Unitre di Tirano: 1994-2012 i nostri primi 18 anni

 

Embed or link this publication

Description

Finalità e sintesi delle attività in occasione del 18° anno accademico

Popular Pages


p. 1

r i etr t 18 o no a a uni

[close]

p. 2

sede unitre casa dell arte via lungo adda ortigara 10 tirano

[close]

p. 3

parte i origini e finalità unitre di tirano creare un luogo di aggregazione dove sia pur per breve tempo nel corso di ogni settimana fosse possibile uscire dalla monotonia del quotidiano per percorrere i sentieri dell arte della storia della scienza della più varia umanità ed anche sviluppare la nostra socialità con l intrecciare nuove amicizie e conoscenze in una parola ampliare la nostra libertà interiore attraverso quel respiro dello spirito che è la cultura questo era il programma tanto elevato nelle ambizioni quanto modesto nei mezzi materiali a disposizione che ci eravamo prefissi quando in quattordici volenterosi su invito del caro dr felesina ci riunimmo in un giorno d autunno del 1994 nello studio del notaio schiantarelli per legittimare la fondazione della sezione tiranese dell unitre franco clementi a dare poi una ulteriore particolare connotazione alle nostre ambizioni ci fu il desiderio di estendere la nostra proposta anche oltre il confine nella terra dei nostri amici svizzeri cui tirano è legata da tanti vincoli di tradizioni e di affinità fare insomma una specie di trenino rosso immateriale unitre un nome che significa università della terza età quella più matura ma che a noi piace interpretare come esteso a tutte le tre età della vita quello che più conta infatti è che nell associazione possa scorrere non solo il flusso delle nozioni esposte dai vari docenti ma anche l insegnamento che viene dalle esperienze culturali sì ma anche umane di ciascuno di noi soci quale che sia la stagione che stiamo vivendo perché se è vero che nella vita non si finisce mai d imparare è anche vero che non c è età nella quale non possiamo anche insegnare qualcosa ci dissero a tirano è frequente il sorgere di questa o quella iniziativa ma tutte sono di breve corso dopo l entusiasmo iniziale sfioriscono e muoiono beh la nostra associazione attualmente è già nel 18° anno di vita e quindi è diventata maggiorenne dalla fondazione il numero dei soci è rimasto costante pur col ricambio di quasi una generazione di iscritti il merito di ciò va certamente alle centinaia di docenti che gratuitamente ci hanno illuminati nei vari aspetti della cultura ma in misura non certo minore a chi ci ha fornito le sale di riunione e a quanti si son dati e si danno da fare per organizzare preparare rendere al meglio lo svolgimento dei programmi un particolare riguardo alla direttrice dei corsi la cara impareggiabile prof.ssa carla soltoggio moretta grazie a tutti di cuore franco clementi presidente 3

[close]

p. 4

18 anni di unitre a tirano progetto culturale unitre e principali temi proposti era il 21 dicembre 1994 si incominciava un tema fascinoso attraente non facile parola e immagine nella bibbia come relatore un biblista teologo scrittore ed un fotografo d arte con proiezione di diapositive collegate ad un testo spartiacque l immagine non turba il fluire del discorso solo lo increspa lo riga dandogli la parvenza di un vecchio codice lo punteggia di bollicine risucchi schiume ribollimenti abramo levi l accordo era riuscito i soci si interessano discutono approvano le lezioni successive l immagine della montagna nella letteratura l immagine nella poesia e nell arte intervallate da lezioni di diritto di carla soltoggio moretta economia di filosofia e psicologia di teologia di medicina ed esperienze di itinerari d arte di musica qualche seminario di approfondimento collaudano il progetto si era partiti il viaggio continuava ed ecco i principali temi i centenari raggi x il cinema la comunicazione nella scuola nella psicologia nel dialetto via satellite l inquinamento acustico la storia e l arte dalla nostra provincia a varie città e musei d arte del nord e centro italia novecento sul filo dell inquietudine e il suo superamento la poesia questa sconosciuta tra passato e presente conflitti geo-politici le grandi religioni l ecumenismo ma ci si è accostati anche alla tecnologia e al mondo del lavoro con interessanti visite a numerose ditte-imprese scoprendo una realtà viva ed in continua evoluzione produzione vinicola cantieri con prodotti nautici di rigenerazione di alta tecnologia e miniaturizzati o prodotti artigianali non si è mai dimenticato l aspetto conviviale e la cucina tipica del luogo visitato dato il loro alto valore nel raggiungimento delle finalità statutarie sono entrati ed entrano a pieno titolo nel programma ora i temi degli ultimi anni accademici 2005-2006 il fascino della libertà in rapporto alla sicurezza nell aspetto giuridico-economico in filosofia o in psichiatria 2006-2007 il tempo e i suoi paradigmi tempo e musica nella tradizione popolare nella fisica classica e nella fisica moderna 4

