Il Giornale Comunista, n.2

 

Embed or link this publication

Description

Il Giornale di Comunisti Uniti, numero dell'8 Agosto 2010

Popular Pages


p. 1

www.comunistiuniti.it dopo sedici anni si spezza l idillio tra l ex fascista fini nel frattempo camuffatosi da difensore sic della costituzione partigiana e berlusconi il padrone dei padroni il centrodestra borghese é in affanno quello di centrosinistra pure intanto riemerge la massoneria mentre la crisi del capitalismo continua a picchiare e le masse popolari che stanno sempre peggio vengono strette in una morsa reazionaria le comuniste ed i comunisti potrebbero approfittarne ma non dispongono di quell avanguardia politica capace di orientarne tutti gli sforzi ora più che mai serve adoperarsi per costruire un unico e grande partito comunista editoriale a pagina 14 comunisti uniti il giornale 8 agosto 2010 hoffman ryan costello santana israele addio contro la politica sionista dello stato di israele in tutto il mondo iniziano a mobilitarsi sempre più artisti mentre in italia ci sono occasioni in cui avere semplicemente il proprio nome inserito in un programma di concerti può essere interpretato come un atto politico che risuona più di tutto quello che può essere cantato e si può presumere che non si abbia memoria della sofferenza degli innocenti queste parole sono di elvis costello grandissimo musicista inglese uno dei più talentuosi sulla scena mondiale da circa trentacinque anni che ci spiega perché si debba boicottare lo stato sionista di israele e come si cancellano due tappe di un tour mondiale programmate all anfiteatro di pagina 6 caesarea comunisti uniti ora 8 agosto 1956 la strage dei minatori di marcinelle ricorre oggi l anniversario di una delle giornate più nere della storia dell operaismo minatori uccisi dai padroni per due quintali di carbone al giorno l 8 di agosto del 1956 nella miniera di marcinelle in belgio morivano arsi dal fuoco 265 uomini di cui 136 erano emigranti italiani questa data dal 2001 è diventata il simbolo e il ricordo di tutti gli italiani emigrati all estero per lavorare pagina 7 fulmini a ciel sereno solo chiamparino può salvare il pd massimo cacciari filosofo qualifica professionale sì ma vale solo nella tua regione nel grande guazzabuglio che oggi caratterizza la scuola italiana c é una questione oggettivamente rilevante che rischia invece di passare quasi sottotraccia è quella del futuro degli istituti professionali e soprattutto delle nuove qualifiche triennali pagina 8 una delle tante manifestazioni contro la tav torino-lione tra gli sponsor politici il sindaco pd sergio chiamparino nella foto attivista tenta con ogni mezzo di far ragionare le forze dell ordine borghese

[close]

p. 2

comunisti uniti il giornale 2 usa e israele giocano alla guerra e fanno strage di civili schiacciando un joystick philip allston relatore speciale onu per le esecuzioni extragiudiziarie in altri termini uno che si preoccupa di sgridare i criminali di guerra più incalliti negli ultimi due mesi ha ripetutamente chiesto agli stati uniti di smetterla sia con la guerra al terrorismo [il virgolettato é nostro ndr sia con le uccisioni mirate della cia a mezzo droni giocattoli militari predator e reaper i più conosciuti telecomandati da una base del nevada e capaci di bombardare da 7000 metri di altezza perché sostanzialmente si sta violando il diritto internazionale e qualche carta sparsa dei diritti dell uomo secondo il sito long war journal [¹ nel 2009 il primo anno di presidenza usa targata barak obama i droni hanno colpito il territorio pakistano 53 volte un numero superiore rispetto ai 36 attacchi dell ultimo anno di george w bush assassinando almeno 500 civili affermazioni diplomatiche e dati statistici che però a washington dove il pragmatismo l ha sempre fatta da padrone lasciano del tutto indifferenti sebbene una squadra di azzeccagarbugli di obama partendo dalle leggi post-11settembre lasciate in eredità da g w bush sia comunque già al lavoro per screditare le accuse più o meno dello stesso tenore é stata l esortazione che allston ha mosso ad israele i cui droni vengono maneggiati via joystick da giovani soldatesse di età compresa tra i 19 e 20 anni il rischio secondo il diplomatico é che per colpire il nemico in questo caso il palestinese inerme si alimenti una mentalità da playstation ma se l assassinio comodo è lo scopo finale dell applicazione di questa nuova tecnologia al servizio degli imperialismi usa e israeliano le motivazioni che sottendono il suo utilizzo ormai molteplice sono però diverse per i primi la chiusura di guantanamo comporta l impossibilità a gestire i prigionieri nemici non sapendo dove metterli per torturarli si preferisce eliminarli per i secondi il dato di fatto che la popolazione israeliana é sempre meno disposta a sacrificare la vita per una missione per intenderci una sorta di calo dell amor patrio sionista ha provocato un ripensamento della strategia di aggressione nei confronti del popolo palestinese ma perché tel aviv preferisce addestrare alla guida dronica esclusivamente giovani soldatesse secondo le dichiarazioni rilasciate al giornalista inglese jonathan cook [2 da shlomo brom un generale israeliano in pensione che ora di mestiere fa l analista militare per la difesa le giovani reclute vengono preferite sia perché é difficile trovare soldati per le unità di combattimento terrestri sia perché in questo modo si possono svolgere delle missioni [militari ndr senza che si rompa il tabù sociale di mettere a repentaglio la loro vita del resto il compito da eseguire é facile-facile in codice mirare e colpire se una o un palestinese si avvicina troppo al filo spinato con cui i sionisti hanno impacchettato gaza il superiore ordina alla soldatessa di seguirlo con il drone a mezzo joystick inquadrarlo e sopprimerlo nulla di più divertente probabilmente qualche soldatessa già la preferisce alla playstation f.f [1]http www.longwarjournal.org [2]http www.planetenonviolence.org/soldates-israeliennes-seules-femmes-au-monde-atuer-a-distance-nanoflight-developpe-une-nouvelle-arme-secrete_a2236.html la strage dei droni raggiunto al telefono da radio italia dell irib il direttore e fondatore di emergency spiega il perchè dell odio del governo usa nei confronti della sua organizzazione umanitaria così come affiora dai documenti trapelati attraverso il dossier di wikileaks nel dossier pubblicato da wikileaks sulla guerra in afghanistan l organizzazione non governativa emergency è stata definita un organizzazione insopportabile agli stati uniti perchè bisognerebbe chiederlo a loro perchè ritengono emergency insopportabile forse si capisce meglio se si vede quello che è emerso da documenti come wikileaks e soprattutto quali siano state le reazioni gli stati uniti non hanno certo negato quei documenti erano documenti loro però sono indignati che è una cosa molto singolare di fatto c é chi va in giro ad ammazzare e si indigna che un altro lo dica in qualche modo emergency sono anni che scrive e pubblica le storie dei feriti e dei civili di guerra e sono anni che fa notare che in afghanistan come in altri posti i civili sono il 90 o il 95 delle vittime e questo probabilmente è intollerabile per gli stati uniti che ci tengono invece a far passare l idea che loro stanno combattendo il terrorismo che stanno combattendo il grande mostro poi in realtà quando il terrorismo è un bambino di sei anni risulta difficile all opinione pubblica se informata pensare che quello sia un terribile talebano che sta minacciando la sicurezza del pianeta sembra che in questa vicenda dell arresto dei tre operatori di emergency e della chiusura dell ospedale il comportamento o per meglio dire la reazione del governo italiano non sia stata un granchè vede coinvolta anche l italia in tutto questo spero proprio che l italia non sia coinvolta quando il 10 aprile è successa questa cosa nell ospedale di emergency [l ospedale nel frattemo é stato riaperto ndr erano presenti i militari inglesi e di solito tra alleati si comunica insomma ma siccome il nostro governo a livello internazionale conta come il due di picche quando la briscola è a fiori allora non hanno pensato neanche di informarli tenendo conto del fatto che nei documenti riservati della difesa usa pubblicati da wikileaks si apprende che molti esplosivi sono ricavati da mine anticarro di produzione italiana e considerando il ferimento di militari italiani causato da queste mine si può dire che la guerra è come un boomerang sì mi pare appropriato la guerra per definizione è l assenza di regole si decide a un certo punto che si ammazza e quando si ammazza non si sta a guardare per il sottile modi e forme il modo di vedere le armi è il problema di questo pianeta però la guerra è proprio così e molto spesso la guerra è un boomerang basti pensare che la guerra in afghanistan è cominciata nel 2001 per sconfiggere i talebani e adesso siamo nel 2010 e tutti dicono che i talebani nonostante 200 mila uomini superequipaggiati e nonostante gli stati uniti abbiano speso nel solo mese di febbraio di quest anno 5.7 miliardi di dollari per la guerra in afghanistan stanno vincendo che i talebani di fatto controllano il 70-80 del territorio piu boomerang di cosi gino strada per gli usa emergency era insopportabile in quanto diceva e vedeva le verità della guerra

