Requisiti per comunicare in rete

 

Embed or link this publication

Description

All’interno di questo corso si definisce che cosa si intende per obiettivi e requisiti di un artefatto tecnologico, ad esempio un sito web, un cd-rom, o un blog, dal punto di vista comunicativo. L'obiettivo in particolare è fornire ai partecipanti g

Popular Pages


p. 1

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 requisiti per comunicare in rete di paolo latella classe l3 lodi 13 aprile 2012 1

[close]

p. 2

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 indice premessa il sito web aziendale i requisiti progettazione di un sito scolastico i cinque pensieri primo pensiero ciascuno il suo cms open source per la scuola secondo pensiero parla come mangi ­ organizza come cerchi terzo pensiero pubblico e trasparante quarto pensiero insieme si può ed è più facile quinto pensiero se è mio è anche tuo esempio concreto dell artefatto comunicativo il registro on line materiale didattico on line area studenti il motore di ricerca nella prima pagina i requisiti di accessibilità dell ite a bassi di lodi conclusioni 2 3 4 6 7 8 10 12 13 14 16 19 24 27 28 30 31

[close]

p. 3

premessa ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 nella realizzazione di un sito web la pianificazione del progetto stesso è rivolto essenzialmente ad un gruppo di navigatori-clienti che hanno più o meno lo stesso target l esempio che intendo spiegare è la differenza tra la realizzazione di un web site aziendale e un sito web scolastico gli stakeholder principali si definisce stakeholder o parte interessata una persona o un gruppo di persone che ha un interesse nei confronti delle performance o del successo di un organizzazione che naturalmente sono differenti per la tipologia dell informazione per i profili utente le priorità anche le key values che si intende comunicare a chi cerca e successivamente visita il sito per una facile lettura ed interpretazione e in base alla mia esperienza diretta come insegnante e giornalista e nella progettazione e realizzazione di siti web professionali spiegherò quali sono gli obiettivi dell azienda che decide di diventare visibile sul web essenzialmente l obiettivo primario è quello dell utilità ai miei alunni durante le lezioni pratiche nel laboratorio di informatica del corso ragionieri programmatori mercurio colloco nella discussione il concetto di utilità del sito 3

[close]

p. 4

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 il sito web aziendale i requisiti il sito web deve essere facile da usare e graficamente evoluto secondo la visione standard degli studi professionali di grafica e comunicazione i requisiti di contenuto di operazioni e di grafica su cui si basa il prodotto software sono questi in elenco stile ogni progetto di comunicazione affidato a siti ottimizzati1 è personalizzato e realizzato a misura del cliente secondo dei canoni estetici che rispecchino il reale valore dell azienda la personalità dell azienda si deve rispecchiare nello stile del sito internet carattere il carattere è la capacità di un sito web di apparire professionale per la sua forte presenza cioè per la sua importanza ed autorevolezza un sito web autorevole è altamente strutturato sia graficamente che tecnicamente qualità grafica comunicare con le immagini significa progettare dei layout e delle interfacce accattivanti che attirino l attenzione del potenziale cliente per fargli effettuare azioni e per rendere piacevole la navigazione del sito stesso utilità comunicare solo quello che serve al cliente l utilità è anche la capacità di creare pagine che permettano di lavorare con il sito come se si stesse lavorando direttamente con l azienda utile significa fornire strumenti di e-business in grado di interagire in modo veramente intelligente con i clienti ed i visitatori delle pagine aziendali qualità del copy realizzare testi molto puliti diretti ed immediati per comunicare il business dell azienda mettendo in evidenza le 2 cose principali che contano veramente nel business on-line ovvero il cliente ed il prodotto realizzare un copy di qualità farà salire l azienda nei motori di ricerca e nelle preferenze tra i potenziali clienti che la sceglieranno rispetto ai competitors del settore in cui l azienda opera navigabilità ed accessibilità sviluppare siti facili da usare ed accessibili da qualsiasi mac pc o linuxbox scalabilità i progettisti devono saper realizzare architetture di comunicazione web che permettono un progressivo ampliamento delle aree e dei temi principali del sito sito stampabile strutturare siti web stampabili ed appoggiarli a soluzioni di tipo corporate basati sullo standard pdf gestito da database 1 gruppo palladio adv srl fonte http www.palladioadv.it 4