[close]

p. 5

parte i origini e finalità 2007-2008 la bellezza sperimentare la bellezza con un étoile della scala e del bol soj o con la lettura di poeti e scrittori e nella sua dimensione teologica 2008-2009 le nostre radici e il mondo realtà locale nel passato e prospettive nell oggi ma anche esperienze di luoghi lontani 2009-2010 vivere la speranza riflessioni di filosofi realtà umanitarie apocalisse e speranza 2010-2011 fraternità e angoscia alla ricerca di sicurezze qualche esempio di fraternità molti i problemi 2011-2012 insieme nella ricerca fiori di speranza il tema dell ultimo anno un immergersi nella riflessione non soli ma condividendo con altri numerosissimi i docenti professori universitari insegnanti dei vari istituti scolastici medici psicologi economisti giuristi teologi scrittori giornalisti tecnici imprenditori artisti musicisti studiosi ed esperti di varie discipline ma anche numerosi soci appassionati ricercatori in qualche aspetto dello scibile tutti ci hanno dato sé stessi non hanno portato programmi ministeriali ma ciascuno la propria esperienza il proprio sapere il proprio carisma come citarli tutti impossibile in questi diciotto anni di unitre a tirano circa quattrocento docenti alcuni sono tornati più volte ci hanno donato gratuitamente il loro tempo il loro studio la loro energia emozione simpatia la scintilla ha acceso un fuoco come ringraziarli ci hanno fatto e ci fanno vivere il progetto culturale arricchito da un nostro nuovo socio con l apertura nel 2008 di un sito in internet con foto registrazioni di documenti e lezioni prosegue sia per l impegno dei soci fondatori degli altri componenti del direttivo nominato dall assemblea ogni tre anni dei due rappresentanti dei soci studenti eletti annualmente dei revisori ma anche per merito di tutti i soci la serie storica ne conta più di 400 che si sono iscritti regolarmente hanno regolarmente frequentato le lezioni si sono personalmente impegnati hanno discusso suggerito idee suscitato interesse proposto e coinvolto esperti e studiosi loro amici tutti per il valido funzionamento dell associazione le lezioni tenute nella sala del credito valtellinese che ci ospita signorilmente sono settimanali per i soci alcune sono aperte al pubblico considerati gli scopi culturali e di promozione sociale dell associazione nella sede che si trova nella casa dell arte per il riconoscimento del valore dell associazione dalle amministrazioni poluzzi rossi e del simone si svolgono incontri infrasettimanali di piacevoli biblio-caffè filo-caffè caffè-letterari caffè con musica tecnologia film grazie anche alla banca popolare di sondrio che ci ha ospitato gentilmente nella primavera del 2010 unitre di tirano con i soci provenienti dalla media e alta valle e dalla val poschiavo non è solo un attività di conoscenza ma una bella esperienza uno scambio reciproco di pensiero e di umanità che accomuna arricchisce stare insieme per condividere conoscenze riflettere sulle idee e indagare sui dubbi aiutarsi ad affrontare con maggior serenità le inquietudini della nostra società coinvolgendo giovani adulti anziani perché humanitas e sapere non hanno confini anagrafici ma accompagnano l uomo durante il corso di tutta la vita carla soltoggio moretta direttrice dei corsi 5

[close]

