Il Giornale d'Abruzzo - Edizione dicembre 2012

 

Embed or link this publication

Description

Periodico in stampa e Quotidiano online - Il Giornale d'Abruzzo

Popular Pages


p. 1

la mia banca e differente il giornale d abruzzo periodico d informazione distribuzione gratuita annoi ° dicemb re 2 0 1 2 n ° 0 3 associazione lalunadiseb editricede ilgiornaled abruzzo http w w w ilgiornaledabruzzo i t editoriale di gioia salvatore il natale che fa parlare il cuore carissimi lettori eccoci alla fine di un anno difficile e tutto in salita natale natura tradizione e magia l affascinante abruzzo innevato si prepara al natale con il suo ricco bagaglio di tradizioni che resistono ai tempi e riescono a richiamare chi vive lontano e torna per ritrovarsi in famiglia l a crisi purtroppo non accenna a mollare la presa continuando a distruggere aziende e famiglie e difficile trovare le parole per dare coraggio a chi ha anche perso ogni speranza per andare avanti in momenti come questo però diventano importanti i piccoli gesti i sentimenti la solidarietà l amore verso il prossimo che ci aiuta a riscoprire valori come la famiglia l amicizia un pensiero in questo momento va certamente a tutte le persone che soffrono ma un pensiero va rivolto anche all esercito del volontariato a coloro che ogni giorno si preoccupano di dare qualcosa agli altri e per qualcosa non si intende solo un bene materiale ma anche un sorriso un abbraccio una condivisione del problema sono davvero tante le associazioni fatte da persone straordinarie che operano nel nostro territorio e che si danno da fare organizzando mercatini bancarelle per vendere oggetti realizzati artigianalmente al fine di ricavare piccole risorse da destinare alle famiglie meno abbienti sono quelli che portano la medi caratteristica è quella della squilla a lanciano il 23 dicembre è il giorno in cui i lancianesi si scambiano gli auguri di natale la tradizione prende il nome della campanellina la squilla appunto che suona ininterrottamente dalle 18 alle 19 riunendo le famiglie nelle case dei parenti più anziani quando la campanella suona l ultimo rintocco ci si abbraccia e ci si scambia i doni tanti i dolci natalizi dal noto parrozzo amato da gabriele d annunzio ai caviciunitte alle crespelle i tarallucci fanno parte della tradizione anche fichi secchi con le noci ed i torroni che da anni vengono prodotti in più parti d abruzzo di g.s zampognari rappresentazioni di presepi viventi mercatini ieri come oggi in un rinnovarsi di sentimenti antichi in ogni casa non può mancare il simbolo dell importante festività presepi o alberi di natale addobbati in ogni città ma anche nei centri più piccoli nelle piazze come nei vicoli sui quali risplendono le mille luci colorate tra le più antiche usanze che si rinnovano in abruzzo troviamo il presepe vivente di rivisondoli che si svolge il 5 gennaio e la sua prima edizione c e stata oltre 60 anni fa una rappresentazione davvero caratteristica che si svolge nella scenografia naturale che la montagna offre altra usanza cina in casa della vecchietta che acquistano il latte in polvere per una giovane mamma che fanno la colletta per non lasciare al buio una famiglia la loro discrezione fa si che tutto avviene senza clamore ma avviene e ciò ci rassicura in momenti cosi difficili quando mancano le parole giuste restiamo zitti ma facciamo parlare il cuore e natale e natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano e natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l altro e natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società e natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale e natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza e natale ogni volta che permetti al signore di rinascere per donarlo agli altri madre teresa di calcutta i pastori che scendevano dalle montagne il fascino antico degli zampognari pagina 2 sangritana piano nazionale per le città inaugurato lo sportello di mediazione familiare lanciano pagina 3 pagina 8

[close]

p. 2

2012 il giornale d abruzzo 2 i pastori che scendevano dalle montagne il fascino antico degli zampognari l abruzzo è ricca di tradizioni legate al periodo natalizio alcune si sono perse ma altre grazie all impegno di associazioni amministrazioni e varie organizzazioni continuano a vivere anche se adattate ai nostri tempi quando i primi giorni di dicembre si comincia a sentire il suono della zampogna è per tutti un tornare indietro nel tempo in molti centri si trovano ancora gli zampognari sono pastori che scendono dai monti e vengono per le feste queste le parole che dicevano gli anziani e che ancora oggi ripetiamo ai nostri bambini tu scendi dalle stelle il suono lo sentivi da lontano e man mano lo sentivi avvicinarsi con quel suono arrivava il natale oggi quel suono cerca di farsi sentire tra rumori dei nostri tempi traffico clacson ma si fa notare destando lo stesso fascino di una volta sempre in coppia i due pastori musicisti li ritroviamo anche nel presepe solitamente uno anziano ed uno più giovane e vengono posizionati proprio vicino alla capanna dove nasce gesù a tener viva la tradizione degli zampognari c è l accademia dei transumanti degli abruzzi ac.t.a nata nel 1996 a chieti scalo da peri suonatori sono giancaterino roberto padre luca giancaterino figlio sone interessate a recuperare i valori del patrimonio culturale della civiltà agro-pastorale abruzzese con particolare riferimento ai suoi strumenti musicali popolari la zampogna scupine ed il piffero ciaramella allo scopo di far riscoprire l importanza della zampogna e del piffero l ac.t.a ha avviato una scuola di zampogna i cui insegnanti sono preparati maestri di musica ubaldo di gregorio per la zampogna e mario canci per il piffero che ha consentito a tanti appassionati in particolare giovani di apprendere la non facile arte del suono di questi strumenti tradizionali oltre che formare i nuovi zampognari è stato anche incentivato il ripristino del lavoro artigiano per la costruzione di zampogne e pifferi sono ormai nuove realtà le botteghe avviate a luco dei marsi aq da francesco sabatini e a civitella del tronto te da gianni tribotti dai risultati interessanti pure se non ancora pienamente soddisfacenti perché in via di ricostituzione e consolidamento dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e erica tartaglia prima zampognara abruzzese zampogne incantato nel silenzio della sera ho ascoltato la voce d antichi stirpi che ai boschi cantavano i moti del cuore di tommaso tozzi poeta teatino red ilgda www.ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online

