l azione politica ed amministrativa nel capoluogo in provincia come nel resto del nostro paese il popolo della libertà alla luce degli ottimi risultati raggiunti sta raccogliendo ampi consensi tra la gente e gli elettori raggiungere con fermezza e lealtà gli obiettivi prefissati questo è l obiettivo del partito sulla scorta di quanto sta bilito dall ufficio di presidenza fazzone in una nota specifica alcune norme comportamentali e di buon senso alle quali è necessario attenersi per il futuro del pdl nella provincia di latina 1.dialettica interna al partito e un indubbio fattore di crescita quando è incentrata su proposte o fatti concreti 2.eliminare la sterile e strumentale critica spesso nasce attraverso le pagine dei giornali ed ha solo un effetto deleterio e destabilizzante 3.chiarezza e coerenza nei comportamenti e nelle scelte non può essere consentito a nessuno il doppio binario della critica locale e della condivisione a livello regionale e nazionale non si può far parte del pdl in regione o al parlamento e essere all opposizione in provincia e nei comuni 4 sviluppare proposte e idee per una migliore crescita del partito 5 eliminare il dissenso interno al partito il rischio è la creazione di un altro partito nel partito con tanto di organizzazione simboli ed incarichi infine il coordinamento provinciale avrà cura di segnalare senza indugio anomalie comportamentali agli organi nazionali del partito al fine di tutelate l immagine del pdl e di garantire i necessari provvedimenti che saranno ritenuti opportuni ancora emergenza carcere numeri da capogiro quelli diffusi dal garante dei diritti dei detenuti del lazio numeri da capogiro quelli diffusi dal garante dei diritti dei detenuti del lazio angiolo marroni in merito al numero dei detenuti nel carcere di latina di via aspromonte 141 presenze di cui 106 uomini e 35 donne a fronte degli 86 detenuti che potrebbe ospitare un vero e proprio collasso un sovraffollamento che inserisce la casa circondariale di latina nella big list degli scandali italiani in ambito sociale il 26 settembre precisa marroni per la prima volta in assoluto è stata sfondata anche quota 6.300 presenze con 6.317 reclusi ospitati nelle 14 carceri della regione lazio solo nell ultimo mese i detenuti sono aumentati di 30 unità mentre nel lazio nell ultimo anno la popolazione detenuta è cresciuta in percentuale a un ritmo quasi doppio rispetto al resto italia in dodici mesi continua il garante da luglio 2009 a luglio 2010 in italia i detenuti sono aumentati di oltre 4.500 unità 7 mentre nel lazio i reclusi sono aumentati di 650 unità 12 sfortunatamente conclude marroni la situazione a latina è critica l incessante incremento dei detenuti e la carenza di risorse umane stanno mettendo a rischio addirittura la sopravvivenza quotidiana nelle carceri se non si prendono provvedimenti urgenti la situazione rischia seriamente di aggravarsi con l imminente arrivo dell inverno quando sovraffollamento freddo e precarie condizioni igieniche potrebbero aggravare in maniera irreparabile l emergenza carceri l.b nardone presto il dormitorio per i clochard aggiudicato finalmente dopo anni di attesa l appalto per la realizzazio ne del dormitorio a latina i giorni scorsi il commissario nardone ha annunciato che prima possibile inizieranno i lavori di recupero ed adeguamento dell ex falegnameria di via aspromonte a latina il dormi torio la cui consegna è prevista entro 190 giorni dall apertura del cantiere è stato concepito come un punto di riferimento per clochard e disagiati e sarà luogo non solo per dormire ma al suo interno verranno organizzate iniziative ed attività volte alla socializzazione e al reintegro l importo complessivo per i lavori è di oltre 282mila euro l.b 9