[close]

p. 5

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 organizzazione dei contenuti dotare il sito web di contenuti non solo originali ed utili ma anche organizzati secondo le esigenze del cliente che può così raggiungere qualsiasi contenuto con un massimo di 3 click ottimizzazione siti ottimizzati realizza siti internet ottimizzati a livello di singola pagina per posizionarla in modo atomico singolo nei più prestigiosi motori di ricerca nazionali ed internazionali degradabilità creare siti internet che possano funzionare in presenza o meno di plug-in o setup specifici attuati dagli utenti nei propri browser i siti internet devono poter funzionare anche con javascript o flash disabilitato fornendo versioni tecnologiche alternative dello impianto grafico tecnologia all avanguardia sviluppare con tecnologie consolidate leader del settore che permettono di sviluppare soluzioni complesse a costi relativamente contenuti hosting professionale installare i siti web su piattaforme di hosting di fascia professionale per avere performance elevate nella risposta delle pagine ad un evento generato dal cliente sintetizzando l e-business bisogna considerare molti fattori ma che si riassumono in 1 utilizzo di tecnologie ed hosting all avanguardia 2 qualità dei contenuti grafici e testuali 3 ottimizzazione dei contenuti 4 customizzazione delle interfacce a misura del cliente per questioni essenzialmente didattiche darò maggior risalto come richiesto nella traccia alla realizzazione dell artefatto comunicativo il sito web dell istituto tecnico economico a bassi di lodi 5

[close]

p. 6

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 progettazione del sito scolastico nella fase di analisi di progettazione di un sito scolastico bisogna ribaltare il concetto di utilità partire da presupposti diversi in quanto non esiste il concetto del lucro fine a se stesso anche se ultimamente la concorrenza tra gli istituti scolastici è diventata oserei dire ,quasi spietata i maligni pensatori potrebbero scambiare la strategia comunicativa come un particolare business che è quello di convincere tramite il proprio portale scolastico le famiglie ad iscrivere i propri figli in quella scuola invece che in un altra ritengo come già affermato in altri ambiti comunicativi che siamo ormai entrati in un sistema dove il sito web per la scuola diventa fondamentale per questo motivo è importantissimo trasferire la propria scuola su internet e metterla a completa disposizione dei visitatori ma soprattutto al personale della scuola ai genitori agli studenti il sistema school web va pensato in modo diverso rispetto ad un sito aziendale l usr lombardia ha messo a disposizione per tutte le strutture scolastiche lombarde di ogni ordine e grado per la progettazione dei siti web scolastici2 il portale porte aperte sul web 2 porte aperte sul web comunità di pratica per l accessibilità dei siti scolastici usr lombardia http www.porteapertesulweb.it la comunità di pratica di porte aperte sul web promossa dall ufficio scolastico regionale per la lombardia è formata da docenti delle scuole lombarde che condividono l esigenza di fare parte di un ambiente basato sui principi fortemente collaborativi e di condivisione delle conoscenze e delle competenze nell ambito della comunicazione web 6

[close]

p. 7

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 i cinque pensieri nella realizzazione di un sito scolastico bisogna tener presente lo schema che ho inserito a pagina 3 di questa relazione come si può notare il progetto di un sito scolastico deve essere pensato con questi macro elementi di fondamentale importanza e sono appunto 1 a ciascuno il suo cms open source per la scuola in questo primo pensiero si sceglie il tipo di cms da utilizzare come impianto 2 parla come mangi ­ organizza come cerchi in questo secondo pensiero si definisce la correttezza del linguaggio da utilizzare la correttezza della stesura dei documenti la classificazione dell informazione i micro contenuti e i tagging 3 pubblico e trasparente in questo terzo pensiero si definiscono chiarisce un punto fondamentale del sito web che è quello dell accessibilità dei contenuti della trasparenza e contenuti minimi albo scuola 4 insieme si puo ed è più facile in questo quarto pensiero si seguono le indicazioni del progetto del sito porte aperte sul web gli ambienti collaborativi e la definizione dell ambiente social 5 se è mio è anche tuo in questo quinto pensiero si definisce correttamente il social nel sito il creative commons e le buone pratiche di condivisione della cultura tra più operatori ed utenti nata con l obiettivo di supportare le scuole nella costruzione e gestione di siti accessibili ha nel tempo allargato il suo campo di interesse alle diverse forme della comunicazione digitale siti documenti materiale didattico presentazioni social network mantenendo la centralità dell universalità della comunicazione che se vuol e essere realmente pubblica e disponibile non deve escludere nessuno dalla sua fruizione la comunità è aperta sia a docenti ed operatori scolastici di altre regioni sia ad appassionati e studiosi che a vario titolo ne condividono le finalità 7

