confcommercioinforma n. 0 - Dicembre 2012

 

Embed or link this publication

Description

Magazine della Confcommercio Napoli

Popular Pages


p. 1

mensile della confcommercio napoli distribuzione gratuita dicembre 2012 provincia di napoli provincia di napoli

[close]

p. 2



[close]

p. 3

editoriale del presidente provincia di napoli p.zza carità 32 napoli lunedì giovedì dalle 9.00 13,30 e 14,00 17,30 venerdì 9.00 13,30 tel 081.79 79 111 fax 081.5515019 email napoli@confcommercio.it www.confcommercioinforma.it uffici confcommercio di napoli i una finestra informativa per le imprese dicembre 2012 confcommercio informa una idea innovativa 4 il natale croce e delizia degli albergatori 5 sommario i un momento di crisi in cui sono sempre più necessari interventi che pongano nuove basi per lo sviluppo il terziario intende contribuire attivamente ad un disegno di ripresa per la città di napoli e per la sua provincia rafforzando lidea e la prassi della concertazione la recessione infatti continua ad avere conseguenze insostenibili per il comparto che rappresenta lasse portante delleco nomia cittadina sia in termini di volume di affari che occupazionali confcommercio napoli informa rappresenta una delle modalità con le quali la nostra associazione punta a rafforzare in maniera ancora più capillare la presenza sul territorio il magazine sarà una finestra informativa per le imprese sui principali avvenimenti in città e in provincia con particolare attenzione alle più importanti questioni di interesse del mondo imprenditoriale oltre agli aggiornamenti di carattere tecnico-informativo riguardanti le categorie rappre sentate sono anni difficili ai quali la categoria sta cercando di rispondere con forza e con iniziative di supporto alle imprese in difficoltà il mio pensiero va in primis alla fondazione raggio verde che confcommercio napoli ha promosso per offrire unassistenza a 360 gradi nella gestione delle aziende tramite lausilio di professionisti ed avvocati la parola dordine è rete solo attraverso sinergie che coinvolgano le tante realtà positive del nostro territorio di concerto con le istituzioni si potrà uscire dalla recessione e rilanciare la città e la provincia senza pregiudizi e con la responsabilità di chi vuole una napoli vivibile e fruibile pulita e sicura che utilizzi al meglio le sue eccellenze e sconfigga definitivamente i suoi storici problemi i professori dicono no alla ztl saldi al via il 2 gennaio buste di plastica fuorilegge dal 2013 mare nostrum una risorsa da valorizzare ghost venduto per self carburanti crollo delle vendite dalla crisi un nuovo boom immobiliare corsi sulla sicurezza la fida promuove contraffazione e abusivismo i mali dell economia sana un contributo fondamentale per la sanità campana nuove farmacie di iorio è necessario un cambio di marcia 6 8 8 9 10 11 12 13 14 15 16 18 19 20 21 22 scadenze e tempi rigidi contraria la fipe il terziario meglio se donna mostra d oltremare il rilancio di napoli parte dalla fiera imprese a rischio chiusura nel 2016 presidente confcommercio imprese per litalia della provincia di napoli foto di copertina g.giorgio confcommercioinforma napoli 3

[close]

p. 4

intervento comunicazione confcommercio informa un idea innovativa il presidente sangalli è uno strumento che consente di essere più vicini alle aziende presidente nazionale di confcommercio di carlo sangalli che rafforzerà il rapporto con gli associati n una fase di difficoltà come quella che stiamo ancora vivendo avviare attraverso questo magazine un nuovo progetto editoriale che vuole non solo informare ma anche raffor zare il rapporto con gli associati è certamente uniniziativa da salutare con favore perché questo strumento consente di essere vicini alle imprese del commercio del turismo dei ser vizi e dei trasporti che negli ultimi anni hanno visto crescere solo pres sione fiscale costi della burocrazia spese obbligate e contrarsi il credito imprese che peraltro luscita dal tunnel della crisi ancora non la ve dono e che si devono confrontare con un quadro recessivo ancora pesante chiuderemo il 2012 con una caduta del prodotto interno del 2,4 circa e con una caduta della spesa delle famiglie intorno al 3,3 un calo mai registrato prima nella storia economica repubblicana del nostro paese È dunque più che mai necessario porre al centro del dibattito e della zione di governo i temi del rilancio dei consumi e della crescita per mettere le imprese del terziario e tutte le imprese in condizione di essere più competitive e produttive perché la domanda interna per consumi e investimenti rappresenta circa l80 del pil ed è da qui dun que che si deve ripartire per contra stare la recessione e per tornare a costruire crescita e occupazione i i recenti provvedimenti varati dal go verno in particolare laumento del liva vanno invece nella direzione opposta quella cioè di deprimere ancora di più la già debolissima do manda interna incidendo negativa mente sulla ripresa della nostra eco nomia per tentare la risalita la via maestra rimane quella del persegui mento di una riduzione netta della pressione fiscale complessiva che oggi per i contribuenti in regola arriva al 55 un vero e proprio record mondiale che rappresenta una pesante zavorra per consumi e investimenti un obiettivo raggiungibile attraverso un più incisivo e veloce avanzamento della spending review parallelamente al contrasto ed al recupero di eva sione ed elusione allo stesso tempo devono avanzare sia i processi di dismissione del patrimonio pubblico per abbattere il debito e contenere la spesa per interessi sia le sempli ficazioni per abbattere la tassa della burocrazia che grava sulle imprese italiane per oltre 23 miliardi di euro lanno e deve avanzare lim pegno collaborativo tra impresa e lavoro per il rafforzamento della produttività un fronte questo nel quale qualcosa si sta muovendo a testimonianza di come confcom mercio e le altre parti sociali respon sabilmente intendano consegnare al governo il proprio contributo alla ripresa per avviare una nuova sta gione sociale ed economica dicembre 2012 4 confcommercioinforma napoli