[close]

p. 3

comunisti uniti il giornale 3 6 e 9 agosto 1945 gli usa spazzano via hiroshima e nagasaki con due bombe atomiche in queste giornate rischiano di cadere in silenzio due date che rievocano un immane tragedia per l intera umanità mi riferisco al 6 e 9 agosto del 1945 quando gli americani lanciarono le bombe atomiche su hiroshima e nagasaki che furono annientate solo nei mesi immediatamente successivi alla deflagrazione i morti furono oltre 200 mila secondo stime attendibili fino ad oggi le vittime accertate sarebbero oltre 350 mila a causa soprattutto delle affezioni tumorali prodotte dalle radiazioni quelle dell agosto 1945 sono state le uniche volte in cui sono state impiegate armi nucleari in un conflitto bellico contro popolazioni civili sterminando intere generazioni e annichilendo intere città bisogna ricordare che la paternità storica di tali crimini commessi contro l umanità rimasti tuttavia impuniti va ascritta agli stati uniti d america che non hanno esitato un momento ad usare armi di distruzione di massa per vincere la guerra in particolare occorre riflettere sulla seconda bomba sganciata su nagasaki secondo molti storici si è trattato di un atto terroristico evitabile eppure è stato ugualmente eseguito per due ragioni fondamentali la prima più che altro un alibi tecnico-scientifico era che la bomba su nagasaki essendo composta di plutonio e non di uranio arricchito come quella su hiroshima aveva bisogno di essere sperimentata tale ragionamento è semplicemente cinico il secondo motivo era di ordine strategico-politico in quanto la seconda bomba era inutile per vincere la guerra contro il giappone un paese stremato ridotto alla mercè dei vincitori per cui apparve subito evidente il vero scopo della seconda esplosione un gesto scellerato compiuto in funzione antisovietica in tal senso le bombe lanciate su hiroshima e nagasaki pur essendo le ultime della seconda guerra mondiale furono considerate come le prime della guerra fredda insomma si trattava di una scelta ben precisa un chiaro segnale intimidatorio teso a far capire ai sovietici e al mondo intero chi erano i nuovi padroni negli anni successivi al `45 le armi atomiche furono adottate dalle principali potenze l urss l ottenne nel 1949 grazie alla decisione di alcuni scienziati che avevano concorso alla creazione della bomba h per il governo nordamericano al fine di ristabilire un giusto equilibrio tra le parti avverse la gran bretagna nel 1952 la francia nel 1960 la cina nel 1964 in questo periodo segnato da una prima proliferazione degli arsenali atomici si generò un clima di guerra fredda nel quale i due blocchi politico-militari contrapposti la nato tuttora esistente e il patto di varsavia che ruotava intorno all unione sovietica erano coscienti di annientarsi vicendevolmente con il solo impiego delle armi atomiche questa era la teoria della distruzione mutua assicurata alla base del cosiddetto equilibrio del terrore la strategia della deterrenza che in qualche occasione riuscì a scongiurare il rischio di un conflitto termonucleare totale tale equilibrio benché utile deterrente sul piano strategico tuttavia non impedì un enorme proliferazione degli arsenali atomici sia ad ovest che ad est al contrario le armi nucleari divennero più numerose ma soprattutto più sofisticate quindi più potenti al punto che confrontate con quelle successive le bombe gettate su hiroshima e nagasaki apparivano come giocattoli eppure la situazione odierna è più pericolosa di quella descritta relativamente al periodo della guerra fredda attualmente gli stati che dichiarano di possedere armi nucleari e fanno ufficialmente parte del cosiddetto club dell atomo sono esattamente otto stati uniti d america russia cina regno unito francia india pakistan e israele ripeto israele invece gli unici paesi al mondo che hanno pubblicamente e intenzionalmente rinunciato a programmi di riarmo nucleare sono il sudafrica probabilmente il brasile e alcune repubbliche dell ex unione sovietica cioè ucraina bielorussia e kazakistan inoltre la possibilità non solo teorica che alcune armi atomiche come le cosiddette bombe sporche che non costano come le armi atomiche e non esigono particolari competenze scientifiche se non quelle alquanto diffuse che servono a costruire una bomba tradizionale possano cadere nelle mani di gruppi terroristici al soldo dei servizi segreti delle varie potenze usa e israele sono in cima alla lista per la loro spregiudicatezza può forse offrire una vaga idea dell elevata pericolosità dell odierna situazione internazionale avvolta in quella che convenzionalmente è definita la spirale guerra-terrorismo segnata da tensioni e contraddizioni aggravate dalla politica della cosiddetta guerra globale preventiva che di fatto alimenta le spinte oltranziste in ogni angolo della terra per questo non di spirale si tratta ma di mostri gemellari partoriti dallo stesso apparato di distruzione e oppressione l imperialismo usa l odierna situazione planetaria è dunque più insidiosa del passato soprattutto dopo il crollo del muro di berlino del 1989 e dopo il disfacimento dell unione sovietica ma soprattutto dopo l 11 settembre 2001 quando sono state rilanciate la ricerca e la produzione di nuove generazioni di bombe nucleari più piccole e facili da utilizzare nonostante ciò la consapevolezza del pericolo rappresentato dagli arsenali atomici da parte dell opinione pubblica mondiale si trova ad un livello più basso rispetto agli anni della guerra fredda oggi assistiamo ad un insidioso rilancio della ricerca nucleare per fini militari che vede un coinvolgimento crescente anche dell italia basti pensare che all aeroporto militare di ghedi brescia e nella base americana di aviano sono pronte almeno 90 testate nucleari per capire l estrema pericolosità derivante dall odierno scenario internazionale rammento continua a pagina 6

[close]

p. 4

comunisti uniti il giornale 4 serbia un paradiso al servizio dei padroni tanto si è parlato della serbia e della fiat in questi giorni complici i fatti accaduti a pomigliano e le dichiarazioni di marchionne amministratore delegato della multinazionale torinese in merito alla decisione di trasportare a kraguievaz la produzione della nuova monovolume della casa automobilistica la io grande felicità in serbia dove si è disposti a molti compromessi per incentivare l ingresso di valuta l imprenditoria e lo sviluppo industriale del paese che ancora non è uscito dalla gravissima crisi dovuta alla guerra nei balcani una guerra che ha portato gli usa e le nazioni del il futuro delle operaie e degli operai fiat secondo la dottrina berlusconimarchionne-marcegaglia ovvero padroni-ladroni fuori dai coglioni civile occidente prima a bombardare le industrie serbe e poi ad offrire loro un aiuto per la ricostruzione naturalmente in cambio di incentivi monetari ma in pratica quali saranno gli incentivi che il gruppo torinese incasserà gratis dice sanda raskovic-ivic [¹ ambasciatrice di serbia in italia che la fiat otterrà niente tasse per 10 anni 12 milioni di euro 12.000.000 più un regalo come finanziamento a fondo perduto cash pronto-cassa che va dai 2.500 ai 10mila euro a seconda della qualifica per ogni lavoratrice o lavoratore serbo assunto un risparmio netto di almeno 1000 euro pro capite rispettoai salari delle operaie e degli operai italiani in quanto il salario pagato a ciascun operaia e operaio serbo qualificato è di 400 euro in pratica fiat otterrà una riduzione dei costi variabili e quindi un incremento del suo profitto pari a 2.400.000 euro al mese vantaggio competitivo in russia rappresentato dall intesa tra i due paesi per cui la merce prodotta per almeno il suo 51 in serbia e che abbia quindi l etichetta made in serbia può essere esportata nella federazione russa con una aggravio di tassa pari ad appena l 1 l accordo per ora è valido solo per i componenti di una qualunque merce ma la serbia conta di potenziarlo alle affermazioni dell ambasciatrice di serbia bisogna poi aggiungere quanto in questi giorni si è saputo dai diversi giornali nazionali e cioè che per l investimento alla zastava arriveranno a sostegno di marchionne anche a 250 milioni di euro dati dal governo serbo proprietario per il 33 della zastava b 400 milioni da un prestito della banca europea d investimento[² e qui si apre un piccolo giallo sembra infatti che il finanziamento per la fabbrica di kraguievac chiesto un anno e mezzo fa non sia stato ancora ottenuto ma allora da dove vengono quei 400 milioni di euro che marchionne sostiene essere finanziamento a fiat aspettando una risposta alla domanda non si può non far notare che già nel 2009 e per la stessa somma di 400 milioni di euro bei ha finanziato fiat[3 nell ambito del piano bei european clean transport facility concepito per ridurre le emissioni di co2 sarebbe interessante conoscere da fiat anche gli sviluppi tecnico-operativi di quella sovvenzione c un area di 67 ettari dotata di moderne infrastrutture per la logistica concessi gratuitamente dal comune di kragujevac all indotto il comune ha già ultimato 10 nuovi chilometri per il collegamento con l autostrada ed entro la fine del 2011 ne completerà altri 15 per i quali ci sono già i progetti e i fondi fino ad ora quindi verranno dati tanti tanti soldi ai padroni cosa verrà dato ai lavoratori di kraaguievc le apettative nella zona serba sono molte anche continua alla pagina successiva

