Nonna ti spiego la crisi economica

 

Embed or link this publication

Description

Crisi economica

Popular Pages


p. 1

nonna ti spiego la crisi economica il più grande crimine spiegato agli anziani agli adolescenti e a persone del tutto digiune di economia di paolo barnard 1

[close]

p. 2

2

[close]

p. 3

forse è questo insegnare farla finita con il pensiero magico fare in modo che a ogni lezione scocchi l ora del risveglio daniel pennac 3

[close]

p. 4

4

[close]

p. 5

prima parte nonna paolo chi ci dà i soldi insomma perché non ne abbiamo mai abbastanza e poi adesso c è anche la crisi e come si fa p per capire cosa sta succedendo dobbiamo capire un paio di cose prima abbi pazienza allora prendi una nazione e pensa a come è fatta c è un territorio con delle frontiere e dentro ci sono solo due cose il governo e tutta la sua roba cioè le sue proprietà aziende uffici scuole ospedali ecc e il resto dei cittadini privati con le loro proprietà le loro aziende uffici negozi ecc e la gente che lavora quindi in una nazione c è il settore governativo pubblico e il settore dei cittadini privati non ce ne sono altri ora immagina questi due settori come dei contenitori proprio immagina due cassetti entrambi contengono ricchezze cioè palazzi terre case fabbriche attività entrambi contengono denaro bene prendi il contenitore dei cittadini privati che è quello dove io e te e tutti quelli che conosciamo vivono pensa a cosa succede in esso quando qualcuno fa soldi nonna qualcuno chi p può essere semplicemente un negoziante che ha venduto un paio di scarpe oppure un dentista che ha curato un paziente oppure un industriale che ha fatto successo coi suoi jeans in quei casi tutto quello che è accaduto è che a un cliente ha sborsato i soldi delle scarpe b un paziente ha sborsato i soldi per l otturazione c molte persone hanno sborsato i soldi per quei jeans cioè i soldi che vengono guadagnati sono sempre soldi che qualcun altro ha perduto speso per forza anche gli stipendi 5

[close]

p. 6

degli operai della fabbrica di jeans sono alla fin fine soldi che qualcun altro ha sborsato perduto cioè i compratori dei jeans nel contenitore dei cittadini privati ogni soldo incassato corrisponde sempre a un soldo perduto speso da qualcuno quindi la ricchezza in denaro che sta in quel contenitore gira sempre in tondo passa dalle tasche di uno a quelle dell altro dall altro a uno sempre così anche quando un tizio come barilla fa milioni da dove vengono da tantissime tasche di cittadini che hanno speso i loro soldi per comprargli la pasta barilla ha 10 milioni noi consumatori abbiamo 10 milioni nonna e bè cosa c è di nuovo p aspetta scusa ma non lo vedi se il denaro che sta nel nostro contenitore è sempre lo stesso che gira in tondo passa dalle tasche di uno a quelle dell altro dall altro a uno ecc questo significa che noi cittadini privati con tutto quello che facciamo e produciamo non siamo in grado da soli di aumentare la quantità dei soldi totali che girano nel nostro contenitore se fa conto abbiamo 1000 soldi quelli sono e quelli rimangono e allora come fa una nazione a diventare più ricca scusa se i 100 soldi che avevate voi nel 1950 rimanevano sempre quei 100 come facevate a fare gli aeroporti gli ospedali i milioni di case nuove i vestiti per tutti i nuovi nati e così via qualcuno che non eravate voi cittadini ve li ha dati nonna sono aumentati gli stipendi me lo ricordo infatti mi ricordo che quando iniziai la sartoria si prendevano 5 mila lire poi piano piano mi diedero 10 mila e poi mi ricordo le prime 100 mila quando ero ragazza le calze erano un lusso impossibile poi arrivarono per tutte p esatto i soldi aumentarono per tutti in italia ma allora come fecero i cittadini privati a diventare tutti almeno un po più 6