[close]

p. 5

turismo imprenditoria il natale croce e delizia degli albergatori gli operatori sperano in un boom di turisti e sono pronti a fare la loro parte di salvatore naldi presidente federalberghi napoli l natale per napoli è croce e delizia cè tanta tradizione ma poco turismo gli alber gatori puntano molto sulla festa dellimmacolata quella che i pasticcieri napoletani definivano il piccolo natale un appuntamento che richiama in città moltissime per sone incuriosite da quello che pur troppo oggi è forse lunico vero evento natalizio che napoli riesce a offrire ovvero san gregorio armeno la caratteristica via dei pastori con le sue botteghe i suoi artigiani e le sue opere darte che fortunatamente continua ad attrarre turisti da ogni parte del mondo È però troppo poco manca una vera programmazione e le istituzioni invece di agevolare il lavoro di chi fa accoglienza li ostacola inseren do una tassa di soggiorno troppo elevata attraverso un regolamento pieno di lacune che andrebbe rimo dulato in base alle esigenze di chi vive di turismo in ogni caso rispetto al natale sto ricamente sono capodanno e le pifania a portare i visitatori in città per il momento possiamo fare solo delle previsioni che devono tener conto sia del trend positivo che ci ha accompagnati in estate e nei due mesi successivi sia del forte rallen tamento avvertito a novembre per dicembre i numeri almeno per il momento sembrano essere simili a quelli dello scorso anno la lenta ripresa appare quindi avere avuto i tanta tradizione ma poco turismo un piccolo freno che speriamo possa essere solo momentaneo gli albergatori devono però guardare anche al medio e lungo periodo pensando già alla prossima prima vera o allestate e anche oltre per questo è importante la programma zione con un calendario certo che tenga conto anche della destagio nalizzazione turistica e dellorganiz zazione di eventi che potranno con tribuire al rilancio dellimmagine anche internazionale della città e che speriamo possano portare ri sultati più concreti in termini econo mici dando impulso allo sviluppo dellaccoglienza e del commercio lamericas cup ad esempio è una grande occasione ma dovrà essere gestita al meglio sulla base delle sperienza maturata nella precedente tappa per questo sarà necessaria una migliore gestione della comuni cazione che possa permettere una più ampia promozione dellevento confcommercioinforma napoli 5

[close]

