La chiave

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

oggi in questa era tecnologica molte persone non sanno o non hanno il tempo di riflettere che la storia e letteralmente a portata di mano di tutti basta solo fermarsi un istante e riflettere provate con me rilassatevi un attimo chiudete gli occhi e frugatevi nelle tasche si so che ora molti penseranno ecco un buon tempone che vuole farci perdere tempo prezioso ebbene non è cosi credetemi basta semplicemente riflettere che anche in una vita caotica e piena di impegni come quella attuale ognuno di noi stringe nel pugno la storia e la storia è fatta da fatti eventi e invenzioni che hanno cambiato la vita di tutti gli esseri umani ora parliamo di un oggetto che sicuramente tutti gli esseri umani possiedono da soli 5000 anni si perché sembra impossibile che un oggetto considerato banale e di uso comune oggi abbia una storia cosi antica e avete indovinato di cosa sto parlando ma della chiave ovviamente oggi di uso comune e in tutte le possibile combinazioni meccaniche elettroniche ma credo di non potere essere smentito se asserisco che un oggetto cosi definito banale e di uso comune abbia una storia cosi prestigiosa e ora mi pare doveroso spiegarvi perché la chiave riveste un ruolo importante nell universo psicologico dell uomo essa ritorna spesso nei suoi pensieri nelle sue fantasie la chiave ha quasi sempre un carattere evocativo una semplice chiave ha in se la capacità di richiamare alla mente una grande quantità di persone la chiave delle porte del cuore di cose e di situazioni poeti e scrittori hanno reso la chiave protagonista di versi e racconti la si può trovare in novelle fiabe romanzi proverbi parecchi sono i luoghi letterari in cui la si può incontrare spesso si tratta di un esemplare d uso comune in altri casi di una chiave perduta da ritrovare,in altri ancora di una chiave miracolosa 1

[close]

p. 2

di queste chiavi poche volte viene messo in risalto l aspetto formale poiché l accento posto soprattutto sui loro valori simbolici sufficienti a tener viva la tensione letteraria anche l immagine visiva della chiave ha rivestito nel tempo un importanza determinante offrendosi all uomo con il suo forte spirito evocativo da migliaia di anni le chiavi vengono effigiate nei più diversi contesti appaiono scolpite nei rilievi dipinte negli affreschi e nei quadri riprodotte nei libri e continuano a esercitare una funzione comunicativa anche nel mondo contemporaneo come ad esempio nelle immagini pubblicitarie non diversamente dalla parola che contraddistingue questo oggetto anche la sua immagine non intende richiamare i suoi significati simbolici fra i quali di sicuro prende il sopravvento il concetto di autorità e di potere la parola e l immagine sono senza dubbio le manifestazioni più conosciute e diffuse della chiave ma non documentano certo tutto il suo spessore storico e culturale essa è stata e continua a essere prevalentemente uno strumento costruito e usato dall uomo per utilità pratica mentre nel passato le chiavi hanno avuto un rilievo notevole soprattutto in ambito sociale basti pensare all importanza delle chiavi della città oggi predomina piuttosto una loro dimensione privata molte delle nostre azioni quotidiane non sarebbero possibili senza le chiavi nonostante certe somiglianze formali ogni singola chiave è di per se unica e irripetibile tanto la chiave artigianale che quella fabbricata industrialmente si diversificano da ogni altra per una precisa ragione di ordine tecnico che sta alla base del loro concetto una e una sola chiave deve in teoria poter aprire un determinato congegno.una chiave si compone di varie parti che talora si articolano in modo da farla apparire come un oggetto animato quasi fosse dotata di un corpo una testa degli arti in casi particolari le chiavi vengono concepite e poi realizzate come capolavori da artigiani che le costruiscono con i pochi strumenti a loro disposizione essi sembrano cosi sfidare la durezza della materia metallica per ottenere le forme desiderate le chiavi e non solo le più importanti hanno spesso richiesto ai loro artefici la dimostrazione di una specifica abilità manuale e in generale sono state insieme alle serrature i manufatti in ferro di maggiore difficoltà esecutiva 2