[close]

p. 10

priverno di luca morazzano mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 sel affondo frontale all amministrazione il segretario d arcangeli non lesina gli attacchi alla compagine di maggioranza il museo a san martino prima o poi i nodi vengono al pettine questo è quanto recita un famoso proverbio e a forza di insistere il noto adagio si è ripetuto in sede di consiglio a priverno il casus belli è il museo di san martino e l insistenza ce l ha messa sel che alla fine nel consiglio di giovedì scorso grazie ad una nostra interrogazione è riuscita mettere in discussione la gestione del museo per la matematica e lo stesso movimento di opposizione privernate a sottolineare in una nota una vicenda a suo modo emblematica di una amministrazione che come la penelope notturna è riuscita a disfare o quanto meno a lacerare la tela che altri avevano iniziato a tessere e che doveva rappresentare l ordito dello sviluppo di questa comunità un museo della matematica di eccellenza che faticosamente si era riuscito ad accreditare ormai su scala nazionale distrutto dal solo desiderio di rivalsa che ha animato all inizio la giunta macci un museo che arrivava a circa 14 mila visitatori sostituito da una cosa che a fatica oggi totalizza 7 mila visitatori nello stesso arco di tempo e che fa da pendant a tutte le altre opere pubbliche da ultimo i 14 appartamenti comunali di via volpe ultimati da anni e mai consegnati per un contenzioso con la ditta costruttrice che da anni sono ormai bloccate per conflitti con le ditte o con i progettisti milioni di euro pubblici spesi senza che vi fosse per questo territorio la più piccola ricaduta se alla discussione seguiranno provvedimenti non è dato ancora sapere ma intanto la speranza è che attraverso il rilancio del museo il turismo di priverno e dei monti lepini in genere ormai in conclamato affanno possa ricevere una boccata di ossigeno e fontana vecchia encomiabile nei rapporti verso l esterno con una sfilza di gemellaggi da far invidia ai capoluoghi di provincia e una serie di rapporti intrapresi con altri paesi di altri stati della comunità europea e anche oltre i confini del vecchio continente le opposizioni muovono però le critiche all amministrazione macci perché la stessa non sarebbe altrettanto brillante nella gestione delle cose di casa sua fuor di metafore quelli di sel imputano al sindaco e al suo entourage troppa dedizione e troppa cura a rapporti di rappresentanza con conseguente trascuranza di tante tematiche che riguardano il territorio privernate non ultima quella delle opere incompiute che possono essere ad esempio palazzo zaccaleoni o le mura poligonali o altre lasciate in rovina come il caso dell area archeologica c è però un nuovo allarme acceso adesso da federico d arcangeli che riguarda lo storico lavatoio di fontanavecchia un luogo intriso di storia restaurato dall attuale amministrazione ma che ora caduto nel dimenticatoio in stato di abbandono quasi totale pare destinato ad un deperimento grave e già avviato come sottolinea lo