Cronache di Cammini n° 1 aprile 2012

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

cronache di cammini n° 1 cronache di cammini percorsi soste storie nel camminare pubblicazione semestrale del dott luciano mazzucco direttore responsabile dott niccolò mazzucco numero 1 ­ aprile 2012 l anello del rinascimento È un percorso di 170 chilometri che avvolge ad anello la città di firenze la culla del rinascimento consentendo belle passeggiate buoni allenamenti e volendo impegnative escursioni in sicurezza accompagnati da ottimi segnali e da magnifici panorami il cammino è in maggior parte su sentieri strade bianche e anche qualche tratto asfaltato si svolge più che altro lungo le colline del comprensorio fiorentino e nella piana lungo argini fluviali ogni sosta è collegata con i mezzi pubblici per cui si possono percorrere tratti di questo cammino di diversa lunghezza e facilmente raggiungere o lasciare le mete vivere così delle esperienze alla totale insegna di una vita ecologica camminare un sentiero è come leggere una poesia ascoltare una musica guardare un opera d arte poter vivere i diversi momenti delle stagioni e riconoscere le testimonianze e i segni di tanta storia passata i nostri passi e i nostri bastoni hanno mantenute vive alcune di queste strade le nostre macchine fotografiche ci riportano le sensazioni delle fatiche della contentezza del benessere continuando a sentirci pellegrini foto di mario conti 1

[close]

p. 2

cronache di cammini n° 1 il ceppo di niccolò mazzucco maria detta anche compagnia della crocetta o del ceppo dei poveri tale periodo ovvero i primi decenni del tredicesimo rappresentarono un momento di grande apertura per le comunità religiose che cominciarono a intraprendere con maggiore intensità un attività rivolta al sostegno dei bisognosi uscendo da quello stile di vita recluso all interno dei conventi o monasteri proprio degli ordini monastici eremitici È possibile inquadrare la data della sua istituzione intorno alla metà del secolo poiché esistono documentazioni di atti commerciali databili al 1286 lavori d ingrandimento delle strutture furono realizzati a partire del 1345 momento nel quale ebbe inizio l edificazione di nuovi chiostri dell oratorio e della domus ovvero uno spazio dedicato all accoglienza femminile di grande rilevanza fu quindi l attività dello spedale durante la peste del 1348 in questo periodo grazie alle offerte sempre più numerose divenne il primo ospedale cittadino nel `500 con il passaggio dello spedale sotto l amministrazione fiorentina si procedette alla realizzazione di nuovi lavori tra cui la ristrutturazione del loggiato e della facciata oltre al suddetto fregio affidato a santi buglione furono affidati a giovanni della robbia una serie di medaglioni in terracotta dipinta rappresentanti rispettivamente l annunciazione la visitazione l assunzione della vergine e gli stemmi del ceppo e di pistoia oltre a quattro altri mezzi tondi con le insegne del ceppo e di pistoia il disegno della ristrut arte e leggende attorno alla principale struttura assistenziale di pistoia il loggiato dell ospedale del ceppo di pistoia è una vetrina di opere d arte commissionato nel 1526 da un importante prelato leonardo buonafede a santi buglioni appare come una specie di manifesto della spiritualità cristiana un fregio continuo in terracotta colorata corre al di sopra delle arcate vivacemente rappresentando le sette opere di misericordia intervallate dalle raffigurazioni delle virtù teologali e cardinali l opera fu realizzata allo scopo di promuovere le finalità benefiche dell ente assistenziale a riprova della buona gestione dell ospedale fatta sotto la gestione del ducato fiorentino infatti tra la fine del xiv e gli inizi del xv secolo a seguito dei violenti scontri interni avvenuti a pistoia guerra civile pistoiese 1401-1042 la città cadde definitivamente sotto il dominio della città di firenze non diversa fu la sorte dell ospedale del ceppo la cui amministrazione ­ fino ad allora contesa tra le famiglie nobili pistoiesi in particolari tra quella dei panciatichi e dei cancellieri ­ passò sotto il controllo dell ospedale di santa maria nuova di firenze la fondazione dell ospedale del ceppo risale tuttavia a più di due secoli addietro la tradizione vuole che fosse costruito nel 1277 per opera della compagnia di santa 2