[close]

p. 3

2012 il giornale d abruzzo 3 piano nazionale perle città la rete ferroviaria della sangritana file rouge del progetto di riqualificazione dei centri urbani 28 comuni 3 province quelle di l aquila chieti ed isernia e l ater di lanciano hanno accolto l invito rivolto dalla ferrovia adriatico sangritana a condividere il progetto di riqualificazione dei centri urbani previsto dal piano nazionale delle città lo ha annunciato il presidente della sangritana pasquale di nardo che ha incontrato la stampa insieme ai sindaci ed agli amministratori degli enti partners del progetto un risultato questo già di per sé unico di questi tempi in cui la difesa del campanile sembra prevalere su una visione d insieme più ampia e capace di favorire lo sviluppo del territorio il dialogo tra gli enti ha prevalso andando anche oltre i colori della politica nell interesse esclusivo della crescita delle diverse realtà sociali ha precisato il presidente della sangritana parte dai comuni costieri di fossacesia san vito chietino ed ortona per raggiungere il comune di castel di sangro a sua volta collegato tramite rete ferroviaria italiana rfi alle principali realtà produttive ed urbane della dorsale tirrenica quali napoli salerno roma e civitavecchia castel di sangro diviene così la porta di accesso del traffico ferroviario dall adriatico al tirreno nel corso degli anni il trasporto su ferro ha ceduto il passo a quello su gomma oggi alla luce dei gravi problemi di inquinamento causato dall emissione di co2 appare quanto mai opportuna la possibilita di recuperare e potenziare la tratta storica della ferrovia adriatico sangritana progettata e realizzata 100 anni fa lo ricordiamo proprio per collegare l adriatico al tirreno il trasporto ferroviario e stato rivalutato anche dalle aziende della val di sangro dove si produce il pil piu importante dell intero abruzzo per la presenza di multinazionali come sevel e honda e proprio qui che la sangritana ha un importante snodo ferroviario quello di saletti prospiciente lo stabilimento dove si producono i ducato che l azienda della regione abruzzo trasporta verso il confine francese in collaborazione con nord cargo per conto di gefco da tempo i piani di sviluppo della sangritana guardano oltre i confini regionali ma il c.d.a presieduto da pasquale di nardo intende ripristinare la rete sociale da impiegare nelle aree di maggiore densità abitativa e il caso della tratta san vito-castel frentano con mezzi leggeri ed eco sostenibili come il tram treno un progetto questo che favorisce in particolare la mobilita interna verso la costa dei pendolari siano essi studenti lavoratori o turisti la tratta storica san vito-castel frentano attraversa le zone maggiormente urbanizzate dei comuni di san vito chietino treglio lanciano castel frentano e diversi punti di interesse pubblico e sociale interessando un bacino di utenza pari a più di 47.500 residenti proprio questo progetto del tram treno e stato selezionato dal ministero delle infrastrutture e dei trasporti per essere presentato dal presidente della f.a.s pasquale di nardo durante i lavori del v convegno nazionale sistema tram in programma a roma nella sede del ministero per il prossimo mese di gennaio l esercizio ferroviario trasformato in tranviario contribuirà al miglioramento dell arredo urbano e del verde pubblico nell area della stazione storica di lanciano ad esempio in un contesto di riqualificazione del parco del mancino il vecchio deposito-officina lascerà il posto al museo del treno dove avrà sede anche l archivio storico della ferrovia adriatico sangritana già sotto vincolo del ministero per i beni culturali ed una sala conferenze polivalente la vicinanza di altre strutture comunali di carattere culturale biblioteca r.liberatore ed il polo museale di s.spirito creerà di fatto un polo culturale nel cuore della città di lanciano tutte queste aree di intervento sono legate da un filo conduttore la ferrovia adriatico sangritana che continua a rappresentare una risorsa per il territorio 100 anni fa come oggi l obiettivo e lo stesso favorire lo sviluppo complessivo del territorio diventa indispensabile però dotare le aree interessate di infrastrutture adeguate che da un lato devono stimolare lo sviluppo e dall altro arginare lo spopolamento delle aree interne elementi questi che fanno da volano per qualsiasi attività produttiva commerciale o di servizi in altre parole un opportunità di questi tempi cerchiamo di coglierla ma di che cosa si tratta nell ambito del decreto per lo sviluppo il ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha predisposto il piano nazionale delle città le comunità locali sono state invitate a proporre programmi per riqualificare il territorio e migliorarne la vivibilità come attraverso la realizzazione di nuove infrastrutture costruzione di parcheggi alloggi e scuole insomma con l ausilio di quegli interventi tesi a migliorare la qualità urbana ed ambientale rendendo anche più efficiente il trasporto urbano e garantendo la sicurezza della viabilità tutto questo anche per ridurre lo spopolamento delle aree interne dove si cerca anche di favorire il turismo e migliorando le infrastrutture nelle aree industriali dove si tende di contro ad aumentare il grado di competitività delle realtà produttive nello specifico il progetto di riqualificazione proposto dalla f.a.s viene ad interessare il territorio dei comuni attraversati dai binari della sangritana che per quasi un secolo ha collegato le aree interne del sangro-aventino alla costa adriatica infatti la linea ferroviaria della sangritana dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e redazione@giornaledabruzzo.net