p. 6

18 anni di unitre a tirano unitre di tirano impegno qualitÀ dedizione inventiva devo confessare che quando il compianto amico remo felesina mi espose l idea di fondare1 anche a tirano una sede dell università della terza età che a sondrio aveva da poco iniziato ad affermarsi ebbi due reazioni contrapposte da una parte avvertii l interesse per la novità di una nuova associazione culturale ma anche didattica dall altra sentii tutto il peso delle difficoltà organizzative che bisogna affrontare dalla scarsità del numero degli abitanti dell area che avremmo potuto interessare in avanti bruno ciapponi landi sarebbe stata necessaria una dose maggiore di impegno di qualità di dedizione di inventiva e si sarebbero dovuti raccogliere studenti da tutto il tiranese e dalla valle di poschiavo questa ultima possibilità che aveva in sé il dato positivo dell internazionalità transfrontaliera mi parve però molto positiva e promettente faceva superare i limiti del localismo e estendeva il bacino di utenza oltre confine inserendosi in quella corrente di pensiero nata cresciuta attorno a padre camillo de piaz che era stata il terreno di cultura su cui era sorto il museo e si era sviluppata poi in una più ampia politica transfrontaliera che aveva indotto la stessa provincia a fare propri progetti e iniziative proposti dal museo e ad affidargliene la realizzazione anche congiuntamente al governo cantonale2 non era però così scontata la riuscita e la possibilità che dopo il solito primo fuoco di paglia l iniziativa fallisse non era per nulla da escludere aderii comunque all idea in fondo anche se fosse fallita qualche cosa di buono l avrebbe pur lasciata sul terreno ripensandoci ora dopo quasi due decenni devo dire che quelle perplessità erano del tutto giustificate e ciò significa quindi che quel maggiore impegno di qualità di dedizione di inventiva c è stato e ha dato i risultati che proprio i numeri erano i numeri a farci paura ci permettono di constatare adesso con giusta soddisfazione oggi la nostra diciottenne unitre emancipatasi da università della terza età in università delle tre età può fare un bilancio non quelli finanziari così scrupolosamente tenuti anno dopo anno dal tesoriere dott giovanni viggiani ma un bilancio morale dei suoi 18 anni accademici un bilancio sulla vita interna del sodalizio quella dei soci-studenti ma con uno sguardo anche all attività pubblica quella delle lezioni aperte e delle pubblicazioni che portano l azione dell unitre dentro le case dei tiranesi e oltre tirano elenco soci fondatori pag 43 una per tutte la celebrazione nel 1979 dei duecento anni di buon vicinato seguito al pacifico distacco della valtellina e dei contadi dalla repubblica delle tre leghe 2 1 6

[close]

p. 7

parte i origini e finalità un attività capace di innovare quanto di valorizzare ciò che è già stato fatto con capacità e amore per la città e la sua gente come è avvenuto con la pubblicazione della raccolta degli scritti dell indimenticato prevosto lino varischetti3 e indicativo dello spirito del sodalizio il fatto che sulle 383 pagine del volume le prime 304 siano occupate dagli scritti di don lino che costituirono un vero apostolato dell insegnamento della loro storia ai tiranesi e solo le rimanenti 79 all unitre e in esse la genesi e le motivazioni che portarono alla sua fondazione è riassunta in due paginette scarne quanto efficaci che meritano di essere qui riproposte l unitre a tirano nata nel 1994 per opera di un gruppo di soci fondatori della media e alta valtellina e della valposchiavo su proposta del medico di famiglia dottor remo felesina l associazione unitre di tirano intende favorire approfondimenti in vari settori dello scibile l approccio avviene in incontri mirati settimanali che attraverso l humanitas e la cultura intendono valorizzare la persona e tendere all unità del sapere in una società sempre più parcellizzata dove i settori del sapere richiedono maggiori specializzazione diventa una esigenza allargare gli orizzonti per non robotizzarsi mentalmente l unitre ha un progetto che coinvolge discenti e docenti costituire nel tempo in plurimos annos per tutti la possibilità di dare e ricevere in uno scambio reciproco di pensiero e di umanità le lezioni sono per i soci che si iscrivono o si riscrivono ogni anno la serie storica conta più di 300 ma ci sono molti amici anche giovani studenti presenti alternativamente quando le lezioni sono aperte al pubblico o interessano in modo particolare o si vuol salutare o rivedere con piacere un relatore il tempo libero ritrovato non ha età normalmente sono tenute nella sala del credito valtellinese che ci ospita signorilmente la sede è nella casa dell arte donata alla città di tirano dalla maestra maria de piazza folini piacevoli le numerose visite guidate e i viaggi di studio alla riscoperta di arte storia e tradizioni anche della cucina tipica del luogo unitre vuol essere un invito al confronto perché ogni persona sia sempre al centro della nostra attenzione al centro della vita l unitre una provocazione i nostri programmi annuali si strutturano non su corsi in senso stretto ma su lezioni a temi che si avvicendano alternano si allargano e si completano in un concetto circolare di educazione rinnovata dove la sintesi avviene nel singolo secondo le proprie capacità ricettive e di approfondimento dalla fondazione ad oggi si sono avvicendati 285 docenti che hanno lino varischetti valle di colorina 1915-como 2005 prevosto di tirano 1952-1968 consigliere della società storica valtellinese arciprete di sondrio prelato col titolo di monsignore la pubblicazione intitolata i pareri del vecchio curato e altri articoli dal 1959 al 1970 unitre tirano 2007 riprende gli scritti pubblicati dal sacerdote dal 1959 al 1970 sul corriere della valtellina e si è avvalsa della raccolta che ne fece a suo tempo il compianto aldo soltoggio 3 7