[close]

p. 3

cronache di cammini n° 1 turazione fu eseguito secondo i caratteri architettonici dello stile brunelleschiano il cui prototipo è rappresentato nell ospedale degli innocenti di firenze durante tutto il xv secolo il ceppo fu probabilmente luogo di formazione per giovani medici ma tuttavia ufficialmente una scuola medica fu fondata solo a partire dal 1666 il cui ordinamento venne ufficialmente approvato dal granduca pietro leopoldo nel 1784 qui vi si formarono personaggi di valore tra cui l anatomistapatologo filippo pacini l ospedale mantenne un ruolo di primaria importanza in città praticamente fino ad oggi per quanto già nel 1785 il granduca pietro leopoldo di lorena avesse aggregato l ospedale del ceppo all ospedale di san gregorio in un unico ente detto degli spedali riuniti di pistoia sebbene la realtà documentata dalla storia ci parli della fondazione dello ospedale ad opera di un compagnia religiosa la tradizione popolare racconta un altra versione dei fatti si narra infatti che la nascita dell ospedale del ceppo abbia avuto luogo a seguito di un evento miracoloso ovvero la fioritura di un vecchio ceppo in pieno inverno tale fioritura sarebbe avvenuta per volere della stessa madonna che apparsa in visione a due coniugi antimo e bendinella comandò loro di fondare un ospedale che offrisse ricovero ai bisognosi il ceppo fiorito sarebbe servito proprio a indicare ai due devoti coniugi il luogo esatto ove costruire la struttura l importanza di tale leggenda è tale che il ceppo lo si può vedere rappresentato ancora oggi nello stemma dell ospedale si tratta di un tronco di ramo cavo c è chi dice che sia realmente esistito e che forse al quel tempo fu utilizzato per raccogliere offerte dei benefattori ad ogni modo la leggenda è tutt altro che originale il mito della fioritura di un ramo di un arbusto di un cespuglio o appunto di un ceppo oramai morto e secco è uno dei temi più diffuso tra la religiosità popolare dei secoli xi-xvi il carattere principale di tale mito è quello di narrare un evento eccezionale un avvenimento che tradisce le nostre aspettative sulla realtà ribaltando di fatto le regole della natura il ciclo di morte e di vita allo stesso tempo però tale evento miracoloso è riportato in un contesto estremamente semplice quotidiano proprio del mondo contadino ovvero la fioritura di arbusto fuori stagione si tratta di un evento quindi tanto eccezionale quanto semplice immediato e forse si deve a questa combinazione di fattori la fortuna che questo mito ebbe durante l età medievale e moderna È importante ricordare che al tempo tali storie venivano generalmente accettate senza bisogno di alcuna verifica senza essere messe in dubbio si deve pensare che non esisteva allora un rigore scientifico nell analisi dei fatti e degli avvenimenti soprattutto nel mondo contadino era anzi questa una realtà che si costruiva e nutriva regolarmente di tali elementi irreali e miracolosi l intero complesso assistenziale può essere oggi visitato di maniera da poter conoscere più in dettaglio le attività che vi si svolsero durante i secoli e ricordare allo stesso tempo le credenze che a questa struttura si vincolarono la visita comprende l accesso a l anfiteatro anatomico del ceppo una struttura risalente alla fine del `700 che si trova all interno del giardino dell ospedale luogo nel quale avevano spazio le lezioni di anatomia famoso per l eleganza del suo arredo e dei suoi affreschi al museo dei ferri chirurgici che allestito in una piccola sala dell antico ospedale ospita una raccolta di strumenti medici e di testi antichi di medicina utilizzati al tempo al laboratorio di farmacia uno spazio che conserva vasi e arredi per la preparazione dei farmaci e delle essenze officinali inoltre con la visita dell ospedale si accede alla gora di scornio una struttura sotterranea che forniva l acqua 3