p. 6

at tualit À dibattito i professori dicono no alla ztl al forum di confcommercio promosso dal presidente pietro russo i docenti claudi gravagnuolo mazzetti e tessitore si schierano contro la zona a traffico limitato di michele greco da destra gennaro sangiuliano claudio claudi pietro russo fulvio tessitore benedetto gravagnuolo e ernesto mazzetti al forum progetto napoli l incidenza delle scelte urbanistiche e di mobilità sull economia della città di confcommercio arriva un secco no alla zona a traffico limitato nel corso dellincontro il presidente di confcommercio napoli imprese per l italia pietro russo ha lanciato un appello allamministrazione comunale di napoli affinché destini i proventi dei grandi eventi realizzati sul lungomare al rilancio del trasporto pubblico e alla creazione di maggiori servizi per cittadini e turisti l economia di napoli ha affermato russo si basa quasi esclusivamente sul commercio e sul turismo la città deve essere strutturata d e immaginata nell ottica di una mobilità sostenibile per il terziario mi auguro che il sindaco luigi de magistris accolga lappello dei commercianti napoletani per poter uscire dalla crisi sul piano locale secondo il presidente di confcommercio napoli si può intervenire attraverso una maggio re concertazione per far sì che napoli possa diventare la capitale del mediterraneo e che possa ac cogliere milioni di turisti per questo è necessario investire tutte le risor se possibili al fine di rendere mag giormente fruibile la nostra splen dida città il dibattito moderato dal vicediret tore del tg1 gennaro sangiuliano è stato molto vivace grazie alla presenza di esperti in materia di mobilità e urbanistica non abbia mo nulla contro la chiusura del centro storico alle auto private ha detto claudio claudi preside della facoltà di architettura delluniversità federico ii di napoli ma non basta interdire per riqua lificare bisogna mettere in campo un sistema di iniziative che preve dano punti di socializzazione e per corsi più snelli per i mezzi di super ficie che devono essere in grado di aiutare i cittadini purtroppo però i dirigenti del comune sono ridotti al lumicino abbiamo una macchina che non ha gli strumenti operativi per mettere in atto strategie serie sempre se di strategie si possa parlare dicembre 2012 6 confcommercioinforma napoli

[close]

p. 7

at tualit À dibattito claudio claudi preside della facoltà di architettura delluniversità federico ii di napoli fulvio tessitore rettore delluniversità federico ii di napoli benedetto gravagnuolo direttore del dipartimento di storia dellarchitettura e restauro dellateneo partenopeo ernesto mazzetti vicepresidente della società geografica italiana secondo benedetto gravagnuolo direttore del dipartimento di storia dellarchitettura e restauro dellateneo partenopeo un amministrazione ha il diritto-dovere di scegliere ma ha anche il diritto-dovere di ascoltare perché le sue scelte comportano ricadute immediate sull economia È necessario un atteggiamento positivo un momento di dialogo che preveda un piano traffico ben calibrato e la fluidità nei trasporti a raso e nelle linee metropolitane torino ha saputo utilizzare al meglio un grande evento come le olimpiadi purtroppo la nostra classe dirigente e politica non sembra essere allaltezza di quella del capoluogo piemontese ernesto mazzetti vicepresidente della società geografica italiana ha evidenziato come napoli sia una delle poche città europee che non conosce il rinnovo urbano a questo bisogna aggiungere l introduzione velleitaria delle ztl realizzate senza tener conto di fattori come i servizi pubblici ha proseguito lo stesso lungomare è deserto la sera per poi affollarsi selvaggiamente nei fine settimana de magistris è stato eletto perché nellimmaginario collettivo rappresentava il nuovo rispetto a chi aveva governato negli anni precedenti ma non sempre il nuovo è meglio a napoli manca la concertazione ha sottolineato fulvio tessitore già rettore delluniversità federico ii ma il vero dato negativo della città è che tutti quelli che l hanno governata hanno sempre mirato allo straordinario senza soffermarsi invece sull ordinario ossia su quel tessuto connettivo su cui sinserisce una politica normale la colpa però non è solo della politica ma anche dei governati tantè che nellorganizzazione delle world series ha avuto un ruolo predominante lunione degli industriali ha concluso tessitore confcommercioinforma napoli 7

[close]