stesso consigliere di opposizione questo non è solo il paese i cui una mezza dozzina di grandi opere su cui si sperava di poter innestare un filone di sviluppo possibile sono ormai bloccate da anni senza che di alcune si riesca a vedere un qualche spiraglio di luce è anche il paese in cui un opera minore viene ultimata non una ma due o tre volte più volte addirittura inaugurata in pompa magna e infine abbandonata all incuria e al degrado la gloriosa fontana vecchia un pezzo della storia della nostra comunità lavatoio collettivo per intere generazioni di donne oggetto di innumerevoli interventi di restauro sembrava finalmente destinata a nuova vita inserita in un contesto di verde attrezzato in una zona recuperata ad una dimensione di civiltà per qualche mese tutto ha funzionato fontanelle e vasche comprese poi però è arrivato l abbandono e il degrado la stessa area bonificata con tanto di panchine e illuminazione completamente coperta dalle erbacce uno spettacolo desolante cosa hanno da dire i nostri amministratori roccagorga l osservatorio interviene sull eremo l associazione osservatorio democratico non ci va tenera con le critiche all indirizzo del primo cittadino carla amici l atteggiamento del sindaco di roccagorga viene infatti redarguito senza mezzi termini nella nota diffusa dal direttivo non è giusto che un sindaco invece d impegnarsi a risolvere i problemi del paese si diverte a tessere trame catastrofiche le soluzioni sono sempre rimandate in vista di progetti più grandi e l ordinario diventa straordinario in riferimento alle polemiche sull eremo di sant erasmo rispondiamo che non è un piano antiamministrativo ma sono solo problemi normali che la comunità pone in modo serio e sereno rimaniamo sorpresi di come il sindaco ogni volta che viene criticato risponde mostrando i muscoli di una maggioranza che a suo modo di vedere è blindata e allineata i contorni della vicenda sono chiari come fa il sindaco a dire che osservatorio democratico è l artefice della denuncia seppur fosse visto che come associazione si vuole 10 occupare di politica e società perché invece di rispondere ai quesiti posti cerca di riportare la discussione in dinamiche squisitamente politiche forse l abbandono dell eremo è un problema solo di alcuni considerato che ci hanno chiamati in causa vogliamo fare alcune precisazioni i fondi per i gac grandi attrattori culturali a detta del sindaco serviranno a sviluppare l eremo a noi ci risultano declinati dalla polverini e quindi non possono essere un buon motivo per giustificare l incuria con cui è stato trattato per quanto riguarda la via francigena grande percorso religioso d europa vogliamo invitare il sindaco a considerare che è proprio la scarsa cultura di territorio di alcuni amministratori locali il freno maggiore allo sviluppo di certi progetti strategici per questo ricordiamo al sindaco che la via francigena non deve partire ma c è già e se a roccagorga fosse giunto un solo pellegrino avrebbe trovato l eremo abbandonato così come l ostello del palazzo baronale