[close]

p. 4

2012 il giornale d abruzzo 4 il mio natale sono nata a lanciano e da noi ogni festa si raddoppia o addirittura si moltiplica dicono gli abitanti dei paesi vicini il natale infatti a lanciano comincia il 23 dicembre la sera alle sei comincia a suonare una campanella posta sulla torre civica mentre da un piccolo santuario che si trova appena fuori della città muove una fiaccolata che ha come meta la cattedrale la campanella suona incessantemente alle sette quando il corteo è ormai arrivato in piazza suonano a festa tutte le campane e tutti si scambiano gli auguri sono presenti il vescovo che impartisce la benedizione e il sindaco che fa gli auguri a tutti i cittadini la tradizione vuole che poi si vada in casa dei parenti più anziani in genere dai nonni per baciare la mano un tempo era quello il momento in cui i bambini ricevevano i regali che non provenivano né da gesù bambino che non era così ridotto a leggenda né tantomeno da babbo natale ma da un amoroso nonno vivo e vegeto il senso della festa era quello di prepararsi alla notte di natale e se in famiglia c era stata qualche incomprensione avere l occasione per ristabilire buoni rapporti nella mia famiglia continuiamo come sempre a seguire questa tradizione per noi è questo il momento dello scambio di auguri e regali anche i cugini e i nipoti che vivono ormai in altre città sono legatissimi a questa festa uno dei miei zii che viveva a firenze aveva una campanella comprata a lanciano che lui stesso faceva suonare non per un ora intera per ricordare ai figli che in quella serata si cominciava a festeggiare il natale la notte della vigilia a lanciano non si discosta di molto da quello che avviene nel resto del mondo cristiano presepio albero cenone magro messa di mezzanotte se mi lascio andare ai ricordi mi viene in mente invece la novena di natale che nella mia casa come in tante altre era cantata dagli zampognari la notte di natale è notte santa di anno in anno sempre lo stesso pastore si presentava a mia madre alla festa dell immacolata per ricevere l abbonamento alla novena era un vecchio bellissimo che veniva dalle montagne di cassino accompagnato da uno dei nipoti che suonava il piffero in dialetto scopina onde la coppia di zampognari veniva anche chiamata degli scopinari l ultimo giorno poi riceveva in dono arance frutta secca tarallucci e calcionetti che venivano versati nella sua capace bisaccia che assomigliava a un altra zampogna il presepe era compito di mio padre cominciava la sera di santa lucia dicembre 2012 pe r i od icod i n fo rm a zi o n e vittoria de cecco festa della parrocchia del nostro quartiere e occasione di acquisto di qualche novità per il presepe sulle bancarelle che riempivano la nostra strada il fondale l aveva dipinto mio nonno era un tramonto palestinese con tante palme e case bianche in lontananza in primo piano c era un piccolo arco da cui usciva una stradina che mio padre attentamente faceva continuare nella scenografia a destra nel dipinto c era un ponticello su un torrente e anche questo serviva per dare vita al complesso di casette di sughero addossate a un ponte che completava la parte alta due sentieri uno dall arco l altro dal paesello scendevano verso la parte bassa del presepe che aveva al centro un laghetto generato dal torrente in basso a destra un grande ciocco di ulivo ottenuto dal provvidenziale taglio di un albero formava la roccia sotto la quale si trovava la capanna della natività tutto era poi animato dalle scene della vita campestre con personaggi che noi bambini chiamavamo per nome anche ora i miei nipoti cercano cecco e concetta nei loro presepi cittadini la mattina del ventiquattro andavamo in campagna per raccogliere le pettile che erano zolle di erba fresca che mettevamo intorno al laghetto per dare il pascolo al numeroso gregge che dovevamo sistemare accanto alla capanna c era uno zampognaro quasi uguale al vecchio di cassino che veniva a suonare la novena con il nipote pifferaio posto a lato a natale i re magi stavano sul cammello nella parte alta vicino all arco solo il 6 gennaio venivano sostituiti da quelli grandi in ginocchio davanti alla grotta di vittoria de cecco www.ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online

[close]

p. 5

2012 il giornale d abruzzo 5 quando babbo natale arriva dal cielo grande entusiasmo anche quest anno per l appuntamento con il babbo natale volante che una folla di bambini ha aspettato presso l xi reparto volo di pescara ieri mattina intorno alle 10.00 presenti i piccoli pazienti dell ospedale di pescara i giovani ospiti della casa famiglia piccolo principe i ragazzi dell associazione regionale down d abruzzo ed i figli dei dipendenti della polizia di stato in servizio presso le questure di chieti pescara ed i reparti speciali torte gigantesche maghi clown e palloncini colorati hanno fatto da contorno ai tre babbo natale che hanno distribuito i doni e gadget della polizia di stato cappellini matite colorate dopo il tradizionale volo in elicottero e la rocambolesca discesa all hangar dell aeroporto ricordi d infanzia natale e pasqua le principali festività religiose hanno avuto sempre una grande risonanza nell animo del popolo in paese già molti giorni prima del natale si creava e si avvertiva un atmosfera di attesa che si esprimeva nei preparativi religiosi ma anche in tutti quelli legati alla vita familiare si partiva già dagli inizi di dicembre con la novena dell immacolata concezione,alla quale seguiva poi quella di natale il giorno di santa lucia si compravano i pastorelli di terracotta per il presepe i bambini più piccoli erano occupati nella raccolta del muschio le téppele nei luoghi più ombreggiati e umidi e si dava inizio alla costruzione del presepe l antivigilia di natale al suono della squilla si riuniva la famiglia intorno al presepe si recitava la preghiera,ci si scambiava gli auguri e si ponevano nel presepe san giuseppe e la madonna in attesa della nascita di gesù la vigilia di natale si usava mettere un grosso tronco lu ticchie nella ciminiera e su di esso si posavano dodici pezzi di legno che preannunciavano i dodici apostoli ed era credenza comune che quanto di più durasse il ceppo acceso nei giorni tanto più a lungo sarebbe vissuto il capo famiglia tutta l aria era impregnata dell odore dei fritti crùstele e caviciunitte attorno al focolare si trasmettevano nella notte della vigilia le arti magiche insegnando ad altri formule di scongiuro o fare il malocchio la notte di natale si evitava di camminare al centro della strada perchè secondo un antica credenza si rischiava di fare degli incontri particolari in campagna sempre in questa notte si usciva fuori con il lume acceso per osservare la direzione del vento perchè il vento spirante nella notte santa sarebbe stato dominante nell intero anno a mezzanotte ci si recava alla messa e il giorno di natale trascorreva in armonia in famiglia consumando il pranzo tradizionale a base di brodo di tacchino cardone e palluttelle e anche giocando a tombola al gioco dell oca a carte p.g centro revisioni c.da villa martelli 295/a 66034 lanciano ch tel/fax 0872.714663 cell 366.5010520 www.elettrautotaddeo.com dicembre 2012 pe r i od icod i n fo rm a zi o n e www.ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online