p. 8

commercio trattato saldi al via il 2 gennaio i in regione firmato il protocollo dintesa per le vendite di fine stagione n campania è tempo di saldi presentato il vademecum per consumatori e operatori del settore le vendite di fine stagione prenderanno il via mercoledì 2 gennaio 2013 lo ha deciso la regione campania di concerto con le asso ciazioni regionali più rappresentative del commercio e dei consumatori È opportuno evidenziare anche un altro importante risultato che è stato raggiunto su proposta della confcommercio con la firma del protocollo dintesa sempre in sede regionale che consente ai commercianti campani di proporre le vendite promozionali per tutto il periodo natalizio di seguito le regole varate a tutela dei consumatori e a difesa della professionalità dei commercianti in occasione dei saldi 1 periodo saldi nei comuni della regione i saldi invernali potranno essere effettuati tra il 2 gennaio e il 31 marzo 2013 2 prodotti i saldi non riguardano tutti i prodotti ma solo quelli di carattere stagionale e quelli suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti durante una certa stagione o entro un breve periodo di tempo 3 indicazione del prezzo gli operatori economici devono indicare chiaramente i prezzi di vendita riportando sui cartellini esposti al pubblico il prezzo intero del prodotto la percentuale di sconto applicata e il prezzo in saldo il negoziante è tenuto ad applicare lo sconto dichiarato per cui nel caso venga richiesto un prezzo diverso il consumatore potrà pretendere che si adegui a quanto dichiarato sul cartellino 4 pubblicitÀ i messaggi pubblicitari devono essere presentati in modo non ingannevole per il consumatore le merci in saldo devono essere indicate in modo inequivocabile per distinguerle da quelle poste in vendita al prezzo ordinario evitando ogni possibilità di confusione 5 garanzie conservare lo scontrino lo scontrino fiscale costituisce la prova dellacquisto effettuato e dà diritto al consumatore alle garanzie previste dal codice del buste di plastica fuorilegge dal 2013 dal 1° gennaio 2013 sanzioni in arrivo per chi metterà in commercio shopper per lasporto merci non rispondenti agli standard ue e cioè alle caratteri stiche indicate nellart 2 della legge 24 marzo 2012 n 28 il decreto legge 18 ottobre 2012 n 179 ha anticipato di un anno lentrata in vigore del sistema sanzionatorio costringendo gli operatori commerciali ad adeguarsi rapidamente al dettato normativo la sanzione amministrativa pecuniaria prevista va da 2.500 a 25.000 euro confcommercioinforma napoli consumo qualora il difetto si palesi dopo lacquisto entro 2 anni dalla consegna con lonere di denuncia al venditore entro 2 mesi dallemersione del vizio il negoziante è tenuto a sostituire larticolo difettoso se non è possibile la sostituzione il cliente avrà diritto di scegliere tra la riparazione del bene senza alcuna spesa accessoria una riduzione proporzionale del prezzo o la risoluzione del contratto ovviamente il rimedio scelto non deve essere oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso per il venditore 6 prove e cambi consentire la prova dei capi non è un obbligo ma è rimesso alla discrezionalità del negoziante in assenza di difetti la possibilità di cambiare il prodotto non è imposta dalla legge né durante i saldi né durante le vendite normali ma è rimessa alla discrezionalità del commerciante È facoltà delloperatore rilasciare un buono acquisto di importo pari al prezzo pagato da spendersi entro la fine del periodo dei saldi qualora la sostituzione non sia possibile per mancanza di scelte alternative ovvero quando queste ultime non siano gradite al cliente 7 costo aggiuntivo per adattamenti merce loperatore deve informare preventivamente il consumatore anche mediante cartello esposto al pubblico se il costo per eventuali adattamenti di cui necessita il capo è a carico dellacquirente 8 pagamenti elettronici i negozianti convenzionati con carta di credito sono tenuti ad accettarla anche nel periodo dei saldi così comè ammesso il pagamento a mezzo bancomat laddove sia esposto il relativo logo 9 consigli per il consumatore È sempre opportuno verificare prima dellacquisto che il prodotto presenti letichetta relativa alla composizione e manutenzione necessaria per evitare eventuali danneggiamenti del capo 10 contenzioso se si ha il sospetto che una delle regole elencate non sia stata rispettata ci si può rivolgere allufficio comunale per il commercio o ai vigili urbani aumentata fino al quadruplo del mas simo se la violazione riguarda quantità ingenti di sacchi per lasporto o un valore della merce superiore al 20 del fatturato del trasgressore gli unici sacchetti per lasporto merci che possono circolare sono quelli monouso biodegradabili e composta bili realizzati con polimeri conformi alla norma armonizzata uni 13432:2002 e quelli riutilizzabili rea lizzati con altri polimeri con maniglia esterna di spessore superiore a 200 micron per uso alimentare e 100 mi cron per gli altri usi o con maniglia interna e di spessore superiore ai 100 micron per uso alimentare e 60 mi cron per gli altri usi dicembre 2012 8

[close]