[close]

p. 8

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 primo pensiero ciascuno il suo cms open source per la scuola i principali cms utilizzati negli ambiti scolastici nazionali sono drupal joomla wordpress e plone in questo primo pensiero si definisce l ambiente con il quale realizzare il portale web della scuola i quattro cms elencati sono quelli più in uso nelle scuole pubbliche di tutta italia il cms in generale in inglese content management system cms è un sistema per la gestione di contenuti informativi articoli rubriche notizie faq etc da pubblicare su siti e portali web per esperienza ricordo che il contenuto del sito costituisce l elemento critico di ogni iniziativa sia didattica che commerciale in internet rendendo l organizzazione la realizzazione e l aggiornamento dei contenuti attività fondamentali da progettare in modo efficace ed efficiente per tutto il ciclo di vita del progetto un sistema cms permette di gestire l aggiornamento ed il flusso delle informazioni attraverso soluzioni software che rendono semplici ed affidabili i processi di gestione dei contenuti e cioè l inserimento la correzione la selezione di titoli testi e immagini da integrare nel layout grafico del sito i siti e portali di una certa dimensione richiedono necessariamente l utilizzo di sistemi cms per garantire l aggiornamento controllato delle pagine da parte di operatori normalmente appartenenti a gruppi di lavoro diversi e distribuiti in sedi fisiche diverse un content management system permette ad un utente abilitato di inserire o aggiornare i contenuti di un settore o di un area del sito attraverso la gestione di un sistema guidato e personalizzato di controlli ed approvazioni workflow da parte di figure diverse l amministratore che sceglie gli autori e gli editori assegnando loro le aree su cui lavorare l autore che inserisce i contenuti nelle aree di propria competenza l editore che approva modifica rifiuta e pubblica le pagine approvate le principali caratteristiche di un sistema di gestione dei contenuti comprendono gestione di interfacce basate su browser web per l aggiornamento delle pagine l utilizzo di template grafici per la presentazione dei contenuti la gestione di ruoli distinti di utenti e di specifiche funzionalità di workflow il database per l archiviazione di immagini e contenuti testuali e grafici il reperimento ed integrazione con contenuti provenienti da altri sistemi informatici la 8

[close]

p. 9

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 gestione di mailing list e messaggistica la gestione e classificazione di link notizie faq eventi la funzionalità di interrogazione e ricerca personalizzazione dei criteri grafici di presentazione dei contenuti un cms è uno strumento indispensabile per la scuola perché si tratta essenzialmente di siti e portali a carattere informativo con la necessità di semplificare organizzare e controllare le attività di pubblicazione ed aggiornamento e difficile tracciare una linea precisa di separazione fra strumenti di tipo application server e di tipo content management quasi sempre la prima categoria di prodotti offre funzionalità tipiche di un cms e tanti prodotti ormai famosi come cms svolgono anche funzioni di application server 3 3 http www.tecnoteca.it 9

[close]