[close]

p. 6

2012 il giornale d abruzzo 6 www.isolaverdeonline.it 0872.860475 lago di bomba ch atessa pro loco val di sangro e l amministrazione comunale insieme per il progetto noi sicuri un progetto finalizzato a scoraggiare l alta velocita degli automobilisti ed a creare la cultura della sicurezza si chiama noi sicuri ed è stato presentato ad atessa dalla pro loco val di sangro con la collaborazione del comune abbiamo acquistato queste colonnine che sono praticamente dei dissuasori e le abbiamo messe a disposizione del comune in modo da poterle posizionare nelle strade più a rischio della città ha dichiarato elisa tano presidente della pro loco val di sangro ­ l iniziativa conferma la nostra attenzione verso tutte le problematiche del territorio quindi anche quelle relative alla sicurezza il progetto è stato presentato presso la palestra di montemarcone alla presenza di autorità e studenti paolo goglio responsabile nazionale del progetto ha ricordato il numero di incidenti causati dalla dicembre 2012 pe r iiodiic odnn fom p a zi oq uotidianoonli ne settembre 2011 pe r od c o i i sta rm e n e velocità ed ha comunicato i dati di un primo monitoraggio di un dispositivo velo ok posizionato a montemarcone da cui si evince che ogni giorno vi transitano oltre 7000 auto e la velocità arriva anche a 160 km orari ben vengano dunque iniziative mirate a ricordare agli automobilisti che arrivare qualche minuto prima spesso ha un prezzo troppo alto alla presentazione c erano il sindaco nicola cicchitti il vice sindaco enzo pellegrini e l assessore regionale luigi de fanis redazione@ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online www.giornaledabruzzo.net

[close]

p. 7

2012 il giornale d abruzzo 7 vice presidente nazionale casartigiani ferdinando buccella della cooperativa artigiana di garanzia città di lanciano ricordando la recente nascita di confidimpresa abruzzo a pochi giorni da un nuovo anno non si può che sperare in una ripresa anche se lenta lo scenario è difficile una sfida alla crisi è puntare sul turismo ha detto dario buccella coordinatore regionale casartigiani crisi la soluzione di casartigiani più risorse ai confidi e puntare sul turismo si conclude un anno tremendo per tutti i settori in particolare per l artigianato la ripresa purtroppo non è nell immediato ed è sempre più difficile trovare una soluzione che possa dare anche una boccata d ossigeno alle nostre imprese grande l impegno di casartigiani in abruzzo e della cooperativa artigiana di garanzia città di lanciano a far si che gli imprenditori gli artigiani possano trovare ancora accesso al credito ma gli sforzi nostri non bastano deve intervenire la regione alla quale qualche giorno fa abbiamo fatto appello insieme alle altre associazioni artigiane affinché destini una parte dei fondi fas per sostenere l attività dei confidi ribadisce con forza ferdinando buccella vicepresidente nazionale di casartigiani ferdinando buccella rafforzare il sistema dei confidi significa automaticamente ridare ossigeno all economia attraverso le piccole e medie imprese il rapporto impresa-banche è diventato difficile insostenibile talvolta i dati di fonti autorevoli sono sconfortanti e ci dicono che quest anno i finanziamenti bancari alle piccole e medie imprese sono diminuiti del 4,6 bisogna fare del tutto per cambiare questa tendenza negativa e noi con il sostegno della regione possiamo rendere più forti le imprese in crisi possiamo garantire qualità e celerità di finanziamenti anche perché conosciamo la realtà nella quale operiamo ed immediataamerico di menno di bucchianico mente dare una boccata di ossigeno alle aziende abbattendo i tassi di interesse ha dichiarato americo di menno di bucchianico presidente dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e www.ilgiornaledabruzzo.it dario buccella coordinatore regionale casartigiani quotifiano online

[close]

p. 8

2012 il giornale d abruzzo 8 inaugurato a lanciano presso la sede dell associazione agape lo sportello di mediazione familiare denominato la luna di seb si chiama la luna di seb lo sportello di mediazione familiare inaugurato a lanciano nella sede dell agape in via ravizza 1 un progetto di volontariato che nasce dalla sinergia tra l associazione agape e lo studio foschini di pescara per ascoltare indirizzare risolvere problemi che nascono tra le mura domestiche e che a volte sfociano anche in episodi di violenza parola che lo studio foschini porta avanti da tempo nella citta di pescara ha dichiarato giuliano d ovidio presidente agape do come in un momento di crisi economica come quello che stiamo vivendo i rapporti familiari diventano più fragili e le separazioni più frequenti lo sportello sarà a disposizione ogni sabato dalle 09.30 alle 11.30 il gruppo di parola ­ come ha spiegato la psicopedagogista simona foschini è uno spazio per lo scambio di esperienze ed il sostegno dei bambini di genitori in fase di separazione o gia divorziati vi partecipano bambini dai 6 ai 12 anni il percorso prevede 6 incontri che coinvolgono in alcune fasi anche i genitori sto lavorando da tempo a questo metodo innovativo e lo ritengo molto efficace la ricerca ha dimostrato che il gruppo protegge e rassicura i bambini e permette loro di costruire e ricostruire con rinnovata fiducia i legami familiari gli aspetti più strettamente legati alla mediazione familiare e legali dello sportello la luna di seb saranno curati dalle avvocatesse delia verna e federica pedrazzi all inaugurazione era presente anche il sindaco mario pupillo che ha espresso il suo apprezzamento all iniziativa sottolineanwww.ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online alla nostra costante attività di volontariato con la quale assistiamo numerose famiglie con la consegna di alimenti e vestiario abbiamo voluto unire un servizio in più con questo sportello portando a lanciano l esperienza dei gruppi di dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e