[close]

p. 8

18 anni di unitre a tirano studiato approfondito rielaborato sintetizzato per noi in uno sforzo di intelligente amore e disponibilità lezioni-dibattito di notevole valore e molte anche di prestigio le abbiamo tutte registrate e queste costituiscono il patrimonio della nostra unitre la prima provocazione è stata la risposta ricevuta abbiamo chiesto in nome del sapere e abbiamo ricevuto in sovrabbondanza ma la vera provocazione si è attuata nell ambiente nella nostra tirano con qualche espansione nella vicina svizzera per la continua numerosa costante oltre ogni aspettativa presenza dei soci la provocazione di incontrarsi fra persone di ceti e di cultura diversi per gustare un pomeriggio di poesia oppure per il piacere di cogliere in anteprima aspetti pregnanti della nostra società quando dai media ancora non sono trattati e presentati al largo pubblico discutere di esperanto o dibattere con un vescovo ortodosso e successivamente con un vescovo cattolico e poi con un pastore evangelico il problema dell ecumenismo o con la sorella di una giovane infoibata la tragedia in quel momento ancora sconosciuta delle foibe o ragionare di altro ancora di novità in campo medico di innovazioni in ambito giuridico ed economico di viaggio fra le stelle di fisica applicata all arte forse non proprio provocatorio ma sicuramente intrigante il rapporto parola e immagine in molteplici realtà ma particolarmente pregnante nel luogo del racconto luogo della bibbia nella reciproca libertà interpretativa dello scrittore o del poeta e del pittore ed ancora non forse originali in senso stretto ma sicuramente raramente attuati il ripercorrere le strade dei paesi della valle ad uno ad uno per vedere guardare con occhi nuovi le case le contrade le erbe dei viottoli e dei giardini la vita presente e passata confrontarla con le nostre conoscenze storiche oppure la visita a cantine ed aziende coi loro modelli organizzativi dalle artigianali a quelle inserite in un contesto multinazionale e all avanguardia in campo tecnologico ed ancora i temi annuali novecento sul filo dell inquietudine la libertà il tempo la bellezza il logo ed il colore verde in campo bianco come dice l inossidabile presidente nazionale irma re sbandiera in metafora il programma sintetico dell unitre universalità umanità umiltà unione di tre età il negativo/positivo all unitre che fare quando manca improvvisamente un relatore le risorse interne come la proiezione di un interessante viaggio con curiosità e riferimenti storico-artistici o di un opera musicale con il commento di un socio cultore e amatore iniziate come emergenza diventano la richiesta di lezioni ricorrenti e per l aspetto musicale la realizzazione ogni anno di gruppi di approfondimento a latere delle lezioni ufficiali l unitre accademia di umanità non solo un attività di conoscenza ma una bella esperienza che accomuna e arricchisce lo stare insieme a pensare riflettere discutere costituisce anche un superamento dell inquietudine della nostra società nella nostra unitre di tirano ci si apre alle esigenze locali si è cominciato nell anno di festeggiamenti per il cinquecentesimo anniversario dell apparizione con l impegno di apertura 8

[close]