[close]

p. 5

comunisti uniti il giornale 5 [1]http www.ilsole24ore.com/art/notizie/2010-07-24/limpianto-risortobombe-nato-092926.shtml?uuid=aytifiac [2 la bei banca europea d investimento creata nel 1958 con il trattato di roma ha come missione il favorire la realizzazione degli obiettivi dell unione europea accordando dei finanziamenti a lungo termine a favore degli investimenti praticabili i suoi azionisti sono gli stati membri dell ue di cui i ministri delle finanze costituiscono il consiglio di amministrazione [3]http www.eib.org/projects/press/2009/2009-110-italia-firmato-ilprestito-a-fiat-per-400-milioni.htm?lang en si legge nel sito questo investimento è destinato a sostenere i progetti di ricerca e sviluppo del gruppio automobilistico italiano e si inserisce nel contesto del meccanismo europeo per i trasporti non inquinanati il programma della bei è destinato ai costruttori che mettono in opera degli investimenti volti a ridurre le emissioni di carbonio e all accrescimento dell efficacia energetica se ripetiamolo già si sa che un operaia ovvero operaio specializzato percepirà un salario di circa 350/400 euro di cui solo 160 saranno elargite dal gruppo torinese il resto di 200/250 euro corrisposto dal governo serbo quanto costa la spesa mensile di una famiglia di 3 persone a kraaguievac circa 500 euro un postino dipendente statale ha uno stipendio di circa 250/300 euro le pensioni sono ancora più basse e quando una persona viene ricoverata in ospedale spesso specie se deve sottoporsi ad un intervento deve acquistare le garze e le medicine necessarie un medico statale ha uno stipendio che è anch esso sui 300 euro e quindi per vivere deve lavorare privatamente le visite sono a pagamento le tasse non sono alte e riguardano le case e i terreni posseduti ma spesso la gente non ha i soldi per poterle pagare e quindi non pagando le tasse spesso non può usufruire delle prestazioni sanitarie statali se poi si hanno figlie e/o figli le cose si mettono male l istruzione è obbligatoria per 8 anni ma i libri i quaderni e tutto quello che serve per la scuola sono a pagamento perchè lo stato ormai da molto tempo non ha più soldi per poter sopravvivere la gente si arrabatta e lavora dieci o dodici ore al giorno il tempo libero non c è e poi ci sono tanti evasori fiscali uno dei tanti regali che assieme alle bombe nato nel 1999 con la morte di tito e l avvento del libero mercato é stato fatto alla popolazione serba prima quando c era tito racconta una signora serba emigrata in italia era difficile che qualcuno non pagasse le tasse perchè c erano molti più controlli i libri per la scuola erano gratuiti e la sanità pubblica era per tutte e tutti intanto alla zastava le cose non vanno molto bene a tutt oggi la crisi si fa sentire e quest anno si sono prodotte a ritmo ridotto solo le auto che si vendono secondo alcuni dati dal 1 gennaio al 25 giugno 2010 sono state assemblate 8.500 auto secondo la jedinstvena sindikalna organizacija zastava la fabbrica è ferma e ci sono 4.500 auto invendute nel piazzale mentre i 1.060 lavoratori della fas fijat automobili srbije sono in cassa integrazione al 65 per cento del loro stipendio mettendo insieme tutte queste informazioni sorge spontanea una domanda forse che marchionne tremonti e berlusconi [consiglio di amministrazione bei ndr un imprenditore può trasferirsi dove gli conviene di più di trasformardo l italia come si sta facendo in serbia domanda retorica ovviamente lucia fano piano marchionne per fiat zastava vignetta di luciano il campione dell imprenditoria italiana amato a destra e a sinistra ha deciso di spostare alcune produzioni della fiat in serbia nello stabilimento della zastava marchionne per giustificare l operazione ha parlato dell arretratezza del sindacato italiano leggi fiom che userebbe ancora vecchi schemi ideologici vorremmo tanto sapere perché conflitto padroni operai ricchi e poveri sono concetti ideologici e vecchi mentre profitto produttività internazionalizzazione che ai primi sono legati invece sono imprescindibili la modernità di questi signori ricorda molto quella dei mercanti di schiavi fonte http digilander.libero.it/rinascitacividale/file%20sito/matita.htm

[close]