[close]

p. 9

2012 il giornale d abruzzo le crispelle che meraviglia vederle prender forma nella padella con l olio bollente l impasto si prende con le mani si attorciglia un po e puff nell olio pochi secondi e la crispella morbida bollente saporita è pronta con l uvetta senza con una spolverata di zucchero oppure semplice senza nulla un dolce antico si mangiavano crispelle per attendere la mezzanotte 9 turisti per gusto ristorante caldora punta vallevò quando ho imboccato la statale 16 nel tratto che collega san vito chietino a fossacesia il sole iniziava a tramontare ed i raggi sembravano quasi sfiorare la costa emozioni uniche da cogliere fino in fondo per questo lasciai la macchina in un piazzale e decisi di fare due passi località rocca san giovanni una bancarella di pescatori catturò subito la mia attenzione stavano ritirando contenitori e arnesi,anche se al tramonto la giornata per loro sarà stata sicuramente lunga e faticosa pensai mi girai intorno e mi colpì il profumo di cucina mi lasciai guidare dall olfatto percorsi una breve discesa e mi ritrovai al ristorante punta vallevò ad accogliermi marco che subito mi invitò ad accomodarmi scelsi la sala esterna che si affaccia sul mare uno spettacolo una striscia di costa protetta da due trabocchi una poesia accompagnata dai gabbiani e dal rumore delle onde luca mi riporta alla realtà con la spiegazione del menù questo mi ha colpita particolarmente non un elenco di piatti ma una dettagliata spiegazione di come questi piatti sono stati pensati i nostri piatti sono semplici e seguono molto la stagionalità sia per i pesci che per l orto in questo periodo un menù indicativo potrebbe essere un antipasto freddo composto da una variazione di carpacci quali palamita ricciola merluzzo e antipasto caldo quale cozza ripiena seppie e piselli e trippetta di pescatrice un bis di primi composto da sagnette con frutti di mare e ceci e un maccheroncino al ferro con cime di rapa peperone secco e scampi per secondo un pescato del giorno in guazzetto dessert la classica pizza doce dolce melodia se fosse musica apprezzai il cibo la gentilezza ed il servizio di elsa ed il sorriso di fiorenza componente della famiglia caldora che mi ha fatto fare la promessa che manterrò quella di tornare presto in quell angolo meraviglioso d abruzzo di g.s il parrozzo se milano si identifica col panettone l abruzzo si identifica col parrozzo e questo un dolce tipico originario di pescara e diffuso in tutta la regione dove viene prodotto artigianalmente da pasticcerie e forni farina mandorle e cioccolato fondente che lo ricopre queste le sue caratteristiche e un dolce amato da gabriele d annunzio che gli dedicò un sonetto e tante bbone stu parrozze nove che pare na pazzie de san ciattè c avesse messe a su gran forne tè la terre lavorata da lu bbove la terre grasse e lustre che se coce e che dovente a poche a poche chiù doce de qualunque cosa doce c.da paglieroni 85 uscita a/14 lanciano 66030 treglio chieti tel 0872.716760 fax 0872.709213 info@ctesrl.com s.s.16 adriatica località vallevò 66020 rocca s.giovanni ch tel 0872-609185 quotidiano online dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e www.ilgiornaledabruzzo.it

[close]

p. 10

2012 il giornale d abruzzo 10 intitolato a concetta satalia salvatore il premio agli ufficiali in occasione della festa del 156esimo anniversario del corpo di amministrazione dell esercito italiano un momento bello e ricchissimo di emozioni il ricordo del corpo ed il ricordo di concettina che non abbiamo mai dimenticato lo ha detto il gen vito caporaso presidente nazionale dell a.n.am.mi in occasione della festa del 156esimo anniversario che si è tenuta a roma nell ambito della cerimonia si è svolta anche la consueta premiazione degli ufficiali risultati vincitori di un apposito concorso quest anno il premio e stato intitolato a concetta satalia salvatore di lanciano deceduta di recente moglie del col davide satalia e la prima volta che intitoliamo il premio ad una donna ad una crocerossina ad una persona che e stata di una elevata gentilezza e disponibilita verso tutti noi del corpo ha sottolineato il gen caporaso l primo dei cinque premi assegnati è stato vinto proprio da una donna la tenente del corpo maria grazia esposito premiata dal col davide satalia a consegnare il secondo premio al capitano del corpo francesco albanese è stata la figlia della scomparsa sabina satalia colonnello davide satalia principessa elettra marconi mentre il terzo premio al capitano del corpo giulia cianfana è stato consegnato dalla principessa elettra marconi presente alla cerimonia per l antico legame di amicizia con la signora concetta a roma per assistere alla cerimonia nella sala gremita di autorità militari e civili provenienti da tutta italia è arrivato un nutrito gruppo di lancianesi tra amici e parenti del col satalia tra cui il sindaco mario pupillo l avv filippo paolini ex sindaco della città ed un ampia rappresentanza delle patronesse della croce rossa di cui la compianta concetta faceva parte ho il cuore straripante di emozioni ha detto il col davide satalia nel suo discorso di ringraziamento ricordando la vicinanza nella sua carriera militare da ufficiale e da amministratore della sua adorata moglie vicina con l anima e con il corpo nella mia carriera militare il giornale d abruzzo periodico in stampa e quotidiano online associazione la luna di seb editrice de il giornale d abruzzo direttore responsabile gioia salvatore testata giornalistica reg.tribunale di lanciano n° 01/2012 http:www.ilgiornaledabruzzo.it http www.giornaledabruzzo.net redazione@giornaledabruzzo.net il quarto e quinto premio rispettivamente al capitano giuseppe vetrone ed al capitano diego micara sono stati consegnati dal generale giuseppe de luca e dal generale francesco altomare dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e stampa tipografia angolana via lungofino 7 65013 città sant angelo pe tel.085.95888 fax 085.9500014 associazione culturale la luna di seb via ferro di cavallo 29 66034 lanciano ch tel 0872.632490 p.i 02394730697 www.lalunadiseb.it info@lalunadiseb.it www.ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online