p. 9

parte i origini e finalità estiva nelle ore del primo meriggio del santuario della madonna tirano impegno che continua e costituisce una bella soddisfazione per altri progetti si vedrà con la dovuta considerazione per tutte le attività dell unitre è evidente che a fare la sua storia sono le lezioni dell anno accademico chi guida il sodalizio nei vari ruoli previsti per il consiglio direttivo e soprattutto chi stila e propone i programmi cioè il direttore dei corsi e qui il pensiero dopo essere andato al fondatore e ai suoi successori alla presidenza i medici carlo milvio ahimè recentemente scomparso e franco clementi felicemente in carica va alla donna perno del sodalizio la prof carla moretta soltoggio la sua centralità nella conduzione dell unitre è sotto gli occhi di tutti come è di tutta evidenza quanto la sua storia personale e professionale si riverberi nella sua direzione che coniuga l esigenza della qualità con la caratteristica che le è cara di scuola di umanità che intende imprimere all unitre i suoi studi umanistici l esperienza di insegnante di dirigente scolastico negli istituti superiori ma anche quella familiare di moglie di madre di nonna e di pubblico amministratore hanno conferito alla sua cultura l indubbia capacità di guida di una scuola per adulti come l unitre si trattava dunque del non facile compito di coniugare la qualità dell insegnamento con la scuola di umanità che è il suo progetto di unitre forse persino il suo personale progetto esistenziale il passaggio dalla presidenza dell istituto tecnico commerciale e per geometri balilla pinchetti alla direzione dei corsi dell unitre le ha permesso di continuare il suo servizio alla comunità le sue capacità professionali che la storia aveva già legato allo sviluppo dell istruzione di tirano e del tiranese non è quindi venuta meno con il pensionamento ma trasferita in una nuova esperienza stilare i programmi dell anno accademico scegliere e tenere i contatti con i docenti ricondurre il tutto ad un tema di fondo sia pure con la collaborazione del consiglio è il delicato e fondamentale compito del direttore dei corsi trattandosi di una scuola di scienza oltre che di umanità l elenco dei docenti e gli argomenti delle lezioni sono lo specchio della sua attività che può permettere persino di farsi un idea del contributo dato allo sviluppo della cultura cittadina o quanto meno del concorso a orientarla scorrendo questi elenchi in ordine alfabetico riportati alla pagina 126 docenti dal 1994 al 2007 e alla pagina 170 docenti dal 2008 al 2012 con i titoli e la data delle lezioni ci si rende conto che la scelta di fondo è di unire l utilizzo delle migliori forze locali disponibili il meglio di quelle in corso di formazione nelle università ed anche nelle attività con il meglio disponibile del mondo accademico e della cultura legato alla nostre valli e alla valle di poschiavo l elenco annovera presidi di facoltà critici docenti universitari cultori della materia studiosi esperti nei vari rami del sapere fino a lezioni offerte ai colleghi da soci studenti e immaginabile che alla capacità espositiva di questi ultimi abbia giovato la frequenza dei corsi e sarebbe un altro merito dell unitre bruno ciapponi landi vice presidente dal 1994 al 2004 assessore alla cultura di tirano 9

[close]

p. 10

18 anni di unitre a tirano l unitre di tirano 18 anni di efficienza organizzativa e di cultura con la chiusura dell anno accademico 2011-2012 l unitre di tirano compie 18 anni di attività come accademia di umanità e di cultura fatta di importanti esperienze e successi a partire dal lontano giorno della sua fondazione avvenuta con atto pubblico registrato a tirano il 02.12.1994 al n 1040 ora l associazione è divenuta per così dire maggiorenne ciò riporta alla memoria e al cuore dei 14 soci fondatori il caro ed emozionante ricordo dell evento costitutivo sottoscritto con il primo presidente dr remo felesina ex medico condotto e ufficiale sanitario di tirano la genesi del diciottesimo anno di una organizzazione di volontariato consente di scoprire la ragione il motivo e lo scopo della nuova realtà culturale e sociale essenziale anche per la didattica della stessa associazione pertanto avvicinarsi a questa importante realtà raccolta nel presente libro ricco di rilevanti testimonianze viene da chiedersi · · · · giovanni viggiani in primis qual é la natura giuridica dell associazione quale attività è stata svolta nel corso degli anni quali controlli efficaci sono stati operati sull attività e finalità dell associazione quali sono in sintesi il reale stato giuridico e gli eventuali benefici fiscali dell unitre fatte queste premesse è opportuno conoscere la natura giuridica dell unitre che chiaramente è quella di un ente di natura non lucrativa e che quindi risulta essere un associazione non profit in quanto manca della capacità di realizzazione del fine aziendale tuttavia va rilevato che l ente non-profit non sempre rientra nella onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale prevista dall articolo 10 del decreto legislativo n 460/1997 oppure nella a.p.s associazione di promozione sociale prevista dall articolo 7 della legge n 383 del 2000 la stessa direzione nazionale dell unitre di torino prima unitre d italia a cui l unitre di tirano è associata era preoccupata dopo anni dalla sua fondazione avvenuta nel 1975 di conoscere con certezza la natura giuridica e quale trattamento fiscale spettasse a tutte le associazioni unitre per il fatto che la prassi indicava soluzioni molto differenti nelle varie regioni preoccupazione tanto sentita da avvertire le direzioni delle sedi locali ad attenersi alla filosofia e ai principi espressi nello statuto e che ogni locale unitre collocasse la propria attività sul volontariato 10