p. 9

at tualit À imprenditoria mare nostrum una risorsa da valorizzare a sorrento e procida esercenti e consumatori insieme per la promozione dei prodotti ittici alorizzare la risorsa mare fondamentale per il ter ritorio campano se nè parlato nel corso della manifestazione mare nostrum svoltasi a sorrento e a procida e finalizzata alla promozio ne al rilancio e alla conoscenza dei prodotti tipici e delle eccellenze locali del settore ittico ed enogastronomi co i due appuntamenti hanno ri scosso grande consenso tra gli esercenti e i consumatori obiettivo delliniziativa rilanciare limmagine del territorio napoletano e delle pic cole e medie imprese del commer cio dei servizi dellartigianato e dellagricoltura il mare può essere volano di svilup po ha sottolineato il presidente di confcommercio napoli pietro rus so non solo da un punto di vista turistico ma anche per ciò che ri guarda una maggiore valorizzazione v di leonardo ventura del prodotto itti co e dell indotto creato da un asset economi co di grande importanza qual è il pescato per russo il mare rappresenta una risorsa fonda mentale per il territorio e va tutelato proprio francesco parisi eugenio michelino per utilizzare al meglio le sue potenzialità economi dario degli eventi è stato fitto ha che in un ottica di competitività di aggiunto sono felice di riscontrare mercato e di tutela dell ambiente una grande partecipazione da parte marino degli enti presenti sul territorio a il pescato ha spiegato maurizio fargli eco è stato eugenio michelino maddaloni presidente della camera presidente dellascom confcom di commercio di napoli può rap mercio di procida bisogna desta presentare una forma di integrazione gionalizzare i flussi turistici ha del reddito e di valorizzazione delle spiegato liniziativa è condivisa nostre risorse culinarie per unarea da tutti gli attori protagonisti delle come quella della conomia isolana puntiamo sui gio provincia di napoli vani e sulla formazione attraverso che presenta ec il coinvolgimento delle scuole cre cellenze di navi ando dei menu a miglio zero in gra ganti armatori e do di accorciare la filiera per ridurre pescatori i costi in tempi di crisi nel corso secondo france della manifestazione è stato asse sco parisi numero gnato un riconoscimento a flegra uno dellascom bentivegna direttore del turtle confcommercio di point di bagnoli per la sua attività sorrento è fonda di tutela dellhabitat marino risto mentale investire ratori e consumatori ha dichiarato nelle tradizioni e bentivegna devono fare un uso nelle eccellenze del oculato della risorsa pesce che sta territorio il calen diminuendo sempre di più confcommercioinforma napoli 9

[close]

p. 10

at tualit À normative ghost venduto per self la federazione italiana gestori impianti stradali carburante figisc interviene sul documento di strategia energetica nazionale s.e.n di vincenzo mosella vice presidente vicario nazionale figisc confcommercio ra le azioni di intervento sulla rete distributiva quella che ha trovato immediata attuazione normativa è stata pa radossalmente quella di cui meno si sentiva la mancanza una conce zione grossolana del concetto di diffusione del self service che ha avviato un percorso di progressiva ghostizzazione della rete nella valutazione sul percorso di una eventuale ristrutturazione della rete distributiva è importante distin guere correttamente tra automa tizzazione e selfizzazione due termini assolutamente diversi tra loro quanto a valore strategico nei più avanzati paesi europei la maggior parte degli impianti funziona con ununica modalità di vendita dei carburanti che si qualifica come self service posta con rifornimento autonomo dellautomobilista presso t lerogatore e pagamento presso la cassa interna dellimpianto comu nemente adibita anche alla gestione di attività accessorie in italia tale formula è stata introdotta nel 1997 una variabile alla storica modalità del servito che è andata consolidandosi nel tempo con una elevata presenza sulla rete del tutto diverso è invece limpulso impresso dalla legge 27/2012 e ancor prima dalla legge 111/2011 alla diffusione forzosa del self ser vice prepay ed alla sua utilizzazione continua e indipendente dallaper tura dellimpianto svincolata dalla presenza del personale questa soluzione palesemente im posta dalle compagnie petrolifere permette di ricattare pesantemente allinterno dei rapporti di settore i gestori senza apportare nessun re ale vantaggio agli automobilisti po nendo contrariamente le basi per una escalation della conflittualità interna lunico vantaggio derivante da tale automatizzazione è per lindustria petrolifera quello di spostare lat tenzione dal prezzo in genere del sistema distributivo a quello pratica to nella modalità senza gestore aggirando in tal modo tutte le que stioni aperte sul settore falsa è la pretesa delle compagnie petrolifere di presentare questa ope razione come una razionalizzazione del sistema in realtà la scorciatoia del ghost gioca sulla minimizza zione degli investimenti e sulla mar ginalizzazione ed espulsione della controparte cioè dei gestori ragioni queste più che sufficienti per esigere che il governo imboc chi una strada in netta controten denza con quanto finora legiferato in questa delicata quanto ambigua materia dicembre 2012 10 confcommercioinforma napoli