p. 10

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 secondo pensiero parla come mangi ­ organizza come cerchi a b c d cura del linguaggio cura dei documenti classificazione dell informazione microcontenuti e tagging cito un pensiero di carlo antonini assessore alla comunicazione della provincia di perugia che credo esprima il concetto di come curare il linguaggio sul web semplificare si può anzi si deve a cominciare dalle cose più semplici come scrivere in modo più chiaro e comprensibile le comunicazioni dirette ai cittadini ma anche quelle trasmesse ai nostri colleghi e collaboratori non sono soltanto i grandi progetti che possono innovare le nostre amministrazioni ma è possibile farlo anche con il lavoro quotidiano di tanti pubblici dipendenti che accettano di porsi alla pari con i propri interlocutori e utilizzare di conseguenza un linguaggio diretto fatto per essere compreso piuttosto che usarlo quale mezzo per ribadire un ruolo di sovranità del pubblico verso la subalternità del cittadino/suddito poiché sono convinto che anche la semplificazione del linguaggio è uno dei tasselli che si incastra nel grande mosaico dell innovazione dell amministrazione pubblica accolgo con grande favore questa sfida al burocratese e pongo tra i miei doveri quello di intervenire per ridurre quelle complessità pretestuose mantenute spesso per perpetuare anche piccoli poteri l utilità sociale di tale semplificazione è elevata perché riduce la distanza tra istituzioni e collettività favorendo la realizzazione di un amministrazione dei cittadini e per i cittadini fondata sulla trasparenza sulla pubblicità e sulla conoscibilità di atti e di attività se semplificare significa eliminare la complessità rendere semplice ciò che è complesso questo manuale é la base di partenza di un percorso di coinvolgimento di tutto il personale per la revisione oltre che di lessico e sintassi anche del modo di essere dipendenti al servizio del pubblico in pratica l assessore pone l accento sull importanza di migliorare la documentazione digitale interna ed esterna prodotta nella scuola attraverso l aumento del livello di omogeneità nella stesura delle circolari da trasmettere all esterno tramite posta elettronica e sito web la diffusione di buone pratiche per la scrittura di circolari e documenti semplici da leggere omogenei per stile e struttura fruibili da tutti comprese le persone disabili l acquisizione delle competenze necessarie per realizzare documenti ben formati mediante l uso di un elaboratore dei testi l acquisizione delle competenze necessarie per la creazione di documenti elettronici accessibili secondo le indicazioni fornite dal cnipa centro nazionale per l informatizzazione della pubblica amministrazione le parole sono fatte prima che per essere dette per essere capite proprio per questo diceva un filosofo gli dei ci hanno dato una lingua e due orecchie 10

[close]

p. 11

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 chi non si fa capire viola la libertà di parola dei suoi ascoltatori È un maleducato se parla in privato e da privato È qualcosa di peggio se è un giornalista un insegnante un dipendente pubblico un eletto dal popolo chi è al servizio di un pubblico ha il dovere costituzionale di farsi capire tullio de mauro in uno scenario in cui le nostre azioni quotidiane vengono scandite al ritmo di status update torna alla ribalta la necessità di produrre microcontenuti capaci di comunicare in modo adeguato e dare nel contempo indicazioni per gestire ed organizzare le informazioni un testo è accessibile se è chiaro compreso da tanti dal maggior numero dei tuoi potenziali visitatori del tuo sito ben scritto ben organizzato strutturato leggibile significativo credo sia arrivato il momento di individuare le indicazioni comuni per la scrittura di testi per il web di testi per le slide di testi burocratici questioni di lessico di sintassi di leggibilità di uso degli spazi i docenti diventano redattori e come un buon redattore deve scegliere un titolo significativo e univoco scrivere un riassunto complementare al titolo chiaro semplice e rappresentativo del contenuto dell articolo usare semplici elementi di accessibilità e/o di leggibilità descrivere immagini acronimi usare corsivo e grassetto se necessari segnalare cambi di lingua strutturare testi e tabelle associare l articolo a tag argomenti e categorie contenitori tematici deve usare gli strilli quelli che chiamiamo riassunti brevità ricapitolare dare tutte le informazioni pertinenti il resto non fa che apportare particolari mantenersi nelle sette w chi che cosa quando dove perché chi è interessato di cosa parla la notizia andare diritti all obiettivo evitare giri di parole per introdurre l argomento cominciare con «l essenza» e i microcontenuti4 4 crediti giacomo mason http www.slideshare.net/giacomo.mason/usabilita-e-scrittura-dei-testi-per-il-web 11