[close]

p. 4

cronache di cammini n° 1 per le cure ed i lavaggi dei malati e che oggi può essere visitata come museo tale spazio fu restaurato profondamente durante il rinascimento quando si realizzò un piano sotterraneo all ospedale coprendo con volte a botte di mattoni l antico corso del torrente brana poi noto come gora di scornio attualmente l ospedale del ceppo aspetta la costruzione di una nuova struttura più grande e più adeguata alle esigenze della attuale sanità per dare alla città la giusta protezione sanitaria ad ogni modo in attesa della inaugurazione del nuovo plesso il nostro sguardo non poteva non onorare il vecchio ospedale per la sua importante opera svolta in tanta storia e per le sue uniche ed eccezionali opere d arte la foto di guido cascata dell abbraccio i diacci passo della colla la voce di san giacomo di costanza vanni i devoti san giacomo non solo nella sua figura di apostolo ma anche nel favore delle sue leggende potranno trovare un sua presenza particolare nell opera di massenet le cid il libretto dell opera di d ennery blau e gallet prende origine da una celebre opera letteraria francese di corneille le cid ou l honneur castillan che a sua volta sembra provenire dalla storia di un guerriero castigliano rodrigo diaz de vivar dell xi secolo le cid è un cavaliere simbolo delle più nobili virtù e grande difensore della cristianità nell opera lirica la storia si ambienta a 4 burgos nell xi secolo il protagonista è coinvolto in un dramma di onore per aver ucciso in duello il padre della donna che ama quando si presenta l opportunità di offrire la propria opera in difesa della patria attaccata dai mori simbolo di devozione e di fede ma anche alla ricerca di giustizia prima della battaglia rodrique chiede la protezione e l aiuto di san giacomo di compostela san giacomo risponde e gli assicura la vittoria nel cast dei personaggi dell opera di massenet quindi è presente un cantante dalla voce di basso che interpreta san giacomo.

[close]

p. 5

cronache di cammini n° 1 sant alluccio di lucia mazzucco se l irlanda può presentare il vanto di un impareggiabile primato per la diffusione del cristianesimo in europa un piccolo e amabile territorio della valdinievole in toscana culla dei fiori può onorarsi dell esempio di una eccezionale opera di carità che distinse un suo figlio sant alluccio oggi patrono di pescia parliamo di tempi lontani che hanno certamente lasciato spazio libero alla creazione di una leggenda ma intorno a questo personaggio è stata trovata una documentazione dalla quale raccogliere notizie fondamentali il 23 ottobre del 1182 il vescovo di lucca guglielmo i prendendo atto della forte devozione popolare verso un suo figlio alluccio di omodeo che aveva condotto una vita in santità e portato avanti grandi opere di carità ne riconobbe il valore e ne consentì il culto fu poi nel 1344 che l altro vescovo del tempo guglielmo dulcini informato del ritrovamento dei resti di una salma nella chiesa dell ospitale di campugliano diede ordine al frate domenicano paolo lapi di recarsi sul posto per approfondire la circostanza l ospedale che più anticamente aveva il nome di ospedale di campo era situato nella piana pesciatina già dal ix secolo il luogo era attraversato dalla strada che univa firenze a lucca proseguente poi per luni detta cassia minor che sia stata percorsa da molti pellegrini lo testimonia una statio a pistoia una a lucca e nel mezzo la statio ad martis nella valdinievole qui il giovane alluccio collaborando con il padre che era custode dell ospedale aveva iniziato la sua opera di carità occupandosi dei pellegrini e di tutti coloro che avevano bisogno di soccorso opera di grande necessità soprattutto nei frequenti periodi di carestia il suo impegno era stato di grande utilità riuscendo inoltre a coinvolgere 5 nell impegno altri giovani del luogo dei quali viene ricordato il nome come i frates allucii la scrupolosa ispezione del frate e la registrazione del ritrovamento portò alla conferma che ci si trovava di fronte alla salma di alluccio il rettore dell ospedale la cui morte e sepoltura trovata segnata nei reperti era avvenuta nell anno 1134 il 23 ottobre l elenco e la descrizione di quanto ritrovato fu rogato da un notaio e sottoscritto da 14 testimoni alla relazione venne aggiunto una pergamena il cui testo conteneva legendam de vita et quibusdam miraculis dicti sancti alluccii ugualmente sorprendente fu notare che sulla parete soprastante il luogo del ritrovamento erano dipinte le vicende che corrispondevano alle annotazioni della pergamena quindi rappresentavano fatti della la vita e i miracoli del santo al momento del ritrovamento l ospedale era passato sotto la gestione dei cavalieri gerosolomitani di pisa in affido