[close]

p. 3

con l età moderna la costruzione delle chiavi si qualifica come disciplina ben precisa e distinta dalle altre e attraverso la loro osservazione si può capire l ambito sociale la cultura e la realtà socioeconomica del periodo e della regione in cui è nata in questo una chiave è molto più utile di tanti capolavori artistici universalmente riconosciuto e dimostra una volta di più il suo profondo legame con l uomo per quanto ci e dato sapere sino a oggi furono i sumeri e gli antichi egiziani a creare i primi sistemi di chiusura oggi conosciuti come serrature solo 5000 anni fa tali oggetti furono dotati appunto di mezzi meccanici che ne permettevano sia l apertura che la chiusura effettivamente le prime chiavi erano in legno intagliato e sicuramente oggi sorridiamo nel vedere un oggetto simile ,dotato di pochissima funzionalità e comodità d uso e soggetto a usura in breve tempo ma bisogna sempre leggere la storia di un oggetto partendo dal principio fondamentale ovvero ponendosi una domanda che strumenti possedevano le antiche civiltà per realizzare tale oggetto e a pensarci su ci si rende conto che 5000 anni fa i metalli erano scarsi e utilizzati per scopi prettamente bellici punte di frecce e le prime rudimentali spade fu con l avvento dell era del bronzo che si comincia a reperire una discreta quantità di materia prima e si cominciano a rinvenire le prime chiavi realizzate in bronzo fuso ma la fortuna di un oggetto è dettato da molteplici fattori la rarità iniziale la simbologia di tale oggetto la diffusione fra le alte caste di potere ecc si perché la chiave nella storia oltre ad avere una funzionalità intrinseca ,di proteggere i proprietari nella sacralità delle case finalità ultima di tale oggetto utilizzato anche oggi per tale scopo assunse molto presto un significato mistico per molti popoli ma cominciamo dai primi inventori gli antichi egizi in moltissime raffigurazioni si nota il faraone che tiene in mano l ankh chiave della vita molte divinità di quel tempo erano raffigurate con la suddetta chiave che simboleggiava la rinascita e buona sorte 3

[close]

p. 4

molti sorrideranno nel leggere che come segno di rinascita e di potere era uso raffigurare un oggetto oggi considerato comune ma volano i secoli e cambiano le popolazioni ma alcuni oggetti restano patrimonio comune dell umanità e pochissimi oggetti come le serrature e le relativi chiavi possono vantare tale condizione ma sfogliando lo scorrere del tempo si amo giunti all epoca dell impero romano e qui troviamo le chiavi realizzate sia in bronzo che in ferro materiale estremamente ricercato per usi bellici e di difficile lavorazione visto l alta temperatura necessaria per la sua fusione ma le chiavi sono sempre più utilizzate dalla nobiltà e dalle alte cariche politiche di quei lontani tempi ma non bisogna trascurare il simbolismo acquisito nei secoli dalla chiave viene rappresentata dalle varie popolazioni come simbolo di comando e come oggetto atto ad aprire menti elette alla conoscenza .personalmente mi considero uno dei pochissimi fortunati che a la possibilità di svolgere una professione che amo profondamente e che mi permettere di mettere le mani su capolavori di altri tempi oggi compresi da pochi e sostituiti con chiave e serrature dozzinali e di produzione industriale che sicuramente sono dotati di chiavi moderne comodissime di pochissimo ingombro e di facile trasporto ma volete mettere il fascino della storia la bellezza di una serratura realizzata con pochissimi mezzi ma con assoluta maestria da impagabili artigiani che della conoscenza e della professionalità an fatto la loro ragione di vita io nel mio operato in tutti questi anni di svolgimento della mia attività ho restaurato e cercato di mantenere per i posteri le serrature antiche da me reperite nelle migliori condizioni e tantissime sono state riportate agli antichi splendori e fan parte della mia collezione privata e chiaramente resteranno quale patrimonio storico per chiunque voglia ammirare veri e impagabili capolavori di autentici maestri serraturieri l uso tanto accorto quanto riservato della chiave presso i romani diede origine alla frase metaforica sub clavi esse essere sotto chiave per indicare la segretezza di un affare 4

[close]