[close]

p. 12

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 terzo pensiero pubblico e trasparante 1 2 3 4 accessibilità dei contenuti trasparenza e contenuti minimi contenuti minimi ­ tabella albo scuola tabella l accessibilità nel web le barriere web dipendono dal tipo di disabilità ·il risultato è la rinuncia alla fruizione o nel migliore dei casi l accesso solo parziale al documento le barriere che spesso troviamo sul web e da evitare per coloro che creano i portali scolastici sono immagini non descritte testi lampeggianti tabelle complesse documenti lunghi senza sommari linguaggio complicato contrasti scarsi testi sotto forma di immagini link non chiari e difficili da attivare il risultato è la rinuncia alla fruizione o nel migliore dei casi l accesso solo parziale al documento queste barriere nascono spesso da errori nella comunicazione in generale e le barriere nella comunicazione possono dipendere dalla qualità delle relazione dall ambiguità del messaggio condizioni ambientali difficoltà linguistiche blocchi emotivi linguaggio complicato rumore comunicazione monosensoriale mancanza di relazione possono esprimersi in differenti contesti luoghi ambienti attraversano la quotidianità delle relazioni in merito alla trasparenza e contenuti minimi dei siti web delle pa l art 11 del decreto legislativo 27 ottobre 2009 n 150 definisce la trasparenza come accessibilità totale anche attraverso lo strumento della pubblicazione sui siti istituzionali delle amministrazioni pubbliche delle informazioni concernenti ogni aspetto dell organizzazione degli indicatori relativi agli andamenti gestionali e all utilizzo delle risorse per il perseguimento delle funzioni istituzionali dei risultati dell attività di misurazione e valutazione svolta dagli organi competenti allo scopo di favorire forme diffuse di controllo del rispetto dei principi di buon andamento e imparzialità essa costituisce livello essenziale delle prestazioni erogate dalle amministrazioni pubbliche ai sensi dell art 117 secondo comma lettera m della costituzione l attività amministrativa deve ispirarsi al principio di trasparenza ed i cittadini hanno diritto ad una informazione completa e qualificata anche attraverso i siti pubblici È necessario quindi assicurare la massima circolazione possibile delle informazioni sia all interno del sistema amministrativo sia fra quest ultimo ed il mondo esterno in modo tale che l operato delle amministrazioni pubbliche sia garante della piena legalità l art 54 del decreto legislativo 7 marzo 2005 n 82 codice dell amministrazione digitale individua i dati minimi che devono essere necessariamente presenti nei siti istituzionali pubblici da ultimo l art 32 della legge 69/2009 introduce il tema della pubblicazione sui siti istituzionali di atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale come assolvimento dell obbligo di pubblicazione http www.funzionepubblica.gov.it/lazione-del-ministro/linee-guida-siti-web-pa/indice/cap4garantire-la-qualita-dei-siti/trasparenza-e-contenuti-minimi-dei-siti-web-delle-pa aspx 12

[close]

p. 13

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 quarto pensiero insieme si può ed è più facile 1 sito porte aperte sul web 2 ambienti collaborativi 3 ambiente social la comunità di pratica di porte aperte sul web promossa dall ufficio scolastico regionale per la lombardia è formata da docenti delle scuole lombarde che condividono l esigenza di fare parte di un ambiente basato sui principi fortemente collaborativi e di condivisione delle conoscenze e delle competenze nell ambito della comunicazione web nata con l obiettivo di supportare le scuole nella costruzione e gestione di siti accessibili ha nel tempo allargato il suo campo di interesse alle diverse forme della comunicazione digitale siti documenti materiale didattico presentazioni social network mantenendo la centralità dell universalità della comunicazione che se vuol e essere realmente pubblica e disponibile non deve escludere nessuno dalla sua fruizione la comunità è aperta sia a docenti ed operatori scolastici di altre regioni sia ad appassionati e studiosi che a vario titolo ne condividono le finalità l aggiunta di ambienti dinamici collaborativi che si possono installare in sottocartelle del sito un po come accade in porte aperte sul web uno o più blog un forum di discussione un wiki perla scrittura cooperativa eventualmente una piattaforma di e-learning richiedono php mysql 13