[close]

p. 6

cronache di cammini n° 1 a loro per la diminuizione nel tempo dei `frates allucci in seguito sarà affidato ai cavalieri di malta della compagnia di san iacopo in campo corbolini che a firenze operava in via faenza questo passaggio di appartenenza se ebbe la sua importanza per il grande raggio di azione che aveva la compagnia tolse al tempo stesso la giurisdizione del vescovo di lucca per cui il culto di sant alluccio non entrò mai nella liturgia della chiesa lucchese tanto che presto se ne perse la devozione e persino la conoscenza nel 1607 il gesuita héribert rosweyde cominciò a raccogliere dai manoscritti agiografici delle biblioteche le vite dei santi fu l inizio della grande opera che prese il nome di `acta sanctorum proseguita da jean bolland alla morte del suo ideatore i ricercatori che continuarono si chiamarono di bollandisti j van hecke da questi testi ha rilevato la storia di sant alluccio in una prosa ritmica che aveva la formula di poter essere sia recitata che ricordata con facilità non vogliamo occuparci dei miracoli attribuiti a questo sant uomo perché è un argomento troppo delicato ma guardiamo quali sono le opere delle quali si è conservata la memoria la prima attività quello di `spedaligno iniziata da giovanissimo fu subito seguita da quella di costruttore per cui accanto all ospedale sorse una chiesa dedicata ai santi luca evangelista ed ercolano martire di questi edifici oggi non rimane che una fattoria in località campugliano ma l attività dell ospedale si è mantenuta nei secoli soppressa soltanto nel 1791 sempre a grande vantaggio dei pellegrini alluccio costruì un ponte sul fiume arno che viene individuato fosse nei pressi di signa risulta che nel 1120 fra firenze e pisa esistesse un unico ponte fatto di legno utilizzato fino al 1287 quando fu sostituito da un altro più stabile la leggenda dice che per la sua co6 struzione alluccio dovette combattere con la reticenza del barcaiolo che con il ponte perdeva la sua fonte di reddito anche presso il ponte fu costruita una struttura di accoglienza a favore soprattutto dei pellegrini e dei viandanti altri storici suppongono invece che il ponte costruito da sant alluccio fosse in prossimità di fucecchio invece ancora presente con tutta la sua verificabilità è l altro ospizio per pellegrini che si trova sul montalbano come documento importante di vita della zona del tempo è registrato da un disegno di leonardo da vinci con il nome di santo lucco è una delle scritture di leonardo con la torre di sant alluccio un andamento normale e quindi facilmente comprensibile al lettore il luogo è pericolosamente lasciato a se stesso oggi metà esclusiva di qualche scampagnata e ritrovo annuale di raduno per gli alpini che vi hanno fatto installare una grande croce questo luogo conosciuto da sempre come torre di sant alluccio viene anche associato all eremita pellegrino francese alucien che assieme a giusto e baronto nel settimo secolo si stabiliro-

[close]