[close]

p. 11

parte i origini e finalità dei soci prestato in modo personale spontaneo e gratuito soprattutto prevalente e determinante su ogni altra forma in assenza di fini di lucro con democraticità della struttura e gratuità delle cariche sociali mancando,quindi i tratti generali del concetto di attività commerciale intesa in senso civilistico e fiscale l associazione nazionale unitre di torino riteneva di far rientrare le associazioni unitre fra le onlus di cui all art 10 del d.lgs n 460/1997 al fine di poter accedere anche ad eventuali benefici fiscali tuttavia il chiarimento della mancanza dei necessari requisiti oggettivi avvenne nel corso dell anno 2005 infatti l attività dell unitre non poteva rientrare nei settori voluti dal sopracitato art 10 perché mancava lo scopo istituzionale obbligatorio dell esclusivo perseguimento di finalità sociali a beneficio di soggetti svantaggiati esterni all organizzazione mentre le unitre operavano al solo vantaggio degli stessi soci ciò stante l unitre di torino vigile sui diritti degli associati non si arrese tanto che con nota 20.09.2005 n.1678 informava che una delegazione era andata a roma per prendere contatti con il ministero degli affari sociali al fine di conoscere se le unitre come associazioni di promozione sociale rientravano nella citata legge n.383 del 2000 l unitre legittimata nella richiesta con la modifica ed integrazione dello statuto sociale e con l estendere la partecipazione programmata anche a soggetti esterni all ente provvedeva all iscrizione come a.p.s nel registro nazionale dell associazionismo sociale che prevede speciali benefici fiscali a favore delle organizzazioni di volontariato di cui alla legge 11.08.1991 n.266 in particolare la nostra sede unitre è iscritta quale articolazione territoriale dell associazione nazionale al n 120 del reg naz delle associazioni di promozione sociale a.p.s con decreto 19/03/2008 quanto all attività svolta nel corso degli anni in forma essenziale e prevalente è stata espletata presso l apposita e preordinata sala gentilmente concessa dalla locale banca credito valtellinese mediante conferenze e dibattiti tenuti da qualificati docenti nei diversi settori quali storia letteratura diritto medicina psicologia scienze naturali ed economiche filosofia religione arte e su tanti altri temi sono stati eseguiti anche viaggi­visite di studio effettuati in città e località di interesse storico ed artistico non va tuttavia dimenticata l attenta puntuale e fattiva collaborazione della direttrice dei corsi professoressa carla soltoggio moretta che con competenza e passione ha programmato viaggi di sicuro interesse storico ed artistico inoltre sono stati attuati incontri informali anche presso la sede dell unitre per discutere ed approfondire con proiezioni e commenti su argomenti programmati di particolare interesse come opere di musica classica o leggera e su componimenti poetici gai e largamente popolari ogni visita di studio è risultata intensa e ricca di spunti e riflessioni oltre che di svago gli itinerari sempre diversi hanno suscitato curiosità ed interesse sia nei soci che non conoscevano i luoghi sia per aver dato l opportunità anche agli altri soci di rivisitarli con riflessioni nuove in uno spirito di gruppo prezioso ed indispensabile per la crescita culturale infatti ciascun socio attraverso il confronto delle esperienze e aspirazioni dei non più giovani con i più giovani ha interiorizzato il significato profondo dell associazione che è quello espresso nel noto aforisma di sentirsi vivi e non dare più anni alla vita ma dare più vita agli anni 11

[close]

p. 12

18 anni di unitre a tirano pubblico unitre dicembre 1998 quanto alla organizzazione e all attività svolta si precisa che ci sono due parametri essenziali per giudicare l operato delle organizzazioni non-profit la trasparenza e l efficienza infatti chi gestisce i fondi per finalità sociali ha l obbligo morale prima che il dovere legale di rendere conto di quello che riceve e di quello che spende e particolarmente di come lo spende in questa prospettiva la figura del tesoriere dell unitre rappresenta un modello ormai consolidato dalla lunga esperienza nel corso di ben 18 anni fortemente controllata dai revisori e dal corpo direttivo la trasparenza del rendiconto e l efficienza del procedere non possono che essere l elemento essenziale su cui costruire una iniziativa di successo infatti trasparenza vuol dire rendiconti chiari con la precisa definizione di tutti i movimenti finanziari dando poi uno sguardo ai dati principali dei movimenti del rendiconto appare evidente che le entrate principali provengono dalle quote di iscrizioni annuali dei soci nonché da qualche modica offerta dei medesimi e raramente dai cosiddetti proventi da parte di enti corrisposti per attuare specifici progetti qui è opportuno precisare che il termine bilancio come previsto dagli artt 2423 e 2425 del codice civile richiama il concetto di conto economico ossia di attività di rischio dell impresa che opera in un mercato competitivo col dare la misura dell utilità consumata rispetto a quella creata pertanto è da ritenere che nelle associazioni non-profit manca quella capacità di realizzazione del 12