[close]

p. 11

at tualit À consumi carburanti crollo delle vendite ad ottobre 2012 rispetto allanno precedente perduti 206 milioni di litri -5,43 punti ontinua il crollo dei consumi di benzina e gasolio nel paese ad ottobre 2012 rispetto allo stesso mese del lanno precedente sono andati perduti 206 milioni di litri [65 di benzina e 141 di gasolio con un calo di 5,43 punti percentuali a perdere di più sia in termini asso luti che percentuali è stata la rete allappello mancano rispetto a ot tobre 2011 circa 191 milioni di litri 7,10 ottobre non è stato comunque tra i mesi peggiori dellanno sul dato generale infatti ben 7 mesi su 10 hanno segnato perdite percentuali maggiori rispetto al medesimo periodo dellanno precedente e anche sui dati scomposti per cir cuito sulla rete 6 mesi su 10 sono andati peggio di ottobre 8 su 10 sullextrarete nel complesso dei segmenti di con sumi aprile settembre e febbraio hanno fatto segnare le punte mas sime negative con perdite per centuali tra il 14 ed il 16 mentre gennaio e luglio hanno registrato flessioni minori 5 rispetto agli stessi mesi del 2011 nel periodo gennaio-ottobre la perdita è stata di 8,73 punti percentuali rispetto c allo stesso periodo del 2011 anche nel segmento rete aprile settembre e febbraio hanno segnato le punte massime con perdite per centuali tra il 14 ed il 17 mentre solo a gennaio la flessione è stata minore del 5 rispetto agli stessi mesi del 2011 negli altri mesi la percentuale negativa si è attestata tra il 5 ed il 10 nel periodo gen naio-ottobre la perdita del seg mento è stata di 9,21 punti per centuali rispetto allo stesso periodo del 2011 sulla base dei primi dieci mesi dellanno il con fronto tra il 2012 ed il 2011 è pe santissimo i volumi perduti sono pari a quasi 3,3 miliardi di litri [8,73 cui il segmento extrarete [che perde 7,52 punti percentuali contribuisce per meno di un quarto con 798 milioni di litri mentre i tre quarti delle perdite dei volumi si registrano sulla rete con 2,485 miliardi di litri in meno rispetto al 2011 in dieci mesi i consumi di benzina sono diminuiti di 0,971 miliardi di litri [1,079 miliardi li ha persi il cir cuito della rete mentre 0,109 sono stati i litri guadagnati in extrarete mentre quelli di gasolio sono crol lati di 2,312 miliardi di litri [1,406 miliardi persi in rete e 0,907 in extrarete solo i consumi di gpl hanno fatto registrare un incre mento di circa 125 milioni di litri in volume e di 6,54 punti percentuali 14 stazione di servizio metano casoria tel 0817599113 email cario_srl@virgilio.it confcommercioinforma napoli confcommercioinforma napoli 15

[close]

p. 12

servizi federazione italiana mediatori agenti d affari dalla crisi un nuovo boom immobiliare a crisi può trasformarsi in opportunità e le attuali quotazioni del mercato immobiliare possono consentire acquisti a prezzi irripetibili È questa la convinzione dal quale prende spunto il presidente della fimaa federazione italiana media tori agenti d affari di napoli e pro vincia saverio iaccarino per cogliere alcuni aspetti positivi seppur in un frangente economico che desta non poche preoccupazioni il mercato immobiliare in questo delicato momento risente della dif ficile congiuntura finanziaria che vede interessata lintera economia italiana esordisce il presidente tuttavia ritengo sbagliato soffermarsi solo sullanalisi di dettaglio delle quota zioni e della quantità di compraven dite andate a buon fine questo perché si registrano diversità anche molto significative in ragione dellarea geografica che si considera talvolta perfino nella stessa città della tipo logia di immobile che si vuole pren dere in considerazione e del tipo di affare al quale si è interessati loca zione compravendita etc del resto la flessione che ha colpito rispetto al passato il valore degli immobili ha determinato unofferta che difficilmente potrà ripetersi in futuro sebbene chi venda possa avere interesse a realizzare delle liquidità aggiunge è difficile immaginare che possa scendere molto al di sotto degli attuali valori di mercato a di spetto delle apparenze e delle difficoltà attuali questo è un periodo doro per chi voglia chiudere un buon affare se in passato il mercato immobiliare ha registrato quotazioni relativamente troppo alte ora lo stesso registra quotazioni relativa mente troppo basse chi può dun l saverio iaccarino presidente fima di napoli e provincia que anche a costo di grossi sacrifici farebbe bene ad approfittarne questo è il momento per mettere a segno sani investimenti speculativi anche se si tratta dellacquisto di una prima casa il presidente si sofferma poi sulla figura del consulente immobiliare che oltre a rendere disponibile il suo patrimonio di esperienze e cono scenze ed a creare i giusti equilibri tra potenziali acquirenti e potenziali venditori deve essere in grado di far comprendere che rispetto ad una congiuntura particolare si sono venute a determinare condizio ni estremamente interessanti difficile infatti immaginare un calo delle quotazioni immobiliari al di sotto di quelle attuali la storia delleconomia in qualsiasi realtà e tempo prosegue ha sem pre dimostrato che il mattone è un bene sicuro un investimento immo biliare oggi non è quindi azzardato anzi bisogna però tenere ben pre senti i valori espressi dalle quotazioni di mercato spesso accade che chi vende attribuisce un valore eccessivo al proprio immobile mentre chi com pra tende a sottostimarlo spiega il presidente in tutto ci vuole equi librio anche in questo è fondamen tale la figura del consulente immobi liare tocca a noi infatti far comprendere agli interessati che fermo restando i valori di riferimento ogni immobile ha delle particolarità che lo rendono diverso da qualsiasi altro i veri affari non parlo delle speculazioni non può farli mai una sola parte a noi tocca creare i con tatti e cercare di incanalare lecita mente le trattative verso il raggiun gimento del giusto punto di incontro senza che nessuno finisca con il prevalere o viceversa con lessere sopraffatto 12 confcommercioinforma napoli dicembre 2012