[close]

p. 11

al cimitero loculi in eterna attesa sono posizionati da mesi nel piazzale antistante camposanto in cerca di collocazione di luca morazzano maenza mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 la morte è per sempre ma i loculi per i defunti no ogni tanto hanno bisogno di lavori di manutenzione e altre volte bisogna ampliarli per ovvi motivi di sold out dovuti al fatto che se nella vita siamo di passaggio dopo il cammino terreno il nostro status non è più temporaneo stesso filosofico destino a maenza sembrano averlo assunto i nuovi loculi destinati all ampliamento del cimitero da mesi sono parcheggiati nel piazzale antistante al camposanto in attesa di installazione stanno lì con mole imponente e presenza alquanto raccapricciante tanto da suscitare iù di qualche domanda neanche qualche battuta di colore nel riecheggiare il titolo di un celebre romanzo di ernest hemingway a maenza quando suonano le campane a lutto ci si chiede chi è morto da un po di tempo a questa parte a tale quesito comune un po ovunque ci si aggiunge una nuova e curiosa domanda dove sarà seppellito questo perché nonostante critiche appelli ed esortazioni continuano a mancare i loculi e non tutti sono desiderosi di essere seppelliti sotto la madre terra ma anche questo spazio è oramai in via di esaurimento siamo ancora al punto di partenza loculi parcheggiati sul piazzale di s rocco antistante al cimitero e i lavori risultano fermi la gente non vuole sapere i motivi di questo ritardo non interessa proprio se vi sono difficoltà negli espropri se vi sono contrasti con la ditta appaltatrice la cosa comunque sarebbe grave interessa sapere quando i posti saranno pronti non sarà elegante dirlo ma è cosi provate a chiedere in giro insomma purtroppo quando suona la campana vogliamo solo sapere per chi suona dai criteri ambigui che il comune di maenza promuova una selezione per tre assunzioni seppur temporanee e con orario part time visti i tempi di crisi che corrono è senza dubbio un fatto positivo così come la volontà di voler favorire dei giovani e pure locali rappresenta un indirizzo lodevole da parte dell amministrazione il punto è che però l avviso affisso nelle bacheche assente però su internet sul sito ufficiale del comune appare alquanto curioso in merito ad alcuni parametri di selezione che riporta nell avviso pubblicato con il numero 403 dell albo pretorio del 22 settembre 2010 si informa infatti di una selezione per soli titoli per il reclutamento di 3 unità per personale di attività di consulenza allo sportello informa giovani del comune di maenza curioso che anche il sito dello stesso informa giovani non ne riporti menzione il bando dice che la domanda di partecipazione deve essere inviata entro il 2 ottobre allegando il proprio curriculum riportante formazione ed esperienze professionali fin qui tutto perfetto se non che manca ad esempio una qualsivoglia forma di prova presente di solito in tali concorsi sorvolato questo particolare sostituito da un esame comparativo dei curricula da parte di chi non è specificato a destare dubbi sono i criteri richiesti ai partecipanti devono essere residenti a maenza ma il comune di residenza nella comunità europea può al massimo costituire un punto di attribuzione punteggio e non un criterio di esclusione è richiesta l iscrizione all associazione pro loco di maenza da almeno un anno altro elemento che però non costituisce un criterio preferenziale a meno che non si dimostri che la pro loco sia un associazione migliore delle altre iscrizione ad un corso di studi universitario che non costituisce assolutamente un titolo che può essere invece un diploma o ancor meglio una laurea ci sta invece la formazione specifica nel settore dei servizi di orientamento proprio questo appare infatti il cardine della vicenda e magari con un protocollo di intesa attraverso un progetto per inserire i ragazzi in questione si sarebbe potuto trovare una modalità più funzionale elegante e che non avrebbe destato altrettanti dubbi l.m 11 una selezione