[close]

p. 11

2012 il giornale d abruzzo 11 alimentazione e nutrigenetica i consigli della nutrizionista michela toro laboratorio bios miglianico dott.ssa toro lei è una nutrizionista di ultima generazione che unisce l ancestrale stile alimentare della dieta mediterranea con la nuova scienza definita nutrigenetica ma di cosa si occupa la strada che ho voluto intraprendere nella mia nascente carriera è un po differente dal solito percorso che ci viene proposto diciamo che sto cercando di convogliare il modo di mangiare dei miei nonni con ciò che scopriamo andando avanti con la scienza in parole povere l entusiasmante connubio della dieta mediterranea con la nutrigenetica ci darà la possibilità di migliorare la qualità della vita delle persone ma anche la longevità qual è quindi la dieta migliore per soddisfare anche i nostri geni sicuramente la miglior dieta che abbiamo a disposizione è sempre e comunque la dieta mediterranea non per niente la quinta sessione del comitato intergovernativo dell unesco il 17 novembre 2010 ha iscritto la dieta mediterranea nella prestigiosa lista del patrimonio culturale immateriale dell umanità tale importante riconoscimento consente di accreditare quel meraviglioso ed equilibrato esempio di contaminazione naturale e culturale che è lo stile di vita mediterraneo come eccellenza mondiale il termine dieta si riferisce all etimo greco stile di vita cioè all insieme delle pratiche delle rappresentazioni delle espressioni delle conoscenze delle abilità dei saperi e degli spazi culturali con i quali le popolazioni del mediterraneo hanno creato e ricreato nel corso dei secoli una sintesi tra l ambiente culturale l organizzazione sociale l universo mitico e religioso intorno al mangiare la dieta mediterranea è caratterizzata da un modello nutrizionale rimasto costante nel tempo e nello spazio costituito principalmente da olio di oliva cereali frutta fresca o secca e verdure una moderata quantità di pesce latticini e carne e molti condimenti e spezie il tutto accompagnato da vino o infusi sempre in rispetto delle tradizioni di ogni comunità ovviamente il poter associare queste abitudini alimentari ad un test di nutri genetica ci permette di adattare il perfetto stile alimentare della dieta mediterranea alla nostra soggettività genica dunque i geni del nostro dna sono in stretto collegamento con la nostra alimentazione la nutrigenetica cioè la genetica applicata alla nutrizione è la nuova frontiera nel mondo dell alimentazione ciò che mangiamo viene metabolizzato quindi utilizzato in maniera del tutto soggettiva ognuno di noi è unico e ciò è dovuto ai nostri geni le differenze da individuo a individuo si manifestano sia esteriormente nel nostro aspetto fisico come il colore dei capelli e degli occhi sia internamente ad esempio nella diversa capacità di metabolizzare i nutrienti o eliminare le tossine e in ciascun gene vi sono punti di variazione l insieme di queste piccole variazioni polimorfismi snps definisce la nostra individualità conoscendo meglio l effetto che i nutrienti hanno sulla nostra particolare costituzione genetica possiamo esercitare un controllo più effettivo sulla qualità e sulle nostre aspettative di vita cosa accade in quei casi in cui pur mangiando pochissimo non si riesce a scendere di peso direi che già il mangiar pochissimo rappresenta una cattiva abitudine che porta sicuramente ad un incremento del peso corporeo associato ad un decremento del metabolismo come rieducatrice alimentare infatti mi pongo sempre l obiettivo di insegnare a mangiare concetto ben lontano dal togliere il cibo in questo periodo natalizio cosa a suo parere non si dovrebbe fare assolutamente a livello alimentare e cosa invece possiamo concederci non facile è la gestione dello stile alimentare quotidiano figuriamoci quella del periodo natalizio a grandi linee consiglierei di evitare il consumo di frutta dopo i pasti questi preziosi alimenti vanno utilizzati come alcalinizzanti e detossificanti al mattino nello spuntino e a metà pomeriggio o comunque almeno un ora prima dei pasti principali evitare l abbinamento iperacidificante di carne rossa e latticini cercare di cominciare sempre la cena con un piatto consistente di verdura cruda ma soprattutto non rimanere più di 3 ore digiuno il che rallenta il lavoro dell insulina dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e www.ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online

[close]

p. 12

2012 il giornale d abruzzo 12 la ing tasso e candeloro risponde alla crisi con artù la ing tasso e candeloro costruisce immobili residenziali e industriali da oltre 25 anni nelle province di chieti pescara e negli ultimi anni anche a macerata in oltre 25 anni l alternarsi di periodi di boom edilizio a periodi di crisi ha consentito l opportunità di reinventarsi per avvicinarsi sempre piu alle esigenze del cliente ing.tasso e proprio in quest ottica nasce artù una villa mono/bifamiliare costruita in muratura /cemento armato legno etc e con consegna chiavi in mano qual è la particolarità della villa non si tratta di una villa prefabbricata ma costruita secondo le esigenze del cliente che sceglie tutto dai materiali di costruzione alla classe energetica il cliente deve solo individuare la tipologia di villa che più gradisce e al resto pensiamo noi insomma una soluzione senza pensieri con le leggi che cambiano di continuo può essere estremamente complicato districarsi tra regole e regolamenti e così in molti rinunciano a realizzare il proprio sogno con artù è la tasso e candeloro che si occupa di tutto cosi che il cliente avrà la sua villa nel pieno rispetto dei tempi e soprattutto con costi certi senza sorprese di costi aggiuntivi la ing tasso e candeloro inoltre offre gratuitamente consulenze finanziarie al fine di aiutare il cliente a disbrigarsi anche per l aspetto finanziario scegliendola soluzione più consona non ultimo il rispetto dei tempi con le nuove tecnologie si è in grado di costruire una villa in 4/6 mesi a costi paragonabili a poco più di un appartamento ancora una volta la ing tasso e candeloro trova nella crisi una nuova opportunità per crescere e avvicinarsi ancora di più alle esigenze del cliente ing.candeloro dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e