p. 7

cronache di cammini n° 1 no da eremiti sul montalbano dove ognuno costruì un monastero È probabile che effettivamente una prima costruzione dell edificio risponda a questa tradizione e che l opera fatta dal santo di pescia sia stata quella di sostegno e di ampliamento di un ospitale già esistente e della aggiunta di una chiesa dedicata ai santi bartolomeo clemente e colombano un altra impresa di rilevante importanza per quanto sia difficile trovarne una buona documentazione è l azione di mediatore e di paciere che alluccio ebbe nella lotta fra la città di faenza e quella di ravenna la città di faenza in quel periodo viveva una grande rivoluzione per la sua trasformazione da feudo in comune e in quel contesto come raccontano più le leggende che i cronisti dell epoca fu in grande rivalità e spesso anche in guerra con la vicina ravenna nel 1934 è stata fatta la celebrazione dell 800° anniversario della morte del santo ed in quella occasione la località di campugliano ha preso il nome di sant alluccio di uzzano le reliquie del santo sono conservate sin dal 1791 nella cattedrale di pescia sormontate da un dipinto di romano stefanelli dalla relazione sul riconoscimento delle reliquie 4 giugno 1344 archivio arcivescovile di lucca rigo 118 item invenit supra dictam arcam directe in pariete dicte ecclesie picturam ex antiquissimis figuris ymaginem dicti sancti allucii cum aliquali ystoria sua vite rigo 133 item retulit se invenisse legendam de vita et quibusdam miracoli dicti sancti allucci quam in cartula pecudina scruta eidem rigo 144 in monte albano magno in heremo sito ecclesiam aliam in honorem sancti bartholomey et sancti clementi set sancti columbani et aliurum sanctorum cum summo desiderio magnoque labore ordinare curavit ad honorem hospitalis et pauperum substentationem quod in su proscritto monte perfecerat iuxta arnum etiam in strata publica aliud hospitale constituit ubi multi peregrini periclitabantur la colonna delle anella simbolo dell ospitalità da bertinoro ­ guida d italia tci ed 2004 la colonna delle anella è non solo il simbolo ufficiale della cittadina di bertinoro ma è l emblema stesso della tradizione della ospitalità romagnola la colonna fu eretta nel corso del xiii secolo per porre fine alle dispute delle famiglie nobili locali che facevano a gara per ospitare presso di sé i forestieri si decise così che dodici famiglie del paese divenissero a turno proprietarie di dodici anelli apposti alla base della colonna e che fossero i forestieri stessi a scegliere per sorte presso che venire ospitati nel momento in cui legavano ad uno degli anelli il proprio cavallo rimossa e dimenticata per secoli la colonna fu ritrovata a pezzi durante i lavori di restauro del palazzo comunale e il 5 settembre 1926 fu ricollocata nella sua sede originaria in memoria della antica tradizione ogni anno la prima domenica di settembre si tiene la festa dell ospitalità un apposito comitato sceglie gli ospiti che in luogo del cavallo lasciano un proprio biglietto presso uno degli anelli scoprendo solo successivamente presso quale famiglia bertinorese saranno accolti cum panis in una domenica della buona e spontanea ospitalità 7

[close]

p. 8

cronache di cammini n° 1 globino in cammino di giorgio zambaldi il cuore è una rossa casina dove globino non sta mai fermo vado a fare il mio giretto dice tutto baldanzoso al cuore il cuore risponde ma dove vuoi andare che finisci sempre per sporcarti ma no che non mi sporco c è una bella stradina che devo fare è come se mi chiamasse il cuore non fa in tempo a insistere che globino è già scappato dalla porta di cucina corre corre tutto felice per fortuna non trova intoppi è dato che è molto curioso s infila dappertutto guarda e tocca tutto quello che incontra strade grandi stradine più piccole fa proprio un giretto dopo un po però si sente stanco è meno baldanzoso e mentre sta pensando di tornare nella sua casina rossa si accorge anche di essersi sporcato molto e ridotto in modo impresentabile adesso mi prenderò la solita sgridata dal cuore bisogna che rientri da dietro per non farmi vedere cerca così di rientrare con cautela e di non farsi vedere ma il cuore se ne accorge subito e prontamente guardati in che condizione sei non puoi entrare in casa così sporco e portare la tua sporcizia dappertutto vai nella rimessa e non presentarti se non ti sei prima pulito globino cerca di protestare e non fa nemmeno in tempo trovare delle scuse a chiedere aiuto che il cuore lo ha già spinto fuori e chiuso la porta si sente piuttosto afflitto lui è sempre pieno di iniziative ma per quanto riguarda la pulizia non sa proprio da che parte cominciare ma ecco che sente una vocina una vocina che già conosce della quale in quello stato di imbarazzo si era dimenticato cosa aspetti a venire la strada la conosci e non ti ricordi chi è che può togliere tutto quello lo sporco che hai raccolto in giro in questo momento guarda che ho proprio una buona qualità di aria è bella e pulita e vedrai che in un attimo torni pulito e fresco più di prima È il polmone che parla e globino si rincuora ed eccolo ancora in cammino per andare a farsi ripulire il polmone ha la sua tecnica perfetta che non solo gli fa lasciare tutto lo sporco ma lo riassesta per benino tanto che in un attimo globino torna a splendere del suo bel colore puoi andare adesso dice il polmone ed entra pure dalla porta principale che il cuore sarà ben contento di vederti così fresco e pulito tutto bene dunque globino entra in casa e il cuore lo accoglie contento e non è più arrabbiato ma questa storia non finisce qui anzi non finisce mai perchè globino si è già spostato verso la porta di cucina pronto a partire per una nuova impresa vado a fare il mio giretto dice tutto baldanzoso al cuore che volete farci globino è fatto così e fin tanto che si comporta così va tutto bene cronache di cammini pubblicazione culturale di percorsi soste storie nel camminare diffusione semestrale a stampa anno 2° numero 1 aprile 2012 direttore responsabile niccolò mazzucco redazione lucia mazzucco lucia gallori vera biagioni direzione redazione via v da filicaia 22 50135 firenze tel e fax 055-679925 e-mail cronachedicammini@gmail.com sito web http www.cronachedicammini.com registrazione tribunale di firenze n° 4157 del 3.8.2011 stampa officine grafiche elettra via b dei 70 firenze tel 055-473.809 proprietario/editore dott luciano mazzucco codice fiscale mzzlcn53d10d612o partita iva 03843620489 e-mail lucimak@tin.it sito web http www.ortopediamazzucco.com conto corrente postale n° 74677162 iban it56 n076 0102 8000 0007 4677 162 intestato a dott luciano mazzucco specialista in ortopedia e traumatologia via v da filicaia 22 50135 firenze tel/fax 055-679925 studio via della rondinella 66/1 50135 firenze tel 055-6540048/049 8