p. 6

comunisti uniti il giornale 6 hoffmann ryan costello santana israele continua dalla prima costello non é l unico ad aver deciso di troncare con israele dopo l inqualificabile aggressione di due mesi fa alla freedom flotilla flottiglia di imbarcazioni internazionali decisa a forzare il vergognoso embargo della striscia di gaza per portare aiuti umanitari ad una popolazione stremata come lui hanno fatto il chitarrista messicano carlos santana il cantautore statunitense devendra banhart i pixies rock band usa i klaxons gruppo punk inglese i gorillaz gruppo rock virtuale fatto cioé con i pupazzi creati sfruttando le più moderne tecnologie digitali ed il padre della spoken music da cui discende l attuale rap gil scott-heron poeta musicista ed attivista afroamericano in campo cinematografico è invece dustin hoffmann ebreo a non volerne più sapere di israele qualche settimana fa ha annunciato che avrebbe boicottato il festival del cinema di gerusalemme e come lui meg ryan la brava attrice di film come french kiss e insonnia d amore una buona parte dell establishment israeliano é orripilato all idea che qualcuna o qualcuno per giunta famoso ed influente sulle coscienze delle masse popolari possa boicottare il loro paese a tel aviv va avanti la solita cantilena dei filosionisti ma come si fa lo scambio culturale è alla base della conoscenza e della civiltà il boicottaggio di israele é un atto ignobile si esprimono più o meno così proprio loro quelli che hanno avallato umanamente boicottato milioni di uomini e donne condannandoli a dimenarsi in una lingua di terra chiamata gaza ora sbraitano per quello che considerano un affronto ingiustificato ed intollerabile purtroppo per loro un pezzo qualificato dell arte musicale e cinematografica non sembra voglioso di farsi abbindolare dalle chiacchiere doppie da salotto che fanno il paio ai colpi di mitra e alle bombe dei droni non considerando affatto l equidistanza una virtù esso si sbilancia a favore della palestina utilizzando a piene mani lo strumento del boicottaggio artistico questo in paesi come inghilterra e stati uniti e qui da noi in italia accade forse qualcosa di simile assolutamente no se si esclude la fetta dei gruppi musicali dichiaratamente rossi almeno per il momento é poco realistico che musicisti ed attori tendenzialmente di sinistra producano un boicottaggio dello stesso tipo i motivi sono arcinoti la sinistra italiana come si sa oggi é malata di pacifismo fratello gemello della paura di essere etichettati come antisemiti accusa ignobile e peraltro del tutto priva di logica qualora si critichi l operato politico di un neofascista come netanyahu o di un moribondo come sharon mandante politico del massacro di sabra e chatila e per questo definito da sandro pertini responsabile che dovrebbe essere bandito dalla società quella stessa malattia che sorregge una verbosità politica e culturale stucchevole basata sull ipotesi storicamente fallimentare dei due stati per due popoli quando invece ci sarebbe bisogno di un unico stato laico e socialista di palestina dove ebrei cristiani e musulmani possano convivere in pace e sul mito del no alla guerra senza se e senza ma come se bastassero gli auspici per mettere fine alle occupazioni imperialiste magari fosse così facile nell attesa che anche in italia i 6 e 9 agosto 1945 gli usa spazzano via hiroshima e nagasaki con due bombe continua da pagina 3 atomiche alcuni episodi del 2002 quando india e pakistan che già nel 1998 avevano condotto alcuni test nucleari si trovarono sull orlo di un conflitto per il controllo del kashmir una terra situata al confine tra i due stati famosa per un tessuto morbido e leggero di lana omonima ricavata da una particolare razza di capre che vive nella regione una pericolosa contesa che avrebbe potuto condurre ad uno scontro militare e al ricorso ad armi nucleari oggi esistono alcune micro potenze regionali quali la stessa israele che detengono arsenali atomici micidiali e assumono atteggiamenti ostili e belligeranti verso gli stati confinanti e nessuno osa denunciare tale situazione anzi chi si azzarda in tal senso viene tacciato di antisemitismo oggi più che nel passato questa perversa logica machiavellica del fine che giustifica i mezzi non può e non deve essere tollerata ma va respinta con fermezza e in modo definitivo pena l annientamento dell umanità e di quasi ogni forma di vita sul nostro pianeta le cause delle guerre siano esse convenzionali o meno sono fondamentalmente le stesse il possesso e il controllo della terra dell acqua del petrolio o di altre preziose materie prime lo sfruttamento dell uomo e della natura l oppressione di un popolo da parte di un altro popolo cioè di una classe sociale da parte di un altra classe queste sono le ragioni primarie che possono scatenare un conflitto bellico il fatto poi che alla guerra condotta con armi convenzionali si sostituisca la guerra termonucleare non cambia e non toglie assolutamente nulla alle cause al carattere e al significato di classe della guerra medesima tuttavia la differenza più evidente tra guerre tradizionali e guerra nucleare sta nel fatto che le armi atomiche sono strumenti di distruzione totale un dettaglio che non è certo trascurabile per cui non va sottovalutato dunque concludo con un appello che per quanto possa apparire ingenuo e utopistico esprime un istanza diffusa tra la gente comune implica un presupposto di estrema importanza e contiene una proposta indispensabile alla salvezza del genere umano e delle altre specie viventi sulla terra bandiamo le armi nucleari bandiamo tutte le armi bandiamo la guerra e l imperialismo dalla nostra esistenza lucio garofalo grandi musicisti ovvero attrici ed attori popolari e più in generale gli uomini delle arti dello sport e dello spettacolo in generale inizino seriamente a pensare che l equidistanza tra israeliani e palestinesi non faccia affatto gli interessi dei secondi gli oppressi si fa notare come sia estremamente salutare iniziare noi a boicottare artisticamente chi a boicottare israele non ci pensa proprio francesco fumarola perfino durante i feroci bombardamenti di piombo fuso é stato possibile contare sulle dita di una mano gli artisti di fama che hanno avuto il coraggio di denunciare il massacro fra questi pochi vogliamo ricordare francesco guccini che in un concerto a roma dedic a gaza una delle sue canzoni più belle aushwitz e roger waters leader storico dei pink floyd sostenitore della campagna internazionale contro il muro dell apartheid tratto da l olocausto di gaza germano monti ed ilmiolibro.it

[close]

p. 7

comunisti uniti il giornale 7 8 agosto 1956 la strage dei minatori di marcinelle gli emigranti erano arrivati in belgio alla fine della seconda guerra mondiale come merce di scambio braccia forti vendute a quel paese in cambio del carbone necessario alle industrie della loro madrepatria l italia era il 23 giugno del 46 quando de gasperi capo della democrazia cristiana firmò un accordo con il ministro belga van hacker che prevedeva l acquisto di carbone ad un prezzo di favore in cambio dell impegno italiano di mandare 50 mila uomini per il duro e pericolosissimo lavoro in miniera 2-3 quintali di carbone al mese per ogni uomo giovane e forte che il governo italiano avesse convinto ad emigrare non meno di duemila uomini a settimana centomila alla fine dell anno nell accordo erano previsti un corso di formazione e la garanzia di un alloggio tra il 46 e il 57 in belgio arrivarono 140 mila italiani firmato l accordo uomo-carbone nei comuni italiani iniziarono a comparire dei manifesti che informavano della possibilità di questo lavoro e in cui c era scritto che un franco belga equivaleva a 12 lire italiane tutti i minatori in partenza dovevano confluire a milano dove i medici avrebbero fatto dei controlli di tipo militare molti provenivano dalla calabria alla ricerca di una vita migliore il viaggio in treno verso il belgio durava tre giorni e tre notti non c erano vagoni degni di tale nome né servizi igienici arrivati a a charleroi gli uomini venivano portati in una caserma con dei camion dove spesso rimanevano in piedi per molte ore in attesa di entrare in uno stanzone della caserma di gendarmeria per essere disinfettati uno per uno infine tornavano sui camion e portati agli alloggi le baracche che pochi anni prima erano stati dei lager tedeschi per i prigionieri sovietici e poi quando le sorti della guerra si capovolsero per gli stessi prigionieri tedeschi ora erano dei volontari italiani a occuparle oltre alle baracche vennero utilizzate anche delle cantine queste costavano circa 500 franchi alla settimana la giornata degli operai era divisa in tre fasi la mattina era dedicata allo scavo del carbone il dopopranzo all armamento delle gallerie e la notte al trasporto del materiale lavoro massacrante senza tutele senza possibilità di ammalarsi l assistenza medica non era prevista senza la possibilità di andarsene pena il carcere dove si moriva di fame perchè il contratto prevedeva cinque anni di miniera con l obbligo di farne almeno uno chiunque avesse chiuso il contratto sarebbe stato arrestato continuò così per due anni il 30 aprile del 1948 finalmente vennero annullate le differenze tra gli operai italiani e quelli belgi il protocollo italo-belga firmato a bruxelles estendeva ai nostri lavoratori nel belgio il regime di assicurazione sociale previsto per i belgi stessi iniziarono ad arrivare nuovi minatori ma questa volta il numero era più esiguo e con la famiglia al seguito inizialmente la legge prevedeva che i figli dei minatori facessero i minatori si iniziava a 14 anni.nel 1953 200 minatori italiani erano stati uccisi dal grisù o da altri incidenti e lo stato italiano spinse quello belga ad aprire un inchiesta ma ormai il carbone iniziava a finire e nel 1956 il governo italiano cominciò a bloccare i convogli il belgio sopperì assumendo spagnoli e greci.nel frattempo la silicosi iniziò quella lenta e silenziosa strage che portò alla morte una media di 3000 minatori all anno per diversi anni la silicosi una malattia derivata dall inalazione delle polveri sottili della miniera che trasforma i polmoni in pietra silicio per l appunto e fa morire per asfissia venne riconosciuta come malattia professionale solo nella prima metà degli anni sessanta nel 1956 l 8 di agosto nel pozzo n 1 di marcinelle in funzione dal 1930 con una sola via di entrata e una di uscita e le strutture interne in legno scoppia un incendio causato da un malinteso tra gli addetti a sospingere i carrelli e i manovratori in superficie l addetto ai carrelli infatti comunicò un comando errato forse si espresse male perché conosceva pochissimo il francese l ascensore venne fatto risalire continua dalla prima velocemente e nel viaggio urtò una trave metallica che a sua volta danneggiò una tubatura carica di olio e i cavi elettrici di una ventola le scintille causate dall attrito infiammarono la miscela e l incendio spinto dalla corrente di ricircolo dell aria si propagò nelle gallerie bruciando tutte le strutture in legno scattarono i soccorsi ma le fiamme vennero domate solo il giorno dopo e solo il giorno dopo le squadre di soccorso poterono iniziare a cercare i superstiti le ricerche durarono 17 giorni e il loro risultato furono le tre parole che rimasero impresse nella storia dell emigrazione e dello sfruttamento sono tutti morti gli ultimi cadaveri vennero riportati in superficie nel marzo del 1957 era una geografia del disastro italiano abruzzo 60 puglia 22 marche 12 friuli 27 molise 7 sicilia 5 l 8 agosto del 1956 la tragedia della miniera di marcinelle grazie all intervento dei mezzi di comunicazione ebbe il merito innescare il meccanismo che portò alla definitiva conclusione dell emigrazione degli italiani verso le miniere del belgio che lo stato italiano dichiarò illegale anche perchè in quegli anni l industria italiana rafforzatasi stava uscendo dal periodo disastroso del dopoguerra ed era all inizio del grande boom economico dal 1947 al 1957 furono più di 600 i minatori morti in diverse sciagure nelle miniere del belgio e della germania nessuno pagò per la tragedia di marcinelle il 1 ottobre del 1959 il tribunale di charleroi emise un verdetto di assoluzione per gli amministratori e i direttori della miniera nessuno è responsabile della tragedia lucia fano dinamica della strage verso le 8.10 una gabbia si presenta al livello 975 del pozzo di aerazione ignorando che questa gabbia non è destinata a lui l addetto di turno decide di caricare i vagoncini pieni arrivati dai cantieri con gesto abitudinario carica un primo vagoncino che a causa di un freno difettoso é bloccato nella sua corsa dal carrello vuoto che avrebbe dovuto sospingere fuori dal compartimento prima di avere il tempo di sbloccare il meccanismo manualmente l ascensorista e il suo assistente vedono la gabbia mettersi bruscamente in moto e trascinare con sé i due vagoncini che sporgono una putrella del sistema di invio agganciata da uno dei due vagoncini trancia dei fili telefonici due cavi elettrici ad alta tensione la condotta sotto pressione della bilancia idraulica e le condotte dell aria compressa che alimentano gli utensili a pressione sul fonto il corto circuito appicca il fuoco ad 800 litri d olio polverizzato e alle parti in legno tutti morti!