[close]

p. 13

servizi formazione corsi sulla sicurezza ad organizzarli gratuitamente è confcommercio napoli l via i corsi formativi sulla sicurezza ad organizzarli gratuitamente è la confcommercio della pro vincia di napoli in quanto associazione datoriale riconosciuta si tratta dei corsi di formazione ob bligatori d.lgs 81 2008 e smi come previsto dal nuovo accordo statoregione sulla formazione in materia di sicurezza contattaci subito per la prenotazione ai seguenti corsi rspp responsabile del servizio di prevenzione e protezione indirizzato al datore di lavoro e/o amministra tore di società rischio basso bar alimentari abbigliamento calzature a ecc rischio medio attività di pro duzione rls rappresentante dei lavoratori per la sicurezza diretto al dipen dente antincendio indirizzato al datore di lavoro e/o persona incaricata a svolgere tale ruolo rischio basso alto primo soccorso diretto al da tore di lavoro e/o persona incaricata a svolgere tale ruolo attenzione per chi è già in possesso di attestati rilasciati oltre il triennio è obbligatorio il corso di aggiornamento dei sud detti i datori di lavoro inadempienti sono soggetti a sanzioni amministra tive e penali sede i corsi si svolgeranno presso la sede della confcommercio di napoli sita in piazza carità 32 per informazioni e chiarimenti e per la prenotazione al corso è possibile contattare i seguenti recapiti telefonici 081.7979364/363 081.5424171 o direttamente allo 081.7979111 e-mail napoli@confcommercio.it dal lunedì al giovedì dalle ore 9,00 alle 13,30 e dalle 14,00 alle 17,30 il venerdì dalle 9,00 alle 13,30 per liscrizione è obbligatorio inviare la copia del documento di riconosci mento del partecipante e il numero di codice ateco dellattività al se guente numero di fax 081.5515019 industria torrefazione caffe vesuvio sede stabilimento via variante 7 bis km 40,400 80034 marigliano na -tel +39 081.841.33.76 http www.caffevesuvio.it mail lsepe@caffevesuvio.it

[close]