[close]

p. 9

cronache di cammini n° 1 kin-hin una pratica alternativa di luciano mazzucco tutti abbiamo più volte constatato quanto dopo una lunga camminata si avverta uno stato generale di benessere ed una piacevole sensazione di assenza di tensione questa percezione che a volte si confonde nello stato di stanchezza si rivela essere tanto più efficace quanto più lungo può essere stato il percorso effettuato e risulta essere una delle componenti più interessanti per la ricerca del mantenimento di un equilibrio stabile e armonico della persona ma non potendo avere sempre la possibilità e il tempo di concedersi una bella camminata possiamo rivolgersi ad una attività alternativa suggerita da una antica pratica di origine buddista che risale direttamente al buddha shakyamuni È una forma di meditazione che si effettua con un movimento lento preciso e ritmato con il respiro che porta ad una analoga condizione di allentamento della tensione profonda consiste in una successione di passi anzi mezzi passi mentre tutto il corpo mantiene una postura controllata colonna vertebrale diritta spalle rilassate la nuca indirizzata verso l alto mentre il mento rientrato tenderà a portarsi ad una immaginaria linea verticale sulla direzione dell ombelico le braccia libere da qualsiasi tensione delle spalle si portano in avanti in una posizione flessa e la mano destra avvolge la mano sinistra chiusa e appoggiata contro lo sterno esercitando una decisa pressione che non si deve estendere oltre la posizione delle mani la pratica porterà facilmente ad una esecuzione non rigida senza alcuna forzatura e con la mente dedicata alla successione di un passo dopo l altro si arriverà al distacco del pensiero la concentrazione inoltre con l esercizio del mantenimento della corretta percezione della postura produrrà oltre al vantaggio della buona statica del proprio corpo una sensazione percettiva di un maggiore senso di dignità e di sicurezza i mezzi passi avanti portano il piede che sta dietro a posarsi all altezza della metà del piede anteriore il ritmo è lento ed in sintonia con l atto respiratorio facendo corrispondere l inspirazione al movimento e l espirazione alla sosta il piede che segue di mezzo piede il passo successivo così dice la tradizione lo sguardo viene diretto in avanti su un raggio di circa tre metri 9 può favorire la concentrazione il contare il numero degli atti respiratori ma ognuno può affidarsi ad qualche accorgimento personale che favorisca l apprendimento della pratica non è necessario un grande impegno per entrare in questa facile dinamica ed una volta raggiunta sarà sorprendente constatarne l efficacia nei monasteri zen questa è una cerimonia che viene eseguita all inizio del cammino del nuovo giorno il suo scopo è trovare la condizione migliore per iniziare e affrontare con precisione e consapevolezza gli impegni quotidiani non resta che provare!