[close]

p. 8

comunisti uniti il giornale 8 qualifica professionale sì ma vale solo nella tua regione continua dalla prima con i tagli alla scuola operati per mezzo della riforma pdl peraltro illegale secondo una sentenza del tar del lazio dall anno scolastico 2010-2011 gli istituti professionali non potranno più rilasciare il diploma di qualifica professionale al termine del terzo anno di studi e per il momento dal 2011 il diploma avrà valore solo regionale nel grande guazzabuglio che oggi caratterizza la scuola italiana c è una questione oggettivamente rilevante che rischia invece di passare quasi sottotraccia è quella del futuro degli istituti professionali e soprattutto delle nuove qualifiche triennali in molti abbiamo segnalato da tempo come l istruzione professionale fosse il punto più critico e più debole del riordino della scuola secondaria superiore dall anno scolastico 2010-2011 il rilascio delle qualifiche triennali è competenza delle regioni ciascuna delle quali deve emanare gli atti necessari e comunque decidere cosa e come fare le modalità quindi con le quali partirà il nuovo anno scolastico per l istruzione professionale rischiano di essere diverse da regione a regione piene di incognite e di quelli ferragostani per le qualifiche professionali triennali al quale destina oltre il 50 delle risorse complessivamente disponibili che non permette alle scuole statali benché accreditate di partecipare se non in associazione con una struttura formativa privata condizione non attuabile in questo periodo perchè i tempi oggettivi di una scuola sono lenti quindi di fatto avviene l esclusione almeno per quest anno della scuola pubblica dal sistema delle qualifiche professionali il segnale è preciso e preoccupante in pratica viene attuato il progetto di privatizzazione della conoscenza l azzeramento della scuola pubblica l azzeramento del principio del diritto/dovere per tutti allo studio e alla formazione principio basilare e contraddizioni la riduzione dei quadri orari e delle ore di laboratorio i tagli dell organico del personale docente e ata le scelte al buio delle famiglie in occasione delle iscrizioni completano un quadro di assoluta incertezza che ricade sulle giovani e sui giovani iscritti per l anno scolastico 2010-2011 alla prima classe degli istituti professionali dare attuazione ad un valido sistema regionale di istruzione e formazione professionale nella cornice unitaria di un sistema educativo nazionale in grado di innalzare i livelli formativi delle giovani e dei giovani non è operazione di poco conto é elemento fondamentale per l attuazione del principio del diritto/dovere all istruzione incide sul futuro e sulle prospettive di lavoro di queste e questi giovani richiede impegni importanti anche finanziari delle regioni altrimenti il rischio è quello di una riverniciata dei vecchi ed obsoleti modelli con l aggravante della copertura politica alla controriforma gelmini e allora accade come nella regione marche che in questi giorni ha emanato un bando inderogabile di una società civile senza risorse regionali adeguate e con le poche disponibili dirottate verso i privati è impossibile ad esempio garantire integrazioni adeguate delle ore laboratoriali e nelle materie professionalizzanti o formazione specifica per gli insegnanti di queste classi al contrario si sancisce il principio che lo studio è una merce a cui possono accedere solo coloro che hanno i soldi per comperarla ma non possiamo davvero permetterci che gli studenti e le studentesse degli istituti professionali vengano considerati figlie e figli di un dio minore É importante che gli amministratori locali regioni in primis non sostengano la ferma determinazione tremontiana di procedere comunque e in ogni caso ad un riordino dove i tagli costituiscono una priorità assoluta poiché la conseguenza è di dare una copertura politica ai ricatti sempre e comunque anche a scapito della qualità e del futuro non solo delle giovani e dei giovani ma anche della società tutta lucia fano

[close]

p. 9

comunisti uniti il giornale 9 la conflittualità è l unica via d uscita alla crisi intervista al direttivo fiom di trieste ai padroni che vogliono estendere il modello pomigliano in ogni azienda italiana la fiom risponde chiedendo alla cgil più conflittualità e alla sinistra di ritrovare una progettualità alternativa gravissimi gli atti che la fiat sta compiendo in questi giorni specie alla luce dell incontro che si è svolto a torino con le organizzazioni sindacali il giorno dopo il megagalattico incontro con le istituzioni e il governo che hanno avuto come esito l annuncio che anche confindustria ha fatto suo il piano marchionne/fiat con cui si deroga unilateralmente ai contratti nazionali del lavoro si discriminano le lavoratrici ed i lavoratori stravolgendo lo stesso diritto del lavoro nel nostro paese dichiarazioni che si leggono tra le righe dei comunicati della confindustria ma che le lavoratrici ed i lavoratori di tutta italia ormai conoscono bene in quanto ne vivono quotidianamente gli effetti sulla propria pelle su quanto sta accadendo alla fiat e di conseguenza come insegna la storia per ricaduta anche nelle altre industrie e aziende italiane abbiamo intervistato alcuni membri del direttivo provinciale della fiom di trieste in buona sostanza ci hanno confermato che quanto accade qui è identico a quello che accade ovunque in italia è stata avviata la deindustrializzazione del paese senza che vi siano piani di sviluppo alternativi una situazione che mette in evidenza come la politica non sia in grado e non voglia offrire alternative alla deregolamentazione del mercato segretario borini è corretto fare un parallelo con quanto successo nelle scorse elezioni per la vertenza alitalia non proprio quella è stata la prima avvisaglia di ciò che sta accadendo oggi in quell occasione si è portato il piano del confronto sull idea che se vuoi prendere qualcosa devi rinunciare perdere qualcosa e poi si è assistito alla disattesa degli accordi presi a cominciare dalla mancanza di assunzione di dipendenti per arrivare all eliminazione della tutela delle fasce deboli cercando di licenziare o licenziando punto le lavoratrici ed i lavoratori che usufruivano della legge per l invalidità o dei permessi di maternità si è inoltre aumentata la percentuale delle lavoratrici e dei lavoratori con contratti atipici ed infine gli italiani hanno dovuto pagare i debiti accumulati da anni di malgoverno dell azienda del lavoro azzerando i contratti nazionali come è accaduto al sincrotrone centro di ricerca di eccellenza che fino a poco tempo fa firmava contratti pubblici di lavoro ma che complici la uil e la cisl è passato lentamente a diventare un ente a riccardo zolia rsu fincantieri di pubblico che fa contratti privati trieste chiedo se vi sia stata una qualche ricaduta conseguente a il definitivo cambiamento di rotta del quanto accaduto a pomigliano sincrotrone ce lo spiega fabio barbo bhè più che di ricaduta forse è delegato sindacale alla sicurezza corretto parlare di intensificazione di della cgil presso la struttura azioni lesive dei diritti delle lavoratrici il cambiamento di contratto per i e dei lavoratori da parte delle aziende a lavoratori da pubblico a privato è stata cominciare dall attacco che ormai quasi una scelta unilaterale da parte tutti i padroni attuano contro i delegati dell ente/azienda questo ha portato al della fiom dai delegati licenziati di rafforzamento dei contratti precari termini imerese fino ad arrivare a introducendo di fatto il rapporto di quanto sta accadendo in lavoro a lungo termine e sovvertendo il fincantieri,dove sono stati denunciati codice civile in pratica un lavoratore 19 delegati fiom in liguria rei di aver viene assunto in tempi successivi con scioperato per la mancata successivi contratti di lavoro atipici corresponsione del premio di efficienza co.co.co a termine a progetto pattuito per non parlare del fatto che il ecc e lavora così per anni senza giorno dopo pomigliano alcun diritto e sotto costante ricatto l amministratore delegato bono ha questo tipo di assunzione a lungo comunicato che avrebbero esportato il termine è stata giustificata per via della modello fiat anche in fincantieri e crisi i padroni stanno facendo passare numerosi saranno le lavoratrici ed i l idea che per uscire dalla crisi sia lavoratori interni ed esterni che necessario ristrutturare il mercato del finiranno in cassa integrazione lavoro e questo viene fatto attraverso le assunzioni con contratti capestro e antonio saulle dopo pomigliano ci un idea che mette sul piatto i diritti siano state pressioni per applicare il dell uomo e li mercifica ciò avviene modello fiat nelle aziende anche grazie alla connivenza dei le pressioni da parte dei padroni ci politici dell informazione che è sono sempre state i padroni sono assolutamente di parte della mancanza sempre padroni anche quando non c è di pensiero critico con l applicazione crisi ma se passa questo modello di di questo modello contrattuale i struttura del lavoro e di contrattazione ricercatori vedono eliminato il loro peraltro illegale sicuramente futuro per i prossimi 30 anni aumenterà la pressione su lavoratrici e destinatari di questo contratto sono lavoratori si eliminerà l articolo 3 della persone che hanno 38 anni di media e costituzione aumenteranno i ritmi di alla luce dell aumento delle prospettive lavoro e si costringeranno le operaie e di vita li si costringe a dover accettare gli operai a lavorare di più e a percepire una serie di contratti che annullano le meno salario in questo momento i loro sicurezze e che provocano la padroni stanno cercando di mettere il dissoluzione dello stato sociale questo conflitto in un angolo vogliono ridurlo nuovo contratto che prevede la azzerarlo e per fare ciò si servono dei possibilità di allungare a 60 mesi i sindacati concertativi come la uil o la contratti atipici si può fare se le cisl o degli altri disposti a venire a segreterie dei sindacati danno il loro patti e con questi modificano le regole assenso al nuovo progetto di contratto