p. 5

fu solo con il rinascimento che si cominciarono a costruire serrature e chiavi sempre più elaborate e ci si sbizzarrì a complicarle con fantasiosi disegni ornamentali come è ben testimoniato dalla raccolta esistente al museo civico di milano nel castello sforzesco si promulgarono inoltre leggi che prevedevano pesanti multe et altre pene corporali per quei fabbri che avessero osato modellare due chiavi identiche una curiosità esisteva una serratura rinascimentale il cui sistema di sicurezza era più che insolito conteneva infatti degli stiletti metallici affilatissimi caricati con delle molle nel caso un ladro avesse tentato di introdurre una chiave falsa sarebbe stato investito da questi minuscoli pugnali con le conseguenze che è facile immaginare in questa eterna battaglia fra guardie e ladri il primato dell invenzione della serratura moderna va ad un fabbro inglese certo robert barron nel 1778 fino allora ogni serratura economica o costosa poteva essere aperta da chiunque possedesse un minimo di abilità usando con destrezza un semplice grimaldello appena 6 anni dopo nel 1784 joseph bramah figlio di un agricoltore dello yorkshire e geniale inventore nel campo dell idraulica e della meccanica trasferitosi a londra in cerca di fortuna brevettò una serratura semplice e sicura nella quale i meccanismi interni si allineavano all atto dell inserimento della chiave consentendo la rotazione del meccanismo di scorrimento del chiavistello questo sistema è tuttora alla base di vari tipi di serrature di sicurezza bramah dichiarò che la sua serratura di forma cilindrica consentiva 494 milioni di possibili combinazioni diverse nella profondità e localizzazione degli intagli di codifica era così sicuro dell inviolabilità della sua invenzione da offrire un premio di 200 ghinee una somma notevole per l epoca a chi fosse riuscito ad aprirla con una chiave falsa o con un grimaldello 5

[close]

p. 6

la discreta somma di denaro rimase ben custodita nelle tasche del proprietario fino al 1851 quando un serraturiere americano alfred charles hobbs con mano di velluto e tanta pazienza in 51 ore di tentativi distribuiti nell arco di un mese ne venne a capo l inattaccabilità della serratura tramite grimaldelli da sempre sogno di ogni fabbricante specialista di questo ramo sembrò concretizzarsi per la prima volta nel 1829 quando all ombra della tour eiffel monsieur fichet brevettò la sua serratura di sicurezza la sua creazione ebbe un successo così travolgente che il laboratorio fichet ingranditosi in breve tempo in officina arrivò a contare ben 40 operai un numero mai visto per quell epoca ora volando nei secoli si riscontrano incredibili situazioni o eventi legati alle chiavi chi oggi stringendo in pugno l immancabile mazzo di chiavi che ci accompagna per tutta la vita pensa che il simbolo delle chiavi e e resta tuttora utilizzato per modi a dir poco incredibili sapete quanti stendardi nobiliari e quante bandiere ancora oggi inseriscono le chiavi nelle attuali bandiere ebbene non stupitevi ma sono veramente moltissime e credo di non fare torto a nessuno stato se cito solo quello che a mio avviso e per noi europei sicuramente il piu prestigioso e quello a cui per motivi patriottici e religiosi siamo più legati lo stato pontificio difatti è prerogativa dei papi di questi ultimi mille anni di disegnare il gonfalone papalino che come prerogativa saliente reca sempre inserite le chiavi incrociate 6

[close]

p. 7

nelle pagine a seguire vorrei che prestaste ancora un pò del vostro tempo e della vostra attenzione per poter ammirare le immagini di quanto realizzato con pochi materiali scarse attrezzature ma con impareggiabile abilità vorrei che capiste che attualmente tutto e progettato da ingegneri architetti desainer con l immancabile ausilio del computer ma a quei tempi i computer scarseggiavano leggermente ma sin da tenerissima età molti giovani apprendisti lavoravano nelle botteghe dei fabbri e con il passare del tempo i giovani diventavano maestri serraturieri e ogni generazione apportava sempre qualche miglioria al fine di rendere sempre più belle e sempre più funzionali ma come tutte le belle storie vi e anche un finale e questo finale è assai triste con l avvento dell era industriale molte lavorazioni si meccanizzarono ponendo la parola fine alle vere serrature realizzate manualmente da artigiani alla fine degli anni 1920 visto che con l avvento della prima guerra mondiale molte officine dedite alla lavorazione delle serrature furono convertite nel periodo bellico alla costruzione i armamenti e molte furono fatte bersaglio preferito dalle truppe nemiche al fine di distruggere macchinari che servivano alla realizzazione delle armi se decidete di dedicarmi ancora un pò del vostro tempo sono sicuro che apprezzerete l altra mia passione che per non svelarvi di cosa si tratta vi rimando al capitolo inerente alla lavorazione dell acciaio damasco sono certo di anticiparvi che resterete molto soddisfatti di avermi dedicato il vostro tempo e di ciò vi sono estremamente grato visto che ogni persona che si appassiona sia pure per diletto al salvataggio delle opere d arte di qualunque campo siano è il benvenuto perché a mio avviso siamo di passaggio in questo mondo sia per lasciare una traccia del nostro passaggio ai posteri senza dimenticare che distruggere il passato e una mancanza di spirito e di intelletto imperdonabile realizzato da mauro cresta via broni 1/5 torino 7

[close]

Comments

no comments yet