[close]

p. 10

cronache di cammini n° 1 da firenze a la verna di niccolò mazzucco tracciato gps rilevato con apparecchio garmin gpsmap 60cx elaborato su mapsource garmin continuiamo e concludiamo in questo numero la descrizione delle ultime due tappe del percorso che da firenze ci permette di raggiungere il santuario della verna inizio tipico del cammino di francesco verso rieti e roma a tappa da cetica a bibbiena km 24,5 a cetica in località casenzi km 0 alt mt 596 si prende uno stradello asfaltato in discesa fra alcune case [sentiero cai n° 29 che scende al ponte medioevale sul fiume solano recentemente ristrutturato si attraversa il ponte e si continua su uno stradello erboso subito in salita con un tornante per circa 300 mt fino ad un bivio che prendiamo a dx strada sterrata di casa rossolini altri 300 mt e prendiamo a sinistra nel bosco e continuiamo per circa 800 mt in salita in costa fino ad uno spiazzo veduta panoramica del paese siamo a 700 mt e ad un capanno di pietra prendiamo a destra e continuiamo in lieve salita per 200 mt per prendere poi il sentiero a sinistra che prosegue ancora in costa abbastanza infrascato ma con i segnali bianco/rosso ben visibili sugli alberi continuando dopo 500 mt si passa sotto un grosso albero caduto posto di traverso e con altri 500 mt circa si giunge alla strada sterrata di crinale che prendiamo a sinistra in piano km 2,75 poggio incisa alt mt 809 la strada bianca ora ampia e carrozzabile piano piano va in discesa fino ad arrivare dopo un tornante tenere la destraalle prime case di garliano al tabernacolo tenere la destra e quindi su strada ora asfaltata alla chiesa e al vicino bar km 5,16 alt mt 710 si prende una stradella asfaltata fra la chiesa ed il piccolo cimitero in discesa fino ad una casa con una staccionata dove si prende il sentiero in discesa a sinistra nel bosco il percorso è in forte discesa e dopo 500 mt incontriamo un vivaio di abeti natalizi e attraversiamo una strada sterrata [che a dx porta ad una casa case di terrio continuiamo nel sentiero che sempre in discesa in un bosco molto fitto e ombroso passa fra muri a secco muschiosi fino alla passerella in legno sul fosso garliano km 6,15 alt mt 530 e ai resti di un vecchio mulino il cammino ora tende a risalire in un percorso tortuoso nel bosco accanto ad un fosso fino a giungere ad una casa in ristrutturazione sulla destra superato il chiesa di garliano cantiere su una strada ora più ampia sterrata dopo un tornante si arriva allo sbarramento di una catena si prende a sinistra e poco dopo si arriva ad una segheria e alle prime case dell abitato di quorle km 7,5 alt.mt 666 al telefono pubblico a sinistra e subito dopo [fonte d acqua di fronte alla chiesa si prende a destra sulla strada asfaltata in discesa la si percorre per circa 1,5 km fino a riprendere sulla destra il percorso cai n° 29 con indicazione le rocche la strada sterrata in discesa dopo poche centinaia di metri ci porta alla casa in pietra di una azienda agricola che attraversiamo per continuare sulla sterrata 10

[close]