[close]

p. 10

comunisti uniti il giornale 10 privato al sincrotrone dopo il no della fiom i padroni si sono rivolti alla cisl che ha un iscritto e alla uil che ne ha qualcuno in più ed hanno ottenuto da loro quell assenso formalmente necessario alla sua applicazione l incontro con i dirigenti della fiom di trieste prevedeva anche un dibattito una risposta dei politici che però a parte il prc il pdci sel e grillo non c è stata anzi proprio quel partito che afferma di rappresentare i lavoratori e la sinistra il pd ha brillato per la sua latitanza presente all incontro con il direttivo della fiom di trieste anche erika chiedo ad antonio saulle quale sia e innendorfer delegata rsu della quale dovrebbe essere il rapporto tra system sensor di trieste erika è la politica e il lavoro visto che si è appena uscita da una vertenza durata parlato della latitanza della risposta due settimane che ha visto la politica a questo problema a partecipazione compatta delle cominciare dal pd che ha invitato le lavoratrici e dei lavoratori allo sciopero lavoratrici ed i lavoratori di indetto contro il tentativo di peggiorare pomigliano a firmare l accordo il contratto integrativo e contro le a trieste c è il caso della ferriera cui il sanzioni disciplinari che erano state comune e la regione hanno dato il prese nei confronti di alcuni lavoratori permesso di uscire dalla siderurgia e lotta che ha visto anche momenti di un processo iniziato nel 2001 e che tensione quando il comunicato della dovrebbe concludersi nel 2015 ad oggi fiom è stato criticato pesantemente però le politiche locali non sono state in dall azienda che ha subito cercato di grado di fare proposte alternative come imporre la linea per cui lo sciopero è è o dovrebbe essere il compito della uno strumento che non deve essere più politica se chiude la ferriera di usato alla faccia della costituzione servola non ci sarà possibilità per la vertenza si è conclusa lo trieste di recuperare in nessun modo sottolineiamo con la vittoria deille ed essa diventerà zona lavoratrici e de lavoratori e l azienda deindustrializzata mille persone ha dovuto fare marcia indietro perderanno il posto di lavoro senza erimangiandosi iò che aveva proposto possibilità di ricollocazione mentre già dimostrazione evidente che la 250 lavoratori non lavorano più da 19 conflittualità paga e che è necessario mesi contemporaneamente se non si allargare il fronte della mobilitazione cambia l accordo di pomigliano le lavoratrici ed i lavoratori saranno posti sotto ricatto per lavorare bisognerà accettare la mancanza di contratto cioè la mancanza di diritti e di rappresentanza e senza democrazia tutta la società sarà sotto scacco questo accadrà a trieste sta già accadendo e accadrà anche nel resto del paese a trieste il sindaco pdl ha rimandato a settembre una risposta che probabilmente non ci sarà la risposta di berlusconi e dei suoi ministri invece è stata di plauso per le scelte ed il modello fiat chiediamo al segretario borini una conclusione a quanto detto collegialmente la cgil deve sciogliere le riserve il nostro sindacato può contare su 5.000.000 di iscritti ed è necessario ritornare ad essere conflittuali ponendo bene in chiaro come non sia possibile derogare alle leggi e al contratto nazionale del lavoro l idea che se non si accettano le condizioni di marchionne fatte proprie da confindustria non si possa affrontare la nuova competitività porterà ad un arretramento del nostro sistema industriale É necessario che tutta la cgil ridiventi conflittuale ma è anche necessario che la politica quella di sinistra si muova proponendo un modello di sviluppo che salvaguardi i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori e non solo in occasione delle elezioni la sinistra deve ritrovare la sua progettualità alternativa [e rivoluzionaria aggiungiamo noi ndr lucia fano napoli 25 giugno comunisti uniti partecipa alla manifestazione di sostegno alla lotta delle operaie e degli operai fiat di pomigliano

[close]

p. 11

comunisti uniti il giornale 11 parco appennino lucano val d agri-lagonegrese tra petrolio inquinamento e tumori area protetta o area da sfruttare con grande disinvoltura in basilicata le compagnie petrolifere continuano a chiedere ed ottenere dalla regione a guida pd e con l appoggio di tutto l arco partitico di centrosinistra autorizzazioni per trivellare ulteriori pozzi di petrolio anche nell area protetta del parco appenino lucano val d agri-lagonegrese da quando é stato accertato che tutto il territorio galleggia su una massa enorme di oro nero le lobby economico-politiche bucano ovunque e non si arrestano nemmeno davanti agli ospedali da oltre un anno infatti eni s.p.a può scavare perfino a meno di 500 metri dal nosocomio di villa d agri facendosi forza di una bella concessione della giunta guidata da vito de filippo e invece del 1 giugno 2010 la pubblicazione di una delibera regionale [1 per mezzo della quale sempre eni s.p.a può incrementare lo sfruttamento del territorio lucano allestendo due nuovi pozzi petroliferi nei comuni di viggiano e calvello mentre ciò accade la diga del pertusillo ­ delle cui acque almeno il 65 finisce nei rubinetti di puglia fa gli onori di casa all alga rossa la cui presenza é tecnicamente sinonimo di inquinamento delle acque nei sedimenti é stata trovata traccia di idrocarburi policiclici aromatici prodotti indesiderati dell estrazione petrolifera secondo quanto dichiarato [² da giampiero d ecclesiis idrogeologo la situazione in cui verte la diga del pertusillo è emblematica di un rischio connesso alla presenza nelle vicinanze del centro olio eni s.p.a di viggiano inserito in un reticolo idrografico interamente esposto al rischio di inquinamento conseguente alle attività di ricerca e di coltivazione mineraria e fa venire i brividi il fatto che le indagini condotte da giuseppe di bello tenente della polizia provinciale di potenza per scoprire l origine della presenza di bario boro e coliformi fecali negli invasi del pertusillo della camastra e di monte cotugno abbia prodotto come risultato immediato la sospensione per due mesi del dipendente dall amministrazione provinciale intanto i casi di tumore allo stomaco aumento del 14,3 ai polmoni e al colon retto sono in crescita in tutta la basilicata che é già prima in italia per numero di asmatici e bronchiti croniche [³ i soliti esperti della regione difficilmente troveranno qualche giustificazione scientifica che attesti il legame tra inquinamento da petrolio e componente potenzialmente scatenante di un cancro o di un asma fatto sta però che oggi più che mai il problema sta diventando endemico e solleva più di qualche legittima preoccupazione tra le masse popolari del tutto indifese da un certo modo di intendere e fare politica nella regione nelle intenzioni dell ex ministro scajola però i lucani non dovrebbero farne poi un dramma per ogni automobilista lucano che china la testa allo sfruttamento del suo territorio é in arrivo un bel bonus annuo di 200 euro sulla benzina [4 sic vito de filippo il presidente dell innovazione che continua può forse ritenersi soddisfatto del lavoro svolto noi ovviamente no f.f [1 bollettino ufficiale regionale n 22 dell 1 giugno 2010 [2 http www.pietrodommarco.it/index.php/diga-del-pertusillo [3 http www.sarconiweb.it/news petrolio in basilicata [4 http sq-al.facebook.com/note.php?note_id=377417375697 una fotografia esplicativa piu di tante chiacchiere ecco dall alto la distanza che separa l ospedale di villa d agri dal pozzo petrolifero