[close]

p. 7

ricchi ricordati che diventare più ricchi tutti vuol dire che si incassano soldi senza che nessuno fra loro li debba prima perdere spendere abbiamo detto che nel contenitore dei cittadini privati se aumentano i soldi di qualcuno è sempre perché qualcun altro li perduti spesi allora allora la risposta nonna è semplice ci vuole qualcuno che sta fuori dal contenitore dei cittadini privati e che gli metta dentro dei soldi nuovi e chi c è là fuori che può fare questo solo due tizi il governo col suo contenitore e il suo denaro e le altre nazioni col loro denaro se per esempio il governo decide di comprare qualcosa che si produce nel contenitore dei cittadini privati scarpe oppure anche le prestazioni di un medico succede che i soldi del governo verranno versati nelle tasche del cittadino privato che produce quella cosa o del medico senza che nessun altro cittadino abbia contemporaneamente perso speso un solo centesimo se un paese straniero compra un altra cosa prodotta da un cittadino privato o il lavoro di quel medico accade la stessa cosa cioè i soldi di quel paese finiscono nelle tasche del cittadino privato o del medico senza che nessun altro cittadini abbia perso speso un solo centesimo ecco che la ricchezza in denaro nel contenitore dei cittadini privati aumenta al netto allora nonna via a dire a quei fessi che vogliono eliminare il governo e che dicono che i privati ci faranno diventare tutti più ricchi con gli stessi soldi che girano sempre in tondo si fa un fico secco e anche un altra cosa nonna dei due tizi che ci possono far avere soldi nuovi al netto le nazioni straniere non sono affidabili perché magari quelli domani decidono che vanno a comprare i prodotti dei cittadini privati o il lavoro dei professionisti in altri paesi che magari gli costano di meno e inutile l unico tizio che sta sempre lì e che può sempre comprare i 7

[close]

p. 8

nostri prodotti o i nostri servizi dandoci denaro nuovo al netto è il governo punto nonna il governo ma se ci ruba solo altro che soldi nuovi p sta buona un attimo non parlo di morale ti dico cosa può succedere tecnicamente se poi quelli non lo fanno è un altra storia anzi è importantissimo che tu capisca cosa può veramente fare un governo onesto così poi possiamo pretendere che lo faccia e il bello della storia è che un governo può versare soldi nuovi al netto nel nostro contenitore di cittadini quasi senza limiti cioè ci può versare un bel mucchio di soldi quando vuole e come vuole può comprarci le auto che facciamo le scarpe che produciamo le pere le mele il pesce può pagare i nostri medici insegnanti e spazzini può pagare le imprese edili private così che ci facciano scuole ponti strade e ospedali le case per chi non le ha e può nonna sborsare tutti gli stipendi necessari a dar lavoro a tutti i disoccupati che abbiamo zero disoccupazione nonna sì e poi chi paga tu così sono capaci tutti compra compra spendi e spandi poi alla fine ci dicono che abbiamo un debito che non si sa più come fare il governo non ha più un soldo p nonna cara è proprio questo il punto e tu non immagini neppure la sorpresa il fatto è che la storia del debito è una bugia grande come giove non c è nessun debito per noi e il governo può veramente mettere tutti quei soldi nel nostro contenitore senza grandi problemi non lo fa perché qualcuno non vuole ma questo te lo racconto un altro pomeriggio per ora ricorda senza il governo o le nazioni straniere nessuno di noi cittadini privati nel contenitore in cui viviamo 8

[close]

p. 9

può creare soldi nuovi al netto che finiscano nelle nostre tasche quindi non possiamo divenire tutti un po più ricchi che significa che tutti incassiamo qualcosa senza che altri debbano spendere ripeto nonna i soldi che chiunque di noi incassa dall operario al milionario sono sempre gli stessi 1000 soldi che girano in tondo e che si spostano dalle tasche di qualcuno a quelle di qualcun altro e infatti se aumentano i milionari aumentano allo stesso tempo i poveri a meno che il governo o le altre nazioni non spendano comprando la nostra roba o il nostro lavoro e qui sta la sorpresa ma la storia ha anche un lato scuro terribile purtroppo alla prossima baci 9

[close]

p. 10

seconda parte nonna paolo tu spieghi tante cose ma insomma mi dici perché c è la crisi p nonna io te la spiego ma prima devi aver pazienza e capire delle cose poi ci arriviamo nonna ci ho pensato a quello che mi hai detto l altra volta sai quando ti portavamo a cesenatico da bambino stavamo in albergo in quattro dal primo al 20 agosto e poi una settimana nella pensione in montagna col nonno oggi chi se lo può permettere fra la gente come noi il governo che ci dava i soldi hai detto ma dove li prendeva p vero nonna verissimo una cosa alla volta ti ricordi che ti ho detto che voi nel 1950 voi nel contenitore dei cittadini privati avevate fa conto 100 soldi e che poi sono diventati molti di più ti ho detto anche che solo il governo e le nazioni straniere possono mettere soldi nuovi al netto nel contenitore dei cittadini che se no si passano sempre gli stessi soldi fra di loro ok infatti in quegli anni fu proprio un governo il nostro e una nazione straniera l america che ci resero più ricchi il baby boom i governi italiani degli anni 50 e 60 spesero la lira a frotte poi c erano gli americani che ci compravano le cose a frotte e investivano da noi nonna anche se c erano i comunisti lo diceva sempre il nonno totta colpa dal sindaché p bè no guarda che i comunisti anche allora sotto sotto avevano rassicurato sia gli agnelli che gli americani che il 10