[close]

p. 14

ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 quinto pensiero se è mio è anche tuo 1 il social nel sito 2 creative commons legalizzare un sito con licenza di libera diffusione 3 buone pratiche il sito social deve seguire i dettami della nuova comunicazione che deve essere trasparente pubblica chiara e semplice al servizio del cittadino accessibile e aperta in pratica un nuovo web che si appropria di nuove parole come feed rss opendata creative commons tag folksonomia social network richiedere e ottenere a chiunque faccia formazione o sviluppi soluzioni nella pubblica amministrazione di rilasciare i propri materiali con licenza creative commons del tipo attribuzione ­ non commerciale condividi nello stesso modo mettere insieme tutti i siti scolastici per ottimizzare la comunicazione e condividere idee e progetti in base alla direttiva 8/2009 razionalizzazione e riduzione siti web si deve attivare la registrazione del dominio gov.it per tutti quei siti che le pubbliche amministrazioni vorranno mantenere attivi l obbiettivo è quello di avere un omogeneo livello di qualità sicurezza ed aggiornamento dei servizi stessi con la garanzia che le informazioni ed i servizi richiesti provengano direttamente dall ente la stessa direttiva prevede inoltre che per tutti i siti registrati con il dominio .gov.it di propria competenza le pubbliche amministrazioni dovranno individuare un responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti le linee guida per i siti delle pa sono la trasparenza e contenuti minimi il mantenimento accessibilità e usabilità l implementazione servizi on line l uso formati e contenuti aperti le linee guide sono soggette ad aggiornamento annuale ogni sito della pa deve avere come contenuto minimo5 l organigramma l urp trasparenza valutazione e merito 13 voci 1.programma triennale per la trasparenza 2.piano e relazione sulle performance 3.premi e compensi 4.nomi e cv valutatori 5.nomi e cv dirigenti 6.retribuzione dirigenti 7.retribuzioni e cv per incarichi politici 8.incarichi a dipendenti e soggetti privati 9.assenze e presenze 10.ruolo dei dirigenti 11.codice disciplinare 12.contratti integrativi 13.contrattazione nazionale procedimenti caselle posta elettronica istituzionali pec pubblicazioni e comunicazioni concorsi e bandi di gara servizi on line privacy note legali la pa e le scuole usano anche altri ambiti per condividere le conoscenze e sono ·facebook www.facebook.com ·twitter http twitter.com ·google documenti anche fogli di calcolo presentazioni disegni moduli ·doodle www.doodle.com ·docebo www.mydocebo.com ·mindomo ­ www.mindomo.com 5 fonte ·linee guida per i siti web delle pa 26 luglio 2010 ·lettera di richiesta dominio .gov.it ·nuovo cad art 54 codice dell amministrazione digitale 14

[close]

p. 15

·adobe connect ct01 requisiti per comunicare in rete aut paolo latella classe l3 le licenze creative commons6 offrono sei diverse articolazioni dei diritti d autore per artisti giornalisti docenti istituzioni e in genere creatori che desiderino condividere in maniera ampia le proprie opere secondo il modello alcuni diritti riservati il detentore dei diritti puo non autorizzare a priori usi prevalentemente commerciali dell opera opzione non commerciale acronimo inglese nc o la creazione di opere derivate non opere derivate acronimo nd e se sono possibili opere derivate puo imporre l obbligo di rilasciarle con la stessa licenza dell opera originaria condividi allo stesso modo acronimo sa da share-alike le combinazioni di queste scelte generano le sei licenze cc disponibili anche in versione italiana creative commons è un organizzazione non-profit le licenze creative commons come tutti i nostri strumenti sono utilizzabili liberamente e gratuitamente senza alcuna necessita di contattare cc per permessi o registrazioni per saperne di più puoi leggere una introduzione a cc guardare l animazione diventa creativo frequentare le nostre liste e navigare nel nostro sito le buone pratiche della condivisione della conoscenza hanno l obiettivo di fare circolare l informazione accrescere la reputazione propria e del proprio ufficio migliorare il proprio lavoro non partire da zero intessere nuove relazioni contribuire alla diffusione di buone pratiche una nuova definizione del merito nella pa spiegare perché siamo pubblica amministrazione la comunità di pratica come gruppo di persone che condivide una pratica professionale e deve confrontarsi con problemi e sfide simili interagisce regolarmente apprende dagli altri e con gli altri sviluppa la capacità di affrontare con successo i problemi ne le sfide condivise share similar challanges interacr regularly learn from and with each other improve their ability to address their challanges etienne wenger 6 http www.creativecommons.it 15

[close]

Comments

no comments yet