[close]

p. 12

comunisti uniti il giornale 12 eventi ed iniziative ebbene sì il movimento comunisti uniti organizza la 1 festa dell unità dei comunisti a roma il 17/18/19 settembre 2010 l iniziativa sostenuta dal lavoro volontario dei/lle compagni/e di cu di roma e lazio è rivolta ai comunisti e agli anticapitalisti ovunque collocati di tutta l italia una tre giorni di dibattiti su partito lavoro e ambiente sul palco si avvicenderanno gruppi musicali che proporranno canzoni di lotta folklore romano cabaret teatro liscio saranno presenti stand di associazioni e movimenti presso il ristorante la lanterna rossa non mancherà la buona cucina casareccia e popolare i giovani di gcu gestiranno il bar noi vogliamo che sia un momento d incontro/confronto politico dove tanti/e compagni/e della diaspora del prc del pdci e delle altre organizzazioni comuniste discutano insieme di come raggiungere l obiettivo comune della ricostruzione del partito comunista inoltre scopo non secondario sarà di ottenere un sostanzioso autofinanziamento utile all organizzazione dell assemblea nazionale di novembre c.a per la costituzione nel movimento politico comunisti uniti per la costituente e allora non mancare vieni alla festa per dimostrare in maniera solidale e fattiva la tua vicinanza e/o internità al progetto di rilancio unitario di una forza comunista autonoma e alla costruzione di un fronte popolare di resistenza al capitalismo e all imperialismo gualtiero alunni per il gruppo di lavoro nazionale di cu 18 agosto 2010 iv festa di liberazione francavilla sul sinni potenza programma della giornata ore 16,00 ciccio pasticcio show ore 17:00 caccia al tesoro ore 17,30 street parade artisti di strada clown giocolieri mangiafuoco ore 18,30 tavola rotonda l acqua è di tutti ore 19,30 cineforum draquila l italia che trema ore 21,00 degustazione prodotti enogastronomici ore 22,30 kalamu in concerto ore 24,00 dj set organizza circolo prc michelangelo canonico francavilla sul sinni ii campeggio unitario giovani comunisti/e fgci alternativa rebelde 28 agosto 4 settembre camping verde azzurro di capitello sa costi ed info soggiorno in tenda cena completa 17 al giorno a persona soggiorno in bungalow cena completa 27 al giorno a persona 30 tutto il periodo per isee inferiore a 10.000 per info e adesioni alternativarebelde gmail.com indicando nome cognome indirizzo e-mail numero di telefono provincia e tipo di soggiorno il programma con dibattiti ed iniziative non è ancora pronto ma potrete trovarlo a breve su www.alternativerebe lde.it o sulla pagina fb del campeggio http www.facebook .com event php?eid=12627282 0749967&ref=mf ii edizione della scuola nazionale di formazione politica organizzata dai/lle gc di sinistra comunista 25-26-27-28-29 agosto poggibonsi siena programma ufficiale info e i costi a prezzo politico www.gcsinistracomunista.it scuola di politica forum delle donne prc/se 3 4 5 settembre residence resort capo d arena palinuro salerno info e costi http www.facebook.com/event.php?eid=114023701981247

[close]

p. 13

comunisti uniti il giornale 13 8 agosto 1929 il dirigibile tedesco lz 127 graf zeppelin inizia un volo che farà il giro del mondo terminerà il 29 agosto 8 agosto 1974 scandalo watergate il presidente degli stati uniti richard nixon annuncia le sue dimissioni per aver fatto spiare i rivali democratici dimissioni effettive dal 9 agosto dopolavoro giochi e curiosità nacque oggi emiliano zapata nasce ad anenecuilco stato di morelos messico l 8 agosto1879 penultimo dei dieci figli di una delle tante famiglie rese povere dal regime dittatoriale di porfirio diaz l esordio politico risale al 1909 quando eletto sindaco di anenecuilco zapata appoggia il candidato dell opposizione patricio leyva a governatore la sconfitta di leyva provoca ad anenecuilco dure rappresaglie e nuove perdite di terre e verso la metà del 1910 dopo vari tentativi di risolvere i problemi della ridistribuzione agraria per via legale zapata e i suoi cominciano ad occupare ed a distribuire la terra alla fine del 1910 zapata inizia la lotta armata una guerra lunga e difficile prima contro madero poi contro huertae infine contro venustiano carranza gli zapatisti sono inafferrabili applicano la tecnica della guerriglia colpiscono i distaccamenti militari per poi scomparire nel nulla verso la fine del 1913 grazie anche alle spettacolari vittorie di pancho villa al nord zapata costringe alla fuga huerta 15 luglio nell autunno 1914 si celebra ad aguascalientes una convenzione tra le differenti frazioni in lotta che però non riescono a trovare l accordo mentre i gruppi diretti da villa e zapata accettano i risultati della convenzione venustiano carranza si oppone e questo provoca la prosecuzione della guerra civile in dicembre le truppe contadine di villa e zapata entrano trionfanti a città del messico inalberando i vessilli dellavergine di guadalupe patrona dei popoli indigeni fu in questi giorni che zapata si rifiutò di sedersi sulla poltrona presidenziale non combatto per questo combatto per le terre perché le restituiscano zapata allora torna nello stato di morelos partecipando alla costruzione di un esperienza di democrazia diretta la comune di morelos che rappresenta anche l apice della rivoluzione zapatista infatti le strepitose vittorie su pancho villa di alvaro obregón comandante al seguito di carranza capovolgono nuovamente la situazione la rivoluzione contadina entra in una fase di declino progressivo da cui salvo per brevi momenti non si riprende più zapata viene attirato in un imboscata ed assassinato il 10 aprile 1919 presso la fattoria di chinameca per mano del traditore jesús guajardo mandante dell uccisione venustiano carranza sudoku scacchi muove il bianco nella posizione del diagramma il bianco mette in scena tre temi strategici deviazione inchiodatura deviazione 1 tf4 deviazione txf4 se db2 2 dd6 ed il bianco vince sfruttando il tema dell inchiodatura 2 dd6 infilata ra5 3 dc7 la donna nera sarà catturata dopo aver eseguito il mulinello rb4 se 3 ra6 4 ac8 4 dxf4 ra5 se 4 rc5 df8 e vince 5 dc7 rb4 6 de7 ra5 7 dxa3 ed il bianco non avrà problemi a vincere la partita.