[close]

p. 13

parte i origini e finalità fine aziendale trattandosi in generale di entrate costituite dal versamento delle quote associative peraltro effettuate direttamente dai soci sui conti correnti dell associazione va pure aggiunto che in mancanza di una specifica disposizione legislativa per gli enti nonprofit il documento contabile non viene denominato bilancio ma più semplicemente rendiconto gestionale in effetti dal punto di vista terminologico la dizione bilancio richiama fortemente la nozione di conto economico di ricavi e costi di elementi positivi e negativi di reddito i dati della gestione dell associazione vengono denominati entrate e uscite miranti a rappresentare il versamento di quote sociali come base dominante di entrate dirette all acquisizione di fattori realizzati l analiticità del rendiconto tenuto per cassa permette la comprensione delle risorse finanziarie dei fini perseguiti e del grado di efficienza raggiunto in un quadro di assoluta trasparenza infatti tutti i fatti amministrativi trovano contemporaneamente cronologica corrispondenza sia nel libro cassa sia nelle pezze giustificative e negli estratti di conto correnti tenuti da due banche locali infine circa la sintesi dello stato giuridico e degli eventuali benefici fiscali si conferma che l unitre di tirano rientra nelle a.p.s di cui alla citata legge n.388 del 2000 pertanto l associazione opera nel campo della solidarietà sociale e beneficia delle agevolazioni fiscali previste dalla legge quadro sul volontariato e precisamente dell art.8 della legge n.266 del 1991 in quanto l elemento distintivo dell associazione è costituito dal non avere come oggetto esclusivo e principale lo svolgimento di una attività di natura commerciale consegue che in base al disposto dell art.7 della più volte citata legge n.283 del 2000 l unitre di tirano è stata iscritta nel registro nazionale delle associazioni di promozione sociale presso il ministero della solidarietà sociale div.ii ­ ass soc inoltre la normativa dettata dal d.lgs n.460 del 1997 che allo scopo di favorire gli enti nonprofit prevede esenzioni ed agevolazioni agli effetti dell imposizione tributaria ma anche sanzioni amministrative per i rappresentanti legali e gli amministratori delle associazioni che abusano fraudolentemente dei benefici infatti la sopracitata legge n 266 del 1991 così dispone · · gli atti costitutivi delle organizzazioni di volontariato sono esenti da iva e registro le operazioni effettuate dalle organizzazioni di volontariato non si considerano cessioni di beni né prestazioni di servizi e pertanto esenti dai iva e altri tributi le donazioni e attribuzioni di eredità o di legato sono esenti da imposta i proventi derivanti da attività commerciali marginali non costituiscono redditi e non sono soggetti ad alcun tributo sempre se destinati a fini istituzionali · peraltro le predette esenzioni e agevolazioni erano già previste dagli artt 143 e 148 del testo unico ii.dd 22.12.1986 n.917 in cui viene stabilito che le quote di iscrizione e le stesse offerte dei soci compreso l attività svolta nei confronti degli stessi associati conformemente alle finalità istituzionali non concorrono a formare il reddito complessivo dell associazione in breve attenendosi al dettato legislativo e a quello dello statuto dell unitre aggiornato nel corso del 1995 l associozione di tirano risulta essere un ente non-profit decentrato 13

[close]