[close]

p. 12

sermoneta di domiziana tosatti mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 corden il piano aziendale sui banchi del consiglio l assise approva all unanimità la mozione unitaria concordata nella conferenza dei capigruppo massimo sostegno ai 260 lavoratori posti in cassa integrazione ordinaria la convinzione della necessità della prosecuzione produttiva del sito ex bristol e la richiesta alla subentrata corden pharma di presentare il prima possibile il piano aziendale e che questo sia condiviso tra tutte le parti sociali e non comporti riduzioni drastiche all occupazione e all attività produttiva il consiglio comunale di sermoneta riunitosi ieri mattina ha approvato all unanimità una mozione unitaria già concordata in conferenza dei capigruppo nei giorni precedenti e relativa alla corden pharma a seguito della messa in cassa integrazione a partire dallo scorso 13 settembre e per 13 settimane di 260 unità lavorative il 30 delle quali ad ore zero preso atto che l azienda ha motivato la decisione con la volontà di procedere ad una diminuzione dei costi in questa prima fase di transizione per poi avviare un rilancio del sito produttivo ed evidenziato come ad oggi la direzione aziendale si legge nella mozione non ha presentato il piano aziendale con le indicazioni operative e di prospettiva per il futuro dopo una serie di interrogativi sul futuro occupazionale e produttivo del comparto farmaceutico del territorio la mozione esprime il massimo sostegno ai dipendenti della corden pharma e agli addetti ed operatori interni ed esterni al sito produttivo in territorio del comune di sermoneta ribadisce quanto sia prioritario ed irrinunciabile per questo ente il mantenimento dell attività produttiva nel sito ex bristol e dell intero tessuto industriale del territorio locale e laziale a seguito della mozione sono state discusse le interrogazioni presentate dall opposizione e ratificate due delibere di giunta il consiglio ha poi approvato la salvaguardia degli equilibri di bilancio e la ricognizione delle società partecipate del comune l assise ha provveduto infine a varare il nuovo regolamento per la somministrazione di bevande ed alimenti bassiano consiglio dei giovani senza finanziamento di domiziana tosatti dopo tutte le polemiche riscontrate sui giornali e in aula consiliare in merito alla questione dei finanziamenti regionali mai arrivati al consiglio dei giovani del comune di bassiano si è arrivati ad una e vera spiegazione istituzionale dimostrata dagli atti infatti basta andare sul sito della regione lazio cercare il focus sui finanziamenti relativi ai consigli dei giovani e si potrà trovare la motivazione per cui a bassiano non è mai arrivato nessun finanziamento infatti basterà aprire l allegato 2 a dei comuni non ammessi a finanziamento e leggere la motivazione ossia il comune di bassiano non è stato ammesso a finanziamento in quanto il regolamento non è stato approvato nelle modalità previste questo il parere del presidente del consiglio dei giovani di bassiano alessandro gnessi leggendo qualche giorno un articolo del sindaco cacciotti sono rimasto allibito in quanto lo stesso diceva che era colpa della regione lazio in quanto aveva dimezzato il capitolo di spesa relativo ai finanziamenti destinati ai consigli dei giovani ma questo vano tentativo di coprire la realtà dei fatti è sfatato dall allegato 2a ed inviterei il sindaco a leggerlo così che può farsene una ragione e soprattutto possa capire dove sia lui che l assessore alle politiche giovanili hanno sbagliato nell iter amministrativo ancora una volta chi ne pagherà le conseguenze sono i giovani e soltanto i giovani e sentire poi i referenti fatti dai componenti della corrente consigliare bassiano futura i quali inneggiano ai giovani e cercano di farsi portavoce del fatto stesso che i giovani sono il futuro e che bisogna lavorare per costruire insieme a loro un futuro migliore mi sembra quasi ipocrisia vista 12 la realtà dei fatti e l appartenenza a questa corrente dello stesso onori il quale come assessore alle politiche giovanili non è stato in grado di garantire nè i mezzi necessari per l operato del consiglio come ad es una sede con gli appositi strumenti ed in primo luogo la linfa vitale per portare a termine il programma delle attività annuale ovvero i finanziamenti regionali mettendo in bilancio per il consiglio dei giovani una minima somma di 1.000 euro i quali devono essere utilizzati per le spese di cancelleria fino alle spese per la realizzazioni di attività il consiglio dei giovani si è riunito in data 24 settembre 2010 ed ha stilato una relazione sugli otto mesi di vita dello stesso per rapportarsi ai giovani che rappresentano e spiegare loro le vicende accadute ed i progetti ideati questa relazione nei prossimi giorni verrà resa pubblica e l intero consiglio invita tutta la cittadinanza a leggerla affinché tutti possano capire che i giovani hanno voglia di costruirsi il proprio futuro con le proprie gambe ma che gli impedimenti sono tanti e che chi vuole parlare di giovani prima di tutto deve garantire loro dei diritti e riconoscergli la libertà di essere giovani e portatori di nuove idee e processi.