[close]

p. 13

2012 il giornale d abruzzo i racconti di natale una immagine riflessa dicembre è arrivato e con lui i ricordi delle feste in macchina osservo il litorale e decido di fermarmi la schiuma disordinata di quelle onde produce un rumore insolito che sveglia la mia memoria sono anni che non scendo nel ripostiglio del mio condominio a cercare l albero che per tanti anni mi ha fatto compagnia non credo che ne esista uno più colorato ogni anno mio figlio ed io facevamo a gara per renderlo più carico e guai a non distribuire bene gli addobbi ma se questo capitava si andava per negozi a cercarne altri e questo lo facevamo capitare ogni anno poi un giorno lui è andato a vivere in un posto troppo lontano ed io non ho più fatto l albero alzo gli occhi al cielo e mi lascio sorprendere dal freddo di qualche fiocco apro la mano e osservo la neve farsi acqua quelle goccioline sono belle trasparenti e tanto in grado di riflettere la luce fino al punto che riesco a percepire tutti i colori del mio alberello torno a casa e voglio che natale quest anno arrivi almeno nei ricordi scendo nel ripostiglio e lì dove mio figlio lo ha riposto l ultima volta ne ero sicura lo prendo e lo abbraccio per poi portarlo a casa gli occhi sono pieni di lacrime ma almeno hanno la capacità di riflettere la luce come le goccioline nella mia mano figlie della neve rubate al cielo qualche istante prima ogni palla ha una storia da raccontare ed io sto lì ad ascoltare con una pazienza che forse un tempo non avevo passo il pomeriggio con i miei tanti natali e tra una gocciolina e l altra finalmente l albero torna a vivere tra le pareti di una casa muta e disperatamente in cerca delle sue voci sto lucidando la mia ultima pallina l unica non colorata e trasparente come l acqua ad un tratto forse aiutata dalla mia fantasia mi regala l immagine riflessa di un ragazzo meraviglioso non riesco più a vedere bene perché di colpo la vista viene offuscata sento un suono l unico che è in grado di rompere qualsiasi silenzio e regalare la vita a chi pensa di averla persa e il solo che possa dissetare le pareti di qualsiasi casa e rendere l albero di natale il più bello del mondo mamma 13 di catia napoleone un posto in più chi occupa un posto importante nel cuore salta fuori con prepotenza in questi giorni c è chi lo fa con discrezione e chi fa sentire la sua presenza indirizzando qualche ben definita magia a chi sarà in grado di interpretarne il segno oggi è la vigilia ogni casa ha le sue tradizioni e la nostra da sempre lascia un posto in più apparecchiato per chi se n è andato per rabbia o perché chiamato in un altrove noi siam solo spettatori intorno a questa tavola imbandita e ci guardiamo negli occhi speranzosi di un segno come dono il giorno di natale e quasi mezzanotte e la famiglia rinnova in silenzio ogni anno gli auguri per quel figlio nato da un amore sbagliato di tanti anni prima abbiamo solo una foto sbiadita di nostro fratello ogni anno tiriamo dal cassetto del comodino di babbo quella reliquia e facciamo a gara per trovare delle somiglianze scovandole nei nostri volti e babbo ormai canuto se ne sta seduto vicino al camino e tira il suo sospiro di dolore quando con la coda dell occhio sbircia quel posto in più anche quello è un segno decido che è finito il tempo delle reliquie nascoste e soffocate dai tanti stupidi rancori non è forse il natale che ci insegna il calore di un presepe quest anno ho rotto una tradizione di famiglia che dura da troppo tempo il silenzio per la prima volta non ho chiesto il parere a nessuno dei miei fratelli per decidere il mio regalo non so se ho fatto bene ma credo che una tradizione che si rispetti debba essere messa in discussione per poter essere tramandata con la coscienza giusta ai nostri figli e la nostra deve dar conto di quel posto in più chi è stato chiamato in un altrove ci suggerisce attraverso i segni che l amore non muore mai ma ci sopravvive infinitamente da un segno trovo la forza di decidere il mio regalo da sola sotto l albero quest anno c è un regalo in più sorprendo babbo nel contarli si gira verso di me e mi ringrazia senza una parola ma questa volta si tratta di un silenzio diverso quel silenzio è giusto.suonano alla porta babbo è qualcuno per te trema ma deciso si alza e guarda con amore finalmente quel posto in più via per treglio 53 lanciano

[close]