[close]

p. 11

capitalismo era ok per loro poi in piazza facevano i sovietici vabbè questa è un altra storia come ho detto furono proprio due contenitori esterni al contenitore di noi cittadini privati che ci diedero i soldi del baby boom il governo e l america intendo soprattutto loro per essere semplice nonna ma con che soldi e dove sono oggi quei soldi che siamo con sto debito pubblico che dicono tutti che è un disastro p giusto con che soldi l america aveva i suoi e l italia pure ma dove li pescavano ecco come può usare i soldi uno stato pensa a una cosa pensa all italia di allora fatti questa domanda chi dava le lire all italia qualcuno per caso arrivava da noi con delle navi cariche di lire no le portavano dall estero sui camion no erano i tedeschi a fabbricare le lire no eravamo noi italiani a farle in cantina no e allora chi le creava le lire nonna lo stato p sì esatto e da dove le prendeva sai da dove da nessuna parte le stampava dal nulla o scriveva su dei pezzi di carta questo titolo vale 1000 lire firmato lo stato così faceva l italia ma guarda che ancora oggi l america fa la stessa cosa anche il giappone la svezia insomma tutti gli stati che hanno una loro moneta se la inventano dal nulla e in teoria senza limiti infatti può uno stato esaurire l inchiostro per la stampa può esaurire le proprie firme no quindi in teoria uno stato con propria moneta può inventarsene quanta ne vuole lo stato in italia aveva il suo amministratore il ministero del tesoro e la sua banca la banca centrale che materialmente spostava i suoi soldi e come spendeva lo stato italiano cioè come metteva soldi nuovi al netto nel contenitore dei cittadini privati semplice fa conto 11

[close]

p. 12

che lo stato decideva di fare una scuola chiamava un impresa e gli diceva di farla pagava il dovuto sul conto corrente di quella impresa che poi pagava gli stipendi agli operai cosa era successo lo stato si era inventato fa conto 1 milione e lo aveva versato a un membro del contenitore dei cittadini privati cioè quella impresa il contenitore andava a 1 milione di soldi nuovi senza che nessuno al suo interno li avessi contemporaneamente persi spesi soldi che poi si spargevano in giro perché gli operai spendevano gli stipendi o quell azienda assumeva ecc lo stato scriveva ­ 1 milione sui libri contabili al tesoro fine nonna sì ma poi alla fine a forza di spendere di qui e di là con tutti sti meno alla fine lo stato non fa bancarotta p no e con chi la fa scusa con se stesso uno fa bancarotta se deve dei soldi a qualcun altro che glieli ha dati ma lo stato italiano li inventava dal nulla li doveva a se stesso tu devi capire che per me e per te i soldi sono una cosa che ci dobbiamo procurare col lavoro coi prestiti insomma i cittadini e le famiglie non possono spendere senza limiti perché poi devono lavorare come negri o fare debiti che se non li ripaghi ti fanno un mazzo così ma lo stato italiano quando spendeva non faceva altro che aggiungere numerini ad altri numeroni e cosa gliene fregava se aumentavano sempre a chi li doveva quei numerini/numeroni a se stesso guarda che è così per tutti gli stati che hanno una loro moneta infatti i conti di tutti gli stati moderni sono numeroni con davanti un meno e che aumentano sempre da sempre gli stati uniti hanno un conto in rosso da 200 anni e che è sempre più alto ogni anno cioè ogni volta che spendono dollari i soldi per lo stato sono solo numeri non soldi veri e gli servono solo per darci da vivere e ce ne potrebbe dare a sufficienza per farci stare bene tutti ecco da dove prendono i soldi gli stati che hanno una loro moneta 12