p. 14

18 anni di unitre a tirano autonomo dotato di proprio statuto associato all unitre di torino · · · · con propri poteri e funzioni nel rispetto dei principi fissati dalle leggi con patrimonio proprio seppure per ora poco rilevante con proprio rendiconto gestionale con potere dell organo assembleare di decidere la propria gestione di modificare lo statuto di nominare il direttivo ogni triennio nonché di deliberare lo stesso scioglimento dell associazione concludendo se oggi l unitre risulta una interessante e straordinaria realtà culturale e sociale per la città di tirano lo si deve a tutti i soci iscritti a quelli di allora e a quelli di adesso non resta pertanto che ringraziare e salutare con benevole deferenza tutti i soci per quello che insieme hanno fatto e che in avvenire cercheranno di fare e in particolare per il piacere di ognuno di essere parte attiva dell associazione di volontariato che come ha scritto giuseppe campra ideatore e fondatore in italia della prima associazione l unitre è la scuola più bella del mondo perché non obbligatoria e gli allievi non possono essere bocciati perché li ha laureati la vita infine un ultimo momento di attenzione tanto per sorridere e chiudere in armonia forse vale la pena ricordare lo sketch trasmesso dalla televisione in cui compare un uomo semplice di poche parole e soprattutto che ha studiato ma non troppo il quale sussurra mi volevano licenziare perché non ho fatto l università ma poiché non è mai troppo tardi mi sono iscritto all unitre che non richiede alcuna formalità e ha lo scopo di stare insieme per sapere giovanni viggiani tesoriere i volontari l unitre di tirano è in pratica un associazione di volontariato senza godere del 5 per mille le scartoffie burocratiche richieste costerebbero più dell obolo che si incasserebbe ma va avanti bene lo stesso per il lavoro di tanti volontari c è il presidente che oltre a prestarsi di buon grado come valido tappabuchi le rare volte che qualche relatore è obbligato a dare improvvisamente forfait da appassionato di opere liriche intrattiene regolarmente i soci con la presentazione sullo schermo e l esauriente commento delle più varie opere liriche c è la direttrice che un tempo da preside dante compagnoni doveva organizzare le lezioni dell istituto e ora si dà un gran daffare nel mettere insieme ogni anno il calendario delle lezioni accademiche tenendo conto delle proposte e dei suggerimenti dei componenti del consiglio direttivo 14

[close]

p. 15

parte i origini e finalità ed è un impegno non da poco ricerca dei relatori e loro disponibilità telefonate e-mail predisposizione degli incontri secondo i tempi impaginazione e stampa dei programmi annuali delle locandine settimanali e di quelle per le gite e le visite guidate che il padreterno ce la conservi a lungo con tutto la sua voglia immutata di fare perché è il perno sul quale gira tutta l attività della nostra unitre c è il viggiani il tesoriere fin dall inizio che ha trasferito la precisione del direttore dell ufficio imposte nella contabilità dell associazione e ogni anno dà un rendiconto al centesimo certificato dai revisori dei conti che potrebbero vistare senza neanche leggerlo il viggiani provvede oculatamente all acquisto degli omaggi per i relatori a contrattare i costi per i pullman e a pagare pranzi e quant altro quando si va in gita accanto a lui c è sempre la carolina tanto appassionata della propria centenaria bicicletta che preferirebbe venire con quella perfino alle gite se potesse il marito è la mente e lei il braccio operativo che con la carla crotti segretaria solitamente raccoglie le prenotazioni delle gite e insieme riscuotono le quote sul pullman una volte sono riuscite anche a riscuotere da me due volte nulla sfugge al loro occhio vigile e depennano diligentemente nell elenco nome dopo nome la carla crotti segretaria è come il pony express della compagnia quando c è qualche faccenda da sbrigare si chiama la carla e lei sempre pronta a trottare qua e là tiene in ordine l ufficio registra la corrispondenza prepara te o caffè durante le riunioni in sede e di una disponibilità unica che vien perfino voglia di mangiarla al suo fianco la efficiente e soprattutto precisa graziella c è il parisi che si è associato ultimante quando la pensione gli ha permesso più tempo libero tempo che ora utilizza a dotare l associazione di tutti i supporti tecnici di ultima generazione parisi è il deus ex machina della nostra associazione con lui la nostra unitre ha fatto il grande passo in internet acquisendo rinomanza mondiale ci possono conoscere e vedere altro che dalle alpi al lilibeo potremmo ora avere iscritti virtuali in alaska o in patagonia il parisi è di una disponibilità straordinaria e oltre a provvedere al continuo aggiornamento del nostro sito in internet si presta più che volentieri a istruirci sugli arcani di questo modernissimo mezzo del comunicare intrattenendoci presso la sede con tutta l attrezzatura necessaria molti lo seguono e questo dimostra che nonostante l età certamente non più giovanile nella nostra associazione la voglia di sapere e di essere al passo con i tempi è fervida e nel sentirsi in tanti alla ricerca di queste nuove scoperte sta anche la vitalità della nostra unitre c è infine da ricordare che la direttrice ama dire spesso che siamo come una grande famiglia e infatti così è e voglio accennare a tutti quei soci che danno il proprio contributo spontaneamente secondo le occasioni e le proprie capacità una volta andavo più spesso nel piccolo ufficio dell associazione per svolgere impegni che mi ero assunto ora molto più di rado l altro giorno sono entrato non c era nessuno e in quel silenzio ho rivisto il viso sorridente di rachelina segretaria per diversi anni che ci lasciò in poco tempo una cara e sempre gentile volontaria dell unitre che non si può dimenticare e mi è venuto il magone tirano 30 marzo 2012 dante compagnoni 15

[close]

Comments

no comments yet