TUTTO CIO' CHE SAI E' FALSO

 

Embed or link this publication

Description

il primo libro autoprodotto di SPAM.

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

2

[close]

p. 3

g l i 2 0 1 0 edizioneanni 2 0 1 2 guerrillas pa mindipendente

[close]

p. 4

4

[close]

p. 5

s pa mtut to c i o chee fa lsosai questi sono giorni speciali la sensazione del fresco vento autunnale che ti entra nei lati del cappuccio mentre vaghi per la citta addormentata le serate ad aspettare l ora giusta sul divano con qualche amico guardando un film bianco nero che inevitabilmente ti fa socchiudere gli occhi la colla appiccicata sulle mani i finti allarmi con le volanti notturne i barboni ubriachi e i rosari nottambuli e poi la soddisfazione della gente la solitudine che ti rimane dopo le email di un ragazzino di 14 anni che e tuo fan iniziare col nascondere dei messaggi nei libri delle biblioteche per finire a mettere santini di pasolini in vaticano e poi il viaggio indimenticabile in francia le passeggiate sul lago di angers l articolo di repubblica appena tornati da bologna le girate in bici a consegnare buste omaggio e l incontro con la polizia il giorno della festa della repubblica viene sempre quel sorriso un po commosso e un po felice nel vedere una dozzina di amici che ti vogliono aiutare quando devi attaccare 190 stickers per la non mostra in meno di un ora le prime arrabbiature mai confessate nel notare un tuo disegno strappato tramutate poi in consapevolezza serena nel sapere che cio che fai in strada non e tuo ma diventa di tutti il viaggio in macchina verso fabriano la medusa che si voleva strappare la pizza mangiata a pisa sul cornicione dell arno prima di attaccare i pesci radioattivi i ricordi si sommano questi sono giorni speciali qui si vive di stimoli e provocazioni si urla su un muro un pensiero e si aspetta che qualcuno lo ascolti o lo strappi la leggerezza del nostro dissenso puo divenire nuovo risveglio per un paese addormentato spam 20 settembre 2012 5

[close]

p. 6

1 nati in un wc spam nasce la mattina del 29 novembre 2010 in questo wc in queste pagine big brother is watching you sulle pareti del bagno dell accademia di belle arti di firenze nel novembre 2010 6

[close]

p. 7

il lugubre e stretto wc dell accademia di belle arti di firenze è un calzante esempio della decadenza delle istituzioni italiane spam nasce in questa decadenza con la speranza di riuscire ad uscirne 7

[close]

p. 8

sotto e a destra big brother is watching you disegno e schizzo preparatorio pennarello e penna su carta 2010 uomini e donne tramutati in fantocci televisivi si affacciano da 14 finestrelle intorno al misero wc ricordando all incauto visitatore che il grande fratello ti sta guardano big brother is watching you 8

[close]

p. 9

fino a che non diventeranno coscienti del loro potere non saranno mai capaci di ribellarsi e fino a che non si saranno liberati non diventeranno mai coscienti del loro potere george orwell 9

[close]

p. 10

sopra schema dell attacco big brother is watching you pennarello e matita su carta 2010 era una mattina come tante avevamo deciso di provare ad attaccare quei disegni su un muro così prendemmo una confezione di colla da carta da parati in polvere una pennellessa e alcune fotocopie stampate mezz ora prima arrivammo all accademia di belle arti verso le 10 e molto democraticamente ci chiudemmo a chiave dentro il wc più desolato che quell edificio in rovina poteva offrirci dopo una ventina di minuti riaprimmo e ce ne andammo il gioco era fatto 10

[close]

p. 11

in questa pagina una pagina di appunti e i disegni per big brother is watching you penna e pennarello su carta 2010 11

[close]

p. 12

in questa pagina uno dei primi manifesti guarda la tv attaccato a firenze nel dicembre 2010 12 faccio sempre ciò che non so fare per imparare come va fatto vincent van gogh

[close]

p. 13

2 le prime notti di spam la fotografia di questo parco di firenze buio e umido è il primo ricordo di un uscita in strada di spam era la notte del 21 dicembre 2010 aspettammo in salotto le 2 e mezza con impazienza fermento e con l incertezza delle cose mai fatte prima erano due giorni che pioveva senza tregua si respirava l umidità dell arno in piena ed era proprio il momento meno adatto per fare una cosa come la nostra sarebbe stato saggio andare a letto a farsi una dormita ma la data di quel primo attacco era stata ormai fissata eravamo tutti troppo euforici e carichi di adrenalina per poterci fare intimidire da quattro gocce d acqua così messe felpe e cappucci uscimmo in strada tre ragazzi armati di colla scopa e fotocopie vagarono insicuri per la città addormentata sino ad arrivare ad un piccolo parco pubblico ancora umido e bagnaticcio preparammo la colla e via ad attaccare fu una serata indimenticabile le fotocopie che scivolavano sui muri per l umidità la pioggerella continua sempre sulla testa e nonostante tutto noi che volevamo finire al meglio il nostro lavoro era tuttavia una ragazzata una bella nottata passata tra amici a fare qualcosa di motivante e potenzialmente sovversivo come piace fare ai ragazzi di quest età nessuno di noi avrebbe immaginato che tutto questo un giorno sarebbe diventato qualcosa di più ampio nessuno avrebbe mai pensato a qualcosa di nome spam fu un inconsapevole inizio senza nome e senza intenti uno spontaneo sfogo per necessità 13

[close]

p. 14

14

[close]

p. 15

in queste pagine appunti e schizzi preparatori per guarda la tv penna e matita su carta 2010 15

[close]

Comments

no comments yet