[close]

p. 14

comunisti uniti il giornale 14 comunisti uniti la sera del 29 luglio le agenzie diffondono la notizia della cacciata di fini dal pdl il 30 luglio è lo stesso fini a spiegare dal sito della fondazione fare futuro con una nota scritta di suo pugno i motivi dell espulsione dal partito che lui stesso aveva contribuito a fondare espulso perché giudicato colpevole di stillicidio di distinguo e contrarietà nei confronti del governo critica demolitoria alle decisioni del partito attacco sistematico al ruolo e alla figura del premier un problema dunque non più risolvibile fatto di distanze culturali di diversa interpretazione dell impropriamente detto libero mercato di etica politica pura demagogia è stata la replica degli ultras del pdl ma cosa è successo veramente come mai le contraddizioni interne al pdl chiaramente evidenti sin dalla nascita del partito esplodono proprio oggi qual è la reale portata politica di questa rottura per capirlo è necessario partire dal dato di fatto che all attuale fase di crisi da sovrapproduzione del capitalismo globale l italia aggiunge gli effetti di una stagnazione economica che perdura dall inizio degli anni 90 una strutturale fragilità politica ed una patologica presenza di malcostume e malaffare d altronde il tanto decantato bipolarismo che doveva essere nelle intenzioni di tanti geni della politica la panacea di tutti i mali non si è rivelato altro che un moltiplicatore esponenziale dei partiti mentre l ondata giustizialista di tangentopoli non ha affatto risolto il problema della corruzione che dilaga ed ha radici assai più profonde oggi di ieri la nuova classe dirigente della borghesia quella dei frattini degli scajola dei fitto dei berlusconi subentrata in tutta fretta a quella della cosiddetta prima repubblica ha confermato una volta di più che gli interessi della classe dominante sono del tutto antitetici a quelli delle masse popolari per di più a braccetto di un primo-stato che adotta politiche sempre più reazionarie pasce un secondo-stato formalmente l anti-stato sempre più forte sia dal punto di vista economico che militare e editoriale dell 8 agosto 2010 passando per l api di rutelli e per alcune significative defezioni tra cui quella inaspettata di chiara moroni figlia dell esponente socialista suicidatosi a seguito dell arresto per i fatti di tangentopoli all inizio degli anni 90 di più queste astensioni sono numericamente maggiori della distanza tra i voti di maggioranza e d opposizione e per il pdl significano la perdita della maggioranza alla camera esattamente la condizione inversa in cui si trovò il governo prodi poco più di due anni fa fini da epurato è riuscito così a ribaltare la situazione andando a creare nei fatti un terzo polo gli antiberlusconiani da destra dentro la struttura formalmente mummificata del bipolarismo ed a ricostruire in pratica l originaria ossatura della dc dell immediato dopoguerra sostenuta dagli americani e dagli inglesi che volevano controllare le fabbriche e la produzione italiana cfr gli americani in italia feltrinelli 1976 a questo punto è pienamente ipotizzabile ma non certa una prossima caduta del governo berlusconi quali scenari si aprono gli scenari possibili sono diversi ma tutti egualmente inservibili nella prospettiva della tutela degli interessi della classe lavoratrice e largamente ipotizzabile infatti che come nel 94 alla caduta di berlusconi segua un governo tecnico camuffato sotto nuove più originali spoglie oppure che si rivada al voto in tempi rapidi in questo caso prepariamoci ad assistere ad un valzer di compravendita dei trasformisti della politica come nella migliore tradizione italiana alla fine del mercato delle vacche o il berlusconismo risulterà ancora vincente attraverso il classico colpo di coda in quel caso radicalizzerà la sua reazione chiudendo a destra i conti con fini oppure il berlusconismo tramonterà e si aprirà una nuova inedita stagione tanto per il cosiddetto centrosinistra che per il centrodestra di cui nessuno ancora può riuscire a definirne i contorni con una costante negativa però oggi il movimento operaio e la sua avanguardia politica vive una fase di riflusso la sinistra di continua alla pagina successiva politico lo stato delle mafie le organizzazioni criminali più forti al mondo e sempre più di frequente la volontà di potere di questo secondostato fiancheggiatore si confonde con quella di gruppi e sottogruppi politici trasversali del primo-stato eccolo quindi il berlusconismo cono d ombra della più generale questione morale miscela di interessi leciti meno leciti e non leciti di gruppi e sottogruppi della borghesia mascherati da politiche al servizio del paese l abilità di fini come esponente di una destra che almeno a chiacchiere dice di essere moderna e liberale é stata quella di fiutare l esigenza diffusa a livello di malcontento popolare di porre almeno un argine allo strapotere affaristico ed alle connivenze del berlusconismo e di farsi immediatamente paladino di facciata della legalità costituzionale e delle regole del vivere civile nel quadro predeterminato del liberalismo economico sia chiaro difesa mediatica chiacchierona quella di fini nulla di più le compagne ed i compagni ricorderanno senz altro che questi era la stessa persona che da vicepresidente del consiglio presenziava/presidiava incessantemente la questura di genova durante il g8 del 2001 che provocò l assassinio di carlo giuliani e la macelleria messicana alla diaz tenendosi costantemente informato sulle operazioni in corso eppure di questo scenario storicamente imbarazzante per fini i mezzi di comunicazione non sembrano averne serbato traccia e preferiscono soffermarsi unicamente sul duello rusticano tra lui ed il capo in questo contesto pesano molto le 75 astensioni finiane contate alla camera in occasione della votazione sulla mozione di sfiducia al sottosegretario caliendo [¹ coinvolto nell inchiesta sulla loggia massonica p3 a sorpresa con 299 voti contrari e 229 voti favorevoli la mozione sarà alla fine respinta settantacinque astensioni di peso perché fini è riuscito a compattare un fronte antiberlusconiano abbastanza omogeneo e potenzialmente coeso che va dall udc all mpa,

[close]

p. 15

comunisti uniti il giornale 15 classe è praticamente disintegrata atomizzata i partiti di sinistra all opposizione in parlamento di sinistra conservano solo i banchi mentre quelli all opposizione extraparlamentare sono semplicemente assenti dai conflitti troppo presi da operazioni di annessioni chirurgiche d infimo profilo i sindacati cgil e di base oggi come non mai si guardano in cagnesco e non riescono non vogliono trovare una piattaforma comune di lavoro vertenziale che parta dalle esigenze condivise di tutta la base delle produttrici e dei produttori in compenso i padroni che non hanno problemi di poltroncine da mantenere ad ogni costo hanno gettato la maschera mostrando il loro vero volto quello antiliberale e tentano di mantenere alti i saggi di profitto smantellando completamente il quadro dei diritti conquistati con la lotta del movimento operaio in oltre un secolo e mezzo di lotte e noi comuniste e comunisti divise/i in mille rivoli come ci poniamo rispetto a questa situazione a questa crisi politica economica sociale e culturale dobbiamo rispondere contrastando la mattanza sociale dei padroni attraverso la ripresa dell impegno internazionalista impedendo da un versante di classe la riallocazione dei mezzi produzione in nuove e più profittevoli aree del mondo a deperimento di tutte le altre la lotta al consumismo ed ai modelli di comportamento da esso indotti proponendo un nuovo modello sociale ed economico di sviluppo che ponga al centro l autogestione delle risorse da parte della classe dei produttori negli anni 70 c era uno slogan ora dimenticato piÙ salario meno orario da allora si è innescato quel meccanismo perverso per cui bisogna consumare sempre di più ed un popolo virtuoso è quello che spende e consuma in modo assolutamente individuale tutto e in continuazione dobbiamo invertire la rotta altrimenti non averemo nessun futuro tutti devono lavorare tutti devono avere il diritto di riposarsi e tutti devono avere il diritto di vivere dignitosamente questo sarà possibile solo se saremo capaci di unirci nuovamente eliminando tutti quei finti bisogni che i padroni ci hanno indotto a considerare necessari riprendendoci la nostra vita ma per farlo sia chiaro non possiamo contare né sui socialisti che sostengono di fatto questa società ne sul centrosinistra liberaldemocratico pd o sel e invece indispensabile costruire un solo partito comunista casa comune di tutte le compagne e compagni ovunque collocati fatto da militanti-quadri e che abbia un radicamento di massa solo disponendo di un corpo unico e compatto polarizzato verso l obiettivo dove cioé in qualunque momento e condizione ciascuno di noi sa cosa deve fare ed in che modo saremo in grado di affrontare la lotta di classe con concrete possibilità di vittoria finale la redazione [1 caliendo respinta la sfiducia alla camera adnkronos.com http www.adnkronos.com/ign/news/politica/caliendorespinta-la-sfiducia-alla-camera_777549856.html

[close]

Comments

no comments yet