[close]

p. 13



[close]

p. 14

pontinia comunali 2011 iniziano le strategie mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 tra voci di corridoio e ipotesi di coalizione è cominciata la corsa elettorale di roberto tartaglia a pochi mesi dalle elezioni comunali a pontinia i venti sono tanti ed anomali rispetto al passato recente c è chi come paolo torelli dice di voler mettere su un gruppo di volti nuovi e di dare importanza ai programmi più che alla singola persona c è chi dice di voler continuare a puntare sul cavallo vincente ma allo stesso tempo proporre un rinnovamento come il pd c è chi stringe alleanze i cui aromi si fiutavano già nei mesi estivi come tombolillo e infine c è chi all esame fa scena muta come il pdl un quadro variegato ed anomalo se si pensa alle vicende degli ultimi anni tombolillo e l udc di cengia-donnarumma-ramati sembrano voler formare un fronte unico contro l ormai sempre più debole coalizione di centrodestra che nel 2003 riportò una clamorosa vittoria su tombolillo e che nel 2005 accusò la pesante sconfitta la stessa coalizione che alle scorse provinciali non vide nemmeno per un momento la luce della vittoria ma il pd smentisce tali voci lasciando tutti nel dubbio che al limite potrebbero esserci state null altro che semplici discussioni sull argomento un alleanza di vantaggi reciproci tuttavia dove l udc vedrebbe sicuramente la propria presenza in giunta e tombolillo avrebbe un avversario in meno con cui fare i conti tombolillo sì perché a pontinia non si parla di centro-sinistra no a pontinia c è il centro-destra e tombolillo per quanto si voglia puntare su nuovi programmi e su nuovi volti finché la figura del medico-sindaco eligio tombolillo verrà proposta risulterà vincente stavolta però sembra senza l appoggio dei socialisti che seppur in numeri minori hanno sempre presenziato tra gli assessori perché questo distacco è presto detto tra le file bilottiane appare sempre più chiara l intenzione di proporre un proprio candidato a sindaco forse francia forse no almeno l intenzione c è e le voci si fanno sentire il centro-destra invece resta a guardare e continua a proteggere i propri baroni nessuno si pronuncia sui nomi da presentare alle prossime comunali ma chissà perché ci si aspetta una nuova candidatura fantasma come per le provinciali in cui tra tanti nomi noti fu proposto lo sconosciuto taricone sembra che il gatto mochi sia lì sornione a guardare la preda fare un passo falso nascosto tra l erba a puntare l avversario in attesa di un suo errore o di una sua fuga sempre attento a non portare alla luce nomi di partito troppo carismatici in grado di poter compromettere la sua supremazia cosicché in un roseo futuro una volta fattosi da parte l imbattibile tombolillo lui possa tornare alla carica per competere con avversari meno ostici miralanza nuova offensiva di novelli dopo la questione stipendi il consigliere esprime dubbi sulla gestione del settore commercio di roberto tartaglia dopo il clamoroso capitombolo delle rimostranze boomerang avanzate in merito all illegittimo aumento degli stipendi dell attuale amministrazione tombolillo e che invece ha fatto alzare un polverone che ha coinvolto lui stesso sandro novelli torna alla carica e ci riprova un opposizione old style quella del forzista che non perde occasione per lavorare ai fianchi della maggioranza in attesa di un ko tecnico l attacco stavolta nasce dall invio di una missiva ai colleghi bilotta e sperlonga a confcommercio ai consiglieri regionali del balzo di giorni galetto e cetrone nonché agli assessori regionali aldo forte e stefano zappalà in merito alla gestione del settore commercio nel comune di pontinia non c è un documento programmatico e vengono trascurate le indicazioni della regione lazio relative al limite massimo dei metri quadrati d incremento delle autorizzazioni riferite alle medie strutture di vendita scrive nel documento novelli il comune doveva essere commissariato secondo la legge 33/99 non avendo tenuto conto delle indicazioni fissate dall articolo 11 comma 4 e dell articolo 27 comma 1 e si ricorda del commercio solo quando una società che ha ottimi rapporti con l amministrazione locale pre14 senta una proposta edilizia per l ex industria miralanza per la riconversione in grande megastore l opposizione di novelli al progetto del centro commerciale risale agli albori dell iniziativa e attiene per lo più alla dubbia utilità del centro ed ai requisiti della società la nuova edilizia s.r.l che ha proposto il progetto un capitale sociale di appena 10.000 e la totale inesperienza nella costruzione di un centro commerciale a farlo tornare alla carica ora però molto probabilmente sono state anche le polemiche sollevate in merito alla conversione dell ex hotel bolivar nell ennesimo centro commerciale il comune ha sentito le organizzazioni di tutela dei consumatori e le organizzazioni imprenditoriali del commercio chiede novelli il comune ha fatto un analisi demografica il comune ha fatto il censimento delle attività commerciali allargato ai comuni più vicini È stato fatto un censimento delle strutture ricettive locali È stato determinato l indice di servizio in base alla popolazione che individua la superficie di vendita per metro quadrato per ogni abitante È stata verificata la rete distributiva esistente interessante dibattito questo vista l imminente campagna elettorale per le comunali 2011.