p. 11

cronache di cammini n° 1 fra una fila di alberi fino ad un cancello chiuso prendiamo il sentierino a destra nel bosco e 100 mt dopo a sinistra il percorso è molto infrascato e occorre fare attenzione ai segnali comunque presenti si va ora in salita fino a giungere ad un seccatoio si mantiene a sinistra sempre in liecui termine prendiamo la strada sterrata che continua a destra si continua in lieve discesa o pianura in un percorso ora aperto fra ampi prati e poderi tassinaia incontrando un casolare poi una sbarra fino a raggiungere la strada asfaltata che prendiamo a sn [a dx cartello golf club casentino in discesa in poco più di 1 km siamo alla periferia di poppi km 18,5 alt mt 417 dove potremo andare diritti entrando in paese per cercare alloggio oppure possiamo prendere a destra la strada asfaltata per buiano [pieve romanica in circa 3,5 km incrociamo la strada che proviene da quota e prendendola a chiesa di larniano ve salita poi a destra e di nuovo a sinistra iniziando quindi a scendere si attraversa un fosso due seccatoi un grosso albero caduto e comunque seguendo i segnali in lieve discesa si giunge alla casa maestà e quindi alla strada asfaltata in località larniano km 13,8 alt mt 583 e subito dopo alla chiesa [ampi locali parrocchiali da cui si può apprezzare il panorama sulla vallata fino al castello di poppi si continua in un percor bibbiena vista da villa farneta so un po infrascato con vari saliscendi a mezza costa fra campi [sulla destra abbiamo per un lungo tratto una rete verde sostanzialmente in discesa fino ad un valletta ampia ed aperta al sinistra arriviamo alla rotonda di casamicciola e da questa passando sotto la ferrovia via della segheria a bibbiena incrociando la via provinciale umbro-casentinese km 24,5 alt mt 400 b tappa da bibbiena a la verna km 17 partiamo dalla provinciale km 0 e prendiamo in salita via della fornace via dante ed il viale michelangelo quando questo fa una curva a gomito a sn per procedere verso l ospedale ecc si va invece a dritto in viale garibaldi si passa una piazza e si continua in via delle monache all incrocio con via pollino si prende a sinistra via santa maria si percorre per 300 mt [sulla sn c è un ampio parcheggio e poi prendiamo a destra in discesa via moccareccia che è l inizio del percorso cai 043/a dopo circa 800 km si attraversa un ponticino torrente vessa e si inizia la sterrata in salita che ci porta a villa farneta km 4 alt mt 418 alla sommità della prima collina da cui si può apprezzare una bella vista su bibbiena si gira a sinistra passando proprio nella villa continuando in discesa per circa 1,5 km attraversiamo due cancelli verso campi trovando quindi sulla sinistra due laghetti e alcune case e anche alcuni cani che abbaiano ma non mordono si procede nel sentiero in lieve salita fino ad un bivio poco prima di campi km 6,60 alt mt 370 cui dobbiamo girare a destra in discesa per arrivare all abitato fonte d acqua si prosegue a sn e 11 il castello di poppi

[close]

p. 12

cronache di cammini n° 1 mente l asfaltata e si abbandona il cai 43 [che procederebbe sulla sinistra ma è chiuso da tempo perché attraversa una proprietà privata procedendo invece diritti in salita sul sentiero cai 44 con una staccionata con rete sulla sinistra ancora 600 mt e ci immettiamo nuovamente sulla provinciale a livello di un tornante curva delle motte e questa volta non la si abbandona più perché il percorso per arrivare alla beccia è sicuramente più opportuno farlo sulla provinciale con solo km 1,6 di strada non eccessivamente trafficata il cai 44 al tornante delle motte invece continua sulla destra ma ci farebbe allontanare dalla nostra meta con un percorso più lungo e che perde in altimetria arrivati alla beccia km 14,6 alt.mt 1020 si lascia la provinciale per prendere il camminamento sulla sinistra che in 700 mt porta al santuario km 15,3 alt.mt 1090 santuario de la verna si attraversa il nuovo e grande ponte sul fiume corsalone si prende a sinistra il sentiero che per 2 km sarà in discreta salita fino ad arrivare ad attraversare la provinciale 208 loc chiappe di marco alt.mt 553 si attraversa la strada e si continua sul sentiero in moderata salita fino ad incrociare dopo circa 1,2 km un tornante della stessa provinciale lo si attraversa e dopo 200 mt si entra nell abitato di case nuove km.10,6 alt.mt 745 ottima località per una sosta con giardinetti e fonte d acqua all uscita del paese si ritrova l asfaltata e si prosegue diritti nel sentiero in salita dopo 900 mt si attraversa nuova canne al vento di grazia deledda da capitolo 2° i bassi ontani lungo il fiume gli sembrava di essere un pellegrino con la piccola bisaccia di lana sulle spalle e un bastone di sambuco in mano diretto verso un luogo di penitenza il mondo 12

[close]

Comments

no comments yet