p. 14

commercio formazione l accademia gastronomi presidio di qualità p er meglio affrontare il lungo periodo di grave crisi economica che investe già da un po anche i consumi alimentari la fidaconfcommercio della provincia di napoli guidata da un anno da marco menna 44 anni salumieregastronomo di marano di napoli di cui fanno parte circa 5mila imprese del dettaglio alimentare ha deciso di creare laccademia gastronomi napoletana tenuta a battesimo dal presidente di confcommercio napo li pietro russo e dal leader nazionale di fida dino abbascià presidente menna cosè lacca demia per molte imprese sopravvissute alla concorrenza delle grandi catene e allincontrastato abusivismo è innan zitutto una risposta alla crisi ma anche un passo avanti verso la no stra principale risorsa i consumatori spesso attratti dalla politica del prez zo più basso e non dalla qualità e salubrità del prodotto quali iniziative promuoverà si occuperà di formazione e aggior namento professionale per giovani imprenditori dipendenti e collabora tori ma anche per i meno giovani che conservano intatte curiosità e apertura alle novità spesso la pubblicità influenza le scelte del con sumatore ma quando egli trova ri spondenza tra i consigli del salumiere e le caratteristiche del prodotto quel rapporto fiduciario nessuno mai lo potrà scalfire lavoriamo ad una rivoluzione culturale vogliamo for mare i consulenti alimentari di quar tiere un presidio per la qualità e la salubrità dei prodotti tipici e per la loro promozione È vero che in un momento di crisi labusivismo alimentare trova maggiore presa sui consumatori certo È anche per questo che oggi la crisi è entrata prepotentemente nelle nostre imprese anche in quelle a carattere familiare con minori costi di gestione ma comprare alimenti per strada pensando al risparmio sul prezzo e non alle conseguenze che un prodotto non selezionato non tracciato e privo di qualsiasi attenzione igienico-sanitaria pone il consuma tore dinanzi ad un rischio per la pro pria salute il cui valore è incalcolabile nelle nostre imprese cè possibilità di unire qualità e convenienza quale risposta avete avuto dalla categoria È stato un successo insperato han no risposto 80 persone che hanno voglia di imparare conoscere per fezionare le proprie competenze È una risposta anche a chi ritiene che i nostri giovani siano pigri e poco responsabili da questo gruppo vo gliamo iniziare una nuova fase del nostro percorso professionale si può andare oltre la crisi laccademia sarà al fianco delle imprese e rafforzerà il rapporto con i consumatori rinnovando ogni gior no quella fiducia che rende le nostre imprese un presidio a tutela della loro salute insieme possiamo scri vere un futuro migliore nellinteresse del paese e delle nostre imprese noi siamo ancora qui pronti a fare la nostra parte www.facebook.com/accademiagastronomi.fidanapoli presidente pietro russo vice presidente vicario massimo petrone vice presidente ammin gaetano coppola giunta vincenzo addati roberto de laurentiis mariolina formisano pasquale gentile vincenzo mosella francesco parisi aniello reccia andrea ruggiero pasquale russo direttivo giovanni allinoro marco bottiglieri vincenzo cozzolino maurizio crispino pasquale cutolo carmine dalessandro luigi de luca giulio esposito mario esposito giuseppe giancristofaro antonino iaccarino michele landolfo giovan giuseppe lanfreschi filomena martino giuseppe massa domenico migliaccio francesco minopoli giovanni nocerino giovanni perrella tiberio sauro antonella suarez salvatore trinchillo pasquale ugliano collegio dei revisori dei conti marilena nasti presidente vincenzo orefice gaetano piscuoglio gennaro duraccio supplente carmine ferrara supplente collegio dei probiviri massimiliano setaro presidente mario avino egidio paolucci manuela galietti supplente giovanna incarnato supplente dicembre 2012 14 confcommercioinforma napoli

[close]

p. 15

commercio denuncia contraffazione e abusivismo i mali dell economia sana l abusivismo commerciale e la vendita di prodotti contraffatti di ogni genere e specie che avviene in maniera massiccia attra verso tale canale sono fenomeni di illegalità diffusa che hanno raggiunto ormai dimensioni esorbitanti al punto da diventare una delle principali fonti di introito per la criminalità organizzata oltre che di evasione fiscale basta camminare per le strade prin cipali dello shopping cittadino so prattutto il sabato e la domenica per rendersi conto della presenza capillare ed ingombrante dei tanti rivenditori abusivi che con le loro mercanzie di dubbia provenienza occupano in lungo e largo interi marciapiedi aggravando le condi zioni di invivibilità già precarie e di vergognoso degrado in cui versa la città e ponendosi in sfacciata e provocatoria concorrenza sleale nei confronti delle attività commerciali legali alla crisi economica quindi si ag giunge anche il mercato del falso che coinvolge soprattutto il compar to delle calzature la tolleranza che si è avuta nei riguardi di tale proble ma quasi che si trattasse di un vero e proprio ammortizzatore sociale è ingiustificabile ed inammissibile an che perché alimenta negli abusivi la convinzione dellimpunità labusivi smo e la contraffazione che spesso di mariolina formisano presidente federcalzature confcommercio napoli costituiscono due facce della stessa medaglia sono una concreta e pe ricolosa minaccia per leconomia sana del paese in quanto colpiscono direttamente non solo i grandi mar chi di fabbrica ma anche il sistema distributivo rappresentato dal terzia rio che nella nostra area metropo litana costituisce la principale attività produttiva i sequestri di merce contraffatta da parte delle forze dell ordine rappre sentano un importante segnale di contrasto al fenomeno ma sono necessarie azioni sempre più serra te È fondamentale un maggiore presidio del territorio da parte delle forze dell ordine per stroncare un giro di affari miliardario accompa gnando a questa azioni politiche di sviluppo valide confcommercioinforma napoli 15

[close]

Comments

no comments yet