[close]

p. 15

latina spazio al teatro per ragazzi nuova stagione per la rassegna ideata dal direttore del moderno gianluca cassandra di paola bernasconi cultura mondore@le numero 66 1 ottobre 2010 ricomincia la scuola e prende il via la nuova stagione teatrale per ragazzi al teatro moderno di latina una rassegna ideata dal direttore gianluca cassandra in collaborazione con art about agenzia di eventi e marketing al fine di avvicinare i giovani all arte teatrale spettacoli da lunedì otto novembre a giovedì ventiquattro febbraio per un anno scolastico ricco di iniziative differente l approccio per gli studenti del primo ciclo scolastico e per quelli delle scuole medie e superiori se il primo si caratterizzerà per uno stile brioso e leggero il secondo si avvarrà di produzioni selezionate a livello locale ma anche nazionale interessanti gli spettacoli in lingua inglese e francese con attori e regie completamente madrelingua così il direttore cassandra crediamo che per rendere il teatro sem pre più vicino al pubblico sia necessario lavorare sui contenuti degli spettacoli sulle tecniche di rappresentazione e sulle forme di allestimento e di composizione delle rassegne in modo da mantenere questi tre aspetti non solo in linea con l evoluzione dell arte e dell attualità della società e delle sue dinamiche relazionali ma anche e soprattutto con il modificarsi delle abitudini di fruizione dei destinatari una possibilità concreta per impostare una collaborazione continuativa tra scuole territoriali e teatro con un occhio particolare per gli artisti locali diplomati presso le più valide accademie e scuole di recitazione per informazioni potete contattare il numero 0773/471928 si attende a breve la presentazione della nuova stagione teatrale degli spettacoli serali sezze in teatro con il teatro e tra il teatro di paola bernasconi sezze in teatro con il teatro e tra il teatro con questo gioco di parole l assessore alla cultura del comune di sezze remo grenga spiega il debutto della seconda edizione di sezze in con tra il teatro una nuova stagione invernale nella quale il palco dell auditorium m costa vedrà protagoniste una serie di compagnie provenienti da tutta italia grazie ad un bando promosso dallo stesso assessorato alla cultura dieci appuntamenti dall otto ottobre al cinque gennaio del prossimo anno con un prezzo al pubblico di sette euro tutti con inizio alle ore 21,00 soddisfazione nelle parole di grenga malgrado i fondi siano sempre di meno siamo riusciti anche quest anno a mettere su una stagione teatrale proponendo un cartellone di buona qualità che sicuramente attirerà gli spettatori delle città limitrofe si inizia venerdì con l associazione latitudine teatro di latina e il suo spettacolo genova 01 incentrato sui tragici scontri avvenuti durante il g8 del 2001 un momento di riflessione sul perché di quanto accaduto alla luce di episodi ancora oggi poco spiegati uno spettacolo che fa parte di un percorso dedicato al teatro civile della stagione passata è canto per il silenzio sul genocidio armeno che vuole affrontare un tema delicato e scomodo per avere maggiori informazioni potete consultare il sito web del comune di sezze noi di mondore@le continueremo ad aggiornarvi sui prossimi appuntamenti sicurezza stradale lago dei poeti a sant arsenio di paola bernasconi un fine settimana tutto dedicato alla sicurezza stradale con la tavola rotonda che si svolgerà presso l auditorium comunale di sant arsenio sa i giovani e la sicurezza stradale questo il titolo di una due giorni che vedrà la partecipazione anche dell associazione culturale il lago dei poeti di latina ospite di aicis tante iniziative che coinvolgeranno associazioni artisti mondo dello spettacolo realtà sportive e familiari delle vittime delle strade un momento di sensibilizzazione tra convegni dimostrazioni di guida sicura e corsi di primo soccorso al fine di informare ed educare i cittadini l associazione il lago dei poeti parteciperà presentando i suoi lavori realizzati in collaborazione con gli studenti il libro la strada d asfalto per cercare la vita un testo sulla sicurezza stradale ed i manifesti l opinione degli studenti e sulla strada della scuola itinerante frutto dell azione svoltasi nel maggio 2010 a sezze scalo con la partecipazione dei consulenti di infortunistica stradale aicis presso il villaggio della sicurezza stradale verrà allestita inoltre un installazione dell artista giovambattista bianchi di s felice circeo realizzata per la campagna itinerante partita da latina la strada d asfalto per cercare la vita 15

[close]

Comments

no comments yet