[close]

p. 13

nonna ma cosa mi dici ma allora sto debito pubblico dicono tutti che è la gente che lo deve poi ripagare se no perché si chiamapubblico io mi ricordo quando c erano i bot p ci sono ancora nonna nonna sì va bé il governo non faceva altro che chiederci dei soldi in prestito con sti bot e noi glieli davamo ma poi lo stato ci doveva ridare dei soldi veri altro che inventati e con gli interessi e se era come dici tu perché venivano a chiederci i soldi a noi uno non va a elemosinare soldi dalla gente se ne ha quanti ne vuole in televisione dicono che poi quel debito ce l abbiamo come una palla al piede anche oggi tutta colpa di allora p ti spiego tutto il fatto che il debito dello stato che poi ripeto è solo un numerone con un meno davanti si chiami pubblico è una truffa una colossale truffa inventata da gente potente che ha tutto l interesse a tenerci in soggezione e intendo dire tener sotto sia noi che lo stato poi ti spiego ma stiamo sul debitone italiano che tu dici che noi tutti abbiamo per colpa dei governi di allora il debito `pubblico interno cioè quello che poi tu credi che noi cittadini dobbiamo ripagare allo stato si forma in due modi 1 quando lo stato spende per noi cioè ci fa le scuole le strade quando paga gli stipendi e le pensioni ecc 2 e quando vende i titoli di stato nel primo caso le cose stanno come abbiamo già detto le aziende che ricevono il pagamento dello stato per fare la scuola o per fare un ponte diventano più ricche il cittadino che viene curato all usl riceve un servizio ma il medico prende uno stipendio e ci guadagna chi lavora riceve uno stipendio o una pensione e ci vive ecc insomma il loro conto corrente va ogni volta che lo stato spende fine come fa questo a essere un debito dei cittadini o delle aziende nel secondo caso quando lo stato vende un suo titolo cosa succede succede che chi lo compra vede i 13

[close]

p. 14

suoi soldi che si spostano da un conto corrente della banca sotto casa che gli dava un interesse ridicolo a un conto corrente speciale dove i suoi soldi prendono un interesse superiore cioè quel compratore è più ricco punto dov è il suo debito non c è.la spesa dello stato spese titoli che usa la sua moneta ricordati,non è mai il debito dei cittadini e la ricchezza dei cittadini per forza ricevono soldi nuovi al netto nel loro contenitore nonna sei stanca nonna no dimmi pure p allora ti dico una cosa un po difficile in realtà sai cosa veramente succede quando uno compra un titolo di stato fa conto che lo compra per 10.000 tutto quello che accade è che degli impiegati alla banca centrale premono dei tasti su dei computer che spostano i suoi 10.000 dal conto della sua banca che sta registrato su quei computer al conto speciale dei titoli di stato che sta sempre su quei computer tutto qui nonna sono solo numeri che si spostano non soldi veri che passano di mano nonna sìì ma quando tuo nonno comprava i bot lo stato glieli doveva o no quei soldi c aveva o no un debito con tuo nonno p sì glieli doveva ma non aveva nessun debito perché quando glieli doveva ridare sai cosa faceva lo stato diceva allo stesso impiegato di pigiare i tasti di quel computer alla rovescia cioè le lire del nonno tornavano indietro dal conto speciale dei titoli di stato al conto del nonno alla sua banca fine gli interessi da dare al nonno facile fa conto che fossero 150 lire lo stato si inventava un altro gruzzoletto da 150 lire e lo accreditava sul conto del nonno oppure semplifico scriveva su un altro pezzo di 14

[close]

p. 15

carta questo titolo di stato vale 150 lire trovava un altro italiano che se lo comprava e le 150 lire di questo italiano venivano spostate dal solito impiegato alla banca centrale dal suo conto in banca a quello del nonno ecco pagati gli interessi e così via in una catena che si rinnova sempre lo stato onora il tuo titolo con i soldi di un altro e il titolo di questo con i soldi di un altro ancora all infinito nonna ma no scusa è vero o non è vero che lo stato nel frattempo se li spendeva i soldi che gli avevamo dato e allora col cavolo che bastava pigiare dei tasti da qui a là i soldi erano stati spesi p no assolutamente no impossibile non aveva senso scusa io stato che posso inventarmi i soldi quando mi pare devo fare tutto un casino della malora con sti titoli per venire a chiedere a te dei soldi che mi posso inventare quando voglio ascolta quanto sarebbe stato assurdo io stato spendo inventandomi le lire poi vengo da te e te le chiedo indietro col titolo di stato e poi ancora te le ridò spendendo di nuovo ma che senso ha infatti non succedeva mai guarda nonna non te l hanno mai detto ma quando lo stato italiano emetteva i titoli lo faceva apposta e solo per scelta volontaria più altri motivi molto tecnici mai per trovare denaro da spendere nonna ah e le tasse allora non è con le tasse che poi ci toccava di ripagare il debito pubblico sai quante tasse abbiamo pagato io e tuo nonno p no le tasse non sono mai servite a ripagare alcunché nonna ti ho detto che il debito dello stato non è pubblico non insistere non lo ripagavate con le tasse non lo ripagavamo noi e 15

[close]

Comments

no comments yet