p. 14

2012 il giornale d abruzzo 14 anticipazioni oroscopo 2013 ariete finalmente l anno bisestile che lasciamo alle spalle porterà a voi dell ariete una ventata di novità positive sarà un anno di fermento di voglia di fare e di nuovi amori saprete andare dritti per la vostra strada per ottenere ciò che da molto tempo desiderate molti di voi cambieranno lavoro bilancia il 2013 sarà l anno degli incontri e dei cambiamenti spetterà a voi rendere ogni metamorfosi positiva chiuderete una storia tenuta in piedi per miracolo durante il 2012 se agirete con maggiore sensibilità e meno arrivismo riuscirete a costruire il vostro futuro con serenità scorpione anche voi amici dello scorpione andrete incontro al 2013 con tante idee progetti e speranze soprattutto se da poco tempo avete avuto un figlio finalmente riuscirete a ritagliarvi i vostri spazi e pensare un po più a voi stessi dovrete fare di tutto per mantenere compatta un unione alla quale tenete ma che ultimamente vi ha dato qualche problema toro l anno 2013 sarà un anno un po faticoso ma se vorrete molto costruttivo dovrete darvi molto da fare per ottenere quello che desiderate ma che ancora non siete riusciti a fare vostro darete il via a molti progetti sia lavorativi che affettivi molti di voi coroneranno un sogno d amore to vi pesano particolarmente dovrete impegnarvi a fondo per cambiare il vostro stile di vita la razionalità e la tenacia di cui siete dotati dovranno essere indirizzate in maniera più costruttiva acquario molti di voi saranno pronti a rinunciare alla libertà per amore il vostro desiderio di indipendenza sarà un po offuscato dal desiderio di compiacere il partner dovrete valutare bene ogni evenienza perché potrete tornare sui vostri passi solo con tanta fatica la nostalgia vi darà qualche problema in quanto alcune volte vi sentirete irresistibilmente attratti da una persona del passato sagittario il 2013 vi vedrà desiderosi di cambiare vita di fare nuove esperienze e di accantonare un rapporto che dura da tempo ma che non vi regala più grandi emozioni dovrete fare i conti con voi stessi e analizzare bene i vostri desideri solo facendo appello al vostro buonsenso riuscirete a rimettere in piedi un rapporto che ha ancora molto da darvi ma che non vi entusiasma più come dovrebbe gemelli l anno bisestile vi ha fortemente destabilizzato ma il 2013 saprà ripagarvi dalle fatiche fatte durante il 2012 in arrivo colpi di fortuna e un nuovo amore sarà necessario dare un taglio netto a una situazione sentimentale che vi ha procurato molte frustrazioni pesci il 2013 sarà un anno durante il quale avvertirete la necessità di mettere ordine nella vostra vita metterete in dubbio molte cose compreso il comportamento del partner sarete pronti per cambiare vita capirete che la coerenza vi aiuterà a progredire per gradi ma in modo inarrestabile siddharta parapsicologo astrologo cartomante cancro potrete vivere grandi emozioni il 2013 sarà l anno giusto per cambiare radicalmente vita dovrete tuttavia fare vostro il principio che voi e solo voi potrete fare il necessario per profondamente la vostra esistenza un nuovo amore si affaccerà nella vostra vita capricorno il 2013 pretenderà da voi tutto l impegno possibile per uscire da situazioni che in questo momenmodificare leone con molta fatica vi riprenderete dall anno 2012 l anno nuovo vi darà modo di aprire nuovi orizzonti fare nuove esperienze e modificare una posizione mentale che fino a questo momento vi ha fatto soffrire molto saprete volgere in positivo un evento inatteso che vi ha procurato molto dolore vergine sarete alla scoperta del vostro vero modo di essere la crisi esistenziale che durante il 2012 avete vissuto vi ha reso comunque più forti e sensibili il 2013 sarà l anno dei cambiamenti radicali sia in bene che in male se metterete da parte l orgoglio e i pregiudizi riuscirete a fare grandi cose dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e www.ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online

[close]

p. 15

2012 il giornale d abruzzo 15 ambiente con smokito stop alle cicche per terra sono stati presentati anche a lancianofiera in occasione di agroalimenta gli smokito i raccoglitori di cicche di sigarette fornite dalla azienda carlo di florio di paglieta nella foto vediamo lo stand con il direttore commerciale maurizio di florio lu pranze de natale tratto da sanda natale canto e tradizioni abruzzesi del tempo natalizio di padre donatangelo lupinetti arriva l ora del pranzo di natale che per le famiglie abruzzesi è davvero una faccenda solenne e tutte vi s impegnano seriamente esso raduna nella più cara e calda intimità tuti i familiari e vi si consumano i tradizionali cibi di rito che sono in calcolata relazione a quelli della vigilia a sera la gastronomia natalizia abruzzese è di una abbondanza e varietà eccezionale gli antipasti agrodolce di pollo o alici nelle vivande predominano li maccarune carrate li tajuline lu brode nchi li vularelle ¸nelle pietanze generalmente è preferita la carne degli ani mali da corgli smokito che hanno destato tantissimo interesse tile ma anche gallinacci tra i visitatori sono raccoglitori di mozziconi che agnollote purchette per permetteranno di ridurre drasticamente l impatto contorni si usano di preferenza li cavule li pipintune arrustite le nsalaambientale causato dalle cicche di sigaretta buttate te miste per frutta ci sono li purtugalle e li mandarine delle zone di solitamente a terra i simpatici e coloratissimi consan vito e di vasto la liva ndosse del pennese li finucchie della zona tenitori sono gia in dotazione di diversi comuni e di lanciano li mele piane della zona di sono molto invitanti per i fumatori che ne fanno miglianico li mannelle atterrate li grande uso nuce li castagne l uve come vini locali sono preferiti lu vine cotte di pullutre lu muscate di castijune a casaurie lu riturnate di tocco lu cerasciole di vitturite e di capestrane nella categoria dei dolciumi predominano li fritte in tutte le fogge turcinille caviciune e caggiunitte pizzelle e crispelle tarallucce sfuiatelle neule e cupirchiole cille oltre a li turrune di l aquila lu carrozze di pescara li panittune di milano renzo arbore e l orchestra italiana a lanciano il 2 marzo sarà la città di lanciano la prima tappa del tour 2013 di renzo arbore e l orchestra italiana il grande concerto che si preannuncia come l evento musicale dell anno si terrà nell area fiera il 2 marzo 2013,all interno del padiglione 2 una grande serata di musica ma non solo anche di spettacolo che il noto showman accompagnato dall orchestra composta da 15 professionisti solisti porterà a lanciano,unica tappa abruzzese del tour 2013 l appuntamento lancianese è curato dall agenzia pam la prevendita dei biglietti è già iniziata presso venditti negozio di musica­ lanciano tabaccheria adriana polycenter rocca san giovanni tabaccheria galante paglieta tabaccheria donato fossacesia e on line sul sito www.ciaotickets.com dicembre 2012 pe r i odic o d i n fo rm a zi o n e www.ilgiornaledabruzzo.it quotidiano online

[close]

Comments

no comments yet